Esposizione della popolazione ad inquinanti di origine industriale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esposizione della popolazione ad inquinanti di origine industriale"

Transcript

1 Esposizione della popolazione ad inquinanti di origine industriale Prof. Giorgio Assennato Direttore Generale ARPA Puglia C N i l SALUTE ED AMBIENTE IN ITALIA Convegno Nazionale SALUTE ED AMBIENTE IN ITALIA Roma, ISS, 5-6 dicembre 2011

2

3

4 Art. 2 del D.Lgs. 155/2010: le definizioni Manca una definizione di esposizione e di esposizione si parla, indirettamente in questi punti, non sempre chiari q) indicatore di esposizione media: livello medio da determinare sulla base di misurazioni effettuate da stazioni di fondo ubicate in siti fissi di campionamento urbani presso l intero territorio nazionale e che riflette l esposizione della popolazione. Permette di calcolare se sono stati rispettati l obiettivo nazionale di riduzione dell esposizione e l obbligo di concentrazione dell esposizione; esposizione; r) obbligo di concentrazione dell esposizione: livello fissato sulla base? dell indicatore di esposizione media al fine di ridurre gli effetti nocivi sulla salute umana, da raggiungere entro una data prestabilita; s) obiettivo nazionale di riduzione dell esposizione: esposizione: riduzione, espressa in percentuale, dell esposizione media della popolazione, fissata, in relazione ad un determinato anno di riferimento, al fine di ridurre gli effetti nocivi per la salute umana, da raggiungere, ove possibile, entro una data prestabilita;

5 Pi Principii idel D.Lgs. 155/2010 (art. 4) : Zonizzazione dell intero territorio nazionale Rete di misura e programma di valutazione Modellizzazione Piani e misure da adottare ed attuare in caso di individuazione di una o più aree di superamento all'interno di una zona, mirati agli eventi specifici

6 EXPOSURE TO AIR POLLUTION (PARTICULATE MATTER) IN OUTDOOR AIR FACT SHEET 3.3 -July 2011

7 Il modello EPA su macroaree All interno delle attività di National Air Toxics Assessment, l EPA ha condotto una valutazione di 33 inquinanti aerodispersi relativa all anno 1996 (aggiornati per 1999, 2002 e 2005) a livello di contea, realizzata su quattro step: -Compilazione di un inventario nazionale delle emissioni di inquinanti aerodispersi da sorgenti outdoor -Stima delle concentrazioni ambientali di inquinanti aerodispersi -Stima delle esposizioni delle popolazioni p -Caratterizzazione del rischio potenziale di sanità pubblica per inalazione di inquinanti aerodispersi includendo effetti cancerogeni e non cancerogeni NB EPA parte dalle emissioni e tutti gli step successivi vengono ricostruiti attraverso modelli

8 STEP 1 Le emissioni Mappa delle densità di emissione di idrocarburi policiclici aromatici per contea Mappa delle densità di emissione di idrocarburi policiclici aromatici nelle contee dello stato di New York

9 STEP 2 Le concentrazioni Mappa delle concentrazioni di idrocarburi policiclici aromatici per contea ottenute attraverso modellizzazione Mappa delle concentrazioni di idrocarburi policiclici aromatici nelle contee dello stato di New York ottenute attraverso modellizzazione

10 STEP 3 Le esposizioni umane Mappa delle esposizioni a idrocarburi policiclici aromatici per contea ottenute attraverso modellizzazione i Mappa delle esposizioni a idrocarburi policiclici aromatici nelle contee dello stato di New York ottenute attraverso modellizzazione

11 STEP 4 Il rishio cancerogeno Mappa dei rischi di sviluppare un cancro per esposizione a idrocarburi policiclici i i aromatici i per contea ottenuti attraverso modellizzazione Mappa dei rischi di sviluppare un cancro per esposizione a idrocarburi policiclici aromatici nelle contee dello stato di New York ottenuti attraverso modellizzazione

12 La modellistica dell EEA sulle microaree Il rapporto, 'Revealing the costs of air pollution from industrial facilities in Europe', fornisce una lista delle industrie individuali che contribuiscono alla maggior parte del rischio. Dai dati dell European Pollutant t Release and Transfer Register (E- PRTR) si evince che nel 2009 le industrie hanno causato danni sanitari per miliardi di Euro. 191 (<2%) delle industrie che hanno fornito dati deteminano il 50% dei danni 622 (6%) delle industrie determinano Il 75% dei danni Sono consideratiii danni prodotti da NMVOC (composti organici diversi dal metano), NO x, SO x, CO 2, PM 10, NH 3 (ammonio) inquinanti organici e metalli pesanti Utilizzata la metodologia CAFE (Clean Air for Europe) per quantificare il danno alla salute in termini monetari, considerando il Valore della Vita Statistica (VSL) e il Valore di un Anno di Vita (VOLY)

13 EEA: i metodi Il percorso di calcolo dell equivalente monetario del particolato

14

15 quindi anche nella metodologia di EEA si parte dalle emissioni e si crea un modello per misurare i costi monetari relativi agli effetti sanitari Il modello è quello consolidato del programma CAFE, ma anche in questo caso la valutazione dell esposizione è stimata attraverso modelli.

16

17 Emissioni in atmosfera Figura 5- Emissioni industriali di IPA secondo i dati del Registro INES/EPRTR Emissioni di IPA (Kg/anno) Fonte dati: Elaborazione ARPA Puglia su dati ISPRA del Registro INES/ERTR della EEA

18

19 WFS = Waterfront South, quartiere di Camden considerato hot spot CDS = Copewood Davis, quartiere di Camden di controllo

20 ETS, indoor sources, occupational sources

21

22 Valutazione dell impatto sanitario dell inquinamento da idrocarburi policiclici aromatici nell area di Taranto Obiettivi specifici: Identificazione sorgenti prevalenti Valutazione stato della qualità dell aria Valutazione dell impatto sanitario dei livelli osservati di B(a)P

23 1 2 3

24 I dati di monitoraggio 2010 Andamento temporale delle concentrazioni di B[a]P per centralina Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Alto adige Talsano Machiavelli Riepilogo della concentrazione medie annuali di B[a]P (ng/m 3 )neitresitidi Taranto. Periodo *Valore obiettivo medio annuale di B(a)P: 1ng/m 3

25 TARANTO CAMPAGNA SEMESTRALE DI MONITORAGGIO GIORNALIERO IPA TOTALI E BENZO(A)PIRENE POSTAZIONI DI PRELIEVO

26 tri siti (ng/m 3 ) B(a)P alt 2,5 2,0 1,5 1,0 Concentrazioni di Benzo(a)pirene maggio 2011 Adige Eni Paolo VI Cementir Italcave Machiavelli Cimitero 8,0 7,0 6,0 5,0 4,0 3,0 B(a)P Cim mitero (ng/m 3 ) 0,5 2,0 1,0 0,0 01/05/ /05/ /05/ /05/ /05/2011 0,0 Data

27 ROSE DELL INQUINAMENTO IPA TOTALI TARANTO MAGGIO IPA TOT IPA TOT (ng/m3) IPA TOT (ng/m3) MACHIAVELLI CIMITERO ALTO ADIGE IPA TOT (ng/m3) IPA TOT (ng/m3) PAOLO VI CEMENTIR

28 CAMPAGNa DI MONITORAGGIO VENTO SELETTIVA TARANTO CAMPIONATORI WINDSELECT, COLLOCATI IN 2 SITI Ditta PEYRANI Sud (microinquinanti organici e metalli pesanti) Cimitero (microinquinanti i i organici)

29 RISULTATI WIND-SELECT MICROINQUINANTI ORGANICI Taranto - Ditta PEYRANI (rispetto all'area industriale) SETTORE SOTTOVENTO ( deg) SOPRAVENTO ( deg) Periodo IPA totali * Benzo(a)pirene PCB totali ** PCB WHO-TE PCDD/Fs PCDD/Fs V camp. ng/mc ng/mc fg/mc fg TE/mc fg I-TE/mc fg /mc mc 02-16/05/ ,6 13,08 44, , /05/ , ,5 13,05 13,21 500,8 973 CALMA DI 02-16/05/ , ,3 17,40 61, ,9 213 VENTO *** * Naftalene, Acenaftilene, Acenaftene, Fluorene, Fenantrene, Antracene, Fluorantene, Pirene, Ciclopentadiene, Benzo(a)antracene, Crisene, 5-metilcrisene, Benzo(k)+(j)fluorantene, Benzo(b)fluorantene, Benzo(a)pirene, Indeno(123-cd) pirene, Dibenzo(ah)antracene, Benzo(ghi)perilene, Dibenzo(al)pirene, Dibenzo(ae)pirene, Dibenzo(ai)pirene, Dibenzo(ah)pirene ** Somma Mono-Deca Clorobifenili *** Venti inferiori a 0,5 m/s Taranto - CIMITERO (rispetto all'area industriale) i SETTORE SOTTOVENTO ( deg) SOPRAVENTO ( deg) CALMA DI VENTO *** Periodo IPA totali * Benzo(a)pirene PCB totali ** PCB WHO-TE PCDD/Fs PCDD/Fs V camp. ng/mc ng/mc fg/mc fg TE/mc fg I-TE/mc fg /mc mc 02-16/05/ ,1 8,85 37, , /05/ , ,7 11,48 26, , /05/ , ,5 13,86 78, ,3 235 * Naftalene, Acenaftilene, Acenaftene, Fluorene, Fenantrene, Antracene, Fluorantene, Pirene, Ciclopentadiene, Benzo(a)antracene, Crisene, 5-metilcrisene, Benzo(k)+(j)fluorantene, Benzo(b)fluorantene, Benzo(a)pirene, Indeno(123-cd) pirene, Dibenzo(ah)antracene, Benzo(ghi)perilene, Dibenzo(al)pirene, Dibenzo(ae)pirene, Dibenzo(ai)pirene, Dibenzo(ah)pirene ** Somma Mono-Deca Clorobifenili *** Venti inferiori a 0,5 m/s

30 Razionale e criticità Stima del rischio cancerogeno B(a)P in classe 1 IARC sicuramente cancerogeno per l uomo Incertezza I t circa la stima quantitativa e dli del rischio e sulla relazione dose risposta IPA sono una miscela, in cui i diversi componenti hanno differente potenziale cancerogeno, BaP utilizzato come sostanza indice Revisione delle stime disponibili in letteratura:

31 Stima del rischio cancerogeno La stima del WHO: il calcolo del rischio unitario Rischio incrementale per una data popolazione esposta per tutta la vita ad una concentrazione media ponderata di 1 ng/m 3 di agente cancerogeno La stima del rischio è prodotta sulla base dei dati di uno studio sui lavoratori di cokeria e utilizza come il BaP come indicatore dell intera miscela di IPA Il valore adottato dall OMS in Airquality guidelines for Europe (1987 e 2000): 87x per 1 ng/m 3 di BaP ciò significa che concentrazioni di BaP pari a e 1.2 ng/m 3 corrispondono ad una stima dell eccesso eccesso di rischio per tumore del polmone rispettivamente di 1/ , 1/ e 1/

32 Risultati A parità di numerosità di popolazione e sulla base della concentrazione media di B(a)p rilevata nel 2010 (1.82 ng/m 3 ), la stima dei casi di tumore del polmone risulta pari a 2.79 tumori

33 Stima del rischio US EPA considers excess cancer risks that are below about 1 chance in 1,000,000 ( or 1E-06) to be so small as to be negligible, and risks above 1E-04 to be sufficiently large that some sort of remediation is desirable Risk Assessment Guidance for Superfund, 1989 Il rischio stimato, di circa 3 casi (stima del 2010) di tumore polmonare in eccesso per una esposizione lungo tutta la vita a concentrazioni di 1.82 ng/m 3 di B(a)P di una popolazione di circa persone, appare tale da rendere giustificato e auspicabile un adeguato piano di gestione del rischio.

Valutazione dell impatto sanitario dell inquinamento da idrocarburi policiclici aromatici nell area di Taranto

Valutazione dell impatto sanitario dell inquinamento da idrocarburi policiclici aromatici nell area di Taranto La VIS in Italia Esperienze e Prospettive - Roma, 28 settembre 2010 Valutazione dell impatto sanitario dell inquinamento da idrocarburi policiclici aromatici nell area di Taranto Lucia Bisceglia ARPA Puglia

Dettagli

Sede legale ARPA PUGLIA. Centro Regionale Aria Direzione Scientifica E-mail: aria@arpa.puglia.it

Sede legale ARPA PUGLIA. Centro Regionale Aria Direzione Scientifica E-mail: aria@arpa.puglia.it Risultati della campagna di monitoraggio di aria ambiente vento-selettiva effettuata con campionatore Wind Select di ARPA Puglia nel comune di Villa Castelli (BR) presso l Istituto Scolastico C. Collodi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI ARPA PUGLIA

RELAZIONE TECNICA DI ARPA PUGLIA RELAZIONE TECNICA DI ARPA PUGLIA Risultati della campagna di monitoraggio invernale vento-selettiva con campionatore Wind Select di ARPA Puglia nel comune di Torchiarolo (BR) BRINDISI, 31-08-2009 ARPA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI ARPA PUGLIA

RELAZIONE TECNICA DI ARPA PUGLIA RELAZIONE TECNICA DI ARPA PUGLIA Risultati delle campagne di monitoraggio vento-selettive con campionatori Wind Select di ARPA Puglia nei comuni di Brindisi e di Torchiarolo (BR). BRINDISI, 30-04-2009

Dettagli

Pietro Apostoli, Simona Catalani, Jacopo Fostinelli

Pietro Apostoli, Simona Catalani, Jacopo Fostinelli STIMA INTEGRATA DELL'ESPOSIZIONE A XENOBIOTICI NEGLI AMBIENTI LAVORATIVI E GENERALI: QUALCHE UTILE SPUNTO DALLA NOSTRA ESPERIENZA NELLO STUDIO DI METALLI ED IPA NELLA METALLURGIA FERROSA E NON? Pietro

Dettagli

per lo studio delle sorgenti emissive di microinquinanti organici e di metalli Alessandra Nocioni Arpa Puglia

per lo studio delle sorgenti emissive di microinquinanti organici e di metalli Alessandra Nocioni Arpa Puglia Rilevazioni ventoselettive in aria ambiente per lo studio delle sorgenti emissive di microinquinanti organici e di metalli Alessandra Nocioni Arpa Puglia Rilevazioni vento-selettive in aria ambiente per

Dettagli

RELAZIONE DI VALUTAZIONE

RELAZIONE DI VALUTAZIONE RELAZIONE DI VALUTAZIONE MONITORAGGIO AMBIENTALE DELL ARIA TERRITORIO DEL COMUNE DI CASORATE SEMPIONE 1. Scopo del monitoraggio Lo scopo del monitoraggio è quello di determinare l impatto ambientale generato

Dettagli

SC Rischio Industriale e Energia SS Rischio Industriale e Igiene Industriale. IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE di TORINO- zona GERBIDO

SC Rischio Industriale e Energia SS Rischio Industriale e Igiene Industriale. IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE di TORINO- zona GERBIDO SC Rischio Industriale e Energia SS Rischio Industriale e Igiene Industriale RELAZIONE TECNICA SOGGETTO CONTROLLATO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE di TORINO- zona GERBIDO Data di redazione: ANALISI E

Dettagli

Dall esperienza pugliese della valutazione del danno sanitario alle proposte del gruppo di lavoro ambiente e salute della rete ISPRA/ARPA/APPA

Dall esperienza pugliese della valutazione del danno sanitario alle proposte del gruppo di lavoro ambiente e salute della rete ISPRA/ARPA/APPA Valutazione di impatto sulla salute: esperienze, progetti e network nazionali Dall esperienza pugliese della valutazione del danno sanitario alle proposte del gruppo di lavoro ambiente e salute della rete

Dettagli

Foto:Vittorio Triggiani

Foto:Vittorio Triggiani Foto:Vittorio Triggiani Quadro sinottico indicatori Subtematica Nome indicatore DPSIR Fonte dei Dati PM 1 S ARPA Puglia PM 2.5 S ARPA Puglia Qualità dell aria Emissioni in atmosfera NO 2 S ARPA Puglia

Dettagli

Attività di Arpa nell ambito della procedura di bonifica del sito Hera ex Gasometri. Maria Adelaide Corvaglia

Attività di Arpa nell ambito della procedura di bonifica del sito Hera ex Gasometri. Maria Adelaide Corvaglia Attività di Arpa nell ambito della procedura di bonifica del sito Hera ex Gasometri Maria Adelaide Corvaglia Bologna 26 novembre 2014 procedura di bonifica fasi procedura bonifica attività di Arpa criticità

Dettagli

Monitoraggio della qualità dell aria Aeroporto G. Marconi

Monitoraggio della qualità dell aria Aeroporto G. Marconi Monitoraggio della qualità dell aria Aeroporto G. Marconi 8 luglio 31 agosto 2011 Arpa Sezione Provinciale di Bologna Servizio Sistemi Ambientali Area S.O. Monitoraggio e Valutazione Aria OBIETTIVO Monitorare

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ASSESSORATO PER L AMBIENTE INDAGINE SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO DA IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI -IPA

COMUNE DI NOVARA ASSESSORATO PER L AMBIENTE INDAGINE SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO DA IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI -IPA COMUNE DI NOVARA ASSESSORATO PER L AMBIENTE INDAGINE SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO DA IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI -IPA BENZENE, TOLUENE, XILENE - BTX POLVERI CON DIMENSIONE 10 mm - PM10 AGOSTO 1997

Dettagli

Foto Copertina: Vittorio Triggiani

Foto Copertina: Vittorio Triggiani Il Rapporto del 2009 della Regione Puglia rappresenta, per molte componenti ambientali, un aggiornamento delle conoscenze condotto attraverso lo sforzo di raccolta, interpretazione e sintesi dei dati disponibili

Dettagli

Indagine ambientale per la valutazione della qualità dell aria impianto di Gorizia

Indagine ambientale per la valutazione della qualità dell aria impianto di Gorizia Indagine ambientale per la valutazione della qualità dell aria impianto di Gorizia Committente: ELETTROGORIZIA SPA Via Gregorcic, 24 GORIZIA INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1 Scopo e campo di applicazione 2.0

Dettagli

Contributo della combustione di biomassa alla concentrazione di PM10 in aria ambiente in centri urbani situati in valli alpine del Trentino

Contributo della combustione di biomassa alla concentrazione di PM10 in aria ambiente in centri urbani situati in valli alpine del Trentino Contributo della combustione di biomassa alla concentrazione di PM1 in aria ambiente in centri urbani situati in valli alpine del Trentino Elisa Malloci, Gabriele Tonidandel, Paolo Lazzeri, Simone Veronesi

Dettagli

RELAZIONE SULLA CONFORMITA AMBIENTALE DEI TERRENI

RELAZIONE SULLA CONFORMITA AMBIENTALE DEI TERRENI studio montanari & partners via lusardi, 10 20122 milano t +39.0258317320 f +39.0258313397 studio@smp.mi.it www.smp.mi.it CASSA EDILE DI MILANO Via San Luca, 6 20122 Milano IMMOBILIARE AZZURRA S.r.L. Via

Dettagli

ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari. Rapporto sui livelli di Benzo(a)Pirene e metalli pesanti nel PM 10 in Puglia

ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari. Rapporto sui livelli di Benzo(a)Pirene e metalli pesanti nel PM 10 in Puglia Rapporto sui livelli di Benzo(a)Pirene e metalli pesanti nel PM 10 in Puglia Anno 2014 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari INTRODUZIONE Il Rapporto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PRELIMINARE

RELAZIONE TECNICA PRELIMINARE BENZO(a)PIRENE AERODISPERSO PRESSO LA STAZIONE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA DI VIA MACHIAVELLI A TARANTO ------------------------------------------------- ATTRIBUZIONE ALLE SORGENTI EMISSIVE

Dettagli

Monitoraggio dell Inquinamento Atmosferico nel comune di Giffoni sei Casali

Monitoraggio dell Inquinamento Atmosferico nel comune di Giffoni sei Casali Monitoraggio dell Inquinamento Atmosferico nel comune di Giffoni sei Casali Vincenzo Venditto, Maurizio Carotenuto Giffoni sei Casali 27 dicembre 2009 riassunto: il particolato atmosferico: definizioni

Dettagli

Campagna di monitoraggio con campionatore vento-selettivo in aria ambiente

Campagna di monitoraggio con campionatore vento-selettivo in aria ambiente AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE i Campagna di monitoraggio con campionatore vento-selettivo in aria ambiente Sito di monitoraggio: Taranto c/o Molo Polisettoriale Relazione

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 702/14

RAPPORTO DI PROVA N. 702/14 Data emissione: 23 settembre 2014 Committente: RUGGERI SERVICE SpA - Strada Statale 275 Maglie Leuca, Muro Leccese(LE) Sito di provenienza: Stabilimento di Muro Leccese Matrice dichiarata: Emissioni in

Dettagli

Situazione della qualità dell aria relativa al verificarsi di Wind Days

Situazione della qualità dell aria relativa al verificarsi di Wind Days Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

Overview del rapporto tecnico n.15/2011 dell EEA Revealing the costs of air pollution from

Overview del rapporto tecnico n.15/2011 dell EEA Revealing the costs of air pollution from Overview del rapporto tecnico n.15/2011 dell EEA Revealing the costs of air pollution from industrial facilities in Europe Dott. Francesco Cuccaro Dirigente Unità Ambiente e Salute ARPA Puglia Workshop

Dettagli

CONCENTRAZIONE DI MONOSSIDO DI CARBONIO NELL ARIA AMBIENTE

CONCENTRAZIONE DI MONOSSIDO DI CARBONIO NELL ARIA AMBIENTE CONCENTRAZIONE DI MONOSSIDO DI CARBONIO NELL ARIA AMBIENTE Il monossido di carbonio è un inquinante da traffico caratteristico delle aree urbane a circolazione congestionata. CLASSIFICAZIONE TEMA SOTTOTEMA

Dettagli

Analisi statistica. Giuseppe De Palma. U.O. Medicina del Lavoro, Igiene, Tossicologia e Prevenzione Occupazionale ASST Spedali Civili Brescia

Analisi statistica. Giuseppe De Palma. U.O. Medicina del Lavoro, Igiene, Tossicologia e Prevenzione Occupazionale ASST Spedali Civili Brescia Analisi statistica Giuseppe De Palma U.O. Medicina del Lavoro, Igiene, Tossicologia e Prevenzione Occupazionale ASST Spedali Civili Brescia Monitoraggio ambientale IPA, ng/m 3 Postazioni fisse (N=4) Campionamenti

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA DELL ARIA IN PUGLIA ANNO 2009

RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA DELL ARIA IN PUGLIA ANNO 2009 RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA DELL ARIA IN PUGLIA ANNO 29 Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell ambiente Corso Trieste, 27 7126 Bari www.arpa.puglia.it 1 INDICE 1. Introduzione pag.

Dettagli

4.1 AMBIENTE E SALUTE. Lucia Bisceglia, Maria Serinelli

4.1 AMBIENTE E SALUTE. Lucia Bisceglia, Maria Serinelli 4.1 AMBENTE E SALUTE Lucia Bisceglia, Maria Serinelli ntroduzione n continuità con le precedenti edizioni delle Relazioni sullo Stato per l Ambiente, in questo capitolo sono riportati gli indicatori di

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA 2012 Emissioni in atmosfera Emissioni industriali

EMISSIONI IN ATMOSFERA 2012 Emissioni in atmosfera Emissioni industriali EMISSIONI IN ATMOSFERA 2012 Emissioni in atmosfera Emissioni industriali Nome indicatore DPSIR Fonte dati Emissioni industriali P ISPRA EEA- Registro INES/E-PRTR Obiettivo Disponibilità Copertura dati

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 5 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 2 3 Acque potabili, naturali, industriali, di scarico Alluminio, Antimonio, Arsenico, Bario, Berillio, Boro, Cadmio, Calcio, Cobalto, Cromo, Ferro, Magnesio,

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N DEL 29/11/2012

RAPPORTO DI PROVA N DEL 29/11/2012 Rimini, lì 29/11/2012 RAPPORTO DI PROVA N 1211603001 DEL 29/11/2012 Studio: 1211603 Data di ricevimento: 15/11/2012 Commessa/lotto: 46318451 Committente: URS Italia S.p.A. Campionamento effettuato da:

Dettagli

ARPA Puglia. REPORT PM10-PM2.5-BaP campagna invernale in provincia di Brindisi. Centro Regionale Aria. Ufficio Qualità dell Aria di BR-LE-TA

ARPA Puglia. REPORT PM10-PM2.5-BaP campagna invernale in provincia di Brindisi. Centro Regionale Aria. Ufficio Qualità dell Aria di BR-LE-TA REPORT PM10-PM2.5-BaP campagna invernale in provincia di Brindisi ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di BR-LE-TA 1 Con lo scopo di approfondire i livelli di concentrazione di Benzo(a)Pirene

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 10. ARIA 10.1. Inquadramento L inquinamento atmosferico è un fenomeno assai complesso poiché, oltre ad essere il risultato dell immissione di sostanze prodotte da svariate attività antropiche (produzione

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA

EMISSIONI IN ATMOSFERA EMISSIONI IN ATMOSFERA Emissioni in atmosfera Emissioni industriali Nome indicatore DPSIR Fonte dati Emissioni industriali P ISPRA EEA- Registro INES/E-PRTR Obiettivo Analizzare le emissioni in atmosfera

Dettagli

ARPA PUGLIA Agenzia regionale per la Prevenzione Tel. 08 e la Protezione dell ambiente. CENTRO REGIONALE ARIA c/o DS ARPA

ARPA PUGLIA Agenzia regionale per la Prevenzione Tel. 08 e la Protezione dell ambiente. CENTRO REGIONALE ARIA c/o DS ARPA Oggetto: Valutazione metalli (As,, e ) e Benzo(a)pirene nel PM0 ex D.Lgs. 55/200 ANNO 203 - Lecce-Via (Rete Comune di Lecce) e S.M. Cerrate (RRQA) Il 29/04/204 e il 06/04/204, sono stati trasmessi da parte

Dettagli

Campione di prova per verifica efficienza ECAIA ionizer

Campione di prova per verifica efficienza ECAIA ionizer RAPPORTO DI PROVA N 5455/14 Data emissione 10/12/2014 SPETT. SANUSLIFE INTERNATIONAL GMBH/SRL Manötsch 15 39053 KARNEID (BZ) Data inizio prove 05/12/2014 Descrizione campione Campione di prova per verifica

Dettagli

Trend emissioni industriali

Trend emissioni industriali Trend emissioni industriali Nome indicatore DPSIR Fonte dei Dati Trend emissioni industriali P ISPRA EEA- Registro INES/E-PRTR Obiettivo Analizzare le emissioni in atmosfera originate dalle attività industriali

Dettagli

Università degli studi di Genova Facoltà di Ingegneria, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali in collaborazione con PERFORM Master

Università degli studi di Genova Facoltà di Ingegneria, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali in collaborazione con PERFORM Master Università degli studi di Genova Facoltà di Ingegneria, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali in collaborazione con PERFORM Master Universitario di II livello in Master Universitario di II

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria Cogne

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria Cogne Campagna di monitoraggio della qualità dell aria Cogne - 2016 Perché La campagna è stata effettuata per iniziativa di ARPA, al fine di valutare lo stato della qualità dell aria nel comune di Cogne, una

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA RETE ILVA

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA RETE ILVA MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA RETE ILVA REPORT GENNAIO 2015 CENTRO REGIONALE ARIA ARPA PUGLIA Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it Pagina 1 di 21

Dettagli

3 a Campagna di monitoraggio 23, 24 e 26 giugno 2008

3 a Campagna di monitoraggio 23, 24 e 26 giugno 2008 Rilevazione di PCDD/F e PCB diossina simili nei fumi di processo emessi dal camino E 312 dell impianto di agglomerazione AGL/2 dello stabilimento siderurgico ILVA S.p.A. di Taranto 3 a Campagna di monitoraggio

Dettagli

LABORATORIO DI ANATOMIA PATOLOGICA

LABORATORIO DI ANATOMIA PATOLOGICA LABORATORIO DI ANATOMIA PATOLOGICA riduzione dei pezzi anatomici formaldeide inclusione in paraffina preparazione dei vetrini e fissaggio xilene ed etanolo colorazione automatica o manuale FORMALDEIDE

Dettagli

ARPA FVG. Monitoraggio della qualità dell aria. Rilievi effettuati a centrale termoelettrica spenta ed accesa nel comune di Monfalcone

ARPA FVG. Monitoraggio della qualità dell aria. Rilievi effettuati a centrale termoelettrica spenta ed accesa nel comune di Monfalcone Monitoraggio della qualità dell aria Rilievi effettuati a centrale termoelettrica spenta ed accesa nel comune di Monfalcone Mercoledì 19 novembre 2014 Comune di Monfalcone Durata del monitoraggio A2A FERMA

Dettagli

Governance Ambientale Esperienza di ARPA Puglia

Governance Ambientale Esperienza di ARPA Puglia Governance Ambientale Esperienza di TARANTO SINTER PLANT STACK Height 210 m Internal Diameter 10 m Flux 3 3.4 10 6 Nm 3 /h Gas Temperature 100 180 C D Lgs Sostenibilità 152/06 Sinter dell industria plants

Dettagli

IMPIANTO di TERMOVALORIZZAZIONE di RIFIUTI URBANI E SPECIALI NON PERICOLOSI. Stazione di Monitoraggio HERA via Barsanti - Forlì

IMPIANTO di TERMOVALORIZZAZIONE di RIFIUTI URBANI E SPECIALI NON PERICOLOSI. Stazione di Monitoraggio HERA via Barsanti - Forlì Sezione Provinciale di Forlì-Cesena Viale Livio Salinatore, 2 47121 - Forlì PEC: aoofc@cert.arpa.emr.it Tel. 543/451411 - Fax 543/451451 E-mail: Servizio Sistemi Ambientali Area Monitoraggio e Valutazione

Dettagli

THEOLAB S.p.A. Corso Europa, 600/A Volpiano (TO)

THEOLAB S.p.A. Corso Europa, 600/A Volpiano (TO) 1 NUOVA NORMATIVA CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Febbraio Giugno 2015 Legge 11 agosto 2014 n. 116 conversione del D.L. 24 giugno 2014, n. 91 Decisione della Commissione n. 2014/955/UE del 18 dicembre 2014 (in

Dettagli

I DATI SULL INQUINAMENTO DELL ARIA RILEVATO DALLE STAZIONI FISSE NELLA CITTA DI VICENZA

I DATI SULL INQUINAMENTO DELL ARIA RILEVATO DALLE STAZIONI FISSE NELLA CITTA DI VICENZA I DATI SULL INQUINAMENTO DELL ARIA RILEVATO DALLE STAZIONI FISSE NELLA CITTA DI VICENZA Anno 27 Area Tecnico-Scientifica Dipartimento Provinciale di Vicenza ARPAV Direttore Generale Andrea Drago Direttore

Dettagli

L inventario delle emissioni INEMAR. ARPAV - Verona

L inventario delle emissioni INEMAR. ARPAV - Verona ARPAV Verona L inventario delle emissioni INEMAR Francesca Predicatori INVENTARIO DELLE EMISSIONI Archivio in grado di organizzare i dati relativi alle emissioni, sia in termini di quantità sia per quanto

Dettagli

ALLEGATO 2. Piano di Monitoraggio e Controllo

ALLEGATO 2. Piano di Monitoraggio e Controllo PROVINCIA DI CAGLIARI-PROVINCIA DE CASTEDDU ASSESSORATO ALLE POLITICHE ERGETICHE - POLITICHE AMBITALI ECONOMIA VERDE Settore Ecologia e Protezione Civile Via diego Cadello, 9b 09121 CA ALLEGATO 2 Piano

Dettagli

RELAZIONE SUI DATI AMBIENTALI DELL AREA DI TARANTO

RELAZIONE SUI DATI AMBIENTALI DELL AREA DI TARANTO RELAZIONE SUI DATI AMBIENTALI DELL AREA DI TARANTO 1 PREMESSA Nell area tarantina sono presenti numerosi e diversificati elementi di pressione antropica, legati alla presenza di attività industriali oggetto,

Dettagli

Relazione sulla qualità dell aria e i rapporti con la salute nell anno 2006 nei comuni di Empoli,

Relazione sulla qualità dell aria e i rapporti con la salute nell anno 2006 nei comuni di Empoli, Simone Pagni Arezzo, 30 dicembre 2007 Relazione sulla qualità Relazione sulla qualità dell aria e i rapporti con la dell aria e i rapporti con la salute nell anno 2006 salute nell anno 2006 nei comuni

Dettagli

TRAFORO AUTOSTRADALE DEL FREJUS - GALLERIA DI SICUREZZA - LOTTO 2 OPERE CIVILI LATO ITALIA

TRAFORO AUTOSTRADALE DEL FREJUS - GALLERIA DI SICUREZZA - LOTTO 2 OPERE CIVILI LATO ITALIA TRAFORO AUTOSTRADALE DEL FREJUS - GALLERIA DI SICUREZZA - LOTTO 2 OPERE CIVILI LATO ITALIA MONITORAGGIO AMBIENTALE - FASE ANTE OPERAM Componente atmosfera Obiettivi specifici Descrizione dell area oggetto

Dettagli

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE D1 Rapporto finale di sintesi dei risultati delle

Dettagli

Darsena Area Torre Zucchi. Monitoraggio dell aria a Ravenna. Servizio Sistemi Ambientali Tel Fax

Darsena Area Torre Zucchi. Monitoraggio dell aria a Ravenna. Servizio Sistemi Ambientali Tel Fax Sezione Provinciale di Ravenna via Alberoni 17-48100 Ravenna Servizio Sistemi Ambientali Tel 0544 210629-30-31 Fax 210650 Monitoraggio dell aria a Ravenna Darsena Area Torre Zucchi 3 Ottobre 9 Novembre

Dettagli

Analisi di una coorte di modenesi esposti alle ricadute di inceneritore

Analisi di una coorte di modenesi esposti alle ricadute di inceneritore Analisi di una coorte di modenesi esposti alle ricadute di inceneritore Maria Giulia Gatti Servizio Epidemiologia Ausl Modena Torino 23.05.14 Premessa Nel 2007 la Provincia di Modena, ha rilasciato ad

Dettagli

DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI TORINO

DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI TORINO Premessa...3 Descrizione del sito di monitoraggio...3 Idrocarburi policiclici aromatici...6 IPA determinati con analisi di laboratorio sui filtri di raccolta del PM 10...7 Conclusioni...11 via Germagnano,

Dettagli

Caratteristiche dei sedimenti nei porti canale dell Emilia-Romagna

Caratteristiche dei sedimenti nei porti canale dell Emilia-Romagna Ravenna 26/09/2012 PROGETTO LIFE ENV/IT/426 COAST-BEST http://www.coast-best.eu Caratteristiche dei sedimenti nei porti canale dell Emilia-Romagna Action 2: Il prelievo dei campioni di sedimenti nei porti

Dettagli

Qualità dell aria 2014 nel Monfalconese

Qualità dell aria 2014 nel Monfalconese Qualità dell aria 2014 nel Monfalconese 29 gennaio 2016 Parliamo di: Qualità dell aria in FVG nel 2014 Focus sull area monfalconese Dettaglio del confronto centrale accesa vs centrale spenta utilizzando

Dettagli

Studi condotti dalla Metapontum Agrobios finalizzati alla valutazione dell impatto delle attività estrattive

Studi condotti dalla Metapontum Agrobios finalizzati alla valutazione dell impatto delle attività estrattive Studi condotti dalla Metapontum Agrobios finalizzati alla valutazione dell impatto delle attività estrattive Audizione III Commissione consiliare 26.10.2011 Studi realizzati Area di studio 2000-2005 Val

Dettagli

1. MATRICI AMBIENTALI 1.1 ARIA. Lorenzo Angiuli, Monica Bevere, Tiziano Pastore, Stefano Spagnolo, Livia Trizio, Ettore Valentini

1. MATRICI AMBIENTALI 1.1 ARIA. Lorenzo Angiuli, Monica Bevere, Tiziano Pastore, Stefano Spagnolo, Livia Trizio, Ettore Valentini 1. MATRICI AMBIENTALI 1.1 ARIA Lorenzo Angiuli, Monica Bevere, Tiziano Pastore, Stefano Spagnolo, Livia Trizio, Ettore Valentini Foto: Roberto Primerano 1 Introduzione I dati di qualità dell aria del 2011

Dettagli

RELAZIONE SUI DATI DELLA QUALITA DELL ARIA TARANTO 2013

RELAZIONE SUI DATI DELLA QUALITA DELL ARIA TARANTO 2013 RELAZIONE SUI DATI DELLA QUALITA DELL ARIA TARANTO 213 1 Questa relazione riporta i dati di qualità dell aria del 213 registrati nelle stazioni di monitoraggio del quartiere Tamburi di Taranto e, per confronto,

Dettagli

ARIA 1. Il questionario si articola nelle seguenti sezioni:

ARIA 1. Il questionario si articola nelle seguenti sezioni: RILEVAZIONE DATI AMBIENTALI NELLE CITTÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO ARIA 1 ANNO 2016 Il questionario si articola nelle seguenti sezioni: Misurazioni in siti fissi e parametri statistici

Dettagli

Monitoraggio sperimentale effettuato con campionatore ad alto volume. Attività svolta nel 2008

Monitoraggio sperimentale effettuato con campionatore ad alto volume. Attività svolta nel 2008 Monitoraggio sperimentale effettuato con campionatore ad alto volume Attività svolta nel 2008 Obiettivo attività: L attività oggetto della seguente presentazione è stata svolta da questa Agenzia su incarico

Dettagli

Emellina M. Cucchiari

Emellina M. Cucchiari ECOMONDO 2011 Rimini - 10 novembre 2011 II edizione convegno L.A.V. Nuove tecnologie, strategie e prospettive del risanamento in-situ Emellina M. Cucchiari L.A.V. srl lav@lavrimini.com Via Nuova Circonvallazione,

Dettagli

Nella tabelle che seguono sono riportati, per ogni inquinante, i valori limite e di riferimento contenuti nel DL 155/2010.

Nella tabelle che seguono sono riportati, per ogni inquinante, i valori limite e di riferimento contenuti nel DL 155/2010. 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI QUALITÀ DELL ARIA 1.1 Quadro normativo: limiti e valori di riferimento Nel corso del 2010 il quadro normativo in materia di qualità dell aria ha subito sostanziali

Dettagli

MONITORAGGIO DI QUALITA DELL ARIA RENDE (Ex Legnochimica) 11 aprile 11 maggio giugno 11 agosto 2016

MONITORAGGIO DI QUALITA DELL ARIA RENDE (Ex Legnochimica) 11 aprile 11 maggio giugno 11 agosto 2016 ARIA MONITORAGGIO DI QUALITA DELL ARIA RENDE (Ex Legnochimica) 11 aprile 11 maggio 2016 09 giugno 11 agosto 2016 Redatto dalla dr.ssa Maria Anna Caravita con la supervisione della dr.ssa Claudia Tuoto

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Treviso DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO. Comune di Asolo

Dipartimento Provinciale di Treviso DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO. Comune di Asolo Dipartimento Provinciale di IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Comune di Periodi di indagine: 18 Febbraio 5 Marzo 2003 (semestre freddo) 21-26 Marzo 2006 (semestre freddo)

Dettagli

Emissioni di PM e di IPA da quadricicli leggeri alimentati a gasolio

Emissioni di PM e di IPA da quadricicli leggeri alimentati a gasolio Paolo Picini - ENEA Pasquale Spezzano - ENEA Luigi Fabriani-ENEA Fabrizio Messale-ENEA Dario Cataldi-ENEA Claudio Manni-ENEA Marco Sindona- Laureando ENEA-Università Roma III Eugenio Donato- Comune di

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE CHIMICA DEL PM 2.5 IN AMBIENTI DOMESTICI

CARATTERIZZAZIONE CHIMICA DEL PM 2.5 IN AMBIENTI DOMESTICI CARATTERIZZAZIONE CHIMICA DEL PM 2.5 IN AMBIENTI DOMESTICI TOFFUL Luca 1, CANEPARI Silvia 2, SARGOLINI Tiziana 3, PERRINO Cinzia 3 1 Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive, Sapienza Università

Dettagli

Direzione Scientifica- Centro Regionale Aria Corso Trieste 27, Bari Tel Fax

Direzione Scientifica- Centro Regionale Aria Corso Trieste 27, Bari Tel Fax Alla c.a. del Direttore Generale di Arpa Puglia Avv. Vito Bruno RELAZIONE TECNICA Oggetto: Nota tecnica in riscontro alle segnalazioni relative alla presenza di nubi marroni a Taranto pervenute al Servizio

Dettagli

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 8 giugno 2010 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia

Dettagli

RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA ARPA Puglia Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale Dipartimento Provinciale di Direttore Dott. Elio Calabrese RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA Aggiornamento dati Qualità dell Aria Valutazione

Dettagli

Sintesi della relazione conclusiva (Novembre 2012)

Sintesi della relazione conclusiva (Novembre 2012) Piano di Monitoraggio Ambientale della Qualità dell Aria nei pressi dell impianto di cogenerazione a biomasse naturali per la produzione di energia elettrica, con potenza termica autorizzata di 49.2 MWt,

Dettagli

Premessa. QUESTIONE GIUSTIZIA, n.2/2014

Premessa. QUESTIONE GIUSTIZIA, n.2/2014 Premessa QUESTIONE GIUSTIZIA, n.2/2014 Premessa Attributable risk for lung cancer in city A Attributable risk = incidence in city A minus incidence in city B= 20 10 This is best expressed as a fraction

Dettagli

Ufficio Aria Dipartimento Provinciale

Ufficio Aria Dipartimento Provinciale CAMPAGNA DI MONITORAGGIO E METALLI P.zza VITTORIO EMANUELE - POTENZA - ANNO 15 1 Gestione, Manutenzione ed Elaborazione a cura di: Ufficio Aria, Dip. prov. Potenza P.I. Giuseppe Taddonio P.I. Rocco Marino

Dettagli

Studio Comparativo tra i valori di PM10 di Barletta e Taranto.

Studio Comparativo tra i valori di PM10 di Barletta e Taranto. Studio Comparativo tra i valori di PM10 di Barletta e Taranto. La presente relazione si propone di effettuare una lettura e una elaborazione dei dati prelevati dalle stazioni della Rete Regionale di monitoraggio

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA' DELL'ARIA EFFETTUATA NEL COMUNE DI

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA' DELL'ARIA EFFETTUATA NEL COMUNE DI Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Bologna Area Monitoraggio

Dettagli

PROGETTI SALENTO E TARANTO

PROGETTI SALENTO E TARANTO PROGETTI SALENTO E TARANTO 1. Introduzione La situazione della qualità dell aria nel territorio pugliese vede, nonostante un miglioramento dello stato delle conoscenze, la necessità di un adeguamento della

Dettagli

Perché simulare la qualità dell'aria? Qualche esempio applicativo

Perché simulare la qualità dell'aria? Qualche esempio applicativo Perché simulare la qualità dell'aria? Qualche esempio applicativo Il ruolo della modellistica numerica nella valutazione e nella previsione dell'inquinamento atmosferico a scala regionale e sub-regionale

Dettagli

L inquinamento atmosferico a Taranto e salute

L inquinamento atmosferico a Taranto e salute XXXVI Congresso Nazionale Up-date sulle neoplasie toraciche: dalla prevenzione alla terapia L inquinamento atmosferico a Taranto e salute Maria Serinelli ARPA - Puglia Taranto, 21 Ottobre 2010 Background

Dettagli

Laboratorio Mobile Campagna di Misura Inquinamento Atmosferico COMUNE DI GELA Consorzio A.S.I. 14/11/ /02/2008

Laboratorio Mobile Campagna di Misura Inquinamento Atmosferico COMUNE DI GELA Consorzio A.S.I. 14/11/ /02/2008 Laboratorio Mobile Campagna di Misura Inquinamento Atmosferico COMUNE DI GELA Consorzio A.S.I. 14/11/2007-19/02/2008 A cura del Servizio Tecnico IV-Atmosfera Dirigente Dott. Gaetano Capilli Laboratorio

Dettagli

Chain of custody e GPL

Chain of custody e GPL Chain of custody e GPL Qualità del dato dalla matrice ambientale al certificate analitico Indice 1. Quality assurance, chain of custody, taratura dei sistemi di campionamento 2. Good Laboratory Practices

Dettagli

ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE MARIO NEGRI

ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE MARIO NEGRI ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE MARIO NEGRI Via Giuseppe La Masa, 19-20156 Milano MI - Italy - www.marionegri.it tel +39 02 39014.1 - fax +39 02 354.6277 - mnegri@marionegri.it Monitoraggio di inquinanti,

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. AGGIORNAMENTO MAGGIO 2017 (evidenziato in rosso) Premessa: il presente documento, aggiornato

Dettagli

Impatto ambientale di una acciaieria: l esperienza di Genova-Cornigliano. Federico Valerio IST Chimica Ambientale Genova

Impatto ambientale di una acciaieria: l esperienza di Genova-Cornigliano. Federico Valerio IST Chimica Ambientale Genova Impatto ambientale di una acciaieria: l esperienza di Genova-Cornigliano Federico Valerio IST Chimica Ambientale Genova Identificazione delle fonti industriali e urbane di IPA e benzene Stima dell esposizione

Dettagli

ARPA PUGLIA Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell ambiente. Direzione Generale Corso Trieste, Bari

ARPA PUGLIA Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell ambiente. Direzione Generale Corso Trieste, Bari Prot. 16402 Bari, 16.09.2008 Al Presidente AssoArpa Dott.ssa Sonia Cantoni Ai Direttori Generali delle Agenzie Regionali e Provinciali LORO SEDI Oggetto: Accordo di Programma area industriale di Taranto

Dettagli

Incertezza analitica da circuiti interlaboratorio e incertezza da misure a camino alla luce degli interconfronti della serie IC NORDEST

Incertezza analitica da circuiti interlaboratorio e incertezza da misure a camino alla luce degli interconfronti della serie IC NORDEST Incertezza analitica da circuiti interlaboratorio e incertezza da misure a camino alla luce degli interconfronti della serie IC NORDEST Belluno 19 marzo 2009 Sommario Incertezza analitica da circuiti interlaboratorio

Dettagli

Oggetto: Nota tecnica sulla qualità dell aria in relazione all incendio avvenuto all interno della Raffineria ENI di Taranto in data 01/04/2017.

Oggetto: Nota tecnica sulla qualità dell aria in relazione all incendio avvenuto all interno della Raffineria ENI di Taranto in data 01/04/2017. Spett.le DAP TARANTO ARPA PUGLIA E p.c. Spett. le DIREZIONE GENERALE ARPA PUGLIA Oggetto: Nota tecnica sulla qualità dell aria in relazione all incendio avvenuto all interno della Raffineria ENI di Taranto

Dettagli

VARIABILITÀ INTRAURBANA DELL'INQUINAMENTO IN CITTA' INDUSTRIALIZZATE E POTENZIALE IMPATTO SULLA ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE

VARIABILITÀ INTRAURBANA DELL'INQUINAMENTO IN CITTA' INDUSTRIALIZZATE E POTENZIALE IMPATTO SULLA ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE VARIABILITÀ INTRAURBANA DELL'INQUINAMENTO IN CITTA' INDUSTRIALIZZATE E POTENZIALE IMPATTO SULLA ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE C. Mangia (1), M.Cervino (1) E.A.L. Gianicolo (2), A. Bruni (2), M.A. Vigotti

Dettagli

PORTO DI VENEZIA - POSEIDON

PORTO DI VENEZIA - POSEIDON QUALITÀ DELL ARIA IN CITTÀ PORTUALI DEL MEDITERRANEO Venezia, 24 Novembre 214 PORTO DI VENEZIA - POSEIDON Elena Gregoris, Elena Barbaro, Rossano Piazza, Andrea Gambaro Dip. Scienze Ambientali Informatica

Dettagli

MONITORAGGIO NEL COMUNE DI CORNUDA

MONITORAGGIO NEL COMUNE DI CORNUDA PROGETTO AMBIENTE E SALUTE - ANNO 2013-2014 - Monitoraggio della qualità dell aria in 12 comuni della provincia di Treviso Cavaso del Tomba - Cornuda - Crocetta del Montello - Farra di Soligo - Moriago

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO ED EFFETTI SULLA SALUTE A ROMA NEL MESE DI DICEMBRE Rapporto tecnico

INQUINAMENTO ATMOSFERICO ED EFFETTI SULLA SALUTE A ROMA NEL MESE DI DICEMBRE Rapporto tecnico INQUINAMENTO ATMOSFERICO ED EFFETTI SULLA SALUTE A ROMA NEL MESE DI DICEMBRE 2015 Rapporto tecnico A cura del Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio Roma, 31 Dicembre

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL PIEMONTE DIPARTIMENTO SUB-PROVINCIALE GRUGLIASCO ASSESSORATO AMBIENTE

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL PIEMONTE DIPARTIMENTO SUB-PROVINCIALE GRUGLIASCO ASSESSORATO AMBIENTE PPRROOVVI INNCCI IAA DDI I TTOORRI INNOO A..R..P..A.. AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL PIEMONTE DIPARTIMENTO SUB-PROVINCIALE GRUGLIASCO ASSESSORATO AMBIENTE CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DELLA

Dettagli

Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti ALLEGATO 1 Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione medi giornalieri a) Polveri

Dettagli

Inquinamento da particolatoaerodisperso nella Cittàdi Torino

Inquinamento da particolatoaerodisperso nella Cittàdi Torino Inquinamento da particolatoaerodisperso nella Cittàdi Torino sistema di monitoraggio di qualità dell aria La rete gestita dal Dipartimento di Torino di Arpa Piemonte è inserita nel Sistema Regionale di

Dettagli

Il monitoraggio del PM 10, effettuato in provincia di Brindisi dal marzo 2005, evidenzia una situazione di particolare criticità nel comune di Torchia

Il monitoraggio del PM 10, effettuato in provincia di Brindisi dal marzo 2005, evidenzia una situazione di particolare criticità nel comune di Torchia IL CASO STUDIO TORCHIAROLO R.Giua, A. Morabito e A. Nocioni ARPA Puglia Il monitoraggio del PM 10, effettuato in provincia di Brindisi dal marzo 2005, evidenzia una situazione di particolare criticità

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITÁ DELL ARIA COMUNE DI BOLOGNA AEROPORTO GUGLIELMO MARCONI 11 GENNAIO 12 FEBBRAIO 2013

MONITORAGGIO DELLA QUALITÁ DELL ARIA COMUNE DI BOLOGNA AEROPORTO GUGLIELMO MARCONI 11 GENNAIO 12 FEBBRAIO 2013 Sezione provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 4138 Bologna BO tel. 51/396211 fax 51/396216 e-mail: urpbo@arpa.emr.it SSA - Area S.O. Valutazione e Monitoraggio Aria MONITORAGGIO DELLA QUALITÁ DELL ARIA

Dettagli

Sintesi non tecnica al COMMENTO RELATIVO ALL ANALISI DEI DATI DI BTEX IN LOCALITÀ PANZANO (MONFALCONE) 13 luglio 10 settembre 2017

Sintesi non tecnica al COMMENTO RELATIVO ALL ANALISI DEI DATI DI BTEX IN LOCALITÀ PANZANO (MONFALCONE) 13 luglio 10 settembre 2017 Sintesi non tecnica al COMMENTO RELATIVO ALL ANALISI DEI DATI DI BTEX IN LOCALITÀ PANZANO (MONFALCONE) 13 luglio 10 settembre 2017 Nell ambito delle attività di approfondimento sviluppate nel corso degli

Dettagli

La qualità ambientale

La qualità ambientale IL INCONTRARE CTN_ACE IL CTN_ACE La qualità ambientale Autori Giorgio Catenacci, Donata Lerda, Elisabetta Di Caprio, Francesca Fornasier Obbiettivo dell attività Valutare le potenziali linee di sviluppo

Dettagli

PARTICOLATO ATMOSFERICO INDOOR IN SCUOLE ED ABITAZIONI: COMPOSIZIONE CHIMICA E SORGENTI

PARTICOLATO ATMOSFERICO INDOOR IN SCUOLE ED ABITAZIONI: COMPOSIZIONE CHIMICA E SORGENTI PARTICOLATO ATMOSFERICO INDOOR IN SCUOLE ED ABITAZIONI: COMPOSIZIONE CHIMICA E SORGENTI L. Tofful 1, S. Canepari 2, F. Cibella 3, S. Pareti 1, C. Perrino 1 1 CNR-Istituto sull'inquinamento Atmosferico,

Dettagli