REGOLAMENTO CONSULTA VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI BERGAMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO CONSULTA VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI BERGAMO"

Transcript

1 REGOLAMENTO CONSULTA VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI BERGAMO Art. 1 - Costituzione E istituita la Consulta del Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Bergamo, con sede presso l Assessorato alla Protezione Civile. Art. 2 - Scopi e finalità La Consulta è un Organismo di ausilio alla Provincia per il coordinamento delle varie realtà del Volontariato di Protezione Civile, con il quale si vuole valorizzare e qualificare l attività del Volontariato favorendo la collaborazione tra le varie Organizzazioni e tra queste e le istituzioni. Essa ha anche lo scopo di proporre iniziative per la promozione e la divulgazione di una moderna cultura di Protezione Civile. La Consulta fornisce supporto alle iniziative della Provincia in materia di Protezione Civile e Volontariato, in particolare: incrementa i rapporti di collaborazione fra le componenti del Volontariato e fra queste e le Istituzioni, anche attraverso il supporto nell organizzazione di manifestazioni; costituisce gruppi di lavoro di cui all articolo 15; propone iniziative di formazione e qualificazione degli operatori volontari di Protezione Civile; fornisce supporto nell organizzazione di periodiche attività addestrative; promuove momenti di studio, dibattiti, di informazione ed addestramento delle Organizzazioni di Volontariato nel rispetto delle autonomie delle singole associazioni aderenti, sulle tematiche della protezione civile; propone indirizzi finalizzati al miglioramento dell efficienza organizzativa e del razionale utilizzo di risorse umane e strumentali del sistema di protezione civile; acquisisce, valuta e presenta alla Provincia proposte ed indicazioni formulate dalle Organizzazioni di Volontariato partecipanti alla Consulta; supporta la Provincia nell acquisizione di informazioni, notizie e documenti relativi alle attività di Volontariato locale e nazionale; contribuisce alla efficiente organizzazione e gestione del Volontariato di Protezione Civile, sia nella prevenzione che in emergenza.

2 Art. 3 - Ruolo della Provincia La Provincia presiede e coordina la Consulta; propone, raccoglie ed eventualmente sostiene iniziative su tematiche di Protezione Civile proposte dalle Organizzazioni di Volontariato, membri della Consulta stessa. Art. 4 - Composizione e Membri La Consulta del Volontariato è composta: dall Assessore alla Protezione Civile o da un suo delegato, che la presiede, da un delegato per ogni Organizzazione di Volontariato di Protezione Civile operante sul territorio provinciale di cui al comma successivo, indipendentemente dal numero dei componenti il Gruppo/Associazione di Protezione Civile; Fanno parte della Consulta le seguenti Organizzazioni di Volontariato: 1) Membri di diritto: A. C.R.I. e il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico in quanto strutture operative del sistema Protezione Civile ai sensi dell art. 11 della legge n. 225/92; B. Associazione Nazionale Vigili del Fuoco Volontari; C. Comitato Provinciale di Bergamo delle ANPAS; D. Associazione Nazionale Alpini Sezione di Bergamo. 2) Associazioni e Gruppi Comunali/Intercomunali, con sede ed attività di Protezione Civile in Provincia di Bergamo e regolarmente iscritti al: a. Albo Regionale del Volontariato di Protezione Civile, Sezione Regionale o Provinciale; b. Elenco del Dipartimento della Protezione Civile. Tutti i rappresentanti delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile di cui sopra hanno diritto di voto. In relazione alle tematiche poste all ordine del giorno possono essere invitati a singole riunioni della Consulta, senza diritto di voto: - Organizzazioni di volontariato non iscritte ai predetti Albi e Registri, - Enti e Istituzioni. Art. 5 - Delegato alla Consulta Ogni Organizzazione di Volontariato di cui all articolo 4 nomina un proprio delegato per la Consulta. Il delegato dell Organizzazione di Volontariato potrà essere sostituito, in caso di esigenze, previa tempestiva comunicazione alla Consulta prima della riunione programmata. Art. 6 - Procedura di ammissione L ammissione alla Consulta, previa apposita istanza presentata dall Organizzazione al Servizio Protezione Civile della Provincia, avviene su provvedimento della Provincia stessa. L istanza di ammissione deve essere presentata dal legale rappresentante dell Organizzazione e deve contenere la dichiarazione di accettazione del presente Regolamento. 2

3 In caso di diniego di ammissione il relativo provvedimento dovrà essere adeguatamente motivato. Art. 7 - Organi della Consulta Sono organi della Consulta: a. l Assemblea; b. i Gruppi di coordinamento; c. il Presidente. Art. 8 - Assemblea L assemblea è composta dai membri di cui all art. 4, ed ha funzioni di indirizzo sulle questioni poste all ordine del giorno. Le proposte e gli atti si ritengono regolarmente approvati quando vengono adottati dalla maggioranza dei presenti. Per eventuali proposte di modifica del presente Regolamento da sottoporre alla Provincia di Bergamo sono necessarie le seguenti maggioranze: 1) presenza dei ¾ dei membri e il voto favorevole della maggioranza dei presenti in prima convocazione; 2) presenza della metà dei membri e il voto favorevole della maggioranza dei presenti, in seconda convocazione. L assemblea è presieduta dall Assessore alla Protezione Civile, o da un suo delegato, e viene convocata con cadenza almeno annuale, o su richiesta di almeno 1/3 dei componenti. Art. 9 - Gruppi di coordinamento La Consulta si articola in tre gruppi di coordinamento: 1) Associazioni di Volontariato, cui partecipa anche CRI, ANPAS, CNSAS, Vigili del Fuoco Volontari e Associazione Nazionale Alpini Sezione di Bergamo; 2) Gruppi Comunali/Intercomunali; 3) Squadre AIB della Provincia di Bergamo I Gruppi di coordinamento hanno la funzione di fare proposte all Assemblea, di dare supporto alla Provincia nell attività di coordinamento del Volontariato di cui all articolo 2. Le riunioni del gruppo di Coordinamento vengono convocate dal Presidente almeno una volta al quadrimestre, o su richiesta di 1/3 dei componenti. Art Presidente La funzione di Presidente della Consulta e dei Gruppi di Coordinamento, è svolta dall Assessore alla Protezione Civile ovvero dal Dirigente del Settore Protezione Civile o da un delegato. Art Modalità di convocazione delle riunioni La convocazione avviene mediante lettera, fax o con indicato l ordine del giorno almeno sette giorni precedenti la data stabilita, salvo emergenze. Art Segreteria 3

4 La segreteria organizzativa della Consulta e dei Gruppi di Coordinamento è coordinata dal Servizio Protezione Civile ed ha il compito di: 1) convocare le riunioni; 2) verificare la regolarità e le presenze alle riunioni; 3) redigere il verbale delle riunioni e tenere l archivio degli atti e dei lavori svolti. Le riunioni vengono verbalizzate dalla segreteria, sono consultabili dalle Organizzazioni aderenti alla Consulta e depositati presso il Servizio Protezione Civile. Art Diritti e doveri dei membri della Consulta I membri della Consulta sono obbligati ad osservare il presente Regolamento e le decisioni adottate all interno della Consulta e dei suoi Organi, nonché le direttive di coordinamento emanate dalla Provincia. Le Organizzazioni membri della Consulta hanno il dovere di osservare la normativa vigente in tema di Protezione Civile. In caso di tre assenze consecutive non giustificate da parte dei delegati delle Organizzazioni di Volontariato, si provvede a formale diffida; il reiterato comportamento di assenza comporta l attivazione della procedura di esclusione dalla Consulta. I membri della Consulta sono tenuti a fornire un recapito ufficiale per ogni necessità di contatto da parte degli altri membri della stessa. Le misure della sospensione di cui all'art. 13 bis e dell'esclusione di cui all'art. 14 sono disposte fermo restando l'applicazione delle sanzioni disciplinari previste dalla Legge Regionale 16/2004, dal Regolamento Regionale 9/2010 e dalle norme applicative. Art. 13 bis Sospensione La sospensione dalla Consulta è disposta dalla Provincia nel caso di: a) violazioni delle leggi vigenti, della normativa sul volontariato di protezione civile e delle direttive della Provincia di Bergamo, nonché degli obblighi di cui al presente Regolamento; b) mancato rispetto delle procedure di attivazione da parte delle Autorità di Protezione Civile negli impieghi in emergenza; La sospensione può essere disposta per periodi da un mese a tre anni in relazione alla gravità del comportamento tenuto. Art Esclusione dei membri L esclusione può avvenire in casi specifici quali: a) richiesta dell Organizzazione; b) cancellazione dell Organizzazione dagli elenchi o registri di cui all articolo 4; c) gravi e persistenti violazioni delle leggi vigenti, della normativa sul volontariato di protezione civile e delle direttive della Provincia di Bergamo, nonché degli obblighi di cui al presente Regolamento; d) reiterata mancata partecipazione alle riunioni della Consulta. Il provvedimento di esclusione è disposto dalla Provincia e comunicato all Assemblea. Art Gruppi di lavoro Su indicazione della Provincia, su proposta dell Assemblea o dei gruppi di coordinamento, si possono costituire gruppi di lavoro per perseguire tematiche specifiche quali, ad esempio: 4

5 1) prevenzione e monitoraggio, 2) pianificazione, 3) attività di formazione, 4) attività esercitativa. Art Gratuità delle prestazioni I membri delle Organizzazioni di Volontariato aderenti alla Consulta sono membri a titolo gratuito, e si impegnano a fornire la propria collaborazione, professionalità ed attività a titolo gratuito e volontaristico, non richiedendo né accettando alcuna forma di compenso personale. Art Norma transitoria Il presente atto sostituisce l Autoregolamento della Consulta del Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Bergamo, approvato il 29 gennaio 2004 dalla Consulta Provinciale. Art Obbligatorietà L adesione alla Consulta obbliga l Organizzazione di Volontariato all accettazione ed all osservanza del presente Regolamento in ogni sua parte. 5

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

C.C.V. BS REGOLAMENTO

C.C.V. BS REGOLAMENTO ALLEGATO PROVINCIA DI BRESCIA COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE C.C.V. BS REGOLAMENTO Art. 1 Costituzione Le Organizzazioni presenti sul territorio

Dettagli

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LIVORNO DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 241/19.12.2008 In vigore

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO Protezione civile

PROVINCIA DI LIVORNO Protezione civile PROVINCIA DI LIVORNO COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DISCIPLINARE Premessa Le attività di protezione civile, così come definite dall art. 1 della Legge 24 febbraio 1992,

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04

STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04 PROVINCIA DI ROVIGO STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04 COMUNI DI: BOSARO, CANARO, CRESPINO, FRASSINELLE POLESINE, GAVELLO, GUARDA VENETA, PAPOZZE, POLESELLA, PONTECCHIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE N. 313 REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione G.C. n. mecc. 2006 00591/028 del 31 gennaio 2006) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Ambito di applicazione Articolo

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Provincia di

Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Provincia di Allegato B Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Provincia di SCHEMA DI STATUTO ART.1 DENOMINAZIONE È costituito, nello spirito della Costituzione

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Comunico Art. 1 - Denominazione sociale È costituita, nel rispetto delle disposizioni previste dal codice civile e dalla Legge n. 383/2000, l Associazione

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

Art. 5 I campi prioritari di iniziativa e intervento dell Associazione e i compiti della PROCIV Girifalco sono:

Art. 5 I campi prioritari di iniziativa e intervento dell Associazione e i compiti della PROCIV Girifalco sono: PREMESSA La PROCIV Girifalco, Associazione dei Volontari per la Protezione Civile, tutela ambientale, educazione alla salute, è costituita in Girifalco (CZ) ed è parte integrante della PROCIV ARCI Associazione

Dettagli

ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia

ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia STATUTO ART.1 DENOMINAZIONE E AMBITI DI RAPPRESENTANZA 1. L Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia -

Dettagli

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI Palermo Prot. n. 99264 del 02 dicembre 2010 Allegati n.1 OGGETTO: Procedure per l espletamento delle attività già di competenza dei soppressi comitati provinciali per l albo degli autotrasportatori di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE: DISTRETTO E GRUPPI COMUNALI

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE: DISTRETTO E GRUPPI COMUNALI FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE Piazza Castello 35-35012 Camposampiero - (PD) Servizio di Protezione Civile REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE: DISTRETTO E GRUPPI COMUNALI Approvato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA VESPA CLUB PONTE SAN PIETRO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA VESPA CLUB PONTE SAN PIETRO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA VESPA CLUB PONTE SAN PIETRO Lo statuto è composto dai seguenti 14 articoli : Art. 1) Sede e durata L associazione sportiva dilettantistica Vespa Club

Dettagli

FAC SIMILE DI STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

FAC SIMILE DI STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FAC SIMILE DI STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Art. 1 Denominazione e sede Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l

Dettagli

STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI

STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI STATUTO DELL ANCD ASSOCIAZIONE NAZIONALE COOPERATIVE FRA DETTAGLIANTI Capo I: COSTITUZIONE, SCOPO E ATTIVITA Art. 1: Costituzione e scopi E costituita con sede in Roma ai sensi e per gli effetti di cui

Dettagli

Regolamento della Consulta del Volontariato

Regolamento della Consulta del Volontariato Comune di Fucecchio Regolamenti Regolamento della Consulta del Volontariato Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.36 del 12 maggio 2010 Art. 1 Obiettivi...1 Art. 2 - Funzioni...2 Art. 3 - Competenze

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA dei FORMATORI ED ESPERTI IN SICUREZZA SUL LAVORO A.I.F.E.S.

ASSOCIAZIONE ITALIANA dei FORMATORI ED ESPERTI IN SICUREZZA SUL LAVORO A.I.F.E.S. STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA dei FORMATORI ED ESPERTI IN SICUREZZA SUL LAVORO A.I.F.E.S. TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA SCOPI DELL ASSOCIAZIONE Articolo 1 -Denominazione e durata L Associazione denominata

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO PROVINCIA DI CAGLIARI Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO Art. 1 Sono costituiti presso la Provincia di Cagliari l Elenco provinciale delle Associazioni delle

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA dei FORMATORI ED ESPERTI IN SICUREZZA SUL LAVORO A.I.F.E.S.

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA dei FORMATORI ED ESPERTI IN SICUREZZA SUL LAVORO A.I.F.E.S. STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA dei FORMATORI ED ESPERTI IN SICUREZZA SUL LAVORO A.I.F.E.S. Data di costituzione: 3 marzo 2014 Con le modifiche approvate dall Assemblea dei Soci del 10 dicembre 2015 TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO Approvazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 09 in data 22/02/2013 Pubblicazione Pubblicato all

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

COMUNE DI MASSA LUBRENSE

COMUNE DI MASSA LUBRENSE COMUNE DI MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con Deliberazione di C.C.n 46 del 28.09.2010 INDICE Art. 1 Finalità. Art. 2 Albo comunale delle

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DENOMINATA GRUPPO DI VOLONTARIATO CIVILE SQUADRA ANTINCENDIO DI FARA IN SABINA

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DENOMINATA GRUPPO DI VOLONTARIATO CIVILE SQUADRA ANTINCENDIO DI FARA IN SABINA STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DENOMINATA GRUPPO DI VOLONTARIATO CIVILE SQUADRA ANTINCENDIO DI FARA IN SABINA TITOLO I Art. 1 Costituzione 1. E costituita l organizzazione di volontariato denominata

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA

STATUTO DI ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA STATUTO DI ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA TITOLO I DEFINIZIONE FINALITÀ - LINEE ATTUATIVE ART. 1 - DENOMINAZIONE Con il presente atto risulta costituita l Associazione culturale "LiNOx", 1. denominata per esteso

Dettagli

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia STATUTO ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA ITALIA NEL CUORE Articolo 1 Denominazione E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia l associazione non riconosciuta denominata: Italia

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL MELLA ART. 1 - (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice

STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL MELLA ART. 1 - (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL MELLA ART. 1 - (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l associazione di promozione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Articolo 1 - (costituzione) E costituito presso la sede Municipale del Comune di Ariano Irpino

Dettagli

STATUTO INTERNO. UILDM - UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE - SEZIONE DI Modena onlus - Associazione di Volontariato L.

STATUTO INTERNO. UILDM - UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE - SEZIONE DI Modena onlus - Associazione di Volontariato L. STATUTO INTERNO UILDM - UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE - SEZIONE DI Modena onlus - Associazione di Volontariato L. 266/1991 ART. 1. COSTITUZIONE. E' costituita l'associazione denominata

Dettagli

Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni

Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 16 del 31.03.2014 Immediatamente esecutivo I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE del COMUNE DI CORATO (Regolamento approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

DISCIPLINA DELLA PROFESSIONE DI MAESTRO DI SCI E DELL' ESERCIZIO DELLE SCUOLE DI SCI IN BASILICATA IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8-3- 1991, N.

DISCIPLINA DELLA PROFESSIONE DI MAESTRO DI SCI E DELL' ESERCIZIO DELLE SCUOLE DI SCI IN BASILICATA IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8-3- 1991, N. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 29-03-1993 DISCIPLINA DELLA PROFESSIONE DI MAESTRO DI SCI E DELL' ESERCIZIO DELLE SCUOLE DI SCI IN BASILICATA IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8-3- 1991, N. 91 Il Consiglio Regionale

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI DELL I.I.S. C. PESENTI - BERGAMO

STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI DELL I.I.S. C. PESENTI - BERGAMO STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI DELL I.I.S. C. PESENTI - BERGAMO ART. 1 COSTITUZIONE 1.1. E costituita un associazione di promozione sociale senza scopo di lucro denominata ASSOCIAZIONE GENITORI DELL I.I.S.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DI PROMOZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DI PROMOZIONE SOCIALE Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAIZONI DI PROMOZIONE SOCIALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 30/03/2009 Art.

Dettagli

Statuto CRAL INFN BARI INDICE

Statuto CRAL INFN BARI INDICE Statuto CRAL INFN BARI INDICE Titolo I - Costituzione Art. 1 - Denominazione Art. 2 - Sede Art. 3 - Tipologia Art. 4 - Durata Art. 5 - Scopi e Finalità Titolo II - Membri dell Associazione Art. 6 - Soci

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Disposizioni in merito alla disciplina dei rapporti con le libere forme associative

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

Art. 1 OGGETTO. Art. 2 SOGGETTI ISCRIVIBILI

Art. 1 OGGETTO. Art. 2 SOGGETTI ISCRIVIBILI REGISTRO PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE: MODALITA PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE. REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO N. DEL Art. 1 Oggetto Art. 2 Soggetti

Dettagli

PROPOSTE DI MODIFICA DELLO STATUTO DI LEGACOOP NAZIONALE APPROVATE DALLA DIREZIONE NAZIONALE 10 Dicembre 2014-12-18

PROPOSTE DI MODIFICA DELLO STATUTO DI LEGACOOP NAZIONALE APPROVATE DALLA DIREZIONE NAZIONALE 10 Dicembre 2014-12-18 PROPOSTE DI MODIFICA DELLO STATUTO DI LEGACOOP NAZIONALE APPROVATE DALLA DIREZIONE NAZIONALE 10 Dicembre 2014-12-18 All articolo 18 lettera c) le parole non superiore a 35 anni sono sostituite dalle seguenti

Dettagli

ASS. FARMACISTI VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE Sezione di Treviso STATUTO

ASS. FARMACISTI VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE Sezione di Treviso STATUTO ASS. FARMACISTI VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE Sezione di Treviso STATUTO TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Denominazione, sede, durata, scioglimento E' costituita l'associazione di volontariato

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi)

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

PROVINCIA DI LECCE STATUTO PROVINCIA DI LECCE FORUM PROVINCIALE DEI GIOVANI STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE FINALITÀ E PRINCIPI GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E istituito il Forum Provinciale dei Giovani, di seguito Forum, della Provincia

Dettagli

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO Comune di Caramanico Terme (PE) Corso Gaetano Bernardi, 30 - CAP 65023 - tel. (085) 92.90.131 - fax (085) 92.90.202 COMUNE DI CARAMANICO TERME (Provincia di Pescara) --------------------------------------------------------------

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 21 DEL 02/08/07) INDICE ARTICOLO 1 - FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA ARTICOLO

Dettagli

BE REACTIVE. Statuto dell'associazione

BE REACTIVE. Statuto dell'associazione TITOLO 1. ORGANIZZAZIONE Art. 1 Costituzione BE REACTIVE Statuto dell'associazione E costituita l Organizzazione di volontariato denominata BE REACTIVE che in seguito sarà chiamata Organizzazione. Ai sensi

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO. VERBALE N. 55 SEDUTA PUBBLICA DEL 13 LUGLIO 2009

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO. VERBALE N. 55 SEDUTA PUBBLICA DEL 13 LUGLIO 2009 Comune di Roma ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO. VERBALE N. 55 SEDUTA PUBBLICA DEL 13 LUGLIO 2009 L anno 2009 il giorno 13 luglio alle ore 11,06, presso la sede del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

ITINERARI TURISTICI ENOGASTRONOMICI DELL EMILIA ROMAGNA STATUTO

ITINERARI TURISTICI ENOGASTRONOMICI DELL EMILIA ROMAGNA STATUTO STATUTO Premessa La volontà di pervenire ad una Strada dei Vini e Sapori, trova la sua prima affermazione in numerosi documenti programmatici sia provinciali che comunali, spesso concordati con le associazioni

Dettagli

DELL UNIONE TERRE DI CASTELLI REGOLAMENTO DEL GRUPPO INTERCOMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

DELL UNIONE TERRE DI CASTELLI REGOLAMENTO DEL GRUPPO INTERCOMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ERVIZIO DI Servizio di Protezione Civile Nazionale PROVINCIA DI MODENA Comuni di Castelvetro di Modena, Castelnuovo Rangone, Guiglia, Marano sul Panaro, Spilamberto, Savignano sul Panaro, Vignola e Zocca

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO di ZONA 2

MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO di ZONA 2 Allegato A alla Determinazione Dirigenziale n. 63/2013 MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO di ZONA 2 I N D I C E PREMESSA Art. 1 La Casa delle Associazioni e del

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STUDENTESCA UNIVERSITARIA StudentiGiurisprudenza.it

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STUDENTESCA UNIVERSITARIA StudentiGiurisprudenza.it Allegato A al contratto costitutivo dell Associazione StudentiGiurisprudenza.it STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STUDENTESCA UNIVERSITARIA StudentiGiurisprudenza.it Articolo 1. Denominazione e sede È costituita

Dettagli

STATUTO A.N.P.AS. Comitato Regionale Liguria

STATUTO A.N.P.AS. Comitato Regionale Liguria Adottato con delibera assembleare del 27 giugno 1999 e modificato con delibera assembleare 29/04/2007 Depositato Notaio Bechini Ugo 8/11/2007 Repertorio Numero 8369 / Numero 4889 di raccolta. STATUTO A.N.P.AS.

Dettagli

FAC SIMILE STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

FAC SIMILE STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO FAC SIMILE STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Art. 1 Denominazione e sede Ai sensi della legge 11 agosto 1991, n. 266 e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

STATUTO C.A.R.E. Coordinamento delle Associazioni familiari adottive e affidatarie in Rete

STATUTO C.A.R.E. Coordinamento delle Associazioni familiari adottive e affidatarie in Rete STATUTO C.A.R.E. familiari adottive e affidatarie in Rete TITOLO I Art. 1) Costituzione 1. È costituita l organizzazione di volontariato di secondo livello denominata C.A.R.E. Coordinamento delle Associazioni

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 867 DELL 8 MAGGIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 867 DELL 8 MAGGIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 867 DELL 8 MAGGIO 2014 Regolamento per la tenuta del Registro generale del volontariato organizzato di cui all articolo 5 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SGUINZAGLIATI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SGUINZAGLIATI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SGUINZAGLIATI ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l associazione di promozione sociale, ai sensi della L. 383/2000 e della L.R. 9/2004, denominata SGUINZAGLIATI L associazione

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E CULTURALI. (Approvato con Deliberazione di C.C. n. del ) 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE PROTEZIONE CIVILE A.N.P.AS.

REGOLAMENTO NAZIONALE PROTEZIONE CIVILE A.N.P.AS. REGOLAMENTO NAZIONALE PROTEZIONE CIVILE A.N.P.AS. Testo preso in visione dalla Direzione Nazionale del 16 luglio 2010 Testo approvato dalla Commissione Nazionale del 18 settembre 2010 Testo approvato dal

Dettagli

CITTÀ DI TERMINI IMERESE PROVINCIA DI PALERMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

CITTÀ DI TERMINI IMERESE PROVINCIA DI PALERMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI TERMINI IMERESE PROVINCIA DI PALERMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PARTE I COSTITUZIONE NORME GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E costituito

Dettagli

MUNICIPIO VIII GENOVA MEDIO LEVANTE ISCRIZIONE AL REGISTRO ANAGRAFICO DELLE ASSOCIAZIONI

MUNICIPIO VIII GENOVA MEDIO LEVANTE ISCRIZIONE AL REGISTRO ANAGRAFICO DELLE ASSOCIAZIONI MUNICIPIO VIII GENOVA MEDIO LEVANTE ISCRIZIONE AL REGISTRO ANAGRAFICO DELLE ASSOCIAZIONI (COMPILARE IN STAMPATELLO) Il sottoscritto Cognome Nome Nato a il C.F. Residente in Via n. C.A.P. Telefono Cellulare

Dettagli

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento. Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento. Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile Approvato con Delibera di Consiglio comunale n. 9 del 11 marzo 2011 INDICE Premessa

Dettagli

Regolamento Regionale 18 ottobre 2010, n. 9

Regolamento Regionale 18 ottobre 2010, n. 9 Regolamento Regionale 18 ottobre 2010, n. 9 Regolamento di attuazione dell'albo regionale del volontariato di protezione civile (ai sensi dell'art. 9-ter della legge regionale 22 maggio 2004, n. 16, 'Testo

Dettagli

Regione Basilicata Legge Regionale n. 16 del 29 marzo 1993

Regione Basilicata Legge Regionale n. 16 del 29 marzo 1993 Regione Basilicata Legge Regionale n. 16 del 29 marzo 1993 (modificata dalle Leggi Regionali: 35/99-4/96-4/94) Disciplina della professione di maestro di sci e dell esercizio delle scuole di sci in Basilicata

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CENTRO STUDI TECNICO GIURIDICI COMMUNIO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CENTRO STUDI TECNICO GIURIDICI COMMUNIO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CENTRO STUDI TECNICO GIURIDICI COMMUNIO ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto dell art. 36 e sgg. del Codice Civile l associazione denominata:

Dettagli

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato **************************

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** ******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** Approvato con delibera consiliare n. 180 del 18 Dicembre 2012.

Dettagli

STATUTO dell Associazione Centro di Formazione e di Iniziativa sulla Cooperazione e l Etica d Impresa Titolo I - Denominazione, sede, scopo, durata.

STATUTO dell Associazione Centro di Formazione e di Iniziativa sulla Cooperazione e l Etica d Impresa Titolo I - Denominazione, sede, scopo, durata. STATUTO dell Associazione Centro di Formazione e di Iniziativa sulla Cooperazione e l Etica d Impresa Titolo I - Denominazione, sede, scopo, durata. Art. 1 - Costituzione e sede. E costituita l Associazione

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei)

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) Regolamento delle attivit e per il funzionamento del Consiglio dell Ordine dei

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LADY MARTINA SPORTFISHING SANTA MARGHERITA LIGURE ASD. Art. 1 Costituzione

STATUTO ASSOCIAZIONE LADY MARTINA SPORTFISHING SANTA MARGHERITA LIGURE ASD. Art. 1 Costituzione STATUTO ASSOCIAZIONE LADY MARTINA SPORTFISHING SANTA MARGHERITA LIGURE ASD Art. 1 Costituzione E costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica LADY MARTINA SPORTFISHING SANTA MARGHERITA LIGURE L Associazione

Dettagli

CROCE VERDE ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO - VENEZIA TERRAFERMA STATUTO

CROCE VERDE ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO - VENEZIA TERRAFERMA STATUTO CROCE VERDE ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO - VENEZIA TERRAFERMA STATUTO CAPO 1 ORIGINI, SCOPI ED ORGANIZZAZIONE Art. 1 L Associazione CROCE VERDE - MESTRE VOLONTARI DEL SOCCORSO di VENEZIA TERRAFERMA

Dettagli

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.16 in data 25/3/2002

Dettagli

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È costituita dal 1908 l Unione delle Province d Italia (U.P.I.). Essa ha sede in Roma.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ILEX

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ILEX STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ILEX Articolo 1 Denominazione sociale È costituita, nel rispetto delle disposizioni previste dal Codice civile e dalla legge n. 383/2000, l Associazione

Dettagli

ART. 1 - COSTITUZIONE E costituita l ASSOCIAZIONE DELLE SEZIONI VICENTINE DEL C.A.I. L Associazione, che non ha scopo

ART. 1 - COSTITUZIONE E costituita l ASSOCIAZIONE DELLE SEZIONI VICENTINE DEL C.A.I. L Associazione, che non ha scopo STATUTO SEZIONI VICENTINE ART. 1 - COSTITUZIONE E costituita l ASSOCIAZIONE DELLE SEZIONI VICENTINE DEL C.A.I. L Associazione, che non ha scopo di lucro, è indipendente, apartitica, aconfessionale ed improntata

Dettagli

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n.

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n. REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DEGLI ENTI NO-PROFIT Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n. 23 del 19/4/2007)

Dettagli

STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa

STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa Art. 1 Composizione e sede L Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa (AIGO) ha sede in Roma, via

Dettagli

ALLEGATO B STATUTO MUTUA NUOVA SANITA

ALLEGATO B STATUTO MUTUA NUOVA SANITA ALLEGATO B ART. 1 Denominazione STATUTO MUTUA NUOVA SANITA E costituita una società di Mutuo Soccorso con la denominazione di "MUTUA NUOVA SANITÀ " che nel presente statuto viene indicata, per brevità,

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Marklinfan Club Italia

Statuto dell Associazione Culturale Marklinfan Club Italia Statuto dell Associazione Culturale Marklinfan Club Italia ART.1 - E costituita l Associazione denominata Associazione Culturale Marklinfan Club Italia " ART.2 - L Associazione è un istituzione a carattere

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE NUOVA CULTURA ORIENTE OCCIDENTE

STATUTO ASSOCIAZIONE NUOVA CULTURA ORIENTE OCCIDENTE STATUTO 1. COSTITUZIONE 1. E costituita l Associazione culturale denominata: ASSOCIAZIONE NUOVA CULTURA ORIENTE OCCIDENTE 2. Parte integrante dell Associazione, quale dipartimento della stessa, è il: Centro

Dettagli

Statuto della Società Storica della Valdelsa

Statuto della Società Storica della Valdelsa Statuto della Società Storica della Valdelsa Approvato dall Assemblea dei soci in data 20 gennaio 2014. Approvato dalla Regione Toscana con Decreto n. 1271 del 2 aprile 2014 e conseguente iscrizione, nella

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DON GUIDO BORTOLUZZI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DON GUIDO BORTOLUZZI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DON GUIDO BORTOLUZZI ART. 1 - COSTITUZIONE SEDE E DENOMINAZIONE È costituita ai sensi delle disposizioni vigenti l Associazione denominata ASSOCIAZIONE DON GUIDO BORTOLUZZI, con

Dettagli

VOLONTARIMINI - ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI RIMINI

VOLONTARIMINI - ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI RIMINI STATUTO Art. 1 Denominazione e durata 1. Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana, in ossequio ai principi contenuti nella Legge 11-08-1991 n. 266, nonché in base alle norme del Codice

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

REGOLAMENTO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 66 del 26 luglio 1999 ARTICOLO 1 E costituito il GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO L Amministrazione Comunale di Trapani - ai sensi della L.r. n 10/91, della L.r. n 22/94 e del vigente

Dettagli

Statuto per un Associazione locale

Statuto per un Associazione locale Statuto per un Associazione locale FACSIMILE ART.1 COSTITUZIONE E' costituita l Associazione Genitori AGe di.. L'Associazione aderisce all Associazione Italiana Genitori AGe Onlus di cui accetta quanto

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE OSSERVATORIO INTERIORE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE OSSERVATORIO INTERIORE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE OSSERVATORIO INTERIORE Art. 1 Denominazione e sede Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del Codice civile in tema di associazioni,

Dettagli