ANALISI, MONITORAGGIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI, MONITORAGGIO"

Transcript

1 Università degli Studi di Genova DISEG - Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Laboratorio Ufficiale dei Materiali da Costruzione Ordine degli Architetti della Provincia di Genova ANALISI, MONITORAGGIO E DIAGNOSI STRUTTURALE DEL COSTRUITO Normativa Tecnica - Azioni sulle Strutture Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 1

2 ESECUZIONE E COLLAUDO DI STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO E DI STRUTTURE METALLICHE: LA NORMATIVA VIGENTE L esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato e metalliche, nonché il rinforzo delle strutture esistenti con queste tecniche, è disciplinato dalla Legge n del 5 novembre 1971 Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica (G.U. n. 321 del 21 dicembre 1971) DEFINIZIONI Sono considerate opere in conglomerato cementizio armato normale (cemento armato) quelle composte da un complesso di strutture in conglomerato cementizio ed armature che assolvano una funzione statica Sono considerate opere in conglomerato cementizio armato precompresso (cemento armato precompresso) quelle composte da conglomerato cementizio ed armature nelle quali si imprime artificialmente uno stato di sollecitazione addizionale di natura ed entità tali da assicurare permanentemente l effetto statico voluto Sono considerate opere a struttura metallica quelle nelle quali la statica è assicurata in tutto o in parte da elementi strutturali in acciaio o in altri metalli Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 2

3 CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA LEGGE 1086/71 OPERE DI INGEGNERIA CIVILE: edifici per abitazione, industriali (sili, torri, ciminiere, magazzini, depositi, capannoni, tettoie, pensiline, esclusi gli impianti), ponti, tombinature, cavalcavia, sottovia, gallerie, passerelle, dighe e altre opere di ritenuta, (serbatoi, cisterne, pontili, fari, i singoli manufatti relativi ad acquedotti, oleodotti e fognature, opere di sostegno), opere di fondazione. SONO ESCLUSE: OPERE DI INGEGNERIA MECCANICA, ELETTROTECNICA, CHIMICA, MINERARIA, NAVALE E AEREONAUTICA singole membrature: travi metalliche o in cemento armato poste in opera per eseguire nuove aperture in murature portanti; elementi costruttivi in cemento armato che assolvono limitata importanza nel contesto statico dell opera: scale di collegamento interno, poggioli, piccoli solai. pensiline e tettoie di modesta portata quando assolvono la sola funzione di protezione dagli agenti atmosferici delle colonnine di distribuzione. Le tettoie che coprono in tutto o in parte l area di un distributore di carburanti sono soggette alla Legge 1086/71 in quanto coprono anche le corsie carrabili e gli altri servizi dell impianto. opere impiantistiche (seguono una normativa autonoma) Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 3

4 opere costruite per conto dello Stato, Regioni, Provincie, Comuni, Enti dello Stato strumentali sorti per realizzare finalità che sono tipicamente dello Stato, quindi non per finalità specifiche (come ad esempio enti con compiti specifici) e con fondi messi a disposizione dallo Stato medesimo (ad esempio la Cassa per il Mezzogiorno, Consiglio di Stato, Sez. VI, n. 190) realizzate direttamente, in economia o per appalto, ovvero mediante concessione o delega (ad esempio le autostrade) quando l Ente abbia un proprio Ingegnere nell organico dell Ufficio Tecnico, e tale posto sia effettivamente coperto. OSSERVAZIONE 1. Sono escluse dalla giurisdizione della Legge 1086/71 pressoché tutte le opere pubbliche: strade, autostrade, regimentazione dei corsi d acqua. 2. Le case popolari sono incluse nella giurisdizione della Legge 1086/71? Sono costruite con fondi pubblici e l Ente costruttore (ex IACP, ora ARTE) ha Ingegneri e/o Architetti in organico nel proprio Ufficio Tecnico. Ma si tratta di una funzione tipicamente dello Stato? 3. Si osserva che se nell organico dell Ufficio Tecnico di un Ente Statale è previsto un Architetto, con posto coperto, l opera è comunque soggetta alla Legge 1086/71. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 4

5 SONO INCLUSE: strutture costituite da un organico insieme di elementi strutturali: non solo strutture complete, ma anche un insieme di elementi strutturali che assolva una significativa importanza nella statica dell opera. In particolare: opere di rinforzo e consolidamento di strutture esistenti (anche di strutture in muratura), nuove strutture in sostituzione di membrature degradate (nuovi solai in sostituzione di orizzontamenti in legno); strutture semplici che abbiano rilevante importanza nella statica dell opera: pilastri e relativa fondazione impiegati per consolidare strutture esistenti o per sostituire elementi strutturali, tiranti e catene metalliche; consolidamenti di strutture di fondazione qualunque ne sia la tecnologia. OSSERVAZIONE E sbagliato considerare incluse nel campo di applicazione della Legge 1086/71 tutte le opere che abbiano rilevanza ai fini della pubblica incolumità. La Legge non fa mai riferimento all incolumità delle persone ma all importanza, modesta o significativa, che la struttura ha nell ambito della statica dell opera. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 5

6 COMPETENZE PROFESSIONALI Progetto Architettonico (di massima o esecutivo): Architetto, Ingegnere, Geometra, Perito Edile Progetto Strutturale: Architetto, Ingegnere Direzione delle opere non strutturali: Architetto, Ingegnere, Geometra, Perito Edile Direzione delle opere strutturali: Architetto, Ingegnere Collaudo tecnico/amministrativo: Architetto, Ingegnere, Geometra, Perito Edile Prove di carico, esecuzione e verbalizzazione: Architetto, Ingegnere, Geometra, Perito Edile Collaudo strutturale: Architetto, Ingegnere iscritto da 10 anni all Ordine professionale e che non sia intervenuto in alcun modo nella progettazione dell opera. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 6

7 OSSERVAZIONE 1. E richiesta solo l iscrizione da 10 anni all Ordine Professionale (non della stessa Provincia), anche senza specifica esperienza e attività nel campo della progettazione strutturale. 2. Il collaudatore statico deve essere del tutto estraneo alla progettazione architettonica e strutturale, di massima ed esecutiva. Sebbene non vi sia uno specifico riferimento nella normativa, parrebbe inopportuno che tra progettista e collaudatore vi siano rapporti di parentela in linea retta. 3. Si osserva che la Legge 1086/71 non prevede alcun elenco specifico all interno degli ordini Professionali in cui includere i professionisti autorizzati all esecuzione dei collaudi. 4. Poiché le prove di carico sono di supporto al collaudo e non rappresentano un assunzione di responsabilità, i limiti imposti per il collaudatore non si estendono alla persona che esegue e verbalizza la prova di carico. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 7

8 PROCEDURE L esecuzione di un nuovo edificio richiede l acquisizione di autorizzazioni e concessioni da parte di vari Enti: Approvazione del progetto architettonico di massima 1. da parte del Comune di competenza, Concessione o Autorizzazione Edilizia in funzione dell importanza dell opera; in alternativa gli estremi della Denuncia di Inizio Attività D.I.A. (Legge n. 662 del 23 dicembre 1996), della Comunicazione (art. 26 della Legge n. 47 del 28 febbraio 1985), e del ricorso alla procedura del silenzioassenso (art. 7 Legge n. 94 del 25 marzo 1982 e, per Genova, alla delib. G.C. n. 229 dell 11 marzo 1999). La D.I.A. è possibile ove non sussistano vincoli relativi alle leggi in materia di beni culturali ed ambientali, nonché a disposizioni operative di strumenti urbanistici: essa è equivalente alla concessione edilizia e riguarda opere di manutenzione ordinaria e straordinaria senza modifiche della sagoma e dei prospetti, di eliminazione di barriere architettoniche, di esecuzione di recinzioni e cancelli, di creazione d impianti sportivi purché senza creazione di volumetria (quindi con movimenti di terra ed esecuzione di muri di sostegno), di adeguamento tecnologico, di costruzione di parcheggi pertinenziali in sottosuolo nell ambito dello stesso lotto su cui insiste il fabbricato, nonché di varianti a concessioni edilizia già concesse quando queste non modifichino i parametri urbanistici e la sagoma dell edificio. La comunicazione ex art. 26 Legge 47/85 riguarda le sole opere interne senza modifica delle superfici utili, della destinazione d uso e del numero di unità immobiliari anche in presenza del vincolo Legge 1497/39. Non è possibile in presenza del vincolo della Legge 1089/39. L autorizzazione è richiesta, quando non sia possibile ricorrere ad una D.I.A., per opere di manutenzione straordinaria e di restauro e risanamento conservativo come definite dalla Legge 47/85, mentre la concessione per ristrutturazione edilizia e per nuove costruzioni. Il ricorso alla procedura del silenzio-assenso ex art. 7 della Legge n. 94 del 25 marzo 1982, per il Comune di Genova è possibile relativamente a: recupero abitativo, pertinenze ed impianti tecnologici, occupazioni del suolo, demolizioni, rinterri e scavi, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo nonché ristrutturazione edilizia (art. 31 lettera b), c) e d) dell art. 31 Legge 457/78) nonché alla realizzazione di parcheggi pertinenziali (Legge n. 122/89 detta Legge Tognoli). Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 8

9 OSSERVAZIONE Le Leggi 1497/39 e 1089/39 sono state abrogate dal Decreto Legislativo n. 490 del 29 ottobre 1999 Testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali a norma dell art. 1 della Legge 8 ottobre 1997, n. 352 (G.U. n. 302 suppl. del 27 dicembre 1999) in vigore dall 11 gennaio da parte della Regione di competenza (Ufficio dei Beni Ambientali ovvero dalla Commissione Edilizia Comunale Integrata per interventi di piccola rilevanza) quando sussista sulla zona o sull area il vincolo già imposto dalla Legge n del 29 giugno 1939 Protezione delle Bellezze Naturali. Vincolo non trascritto sui rogiti notarili né alla Conservatoria dei Registri Immobiliari ma di cui si rileva l esistenza negli uffici comunali competenti. 3. in zona gravata dal vincolo idrogeologico ai sensi del R. D. n del 30 dicembre 1923 e del R.D. n del 16 maggio 1926, nel caso siano previsti movimenti di terra superiori a 200 mc o di altezza superiore ai 2 m, è necessaria l approvazione della Provincia competente (in Liguria: Area 08 Servizio Difesa del Suolo); per movimenti di terra inferiori a 200 mc è possibile una Denuncia di Inizio Attività ai sensi della Circolare n del 6 maggio 1991 (di applicazione del D.M. 11 marzo 1988, dell art. 34 della L.R. n. 22 del 16 aprile 1984). Si tratta di un vincolo non trascritto sugli atti di compravendita né alla Conservatoria dei Registri Immobiliari ma di cui si rileva l esistenza negli uffici Comunali e Provinciali competenti. La competenza di queste autorizzazioni è passata dalla Regione alla Provincia nel 1984, L.R. n. 22 del 16 aprile da parte della Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici di competenza quando sull edificio o sull area gravi il vincolo imposto dalla Legge n Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 9

10 del 1 giugno 1939 Tutela delle cose di interesse artistico o storico. Vincolo richiamato in tutti i rogiti notarili e trascritto alla Conservatoria dei Registri Immobiliari. Redazione del progetto strutturale esecutivo (Ingegnere o Architetto) che comprenda tutte le strutture previste nell opera. Devono esservi inclusi lo schema strutturale globale (distribuzione di pilastri e travi, orditure dei solai), i particolari esecutivi (disposizione e sagomatura dei ferri e carpenterie), le prescrizione esecutive (tempi di disarmo, modalità di getto, di curing, modalità di prelievo dei campioni da inviare ai Laboratori di prova, vedi più avanti), le indicazioni sui materiali, gli elementi strutturali prefabbricati previsti, nonché la Relazione di Calcolo. OSSERVAZIONE 1. Il progetto deve comprendere tutte le strutture da eseguire, non solo quelle principali; quindi sono incluse anche le opere di sostegno minori, i volumi tecnici e le altre strutture di ridotta importanza. 2. E prassi presso le pubbliche Amministrazioni che i progetti strutturali esecutivi di modesta importanza possano essere redatti e firmati anche dai geometri. Si tratta di una prassi non motivata da alcuna norma di Legge. 3. Nella prassi si definisce con il termine di Relazione di Calcolo quello che la Legge 1086/71 indica come Relazione Illustrativa dalla quale risultino le caratteristiche, le qualità e le dosature dei materiali. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 10

11 Denuncia dei lavori Il costruttore denuncia l inizio dei lavori all Ufficio del Cemento Armato della regione competente prima della loro esecuzione (in Appendice il modulo di denuncia). Nella denuncia devono essere indicati: il progettista/i progettisti dell opera (progetto architettonico e progetto strutturale) con i relativi riferimenti; l esecutore con i propri riferimenti; il committente con i propri riferimenti; il Direttore dei Lavori, sia dei lavori non strutturali che strutturali con i relativi riferimenti; gli estremi della concessione/autorizzazione edilizia o in alternativa della D.I.A. ex Legge n. 662 del 23 dicembre 1996 o della comunicazione ex art. 26 della Legge n. 47 del 28 febbraio 1985 o della procedura di silenzioassenso ex art. 7 Legge n. 94 del 25 marzo la nomina del collaudatore e, da parte di quest ultimo, la contestuale accettazione dell incarico da parte di quest ultimo e l attestazione di essere iscritto all Ordine professionale competente da non meno di 10 anni e di essere del tutto estraneo alla progettazione ed esecuzione dell opera (a partire dal 1994). Alla denuncia devono essere allegate due copie di tutta la documentazione (progetti, relazioni e concessioni), una copia viene trattenuta dall Ufficio del Cemento Armato, una copia timbrata dall Ufficio viene restituita al costruttore. La denuncia deve essere fatta prima dell esecuzione delle opere, ma può essere eseguita in più volte per le varie opere, a patto di depositare la documentazione richiesta dalla Legge 1086/71 prima dell esecuzione delle strutture. All Ufficio del Cemento Armato devono essere depositate le Relazioni Geologica/Geognostica (di competenza di un Geologo) e Geotecnica (di competenza di un Ingegnere) ex D.M. 11 marzo Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 11

12 Conservazione dei documenti (responsabile il D.L.) I documenti con il timbro dell Ufficio del Cemento Armato devono essere custoditi in cantiere e consegnati al Direttore dei Lavori alla chiusura del cantiere. Inoltre, è previsto un Giornale dei Lavori. Il Direttore dei Lavori strutturali (nominato dal committente) dirige i lavori con periodiche visite; fornisce le indicazioni tecniche necessarie; verifica la conservazione della documentazione prevista; cura il prelievo dei campioni di materiale da sottoporre a verifica nei Lavoratori autorizzati; cura l invio dei campioni ai Laboratori e la raccolta dei relativi certificati di prova; esegue, di propria iniziativa o su indicazione del Collaudatore, le prove di carico e ne redige i relativi verbali con indicazione delle misurazioni sperimentali eseguite; entro 60 giorni dall ultimazione delle strutture redige una Relazione Finale del Direttore dei Lavori sull adempimento di quanto previsto dalla normativa, cui allega i certificati rilasciati dai Laboratori ed i verbali delle prove di carico, e che deposita all Ufficio del Cemento Armato in duplice copia (una delle quali gli viene restituita timbrata); La Relazione Finale può essere depositata all Ufficio del Cemento Armato anche unitamente al Certificato di Collaudo. trasmette al Collaudatore delle strutture la copia timbrata dei documenti depositati all Ufficio del Cemento Armato nonché i certificati di prova dei materiali ed i verbali delle prove di carico in originale. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 12

13 Il Committente nomina il collaudatore, fino al DPR n. 425 del aveva tempo 60 giorni dalla fine dei lavori depositandone la nomina all Ufficio del Cemento Armato; oggi la nomina e l accettazione del collaudatore devono essere contestuali al primo deposito di documentazione, e quindi prima dell esecuzione delle opere. definisce il termine ultimo entro il quale deve essere completato il collaudo strutturale; trasmette al Collaudatore la copia timbrata dall Ufficio C.A. della sua nomina. OSSERVAZIONE Il collaudatore può essere nominato con funzioni in corso d opera in modo da seguire i lavori nel corso del loro svolgimento. Altrimenti viene nominato all inizio dei lavori ma con competenze definite a partire dalla conclusione delle opere. Se il committente è lo stesso costruttore il collaudatore viene scelto dal committente/costruttore tra una terna di nomi indicata dagli Ordini provinciali degli Architetti e degli Ingegneri. La Legge 1086/71 e le successive Circolari Ministeriali non prevedono la costituzione di appositi Albi all interno di ciascun Ordine professionale tra cui individuare le terne di nominativi indicati dagli stessi Ordini. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 13

14 OSSERVAZIONE IMPORTANTE La Circolare Min. LL. PP. n del 31 luglio 1979 prevede che Il collaudo statico nelle forme prescritte dall art. 7 (della Legge 1086/71) è obbligatorio soltanto per le strutture complesse in c.a., c.a.p. e per quelle metalliche, ferma restando la possibilità che ai tecnici diplomati, nei limiti delle rispettive competenze professionali, possa essere affidata la collaudazione dei lavori di manutenzione comprendenti strutture semplici di rafforzo e di consolidamento. Stando alla lettera della Circolare, parrebbe esservi una categoria di lavori semplici per i quali è possibile non eseguire alcun collaudo strutturale ed una diversa categoria il cui collaudo può essere affidato a tecnici diplomati. La prima categoria, delle opere che non necessitano di collaudo, può essere fatta coincidere con quella delle opere che non necessitano nemmeno del deposito della documentazione all Ufficio del Cemento Armato. Sulla seconda asserzione della circolare è necessario Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 14

15 Il Collaudatore delle opere strutturali se nominato con funzioni in corso d opera segue l esecuzione dei lavori senza prendere parte attiva alla loro direzione, che spetta solo ed esclusivamente al Direttore dei Lavori nominato dal committente. A proprio giudizio può chiedere prove di carico sulle strutture (a maturazione avvenuta) o prove di laboratorio sui materiali posti in opera o sui terreni di fondazione ritrovati; riceve la documentazione trasmessa dal Direttore dei Lavori e verifica l esito delle prove di carico; ordina e cura l esecuzione di altre prove di carico se lo ritiene necessario e di altre prove sui materiali, eventualmente anche con prelievo in opera di piccoli campioni di materiale; redige un certificato di collaudo in cui: 1) certifica di essere iscritto da almeno 10 anni all ordine professionale competente e di non aver preso parte in alcun modo alla progettazione ed esecuzione dell opera; 2) certifica la conformità dell opera agli elaborati progettuali, alle normative vigenti al momento del collaudo e agli standard di sicurezza imposti dalle norme (uno schema di collaudo è allegato nell Appendice). deposita all Ufficio del Cemento Armato duplice copia del Certificato di Collaudo; trasmette al committente tutta la documentazione ricevuta dal Direttore dei Lavori nonché la copia timbrata in originale del proprio Certificato di Collaudo. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 15

16 In caso alcune prove di carico o sui materiali diano esito non conforme alle previsioni progettuali Nel caso in cui alcune prove di carico o prove sui materiali diano risultato difforme da quanto previsto in fase di progetto, il collaudatore deve verificare se, nel pieno rispetto delle norme tecniche vigenti all epoca del collaudo, rielaborate tutte le verifiche strutturali, nonostante le difformità con il progetto, l opera risponde comunque alle prescrizioni previste dalla normativa e fornisce i previsti margini di sicurezza. In tal caso emette positivamente il Certificato di Collaudo. Se le norme tecniche non sono rispettate o il livello di sicurezza non è raggiunto ordina quegli interventi di rinforzo necessari a rendere l opera conforme alle normative vigenti. Ripetute le prove di carico emette positivamente il Certificato di Collaudo. Se riscontra una difformità insanabile con le norme tecniche, emette un Certificato di Collaudo negativo (che deposita all Ufficio del Cemento Armato secondo le procedure descritte) e ordina la demolizione dell opera o della sua parte che è risultata non conforme e non conformabile alla normativa. ESEMPIO. I certificati di prova dei materiali attestano che il CLS delle travi presenta una resistenza inferiore a quanto richiesto dal progetto strutturale esecutivo. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 16

17 Caso A. La resistenza richiesta era di 25 MPa (250 kg/cmq) ed è risultata di 18 MPa (180 kg/cmq). Il collaudatore deve ricalcolare la struttura, eventualmente ordinando opere di rinforzo in modo tale da rendere la struttura idonea a sostenere i carichi previsti dalle norme. Eseguite le opere di rinforzo (se necessarie) e sottoposta a nuova prova di carico la struttura consolidata emette il Certificato di Collaudo. Caso B. La resistenza richiesta era di 25 MPa (250 kg/cmq) ed è risultata di 11 MPa (110 kg/cmq). Un CLS con resistenza inferiore ai 15 MPa (150 kg/cmq) non può essere ammesso per impieghi strutturali. Il collaudatore deve ordinare l esecuzione di opere che sostituiscano del tutto la funzione strutturale delle strutture eseguite con il CLS inadeguato, eventualmente ordinandone la demolizione e ricostruzione. Ripetute le prove di carico emette il Certificato di Collaudo. Se la situazione non consente di rinforzare o sostituire le strutture eseguite con CLS non idoneo ad impieghi strutturali, il collaudatore emette un Certificato di Collaudo negativo ed ordina la demolizione dell opera. Conservazione dei documenti Tutti i documenti vengono conservati a cura del committente e da questi trasmessi insieme ai passaggi di proprietà. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 17

18 Opere eseguite da Enti statali che non sono tenuti al deposito della documentazione progettuale Il collaudo statico è necessario per tutte le opere civili soggette alle disposizioni della Legge 1089/71 anche se non soggette al deposito della documentazione all Ufficio del Cemento Armato. In questo caso la documentazione progettuale deve essere conservata a cura dell Ente committente. Dipendenza dell Ufficio del Cemento Armato Come si è visto, la Legge 1086/71 non riguarda solo le strutture in conglomerato cementizio armato ma anche le strutture metalliche, tuttavia le competenze di deposito della documentazione sono affidate ad un Ufficio chiamato del Cemento Armato. L Ufficio del Cemento Armato è stato dal 1971 fino al 1979 un Ufficio del Genio Civile, dal 1979 è divenuto un Ufficio della Regione in seguito al trasferimento alle Regioni delle competenze del Genio Civile e la sua soppressione (D.P.R. n. 616 del 24 luglio 1977). In Liguria: dal 1979 al 1984 l Ufficio del Cemento Armato, passato nella competenza regionale, è rimasto collocato nella sede del soppresso Genio Civile in viale Brigate Partigiane 2 (nello stesso edificio del Catasto); dal 1984 la Regione Liguria ha delegato alle proprie Provincie le competenze relative alla Legge 1086/71 con L.R. n. 52 del 26 novembre 1984, a cui sono rimaste a tutt oggi. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 18

19 NOTA In Liguria l Ufficio del Cemento Armato si trova: - Genova: Piazzale Mazzini 2 tel ; - Imperia: viale G. Matteotti 147 tel ; - La Spezia: via 24 Maggio 3 tel Savona: via Sormano 12 tel In altre Regioni (ad esempio Regione Piemonte) l Ufficio del Cemento Armato è alle dirette dipendenze della Regione. Laboratori autorizzati alla verifica dei materiali da costruzione Tutti i laboratori universitari, alcuni laboratori di enti statali (ENEL, FS, ANAS, Touring Club) nonché quelli autorizzati dal Ministero dei Lavori Pubblici sentito il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Funzioni di vigilanza e controllo Sono demandati al Sindaco del Comune competente. Le opere che non sono soggette a deposito (perché eseguite da Enti statali) non sono sottoposte alla giurisdizione del Sindaco. Contestazione delle violazioni Nel caso gli Ispettori del Comune (a Genova anche la Polizia Municipale ha competenze in materia d Ispettorato Edilizio) rilevino violazioni delle norme ne redigono un Sommario Processo Verbale (comunemente detto verbale) che viene inoltrato a Procura della Repubblica e Prefettura. La Prefettura, eseguiti ulteriori accertamenti se del caso, dispone la sospensione dei lavori e lo notifica per mezzo di un messo comunale. La sospensione dei lavori viene revocata solo dopo che gli adempimenti previsti dalla Legge 1086/71 siano stati soddisfatti. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 19

20 Natura dei reati Gli abusi edilizi, nonché l inosservanza delle norme della Legge 1086/71 sono considerati reati penali punibili con ammenda o arresto nei casi più gravi. In particolare: l inosservanza delle disposizioni della Legge 1086/71 è punita con ammenda o arresto (in genere con ammenda) e con la comunicazione all Ordine professionale competente del reato commesso; la responsabilità per difformità delle opere eseguite rispetto ai termini ed ai limiti della concessione edilizia sono a carico di: 1) titolare della concessione, 2) committente, 3) esecutore e 4) direttore dei lavori, che rispondono in solido degli abusi salvo la dimostrazione di estraneità ai fatti. Il Direttore dei Lavori che riscontri gravi irregolarità indipendenti dalla sua volontà deve rinunziare all incarico contestualmente alla comunicazione resa al Sindaco. In caso contrario il Sindaco segnala al Consiglio dell Ordine professionale di appartenenza la violazione in cui è incorso il Direttore dei Lavori, che è passibile di sospensione dall Albo professionale da 3 mesi a 2 anni. Pene previste (Legge n. 47 del 28 febbraio 1985) Difformità rispetto gli strumenti urbanistici, ai regolamenti edilizi e alle condizioni della concessione: ammenda fino a 20 milioni; Totale difformità dalla concessione o assenza di concessione: ammenda da 10 a 100 milioni e arresto fino a 2 anni; Lottizzazione abusiva o costruzione in aree vincolate: ammenda da 30 a 100 milioni e arresto fino a 2 anni. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 20

21 Certificato di abitabilità / di usabilità L utilizzo degli edifici (concessione della residenza di persone fisiche o giuridiche, apertura di attività commerciali, attivazione di forniture) è o dovrebbe essere subordinato all ottenimento del decreto di abitabilità per le abitazioni; del decreto di usabilità per tutti gli altri locali. In entrambe i casi la concessione dei relativi decreti è regolata dal D.P.R. n. 425 del 22 aprile 1994 che prescrive: 1. Il Direttore dei Lavori: ha l obbligo di presentare la domanda d iscrizione al catasto dell Immobile (se di nuova realizzazione) non oltre 30 giorni dopo l installazione degli infissi. rilascia una Dichiarazione del Direttore dei Lavori in cui certifica, sotto la propria responsabilità: la conformità dell opera rispetto al progetto approvato ; l avvenuta prosciugatura dei muri ; la salubrità degli ambienti. 2. Il committente richiede al Sindaco del Comune di competenza (modulo predisposto dal Comune di Genova allegato in Appendice) il rilascio del certificato di Abitabilità / Usabilità allegando: il Certificato di Collaudo Statico; l attestazione del catasto dell avvenuta presentazione della domanda d accatastamento; la dichiarazione del Direttore dei Lavori di cui al punto precedente. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 21

22 3. Il Sindaco del Comune di competenza: entro 30 giorni rilascia il Certificato di abitabilità/usabilità disponendo, se del caso, un ispezione di verifica; in mancanza del rilascio del Certificato, a partire dal 46 giorno dalla presentazione della domanda al Sindaco l abitabilità/usabilità si intende attestata (si tratta di una procedura di silenzio-assenso con possibilità di verifica a posteriori). Entro i successivi 180 giorni il Sindaco può predisporre un ispezione e, accertando la mancanza dei requisiti, revocare il Certificato di abitabilità/usabilità; il termine di 30 giorni può essere interrotto una sola volta dal Comune per la richiesta di documentazione integrativa; dalla data della loro presentazione decorrono nuovamente i 30 giorni. OSSERVAZIONE Il D.P.R. n. 425 del fa ancora esplicito riferimento al Genio Civile, trascurando il fato che le competenze degli Uffici del Genio Civile in materia di deposito dei progetti delle strutture erano state trasferite alle Regioni quindici anni prima, nel Attualmente la Regione ha inserito nella propria struttura le competenze che erano del Genio Civile negli Uffici del Genio Civile della Regione, da cui deriva la prassi di riferirsi ancora, ma impropriamente, al Genio Civile. Dott. Ing. Antonio Brencich Ph.D. DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 22

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato Sezione n 1- Informazioni amministrative: In tale sezione devono essere

Dettagli

Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20

Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VICENZA Doc. B Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20 Delibera del Consiglio: 25/11/2010 In vigore dal: 02/05/2011 1. Il presente

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Prot. Generale N. 0117333 / 2014 Atto N. 5089 PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI AREA EDILIZIA - PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OGGETTO: AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Lì, Spett.le UFFICIO TECNICO EDILIZIA PRIVATA DI VALEGGIO SUL MINCIO

Lì, Spett.le UFFICIO TECNICO EDILIZIA PRIVATA DI VALEGGIO SUL MINCIO Lì, Spett.le UFFICIO TECNICO EDILIZIA PRIVATA DI VALEGGIO SUL MINCIO DENUNCIA DELLE OPERE DI CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE E PRECOMPRESSO E A STRUTTURA METALLICA (ai sensi dell art. 4 della legge

Dettagli

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450 Giunta Regionale Direzione Generale Opere Pubbliche, Politiche per la Casa ed Edilizia Residenziale Pubblica Milano, 16 marzo 2005 Il Direttore Generale R0140P01756D10450 Oggetto: Chiarimenti in ordine

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale... CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...) Il progetto architettonico delle opere in collaudo per

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Il Servizio Edilizia privata si occupa di atti abilitativi e di controllo sui lavori edili eseguiti da parte di privati ed imprese su tutto il territorio cittadino, suddiviso

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE Cap. 10.1 del D.M. 14 gennaio 2008 e cap. C10.1 par. 4.1 della Circ. n. 617/2009 1. PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE PREMESSA Ai sensi del C10.1 punto

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE COMUNE DI BARLETTA Settore Manutenzioni Provincia di Barletta-Andria-Trani Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE OGGETTO: RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE DELLA PALAZZINA COMUNALE DI VIA GALVANI DA DESTINARE

Dettagli

CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO D.P.R. n 380/01 s.m.i. art. 67 Lavori: Costruzione Progettista architettonico: con

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE

AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Schema di Disegno di Legge Regionale

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT)

Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT) Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT) Insegnamento di Gestione del Cantiere e Sicurezza dell Ambiente di Lavoro Tutor Docente neoassunto Prof. Andrea

Dettagli

Struttura tecnica competente in materia sismica

Struttura tecnica competente in materia sismica MUR A.14/D.8 Denuncia dei lavori Struttura tecnica competente in materia sismica ALLEGATO A: ISTANZA AUTORIZZAZIONE SISMICA ART. 11 L.R. 19/2008 DENUNCIA DI DEPOSITO DEL PROGETTO ESECUTIVO ART. 13 L.R.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA

CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA FABBRICATO SEMINTERRATO ESISTENTE Committente: CRA-PLF Unità di ricerca per le produzioni legnose fuori foresta Oggetto: Verifica di idoneità statica delle strutture portanti

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato ai Trasporti e Politica della Casa Direzione Regionale Infrastrutture AREA DECENTRATA LL.PP. DI ROMA

REGIONE LAZIO Assessorato ai Trasporti e Politica della Casa Direzione Regionale Infrastrutture AREA DECENTRATA LL.PP. DI ROMA REGIONE LAZIO Assessorato ai Trasporti e Politica della Casa Direzione Regionale Infrastrutture AREA DECENTRATA LL.PP. DI ROMA Via Capitan Bavastro, 108 00154 Roma tel. 06/51681 Prot. n UFFICIO EDILIZIA

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato P.G. CAT. VI CL. 03 FASC. 01 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinaria per interventi di cui alla successiva tabella B (articolo 22, commi 1 e 2, d.p.r. n. 380

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

LE ARMATURE PER IL CALCESTRUZZO ARMATO NORME DI RIFERIMENTO PER I CENTRI DI TRASFORMAZIONE

LE ARMATURE PER IL CALCESTRUZZO ARMATO NORME DI RIFERIMENTO PER I CENTRI DI TRASFORMAZIONE LE ARMATURE PER IL CALCESTRUZZO ARMATO NORME DI RIFERIMENTO PER I CENTRI DI TRASFORMAZIONE Verona, 27 Novembre 2009 Ing. Emilio Fadda 1 NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: D.M. 14.01.2008 La circolare ministeriale

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI SETTORE 10 Urbanistica, Assetto del Territorio, PTCP, Paesaggio, Genio Civile, Difesa del Suolo

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI SETTORE 10 Urbanistica, Assetto del Territorio, PTCP, Paesaggio, Genio Civile, Difesa del Suolo PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI SETTORE 10 Urbanistica, Assetto del Territorio, PTCP, Paesaggio, Genio Civile, Difesa del Suolo Servizio Edilizia Sismica Piazza Plebiscito, n. 34-76121 BARLETTA Tel.

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ****** Istruzioni per l applicazione delle Norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 16 INTRODUZIONE Il Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008,

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Obblighieadempimenti TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Il Committente Privato in edilizia obblighi ed adempimenti Il Committente Privato è il soggetto fondamentale per garantire regolarità

Dettagli

dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi.

dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi. dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi.it Comune di xxx Provincia di xxx C O L L A U D O S T A T I C O SCUOLA

Dettagli

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SCHEMA DI COLLAUDO IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art. 10 del D.P.R. 160/2010, lettera b) Il presente modello deve essere presentato ogni qualvolta

Dettagli

COMUNE DI MOTTOLA PROGETTO ESECUTIVO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Piano di manutenzione delle opere di calcestruzzo armato

COMUNE DI MOTTOLA PROGETTO ESECUTIVO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Piano di manutenzione delle opere di calcestruzzo armato COMUNE DI MOTTOLA Piano di Recupero per l intervento di ristrutturazione urbanistica consistente nella demolizione dell ex cinema Jonio, la realizzazione di un edificio con residenze ed attività culturali

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia Il sottoscritto cognome e nome nato/a a provincia il

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana AOO_064_06/07/2010-0063622 CIRCOLARE ESPLICATIVA da pubblicarsi sul B.U.R.P. e sul sito internet www.regione.puglia.it area tematica

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ Indirizzo Indirizzo DATI DEL TITOLARE PEC / Posta elettronica PEC / Posta elettronica Stemma del Comune (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

Pratica SUAP COMUNE di BARBERINO VAL d ELSA ( Barrare in caso di presentazione SUAP ) Provincia di Firenze EDILIZIA ED URBANISTICA AREA TECNICA

Pratica SUAP COMUNE di BARBERINO VAL d ELSA ( Barrare in caso di presentazione SUAP ) Provincia di Firenze EDILIZIA ED URBANISTICA AREA TECNICA aggiornamento 21.05.2013 Pratica SUAP COMUNE di BARBERINO VAL d ELSA ( Barrare in caso di presentazione SUAP ) Provincia di Firenze EDILIZIA ED URBANISTICA AREA TECNICA (spazio riservato all ufficio Protocollo)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

Normativa - Circolare 4/1/1989, n. 30787

Normativa - Circolare 4/1/1989, n. 30787 MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Circolare 4 Gennaio 1989, n. 30787 «Istruzioni in merito alle norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento»

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO PROVINCIA DI PADOVA Settore Territorio Servizio Edilizia Privata Spazio riservato all ufficio Numero pratica edilizia S.C.I.A. / Codice Fabbricato _ _ _ _ _ _ _ Spazio riservato

Dettagli

INQUADRAMENTO GENERALE E ASPETTI NORMATIVI

INQUADRAMENTO GENERALE E ASPETTI NORMATIVI IDONEITA STATICA E COLLAUDO DELLE STRUTTURE Oristano, 25 febbraio 2011 INQUADRAMENTO GENERALE E ASPETTI NORMATIVI Dott. Ing. Saverio Manca Libero professionista 24 Il COLLAUDO STATICO comprende gli adempimenti:

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

DENUNCIA OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE E PRECOMPRESSO E A STRUTTURA METALLICA

DENUNCIA OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE E PRECOMPRESSO E A STRUTTURA METALLICA Modello da compilarsi a cura dei dichiaranti Marca da bollo 16,00 COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA In caso trasmissione via PEC: Regolarizzazione ai fini dell imposta di bollo. Marca

Dettagli

COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO)

COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO) Pratica Edilizia n.... Prot. n.. del.. DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO per SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA' Articolo 84, comma 2, L.R. n 1 del 3 gennaio 2005 e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO STATICO in corso d opera (Cap. 9 D.M. 14.01.2008 - Cap. 9 Circolare M.I.T 02.02.2009, n. 617 art. 67 DPR 06.06.2001, n.

CERTIFICATO DI COLLAUDO STATICO in corso d opera (Cap. 9 D.M. 14.01.2008 - Cap. 9 Circolare M.I.T 02.02.2009, n. 617 art. 67 DPR 06.06.2001, n. PROVINCIA DI BELLUNO COMUNE DI CERTIFICATO DI COLLAUDO STATICO in corso d opera (Cap. 9 D.M. 14.01.2008 - Cap. 9 Circolare M.I.T 02.02.2009, n. 617 art. 67 DPR 06.06.2001, n.380) Documento elaborato dalla

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena PROTOCOLLO Settore Tecnico Urbanistica Servizio Edilizia Privata SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Dati della denuncia di inizio attività/permesso di costruire: (Legge

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI VINCOLO IDROGEOLOGICO (L.R. 39/2000 LEGGE FORESTALE DELLA TOSCANA Art. 40) Approvato con deliberazione

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

Ristrutturare: come procedo?

Ristrutturare: come procedo? Ristrutturare: come procedo? Quando si deve fare una ristrutturazione è importante partire con il piede giusto. Agire a norma e stabilire patti chiari è fondamentale. Chiedi in comune quali sono gli obblighi

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I.

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I. Comune di Agnadello Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli

Dettagli

QUESTIONARIO GARANZIE E ASSICURAZIONI A TUTELA DEGLI ACQUIRENTI DI IMMOBILI D. LGS. N 122 DEL 20 GIUGNO 2005

QUESTIONARIO GARANZIE E ASSICURAZIONI A TUTELA DEGLI ACQUIRENTI DI IMMOBILI D. LGS. N 122 DEL 20 GIUGNO 2005 QUESTIONARIO GARANZIE E ASSICURAZIONI A TUTELA DEGLI ACQUIRENTI DI IMMOBILI D. LGS. N 122 DEL 20 GIUGNO 2005 QUESTIONARIO PER FIDEJUSSIONI PERMUTA ONERI URBANIZZAZIONE - ANTICIPI 1. NOMINATIVI Committente

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

ALLO SPORTELLO U ICO PER L EDILIZIA del Comune di Santa Maria di Sala Piazza XXV Aprile, 1 30036 SA TA MARIA DI SALA

ALLO SPORTELLO U ICO PER L EDILIZIA del Comune di Santa Maria di Sala Piazza XXV Aprile, 1 30036 SA TA MARIA DI SALA marca da bollo (. 14,62) ALLO SPORTELLO U ICO PER L EDILIZIA del Comune di Santa Maria di Sala Piazza XXV Aprile, 1 30036 SA TA MARIA DI SALA DE U CIA OPERE I CO GLOMERATO CEME TIZIO ARMATO ORMALE E PRECOMPRESSO

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI BERTIOLO AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE Asseverazione classificazione categoria Relazione sulle caratteristiche

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI LIMBIATE

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI LIMBIATE ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI LIMBIATE Oggetto: Denuncia di Inizio Attività ai sensi dell art. 4 della Legge Regionale nr. 12 dell 11/03/2005 e s.m.i. ed ai sensi D.P.R. 380/2001 e

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU)

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) protocollo BOLLO PRATICA N PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ENAV S.p.A. ROMA ACC CIAMPINO pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: Ristrutturazione Uffici, Piastra, Hall, Centro servizi, Foresteria e Sala Convegni - PROGETTO DEFINITIVO OPERE STRUTTURALI - STECCA

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 Spazio riservato al protocollo: Spazio riservato all Ufficio: Il sottoscritto COGNOME E NOME SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 LUOGO

Dettagli

1. Dati del dichiarante In quale delle seguenti situazioni ci si trova?

1. Dati del dichiarante In quale delle seguenti situazioni ci si trova? Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

DIVISIONE: [ ] MILANO [ ] LA PREVIDENTE [ ] NUOVA MAA [ ] ITALIA AGENZIA DI:

DIVISIONE: [ ] MILANO [ ] LA PREVIDENTE [ ] NUOVA MAA [ ] ITALIA AGENZIA DI: GENNAIO2013 DIVISIONE: [ ] MILANO [ ] LA PREVIDENTE [ ] NUOVA MAA [ ] ITALIA AGENZIA DI: COD. Il presente questionario deve essere compilato in tutte le sue parti. La Società s'impegna a fare uso riservato

Dettagli

Travi PREM SD a1. CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio

Travi PREM SD a1. CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio 1. Specifiche Tecniche Travi PREM SD a1 In un cantiere con utilizzo di Travi PREM, ciascuna figura coinvolta, Professionale ed

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (Art. 20 L.R. 31 del 25/11/02) DESCRIZIONE DELL INTERVENTO.. LOCALIZZAZIONE

Dettagli

PROCEDURE URBANISTICHE

PROCEDURE URBANISTICHE PROCEDURE URBANISTICHE La Legge 122/2010 ha modificato l Art 19 della Legge 241/1990 (Nuove norme sul procedimento amministrativo) e sostituito la Denuncia Inizio Attività (DIA) con la Segnalazione Certificata

Dettagli

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA Mod. AGIBILITA P R O V I N C I A D I V A R E S E Originale C o p i a S e r v i z i o E d i l i z i a P r i v a t a e U r b a n i s t i c a Pratica edilizia Protocollo generale Bollo da Euro 14,62 l sottoscritt

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Sede S. Piero in Bagno Piazza Martiri 25 luglio 1944 n. 1 Provincia Forlì-Cesena Tel. 0543 900411 Fax 0543 903032 e-mail: settoreurbanistica@comune.bagnodiromagna.fc.it SCHEDA

Dettagli

DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3

DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3 Marca da bollo DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3 Il sottoscritto Cognome C.F. Nome Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ Regione Lombardia Comune di Ticengo Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento:.. Protocollo Generale per interventi di cui alla successiva tabella A (articolo

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO per DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA. OGGETTO: Realizzazione di opere sull area/immobile sito in

DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO per DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA. OGGETTO: Realizzazione di opere sull area/immobile sito in PRATICA EDILIZIA n. (spazio riservato all ufficio) DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO per DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA Ai sensi degli artt. 22, 23 e 37 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. come modificato con D.Lgs.

Dettagli

C I T T A DI A N G E R A

C I T T A DI A N G E R A C I T T A DI A N G E R A (PROVINCIA DI VARESE) UFFICIO TECNICO AREA EDILIZIA PRIVATA Tel. (0331) 960222 Fax. (0331) 960181 OGGETTO : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) ex lege 07.08.1990

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

CERTIFICATO DI IDONEITÀ STATICA

CERTIFICATO DI IDONEITÀ STATICA CERTIFICATO DI IDONEITÀ STATICA AI FINI DELL'ATTESTAZIONE DELLA SUSSISTENZA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA - ART. 24 T.U.E. (PER OPERE NON SOGGETTE A DENUNCIA C.A. ART. 65 T.U.E.) E AI SENSI ART. 35 LEGGE

Dettagli

COMUNE DI CAPRAIA E LIMITE Provincia di Firenze

COMUNE DI CAPRAIA E LIMITE Provincia di Firenze aggiornamento 19.09.2011 COMUNE DI CAPRAIA E LIMITE Provincia di Firenze SETTORE SERVIZI TECNICI UFFICIO EDILIZIA E URBANISTICA PRATICA N. (spazio riservato all ufficio Protocollo) (spazio riservato all

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 OGGETTO: Competenze del Geologo in materia di progettazione,

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA COMUNE DI FOIANO DI VAL FORTORE Provincia di Benevento SPORTELLO UNICO EDILIZIA Via Nazionale SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA Il sottoscritto TECNICO PROGETTISTA: codice

Dettagli

DALLA PRESCRIZIONE AL COLLAUDO DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO CON IL DM 14.01.08

DALLA PRESCRIZIONE AL COLLAUDO DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO CON IL DM 14.01.08 Monza 14 novembre 2008 DALLA PRESCRIZIONE AL COLLAUDO DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO CON IL DM 14.01.08 Il nuovo quadro normativo di riferimento per la progettazione delle strutture in c.a. ed il collaudo

Dettagli

AL COMUNE DI VIBO VALENTIA SETTORE III GOVERNO DEL TERRITORIO

AL COMUNE DI VIBO VALENTIA SETTORE III GOVERNO DEL TERRITORIO AL COMUNE DI VIBO VALENTIA SETTORE III GOVERNO DEL TERRITORIO ASSEVERAZIONE ai sensi dell'art. 19 della Legge 7/8/1990, n 241 con le modalità degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 6/6/2001, n 380 e ss.mm.ii (ALLEGATO

Dettagli

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Dott. Ing. Giacomo Giambrone VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Inquadramento dell immobile La scuola elementare Comunale G. D Annunzio è ubicata nel Comune di Traversetolo (F. 24, mapp. 213,51,262)

Dettagli

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI Marca da Bollo. 16,00 RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380 Il/La Sottoscritto/a Nato/a a

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità.

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Marca da bollo 16,00 All Ufficio Tecnico per l edilizia del Comune di 22032 ALBESE CON CASSANO OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva,

Dettagli

L attività di vigilanza e controllo sui progetti in zona sismica in Regione Toscana

L attività di vigilanza e controllo sui progetti in zona sismica in Regione Toscana L attività di vigilanza e controllo sui progetti in zona sismica in Regione Toscana Responsabile settore Sismica Genio Civile Area Vasta Firenze, Prato, Pistoia, Arezzo SOMMARIO Quadro normativa regionale

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE TUTTI I RISCHI DELLA COSTRUZIONE (CONTRACTORS ALL RISKS) E POSTUMA DECENNALE DI OPERE CIVILI PARTE I - GENERALITA

QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE TUTTI I RISCHI DELLA COSTRUZIONE (CONTRACTORS ALL RISKS) E POSTUMA DECENNALE DI OPERE CIVILI PARTE I - GENERALITA Helvetia Compagnia Svizzerad Assicurazioni SA Rappresentanza Generale e Direzione per l Italia 20139 Milano, Via G.B. Cassinis, 21 Metro 3 - Staz. Porto di Mare Tel. 5351.1 (20 linee), Telefax 5520360

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001)

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001) COMUNE DI MONTALTO DI CASTRO Provincia di Viterbo Servizio Urbanistica Edilizia Privata Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Montalto di Castro DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli