Comune di Gangi Provincia di Palermo Regolamento del Servizio di Provveditorato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Gangi Provincia di Palermo Regolamento del Servizio di Provveditorato"

Transcript

1 Comune di Gangi Provincia di Palermo Regolamento del Servizio di Provveditorato Approvato con delibera G.M. n. 165 del 16/11/2007 1

2 Titolo I Ordinamento generale ed attribuzioni Articolo 1 Normativa 1. Il servizio di Provveditorato è disciplinato dal presente Regolamento e dalla legislazione vigenti in materia. 2. Il presente Regolamento definisce le funzioni attribuite ci servizi comunali di Provveditorato ed Economato e le modalità per il loro espletamento, in conformità ai principi dell ordinamento giuridico della normativa statutaria, regionale e nazionale. Articolo 2 Ordinamento e dotazioni del Provveditorato 1. La posizione e l ordinamento del servizio di Provveditorato nell ambito dell organigramma dei settori comunali, è stabilito dal Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi e dalla relativa dotazione organica. Titolo II Servizio di provveditorato Capo I Compiti e Funzioni di Provveditorato Ar t i col o 3 Attribuzioni generali 1. Il Provveditorato ha competenza generale per gli approvvigionamenti, le forniture, la gestione e la manutenzione dei beni mobili d uso e di consumo necessari per il funzionamento dei servizi dell Ente. 2. Il Responsabile del Provveditorato, sotto il coordinamento del Capo Settore, è responsabile della struttura operativa alla quale sono attribuite le funzioni e le attività oggetto del presente Regolamento, ne organizza il funzionamento al fine di assicurare la migliore utilizzazione e il più efficace impiego delle risorse umane e strumentali allo stesso assegnate. responsabile delle funzioni attribuite, della regolarità e dei buon andamento del servizio. 3. In particolare è compito del Provveditore: a. attivare ogni iniziativa ritenuta idonea al fine di disporre costantemente di un flusso interno di informazioni relative ai fabbisogni di beni e servizi; b. attivare le idonee procedure di approvvigionamento, in relazione alla tipologie, quantità e qualità dei beni e servizi da acquisire come previste dal successivo Articolo4. Rientrano nella competenza degli altri settori esclusivamente le forniture dei beni e servizi a carattere specialistico o tecnologico: (gestione autoparco- materiale elettrico); c. acquisizione di forniture e di servizi per la realizzazione di lavori e per la gestione di servizi; (servizio autoparco; materiale elettrico); d. assumere le funzioni di RUP ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo n.163/2006 per ciascuna delle procedure avviate; 2

3 e. organizzare l'assegnazione dei beni di consumo acquisiti ai servizi del Comune; f. riferire al proprio Capo Settore ed all'amministrazione Comunale di ogni dato, notizia o situazione che risulti opportuna o necessaria alle loro determinazioni. 4. Salvo i casi di cui al punto 3, nessun settore può ordinare direttamente forniture di beni o prestazioni di servizi riservate dal presente Regolamento al Provveditore comunale. 5. L'Amministrazione Comunale non riconosce e non assume!'onere per forniture, lavori e servizi ordinati direttamente a terzi da soggetti non abilitati del presente Regolamento. Articolo 4 Attribuzioni specifiche 1. Le attribuzioni del Provveditorato attengono all'attività negoziale relativa alle forniture di beni e servizi per i quali ricorrono esigenze di omogeneità sostanziale e di standardizzazione qualitativa, ovvero il perseguimento di economie di scala. Rientrano in particolare nella competenza del servizio di Provveditorato: a. L' acquisto e la fornitura dei materiali di cancelleria, carta stampati, toner, cartucce ed altri materiali d'ufficio; b. L'acquisto del materiale di pulizia dei locali; c. La provvista di vestiario al personale avente diritto, in conformità a quanto previsto dall'apposita regolamento; d. L'acquisto di farmaci e prodotti sanitari; e. L'acquisto di piante, fiori e beni di consumo per le ville e il parco urbano; f. La fornitura di gasolio per gli immobili comunali; g. L'acquisto di coppe, medaglie, pergamene ed altri oggetti per premiazioni e cerimonie; h. L'acquisto di beni di rappresentanza nell'ambito di ricevimenti, cerimonie, convegni, gemellaggi, solennità civili e patriottiche, onoranze funebri, ad esclusione delle manifestazioni culturali e di spettacolo; i. L'acquisto di beni strettamente necessari per l'attuazione di ordinanze contingibili ed urgenti del Sindaco o dei Capi Settore; j. La manutenzione e la riparazione dei mobili ed arredi, delle macchine e delle attrezzature di proprietà comunale, al fine di assicurare la buona conservazione e l'efficienza per il normale svolgimento dei servizi; k. La stampa, debitamente autorizzata, di pubblicazioni e manifesti; l. La rilegatura di atti, moduli, documenti, fascicoli utilizzando strutture esterne; m. La tenuta di un elenco dei fornitori in conformità alla normativa vigente; n. La gestione del magazzino del Provveditorato. o. L'acquisto di arredi ed attrezzature di tipo non specialistico. 2. Il servizio di Provveditorato, al di fuori delle fattispecie di cui sopra, non può dar corso a forniture, servizi e prestazioni a favore di terzi, se non a seguito di specifica autorizzazione della Giunta Municipale. 3

4 Capo II Programmazione ed utilizzazione delle forniture e prestazioni ordinarie e straordinarie Articolo 5 Pianificazione del fabbisogno dì beni e servizi ricorrenti e programmabili 1. I Responsabili di Settore devono trasmettere, entro il 30 settembre di ogni anno, le previsioni dei bisogni ricorrenti e programmabili con riferimento a: a) cancelleria, carte, bollettari ed ogni altro materiale di uso e consumo; b) arredi ed attrezzature; c) interventi programmabili di manutenzioni per mobili e quant'altro necessiti con riferimento alle competenze di cui all'art, 4 del presente regolamento. 2. Qualora le previsioni di cui sopra siano superiori ci consumi verificatesi nell'anno precedente, gli incrementi motivati. 3. Le previsioni di cui alla lettera b) devono essere motivate analiticamente e pianificate per un triennio corrispondente al bilancio pluriennale. 4. Per le attrezzature devono essere forniti tutti gli elementi necessari per individuarne le caratteristiche e il costo. 5. L'Amministrazione adotta, per quanto possibile, tipologie uniformi per tutti gli acquisti. 6. Per assolvere alle incombenze indicate all'articolo4 del presente regolamento il "servizio di Provveditorato" provvede con le modalità indicate dal regolamento per la disciplina dei contratti e della vigente legislazione nazionale e regionale per le forni ture di beni e prestazioni di servizi. Articolo 6 Piani di approvvigionamento 1. Ai fabbisogni aventi carattere di continuità e ricorrenti si provvede, di norma. mediante piani di approvvigionamento. 2. Entro il 31 ottobre il Provveditorato predispone il quadro di riepilogo delle previsioni di fabbisogno pervenute e, tenuto conto delle presumibili giacenze di magazzino alla fine dell'esercizio in corso, determina i quantitativi dei quali si prevede l'approvvigionamento per l'esercizio successivo. Applicando agli stessi i prezzi ipotizzabili, determina la spesa occorrente sottoponendola ad apposita conferenza dell'amministrazione comunale e dei capi Settore, al fine di quantificare la spesa da inserire nel bilancio di previsione annuale e pluriennale; 3. Successivamente all'approvazione ed esecutività del bilancio di previsione, il Provveditorato dà corso alle procedure di fornitura in conformità a quanto previsto dal presente regolamento e dagli altri regolamenti comunali. 4. Le richieste di fornitura sono firmate dal Responsabile del Settore o suo sostituto. Nella richiesta è indicata l'unità organizzativa alla quale il materiale è destinato. 4

5 5. Le richieste dei materiali di consumo generici più ricorrenti saranno evase nel rispetto dei tempi concordati con i Responsabili di settore e contenute entro il limite massimo del piano di approvvigionamento. Articolo 7 Forniture per fabbisogni straordinari 1. Le richieste di forniture di carattere straordinaria necessarie per: a. l'attivazione di nuovi servizi, uffici, sedi operative; b. manifestazioni ed iniziative organizzate e realizzate dal Comune; c. rinnovo parziale o integrazione e completamento di arredi, macchine per uffici e attrezzature; dovranno essere programmate e opportunamente motivate dai settori competenti e comunicate al Provveditorato: - fin dal momento della presentazione della proposta di deliberazione, per i casi di cui alle lett. a) e b); - con un congruo anticipo, per le forniture di cui alla lett. c), rispetto ai tempi di approvvigionamento; che provvederà a predisporre gli atti necessari compatibilmente con i vincoli di bilancio. Capo III Norme per la tenuta dell'anagrafe dei fornitori, per le forniture, le prestazioni e per l'esecuzione degli approvvigionamenti Articolo 8 Avviso di gara indicativo 1. Per gli acquisti e le forniture previste dei presente Regolamento in materia di pubblicità delle gare si applicano gli artt. 124 e 125 del Decreto legislativo 12/4/2006 n.163 e le norme previste dal vigente Regolamento dei Contratti non in contrasto con il citato Decreto. Articolo 9 Elenco dei fornitori 1. Il provveditorato curerà la compilazione e l'aggiornamento dell'elenco dei fornitori che, per capacità produttiva, serietà, correttezza e puntualità, possono essere invitati e partecipare alle procedure per l acquisizione di forniture e prestazioni. 5

6 2. L'elenco delle ditte è distinto per gruppi merceologici ed è formato in base alle domande presentate delle varie imprese o per iniziativa dei l'amministrazione comunale e deve essere corredato dalle necessarie notizie di referenze. 3. L'elenco dei fornitori è tenuto, aggiornato e consultato nel rispetto della L. n. 675/96 e delle altre norme in vigore in materia di privacy. L'utilizzo delle informazioni desumibili dall'elenco dei fornitori è strettamente limitato ai compiti d'ufficio. 4. L'iscrizione nell'elenco dei fornitori è di norma condizione per concorrere alle forniture di beni e servizi negoziate tramite trattativa privata e affidamenti in economia, con la sola eccezione delle spese minute ed urgenti, effettuate per il tramite del Servizio Economato, e delle prestazioni d'opera intellettuali (professionali ed artistiche). 5. Qualora l'elenco dei fornitori non rechi nominativi in numero sufficiente, ovvero non comprenda il gruppo merceologico adeguata al fabbisogno specifico, si può procedere in deroga al principio dell'obbligatorietà dell'iscrizione per il fornitore da interpellare, salvo a regolarizzare la iscrizione prima dell'inizio della fornitura su istanza del fornitore stesso. Articolo 10 Modalità generali per gli approvvigionamenti 1. Alle forniture, somministrazioni e prestazioni il "servizio di Provveditorato", provvede con le modalità indicate dal regolamenta per la disciplina dei contratti e della relativa normativa nazionale e regionale; 2. Alle forniture e prestazioni mediante trattativa privata il Provveditorato dispone con i limiti e le modalità di cui al richiamato regolamento dei contratti e dei lavori, servizi e provviste in economia; 3. Che ha rilevato lo stato d'urgenza e che definisce contestualmente l'entità delle spesa. 4. Le richieste di forniture e prestazioni contenenti la qualità e quantità dei beni o servizi da effettuare e le condizioni essenziali alle quali devono essere evase, sono firmate dal Provveditorato. Sull ordinativo viene precisato il settore interessato alla fornitura a prestazione. Articolo 11 Capitatati speciali 1. Il servizio Provveditorato, elabora speciali capitolati; ovvero capitolati denominati "fogli di patti e condizioni" che si rendono necessari per forniture, servizi e prestazioni di particolare natura; per la predisposizione dei capitolati il Provveditorato si avvale del settore o settori comunali competenti in materia o richiedere agli stessi pareri ed indicazioni. 2. I capitolati speciali devono in ogni caso contenere i seguenti elementi: a. Oggetto della fornitura, servizio o prestazione; b. Caratteristiche tecnico-amministrative; c. Ammontare presunto della spesa; d. Programmazione temporale delle forniture. servizi e prestazioni, termini e luoghi di consegna o effettuazione; e. Modalità di collaudo; 6

7 f. Termini dei pagamenti da parte dei Comune, coordinati con i tempi di consegna o effettuazione; g. Penalità applicabili per ritardi nell'effettuazione delle forniture, servizi e prestazioni e per qualsiasi inadempienza; h. Condizioni che definiscono gli obblighi della ditta aggiudicataria verso il Comune; i. Definizione del carico degli oneri relativi alla consegna, imballo, trasporto montaggio, contrattuali, fiscali e simili; j. Clausola che dichiara i prezzi fissi ed invariabili per tutta le durato della fornitura, servizio o prestazione o che ne determina altrimenti le modalità; k. Impegno della ditta aggiudicataria all osservanza delle procedure e condizioni prescritte nell'invito, nel capitolato e nel presente regolamento. 3. Quando l appalto ha per oggetto le forniture, i servizi e prestazioni destinate a soddisfare i bisogni del Comune per un arco di tempo pari o superiore ad un semestre, i capitolati possono prescrivere l'impegno per la ditta aggiudicataria, fermi restando i prezzi, di effettuare la fornitura, servizio o prestazione in più volte. 4. I termini di pagamento decorrono, per ciascuna parte di fornitura, servizio o prestazione dal momento dell'effettuazione. 5. Per le forniture, servizi e prestazioni di minor consistenza finanziaria e quantitativa, possono essere adottati disciplinari o fogli di patti e condizioni, contenenti gli elementi essenziali che definiscono gli obblighi assunti dalla ditta aggiudicataria. Articolo 12 Controlli e collaudi 1. L'assunzione in carico dei beni acquistati deve essere preceduta da un rigoroso accertamento circa l'esatta rispondenza alle caratteristiche tecnico-merceologiche indicate nel capitolato. 2. A fornitura avvenuta il "servizio Provveditorato" accerta direttamente, o per mezzo del settore destinatario, la corrispondenza qualitativa, e quantitativa dei materiali forniti con quelli ordinati e la loro regolare consegna. 3. Qualora siano riscontrate irregolarità o difetti qualitativi o differenze quantitative, esse vengono immediatamente contestate al fornitore per iscritto. Articolo 13 Liquidazione delle forniture, servizi e prestazioni 1. Le ditte fornitrici trasmettono le fatture facendo riferimento alla relative ordinazione. Effettuati i controlli di cui all'articolo precedente, il "servizio di Provveditorato" provvede alla stesura della determina di liquidazione e alla sua trasmissione al "Settore Economico Finanziario per i successivi adempimenti. Articolo 14 7

8 Tenuta del Magazzino 1. La conservazione e la distribuzione dei materiali e beni approvvigionati e non consegnati ai servizi destinatari, avviene in appositi locali in uso o di proprietà dell'amministrazione adibiti a magazzini, posti sotto il coordinamento del Provveditorato. Egli, provvederà o monitorare la gestione del magazzino al fine di assicurare le scorte di materiali di consumo e di attrezzature necessarie o garantire la funzionalità dei servizi comunali; opererà, altresì per il conseguimento della progressiva riduzione delle merci depositate in magazzino, al fine di non costituire depositi eccessivi di materiali che possono deteriorarsi. 2. Il Provveditorato, mediante periodiche verifiche, procederà all'accertamento: a. della buona conservazione e manutenzione dei materiali depositati e della loro distribuzione, che deve avvenire dando la precedenza e quelli introdotti da più tempo; b. che per i materiali non più suscettibili di proficua riparazione ed inservibili sia avviata lo procedura per la dichiarazione di fuori uso. 8

CITTÁ DI OZIERI Tzittade de Otieri. Regolamento del Servizio Economato

CITTÁ DI OZIERI Tzittade de Otieri. Regolamento del Servizio Economato CITTÁ DI OZIERI Tzittade de Otieri Regolamento del Servizio Economato Approvato all unanimità con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 21 aprile 2008. Esaminato dalla Commissione Finanze e Bilancio

Dettagli

Istituto Superiore di Stato

Istituto Superiore di Stato Istituto Superiore di Stato Giovanni Falcone Viale dell Europa Unita, 13 80078 Pozzuoli (Na) Tel. 081.8665200 Fax 081.8046382 Via Domiziana, 150 80012 Licola di Pozzuoli (Na) Tel. 081.8678156 e-mail: nais06200c@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE Art. 1 Il servizio di economato di questo comune, istituito dall art. 83 del Regolamento Comunale di Contabilità, è in accordo con la normativa vigente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «Basilio Focaccia» via Monticelli 1 Fuorni 84131 Salerno TEL. 089 301704 FAX 089 3055189 C.F. 80023050653 C.M. SATF06000P web www.itisfocaccia.it e mail satf06000p@istruzione.it

Dettagli

C I T T A DI MODUGNO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO E PROVVEDITORATO

C I T T A DI MODUGNO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO E PROVVEDITORATO C I T T A DI MODUGNO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO E PROVVEDITORATO approvato con deliberazione di n. 67 in data 23/05/2013 1 I N D I C E Capo 1 - ORDINAMENTO GENERALE Art. 1 Scopo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE L'UTILIZZAZIONE E L AGGIORNAMENTO DELL ELENCO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE L'UTILIZZAZIONE E L AGGIORNAMENTO DELL ELENCO DEI FORNITORI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Calusco d Adda (BG) Piazza S. Fedele, 258 24033 CALUSCO D ADDA (BG) TEL. : 035/791286 FAX: 035/4380675 Email: bgic833004@istruzione.it

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO/PROVVEDITORATO E DELLA CASSA ECONOMALE

PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO/PROVVEDITORATO E DELLA CASSA ECONOMALE PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO/PROVVEDITORATO E DELLA CASSA ECONOMALE Approvato dal C.P. con delibera n. 117 del 06.04.2004 Aggiornamento dei limiti di valore con delibera G.P.

Dettagli

SOCIETA' JESOLO PATRIMONIO S.r.l. REGOLAMENTO SOCIO UNICO COMUNE JESOLO

SOCIETA' JESOLO PATRIMONIO S.r.l. REGOLAMENTO SOCIO UNICO COMUNE JESOLO SOCIETA' JESOLO PATRIMONIO S.r.l. SOCIO UNICO COMUNE JESOLO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LATENUTA DELL'ELENCO DELLE IMPRESE E DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

Dettagli

Parma Gestione Entrate S.p.A.

Parma Gestione Entrate S.p.A. Parma Gestione Entrate S.p.A. Regolamento per la disciplina delle spese in economia e dei relativi contratti (approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2013) Art. 1 Oggetto del

Dettagli

CITTÀ DI ISCHIA. Provincia di Napoli. Seduta del 23/05/2007 N. 141 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

CITTÀ DI ISCHIA. Provincia di Napoli. Seduta del 23/05/2007 N. 141 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO CITTÀ DI ISCHIA Provincia di Napoli ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DI COMMISSARIO STRAORDINARIO Seduta del 23/05/2007 N. 141 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO IL COMMISSARIO

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Titolo I SCOPI, FINALITA', LIMITI Art. 1 Scopi e contenuti del regolamento 1. Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare i criteri

Dettagli

Albo Fornitori DISCIPLINA

Albo Fornitori DISCIPLINA C O M U N E D I T A R V I S I O P R O V I N C I A DI U D I N E Albo Fornitori DISCIPLINA Articolo 1 Oggetto 3. Il presente disciplinare regola l istituzione, fissa i criteri per l iscrizione e stabilisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CEPRANO Via D.L.Catelli Ceprano tel.fax 0775914060 e mail certificata fric83100r@ pec.istruzione.it e mail istituzionale

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE Distretto XV - Via V. Olcese, 16-00155 ROMA - Tel. (06) 2301748-23296321

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UFFICIO ECONOMATO

REGOLAMENTO PER L UFFICIO ECONOMATO Comune di Cicciano (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. del.. 1 INDICE CAPO 1 - ORDINAMENTO GENERALE Art. 1 Scopo del regolamento

Dettagli

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Allegato B COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 10.02.2012 ESECUTIVO DAL 27.02.2012

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. n.7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art.

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art. DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA (approvate dal 25/9/2007) Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del Art. 1 Oggetto Le presenti disposizioni disciplinano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI Sommario CAPO I - OGGETTO E SCOPO... 2 Art. 1 - Oggetto... 2 Art. 2 - Scopo... 2 CAPO II - DISPOSIZIONI GENERALI... 2 Art. 3 - Campo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I s t i t u t o C o m p r e n s i v o A l t o V e r b a n o

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I s t i t u t o C o m p r e n s i v o A l t o V e r b a n o REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 - NORMATIVA DI RIFERIMENTO ART. 3 OBBLIGHI E FACOLTA

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo

COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo Regolamento del Servizio di Provveditorato ed Economato Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 149 del 30/11/2010 Titolo I - Disposizioni generali e attribuzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA(approvato con deliberazione del C.d.A. n. 54 del 6.3.2002 e come modificato

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA(approvato con deliberazione del C.d.A. n. 54 del 6.3.2002 e come modificato REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA(approvato con deliberazione del C.d.A. n. 54 del 6.3.2002 e come modificato con deliberazione del C.d.A. n.78 del 06/05/2008). Articolo

Dettagli

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine Pag. 1 COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, PROVVISTE E SERVIZI (Approvato con deliberazione consiliare commissariale n. 48 dd. 29.11.2005) 1 Pag. 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con delibera di Consiglio dell Unione N 05 del 24 maggio 2007 Il Presidente (dott. Domenico Salvi) Il Segretario dell Unione (dott.

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI BARI

CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI BARI CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI BARI Regolamento di Economato (Approvato con deliberazione dell assemblea dei soci del 25 giugno 2009 n. 2) Consorzio per l Area di Sviluppo Industriale

Dettagli

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia Istituto di Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna Sede legale Via Fura, 96 C.F. 98092990179-25125 Brescia Tel. 030.3533151 030.3534893 Fax 030.3546123 e-mail: iabrescia@provincia.brescia.it sito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI MINISTERO DELL' ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TOLFA C.U. VIA LIZZERA (Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria I Grado) Cod. Min. RMIC89400P

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 Approvato con deliberazione n. 03/2012 del Consiglio di Istituto del 07/02/2012 INDICE ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA.

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento tenuto conto delle specifiche esigenze dell Ente disciplina il

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI E PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA (Emanato con D.R. n. 813/2002-03 del 9 giugno 2003 pubblicato nel Bollettino Ufficiale di

Dettagli

REGOLAMENTO DI PIANIFICAZIONE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL APPROVVIGIONAMENTO DEI DISPOSITIVI MEDICI

REGOLAMENTO DI PIANIFICAZIONE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL APPROVVIGIONAMENTO DEI DISPOSITIVI MEDICI REGOLAMENTO DI PIANIFICAZIONE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL APPROVVIGIONAMENTO DEI DISPOSITIVI MEDICI Il presente Regolamento è adottato al fine del raggiungimento degli obiettivi di efficacia, efficienza

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina il sistema delle procedure per l acquisizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art.1 Oggetto Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 6 del Regolamento per l amministrazione e la contabilità disciplina l acquisizione di forniture e servizi in economia del Consorzio Interuniversitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO Provincia di Catania 3^ Struttura Provveditorato REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento e fonti normative

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL COMANDANTE N. 764 DEL 06/10/2014 ACQUISTO AUTOMEZZO RENAULT CLIO PER IL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE MUNITO DI KIT ALLESTIMENTO BASE E KIT ALLESTIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Istituto nazionale di statistica REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24

Dettagli

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Delibera del D. G. n 165 del 16/09/2010 Delibera del D. G. n 142

Dettagli

professionalità, con l'obiettivo di garantire all amministrazione appaltante i migliori prezzi di mercato riferiti ai prodotti assicurativi

professionalità, con l'obiettivo di garantire all amministrazione appaltante i migliori prezzi di mercato riferiti ai prodotti assicurativi PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE BILANCIO E PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO SERVIZIO DI ASSISTENZA E DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO IN FAVORE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E DEL COMUNE DI MARZABOTTO

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 251 DEL 17/04/2015 AFFIDAMENTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CATTOLICA, PERIODO 2015/2017 - PROCEDURA NEGOZIATA

Dettagli

COMUNE DI INVERSO PINASCA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA

COMUNE DI INVERSO PINASCA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA COMUNE DI INVERSO PINASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 27/09/07

Dettagli

Regolamento per l' istituzione e la gestione dell'albo Fornitori di BENI, SERVIZI e LAVORI

Regolamento per l' istituzione e la gestione dell'albo Fornitori di BENI, SERVIZI e LAVORI Foggia 27-06 -2014 prot. n 4563 Regolamento per l' istituzione e la gestione dell'albo Fornitori di BENI, SERVIZI e LAVORI VISTO l art.125 del D.Lgs. 163/2006 - Lavori, servizi e forniture in economia

Dettagli

Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi

Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi "GAL DEL LARIO SOCIETA' CONSORTILE A RESPONSABILITA' LIMITATA". Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Allegato alla deliberazione del consiglio comunale 52 del 24 luglio 2003 1 ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento stabilisce

Dettagli

BANDO DI GARA - Capitolato d'appalto - n. gara 4849383

BANDO DI GARA - Capitolato d'appalto - n. gara 4849383 CONVITTO NAZIONALE MARCO FOSCARINI con annesse Scuole Primaria Secondaria di I gr. Liceo Ginnasio Ordinamentale ed Europeo Cannaregio 4941/4942 VENEZIA 30131 Tel. 041/5221970 Fax 041/5239698 Prot. n.1264/c14

Dettagli

COMUNE DI PRESICCE "CITTA' DEGLI IPOGEI" PROVINCIA DI LECCE AREA AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI PRESICCE CITTA' DEGLI IPOGEI PROVINCIA DI LECCE AREA AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI PRESICCE "CITTA' DEGLI IPOGEI" Copia PROVINCIA DI LECCE AREA AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO REG. GEN.LE N. 772 DEL 31/12/2013 OGGETTO: Acquisto materiale informatico.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 90 in data: 13-10-2009

DELIBERAZIONE N. 90 in data: 13-10-2009 COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino DELIBERAZIONE N. 90 in data: 13-10-2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ADOZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE OPERE PUBBLICHE

Dettagli

COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA E PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione CC n. 41 del 31/07/2002

Dettagli

Disciplinare. ART. 1 Istituzione dell'elenco

Disciplinare. ART. 1 Istituzione dell'elenco ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI ASCOLI PICENO - ex art.125 comma 12 del D.legislativo 12.4.2006 n.163 (approvato con determinazione

Dettagli

"#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE !!"#$!% &!"#$! ''' ##&"!!%( )* +, "#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE VISTE le norme sull autonomia delle istituzioni scolastiche

Dettagli

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari)

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) ISTITUTO COMPRENSIVO D AOSTA Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) Prot. 5023/C14 Ottaviano, 27/12/2013 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini ADEMPIMENTI CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE (art 124 D.Lgs 267/2000 ss.mm.) La presente determinazione dirigenziale è stata pubblicata in data odierna all'albo pretorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ALBO IMPRESE PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA - COTTIMO FIDUCIARIO.

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ALBO IMPRESE PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA - COTTIMO FIDUCIARIO. ENTE DI DIRITTO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ALBO IMPRESE PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA - COTTIMO FIDUCIARIO. IL RESPONSABILE DELL AREA TECNICA VISTI -

Dettagli

Università degli studi di Messina

Università degli studi di Messina Università degli studi di Messina REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI CHE POSSONO ESSERE ESEGUITI IN ECONOMIA Art. 1 - Ambito di applicazione (aggiornamento D.R. 14 febbraio 2006 n.234)

Dettagli

COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 32 DEL 20.06.2011 1 I N

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER L'EFFETTUAZIONE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA DEL COMUNE DI TORTONA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 dell 11/03/2015. Sommario

Dettagli

COMUNE DI FERRARA DI MONTE BALDO

COMUNE DI FERRARA DI MONTE BALDO COMUNE DI FERRARA DI MONTE BALDO (Provincia di Verona) 1. Premessa. Il Comune di Ferrara di Monte Baldo, come ogni altra amministrazione pubblica, a seguito dell entrata in vigore del D. Lgs. n. 150/2009,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI SERVIZI E LAVORI MEDIANTE UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI E DELLE IMPRESE DI FIDUCIA

REGOLAMENTO PER L'ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI SERVIZI E LAVORI MEDIANTE UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI E DELLE IMPRESE DI FIDUCIA REGOLAMENTO PER L'ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI SERVIZI E LAVORI MEDIANTE UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI E DELLE IMPRESE DI FIDUCIA (Delibera IRCAC n.868) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Oggetto: ACQUISTO MATERIALE TIPOGRAFICO '' DIVORZIO BREVE- SEPARAZIONI CONSENSUALI'' PER IL

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE PORTOGRUARO SAN DONA DI PIAVE REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE PORTOGRUARO SAN DONA DI PIAVE REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Deliberazione C.D.A. N. 52 DELL 8/06/2012 CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE PORTOGRUARO SAN DONA DI PIAVE REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA ART. 1 Il presente

Dettagli

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015

Dettagli

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA A l l e g a t o A ) CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA L'anno... il giorno... del mese di... presso la sede della Comunità Montana dei Monti Sabini Tiburtini Cornicolani Prenestini, in

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA -

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO Prot. 14527/MAN Martellago lì, 17/06/2015 AVVISO PUBBLICO PER L'ISTITUZIONE E L'AGGIORNAMENTO DELL'ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI PER

Dettagli

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A ALLEGATO 1) FORNITURA MATERIALE ELETTRICO REDATTO DALL ASSISTENTE TECNICO SORANZO LORIS VISTO: IL DIRETTORE S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Arch. Antonietta PASTORE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

COMUNE DI CASIER CAPITOLATO D ONERI. per il servizio di noleggio full service di macchine fotocopiatrici digitali per gli Uffici comunali

COMUNE DI CASIER CAPITOLATO D ONERI. per il servizio di noleggio full service di macchine fotocopiatrici digitali per gli Uffici comunali COMUNE DI CAER CAPITOLATO D ONERI per il servizio di noleggio full service di macchine fotocopiatrici digitali per gli Uffici comunali Art. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto il noleggio full-service

Dettagli

AVVISO. La Responsabile del Procedimento Dott.ssa Maria Teresa Piras

AVVISO. La Responsabile del Procedimento Dott.ssa Maria Teresa Piras AVVISO Oggetto: procedura negoziata mediante cottimo fiduciario per la fornitura, per il periodo di due anni, di PROTESI MAMMARIE, ESPANSORI MAMMARI ED ESPANSORI TISSUTALI E DISPOSITIVI MEDICI destinati

Dettagli

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato REGOLAMENTO PER UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 7 in data 13.04.2011 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO APPROVATO DALLA GIUNTA DI UNIONCAMERE LAZIO CON DELIBERAZIONE N. 64 DEL 30 SETTEMBRE 2013 Articolo 1 Definizione 1. L Unioncamere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA approvato con Delibera Commissariale n. 28 del 26/09/2011

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE. della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE. della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE della Camera di Commercio di Livorno Approvato dalla Giunta camerale con deliberazione n. 17 del 7 marzo 2014 INDICE Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2

Dettagli

STORIA DELLE VARIAZIONI

STORIA DELLE VARIAZIONI RESPONSABILITÀ Funzione Nome Data Redatto da Donatella Diotti 11/01/2012 Controllato e Approvato da Sergio Duretti, Paola Mascarello 12/01/2012 Emesso da Sergio Duretti 18/01/2012 STORIA DELLE VARIAZIONI

Dettagli

Bando d iscrizione per l aggiornamento dell Albo dei Fornitori per l acquisizione in economia di beni e servizi

Bando d iscrizione per l aggiornamento dell Albo dei Fornitori per l acquisizione in economia di beni e servizi Bando d iscrizione per l aggiornamento dell Albo dei Fornitori per l acquisizione in economia di beni e servizi approvato dal CdA del 12/03/2014 verbale n. 4/2014 I.R.VA.T. Istituto per la Valorizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER LA GESTIONE DEI DERVIZI SOCIALI DELL AREA GROSSETANA REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Limite di valore 50.000 euro 1 Art. 1 Oggetto La

Dettagli

Art. 1 Istituzione dell'elenco. Art. 2 Procedura per la formazione dell'elenco Operatori Economici

Art. 1 Istituzione dell'elenco. Art. 2 Procedura per la formazione dell'elenco Operatori Economici ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DA INTERPELLARE PER L'AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI PROGETTAZIONE, DIREZIONE LAVORI ED ATTIVITÀ ACCESSORIE DI IMPORTO STIMATO INFERIORE A 100.000,00 Art. 1 Istituzione dell'elenco

Dettagli

Allegato al D.R. n.1482/04 del 1 dicembre 2004 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE

Allegato al D.R. n.1482/04 del 1 dicembre 2004 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE INDICE Art.1 - Oggetto del Regolamento Art.2 - Responsabile del procedimento dei lavori in economia Art.3 - Forma

Dettagli

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI approvato in occasione della seduta del Consiglio

Dettagli

Regolamento per l attività negoziale per la fornitura di beni e servizi

Regolamento per l attività negoziale per la fornitura di beni e servizi MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it sito:

Dettagli

gruppo Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PTTI - 2015-2017

gruppo Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PTTI - 2015-2017 gruppo Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PTTI - 2015-2017 Sommario: gruppo gruppo Con il Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 (PTTI) la Società intende rendere

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI SETTORE PROMOZIONE SOCIALE

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI SETTORE PROMOZIONE SOCIALE COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI SETTORE PROMOZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI

Dettagli

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA PATRIMONIO E LAVORI PUBBLICI REGISTRO Determinazioni nr. 91 Del 24/03/2014 Esecutiva dal 24/03/2014 OGGETTO:

Dettagli

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE CAPO I Servizio di economato Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO FORNITURE, SERVIZI, INCARICHI, ASSUNZIONI

REGOLAMENTO FORNITURE, SERVIZI, INCARICHI, ASSUNZIONI F-DOC-02 rev03 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI, DEL CONFERIMENTO DI INCARICHI E DEL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina le forniture

Dettagli

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Politiche e Procedure per l'acquisto in economia di beni e servizi Politiche In ragione della

Dettagli

FARMACIA CONCORDIA SRL

FARMACIA CONCORDIA SRL FARMACIA CONCORDIA SRL REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DA PARTE DELLA SOCIETA FARMACIA CONCORDIA SRL AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 (Approvato dal

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Adottato con deliberazione C.C. n. 18 del 19.04.2002 Modificato con deliberazione C.C. n. 24 del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

e, Ai per Capo conoscenza: Sede Sede

e, Ai per Capo conoscenza: Sede Sede DIPARTIMENTO DELL 'AMMINISTRAZIONE Direzione Generale delle Risorse materiali, dei Ai Proweditori Loro Sedi Lettera Circolare e, Ai per Capo conoscenza: del Dipartimk. Amministrazione Penit Sede 1 Al Vice

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO . COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n

Dettagli

Art. 1 Settori di intervento

Art. 1 Settori di intervento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1953/1173 del 5.7.1991 di revoca della deliberazione 574

Dettagli

RITENUTO DATO ATTO ESPLETATE RITENUTO TENUTO CONTO CONSIDERATO ATTESO VISTO Esercizio provvisorio e gestione provvisoria, DATO ATTO VISTO VISTO

RITENUTO DATO ATTO ESPLETATE RITENUTO TENUTO CONTO CONSIDERATO ATTESO VISTO Esercizio provvisorio e gestione provvisoria, DATO ATTO VISTO VISTO ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE POLIZIA MUNICIPALE E DEMOGRAFICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 62 DEL 14/04/2014 OGGETTO: FORNITURA MATERIALE DI CANCELLERIA

Dettagli

COMUNE DI CARRARA GESTIONE DELLO SPORTELLO CENTRO DI ASCOLTO DONNA CHIAMA DONNA

COMUNE DI CARRARA GESTIONE DELLO SPORTELLO CENTRO DI ASCOLTO DONNA CHIAMA DONNA COMUNE DI CARRARA GESTIONE DELLO SPORTELLO CENTRO DI ASCOLTO DONNA CHIAMA DONNA In attuazione degli indirizzi di programmazione degli interventi relativi alle politiche giovanili da parte dell Assessorato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DM 2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DM 2015 Comune di Ravenna Area: COORDINAMENTO, CONTROLLO ECONOMICO FINANZIARO E PARTECIPAZIONI Servizio Proponente: U.O. PROVVEDITORATO Dirigente Responsabile: DOTT. RUGGERO STABELLINI Cod. punto terminale: PROVV

Dettagli