Raccolta dei testi sul valore in dogana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta dei testi sul valore in dogana"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE-GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE POLITICA DOGANALE Legislazione doganale TAXUD/800/2002-IT Update Bruxelles, Gennaio, 2007 Raccolta dei testi sul valore in dogana del COMITATO DEL CODICE DOGANALE Sezione del valore in dogana

2 Una raccolta delle disposizioni giuridiche e dei testi di accompagnamento relativi all'applicazione nella Comunità dell'accordo sul valore in dogana del GATT è stata pubblicata l'ultima volta in forma consolidata nel Da allora vi sono stati nuovi sviluppi, vale a dire sono state pronunciate ulteriori sentenze, adottate ulteriori conclusioni e apportate delle modifiche in talune disposizioni di applicazione. Il presente documento comprende una versione aggiornata della Raccolta dei testi sul valore in dogana, ossia degli strumenti adottati dal Comitato del codice doganale - Sezione del valore in dogana, e una sintesi delle sentenze in materia pronunciate dalla Corte di giustizia delle Comunità europee. A fini di completezza è stata aggiunta una sezione relativa agli strumenti adottati dal Comitato tecnico del valore in dogana dell'organizzazione mondiale delle dogane. Benché sia stata redatta innanzitutto ad uso delle amministrazioni degli Stati membri, la presente raccolta dovrebbe essere messa a disposizione di tutte le parti interessate. Essa è disponibile in tutte le lingue ufficiali della Comunità al seguente indirizzo internet: opean/index_en.htm Gli strumenti (commenti, conclusioni e altre misure figuranti nella presente raccolta) sono il risultato dell'analisi in seno al Comitato di questioni sollevate in merito a talune disposizioni o a specifici casi pratici, a norma dell'articolo 249 del codice doganale. I commenti danno indicazioni su come applicare una determinata disposizione, mentre le conclusioni sono il risultato dell'esame di particolari casi pratici. Pur non essendo stati adottati come strumenti giuridici, i commenti e le conclusioni rispecchiano il punto di vista del Comitato del codice doganale Sezione del valore in dogana e costituiscono un supporto per l'interpretazione e l'applicazione uniforme delle pertinenti disposizioni comunitarie. Si consiglia nondimeno agli operatori economici di consultare le loro amministrazioni doganali nazionali per quanto riguarda l'adozione di decisioni concrete nei singoli casi. È opportuno in particolare sottolineare che i testi dei regolamenti e delle direttive CE facenti fede sono quelli pubblicati nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. Per quanto riguarda le sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee, fanno fede i testi che figurano nella Raccolta della giurisprudenza della Corte. 2

3 Indice Sezione A - Testi giuridici comunitari (esclusivamente riferimenti) Testi del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) Sezione B - Commenti Sezione C - Conclusioni Sezione D - Altre misure Altri testi Sezione E - Sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee Sezione F - Indice dei testi del Comitato tecnico del valore in dogana dell'organizzazione mondiale delle dogane 3

4 SOMMARIO SEZIONE A: TESTI GIURIDICI COMUNITARI (ESCLUSIVAMENTE RIFERIMENTI)...8 SEZIONE B: COMMENTI...11 Commento n. 1 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), del codice doganale sul valore in dogana delle merci...11 Commento n. 2 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 145, paragrafo 2, delle Disposizioni d'applicazione del codice doganale...14 Commento n. 3 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) relativo all'incidenza dei corrispettivi e dei diritti di licenza sul valore in dogana...20 Commento n. 4 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione delle Disposizioni d'applicazione in materia di tassi di cambio da applicare nella determinazione del valore in dogana...24 Commento n. 5 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sul significato del termine " distinti" ai fini delle disposizioni relative alla determinazione del valore in dogana delle merci...28 Commento n. 6 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sui documenti e sulle informazioni che la dogana può esigere a titolo di prova per la determinazione del valore in dogana...31 Commento n. 7 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 147 del regolamento (CEE) n. 2454/93 della Commissione del 2 luglio Commommento n. 8 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) Trattamento degli sconti conformemente all'articolo 29 del codice...45 Commento n. 9 del Comitato del codice doganale Sezione del valore in dogana: ripartizione delle spese di trasporto aereo (ai sensi dell allegato 25 delle DAC)...48 Commento n. 10 del Comitato del codice doganale - Sezione del valore in dogana: valore in dogana di merci gratuite spedite insieme a merci a pagamento...49 Commento n. 11 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera c), del codice doganale relativo ai diritti e ai corrispettivi pagati a un terzo ai sensi dell'articolo 160 del regolamento (CEE) n. 2454/

5 SEZIONE C: CONCLUSIONI...57 Conclusione n. 1 (riveduta) Tassi di cambio prefissati:...57 Conclusione n. 2: Compratore da prendere in considerazione...58 Conclusione n. 3: Lavori di ingegneria, di studio, d'arte e di design eseguiti nella Comunità...59 Conclusione n. 4: Spese relative a lavori iniziati dopo l'importazione...60 Conclusione n. 5: Importazioni effettuate per mezzo di succursali...61 Conclusione n. 6: Ripartizione di spese di trasporto per merci spedite per ferrovia...62 Conclusione n. 7: Spese di trasporto aereo relative a importazioni prive di carattere commerciale...63 Conclusione n. 8: Riscossione presso il destinatario delle spese di trasporto aereo ("charges collect")...64 Conclusione n. 9: Ripartizione delle spese di trasporto...65 Conclusione n. 10: Assortimenti di carne di differenti varietà commerciali...66 Conclusione n. 11 (riveduta): Acquisto di contingenti all'esportazione - prodotti tessili...67 Conclusione n. 12: Valore in dogana di campioni spediti per via aerea...68 Conclusione n. 13: Spese per utensili...69 Conclusione n. 14: Importazioni tramite agenti sotto contratto...70 Conclusione n. 15: Spese di quota richieste per i certificati di autenticità...72 Conclusione n. 16: Determinazione, a norma del metodo deduttivo, del valore in dogana di merci vendute tramite succursali...73 Conclusione n. 17: Ordine di priorità nel contesto del metodo deduttivo...74 Conclusione n. 18: Controstallie...75 Conclusione n. 19: soppressa...76 Conclusione n. 20: Costi dei contingenti (importazione di manioca dalla Thailandia)...77 Conclusione n. 21: Spese per test...78 Conclusione n. 22 (riveduta): Determinazione del valore di computer a capacità variabile...79 Conclusione n. 23: Spese di trasporto per merci vendute da un deposito doganale

6 Conclusione n. 24: Corrispettivi e diritti di licenza (è stato sostituito dal Commentario n. 11)...81 Conclusione n. 25: Merci vendute per l esportazione nella Comunità Interpretazione dell articolo 147 del regolamento n. 2454/ SEZIONE D: ALTRE MISURE...85 Valore in dogana delle registrazioni sonore e cinematografiche su nastro magnetico (video) e altri supporti informatici...85 Dichiarazione di pratica amministrativa in merito all'articolo 156 bis...86 Trattamento delle spese di trasporto ai fini della determinazione del valore in dogana delle spedizioni espresso via aerea dichiarate per l'immissione in libera pratica nel territorio doganale della Comunità...87 SEZIONE E: SENTENZE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITÀ EUROPEE...89 Causa 7/83 - Ospig Textilgesellschaft KG W. Ahlers contro Hauptzollamt Bremen-Ost...89 Causa 290/84 - Hauptzollamt Schweinfurt contro Mainfrucht Obstverwertung GmbH...90 Causa 65/85 - Hauptzollamt Hamburg - Ericus contro Van Houten International GmbH...92 Causa C-183/85 - Hauptzollamt Itzehoe contro H.J. Repenning GmbH Causa 357/87 - Firma Albert Schmid contro Hauptzollamt Stuttgart-West...94 Causa C-11/89 - Unifert Handels GmbH, Warendorf contro Hauptzollamt Münster...96 Causa C-17/89 - Hauptzollamt Frankfurt am Main-Ost contro Deutsche Olivetti GmbH...98 Causa C-79/89 - Brown Boveri & Cie AG contro Hauptzollamt Mannheim...99 Causa C-116/89 BayWa AG contro Hauptzollamt Weiden Causa C-299/90 - Hauptzollamt Karlsruhe contro Gebr. Hepp. GmbH & Co KG Causa C-16/91 - Wacker Werke GmbH & Co. KG contro Hauptzollamt München-West Causa C-21/91 - Wünsche Handelsgesellschaft International (GmbH & Co.) contro Hauptzollamt Hamburg-Jonas

7 Causa C-59/92 - Hauptzollamt Hamburg-St. Annen contro Ebbe Sönnichsen GmbH Causa C-29/93 - KG in Firma OSPIG Textil-Gesllschaft W. Ahlers GmbH & Co contro Hauptzollamt Bremen-Freihafen Causa C-340/93 - Klaus Thierschmidt GmbH contro Hauptzollamt Essen Causa C-93/96 - Indústria e Comércio Têxtil SA (ICT) contro Fazenda Pública Causa C-142/96 - Hauptzollamt München contro Wacker Werke GmbH & Co. KG Causa C-15/99 - Hans Sommer GmbH & Co. KG contro Hauptzollamt Bremen Causa C-379/00 - Overland Footwear Ltd contro Commissioners of Customs & Excise Causa C-422/00 - Capespan International plc contro Commissioners of Customs & Excise SEZIONE F: INDICE DEI TESTI DEL COMITATO TECNICO DEL VALORE IN DOGANA DELL'OMD

8 SEZIONE A: TESTI GIURIDICI COMUNITARI (ESCLUSIVAMENTE RIFERIMENTI) 1. Valore in dogana Regolamento (CEE) n. 2913/92 del Consiglio, del 12 ottobre 1992, che istituisce un codice doganale comunitario 1 (CD), modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 2700/2000 del 16 novembre Articoli Regolamento (CEE) n. 2454/93 della Commissione, del 2 luglio (DAC) che fissa talune disposizioni d'applicazione del regolamento (CEE) n. 2913/92, modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 1335/2003 dell'25 luglio Articoli bis Allegati da 23 a Altre disposizioni relative alla fissazione e alla registrazione del valore in dogana a) Formalità doganali Articoli 14 e 15 (CD) Obbligo di presentare i documenti e riservatezza delle informazioni Articolo 64 (CD) Dichiarante Articoli 67 e 214 (CD) Determinazione degli elementi di tassazione all'insorgenza di un'obbligazione doganale Articolo 228 (CD) Nessuna dilazione di pagamento quando siano state contabilizzate dichiarazioni incomplete e, allo scadere del termine stabilito, non siano stati forniti gli elementi o la documentazione necessari per la definitiva determinazione del valore in dogana. Articolo 218 (DAC) Documenti da allegare alla dichiarazione in dogana Articoli (DAC) Dichiarazione incompleta, comprendente almeno un'indicazione provvisoria del valore; proroga del termine per la presentazione dei documenti richiesti; contabilizzazione immediata e costituzione di una garanzia. 1 GU L 302 del , pag GU L 317 dell' , pag GU L 253 dell' , pag GU L 187 del , pag

9 b) Regimi doganali economici Articolo 112 (CD) Deposito doganale; insorgenza di un'obbligazione doganale e determinazione della base degli elementi di tassazione (più articoli 269, 516 bis e 529 delle DAC) Articoli 121 e 122 (CD) Perfezionamento attivo; insorgenza di un'obbligazione doganale e determinazione della base degli elementi di tassazione (più articoli 518, 521, paragrafo 2, lettere d) e g), 523, 547 e 548 delle DAC) Articolo 135 (CD) Trasformazione sotto controllo doganale; insorgenza di un'obbligazione doganale e determinazione della base degli elementi di tassazione (più articoli 521, paragrafo 2, e 551 delle DAC) Articolo 144 (CD) Ammissione temporanea; insorgenza di un'obbligazione doganale e determinazione della base degli elementi di tassazione (più articoli 497 e 499, lettera j), delle DAC) Articoli 151 e 153 (CD) Perfezionamento passivo; definizione del valore delle merci in esportazione temporanea e dei prodotti compensatori (più articoli 590 e 591 delle DAC) c) Altre destinazioni doganali Articoli 168 bis e 178 (CD) Zona franca o deposito franco; le spese di magazzinaggio e di conservazione delle merci non debbono essere comprese nel valore in dogana. 3. Altre applicazioni a) Valore delle importazioni ai fini dell'iva Articolo 11 B della sesta direttiva del Consiglio (77/388/CEE), modificato da ultimo dalla direttiva 95/7/CE del Consiglio (GU L 102 del , pag. 18). b) Statistiche del commercio estero Regolamento (CE) n. 1172/95 del Consiglio (GU L 118 del , pag. 10), modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 374/1998 del Consiglio, del 12 febbraio 1998 (GU L 48 del , pag. 6) e regolamento (CE) n. 1917/2000 della Commissione, del 7 settembre 2000, che fissa talune disposizioni d'applicazione del regolamento (CE) n. 1172/95 del Consiglio (GU L 229 del , pag. 14), modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 1669/2001 della Commissione, del 20 agosto 2001 (GU L 224 del , pag. 3). c) Legislazione nel settore delle politiche comuni relative all'agricoltura e alla pesca 9

10 Varie: cfr. in particolare sistema del prezzo di entrata (regolamento (CE) n. 3223/94 della Commissione, GU L 337 del , pag. 66, modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 1947/2002 della Commissione, del 31 ottobre 2002, GU L 299 dell' , pag. 17). 10

11 TESTI DEL COMITATO DEL CODICE DOGANALE (Sezione del valore in dogana) SEZIONE B: COMMENTI Introduzione Commento n. 1 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), del codice doganale sul valore in dogana delle merci 1. L'applicazione pratica delle sopracitate disposizioni deve essere uniforme in tutta la Comunità. Il presente commento del Comitato del valore in dogana è stato pertanto elaborato al fine di fornire le indicazioni per l'interpretazione di queste disposizioni. Base giuridica 2. L'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), del Codice si applica nei casi in cui: - il valore in dogana delle merci importate sia determinato ai sensi dell'articolo 29 di questo regolamento anche quando il contratto riguardi esclusivamente la lavorazione e il trattamento delle merci, e - il compratore delle merci importate abbia fornito taluni prodotti o servizi (qui di seguito denominati "apporti"), a titolo gratuito o a costo ridotto, utilizzati nella produzione e nella vendita per l'esportazione delle merci importate. 3. Questa disposizione deve essere applicata secondo la nota interpretativa all'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), punto ii), riprodotta nell'allegato 23 delle Disposizioni d'applicazione del Codice doganale. Benché la nota in questione si riferisca espressamente all'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), punto ii), è da ritenere che essa sia ugualmente applicabile, per analogia, alle altre disposizioni dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b). Paese fornitore degli apporti 4. Il paese fornitore degli apporti non è da prendere in considerazione al fine di determinare se taluni prodotti o servizi rientrano nel campo d'applicazione dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b). Per esempio, i prodotti in questione possono trovarsi, prima di essere forniti al produttore, nel paese in cui sono prodotte le merci importate; oppure essi possono essere stati inviati al produttore da un altro paese terzo o dalla stessa Comunità. Tuttavia, in conformità delle disposizioni dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), punto iv), il valore dei lavori d'ingegneria, di studio, d'arte e di design, nonché di piani e schizzi, forniti per la produzione delle merci non può essere aggiunto ai sensi dell'articolo 32, paragrafo 1), lettera b), se i lavori in questione sono stati eseguiti nella Comunità. 11

12 Trasporto e spese connesse 5. Secondo il paragrafo 2) della nota relativa all'articolo 32, paragrafo 1), lettera b), punto ii), il valore di un apporto è, secondo i casi, sia il costo di acquisto, sia il costo di produzione. Non esiste alcuna disposizione specifica relativa al trattamento delle spese di consegna degli apporti al produttore delle merci importate. Sono considerate spese di consegna degli apporti: - spese di trasporto e di assicurazione; - il costo del carico, dello scarico e della movimentazione. 6. Di conseguenza, nel determinare il valore ai sensi dell'articolo 32, paragrafo 1), lettera b), le spese di consegna degli apporti al produttore delle merci importate non devono essere aggiunte né al costo di acquisto, né al costo di produzione degli apporti. Ciò nondimeno esse fanno parte di tale valore nella misura in cui, nel caso di acquisto, sono incluse nel prezzo. Esempio n. 1: La società A nella Comunità ordina la confezione di camicie alla società B situata nel paese terzo X. A fornisce gratuitamente a B il tessuto e i bottoni destinati alla confezione delle camicie. A acquista il tessuto dalla società C nel paese terzo Y, con condizioni di consegna "CIF porto di scarico" nel paese X. A produce i bottoni in una sua fabbrica nel paese terzo Z. Sia i tessuti che i bottoni costituiscono apporti ai sensi dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b). Il valore del tessuto ai sensi di questa disposizione è il prezzo CIF porto di scarico. Il valore dei bottoni è soltanto il loro costo di produzione e non include alcuna spesa di consegna. Ammontare da includere nel valore in dogana 7. In conformità dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), l'ammontare del valore di un apporto da includere nel valore in dogana delle merci importate è influenzato da due fattori: - la necessità di un'attribuzione adeguata - la misura in cui detto valore non è stato incluso nel prezzo delle merci importate. 8. Le indicazioni relative all'attribuzione figurano nei paragrafi 1, 3 e 4 della nota relativa all'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), punto ii). 9. Il contratto per la fornitura delle merci importate e la relativa fattura possono indicare in che misura il valore degli apporti non sia incluso nel prezzo delle merci importate. L'ammontare del valore non incluso deve essere dichiarato alla dogana, di regola sul formulario DV 1 e deve far parte del valore in dogana. Al fine di determinare detto ammontare, è necessario conoscere anche il valore totale dell'apporto e, altresì, l'attribuzione data a questo valore, in conformità del paragrafo 3 della nota sopracitata. Esempio n. 2: La società A nella Comunità importa camicie confezionate su suo ordine e con suoi materiali dalla società B nel paese terzo X. Il contratto prevede che i materiali vengano forniti dalla società A alla società B al 40% del costo sostenuto dalla società A. La fattura di B ad A indica un ammontare che copre "manifattura e fornitura di camicie". Si può supporre che il 40% del costo dei materiali faccia parte dell'ammontare fatturato da B ad A. Il valore dei materiali, ai fini dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), è il loro costo totale. L'ammontare di questo valore non incluso 12

13 nel prezzo dei beni importati è pari al 60% del costo totale dell'apporto. Di conseguenza, il valore dell'apporto da includere nel valore in dogana delle camicie è costituito da quest'ultimo ammontare. Esempio n. 3: La suddetta società A ordina la confezione di giacche alla suddetta società B. B fornisce direttamente i materiali necessari per la confezione delle giacche, ma acquista i modelli da una società di design in un paese terzo Z e li fornisce a titolo gratuito a B. La fattura di B ad A indica un ammontare per "confezione e fornitura di giacche". Il valore del design non è stato in alcuna misura incluso nel prezzo delle merci importate. Di conseguenza, ai fini dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), l'ammontare del valore dell'apporto da includere nel valore in dogana delle giacche è il prezzo complessivo dei modelli. Nota: Cfr. inoltre causa n. C 116/89 della Corte di giustizia delle Comunità europee. 13

14 Commento n. 2 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 145, paragrafo 2, delle Disposizioni d'applicazione del codice doganale Introduzione 1. L'articolo 145 delle DAC stabilisce il trattamento applicabile alle merci che siano state danneggiate o siano difettose al momento dell'importazione. Articolo In seguito alla modifica dell'articolo 145, le disposizioni in materia di valore in dogana consentono esplicitamente di tener conto del carattere difettoso delle merci, in quanto accettano un adeguamento del prezzo pagato o pagabile per le merci, purché tale adeguamento sia effettuato nel pieno rispetto delle condizioni del contratto di vendita ed esclusivamente al fine di tener conto del carattere difettoso delle merci. A tal fine il contratto di vendita deve contenere una disposizione che preveda la possibilità di un adeguamento del prezzo. 4. Le merci difettose devono essere coperte da disposizioni concrete e precise riguardo alla garanzia, alle quali si faccia riferimento nella disposizione relativa alla possibilità di un adeguamento del prezzo. I particolari della garanzia possono essere contenuti anche in un documento separato, purché sia collegato al contratto di vendita ed entrambi i documenti facciano parte della pertinente operazione commerciale tra l'acquirente e il venditore. 5. L'adeguamento del prezzo deve avvenire con una regolare operazione finanziaria tra acquirente e venditore, in una forma che sancisca che il prezzo iniziale delle merci è stato adeguato conformemente al relativo contratto. Sono escluse pertanto forme di compensazione indirette o posticipate, ad esempio pagamenti a terzi o cambi di merci, che non possono essere considerate modi accettabili di adeguare il prezzo. Carattere delle merci difettose 6. Il codice doganale contiene disposizioni relative alle merci difettose, ma l'articolo 145 delle DAC non definisce precisamente in cosa consista una merce difettosa. Lo stato difettoso (o, a seconda dei casi, lo stato non difettoso) delle merci è determinato in base a norme o criteri prestabiliti e con riferimento al contratto di vendita e alla garanzia pertinenti. Incombe all'importatore dimostrare alle autorità doganali che le merci importate erano difettose al momento da prendere in considerazione ai fini della determinazione del loro valore in dogana. 7. L'articolo 145, paragrafo 2, esige che le merci siano coperte da una garanzia relativa al carattere delle merci importate. Le merci vendute senza garanzia non rientrano nel campo di applicazione della disposizione. Le merci vendute alla condizione che ne sia assicurata la commerciabilità o merci soggette a variazioni dei pertinenti indicatori (ad esempio: qualità, dimensioni uniformi, freschezza) non sono contemplate. Per questi motivi si presuppone che i prodotti agricoli non rientrino in generale nel campo di applicazione di questa disposizione. 14

15 Adeguamento del prezzo 8. Fatta salva la situazione coperta dalla modifica relativa alle merci difettose, l'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC non indica altrimenti l'esistenza di una base giuridica per l'accettazione di meccanismi di revisione del prezzo. 9. L'articolo 145 prescrive anche che l adeguamento del prezzo sia effettuato entro 12 mesi dalla data di accettazione della dichiarazione di immissione in libera pratica delle merci. Ciò significa che entro tale data devono essere stabiliti: 1) le necessarie condizioni per un adeguamento del prezzo, 2) i conseguenti obblighi previsti dalla garanzia e 3) l adeguamento del prezzo. Altre procedure 10. Non è previsto che le disposizioni dell'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC possano essere applicate nel contesto della procedura di cui all'articolo 152 del codice doganale. 15

16 STUDIO DI UN CASO CONCRETO - A: VALORE DI TRANSAZIONE IN UNA SITUAZIONE DI GARANZIA Elementi di fatto 1. Il produttore M, stabilito in un paese terzo, vende autoveicoli ad un distributore indipendente D nella Comunità. La società D vende i veicoli ai clienti finali tramite una rete di rivenditori locali. 2. Tra M e D vi è un accordo di vendita e distribuzione che comprende disposizioni in materia di garanzia. Ad ogni autoveicolo importato è assegnato un numero identificativo. M offre una garanzia chilometrica su tutti i veicoli nuovi. La garanzia decorre a partire dalla data di immatricolazione del veicolo. 3. Ai sensi dell'accordo di vendita e garanzia, M accetta di compensare D, con un adeguamento del prezzo inizialmente pagato, per i costi di eliminazione di eventuali difetti legati alla produzione o ai materiali 5, che si manifestassero entro i primi km di utilizzo della vettura. 4. La garanzia funziona nel modo seguente: - il cliente scopre un difetto e porta il veicolo dal rivenditore perché sia riparato; - il rivenditore rettifica il difetto, restituisce il veicolo al cliente e redige una richiesta di rimborso del costo da lui sostenuto; - il rivenditore invia la richiesta di rimborso a D; - D verifica la validità della domanda e in caso, ad esempio, di difetti di fabbricazione, avvisa M della necessità di un adeguamento; - M verifica la validità della richiesta e, se riconosce che si tratta di un difetto di fabbricazione, compensa D per il costo totale sostenuto per l'eliminazione del difetto adeguando il prezzo pagato inizialmente. 5. D, in quanto importatore del veicolo difettoso, presenta alla dogana una richiesta di rimborso del dazio per un adeguamento del prezzo effettuato entro 12 mesi dalla data di accettazione della dichiarazione di immissione in libera pratica della merce. La dogana verifica che vi sia una chiara traccia di riferimento (audit trail) e controlla i pertinenti documenti relativi al rimborso richiesto a titolo della garanzia; in particolare, la dogana esamina le prove relative all'esistenza del difetto di fabbricazione; viene inoltre confermato che l'importo pagato da M si riferisce al costo della rettifica del difetto riscontrato nel veicolo importato per il quale è stata presentata la domanda di rimborso del dazio. 5 Difetti da appurare in base alle specifiche del produttore e alle norme tecniche stabilite nella pertinente documentazione concernente la garanzia. 16

17 Domanda 6. Le autorità doganali possono concludere che si può tener conto dell'adeguamento del prezzo per la determinazione del valore in dogana ai sensi dell articolo 29 del codice doganale e dell'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC? Conclusioni 7. Le parti contraenti del contratto di compravendita utilizzato per la valutazione doganale hanno basato il prezzo totale pagato per le merci sulla condizione che le merci siano coperte da garanzia. L'accordo contrattuale che determina la vendita dei beni contiene disposizioni che specificano che i beni rispondono ad un determinato livello qualitativo (conformemente alle norme tecniche stabilite). Questa è una delle condizioni di vendita. 8. Il venditore e l'acquirente delle merci hanno stabilito che al momento dell'immissione in libera pratica il veicolo importato era difettoso per problemi di fabbricazione. Le autorità doganali hanno verificato, con esito positivo: (i) i necessari requisiti del contratto, (ii) l'esistenza del difetto di fabbricazione e il riconoscimento di tale fatto, (iii) l'eliminazione del difetto di fabbricazione, (iv) un adeguamento del prezzo entro 12 mesi dalla data di accettazione della dichiarazione di immissione in libera pratica della merce. 9. Il produttore ha: a) riconosciuto l'esistenza del difetto di fabbricazione, b) adottato le necessarie misure corrective, e c) corretto il prezzo pagato, conformemente al contratto. 10. Le autorità doganali hanno quindi potuto stabilire che si può tener conto dell'adeguamento del prezzo per la determinazione del valore in dogana ai sensi dell articolo 29 del codice doganale e dell'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC. 17

18 STUDIO DI UN CASO CONCRETO - B: VALORE DI TRANSAZIONE IN UNA SITUAZIONE DI GARANZIA (RICHIAMO) Elementi di fatto 1. Il produttore M, stabilito in un paese terzo, vende autoveicoli ad un importatore D nella Comunità. 2. Tra M e D vi è un accordo di vendita e distribuzione che comprende disposizioni in materia di garanzia. Ad ogni autoveicolo importato è assegnato un numero identificativo. M offre una garanzia chilometrica su tutti i veicoli nuovi. La garanzia decorre a partire dalla data di immatricolazione del veicolo. 3. Ai sensi dell'accordo di vendita e garanzia, M accetta di risarcire D dei costi di eliminazione di eventuali difetti legati alla produzione, ai materiali o alla progettazione 6, che si manifestassero entro i primi km di utilizzo della vettura, attraverso un adeguamento del prezzo inizialmente pagato. 4. La garanzia funziona nel modo seguente: - se si scopre un difetto, D rettifica il difetto e redige una richiesta di rimborso del costo da lui sostenuto; - nel caso, ad esempio, di un difetto di fabbricazione, D avvisa M della necessità di un adeguamento; - M verifica la validità della richiesta e, se riconosce che si tratta di un difetto di fabbricazione, risarcisce D dei costi di eliminazione del difetto mediante un adeguamento del prezzo inizialmente pagato. 5. Il produttore M scopre che, in certe condizioni di funzionamento, dei componenti del sistema di sospensione di taluni veicoli possono non funzionare in modo affidabile con conseguenti possibili rischi riguardo alla capacità di circolazione del veicolo. Di conseguenza, M chiede ai proprietari di tutti i veicoli, come misura precauzionale, di riportarli al rivenditore perché siano esaminati ed eventualmente adattati. Questa situazione è attribuita ad aspetti della concezione e della progettazione dei veicoli. Domanda 6. Le autorità doganali possono concludere che si può tener conto dell'adeguamento del prezzo per la determinazione del valore in dogana ai sensi dell articolo 29 del codice doganale e dell'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC? Conclusioni 7. Le parti contraenti del contratto di compravendita utilizzato per la valutazione doganale hanno basato il prezzo totale pagato per le merci sulla condizione che le merci siano coperte da garanzia. L'accordo contrattuale che determina la vendita dei 6 Difetti da appurare in base alle specifiche del produttore e alle norme tecniche stabilite nella pertinente documentazione concernente la garanzia. 18

19 beni contiene disposizioni che specificano che i beni rispondono ad un determinato livello qualitativo (conformemente alle norme tecniche stabilite). Questa è una delle condizioni di vendita. 8. Le autorità doganali hanno preso atto di quanto segue: (i) la necessità di sottoporre i veicoli ad un esame (ed eventualmente di adattare o sostituire certi componenti) dipende da determinate condizioni di funzionamento alle quali i veicoli possono essere soggetti; (ii) il produttore autorizza l'esecuzione d'interventi correttivi come misura precauzionale; (iii) la situazione è attribuita ad aspetti della concezione e della progettazione dei veicoli. 9. Pertanto, le autorità doganali hanno deciso che la misura precauzionale costituita dall'esame e dal possibile adattamento dei veicoli non costituisce una base per l'applicazione dell'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC, in quanto solo i veicoli realmente difettosi possono beneficiare della disposizione. 19

20 Commento n. 3 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) relativo all'incidenza dei corrispettivi e dei diritti di licenza sul valore in dogana Introduzione 1. L'applicazione pratica dei principi enunciati nella normativa comunitaria per quanto riguarda l'inclusione degli ammontari pagati a titolo di corrispettivi e di diritti di licenza nel valore in dogana delle merci importate dovrebbe essere uniforme in tutta la Comunità. Il Comitato del valore in dogana ha quindi redatto il presente commento per fornire alcune indicazioni generali in proposito. 2. Le disposizioni comunitarie riguardanti l'incidenza dei corrispettivi e dei diritti di licenza sul valore in dogana sono le seguenti: - articolo 32, paragrafo 1, lettera c), paragrafo 2 e paragrafo 5, del Codice doganale; - Disposizioni d'applicazione del Codice doganale: -- articoli da 157 a 162; -- allegato 23 - Note interpretative all'articolo 32, paragrafo 1, lettera c), e paragrafo Il termine "corrispettivi e diritti di licenza" con riferimento all'articolo 32, paragrafo 1, lettera c), del Codice doganale è definito nelle note interpretative all'articolo 32, paragrafo 1, lettera c), del Codice doganale e nell'articolo 157, paragrafo 1, delle Disposizioni d'applicazione. Una definizione più globale si può trovare nell'articolo 12, paragrafo 2, dell'"oecd Model Double Taxation Convention on Income and on Capital (1977) (Modello OCSE di convenzione contro le doppie imposizioni sul reddito e sul patrimonio): "compensi di qualsiasi natura corrisposti per l'uso o la concessione in uso di un diritto d'autore su opere letterarie, artistiche o scientifiche, comprese le pellicole cinematografiche, di brevetti, marchi di fabbrica o di commercio, disegni o modelli, progetti, formule o procedimenti segreti, nonché per l'uso o la concessione in uso di attrezzature industriali, commerciali o scientifiche; o per informazioni * concernenti esperienze di carattere industriale, commerciale o scientifico." 4. Normalmente i pagamenti dei corrispettivi o dei diritti di licenza sono effettuati sotto forma di rate (ad esempio, mensili, trimestrali, annuali). Talora il pagamento può essere effettuato sotto forma di un'unica somma forfettaria, o anche di una somma forfettaria iniziale (normalmente definita "fee for disclosure" - canone di licenza) seguita quindi da versamenti rateali ripetuti. Di solito le rate vengono calcolate come percentuale del ricavato della vendita delle merci che formano oggetto della licenza. * Comunemente denominate "know-how". 20

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ LE ALTE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di garantire che le decisioni siano prese il più possibile vicino ai cittadini

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

L. 11 dicembre 1985, n. 763 Pubblicata nella S.O. della Gazzetta Ufficiale del 27 dicembre 1985 n. 303

L. 11 dicembre 1985, n. 763 Pubblicata nella S.O. della Gazzetta Ufficiale del 27 dicembre 1985 n. 303 Convenzione tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo degli Stati Uniti d'america per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le frodi o le evasioni

Dettagli

DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti

DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti soggetti ad accisa IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Capitolo I - Campo di applicazione dell'accordo

Capitolo I - Campo di applicazione dell'accordo ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI MALTA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO E PER PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI 1 Il Governo

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS)

I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS) I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS) Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente per uso personale e non per una distribuzione commerciale. Eventuali copie dovranno

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1 TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU Pagina 1 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI NEGLI ORIENTAMENTI DAU ACP CDC CCIP NC DG TAXUD CE UE EUR.1 Gruppo di Stati dell Africa, dei Caraibi

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA D'ITALIA ED IL REGNO DI THAILANDIA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO 1. Il Governo della Repubblica d'italia

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 25.2.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/51 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 15 febbraio 2005 sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza

Dettagli

Articolo 1 - I soggetti. La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti.

Articolo 1 - I soggetti. La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti. CONVENZIONE TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL GOVERNO DEL REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA E D'IRLANDA DEL NORD PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI

Dettagli

Convenzione sul diritto dei trattati Vienna, 23 maggio 1969.

Convenzione sul diritto dei trattati Vienna, 23 maggio 1969. Convenzione sul diritto dei trattati Vienna, 23 maggio 1969. Gli Stati parti alla presente Convenzione, Considerando il ruolo fondamentale dei trattati nella storia delle relazioni internazionali, Riconoscendo

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Articolo 1 Soggetti. La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti.

Articolo 1 Soggetti. La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti. CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO E SUL PATRIMONIO E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI. La Repubblica

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 17.4.2001 L 106/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DIRETTIVA 2001/18/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 marzo 2001 sull'emissione deliberata nell'ambiente

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Testo della CONVENZIONE DI ROMA DEL 1980 SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI

Testo della CONVENZIONE DI ROMA DEL 1980 SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI Testo della CONVENZIONE DI ROMA DEL 1980 SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI a cura della Prof.ssa Alessandra Lanciotti CONVENZIONE SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DI UNA DENUNCIA ANTIDUMPING

COMMISSIONE EUROPEA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DI UNA DENUNCIA ANTIDUMPING COMMISSIONE EUROPEA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DI UNA DENUNCIA ANTIDUMPING IT SOMMARIO I. INTRODUZIONE Pagina 2 II. OSSERVAZIONI GENERALI Pagina 3 III. ELEMENTI CHE DOVREBBERO ESSERE OGGETTO DI UNA DENUNCIA

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione GUIDA Maggio 2012 Versione 2.0 Guida per l attuazione del regolamento REACH 2 Versione 2.0 Maggio 2012 Versione Modifiche Data Versione 0 Prima edizione giugno 2007 Versione 1 Prima revisione 18/02/2008

Dettagli

D.Lgs. 16 febbraio 2011, n. 15 (1).

D.Lgs. 16 febbraio 2011, n. 15 (1). D.Lgs. 16-2-2011 n. 15 Attuazione della direttiva 2009/125/CE relativa all'istituzione di un quadro per l'elaborazione di specifiche per progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all'energia.

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.4.2015 C(2015) 2771 final ANNEX 1 ALLEGATO della decisione della Commissione che modifica la decisione C(2013)1573 sull'approvazione degli orientamenti sulla chiusura

Dettagli

VADEMECUM DELLA GARANZIA

VADEMECUM DELLA GARANZIA VADEMECUM DELLA GARANZIA Il contributo sul tema della garanzia è rappresentato da: - una relazione del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio legale Spreafico - un estratto da Il Sole 24 Ore del

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli