CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI"

Transcript

1 UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo è: Fgra Eqazone e( t) Esen( t) alenta n sere, trate l dodo, la resstenza, che costtsce l carco tle per l crcto. A cap della resstenza stessa s preleva la tensone raddrzzata tle Eqazone nfatt l generatore d tensone alternata, polarzza n anera dretta l dodo drante la seonda postva [0, ] ettendolo n condzone. Drante, nvece, la seonda negatva [, ] l dodo è polarzzato n odo nverso e qnd nterdetto. Da notare che la assa tensone nversa a c è sottoposto l dodo n qesto ntervallo è E. 'andaento della corrente anodca è allora d tpo plsante, così coe qello della tensone tle. e nel crcto d Fg s fa l eqazone alla agla s ottene: Fgra Eqazone 3 E D E D Dove D è la c.d.t., dovta alla resstenza nterna del dodo. Qesto sstea d raddrzzaento prevede a cap del carco tle na tensone plsante ad na seonda (Fg. ) l c valore edo nel perodo, consderando la fora d'onda raddrzzata pratcaente snsodale, vale: Eqazone 4 E E addrzzatore a doppa seonda. Per aentare l valore edo della tensone raddrzzata e precsaente per raddopparlo, s rcorre al raddrzzaento a doppa seonda, pegando de dod con catod nt coe è rappresentato n Fg. 3 a).

2 Qesta volta l'alentazone del crcto avvene attraverso n trasforatore, l c praro è collegato al generatore d tensone alternata (rete d dstrbzone dell energa elettrca) e nel qale v è n secondaro d alta tensone, coposto d de seavvolgent gal, la c presa centrale è collegata a assa. e de tenson E e E gal fra loro e dsponbl agl estre lber de de seavvolgent sono fra loro sfasate d 80, coe s vede dal grafco d Fg. 3 b). D consegenza, de anod condcono alternatvaente ogn 80 n odo che la tensone tle, dsponble s catod, a cap del carco, rslta raddrzzata a doppa seonda. osì facendo, l valore edo della tensone raddrzzata (par al valore contno nel perodo) rslta l doppo del precedente, ossa, consderando sepre snsodale la fora d'onda raddrzzata: Eqazone 5 E E Fgra 3 la c dsposzone è rappresentata n Fg. 4. e s desdera raddrzzare abede le seonde, non avendo a dsposzone nel trasforatore l secondaro d alta tensone a presa centrale, s resce egalente nell'ntento, provvedendo, edante n ponte d raddrzzator, Fgra 4 Qesto sstea ha l vantaggo, raddrzzando l ponte l'onda ntera, d ottenere la stessa apezza e lo stesso andaento plsante della tensone a cap del carco, coe qella del crcto d Fg. 3 con nero età d spre sl secondaro. Per contro, l crcto a ponte rchede 4 raddrzzator. rca l fnzonaento del ponte d raddrzzator, c ltao ad osservare che, allorché gnge la seonda postva, essa partendo dal nodo A passa attraverso l dodo, l carco anodco e, qnd, s chde con l generatore trate dodo 3. Qando gnge la seonda negatva, ossa postva per l nodo B, essa percorrendo l dodo, l carco anodco, s chde con l generatore attraverso l dodo 4. Da notare che n abede cas, attraverso l carco la corrente ha crcolato sepre nello stesso senso secondo l dagraa d Fg. 4 b). n qesto caso trovandos dod n sere a de a de, la assa tensone nversa a c sono sottopost è E

3 dat relatv alle grandezze n goco ne crct d raddrzzaento a de seonde o a ponte d Graetz, sono rportat nella Tab. Tabella Dat s crct d raddrzzaento. Nella Tab. sono rportat valor che legano fra loro le grandezze n goco ne crct d raddrzzaento pù coneente sat n rado elettronca. on E ed E, l ed l sono ndcat valor effcac e ass della tensone e della corrente d ngresso; con, eff, l eff valor ed ed effcac delle tenson e delle corrent al carco; con nv la tensone nversa a c sono sottopost dod; con l dp, l d, l deff le corrent d pcco, eda ed effcace ne dod; con K r l coeffcente d rpple, nteso coe l rapporto fra l valore effcace della tensone della fondaentale della tensone d rpple e l valore edo della tensone al carco. on A la potenza apparente all'ngresso; con A c la potenza dsspata da carco. Qest'lta è data n fnzone d e d n qanto qest sono faclente srabl con no strento a bobna oble. dat della tavola s rferscono ad n carco ohco. Alentator Per l fnzonaento de crct elettronc occorrono sorgent d energa contna; pertanto bsogna trasforare al valore desderato e qnd Fgra 5 raddrzzare la tensone alternata che vene fornta attraverso la rete d dstrbzone. A tale scopo provvedono così dett «alentator». Ess sono costtt da n trasforatore d alentazone, da n crcto rettfcatore e da n ltro d lvellaento. o schea a blocch d n alentatore è rportato n Fg 5.

4 l crcto trasforatore è costtto da n trasforatore o da n atotrasforatore l qale ha l copto d trasforare l valore d tensone dal valore d rete 30 al valore d tensone desderato 4 9 etc. a seconda della destnazone d so. l crcto rettfcatore è del tpo d qell consderat ne paragraf precedent, e coe s è osservato la tensone d scta a cap del carco tle è d tpo plsante (a seplce o a doppa seonda). Nel tpo a na se onda l valore edo nel perodo della tensone a cap della resstenza d carco, vale: Eqazone 6 E E entre nel raddrzzaento a doppa seonda l valore edo raddoppa, ossa: Eqazone 7 E E n entrab cas, la tensone plsante d'scta è allora coposta da na coponente contna, che è par al valore edo della tensone raddrzzata, e da na coponente alternata, la qale non essendo perfettaente snsodale, è coposta, a sa volta, da na freqenza fondaentale e da aronche. Dato che l crcto vene alentato dalla rete d dstrbzone dell'energa elettrca, la c freqenza è d 50 Hz, nel raddrzzaento a na seonda la freqenza fondaentale della coponente plsante è 50 Hz, entre ne raddrzzaento a doppa seonda tale freqenza raddoppa, ossa è par a 00 Hz. l fltro d lvellaento è ndspensable per poter rendere pratcaente contna la grandezza plsante fornta dal raddrzzatore. a sa fnzone è qella d elnare la coponente alternatva della tensone raddrzzata e d aentare n larga sra l valore edo della coponente contna d'scta, n odo che essa raggnga l'85 90 % del valore asso della tensone raddrzzata. Fltr d lvellaento. FTO APATO. Prendao n esae l crcto d Fg. 6 a) n c, n n norale crcto d raddrzzaento ad na seonda, s è posto n parallelo al carco n condensatore d elevata capactà. Drante l pro qarto d'onda l condensatore s carca al valore asso della tensone del generatore E (Fg. 6 b), portando d consegenza anche l catodo del raddrzzatore a qesta tensone. Qando la tensone del generatore scende a valor nferor a qell della tensone catodca, ossa alla carca assa raggnta dal condensatore, l dodo s nterdce. Drante qesto ntervallo è l condensatore che s provvsa generatore e, edante la corrente d scarca, fornsce energa al carco (tepo t 0 t ). a scarca è tanto pù rapda qanto pù pccolo è l condensatore e la resstenza d carco. Appena la tensone a cap dell'anodo raggnge e spera la tensone resda a cap del condensatore, crcola corrente nel dodo, ed l condensatore s rcarca con n plso d corrente tanto pù ntenso qanto pù grande è la capactà stessa, recperando gl [Asec.] perdt nella scarca. nfatt nel breve tepo t t l condensatore deve rentegrare la qanttà d corrente perdta nel tepo t 0 t, n odo che l'area della scarca egagl qella della rcarca.

5 Per l'ntegrtà del dodo, vene ltato dal costrttore l gzzo d corrente d rcarca del condensatore, ndcando l valore asso d capactà da collegare tra catodo e assa. oe s era detto n precedenza e coe s pò nttvaente dedrre dal grafco d Fg. 6 b) la tensone al carco è coposta da na parte contna con sovrapposta na coponente alternata. Qest'lta prende l noe d tensone d rpple: r. l rapporto tra l valore effcace della tensone d rpple e l valor edo della tensone al carco è chaato coeffcente d rpple K r. Fgra 6 Eqazone 8 Kr eff Tanto pù pccolo è K r tanto glore è l'alentatore: Per dnre l valore della tensone d rpple s pò sare n crcto raddrzzatore a de se onde o a ponte d Graetz. n tal, caso, fero restando l processo d carca e scarca del condensatore, s dezzano tep d attazone del cclo e la freqenza della tensone d rpple è doppa rspetto a pra. FTO A P GEO. Per ltare lterorente l valore della tensone d rpple, s nterpone tra l condensatore, e l carco na cella coe n Fg. 7, ottenendo così n fltro detto a p greco. edao qanto vale l rpple della tensone sl carco. Per Fgra 7 l calcolo del rpple occorre calcolare eff sl carco. e ndchao con eff la tensone sl condensatore, rappresentante la tensone che s avrebbe sl carco se non c fosse l fltro a p greco, e con eff la tensone sl carco, qando agsce l fltro. Applcando l parttore d tensone s ha: Eqazone 9 c eff eff cordando l eqazone 8, sosttendo l eqazone 9 s ha:

6 c r c eff eff c eff r K K Analzzao l terne: j j j j j j j c Essendo > allora K r < K r. qnd l rpple s n alentatore con fltro a p greco rslta rdotto. Allo stesso rsltato s arrva se s consdera l crcto d fgra 8 Fgra 8 dat relatv alla grandezze n goco sono rportat nella Tab.. Tabella Per la progettazone d n alentatore con dod a secondttore, oltre che de dat rportat nella tavola, c s pò servre de dagra d Fg. 9, 0, e.

7 Fgra 9 Fgra 0

8 Fgra Fgra n ess sono rportat, n fnzone del prodotto nf e eq n valor d E ; dp d ; deff d

9 l valore d n è per crct d raddrzzaento a na se onda, per qell ad onda ntera. eq è la soa d + dfferenzale del dodo + degl avvolgent del trasforatore. dp deff valor del rapporto, e servono per la scelta de dod da pegare, per l calcolo della loro d d teperatra d fnzonaento e, qnd, per l tpo d ontaggo da preferre; dat qest che vengono fornt dal costrttore per ogn tpo d dodo. Esepo: on l crcto d Fg. 3 s vole alentare n carco = 50. ppost: E = e = 000F s deternno valor delle tenson e corrent nel carco e nel dodo. solzone: Dalla Tab., ne dat relatv al tpo d fltro, s ha: Fgra 3 5 f 5 0.0F 000F Qnd l nostro condensatore verfca la condzone. l valore della tensone sl carco s deterna dalla stessa tabella. E f a corrente sl carco e sl dodo vale: 5.4 d A 50 a tensone nversa del dodo deve essere aleno: nv = E = l coeffcente d rpple vale: K r 3.46 f %; edao se l dodo scelto BY36 soddsfa le condzon:

10 calcolao: nf n f nel dgraa d fgra s evdenza la crva relatva la terne n f 3.4 (fg. 4). tra na lnea parallela, all asse delle x, partendo dal pnto E a corrspondente ascssa Fgra 4 vale: eq eq Da dagra d fgra e, con analogo procedento s rcavano: dp d deff d.5 dp deff d d Qnd l dodo sarà scelto n fnzone d: dp = 3,85 A, d = 0,308 A, nv l dodo BY6, avendo: d = 0,8 A, dp = 5 A, nv = 00, soddsfa alle condzon rcheste. Dplcatore d tensone. È l crcto pù coneente pegato allorché s deve alentare n radorcevtore od n televsore, qando esstono proble d econoa e d'ngobro. nfatt, con qesto crcto, s pò evtare l'pego del trasforatore d alentazone, collegando l crcto drettaente alla tensone d rete. l dplcatore d tensone rappresentato n Fg. 9 fnzona Fgra 5 nel segente odo. l dodo, per effetto della carca al valore asso d, s trova a so cap (A e B) la tensone che vara fra lo zero ed l doppo della tensone assa d rete. Qesta tensone, par a E, trate l dodo, la c cadta nterna nel senso della condzone, è pratcaente trascrable, vene trasferta per ntero a cap del condensatore elettroltco e qnd a cap del carco coe tensone contna, secondo le polartà ndcate nella fgra stessa.

11 Trplcatore d tensone. l trplcatore d tensone è raraente pegato perché presenta na forte coponente d ronzo a cap del carco. a Fg. 0 rappresenta lo schea elettrco del trplcatore. n esso, drante la seonda postva, della tensone d rete, l condensatore s carca attraverso l dodo, a E. ccessvaente la seonda negatva, Fgra 6 per effetto della, carca attraverso l dodo al potenzale E. Nella sccessva seonda postva condce l dodo 3 che provvede, carcando 3 a E (tensone presente a cap d ) a stablre a cap del carco n potenzale part a 3E. Natralente l'solaento de condensator elettroltc e 3 deve essere proporzonato alle tenson n goco. Qadrplcatore d tensone. qadrplcatore d tensone (coe anche, l trplcatore) vene pegato, d solto, per l'alentazone degl elettrod de tb a ragg catodc per oscoscop, dove alta è la tensone che occorre e bassa è la corrente che s rchede (qalche A). o schea del qadrplcatore è rappresentato n Fg.. l Fgra 7 soare le loro tenson d'scta. fnzonaento è olto evdente: nfatt, s pò notare l'pego d de dplcator d tensone collegat n odo da nfne, n Fg. è rappresentato n crcto generale d oltplcatore d tensone, capace d oltplcare la tensone d alentazone per n fattore ntero qalsas. ndcando con n l nero d volte che s vole oltplcare l valore asso della tensone d rete, l nero d dod da pegare è par ad n stesso. Alentator stablzzat. Fgra 8 tablzzare n alentatore sgnfca rendere ndpendente, entro dscret lt, la sa tensone d scta sa dalle varazon della tensone d rete, sa dalle varazon della corrente assorbta dal carco. Qesto secondo caso s verfca noralente qando l'alentatore provvede all'alentazone d aplfcator. nfatt ess rchedono, sotto tensone costante, na corrente tanto pù ntensa qanto è pù elevata la loro potenza d scta. pò allora dedrre che l carco, eqvalente all'aplfcatore, rspetto ad na deternata condzone d fnzonaento, aenta o dnsce l so valore (rchedendo qnd pù o eno corrente) rspettvaente al dùre o al crescere della potenza d scta. pego del dodo ener coe stablzzatore d tensone. Negl alentator per crct che rchedono corrent non olto elevate, s ottene na sffcente stablzzazone della tensone d scta edante l'pego de dod ener. l dodo va posto n parallelo al carco, entre tra l fltro d lvellaento (che spesso s rdce ad na sola grossa capactà) ed l carco stesso va Fgra 9

12 posto n resstore, coe llstrato n Fg. 3. a varazone della tensone d scta è data da: Eqazone 0 T 0 Dove: coeffcente d stablzzazone Eqazone : r resstenza d scta Eqazone : z z r r 0 (coeffcente d teperatra) fornto dal costrttore. r è la resstenza dfferenzale del dodo ener nella zona d fnzonaento, valore fornto dal costrttore. n generale: Eqazone 3 U r Eqazone 4 Eqazone 5 Eqazone 6 Eqazone 7 P 'alentatore stablzzato deve fornre na tensone d scta la pù costante possble al varare d o d. n pratca percò s possono verfcare tre cas:. e varano entrab;. vara entre rane costante; 3. è costante entre vara ceglendo coe corrente na d ener ( zn ) crca l 0 % d, s ha: ondzone : Eqazone 8 n.

13 Eqazone 9 r. z n Eqazone 0. n Eqazone P n condzone : Eqazone n. Eqazone 3 Eqazone 4 P condzone 3: Eqazone 5. Eqazone 6 Eqazone 7 P n Dove è ntesa la tensone d ener e con P la assa potenza dsspata dallo ener. Esepo: Dsponendo d na tensone = 4 ±, s vole alentare, con l crcto d Fg. 0 n carco alentato ad na tensone = 9 e che assorbe na corrente,, varable da 50 a 300 A. alcolare valor d:, tensone, corrente e potenza del dodo zener, spposto r =.5. solzone. Fgra 0 e varano entrabe, pertanto c trovao nella condzone, per c: n rz 3 n A n

14 4 9 3 P n W 9 tablzzazone con transstore n sere. Un altro etodo per stablzzare la tensone d scta d n alentatore è qello d porre n sere, fra l fltro d lvellaento e l carco, n transstore la c base è antenta ad n potenzale costante edante n dodo ener (Fg. ). a tensone base eetttore del transstore è data dalla dfferenza fra la tensone d ener e qella d scta: Fgra Eqazone 8 BE z Ad ogn varazone d corrsponde qnd na varazone d segno opposto d BE. Pertanto se aenta: BE dnsce, rendendo eno condttore l transstore, che aentando d consegenza la sa E, copensa l'aento d. l processo nverso avvene allorqando dnsce. n pratca, per ottenere na sffcente stablzzazone, s scegle Eqazone B B hfe noltre: la potenza dsspata dal transstor vale: vale: Eqazone 30 D P Eqazone 3 B a potenza dsspata dal dodo zener è: Eqazone 3 P z B Esepo: Dsponendo d na tensone = 4 ±, s vole alentare, con l crcto d Fg. 0 n carco alentato ad na tensone = 9 e che assorbe na corrente,, varable da 50 a 300 A. alcolare valor d:, tensone, corrente e potenza del dodo zener, spposto r =.5 noltre l transstor ha segent dat: h FEn = 45 e h FE = 30

15 Densonare l crcto d fgra : solzone. a potenza del dodo deve essere: P W D Fssat (ettendos nelle condzon peggor): 5 B Bn h h 9 B deterna: B FE n FE n 30A A 0.38A a potenza dsspata dal dodo vale: Pz B n W 9 l dodo ener B99 soddsfa alle condzon rcheste.

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Problemi sul parallelogramma con le incognite

Problemi sul parallelogramma con le incognite Problemi sl parallelogramma con le incognite Qante altezze ha n parallelogramma Il concetto di altezza rimanda direttamente a qello della distanza di in pnto da na retta La distanza di n pnto da na retta

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

INTRODUZIONE AL RUMORE NEI CIRCUITI ELETTRONICI RAPPRESENTAZIONE DEL RUMORE

INTRODUZIONE AL RUMORE NEI CIRCUITI ELETTRONICI RAPPRESENTAZIONE DEL RUMORE INTODUZIONE A UMOE NEI CICUITI EETTONICI Se prendiao n qalsiasi circito elettronico ed andiao ad analizzare il valore di na grandezza elettrica (tensione o corrente in n pnto, vediao che non è stabile

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

4. RISPOSTA SISMICA DI SISTEMI MDOF

4. RISPOSTA SISMICA DI SISTEMI MDOF Corso Igegera Ssca - a.a. 9/ ott. g. Isaa Cleete ott. g. Chara Beo 4. RISPOSA SISICA DI SISEI DO Ottobre 9 v.. - Pag. 4. - Rsposta ssca sste DO 4. attore strttra Secoo le NC8 l fattore strttra q che tee

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

COMUNE DI VILLAPERUCCIO

COMUNE DI VILLAPERUCCIO COMUNE DI VILLAPERUCCIO Provincia di Carbonia-Iglesias SETTORE : Responsabile: AREA TECNICA Crreli Elvio DETERMINAZIONE N. in data 109 25/03/2014 OGGETTO: Approvazione Relazione Tecnica e Impegno di Spesa

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Laboratorio di.... Scheda n. 2 Livello: Base A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... LA LEGGE D OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Conoscenze - Conoscere la legge di Ohm - Conoscere lo

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Applicazioni Clean Air Power Generation Clean Room Indstrial Fatti Principali Gli Ultrafiltri

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 ESERCIZIO 1 (DE,DTE) Un transistore bipolare n + pn con N Abase = N Dcollettore = 10 16 cm 3, µ n = 0.09 m 2 /Vs, µ p = 0.035 m 2 /Vs, τ n = τ p = 10 6 s, S=1

Dettagli

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6 PRINCIPIO DI INDUZIONE LORENZO BRASCO Esercizio. Diostrare che per ogni n si ha nn. 2 Esercizio 2. Diostrare che per ogni n si ha 2 2 nn 2n. Soluzione Procediao per induzione: la 2 è ovviaente vera per

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli