IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI"

Transcript

1 IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia)

2 Indice Introduzione Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica Analisi di sensibilità (sensitivity analysis) Analisi di scenario con simulazione Montecarlo Albero delle decisioni (decision tree analysis) Opzioni reali 2

3 Perché un capitolo a parte per il trattamento del rischio? Qualsiasi investimento di impresa può trovare una rappresentazione finanziaria ed economica di sintesi nell ambito dei criteri tradizionali o finanziari esaminati in precedenza. Tuttavia, le imprese che effettuano investimenti complessi (caratterizzati da elevato capitale investito ed elevata incertezza sui flussi di cassa futuri) sentono il bisogno di rettificare o integrare le analisi tradizionali con nuovi dati e informazioni. In quest ambito e con questa finalità verranno proposti diversi metodi per il trattamento del rischio nell analisi degli investimenti industriali. 3

4 Che cosa è il rischio nell analisi degli investimenti? Incertezza e rischio sono spesso usati come sinonimi, ma il rischio nasce perché il payout non è identificabile con certezza. Si ricorre così alla probabilità che diversi scenari si manifestino L incertezza agisce invece sull impossibilità di attribuire una probabilità allo scenario. Ai fini pratici, potremmo dire che incertezza significa che possono accadere più cose di quante in realtà succederanno. L incertezza verrà trattata come variabilità dei risultati, agendo direttamente sui flussi di cassa, quindi sul valore attuale netto atteso che rappresenta sempre il metodo di analisi più completo 4

5 Introduzione Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica Analisi di sensibilità (sensitivity analysis) Analisi di scenario con simulazione Montecarlo Albero delle decisioni (decision tree analysis) Opzioni reali 5

6 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Una prima informazione in più dalla statistica Un primo approccio è ricorrere a due misure fondamentali della statistica descrittiva: la media e la deviazione standard. Associando ad ogni scenario un certo livello di probabilità che questo si manifesti è possibile calcolare un rendimento medio atteso e una sua deviazione standard. Maggiore è la dispersione dal valor medio atteso, maggiore è il rischio dell attività. La qualità del rendimento, intesa come scostamento dei rendimenti rispetto al valor medio è l informazione in più nelle mani del decisore. 6

7 Strumenti statistici per la misurazione del rischio I tre ingredienti base Le tre misure prese in prestito dalla statistica descrittiva: la media (o tasso di rendimento atteso); la varianza; lo scarto quadratico medio (o deviazione standard). 7

8 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Il primo passo: i dati necessari Attribuzione di probabilità ai diversi scenari 2 fattori fondamentali: disponibilità di dati oggettivi relativi al verificarsi di eventi che condizionano il manifestarsi degli scenari previsti; volontà o capacità del decisore di utilizzare i dati. 8

9 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Il secondo passo: la distribuzione di probabilità Esempio Distribuzione di probabilità dei flussi di cassa relativi al progetto X Probabilità Valori in L. al 1 anno (1) Tasso di rendimento (2) (1) Si assume un investimento pari a 100 all anno zero (2) Calcolato come: (Valore dopo 1 anno - 100) / 100 9

10 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Il rendimento medio atteso - definizione R n = = Ps s 1 Rxs dove: R= rendimento atteso netto; s= scenario; n= numero complessivo di scenari previsti; Ps= probabilità associata a ciascuno scenario; Rxs= tasso di rendimento del progetto X al verificarsi dello scenario s. 10

11 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Il rendimento medio atteso - significato Il tasso di rendimento atteso è una misura della tendenza centrale dei diversi valori che si prevede il progetto possa assumere. La formula del tasso di rendimento atteso rappresenta la media ponderata dei diversi rendimenti che si ritiene il progetto possa generare; il fattore di ponderazione è in tal caso costituito dalle probabilità del verificarsi dei diversi scenari. Sulla base dei dati di TABELLA si ha: 0,10 (0,01) + 0,05 (0,.03) + 0,20 (0,05) + 0,55 (0,07) + 0,10 (0,10) = = 0, , ,01 + 0, ,01 = 0,0610 Il rendimento medio atteso per il progetto X è pari al 6,1% 11

12 Strumenti statistici per la misurazione del rischio La varianza La varianza può essere calcolata sia sui rendimenti attesi da un progetto sia sui valori storicamente osservati. Nel caso dei rendimenti prospettici (come in tab. a pagina 9): σ 2 x = n S= 1 Ps ( Rxs R' x) 2 dove: σ 2 x = varianza dei rendimenti dell investimento X S = scenario N = numero complessivo degli scenari Ps = probabilità associata al verificarsi dello scenario s Rxs = tasso di rendimento del progetto x al verificarsi dello scenario s R x = tasso di rendimento atteso del progetto X 12

13 Strumenti statistici per la misurazione del rischio La deviazione standard Definizione: La deviazione standard è la radice quadrata della varianza ed ha il pregio di esprimere la rischiosità del progetto nella stessa unità di misura in cui sono espressi i valori attesi o osservati e la loro media. 13

14 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Il coefficiente di variazione Si tratta di un altro indicatore di rischiosità, ottenuto mettendo a rapporto la deviazione standard ed il rendimento atteso da un investimento. CV x = σ R x x Il coefficiente esprime l ammontare di rischio per unità di rendimento. L indicatore è utile nel caso in cui il decisore debba scegliere tra progetti alternativi che presentano misure di rendimento atteso e di deviazione standard tra loro molto diverse. 14

15 Introduzione Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica Analisi di sensibilità (sensitivity analysis) Analisi di scenario con simulazione Montecarlo Albero delle decisioni (decision tree analysis) Opzioni reali 15

16 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica Se dovessimo scegliere fra due investimenti caratterizzati da un diverso valore attuale netto in relazione alla probabilità che si realizzi, sceglieremmo quello non solo con il Van più alto, ma anche con la probabilità più elevata che ciò avvenga. Si dice che esiste dominanza stocastica dell attività x, con una funzione cumulativa di probabilità F x (W) sull attività y, con una funzione cumulativa di probabilità G y (W), se per qualsiasi valore dell attività x: F x (W) = G y (W) per ogni W (dominanza stocastica di primo grado) 16

17 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica Graficamente, se la funzione cumulativa di probabilità (definita sul livello di utilità W) dell attività y sta sempre a sinistra della funzione cumulativa di probabilità dell attività x, si dice che x domina stocasticamente y. f(w) g y (W) f x (W) F(W) 1,0 F y (W) W G y (W) µ y µ x W 17

18 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica Esempio VAN Y Probabilità FCP VAN X Probabilità FCP 100 0,10 0, ,00 0, ,10 0, ,05 0, ,15 0, ,15 0, ,25 0, ,25 0, ,25 0, ,35 0, ,15 1, ,20 1,00 Funzione cumulativa di probabilità Graficamente 1,00 FCP 0,80 0,60 0,40 0,20 Attività Y Attività X Il progetto X, domina stocasticamente il progetto Y: la curva del progetto X sta sempre sotto (a destra) rispetto al progetto Y. 0, VAN 18

19 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica, come scegliere? Quale dei due progetti deve essere intrapreso? Il progetto X perché, per ogni livello di Van, ha una più bassa probabilità che si manifestino valori inferiori a quel valore atteso. Il progetto Y ha il 20% di probabilità di presentare valori inferiori a 120, rispetto al 5% del progetto X; il progetto Y ha il 35% di probabilità di presentare valori inferiori a 140, contro il 20% del progetto X, e così via In altri termini, per qualsiasi livello di Van, il progetto X offre una probabilità maggiore che ciò avvenga. 19

20 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Un caso più complicato (ma più veritiero) Esempio 1,00 0,80 FCP 0,60 0,40 Attività H Attività K 0,20 Area K 0, VAN Il confronto tra le due aree non sempre è di immediata soluzione: occorre procedere al calcolo integrale. Il progetto K domina il progetto H se: VAN i 0 G H ( Van) d (Van) G ( Van) d (Van) K 20

21 Strumenti statistici per la misurazione del rischio L interpretazione dei risultati Dall esempio precedente, l Area K identifica dove il progetto k domina stocasticamente h, secondo la nuova definizione. Per contro, l area in alto a destra individua dove il progetto h domina stocasticamente il progetto k. Si noti che il progetto k lavora meglio in circa il 70% dei casi, ma il progetto A è migliore negli scenari più ottimistici. Infatti, le due aree potrebbero anche essere viste come la resistenza del progetto ad offrire Van superiori in casi pessimistici (Area K) rispetto al peso attribuito al progetto H di offrire rendimenti migliori, ma in casi ottimistici. 21

22 Strumenti statistici per la misurazione del rischio In conclusione Il criterio della dominanza stocastica bene unisce il concetto di probabilità e valore atteso, fornendo inoltre una rappresentazione grafica non di poco conto (spesso self explaining), rispetto all esposizione di un semplice numero. Permane tuttavia l ambito soggettivo di attribuzione delle probabilità ai diversi scenari che determinano il valore attuale netto dei progetti. 22

23 Introduzione Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica Analisi di sensibilità (sensitivity analysis) Analisi di scenario con simulazione Montecarlo Albero delle decisioni (decision tree analysis) Opzioni reali 23

24 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Il metodo più usato: l analisi di sensibilità Questo metodo quantifica gli effetti indotti sui flussi di cassa da variazioni nei parametri di input, quindi sull esito finale del progetto calcolato mediante il Van. Occorre individuare prima le variabili critiche da cui scaturiscono le previsioni sui flussi di cassa (i driver del progetto). Successivamente ipotizzare almeno tre scenari alternativi: uno atteso, uno ottimistico ed uno pessimistico. L analisi di sensitività vuole fornire al decisore elementi di analisi su che cosa succede se ( what if ) alcuni parametri si discostano dal caso base. 24

25 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Prima di tutto, individuare i driver del progetto Esempio Scenario pessimistico Scenario atteso Scenario ottimistico Driver del progetto Best, optimistic, pessimistic scenario 25

26 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Calcolare il Van, al variare dei driver L analisi di sensibilità mira ad individuare l effetto indotto dal variare del parametro di input sul risultato finale. L esito dell analisi è riassumibile in quanto segue: Van e Scenario Variabile Pessimistico Atteso Ottimistico Dimensione mercato Quota di mercato Prezzo medio unitario Costi variabili Costi fissi Investimenti Congiuntamente

27 Strumenti statistici per la misurazione del rischio Apprezzare la sensibilità di alcuni driver sul risultato finale La sensibilità di ciascun parametro è apprezzabile mediante il confronto fra le variazioni percentuali delle variabili e la variazione percentuale del Van: Pessimistico Ottimistico Variabile Delta Van Delta variabile Delta Van Delta variabile Dimensione mercato -44% -10% 87% 20% Quota di mercato -109% -25% 109% 25% Prezzo medio unitario -77% -15% 26% 5% Costi variabili -13% 17% 10% -13% Costi fissi -13% 6% 13% -6% Investimenti -4% 3% 8% -7% Congiuntamente -219% 292% 27

28 Strumenti statistici per la misurazione del rischio I pregi di questo metodo Consente al manager di condurre un analisi più approfondita sulle determinanti dei flussi di cassa e valutare il progetto non come una scatola chiusa, ovvero: migliora la consapevolezza del rischio di business e dell ambiente competitivo. Consente di esprimere, pur nell ambito della soggettività e della semplificazione, il probabile andamento del progetto, quindi a ridurre l incertezza sul suo esito. Tuttavia, proprio da quest ultimo aspetto nascono i principali aspetti negativi 28

29 Strumenti statistici per la misurazione del rischio I difetti di questo metodo Necessita l identificazione dei fattori di rischio (driver dei flussi di cassa o del valore attuale netto) e l ampiezza delle loro oscillazioni. Anche laddove il primo requisito venga superato, assai spesso permane la difficoltà nel superare il secondo. L analisi separata delle variabili esclude che vi sia fra di loro una correlazione o che si possano manifestare congiuntamente gli scenari previsti sulle singole variabili. Non viene considerata la probabilità che gli scenari si manifestino. La determinazione del valore assunto dal parametro nello scenario ipotizzato è soggettiva. 29

30 Introduzione Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica Analisi di sensibilità (sensitivity analysis) Analisi di scenario con simulazione Montecarlo Albero delle decisioni (decision tree analysis) Opzioni reali 30

31 La simulazione Montecarlo Affidare al computer gli infiniti scenari possibili L analisi di sensibilità non consente di muovere tutti i parametri contemporaneamente. Anche volendo procedere sistematicamente su ogni variabile, gli scenari sono tendenzialmente infiniti. La Simulazione Montecarlo non è altro un metodo che permette di prendere in considerazione tutte le combinazioni possibili e di tracciare una distribuzione di frequenza dei Van generati. 31

32 La simulazione Montecarlo Come procedere? La Simulazione Montecarlo necessita di assunzioni sulla funzione di distribuzione del fenomeno osservato e l esplicitazione delle relazioni fra le variabili coinvolte. Passi logici da seguire: Definizione delle variabili rilevanti Definizione del risultato a cui si intende pervenire Attribuzione della funzione di distribuzione di probabilità e range della variabile (definite al punto 1) Lancio della simulazione 32

33 La simulazione Montecarlo L esito della simulazione Graficamente, il risultato è simile alla seguente figura: E possibile quantificare il valore medio atteso dalla simulazione e il valore atteso ad ogni intervallo di confidenza. 33

34 La simulazione Montecarlo Pregi e difetti Pregi Aiuta a comprendere meglio le origini del rischio del progetto e come le variabili, considerate congiuntamente, influenzano l esito finale. Difetti E difficile stabilire una relazione fra le variabili. Ad esempio: legame tra quota di mercato e prezzo di vendita (notorietà del marchio, qualità percepita dal cliente, ecc.); legame tra dimensione del mercato (domanda) e prezzi; legame tra spese variabili (pubblicità) e la domanda e/o il prezzo, e così via. Nella Simulazione Montecarlo tutto questo è affidato al caso: negli n scenari previsti, si sono verificati anche quegli scenari che avremmo costruito legando fra loro le variabili. Vero, ma non abbiamo scartato quelli sbagliati! 34

35 Introduzione Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica Analisi di sensibilità (sensitivity analysis) Analisi di scenario con simulazione Montecarlo Albero delle decisioni (decision tree analysis) Opzioni reali 35

36 L albero delle decisioni Quale utilità in più rispetto al Van? Il metodo del Van incontra alcuni limiti quando: l investimento è scomponibile in fasi distinte, ognuna oggetto di analisi finanziaria; la continuazione del progetto dipende dal verificarsi di eventi esterni; ogni fase è incerta con riferimento alla manifestazione dei flussi di cassa Il modello di analisi dell albero delle decisioni valuta l impatto di ogni nodo decisionale sia come una scelta di investimento a sé stante sia con riferimento agli effetti che questa produce sul progetto nel suo complesso. 36

37 L albero delle decisioni Come procedere? Nel modello di analisi dell albero delle decisioni i rami rappresentano il valore di ogni scelta, i nodi le singole decisioni di investimento intermedie. In aggiunta, ad ogni passo successivo è associato un livello di probabilità che questo si manifesti: Ottimistico VAN 1, probabilità Ottimistico VAN 3, probabilità Investire Uscita di cassa Investire Uscita di cassa Pessimistico Pessimistico Decidere VAN 2, probabilità Decidere VAN 4,... probabilità Non investire Non investire Fase 1 Fase 2 37

38 L albero delle decisioni Come interpretare i dati? Ogni sequenza decisionale completa (l esito finale) ha un valore pari al valore attuale netto della sequenza dei flussi di cassa ipotizzati ponderato per la probabilità congiunta che le singole decisioni intermedie si avverino. Il Van medio atteso del progetto, è la somma dei Van ponderati di ogni sequenza decisionale completa. In tal modo, viene esplicitato il legame fra tutte le decisioni intermedie e il loro peso sul risultato finale. E possibile inoltre sapere con quale probabilità il progetto non risulta economicamente conveniente. 38

39 L albero delle decisioni Pregi e difetti Pregi Esprime un concatenamento, una sequenzialità di effetti di singole decisioni passate sul valore complessivo del progetto. Induce a ragionare al contrario : dagli scenari finali alle decisioni che devono essere via via prese durate lo sviluppo del progetto Difetti Considera un numero limitato di scenari. L attribuzione del livello di probabilità avviene in modo soggettivo. Non evidenzia i driver dei flussi di cassa né i loro effetti indotti da piccole variazioni nei parametri di input. 39

40 Introduzione Strumenti statistici per la misurazione del rischio Dominanza stocastica Analisi di sensibilità (sensitivity analysis) Analisi di scenario con simulazione Montecarlo Albero delle decisioni (decision tree analysis) Opzioni reali 40

41 Le Opzioni reali - Un nuovo modo di pensare: l incertezza come opportunità La finanza statica, pur integrata da simulazioni sulla sensibilità di alcune variabili di input o su scenari probabilistici, non è in grado di valorizzare la flessibilità nelle decisioni manageriali. Le opzioni reali appartengono alla finanza dinamica perché il loro valore e il loro esercizio dipendono dall evoluzione di una o più variabili incerte: è compito del management gestirle ed esercitarle nel momento migliore. 41

42 Le Opzioni reali Integrare il Van con il valore dell incertezza La valutazione con le opzioni reali è un approccio bottom-up: al valore stimato con metodologia DCF viene aggiunto il valore delle opzioni: DCF analysis Value of real options Corporate market value Value of current assets Real option value + = Corporate market value Per il calcolo si fa ricorso alle formule di Black-Merton-Scholes o di Cox-Ross-Rubinstein: la difficoltà non è nella formula, ma nel suo uso! 42

43 Le Opzioni reali Come agiscono le variabili in gioco? Mentre i contratti derivati negoziati in Borsa sono standardizzati, le opzioni reali devono essere esaminate e valutate singolarmente. Gli effetti indotti da variazioni nei parametri sul valore di una opzione sono i seguenti: Variabile Valore Call Valore put Incremento valore del sottostante fl Incremento strike price fl Incremento volatilità del sottostante Incremento vita residua Incremento risk free rate fl Incremento dividend yield fl 43

44 Le Opzioni reali Di che tipo di opzioni stiamo parlando? In generale, le opzioni nelle mani dei manager sono le seguenti: di differimento dell investimento (wait and see); di crescita (entrata o effettuazione); di flessibilità (o trasferimento); di uscita (abbandono); di apprendimento (fasi successive) 44

45 Le Opzioni reali Conclusioni L utilizzatore deve comprendere le variabili in gioco, come queste interagiscono fra di loro e sul risultato finale, ma non è tenuto a conoscere tutte le relazioni matematiche sottostanti. L elevata incidenza delle opzioni reali sul valore complessivo del progetto ne aumenta il rischio esponendo l attività a possibili squilibri finanziari. E possibile quantificare il rischio insito nel progetto/impresa dalla percentuale che ricopre il valore delle opzioni sul valore totale dell attivo Eliminano parte della soggettività tipica dei modelli statistici (attribuzione della probabilità) perché è il mercato che prezza il rischio dell attività/progetto (attraverso la volatilità). 45

46 Bibliografia M. Amran, N. Kulatilaka, Real Options, Etas, U. Cherubini, G. Della Lunga, Il rischio finanziario, McGraw-Hill, T. Copeland, J. Weston, Financial Theory and Corporate Policy, Addison-Wesley, I. Cox, S. Ross, M. Rubinstein, Option pricing: a simplified approach, Journal of Financial Economics, Vol. 7, M. Dallocchio, S. Romiti, G. Vesin (a cura di), Public Utilities, Egea, A. Gasperini, G. Guicciardi, La creazione di valore nelle Dot.com: il «monitoraggio continuo», Amministrazione & Finanza, N.15-16, Ipsoa, 2001 P. Goowin, G. Wright, Decision Analysis for Management Judgment, Wiley, D. Hertz, Investment Policies that pay off, Harvard Business Review, N.46, gennaio-febbraio, N. Kulatilaka, A. Markus, Project valuation under uncertainty: where does DCF fail?, Journal of applied Corporate Finance, Vol. 5, N.3, fall A. Lanzavecchia, L utilizzo delle opzioni reali per valutare imprese e progetti ad alto rischio, Amministrazione & Finanza, N.17, Ipsoa, A. Laubsch, Risk Management. A practical guide, RiskMetrics Group, J. Magee, How to use decision tree in Capital Investment, Harvard Business Review, N.42, settembre-ottobre, R. McDonald, D. Siegel, The value of waiting to invest, Quarterly Journal of Economics, N. 101, A. Micalizzi, Il trattamento del rischio nella valutazione degli investimenti, in M. Dallocchio, Finanza d'azienda: analisi e valutazioni per le decisioni di impresa, Egea, S. Myers, C. Howe, A lifecycle financial model of pharmaceutical R&D, Sloan School of Management, MIT, S. Myers, Determinants of Corporate Borrowing, Journal of Financial Economics, N. 2, S. Myers, Finance Theory and Financial Strategy, Interfaces, Vol. 14, gennaio-febbraio, S. Myers, S. Turnbull, Capital budgeting and the Capital Asset Procing Model: Good News and Bad News, Journal of Finance, N.2, G. Tagliavini, A. Lanzavecchia, Gli impianti di cogenerazione di energia: uno schema di analisi economicofinanziaria, AF, N.35, Ifaf,

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Analisi del rischio; limiti del VAN in contesti di incertezza; tecniche di descrizione del rischio dei

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e opzioni reali Formula di Black/Sholes Nell approccio binomiale, per ipotesi, alla fine del periodo vi sono solo 2 possibili prezzi. Nella realtà,

Dettagli

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) La definizione del cambio obiettivo nell azienda industriale non è solo

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

call europea viene esercitata, consentendo un guadagno pari a

call europea viene esercitata, consentendo un guadagno pari a INTRODUZIONE Un opzione è un contratto derivato che conferisce al proprio detentore il diritto di disporre del titolo sottostante ad esso. Più precisamente, l acquisto di un opzione call (put) conferisce

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo Indice Presentazione, di Gilberto Gabrielli Introduzione Significato dei simboli e degli acronimi XI XII XXI Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE Stefano Visintin Studio Attuariale Visintin & Associati SAVA S.r.l. INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore 02. indice (V-X) 14-07-2003 16:40 Pagina V Nota dell editore XI Parte prima Valore 1 1 Perché la finanza aziendale è importante 3 1.1 Ruolo del manager finanziario 3 1.2 Chi è il manager finanziario? 5

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Analisi sensitività. Strumenti per il supporto alle decisioni nel processo di Valutazione d azienda

Analisi sensitività. Strumenti per il supporto alle decisioni nel processo di Valutazione d azienda Analisi sensitività. Strumenti per il supporto alle decisioni nel processo di Valutazione d azienda Premessa Con l analisi di sensitività il perito valutatore elabora un range di valori invece di un dato

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. - secondo modulo - anno accademico 2008/2009

FINANZA AZIENDALE. - secondo modulo - anno accademico 2008/2009 FINANZA AZIENDALE - secondo modulo - anno accademico 2008/2009 LEZIONE Rischio e rendimento Alcuni concetti introduttivi 2 Alcuni concetti introduttivi () Nella prima parte del corso l attenzione è venuta

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Capital budgeting. Luca Deidda. Uniss, CRENoS, DiSEA. Luca Deidda (Uniss, CRENoS, DiSEA) Lecture 19 1 / 1

Capital budgeting. Luca Deidda. Uniss, CRENoS, DiSEA. Luca Deidda (Uniss, CRENoS, DiSEA) Lecture 19 1 / 1 Capital budgeting Luca Deidda Uniss, CRENoS, DiSEA Luca Deidda (Uniss, CRENoS, DiSEA) Lecture 19 1 / 1 Introduzione Scaletta Introduzione Incertezza e costo del capitale Costo del capitale di rischio (equity

Dettagli

L ANALISI QUALITATIVA

L ANALISI QUALITATIVA L ANALISI QUALITATIVA SUPPORTARE LE AZIENDE NELLA COSTRUZIONE DEL LORO PASSAPORTO INFORMATIVO Venerdì 23 marzo 2012 INDICE Posizionamento competitivo e definizione della strategia Le aree strategiche di

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

La valutazione delle aziende. 3a parte

La valutazione delle aziende. 3a parte La valutazione delle aziende 3a parte 65 I metodi empirici Transazioni comparabili Società comparabili 66 I metodi empirici: generalità e ambiti di utilizzo I metodi empirici vengono solitamente utilizzati

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Anna Maria Arcari, Programmazione e controllo, McGraw-Hill, 2010, ISBN 6169-3

Anna Maria Arcari, Programmazione e controllo, McGraw-Hill, 2010, ISBN 6169-3 9.7. w La valutazione delle opzioni reali Come abbiamo visto i metodi e le regole tradizionali di capital budgeting non riescono a cogliere e misurare la discrezionalità del management e la flessibilità

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le practice tecniche Alessio Di Angelantonio 1. IL VALORE ATTUALE NETTO (VAN o NPV). Il criterio del VAN è uno degli

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

Finanza Aziendale (6 cfu)

Finanza Aziendale (6 cfu) Finanza Aziendale (6 cfu) Docente: Prof. Giuseppe Frisella (profrisella@gmail.com) Ricevimento: Lunedì ore 10:00 Dipartimento SEAF-Economia 4 Piano Anno Accademico 2012/2013 Il corso ha l obiettivo di

Dettagli

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI Il contesto La complessità degli strumenti finanziari e assicurativi è andata crescendo negli ultimi anni, da una lato con effetti

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Metodologie operative Il progetto come investimento Alcune definizioni Se investo PV ( valore attuale ) oggi al tasso

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Un introduzione all analisi Monte Carlo in Finanza

Un introduzione all analisi Monte Carlo in Finanza ASSOCIAZIONE ITALIANA FINANCIAL RISK MANAGEMENT Un introduzione all analisi Monte Carlo in Finanza Stefano Fabi Working Paper, 1/01/98 Presidenza: Fernando Metelli - Banca Popolare di Milano, Via Fara

Dettagli

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari SULLA STRUTTURA FINANZIARIA DI CONTRATTI ASSICURATIVI LINKED CON MINIMO GARANTITO SOMMARIO 1. Introduzione

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING RISCHIO E CAPITAL BUDGETING Costo opportunità del capitale Molte aziende, una volta stimato il loro costo opportunità del capitale, lo utilizzano per scontare i flussi di cassa attesi dei nuovi progetti

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

12 1.2 Considerazioni organizzative inerenti le evoluzioni della contabilità analitica 1.2.1 La contabilità analitica ed il value management, p.

12 1.2 Considerazioni organizzative inerenti le evoluzioni della contabilità analitica 1.2.1 La contabilità analitica ed il value management, p. INDICE IIIX XIII Guida alla lettura Premessa 3 Capitolo primo La contabilità analitica a supporto del Processo Decisionale 6 1.1 Il significato e lo scopo della contabilità analitica 1.1.1 I principi guida

Dettagli

19-2 Argomenti trattati

19-2 Argomenti trattati Principi di finanza aziendale Capitolo 19-20 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Introduzione alle opzioni e cenni al problema della valutazione 19-2 Argomenti trattati Call,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Dott. Luca Anzola A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Sommario CARATTERISTICHE DEI FONDI IMMOBILIARI IL MERCATO ITALIANO I DRIVER

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

La managerialità tra rischi operativi e rischi finanziari. Milano, 25 marzo 2015

La managerialità tra rischi operativi e rischi finanziari. Milano, 25 marzo 2015 La managerialità tra rischi operativi e rischi finanziari Milano, 25 marzo 2015 I rischi operativi Lo svolgimento di un attività può non conformarsi alle attese ma tipicamente con un accezione negativa,

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti ipotesi: Gli investitori sono avversi al rischio; Gli investitori

Dettagli

HEDGING. Hedging Istituzionale

HEDGING. Hedging Istituzionale HEDGING Le nuove funzionalità di Hedging di Fiuto Pro si suddividono in tre gruppi: l hedging Istituazionale, quello A Soglia e l innovativo sistema proprietario Smart Pro. Hedging Istituzionale L hedging

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Strategie Competitive e Opzioni Reali

Strategie Competitive e Opzioni Reali ipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche Università degli Studi di Foggia Strategie Competitive e Opzioni Reali Rosalba Padalino Quaderno n. 1/25 Quaderno riprodotto al ipartimento

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20 Finanza Aziendale Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale BMAS Capitolo 20 1 Le opzioni nei mercati reali e finanziari Si dicono opzioni i contratti finanziari

Dettagli

Valutazione degli investimenti aziendali

Valutazione degli investimenti aziendali Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Valutazione degli investimenti aziendali Capitolo 18 Indice degli argomenti 1. Definizione e classificazione degli investimenti 2. I profili

Dettagli

La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014

La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014 La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014 L assicurazione vita Contratto Assicurativo Assicurazioni Vita: Gestione professionale dei rischi In un contratto di assicurazione

Dettagli

"La valutazione degli investimenti nel settore delle energie rinnovabili: dal business plan alla bancabilità dei progetti"

La valutazione degli investimenti nel settore delle energie rinnovabili: dal business plan alla bancabilità dei progetti In collaborazione con la Commissione Finanza e Controllo di Gestione Ciclo di Incontri Finanza e gestione per le imprese lombarde degli anni 10 Terzo Seminario ENERGIA E SOSTEGNO FINANZIARIO AGLI INVESTIMENTI

Dettagli

Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group

Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group Rischio di cambio transattivo: il caso Elica Group di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) Attraverso il caso di una PMI italiana vengono evidenziati alcuni aspetti salienti legati gestione del

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA RATING SYSTEM Le raccomandazioni si conformano al seguente rating system, avendo come riferimenti il prezzo di mercato e il target price: BUY: se il target

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M.

APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M. APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M. (corso di ricerca operativa) A cura di: Antonio Scalera 1 PERT/C.P.M. I metodi Pert e C.P.M. studiano lo sviluppo di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

Obiettivi, Valori e Risultati

Obiettivi, Valori e Risultati Corso di Analisi Strategiche Obiettivi, Valori e Risultati Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L obiettivo primario dell impresa è la massimizzazione del profitto nel lungo termine. Il valore si

Dettagli

rendimento PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore. 2. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM;

rendimento PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore. 2. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM; PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore.. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM; Rischio e capital budgeting Introduzione a rischio e rendimento 3. Decisioni

Dettagli

Domino B2 COME PREVISTO DA BASILEA 2

Domino B2 COME PREVISTO DA BASILEA 2 Domino B2 SOFTWARE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO D IMPRESA COME PREVISTO DA BASILEA 2 Il software gestionale Domino B2 è uno strumento di analisi e pianificazione finanziaria strutturato su vari moduli

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1 I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13 1 PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE Le categorie di azioni Principi e modelli di valutazione

Dettagli

17.2 Gli alberi delle decisioni

17.2 Gli alberi delle decisioni 17 18-12-2007 17:55 Pagina 493 I metodi alternativi al VAN e gli alberi delle decisioni 493 una combinazione di queste fonti. Il costo del debito finanziario è di solito facilmente rilevabile. L aumento

Dettagli

Vi ricordate quello che abbiamo visto nelle prime lezioni? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO. L analisi di sensitività

Vi ricordate quello che abbiamo visto nelle prime lezioni? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO. L analisi di sensitività LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO a cura di Roberto M. Brioli Coll. Arch. Mirko Bisulli LE ANALISI DI SENSIBILITÀ Vi ricordate quello che abbiamo visto nelle prime lezioni? Alcune caratteristiche

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

Perché si fanno previsioni?

Perché si fanno previsioni? Perché si fanno previsioni? Si fanno previsioni per pianificare un azione quando c è un lag fra momento della decisione e momento in cui l evento che ci interessa si verifica. ESEMPI decisioni di investimento

Dettagli

IL FINANCING DELLE START UP

IL FINANCING DELLE START UP IL FINANCING DELLE START UP Facoltà Medicina e Chirurgia Verona Lunedì 4 maggio 2009 1 Il Business Plan (BP) è uno strumento di pianificazione strategica 2 1 Il processo di redazione del BP 1 - Executive

Dettagli

Alberi Decisionali di Vito Madaio

Alberi Decisionali di Vito Madaio Tecnica degli Alberi Decisionali Cosa è un albero decisionale Un albero decisionale è la dimostrazione grafica di una scelta effettuata o proposta. Non sempre ciò che istintivamente ci appare più interessante

Dettagli

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del Teoria della Finanza Aziendale Misura e valutazione del rischio 7 1- Argomenti Il rischio Il rischio negli investimenti finanziari La misurazione del rischio Varianza e scarto quadratico medio Il rischio

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Regressione Esempio Un azienda manifatturiera vuole analizzare il legame che intercorre tra il volume produttivo X per uno dei propri stabilimenti e il corrispondente costo mensile Y di produzione. Volume

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Le opzioni reali per la valutazione degli investimenti. Un applicazione al project financing.

Le opzioni reali per la valutazione degli investimenti. Un applicazione al project financing. Corso di Laurea Magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Amministrazione, Finanza e Controllo Tesi di Laurea Le opzioni reali per la valutazione degli investimenti. Un applicazione al project financing.

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati

Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati Agenda Parte Prima L evoluzione del mercato primario e secondario dei certificati di investimento negli ultimi anni La

Dettagli