DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN CAMPANIA ANNO 2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN CAMPANIA ANNO 2010"

Transcript

1 RAPPORTO RAEE Campania:Layout 1 24/06/ Pagina 1 CENT RO D I COORD I NAM ENTO Assessorato alle Politiche Ambientali DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN CAMPANIA ANNO 2010

2 2 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN CAMPANIA - ANNO 2010 La pubblicazione di questo dossier è, per noi, la presentazione della Campania virtuosa, quella in cui le buone pratiche, anche in materia di rifiuti, sono già realtà. Dati alla mano, la nostra Regione è la prima del Sud Italia per raccolta di Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, con un notevole trend di crescita rispetto al passato. Nel 2010, sono stati raccolti, complessivamente, ben 15 milioni 155mila chilogrammi di rifiuti elettrici ed elettronici: un risultato che evidenzia che c'è, in Campania, una gran voglia, anche da parte dei cittadini, di partecipare attivamente alle pratiche della raccolta differenziata. Nonostante le evidenti criticità, la raccolta di questa tipologia di rifiuto, è cresciuta del 35% rispetto al 2009: un risultato che si deve alla presenza, sul territorio regionale, di 205 Centri di Raccolta capaci di servire l'80,4% della popolazione. Ciò significa che il sistema delle isole ecologiche si conferma come quello più efficace e che il modello di raccolta dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche può essere applicato anche alle altre tipologie di materiali di scarto. Purtroppo la fragilità del sistema strutturale rende precario l'equilibrio del ciclo dei rifiuti, causa ricorrenti situazioni di criticità e trasferisce all'immaginario collettivo l'idea sbagliata di una Campania i cui cittadini non rispettano le regole e nella quale anche la raccolta differenziata è una sfida impossibile. Niente di piùfalso! Questo report sui RAEE è la dimostrazione che, quando c'è un sistema adeguato, un sistema che funziona, i risultati arrivano. Proseguiremo in questa direzione, con l'obiettivo di fare sempre più e sempre meglio, incrementando i quantitativi raccolti e puntando, come previsto dal Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Urbani e da quello per i Rifiuti Speciali, entrambi in corso di approvazione, ad una corretta gestione dell'intero ciclo. Che parte dallo sviluppo della raccolta differenziata e va completato necessariamente con una adeguata dotazione impiantistica. Giovanni Romano Assessore all'ecologia, alla Tutela dell Ambiente e Disinquinamento, al Ciclo Integrato delle Acque e allaprogrammazione e Gestione dei Rifiuti Regione Campania

3 RAPPORTO RAEE Campania:Layout 1 24/06/ Pagina 3 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN CAMPANIA - ANNO Il 2010 è stato un anno dai grandi risultati per la Gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia. L impegno e il lavoro congiunto di tutti i protagonisti del Sistema hanno infatti portato al raggiungimento dell obiettivo fissato dall Unione Europea di 4 kg annui per abitante per un quantitativo di RAEE raccolti nel nostro paese che passa dai 193 milioni di kg del 2009 a oltre 245 milioni nel Nell analizzare i dati sulla raccolta dei RAEE in Italia, ciò che risulta maggiormente interessante sono però gli aspetti locali che raccontano l operato all interno delle singole Regioni. Approfondire gli aspetti della raccolta dei RAEE nei diversi territori consente, infatti, di individuare nel dettaglio punti di forza e criticità di un sistema nazionale che in soli tre anni ha raddoppiato i propri risultati di ritiro e riciclo di questa particolare categoria di rifiuti. Partendo da questa riflessione, il Centro di Coordinamento ha voluto realizzare, in collaborazione con l Assessorato alle Politiche Ambientali della Regione, questo Dossier che analizza i risultati ottenuti dalla Campania, concentrando l attenzione sui dati relativi alle singole Province. La Campania nel 2010 ha raggiunto un totale di RAEE raccolti pari a kg, arrivando a detenere il dato assoluto più alto del Sud Italia per quantitativi raccolti. La raccolta pro-capite resta però ancora sotto la media nazionale con 2,6 kg per abitante. Un altro aspetto importante per la Campania è il numero dei Centri di Raccolta, che passano dai 168 del 2009 ai 205 del 2010, servendo una popolazione pari all 84%. Dato il suo ruolo, nel futuro, il Centro di Coordinamento RAEE continuerà ad impegnarsi per mantenere la proficua collaborazione tra cittadini, Enti locali, Sistemi Collettivi e tutti gli altri soggetti coinvolti nel ritiro dei RAEE, con l obiettivo di far evolvere un Sistema di Gestione che significa soprattutto tutela dell ambiente e sicurezza per tutti i cittadini. Danilo Bonato Presidente Centro di Coordinamento RAEE

4 RAPPORTO RAEE Campania:Layout 1 24/06/ Pagina 4 4 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN CAMPANIA - ANNO 2010 La gestione dei RAEE in Campania Nella tabella sottostante sono riportati i dati relativi al sistema di gestione dei RAEE nella Regione Campania. Le pagine successive sono invece dedicate agli approfondimenti riguardanti le singole Province. Italia Regione Campania Totale Kg RAEE Raccolti Media pro-capite (kg/ab) 4,07 2,6 Popolazione Totale Popolazione Servita Percentuale Popolazione Servita 89,62% 84% Comuni Serviti Centri di Raccolta Nel 2010 la Regione Campania ha ottenuto un risultato importante in termini di raccolta di Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche: con kg complessivi, guadagna il dato assoluto più alto tra le Regioni del Sud. Rispetto al 2009 ha infatti registrato un incremento della raccolta del 35%. Risulta però ancora bassa la media pro-capite che, con 2,6 kg per abitante, si attesta al di sotto della media nazionale. La Campania ha poi migliorato la sua rete di Centri di Raccolta che passano dai 168 a 205 e che oggi servono una popolazione pari all 84% del totale. FIG. 1 QUANTITATIVI DI RAEE RACCOLTI NELLE PROVINCE CAMPANE (kg) g p ( g) Tra le Province i migliori risultati di raccolta si devono a Napoli che con kg ottiene il primato nella Regione. Quasi a pari merito le Province di Salerno e Caserta che superano entrambe i kg. È invece minore la raccolta nelle Province di Avellino e Benevento Avellino Benevento Caserta Napoli Salerno FIG. 2 RIPARTIZIONE DEI RAEE TRA I 5 RAGGRUPPAMENTI - Campania 2010 (kg) Nella Regione Campania la suddivisione per tipologie di RAEE rivela una forte prodominanza del Raggruppamento R3 (tv e monitor) e dell R1 (freddo e clima), che con circa 5 milioni e mezzo di kg ciascuno rappresentano i quantitativi maggiormente raccolti. Più basse le quantità di R2 (grandi bianchi) con kg e di R4 (piccoli elettrodomestici) con kg. Si ferma a kg l R5 (sorgenti luminose).

5 RAPPORTO RAEE Campania:Layout 1 24/06/ Pagina 5 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN CAMPANIA - ANNO AVELLINO RAEE Raccolti (Kg) Raccolta pro-capite (kg/ab) 1,66 Nr Ritiri 487 Nr. Centri di Raccolta 31 Popolazione residente Popolazione servita Percentuale Popolazione servita 56,48% La Provincia di Avellino nel 2010 ha raccolto un quantitativo di RAEE pari a kg ma la raccolta pro-capite per abitante si attesta ancora al di sotto della media regionale e nazionale con il valore di 1,66 kg per abitante. Migliorabile anche la percentuale di popolazione servita che rimane sotto il 57%. Per migliorare questo dato è necessario rendere più efficiente la rete dei Centri di Raccolta che attualmente conta 31 strutture. FIG. 3 RIPARTIZIONE DEI RAEE TRA I 5 RAGGRUPPAMENTI - Provincia di Avellino 2010 (kg) Nella raccolta dei singoli Raggruppamenti, quasi la metà dei rifiuti appartengono al Raggruppamento R3 (tv e monitor) con kg. Poco distante l R1 (freddo e clima) che totalizza kg. Migliorabile la raccolta dei piccoli elettrodomestici (R4) con kg e dei grandi elettrodomestici (R2) con kg. Ancora molto bassa la percentuale di raccolta dell R5 ferma allo 0,22%, pari a kg di sorgenti luminose. BENEVENTO RAEE Raccolti (Kg) Raccolta pro-capite (kg/ab) 1,61 Nr Ritiri 362 Nr. Centri di Raccolta 25 Popolazione residente Popolazione servita Percentuale Popolazione servita 35,36% La Provincia di Benevento totalizza kg di RAEE e si posiziona all ultimo posto per quantitativi raccolti nella Regione. La popolazione servita risulta infatti solo il 35% nonostante i Centri di Raccolta salgano di numero passando dalle 21 strutture attive nel 2009 alle 25 del Anche il dato della raccolta pro-capite con 1,61 kg per abitante, risulta il più basso tra le Province campane. FIG. 4 RIPARTIZIONE DEI RAEE TRA I 5 RAGGRUPPAMENTI - Provincia di Benevento 2010 (kg) Anche per la Provincia di Benevento il Raggruppamento con i totali più alti risulta l R3 (tv e monitor) che con kg raggiunge una percentuale di quasi il 37% del totale. L R3 e l R1 (freddo e clima), coprono da soli i 2/3 di tutta la raccolta provinciale. Quasi a pari merito si posizionano i piccoli elettrodomestici (R4) con kg e i grandi bianchi (R2) con kg.solo lo 0,14% per le sorgenti luminose (R5)

6 RAPPORTO RAEE Campania:Layout 1 24/06/ Pagina 6 6 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN CAMPANIA - ANNO 2010 CASERTA RAEE Raccolti (Kg) Raccolta pro-capite (kg/ab) 3,56 Nr Ritiri Nr. Centri di Raccolta 24 Popolazione residente Popolazione servita Percentuale Popolazione servita 97,87% Buoni risultati per la Provincia di Caserta che raccoglie kg di RAEE e con 3,56 kg per abitante registra la raccolta pro-capite più alta della Regione, riuscendo quasi a raggiungere la soglia nazionale dei 4 kg. Anche il numero dei Centri di Raccolta è aumentato, passando dai 17 del 2009 ai 24 del Questo ha permesso di portare la percentuale di popolazione servita fino al 98% del totale dei residenti, anche in questo caso il dato più alto della Regione. FIG. 5 RIPARTIZIONE DEI RAEE TRA I 5 RAGGRUPPAMENTI - Provincia di Caserta 2010 (kg) Quasi un pari merito tra i Raggruppamenti più raccolti, l R3 (tv e monitor) e l R1 (freddo e clima) che si attestano entrambi intorno al 41% con quantitativi superiori a kg. Molto più bassi invece i totali raggiunti da R2 (grandi bianchi) e da R4 (piccoli elettrodomestici) che rispettivamente con kg e kg non superano la percentuale del 10% di RAEE raccolti. Anche per l R5 (sorgenti luminose) scarsi quantitativi raccolti con kg. NAPOLI RAEE Raccolti (Kg) Raccolta pro-capite (kg/ab) 2,42 Nr Ritiri Nr. Centri di Raccolta 53 Popolazione residente Popolazione servita Percentuale Popolazione servita 80,47% Con kg di RAEE, Napoli si classifica al primo posto per raccolta complessiva tra le Province campane. Rimane però di quasi due kg sotto la media nazionale la raccolta pro-capite, che nel 2010 si attesta a 2,42 kg per abitante. Con ritiri, i Sistemi Collettivi hanno servito una popolazione pari all 80%. I Centri di Raccolta sono infatti aumentati rispetto al 2009, passando da 43 a 53 nel FIG. 6 RIPARTIZIONE DEI RAEE TRA I 5 RAGGRUPPAMENTI - Provincia di Napoli 2010 (kg) A differenza di tutte le altre Province, a Napoli il Raggruppamento più raccolto risulta l R1 (freddo e clima) con kg ma è minimo il distacco con l R3 (tv e monitor) che si attesta a kg kg invece per l R2 (grandi bianchi) e con largo margine di differenza l R4 (piccoli elettrodomestici) con kg. Si ferma allo 0,17% la raccolta dell R5 con kg

7 RAPPORTO RAEE Campania:Layout 1 24/06/ Pagina 7 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN CAMPANIA - ANNO SALERNO RAEE Raccolti (Kg) Raccolta pro-capite (kg/ab) 2,94 Nr Ritiri Nr. Centri di Raccolta 72 Popolazione residente Popolazione servita Percentuale Popolazione servita 86,91% Quella di Salerno è la Provincia con il più alto numero di Centri di Raccolta della Regione. Le strutture sono infatti passate dalle 57 del 2009 alle 72 del Buona anche la percentuale di popolazione servita, che raggiunge una quota di quasi l 87%. Nella classifica regionale la Provincia di Salerno si piazza al secondo posto sia per la Raccolta complessiva, pari a kg, che per la media procapite che risulta essere di 2,94 kg circa mezzo kg superiore a quella regionale. FIG. 7 RIPARTIZIONE DEI RAEE TRA I 5 RAGGRUPPAMENTI - Provincia di Salerno 2010 (kg) Il Raggruppamento più raccolto in Provincia di Salerno è sempre l R3 con kg di tv e monitor ritirati. In linea con le tendenze riscontrate per le altre Province, si attesta al secondo posto la raccolta dell R1 (freddo e clima) con kg. La suddivisione per Raggruppamenti vede poi kg di R4 (piccoli elettrodomestici) e kg di R2 (grandi bianchi). L R5 (sorgenti luminose) rimane anche per la Provincia di Salerno il Raggruppamento meno raccolto con kg. Coordinamento editoriale: Extra - Comunicazione e Marketing Illustrazioni: Carlo Baffi Progetto Grafico: MetaStudio di Mauro Fanti

8 RAPPORTO RAEE Campania:Layout 1 24/06/ Pagina 8 CENT RO D I COORD I NAM ENTO Assessorato alle Politiche Ambientali

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN UMBRIA 2010

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN UMBRIA 2010 CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN UMBRIA 2010 2 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN VENETO ANNO 2010

DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN VENETO ANNO 2010 CENT RO D I COORD I NAM ENTO REGIONE DEL VENETO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN VENETO ANNO 2010 2 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2010

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2010 CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2010 2 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN LOMBARDIA ANNO 2010

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN LOMBARDIA ANNO 2010 CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN LOMBARDIA ANNO 2010 2 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

INDICE RASSEGNA STAMPA Presentazione Dossier Regione Trentino 22 giugno 2011

INDICE RASSEGNA STAMPA Presentazione Dossier Regione Trentino 22 giugno 2011 INDICE RASSEGNA STAMPA Presentazione Dossier Regione Trentino 22 giugno 2011 QUOTIDIANI Corriere del Trentino Rifiuti elettronici, Trentino virtuoso L Adige Per i rifiuti elettronici raccolta in crescita

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN LIGURIA ANNO 2011

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN LIGURIA ANNO 2011 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN LIGURIA ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

AdnKronos Lombardia è la più virtuosa nella raccolta Raee, 4,79 chili per abitante

AdnKronos Lombardia è la più virtuosa nella raccolta Raee, 4,79 chili per abitante INDICE RASSEGNA STAMPA Presentazione Dossier Regione Lombardia 20 giugno 2011 QUOTIDIANI L eco di Bergamo Lavatrici e tv da riciclare Bergamo vince la sfida verde Giornale di Bergamo Rifiuti elettronici,

Dettagli

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN EMILIA-ROMAGNA ANNO 2010

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN EMILIA-ROMAGNA ANNO 2010 CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN EMILIA-ROMAGNA ANNO 2010 2 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE

Dettagli

INDICE RASSEGNA STAMPA Presentazione Dossier Regione Veneto 10 giugno 2011

INDICE RASSEGNA STAMPA Presentazione Dossier Regione Veneto 10 giugno 2011 INDICE RASSEGNA STAMPA Presentazione Dossier Regione Veneto 10 giugno 2011 QUOTIDIANI Cronaca di Verona Il Veneto è al terzo posto in Italia per raccolta Raee Il Gazzettino Venezia. Il Veneto al terzo

Dettagli

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN TOSCANA ANNO 2009

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN TOSCANA ANNO 2009 CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN TOSCANA ANNO 2009 2 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

Martedì 05 maggio >Facebook

Martedì 05 maggio >Facebook Accedi >>Ô seleziona un comune Registrati A Menu HOME / CRONACA / FIUMI DI SPAZZATURA ELETTRONICA CRESCE LA RACCOLTA, LOMBARDIA LEADER Cronaca Economia Altri Articoli Cultura e Spettacoli Martedì 05 maggio

Dettagli

LIGURIA 2015 CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

LIGURIA 2015 CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE LIGURIA 2015 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE CENT RO D I COORD I NAM ENTO CENT RO D I COORD I NAM ENTO Rapporto Regione Liguria

Dettagli

Il contributo del compostaggio di comunità al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e di riciclo. Andrea M.

Il contributo del compostaggio di comunità al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e di riciclo. Andrea M. Il contributo del compostaggio di comunità al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e di riciclo Andrea M. Lanz Produzione RU (1.000*t) 29.863,7 30.033,8 31.150,0 31.663,0 32.510,5 32.541,8

Dettagli

La quantità di rifiuti urbani prodotti in Italia ha registrato un incremento continuo di circa il 2,7% annuo negli ultimi tre anni.

La quantità di rifiuti urbani prodotti in Italia ha registrato un incremento continuo di circa il 2,7% annuo negli ultimi tre anni. Produzione e trattamento rifiuti in Italia nel 2006 (Dati e tabelle dal Rapporto Rifiuti 2007 dell APAT) La quantità di rifiuti urbani prodotti in Italia ha registrato un incremento continuo di circa il

Dettagli

SICILIA 2014 CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

SICILIA 2014 CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE SICILIA DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE CENT RO D I COORD I NAM ENTO CENT RO D I COORD I NAM ENTO CENT RO D I COORD I NAM

Dettagli

7 OTTOBRE 2009 BOLOGNA

7 OTTOBRE 2009 BOLOGNA CONVEGNO NAZIONALE RAEE 7 OTTOBRE 2009 BOLOGNA Centro di Coordinamento RAEE CdC RAEE Fabrizio Longoni Sistemi Collettivi: raggruppano Produttori Produttore x Produttore y Produttore Z Produttore A Produttore

Dettagli

10 IL MERCATO DEL LAVORO

10 IL MERCATO DEL LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO 10.1 Il quadro nazionale L andamento del mercato del lavoro nel contesto nazionale può essere un utile strumento per meglio inquadrare le dinamiche occupazionali conosciute a livello

Dettagli

La raccolta differenziata in Italia

La raccolta differenziata in Italia Pagina 1 di 5 Martedì 10 Gennaio 2017 La raccolta differenziata in Italia Dal rapporto Anci - Conai emerge che in Italia aumenta la raccolta differenziata Nel nostro Paese, come evidenziato nel recente

Dettagli

La gestione dei rifiuti in Lombardia

La gestione dei rifiuti in Lombardia La gestione dei rifiuti in Lombardia La produzione o di rifiuti urbani Il presente rapporto analizza i dati 2006 e 2007, anni in cui è entrato in vigore il D. Lgs. n. 152/06, che definisce nuovi modi di

Dettagli

Rifiuti RIFIUTI. Unità di misura. Fonte dei dati. Anno di riferimento. Copertura geografica. Indicatore/Indice DPSIR. Osservatorio Provinciale Rifiuti

Rifiuti RIFIUTI. Unità di misura. Fonte dei dati. Anno di riferimento. Copertura geografica. Indicatore/Indice DPSIR. Osservatorio Provinciale Rifiuti Rifiuti RIFIUTI Le problematiche connesse alla produzione di rifiuti hanno assunto negli ultimi decenni proporzioni sempre maggiori in relazione al miglioramento delle condizioni economiche, al veloce

Dettagli

R. LARAIA, V. FRITTELLONI, A.M. LANZ, A. F. SANTINI APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia Ambientale

R. LARAIA, V. FRITTELLONI, A.M. LANZ, A. F. SANTINI APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia Ambientale I RIFIUTI URBANI R. LARAIA, V. FRITTELLONI, A.M. LANZ, A. F. SANTINI APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia Ambientale La produzione dei rifiuti urbani La produzione dei rifiuti urbani rappresenta

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2011

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2011 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

Comuni ricicloni 2016: i dati della Toscana

Comuni ricicloni 2016: i dati della Toscana n. 148 - Venerdì 05 Agosto 2016 Comuni ricicloni 2016: i dati della Toscana Con l economia circolare ed il criterio della prevenzione nella produzione di rifiuti, raggiungere il 65% di raccolta differenziata

Dettagli

I DATI STRUTTURALI DEL SISTEMA IMPRENDITORIALE ITALIANO

I DATI STRUTTURALI DEL SISTEMA IMPRENDITORIALE ITALIANO I DATI STRUTTURALI DEL SISTEMA IMPRENDITORIALE ITALIANO IMPRESE E OCCUPATI: UNA PANORAMICA SUL DECENNIO 2001-2011 Il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi ha registrato 4.425.950 imprese attive

Dettagli

10. Ambiente e territorio

10. Ambiente e territorio 10. Ambiente e territorio Rifiuti urbani Anche se negli ultimi anni la situazione sembra essersi un po stabilizzata, la provincia di Prato conosce un continuo aumento nella produzione di rifiuti. Il trend

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN MOLISE ANNO 2012

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN MOLISE ANNO 2012 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN MOLISE ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

DATI ISTAT SULLA FORZA LAVORO

DATI ISTAT SULLA FORZA LAVORO DATI ISTAT SULLA FORZA LAVORO Provincia di Piacenza: Forze di lavoro e tassi di disoccupazione, occupazione e attività, medie annue 2000/2002 2000 2001 2002 FORZE DI LAVORO OCCUPATI 107 110 111 maschi

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Kalat Ambiente S.p.A., società a capitale interamente pubblico, costituita nel dicembre del 2002, è l Autorità d Ambito che, ai sensi dell art. 201, comma 2, D.Lgs. 152/2006,

Dettagli

Informazioni Statistiche N 1/2014

Informazioni Statistiche N 1/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica 15 Censimento generale della popolazione Primi risultati definitivi per Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 1/2014 FEBBRAIO 2014 Sindaco: Segretario Generale:

Dettagli

Movimento turistico complessivo Liguria - arrivi

Movimento turistico complessivo Liguria - arrivi TURISMO 216: SUPERATA QUOTA 15 MILIONI DI PRESENZE Oltre il la crescita delle presenze, bene sia gli italiani che gli stranieri. Superata la quota dei 15 milioni di presenze: il turismo ligure ha registrato

Dettagli

Censimento delle abitazioni

Censimento delle abitazioni 23 dicembre 2013 Censimento delle abitazioni L Istat diffonde oggi un primo insieme di dati sulle abitazioni e sugli altri tipi di alloggio (baracche, roulotte, cantine, eccetera) occupati da persone.

Dettagli

CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN LOMBARDIA ANNO 2011

CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN LOMBARDIA ANNO 2011 CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN LOMBARDIA ANNO CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

Campania. Dati regionali. Panorama economico

Campania. Dati regionali. Panorama economico Campania Nel l attività economica in Campania si è contratta in maniera ancora più marcata di quanto era accaduto l anno precedente, non beneficiando, pertanto, di quel miglioramento che, invece, si è

Dettagli

Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri

Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri Documento 1 Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri Napoli e la Campania guidano la graduatoria per incremento di imprese con il titolare straniero 1.

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI come rendere più efficiente la gestione dei rifiuti Bergamo, 10 maggio 00 Modello organizzativo provinciale e proposte per le aree turistiche Relatore: dott.ssa

Dettagli

INFRASTRUTTURE E TRASPORTI

INFRASTRUTTURE E TRASPORTI INFRASTRUTTURE E TRASPORTI Rete autostrade per 1.000 km2 di superficie territoriale, per regione Anni 2001-2006 (in km) REGIONI 2001 2002 2003 2004 2005 2006 Liguria 69,3 69,2 69,2 69,2 69,2 69,2 Valle

Dettagli

Il settore dell igiene urbana in Italia: inquadramento e focus sul costo del lavoro. Rivoltella del Garda, 9-10 Luglio 2015

Il settore dell igiene urbana in Italia: inquadramento e focus sul costo del lavoro. Rivoltella del Garda, 9-10 Luglio 2015 Il settore dell igiene urbana in Italia: inquadramento e focus sul costo del lavoro Rivoltella del Garda, 9-10 Luglio 2015 La Fondazione Utilitatis UTILITATIS pro acqua energia ambiente nasce nel 1995

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 0 AL 2012 L Istat ha recentemente pubblicato i dati relativi alla rilevazione delle separazioni e dei divorzi condotta nel 2012 presso le cancellerie

Dettagli

I borghi più belli d Italia

I borghi più belli d Italia I borghi più belli d Italia Castelsardo, 16 giugno 2017 Fabrizio Arosio Istat Direzione centrale statistiche ambientali e territoriali I numeri dei borghi 268 Comuni 13.451 km² 4% dei Comuni non superiori

Dettagli

Condizioni e tendenze del sistema produttivo siciliano

Condizioni e tendenze del sistema produttivo siciliano Condizioni e tendenze del sistema produttivo siciliano 1. Le imprese attive Alla fine del 2011, in Sicilia erano attive poco meno di 381.000 imprese (le registrate erano oltre 463.000), in contrazione

Dettagli

sulla raccolta differenziata di carta e cartone

sulla raccolta differenziata di carta e cartone 21 Rapporto sulla raccolta differenziata di carta e cartone CARLO MONTALBETTI Direttore Generale Comieco Roma, 14 luglio 2016 0 0 www.comieco.orgconsorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi

Dettagli

I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre

I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre Anno 29 Convegno Produrre meno rifiuti: esperienze a confronto 25 novembre 21 - Treviso PRODUZIONE RIFIUTI URBANI ITALIA VENETO VENETO Indice Unità di misura 28 28 29

Dettagli

LA CONSISTENZA DELLE IMPRESE FEMMINILI Incidenza % delle imprese femminili sul totale ,3. Nord Ovest Nord Est Centro Sud e isole Totale

LA CONSISTENZA DELLE IMPRESE FEMMINILI Incidenza % delle imprese femminili sul totale ,3. Nord Ovest Nord Est Centro Sud e isole Totale Aumenta l incidenza delle imprenditrici donne sul totale che passa dal 29,9% al % in 5 anni. Fanno impresa nel terziario 7 imprenditrici su 10 e resistono meglio degli uomini alla contrazione della base

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2012

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2012 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

Allegato 1 CONTESTO DI RIFERIMENTO CARATTERISTICHE GENERALI DEL TERRITORIO E DELLA RETE DEI TRASPORTI IN REGIONE CAMPANIA

Allegato 1 CONTESTO DI RIFERIMENTO CARATTERISTICHE GENERALI DEL TERRITORIO E DELLA RETE DEI TRASPORTI IN REGIONE CAMPANIA CONTESTO DI RIFERIMENTO CARATTERISTICHE GENERALI DEL TERRITORIO E DELLA RETE DEI TRASPORTI IN REGIONE CAMPANIA Caratteristiche territoriali e dati macroeconomici La regione Campania ha una popolazione

Dettagli

1 Elaborazione a cura di CAIRE

1 Elaborazione a cura di CAIRE 1 Elaborazione a cura di Previsione 2020 SCENARIO A Lo scenario A è quello più ottimistico : i saldi migratori si mantengono costanti sui livelli degli ultimi 5 anni, vale a dire uno dei periodi con le

Dettagli

La qualità della raccolta differenziata di carta e cartone

La qualità della raccolta differenziata di carta e cartone La qualità della raccolta differenziata di carta e cartone Carlo Montalbetti Rimini 23 ottobre 2003 Raccolta differenziata di carta e cartone in Italia nel biennio 2001 2002 (ton) 2/14 Regione 2001 2002

Dettagli

INDICE RASSEGNA STAMPA Presentazione Dossier Regione Val D Aosta 27 giugno 2011

INDICE RASSEGNA STAMPA Presentazione Dossier Regione Val D Aosta 27 giugno 2011 INDICE RASSEGNA STAMPA Presentazione Dossier Regione Val D Aosta 27 giugno 2011 QUOTIDIANI La Stampa Ambiente raggiunti i 4,47 kg per abitante. Primato nella raccolta dei rifiuti elettrici WEB Ansa Rifiuti:

Dettagli

Le forze di Lavoro nelle MARCHE Medie 2012

Le forze di Lavoro nelle MARCHE Medie 2012 Le forze di Lavoro nelle MARCHE Medie 2012 Dati ISTAT elaborati a cura della CGIL Marche e dell 4 marzo 2013 1 INDICE 1_Le Forze di Lavoro nelle Marche 2_Le Forze di Lavoro in provincia di Ancona 3_Le

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE IN ITALIA E I NUOVI IMPEGNI EUROPEI PER LA CIRCULAR ECONOMY

LA GESTIONE DEI RAEE IN ITALIA E I NUOVI IMPEGNI EUROPEI PER LA CIRCULAR ECONOMY LA GESTIONE DEI RAEE IN ITALIA E I NUOVI IMPEGNI EUROPEI PER LA CIRCULAR ECONOMY Roma, 22 giugno 2017 Edo Ronchi, Presidente Fondazione per lo sviluppo sostenibile LA GESTIONE DEI RAEE IN ITALIA E LA RESPONSABILITÀ

Dettagli

Bagno di Romagna, Cesena, Mercato Saraceno, Montiano, Sarsina, Verghereto Cesena - Ufficio Statistica. Andamento demografico primo semestre 2017

Bagno di Romagna, Cesena, Mercato Saraceno, Montiano, Sarsina, Verghereto Cesena - Ufficio Statistica. Andamento demografico primo semestre 2017 Bagno di Romagna, Cesena, Mercato Saraceno, Montiano, Sarsina, Verghereto Cesena - Ufficio Statistica In Italia Andamento demografico primo semestre 2017 Giugno 2017: Istat pubblica i dati definititi di

Dettagli

IL CICLO AMBIENTE Materiali di approfondimento _ CAPITOLO 4

IL CICLO AMBIENTE Materiali di approfondimento _ CAPITOLO 4 IL CICLO AMBIENTE Materiali di approfondimento _ CAPITOLO 4 Indice Capitolo 4 Quanti rifiuti produciamo 4.1 - La produzione di rifiuti in Italia 3 4.2 - La produzione di rifiuti in Emilia-Romagna 6 Riferimenti

Dettagli

L industria europea del parquet nel 2015: dati FEP

L industria europea del parquet nel 2015: dati FEP L industria europea del parquet nel 2015: dati FEP TAB. 1 - Produzione e consumo di parquet in Europa (1990-2015) Nell articolo: Dati FEP - Federazione Europea Parquet Secondo i dati rilasciati dalla FEP

Dettagli

N dei comuni 188 N delle schede da compilare 188 N delle schede compilate 188. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,37.

N dei comuni 188 N delle schede da compilare 188 N delle schede compilate 188. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,37. Provincia di Milano Osservatorio provinciale sui Rifiuti MILANO - C.SO DI PORTA VITTORIA, 27 Tel: 02.7740.3826 Fax: 02.7740.3570 Web: www.provincia.milano.it Mail: BASSA osservatorio_rifiuti@provincia.milano.it

Dettagli

IL TURISMO IN CIFRE NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA GENNAIO

IL TURISMO IN CIFRE NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA GENNAIO G ENNAIO 2010 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma Proseguono anche nel mese di Gennaio nella provincia di Roma i segnali di ripresa della domanda turistica, che ha registrato

Dettagli

N dei comuni N delle schede da compilare N delle schede compilate PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,38.

N dei comuni N delle schede da compilare N delle schede compilate PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,38. REGIONE LOMBARDIA Osservatorio Regionale sui Rifiuti MILANO - VIA RESTELLI, 3/1 Tel: 02.69.666.333 Fax: 02.69.666.249 Web: www.arpalombardia.it Mail: BASSA m.lombardi@arpalombardia.it Indice di presenza

Dettagli

QUADERNO RAEE 3. Settembre 2010 TEMPO MASSIMO DI INTERVENTO

QUADERNO RAEE 3. Settembre 2010 TEMPO MASSIMO DI INTERVENTO QUADERNO RAEE 3 TEMPO MASSIMO DI INTERVENTO Ai sensi dell Accordo di Programma tra ANCI e CdC RAEE del 18 luglio 2008 per la definizione delle condizioni generali di raccolta e gestione dei rifiuti da

Dettagli

4 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE

4 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 4 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 4.1 Il commercio con l estero Nel periodo gennaio dicembre il valore delle esportazioni della provincia di Napoli ha registrato un aumento del 6,7% rispetto allo stesso periodo

Dettagli

N dei comuni 141 N delle schede da compilare 126 N delle schede compilate 126. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,34.

N dei comuni 141 N delle schede da compilare 126 N delle schede compilate 126. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,34. Provincia di Osservatorio provinciale sui Rifiuti VARESE - VIA PASUBIO, 6 Tel: 0332.252.829 Fax: 0332.252.262 Web: www.provincia.varese.it Mail: osservarifiuti@provincia.va.it Indice di presenza turistica

Dettagli

N dei comuni 162 N delle schede da compilare 157 N delle schede compilate 157. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,31.

N dei comuni 162 N delle schede da compilare 157 N delle schede compilate 157. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,31. Provincia di Como Osservatorio provinciale sui Rifiuti COMO - VIA BORGO VICO, 148 Tel: 031.30.436 Fax: 031.30.383 Web: www.provincia.como.it Mail: inforifiuti@provincia.como.it Indice di presenza turistica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Studio in CONSULENZA E MANAGEMENT AZIENDALE Classe: LM-77 Scienze economico-aziendali Magistrale Quadro C1 - Dati di ingresso, di percorso e di uscita La seguente

Dettagli

L UNIONE TERRE DI CASTELLI E IL COMUNE DI MONTESE LA REALTA TERRITORIALE DEI COMUNI Analisi socio economica

L UNIONE TERRE DI CASTELLI E IL COMUNE DI MONTESE LA REALTA TERRITORIALE DEI COMUNI Analisi socio economica www.consorziomipa.it L UNIONE TERRE DI CASTELLI E IL COMUNE DI MONTESE LA REALTA TERRITORIALE DEI COMUNI Analisi socio economica Dicembre 2015, Integrazione del Comune di Castel d Aiano Giugno 2016 EVOLUZIONE

Dettagli

Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna

Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna Sabrina Freda Assessore Ambiente, Riqualificazione urbana 1 Il Sistema Emilia-Romagna: demografia regionale 2 A partire dalla metà degli anni novanta

Dettagli

EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA

EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA Nei primi 9 mesi del 2016 in Italia si è registrata una crescita tendenziale dell export pari allo 0,5%, sintesi del contributo positivo dell Italia

Dettagli

Gli stranieri al 15 Censimento della popolazione

Gli stranieri al 15 Censimento della popolazione 23 dicembre 2013 Gli stranieri al 15 Censimento della popolazione L Istat diffonde oggi nuovi dati sulle caratteristiche della popolazione straniera censita in Italia. Tutte le informazioni, disaggregate

Dettagli

acqua il monitoraggio in Campania

acqua il monitoraggio in Campania acqua il monitoraggio in Campania 2002-2006 L acqua è probabilmente l unica risorsa naturale che interessa tutti gli aspetti della civiltà umana, dallo sviluppo agricolo e industriale ai valori culturali

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 03/05/2017

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 03/05/2017 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 03/05/2017 La situazione in Veneto Nel 2015 i reati di truffa, rapina e furto hanno interessato 276.287 vittime di 66 anni e oltre, di cui

Dettagli

10 Le aziende di igiene urbana

10 Le aziende di igiene urbana 10 Le aziende di igiene urbana 10.1. L'universo 2000 Le tabelle 10.1.1 e 10.1.2 illustrano le grandezze e gli indicatori del servizio di igiene urbana nel 2000 con i dati scomposti per tipologia e classe

Dettagli

1. La popolazione residente

1. La popolazione residente 1. La popolazione residente La popolazione residente in Italia al 31/12/2009 è pari a 60.340.328 unità, con un incremento di 295.260 unità (+0,5%) rispetto al 31 dicembre dell anno precedente dovuto prevalentemente

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Risultati "Progetto Promoter" ANCI - CdC RAEE. Giugno 2014. a cura di

RASSEGNA STAMPA. Risultati Progetto Promoter ANCI - CdC RAEE. Giugno 2014. a cura di RASSEGNA STAMPA Risultati "Progetto Promoter" ANCI - CdC RAEE Giugno 2014 a cura di COMUNICATO STAMPA Pronti i risultati del ʻProgetto Promoterʼ ANCI-CdC RAEE: contro i furti di RAEE più controlli sul

Dettagli

LA DISOCCUPAZIONE IN CAMPANIA

LA DISOCCUPAZIONE IN CAMPANIA LA DISOCCUPAZIONE IN CAMPANIA Dal 2008 ad oggi la forza lavoro regolarmente iscritta alle Casse Edili provinciali si contrae di oltre il 40% con un tasso di disoccupazione fissato al 23,50% OCCUPATI NELLE

Dettagli

RELAZIONE DI ATTIVITA DEL REGISTRO TUMORI INFANTILI DELLA REGIONE CAMPANIA

RELAZIONE DI ATTIVITA DEL REGISTRO TUMORI INFANTILI DELLA REGIONE CAMPANIA RELAZIONE DI ATTIVITA DEL REGISTRO TUMORI INFANTILI DELLA REGIONE CAMPANIA INCIDENZA E MORTALITA ONCOLOGICA RELATIVA ALLA POPOLAZIONE INFANTILE CAMPANA (0-19 ANNI) NEL QUINQUENNIO 2008-2012 1 2 Rete di

Dettagli

Rassegna Economica Report trimestrale

Rassegna Economica Report trimestrale LUGLIO - SETTEMBRE 214 Rassegna Economica Report trimestrale sul quadro economico della Provincia di Siena l andamento dell economia locale D. SETTORE TURISMO 8 Il settore del turismo viene descritto analizzando

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Studio in TECNICHE ERBORISTICHE Classe: L-29 Scienze e tecnologie farmaceutiche Triennale Quadro C1 - Dati di ingresso, di percorso e di uscita La seguente relazione

Dettagli

Acque sotterranee, lo stato chimico è buono

Acque sotterranee, lo stato chimico è buono Acque sotterranee, lo stato chimico è buono Il monitoraggio dell'ispra ha rilevato uno stato buono delle acque sotterranee e superficiali, mentre la situazione è meno confortante per quelle di bacini e

Dettagli

La demografia dell Italia e delle Regioni italiane Uno sguardo alle proiezioni a medio-lungo. di Nicola C. Salerno 1

La demografia dell Italia e delle Regioni italiane Uno sguardo alle proiezioni a medio-lungo. di Nicola C. Salerno 1 La demografia dell Italia e delle Regioni italiane Uno sguardo alle proiezioni a medio-lungo di Nicola C. Salerno 1 1 1. La demografia dell Italia e delle Regioni italiane Uno sguardo alle proiezioni a

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Studio in BENI CULTURALI E DISCIPLINE DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO (ex BENI CULTURALI) Classe: L-1 Beni culturali Triennale Quadro C1 - Dati di ingresso, di

Dettagli

$#21 #%1 ! "#$% 3 44'1! %#1.#"1 "2. 4 '!' "#$.#1 # #(59&'"( ()*+,-. !""" (+,- 6*+788*)/ / "# $ #$$"%" 0#.1 #$$"%! #$$"%"3"!

$#21 #%1 ! #$% 3 44'1! %#1.#1 2. 4 '!' #$.#1 # #(59&'( ()*+,-. ! (+,- 6*+788*)/ / # $ #$$% 0#.1 #$$%! #$$%3! &'"( ()*+,-. / / " " "$" )4." (+,- 6*+788*)/ / ( ) ) ) ) * &' "# $ #$$" #$"$$",)"' "- -"' "$." "/ 01'1 1$ "#$ 0#.1 3 5 & "$ 5'"3'" 6''665"36 3 44'1 #1.#"1 '& #$$ #$$" #$$3" #$$"#4& #$$ "2. 2"3" )"'$ "$"

Dettagli

Comune di Rapporto Ambientale Introbio

Comune di Rapporto Ambientale Introbio ANNO 2008 RIFIUTI SOLIDI URBANI 1) RIFIUTI SOLIDI URBANI a) CER 2003 01 Rifiuti solidi URBANI RESIDUALI kg 462.590 b) CER 2003 07 Rifiuti solidi URBANI INGOMBRANTI kg 91.517 kg 554.107 c) CER 2003 03 Rifiuti

Dettagli

AUMENTA L IMPRENDITORIA STRANIERA: BOOM DI QUELLA CINESE

AUMENTA L IMPRENDITORIA STRANIERA: BOOM DI QUELLA CINESE AUMENTA L IMPRENDITORIA STRANIERA: BOOM DI QUELLA CINESE In forte calo, però, le rimesse verso la Cina. In Lombardia, in Toscana, nel Veneto e in Emilia Romagna si concentra il 60 per cento circa degli

Dettagli

STRUTTURA E COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA DELLE IMPRESE INDUSTRIALI E DEI SERVIZI

STRUTTURA E COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA DELLE IMPRESE INDUSTRIALI E DEI SERVIZI 27 novembre 2014 Anno 2012 STRUTTURA E COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA DELLE IMPRESE INDUSTRIALI E DEI SERVIZI Nel 2012, le imprese attive dell industria e dei servizi di mercato sono 4,4 milioni e occupano

Dettagli

!"!# /#",2."2 3 44%2 /#"12 1"/2 /,, 4 % %43 3 3!1"#!"2 # #95:&'!( &'()*+,!!!!!!!!! !" # #$$!% " " #$!$$!% 01"!2 5 '!3 '! 6'' 665!!!!!

!!# /#,2.2 3 44%2 /#12 1/2 /,, 4 % %43 3 3!1#!2 # #95:&'!( &'()*+,!!!!!!!!! ! # #$$!%   #$!$$!% 01!2 5 '!3 '! 6'' 665!!!!! &'( &'()*+, --../# '4 # $ %& &'& &)*+6()788('-- ) *+++ *++++ '*++++ *+++++, $% # #$$% #$ $$%, ) ' - - $. % %/ 01'1 1$ # 012 '' 3 5 $ /,, 5 '3 ' 6'' 665 36 3 44%2 /#12 1/2 ( #$$% #$$% #$$%3 #$$%#4& #$$%

Dettagli

!"! 0 /"10 1"0 2 44$0 +"30 "10 +/-! 4 $ $42 2 2!3"+.3"30 # #95:&'"( %&'()* +! !"""! "# $ #$$"%" ."/0 #$$"%! #$$"%"3"! #$$"%#4& !#+'"!"!

!! 0 /10 10 2 44$0 +30 10 +/-! 4 $ $42 2 2!3+.330 # #95:&'( %&'()* +! !! # $ #$$% ./0 #$$%! #$$%3! #$$%#4& !#+'!! &'"( %&'()* +,, " " -- &('4 1 % &'(#(( #$ "# $ #$$"% #$"$$"%,)"' "- -"'% "$.%" %"/ 1'1 1$ " '."/ 2 5 # +1+ 5'"3'" 6''665"36 2 44$ +"3 "1 ') #$$"%" #$$"% #$$"%"3" #$$"%#4& #$$"%" +/- 2"3" )"'$ "$" "#4&

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 216 Saldi positivi per giovani e stranieri, in calo le donne Nel 216 il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese giovanili

Dettagli

0",1 /"1 2 33%1! 3 %!% " # #849&'"(" &'()*+, - -!""" &)*+ 6()788('- - "# $ #$$"%" !!!! /0"1 #$$"%! #$$"%"2"! #$$"%#3& !#+'"!"!" &"!!

0,1 /1 2 33%1! 3 %!%  # #849&'( &'()*+, - -! &)*+ 6()788('- - # $ #$$% !!!! /01 #$$%! #$$%2! #$$%#3& !#+'!! &!! &'"" &')*+, - -. " " '3. % &'# ' ' &)*+ 6)788'- - ) * * * * + $% "# $ #$$"% #$"$$"% )"' ",,"'% "$ -%" %". /' $ & "# /"1 2 4 $ 55 4'"2'" 5''554"25 2 33%1 ".1 /"1 & #$$"%" #$$"% #$$"%"2" #$$"%#3& #$$"%",#

Dettagli

.+"20,"0 2,"0,"0 3 44$0! 4 $!$ "2 /,"0 # #95:&'!( ,+1 %&'()* +, - -!!!!!!!! %()* 6'(788'&- - " "# $ #$$!% " #$!$$!% " /".

.+20,0 2,0,0 3 44$0! 4 $!$ 2 /,0 # #95:&'!( ,+1 %&'()* +, - -!!!!!!!! %()* 6'(788'&- -  # $ #$$!%  #$!$$!%  /. &( %&()* +, - -. &4,+1 %()* 6(788&- - (% %) )% ) ) *% #$ # $ #$$% #$ $$%, ) - -% $. % %/ 11 1$ %%& % /. 3 5 # 2+ 5 3 6 665 36 3 44$ %%&.+2, #$$% #$$% #$$%3 #$$%#4& #$$% +, 23 ) $ $ #4& ) 33 3 %%& 2,, 4

Dettagli

Gli incidenti stradali a Palermo nel 2016

Gli incidenti stradali a Palermo nel 2016 Unità di Staff Statistica Statistica flash (30/10/2017) Gli incidenti stradali a Palermo nel 2016 GLI INCIDENTI STRADALI A Palermo, nel 2016, si sono verificati 2.256 incidenti stradali con lesioni a persone,

Dettagli

Le medie ISTAT ed i dati dei Centri per l Impiego

Le medie ISTAT ed i dati dei Centri per l Impiego SERVIZIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, SERVIZI PER L'IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, OSSERVATORIO SOCIALE, POLITICHE SOCIALI E PER LA GIOVENTÙ, POLITICHE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO La Disoccupazione

Dettagli

L Italia delle fonti rinnovabili

L Italia delle fonti rinnovabili L Italia delle fonti rinnovabili Le fonti rinnovabili in Italia Il GSE, Gestore dei Servizi Energetici, pubblica periodicamente dati e statistiche sulle fonti rinnovabili utilizzate in Italia. L uscita

Dettagli

% & !"#$ //"!2 "2 #".2 "2 3 44&2 #$! 4 & &43 3 3!"$ 10"2 " "849%&!' 0!# '()*+,!$!!!!!!!!! "# $ "##!$ "#!##!$ ( 1"$2 4 &!2 &! 5&& 554!!!!!

% & !#$ //!2 2 #.2 2 3 44&2 #$! 4 & &43 3 3!$ 102  849%&!' 0!# '()*+,!$!!!!!!!!! # $ ##!$ #!##!$ ( 1$2 4 &!2 &! 5&& 554!!!!! %' ')*+, $ --./0 4 0# % ' ) '*+,6)*788)-- +,---,----,----,-----. % "# $ "##$ "# ##$, ) - -$ #. $ $/ 011 1# "#$ 1"$2 3 5 % 00. 4 2 5 554 25 3 442 //"2 "2 * "##$ "##$ "##$2 "##$"3% "##$ #$ '2 ) # # "3% )

Dettagli

Potenzialità di recupero di materie prime da

Potenzialità di recupero di materie prime da Industria del riciclo: Tecnologie e approcci per il recupero di raw materials da prodotti complessi a fine vita Potenzialità di recupero di materie prime da prodotti complessi a fine vita Rimini 7 novembre

Dettagli

"#$ 0#"2 "2 3 44&2! $"2 0"-2 --# 4 &!& " "2 # #849&'!&' !!!!!!!! " " '*+, 6)*788)(.. "# $ #$$!% " #$!$$!% 1#"2 4 '!2 '! 5'' 554!!!!!

#$ 0#2 2 3 44&2! $2 0-2 --# 4 &!&  2 # #849&'!&' !!!!!!!!   '*+, 6)*788)(.. # $ #$$!%  #$!$$!% 1#2 4 '!2 '! 5'' 554!!!!! &'&' '()*+, -.. /0-/$- (4 '*+, 6)*788)(.. ( ) ) %) ) * # $ #$$% #$ $$% + ( ',,'% $ - % %. /0'0 0$ #$ % 1#2 3 5 % -0$ 4 '2 ' 5'' 554 25 3 44&2 $2 0-2 ' #$$% #$$% #$$%2 #$$%#3& #$$% --# 12 ( '$ $ #3& ( 22

Dettagli

15. Cultura: l istruzione della popolazione

15. Cultura: l istruzione della popolazione 15. Cultura: l istruzione della popolazione Dall analisi dei dati relativi all istruzione, rilevati in occasione dell 14 censimento della popolazione, emerge che nel decennio 1991-2001 e le altre aree

Dettagli

IL MEZZOGIORNO DIMENTICATO LE REGIONI MERIDIONALI PRIME PER RISCHIO POVERTA IN EUROPA

IL MEZZOGIORNO DIMENTICATO LE REGIONI MERIDIONALI PRIME PER RISCHIO POVERTA IN EUROPA CENTRO STUDI IL MEZZOGIORNO DIMENTICATO LE REGIONI MERIDIONALI PRIME PER RISCHIO POVERTA IN EUROPA Nota CNA N. 11/DICEMBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Dettagli

Richiesta di energia elettrica

Richiesta di energia elettrica GWh Luglio, 2015 Lo scenario energetico 2014 ed il primo semestre 2015 1 Il quadro dell energia elettrica in Italia si è chiuso nel 2014 con due elementi caratteristici: l ulteriore riduzione della domanda

Dettagli

L impegno di Comieco per lo sviluppo della raccolta differenziata al Sud.

L impegno di Comieco per lo sviluppo della raccolta differenziata al Sud. L impegno di Comieco per lo sviluppo della raccolta differenziata al Sud. Castel Volturno, 28 settembre 2015 1 Obiettivo RD 50% 1985-2015 Comieco motore dello sviluppo della raccolta della carta e cartone

Dettagli

Sintesi del Contesto Statistico

Sintesi del Contesto Statistico Regione Liguria Sintesi del Contesto Statistico Elaborazioni statistiche a cura di ARSEL Liguria - Agenzia regionale per i servizi educativi e per il lavor Osservatorio sul Mercato del Lavoro 1. Il quadro

Dettagli

&'!(!$)!$ $#1 0/#1 /"#1 $#1 ! "#"$ 2 44&1! $"$$/ 4 &!& "/#3.#"1 " ")6:&'!(!$)!$ !!!!!!!! '*+, 6)*788)(- - "# $ "##!$ % "#!##!

&'!(!$)!$ $#1 0/#1 /#1 $#1 ! #$ 2 44&1! $$$/ 4 &!& /#3.#1  )6:&'!(!$)!$ !!!!!!!! '*+, 6)*788)(- - # $ ##!$ % #!##! &'($)$ '()*+, - -./ (4 ". '*+, 6)*788)(- - ' ( ( ( ( ) & "# $ "##$ "# ##$ - * '..'$ # / $ $ 12'2 2# "#"$ #/1 2 5 $3$ 6 '4 ' 7'' 776 47 2 44&1 $#1 /#1 & "##$ "##$ "##$4 "##$"5& "##$ $"$$/ 34 * '# # "5&

Dettagli

L ITALIA E I FONDI STRUTTURALI: QUANTO E COME È STATO SPESO, COSA E DOVE PROGRAMMIAMO

L ITALIA E I FONDI STRUTTURALI: QUANTO E COME È STATO SPESO, COSA E DOVE PROGRAMMIAMO L ITALIA E I FONDI STRUTTURALI: QUANTO E COME È STATO SPESO, COSA E DOVE PROGRAMMIAMO I FONDI STRUTTURALI 2 I fondi strutturali sono gli strumenti di politica economica utilizzati dall Unione Europea per

Dettagli

Trasferimenti dall Italia: non solo Svizzera Aumentano le cancellazioni di residenza dall Italia: ecco dove si emigra

Trasferimenti dall Italia: non solo Svizzera Aumentano le cancellazioni di residenza dall Italia: ecco dove si emigra Trasferimenti dall Italia: non solo Svizzera Aumentano le cancellazioni di residenza dall Italia: ecco dove si emigra Trasferimenti di residenza: in forte aumento i Paesi extra UE. Osservando i dati Istat

Dettagli