ARGOMENTI MATEMATICA PER L INGEGNERIA VOLUME 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARGOMENTI MATEMATICA PER L INGEGNERIA VOLUME 4"

Transcript

1 ARGOMENTI DI MATEMATICA PER L INGEGNERIA VOLUME 4

2 Indice LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA. Alcuni richiami sull integrazione Uniforme continuità Conseguenze del Teorema di Heine Calcolo della lunghezza di una curva Il parametro d arco su di una curva INTEGRALI CURVILINEI L integrale curvilineo ai differenziali d arco La misura dell area di una porzione di superficie cilindrica Area di una superficie tronco-conica Calcolo dell area di una superficie di rotazione Altri significati dell integrale curvilineo ai differenziali d arco Integrali curvilinei di forme differenziali Forme esatte e campi gradienti INTEGRALI DOPPI 3. Sottoinsiemi misurabili del piano L integrale doppio di una funzione continua di due variabili Il calcolo effettivo di un integrale doppio I teoremi di riduzione di Fubini Il teorema del valor medio integrale Uso dell integrale doppio in fisica matematica INTEGRALI TRIPLI Sottoinsiemi misurabili di R L integrale triplo di una funzione F(X,Y,Z) LE COORDINATE CURVILINEE Le coordinate polari elementari nel piano Le coordinate polari sferiche Le coordinate cilindriche ii

3 INDICE iii 6 INTEGRALI DI SUPERFICIE Area di una porzione di superficie L integrale superficiale di una funzione F(X,Y,Z) I TEOREMI DI GULDIN, GREEN, GAUSS E STOKES I teoremi di Guldin Il Teorema di Green nel piano La nozione di superficie orientata Alcune rilevanti nozioni associate a campi vettoriali Il Teorema della divergenza di Gauss Il teorema di Stokes INTEGRALI MULTIPLI GENERALIZZATI Il caso del dominio della funzione integranda che risulta illimitato Il caso della funzione integranda illimitata Alcuni esempi di integrali tripli generalizzati

4 Capitolo LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA. Alcuni richiami sull integrazione ) Se f() è una funzione definita e continua nell intervallo chiuso e limitato [a, b], fissato un numero δ >, per ogni suddivisione di [a, b] σ : = a < <... < n(σ) = b con µ(σ) = ma { i i, i =, 2,..., n(σ)} < δ si può costruire la somma (.) n(σ) i f(ξ i )( i i ), con ξ i scelto ad arbitrio in [ i, i ], i =, 2,..., n(σ). La (.) può essere pensata come funzione plurivoca di δ e si ha che tale funzione risulta convergente per δ, avendosi detto lim δ n(σ) i f(ξ i )( i i ) = I = b a f()d integrale definito di f() esteso all intervallo [a, b]

5 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 2 2) Se f(), [a, b], il significato di I è la misura dell area trapezoidale, compresa tra l asse O e il grafico G(f) della funzione f(), detto, brevemente, trapezoide sottostante G(f). y a O b 3) Se è f(), [a, b], il significato di I è di essere, questa volta, l opposto della misura dell area trapezoidale, compresa tra il grafico G(f) della funzione f(), e l asse O, detto, brevemente, trapezoide soprastante G(f). y a O b 4) Nel caso generale ha il significato seguente: detta I = b a S f + f()d la somma delle misure delle aree comprese tra l asse O e i tratti del grafico di f() corrispondenti ai sottointervalli di positività di f() e detta S f

6 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 3 risulta la somma delle misure delle aree comprese tra i tratti del grafico di f() corrispondenti ai sottointervalli di negatività di f() e l asse O I = S f + S f y a O b 5) Date due funzioni f (), f 2 (), continue in [a, b], con f () f 2 (), [a, b] y a O b (la misura del)l area della regione trapezoidale compresa tra i grafici G(f ) e G(f 2 ) e le due rette laterali verticali { = a} e { = b} è data da b a [f 2 () f ()]d 6) Se f() è continua in [a, b] si ha il

7 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 4 teorema del valor medio integrale: b a f()d = (b a) f(c) ove c è un opportuno punto di [a, b] (non necessariamente unico) f(c) prende il nome di valor medio di f() in [a, b] y D A B T 2 C T A O C L area del trapezoide T sottostante al grafico di f() = 2 ristretta all intervallo [, 2] è d = 3 3 = 8 ( 3 ) = 3 3 Il valor medio di f() in [, 2] è 3 2 ( ) = 3 3 = = f( ) = f() L area del trapezoide T eguaglia quella del rettangolo AA C C: i due trilateri mistilinei T = AOBA e T 2 = BCDB hanno naturalmente la stessa area..2 Uniforme continuità Definizione.. Data una funzione f() definita in un insieme D, si dice che

8 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 5 se, ε >, δ > : f() è uniformemente continua in D, 2 D 2 < δ = f( 2 ) f( ) < ε Proposizione.. Se f è uniformemente continua in D essa è anche continua in D, cioè, D, o è un punto isolato di D, oppure lim f() = f( ) DIM. Facile: è lasciata al lettore. Teorema. (Teorema di Heine). Se f() è definita e continua in un insieme chiuso e limitato D, allora f() è uniformemente continua in D In particolare, se f() è continua in un intervallo [a, b] f() è in [a, b] uniformemente continua. DIM. Fissiamo un arbitrario numero ε >, e supponiamo, per assurdo, che per ogni δ n = n si possa trovare Il sottoinsieme di [a, b] una coppia di numeri di [a, b] ( (n), 2 (n)) : 2 (n) (n) < n f ( 2 (n) ) f ( (n) ) ε S = { (n), n =, 2,...} { 2 (n), n =, 2,...} è infinito e contenuto nell intervallo chiuso e limitato [a, b]. Per il noto Teorema di Bolzano-Weierstrass, in [a, b] esiste

9 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 6 y y = f() ε y = f() + ε 2 y = f() ε 2 ε δ δ O a b un punto c d accumulazione per S Si potrà così trovare una sottosuccessione di S costituita, ad esempio, da punti del tipo (n), convergente a c: (n ), (n 2 ),..., (n r )... r + Ne segue, poichè f è continua in [a, b], e c [a, b], perché [a, b] è chiuso, che sarà lim f( (n r ) ) = f(c) r + c Ma 2 (n ), 2 (n 2 ),..., 2 (n r ),... converge anch essa a c, poichè 2 (n r ) (n r ) < n r

10 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 7 (n r ) < 2 (n r ) < (n r ) + n r n r r + r + c c sicché 2 (n r ) c per il teorema del confronto. Ne segue allora che Dunque lim f( 2 (n r ) ) = f(c) r + lim f( 2 (n r ) ) f ( (n r ) ) = f(c) f(c) = r + il che è impossibile, essendo, per ipotesi, f ( 2 (n r ) ) f ( (n r ) ) ε, r N : donde la conclusione. C.V.D. Se viene meno una delle ipotesi il teorema di Heine può non valere più. Esempio.. L insieme D in cui f è continua non è chiuso y O 4 f() =, definita e continua in ], 4]: l uniforme continuità non vale nei pressi dello zero. Esempio.2. L insieme D in cui f è continua non è limitato

11 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 8 y O f() = 2, definita e continua in ], + [: l uniforme continuità non vale molto lontano dallo zero. Esempio.3. La funzione f ha una discontinuità con salto in c D, del tipo in figura, y l 2 l a O c 2 b con lim c f() = l < lim c + f() = l 2 : con e 2 a cavallo di c e vicini quanto si vuole non si riesce ad avere f( 2 ) f( ) < l 2 l (> ) La definizione di uniforme continuità si estende facilmente alle funzioni di 2,3,... n variabili. Risulta anche per queste funzioni il Teorema.2 (Teorema di Heine). Se F(, 2,..., n ) è una funzione di n variabili allora definita e continua in un insieme D chiuso e limitato di R n

12 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 9 nel senso che, ε >, δ > : F(, 2,..., n ) risulta in D uniformememente continua P, P 2 D P P 2 < δ = F(P 2 ) F(P ) < ε La dimostrazione è del tutto analoga al caso di variabile e può essere facilmente adattata..3 Conseguenze del Teorema di Heine Sia ora F(, 2,..., p ) una funzione di p variabili reali, definita e continua nel suo dominio p dimensionale Siano poi D R p, supposto chiuso e limitato f, f 2,..., f p p funzioni reali di una variabile reale, definite e continue in un intervallo chiuso e limitato [a, b]. Per ogni scelta di t, t 2,..., t p in [a, b] si abbia che ( f (t ), f 2 (t 2 ),..., f p (t p ) ) D Si ha allora, in particolare, per t = t 2 =... = t p = t [a, b], che ( f (t), f 2 (t),..., f p (t) ) D, t [a, b] e si può considerare quindi la funzione come è noto h(t) = F ( f (t), f 2 (t),..., f p (t) ) funzione composta, di prime componenti f, f 2,..., f p, e di seconda componente F; h risulta una funzione definita e continua in [a, b]

13 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA Per ogni suddivisione σ di [a, b], costituita da certi n(σ) + valori t = a < t <... < t n(σ) = b sia µ(σ) = ma {t i t i, i =, 2,..., n(σ)} Per ogni numero fissato δ >, si possono considerare tutte le suddivisioni σ di [a, b] con µ(σ) < δ (esse sono ovviamente infinite); per ciascuna di tali suddivisioni, si possono ora scegliere, in ognuno dei subintervalli [t i, t i ] p valori ad arbitrio scelti (anche qui si presentano infinite scelte possibili) e formare quindi la sommatoria ξ i,, ξ i,2,..., ξ i,p (.2) n(σ) i F ( f (ξ i, ), f 2 (ξ i,2 ),..., f p (ξ i,p ) ) (t i t i ) la quale è pensabile come funzione, ovviamente plurivoca, di δ. Ora, se, per ogni i, si ha (.3) ξ i, = ξ i,2 =... = ξ i,p = ξ i la (.2) diventa n(σ) i F ( f (ξ i ), f 2 (ξ i ),..., f p (ξ i ) ) (t i t i ) = n(σ) i h(ξ i )(t i t i ) quindi una delle somme parziali relative all integrale I = b h(t)dt = b a a F ( f (t), f 2 (t),..., f p (t) ) dt ferma l ipotesi (.3), la sommatoria (.2) tende, al tendere di δ a, esattamente a questo integrale.

14 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA Ebbene, come conseguenza del teorema di Heine, si ha che la (.2), anche con la scelta arbitraria dei valori ξ i,, ξ i,2,..., ξ i,p in ogni [t i, t i ] tende, al tendere di δ a, sempre allo stesso integrale Stabiliamolo in I = b h(t)dt = b a a F ( f (t), f 2 (t),..., f p (t) ) dt Proposizione.2. Con le notazioni sopra introdotte la somma (.2), pensata come funzione (plurivoca) di δ tende, al tendere di δ a, al limite I = b a h(t)dt = b a F ( f (t), f 2 (t),..., f p (t) ) dt DIM. Per semplicità ci limitiamo a considerare il caso p = 2: nel caso generale (p = 3, 4,..., n,...) la dimostrazione è proceduralmente identica, basta semplicemente adattare la nomenclatura e l apparato simbolico. Dunque la funzione (si usa,y al posto di, 2 ) è, per ipotesi, F(,y) definita e continua nell insieme D ( R 2 ) chiuso e limitato e quindi, per il teorema di Heine, essa è in D uniformemente continua Inoltre si hanno le funzioni f e g (si usa f, g al posto di f, f 2 ), le quali sono definite e continue nell intervallo chiuso [a, b] con la proprietà ( f(t), g(t) ) D, t [a, b] sicchè si può considerare la funzione composta la quale, come è noto, risulta h(t) = F ( f(t), g(t) )

15 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 2 esiste quindi Come ricordato nel, si ha definita e continua nell intervallo chiuso [a, b] : δ e ciò significa, ricordiamolo, che i I = b n(σ) I = lim h(ξ i )(t i t i ) = a h(t)dt n(σ) i F ( f(ξ i ), g(ξ i ) ) (t i t i ) fissato un arbitrario ε >, si può trovare in corrispondenza un δ > tale che, per ogni suddivisione σ : t = a < t <... < t n(σ) = b dell intervallo [a, b] con µ(σ) < δ, e per ogni scelta del valore ξ i [t i, t i ], i =, 2,..., n(σ), si ha che (indicando per brevità la sommatoria di sopra con ( * ) ( ) I < ε o, equivalentemente che I ε < ( ) < I + ε Ora si tratta di provare che è anche I = lim δ ( ) = n(σ) i F ( f(η i ), g(ζ i ) ) (t i t i ) (anche qui si usa ( ) al posto della sommatoria, per brevità), con un significato analogo a quello sopra ricordato, e l unica variante essendo che sono due, η i, ζ i, i valori fissati ad arbitrio in [t i, t i ]. Dall ipotesi che, t, t 2 [a, b] si ha ( f(t ), g(t 2 ) ) D discende che la funzione di 2 variabili H(,y) = F ( f(), g(y) ) risulta, in particolare, definita nell intervallo bidimensionale I 2, rappresentato in figura, insieme chiuso e limitato :

16 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 3 y (a, b) (, b) (b, b) (a, ) O I 2 (b, a) (a, a) (, a) (b, a) essendo funzione composta di funzioni continue, H(,y) è continua in I 2 e, per Heine, è uniformemente continua in I 2 Si osservi che risulta h(t) = H(t, t), t [a, b]: insomma la h(t) si ottiene subordinando H(,y) sulla diagonale (a, a) (b, b) di I 2. Tutti i fatti sopra stabiliti vanno posti in atto, ora, per provare, appunto, che è anche I = b a h(t)dt = lim δ ( ) = n(σ) il che consiste in quanto segue : i F ( f(η i ), g(ζ i ) ) (t i t i ) fissato un arbitrario ε >, bisogna trovare in corrispondenza un δ > tale che, per ogni suddivisione di [a, b] con µ(σ) < δ, e per ogni scelta dei numeri σ : t = a < t <... < t n(σ) = b η i, ζ i in [t i, t i ], i =, 2,..., n(σ), deve aversi ( ) I < ε

17 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 4 o, equivalentemente, I ε < ( ) < I + ε Dunque fissiamo un qualunque ε >. Poichè si sa che I = b a h(t)dt = lim δ n(σ) ( ) = F ( f(ξ i ), g(ξ i ) ) (t i t i ) i ed è ε/2 >, certo esiste in corrispondenza a questo numero positivo, un δ > tale che, per ogni suddivisione di [a, b] con µ(σ) < δ, e per ogni scelta di si ha o, equivalentemente, σ : t = a < t <... < t n(σ) = b ξ i in [t i, t i ], i =, 2,..., n(σ), ( ) I < ε 2 2 I ε 2 < ( ) < I + ε 2 Considerato ora il numero ε = ε 2(b a) >, e tenuto conto (vedi punto sopra) dell uniforme continuità di H(,y) = F ( f(),g(y) ) in I 2 esiste, in corrispondenza a ε >, un δ > tale che, per due punti (, y ), ( 2, y 2 ) di I 2 valga l implicazione Posto allora d ( (, y ), ( 2, y 2 ) ) = ( 2 ) 2 + (y 2 y ) 2 < δ = H(, y ) H( 2, y 2 ) < ε

18 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 5 per ogni suddivisione dell intervallo [a, b] { δ = min δ, } δ 2 σ : t = a < t <... < t i < t i <... < t n(σ) = b per la quale risulti µ(σ) = ma{t i t i, i =, 2,..., n(σ)} < δ, a proposito della sommatoria ( ) = n(σ) i F ( f(η i ), g(ζ i ) ) (t i t i ) con η i, ζ i [t i, t i ], i =, 2,..., n(σ), I) η i, ζ i, ξ i [t i, t i ], perciò varranno le si potrà affermare quanto segue: η i ξ i < δ δ 2 e ζ i ξ i < δ δ 2, i =, 2,..., n(σ) ; le quali danno a loro volta le [f(ηi ) f(ξ i ) ]2 [ g(ζ i ) g(ξ i ) ]2 < δ δ 2 i =, 2,..., n(σ) 2 < δ ; II) atteso il significato di δ (vedi sopra), ne discenderanno le n(σ) disuguaglianze H ( ) ( ) η i, ζ i H ξi, ξ i = F ( f(η i ), g(ζ i ) ) F ( f(ξ i ), g(ξ i ) ) < ε = ε 2(b a) o, equivalentemente, le n(σ) disuguaglianze F ( f(ξ i ), g(ξ i ) ) ε 2(b a) < F( f(η i ), g(ζ i ) ) < F ( f(ξ i ), g(ξ i ) ) ε + 2(b a) con i =, 2,..., n(σ) ;

19 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 6 III) moltiplicando le ultime disuguaglianze ciascuna per t i t i (> ) e sommando membro a membro si ottiene ( ( ) e ( ) stanno per le relative sommatorie come detto sopra ) ( ) n(σ) i ε 2(b a) (t i t i ) < ( ) < ( ) + n(σ) i ε 2(b a) (t i t i ) ossia, essendo n(σ) i ε 2(b a) (t i t i ) = ε 2(b a) n(σ) (t i t i ) = i ε 2(b a) (b a) = ε 2, si trova la 3 ( ) ε 2 < ( ) < ( ) + ε 2 Riassumendo la saranno assicurate contemporaneamente 2 I ε 2 < ( ) < I + ε 2 e la 3 ( ) ε 2 < ( ) < ( ) + ε 2 e queste, ripetiamolo, per ogni valore assunto da ( ) e ( ) in corrispondenza a qualunque suddivisione di [a, b] σ : t = a < t <... < t i < t i <... < t n(σ) = b con µ(σ) = ma{t i t i, i =, 2,..., n(σ)} < δ

20 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 7 e per qualsiasi scelta, per ogni tale suddivisione, dei numeri ξ i, η i, ζ i [t i, t i ], i =, 2,..., n(σ) ( gli ξi servono per costruire ( ); gli η i, ζ i servono per costruire ( ) ) Rappresentiamo la situazione graficamente sull asse reale: I ε 2 I + ε 2 I ε ( ) I I + ε ( ) ( ) ε 2 ( ) ( ) + ε 2 per la 2, ( ) deve cadere tra I ε/2 e I + ε/2 ; per la 3, ( ) deve cadere tra ( ) ε/2 e ( ) + ε/2 : è perfettamente chiaro che, dovunque si collochi ( ) in ]( ) ε/2, ( ) + ε/2[, sarà costretto a cadere a destra di I ε e a sinistra di I + ε Ma vediamo anche formalmente la cosa: dalla 2 seguono, in particolare 2 I ε/2 < ( ) e 2 ( ) < I + ε/2 ; si ottiene così 4 I ε = I ε/2 ε/2 < ( ) ε/2 < ( ) = I ε < ( ) dalla 2 per la 3 sinistra e ancora

21 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 8 4 ( ) < ( ) + ε/2 < I + ε/2 + ε/2 = I + ε = ( ) < I + ε per la 3 destra dalla 2 Dalla 4 e 4 si ottiene finalmente la I ε < ( ) < I + ε come volevasi dimostrare..4 Calcolo della lunghezza di una curva Vedremo ora l applicazione delle considerazioni introduttive al problema della misura della lunghezza di una curva Supporremo di considerare una curva quasi-regolare cioè unione di un certo numero, di solito finito, di archi di curva regolari privi di tratti comuni A B Per ottenere la (misura della) lunghezza della curva basterà ovviamente calcolare le lunghezze di tutti gli archi che la compongono e quindi calcolarne la somma.

22 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 9 A sua volta un arco di curva regolare C è un insieme con le seguenti caratteristiche: ) è rappresentabile parametricamente nella forma C : = f(t) y = g(t) z = h(t), t [a, b] con f, g, h funzioni di classe C () in [a, b] ( cioè continue e derivabili con derivate continue in [a, b] ) ; 2) tra i valori del parametro t [a, b] e i punti P(t) ( f(t), g(t), h(t) ) dell arco vi è corrispondenza biunivoca salvo al più la possibilità che risulti P(a) = P(b) cioè che C sia un arco di curva chiuso come un circolo, un ellisse, ecc... P 4 = P 8 P 7 P 9 C A = P = P P P = P 2 P 3 = P 6 P 5 B = P 6 = P 2 P P 5 = P P 3 P 2 = P 4

23 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 2 Dato ora un arco regolare C, sopra definito, per ogni suddivisione di [a, b] σ : t = a < t <... < t i < t i <... < t n(σ) = b posto P i = P(t i ) = P ( f(t i ), g(t i ), h(t i ) ) C, i =, 2,..., n(σ), la poligonale, o spezzata, di lati successivi si dice e può brevemente essere indicata con il simbolo P P, P P 2,..., P i P i,..., P n(σ) P n(σ) la poligonale inscritta in C associata a σ P(σ) La lunghezza di P(σ) è la somma delle lunghezze dei suoi lati: l ( P(σ) ) = l ( P P ) l ( Pi P i ) l ( Pn(σ) P n(σ) ) Se ora σ è un infittimento di σ (cioè σ ha per valori suddividenti [a, b] quelli di σ più altri, intercalati fra i primi) (vedi figura), è ovvio che risulta l ( P(σ ) ) l ( P(σ) ) Inoltre si ha l ( P(σ) ) = = = n(σ) n(σ) i n(σ) i (f(ti ) f(t )2 i ) + ( g(t i ) g(t )2 i ) + ( h(t i ) h(t )2 i ) = per Lagrange i [f (ξ i )(t i t i ) ]2 + [ g (η i )(t i t i ) ]2 + [ h (ζ i )(t i t i ) ]2 = f 2 (ξ i ) + g 2 (η i ) + h 2 (ζ i ) ( t i t i ) con ξ i, η i, ζ i punti di Lagrange relativi alle funzioni f, g, h, in [t i, t i ], i =, 2,..., n(σ). Fissato ora un numero δ >, si considerino tutte le suddivisioni σ di [a, b] con µ(σ) = ma {t i t i, i =, 2,..., n(σ)} < δ e, per ogni suddivisione, si valuti la lunghezza l ( P(σ) ) della relativa poligonale inscritta in C, ottenendo la sommatoria sopra calcolata: applicando il Cor..2, si può affermare che

24 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 2 la lunghezza di P(σ), l ( P(σ) ), pensata come funzione, ovviamente plurivoca, di δ ha per limite, al tendere di δ a, il numero I = b a f 2 (t) + g 2 (t) + h 2 (t) dt Osservazione.. Si noti che, al tendere di δ a, nel contempo tende a zero anche la massima fra le lunghezze dei lati della poligonale P(σ), mentre il numero dei suoi lati tende ovviamente a + : con ciò Dimostreremo ora la la poligonale inscritta P(σ) approssima sempre più, al tendere a di δ, l arco di curva C. Proposizione.3. Il numero I = b a f 2 (t) + g 2 (t) + h 2 (t) dt è l estremo superiore dell insieme delle lunghezze delle poligonali P(σ) inscritte in C, ove σ varia nella famiglia di tutte le possibili suddivisioni dell intervallo [a, b] DIM. Si è visto sopra che I = b a f 2 (t) + g 2 (t) + h 2 (t) dt = lim δ l ( P(σ) ) e per provare quindi l enunciato è sufficiente riconoscere che nessuna poligonale P(σ) può avere la sua lunghezza l ( P(σ) ) che superi il numero I e ciò per il fatto che, per la stessa definizione di limite, ne conseguirà senz altro che in ogni intorno sinistro ]I ε, I] di I cade almeno un valore della funzione (plurivoca) l ( P(σ) ) di δ :

25 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 22 I si trova così a verificare donde la conclusione. le due proprietà caratteristiche dell estremo superiore dell insieme delle lunghezze delle poligonali inscritte in C Dimostriamo dunque, per assurdo, che per ogni σ risulta l ( P(σ) ) I. Aiutiamo l intuizione con un grafico l ( P(σ) ) l ( P(σ ) ) l ( P(σ ) ) I Supponiamo che possa darsi la situazione in figura: allora, infittendo σ, si otterrà una P(σ ) di lunghezza non inferiore a quella di P(σ), cioè con ecc., ecc.... : ma allora l ( P(σ) ) l ( P(σ ) ) ; se si infittiscono indefinitamente le suddivisioni, facendo tendere a zero la massima lunghezza dei loro sottointervalli, come può l ( P(σ (n) ) ) tendere, come sopra si è visto che avviene, a I, se l ( P(σ (n) ) ) continua ad allontanarsi verso destra da I stesso? L assurdo prova la tesi enunciata, cioè che risulta l ( P(σ) I, σ. È del tutto naturale quindi, visto il comportamento di P(σ) per δ, che è quello di approssimare sempre meglio l arco di curva C, e il significato del numero I = descritto in Prop..3, porre la seguente b a f 2 (t) + g 2 (t) + h 2 (t) dt Definizione.2. Il numero I = b a f 2 (t) + g 2 (t) + h 2 (t) dt si assume come

26 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 23 (misura del) la lunghezza dell arco di curva C denotandolo con l(c) Osservazione.2. Per il significato geometrico intrinseco rivestito dal numero b a f 2 (t) + g 2 (t) + h 2 (t) dt è chiaro, e si può dimostrare facilmente, che esso non dipende dalla particolare parametrizzazione dell arco C Passiamo ad illustrare un congruo numero di esempi. Esempio.4. La lunghezza di un segmento, calcolata con la formula sopra assegnata, coincide ovviamente con quella fornita dalla nota formula ortonormale: infatti, dati P (, y, z ), P 2 ( 2, y 2, z 2 ) si ha P P 2 : = + ( 2 )t y = y + (y 2 y )t z = z + (z 2 z )t, t [, ] Risulta infatti lunghezza di P P 2 = = = = ( 2 ) 2 + (y 2 y ) 2 + (z 2 z ) 2 dt = ( 2 ) 2 + (y 2 y ) 2 + (z 2 z ) 2 ( ( 2 ) 2 + (y 2 y ) 2 + (z 2 z ) 2 ( ( 2 ) 2 + (y 2 y ) 2 + (z 2 z ) 2 ) dt t) = =

27 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 24 Esempio.5. Lunghezza di una circonferenza C di raggio R. Rappresentiamo la curva così (è posta per semplicità nel piano O y ) C : = R cos t y = R sin t z =, t [, 2π] l(c) = 2π ( R sin t) 2 + (R cos t) 2 + () dt = R 2π dt = 2πR la nota formula, questa volta finalmente dimostrata. Esempio.6. Se nell esempio precedente si limita il parametro all intervallo [, π] si ottiene la semicirconferenza superiore di C, di lunghezza πr. Questa stessa semicirconferenza C si può rappresentare nel modo seguente C : = f(t) = t y = g(t) = R 2 t 2 (z = ), t [ R, R] Questo esempio vuol dimostrare Infatti la funzione g(t) = e che le ipotesi di regolarità della parametrizzazione dell arco possono essere attenuate. R 2 t 2 o, per essere più precisi, essa ha (vedi figura) è continua in [ R, R], ma in R e in R non è derivabile derivata destra + in R derivata sinistra in R

28 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 25 y O -R R ovviamente in connessione agli attacchi di C (che è una curva grafico) in R e R rispettivamente. Con tutto ciò il calcolo della lunghezza di C giunge a buon fine anche con l attuale rappresentazione, poichè il carattere intrinsecamente convergente del processo di approssimazione per poligonali inscritte fa si che l integrale sia di tipo generalizzato, ma convergente: l(c ) = R R = lim ε R ( 2 + R ε R+ε ) 2 t R dt = R R2 t 2 R arcsin ( t ) R = R [arcsin arcsin( )] = R R2 t 2 dt = [ ( R ε = R lim arcsin ε R [ π ( 2 π )] 2 = πr ) ( )] R + ε arcsin R = risultato che coincide con quello ottenuto partendo dall altra rappresentazione di C. Esempio.7. Si abbia una curva piana C, che sia il grafico di una funzione g, continua nell intervallo [a, b] assieme alla sua derivata prima g. C si può pensare come curva dello spazio, appartenente al piano O y, rappresentabile nel modo seguente = f(t) = t C : y = g(t), t [a, b] z = h(t) = In tal caso la formula per la lunghezza di C risulta direttamente, senza bisogno di applicare il Cor..2.

29 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 26 y B = P(b a = t O t t 2 t 3 t 4 = b A = P(a) Costruiamo infatti la sommatoria che porge la lunghezza della poligonale inscritta in C associata alla suddivisione l ( P(σ) ) = = n(σ) i n(σ) e quest ultima espressione è subito una i σ : t = a < t <... < t n(σ) = b : [t i t i ] 2 + [ g(t i ) g(t i ) ]2 + [ ] 2 = (per Lagrange) = [t i t i ] 2 + g 2 (ξ i ) [t i t i ] 2 = n(σ) i + g 2 (ξ i ) (t i t i ) b a somma parziale relativa all integrale + g 2 (t) dt ( b = f 2 (t) + g 2 (t) + h 2 (t) dt ) a e, al tendere di δ a, tende precisamente a questo integrale sicchè si giunge alla formula, per l arco di curva C grafico (di a specie) della funzione g l(c) = b a + g 2 (t) dt A una formula perfettamente analoga si giunge per un arco di curva C grafico (di seconda specie) della funzione f = f(t) C : y = g(t) = t, t [a, b] z = h(t) =

30 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 27 l(c) = b a f 2 (t) + dt Esempio.8. Calcolare la lunghezza dell arco OA della parabola C : y = 2, con A(a, a 2 ) (a > ) OA : = t y = t 2 (z = ), t [, a] y A(a, a 2 ) B(, ) O Si ottiene l( OA) = a = 2 = a a 2 + (2t) 2 dt = t t 2 + /4 2 a + 8 log ( t + a 2 + /4 + 4 log ( a + + 4t 2 dt = (vedi prontuario) = t 2 + /4 ) = a 2 + /4 ) 4 log 2 = = a a 2 + /4 + [ ( log a + a 2 + /4 ) + log 2 ] = 4 = a a 2 + /4 + 4 log ( 2a + 2 a 2 + /4 ). In particolare, se a =, si ottiene = a a 2 + /4 + 4 log ( 2a + 4a 2 + ). l( OA) = log(2 + 5).478 (<.5)

31 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 28 y B(, ) O.5 Esempio.9. Calcolare la lunghezza di un arco di C : cicloide ordinaria = Rϕ R sin ϕ y = R R cos ϕ, ϕ [, 2π] y (πr, 2R) (, R) O (πr, ) (2πR, ) Si ottiene l(c) = 2π 2π (R R cos t) 2 + (R sin t) 2 dt = R 2 cos t + cos 2 t + sin 2 t dt 2π 2π cos t = R 2 2 cos t dt = 2R 2 = 4R 2π sin t 2 2 dt = 4R 2π dt = 2R 2π sin t 2 dt = cos t 2 = 4R [ cos π ( cos ) ] = 8R

32 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 29 Esempio.. Calcolare la lunghezza dell asteroide di costante a: = a cos 3 t C : y = a sin 3, t [, 2π] t y (, a) O (a, ) L asteroide è l unione dei 4 sotto-archi AB, BC, ø CD, DA, ed è una curva chiusa. I 4 sotto-archi risultano a due a due congruenti (o sovrapponibili): questo è dovuto alle simmetrie di C. È infatti facile verificare che C è il luogo rappresentato dall equazione 2/3 + y 2/3 = a 2/3 a sua volta equivalente all equazione algebrica del 6 ordine y y 4 + y 6 3a a 2 2 y 2 3a 2 y 4 + 3a a 4 y 2 a 6 = C è dunque simmetrica, di simmetria ortogonale, rispetto a entrambi gli assi cartesiani e ad entrambe le bisettrici degli assi; è naturalmente anche simmetrica rispetto all origine O. Ne segue, poichè l arco AB, 4 a parte dell asteroide C, si ottiene per t [, π/2], che si avrà π/2 l(c) = 4 l( AB) = 4 = 4 = 2a π/2 π/2 [3a cos 2 t( sin t) ] 2 + [ 3a sin 2 t cos t ] 2 dt = 3a cos 2 t sin 2 t (cos 2 t + sin 2 t) dt = 2a cos t sin t dt = 2a nell intervallo [, π/2] è cos t sin t π/2 π/2 sin t cos t dt = 2a cos t sin t dt = π/2 sin 2 t 2 = 6a

33 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 3 Osservazione.3. L arco AB ha altre parametrizzazioni: ad esempio la seguente AB : = u 3/2 y = [a 2/3 u] 3/2, u [, a 2/3 ] secondo la quale B è l origine e A l estremo dell arco (con la parametrizzazione precedente A era l origine e B l estremo). Si noti che, con l attuale parametrizzazione, si ottengono anche i vettori tangenti ad AB nei suoi estremi: risulta infatti P (u) = 3 2 u/2 i 3 2 [a2/3 u] /2 j e P () = 3 2 a/3 j P (a 2/3 ) = 3 2 a/3 i è il vettore tangente all arco in B è il vettore tangente all arco in A Con la parametrizzazione precedente si verificava l inconveniente che per t = e t = π/2 si aveva P () = e P (π/2) = sfuggiva quindi l individuazione dei vettori tangenti ad AB nei suoi estremi. Naturalmente, anche con l attuale parametrizzazione, si può calcolare la lunghezza dell arco AB: risulta a 2/3 [3 ] 2 [ l( AB) = + 3 ] 2 2 (a2/3 u) /2 du = = a 2/3 2 u/2 9 4 u a2/3 9 4 u du = 3 2 a/3 a 2/3 du = 3 a 2/3 2 a/3 u = = 3 2 a/3 (a 2/3 ) = 3 2 a = 4 (6a) = l(c), come deve essere. 4 Osservazione.4. Un arco di curva C ha infinite rappresentazioni parametriche; può accadere che alcune di queste presentino delle irregolarità: tuttavia l esistenza di una rappresentazione regolare basta per dichiarare l arco C regolare

34 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 3 Ad esempio l arco C : = t y = t /3, t [, ], è fornito qui in rappresentazione non regolare: infatti la funzione g(t) = t /3 non è derivabile in Ma si ha anche C : = τ 3 y = τ, τ [, ], e la rappresentazione è, questa volta, perfettamente regolare Esempio.. Calcolare la lunghezza dell arco di curva C : = 2 6 sin 2 t 2 3 sin t cos t y = 2 6 sin 2 t sin t cos t z = 2 6 sin 2 t sin t cos t, t [, 34 ] π Risulta l(c) = 3π/4 [ 4 6 sin t cos t 2 3 cos2 t sin 2 t ] [ 4 6 sin t cos t+4 3 cos 2 t 4 3 sin 2 t ] 2 [ sin t cos t+2 3 cos2 t 2 3 sin 2 t ] 2 dt = 3π/4 = 72 ( cos 2 t + sin 2 t ) 2 3π/4 dt = t = (3 π ) 4 = 9π 2 Il lettore riconosca che C è un arco della circonferenza di centro il punto C ( 6, 6, 6 ), di raggio 3 2, giacente nel piano α: + z =. Determini quindi l ampiezza dell angolo al centro corrispondente all arco C. Esempio.2. Calcolare la lunghezza di una spira C della curva detta

35 CAPITOLO. LA LUNGHEZZA DI UNA CURVA 32 elica cilindrica di raggio R e passo 2πh (h > ) C : = R cos ϕ y = R sin ϕ z = hϕ, ϕ [, 2π] z B(R,, 2πh) P (ϕ) C A(R,, ) y Osservazione.5. L elica cilindrica, e qualunque suo sottoarco, è, come si riconosce agevolmente una curva sghemba, cioè non piana Risulta l(c) = = 2π [ R sin t] 2 + [R cos t] 2 + h 2 dt = R 2 + h 2 2π t = 2π R 2 + h 2 questo numero dà la lunghezza dell arco AB che costituisce appunto Il lettore verifichi che una spira dell elica in ogni punto P(ϕ) dell elica la tangente in P(ϕ) a questa curva forma un angolo costante con la direzione dell asse O z, asse di rotazione del cilindro Γ: 2 + y 2 = R 2 cui l elica appartiene, ovvero (ed è la stessa cosa) con la generatrice del cilindro passante per P(ϕ). Per questa proprietà si dice che

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile 1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile Considerazioni introduttive Consideriamo la funzione f() = sin il cui dominio naturale è

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 5 2 Funzioni da

Dettagli

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati.

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati. PROGRAMMA di Fondamenti di Analisi Matematica 2 (DEFINITIVO) A.A. 2010-2011, Paola Mannucci, Canale 2 Ingegneria gestionale, meccanica e meccatronica, Vicenza Testo Consigliato: Analisi Matematica, M.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

CAMPI E LORO PROPRIETÀ

CAMPI E LORO PROPRIETÀ CMPI E LORO PROPRIETÀ 1.1 Introduzione ia una regione nello spazio in cui, in ogni suo punto, sia definita una grandezza g. La regione si dice allora soggetta ad un campo. Un campo può essere scalare,

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario.

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario. Le soluzioni del foglio 2. Esercizio Calcolare il lavoro compiuto dal campo vettoriale F = (y + 3x, 2y x) per far compiere ad una particella un giro dell ellisse 4x 2 + y 2 = 4 in senso orario... Soluzione.

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Richiami sulle derivate parziali e definizione di gradiente di una funzione, sulle derivate direzionali. Regola della catena per funzioni composte.

Richiami sulle derivate parziali e definizione di gradiente di una funzione, sulle derivate direzionali. Regola della catena per funzioni composte. PROGRAMMA di Fondamenti di Analisi Matematica 2 (che sarà svolto fino al 7 gennaio 2013) A.A. 2012-2013, Paola Mannucci e Claudio Marchi, Canali 1 e 2 Ingegneria Gestionale, Meccanica-Meccatronica, Vicenza

Dettagli

11. L integrazione. 11.2 Integrazione definita. Prerequisiti

11. L integrazione. 11.2 Integrazione definita. Prerequisiti . L integrazione. Integrazione definita Prerequisiti Concetto di limite Continuità di una funzione Calcolo differenziale Calcolo integrale Concetto di volume Metodo degli indivisibili di Cavalieri Obiettivi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

2 FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE

2 FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 2 FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 2.1 CONCETTO DI FUNZIONE Definizione 2.1 Siano A e B due insiemi. Una funzione (o applicazione) f con dominio A a valori in B è una legge che associa ad ogni elemento

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Integrali doppi - Esercizi svolti

Integrali doppi - Esercizi svolti Integrali doppi - Esercizi svolti Integrali doppi senza cambiamento di variabili Si disegni il dominio e quindi si calcolino gli integrali multipli seguenti:... xy dx dy, con (x, y R x, y x x }; x + y

Dettagli

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse Contenuti 1 Integrali multipli 2 1.1 Integralidoppisudomininormali... 2 1.2 Cambiamento di variabili in un integrale doppio. 6 1.3 Formula di Gauss-Green nel piano e conseguenze. 7 1.4 Integralitripli...

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 01 1. Determiniamo l espressione analitica di g() dividendo il suo dominio in intervalli. La circonferenza di diametro AO ha equazione (+) + = + + = 0

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Insiemi di livello e limiti in più variabili

Insiemi di livello e limiti in più variabili Insiemi di livello e iti in più variabili Insiemi di livello Si consideri una funzione f : A R, con A R n. Un modo per poter studiare il comportamento di una funzione in più variabili potrebbe essere quello

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

La spirale iperbolica: Fu descritta per la prima volta da Pierre Varignon (1654-1722). L equazione, espressa in coordinate polari, è del tipo:

La spirale iperbolica: Fu descritta per la prima volta da Pierre Varignon (1654-1722). L equazione, espressa in coordinate polari, è del tipo: Esistono delle forme geometriche che sono in grado, per complessi fattori psicologici non del tutto chiariti, di comunicarci un senso d equilibrio, di gradimento e di benessere. Tra queste analizzeremo

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@poi.it Primi teoremi di caclolo differenziale Ottobre 2010. Indice 1 Funzioni derivabili su un intervallo 1 1.1

Dettagli

Calcolo integrale in più variabili

Calcolo integrale in più variabili ppunti di nalisi II Calcolo integrale in più variabili Integrali doppi Nel caso di una funzione di una variabile f : a, b] R, supponendo f continua e fx) a, b], la quantità b a fx)dx indica l area fra

Dettagli

Serie di Fourier 1. Serie di Fourier. f(t + T )=f(t) t R.

Serie di Fourier 1. Serie di Fourier. f(t + T )=f(t) t R. Serie di Fourier 1 Serie di Fourier In questo capitolo introduciamo le funzioni periodiche, la serie di Fourier in forma trigonometrica per le funzioni di periodo π, e ne identifichiamo i coefficienti.

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO Carlo Sintini www.matematicamente.it INDICE TAVOLE NUMERICHE Potenze e radici quadre e cube dei numeri fino a 200

Dettagli

Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI)

Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI) 1 Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI) Approssimazioni di Taylor BPS, Capitolo 5, pagine 256 268 Approssimazione lineare, il simbolo

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Funzioni trascendenti

Funzioni trascendenti Funzioni trascendenti Lucia Perissinotto I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave Beatrice Hitthaler I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave 17 novembre 007 Sommario Esponiamo la teoria fondamentale delle funzioni

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

LP. Lavoro e potenziale

LP. Lavoro e potenziale Lavoro e potenziale LP. Lavoro e potenziale Forza In questa sezione dobbiamo introdurre un nuovo concetto che assumiamo come primitivo dalla fisica: è il concetto di forza. Ci occuperemo anzitutto di una

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Sia la curva d equazione: ke ove k e

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi Dispense di Matematica Analisi Matematica Riccarda Rossi Corso di Laurea in Disegno Industriale Università degli Studi di Brescia Anno Accademico 2009/2010 2 Capitolo 1 Nozioni preliminari 4 Riccarda Rossi

Dettagli

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO)

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO) IL CALCOLO VETTORIALE SUPPLEMENTO AL LIBRO CLAUDIO BONANNO Contents. Campi di vettori e operatori 2. Il lavoro di un campo di vettori 5 2.. Lavoro e campi conservativi 6 2.2. Lavoro e campi irrotazionali:

Dettagli

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16)

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16) Diario del corso di Analisi Matematica (a.a. 205/6) 4 settembre 205 ( ora) Presentazione del corso. 6 settembre 205 (2 ore) Numeri naturali, interi, razionali, reali. 2 non è razionale. Introduzione alle

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2 SOLUZIONE DEL PROBLEMA CORSO DI ORDINAMENTO. Studiamo la funzione f(x) = x R). Notiamo che f( x) = 4 + x, con dominio R (infatti x + 4 per ogni 4 + ( x) = 4 + x = f(x), cioè la funzione è pari e il grafico

Dettagli

Continuità e derivabilità

Continuità e derivabilità Continuità e derivabilità Indicazioni operative Versione del 17 febbraio 2007 In questa nota propongo alcune indicazioni operative per controllare la continuità e derivabilità di funzioni elementari, o

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli