Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario"

Transcript

1 I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico

2 Sommario 1. Note sulla simbologia Il generatore (e l utilizzatore) elettrico La legge di Ohm Le leggi di Kirchhoff La prima legge di Kirchhoff (delle correnti) La seconda legge di Kirchhoff (delle tensioni) Generatori di tensione e generatori di corrente Generatori ideali di tensione Generatori ideali di corrente Generatori reali di tensione Forza elettromotrice (f.e.m.) di un generatore di tensione Generatori comandati La potenza dissipata da un resistore La massima potenza dissipabile da un resistore Il collegamento dei bipoli Il collegamento serie Resistori in serie Generatori di tensione in serie Generatori di corrente in serie Il collegamento parallelo Resistori in parallelo Generatori di tensione in parallelo Generatori di corrente in parallelo I condensatori e gli induttori I condensatori Condensatori in parallelo Condensatori in serie Gli induttori Induttori in parallelo Induttori in serie Metodi di analisi delle reti elettriche Analisi di una rete per mezzo delle leggi di Kirchhoff Riduzione di una rete II partitore di tensione Il ponte di Wheatstone II principio di sovrapposizione degli effetti Il teorema di Thevenin L'applicazione del teorema di Thevenin a una parte di circuito L'applicazione del teorema di Thevenin a circuiti contenenti generatori comandati Segnali elettrici Classificazione dei segnali I principali segnali periodici (canonici) Il segnale sinusoidale Il segnale impulsivo Il segnale ad onda quadra...24 pag. 2

3 Il segnale ad onda triangolare Il segnale a denti di sega Il calcolo del valore efficace per segnali canonici non alternati I principali segnali non periodici Il segnale a rampa Il segnale a gradino Il segnale esponenziale...26 Approfondimento...27 Dimostrazione della formula per il calcolo del valore efficace di un segnale periodico qualunque pag. 3

4 1. Note sulla simbologia In elettronica è invalso l'uso di indicare le grandezze elettriche con lettere maiuscole o minuscole in base alla costanza o meno delle stesse. Le grandezze variabili nel tempo vengono indicate mediante lettere minuscole. Per esempio, la notazione v(t) indica una tensione variabile nel tempo. Oppure si può scrivere semplicemente i per indicare una corrente variabile nel tempo, omettendo la specificazione della variabile t (tempo). Se usiamo un grafico cartesiano per indicare come varia una tensione al variare del tempo scriveremo, in prossimità degli assi, v e t. Conformemente all'analisi matematica dove, con tali simboli, si usa indicare i generici valori delle ordinate e delle ascisse. Le grandezze costanti nel tempo vengono indicate con lettere maiuscole. La notazione I, ad esempio, indica una corrente costante nel tempo. Anche il valore che una grandezza elettrica assume in un determinato istante viene indicato da una lettera maiuscola: la scrittura v(t 1 ) = V significa che la tensione v(t), nell'istante t 1, assume il valore V. La scrittura V AB, convenzionalmente usata per rappresentare una tensione, indica la differenza tra il potenziale in A e quello in B. Se è positiva vuol dire che il potenziale in A è maggiore di quello in B; viceversa se è negativa. Graficamente la si indica con una freccia orientata verso il polo A (sempre nel caso della scrittura V AB ). Per una corrente è sufficiente indicare, sempre con una freccia, il suo verso di circolazione. 2. Il generatore (e l utilizzatore) elettrico La potenza elettrica, generata o utilizzata, la indichiamo con p ed è definita dal prodotto tra la tensione v e la corrente i. (1) p(t) = v(t) i(t) Per capire se un bipolo (ovvero un elemento con due terminali) è un generatore o un utilizzatore occorre analizzare la polarità della tensione ai suoi capi e il verso della corrente che lo attraversa: se la corrente esce dal polo positivo, allora il bipolo è un generatore (figura 1a), mentre, viceversa, se la corrente entra nel polo positivo, allora il bipolo è un utilizzatore (figura 1b). Fisicamente il generatore eroga potenza mentre l'utilizzatore l'assorbe. L'unità di misura della potenza è il watt, indicato con W, quando la tensione è espressa in volt (V) e la corrente in ampere (A). pag. 4

5 3. La legge di Ohm (2) v(t) = R i(t) La legge di Ohm stabilisce il legame esistente tra la corrente i che attraversa un resistore (figura 2) e la tensione v ai suoi capi. Il coefficiente di proporzionalità tra queste due grandezze prende il nome di resistenza elettrica, e lo si indica con R; esso si esprime in ohm (Ω) quando la tensione si misura in volt (V) e la corrente in ampere (A). Analiticamente si scrive: Quindi una resistenza vale 1Ω quando in essa fluisce la corrente di 1A in seguito all'applicazione ai suoi capi della tensione di 1V. E comune supporre costante la resistenza R dal momento che le variazioni di valore che essa subisce nelle normali condizioni operative risultano praticamente trascurabili. La rappresentazione grafica della (2), quindi, è una retta (figura 3). Il coefficiente angolare di questa retta coincide con R. La tensione ai capi di una resistenza viene spesso definita caduta di tensione (in breve, c.d.t.). In questa prima parte analizziamo le reti elettriche in regime continuo, in cui tutte le tensioni e tutte le correnti sono continue, cioè costanti nel tempo; per questa ragione esse verranno indicate mediante lettere maiuscole. In regime continuo, quindi, la legge di Ohm risulta scritta nel modo: V = RI 4. Le leggi di Kirchhoff 4.1 La prima legge di Kirchhoff (delle correnti) La formulazione generale della prima legge di Kirchhoff, valida per qualsiasi regime di funzionamento e per qualunque tipo di rete, stabilisce che la somma delle correnti entranti in un nodo è uguale alla somma delle correnti uscenti dallo stesso nodo. Fisicamente essa deriva dalla legge, ancor più generale, della conservazione della carica elettrica la quale, sostanzialmente, afferma che un nodo non può essere sede né di accumulazione e né di dispersione di carica elettrica. Un nodo è un punto nel quale si congiungono più rami o cammini di corrente. Per esempio, facendo riferimento alla figura 4, l'applicazione della prima legge di Kirchhoff fornisce la relazione: i 1 + i 2 + i 4 = i 3 + i 5 + i 6 + i 7 Le correnti i 1, i 2 e i 4, infatti, entrano nel nodo, mentre le correnti i 3, i 5, i 6 e i 7, escono dal nodo stesso. pag. 5

6 4.2 La seconda legge di Kirchhoff (delle tensioni) La seconda legge di Kirchhoff, valida per qualsiasi regime di funzionamento e per qualunque tipo di rete, afferma che la somma algebrica di tutte le tensioni presenti in una maglia è nulla. Una maglia è un percorso chiuso all'interno di una rete. Per poter assegnare ad una tensione un segno algebrico è necessario stabilire, arbitrariamente, un verso di percorrenza della maglia. Tutte le tensioni incontrate lungo la maglia, le cui polarità risultano concordi con il verso di percorrenza prestabilito, vengono assunte positive, mentre quelle che hanno il verso discorde vengono assunte negative. Facciamo riferimento alla figura 5, e scriviamo la legge di Kirchhoff delle tensioni: V 1 - v 2 + v 3 - V 4 + v 5 - v 6 + v 7 = 0 Le tensioni V 1, v 3, v 5 e v 7 sono infatti positive rispetto al verso di percorrenza orario della maglia (fissato arbitrariamente); mentre le tensioni v 2, V 4 e v 6, sempre rispetto allo stesso verso di percorrenza, sono negative. 5. Generatori di tensione e generatori di corrente 5.1 Generatori ideali di tensione Un generatore di tensione si definisce ideale quando eroga potenza mantenendo costante la tensione ai propri morsetti in corrispondenza di qualunque valore di corrente richiesta dal carico ad esso collegato. Pertanto, la caratteristica tensione-corrente di un generatore ideale di tensione è una retta come quella riportata in figura 6. In figura 7 sono riportati i possibili simboli circuitali. 5.2 Generatori ideali di corrente Un generatore di corrente (il cui simbolo è riportato in figura 8) si definisce ideale quando eroga potenza mantenendo costante la corrente fornita in corrispondenza di qualunque valore di tensione richiesta dal carico ad esso collegato. Pertanto, la caratteristica tensione-corrente di un generatore ideale di corrente è una retta come quella riportata in figura 9. pag. 6

7 5.3 Generatori reali di tensione Un generatore di tensione reale, invece, possiede una resistenza interna dovuta alle inevitabili (ed ineliminabili) perdite ohmiche presenti al suo interno (ad esempio per la realizzazione dei percorsi conduttivi). Esso viene schematizzato secondo il modello illustrato nella figura 10. Si tratta della serie di un generatore ideale V s, e di un resistore, R i, la cui resistenza è detta resistenza interna. 5.4 Forza elettromotrice (f.e.m.) di un generatore di tensione Con ciò si intende la differenza di potenziale ai capi di un generatore di tensione a vuoto. Consideriamo la figura 10. Se con un multimetro misuriamo, in tali condizioni, la d.d.p. tra A e B troveremo un valore pari a V s. E ciò in quanto, a vuoto, non circolando corrente non potrà esserci c.d.t. ai capi della resistenza interna. Tutta la tensione ai capi di V s, pertanto, la ritroveremo tra i poli A e B. 5.5 Generatori comandati I generatori comandati (anche detti dipendenti o pilotati) possono essere di quattro tipi: di tensione comandati in tensione; di tensione comandati in corrente; di corrente comandati in tensione; di corrente comandati in corrente. Esaminiamoli separatamente. Il generatore di tensione comandato in tensione è un generatore ideale di tensione il cui valore risulta proporzionale a quello di una tensione presente nello stesso circuito nel quale è inserito il generatore comandato. del generatore comandato è: Ad eccezione di questa particolarità operativa, le restanti caratteristiche funzionali del generatore comandato di tensione sono identiche a quelle di un qualsiasi generatore ideale di tensione. Consideriamo il circuito di figura 11. Il valore della tensione ai morsetti del generatore V c risulta proporzionale, secondo il parametro α, a quello della tensione V 1 (che nello specifico è la c.d.t. ai capi di R 1 ). Ciò significa che il generatore di tensione V c è pilotato dalla tensione V 1. Ne segue, pertanto, che la tensione V c ai capi V c = αv 1 Il generatore di tensione comandato in corrente è un generatore ideale di tensione il cui valore risulta proporzionale a quello di una corrente presente nello stesso circuito nel quale è inserito il generatore comandato. Anche qui, ad eccezione di questa particolarità operativa, le restanti caratteristiche funzionali del generatore comandato di tensione sono identiche a quelle di un qualsiasi generatore ideale di tensione. pag. 7

8 Consideriamo il circuito di figura 12. Il valore della tensione ai morsetti del generatore V c risulta proporzionale, secondo il parametro β, a quello della corrente I 1 (indicata nella medesima figura). Ciò significa che il generatore di tensione V c è pilotato dalla corrente I 1. Ne segue, pertanto, che la tensione V c ai capi del generatore comandato è: V c = βi 1 il cui valore risulta proporzionale a quello della corrente I 1 secondo il parametro β. Il generatore di corrente comandato in corrente è un generatore ideale di corrente il cui valore risulta proporzionale a quello di una corrente presente nello stesso circuito nel quale è inserito il generatore comandato. Le restanti caratteristiche funzionali del generatore comandato di corrente sono identiche a quelle di un qualsiasi generatore ideale di corrente. Consideriamo il circuito di figura 13. Il valore della corrente erogata dal generatore I c risulta proporzionale, secondo il parametro γ, a quello della corrente I 1 (indicata nella medesima figura). Ciò significa che il generatore di corrente I c è comandato dalla corrente I 1. Ne segue, pertanto, che la corrente erogata dal generatore comandato è: I c = γi 1 il cui valore risulta proporzionale a quello della corrente I 1 secondo il parametro γ. Il generatore di corrente comandato in tensione è un generatore ideale di corrente il cui valore risulta proporzionale a quello di una tensione presente nello stesso circuito nel quale è inserito il generatore comandato. Le restanti caratteristiche funzionali del generatore comandato di corrente sono identiche a quelle di un qualsiasi generatore ideale di corrente. Consideriamo il circuito di figura 14. Il valore della corrente erogata dal generatore I c risulta proporzionale, secondo il parametro δ, a quello della tensione V 1 (indicata nella medesima figura). Ciò significa che il generatore di corrente I c è comandato dalla tensione V 1. Ne segue, pertanto, che la corrente erogata dal generatore comandato è: I c = δv 1 il cui valore risulta proporzionale a quello della tensione V 1 secondo il parametro δ. 6. La potenza dissipata da un resistore Il resistore è un bipolo utilizzatore che, quando viene attraversato da corrente, assorbe energia dissipandola interamente sotto forma di calore. L'espressione di tale potenza dissipata assume, nel caso di un resistore, tre possibili, ma equivalenti formulazioni. La prima è quella generale valida per qualsiasi bipolo, sia esso un generatore che un utilizzatore: 4) P = VI Le altre due formulazioni si ricavano dalla (4) sostituendo la legge di Ohm una volta in V: pag. 8

9 5) P = RI 2 ed una volta in I: 6) P = V 2 /R 6.1 La massima potenza dissipabile da un resistore I resistori disponibili in commercio sono caratterizzati, oltre che dal proprio valore ohmico, anche da un valore massimo di potenza dissipabile. Ciò significa che un resistore non può dissipare una potenza superiore a quella consentita da questo limite. Questo limite dipende dalle dimensioni geometriche e dalla forma del resistore, nonché dalle caratteristiche del materiale utilizzato per la sua costruzione; non dipende invece dal valore ohmico dello stesso resistore. Se venisse superato il valore massimo di potenza dissipabile il resistore, non potendo scambiare con l'ambiente circostante questo calore, andrebbe incontro ad un danneggiamento irreversibile (se tale condizione operativa risultasse prolungata nel tempo). I limiti superiori di potenza dissipabile dei resistori disponibili sul mercato sono: 1/8 W = 0,125 W; 1/4 W = 0,250 W; 1/2 W = 0,500 W; 1 W e oltre. È prassi progettuale consolidata inserire nei circuiti resistori il cui valore massimo di potenza dissipabile sia prossimo al doppio della potenza effettivamente dissipata su di essi. 7. Il collegamento dei bipoli 7.1 Il collegamento serie Due o più bipoli sono collegati in serie quando sono tutti attraversati dalla stessa corrente, cioè quando vengono collegati l'uno accanto all'altro come indicato in figura 15. In altre parole, si può affermare che il collegamento serie realizza un unico cammino di corrente - o ramo - tra due nodi di un circuito Resistori in serie In base a questa definizione possiamo dire che n resistori risultano collegati in serie, tra i nodi A e B, così come indicato in figura 16, quando vengono attraversati dalla stessa corrente. pag. 9

10 Il circuito di figura 16 può essere sostituito da un circuito contenente un unico resistore, la cui resistenza, detta equivalente, deve soddisfare la relazione: (7) R S = R 1 +R 2 + R R n La sostituzione della serie di n resistori con il relativo resistore equivalente non altera la caratteristica ai nodi del collegamento serie e consente pertanto la semplificazione del circuito. Poiché i resistori sono degli utilizzatori, la corrente che attraversa ciascuno di essi deve risultare entrante nel polo positivo, e pertanto la caduta su ciascuno deve assumere la polarità indicata nella figura Generatori di tensione in serie Due o più generatori di tensione collegati in serie sono equivalenti ad un unico generatore di tensione, il cui valore V T si determina scegliendo prima una polarità di riferimento e poi sommando tutte le tensioni aventi polarità concordi con quella scelta e sottraendo invece tutte quelle aventi polarità discordi. La polarità di riferimento, che sarà poi quella del generatore equivalente di tensione V T, coincide con quella dei generatori i cui valori, sommati tra loro, producono il valore più elevato. Questa modalità di calcolo del generatore equivalente deriva dalla legge di Kirchhoff delle tensioni Generatori di corrente in serie Due o più generatori di corrente possono essere collegati in serie se e solo se ogni generatore eroga la stessa corrente. In caso contrario, infatti, ogni generatore tenderebbe a imporre nell'unico ramo in cui è inserito il proprio valore di corrente, violando in tal modo la legge di Kirchhoff delle correnti, e inducendo malfunzionamenti in se stesso e negli altri generatori di corrente. 7.2 Il collegamento parallelo Due o più bipoli sono collegati in parallelo quando ai loro capi risulta applicata la stessa tensione, cioè quando vengono collegati tra loro come descritto in figura 18. In un collegamento parallelo, effettuato tra due nodi di un circuito, risultano presenti più rami. Ogni collegamento che unisce due nodi viene anche chiamato ramo o lato del circuito. pag. 10

11 7.2.1 Resistori in parallelo In base alla precedente definizione, n resistori si dicono collegati in parallelo quando vengono connessi l'uno all'altro fra due nodi A e B come mostrato in figura 19. Più resistori collegati in parallelo tra due nodi possono essere sostituiti da un unico resistore R p, chiamato resistore equivalente parallelo, il cui valore di resistenza è determinato dalla seguente relazione: (8) 1/R p = 1/R 1 +1/R 2 +1/R /R n La sostituzione del parallelo di n resistori con il relativo resistore equivalente non modifica la caratteristica ai poli del collegamento parallelo e consente, pertanto, la riduzione della struttura circuitale. La resistenza del resistore equivalente R p di due resistori R 1 ed R 2 in parallelo viene determinata mediante la seguente relazione, ricavata dalla (8): (9) Sempre dall'equazione (8) si possono fare interessanti osservazioni. Ad esempio, il resistore equivalente R p di due resistori R collegati in parallelo e di uguale valore, ha resistenza: R p = R/2 Il caso generico di n resistori R di uguale valore, collegati in parallelo, conduce ad un resistore equivalente di resistenza: R p = R/n Si noti che il valore della resistenza del resistore equivalente parallelo è sempre inferiore al più piccolo valore tra quelli delle resistenze dei resistori in parallelo che lo determinano. Il parallelo di n resistori viene talvolta indicato, per comodità, con la notazione: R p = R 1 // R 2 // R 3 //... // R n Generatori di tensione in parallelo Due o più generatori di tensione possono essere collegati in parallelo se e solo se ogni generatore fornisce la stessa tensione. In caso contrario, verrebbe violata la seconda legge di Kirchhoff, e ciò produrrebbe dei transitori di corrente e di tensione tendenti a imporre l'uguaglianza delle tensioni in parallelo, provocando un conseguente danneggiamento dei generatori stessi. pag. 11

12 7.2.3 Generatori di corrente in parallelo Due o più generatori di corrente collegati in parallelo equivalgono ad un unico generatore di corrente il cui valore I T si determina scegliendo un verso di riferimento per le correnti e quindi sommando tutte le correnti aventi verso concorde con quello scelto e sottraendo tutte le correnti aventi verso discorde. Il verso di riferimento, che sarà poi quello del generatore equivalente di corrente I T, coincide con quello dei generatori i cui valori, sommati tra loro, producono il valore più elevato. Questa modalità di calcolo del generatore equivalente deriva dalla prima legge di Kirchhoff. 8. I condensatori e gli induttori Il simbolo circuitale del condensatore è riportato in figura 20a; quello dell'induttore è riportato nella figura 20b. Il condensatore è un bipolo passivo caratterizzato dalla grandezza fisica capacità - indicata con C -,la cui unità di misura è il farad (F). In elettronica vengono impiegati condensatori che hanno capacità i cui valori oscillano generalmente da qualche µf a qualche pf. L'induttore è un bipolo passivo caratterizzato dalla grandezza fisica induttanza - indicata con L -, la cui unità di misura è l'henry (H). Gli induttori impiegati in elettronica hanno induttanze i cui valori oscillano generalmente tra qualche mh e qualche µ H. 8.1 I condensatori La relazione tra tensione e corrente ai capi di un condensatore è descritta, in termini di variazioni finite, dalla relazione: (10) In termini differenziali, e fisicamente più corretti, questa relazione viene descritta nel modo: (11) dove v c e i c rappresentano rispettivamente la tensione ai capi del condensatore e la corrente in esso circolante; C è la capacità del condensatore. Si osservi che il verso e la polarità di v c sono quelli di un utilizzatore. Un condensatore, infatti, è un utilizzatore in grado di immagazzinare l'energia fornita da un generatore elettrico e di restituirla successivamente. Entrambe le equazioni evidenziano che la corrente circolante in un condensatore è prodotta da una variazione della tensione ai capi del condensatore stesso. Quindi, se non si verifica alcuna variazione di tensione, cioè quando v c = 0, la corrente i c è nulla. Ne deriva che nei circuiti in regime continuo le correnti relative ai condensatori sono nulle. Pertanto, in questo regime, i condensatori si comportano come circuiti aperti Condensatori in parallelo Due o più condensatori sono collegati in parallelo quando ai loro capi è applicata la stessa tensione, cioè quando vengono collegati tra loro come mostrato in figura 21. pag. 12

13 Si può dimostrare che il valore della capacità C p del condensatore equivalente parallelo è la seguente: C p =C 1 +C 2 +C C n Condensatori in serie Due o più condensatori sono collegati in serie quando in essi circola la stessa corrente, cioè quando vengono collegati tra loro come mostrato in figura 22. Si può dimostrare che il valore della capacità C s del condensatore equivalente serie è la seguente: L'energia immagazzinata da un condensatore nel proprio campo elettrico è la seguente: espressa in joule (J) se C è espresso in farad (F) e V in volt (V). 8.2 Gli induttori La relazione tra tensione e corrente ai capi di un induttore è descritta, in termini di variazioni finite, dalla relazione: (12) In termini differenziali, e fisicamente più corretti, questa relazione viene descritta nel modo: (13) pag. 13

14 dove v L e i L rappresentano rispettivamente la tensione ai capi dell'induttore e la corrente in esso circolante; L è l'induttanza dell'induttore. Si osservi che il verso di i L e la polarità di v L sono quelli di un utilizzatore. Un induttore è un bipolo in grado di immagazzinare l'energia elettrica fornita da un generatore (e restituirla in tempi successivi). Le equazioni (12) e (13) mostrano che la tensione ai capi di un induttore è prodotta da una variazione della corrente che attraversa l'induttore stesso. Se, quindi, non si verifica alcuna variazione di corrente, la tensione v L è nulla. Pertanto, nei circuiti in regime continuo, le tensioni ai capi degli induttori sono nulle. Quindi in tale regime gli induttori si comportano come cortocircuiti. Si tenga presente, inoltre, che la tensione di un induttore prodotta da una variazione di corrente (e quindi del campo elettromagnetico) assume sempre una polarità tale da opporsi alla variazione di corrente che l'ha generata (legge di Lenz) Induttori in parallelo Due o più induttori sono collegati in parallelo quando ai loro capi è applicata la stessa tensione, cioè quando vengono collegati tra loro come mostrato in figura 23. Si può dimostrare che il valore dell'induttanza L p dell'induttore equivalente parallelo è la seguente: Induttori in serie Due o più induttori sono collegati in serie quando in essi circola la medesima corrente, cioè quando sono inseriti tutti sullo stesso ramo come mostrato in figura 24. Si può dimostrare che l'espressione dell'induttanza L s dell'induttore equivalente serie è la seguente: L s =L 1 +L 2 +L L n L'energia immagazzinata da un induttore nel proprio campo elettromagnetico è la seguente: espressa in joule (J) se L è espresso in henry (H) ed I in ampere (A). pag. 14

15 9. Metodi di analisi delle reti elettriche Una rete elettrica attiva è l'insieme di più bipoli, attivi e passivi, variamente collegati. Una rete elettrica è lineare se e solo se tutti i bipoli ivi presenti sono lineari. Un bipolo è lineare se la relazione matematica che lega la tensione ai suoi capi con la corrente che vi circola è una relazione di primo grado nelle variabili V ed I. Analizzare una rete elettrica significa determinare univocamente tutte le correnti nei rami, le c.d.t. presenti ai capi di ogni bipolo presente nella rete ed il valore della grandezza fisica associata ad ogni componente. Esistono diversi metodi per analizzare una rete. Alcuni di questi sono generali, come le leggi di Kirchhoff, e non richiedono nessuna ipotesi. Altri, invece, sono applicabili esclusivamente a reti lineari. 9.1 Analisi di una rete per mezzo delle leggi di Kirchhoff Questo metodo prevede la scrittura di un sistema di tante equazioni quante sono le incognite da determinare. L'applicazione della prima legge di Kirchhoff consente di scrivere tante equazioni quanti sono i nodi indipendenti della rete. Se indichiamo con n il numero complessivo dei nodi della rete il numero di quelli indipendenti è pari ad n-1. L'applicazione della seconda legge di Kirchhoff consente di scrivere tante equazioni quante sono le maglie indipendenti della rete. Se indichiamo con r il numero complessivo dei rami della rete il numero delle maglie indipendenti è pari ad r -(n-1). In tal modo la simultanea applicazione delle leggi di Kirchhoff ad una rete elettrica ci consente di scrivere un sistema di equazioni pari a: n-1 + r -(n-1) = r ovvero pari al numero dei rami della rete. E' opportuno sottolineare che prima della scrittura delle r equazioni è necessario stabilire un verso, scelto arbitrariamente, per tutte le correnti del circuito. La risoluzione del sistema indicherà il valore delle intensità delle correnti che potranno risultare positive o negative. Le correnti positive fluiranno nel circuito con verso coincidente a quello prefissato, mentre quelle negative fluiranno nel circuito con verso opposto. 9.2 Riduzione di una rete Una rete elettrica può essere ridotta (semplificata) per mezzo dell'individuazione sistematica dei collegamenti serie e parallelo e la sostituzione, di questi, con i relativi circuiti equivalenti. Successivamente si procede alla determinazione delle grandezze elettriche richieste. 9.3 II partitore di tensione Una struttura circuitale come quella indicata in figura 25 viene chiamata partitore di tensione (da ripartire, suddividere), perché la tensione di alimentazione V s si suddivide tra le varie resistenze in modo proporzionale al valore di ciascuna di esse. Indicando con V i la tensione ai capi della generica resistenza R i, si ricava che: pag. 15

16 Poiché la resistenza equivalente serie del circuito dato è: R s = R 1 + R 2 + R R i R n si ricava che: 9.4 Il ponte di Wheatstone Una particolare struttura circuitale largamente utilizzata in molte applicazioni è il ponte di Wheatstone, il cui schema è quello riportato in figura 26. Quando la tensione tra i nodi A e C è nulla si afferma che il ponte è in equilibrio (o bilanciato). Questa condizione si verifica quando la d.d.p. tra A e D è uguale a quella tra C e D (avendo eletto D quale nodo di riferimento). Cioè quando: V A = V C Si osservi, inoltre, che il ramo costituito dalla serie R 1 - R 2 è in parallelo con il ramo R 3 - R 4. La tensione tra i punti B e D, ancora, è quella del generatore V S. La tensione V A coincide con la c.d.t. su R 1, mentre la tensione V C coincide con la c.d.t. su R 4. Tali tensioni sono determinabili mediante la regola del partitore di tensione. Cioè: La condizione di equilibrio del ponte impone che sia V A = V C, e quindi: cioè: da cui, in definitiva: (14) pag. 16

17 che viene definita come la condizione di equilibrio del ponte. Mediante il ponte di Wheatstone, ad esempio, è possibile determinare il valore di una resistenza incognita. Supponendo, infatti, che nella figura 26 R 1 sia la resistenza di valore incognito e che R 2 sia una resistenza variabile, è possibile risalire al valore di R 1 agendo su R 2 fino al raggiungimento della condizione di equilibrio del ponte. In tale condizione vale l'equazione (14) dalla quale: Ovviamente, R 3 e R 4 devono essere di valore noto e deve essere possibile conoscere il valore assunto da R II principio di sovrapposizione degli effetti Il principio della sovrapposizione degli effetti si applica a reti attive e lineari (o linearizzabili) e stabilisce che la corrente in un ramo o la tensione tra due punti può essere calcolata sommando algebricamente le correnti in quel ramo o le tensioni tra quei due punti dovute all'effetto di ogni singolo generatore considerato operante separatamente. Tale principio si rivela molto utile quando nella rete agiscono più generatori contemporaneamente, di tensione e/o di corrente, costanti e/o variabili nel tempo. E' importante aggiungere una nota operativa all'enunciato del principio: per valutare gli effetti di un dato generatore bisogna annullare gli effetti prodotti dagli altri generatori presenti nel circuito. Ciò si ottiene cortocircuitando i generatori di tensione e aprendo i generatori di corrente. Una volta determinati gli effetti di ogni generatore, si procede alla loro sovrapposizione, sommando algebricamente le correnti e le tensioni. 9.6 Il teorema di Thevenin Il teorema di Thevenin stabilisce che una rete elettrica lineare "vista" da una coppia qualsiasi di punti è equivalente a un circuito lineare composto da un generatore di tensione V eq in serie con una resitenza R eq, come mostrato in figura 27. Tale circuito viene spesso indicato con la locuzione di generatore equivalente di Thevenin. Ciò significa che il generatore equivalente di Thevenin presenta, alla coppia di poli considerata, lo stesso legame tensione-corrente presentato dalla rete elettrica originaria. Pertanto, il circuito di Thevenin e la rete data sono equivalenti. pag. 17

18 La resistenza di Thevenin R eq è la resistenza offerta dall'intera rete, oppure, il che è equivalente, è la resistenza "vista" alla coppia di morsetti considerata guardando verso la rete (o la porzione di circuito) di cui si vuole ricavare l'equivalente. La tensione V eq è invece la tensione a vuoto tra tali morsetti. Il valore di R eq si determina annullando gli effetti di tutti i generatori presenti nella rete data e calcolando quindi la resistenza equivalente alla coppia di morsetti considerata della rete puramente resistiva così ottenuta. Il valore di V eq si determina invece calcolando la tensione a vuoto presente alla coppia di morsetti considerata. Si tenga presente che una stessa rete elettrica, "vista" da coppie diverse di suoi capi, risulta equivalente a differenti circuiti di Thevenin L'applicazione del teorema di Thevenin a una parte di circuito Talvolta, per snellire l'analisi di una struttura circuitale complessa, può essere conveniente semplificarne la topologia determinando l'equivalente di Thevenin di una o più parti del circuito che si sta analizzando. Ciò è possibile "scollegando" la porzione di circuito che interessa e calcolandone quindi, separatamente, cioè come circuito a sé stante, l'equivalente di Thevenin L'applicazione del teorema di Thevenin a circuiti contenenti generatori comandati Nei circuiti in cui sono presenti uno o più generatori dipendenti conviene applicare il teorema di Thevenin svolgendo la seguente procedura. Si calcola V eq usando i vari metodi di analisi (come le leggi di Kirchhoff ed il principio della sovrapposizione degli effetti) e si calcola R eq con i seguenti tre passi: si annullano tutti i generatori presenti nel circuito tranne quelli pilotati; si applica ai morsetti, rispetto ai quali deve essere determinato l'equivalente di Thevenin, un generatore di tensione nota V; si verifica se tale generatore impone oppure no nel circuito la presenza della grandezza (tensione o corrente) che comanda il generatore dipendente; se tale grandezza è presente, il relativo generatore dipendente deve essere considerato nel calcolo di R eq. Altrimenti il generatore dipendente deve essere annullato con le solite modalità (aperto se di corrente, cortocircuitato se di tensione); infine si calcola R eq come rapporto tra la tensione V del generatore noto applicato esternamente e la corrente I erogata da questo stesso generatore. Ciò significa che: R eq = V/I 10. Segnali elettrici Un segnale elettrico è la variazione di tensione tra due punti di una rete o la variazione di corrente all'interno di un conduttore. Il concetto di segnale, in elettronica, assume un significato particolarmente importante in quanto esso può rappresentare un veicolo di informazione. Facciamo un esempio. Consideriamo il segnale elettrico prodotto da un sensore di temperatura come l'ad 590. Si tratta di un sensore che fornisce una corrente di 1µA per ogni grado kelvin assunto dalla temperatura dell'ambiente nel quale la sonda è immersa. Se, per esempio, l'ambiente si trova a 20 C, la sonda fornirà una corrente di 293 µa (293 K, infatti, corrisponde a 20 C). Quindi, dalla misura di questa corrente, noi avremo l'informazione relativa al valore della temperatura assunto dall'ambiente. pag. 18

19 Se poi riportiamo in un riferimento cartesiano la successione di queste misure con gli istanti di tempo in cui queste sono state effettuate abbiamo quella che viene definita forma d'onda del segnale (la figura 28 è un esempio di segnale di tensione). Il ruolo svolto da un segnale elettrico quale veicolo di informazione può essere maggiormente rimarcato e, per così dire, esteso all'ambito delle comunicazioni sociali. Supponiamo, infatti, di prendere in considerazione due persone che si trovano in due ambienti diversi e che intendono comunicare fra loro. Nell'ambiente dove risiede il primo individuo c'è un generatore di tensione collegato ad un resistore variabile. La serie di questi due bipoli viene poi estesa fin verso il secondo ambiente dove risiede il secondo individuo - e collegata ad un amperometro (vedi figura 28a). Si viene così a stabilire un sistema di comunicazione. Il primo individuo, facendo variare la resistenza offerta dal resistore variabile, impone nel circuito la circolazione di una corrente di volta in volta differente. E così, il secondo individuo, leggendo sullo strumento il valore della nuova corrente, potrebbe associare, secondo un codice che i due dovrebbero aver prima concertato, un significato di volta in volta diverso. E' utile a questo punto aggiungere un'ulteriore considerazione: se di un segnale elettrico si conosce in anticipo il valore che esso assumerà questi, in realtà, non è portatore di alcuna informazione. Un segnale, quindi, per essere tale dovrebbe innanzitutto essere sconosciuto. Nell'ambito della disciplina dell'elettronica, però, è invalso l'uso di denominare segnale qualunque forma d'onda: nota a priori o meno. Ed anche noi ci avvarremo di tale uso. Per distinguere queste due classi di segnali si usa aggiungere un aggettivo. Sono determinati, quei segnali la cui evoluzione nel tempo è nota a priori (se ne conosce la legge matematica o si dispone di una tabella di valori o di un grafico); sono invece indeterminati o aleatori o stocastici quelli il cui andamento nel tempo non è conosciuto a priori Classificazione dei segnali Vi sono segnali periodici e segnali non periodici. I primi sono tutti quei segnali che ripetono il proprio andamento temporale in successivi intervalli eguali di tempo. Ognuno di questi intervalli è denominato periodo e viene indicato con il simbolo T. Il periodo, che rappresenta un intervallo di tempo, si misura in secondi. In figura 29 vi è qualche esempio di segnale periodico. Un'altra grandezza associata ai segnali periodici è la frequenza. Essa rappresenta il numero di oscillazioni complete che il segnale compie nell'unità di tempo. Si misura in hertz (Hz) ed è legata al periodo dalla relazione: f = 1/T Evidentemente per i segnali non periodici non è possibile affermare la stessa cosa. Sono certamente non periodici tutti i segnali aleatori (vedi figura 30). Ma vi sono anche segnali non aleatori, cioè determinati, che sono però non periodici. Un esempio è costituito dai segnali a gradino, a rampa o esponenziale che analizzeremo in un paragrafo successivo. pag. 19

20 Un'altra caratteristica di classificazione dei segnali è la direzionalità. I segnali possono essere bidirezionali (o bipolari) e unidirezionali (o unipolari). E' bidirezionale un segnale la cui forma d'onda assume nel tempo sia valori positivi che valori negativi. Esempi di segnali bidirezionali sono quelli della figura 29. Nella figura 31, invece, vi sono segnali unidirezionali. di picco-picco. Oltre a caratteristiche qualitative vi sono anche parametri quantitativi che caratterizzano un segnale. Il valore di picco, tra questi, rappresenta il massimo valore che il segnale raggiunge in un periodo. Se è una tensione lo si indica con V p e con I p se è una corrente. Il valore di picco massimo che il segnale assume in un periodo viene anche indicato con il simbolo V MAX (I MAX se è una corrente). Mentre il valore di picco minimo viene indicato con V MIN (I MIN se è una corrente). La differenza tra il valore di picco massimo ed il valore di picco minimo viene anche chiamato valore Il valor medio di un segnale rappresenta il valore che il segnale "mediamente" assume in un certo intervallo di tempo (t 1, t 2 ), con t 1 <t 2, ed è così definito: (15) La figura 32 mostra il significato geometrico del valor medio. Cerchiamo di comprenderlo meglio. Sappiamo, dall'analisi matematica, che l'espressione: rappresenta l'area che la funzione v(t) sottende con l'asse delle ascisse (in questo caso si tratta dell'asse t). Quest'area, nella figura 32, è formata, a sua volta, da due aree più piccole: una positiva, relativa all'intervallo (t 1, t 3 ), e l'altra negativa, relativa all'intervallo (t 3, t 2 ). La somma algebrica di queste due aree è proprio ciò che abbiamo indicato con S. Confrontiamo ora quest'area con quella del rettangolo, che in figura 32, ha per base l'intervallo (t 1, t 2 ) e per altezza V m. Imponiamo che l'area di questo rettangolo sia equivalente ad S. Da tale posizione, quindi, deriva che: S = (t 2 - t 1 ) V m Da cui la definizione di valor medio. Quindi, geometricamente, V m rappresenta l'ordinata che moltiplicata per il segmento (t 2 - t 1 ) fornisce un'area che è uguale a quella individuata da v(t) nell'intervallo (t 1, t 2 ). Il valor medio, quindi, è la media aritmetica di tutti i valori che v(t) assume nell'intervallo considerato. Ora, essendo v(t) una funzione continua, il metodo classico per il calcolo della media aritmetica non è applicabile (dovremmo sommare tutti i valori che v(t) assume nell'intervallo (t 1, t 2 ) e dividerli per il numero complessivo di tali valori). L'analisi infinitesimale ci viene quindi in aiuto fornendoci, per tale calcolo, la relazione (15). Per i segnali periodici il calcolo del valor medio viene eseguito in un intervallo di tempo che coincide con il periodo T (è la scelta più naturale). Per cui la (15) diviene: (16) pag. 20

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN FCA D PNCP D KCHHOFF, DL PNCPO D SOAPPOSZON DGL FFTT, DL TOMA D MLLMAN Un qualunque circuito lineare (in cui agiscono più generatori) può essere risolto applicando i due principi di Kirchhoff e risolvendo

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze:

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze: Grandezze elettriche Serie e Parallelo Legge di Ohm, Principi di Kirchhoff Elettronica Analogica Luxx Luca Carabetta Premessa L elettronica Analogica, si appoggia su segnali che possono avere infiniti

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli