BASI DI CALCOLO. Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE. Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BASI DI CALCOLO. Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE. Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3"

Transcript

1 BASI DI CALCOLO Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3 Zona Climatica e gradi giorno GG E 2861 GG Altitudine s.l.m. 226 mt. Latitudine Nord Longitudine Superficie netta dei locali Volume netto dei locali senza arredi Temperatura aria esterna invernale Temperatura aria esterna estiva circa 170 Mq. circa 500 Mc. - 5 C / 75%U.R. 35 C / 50%U.R. Temperatura ambiente durante il periodo invernale : - sala Esame Diagnostica 22 C +/- 1 C - sala comandi 22 C +/- 1 C - lavaggio medici 22 C +/- 1 C - deposito sporco 21 C +/- 1 C - studio medico refertazione 21 C +/- 1 C - capo sala 21 C +/- 1 C - preparazione paziente risveglio 21 C +/- 1 C - elettrofisiologia 22 C +/- 1 C - locale del personale 21 C +/- 1 C - filtro operatori 20 C +/- 1 C - servizio doccia 20 C +/- 1 C Umidità ambiente invernale 50% +/- 5% U.R.

2 Temperatura ambiente durante il periodo estivo : - sala Esame Diagnostica 22 C +/- 1 C - sala comandi 24 C +/- 1 C - lavaggio medici 24 C +/- 1 C - deposito sporco 26 C +/- 1 C - studio medico refertazione 24 C +/- 1 C - capo sala 24 C +/- 1 C - preparazione paziente risveglio 24 C +/- 1 C - elettrofisiologia 24 C +/- 1 C - locale del personale 26 C +/- 1 C - filtro operatori 26 C +/- 1 C - servizio doccia 26 C +/- 1 C Umidità ambiente estiva 50% +/- 5% U.R. Rinnovo aria esterna : - sala Esame Diagnostica 15 Vol. amb./h - sala comandi 15 Vol. amb./h - lavaggio medici 15 Vol. amb./h - deposito sporco 15 Vol. amb./h - studio medico refertazione 10 Vol. amb./h - capo sala 10 Vol. amb./h - preparazione paziente risveglio 10 Vol. amb./h - elettrofisiologia 10 Vol. amb./h min. 15 Vol. amb./h max. - locale del personale 10 Vol. amb./h - filtro operatori 10 Vol. amb./h - servizio doccia 10 Vol. amb./h In depressione con sola estrazione - altri locali da 2 a 6 Vol/amb. h. a seconda della destinazione d uso. Rinnovo aria esterna per persona: - corsie 40 Mc/h per persona. - sale mediche 30 Mc/h per persona.

3 APPORTI INTERNI DI CALORE DA DISSIPARE : - sala Esame e Diagnostica W - comandi 350 W - vano armadi Philips S.p.A. N W - vano armadi Philips S.p.A. N W - illuminazione 25 W/Mq. - massimo affollamento dei locali 10 / 12 persone CARATTERISTICHE FLUIDI TERMOVETTORI : Acqua calda, Acqua refrigerata, Vapore Saturo Pressione del vapore saturo dalla centrale termica in continuo inverno / estate 6 bar Temperatura acqua 65 C Salto termico acqua di riscaldamento 10 C Temperatura acqua refrigerata 12 C Salto termico acqua di riscaldamento 5 C Energia elettrica 380 V 3F 50 Hz 220 V 1F 50 Hz CARATTERISTICHE ACQUA FREDDA SANITARIA : Pressione di rete min. 400 kpa Temperatura acqua min. 12 C max. 23 C

4 RELAZIONE TECNICA La finalità del presente documento è di indicare c aratteristiche e prerogative cui i nuovi impianti tecnologici realizzati, devono soddisfare. Con l intervento di adeguamento effettuato per l installazione delle nuove apparecchiature e per la nuova disposizione architettonica dei locali, si è provveduto alla realizzazione di un nuovo impianto di condizionamento per la sala Angiografica Cardiologica per Emodinamica, e per locali annessi e facenti parte del nuovo reparto. L impianto di condizionamento è stato installato all esterno sulla copertura del reparto in zona adiacente, e apposite canalizzazioni dorsali raggiungono i locali da servire. L impianto è del tipo a tutt aria esterna, a portata costante ( portata d aria: Mc/h), tipo monocondotto con variazione di temperatura a mezzo batterie di post-riscaldamento e di regolazione e taratura della portata d aria immessa. Non è previsto ricircolo dell aria trattata. L acqua calda per il riscaldamento, l acqua refrigerata per il condizionamento e l acqua sanitaria fredda, sono adotte dall impianto esistente ospedaliero nella sottocentrale di condizionamento del Padiglione Polichirurgico e mediante apposite elettropompe doppie una in scorta all altra, saranno rilanciati fino al luogo di ubicazione del nuovo impianto. Un opportuno sistema di filtrazione micrometrica dell acqua garantisce la riduzione delle incrostazioni di materiali in sospensione nelle tubazioni. Il vapore necessario all umidificazione dell aria da inviare agli ambienti viene prelevato nella sottocentrale, inviato all unità di tra ttamento e debitamente ridotto alla pressione necessaria di 0.5/0.7 bar. Un apposito sistema di distribuzione installato sull unita di trattamento, completo di regolazione modulante per mezzo di sonda in ripresa, garantirà la corretta umidificazione dell aria di mandata. Il carico frigorifero è stato considerato esaminando i seguenti parametri : - aria esterna di rinnovo; - rientrate di calore; - carichi interni; - persone; - illuminazione.

5 L unità di trattamento dell aria di tipo per esterno a doppia pannellat ura sandwich internamente in acciaio inox AISI, con interposto opportuno isolamento termico a portata costante sarà composta da: - Unità di mandata con trattamento di filtrazione recupero calore preriscaldamento, raffreddamento, umidificazione. (Portata d aria: Mc/h). - Unità di ripresa ed espulsione con filtrazione e recupero di calore. (Portata d aria: Mc/h). - In ambiente sono previste due zone con batterie di post - riscaldamento e con apposite regolazioni per l impostazione ed il mantenimento della temperatura ambiente. Una zona per sala esame e locali annessi a 15 Vol/h Una Zona per i restanti locali a 10 Vol/h - L unità è altresì dotata di un sistema di recupero di calore per il risparmio energetico in conformità a quanto prescritto dalle leggi vigenti. L unità di trattamento dell aria realizzata in apposita configurazione per utilizzo in ambienti ospedalieri, è classificata sanificabile. È infatti realizzata completamente in acciaio inox AISI internamente e tutti i componenti, dalle batterie ai ventilatori, sono facilmente estraibili per la pulizia e il lavaggio di tutte le parti interne. Apposite vaschette di raccolta con drenaggio permettono di convogliare i residui della pulizia direttamente agli scarichi dotati di sifone e sistemi di intercettazione. L unità di trattamento aria è realizzata per funzionare a Mc/h per il futuro collegamento degli impianti al servizio dell Unità Coronarica, di prossima realizzazione e oggetto di altro appalto. Attualmente sono installati nell unità di trattamento aria due ventilatori da Mc/h, sufficienti per garantire il trattamento dell aria da inviare al Reparto di Emodinamica. Separatamente sono stati forniti i due ventilatori che dovranno essere sostituiti per permettere il funzionamento a p ieno regime. I motori elettrici installati sono già dimensionati per l accoppiamento con i ventilatori definitivi.

6 L aria, prima di essere immessa in ambiente, viene filtrata con il seguente trattamento: - pre filtro piano a media efficienza 90% ASHR AE gravimetrico; - filtro a tasche rigide ad alta efficienza 95% NBS. - filtro assoluto (99.999%) direttamente in ambiente in apposito contenitore con diffusore. Il sistema di filtrazione garantisce che nell aria non siano presenti particelle di dimensioni superiori a 50 micron. Il sistema di trattamento ed immissione a tutt aria esterna, composto dal sistema di filtrazione, e dall umidificazione con vapore a temperature superiori ai 100 c garantisce che non vi sia trasmissione di malattie attraverso l impi anto stesso. La diffusione dell aria in ambiente viene garantita da un sistema di distribuzione con canalizzazioni sandwich in alluminio liscio internamente e goffrato esternamente, opportunamente dimensionate e coibentate. Le canalizzazioni dell aria sono dotate, nei passaggi tra l esterno e l interno dell edificio, di apposite serrande tagliafuoco REI 120 certificate. I diffusori installati nella sala Angiografia, nella preparazione, e nei restanti locali, sono del tipo da incasso in controsoffitto con cassonetto porta filtro e relativo filtro assoluto, (si considerano infatti i locali come sala operatoria). La sala Angiografia risulta in pressione rispetto agli ambienti adiacenti. Griglie di ripresa aria garantiscono l espulsione e, quindi, il n ecessario ricambio d aria in ambiente. La velocità dell aria immessa in ambiente dai diffusori misurata a 2 Mt. di altezza dal pavimento non supera gli 0.05 / 0.15 Mt/sec. La presa dell aria esterna è ubicata all esterno dell edificio in copertura ad una altezza superiore a 6 Mt dal piano strada più basso di riferimento. Un opportuno sistema di termoregolazione elettronico compatibile e pienamente integrabile con il sistema di regolazione e supervisione centralizzato dell Ente, assicura il manteniment o delle condizioni termo - igro metriche di progetto negli ambienti.

7 I locali elaborazione dati (armadi e quadri Philips Medical Systems/ATL S.p.A.) sono in oltre dotati di un sistema autonomo di raffrescamento per la dissipazione del calore prodotto dai quadri (circa 5.5 / 6.5 kw), composto da due condizionatori autonomi ad espansione diretta a due sezioni split systems, che consentono il regolare funzionamento delle apparecchiatture anche in caso di guasto dell impianto centralizzato di condizinament o. L impianto idrosanitario è stato realizzato in derivazione a quello esistente, mediante lo smantellamento dei vecchi bagni esistenti. È stato realizzato un nuovo servizio dotato di vaso, bidet, lavabo e vano doccia. Nel locale lavaggio medici è stato installato un apposito lavabo del tipo clinico per chirurghi in acciaio inox appositamente realizzato dotato di miscelatore termostatico e rubinetteria a leva lunga per comando a gomito.

Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method

Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method PREMESSA Gli impianti termo-meccanici in oggetto sono relativi alla manutenzione del REPARTO DI NEURO RADIOLOGIA dell

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

Corso di Energetica degli Edifici Sistemi di ventilazione

Corso di Energetica degli Edifici Sistemi di ventilazione Corso di Energetica degli Edifici Sistemi di ventilazione Docenti: Prof. Marco Dell Isola Ing. Fernanda Carmen Fuoco Ventilazione degli ambienti interni Possibilità per ricambiare l aria Possibilità per

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

ELEVATI LIVELLI DI COMFORT ED

ELEVATI LIVELLI DI COMFORT ED f di Luca Stefanutti TORRE PER UFFICI ELEVATI LIVELLI DI COMFORT ED INTEGRAZIONE CON UN IMPEGNATIVO INVOLUCRO EDILIZIO CON AMPIE SUPERFICI VETRATE: SONO STATE QUESTE LE SFIDE DA SUPERARE NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

IL PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL

IL PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL f di Gianluigi Abbiati, Aster Associate Termoimpianti POLICLINICO DI SAN DONATO SALE OPERATORIE E POMPE DI CALORE IL PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL POLICLINICO DI SAN DONATO MILANESE RAPPRESENTA UN INTERESSANTE

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Non hai spazio???? Per lei basta!

Non hai spazio???? Per lei basta! Non hai spazio???? Per lei basta! Lo spessore del fancoil abbinato alla potenza della UTA Venus Clima S.n.c. Via Marradi 47/49 59100 Prato ( PO ) Tel. 0574690793 Fax. 0574/695210 PAGINA 1 DI 8 CARATTERISTICHE

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

IMPIANTI PER LA SALUTE

IMPIANTI PER LA SALUTE f di Luca Stefanutti UNA CASA DI CURA A MILANO ELEVATI STANDARD DI QUALITÀ E DI PRESTAZIONI E CONCENTRAZIONE DELLE CENTRALI TECNICHE IN SPAZI RIDOTTI: SONO QUESTE LE CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI

Dettagli

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Sommario PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Tipologie d impianto... 4 1 - Impianto riscaldamento a pannelli

Dettagli

Udine, luglio.2013. Cognome Nome. Lino Calligaro

Udine, luglio.2013. Cognome Nome. Lino Calligaro Oggetto Offerta impianto bollitore con pompa di calore ventilazione meccanica controllata stufa pellet idro impianto elettrico impianto idrico scarico impianto fotovoltaico automazione climatica Data Udine,

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

Giampiero Colli Anima/Coaer. Logo associazione nello schema

Giampiero Colli Anima/Coaer. Logo associazione nello schema Work shop tecnico: Edifici Impianti a pompa di calore per la climatizzazione annuale e la produzione di acqua calda sanitaria: soluzioni per edifici polifunzionali, residenziali, uffici. Giampiero Colli

Dettagli

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA Cosa è un impianto di ventilazione meccanica controllata Un impianto di ventilazione meccanica permette di controllare il ricambio di aria all interno dell

Dettagli

R.C.S. PROGETTAZIONI. Spett.le Comune di Tezze sul Brenta Ufficio tecnico Piazza della Vittoria, 1 36056 Tezze Sul Brenta (VI)

R.C.S. PROGETTAZIONI. Spett.le Comune di Tezze sul Brenta Ufficio tecnico Piazza della Vittoria, 1 36056 Tezze Sul Brenta (VI) R.C.S. PROGETTAZIONI TERMOTECNICHE BENEDETTI per. ind. FIDENZIO Vigardolo, 14 novembre 2012 Spett.le Comune di Tezze sul Brenta Ufficio tecnico Piazza della Vittoria, 1 36056 Tezze Sul Brenta (VI) Spett.le

Dettagli

COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO allegato alla determinazione n. 5057 del 28 luglio 2015 f.to Luigina Marchini CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Laboratorio di Progettazione 3M prof. Giovanni Longobardi DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE prof. Marco Frascarolo Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Architettura A.A. 2010-2011

Dettagli

DIPARTIMENTO VI - OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI

DIPARTIMENTO VI - OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI Comune di Livorno DIPARTIMENTO VI - OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONI PIANO DI RECUPERO QUARTIERE COREA CENTRO CIVICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO E IDRICO SANITARIO. Pagina 1 di 11 QUADRO

Dettagli

PER SALE CHIRURGICHE. I condizionatori d aria. Tecnologia UNA SOLA MACCHINA PER SALA CHIRURGICA

PER SALE CHIRURGICHE. I condizionatori d aria. Tecnologia UNA SOLA MACCHINA PER SALA CHIRURGICA I condizionatori d aria PER SALE CHIRURGICHE Devono abbattere la contaminazione chimica e batteriologica, mantenere in sovrappressione la sala chirurgica, garantire la filtrazione assoluta e la costanza

Dettagli

PER LE MOSTRE TEMPORANEE VIENE

PER LE MOSTRE TEMPORANEE VIENE climatizzazione realizzazioni f di Luca Stefanutti MICROCLIMA PER L ARTE GLI IMPIANTI DI CANALETTO PER LE MOSTRE TEMPORANEE VIENE SPESSO RICHIESTO DAI PRESTATORI DELLE OPERE IL RISPETTO DI STRINGENTI CONDIZIONI

Dettagli

Condensazione e anello d acqua per un centro commerciale. impianto. 40 RCI n.1/2008

Condensazione e anello d acqua per un centro commerciale. impianto. 40 RCI n.1/2008 RTS impianto Condensazione e anello d acqua per un centro commerciale Caldaie a condensazione con bruciatori modulanti e pompe di calore ad anello d acqua caratterizzano la dotazione impiantistica di un

Dettagli

Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM IDRASOLAR

Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM IDRASOLAR Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM PROTEZIONE E PULIZIA PER IMPIANTI TERMICI IDRASOLAR ANTIGELO PREMISCELATO PER IL RIEMPIMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE REGIONE CALABRIA ASP COSENZA PRESIDIO OSPEDALIERO DI ROSSANO CONVENZIONE CONSIP: FORNITURA DI TOMOGRAFI A RISONANZA MAGNETICA (RM) PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000

CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000 CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000 1 Indice 1. Generalità 4 1.1 Descrizione della macchina e componenti principali 4 1.2 Descrizione del funzionamento 5 2. Caratteristiche tecniche 6 2.1 Caratteristiche

Dettagli

INDICE. Caratteristiche tecniche 1 Opzioni modulo idraulico 2 Versioni Accessorie 2 Accessori 3

INDICE. Caratteristiche tecniche 1 Opzioni modulo idraulico 2 Versioni Accessorie 2 Accessori 3 ALFA CF 4,9 65 kw Catalogo 202320A01 Emissione 09.03 Sostituisce 10.00 Refrigeratore d acqua ALFA CF Pompa di calore reversibile ALFA CF /HP Unità con serbatoio e pompa ALFA CF /ST Unità motocondensante

Dettagli

INDICE. Rev. Data 00 15-12-10 01 22-04-11. Documento: ESb)RL06_01.doc

INDICE. Rev. Data 00 15-12-10 01 22-04-11. Documento: ESb)RL06_01.doc Pag. 2 di 76. INDICE 1.1 GENERALITÀ... 4 1.1.1 OGGETTO DELLE OPERE E LIMITI DI FORNITURA... 4 1.1.2 DENOMINAZIONI UTILIZZATE... 4 1.2 SEZIONE 2 CRITERI GENERALI E PARAMETRI TECNICI DI RIFERIMENTO PER IL

Dettagli

Impianti di termoventilazione per alberghi

Impianti di termoventilazione per alberghi Impianti di termoventilazione per alberghi Riteniamo che quello dell impianto di riscaldamento e condizionamento, sia uno dei punti più importanti da prendere in considerazione al momento della costruzione

Dettagli

CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI IN OGGETTO

CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI IN OGGETTO 1. INTRODUZIONE...2 2. CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI IN OGGETTO...4 2.1. Impianto di climatizzazione a servizio dei locali uffici e locali accessori...4 2.1.1. Descrizione dell impianto...4 2.1.2. Dati

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli

Aeroporto di Capodichino

Aeroporto di Capodichino 2 0 1 5 Aeroporto di Capodichino Efficientamento energetico della climatizzazione fabbricato viaggiatori Ing. Maurizio Landolfi Aeroporto di Capodichino Efficientamento energetico della climatizzazione

Dettagli

Udine, luglio.2013. Cognome Nome. Lino Calligaro

Udine, luglio.2013. Cognome Nome. Lino Calligaro Offerta impianto pompa di calore aria/acqua pavimento radiante ventilazione meccanica controllata impianto elettrico impianto idrico scarico impianto fotovoltaico automazione climatica Data Udine, luglio.03

Dettagli

DIAGRAMMA PSICROMETRICO ELETTRONICO MANUALE D USO

DIAGRAMMA PSICROMETRICO ELETTRONICO MANUALE D USO NOTA DELL AUTORE Quando la Giunta AiCARR ha espresso il desiderio di avere un diagramma psicrometrico tra i tools di ausilio alla progettazione che mi ero offerto di realizzare, mi è sembrato del tutto

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI II Edizione di ANNA MAGRINI LORENZA MAGNANI INDICE GENERALE Premessa...9 CAPITOLO 1 I REQUISITI: IL

Dettagli

IL PROGETTO DI RICONVERSIONE ED

IL PROGETTO DI RICONVERSIONE ED LI IMPIANTI PER LA SANITA climatizzazione l impianto del mese f di Luca Stefanutti RIQUALIFICAZIONE OSPEDALIERA UN NUOVO POLO RIABILITATIVO IL PROGETTO DI RICONVERSIONE ED ADEGUAMENTO DELL OSPEDALE DI

Dettagli

ELFOPack. La pompa di calore aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamiliare con impianti autonomi

ELFOPack. La pompa di calore aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamiliare con impianti autonomi ELFOPack La pompa di calore aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamiliare con impianti autonomi GLI EDIFICI SONO CAMBIATI ORA SI RINNOVANO ANCHE GLI IMPIANTI

Dettagli

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO PIANI DI MANUTENZIONE IMPIANTI

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO PIANI DI MANUTENZIONE IMPIANTI Pagina 1 di 46 SOMMARIO 5.04.01 MANUALE D USO... 3 5.04.01.01 GRUPPO REFRIGERATORE D ACQUA FUNZIONANTE IN POMPA DI CALORE PER LA CLIMATIZZAZIONE AMBIENTI... 4 5.04.01.02 GRUPPO REFRIGERATORE D ACQUA FUNZIONANTE

Dettagli

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Classificazione apparecchio: Pompa di calore monoblocco aria/acqua per installazione da esterno con integrato generatore termico a gas metano.

Dettagli

LEZIONE SUGLI IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA

LEZIONE SUGLI IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA Sola Ing. Pierfranco TERMOTECNICO CERTIFICATORE ENERGETICO REGIONE PIEMONTE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA REGIONE PIEMONTE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO ISCRITTO NEGLI ELENCHI MINISTERO INTERNI Via A. Savoia

Dettagli

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI Contrariamente al passato dove, di norma, venivano annegati nel pavimento delle linee in acciaio,

Dettagli

93-0514. Heat Pumps ready! HYBRID SYSTEM. sistema ibrido da incasso interno/esterno

93-0514. Heat Pumps ready! HYBRID SYSTEM. sistema ibrido da incasso interno/esterno 93-0514 Heat Pumps ready! HYBRID SYSTEM sistema ibrido da incasso interno/esterno ambiente efficienza energetica energia rinnovabile Hybrid System è l innovativa soluzione Sile per i moderni impianti di

Dettagli

1. Premessa Il progetto mira a operare una rivalutazione generale delle architetture impiantistiche, volendo dare peso non solo all efficientamento energetico, ma piuttosto ripensando in toto gli impianti,

Dettagli

Pompa di calore per produzione di Acqua Calda Sanitaria

Pompa di calore per produzione di Acqua Calda Sanitaria POMPA DI CALORE ACQUA PLU 300 Pompa di calore per produzione di Acqua Calda anitaria POMPA DI CALORE PER ACQUA ANITARIA ACQUA PLU 300 La Pompa di calore ACQUA PLU 300 di HITEC è un prodotto innovativo

Dettagli

PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A.

PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A. PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A. RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO, VENTILAZIONE E CONDIZIONAMENTO DELL'ARIA Milano, 10 luglio

Dettagli

dell umidità Con la ventilazione meccanica controllata è possibile avere il controllo dell umidità in ambiente? Ottobre 2014

dell umidità Con la ventilazione meccanica controllata è possibile avere il controllo dell umidità in ambiente? Ottobre 2014 Ottobre 2014 dell umidità Con la ventilazione meccanica controllata è possibile avere il controllo dell umidità in ambiente? La costruzione degli edifici negli ultimi anni sta vivendo una specie di rivoluzione:

Dettagli

PROGETTO STUDIO ESERCITAZIONE PER L A.A. 2014-2015

PROGETTO STUDIO ESERCITAZIONE PER L A.A. 2014-2015 PROGETTO STUDIO ESERCITAZIONE PER L A.A. 2014-2015 Selezione del progetto Ogni gruppo (da 3 a 5 massimo) seleziona il progetto da utilizzare per la preparazione del progetto studio dell A.A: 2014-15 fra

Dettagli

Progetto per la realizzazione di: BILIOTECA DI CASTELLAMMARE DI STABIA

Progetto per la realizzazione di: BILIOTECA DI CASTELLAMMARE DI STABIA Progetto per la realizzazione di: BILIOTECA DI CASTELLAMMARE DI STABIA RELAZIONE TECNICA COME DISPOSTO DALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI 1 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI Strutture sanitarie D.P.R. del 14 gennaio 1997: requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi che

Dettagli

Udine, luglio.2013. Cognome Nome. Lino Calligaro

Udine, luglio.2013. Cognome Nome. Lino Calligaro Offerta impianto pompa di calore geotermica soffitto radiante ventilazione meccanica controllata impianto elettrico impianto idrico scarico impianto fotovoltaico automazione climatica Data Udine, luglio.03

Dettagli

SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE

SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE RECUPERATORE ORIZZONTALE VERTICALE A RECUPERO TOTALE (scambiatore in Carta) DA 1.580 m³/h DESCRIZIONE

Dettagli

1. OSSERVAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE E DEI REGOLAMENTI 2. IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ESTATE/INVERNO COMUNE DI NISCEMI

1. OSSERVAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE E DEI REGOLAMENTI 2. IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ESTATE/INVERNO COMUNE DI NISCEMI 1. OSSERVAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE E DEI REGOLAMENTI 2. IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ESTATE/INVERNO 1 1 Riferimenti legislativi a) per l impianto in generale: NORMA TITOLO PUBBLICAZION E Legge

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

Seminario formativo: Impianti di climatizzazione VRF Tecnologia e Funzionalità

Seminario formativo: Impianti di climatizzazione VRF Tecnologia e Funzionalità Ordine degli Ingegneri - Roma Seminario formativo: Impianti di climatizzazione VRF Tecnologia e Funzionalità Roma 2 marzo 2010 Ordine degli Ingegneri - Roma Agenda: Presentazione gruppo Impianti VRF: Tecnologia

Dettagli

STABILIMENTO ALENIA AERONAUTICA DI GROTTAGLIE-MONTEIASI

STABILIMENTO ALENIA AERONAUTICA DI GROTTAGLIE-MONTEIASI STABILIMENTO ALENIA AERONAUTICA DI GROTTAGLIE-MONTEIASI APPALTO OPERE CIVILI GENERALI ED IMPIANTISTICHE PROGETTO DEFINITIVO Rif. Spett.le O Impianti Meccanici Capitolato speciale di appalto Dicembre 2011

Dettagli

SOLUZIONI TECNICHE DEL PROGETTO

SOLUZIONI TECNICHE DEL PROGETTO RISCALDAMENTO INVERNALE MODALITA FUNZIONAMENTO RAFFRESCAMENTO ESTIVO MODALITA FUNZIONAMENTO SCHEMA P&I D 6. IMPIANTO A PAVIMENTO 4. SOLARE TERMICO 1. POZZO GEOTERMICO 2. POMPA DI CALORE 3. UNITA TRATTAMENTO

Dettagli

Una nuova struttura di riabilitazione

Una nuova struttura di riabilitazione R T S l impianto del mese Una nuova struttura di riabilitazione Il sistema di supervisione computerizzato, la prevenzione della legionella con dosaggio di biossido di cloro, il recupero del calore di condensazione

Dettagli

NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE MASSIMA EFFICIENZA, MASSIMO COMFORT, RISPETTO DELL AMBIENTE. www.rehau.it. Edilizia Automotive Industria

NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE MASSIMA EFFICIENZA, MASSIMO COMFORT, RISPETTO DELL AMBIENTE. www.rehau.it. Edilizia Automotive Industria NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE MASSIMA EFFICIENZA, MASSIMO COMFORT, RISPETTO DELL AMBIENTE www.rehau.it Edilizia Automotive Industria NUOVO PROGRAMMA POMPE DI CALORE PERCHE SCEGLIERE UNA POMPA DI CALORE

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Contabilizzazione, riscaldamento alta e bassa temperatura e produzione acqua calda sanitaria per impianti a condensazione

Contabilizzazione, riscaldamento alta e bassa temperatura e produzione acqua calda sanitaria per impianti a condensazione Contabilizzazione, riscaldamento alta e bassa temperatura e produzione acqua calda sanitaria per impianti a condensazione Dima con tubi di lavaggio Idraulica Modulo completo di portella DESCRIZIONE ESEMPIO

Dettagli

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SPECIALISTICA E DI CALCOLO IMPIANTO VENTILAZIONE (PROGETTO ESECUTIVO)

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SPECIALISTICA E DI CALCOLO IMPIANTO VENTILAZIONE (PROGETTO ESECUTIVO) COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SPECIALISTICA E DI CALCOLO IMPIANTO VENTILAZIONE (PROGETTO ESECUTIVO) PROGETTO DEI LAVORI FINALIZZATI AL RILASCIO DELLA SCIA ANTINCENDIO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE PIETRO ACCLAVIO

Dettagli

Libretto di impianto per la climatizzazione

Libretto di impianto per la climatizzazione Libretto di impianto per la climatizzazione conforme al Decreto n. 5027 del 11.6.2014 EDIFICIO LOCALITÀ Condominio La Torre Milano INDIRIZZO via Mazzini, 12 DATA martedì 3 marzo 2015 Rif. Esempio.E7201

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2. 3. Tipologia dell impianto pag. 3

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2. 3. Tipologia dell impianto pag. 3 INDICE 1. Premessa pag. 2 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2 3. Tipologia dell impianto pag. 3 3.1 Descrizione generale dell impianto di un appartamento tipo pag. 4 3.2 Caratteristiche tecniche

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 64 DEL 10 DICEMBRE 2007 ALLEGATO A DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 64 DEL 10 DICEMBRE 2007 ALLEGATO A DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI ALLEGATO A DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI 1. PREMESSA Si riporta di seguito una descrizione sommaria dei principali impianti tecnologici e componenti presenti nell edificio sede del Consiglio Regionale

Dettagli

OGGETTO DELL APPALTO...

OGGETTO DELL APPALTO... ---- Indice 1 OGGETTO DELL APPALTO... 2 2 ELENCO DEGLI ELABORATI... 2 3 DESCRIZIONE SOMMARIA DEGLI INTERVENTI... 3 4 CAPO II DATI TECNICI DI PROGETTO... 11 5 PARAMETRI PROGETTUALI... 11 6 RIEPILOGO INTERVENTI...

Dettagli

Unità di recupero del calore

Unità di recupero del calore ventilazione residenziale rfi-in Unità di recupero del calore RFI-IN Gamma modello con portata d aria 0 m /h. Filtri Classe G per aria di estrazione. Classe F a bassa perdita di carico per aria di rinnovo.

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA

DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA Le misure degli arredi e delle attrezzature riportate

Dettagli

Allegato 1 INFORMAZIONI MINIME RICHIESTE

Allegato 1 INFORMAZIONI MINIME RICHIESTE Allegato 1 INFORMAZIONI MINIME RICHIESTE Per partecipare al PREMIO DOMOTICA ED ENERGIE RINNOVABILI 2012, di ogni realizzazione occorre riportare, nella relazione descrittiva, le informazioni elencate di

Dettagli

trattamento aria ecoclima D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA

trattamento aria ecoclima D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA IT trattamento aria D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA trattamento aria ARIA! Benessere significa anche qualità dell aria: aria fresca, ricca di ossigeno, prelevata dall esterno, filtrata e

Dettagli

Contenuto e obiettivi

Contenuto e obiettivi Aiuto all applicazione EN-4 Impianti di ventilazione Contenuto e obiettivi Il presente aiuto all applicazione tratta delle esigenze da rispettare per la progettazione, la messa in opera e la sostituzione

Dettagli

17/10/2013. calda alimentati a biomassa SOLIDO

17/10/2013. calda alimentati a biomassa SOLIDO 1 1 1 Questa presentazione illustra i principali elementi contenuti nella legislazione e nelle norme tecniche di volta in volta richiamate Questa presentazione ma non sostituisce gli atti richiamati e

Dettagli

rt pool soluzioni speciali per piscine

rt pool soluzioni speciali per piscine rt pool soluzioni speciali per piscine una missione, tre obiettivi climatizzazione - alta efficienza - risparmio energetico Missione Primaria è offrire soluzioni per il trattamento e il ricambio dell

Dettagli

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Distribuzione del calore E della portata idraulica Tipologie: A velocità fissa A 3 velocità regolabili A velocità variabile o elettronica modulante

Dettagli

Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto.

Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto. UNITÀ TERMINALI Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto. Le unità terminali si suddividono in: Unità a prevalente

Dettagli

Allegato 7) MATERIALI PROPOSTI. Scheda 1: 38.1.12.10 - Centrale di trattamento aria Tipo ROCCHEGGIANI CTA 12.9

Allegato 7) MATERIALI PROPOSTI. Scheda 1: 38.1.12.10 - Centrale di trattamento aria Tipo ROCCHEGGIANI CTA 12.9 Allegato 7) MATERIALI PROPOSTI Scheda 1: 38.1.12.10 - Centrale di trattamento aria Tipo ROCCHEGGIANI CTA 12.9 Scheda 2: 53.5.10 - Pannello solare TSOL 25 Scheda 3: 63.3.35.80 - Apparecchio illuminante

Dettagli

Nella nuova era del risparmio energetico e dell utilizzo delle fonti rinnovabili è nato il brevetto - 6 -

Nella nuova era del risparmio energetico e dell utilizzo delle fonti rinnovabili è nato il brevetto - 6 - Nella nuova era del risparmio energetico e dell utilizzo delle fonti rinnovabili è nato il brevetto - 6 - HUB RADIATOR PRINCIPI GENERALI per produrre riscaldamento, condizionamento ed acqua calda sanitaria

Dettagli

Generalità... 2. Stato dei Luoghi... 2. Locali A1 e A2... 2. Locale B... 2. Soluzioni Progettuali... 3. Spogliatoi-servizi igienici...

Generalità... 2. Stato dei Luoghi... 2. Locali A1 e A2... 2. Locale B... 2. Soluzioni Progettuali... 3. Spogliatoi-servizi igienici... RELAZIONE GENERALE Generalità... 2 Stato dei Luoghi... 2 Locali A1 e A2... 2 Locale B... 2 Soluzioni Progettuali... 3 Spogliatoi-servizi igienici... 3 - Locali SP1 e SP2... 3 - Servizi igienici (S)...

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

Cold Plate BREVETTATO

Cold Plate BREVETTATO L uso di dissipatori ad acqua si sta sempre più diffondendo per rispondere all esigenza di dissipare elevate potenze in spazi contenuti e senza l adozione di ventole con elevate portate d aria. Infatti,

Dettagli

TERMOVENTILANTI EBH EDS INTEGRATED COMFORT SYSTEMS

TERMOVENTILANTI EBH EDS INTEGRATED COMFORT SYSTEMS IT TERMOVENTILANTI EBH EDS INTEGRATED COMFORT SYSTEMS EBH EDS TERMOVENTILANTI EBH EDS Le unità termoventilanti da incasso delle serie EBH - EDS, grazie ai loro ventilatori ad alta prevalenza, sono indicate

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4

LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4 LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4 Conforme agli Allegati del D.M. 10 febbraio 2014 IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO Esempio applicativo N. 4 Il quarto ESEMPIO APPLICATIVO del nuovo libretto di

Dettagli

IMPIANTI TERMICI E DI CONDIZIONAMENTO DEL COMUNE DI TORINO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO B ELENCO PREZZI AGGIUNTIVI

IMPIANTI TERMICI E DI CONDIZIONAMENTO DEL COMUNE DI TORINO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO B ELENCO PREZZI AGGIUNTIVI IMPIANTI TERMICI E DI CONDIZIONAMENTO DEL COMUNE DI TORINO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO B ELENCO PREZZI AGGIUNTIVI MANUTENZIONE STRAORDINARIA, RINNOVI ED ADEGUAMENTI DEGLI IMPIANTI TERMICI E

Dettagli

MASTER DIVISION Verona 27 Marzo 2015

MASTER DIVISION Verona 27 Marzo 2015 MASTER DIVISION Verona 27 Marzo 2015 1 Il sistema radiante e la distribuzione La sorgente L acqua calda sanitaria i Il raffrescamento Il generatore di calore L accumulo 2 IL GENERATORE DI CALORE 4 bar,

Dettagli

TEST DI AUTOVALUTAZIONE Non valido ai fini dell abilitazione finale.

TEST DI AUTOVALUTAZIONE Non valido ai fini dell abilitazione finale. 5 Il fabbisogno di energia trasmissione Q h,tr di cui alla parte della UNITS 00:008 è funzione: Nella UNITS00 il coefficiente b tr di correzione dello scambio termico dipende: Il rendimento globale medio

Dettagli

Pompe di calore: GEOTERMICHE ARIA / ACQUA. Il meglio a portata di mano

Pompe di calore: GEOTERMICHE ARIA / ACQUA. Il meglio a portata di mano Pompe di calore: GEOTERMICHE ARIA / ACQUA Il meglio a portata di mano THERMISTAR S Pompe di calore geotermichethermistar S Le pompe di calore geotermiche ThermiStar S sono oggi uno dei migliori prodotti

Dettagli

IZ 03 Impianto di controllo ventilazione e condizionamento Settembre 2015

IZ 03 Impianto di controllo ventilazione e condizionamento Settembre 2015 IZ 03 Impianto di controllo ventilazione e condizionamento Settembre 2015 Riferimenti normativi: - Norma Europea EN 15232 - Guida CEI 205-18 Introduzione: La norma EN 15232 classifica le funzioni di automazione

Dettagli

Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso

Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso 1. Lo sviluppo del sistema GIF si è basato su una serie di problemi riscontrati nei seguenti campi: A. Tecnologie dell aria e del condizionamento

Dettagli