FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA"

Transcript

1 FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA Appunti raccolti nel Dipartimento di Fisica dell Università La Sapienza di Roma a cura di Stefano Patrì. Indirizzo dell autore: 5 ottobre 008

2 PREFAZIONE Queste note sono gli appunti che ho raccolto frequentando le lezioni di Meccanica Quantistica del Prof. Massimo Testa. Io avevo già superato l esame di Istituzioni di Fisica Teorica della laurea quadriennale molti anni prima, non avendo però purtroppo potuto apprendere la materia a quell epoca dal Prof. Massimo Testa perché egli era impegnato allora con altri corsi. Non è mai bello far confronti fra docenti, soprattutto se poi è trascorso un così lungo periodo come fra quella prima volta e la seconda con il Prof. Testa. Mi limito pertanto ad esprimere viva ed immensa gratitudine al Prof. Massimo Testa perché soltanto dopo aver frequentato le sue ineguagliabili lezioni, ho potuto dire di aver compreso finalmente un pochino i fondamenti di quell affascinante costruzione teorica che è la Meccanica Quantistica. Sebbene io mi consideri oggi pienamente ed estremamente contento, felice, soddisfatto e realizzato nella mia vita, tuttavia mi capita ogni tanto di domandarmi, senza che possa mai più esservi una risposta, come sarebbe stata la mia vita se, quando avevo vent anni, avessi potuto apprendere la Meccanica Quantistica da un docente dai modi e dallo stile del Prof. Massimo Testa. Sperando che il lavoro di raccolta degli appunti delle lezioni del Prof. Testa possa essere di qualche giovamento per qualcuno, invito chiunque leggesse queste mie pagine ad inviarmi un qualsiasi suo commento personale di ogni tipo, nonché a segnalarmi qualunque errore, svista, imprecisione che venissero trovati. Grazie Stefano Patrì

3 Indice Dalla fisica classica alla fisica quantistica 5. Radiazione di corpo nero Effetto fotoelettrico Interferenza ottica Formalismo generale nella notazione di Dirac. Considerazioni preliminari Spazio degli stati possibili Osservabili e operatori lineari Misura di un osservabile Caso degli operatori continui in dimensione infinita Misura simultanea di osservabili Rappresentazione di operatori Legame fra osservabili classiche e operatori quantistici Trasformazioni unitarie e operatore impulso Autostati dell operatore impulso Trasformate di Fourier Operatore posizione nella base degli autostati dell impulso Impulso e traslazioni spaziali Principio di indeterminazione Pacchetti d onda Evoluzione temporale degli stati L equazione di Schrödinger e propagatore quantistico Evoluzione temporale e misura di due osservabili Rappresentazione di Heisenberg Densità di corrente di probabiltà Operatore Densità Velocità di trasmissione dell informazione Prodotto tensoriale di spazi di Hilbert Interazione tra sistema fisico e apparato di misura

4 4 INDICE 3.6. Difficoltà nell osservazione della meccanica quantistica Soluzioni dell equazione di Schrödinger Equazione di Schrödinger per la particella libera Analisi qualitativa delle soluzioni Potenziali costanti a tratti Buca di potenziale Particella nel segmento: buca di potenziale con pareti infinite L oscillatore armonico in una dimensione Rappresentazione matriciale degli operatori Oscillatore armonico asimmetrico L oscillatore armonico isotropo in due dimensioni Livelli di Landau Formulazione mediante integrali di cammino Integrali di cammino e fenomeno dell interferenza Effetto Aharonov-Bohm Momento angolare Momento angolare di spin L equazione di Pauli Composizione di momenti angolari Covarianza per rotazioni Covarianza dell equazione di Schrödinger Covarianza dell equazione di Pauli Sistemi in tre dimensioni L atomo d idrogeno L oscillatore armonico isotropo Particelle identiche Località della fisica Teoria delle perturbazioni Teoria indipendente dal tempo: caso non degenere Teoria indipendente dal tempo: caso degenere Metodo variazionale Teoria dipendente dal tempo Formalismo di seconda quantizzazione 57 Qualche esercizio 63

5 Capitolo Dalla fisica classica alla fisica quantistica Come afferma Thomas Kuhn a proposito delle rivoluzioni scientifiche, una rivoluzione scientifica viene sempre preceduta da un accumularsi di risultati sperimentali che induce a dubitare della validità della teoria consolidata relativamente a quell ambito di osservazione e a costruire quindi una nuova teoria che meglio si accordi con quei risultati. Verso la fine del diciannovesimo secolo si erano accumulate una serie di evidenze empiriche in virtù delle quali si cominciò a dubitare della validità della meccanica newtoniana quando si cercava di studiare fenomeni che avvenivano su scala microscopica. Limitandoci soltanto ad una breve analisi di pochi fenomeni che evidenziarono certi limiti della fisica classica, rimandiamo a testi della letteratura più ampi per una più esauriente trattazione di questi e di altri fenomeni che rappresentarono una sorta di crisi della fisica newtoniana.. Radiazione di corpo nero Fra questi fenomeni, in ambito termodinamico, c era il problema della cosiddetta radiazione di corpo nero, o radiazione termica. Nella seconda metà del XIX secolo Kirchhoff aveva condotto una serie di esperimenti sull emissione e sull assorbimento della luce. L osservazione empirica mostra che un corpo caldo emette radiazione elettromagnetica sotto forma di calore la cui distribuzione in lunghezza d onda (chiamata distribuzione spettrale) dipende dalla temperatura. Se un corpo è in equilibrio termico con l ambiente circostante e si trova quindi a temperatura costante T, allora esso deve emettere e assorbire la medesima quantità di energia nell unità di tempo sotto forma di radiazione, altrimenti la sua temperatura subirebbe variazioni. 5

6 6 CAPITOLO. DALLA FISICA CLASSICA ALLA FISICA QUANTISTICA La radiazione emessa o assorbita in queste condizioni viene denominata radiazione termica e si definiscono potere emissivo, indicato con E, e potere assorbitivo di un corpo le quantità di energia che nell unità di tempo e per unità di superficie tale corpo rispettivamente emette e assorbe. Si definisce quindi corpo nero un corpo che assorbe tutta l energia prodotta dalla radiazione incidente su di esso. L espressione radiazione di corpo nero, coniata da Kirchhoff, deriva dal fatto che la radiazione prodotta da un corpo riscaldato può essere osservata chiudendo il corpo in un forno e guardando quindi la luce emessa attraverso un piccolo foro appositamente praticato nella parete del forno stesso al cui interno vi è ovviamente oscurità. Possiamo allora fare a meno del forno e utilizzare una cavità mantenuta a temperatura costante, al cui interno sia fatto il vuoto, che abbia un piccolo foro attraverso il quale possa entrare o uscire un raggio di luce. Tale foro si comporta come un corpo nero perché tutta la radiazione che entra dall esterno attraverso di esso viene effettivamente assorbita dopo varie riflessioni sulle pareti all interno della cavità. Se la temperatura della cavità viene poi fatta variare, si osserverà che la radiazione uscente dal foro all esterno sarà, al crescere della temperatura, via via più splendente fino a cambiare colore dal rosso scuro al giallo e infine al bianco intenso. Ciò accade perchè gli elettroni del metallo delle pareti della cavità si comportano come degli oscillatori i quali, appunto oscillando per effetto del riscaldamento, subiscono una variazione dello stato di moto ed emettono in tal modo radiazione elettromagnetica. Questa radiazione può essere assorbita dagli stessi elettroni ed essere irradiata di nuovo. Il processo va avanti indefinitamente benché vi sia ovviamente una perdita di radiazione attraverso il piccolo foro che ce ne consente l osservazione e la misura. Alla distribuzione dei colori corrisponde il dispiegamento delle lunghezze d onda, indipendentemente dal tipo di materiale di cui è costituita la cavità. Considerando l equilibrio termico fra oggetti di materiali differenti e utilizzando solo le leggi della termodinamica, Kirchhoff era giunto alla conclusione che il potere assorbitivo e il potere emissivo di un corpo sono uguali indipendentemente dalla temperatura del corpo stesso e per radiazione di qualsiasi lunghezza d onda. La densità di energia e la composizione della radiazione emessa all interno di un corpo cavo, delimitato da pareti impenetrabili a temperatura T, dovevano essere indipendenti dalla natura delle pareti stesse. In altre parole la densità ρ di energia della radiazione è una funzione universale della frequenza ν e della temperatura assoluta T ; la potenza emessa per unità di area da un corpo nero a frequenze comprese fra ν e dν, indicata con ρ(ν, T) dν, deve fornire una potenza totale R emessa per unità di area data da R = + 0 ρ(ν, T) dν Per determinare la forma della funzione ρ, si utilizzarono esclusivamente argomentazioni di natura termodinamica: in particolare la legge di proporzionalià, trovata dai

7 .. EFFETTO FOTOELETTRICO 7 fisici austriaci J. Stefan e L. Boltzmann, fra il potere emissivo di un corpo e la quarta potenza della sua temperatura assoluta T (E = σt 4 ) e la legge per la quale il prodotto della temperatura per la lunghezza d onda che fornisce il valore massimo dell emissione (legge dello spostamento di Wien) risulta costante (λ max T = k). La forma della funzione ρ, proposta dal fisico tedesco W. Wien in accordo con queste due leggi, fu dunque ρ(ν, T) = a ν 3 e bν T (.) dove a e b sono due costanti positive, ma ulteriori esperimenti evidenziarono che questa espressione della ρ(ν, T) non vale per le basse frequenze per le quali i fisici Rayleigh e Jeans trovarono l espressione ρ(ν, T) = atν (.) Il fisico M. Planck risolse allora il problema della radiazione di corpo nero ipotizzando che gli oscillatori ai quali è dovuta l emissione della radiazione di frequenza ν, scambino energia con le pareti non in modo continuo, bensì a pacchetti, in modo che le energie siano dunque multiple del pacchetto (denominato quanto) hν e, sulla base dei principi di meccanica statistica, pervenne alla relazione, assolutamente non deducibile da argomentazioni di fisica classica ρ(ν, T) = 8πh c 3 ν 3 e hν KT dove h è la famosa costante di Planck avente le dimensioni fisiche di un azione, c è la velocità della luce nel vuoto e K è la costante di Boltzmann. Si verifica facilmente che la ρ(ν, T) di Planck si riduce alla (.) nell approssimazione di alte frequenze e si riduce alla (.) nell approssimazione di basse frequenze.. Effetto fotoelettrico L importanza del ruolo della costante h fu chiarito in seguito da Einstein attraverso lo studio dell effetto fotoelettrico. Con questo nome si intende quel fenomeno per il quale degli elettroni fuoriescono da un metallo quando su di esso si invia una radiazione incidente avente un energia maggiore di un energia di soglia Ū. Nel corso di esperimenti finalizzati all indagine delle proprietà delle onde elettromagnetiche, H. Hertz scoprì nel 887 che quando della radiazione ultravioletta incide su elettrodi metallici facilita il passaggio di una scintilla. Successivi esperimenti mostrarono che le particelle cariche sono emesse dalle superfici metalliche quando queste ultime vengono irradiate da onde elettromagnetiche di alta frequenza. Gli aspetti più importanti che emersero dai dati sperimentali furono il fatto che vi è una frequenza di soglia della radiazione incidente sotto la quale, qualunque sia l intensità, non si verifica nessuna emissione di elettroni; gli elettroni fuoriescono con valori del modulo della velocità che vanno da zero fino ad

8 8 CAPITOLO. DALLA FISICA CLASSICA ALLA FISICA QUANTISTICA un valore v max tale che l energia cinetica corrispondente alla stessa v max dipende linearmente dalla frequenza della radiazione incidente e non dipende dalla sua intensità, che è proporzionale al valor medio del modulo del quadrato del campo elettrico E; il numero di elettroni emessi per unità di tempo risulta essere, per una data frequenza della radiazione incidente, proporzionale all intensità della radiazione; l emissione di elettroni si verifica immediatamente non appena la radiazione comincia ad incidere sulla superficie, senza che trascorra nessun intervallo di tempo. Secondo la fisica classica ci si poteva attendere che l energia cinetica massima degli elettroni emessi sarebe aumentata con la densità di energia (o intensità) della radiazione incidente, indipendentemente dalla frequenza, ma questo non si acccorda con l osservazione. Inoltre secondo la teoria classica l energia incidente è distribuita uniformemente su tutta la superficie illuminata e poiché per estrarre un elettrone da un atomo occorre che la radiazione sia concentrata su un area delle dimensioni atomiche, allora dovrebe trascorrere un intervallo di tempo prima che la radiazione possa arrivare ad incidere sulla regione con le dimensioni opportune. Einstein fornì nel 905 una spiegazione per questi strani aspetti dell effetto fotoelettrico basata sull estensione della teoria di Planck della quantizzazione della radiazione di corpo nero. Nella teoria di Planck gli oscillatori che rappresentano la sorgente del campo elettromagnetico possono vibrare con energie E = nhν, mentre Einstein formulò l ipotesi che il campo elettromagnetico stesso fosse quantizzato e che la luce fosse costituita da corpuscoli denominati quanti di luce o fotoni che si muovono con la velocità c della luce e trasportano un quanto di energia E = hν. I fotoni sono sufficientemente localizzati, in modo tale che l intero quanto di energia possa essere assorbito da un atomo istantaneamente e possa essere pertanto usato per estrarre un elettrone dall atomo. A causa delle interazioni dell elettrone emesso con gli altri atomi, occorre che la radiazione incidente abbia una certa energia minima Ū per estrarre l elettrone, da cui segue che l energia cinetica massima di un fotoelettrone è data da mv max = hν Ū (.3) e la frequenza di soglia ν s assume il valore ν s = Ū h ottenuto per v max = 0. Pertanto per innalzare l energia degli elettroni fuoriusciti, occorre aumentare la frequenza della radiazione incidente, perché dalla (.3) si ha che più pacchetti si inviano, maggiore è l energia che gli elettroni ricevono. Queste osservazioni sembravano confermare l idea dei pacchetti di Planck, ovvero la visione corpuscolare della radiazione. Tale visione corpuscolare, in realtà, risaliva a Newton che faceva notare come la riflessione della luce ad un angolo pari a quello di incidenza assomigliasse al rimbalzo di una pallina (corpuscolo) su una parete.

9 .3. INTERFERENZA OTTICA 9.3 Interferenza ottica A far abbandonare l idea corpuscolare della luce era stata, dopo Newton, l osservazione del fenomeno dell interferenza ottica. Data una radiazione che passa attraverso due fenditure, si ha che nel punto di osservazione P (fig..) le due onde (passanti per le due fenditure) si sommano in fase (fig..3) perché hanno percorso uguale cammino ottico. Nel punto di osservazione Q invece le due onde giungono dopo aver percorso due differenti cammini ottici sfasati di una quantità (fig..). Se vale = nλ, con λ lunghezza d onda della radiazione, allora le due onde si sommano ancora in fase, come per il punto P. Se invece risulta = nλ/, allora segue che le due onde, interferendo, si annichilano (fig..4). Se teniamo aperta soltanto una delle due fenditure, allora si ottiene uno spettro simmetrico centrato sulla fenditura aperta (fig..5); mentre se teniamo aperte entrambe le fenditure, non si ottiene la sovrapposizione dei due spettri relativi alle fenditure aperte separatamente (fig..6), come ci si potrebbe attendere, ma poiché in alcuni punti di osservazione si ha = nλ e in altri = nλ/, si ottiene l immagine di interferenza riprodotta nella figura.7. La radiazione, dunque, per l elettromagnetismo classico possiede natura ondulatoria. Come vedremo nel prossimo capitolo, gli elettroni, che pure sono particelle (cioè corpuscoli), quando vengono inviati contro una barriera avente due fenditura, dànno luogo a fenomeni di interferenza analoghi ai fenomeni di interferenza appena discussi che sono tipici della natura ondulatoria della radiazione. La meccanica quantistica che nacque per spiegare, fra gli altri, i fenomeni della radiazione di corpo nero e dell effetto fotoelettrico, venne sviluppata dunque per conciliare la natura corpuscolare delle particelle (elettroni) con il loro comportamento ondulatorio che si manifesta quando esse vengono inviate contro due fenditure di una lastra e dànno luogo al fenomeno dell interferenza del tutto analogo a quello che si osserva quando contro le medesime due fenditure viene inviata una radiazione elettromagnetica. F Q F P F F fig.. fig..

10 0 CAPITOLO. DALLA FISICA CLASSICA ALLA FISICA QUANTISTICA Fig..3 Fig..4 F F F F Fig..5 Fig..6 F F Fig..7

11 Capitolo Formalismo generale nella notazione di Dirac. Considerazioni preliminari Secondo Feynman, ciò che diede l ispirazione per lo sviluppo matematico della meccanica quantistica, ovvero la chiave per capire come è nata la meccanica quantistica, è stato il fenomeno dell interferenza ottica. Inviando infatti degli elettroni attraverso due fenditure, non si osserva uno spettro dato dalla sovrapposizione dei due spettri ottenuti inviando gli elettroni attraverso una sola fenditura tenendo chiusa l altra (fig..6); si osserva piuttosto una figura di interferenza analoga a quella appena illustrata per la radiazione (fig..7). Questa interferenza vale inoltre elettrone per elettrone, cioè se inviamo elettroni uno alla volta e attendiamo che ne giunga uno sulla lastra prima che parta il successivo, dopo che siano stati inviati un certo numero di elettroni, si osserva comunque la stessa figura di interferenza di prima. Allora occorre introdurre una probabilità che l elettrone cada in un certo punto della lastra. Questa probabilità è teorica e non pratica, come è invece in teoria cinetica dei gas e in meccanica statistica. In teoria cinetica dei gas e in meccanica statistica la necessità di descrivere la dinamica microscopica in termini probabilistici derivava dal problema pratico che cè in gioco una gran quantità di particelle delle quali è incontrollabile lo stato dinamico. Nell interferenza di elettroni la probabilità è teorica perché in realtà la loro dinamica è completamente sotto controllo senza che vi siano variabili nascoste non controllabili. Nel caso dell interferenza ottica si aveva che essa derivava dal valor medio dell intensità ( E + E ), dove E e E sono i campi elettrici associati alle due onde: quindi il concetto di probabiltà quantistica non risiede tanto in una densità di probabiltà in sé, bensì in una funzione ψ(x) il cui quadrato (o per meglio dire, il cui modulo quadro) dia la probabiltà che la particella si trovi nella posizione x, in tutta analogia con il caso

12 CAPITOLO. FORMALISMO GENERALE NELLA NOTAZIONE DI DIRAC ottico ( E + E ) = I + I + I I ψ(x) = ψ (x) + ψ (x). Spazio degli stati possibili Dunque dall ottica siamo indotti (dire siamo indotti è più corretto che dire abbiamo dedotto ) a introdurre il concetto di stato della particella: lo stato rappresenta la situazione in cui solo la fenditura è aperta, lo stato rappresenta la situazione in cui solo la fenditura è aperta e lo stato dato dalla combinazione lineare dei due rappresenta la situazione in cui entrambe le fenditure sono aperte. Mentre in meccanica classica, dati due stati possibili, il verificarsi di uno di essi esclude il verificarsi dell altro, in fisica quantistica, dati due stati possibili, si può avere anche uno stato che sia combinazione lineare dei due il quale, utilizzando sempre l analogia ottica, corrisponde al passaggio della particella attraverso le due fenditure. Questa è la metodologia di descrizione che meglio si addice all interferenza di elettroni. Poiché questa probabilità quantistica è sensibile alle combinazioni lineari, cioè, date due funzioni ψ (x) e ψ (x) si deve poter esprimere ψ(x) = ψ (x)+ψ (x), allora segue che le ψ j (x) formano uno spazio lineare generalmente complesso dotato di prodotto scalare, indicato con (, ) e, se lo spazio ha dimensione finita, dato da n (w, v) := wi v i, per ogni w = (w, w,..., w n ), v = (v, v,..., v n ) i= Se la dimensione dello stato è invece infinita, allora si definisce il prodotto scalare per ogni ϕ e ψ dato da (ϕ, ψ) := + ϕ (x) ψ(x) d 3 x Come notazione abbiamo nel caso di dimensione finita v = (v, v,..., v n ) e nel caso di dimensione infinita ψ = ψ(x). A questo punto introduciamo allora la notazione di Dirac che consiste nell indicare i vettori di stato, indipendentemente dalla dimensione dello spazio, con il simbolo v = v e ψ = ψ dove viene chiamato vettore ket o semplicemente ket. I ket formano dunque quello che chiamiamo spazio degli stati possibili che risulta dunque essere uno spazio di Hilbert. Formuliamo poi l ipotesi che ad ogni situazione fisica concreta corrisponde un ket dello spazio degli stati possibili e che, viceversa, ad ogni ket dello spazio degli stati possibili corrisponde una situazione fisica concreta.

13 .. SPAZIO DEGLI STATI POSSIBILI 3 In questo spazio il ket ψ è un oggetto astratto che prende forma concreta solo quando lo esprimiamo rispetto ad una fissata base: scrivere ψ = ψ(x) significa esprimere il ket nella base delle funzioni di x. Nella notazione di Dirac abbiamo poi che il vettore coniugato del generico ket a è il vettore bra a. Abbiamo detto che la densità di probabilità della x (in una dimensione) è data dall espressione ψ(x) da cui segue che il valor medio di x, indicando d ora in poi il valor medio con il simbolo, è dato da x = + x ψ(x) dx Allora se la ψ(x) descrive tutto lo stato della particella, si debbono poter calcolare i valori medi di ogni altra osservabile fisica (oltre alla posizione), per esempio dell impulso p x, dato da p x. Per capire come si calcolano i valori medi delle osservabili, scriviamo x = + x ψ(x) dx = + ψ (x) xψ(x) dx da cui segue che nella notazione di Dirac tale valor medio si esprime nella forma, detta bracket x = ψ x ψ dove con la scrittura x ψ intendiamo l azione dell operatore lineare x sul ket ψ definita appunto, nella base delle funzioni di x, come prodotto xψ(x) del valore x per la funzione ψ(x). Per l analogia fra la meccanica quantistica e il fenomeno dell interferenza ottica, la funzione ψ(x) che rappresenta lo stato della particella, viene chiamata funzione d onda. Allora deduciamo che per calcolare il valor medio di una generica osservabile fisica in un dato stato ψ, basta sostituire l operatore lineare corrispondente a quell osservabile al posto di x in ψ x ψ. Per la grandezza impulso p x si ha dunque ψ p x ψ = + ψ (x) p x ψ(x) dx Quello che dovremo fare sarà allora trovare il modo di esprimere, rispetto ad una fissata base, gli operatori lineari corrispondenti alle osservabili fisiche. Poiché il valor medio di una serie di misure effettuate per una certa grandezza fisica è ovviamente un numero reale, allora concludiamo che, se vogliamo che la teoria abbia un senso, l operatore lineare corrispondente ad un osservabile fisica deve essere tale che il suo valor medio calcolato su qualunque ket di stato sia sempre un numero reale.

14 4 CAPITOLO. FORMALISMO GENERALE NELLA NOTAZIONE DI DIRAC.3 Osservabili e operatori lineari In meccanica quantistica dunque per calcolare il valor medio della misura di un osservabile A su uno stato, occorre trovare l operatore lineare corrispondente all osservabile e calcolare il suo bracket rispetto allo stato assegnato. Nel seguito utilizzeremo i termini osservabili e operatori lineari come sinonimi. Anticipando che, come dimostreremo in seguito, nella base delle funzioni di x l operatore impulso è dato da p x := i h d dx verifichiamo che il valor medio ψ p x ψ = i h + ψ (x) d ψ(x) dx dx sia effettivamente un numero reale. Si ha integrando per parti + ψ p x ψ = i h ψ(x) d dx ψ (x) dx = + = i h ψ (x) d dx ψ(x) dx = ψ p x ψ dove l addendo del metodo per parti dato dal prodotto ψ ψ risulta pari a zero nei due estremi ± per le proprietà asintotiche della ψ(x). Poiché vale ψ p x ψ = ψ p x ψ concludiamo che il valor medio ψ p x ψ è dunque un numero reale puro. Quindi se l espressione di p x non avesse l unità immaginaria i, allora il valor medio dell operatore p x dato da ψ p x ψ sarebbe immaginario puro; inoltre se lo spazio degli stati non fosse complesso, allora il valor medio di p x sarebbe sempre nullo perché + ψ(x) d dx ψ(x) dx = + d dx [ψ(x)] dx = [ψ(x)] + = 0 Dati allora due operatori lineari A e B sullo spazio degli stati possibili, dimostriamo che se vale (v, Aw) = (v, Bw) per ogni v, w, allora segue l uguaglianza A = B. Infatti si ha per ogni v, w e ponendo ad un certo punto v = (A B) w (v, Aw) = (v, Bw) ( v, (A B) w ) = 0 ( (A B) w, (A B) w ) = 0 (A B) w = 0 (A B) w = 0 A B = 0 Dato un operatore A, si chiama operatore aggiunto o operatore hermitiano coniugato di A l operatore B tale che valga (Bw, v) = (w, Av)

15 .3. OSSERVABILI E OPERATORI LINEARI 5 Se sviluppiamo le forme bilineari dei prodotti scalari (in dimensione finita) (Bw, v) = (w T B T ) v (w, Av) = (w T ) Av = (w T A ) v e confrontiamo i risultati ottenuti, perveniamo all uguaglianza B T = A da cui ricaviamo la relazione fra l operatore A e il suo hermitiano coniugato B data da B = (A T ) := A + Un operatore A si dice autoaggiunto o hermitiano se vale la relazione A = A + In realtà nell Analisi Funzionale i due concetti di operatore aggiunto e di operatore hermitiano coniugato, così come i due concetti di operatore autoaggiunto e di operatore hermitiano, non sono proprio sinonimi e la differenza sta nel dominio in cui essi agiscono perché in uno spazio di dimensione infinita debbono essere tenuti in considerazione anche eventuali problemi di convergenza degli integrali che esprimono le forme bilineari dei prodotti scalari. Non preoccupandoci per il momento di tali problemi e assumendo come equivalenti i due concetti, dimostriamo che se A è un operatore hermitiano, allora si ha che il suo valor medio (ψ, Aψ) è sempre reale. Si ha infatti (ψ, Aψ) = (Aψ, ψ) = (ψ, Aψ) cioè (ψ, Aψ) = (ψ, Aψ) e dunque (ψ, Aψ) è sempre reale. Nella notazione di Dirac poniamo quindi e (ψ, Aφ) ψ A φ (A + ψ, φ) = (φ, A + ψ) φ A + ψ da cui segue che la relazione che definisce l operatore aggiunto diventa φ A + ψ = ψ A φ

16 6 CAPITOLO. FORMALISMO GENERALE NELLA NOTAZIONE DI DIRAC Infine si ha ψ φ = φ ψ, A φ = φ, φ A + = φ Nello spazio degli stati possibili ψ φ è un prodotto scalare astratto che nella base delle funzioni di x si esprime rispetto alle componenti dei vettori ψ φ = + ψ (x) φ(x) dx In meccanica quantististica la misura di un osservabile in uno stato si effettua immaginando di avere infinite repliche del sistema in modo che si possa eseguire tale misura su ogni replica e si pervenga al valor medio finale. Poiché dunque il valor medio di un osservabile è la quantità reale misurata, gli operatori associati alle osservabili sono soltanto gli operatori hermitiani nello spazio degli stati possibili perché questa classe di operatori, come dimostrato, fornisce sempre valor medio reale su ogni stato. Dimostriamo ora l altra importante proprietà di un operatore hermitiano A per la quale esso possiede soltanto autovalori reali e gli autovettori relativi ad autovalori distinti sono ortogonali. Data infatti l equazione agli autovalori (detta anche equazione secolare) di A e la sua coniugata A λ = λ λ e λ A = λ λ, moltiplicando la prima per il bra λ e la seconda per il ket λ, otteniamo λ A λ = λ λ λ e λ A λ = λ λ λ da cui, sottraendo membro a membro, segue (λ λ ) λ λ = 0 e dunque λ = λ, ovvero che l autovalore λ è un numero reale. Moltiplicando poi l equazione secolare A λ = λ λ per il bra λ e l equazione secolare λ A = λ λ per il ket λ (l autovalore λ nell equazione coniugata è stato scritto senza complesso coniugato perché gli autovalori sono reali), otteniamo λ A λ = λ λ λ λ A λ = λ λ λ da cui, sottraendo membro a membro, segue (λ λ ) λ λ = 0 e dunque l ortogonalità data da λ λ = 0 se λ λ. Scegliendo nell autospazio relativo ad un eventuale autovalore degenere gli autovettori in modo che siano a due a due ortogonali, concludiamo che gli autovettori di un operatore hermitiano A formano una base completa ortogonale dello spazio degli stati possibili. Prendendo poi tutti gli autovettori con norma unitaria, otteniamo una base completa ortonormale formata dagli autovettori normalizzati λ i dell operatore A, per i quali vale la relazione di ortonormalità λ i λ j = δ ij, con δ ij detta delta di Kronecker.

17 .4. MISURA DI UN OSSERVABILE 7 Dato allora un generico stato (ket) ψ, possiamo svilupparlo come combinazione lineare dei vettori di tale base ortonormale scrivendo ψ = i c i λ i in cui i coefficienti c i della combinazione si ottengono moltiplicando scalarmente ambo i membri per il bra λ j λ j ψ = i c i λ j λ i = i c i δ ji = c j in modo da ottenere in conclusione c j = λ j ψ Allora per ogni generico ket ψ abbiamo lo sviluppo ψ = j λ j λ j ψ da cui ricaviamo che λ j λ j j è l operatore identità I perché quando esso agisce sul ket ψ lo lascia invariato. Allora il singolo operatore P j = λ j λ j è un proiettore sulla direzione λ j perché P j ψ è un vettore avente la direzione dell autovettore λ j e inoltre si verifica immediatamente la proprietà degli operatori di proiezione P j = λ j λ j λ i λ i = λ j δ ij λ i = λ j λ j = P j.4 Misura di un osservabile Data un osservabile A avente equazione agli autovalori A λ i = λ i λ i, se calcoliamo il suo valor medio nell autostato λ i, otteniamo come risultato l autovalore λ i corrispondente, cioè λ i A λ i = λ i λ i λ i = λ i λ i λ i = λ i Se misuriamo l osservabile A nell autostato λ i, otteniamo valor medio λ i A λ i = λ i AA λ i = λ i λ i A λ i = λ i λ i λ i = λ i

18 8 CAPITOLO. FORMALISMO GENERALE NELLA NOTAZIONE DI DIRAC Da questi risultati deduciamo che nell autostato λ i il valore della misura dell osservabile A è con certezza, cioè con probabilità, l autovalore λ i corrispondente all autostato in cui si è misurata A perché la varianza di tale misura è zero, come si vede calcolando σ = (A A ) = A A A + ( A ) = = A A A + ( A ) = A ( A ) = λ i λ i = 0 La nostra interpretazione è allora che la misura di un osservabile A dà sempre come risultato uno dei suoi autovalori. Se misuriamo A su un generico stato ψ, il valor medio di A su ψ è A ψ := ψ A ψ = i ψ A λ i λ i ψ = i λ i ψ λ i λ i ψ = = i λ i ψ λ i ψ λ i = i λ i ψ λ i Il risultato ottenuto A ψ := ψ A ψ = i λ i ψ λ i (.) è la relazione fondamentale per l interpretazione probabilistica della meccanica quantistica: se il sistema si trova in un autostato dell osservabile A, allora la misura di A dà con probabilità come risultato l autovalore corrispondente all autostato; se il sistema si trova in un generico stato ψ, allora la misura di A dà come risultato uno dei suoi autovalori, diciamo λ i, con probabilità data da ψ λ i. Si verifica immediatamente che i valori ψ λ i sono delle probabilità perché si ha ψ λ i = i i ψ λ i λ i ψ = = ψ ( ) λ i λ i i ψ = ψ ψ = Sottolineiamo che tale interpretazione probabilistica della meccanica quantistica deriva dalla struttura della relazione (.) in cui si ha la sommatoria di addendi ognuno dei quali è il prodotto di un numero λ i per un peso ψ λ i : poiché, come visto, la somma dei pesi è, allora interpretiamo appunto i λ i come i risultati della misura e i pesi ψ λ i come probabilità che esca quel valore della misura, in tutta analogia con la definizione di valor medio della teoria della probabiltà.

19 .4. MISURA DI UN OSSERVABILE 9.4. Caso degli operatori continui in dimensione infinita Dato un operatore hermitiano A in dimensione finita, abbiamo visto che dalla sua equazione secolare A λ i = λ i λ i segue la relazione di ortonormalità λ i λ j = δ ij. Se abbiamo in dimensione infinita un operatore continuo, come per esempio l operatore x della posizione che nella base delle funzioni di variabile x agisce come prodotto per la funzione d onda ψ(x), allora si presenta un problema sugli autovalori e sulla loro normalizzazione. Se consideriamo l esempio dell operatore di posizione la cui equazione secolare è xψ λ (x) = λ ψ λ (x) (.) riscrivibile nella forma (x λ) ψ λ (x) = 0, abbiamo che le autofunzioni sono { 0 se x λ ψ λ (x) = c se x = λ (.3) Nella teoria degli spazi L p (ricordiamo che tra tutti gli spazi L p, con p, soltanto lo spazio L è uno spazio di Hilbert) le funzioni sono definite uguali fra loro se differiscono al più in un insieme di misura nulla. L autofunzione ψ λ (x) in (.3) è allora una funzione equivalente alla funzione identicamente nulla su tutto l asse reale perché differisce da questa soltanto in x = λ, cioè appunto in un insieme di misura nulla. Poiché quando scriviamo un equazione secolare cerchiamo autofunzioni non nulle, allora la ψ λ (x) data dalla (.3) è una soluzione inadeguata dell equazione secolare dell operatore di posizione. La soluzione va cercata allora non nella classe delle funzioni ordinarie, bensì in quella delle distribuzioni: poniamo cioè ψ λ (x) = δ(x λ) (.4) dove δ( ) è la distribuzione detta delta di Dirac. Nell ambito della teoria delle distribuzioni, la ψ λ (x) in (.4) è una soluzione di (.) perché per ogni funzione di prova f(x) si ha + + (x λ) ψ λ (x) f(x) dx = (x λ) δ(x λ) f(x) dx = 0 Abbiamo poi, in base al teorema spettrale, l ortogonalità delle autofunzioni relative ad autovalori distinti perché il prodotto scalare di ψ λ (x) e ψ λ (x), con λ λ, è ψ λ ψ λ = + ψ λ(x) ψ λ (x) dx = + δ(x λ) δ(x λ ) dx = δ(λ λ ) = 0 Rimane comunque il problema della norma di un autofunzione perché se si esegue il prodotto scalare di un autofunzione con se stessa si ottiene ψ λ ψ λ = + ψ λ (x) ψ λ(x) dx = + δ(x λ) δ(x λ) dx = δ(0) =

20 0 CAPITOLO. FORMALISMO GENERALE NELLA NOTAZIONE DI DIRAC Considerando spettri discreti e continui, la relazione di completezza si scrive nella forma I = λ λ + λ λ dλ λ discreto λ continuo dove, per ipotesi, consideriamo disgiunti il sottoinsieme degli autovalori discreti e il sottoinsieme degli autovalori continui. Ogni ket corrispondente ad un autovalore del sottoinsieme discreto è allora ortogonale a tutti i ket corrispondenti ad autovalori continui e ogni ket corrispondente ad un autovalore del sottoinsieme continuo è ortogonale a tutti i ket con autovalore discreto. Così come se applichiamo l identità al ket λ di autovalore discreto λ, otteniamo come risultato λ perché λ λ λ + λ λ λ dλ = λ discreto = λ discreto λ continuo λ λ λ = λ analogamente se applichiamo l identità al ket λ di autovalore continuo λ, dobbiamo ottenere ugualmente il ket λ inalterato, ovvero λ λ λ + λ λ λ dλ = λ discreto Poiché vale la relazione = λ continuo λ continuo λ continuo segue, confrontando la (.5) con la (.6), che deve valere λ λ λ dλ = λ (.5) δ(λ λ ) λ dλ = λ (.6) λ λ = δ(λ λ ) Il valor medio di un osservabile in uno stato ψ si generalizza nella forma ψ A ψ = λ λ ψ + λ λ ψ dλ λ discreto λ continuo con il medesimo significato probabilistico dei pesi λ ψ già introdotto. Se lo stato ψ non fosse normalizzato, nel senso che la sua norma ψ ψ fosse finita diversa da o infinita, allora λ ψ è proporzionale alla probabilità (nel discreto) o densità di probabilità (nel continuo): quindi se λ ψ non fosse ben definito perché, per esempio, pari a infinito, allora si ha che è ben definita la quantità λ ψ λ ψ perché le costanti di proporzionalità (anche eventualmente di valore infinito) si semplificano.

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario May 5, 2013 Bohr, Born,, Dirac e Pauli accettano in modo incondizionato la nuova fisica Einstein, De, e pur fornendo importanti contributi alla nuova teoria cercano di ottenere una descrizione CAUSALE

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e " i k x u k ψ x + a = e " i k x + a u k x + a = e " i k a e " i k x u k

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e  i k x u k ψ x + a = e  i k x + a u k x + a = e  i k a e  i k x u k Teorema di Bloch Introduzione (vedi anche Ascroft, dove c è un approccio alternativo) Cominciamo col considerare un solido unidimensionale. Il modello è quello di una particella (l elettrone) in un potenziale

Dettagli

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme Da Newton a Planck Meccanica classica (Newton): insieme La struttura dell atomo di leggi che spiegano il mondo fisico fino alla fine del XIX secolo Prof.ssa Silvia Recchia Quantomeccanica (Planck): insieme

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come RICHIAMI SULLE MATRICI Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come A = a 11 a 12... a 1n a 21 a 22... a 2n............ a m1 a m2... a mn dove m ed n sono le dimensioni di A. La matrice A può

Dettagli

PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE

PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE Capitolo 1 PRNCP D VRAPPZNE 1.1 Principio di sovrapposizione in ottica ondulatoria: esperimento di Young Una sorgente emette un onda luminosa monocromatica di lunghezza d onda λ, come illustrato in Fig.1.1.

Dettagli

Carlo Cosmelli. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica. Settimana 5. Lezione 5.1 La funzione d onda I parte

Carlo Cosmelli. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica. Settimana 5. Lezione 5.1 La funzione d onda I parte La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica Settimana 5 Lezione 5.1 La funzione d onda I parte Carlo Cosmelli 1 Riassunto al 1924 Quindi: 1900 - Planck: lo scambio di Energia [onda

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

Introduzione alla Meccanica Quantistica. Fausto Borgonovi

Introduzione alla Meccanica Quantistica. Fausto Borgonovi Introduzione alla Meccanica Quantistica Fausto Borgonovi Dipartimento di Matematica e Fisica e i.l.a.m.p. Universitá Cattolica, via Musei 41, BRESCIA Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, PAVIA fausto.borgonovi@unicatt.it

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

Effetto fotoelettrico

Effetto fotoelettrico Effetto fotoelettrico Introduzione. Verso la seconda metà del XIX secolo c era la convinzione che la meccanica "classica" (Newton e sviluppi successivi), l elettromagnetismo (sostanzialmente riassunto

Dettagli

Morte di un gatto e splitting del Multiverso

Morte di un gatto e splitting del Multiverso http://www.extrabyte.info Monografia 001 February 04th, 2015 Morte di un gatto e splitting del Multiverso Marcello Colozzo Dedicato a un gatto che non c è più Sommario Keywords: many worlds interpretation,meccanica

Dettagli

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra:

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra: CAPITOLO 6 Il paradosso di Einstein Podolski Rosen Nel 1935 usciva un articolo degli autori sopra indicati, dal titolo Si può ritenere completa la descrizione quantistica della realtà fisica? L articolo

Dettagli

Parte 2. Metodi Matematici per la Meccanica Quantistica. Spazi di pre-hilbert e spazi di Hilbert. Gianpiero CATTANEO

Parte 2. Metodi Matematici per la Meccanica Quantistica. Spazi di pre-hilbert e spazi di Hilbert. Gianpiero CATTANEO Parte Metodi Matematici per la Meccanica Quantistica Spazi di pre-hilbert e spazi di Hilbert Gianpiero CATTANEO 10 giugno 008 Indice I - Spazi con Prodotto Interno e Spazi di Hilbert 5 1 Spazi con Prodotto

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO VITO VOLTERRA

LICEO SCIENTIFICO VITO VOLTERRA LICEO SCIENTIFICO VITO VOLTERRA DIPARTIMENTO DI FISICA ORIETTA DI BIAGIO Penso si possa tranquillamente affermare che nessuno capisce la meccanica quantistica Richard P. Feynman Premio Nobel nel 1963 Quelli

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica La prova Il candidato svolga una relazione su uno solo dei seguenti due temi, a sua scelta, prestando particolare

Dettagli

A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali

A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali Appendice A Rappresentazione dei segnali A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali Scomporre una generica forma d onda s(t) in somma di opportune funzioni base è operazione assai comune, particolarmente

Dettagli

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58 Indice PREFAZIONE XV Capitolo 1 RICHIAMI DI MATEMATICA 1 1.1 Simboli, notazione scientifica e cifre significative 1 1.2 Algebra 3 1.3 Geometria e trigonometria 5 1.4 Vettori 7 1.5 Sviluppi in serie e approssimazioni

Dettagli

Misureremo e analizzeremo la distribuzione di intensità luminosa di diverse figure di diffrazione in funzione della posizione acquisite on- line.

Misureremo e analizzeremo la distribuzione di intensità luminosa di diverse figure di diffrazione in funzione della posizione acquisite on- line. 4 IV Giornata Oggi termineremo questo percorso sulla luce misurando l intensità luminosa della distribuzione di massimi e minimi delle figure di diffrazione e di interferenza. In particolare confronteremo

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1

Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione 2) φ 1 Particelle identiche : schema (per uno studio più dettagliato vedi lezione ) Funzioni d onda di un sistema composto Sistema costituito da due particelle (eventualmente identiche) H φ q H φ H ψ φ φ stato

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Terzo Appello del corso di Geometria e Algebra II Parte - Docente F. Flamini, Roma, 7/09/2007 SVOLGIMENTO COMPITO III APPELLO

Dettagli

AL. Algebra vettoriale e matriciale

AL. Algebra vettoriale e matriciale PPENDICI L. lgebra vettoriale e matriciale Vettori Somma di vettori: struttura di gruppo Come abbiamo richiamato nell introduzione vi sono delle grandezze fisiche caratterizzabili come vettori, cioè tali

Dettagli

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero Contenuti: - Concetto di macchina termica - Significato di rendimento di una macchina termica - Il Postulato

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 FISICA ELETTROMAGNETISMO FISICA MODERNA classe 5 B MAG. 2016 Esercitazione di Fisica in preparazione all Esame di Stato A.S. 2015-2016

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof.

Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof. A01 178 Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof. S.M. Salamon per tanti utili suggerimenti e

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A.

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A. APPLICAZIONI LINEARI Siano V e W due spazi vettoriali, di dimensione m ed n sullo stesso campo di scalari R. Una APPLICAZIONE ƒ : V W viene definita APPLICAZIONE LINEARE od OMOMORFISMO se risulta, per

Dettagli

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE FLAVIO ANGELINI Sommario Queste note hanno lo scopo di indicare a studenti di Economia interessati alla finanza quantitativa i concetti essenziali

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Moti e sistemi rigidi

Moti e sistemi rigidi Moti e sistemi rigidi Dispense per il corso di Meccanica Razionale 1 di Stefano Siboni 1. Moto rigido di un sistema di punti Sia dato un sistema S di N 2 punti materiali P i, i = 1,..., N. Per configurazione

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Autovalori e Autovettori

Autovalori e Autovettori Daniela Lera Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Matematica e Informatica A.A. 2008-2009 Autovalori e Autovettori Definizione Siano A C nxn, λ C, e x C n, x 0, tali che Ax = λx. (1) Allora

Dettagli

Ottica fisica e ottica ondulatoria Lezione 12

Ottica fisica e ottica ondulatoria Lezione 12 Ottica fisica e ottica ondulatoria Lezione La luce è un onda elettromagnetica; ne studiamo le proprietà principali, tra cui quelle non dipendenti direttamente dalla natura ondulatoria (ottica geometrica

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

CAMPI E LORO PROPRIETÀ

CAMPI E LORO PROPRIETÀ CMPI E LORO PROPRIETÀ 1.1 Introduzione ia una regione nello spazio in cui, in ogni suo punto, sia definita una grandezza g. La regione si dice allora soggetta ad un campo. Un campo può essere scalare,

Dettagli

L esperimento con fotoni polarizzati

L esperimento con fotoni polarizzati 1 nsegnamento della meccanica quantistica nella scuola superiore L esperimento con fotoni polarizzati Considerazioni didattiche La presentazione dei principi della meccanica quantistica nei corsi della

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO Scambio termico per irraggiamento L irraggiamento, dopo la conduzione e la convezione, è il terzo modo in cui i corpi possono scambiare calore. Tale fenomeno non

Dettagli

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012.

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012. busta 1 QUESITI DI MATEMATICA 1. Nel piano euclideo dotato di un riferimento cartesiano ortogonale monometrico, sia Γ il luogo dei punti che soddisfano l'equazione X 2-2X = - 4Y -Y 2. 1.1 Stabilire che

Dettagli

Struttura Elettronica degli Atomi

Struttura Elettronica degli Atomi Prof. A. Martinelli Struttura Elettronica degli Atomi Dipartimento di Farmacia 1 La Natura ondulatoria della luce - La luce visibile è una piccola parte dello spettro delle onde elettromagnetiche. 1 La

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO MAXISPERIMENTAZIONE SCIENTIFICA PROG. BROCCA TEMA DI FISICA ANNO 2012 Svolgimento a cura di Massimo Macchioro

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO MAXISPERIMENTAZIONE SCIENTIFICA PROG. BROCCA TEMA DI FISICA ANNO 2012 Svolgimento a cura di Massimo Macchioro ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO MAXISPERIMENTAZIONE SCIENTIFICA PROG. BROCCA TEMA DI FISICA ANNO 2012 Svolgimento a cura di Massimo Macchioro Il candidato svolga una relazione su uno solo dei seguenti

Dettagli

4 La Polarizzazione della Luce

4 La Polarizzazione della Luce 4 La Polarizzazione della Luce Per comprendere il fenomeno della polarizzazione è necessario tenere conto del fatto che il campo elettromagnetico, la cui variazione nel tempo e nello spazio provoca le

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2010 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2010 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2010 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica La prova Il candidato svolga una relazione su uno solo dei seguenti due temi, a sua

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2012 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2012 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2012 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica La prova Il candidato svolga una relazione su uno solo dei seguenti due temi, a sua

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

INTRODUZIONE AI COMPUTER QUANTISTICI

INTRODUZIONE AI COMPUTER QUANTISTICI Capitolo CAPITOLO INTRODUZIONE AI COMPUTER QUANTISTICI. Richard Feynman osservò, agli inizi degli anni 80, che certi fenomeni governati dalla meccanica quantistica non potevano essere simulati efficientemente

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

LA NATURA DELLA LUCE E IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

LA NATURA DELLA LUCE E IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA NATURA DELLA LUCE E IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LIMITI DEL MODELLO ATOMICO DI RUTHERFORD Il modello atomico planetario di Ernest Rutherford, seppure rappresentava un grande passo avanti rispetto al modello

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Introduzione alle variabili aleatorie discrete e continue notevoli Lezione 22.01.09 (ore 11.00-13.00, 14.00-16.00)

Introduzione alle variabili aleatorie discrete e continue notevoli Lezione 22.01.09 (ore 11.00-13.00, 14.00-16.00) Introduzione alle variabili aleatorie discrete e continue notevoli Lezione 22.01.09 (ore 11.00-13.00, 14.00-16.00) Richiami di matematica pag. 2 Definizione (moderatamente) formale di variabile aleatoria

Dettagli

Metodi iterativi per sistemi lineari

Metodi iterativi per sistemi lineari Metodi iterativi per sistemi lineari Dario A. Bini, Università di Pisa 30 ottobre 2013 Sommario Questo modulo didattico contiene risultati relativi ai metodi iterativi per risolvere sistemi di equazioni

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

La legge di Lambert-Beer

La legge di Lambert-Beer La legge di Lambert-Beer In questa esperienza determinerete la concentrazione di una soluzione incognita di permanganato di potassio per via spettrofotometrica. Generalita La spettroscopia si occupa dell

Dettagli

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione Capitolo 2 MATRICI Fra tutte le applicazioni su uno spazio vettoriale interessa esaminare quelle che mantengono la struttura di spazio vettoriale e che, per questo, vengono dette lineari La loro importanza

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

METODI MATEMATICI PER LA FISICA

METODI MATEMATICI PER LA FISICA Si svolgano cortesemente i seguenti esercizi ESERCIZIO (6 PUNTI) METODI MATEMATICI PER LA FISICA PROVA SCRITTA - 2 GENNAIO 25 Una volta identificato, nel piano complesso α, il dominio di convergenza della

Dettagli

FISICA QUANTISTICA. Dalla delocalizzazione al teletrasporto passando per la non località

FISICA QUANTISTICA. Dalla delocalizzazione al teletrasporto passando per la non località FISICA QUANTISTICA Dalla delocalizzazione al teletrasporto passando per la non località Lavoro di maturità Nicola Ghiringhelli Liceo di Locarno 004 005 Professore responsabile: Christian Ferrari Ringraziamenti

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Capitolo 5: Preferenze

Capitolo 5: Preferenze Capitolo 5: Preferenze 5.1: Introduzione Le preferenze individuali alla base dell analisi dei capitoli 3 e 4 vengono rappresentate graficamente da curve di indifferenza parallele in direzione verticale

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Elaborazione delle Immagini Digitali

Elaborazione delle Immagini Digitali Elaborazione delle Immagini Digitali Parte I Prof. Edoardo Ardizzone A.A. 2-22 La trasformata di Hotelling o di Karhunen-Loeve KLT discreta Questa trasformata detta anche analisi delle componenti principali

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x FUNZIONI Esercizio 1 Studiare la funzione f(x) = ln ( ) x e disegnarne il grafico. x 1 Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: { e x per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Il metodo scientifico

Il metodo scientifico Il metodo scientifico Osservazioni Legge Teoria Teoria controllata con altri esperimenti Teoria modificata in base alle verifiche Gli stadi fondamentali del metodo scientifico 1 Leggi ponderali Legge della

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli