Raccolta dei testi sul valore in dogana

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta dei testi sul valore in dogana"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE-GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE POLITICA DOGANALE Legislazione doganale TAXUD/800/2002-IT Update Bruxelles, Gennaio, 2007 Raccolta dei testi sul valore in dogana del COMITATO DEL CODICE DOGANALE Sezione del valore in dogana

2 Una raccolta delle disposizioni giuridiche e dei testi di accompagnamento relativi all'applicazione nella Comunità dell'accordo sul valore in dogana del GATT è stata pubblicata l'ultima volta in forma consolidata nel Da allora vi sono stati nuovi sviluppi, vale a dire sono state pronunciate ulteriori sentenze, adottate ulteriori conclusioni e apportate delle modifiche in talune disposizioni di applicazione. Il presente documento comprende una versione aggiornata della Raccolta dei testi sul valore in dogana, ossia degli strumenti adottati dal Comitato del codice doganale - Sezione del valore in dogana, e una sintesi delle sentenze in materia pronunciate dalla Corte di giustizia delle Comunità europee. A fini di completezza è stata aggiunta una sezione relativa agli strumenti adottati dal Comitato tecnico del valore in dogana dell'organizzazione mondiale delle dogane. Benché sia stata redatta innanzitutto ad uso delle amministrazioni degli Stati membri, la presente raccolta dovrebbe essere messa a disposizione di tutte le parti interessate. Essa è disponibile in tutte le lingue ufficiali della Comunità al seguente indirizzo internet: opean/index_en.htm Gli strumenti (commenti, conclusioni e altre misure figuranti nella presente raccolta) sono il risultato dell'analisi in seno al Comitato di questioni sollevate in merito a talune disposizioni o a specifici casi pratici, a norma dell'articolo 249 del codice doganale. I commenti danno indicazioni su come applicare una determinata disposizione, mentre le conclusioni sono il risultato dell'esame di particolari casi pratici. Pur non essendo stati adottati come strumenti giuridici, i commenti e le conclusioni rispecchiano il punto di vista del Comitato del codice doganale Sezione del valore in dogana e costituiscono un supporto per l'interpretazione e l'applicazione uniforme delle pertinenti disposizioni comunitarie. Si consiglia nondimeno agli operatori economici di consultare le loro amministrazioni doganali nazionali per quanto riguarda l'adozione di decisioni concrete nei singoli casi. È opportuno in particolare sottolineare che i testi dei regolamenti e delle direttive CE facenti fede sono quelli pubblicati nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. Per quanto riguarda le sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee, fanno fede i testi che figurano nella Raccolta della giurisprudenza della Corte. 2

3 Indice Sezione A - Testi giuridici comunitari (esclusivamente riferimenti) Testi del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) Sezione B - Commenti Sezione C - Conclusioni Sezione D - Altre misure Altri testi Sezione E - Sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee Sezione F - Indice dei testi del Comitato tecnico del valore in dogana dell'organizzazione mondiale delle dogane 3

4 SOMMARIO SEZIONE A: TESTI GIURIDICI COMUNITARI (ESCLUSIVAMENTE RIFERIMENTI)...8 SEZIONE B: COMMENTI...11 Commento n. 1 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), del codice doganale sul valore in dogana delle merci...11 Commento n. 2 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 145, paragrafo 2, delle Disposizioni d'applicazione del codice doganale...14 Commento n. 3 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) relativo all'incidenza dei corrispettivi e dei diritti di licenza sul valore in dogana...20 Commento n. 4 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione delle Disposizioni d'applicazione in materia di tassi di cambio da applicare nella determinazione del valore in dogana...24 Commento n. 5 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sul significato del termine " distinti" ai fini delle disposizioni relative alla determinazione del valore in dogana delle merci...28 Commento n. 6 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sui documenti e sulle informazioni che la dogana può esigere a titolo di prova per la determinazione del valore in dogana...31 Commento n. 7 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 147 del regolamento (CEE) n. 2454/93 della Commissione del 2 luglio Commommento n. 8 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) Trattamento degli sconti conformemente all'articolo 29 del codice...45 Commento n. 9 del Comitato del codice doganale Sezione del valore in dogana: ripartizione delle spese di trasporto aereo (ai sensi dell allegato 25 delle DAC)...48 Commento n. 10 del Comitato del codice doganale - Sezione del valore in dogana: valore in dogana di merci gratuite spedite insieme a merci a pagamento...49 Commento n. 11 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera c), del codice doganale relativo ai diritti e ai corrispettivi pagati a un terzo ai sensi dell'articolo 160 del regolamento (CEE) n. 2454/

5 SEZIONE C: CONCLUSIONI...57 Conclusione n. 1 (riveduta) Tassi di cambio prefissati:...57 Conclusione n. 2: Compratore da prendere in considerazione...58 Conclusione n. 3: Lavori di ingegneria, di studio, d'arte e di design eseguiti nella Comunità...59 Conclusione n. 4: Spese relative a lavori iniziati dopo l'importazione...60 Conclusione n. 5: Importazioni effettuate per mezzo di succursali...61 Conclusione n. 6: Ripartizione di spese di trasporto per merci spedite per ferrovia...62 Conclusione n. 7: Spese di trasporto aereo relative a importazioni prive di carattere commerciale...63 Conclusione n. 8: Riscossione presso il destinatario delle spese di trasporto aereo ("charges collect")...64 Conclusione n. 9: Ripartizione delle spese di trasporto...65 Conclusione n. 10: Assortimenti di carne di differenti varietà commerciali...66 Conclusione n. 11 (riveduta): Acquisto di contingenti all'esportazione - prodotti tessili...67 Conclusione n. 12: Valore in dogana di campioni spediti per via aerea...68 Conclusione n. 13: Spese per utensili...69 Conclusione n. 14: Importazioni tramite agenti sotto contratto...70 Conclusione n. 15: Spese di quota richieste per i certificati di autenticità...72 Conclusione n. 16: Determinazione, a norma del metodo deduttivo, del valore in dogana di merci vendute tramite succursali...73 Conclusione n. 17: Ordine di priorità nel contesto del metodo deduttivo...74 Conclusione n. 18: Controstallie...75 Conclusione n. 19: soppressa...76 Conclusione n. 20: Costi dei contingenti (importazione di manioca dalla Thailandia)...77 Conclusione n. 21: Spese per test...78 Conclusione n. 22 (riveduta): Determinazione del valore di computer a capacità variabile...79 Conclusione n. 23: Spese di trasporto per merci vendute da un deposito doganale

6 Conclusione n. 24: Corrispettivi e diritti di licenza (è stato sostituito dal Commentario n. 11)...81 Conclusione n. 25: Merci vendute per l esportazione nella Comunità Interpretazione dell articolo 147 del regolamento n. 2454/ SEZIONE D: ALTRE MISURE...85 Valore in dogana delle registrazioni sonore e cinematografiche su nastro magnetico (video) e altri supporti informatici...85 Dichiarazione di pratica amministrativa in merito all'articolo 156 bis...86 Trattamento delle spese di trasporto ai fini della determinazione del valore in dogana delle spedizioni espresso via aerea dichiarate per l'immissione in libera pratica nel territorio doganale della Comunità...87 SEZIONE E: SENTENZE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITÀ EUROPEE...89 Causa 7/83 - Ospig Textilgesellschaft KG W. Ahlers contro Hauptzollamt Bremen-Ost...89 Causa 290/84 - Hauptzollamt Schweinfurt contro Mainfrucht Obstverwertung GmbH...90 Causa 65/85 - Hauptzollamt Hamburg - Ericus contro Van Houten International GmbH...92 Causa C-183/85 - Hauptzollamt Itzehoe contro H.J. Repenning GmbH Causa 357/87 - Firma Albert Schmid contro Hauptzollamt Stuttgart-West...94 Causa C-11/89 - Unifert Handels GmbH, Warendorf contro Hauptzollamt Münster...96 Causa C-17/89 - Hauptzollamt Frankfurt am Main-Ost contro Deutsche Olivetti GmbH...98 Causa C-79/89 - Brown Boveri & Cie AG contro Hauptzollamt Mannheim...99 Causa C-116/89 BayWa AG contro Hauptzollamt Weiden Causa C-299/90 - Hauptzollamt Karlsruhe contro Gebr. Hepp. GmbH & Co KG Causa C-16/91 - Wacker Werke GmbH & Co. KG contro Hauptzollamt München-West Causa C-21/91 - Wünsche Handelsgesellschaft International (GmbH & Co.) contro Hauptzollamt Hamburg-Jonas

7 Causa C-59/92 - Hauptzollamt Hamburg-St. Annen contro Ebbe Sönnichsen GmbH Causa C-29/93 - KG in Firma OSPIG Textil-Gesllschaft W. Ahlers GmbH & Co contro Hauptzollamt Bremen-Freihafen Causa C-340/93 - Klaus Thierschmidt GmbH contro Hauptzollamt Essen Causa C-93/96 - Indústria e Comércio Têxtil SA (ICT) contro Fazenda Pública Causa C-142/96 - Hauptzollamt München contro Wacker Werke GmbH & Co. KG Causa C-15/99 - Hans Sommer GmbH & Co. KG contro Hauptzollamt Bremen Causa C-379/00 - Overland Footwear Ltd contro Commissioners of Customs & Excise Causa C-422/00 - Capespan International plc contro Commissioners of Customs & Excise SEZIONE F: INDICE DEI TESTI DEL COMITATO TECNICO DEL VALORE IN DOGANA DELL'OMD

8 SEZIONE A: TESTI GIURIDICI COMUNITARI (ESCLUSIVAMENTE RIFERIMENTI) 1. Valore in dogana Regolamento (CEE) n. 2913/92 del Consiglio, del 12 ottobre 1992, che istituisce un codice doganale comunitario 1 (CD), modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 2700/2000 del 16 novembre Articoli Regolamento (CEE) n. 2454/93 della Commissione, del 2 luglio (DAC) che fissa talune disposizioni d'applicazione del regolamento (CEE) n. 2913/92, modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 1335/2003 dell'25 luglio Articoli bis Allegati da 23 a Altre disposizioni relative alla fissazione e alla registrazione del valore in dogana a) Formalità doganali Articoli 14 e 15 (CD) Obbligo di presentare i documenti e riservatezza delle informazioni Articolo 64 (CD) Dichiarante Articoli 67 e 214 (CD) Determinazione degli elementi di tassazione all'insorgenza di un'obbligazione doganale Articolo 228 (CD) Nessuna dilazione di pagamento quando siano state contabilizzate dichiarazioni incomplete e, allo scadere del termine stabilito, non siano stati forniti gli elementi o la documentazione necessari per la definitiva determinazione del valore in dogana. Articolo 218 (DAC) Documenti da allegare alla dichiarazione in dogana Articoli (DAC) Dichiarazione incompleta, comprendente almeno un'indicazione provvisoria del valore; proroga del termine per la presentazione dei documenti richiesti; contabilizzazione immediata e costituzione di una garanzia. 1 GU L 302 del , pag GU L 317 dell' , pag GU L 253 dell' , pag GU L 187 del , pag

9 b) Regimi doganali economici Articolo 112 (CD) Deposito doganale; insorgenza di un'obbligazione doganale e determinazione della base degli elementi di tassazione (più articoli 269, 516 bis e 529 delle DAC) Articoli 121 e 122 (CD) Perfezionamento attivo; insorgenza di un'obbligazione doganale e determinazione della base degli elementi di tassazione (più articoli 518, 521, paragrafo 2, lettere d) e g), 523, 547 e 548 delle DAC) Articolo 135 (CD) Trasformazione sotto controllo doganale; insorgenza di un'obbligazione doganale e determinazione della base degli elementi di tassazione (più articoli 521, paragrafo 2, e 551 delle DAC) Articolo 144 (CD) Ammissione temporanea; insorgenza di un'obbligazione doganale e determinazione della base degli elementi di tassazione (più articoli 497 e 499, lettera j), delle DAC) Articoli 151 e 153 (CD) Perfezionamento passivo; definizione del valore delle merci in esportazione temporanea e dei prodotti compensatori (più articoli 590 e 591 delle DAC) c) Altre destinazioni doganali Articoli 168 bis e 178 (CD) Zona franca o deposito franco; le spese di magazzinaggio e di conservazione delle merci non debbono essere comprese nel valore in dogana. 3. Altre applicazioni a) Valore delle importazioni ai fini dell'iva Articolo 11 B della sesta direttiva del Consiglio (77/388/CEE), modificato da ultimo dalla direttiva 95/7/CE del Consiglio (GU L 102 del , pag. 18). b) Statistiche del commercio estero Regolamento (CE) n. 1172/95 del Consiglio (GU L 118 del , pag. 10), modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 374/1998 del Consiglio, del 12 febbraio 1998 (GU L 48 del , pag. 6) e regolamento (CE) n. 1917/2000 della Commissione, del 7 settembre 2000, che fissa talune disposizioni d'applicazione del regolamento (CE) n. 1172/95 del Consiglio (GU L 229 del , pag. 14), modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 1669/2001 della Commissione, del 20 agosto 2001 (GU L 224 del , pag. 3). c) Legislazione nel settore delle politiche comuni relative all'agricoltura e alla pesca 9

10 Varie: cfr. in particolare sistema del prezzo di entrata (regolamento (CE) n. 3223/94 della Commissione, GU L 337 del , pag. 66, modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 1947/2002 della Commissione, del 31 ottobre 2002, GU L 299 dell' , pag. 17). 10

11 TESTI DEL COMITATO DEL CODICE DOGANALE (Sezione del valore in dogana) SEZIONE B: COMMENTI Introduzione Commento n. 1 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), del codice doganale sul valore in dogana delle merci 1. L'applicazione pratica delle sopracitate disposizioni deve essere uniforme in tutta la Comunità. Il presente commento del Comitato del valore in dogana è stato pertanto elaborato al fine di fornire le indicazioni per l'interpretazione di queste disposizioni. Base giuridica 2. L'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), del Codice si applica nei casi in cui: - il valore in dogana delle merci importate sia determinato ai sensi dell'articolo 29 di questo regolamento anche quando il contratto riguardi esclusivamente la lavorazione e il trattamento delle merci, e - il compratore delle merci importate abbia fornito taluni prodotti o servizi (qui di seguito denominati "apporti"), a titolo gratuito o a costo ridotto, utilizzati nella produzione e nella vendita per l'esportazione delle merci importate. 3. Questa disposizione deve essere applicata secondo la nota interpretativa all'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), punto ii), riprodotta nell'allegato 23 delle Disposizioni d'applicazione del Codice doganale. Benché la nota in questione si riferisca espressamente all'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), punto ii), è da ritenere che essa sia ugualmente applicabile, per analogia, alle altre disposizioni dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b). Paese fornitore degli apporti 4. Il paese fornitore degli apporti non è da prendere in considerazione al fine di determinare se taluni prodotti o servizi rientrano nel campo d'applicazione dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b). Per esempio, i prodotti in questione possono trovarsi, prima di essere forniti al produttore, nel paese in cui sono prodotte le merci importate; oppure essi possono essere stati inviati al produttore da un altro paese terzo o dalla stessa Comunità. Tuttavia, in conformità delle disposizioni dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), punto iv), il valore dei lavori d'ingegneria, di studio, d'arte e di design, nonché di piani e schizzi, forniti per la produzione delle merci non può essere aggiunto ai sensi dell'articolo 32, paragrafo 1), lettera b), se i lavori in questione sono stati eseguiti nella Comunità. 11

12 Trasporto e spese connesse 5. Secondo il paragrafo 2) della nota relativa all'articolo 32, paragrafo 1), lettera b), punto ii), il valore di un apporto è, secondo i casi, sia il costo di acquisto, sia il costo di produzione. Non esiste alcuna disposizione specifica relativa al trattamento delle spese di consegna degli apporti al produttore delle merci importate. Sono considerate spese di consegna degli apporti: - spese di trasporto e di assicurazione; - il costo del carico, dello scarico e della movimentazione. 6. Di conseguenza, nel determinare il valore ai sensi dell'articolo 32, paragrafo 1), lettera b), le spese di consegna degli apporti al produttore delle merci importate non devono essere aggiunte né al costo di acquisto, né al costo di produzione degli apporti. Ciò nondimeno esse fanno parte di tale valore nella misura in cui, nel caso di acquisto, sono incluse nel prezzo. Esempio n. 1: La società A nella Comunità ordina la confezione di camicie alla società B situata nel paese terzo X. A fornisce gratuitamente a B il tessuto e i bottoni destinati alla confezione delle camicie. A acquista il tessuto dalla società C nel paese terzo Y, con condizioni di consegna "CIF porto di scarico" nel paese X. A produce i bottoni in una sua fabbrica nel paese terzo Z. Sia i tessuti che i bottoni costituiscono apporti ai sensi dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b). Il valore del tessuto ai sensi di questa disposizione è il prezzo CIF porto di scarico. Il valore dei bottoni è soltanto il loro costo di produzione e non include alcuna spesa di consegna. Ammontare da includere nel valore in dogana 7. In conformità dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), l'ammontare del valore di un apporto da includere nel valore in dogana delle merci importate è influenzato da due fattori: - la necessità di un'attribuzione adeguata - la misura in cui detto valore non è stato incluso nel prezzo delle merci importate. 8. Le indicazioni relative all'attribuzione figurano nei paragrafi 1, 3 e 4 della nota relativa all'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), punto ii). 9. Il contratto per la fornitura delle merci importate e la relativa fattura possono indicare in che misura il valore degli apporti non sia incluso nel prezzo delle merci importate. L'ammontare del valore non incluso deve essere dichiarato alla dogana, di regola sul formulario DV 1 e deve far parte del valore in dogana. Al fine di determinare detto ammontare, è necessario conoscere anche il valore totale dell'apporto e, altresì, l'attribuzione data a questo valore, in conformità del paragrafo 3 della nota sopracitata. Esempio n. 2: La società A nella Comunità importa camicie confezionate su suo ordine e con suoi materiali dalla società B nel paese terzo X. Il contratto prevede che i materiali vengano forniti dalla società A alla società B al 40% del costo sostenuto dalla società A. La fattura di B ad A indica un ammontare che copre "manifattura e fornitura di camicie". Si può supporre che il 40% del costo dei materiali faccia parte dell'ammontare fatturato da B ad A. Il valore dei materiali, ai fini dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), è il loro costo totale. L'ammontare di questo valore non incluso 12

13 nel prezzo dei beni importati è pari al 60% del costo totale dell'apporto. Di conseguenza, il valore dell'apporto da includere nel valore in dogana delle camicie è costituito da quest'ultimo ammontare. Esempio n. 3: La suddetta società A ordina la confezione di giacche alla suddetta società B. B fornisce direttamente i materiali necessari per la confezione delle giacche, ma acquista i modelli da una società di design in un paese terzo Z e li fornisce a titolo gratuito a B. La fattura di B ad A indica un ammontare per "confezione e fornitura di giacche". Il valore del design non è stato in alcuna misura incluso nel prezzo delle merci importate. Di conseguenza, ai fini dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera b), l'ammontare del valore dell'apporto da includere nel valore in dogana delle giacche è il prezzo complessivo dei modelli. Nota: Cfr. inoltre causa n. C 116/89 della Corte di giustizia delle Comunità europee. 13

14 Commento n. 2 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) sull'applicazione dell'articolo 145, paragrafo 2, delle Disposizioni d'applicazione del codice doganale Introduzione 1. L'articolo 145 delle DAC stabilisce il trattamento applicabile alle merci che siano state danneggiate o siano difettose al momento dell'importazione. Articolo In seguito alla modifica dell'articolo 145, le disposizioni in materia di valore in dogana consentono esplicitamente di tener conto del carattere difettoso delle merci, in quanto accettano un adeguamento del prezzo pagato o pagabile per le merci, purché tale adeguamento sia effettuato nel pieno rispetto delle condizioni del contratto di vendita ed esclusivamente al fine di tener conto del carattere difettoso delle merci. A tal fine il contratto di vendita deve contenere una disposizione che preveda la possibilità di un adeguamento del prezzo. 4. Le merci difettose devono essere coperte da disposizioni concrete e precise riguardo alla garanzia, alle quali si faccia riferimento nella disposizione relativa alla possibilità di un adeguamento del prezzo. I particolari della garanzia possono essere contenuti anche in un documento separato, purché sia collegato al contratto di vendita ed entrambi i documenti facciano parte della pertinente operazione commerciale tra l'acquirente e il venditore. 5. L'adeguamento del prezzo deve avvenire con una regolare operazione finanziaria tra acquirente e venditore, in una forma che sancisca che il prezzo iniziale delle merci è stato adeguato conformemente al relativo contratto. Sono escluse pertanto forme di compensazione indirette o posticipate, ad esempio pagamenti a terzi o cambi di merci, che non possono essere considerate modi accettabili di adeguare il prezzo. Carattere delle merci difettose 6. Il codice doganale contiene disposizioni relative alle merci difettose, ma l'articolo 145 delle DAC non definisce precisamente in cosa consista una merce difettosa. Lo stato difettoso (o, a seconda dei casi, lo stato non difettoso) delle merci è determinato in base a norme o criteri prestabiliti e con riferimento al contratto di vendita e alla garanzia pertinenti. Incombe all'importatore dimostrare alle autorità doganali che le merci importate erano difettose al momento da prendere in considerazione ai fini della determinazione del loro valore in dogana. 7. L'articolo 145, paragrafo 2, esige che le merci siano coperte da una garanzia relativa al carattere delle merci importate. Le merci vendute senza garanzia non rientrano nel campo di applicazione della disposizione. Le merci vendute alla condizione che ne sia assicurata la commerciabilità o merci soggette a variazioni dei pertinenti indicatori (ad esempio: qualità, dimensioni uniformi, freschezza) non sono contemplate. Per questi motivi si presuppone che i prodotti agricoli non rientrino in generale nel campo di applicazione di questa disposizione. 14

15 Adeguamento del prezzo 8. Fatta salva la situazione coperta dalla modifica relativa alle merci difettose, l'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC non indica altrimenti l'esistenza di una base giuridica per l'accettazione di meccanismi di revisione del prezzo. 9. L'articolo 145 prescrive anche che l adeguamento del prezzo sia effettuato entro 12 mesi dalla data di accettazione della dichiarazione di immissione in libera pratica delle merci. Ciò significa che entro tale data devono essere stabiliti: 1) le necessarie condizioni per un adeguamento del prezzo, 2) i conseguenti obblighi previsti dalla garanzia e 3) l adeguamento del prezzo. Altre procedure 10. Non è previsto che le disposizioni dell'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC possano essere applicate nel contesto della procedura di cui all'articolo 152 del codice doganale. 15

16 STUDIO DI UN CASO CONCRETO - A: VALORE DI TRANSAZIONE IN UNA SITUAZIONE DI GARANZIA Elementi di fatto 1. Il produttore M, stabilito in un paese terzo, vende autoveicoli ad un distributore indipendente D nella Comunità. La società D vende i veicoli ai clienti finali tramite una rete di rivenditori locali. 2. Tra M e D vi è un accordo di vendita e distribuzione che comprende disposizioni in materia di garanzia. Ad ogni autoveicolo importato è assegnato un numero identificativo. M offre una garanzia chilometrica su tutti i veicoli nuovi. La garanzia decorre a partire dalla data di immatricolazione del veicolo. 3. Ai sensi dell'accordo di vendita e garanzia, M accetta di compensare D, con un adeguamento del prezzo inizialmente pagato, per i costi di eliminazione di eventuali difetti legati alla produzione o ai materiali 5, che si manifestassero entro i primi km di utilizzo della vettura. 4. La garanzia funziona nel modo seguente: - il cliente scopre un difetto e porta il veicolo dal rivenditore perché sia riparato; - il rivenditore rettifica il difetto, restituisce il veicolo al cliente e redige una richiesta di rimborso del costo da lui sostenuto; - il rivenditore invia la richiesta di rimborso a D; - D verifica la validità della domanda e in caso, ad esempio, di difetti di fabbricazione, avvisa M della necessità di un adeguamento; - M verifica la validità della richiesta e, se riconosce che si tratta di un difetto di fabbricazione, compensa D per il costo totale sostenuto per l'eliminazione del difetto adeguando il prezzo pagato inizialmente. 5. D, in quanto importatore del veicolo difettoso, presenta alla dogana una richiesta di rimborso del dazio per un adeguamento del prezzo effettuato entro 12 mesi dalla data di accettazione della dichiarazione di immissione in libera pratica della merce. La dogana verifica che vi sia una chiara traccia di riferimento (audit trail) e controlla i pertinenti documenti relativi al rimborso richiesto a titolo della garanzia; in particolare, la dogana esamina le prove relative all'esistenza del difetto di fabbricazione; viene inoltre confermato che l'importo pagato da M si riferisce al costo della rettifica del difetto riscontrato nel veicolo importato per il quale è stata presentata la domanda di rimborso del dazio. 5 Difetti da appurare in base alle specifiche del produttore e alle norme tecniche stabilite nella pertinente documentazione concernente la garanzia. 16

17 Domanda 6. Le autorità doganali possono concludere che si può tener conto dell'adeguamento del prezzo per la determinazione del valore in dogana ai sensi dell articolo 29 del codice doganale e dell'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC? Conclusioni 7. Le parti contraenti del contratto di compravendita utilizzato per la valutazione doganale hanno basato il prezzo totale pagato per le merci sulla condizione che le merci siano coperte da garanzia. L'accordo contrattuale che determina la vendita dei beni contiene disposizioni che specificano che i beni rispondono ad un determinato livello qualitativo (conformemente alle norme tecniche stabilite). Questa è una delle condizioni di vendita. 8. Il venditore e l'acquirente delle merci hanno stabilito che al momento dell'immissione in libera pratica il veicolo importato era difettoso per problemi di fabbricazione. Le autorità doganali hanno verificato, con esito positivo: (i) i necessari requisiti del contratto, (ii) l'esistenza del difetto di fabbricazione e il riconoscimento di tale fatto, (iii) l'eliminazione del difetto di fabbricazione, (iv) un adeguamento del prezzo entro 12 mesi dalla data di accettazione della dichiarazione di immissione in libera pratica della merce. 9. Il produttore ha: a) riconosciuto l'esistenza del difetto di fabbricazione, b) adottato le necessarie misure corrective, e c) corretto il prezzo pagato, conformemente al contratto. 10. Le autorità doganali hanno quindi potuto stabilire che si può tener conto dell'adeguamento del prezzo per la determinazione del valore in dogana ai sensi dell articolo 29 del codice doganale e dell'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC. 17

18 STUDIO DI UN CASO CONCRETO - B: VALORE DI TRANSAZIONE IN UNA SITUAZIONE DI GARANZIA (RICHIAMO) Elementi di fatto 1. Il produttore M, stabilito in un paese terzo, vende autoveicoli ad un importatore D nella Comunità. 2. Tra M e D vi è un accordo di vendita e distribuzione che comprende disposizioni in materia di garanzia. Ad ogni autoveicolo importato è assegnato un numero identificativo. M offre una garanzia chilometrica su tutti i veicoli nuovi. La garanzia decorre a partire dalla data di immatricolazione del veicolo. 3. Ai sensi dell'accordo di vendita e garanzia, M accetta di risarcire D dei costi di eliminazione di eventuali difetti legati alla produzione, ai materiali o alla progettazione 6, che si manifestassero entro i primi km di utilizzo della vettura, attraverso un adeguamento del prezzo inizialmente pagato. 4. La garanzia funziona nel modo seguente: - se si scopre un difetto, D rettifica il difetto e redige una richiesta di rimborso del costo da lui sostenuto; - nel caso, ad esempio, di un difetto di fabbricazione, D avvisa M della necessità di un adeguamento; - M verifica la validità della richiesta e, se riconosce che si tratta di un difetto di fabbricazione, risarcisce D dei costi di eliminazione del difetto mediante un adeguamento del prezzo inizialmente pagato. 5. Il produttore M scopre che, in certe condizioni di funzionamento, dei componenti del sistema di sospensione di taluni veicoli possono non funzionare in modo affidabile con conseguenti possibili rischi riguardo alla capacità di circolazione del veicolo. Di conseguenza, M chiede ai proprietari di tutti i veicoli, come misura precauzionale, di riportarli al rivenditore perché siano esaminati ed eventualmente adattati. Questa situazione è attribuita ad aspetti della concezione e della progettazione dei veicoli. Domanda 6. Le autorità doganali possono concludere che si può tener conto dell'adeguamento del prezzo per la determinazione del valore in dogana ai sensi dell articolo 29 del codice doganale e dell'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC? Conclusioni 7. Le parti contraenti del contratto di compravendita utilizzato per la valutazione doganale hanno basato il prezzo totale pagato per le merci sulla condizione che le merci siano coperte da garanzia. L'accordo contrattuale che determina la vendita dei 6 Difetti da appurare in base alle specifiche del produttore e alle norme tecniche stabilite nella pertinente documentazione concernente la garanzia. 18

19 beni contiene disposizioni che specificano che i beni rispondono ad un determinato livello qualitativo (conformemente alle norme tecniche stabilite). Questa è una delle condizioni di vendita. 8. Le autorità doganali hanno preso atto di quanto segue: (i) la necessità di sottoporre i veicoli ad un esame (ed eventualmente di adattare o sostituire certi componenti) dipende da determinate condizioni di funzionamento alle quali i veicoli possono essere soggetti; (ii) il produttore autorizza l'esecuzione d'interventi correttivi come misura precauzionale; (iii) la situazione è attribuita ad aspetti della concezione e della progettazione dei veicoli. 9. Pertanto, le autorità doganali hanno deciso che la misura precauzionale costituita dall'esame e dal possibile adattamento dei veicoli non costituisce una base per l'applicazione dell'articolo 145, paragrafo 2, delle DAC, in quanto solo i veicoli realmente difettosi possono beneficiare della disposizione. 19

20 Commento n. 3 del Comitato del codice doganale (Sezione del valore in dogana) relativo all'incidenza dei corrispettivi e dei diritti di licenza sul valore in dogana Introduzione 1. L'applicazione pratica dei principi enunciati nella normativa comunitaria per quanto riguarda l'inclusione degli ammontari pagati a titolo di corrispettivi e di diritti di licenza nel valore in dogana delle merci importate dovrebbe essere uniforme in tutta la Comunità. Il Comitato del valore in dogana ha quindi redatto il presente commento per fornire alcune indicazioni generali in proposito. 2. Le disposizioni comunitarie riguardanti l'incidenza dei corrispettivi e dei diritti di licenza sul valore in dogana sono le seguenti: - articolo 32, paragrafo 1, lettera c), paragrafo 2 e paragrafo 5, del Codice doganale; - Disposizioni d'applicazione del Codice doganale: -- articoli da 157 a 162; -- allegato 23 - Note interpretative all'articolo 32, paragrafo 1, lettera c), e paragrafo Il termine "corrispettivi e diritti di licenza" con riferimento all'articolo 32, paragrafo 1, lettera c), del Codice doganale è definito nelle note interpretative all'articolo 32, paragrafo 1, lettera c), del Codice doganale e nell'articolo 157, paragrafo 1, delle Disposizioni d'applicazione. Una definizione più globale si può trovare nell'articolo 12, paragrafo 2, dell'"oecd Model Double Taxation Convention on Income and on Capital (1977) (Modello OCSE di convenzione contro le doppie imposizioni sul reddito e sul patrimonio): "compensi di qualsiasi natura corrisposti per l'uso o la concessione in uso di un diritto d'autore su opere letterarie, artistiche o scientifiche, comprese le pellicole cinematografiche, di brevetti, marchi di fabbrica o di commercio, disegni o modelli, progetti, formule o procedimenti segreti, nonché per l'uso o la concessione in uso di attrezzature industriali, commerciali o scientifiche; o per informazioni * concernenti esperienze di carattere industriale, commerciale o scientifico." 4. Normalmente i pagamenti dei corrispettivi o dei diritti di licenza sono effettuati sotto forma di rate (ad esempio, mensili, trimestrali, annuali). Talora il pagamento può essere effettuato sotto forma di un'unica somma forfettaria, o anche di una somma forfettaria iniziale (normalmente definita "fee for disclosure" - canone di licenza) seguita quindi da versamenti rateali ripetuti. Di solito le rate vengono calcolate come percentuale del ricavato della vendita delle merci che formano oggetto della licenza. * Comunemente denominate "know-how". 20

RISOLUZIONE N. 128/E

RISOLUZIONE N. 128/E RISOLUZIONE N. 128/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO:Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale dei canoni corrisposti

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto

La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto La determinazione del valore delle merci ai fini doganali rappresenta uno dei temi più delicati e complessi, giacché vigono specifiche regole che distinguono

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI A seguito dell'attuazione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) nell'unione Europea e in accordo con i servizi e attività di investimento e

Dettagli

Vendite successive di merci: valore imponibile in dogana

Vendite successive di merci: valore imponibile in dogana Vendite successive di merci: valore imponibile in dogana La determinazione del valore imponibile in dogana costituisce la base per l'applicazione della tassazione riportata nelle tariffe doganali dei diversi

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.2.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 36/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE, EURATOM) N. 105/2009 DEL CONSIGLIO

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 129/52 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE del 27 maggio 2010 relativo all applicazione dell articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento

Dettagli

Direttiva Comunità Europea del 28 novembre 2006 n. 112 -

Direttiva Comunità Europea del 28 novembre 2006 n. 112 - Articolo 58 - Prestazioni di servizi di telecomunicazione, servizi di teleradiodiffusione e servizi elettronici a persone che non sono soggetti passivi. Il luogo delle prestazioni dei seguenti servizi

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. 1. OGGETTO Le presenti condizioni generali di vendita regolano e disciplinano in via esclusiva i rapporti commerciali di compravendita tra SATI S.r.l. e i propri

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 147/E

RISOLUZIONE N. 147/E RISOLUZIONE N. 147/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,10 aprile 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Variazione dell imponibile Iva in conseguenza dell applicazione

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE Norme e regolamenti Contratti Diritto e Giurisdizione Termini di consegna Termini di pagamento, finanziamenti, assicurazioni Documentazione Confezionamento NORME

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE 12.12.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 334/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE dell 8 dicembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 marzo 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 incentivi all acquisto di auto ecologiche di cui all articolo 1

Dettagli

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA (ADR)

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA (ADR) ALLEGATO 1 ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA (ADR) LE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di accrescere la sicurezza dei trasporti internazionali su strada,

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-204 Commissione per le petizioni 25.9.2009 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 925/2007, presentata da Joachim Weber, cittadino tedesco, concernente la direttiva sull orario

Dettagli

Nuova legislazione: Emendamenti al regolamento INN e al relativo regolamento di applicazione

Nuova legislazione: Emendamenti al regolamento INN e al relativo regolamento di applicazione ADDENDUM AL MANUALE DI APPLICAZIONE PRATICA DEL REGOLAMENTO INN Il presente documento costituisce un addendum alla prima edizione del «Manuale di applicazione pratica del regolamento (CE) n. 1005/2008

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale Bruxelles, 1 febbraio 2012 TAXUD/A3/017/2011 Final IT Ares(2012)

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO n. 192 del 09 novembre 2012

DECRETO LEGISLATIVO n. 192 del 09 novembre 2012 DECRETO LEGISLATIVO n. 192 del 09 novembre 2012 E pari allo 0,75%, (lo 0,25% in meno rispetto al semestre precedente) il tasso di riferimento cioè il tasso di interesse applicato dalla BCE / Banca Centrale

Dettagli

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 22.11.2013 Ritenute su royalties corrisposte a non residenti Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Categoria: Imposte dirette

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

considerando che è necessario istituire un comitato consultivo che assista la Commissione e segua l'applicazione della presente direttiva;

considerando che è necessario istituire un comitato consultivo che assista la Commissione e segua l'applicazione della presente direttiva; DIRETTIVA 91/440/CEE DEL CONSIGLIO del 29 luglio 1991 relativa allo sviluppo delle ferrovie comunitarie IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE. Visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, IT REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n..../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

Dettagli

(CE) 172 5.7.2005, 22) 25 2005 10 2008) 1687/2005 14 2005 (GU CE

(CE) 172 5.7.2005, 22) 25 2005 10 2008) 1687/2005 14 2005 (GU CE REGOLAMENTO (CE) N. 2869/95 DELLA COMMISSIONE del 13 dicembre 1995 relativo alle tasse da pagare all Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (Marchi, disegni e modelli) (GU CE n. L 33 del 15.12.1995,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 768 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disciplina del franchising Presentata il 6 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Ilfranchising,

Dettagli

Articolo 1. Oggetto e ambito di applicazione

Articolo 1. Oggetto e ambito di applicazione L 107/76 25.4.2015 DECISIONE (UE) 2015/656 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 4 febbraio 2015 sulle condizioni in presenza delle quali è consentito agli enti creditizi di includere nel capitale primario

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI Modernised EU Social Security Coordination La nuova regolamentazione comunitaria DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI 1 Disposizioni in materia di prestazioni pensionistiche Le Le norme in in materia pensionistica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO RISOLUZIONE N. 346/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA ITALIA S.p.A. Articolo 19 del

Dettagli

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA-BoS-14/181 IT Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Ricavi Prof. Daniele Gervasio

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 20.10.2004 COM(2004) 682 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO recante modifica dell articolo 3 della decisione 98/198/CE che autorizza il Regno Unito

Dettagli

Orientamenti sull informativa ai fini della stabilità finanziaria

Orientamenti sull informativa ai fini della stabilità finanziaria EIOPA-BoS-15/107 IT Orientamenti sull informativa ai fini della stabilità finanziaria EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email:

Dettagli

IL PARLAMENTO EUROPEO ED IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

IL PARLAMENTO EUROPEO ED IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA, REGOLAMENTO (CE)N.889/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 13 maggio 2002 che modifica il regolamento (CE)n.2027/97 sulla responsabilità del vettore aereo in caso di incidenti (Testo rilevante

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 7.7.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 186/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1028/2006 DEL CONSIGLIO del 19 giugno 2006 recante norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

14562/1/01 REV 1 Fascicolo interistituzionale 2001/0174 (COD)

14562/1/01 REV 1 Fascicolo interistituzionale 2001/0174 (COD) CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 7 dicembre 2001 (OR. fr) 14562/1/01 REV 1 Fascicolo interistituzionale 2001/0174 (COD) CONSOM 109 MI 189 EF 126 ECOFIN 360 CODEC 1262 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE 21.3.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 79/7 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE del 20 marzo 2013 che modifica il regolamento (CE) n. 340/2008 della Commissione relativo

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/243 DATA DI ENTRATA IN VIGORE 29. A eccezione dei paragrafi 23 e 24, il presente Principio contabile internazionale è entrato in vigore a partire

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100,

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100, Seconda direttiva 84/5/CEE del Consiglio del 30 dicembre 1983 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di assicurazione della responsabilità civile risultante dalla

Dettagli

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che all articolo 17, comma 1, stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese che intendono svolgere

Dettagli

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa RISOLUZIONE N. 55/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 marzo 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa La

Dettagli

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988)

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988) UNIDROIT ISTITUTO INTERNAZIONALE PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO ============================================================= CONVENZIONE UNIDROIT sul FACTORING INTERNAZIONALE (Ottawa, 26 maggio

Dettagli

***II POSIZIONE COMUNE

***II POSIZIONE COMUNE PARLAMENTO EUROPEO 1999 Documento di seduta 2004 C5-0331/2000 03/07/2000 ***II POSIZIONE COMUNE Oggetto: Posizione comune definita dal Consiglio del 29 giugno 2000in vista dell'adozione della direttiva

Dettagli

CONTRATTO QUADRO PER LE OPERAZIONI FINANZIARIE. ALLEGATO PRODOTTO PER OPERAZIONI PRONTI CONTRO TERMINE Edizione gennaio 2001

CONTRATTO QUADRO PER LE OPERAZIONI FINANZIARIE. ALLEGATO PRODOTTO PER OPERAZIONI PRONTI CONTRO TERMINE Edizione gennaio 2001 F E D E R A T I O N B A N C A I R E D E L ' U N I O N E U R O P E E N N E BANKING FEDERATION OF THE EUROPEAN UNION BANKENVEREINIGUNG DER EUROPÄISCHEN UNION in co- operation with E U R O P E A N S A V I

Dettagli

I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO

I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO LEASING Sommario Capo I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO Definizione Art. 1 Scelta del fornitore e del bene» 2 Forma del contratto» 3 Ordine al fornitore» 4 Consegna» 5 Pagamento del corrispettivo» 6 Assicurazione»

Dettagli

Termini di pagamento di 30-60 giorni anche per i lavori pubblici

Termini di pagamento di 30-60 giorni anche per i lavori pubblici Termini di pagamento di 30-60 giorni anche per i lavori pubblici Con il D.Lgs. 192/212 il governo ha anticipato l adozione delle disposizioni contenute nella direttiva 2011/7/UE (la cui attuazione era

Dettagli

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. L 77/42 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 244/2010 DELLA COMMISSIONE del 23 marzo 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1126/2008 della Commissione che adotta taluni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E

RISOLUZIONE N. 114/E RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 10, primo comma, n. 1), del d.p.r. n. 633 del 1972 Regime IVA prestazioni di servizi relativi

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL TAXATION AND CUSTOMS UNION Customs Policy Risk Management, Security and Specific Controls

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL TAXATION AND CUSTOMS UNION Customs Policy Risk Management, Security and Specific Controls EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL TAXATION AND CUSTOMS UNION Customs Policy Risk Management, Security and Specific Controls Bruxelles, 21 dicembre 2007 DOC(2007) Vettori, spedizionieri e agenti doganali

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Contratto di registrazione di un nome a dominio con estensione ".ch"

Contratto di registrazione di un nome a dominio con estensione .ch Contratto di registrazione di un nome a dominio con estensione ".ch" Entrata in vigore: 14 febbraio 2013 (versione 4) 1 DEFINIZIONI 2 2 CONCLUSIONE E PARTI INTEGRANTI DEL CONTRATTO DI REGISTRAZIONE DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 20/D Protocollo: 2548 Roma, 16 aprile 2003 Rif.: Allegati: Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova.

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del 19 giugno 2006. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. (pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione

Dettagli

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto)

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) 2raccolta provinciale degli usi 21-07-2005 10:15 Pagina 349 FCA FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) Nel Franco Vettore il venditore effettua la consegna col rimettere la merce, sdoganata all esportazione,

Dettagli

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006 IL DEPOSITO DOGANALE Prato 23 novembre 2006 LA DISCIPLINA Articoli da 84 a 90 (disposizioni comuni ai regimi doganali economici) e da 98 a 113 del Reg.CEE 2913/92 Articoli da 496 a 523 (disposizioni di

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive

Il Ministro delle Attività Produttive Il Ministro delle Attività Produttive VISTO l articolo 21, del Decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese di gas naturale che svolgono nel

Dettagli

La prova della cessione intracomunitaria

La prova della cessione intracomunitaria Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 97 31.03.2014 La prova della cessione intracomunitaria Le maggiori difficoltà si rinvengono nelle cessioni con la clausola franco fabbrica Categoria:

Dettagli

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia La compravendita di beni immobili in Italia Scheda A Normativa di diritto civile 1. La vendita 2. La vendita immobiliare 3. La forma del contratto 4. La conclusione del contratto 5. Il preliminare di vendita

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE 13.5.2014 L 138/45 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE del 4 marzo 2014 che integra il regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto concerne le norme

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre parti ognuna con un diverso interesse economico,

Dettagli

LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA

LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze Statistiche Bologna, 23 settembre 2002 REGOLAMENTO DI ESENZIONE Come dichiarato dalla

Dettagli

Circolare n 11. Oggetto. Quartu S.E., 22 novembre 2011

Circolare n 11. Oggetto. Quartu S.E., 22 novembre 2011 Quartu S.E., 22 novembre 2011 Circolare n 11 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce chiarimenti

Dettagli

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067)

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067) Direttiva 96/69/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio dell'8 ottobre 1996 che modifica la direttiva 70/220/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle misure

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014 News per i Clienti dello studio del 23 Luglio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1992/2003 del Consiglio del 27 ottobre 2003

Regolamento (CE) n. 1992/2003 del Consiglio del 27 ottobre 2003 Regolamento (CE) n. 1992/2003 del Consiglio del 27 ottobre 2003 che modifica il regolamento (CE) n. 40/94 sul marchio comunitario allo scopo di rendere operativa l'adesione della Comunità europea al protocollo

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA IT PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 14 febbraio 2011 relativo alla partecipazione dell Italia agli interventi del Fondo monetario internazionale per fronteggiare la crisi finanziaria (CON/2011/10)

Dettagli

DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che modifica la direttiva 89/647/CEE del Consiglio riguardo al riconoscimento da parte delle autorita di vigilanza dei contratti di novazione

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 22.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 339/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1210/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 relativo all autenticazione

Dettagli

Il valore delle merci in dogana e le royalties di Sara Armella

Il valore delle merci in dogana e le royalties di Sara Armella Il valore delle merci in dogana e le royalties di Sara Armella Il codice doganale comunitario e le relative norme di applicazione prevedono un insieme assai articolato di regole volte a definire compiutamente

Dettagli

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Il commento Negli scambi intracomunitari di beni riveste una particolare importanza la compilazione dei modelli Intrastat. Le regole di compilazione e di presentazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Ritardi di Pagamento

Ritardi di Pagamento Ritardi di Pagamento Recepimento Direttiva Late Payments Direttiva 2011/7/UE (Late Payments) Recepita con decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo 93, vista la proposta della Commissione,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo 93, vista la proposta della Commissione, IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo 93, vista la proposta della Commissione, (2) Per assicurare la corretta applicazione dell

Dettagli

IMPOSIZIONE FISCALE SUI PREMI E SULLE VINCITE IN ITALIA, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE IMPOSTE SUI REDDITI di Achille Mattei, Promotion Plus Uno

IMPOSIZIONE FISCALE SUI PREMI E SULLE VINCITE IN ITALIA, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE IMPOSTE SUI REDDITI di Achille Mattei, Promotion Plus Uno IMPOSIZIONE FISCALE SUI PREMI E SULLE VINCITE IN ITALIA, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE IMPOSTE SUI REDDITI di Achille Mattei, Promotion Plus Uno QUANTO è TASSATA LA FORTUNA? Nell attuale periodo di incertezza

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio RISOLUZIONE N. 10/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso 2008 Roma 14 gennaio Oggetto: Istanza di interpello - Alfa - Rilevazione dei ricavi e dei costi relativi all attività di raccolta e accettazione

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 14.11.2003 L 296/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1992/2003 DEL CONSIGLIO del 27 ottobre 2003 che modifica il regolamento (CE) n. 40/94 sul

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004.

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 14-07-2004 C (2004) 2830 Oggetto: Aiuto di Stato n. 125/2004, Italia Regione Piemonte Aiuti alla trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014)

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) N. 195 del 10.07.2014 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) Con il DL n. 91 del 24.06.2014 pubblicato

Dettagli