Relazione illustrativa del progetto o iniziativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione illustrativa del progetto o iniziativa"

Transcript

1 CHIEDE ai sensi e per le finalità di cui alla Legge 136/2010 che tutti i pagamenti riguardanti il contributo assegnato per il sopra citato progetto, siano effettuati esclusivamente tramite lo strumento del bonifico appoggiato sul conto sopra indicato. Data, 13 gennaio 2012 Firma del legale rappresentante Modulo per la relazione illustrativa dell intervento e piano finanziario Relazione illustrativa del progetto o iniziativa Titolo dell iniziativa FAMILY ANGELS Un Servizio che Serve - Nuove idee per la conciliazione dei tempi vita/lavoro Finalità dell iniziativa Indicare tra le seguenti finalità quella/e più coerente/i con l iniziativa (massimo 3) I_I a - diffondere la cultura di genere e delle pari opportunità tra uomini e donne a livello locale; IXI b - rafforzare, attraverso azioni specifiche, delle condizioni e delle competenze delle donne; I_I c - promuovere la consapevolezza ed il superamento degli stereotipi di genere; I_I d - sostenere la presenza equilibrata di uomini e donne negli ambiti in cui sono sottorappresentati; IXI e - approfondire e migliorare la conoscenza delle situazioni e condizioni di vita di uomini e donne; IXI f - ridurre eventuali disparità di genere. Se l iniziativa prevede dei partner, elencarli di seguito (ATTENZIONE!!! Perché le collaborazioni siano ritenute valide, per ciascun partner elencato dovrà essere presentata, in allegato al presente formulario, una lettera di intento sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto partner in cui vengono descritte le modalità attive di collaborazione) Partner 1: Comunità della Vallagarina (collaborazione tra più soggetti finanziabili) Partner 2: Comune di Pomarolo (coinvolgimento zone periferiche) Partner 3: Comune di Volano (coinvolgimento zone periferiche) Partner 4: Comune di Vallarsa (coinvolgimento zone periferiche) Partner 5: Comune di Isera (coinvolgimento zone periferiche) Partner 6: Comune di Calliano (coinvolgimento zone periferiche) Partner 7: Fondazione Famiglia Materna (collaborazione tra più soggetti finanziabili) Partner 8: Cooperativa Punto D Approdo (collaborazione tra più soggetti finanziabili)

2 Presenza di certificazione Family Friendly Indicare, se presenti, i marchi Family Friendly in capo al soggetto proponente o agli eventuali partner I nostri partner sono provvisti del marchio Family Friendly. Contesto e analisi dei bisogni Descrivere il contesto territoriale/organizzativo in cui l iniziativa si inserisce ed i bisogni relativi alle pari opportunità a cui si intende rispondere Il progetto FAMILY ANGELS si rivolge alla città di Rovereto e alla Comunità della Vallagarina, area in cui, come evidenziato nel XXVI Rapporto sull occupazione redatto dall Agenzia del Lavoro della Provincia di Trento, la disparità di occupazione tra uomini e donne è più manifesta che nelle altre zone del trentino, inoltre la Vallagarina è il territorio trentino dove la crisi sta colpendo maggiormente anche dal punto di vista occupazionale che accentua ulteriormente le disparità anche di genere. La Vallagarina è un territorio in cui le donne risultano essere impiegate soprattutto nella Pubblica Amministrazione, nella sanità, nei servizi, nel credito, nelle assicurazioni e nel commercio (come rileva uno studio dell Osservatorio del mercato del lavoro a cura dell Agenzia del lavoro di Trento su Le astensioni delle donne in periodo di maternità e puerperio pubblicato nel giugno 2008). La difficoltà di conciliazione famiglia-lavoro rappresenta ancora per le donne trentine uno dei principali vincoli per il raggiungimento effettivo delle pari opportunità nei percorsi di accesso, di crescita professionale e di retribuzione. La non sempre sufficiente offerta di servizi adeguati per soddisfare i bisogni di aiuto specifico delle famiglie, la complessiva poca formazione delle persone disposte ad occuparsi dei servizi per la casa e per la famiglia presenti sul mercato del lavoro e una carenza di efficacia nell incontro domanda/offerta delle prestazioni esistenti portano le donne ad avere problemi nel delegare la cura dei propri cari o della casa; delegare, infatti, significa aver fiducia in chi sostituisce. Il senso di colpa e il timore di un assistenza non qualificata inducono le famiglie ad una non soddisfazione rispetto i servizi ricevuti, con una conseguente rinuncia del lavoro da parte delle donne, un impoverimento delle medesime e un inevitabile perdita di produttività su scala nazionale. L'abbandono del posto di lavoro da parte delle donne, soprattutto se in relazione alla maternità, in particolare alla nascita del primo figlio, alla cura di un anziano o di una persona non autosufficiente, riflette una quota importante delle difficoltà che caratterizzano il mondo dell'occupazione femminile e che impediscono un'effettiva parità di accesso e possibilità di crescita professionale. I servizi pubblici di cura dei bambini non rispondono alla flessibilità che invece oggi è richiesta nel mondo del lavoro e spesso deve essere integrata con la presenza di una persona (baby-sitter) esterna alla famiglia che però spesso non gode di una formazione specifica. Per quel che riguarda, poi, la cura dell anziano, l'assistenza assicurata dalle badanti prevalentemente non è qualificata e mal si addice per affrontare patologie e pluri-patologie complesse che caratterizzano gli over 75, spesso le famiglie si trovano a sommare il servizio di badantato a quello dell assistenza domiciliare con una crescita di complessità di gestione della cura e le risorse economiche investite che diventano spesso non sostenibili da parte dei nuclei familiari. Per le donne che invece scelgono l assistenza familiare come lavoro, la non formazione e la scarsa organizzazione dell incontro domanda offerta le rendono vittime di una concezione, ormai anacronistica, che l assistenza familiare non rappresenta un vero e proprio lavoro da regolarizzare e tutelare e di conseguenza dell ampio mercato del lavoro informale e non regolato esistente. Inoltre le famiglie che intendono avvalersi di un servizio di assistenza domestica, per problematiche legate alle pulizie, assistenza anziani o bambini, non sanno a chi rivolgersi e quindi ci si basa sul passaparola o sulla conoscenza personale, senza però avere garanzie delle persone che iniziano ad operare presso le proprie mura domestiche accudendo ai propri cari. Il presente progetto si propone di preparare e formare queste donne per metterle in grado di operare in un contesto socio-economico nel quale persone anziane, disabili o bambini, in ogni caso in condizioni di non autosufficienza e di dipendenza, chiedono, apertamente o implicitamente, che venga tutelato il proprio diritto alla domiciliarità, ricevendo a casa le cure giornaliere indispensabili. Il progressivo invecchiamento della popolazione che caratterizza l Italia rappresenta, da un lato, una grande conquista derivante dall allungamento della speranza di vita, dall altro, un aspetto cui conseguono problematiche relative all assistenza delle persone più anziane, maggiormente soggette al rischio di patologie e di perdita di autosufficienza. Per rispondere ad un crescente bisogno di cura, in Italia così come in altri paesi dell Europa, si è affermato un sistema di welfare basato sull impiego

3 diffuso di lavoratrici nella cura degli anziani o disabili presso le famiglie, molte volte richieste anche come bay-sitter. Lo scopo quindi è quello di fornire gli strumenti, le capacità e le competenze necessarie per sapersi prendere cura nel modo più attento e corretto possibile di queste categorie di utenze in un contesto famigliare. Tale progetto risponde quindi alle esigenze evidenziate dalla PAT in merito alla riqualificazione delle risorse umane in vista di una maggiore occupabilità, ma risponde anche alle esigenze delle famiglie che per vari motivi richiedono la presenza di queste figure di supporto nel contesto familiare, assicurando loro la professionalità e la serietà dell assistente a domicilio. Questo percorso rappresenta, una grande opportunità anche per soggetti momentaneamente escluse dal mercato del lavoro, attraverso l acquisizione di nuove competenze, potranno ben presto ritrovare una posizione lavorativa. Si tratta, infatti, di una professione socialmente molto utile, sia perché fa risparmiare allo Stato Sociale risorse che altrimenti sarebbero spesi in strutture sanitarie pubbliche e cure assistenziali, sia perché garantisce una soluzione alle molte donne che per motivi economici e lavorativi non riescono da sole a prendersi cura dei cari non indipendenti. Per una famiglia italiana su dieci, colf e badanti sono ormai indispensabili. Sono infatti 2 milioni e 451 mila le famiglie che ricorrono a un collaboratore domestico, ad una baby-sitter o all'assistenza per un anziano o un disabile, cioè il 10,5% del totale. Lo rileva il Censis: in Italia lavorano 1,5 milioni di colf e badanti. E anche in Trentino, come evidenziato dalle recenti ricerche è sempre più alta la richiesta delle famiglie che richiedono la presenza di una figura esterna di aiuto per garantire assistenza e accadimento ai propri figli o cari non autosufficienti. Quasi il 50% vive stabilmente presso la famiglia per cui lavora, dove si occupa dell organizzazione della vita quotidiana a 360 gradi: pulizia della casa, preparazione pasti, spesa alimentare, accadimento e cure, garantendo, in alcuni casi, anche una specifica assistenza medica ad uno o più membri della famiglia. L assistente familiare è una figura con caratteristiche pratico-operative, la cui attività è rivolta a garantire assistenza a persone autosufficienti e non, nelle loro necessità primarie, favorendone il benessere e l autonomia all interno del clima domestico-familiare; è in grado, inoltre, di relazionarsi con la rete dei servizi territoriali, pubblici e privati, al fine di assicurare assistenza e garantire opportunità di accesso a tali servizi alle persone non in grado di svolgere in autonomia gli adempimenti connessi. Nel quadro sopra esposto l Associazione di Promozione sociale DxD vuole proporre una serie di azioni positive volte a far fronte al bisogno di armonizzazione dei tempi di lavoro con la gestione della vita familiare al fine di favorirne la conciliazione ed incrementare l occupazione sia delle donne lavoratrici con carichi familiari, sia delle ormai numerosissime donne che scelgono il mestiere di assistente familiare. Questo progetto cerca inoltre, attraverso la creazione di registri che certificano il progetto formativo delle donne, e attraverso la collaborazione con le amministrazioni comunali di avvicinare la domanda e l offerta su una base più territoriale, ritendendo che questo possa facilitare un rapporto fiduciale. I/le componenti del Consiglio Direttivo dell Associazione hanno progettato e realizzato, numerose iniziative con finalità affini: Il TEMPO DELLE DONNE studio di fattibilità per avviare la professione di assistente familiare, I LAVORI DI TUTTI I GIORNI QUALIFIC-A-ZIONE del lavoro di assistenza e cura delle persone, della casa e dell' ambito familiare con l integrazione del percorso formativo CASA FELICE: Assistenti familiari qualificate e PENELOPE : tessere le reti per l economia familiare. La nostra A.P.S. inoltre ha collaborato in qualità di partner con il progetto finanziato sul bando in scadenza gennaio 2012 proposto dalla Comunità della Vallagarina Donne nell economia solidale tutti progetti volti a favorire, attraverso azioni di formazione e crescita culturale, l inserimento lavorativo delle donne in difficoltà lavorativa, ma anche volti a favorire la permanenza, attraverso la conciliazione dei tempi lavoro, delle donne che sono inserite nei processi lavorativi. Obiettivi dell iniziativa Descrivere gli obiettivi relativi alle pari opportunità che si intendono perseguire attraverso l iniziativa proposta e la rispondenza dell iniziativa ai bisogni rilevati sul territorio In particolare, il progetto FAMILY ANGELS intende promuovere azioni positive volte a: - Rispondere ai bisogni di conciliazione dei tempi di vita e lavoro delle donne proponendo forme di autorganizzazione fondate sulla condivisione del problema e delle difficoltà con altre donne e con le famiglie che si ravvisano nella situazione di bisogno dell assistente familiare; - Favorire la richiesta di flessibilità e capillarità dei servizi alla famiglia, legati al mutamento

4 delle condizioni di lavoro (contratti atipici, turni, orari incompatibili con i servizi tradizionali); - Conferire conoscenze specifiche e abilità operative inerenti il profilo professionale dell assistente familiare, quale operatrice qualificata di servizi di supporto al ménage familiare (cura dell igiene e pulizia degli spazi e delle faccende domestiche, cura e assistenza alle persone, in particolare bambini e anziani); - Qualificare attraverso la formazione l offerta di lavoro femminile nel campo dei servizi di assistenza domestica e familiare (colf, badanti, baby sitter, et.) fino ad arrivare alla creazione di un REGISTRO, seguendo l esempio di numerose iniziative in ambiti nazionali; - Incrementare l occupazione femminile con basso profilo professionale e difficoltà di accesso al mercato del lavoro, spesso donne straniere, over 45/50 o espulse dal mercato del lavoro; - Rafforzare, attraverso specifiche azioni alcune condizioni e competenze delle donne;con particolare attenzione a soggetti svantaggiati. - Promuovere la consapevolezza e il superamento degli stereotipi di genere; riducendo la disparità di genere nell'accesso al mercato del lavoro. - Ridurre il precariato e far emergere l alto tasso del lavoro irregolare legato ai servizi di assistenza familiare, secondo dati ISTAT il sommerso in questo settore supera il 50%; -Sopperire alle difficoltà e alla complessità dell incontro domanda-offerta incrociare le competenze di chi cerca occupazione con le esigenze delle lavoratrici che hanno bisogno di aiuto nell ambito dell assistenza familiare; - Intervenire a sostegno delle famiglie le quali riscontrano oggettive difficoltà ad adempiere le procedure proprie di un datore di lavoro e ad assumere una funzione (datore di lavoro appunto) del tutto nuova in un contesto a forte valenza emotiva, di frequente le famiglie non conoscono a fondo il contratto collettivo nazionale che regola il lavoro di assistente familiare e la normativa correlata; - Creare una rete tra gli enti locali che hanno condiviso e sostenuto il progetto (vedi partner) e gli altri soggetti coinvolti, per raggiungere il risultato finale di realizzare e aggiornare il REGISTRO con la raccolta banca dati delle possibili Family Angels. -Valorizzare e rendere operativo nelle piccole comunità municipali il registro/elenco delle aspiranti Family Angels. Attività dell iniziativa e tempi di attuazione Descrivere le attività previste dall iniziativa, la loro articolazione ed i relativi tempi di attuazione L iniziativa si articola nelle seguenti attività: 1. Coinvolgimento dei portatori d interesse: il progetto fin dal suo avvio intende coinvolgere tutti i possibili portatori d interesse, attraverso una serie d incontri sul territorio della Comunità della Vallagarina supportati e sostenuti dagli Enti locali nostri partner. Saranno utilizzati gli strumenti di comunicazione della nostra Associazione (sito, mail list, rete di conoscenze costruita attraverso numerose iniziative realizzate), la diffusione a mezzo stampa delle informazioni sull iniziativa, rivolte a donne in cerca di occupazione e a singoli, coppie e famiglie che ravvisano il bisogno di un assistente familiare, al fine di promuovere nuove forme di autorganizzazione e organizzazione. 2. Il processo della raccolta di partecipazione inizierà già nella prima fase quella descritta nel punto 1, ma sarà formalizzata con un attenta analisi delle adesioni alla proposta formativa e alla richiesta da parte delle famiglie e delle donne che necessitano di aiuto e collaborazione nella cura della casa e delle persone, poiché da questo accostamento può derivare il successo dell esperienza lavorativa. Come già detto nel punto 1, grazie alle precedenti iniziative, alla rete di relazioni, all utilizzo degli strumenti informatici e al supporto dei partner di progetto dell Associazione DxD, si dispone già di numerosi contatti e possibili collegamenti per attivare questo processo in modo funzionale ed efficace. 3. Formare un gruppo di 12 aspiranti assistenti familiari di cui almeno 7 da collocare nel panorama lavorativo per l erogazione del servizio a supporto della conciliazione dei tempi di vita e lavoro delle donne che ne ravvisano la necessità in virtù dell armonizzazione dei tempi tra vita familiare e professionale. Le partecipanti saranno selezionate in funzione della motivazione al lavoro e della loro predisposizione ai rapporti interpersonali. Non sono richiesti particolari requisiti d ingresso al percorso, se non la maggiore età e, per le straniere, l essere in regola con i documenti e il permesso di soggiorno. La durata del corso prevista è di 48 ore pro-capite. L intervento si articola in moduli suddivisi per argomenti, con contenuti idonei sia per competenze di base che specifiche. E obbligatoria la

5 frequenza di 24 ore teorico-pratiche in aula e 24 ore di stage/tirocinio attraverso l inserimento presso famiglie volontarie, residenze sanitarie assistenziali, asili nido. Nelle 24 ore d aula è previsto anche un momento informativo sulle varie forme di lavoro (dipendente, autonomo) al fine di favorire l auto-impiego come soluzione al problema del inserimento nel mondo del lavoro. Saranno inserite in stage/tirocinio, ulteriori 4/5 partecipanti (tra quelle precedentemente formate nell ambito del progetto CASA FELICE. Assistenti familiari qualificate o donne che dimostreranno al responsabile del progetto di aver maturato anni di esperienza lavorativa nel settore.) I soggetti che ospiteranno le partecipanti in stage/tirocinio al termine dell esperienza compileranno una scheda di gradimento e di valutazione dei risultati rispetto agli obiettivi prefissati. Alla conclusione del percorso sarà dedicata un ora all attività di orientamento, fornendo i contatti con gli sportelli già esistenti sul territorio e le possibilità concrete di lavoro eventualmente emerse attraverso il circuito dei soci/ie e simpatizzanti dell Associazione DxD. 4. Proposta di stipulare convenzioni: si cercherà, infine, di coinvolgere le autorità locali e gli organismi che già si occupano di queste tipologie di servizi (Provincia, Comunità di Valle e Comuni, Cooperative, Associazioni, Agenzia del Lavoro, Centri per l impiego et.) ricorrendo a una serie di contatti volti a ottenere la creazione di un REGISTRO nel quale saranno inserite le assistenti familiari formate, la rete di relazioni create e azioni realizzate potranno evolversi anche in un sistema di sostegno, attraverso l erogazione di aiuti, in favore delle donne con difficoltà di conciliazione: voucher integrativi, contributi o incentivi. Il Registro, partendo da un riconoscimento di valle, quindi da parte della comunità della vallagarina, deve poi articolarsi sui singoli comuni, per facilitare l incontro della domanda e dell offerta e anche per cercare di sensibilizzare le amministrazioni locali sul problema dell occupazione femminile e sui temi della conciliazione del tempi vita/lavoro, volto a favorire il concetto di comunità ma anche un concetto più ampio di benessere sociale. 5. Organizzazione di un convegno finale per la presentazione dei risultati e la consegna degli attestati di frequenza alle partecipanti. Questo momento sarà un ulteriore occasione di confronto e analisi dei risultati da parte di tutti i soggetti coinvolti nel progetto e nel panorama dell assistenza familiare. Fasi Mesi Azione 1: Coinvolgimento dei portatori d interesse Azione 2: Processo di raccolta adesioni partecipanti formazione e famiglie interessate al servizio Azione 3: Formazione e stage/ tirocinio Azione 4: Proposte per stipulare convenzioni Azione 5: Valutazione e presentazione dei risultati

6 Destinatari/Destinatarie Descrivere i destinatari/destinatarie dell iniziativa indicando le modalità di coinvolgimento 12 donne motivate a seguire un percorso di formazione per intraprendere la professione di assistente familiare. 4/5 donne che dimostreranno di avere acquisito (attraverso precedenti corsi di formazione, esempio CASA FELICE, o anni di esperienza lavorativa) competenze nel campo dell assistenza familiare. Entrambi i gruppi di donne incrementeranno le proprie opportunità di accedere a un impiego o di aumentare il proprio orario di lavoro, anche mettendo insieme più incarichi presso diverse famiglie, con conseguenti miglioramenti sul piano dell'occupazione e del reddito. 30 donne con carichi familiari che riceveranno il servizio (mostrandosi disponibili ad accogliere le stagiste), migliorando le possibilità di conciliazione tra vita familiare e lavoro, con conseguenti benefici in termini occupazionali e di reddito. Sono diretti beneficiari anche i familiari delle donne con carichi familiari e vita lavorativa che usufruiranno di servizi delle assistenti familiari in stage/tirocinio quantificabili in circa 100 persone. Beneficiari indiretti sono le persone che interverranno agli incontri previsti presso gli Enti locali del Comune sede dell Associazione e dei Comuni in zone periferiche nostri partner. Indirettamente sono destinatari gli amministratori degli Enti locali poiché da questo progetto possono nascere esperienze e buone prassi di coordinamento della risposta ai bisogni dei nuclei familiari residenti sul territorio. Ricadute: effetti concreti e risultati attesi Descrivere le ricadute dirette ed indirette dell iniziativa sia rispetto al contesto sia rispetto ai destinatari, l efficacia e la qualità delle azioni proposte e la persistenza degli effetti dell iniziativa L A.P.S. DxD, già attiva nell approfondimento sul tema della conciliazione dei tempi vita/lavoro, si occuperà di presentare il progetto ai potenziali portatori d interesse del territorio anche attraverso il coinvolgimento delle associazioni sensibili alla questione. Saranno inoltre messe in campo una serie d iniziative di promozione e pubblicizzazione per proporre nuove soluzioni in tema di conciliazione dei tempi vita/lavoro attraverso una costante informazione sul nostro sito web e la nostra mail list. Un gruppo di donne interessate a seguire un percorso di formazione e qualificazione acquisirà e potrà migliorare competenze, abilità e conoscenze specifiche legate ai bisogni delle famiglie: - la capacità di gestire adeguatamente la cura della casa, economia domestica; - gestione di prodotti presenti nella casa; - conoscenza delle metodologie di lavoro; - nutrizione e educazione alimentare; - puericultura: l accudimento del bambino nella prima infanzia, i bisogni del bambino nelle diverse fasi evolutive; - geriatria: le patologie più frequenti nell anziano; aspetti assistenziali per l anziano auto-sufficiente e non autosufficiente; - prevenzione degli infortuni e sicurezza domestica, elementi di primo soccorso; - doveri e diritti nei rapporti di lavoro domestico; Le partecipanti del percorso formativo e coloro le quali dimostreranno di avere anni di esperienza di lavoro nel campo dell assistenza familiare potranno essere effettivamente e regolarmente collocate all interno delle famiglie che le hanno ospitate per lo stage/tirocinio. La proposta di accordi con le istituzioni potrà dare la possibilità di accesso al servizio di assistenza familiare per un numero maggiore di utenti e attraverso la creazione di un REGISTRO ad hoc per le assistenti familiari (Family Angels) che risponderà al duplice bisogno di sicurezza sia per le donne con carichi familiari (che affidano la propria casa e i propri cari a una persona formata) sia per le assistenti familiari (con conseguente emersione del mercato nero del lavoro e benessere nell ambiente di lavoro). Il progetto ha carattere paradigmatico, poiché propone azioni che mirano a costruire esperienze e

7 capacità permanenti sul territorio che rendano possibile una vasta gamma di effetti moltiplicatori e che se operati in rete con altre realtà impegnate nei servizi di sostegno alla famiglia possono evadere il costante bisogno di supporto ravvisato dalle donne con carichi familiari e di quelle in cerca di lavoro, soprattutto se con scarsa professionalità. L innovazione sta anche nella proposta di autorganizzazione che si configurerà nell esperienza delle famiglie coinvolte, nello specifico si presenterà alle medesime la possibilità di condividere i servizi di persone qualificate e di accedere ai voucher INPS, consentendogli di entrare in confidenza con uno strumento che non li impegni in qualità di datori di lavoro ma che garantisca sia alle famiglie, sia alle lavoratrici di operare all interno di un contesto sicuro e legale, nei tempi e nei modi ritenuti più idonei. Un importante ricaduta indiretta sarà quella di creare e facilitare relazioni, incontri tra famiglie e soggetti portatori d interesse sviluppando socializzazione che potrebbe evolversi in comportamenti virtuosi di mutuo aiuto per perseguire identici obiettivi e sostenersi reciprocamente. La creazione di una rete tra soggetti privati, associazioni del territorio, amministrazioni comunali e di valle permetterà di aumentare la consapevolezza da parte di tutti del problema, ma anche la conseguenza di creare azioni positive volte a migliorare il benessere collettivo.

VOUCHER UNIVERSALE PER I SERVIZI

VOUCHER UNIVERSALE PER I SERVIZI C E N S I S VOUCHER UNIVERSALE PER I SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA La ricerca del Censis Sintesi Roma, 11 giugno 2014 Il Censis ha sviluppato un modello per stimare l impatto economico e sull occupazione

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009. di iniziativa dei Consiglieri regionali:

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009. di iniziativa dei Consiglieri regionali: REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Borghetti, Alfieri, Alloni, Barzaghi, Brambilla, Carra, D'Avolio, Gaffuri,

Dettagli

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ENTE PROPONENTE: C.I.D.E.S. Centro Internazionale dell Economia Sociale Consorzio di Cooperative Sociali SEDE ACCREDITATA: Via Cervellati, 1/f Bologna (BO) 40122 TITOLO

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva P.O.R. Campania FSE 007-03 Asse II Obiettivo Operativo: f) Promuovere azioni di supporto, studi, analisi nonché la predisposizione e sperimentazione di modelli che migliorino la condizione femminile nel

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI

PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI ALLEGATO B PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI ANALISI DEL CONTESTO L identikit della badante, di seguito denominata assistente familiare, al lavoro in Italia è quello di una donna straniera, spesso originaria

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

o Busta paga; o Fattura per collaboratori o prestatori esterni soggetti ad IVA. c) Documento che attesta l avvenuto pagamento della prestazione;

o Busta paga; o Fattura per collaboratori o prestatori esterni soggetti ad IVA. c) Documento che attesta l avvenuto pagamento della prestazione; REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Formazione professionale, Politiche Sociali, Cooperazione e Volontariato Via Lucrezia della Valle 88100 Catanzaro MODALITÀ OPERATIVE DI RENDICONTAZIONE DEI VOUCHER

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY

RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 1 INDICE L ORIGINE DEL PROGETTO WELL CARE FAMILY... 2 IL PROGETTO WELL CARE FAMILY... 6 1. Sistema

Dettagli

Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family

Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family Introduzione Si ringraziano i presidenti, il consiglio di amministrazione e i direttori di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl per l attenzione

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne 15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne (e quella degli uomini) Per un maggior sostegno alla maternità e alla paternità 1 UNA TUTELA PER TUTTE LE MAMME L Italia ha uno dei tassi di natalità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI 22 25 MILIONI DI EURO PER AIUTARE LE FAMIGLIE E I LAVORATORI IN DIFFICOLTà PERCHÉ L INTERVENTO Le difficoltà di cittadini e famiglie a stare al passo con

Dettagli

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità)

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in conformità alle disposizioni sancite dagli articoli 2, 3, 29, 30, 31, 36, 37, 38, 47 e 53 della

Dettagli

RIAPERTURA TERMINI TIPOLOGIA B)

RIAPERTURA TERMINI TIPOLOGIA B) Comune di Morcone prot. n. 4139/13 del 09.04.2013 RIAPERTURA TERMINI TIPOLOGIA B) AVVISO PUBBLICO DELL AMBITO TERRITORIALE B4 PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA (Regolamento approvato

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Milano, 13 Settembre 2010 Francesco Fidanza: Dirigente Responsabile Previdenza Corporate e Clienti Istituzionali

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 INDICE Introduzione.3 1. Il settore sociale 3 2. Il settore dello spettacolo.5 3. Il settore della sicurezza..6 4.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Servizio Civile Nazionale Provincia di Foggia SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI FOGGIA Piazza XX Settembre

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO voce 4 - TITOLO DEL PROGETTO:Unicità della persona nel sociale voce 5 - SETTORE e Area di Intervento: Assistenza: A1 - Anziani voce 7 - OBIETTIVI DEL PROGETTO:

Dettagli

SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI

SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI INDICE Schema di certificazione delle aassistenti famigliari addette alla cura dei bambini 0-3 anni INDICE 0. Introduzione

Dettagli

POR CALABRIA 2000/2006 POR CALABRIA FSE 2007/2013

POR CALABRIA 2000/2006 POR CALABRIA FSE 2007/2013 UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA 2000/2006 MISURA 3.13 PROMOZIONE DELLA PARTECIPAZIONE FEMMINILE AL MERCATO DEL LAVORO Azione 3.13.d Incentivi e Servizi

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

GUIDA UIL AI BUONI LAVORO (VOUCHER).

GUIDA UIL AI BUONI LAVORO (VOUCHER). Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione GUIDA UIL AI BUONI LAVORO (VOUCHER). OSSERVAZIONI E PROPOSTE UIL Da subito, come Uil, abbiamo espresso la preoccupazione di uno snaturamento dello strumento

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL PREMESSA Le profonde trasformazioni di natura demografica, sociale ed economica che hanno interessato i paesi europei a partire dagli

Dettagli

Bando FAMILY FRIENDLY

Bando FAMILY FRIENDLY Bando FAMILY FRIENDLY Provincia di Siena in collaborazione con Camera di Commercio I.A.A. di Siena e il Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Siena 1 ART.1 OGGETTO Il presente bando

Dettagli

Workshop Assistenti familiari, lavoro di cura e welfare locale a cura di Istituto per la Ricerca Sociale e Qualificare.info

Workshop Assistenti familiari, lavoro di cura e welfare locale a cura di Istituto per la Ricerca Sociale e Qualificare.info Workshop Assistenti familiari, lavoro di cura e welfare locale a cura di Istituto per la Ricerca Sociale e Qualificare.info Il percorso per il potenziamento della rete delle cure domiciliari nella Regione

Dettagli

C I T T A D I C A R I N I PROV.DI PALERMO

C I T T A D I C A R I N I PROV.DI PALERMO C I T T A D I C A R I N I PROV.DI PALERMO Avviso pubblico per l erogazione di voucher di servizio finalizzati all abbattimento dei costi dei servizi domiciliari alla persona. Agevolazioni alle famiglie

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA A S S E S S O R A T O A L L E P O L I T I C H E S O C I A L I E A L L O S P O R T DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE E DELL ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI EROGATORI

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

CONTESTO E DEFINIZIONI

CONTESTO E DEFINIZIONI LA CONCILIAZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO E LA QUALITA DEL SERVIZIO Varese 16 Dicembre 2013 a cura di Arianna Visentini CONTESTO E DEFINIZIONI WORK LIFE BALANCE 1 PAROLE CHIAVE DELLA CONCILIAZIONE STAKEHOLDERS

Dettagli

proposta di legge n. 165

proposta di legge n. 165 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 165 a iniziativa del Consigliere BUGARO presentata in data 10 aprile 2007 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE FAMIGLIE MARCHIGIANE

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

La sperimentazione di un sistema di domiciliarità in Provincia di Torino

La sperimentazione di un sistema di domiciliarità in Provincia di Torino 44 3 2011 CASA AMICA NOTTE E GIORNO La sperimentazione di un sistema di domiciliarità in Provincia di Torino Maria Luisa Occhetti* Una sperimentazione di servizi a supporto della domiciliarità per anziani

Dettagli

il portale della cooperazione dedicato alla famiglia

il portale della cooperazione dedicato alla famiglia il portale della cooperazione dedicato alla famiglia Nuove idee che soddisfano i bisogni sociali e creano relazioni www..it I bisogni della famiglia che cambia La famiglia cambia e con essa anche i suoi

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito Nel confermare il loro impegno di sviluppo e promozione sociale, la Fondazione aiutare i bambini Onlus ( Aiutare i Bambini ) e la

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016

PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016 pag. 1/9 PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016 Data applicazione: 04/12/2014 Elaborazione: Dott. Stefania Bertoldo - Presidente CUG Copia: CONTROLLATA Condivisione con i componenti del CUG, tramite e-mail il

Dettagli

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione Daniela Oliva - IRS Bologna, 30 Giugno 2015 Una storia che inizia da lontano donne e lavoro 2007 - Analisi e

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Cantieri

Dettagli

ALLEGATO 1. Regione proponente: Regione Toscana

ALLEGATO 1. Regione proponente: Regione Toscana ALLEGATO 1 PROGETTO POLITICHE RELATIVE ALLE PARI OPPORTUNITA. SOSTEGNO AL LAVORO DI CURA IN FAMIGLIA ATTRAVERSO CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DEL CAREGIVER DELLA PERSONA ANZIANA NON AUTOSUFFICIENTE A DOMICILIO.

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Premesse Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali,

Dettagli

Regioni e lavoro di cura

Regioni e lavoro di cura Regioni e lavoro di cura Giselda Rusmini IRS, Milano Perdura l assenza di una politica nazionale sulla non autosufficienza, e di una strategia per l emersione del lavoro privato di cura. Mentre altri paesi

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

Sò stare nella legalità

Sò stare nella legalità e Budget 24/5 Piazza Carnevali, 6 2421 Albino (Bergamo) Tel. e Fax 35.753441 Sò stare nella legalità Sviluppo di Servizi a Domanda Diretta con Tariffe Sostenibili per Famiglie con Anziani in Valle Seriana

Dettagli

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia (Francesca Zampano Regione Puglia) 1. Finalità, obiettivi e direttrici

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Progetto VOUCHER FRIENDLY

Progetto VOUCHER FRIENDLY Progetto VOUCHER FRIENDLY AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DI VOUCHER DI SERVIZIO PER LA CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E DI LAVORO. 1. OBIETTIVI E FINALITÀ L obiettivo prioritario dell

Dettagli

Gli anziani in lista. i servizi?

Gli anziani in lista. i servizi? 44 4 2012 ESPERIENZE li a partire dagli strumenti e dalle modalità operative rispetto a cui la cooperazione sociale ha sviluppato maggiori eccellenze. Accanto alla sfida storica della cooperazione sociale,

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Premessa L'Amministrazione Comunale di Pianoro, nell'ambito della rete dei servizi socioassistenziali (a favore della popolazione residente : non

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del 05.11.2010 Modificato con atto deliberativo

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Art. 10 Compiti del Comune

Art. 10 Compiti del Comune CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA MATERIALE DIVERSAMENTE ABILI: PERIODO DAL 15.06.2012-31.12.2012 (Assistenza domiciliare) PERIODO DAL 01.10.2012 31.12.2012 (Assistenza

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento di Attuazione del Voucher CONCILIANDO

Regolamento di Attuazione del Voucher CONCILIANDO Unione Europea Fondo Sociale Europeo Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Attuazione

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

Indagine sull assistenza familiare in Italia: il contributo degli immigrati

Indagine sull assistenza familiare in Italia: il contributo degli immigrati Indagine sull assistenza familiare in Italia: il contributo degli immigrati 2013 Documento di sintesi a cura del Centro Studi e Ricerche Idos in collaborazione con Il panorama della collaborazione familiare

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1 I mutamenti del Welfare State 1 Il Welfare State Nel Welfare State gli unici due attori sono il governo e il mercato. La caratteristica principale del Welfare State è che il mercato produce ricchezza ma

Dettagli

Quali badanti per quali famiglie?

Quali badanti per quali famiglie? STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Quali badanti per quali famiglie? I lavoratori domestici in Italia (dagli archivi Inps) pag. 2 Quanti sono e quanto contribuiscono L identikit del lavoratore

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012

Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare COMUNE DI ATZARA PROVINCIA DI NUORO Via Vittorio Emanuele, 27 08030 ATZARA telefono 0784/65205 fax 0784/65380 e-mail: servizi.sociali@comune.atzara.nu.it UFFICIO SERVIZI SOCIALI Regolamento Servizio Assistenza

Dettagli

COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PREMESSA Il Comune di CARVICO istituisce il SAD Servizio di Assistenza Domiciliare a favore di anziani

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli