Disposizioni organizzative relative ai procedimenti disciplinari a carico del personale regionale.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disposizioni organizzative relative ai procedimenti disciplinari a carico del personale regionale."

Transcript

1 Disposizioni organizzative relative ai procedimenti disciplinari a carico del personale regionale. Articolo 1 (Ambito di applicazione) 1. Le presenti disposizioni si applicano al personale dipendente, non dirigente, della Giunta regionale. 2. Fino alla creazione del ruolo autonomo consiliare e all approvazione delle relative norme di organizzazione interna, le presenti disposizioni si applicano al personale del Consiglio regionale, con riferimento, ove necessario, agli organi corrispondenti. Articolo 2 (Definizioni) 1. Ai fini delle presenti disposizioni si intende: a) per «ufficio disciplinare» l ufficio competente per i procedimenti disciplinari previsto dall articolo 55, comma 4, del D.Lgs. 30 marzo 2001 n. 165 (Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche); b) per «dirigente responsabile» il dirigente al quale è assegnato il dipendente soggetto a procedimento disciplinare; c) per «struttura del personale» la posizione dirigenziale nella cui declaratoria sia compreso il trattamento giuridico del personale regionale; d) per «denuncia penale» la denuncia prevista dall articolo 331 del codice di procedura penale; e) per «arbitro unico» il soggetto previsto dal contratto collettivo nazionale quadro in materia di procedure di conciliazione ed arbitrato sottoscritto il 23 gennaio 2001, rinnovato con il contratto nazionale quadro sottoscritto il 24 luglio Articolo 3 (Sanzioni disciplinari) 1. Le violazioni da parte dei dipendenti degli obblighi previsti dal codice disciplinare contenuto nel contratto collettivo nazionale di lavoro danno luogo, secondo la gravità dell infrazione, previo procedimento disciplinare, all applicazione delle seguenti sanzioni disciplinari: a) rimprovero verbale; b) rimprovero scritto o censura; c) multa di importo fino a un massimo di 4 ore di retribuzione; d) sospensione dal servizio e dalla retribuzione fino a un massimo di 10 giorni; e) sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da 11 giorni fino a un massimo di sei mesi;

2 f) licenziamento con preavviso; g) licenziamento senza preavviso. Articolo 4 (Competenza) 1. Le funzioni di ufficio disciplinare sono esercitate dalla struttura del personale. 2. L ufficio disciplinare è competente per tutti i procedimenti disciplinari fatta eccezione per il rimprovero verbale e il rimprovero scritto, o censura, che sono di competenza del dirigente responsabile. 3. Qualora l ufficio disciplinare venga direttamente a conoscenza di fatti disciplinarmente rilevanti, li segnala immediatamente al dirigente responsabile, il quale assume le determinazioni in ordine alla competenza del procedimento disciplinare. Articolo 5 (Applicazione del rimprovero verbale e del rimprovero scritto o censura) 1. Le sanzioni disciplinari sono applicate con determinazione dirigenziale ad eccezione del rimprovero verbale che può essere inflitto verbalmente e deve risultare dalla comunicazione di cui al comma 7, lettera a). 2. Il rimprovero verbale è applicato direttamente dal dirigente responsabile anche senza previa tempestiva contestazione scritta dell addebito al dipendente. 3. Nel caso in cui sia applicabile il rimprovero scritto o censura il dirigente responsabile provvede alla contestazione scritta dell addebito, da effettuarsi tempestivamente, e comunque non oltre 20 giorni da quando ha avuto conoscenza del fatto, stabilendo contestualmente la convocazione dell audizione del dipendente per essere sentito a sua difesa. 4. All audizione per la difesa il dipendente può farsi assistere da un procuratore ovvero da un rappresentante dell associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato. 5. La convocazione scritta per la difesa, di cui al comma 3, non può avvenire prima che siano trascorsi cinque giorni lavorativi dalla contestazione del fatto che vi ha dato causa. 6. Trascorsi inutilmente 15 giorni dalla convocazione per la difesa del dipendente, la sanzione viene applicata nei successivi 15 giorni. 7. Il dirigente responsabile, alla conclusione del procedimento, trasmette alternativamente all ufficio disciplinare: a) la comunicazione dell avvenuta applicazione del rimprovero verbale; b) la copia della determinazione di applicazione del rimprovero scritto e dei relativi atti istruttori; c) la copia della determinazione con cui dispone la chiusura del procedimento nei casi in cui si ritenga che non vi sia luogo a procedere disciplinarmente.

3 Articolo 6 (Applicazione della multa, della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione, del licenziamento con preavviso e del licenziamento senza preavviso) 1. Il dirigente responsabile, nel caso in cui la sanzione da comminare non sia di sua competenza ai sensi dell articolo 3, segnala, entro dieci giorni da quando è venuto a conoscenza del fatto, all ufficio disciplinare, i fatti da contestare al dipendente per l istruzione del procedimento. 2. Qualora, nel corso del procedimento già avviato con la contestazione, emerga che la sanzione da applicare non sia di sua competenza, il dirigente responsabile, entro cinque giorni, trasmette tutti gli atti all ufficio disciplinare, dandone contestuale comunicazione all interessato. Il procedimento prosegue senza soluzione di continuità presso quest ultimo ufficio senza ripetere la contestazione scritta dell addebito e gli atti istruttori. 3. In caso di mancata comunicazione nei termini stabiliti ai commi 1 e 2, si darà corso all accertamento della responsabilità dei soggetti tenuti alla comunicazione. 4. L ufficio disciplinare, entro 20 giorni dalla ricezione della segnalazione di cui al comma 1, provvede alla contestazione scritta dell addebito, stabilendo contestualmente la convocazione del dipendente per essere sentito a sua difesa. 5. All audizione per la difesa il dipendente può farsi assistere da un procuratore ovvero da un rappresentante dell associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato. 6. La convocazione scritta per la difesa non può avvenire prima che siano trascorsi cinque giorni lavorativi dalla contestazione del fatto che vi ha dato causa. 7. Trascorsi inutilmente 15 giorni dalla convocazione per la difesa del dipendente la sanzione viene applicata nei successivi 15 giorni. Articolo 7 (Fatti illeciti di rilevanza penale. Sospensione e riattivazione del procedimento) 1. Il dirigente responsabile che viene a diretta conoscenza di illeciti disciplinari aventi rilevanza penale commessi in servizio da un dipendente, inoltra la denuncia penale dandone tempestiva comunicazione all ufficio disciplinare. 2. Qualora l ufficio disciplinare venga direttamente a conoscenza di illeciti disciplinari aventi rilevanza penale, inoltra la denuncia penale e contestualmente esegue la segnalazione di cui all articolo 3, comma Il dirigente responsabile avvia il procedimento disciplinare, ovvero se ritiene la sanzione da applicare non di sua competenza, trasmette gli atti all ufficio disciplinare. 4. L ufficio che ha avviato il procedimento è tenuto a sospenderlo con determinazione dirigenziale in attesa della sentenza definitiva o comunque della conclusione del procedimento penale. 5. La sospensione è disposta anche nel caso in cui l obbligo della denuncia penale emerga nel corso del procedimento disciplinare già avviato ovvero quando l ente venga a conoscenza dell esistenza di un procedimento penale a carico del dipendente, per i medesimi fatti, oggetto di procedimento disciplinare. 6. L ufficio disciplinare è tenuto alla denuncia penale anche qualora venga a conoscenza della rilevanza penale delle infrazioni disciplinari solo a seguito della chiusura del procedimento da parte del dirigente responsabile.

4 7. Nella fattispecie di cui al comma 6, o comunque in ogni caso di omessa denuncia, il dirigente inadempiente risponde delle conseguenze patrimoniali a carico dell amministrazione derivanti dall annullamento della sanzione disciplinare per omissione della denuncia penale o per mancata sospensione del procedimento disciplinare. 8. Qualora l ente sia venuto a conoscenza dei fatti che possono dar luogo a sanzione disciplinare solo a seguito della sentenza definitiva di condanna, il procedimento è avviato nei termini di cui all articolo 4, comma 3 e all articolo 5, comma Fatto salvo il disposto dell articolo 32 quinquies del codice penale, il procedimento disciplinare, sospeso ai sensi del presente articolo, è riattivato entro 180 giorni e si conclude entro 120 giorni dalla sua riattivazione. 10. Per i soli casi previsti dall articolo 5, comma 4, della legge 27 marzo 2001 n. 97 (Norme sul rapporto tra procedimento penale e procedimento disciplinare ed effetti del giudicato penale nei confronti dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche), il procedimento disciplinare precedentemente sospeso è riattivato entro 90 giorni da quando l ente ha avuto comunicazione della sentenza definitiva e deve concludersi entro 120 giorni dalla sua riattivazione. Articolo 8 (Conoscenza dei fatti) 1. La conoscenza dei fatti posti a fondamento della responsabilità disciplinare deve essere tale da permettere una contestazione dell addebito analitica e circostanziata. Articolo 9 (Diritto di accesso) 1. Al dipendente o, su espressa delega al suo difensore, è consentito l accesso a tutti gli atti istruttori riguardanti il procedimento a suo carico. Articolo 10 (Riservatezza) 1. Le comunicazioni concernenti i procedimenti disciplinari devono garantire l assoluta riservatezza dei dati relativi ai soggetti interessati dal procedimento. Articolo 11 (Criteri di applicazione delle sanzioni) 1. Il soggetto competente ai sensi dell articolo 3, sulla base degli accertamenti effettuati e delle giustificazioni addotte dal dipendente, applica la sanzione ritenuta applicabile in osservanza dei principi e dei criteri previsti dal contratto collettivo nazionale di lavoro. 2. Qualora ritenga che non vi sia luogo a procedere disciplinarmente, dispone la chiusura del procedimento, dandone comunicazione all interessato.

5 Articolo 12 (Riduzione della sanzione) 1. Su richiesta del dipendente, la sanzione applicabile può essere ridotta. 2. La determinazione di applicazione della sanzione in forma ridotta non è suscettibile di impugnazione. Articolo 13 (Estinzione del procedimento) 1. Il procedimento disciplinare, salvi i casi previsti dall articolo 6, commi 9 e 10, deve concludersi entro 120 giorni dalla data di contestazione dell addebito. Qualora non sia stato portato a termine entro tale data, il procedimento si estingue. 2. Non può tenersi conto ad alcun effetto delle sanzioni disciplinari decorsi due anni dalla loro applicazione. Articolo 14 (Impugnazione delle sanzioni) 1. Il dipendente, anche per mezzo di un procuratore o dell associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato, può impugnare la sanzione disciplinare mediante richiesta di conciliazione e arbitrato davanti all arbitro unico. 2. La richiesta deve essere depositata presso l ufficio disciplinare, oppure inviata a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, entro venti 20 giorni dalla comunicazione della sanzione. 3. Le procedure arbitrali sono regolate dalle disposizioni di cui al contratto collettivo nazionale quadro in materia di procedure di conciliazione ed arbitrato sottoscritto il 23 gennaio 2001, rinnovato con il contratto nazionale quadro sottoscritto il 24 luglio Per effetto dell impugnazione gli effetti della sanzione disciplinare sono sospesi fino alla definizione della controversia. 5. Il dirigente della struttura del personale adotta tempestivamente gli atti necessari a garantire la piena esecuzione del lodo arbitrale pronunciato dall arbitro unico. Articolo 15 (Norma di rinvio) 1. Per tutto quanto non previsto dalle presenti disposizioni, si rinvia all articolo 55 del D.Lgs. 30 marzo 2001 n. 165 (Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche) e alle disposizioni in materia di sanzioni e procedimenti disciplinari, e di procedure di conciliazione ed arbitrato, previste dai contratti collettivi nazionali di lavoro del personale non dirigente del comparto Regioni ed Autonomie Locali.

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Direzione per la gestione amministrativa del personale Area personale tecnico amministrativo Settore affari generali Riferimenti normativi e contrattuali: REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Artt.

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE NORMATIVA REGOLAMENTARE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI

CODICE DISCIPLINARE NORMATIVA REGOLAMENTARE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) CODICE DISCIPLINARE E NORMATIVA REGOLAMENTARE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI - Delibera G.C. n.111 del 27.09.2001: Costituzione Ufficio competente

Dettagli

PROCEDIMENTI DISCIPLINARI

PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Pagina: 1 di 6 UNITÀ - NOME FIRMA DATA PREPARATO VERIFICATO APPROVATO AUTORIZZATO SDG Manuela Di Dio PCF Bruno Tribioli GRU Guido Rossetti SDG - Luciana Cecchetti Direttore Generale Luigi De Magistris

Dettagli

Comune di Livorno. Procedimento disciplinare norme procedurali

Comune di Livorno. Procedimento disciplinare norme procedurali Comune di Livorno Procedimento disciplinare norme procedurali Approvate con disposizione del Segretario Generale n. 1029 del 16/3/2010 1 INDICE GENERALE Art. 1 principi generali. 3 Art. 2 sanzioni di minore

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI COMUNE DI SAN GIOVANNI ILARIONE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Approvato con delibera di consiglio comunale n. 34 del 29.10.2015 Sommario CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

INDICE GENERALE ABBREVIAZIONI UTILIZZATE NEL TESTO. CCNL: Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, comparto Regioni ed Enti Locali

INDICE GENERALE ABBREVIAZIONI UTILIZZATE NEL TESTO. CCNL: Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, comparto Regioni ed Enti Locali INDICE GENERALE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO pag. 1 ART. 2 - MODALITA PER LA CONTESTAZIONE DEGLI ADDEBITI pag. 1 ART. 3 - CONVOCAZIONE PER LA DIFESA pag. 1 ART. 4 - COMPETENZA PER LE SANZIONI DISCIPLINARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IRROGAZIONE DI SANZIONI DISCIPLINARI AL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA, SANITARIA, PROFESSIONALE TECNICA ED AMMINISTRATIVA

REGOLAMENTO PER L IRROGAZIONE DI SANZIONI DISCIPLINARI AL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA, SANITARIA, PROFESSIONALE TECNICA ED AMMINISTRATIVA REGOLAMENTO PER L IRROGAZIONE DI SANZIONI DISCIPLINARI AL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA, SANITARIA, PROFESSIONALE TECNICA ED AMMINISTRATIVA (Approvato con provvedimento deliberativo n. 757 del 24.06.2010)

Dettagli

CITTÀ DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine

CITTÀ DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine CITTÀ DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine REGOLAMENTO UNICO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI APPROVATO con delib. G.C. n. 29 del 15.02.2010 1 ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE CERVIGNANESE

Dettagli

Regolamento Comunale per l applicazione delle sanzioni disciplinari per il personale dipendente del Comune di Oppido Mamertina (RC)

Regolamento Comunale per l applicazione delle sanzioni disciplinari per il personale dipendente del Comune di Oppido Mamertina (RC) COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA CORSO LUIGI RAZZA N. 2 89014 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Regolamento Comunale per l applicazione delle sanzioni disciplinari per il personale dipendente del Comune di Oppido

Dettagli

COMUNE DI VARESE LIGURE

COMUNE DI VARESE LIGURE COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA PROCEDIMENTI DISCIPLINARI COMPETENZE E PROCEDURE DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - CONTENUTO 1. Le presenti norma, adottate ai sensi dell art. 59, comma 4, del

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI

REGOLAMENTO UNICO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA CARNIA tra i Comuni di ARTA TERME, LIGOSULLO, PAULARO e ZUGLIO Comune Capofila: PAULARO Comune di PAULARO REGOLAMENTO UNICO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato E - Regolamento comunale sull'ordinamento Generale degli Uffici e dei Servizi Dotazione organica Norme di accesso REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Approvato con deliberazione G.C. n.

Dettagli

COMUNE DI BICCARI Provincia di Foggia

COMUNE DI BICCARI Provincia di Foggia COMUNE DI BICCARI Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 163 del 17/11/2011 ad integrazione del vigente Regolamento sull Ordinamento

Dettagli

Allegato n. 1 Delibera n. 914 del 23/12/2015

Allegato n. 1 Delibera n. 914 del 23/12/2015 REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELL AREA COMPARTO SANITÁ, AREA DIRIGENZA MEDICO- VETERINARIA E AREA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA G. CHIABÀ SAN GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA G. CHIABÀ SAN GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA G. CHIABÀ SAN GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI RIGUARDANTI IL PERSONALE DIPENDENTE DELL AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI

Dettagli

Studio di consulenza del lavoro il potere disciplinare del datore di lavoro

Studio di consulenza del lavoro  il potere disciplinare del datore di lavoro Studio di consulenza del lavoro www.dercole.org info@dercole.org il potere disciplinare del datore di lavoro Premessa I art. 2106 C.c. prevede che l inosservanza delle disposizioni contenute negli artt.

Dettagli

COMUNE DI PALLARE PROVINCIA DI SAVONA PROCEDIMENTI DISCIPILNARI COMPETENZE E PROCEDURE

COMUNE DI PALLARE PROVINCIA DI SAVONA PROCEDIMENTI DISCIPILNARI COMPETENZE E PROCEDURE COMUNE DI PALLARE PROVINCIA DI SAVONA PROCEDIMENTI DISCIPILNARI COMPETENZE E PROCEDURE Approvato con deliberazione di G.C. N 73 del 02/12/2008 ART. 1 - CONTENUTO e FONTI NORMATIVE DISPOSZIONI GENERALI

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E SULLE PROCEDURE DEL CONTENZIOSO DEL LAVORO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E SULLE PROCEDURE DEL CONTENZIOSO DEL LAVORO DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E SULLE PROCEDURE DEL CONTENZIOSO DEL LAVORO ART. 1 CONTENUTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento contiene le norme disciplinanti i procedimenti

Dettagli

FAR.COM. S.R.L. SISTEMA DISCIPLINARE

FAR.COM. S.R.L. SISTEMA DISCIPLINARE FAR.COM. S.R.L. SISTEMA DISCIPLINARE Approvato con atto dell Amministratore Unico del 01 dicembre 2014 2 INDICE Premessa... 4 Misure nei confronti dei lavoratori dipendenti... 4 Misure nei confronti dei

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi Le sanzioni disciplinari è potere strumentale a rendere più solido la possibilità di adempimento degli obblighi del lavoratore. Il datore può irrogare una pena privata per inadempimento: Il controllo sulla

Dettagli

COMUNE DI BOMPENSIERE

COMUNE DI BOMPENSIERE COMUNE DI BOMPENSIERE (Provincia di Caltanissetta) Regolamento Comunale per i procedimenti disciplinari. Approvato con delibera di Giunta Municipale n. del I N D I C E Art. 1 - Oggetto e contenuto della

Dettagli

Sistema Disciplinare

Sistema Disciplinare 1 INDICE Premessa... 3 I principali riferimenti normativi nel Sistema Disciplinare... 3 Misure nei confronti dei lavoratori dipendenti... 4 Misure nei confronti dei dirigenti... 5 Misure nei confronti

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA SISTEMA DISCIPLINARE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 41/2014 1 INDICE Premessa... 3 Misure nei confronti dei lavoratori

Dettagli

COMUNE DI FEROLETO DELLA CHIESA Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI FEROLETO DELLA CHIESA Provincia di Reggio Calabria ORIGINALE N 48 reg. Del. Del 04.09.2000 COMUNE DI FEROLETO DELLA CHIESA Provincia di Reggio Calabria DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Approvazione regolamento per i procedimenti disciplinari..

Dettagli

POTERE DISCIPLINARE DEL DATORE DI LAVORO

POTERE DISCIPLINARE DEL DATORE DI LAVORO POTERE DISCIPLINARE DEL DATORE DI LAVORO 1 2 CONTESTAZIONE DISCIPLINARE DA CHI PUO ESSERE FATTA LA CONTESTAZIONE DISCIPLINARE La contestazione può essere effettuata anche da ogni altro rappresentante del

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI NEI CONFRONTI DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI NEI CONFRONTI DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI NEI CONFRONTI DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Emanato con DR. 415 del 26 settembre 2012 INDICE Titolo I Principi generali...

Dettagli

Ge.A.S.C. Fagnano Olona (Varese) CODICE DISCIPLINARE. Approvato dal Edizione : n. 1 Consiglio di Amministrazione del il

Ge.A.S.C. Fagnano Olona (Varese) CODICE DISCIPLINARE. Approvato dal Edizione : n. 1 Consiglio di Amministrazione del il 1 Codice disciplinare Ge.A.S.C. CODICE DISCIPLINARE Approvato dal Edizione : n. 1 Consiglio di Amministrazione del 13.11.2015 il 13.11.2015 2 Codice disciplinare INDICE 1. PREMESSA, 3 2. MISURE NEI CONFRONTI

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE. Giampiero Rondini Delegato sindacale prov. Forlì Cesena

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE. Giampiero Rondini Delegato sindacale prov. Forlì Cesena IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Giampiero Rondini Delegato sindacale prov. Forlì Cesena Il nuovo quadro comandi L art.40 comma 1 recita che nelle materie relative alle sanzioni disciplinari la contrattazione

Dettagli

IL POTERE DISCIPLINARE PROCEDIMENTO E SANZIONI CONSERVATIVE

IL POTERE DISCIPLINARE PROCEDIMENTO E SANZIONI CONSERVATIVE IL POTERE DISCIPLINARE PROCEDIMENTO E SANZIONI CONSERVATIVE Lunedì 14 aprile 2014 Slides a cura dell Avv. Rosario Salonia (Salonia Associati Studio Legale) 1 LE FONTI DEL POTERE DISCIPLINARE IL CODICE

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS 231/2001 SISTEMA DISCIPLINARE

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS 231/2001 SISTEMA DISCIPLINARE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS 231/2001 SISTEMA DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE APPROVAZIONE 01 06/02/2017 Adozione Amministratore

Dettagli

COMUNE DI SEMINARA. (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI

COMUNE DI SEMINARA. (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI COMUNE DI SEMINARA =. > (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI (Approvato con delibera f. K D LAO J. 2&0 9 bl i 4 INDICE : - CAPO I - ATTIVITÀ' Articolo

Dettagli

La contestazione degli addebiti

La contestazione degli addebiti Il procedimento disciplinare come normato dal decreto legislativo n. 150 del 27/10/2009, dalle disposizioni contrattuali e dal codice di comportamento dei dipendenti pubblici. La procedura dr.ssa Federica

Dettagli

COMUNE DI SARMATO (Provincia di Piacenza) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI E PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO DEL LAVORO

COMUNE DI SARMATO (Provincia di Piacenza) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI E PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO DEL LAVORO COMUNE DI SARMATO (Provincia di Piacenza) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI E PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO DEL LAVORO 1 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI E IMPUGNAZIONI DICEMBRE 2008

MANUALE DELLE PROCEDURE DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI E IMPUGNAZIONI DICEMBRE 2008 MANUALE DELLE PROCEDURE DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI E IMPUGNAZIONI DICEMBRE 2008 Procedura di Accertamento delle Violazioni e Impugnazioni Introduzione Questo Manuale, che forma parte integrante dei

Dettagli

CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia

CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI E PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO DEL LAVORO - CONCILIAZIONE E ARBITRATO. 1 Capo I ATTIVITA' ART. 1 Contenuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL COMUNE DI VALLE AGRICOLA

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL COMUNE DI VALLE AGRICOLA REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL COMUNE DI VALLE AGRICOLA ( Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 61 del 6/11/2015) Art. 1 Oggetto del regolamento- Ufficio per I procedimenti

Dettagli

C O M U N E D I G U I G L I A

C O M U N E D I G U I G L I A C O M U N E D I G U I G L I A ( P r o v i n c i a d i M o d e n a ) *********************************************************** REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI E PER LA GESTIONE

Dettagli

Art. 24 Modifiche all art. 24 (Sanzioni e procedure disciplinari) del CCNL 6 luglio 1995

Art. 24 Modifiche all art. 24 (Sanzioni e procedure disciplinari) del CCNL 6 luglio 1995 Art. 24 Modifiche all art. 24 (Sanzioni e procedure disciplinari) del CCNL 6 luglio 1995 1. Al testo dell art. 24 del CCNL del 6 luglio 1995 sono apportate le seguenti modifiche: a) Il comma 1 è sostituito

Dettagli

ALLEGATO. Sistema disciplinare HP ITALY SRL. Data di approvazione: 17 settembre

ALLEGATO. Sistema disciplinare HP ITALY SRL. Data di approvazione: 17 settembre ALLEGATO Sistema disciplinare HP ITALY SRL 1 SOMMARIO 1. Principi generali... 3 2. Sanzioni per i Lavoratori Dipendenti... 3 2.1 Personale dipendente in posizione non dirigenziale... 4 2.2 Dirigenti...

Dettagli

REGOLAMENTO. per la GESTIONE dei PROCEDIMENTI DISCIPLINARI

REGOLAMENTO. per la GESTIONE dei PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato A) alla deliberazione di G.C. n. 220 del 14.11.2011 COMUNE DI SUBIACO REGOLAMENTO per la GESTIONE dei PROCEDIMENTI DISCIPLINARI CAPO I ATTIVITÀ Art. 1 Contenuto del regolamento e competenze 1.

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI.

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI. COMUNE DI CAPANNORI Allegato A (Parte integrante del. Giunta n 287) REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Fonti Art.3 Obblighi

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE ART. 1 LEGGE 190/2012

SISTEMA DISCIPLINARE ART. 1 LEGGE 190/2012 SISTEMA DISCIPLINARE ART. 1 LEGGE 190/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 25 Gennaio 2017 1 INDICE PREMESSA... I principali riferimenti normativi nel Sistema Disciplinare...3 Misure

Dettagli

Dlgs 165/2011 Artt. 54-55

Dlgs 165/2011 Artt. 54-55 Dlgs 165/2011 Artt. 54-55 Articolo 54 Codice di comportamento (Art.58-bis del d.lgs n.29 del 1993, aggiunto dall'art.26 del d.lgs n.546 del 1993 e successivamente sostituito dall'art.27 del d.lgs n.80

Dettagli

U.P.D. delle Camere di Commercio di La Spezia e Savona. Regolamento in materia di funzionamento dell Ufficio Procedimenti Disciplinari

U.P.D. delle Camere di Commercio di La Spezia e Savona. Regolamento in materia di funzionamento dell Ufficio Procedimenti Disciplinari U.P.D. delle Camere di Commercio di La Spezia e Savona Regolamento in materia di funzionamento dell Ufficio Procedimenti Disciplinari gennaio 2015 allegato alla Convenzione per la gestione associata dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE AREA COMPARTO. ARTICOLO 1 (Ambito di applicazione)

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE AREA COMPARTO. ARTICOLO 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE AREA COMPARTO ARTICOLO 1 (Ambito di applicazione) 1. Il Presente Regolamento si applica al personale dipendente dell Azienda ULSS 7 Pedemontana,

Dettagli

Sistema Sanzionatorio

Sistema Sanzionatorio Sistema Sanzionatorio 26/08/2011 Sistema Sanzionatorio Il presente documento Sistema Sanzionatorio rappresenta il modello disciplinare applicato da COLSER per sanzionare il mancato rispetto delle misure

Dettagli

Ai Dirigenti Scolastici del Veneto Loro Sedi

Ai Dirigenti Scolastici del Veneto Loro Sedi Prot.MIUR/A00DRVE/Uff.I/6102/A2a Venezia, 9.6.2010 Ai Dirigenti Uffici Scolastici Territoriali del Veneto Loro Sedi Ai Dirigenti Scolastici del Veneto Loro Sedi OGGETTO: procedimenti disciplinari e responsabilità

Dettagli

FLUSSO PROCEDURALE DELL UFFICIO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI

FLUSSO PROCEDURALE DELL UFFICIO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI FLUSSO PROCEDURALE DELL UFFICIO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 1 RESPONSABILITA DISCIPLINARE - OBBLIGHI DEI DIPENDENTI CCNL 6.7.1995 art. 23 (modificato dall art. 23 del CCNL 22.1.2004) integrato dall

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE S.A.T. Servizi Ambientali Territoriali ART. 1 LEGGE 190/2012. Approvato dall Assemblea in data.

SISTEMA DISCIPLINARE S.A.T. Servizi Ambientali Territoriali ART. 1 LEGGE 190/2012. Approvato dall Assemblea in data. SERVIZI AMBIENTALI TERRITORIALI S.r.l. SOCIETA DI SERVIZI DEL COMUNE DI TREVIOLO SISTEMA DISCIPLINARE S.A.T. Servizi Ambientali Territoriali ART. 1 LEGGE 190/2012 Approvato dall Assemblea in data 25 gennaio

Dettagli

Il licenziamento individuale: Impugnazione e ricorso

Il licenziamento individuale: Impugnazione e ricorso Il licenziamento individuale: Impugnazione e ricorso Novembre2013 Albini 1 La disciplina dell articolo 6 della legge 604/66 Albini 2 Articolo 6 legge 604/66 Il licenziamento deve essere impugnato a pena

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE DEI DIPENDENTI DEL COMPARTO UNICO REGIONALE REGIONE FVG-ENTI LOCALI

CODICE DISCIPLINARE DEI DIPENDENTI DEL COMPARTO UNICO REGIONALE REGIONE FVG-ENTI LOCALI AI SENSI DELL ART. 55, COMMA 2 DEL D.LGS. N. SI PUBBLICA IL CODICE DISCIPLINARE DEI DIPENDENTI DEL COMPARTO. LA PUBBLICAZIONE EQUIVALE A TUTTI GLI EFFETTI ALL AFFISSIONE ALL INGRESSO DELLA SEDE DI LAVORO.

Dettagli

CONVENZIONE UFFICIO UNICO PERSONALE

CONVENZIONE UFFICIO UNICO PERSONALE CONVENZIONE UFFICIO UNICO PERSONALE (Comuni convenzionati Castel Frentano Mozzagrogna Paglieta Treglio) Ente capofila Comune di Castel Frentano Corso Roma n.25 66032 Castel Frentano (CH) Codice fiscale

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE APPROVAZIONE 01 28/01/2016 Adozione Consiglio di Amministrazione 2 Sommario 1. PREMESSA... 4 2. LAVORATORI DIPENDENTI (QUADRI, IMPIEGATI E OPERAI)...

Dettagli

I soggetti della contrattazione collettiva/i

I soggetti della contrattazione collettiva/i La contrattazione collettiva I soggetti della contrattazione collettiva/i ARAN: Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni L ARAN ha personalità giuridica di diritto pubblico.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima IL POTERE DISCIPLINARE IN GENERALE CAPITOLO PRIMO STORIA E FONDAMENTI DEL SISTEMA

INDICE SOMMARIO. Parte Prima IL POTERE DISCIPLINARE IN GENERALE CAPITOLO PRIMO STORIA E FONDAMENTI DEL SISTEMA INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Presentazione... XVII XIX Parte Prima IL POTERE DISCIPLINARE IN GENERALE CAPITOLO PRIMO STORIA E FONDAMENTI DEL SISTEMA Guida bibliografica... 5

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA PROCURA GENERALE DELLO SPORT INDICE SOMMARIO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA PROCURA GENERALE DELLO SPORT INDICE SOMMARIO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA PROCURA GENERALE DELLO SPORT INDICE SOMMARIO TITOLO I - NORME GENERALI TITOLO II - ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA PROCURA GENERALE DELLO SPORT

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento per il funzionamento del Collegio di disciplina e per lo svolgimento del procedimento disciplinare nei confronti dei professori e dei ricercatori universitari

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI CAPO II - PROCEDIMENTO DISCIPLINARE... 2 CAPO III - SULLE IMPUGNAZIONI...

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI CAPO II - PROCEDIMENTO DISCIPLINARE... 2 CAPO III - SULLE IMPUGNAZIONI... INDICE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI Approvato con atto di Giunta n. 71 del 11.12.2002 Modificato con atto di Giunta n. 28 del 05.05.2004 CAPO I - ATTIVITA... 2 ARTICOLO 1

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Comune di Casal di Principe Provincia di caserta GESTIONE DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Adottato con Delibera di Giunta Municipale n. 24 del 29.03.2011 (allegato A ) Pag. 4 di 13 Adottato con Delibera

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA GROTTE

COMUNE DI CASTELLANA GROTTE COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provi n cia di Bari ALL. A REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL COMUNE DI CASTELLANA GROTTE CAPO I CONTENUTI DEL REGOLAMENTO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Art. 1 Contenuto

Dettagli

Provincia di Pordenone

Provincia di Pordenone Provincia di Pordenone MEDAGLIA D'ORO AL V.M.. Regolamento per l irrogazione della sospensione e del ritiro del tesserino regionale di caccia in applicazione dell'articolo 38, comma 6, della legge regionale

Dettagli

Città di Cinisello Balsamo

Città di Cinisello Balsamo Città di Cinisello Balsamo Regolamento per la determinazione e applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni alle norme delle ordinanze e dei regolamenti comunali Approvato con Delibera

Dettagli

DIRETTIVA IN MATERIA DI PROCEDIMENTO DISCIPLINARE TITOLO II: PROCEDIMENTO DISCIPLINARE A CARICO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE

DIRETTIVA IN MATERIA DI PROCEDIMENTO DISCIPLINARE TITOLO II: PROCEDIMENTO DISCIPLINARE A CARICO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE ALLEGATO A) DIRETTIVA IN MATERIA DI PROCEDIMENTO DISCIPLINARE TITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione e fonti normative. Art. 2 Ufficio per i Procedimenti Disciplinari - competenza

Dettagli

DIVISIONE I RIPARTIZIONE VI SETTORE III

DIVISIONE I RIPARTIZIONE VI SETTORE III DIVISIONE I RIPARTIZIONE VI SETTORE III 6.1) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DISCIPLINA E PER LO SVOLGIMENTO DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE NEI CONFRONTI DI PROFESSORI E RICERCATORI UNIVERSITARI

Dettagli

Regolamento sul Procedimento Sanzionatorio della Consob

Regolamento sul Procedimento Sanzionatorio della Consob Regolamento sul Procedimento Sanzionatorio della Consob Adottato con delibera n. 18750 del 19 dicembre 2013 Aggiornato con le modifiche apportate dalla delibera n. 19158 del 29 maggio 2015 Applicabile

Dettagli

DISPOSIZIONI APPLICATIVE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE FINO ALLA CATEGORIA D

DISPOSIZIONI APPLICATIVE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE FINO ALLA CATEGORIA D COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna DISPOSIZIONI APPLICATIVE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE FINO ALLA CATEGORIA D APPROVATE CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Potere disciplinare e di controllo. Monica McBritton 30 marzo 2017

Potere disciplinare e di controllo. Monica McBritton 30 marzo 2017 Potere disciplinare e di controllo Monica McBritton 30 marzo 2017 L imprenditore dell impresa - art. 2086 cod. civ. O, comunque, il soggetto titolare dell organizzazione produttiva. Dunque, il

Dettagli

ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DELLA DIRIGENZA DELL ASP

ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DELLA DIRIGENZA DELL ASP ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DELLA DIRIGENZA DELL ASP Art.1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento dispone, ai sensi

Dettagli

CAPITOLO V PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI. Art. 21 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

CAPITOLO V PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI. Art. 21 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI CAPITOLO V PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI 1) Infrazioni e sanzioni Art. 21 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI Le mancanze dei lavoratori, a seconda della loro gravità, possono dare luogo all applicazione dei seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DIRIGENTE. ARTICOLO 1 (Ambito di applicazione)

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DIRIGENTE. ARTICOLO 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DIRIGENTE ARTICOLO 1 (Ambito di applicazione) 1. Il Presente Regolamento si applica al personale dipendente dell Azienda ULSS n. 7 Pedemontana

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE PRINCIPI GENERALI Il D. Lgs. n. 150/2009 innova profondamente la figura del dirigente, indicandolo quale responsabile della gestione delle risorse umane e della quantità e

Dettagli

CAPITOLO XIII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI

CAPITOLO XIII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI Art. 69 Diritti e doveri dei lavoratori CAPITOLO XIII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI 1. Nello svolgimento del rapporto di lavoro i diritti e i doveri dei lavoratori sono disciplinati dalla legge,

Dettagli

ZIONE DELLE FONTI DI REGOLAZIONE DEL LAVORO PRIVATO E PUBBLICO

ZIONE DELLE FONTI DI REGOLAZIONE DEL LAVORO PRIVATO E PUBBLICO Art. 2106 (Sanzioni disciplinari) CAPITOLO I: IL FONDAMENTO GIURIDICO DEL POTERE DISCIPLINARE NELL EVOLU- ZIONE DELLE FONTI DI REGOLAZIONE DEL LAVORO PRIVATO E PUBBLICO 1. La natura giuridica del potere

Dettagli

Regolamento per i Procedimenti Disciplinari

Regolamento per i Procedimenti Disciplinari Comune di TERLIZZI Città Metropolitana di Bari Regolamento per i Procedimenti Disciplinari Approvato con Deliberazione di G.C. del. INDICE ART. 1 FONTI NORMATIVE ART. 2. SANZIONI DISCIPLINARI DEL PERSONALE

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) Area amministrativa

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) Area amministrativa Comune di Viadana (Provincia di Mantova) Area amministrativa REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO ARBITRALE DI DISCIPLINA. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE REGOLAMENTO

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE REGOLAMENTO AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE REGOLAMENTO PER L UFFICIO COMPETENTE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 1 INDICE TITOLO I REGOLAMENTO PER L UFFICIO COMPETENTE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI

Dettagli

IL SISTEMA DISCIPLINARE DEI GIUDICI DI PACE NELL'ORDINAMENTO ATTUALE

IL SISTEMA DISCIPLINARE DEI GIUDICI DI PACE NELL'ORDINAMENTO ATTUALE IL SISTEMA DISCIPLINARE DEI GIUDICI DI PACE NELL'ORDINAMENTO ATTUALE Art. 9 della legge 21 novembre 1991, n. 374, istitutiva del giudice di pace (in vigore fino all esercizio della delega di cui all art.

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. PER I DIPENDENTI DAI TEATRI STABILI ETI

CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. PER I DIPENDENTI DAI TEATRI STABILI ETI CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. PER I DIPENDENTI DAI TEATRI STABILI ETI Si provvede a dare affissione del seguente codice disciplinare, costituito dagli articoli estratti dal C.C.N.L. di cui sopra, nonché

Dettagli

EMANA il seguente Regolamento: Art. 1 Definizioni

EMANA il seguente Regolamento: Art. 1 Definizioni DELIBERAZIONE 2 marzo 2010. Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. IL CONSIGLIO Visto

Dettagli

Modello di Organizzazione e Gestione Il Sistema Disciplinare. S.C.M. Consultino S.r.l.

Modello di Organizzazione e Gestione Il Sistema Disciplinare. S.C.M. Consultino S.r.l. Modello di Organizzazione e Gestione Il Sistema Disciplinare INDICE 1. IL SISTEMA DISCIPLINARE...2 2. LE VIOLAZIONI DEL MODELLO...3 3. LE SANZIONI. GENERALITÀ...4 3.1 MISURE NEI CONFRONTI DEI SOGGETTI

Dettagli

Comune di ARZENE. Provincia di Pordenone REGOLAMENTO

Comune di ARZENE. Provincia di Pordenone REGOLAMENTO Comune di ARZENE Provincia di Pordenone REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DELL UFFICIO PER IL CONTENZIOSO E PER L'IRROGAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI Decreto Legislativo n.165/2001 e s.m.i. Approvato

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 6 DEL 20 OTTOBRE 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA PROCEDURA DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI NEI CONFRONTI DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI E DEI PERITI ASSICURATIVI E LE NORME

Dettagli

Comune di CISANO SUL NEVA Provincia di Savona

Comune di CISANO SUL NEVA Provincia di Savona Comune di CISANO SUL NEVA Provincia di Savona REGOLAMENTO IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ E PROCEDIMENTI DISCIPLINARI SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Contenuto del regolamento e attribuzioni)

Dettagli

INDICE. Contenuto del Regolamento e competenze...2 Disposizioni Generali in materia di responsabilità..2

INDICE. Contenuto del Regolamento e competenze...2 Disposizioni Generali in materia di responsabilità..2 INDICE CAPO 1 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 ATTIVITA.2 Contenuto del Regolamento e competenze....2 Disposizioni Generali in materia di responsabilità..2 Compiti..3 Composizione dell U.P.D......3

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI. (approvato con determinazione n.172 del 23/11/2015)

REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI. (approvato con determinazione n.172 del 23/11/2015) REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI (approvato con determinazione n.172 del 23/11/2015) 1 INDICE DEL REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI TITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di

Dettagli

Modello Organizzazione Gestione e Controllo. OMS S.r.l.

Modello Organizzazione Gestione e Controllo. OMS S.r.l. OMS S.r.l. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 e s.m.i. Allegato 3 Prima Emissione: Approvato dall Amministratore Unico OMS S.r.l. in data

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CASI DI INCOMPATIBILITA TRA IMPIEGO PUBBLICO E ALTRE ATTIVITA E ISTITUZIONE DEL SERVIZIO ISPETTIVO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CASI DI INCOMPATIBILITA TRA IMPIEGO PUBBLICO E ALTRE ATTIVITA E ISTITUZIONE DEL SERVIZIO ISPETTIVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CASI DI INCOMPATIBILITA TRA IMPIEGO PUBBLICO E ALTRE ATTIVITA E ISTITUZIONE DEL SERVIZIO ISPETTIVO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 73 del 18 novembre

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i Dipendenti dei Consorzi di Bonifica e di Miglioramento Fondiario CAPO III PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i Dipendenti dei Consorzi di Bonifica e di Miglioramento Fondiario CAPO III PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i Dipendenti dei Consorzi di Bonifica e di Miglioramento Fondiario CAPO III PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI Art. 56 DISPOSIZIONI GENERALI Le norme relative alle

Dettagli

CCNL 22 gennaio 2004

CCNL 22 gennaio 2004 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DELLE REGIONI-AUTONOMIE LOCALI CCNL 22 gennaio 2004 TITOLO IV DISPOSIZIONI DISCIPLINARI Art. 22 Clausola generale E confermata la disciplina

Dettagli

COMUNE DI GRUMENTO NOVA (Provincia di Potenza) Regolamento in materia di procedimenti disciplinari. Estratto Regolamento Uffici e Servizi

COMUNE DI GRUMENTO NOVA (Provincia di Potenza) Regolamento in materia di procedimenti disciplinari. Estratto Regolamento Uffici e Servizi COMUNE DI GRUMENTO NOVA (Provincia di Potenza) Regolamento in materia di procedimenti disciplinari. Estratto Regolamento Uffici e Servizi Deliberazione della Giunta Comunale n. 137 del 18.12.2013 C O M

Dettagli

REGOLAMENTO ARBITRATI

REGOLAMENTO ARBITRATI REGOLAMENTO ARBITRATI APPROVATO DAL CONSIGLIO FEDERALE DEL 29/11/2010 CON DELIBERA N. 101 E DALLA GIUNTA NAZIONALE DEL C.O.N.I. DEL 12/04/2011 CON DELIBERA N. 130 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DI RICEZIONE, GESTIONE E TRATTAMENTO SEGNALAZIONI ART C.C.

REGOLAMENTO DI RICEZIONE, GESTIONE E TRATTAMENTO SEGNALAZIONI ART C.C. REGOLAMENTO DI RICEZIONE, GESTIONE E TRATTAMENTO SEGNALAZIONI ART. 2408 C.C. Decorrenza 5 aprile 2013 1.1 20/06/2014 variazione indirizzo sede della Fondazione collegio sindacale 1.0 05/04/2013 regolamento

Dettagli

Fonte Fattispecie disciplinari Sanzioni Art. 3, comma 4

Fonte Fattispecie disciplinari Sanzioni Art. 3, comma 4 Codice Disciplinare del personale non avente qualifica dirigenziale Fonte Fattispecie disciplinari Sanzioni Art. 3, comma 4 a) inosservanza delle disposizioni di servizio ( ); b) condotta non conforme

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMPETENTE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI INDICE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMPETENTE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI INDICE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMPETENTE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI INDICE Art. 1 Art. 2 Contenuto del Regolamento Individuazione dell'ufficio competente per i procedimenti Art. 3

Dettagli

Il potere disciplinare. do#. William Chiaromonte 29 marzo 2017

Il potere disciplinare. do#. William Chiaromonte 29 marzo 2017 Il potere disciplinare do#. William Chiaromonte 29 marzo 2017 Violazione nell ambito del rapporto di lavoro di un obbligo di natura contra#uale da parte del lavoratore: responsabilità contra#uale ex art.

Dettagli

Regolamento per i Procedimenti Disciplinari ASL 4 Lanusei

Regolamento per i Procedimenti Disciplinari ASL 4 Lanusei INDICE 1.0 Premessa 2 2.0 4 2.1 5 2.2 5 2.3 5 2.4 6 2.5 13 3.0 13 3.1 13 3.2 14 3.3 14 3.4 15 4.0 16 5.0 16 5.1 16 5.2 17 6.0 19 7.0 21 7.1 21 7.2 21 8.0 22 8.1 22 8.2 22 All. 1 24 All. 2 38 All. 3 39

Dettagli

SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO

SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUD I DI PAVIA SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Emanato con D.R. n. 2256-2015 del 2 novembre 2015 INDICE SOMMARIO

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di PAVIA SEZIONE LAVORO Il Tribunale, nella persona del giudice del lavoro dott. Federica Ferrari ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa

Dettagli

COMUNE DI OLIVETO LUCANO PROVINCIA DI MATERA. Regolamento sulle Sanzioni disciplinari

COMUNE DI OLIVETO LUCANO PROVINCIA DI MATERA. Regolamento sulle Sanzioni disciplinari COMUNE DI OLIVETO LUCANO PROVINCIA DI MATERA Regolamento sulle Sanzioni disciplinari Giugno 2008 1 INDICE Art. 1 Oggetto e organi ufficio contenzioso 3 Art. 2 Soggetti interessati...3 Art. 3 Sanzioni disciplinari...3

Dettagli