ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA"

Transcript

1 Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento delle spese pubbliche e richiama la necessità di nuove prassi amministrative basate sulla costruzione di sistemi di sussidiarietà in cui interagiscono le Amministrazioni comunali e i soggetti del territorio Il superamento del welfare come finora strutturato, impone il contenimento delle spese sia pubbliche che delle famiglie e pone la necessità di una nuova organizzazione di welfare e di nuove prassi amministrative basate su sistemi di sussidiarietà in cui interagiscono le Amministrazioni comunali e i soggetti del territorio. Le Istituzioni pubbliche, al fine di ottenere la massima efficacia dei servizi erogati, sono chiamate a una sempre più attenta organizzazione e modalità di attuazione degli stessi, sapendo cogliere i nuovi bisogni e le nuove domande che la società pone. Anche le famiglie, nondimeno, sono chiamate ad auto organizzarsi per fronteggiare e superare le difficoltà sia di ordine sociale che economico da cui sono fortemente investite. Il Welfare territoriale è pertanto crocevia essenziale per la realizzazione di prassi amministrative innovative e partecipative, soprattutto per aiutare le famiglie a superare particolari momenti di crisi e difficoltà. A tal fine, le famiglie sono una risorsa indispensabile nella costruzione di un Welfare comunitario, tipicamente sussidiario, che generi buone pratiche di politiche con le famiglie, attraverso un pieno coinvolgimento di queste ultime nella progettazione delle stesse, al fine di costruire relazioni sociali attive nel dialogo con le Istituzioni. L Ente locale, nella realizzazione di un welfare territoriale comunitario e generativo, esercita il ruolo e la responsabilità che la legge gli assegna condividendo con altri Enti locali e con le associazioni dei Comuni e delle famiglie esperienze e buone pratiche, nella consapevolezza che il livello locale di governo è sempre più spesso il laboratorio e l incubatore di scelte innovative capaci di migliorare il benessere delle comunità. I Comuni possono organizzare in modo più efficace le politiche di Welfare associando alle politiche assistenziali in essere politiche promozionali e innovative che realizzino un Welfare partecipato dalle famiglie quali risorse essenziali per l avvio di reti di auto mutuo aiuto familiare, per la riscoperta di relazioni di buon vicinato, per l attivazione di un economia a filiera corta, a partire dai principi per un economia sociale di mercato.

2 Richiamata in particolare la legge n. 328/2000 che all art. 1, comma 5, precisa che: Alla gestione e all'offerta dei servizi provvedono soggetti pubblici nonché, in qualità di soggetti attivi nella progettazione e nella realizzazione concertata degli interventi, organismi non lucrativi di utilità sociale, organismi della cooperazione, organizzazioni di volontariato, associazioni ed enti di promozione sociale, fondazioni, enti di patronato e altri soggetti privati. Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ha tra gli scopi anche la promozione della solidarietà sociale, con la valorizzazione delle iniziative delle persone, dei nuclei familiari, delle forme di auto-aiuto e di reciprocità e della solidarietà organizzata, e all art. 16 comma 1 afferma che: Il sistema integrato di interventi e servizi sociali riconosce e sostiene il ruolo peculiare delle famiglie nella formazione e nella cura della persona, nella promozione del benessere e nel perseguimento della coesione sociale; sostiene e valorizza i molteplici compiti che le famiglie svolgono sia nei momenti critici e di disagio, sia nello sviluppo della vita quotidiana; sostiene la cooperazione, il mutuo aiuto e l'associazionismo delle famiglie; valorizza il ruolo attivo delle famiglie nella formazione di proposte e di progetti per l'offerta dei servizi e nella valutazione dei medesimi. Al fine di migliorare la qualità e l'efficienza degli interventi, gli operatori coinvolgono e responsabilizzano le persone e le famiglie nell'ambito dell'organizzazione dei servizi. Considerato che oltre ai Comuni, la Lega delle Autonomie locali della Lombardia, la Federazione lombarda dei consultori familiari di ispirazione cristiana (FeLCeAF), il Forum delle Associazioni familiari della Lombardia, l Afi Associazione delle famiglie milanesi e briantee, rientrano tra i soggetti richiamati dalla predetta citata normativa e che nei loro rispettivi statuti prevedono il perseguimento del bene pubblico attraverso gli strumenti operativi che sono loro propri. Tutto ciò premesso la Lega delle Autonomie locali della Lombardia, la Federazione lombarda dei consultori familiari di ispirazione cristiana (FeLCeAF), il Forum delle Associazioni familiari della Lombardia, l Afi Associazione delle famiglie milanesi e briantee, condividono la necessità di attivare una Rete di Comuni amici della famiglia che favoriscano nella comunità lo sviluppo di buone pratiche, di azioni di mutuo aiuto familiare, di percorsi di collaborazione, solidarietà e sostegno reciproco tra le famiglie in un rapporto di co-progettazione tra le famiglie stesse e le istituzioni locali. A tal fine la Lega delle Autonomie locali della Lombardia, la Federazione lombarda dei consultori familiari di ispirazione cristiana (FeLCeAF), il Forum delle Associazioni familiari della Lombardia, danno vita a un Comitato Etico che abbia il compito di vigilare e garantire il corretto perseguimento e il raggiungimento degli obiettivi e delle finalità del presente accordo, di fissare gli ambiti progettuali e i criteri per la contribuzione e l attuazione di progetti volti alla promozione di politiche con le famiglie elaborati dai Tavoli Famiglie in rete comunali. Il Comitato etico individua altresì modalità e criteri che attestino gli aspetti etici della gestione aziendale a cui i partner convenzionati dovranno attenersi. La Rete di comuni amici della famiglia: 1. configura un sistema permanente di incontro e confronto di Comuni tra loro e con l associazionismo familiare per diffondere buone pratiche e stimolare percorsi di collaborazione progettuale e operativa che valorizzano il ruolo della famiglia nelle comunità locali; 2. realizza buone pratiche per lo sviluppo e la qualificazione di politiche promozionali e distintive che valorizzano e potenziano le capacità, le idee, le esperienze concrete promosse dalle famiglie; 3. stimola la partecipazione attiva e concreta delle famiglie singole e associate;

3 4. attiva strumenti comunitari per il sostentamento del reddito delle famiglie, per il consolidamento dell economia di vicinato, per l individuazione di nuove forme di autofinanziamento. La Rete dei Comuni amici della famiglia si avvale dei seguenti strumenti: 1. Tavolo intercomunale della Rete dei Comuni amici della famiglia, quale strumento di elaborazione delle politiche con le famiglie, di programmazione e attivazione di progetti innovativi a favore dello sviluppo dell associazionismo familiare quale partner progettuale. 2. Tavolo delle famiglie in rete comunale a cui è affidata la programmazione, il reperimento dei finanziamenti finalizzati alle politiche familiari, la co-progettazione delle buone pratiche da realizzare e sostenere nella comunità territoriale. 3. Family Card dei Comuni lombardi: carta sconti che realizza il sistema Family Card regionale per sostenere il reddito delle famiglie e l economia di vicinato. 3.a La Family Card è destinata soprattutto alle famiglie composte da almeno 5 componenti o famiglie aventi almeno un figlio tra 0-4 anni e a quelle impoverite segnalate al Comitato Etico dai singoli comuni aderenti alla rete. 3.b La Family Card è uno strumento per autofinanziare i progetti territoriali di politiche con le famiglie elaborati dai Tavoli Famiglie in rete comunali, secondo le linee annualmente indicate dal Comitato Etico. 3.c La Family Card alimenterà inoltre un Fondo che sarà costituito dall 1% di ogni transazione commerciale effettuata tramite le Card attivate nel circuito convenzionato, dalle donazioni effettuate da persone fisiche o giuridiche, da contributi sia di soggetti pubblici che privati. Il Fondo sarà altresì destinato a favorire lo sviluppo dell associazionismo familiare sul territorio e a sostenere le azioni tese a supportare la rete dei Comuni amici della famiglia. 3.d La Family Card sarà accompagnata da un altra Carta, a disposizione di tutti i cittadini che, pur non fruendo dello sconto, intendono contribuire, attraverso la propria spesa, alla formazione del Fondo sociale. 3.e Il Fondo sociale, per condivisa intesa tra i soggetti firmatari del presente accordo, sarà utilizzato per i progetti programmati dal Tavolo intercomunale della rete dei Comuni amici della famiglia e dai Tavoli delle famiglie in rete comunale, e sarà gestito dall Afi - Associazione famiglie milanesi e briantee, sulla base delle indicazioni e degli indirizzi del Comitato Etico al quale rendiconterà e risponderà annualmente della gestione. 4. Le Amministrazioni Comunali che aderiranno ad presente accordo si impegneranno a: assicurare adeguata e puntuale promozione alla famiglia e alla co-progettazione di interventi innovativi a favore del benessere delle famiglie stesse; eseguire tutti gli atti e le procedure necessarie per avviare il progetto della rete dei Comuni amici della famiglia; partecipare al Tavolo intercomunale al fine di rappresentare le istanze delle famiglie del proprio territorio; promuovere la costituzione e la partecipazione delle organizzazioni rappresentative delle famiglie al Tavolo delle famiglie in rete comunale; promuovere l attivazione della Family Card nel proprio Comune; deliberare ogni anno la somma da inserire nel proprio bilancio per sostenere le Politiche con le Famiglie da sviluppare e progettare nei Tavoli comunali Famiglie in rete ; partecipare alle attività di fundraising sviluppate attraverso la Rete dei Comuni amici della famiglia.

4 Il Forum regionale delle Associazioni familiari della Lombardia, la Federazione lombarda dei consultori familiari di ispirazione cristiana (FeLCeAF) sono parte attiva per l attuazione del Welfare territoriale della famiglia. Legautonomie Lombardia, è consapevole del fatto che proprio in situazioni così difficili come quelle attuali è necessario sviluppare forme di collaborazione e cooperazione tra Enti locali e tra soggetti pubblici e privati dei territori, tese a sostenere e potenziare le attività dei Comuni, sempre più complesse e impegnative; è inoltre consapevole del fatto che tale cooperazione può svilupparsi in modo più favorevole fra Reti di Comuni in grado di progettare strategie e prassi innovative e partecipate tra Enti locali e soggetti dei territori Il direttivo regionale di Legautonomie, nella convocazione del 4 ottobre 2013, ha deciso all unanimità di accogliere la proposta di adesione alla Rete dei Comuni amici della Famiglia e alla realizzazione della Family Card dei Comuni Lombardi con il Forum regionale delle Associazioni familiari della Lombardia e la Federazione lombarda dei consultori familiari di ispirazione cristiana (FeLCeAF). In tale progetto Legautonomie Lombardia assume il ruolo di promotore della Rete presso i Comuni, di attivatore dei processi e delle pratiche che via via si svilupperanno e di promotore di un tavolo regionale di coordinamento tra i Comuni e partecipa al Comitato Etico.

5 LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA FEDERAZIONE LOMBARDA DEI CONSULTORI DI ISPIRAZIONE CRISTIANA (FELCEAF) FORUM LOMBARDO DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFI ASSOCIAZIONE FAMIGLIE MILANESI E BRIANTEE Sottoscrivono il presente accordo di programma impegnandosi a darvi piena attuazione, ciascuno per le proprie competenze e ad avviare, per la durata di tre anni, la sperimentazione della Rete dei comuni amici della famiglia e della Family Card dei Comuni Lombardi. I comuni che aderiranno dovranno inviare la propria adesione alla Lega delle autonomie locali della Lombardia. Milano, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA Il legale rappresentante LA FEDERAZIONE LOMBARDA DEI CONSULTORI FAMILIARI DI ISPIRAZIONE CRISTIANA (FELCEAF) FORUM LOMBARDO DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFI ASSOCIAZIONE FAMIGLIE MILANESI E BRIANTEE

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DENOMINATO CIRCOLO ACLI A. GRANDI - Art. 1 DENOMINAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DENOMINATO CIRCOLO ACLI A. GRANDI - Art. 1 DENOMINAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DENOMINATO CIRCOLO ACLI A. GRANDI - MELZO Art. 1 DENOMINAZIONE 1.1. E costituita l associazione di promozione sociale denominata: CIRCOLO ACLI A. GRANDI

Dettagli

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 Protocollo d intesa Costituzione di un Centro regio nale per la promozione e lo sviluppo dell auto

Dettagli

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA :

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : il ruolo di un soggetto del terzo settore a sostegno del caregiving familiare 31/03/2014 ANZIANI E NON SOLO soc. coop Loredana Ligabue 1.Premessa Quasi l'80%

Dettagli

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA INTRODUZIONE COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA 1.1. ORGANIZZAZIONE E FASI DEL PROGETTO Giovane Cittadinanza (GC) è un progetto finanziato dal fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN TAVOLO PER LA SOLIDARIETA RESPONSABILE E DI UN FONDO COMUNE DI SOLIDARIETA PREMESSO CHE Nel Comune di Castiglione del Lago un dato eclatante è quello della

Dettagli

Visita di Studio sul tema dell economia sociale. Dossier di approfondimento della tematica

Visita di Studio sul tema dell economia sociale. Dossier di approfondimento della tematica Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE UNA PROPOSTA ALL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELLA BRIANZA COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE Il contesto territoriale Il territorio della Provincia di Monza e della

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

Provincia autonoma di Trento - Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità. progetto concluso No

Provincia autonoma di Trento - Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità. progetto concluso No Provincia di Bolzano BZ popolazione 102.808 abitanti famiglie interessate 12.000 distribuzione automatica carta tecnologica inizio progetto progetto concluso validità della card Una volta attivata la Card

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl

REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl Premessa - Riferimenti La Coop. Acanta MAG (nel proseguo del documento chiamata semplicemente Acanta) è uno strumento al servizio

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

PROGETTO ADOTTA UNO STUDENTE

PROGETTO ADOTTA UNO STUDENTE PROGETTO ADOTTA UNO STUDENTE CARTA ETICA Giampaolo Marras Sergio Tobia Perugia 24 settembre 2013. 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA Adotta uno studente è il progetto dell Associazione Ricreativa e Culturale

Dettagli

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva DIPARTIMENTO RISORSE UMANE Percorsi di Cittadinanza Attiva INDICE 1. Premessa 2. Roma Capitale : volontariato e sussidiarietà orizzontale 3. La valorizzazione delle competenze acquisite : la sperimentazione

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

Legge 8 novembre 2000, n. 328. "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali"

Legge 8 novembre 2000, n. 328. Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 8 novembre 2000, n. 328 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 265 del 13 novembre 2000 - Supplemento ordinario

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

PIANO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA E DEL WELFARE COMUNITARIO SOMMARIO

PIANO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA E DEL WELFARE COMUNITARIO SOMMARIO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 30.5.2012 N. 101/91267 P.G. COMUNE DI BRESCIA PIANO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA E DEL WELFARE COMUNITARIO SOMMARIO PARTE PRIMA 1. PRINCIPI

Dettagli

Protocollo d Intesa. per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale

Protocollo d Intesa. per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale Protocollo d Intesa per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale Il Comune di Reggio Emilia il Consiglio Notarile di

Dettagli

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS STATUTO del BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS Registrazione esente da imposta di registro (art. 8 L. 266/91) e bollo (art. 17 D.Lgs. 460/1997) BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO ONLUS Via Oltrecolle, 139

Dettagli

DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA ARTICOLO - 4 - FINALITÀ * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * -

DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA ARTICOLO - 4 - FINALITÀ * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * - DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * - CARITAS PARROCCHIALE S. MARIA REGINA MUNDI ARTICOLO - 1 - ISTITUZIONE 1. E istituita nella Parrocchia di S. Maria Regina Mundi,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 1358 18/09/2015 Oggetto : Approvazione della bozza di accordo operativo

Dettagli

l esperienza degli artigiani

l esperienza degli artigiani 1 l esperienza degli artigiani 2 Perché una mutua degli artigiani? L Associazione Artigiani si sta impegnando ormai da tempo per trovare soluzione alla questione ormai urgente e presente della copertura

Dettagli

BANDO PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Anno 2013 1. PREMESSA 2

BANDO PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Anno 2013 1. PREMESSA 2 BANDO PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Anno 2013 1. PREMESSA 2 2. UNA NUOVA FASE DI PROGETTAZIONE SOCIALE: IL CONTESTO IN CUI SI SVILUPPA E IL

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

Auto Mutuo Aiuto Lavoro

Auto Mutuo Aiuto Lavoro Assessorato al Lavoro Auto Mutuo Aiuto Lavoro progettazione e sperimentazione di un nuovo servizio rivolto a chi perde il lavoro Il progetto Nel quadro delle politiche attive al lavoro non esiste ad oggi

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO SOCIETARIO

REGOLAMENTO SOCIETARIO Via Pietro del Pezzo,34 84100 Salerno Tel Fax 089 757051 e-mail : info@cooperativasociale.it REGOLAMENTO SOCIETARIO PREMESSA Il Regolamento societario, anche detto Regolamento Consortile è lo strumento

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DI STEVEN

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DI STEVEN STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DI STEVEN Allegato all Atto Costitutivo del 02/05/2013 Costituzione, sede, denominazione Art. 1 - E costituita con sede in Solbiate Arno (VA), Via IV Novembre 6/B l Associazione

Dettagli

(Princìpi generali e finalità)

(Princìpi generali e finalità) Legge 8 novembre 2000, n. 328 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 265 del 13 novembre 2000 - Supplemento ordinario

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

Obiettivo Servizio Responsabile 2010-3H00 SALUTE E SERVIZI SOCIALI Palmieri Donatella 2010 CP 01 09

Obiettivo Servizio Responsabile 2010-3H00 SALUTE E SERVIZI SOCIALI Palmieri Donatella 2010 CP 01 09 2010-3H00 SALUTE E SERVIZI SOCIALI Palmieri Donatella FUNZIONAMENTO GENERALE DEL SERVIZIO Tipo di Obiettivo ORDINARIO BUDGET Tit. Cat. Descrizione Importo 2010 CP 02 05 Contr/trasf altri enti 3.642.500,00

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013 Nei giorni 19, 20 e 21 Novembre 2012, a Iseo (BS), si è tenuto il Laboratorio Costruire la rete, prima iniziativa di formazione dei Dirigenti delle Scuole lombarde capofila provinciali della Rete delle

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO 1 - Promotore e finalità del bando La Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus promuove un bando per l individuazione

Dettagli

Allegato 1 AVVISO PROGETTO NUOVO PONTE GENERAZIONALE

Allegato 1 AVVISO PROGETTO NUOVO PONTE GENERAZIONALE Allegato 1 AVVISO PROGETTO NUOVO PONTE GENERAZIONALE 1 1. Premessa 1. Il presente intervento, promosso e finanziato dal Ministero del Lavoro (Decreti Direttoriali n. 481 del 25 giugno 2012 e n. 807 del

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 225 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 Legge quadro sulla famiglia TIPOGRAFIA DEL SENATO

Dettagli

Sperimentazione nuova carta acquisti

Sperimentazione nuova carta acquisti Sperimentazione nuova carta acquisti (Social Card) Bologna, febbraio 2013 Normativa di riferimento: La nuova Social Card - Decreto semplifica Italia (art. 60 D.L. 9 febbraio 2012 nr. 5 convertito in Legge

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

COD. PRATICA: 2013-001-1212. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1399 DEL 09/12/2013

COD. PRATICA: 2013-001-1212. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1399 DEL 09/12/2013 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1399 DEL 09/12/2013 OGGETTO: Piano di interventi per la famiglia. L.R. n. 13/2010 "Disciplina dei servizi e degli interventi a favore

Dettagli

Legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo

Legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo Legge Regionale 6 novembre 2015, n. 34 Legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo (BURL n. 46, suppl. del 10 Novembre 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-11-06;34 Art. 1 (Principi

Dettagli

PREMESSO CHE: VISTO CHE :

PREMESSO CHE: VISTO CHE : BANDO DI INDIZIONE DI SELEZIONE PUBBLICA, FINALIZZATA ALL'INDIVIDUAZIONE DI PARTNERS DISPONIBILI ALLA CO-PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI INTERVENTI INNOVATIVI NEL SETTORE WELFARE DI COMUNITA - AREA GIOVANI

Dettagli

Giovanna Rossi, Forum delle Associazioni Familiari Roma, 17 maggio 2014

Giovanna Rossi, Forum delle Associazioni Familiari Roma, 17 maggio 2014 Come leggere le trasformazioni della famiglia oggi? Quali sono le caratteristiche delle reti di famiglie? Come promuovere le reti di famiglie oggi? Quale è il compito dell associazionismo multilivello

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CARER : CAREGIVER FAMILIARI EMILIA ROMAGNA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CARER : CAREGIVER FAMILIARI EMILIA ROMAGNA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CARER : CAREGIVER FAMILIARI EMILIA ROMAGNA Art 1. Costituzione E costituita l Associazione CARER : CAREGIVER FAMILIARI EMILIA ROMAGNA. Si propone di dare voce ai caregiver familiari

Dettagli

- Periodo 11/00-06/01 - Promozione art.51 legge 448/98. - Periodo 01-12/95 - Promozione rivista Vita. Servizi di consulenza

- Periodo 11/00-06/01 - Promozione art.51 legge 448/98. - Periodo 01-12/95 - Promozione rivista Vita. Servizi di consulenza Marketing, fund raising, people raising A livello nazionale COOPERATIVA VERSO LA BANCA ETICA (Padova) - Periodo 01-12/96 - Costituzione Banca Popolare Etica COSPE (Firenze) - Periodo 09/99 05/00 - Piano

Dettagli

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011 PEI Pagina 1 LA DOMANDA FORMATIVA La nostra scuola è consapevole di essere una risposta alle esigenze formative delle famiglie del territorio come descritto nel PEN:

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

AVVISO. Home Care Premium 2014. per la ricerca e il convenzionamento. di Ambiti Territoriali Sociali disponibili alla gestione convenzionata di

AVVISO. Home Care Premium 2014. per la ricerca e il convenzionamento. di Ambiti Territoriali Sociali disponibili alla gestione convenzionata di Direzione Centrale Credito e Welfare AVVISO Home Care Premium 2014 per la ricerca e il convenzionamento di Ambiti Territoriali Sociali disponibili alla gestione convenzionata di Progetti Innovativi e Sperimentali

Dettagli

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest 1. PROMOTORE E FINALITÀ DEL BANDO In connessione con la manifestazione EXPO2015 si intende favorire lo

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 2 L assistenza sociale e le principali prestazioni assistenziali Sommario 1. La riforma dell assistenza sociale operata dalla L. 8 novembre 2000, n. 328. 2. Il sistema integrato di interventi

Dettagli

Art. 2 SEDE - L'associazione ha sede legale in Bergamo, presso l Istituto Pesenti, Via Ozanam, 27

Art. 2 SEDE - L'associazione ha sede legale in Bergamo, presso l Istituto Pesenti, Via Ozanam, 27 Bergamo, 29 settembre 2010 Statuto Associazione Coordinamento dei Comitati e delle Associazioni Genitori delle Scuole Secondarie Superiori della provincia di Bergamo, in sigla Coor.Co.Ge. Art. 1 DENOMINAZIONE

Dettagli

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 120.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti;

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti; PROGETTO ABITARE OBIETTIVI GENERALI Il quadro di riferimento e l origine del Progetto Abitare è rappresentato dal Protocollo di Intesa stipulato tra la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e l Ufficio

Dettagli

statuto_v2 2012/2/20 20:16 page 1 #1 PUGLIA SOFTWARE OPEN SOURCE (Puglia SOS) ASSOCIAZIONE di PROMOZIONE SOCIALE (A.P.S.

statuto_v2 2012/2/20 20:16 page 1 #1 PUGLIA SOFTWARE OPEN SOURCE (Puglia SOS) ASSOCIAZIONE di PROMOZIONE SOCIALE (A.P.S. statuto_v2 2012/2/20 20:16 page 1 #1 PUGLIA SOFTWARE OPEN SOURCE (Puglia SOS) ASSOCIAZIONE di PROMOZIONE SOCIALE (A.P.S.) S T A T U T O 2 statuto_v2 2012/2/20 20:16 page 2 #2 statuto_v2 2012/2/20 20:16

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PARTENARIATO FINALIZZATO ALLA IMPLEMENTAZIONE DI UN SERVIZIO NAVETTA PER I MALATI ONCOLOGICI

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PARTENARIATO FINALIZZATO ALLA IMPLEMENTAZIONE DI UN SERVIZIO NAVETTA PER I MALATI ONCOLOGICI COMUNE DI VIGGIANO Allegato B FONDAZIONE ANT ONLUS FONDAZIONE SERENITA ONLUS ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E COOPERATIVE SOCIALI PUBBLICA ASSISTENZA MOLITERNO COOPERATIVA SOCIALE AKIRIS ASSOCIAZIONE DI

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

PRESENTAZIONE dell AZIENDA

PRESENTAZIONE dell AZIENDA 2015 PRESENTAZIONE dell AZIENDA INTRODUZIONE Presentazione dell Azienda anno 2015 ENAIP, Ente Nazionale ACLI Istruzione Professionale, è una rete nazionale di servizi per la formazione e il lavoro che

Dettagli

TRASFERIMENTO DI BUONE PRATICHE FINALIZZATO AL RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DEI SERVIZI E DELLE INIZIATIVE DESTINATE ALLE FAMIGLIE

TRASFERIMENTO DI BUONE PRATICHE FINALIZZATO AL RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DEI SERVIZI E DELLE INIZIATIVE DESTINATE ALLE FAMIGLIE Provincia Autonoma di Trento Comune di Palermo TRASFERIMENTO DI BUONE PRATICHE FINALIZZATO AL RAFFORZAMENTO DEL STEMA DEI SERVIZI E DELLE INIZIATIVE DESTINATE ALLE FAMIGLIE PROPOSTA DI GEMELLAGGIO 1. Amministrazioni

Dettagli

ALLEGATO B STATUTO MUTUA NUOVA SANITA

ALLEGATO B STATUTO MUTUA NUOVA SANITA ALLEGATO B ART. 1 Denominazione STATUTO MUTUA NUOVA SANITA E costituita una società di Mutuo Soccorso con la denominazione di "MUTUA NUOVA SANITÀ " che nel presente statuto viene indicata, per brevità,

Dettagli

1999-2015 SERVIZI E PROGETTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SERVIZI E PROGETTI PER IL TERZO SETTORE SEMINARI E CONVEGNI ATTIVITÀ FORMATIVE RICERCA

1999-2015 SERVIZI E PROGETTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SERVIZI E PROGETTI PER IL TERZO SETTORE SEMINARI E CONVEGNI ATTIVITÀ FORMATIVE RICERCA 1999-2015 Studio ERRESSE è una società cooperativa composta da un gruppo di professionisti che, ad una formazione sociologica, economica e giuridica, uniscono una consolidata esperienza nel campo delle

Dettagli

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI Dire fare abitare Fondo Fei 2013, Azione 6, prog. 105060 - CUP D18D14000570008 EMERGENZA ABITATIVA Dal

Dettagli

Visto l'articolo 2 dello "Statuto d'autonomia della Lombardia" approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1;

Visto l'articolo 2 dello Statuto d'autonomia della Lombardia approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1; Deliberazione Giunta Regionale 8 maggio 2014 n. 10/1766 Determinazioni in ordine al recepimento delle intese tra il Governo, le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le autonomie locali del

Dettagli

Luciano Malfer Progetto speciale Coordinamento politiche familiari Provincia autonoma di Trento

Luciano Malfer Progetto speciale Coordinamento politiche familiari Provincia autonoma di Trento L ESPERIENZA TRENTINA DEL DISTRETTO PER LA FAMIGLIA Luciano Malfer Progetto speciale Coordinamento politiche familiari Provincia autonoma di Trento La famiglia non è solo una dimensione privata, è una

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA A regola d ARTE Manuale di lavoro RENA Che cos è RENA? Intelligenza collettiva al servizio dell Italia La Rete per l eccellenza nazionale (RENA) è un associazione indipendente e plurale, animata da giovani

Dettagli

DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE

DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE Anche il più piccolo atto nelle circostanze più limitate ha in sé il germe della stessa illimitatezza, perché un solo atto, e qualche volta una sola parola,

Dettagli

Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile. Statuto

Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile. Statuto Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile Statuto TITOLO I Art. 1: Denominazione e sede. Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile Provincia di Bologna

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli