ALLEGATO N 11 SERVIZIO DI PULIZIA PRESIDI OSPEDALIERI E TERRITORIALI: INDICATORI E SOGLIE DI ACCETTAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO N 11 SERVIZIO DI PULIZIA PRESIDI OSPEDALIERI E TERRITORIALI: INDICATORI E SOGLIE DI ACCETTAZIONE"

Transcript

1 ALLEGATO N 11 SERVIZIO DI PULIZIA PRESIDI OSPEDALIERI E TERRITORIALI: INDICATORI E SOGLIE DI ACCETTAZIONE 1

2 Descrizione / Categoria Locali 1 Aree Esterne 2.1 Aree Extra Sanitarie (CORRIDOI E COLLEGAMENTI) ELEMENTI Superficie di Riferimento Pavimentazioni esterne 20 m² Cestini rifiuti 20 m² Ascensori/ Cabine telefoniche Cestini rifiuti INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Rifiuti <= 5 cm² 6 Riempimento 70% Colature secche 2 Rifiuti <= 5 cm² 4 Impolveramento 3 Bassoumetro Brillantezza > 50 Glossmetro Rifiuti <= 5 cm² 3 Macchie <= 5 cm² 4 Impolveramento 4 Sporco aderente 5 umido 0,70 Impolveramento 3 Sporco aderente 4 umido Rifiuti <= 5 cm² 3 Sporco aderente 2 umido Riempimento 70% Colature secche 2 Impolveramento 2 0,60 2

3 2.2 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. 5 m² Aree Extra Sanitarie Categoria locali: Spogliatoi personale Servizi igienici personale Servizi igienici pubblico Distributori materiale igienico Tazza wc Cestini rifiuti INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Rifiuti <= 5 cm² 3 Impolveramento 3 Bassoumetro Rifiuti <= 5 cm² 1 Macchie <= 5 cm² 4 Impolveramento 3 Sporco aderente 2 umido Impolveramento 1 0,75 Sporco aderente 2 umido Impolveramento 4 Efficienza e presenza mat. Obbligatoria Macchie secche 2 Sporco aderente 0 Riempimento 70% Colature secche 2 Impolveramento 2 3

4 2.3 Descrizione ELEMENTI Superficie rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Extra Sanitarie Categoria locali: Uffici Direzionali e operativi 20 m² Piani di lavoro Cestini rifiuti Rifiuti <= 5 cm² 4 Impolveramento 3 Bassoumetro Brillantezza > 50 Glossmetro Rifiuti <= 5 cm² 3 Impolveramento 3 Sporco aderente 4 umido Macchie <= 5 cm² 4 Impolveramento 5 Sporco aderente 6 umido 0,7 Impolveramento 4 Sporco aderente 5 umido Rifiuti <= 5 cm² 1 Riempimento 70% Colature secche 2 Impolveramento 2 4

5 2.4 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Extra Sanitarie Categoria locali: servizi igienici Uffici 5 m² Distributori materiale igienico Tazza wc Cestini rifiuti Rifiuti <= 5 cm² 3 Impolveramento 3 Bassoumetro Rifiuti <= 5 cm² 1 Macchie <= 5 cm² 4 Impolveramento 3 Sporco aderente 2 umido Impolveramento 1 0,7 Sporco aderente 2 umido Impolveramento 4 Efficienza Obbligatoria Riempimento 70% Colature secche 2 Impolveramento 2 5

6 3.1 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie extra degenza studi medici, ambulatori, palestre, diagnostiche, laboratori, corridoi interni 20 m² Cestini rifiuti Piani di lavoro Rifiuti <= 5 cm² 3 Impolveramento 2 Bassoumetro Brillantezza > 60 Glossmetro Rifiuti <= 5 cm² 1 Riempimento 70% Colature secche 1 Macchie secche 1 Rifiuti <= 5 cm² 1 Sporco aderente 0 0,75 0,75 umido 6

7 3.2 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie Ambulatori e Aree di servizio servizi igienici 5 m² Distributori materiale igienico Tazza wc Cestini rifiuti Rifiuti <= 5 cm² 2 Impolveramento 2 Bassoumetro Rifiuti <= 5 cm² 1 Macchie <= 5 cm² 0 Impolveramento 1 0,75 Sporco aderente 2 umido Efficienza e presenza mat. Obbligatoria Macchie secche 2 Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 1 7

8 4.1 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie: Reparti degenza corridoi, attese, locali medici e infermieri, guardiole,medicherie, palestre, sale giochi, spogliatoi 20 m² Cestini rifiuti Piani di lavoro Rifiuti <= 5 cm² 3 Impolveramento 2 Bassoumetro Brillantezza > 60 Glossmetro Rifiuti <= 5 cm² 1 0,80 Riempimento 60% Colature secche 1 Residui di lavggio 0 Macchie secche 1 Rifiuti <= 5 cm² 1 Sporco aderente 0 umido 8

9 4.2 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie: Reparti degenza Stanze di Degenza 20 m² Unità Paziente: letto comodino - sedia Cestini rifiuti Rifiuti <= 5 cm² 3 Impolveramento 2 Bassoumetro Brillantezza (media) > 60 Glossmetro Rifiuti <= 5 cm² 1 Sporco aderente 2 umido 0,80 Sporco aderente 2 umido Rifiuti <= 5 cm² 1 Macchie secche 0 Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 1 9

10 4.3 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie: Reparti degenza Categoria locali: servizi igienici 5 m² Distributori materiale igienico Tazza wc Cestini rifiuti Rifiuti <= 5 cm² 2 Impolveramento 2 Bassoumetro Rifiuti <= 5 cm² 1 Macchie <= 5 cm² 0 Impolveramento 1 0,80 Sporco aderente 2 umido Efficienza e presenza mat. Obbligatoria Macchie secche 1 Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 1 10

11 4.4 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie: Reparti degenza Categoria locali: cucinette reparto Distributori materiale igienico 5 m² Cestini rifiuti Rifiuti <= 5 cm² 2 Impolveramento 2 Bassoumetro Rifiuti <= 5 cm² 1 Impolveramento 1 0,80 Sporco aderente 2 umido Efficienza e presenza mat. Obbligatoria Macchie secche 1 Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 1 11

12 5.1 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie ad alto rischio Stanze Degenza 20 m² Unità Paziente Cestini rifiuti Rifiuti <= 2 cm² 3 Impolveramento 2 Bassoumetro Macchie <= 2 cm² 2 Brillantezza > 60 Glossmetro Rifiuti <= 2 cm² 1 Macchie <= 2 cm² 2 0,85 Rifiuti <= 2 cm² 1 Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 1 12

13 5.1 Descrizione ELEMENTI Superficie di Riferimento Aree Sanitarie ad alto rischio Contenitori materiale igienico Stanze Degenza Piani di lavoro INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Macchie secche 1 Sporco aderente 1 0,85 umido Efficienza e presenza mat. Obbligatoria Rifiuti <= 2 cm² 1 Sporco aderente 0 umido 13

14 5.2 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie ad alto rischio Ambulatori 20 m² Cestini rifiuti Rifiuti <= 2 cm² 3 Impolveramento 2 Bassoumetro Macchie <= 2 cm² 2 Brillantezza > 60 Glossmetro Rifiuti <= 2 cm² 1 Macchie <= 2 cm² 2 0,85 Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 1 14

15 5.2 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie ad alto rischio Ambulatori Contenitori materiale igienico Piani di lavoro Macchie secche 1 Sporco aderente 1 0,85 umido Efficienza e presenza mat. Obbligatoria Rifiuti <= 2 cm² 1 Sporco aderente 0 umido 15

16 5.3 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie ad alto rischio Servizi igienici 5 m² Distributori materiale igienico Rifiuti <= 2 cm² 1 Impolveramento 1 Bassoumetro Rifiuti <= 2 cm² 1 Macchie <= 2 cm² 2 Impolveramento 2 0,85 Sporco aderente 2 umido Sporco aderente 2 umido Efficienza e presenza mat. Obbligatoria 16

17 5.3 Aree Sanitarie ad alto rischio Servizi igienici Tazza wc Cestini rifiuti Riempimento 60% Colature secche 0 17

18 5.4 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie B.C.M. Stanze degenza Lavoro infermieri 20 m² Unità Paziente Griglie di aerazione Rifiuti <= 2 cm² 0 Impolveramento 1 Bassoumetro Rifiuti <= 2 cm² 0 Impolveramento 0 Macchie 0 0,85 18

19 5.5 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie B.C.M. Categoria locali: servizi igienici 5 m² Distributori materiale igienico Tazza wc Cestini rifiuti Rifiuti <= 2 cm² 1 Impolveramento 1 Bassoumetro Rifiuti <= 2 cm² 0 Impolveramento 0 0,85 Impolveramento 0 Efficienza e presenza mat. Obbligatoria Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 0 19

20 5.6 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie B.C.M. Categoria locali: Filtro, corridoio, deposito farmaci, spogliatoi, ristoro, studi medici, capo sala 20 m² Piano di lavoro Cestini rifiuti Rifiuti <= 2 cm² 2 Impolveramento 2 Bassoumetro Macchie <= 2 cm² 2 Brillantezza > 60 Glossmetro Rifiuti <= 2 cm² 1 Macchie <= 2 cm² 2 0,85 Rifiuti <= 2 cm² 1 Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 1 20

21 5.6 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Sanitarie B.C.M. Categoria locali: Filtro,corridoio, deposito farmaci, spogliatoi, ristoro, studi medici e capo sala Contenitori materiale igienico Macchie secche 1 0,85 Efficienza e presenza mat. Obbligatoria 21

22 6.1 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Operatorie Zone a b.c.m. Zone pulite Lampade scialitiche Apparecchiature 20 m² Griglie di aerazione Rifiuti <= 2 cm² 0 Impolveramento 1 Bassoumetro Rifiuti <= 2 cm² 0 Impolveramento 0 Macchie 0 0,90 22

23 6.1 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Operatorie Zone a b.c.m. Zone pulite Tavolo servitore Porte Contenitori materiale igienico Impolveramento 1 Sporco aderente 0 0,90 umido Macchie secche 0 Macchie secche 0 Efficienza e presenza mat. Obl 23

24 6.2 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Operatorie Zone sporche Tazza wc Contenitori materiale igienico 20 m² Rifiuti <= 2 cm² 1 Impolveramento 2 Bassoumetro Rifiuti <= 2 cm² 0 Impolveramento 3 0,90 Macchie secche 0 Macchie secche 0 Efficienza e presenza mat. Obl 24

25 6.2 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Operatorie Zona sporca Piani di lavoro Porte 0,90 Impolveramento 1 Sporco aderente 0 umido 25

26 SERVIZIO DI PULIZIA STRUTTURE TERRITORIALI : INDICATORI E SOGLIE DI ACCETTAZIONE SERVIZIO DI PULIZIA 26

27 7.1 Descrizione / Categoria Locali Aree Amministrative Categorie Locali: Aree di transito ELEMENTI Superficie di Riferimento 20 m² Ascensori/ Cabine telefoniche Cestini rifiuti INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Rifiuti <= 5 cm² 4 Impolveramento 3 Bassoumetro Brillantezza > 50 Glossmetro Rifiuti <= 5 cm² 3 Macchie <= 5 cm² 4 Impolveramento 4 Sporco aderente 5 umido 0,70 Impolveramento 3 Sporco aderente 4 umido Rifiuti <= 5 cm² 3 Sporco aderente 2 umido Riempimento 70% Colature secche 2 Impolveramento 2 27

28 7.2 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. 5 m² Aree Amministrative Categoria locali: Servizi igienici personale Servizi igienici pubblico Distributori materiale igienico Tazza wc Cestini rifiuti INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Rifiuti <= 5 cm² 3 Impolveramento 3 Bassoumetro Rifiuti <= 5 cm² 1 Macchie <= 5 cm² 4 Impolveramento 3 Sporco aderente 2 umido Impolveramento 1 0,75 Sporco aderente 2 umido Impolveramento 4 Presenza materiale Obbligatoria Macchie secche 2 Sporco aderente 0 Riempimento 70% Colature secche 2 Impolveramento 2 28

29 7.3 Descrizione ELEMENTI Superficie rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Amministrative Categoria locali: Uffici Direzionali e operativi 20 m² Piani di lavoro Cestini rifiuti Rifiuti <= 5 cm² 4 Impolveramento 3 Bassoumetro Brillantezza > 50 Glossmetro Rifiuti <= 5 cm² 3 Impolveramento 3 Sporco aderente 4 umido Macchie <= 5 cm² 4 Impolveramento 5 Sporco aderente 6 umido 0,7 Impolveramento 4 Sporco aderente 5 umido Rifiuti <= 5 cm² 1 Riempimento 70% Colature secche 2 Impolveramento 2 29

30 8.1 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Ambulatoriali e Guardia Medica studi medici, ambulatori, palestre, diagnostiche, laboratori, corridoi interni 20 m² Cestini rifiuti Piani di lavoro Rifiuti <= 5 cm² 3 Impolveramento 2 Bassoumetro Brillantezza > 60 Glossmetro Rifiuti <= 5 cm² 1 0,75 Riempimento 70% Colature secche 1 Macchie secche 1 Rifiuti <= 5 cm² 1 Sporco aderente 0 umido 30

31 8.2 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Ambulatoriali e Guardia Medica servizi igienici 5 m² Distributori materiale igienico Tazza wc Cestini rifiuti Rifiuti <= 5 cm² 2 Impolveramento 2 Bassoumetro Rifiuti <= 5 cm² 1 Macchie <= 5 cm² 0 Impolveramento 1 0,75 Sporco aderente 2 umido Presenza materiale Obbligatoria Macchie secche 2 Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 1 31

32 9.1 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Ambulatoriali ad alto rischio Ambulatori 20 m² Cestini rifiuti Rifiuti <= 2 cm² 3 Impolveramento 2 Bassoumetro Macchie <= 2 cm² 2 Brillantezza > 60 Glossmetro Rifiuti <= 2 cm² 1 Macchie <= 2 cm² 2 0,80 Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 1 32

33 9.1 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Ambulatoriali ad alto rischio Ambulatori Contenitori materiale igienico Piani di lavoro Macchie secche 1 Sporco aderente 1 0,80 umido Presenza materiale Obbligatoria Rifiuti <= 2 cm² 1 Sporco aderente 0 umido 33

34 9.2 Descrizione ELEMENTI Superficie Rif. INDICATORI SOGLIE (LQA) Note/Strumenti Aree Ambulatoriali ad alto rischio Servizi igienici 5 m² Distributori materiale igienico Tazza wc Cestini rifiuti Rifiuti <= 2 cm² 1 Impolveramento 1 Bassoumetro Rifiuti <= 2 cm² 1 Macchie <= 2 cm² 2 Sporco aderente 2 umido Impolveramento 1 0,80 Sporco aderente 2 umido Presenza materiale Obbligatoria Riempimento 60% Colature secche 0 Impolveramento 1 34

TABELLE N. 5 E N. 6 ALLEGATE AL CSA

TABELLE N. 5 E N. 6 ALLEGATE AL CSA TABELLE N. 5 E N. 6 ALLEGATE AL CSA Tabella n. 5 SERVIZI DI PULIZIA, SERVIZI E FORNITURE COMPLEMENTARI: TABELLE DEGLI INDICATORI DEI CRITERI ASLOIbia 2.1 (CORRIDOI E 2 Impolveramento 2 COLLEGAMENTI) 20

Dettagli

COMUNE DI OSTIGLIA. Provincia di Mantova

COMUNE DI OSTIGLIA. Provincia di Mantova Scheda tecnica per lo svolgimento del servizio di pulizie nelle strutture comunali CIG. 7222611F22 APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI - PERIODO 01/01/2018-31/12/2020 A) PALAZZO FOGLIA

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE DAY HOSPITAL ONCOLOGICO

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE DAY HOSPITAL ONCOLOGICO Il Day Hospital Oncologico (DHO) costituisce il ricovero diurno funzionale alla somministrazione centralizzata dei Chemioterapici Antiblastici (CA). L attività di ospedalizzazione è condizionata alla coesistenza

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO PER LA PROGETTAZIONE Allegato 01: Rilievo fotografico

DOCUMENTO TECNICO PER LA PROGETTAZIONE Allegato 01: Rilievo fotografico DOCUMENTO TECNICO PER LA PROGETTAZIONE Allegato 01: Rilievo fotografico OGGETTO: Procedura aperta per l affidamento della progettazione Definitiva ed Esecutiva ex art. 23 commi 7 e 8 del D. Lgs 50/2016,

Dettagli

ARREDI BLOCCO Q PIANI

ARREDI BLOCCO Q PIANI ARREDI BLOCCO Q PIANI 2-3 - 4 DESTINAZIONE LOCALE Stanza medico di guardia stanza 8 Ambulatorio stanza 10 Medicheria stanza 7 Caposala stanza 9 PIANO 2 PIANO 2 - TERAPIA INTENSIVA NEONATALE DESCRIZIONE

Dettagli

Cartella Stampa. Il nuovo ospedale di Venaria Reale

Cartella Stampa. Il nuovo ospedale di Venaria Reale Cartella Stampa Il nuovo ospedale di Venaria Reale L ospedale di distretto prevede l'attivazione di 46 posti letto per ricoveri ordinari, sufficienti per circa 1600 ricoveri all'anno, l0 posti letto per

Dettagli

SPECIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI DI IGIENE E SANIFICAZIONE INTERVENTI GIORNALIERI

SPECIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI DI IGIENE E SANIFICAZIONE INTERVENTI GIORNALIERI Allegato J1) SPECIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI DI IGIENE E SANIFICAZIONE INTERVENTI GIORNALIERI 1. RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI NON SANITARI Risultato atteso: i locali devono essere liberi da qualsiasi

Dettagli

Percorso chirurgico Pre operatoria. Fase 10: Trasferimento in blocco operatorio

Percorso chirurgico Pre operatoria. Fase 10: Trasferimento in blocco operatorio Percorso chirurgico Pre operatoria. Fase 10: Trasferimento in blocco operatorio Ci sono 33 domande all'interno di questa indagine. Inadeguata, errata, ritardata identificazione del paziente Eventi indesiderati:

Dettagli

Data di effettuazione del dialogo tecnico: 21 APRILE 2008. Ora e luogo: ore 9.00 c/o Direzione Sanitaria PO San Vito al Tagliamento

Data di effettuazione del dialogo tecnico: 21 APRILE 2008. Ora e luogo: ore 9.00 c/o Direzione Sanitaria PO San Vito al Tagliamento DIALOGO TECNICO PER FORNITURA ARREDI, ED ALTRE ATTREZZATURE TECNICO ECONOMALI E SANITARIE PER LE NUOVE SALE PARTO ED IL REPARTO DI OSTETRICIA-GINECOLOGIA DEL P.O. DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Data di effettuazione

Dettagli

ALLEGATO 2 AREE ESTERNE ZONA COLORE GRIGIO

ALLEGATO 2 AREE ESTERNE ZONA COLORE GRIGIO ALLEGATO 2 AREE ESTERNE ZONA COLORE GRIGIO Vuotatura ed igiene dei cestini con sostituzione del sacchetto di plastica contenitore, chiusura del sacchetto e allontanamento di tutte le tipologie di rifiuti

Dettagli

Allegato 1) Capitolato Speciale

Allegato 1) Capitolato Speciale COMUNE DI CERVIGNANO Allegato 1) Capitolato Speciale SPECIFICHE INTERVENTI DI IGIENE AMBIENTALE GARA PER L AFFIDAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA E IGIENE ALLA PERSONA E ALL AMBIENTE DELLA CASA DI RIPOSO DEL

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE RADIOTERAPIA

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE RADIOTERAPIA L attività di Radioterapia è diretta al trattamento della malattia neoplastica e, in casi selezionati, al trattamento di patologie non neoplastiche, a carattere malformativo e/o cronico degenerativo, mediante

Dettagli

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA.

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA. Procedura Aperta per l affidamento del servizio di pulizia, sanificazione e sanitizzazione dei presidi ospedalieri e strutture territoriali dell Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. ALLEGATO C DISCIPLINARE

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 - REQUITI STRUTTURALI DEG01.AU.1.1 L'area di degenza dispone almeno dei seguenti locali: DEG01.AU.1.1.1 - locale per visita

Dettagli

Unità Operativa di Urologia

Unità Operativa di Urologia Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Urologia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Urologia Guida ai Servizi Il

Dettagli

Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data di entrata in vigore del regolamento

Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data di entrata in vigore del regolamento Lombardia Reg. reg. 7-12-2009 n. 5 Definizione degli standard qualitativi obbligatori minimi per la classificazione degli alberghi e delle residenze turistico-alberghiere, nonché degli standard obbligatori

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE AREA DEGENZA

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE AREA DEGENZA L area di degenza è il luogo di permanenza del paziente durante il ricovero nella struttura e degli ambienti relativi alle attività ad esso correlate. Le seguenti disposizioni sono da ritenersi applicabili

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO UFFICIO.

SCHEDA INTERVENTO UFFICIO. SCHEDA INTERVENTO UFFICIO. MESE. Spolveratura a umido di tavoli e arredi maniglie e punti che vengono maggiormente toccati. pavimenti con metodi manuali o con lava asciuga Pulizia dei computer impronte

Dettagli

MQ PRESTAZIONALI. A Servizi igienici 12.612,12 B Locali di rappresentanza 646,35 C Studi e Uffici 89.828,44

MQ PRESTAZIONALI. A Servizi igienici 12.612,12 B Locali di rappresentanza 646,35 C Studi e Uffici 89.828,44 ALLEGATO 1 SCHEDE MQ PRESTAZIONALI relative ai comuni di Bologna, Granarolo dell Emilia, Ozzano dell Emilia A Servizi igienici 12.612,12 B Locali di rappresentanza 646,35 C Studi e Uffici 89.828,44 D Laboratori,

Dettagli

Casa di Riposo "VILLA BIANCA" Casa di Riposo. Via Bellavista, Tarzo (TV) Tel Fax

Casa di Riposo VILLA BIANCA Casa di Riposo. Via Bellavista, Tarzo (TV) Tel Fax SCHEDA N. IDENTIFICAZIONE PORTA RC28 Casa di Riposo "VILLA BIANCA" Casa di Riposo Via Bellavista, 8-31020 Tarzo (TV) Tel. 0438-587101 Fa 0438-587617 info@casavillabianca.it MANUTENZIONE PORTE REI Rif.:

Dettagli

Data: CHECK-LIST DETERSIONE/DISINFEZIONE GIORNALIERA AREA CRITICA

Data: CHECK-LIST DETERSIONE/DISINFEZIONE GIORNALIERA AREA CRITICA SCHEDA 1 Data: CHECK-LIST DETERSIONE/DISINFEZIONE GIORNALIERA PIANO TERRA Carrello pulizie A Disinfezione pavimenti con sistema MOP AREA CRITICA 1. Lavaggio. Soluzione con: 200 ml di Tayform in 5 lt di

Dettagli

DAY HOSPITAL ONCOLOGICO REQUISITI MINIMI SPECIFICI

DAY HOSPITAL ONCOLOGICO REQUISITI MINIMI SPECIFICI Allegato n. 5 alla Delib.G.R. n. 29.9.2015 DAY HOSPITAL ONCOLOGICO REQUISITI MINIMI SPECIFICI Scheda Il Day Hospital Oncologico e/o Oncoematologico costituisce il ricovero diurno funzionale alla somministrazione

Dettagli

Allegato A) CAPITOLATO SPECIALE: MANSIONARIO PER IL SERVIZIO PULIZIE. (da sottoscrivere ed allegare al contratto di affidamento)

Allegato A) CAPITOLATO SPECIALE: MANSIONARIO PER IL SERVIZIO PULIZIE. (da sottoscrivere ed allegare al contratto di affidamento) Allegato A) CAPITOLATO SPECIALE: MANSIONARIO PER IL SERVIZIO PULIZIE ALLEGATO A) al capitolato PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI EDUCATIVI, SOCIO-ASSISTENZIALI, PSICOLOGICI E DI SUPERVISIONE PRESSO I CENTRI

Dettagli

ALLEGATO 1 TER ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE

ALLEGATO 1 TER ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE ALLEATO 1 TER ELENCO DELLE PRETAZIONI DA EEUIRE 1 ERVIZIO DI PULIZIA A RIDOTTO IPATTO ABIENTALE PER LE EDI Il servizio di pulizia proposto si riferisce ad unità tipologiche differenziate in relazione alla

Dettagli

STudio di fattibilità

STudio di fattibilità Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE STudio di fattibilità per l'adeguamento della casa di riposo "E. Coletta" a residenza sociosanitaria assistenziale per Anziani - R.S.S.A. Stazione appaltante:

Dettagli

LEGENDA: G=giornaliera; S=settimanale; Q=quindicinale; M=mensile; TM=trimestrale; SM=semestrale; A=annuale.

LEGENDA: G=giornaliera; S=settimanale; Q=quindicinale; M=mensile; TM=trimestrale; SM=semestrale; A=annuale. LOTTO 3 - ALLEGATO B/3 chede Interventi e Frequenze Attività a Canone LEGENDA: G=giornaliera; =settimanale; Q=quindicinale; M=mensile; =trimestrale; M=semestrale; A=annuale. Uffici Reparti operativi e

Dettagli

REQUISITI SPECIFICI DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO AMBULATORIO CHIRURGICO

REQUISITI SPECIFICI DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO AMBULATORIO CHIRURGICO Per ambulatorio chirurgico (o ambulatorio per interventi chirurgici) si intende la struttura intra o extra-ospedaliera nella quale sono eseguiti interventi chirurgici o anche procedure diagnostiche o terapeutiche

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE CENTRO UNICO PREPARAZIONE FARMACI ANTITUMORALI

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE CENTRO UNICO PREPARAZIONE FARMACI ANTITUMORALI Il Centro Unico di Preparazione Farmaci Antitumorali, risponde alla necessità di garantire un adeguato sistema di prevenzione, protezione e controllo per gli operatori che professionalmente manipolano

Dettagli

ALLEGATO A.7 LOTTO VII VIA SANTA CHIARA 56 - CIRCOSCRIZIONE I COMUNITÀ ALLOGGIO PER MINORI

ALLEGATO A.7 LOTTO VII VIA SANTA CHIARA 56 - CIRCOSCRIZIONE I COMUNITÀ ALLOGGIO PER MINORI LOTTO VII ALLEATO A.7 VIA ANTA CHIARA 56 - CIRCOCRIZIONE I COMUNITÀ ALLOIO PER MINORI DEROHE LOCALI PIANO TERRA con le seguenti modalità e frequenze: Cucina: pulizia e disinfezione superfici piastrellate

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO DESCRIZIONE PRATICA DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DEL CONTROLLO SERVIZIO DI PULIZIA A NORMA UNI EN 13549

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO DESCRIZIONE PRATICA DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DEL CONTROLLO SERVIZIO DI PULIZIA A NORMA UNI EN 13549 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Capitolato - Allegato DESCRIZIONE PRATICA DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DEL CONTROLLO SERVIZIO DI PULIZIA A NORMA UNI EN 1549 1) NUMEROSITÀ LOTTO Ad ognuno degli edifici

Dettagli

NOME ENTE 1 : PRESIDIO (*SOLO PER LE STRUTTURE PUBBLICHE): INDIRIZZO DEL PRESIDIO: UNITÀ OPERATIVA/COMPL. OPERATORIO CENTRALIZZATO 2 :

NOME ENTE 1 : PRESIDIO (*SOLO PER LE STRUTTURE PUBBLICHE): INDIRIZZO DEL PRESIDIO: UNITÀ OPERATIVA/COMPL. OPERATORIO CENTRALIZZATO 2 : SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE DELLE STRUTTURE CHE EROGANO PRESTAZIONI CONNESSE CON L ATTIVITÀ OPERATORIA -BLOCCO PARTO/PUNTO NASCITA- REQUISITI STRUTTURALI, IMPIANTISTICI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI NOME

Dettagli

ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4

ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DEGLI INFORMATORI SCIENTIFICI ALL INTERNO DELLE STRUTTURE SANITARIE OSPEDALIERE ED AMBULATORIALI EXTRAOSPEDALIERE AI SENSI DELL ART. 3 DELLA D.G.R. 17 LUGLIO 2006, N. 40-3436

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 - REQUITI STRUTTURALI STRUCH.AU.1.1 I locali e gli spazi sono correlati alla tipologia e al volume delle attività erogate

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO Allegato A2 SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI Art. 1 - Oggetto dell'appalto Il presente appalto ha per oggetto lo svolgimento del servizio di Pulizia

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENVA 1 RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENVA - REQUITI STRUTTURALI RIAN01.AU.1.1 I locali e gli spazi sono

Dettagli

Allegato tecnico n. 2 - Descrizione e frequenza delle attività

Allegato tecnico n. 2 - Descrizione e frequenza delle attività ERVIZIO DI PULIZI E IIENE BIENTLE CI 6148584407 1/5 llegato tecnico n. 2 - Descrizione e frequenza delle attività REE UFFICI Uffici, ule e ale Riunioni TTIVIT' FREUENZ spirazione/battitura pavimenti tessili,

Dettagli

Allegato 2: Prestazioni ordinarie ed integrative relative a servizi di pulizia. Tipologia e frequenza delle prestazioni ordinarie

Allegato 2: Prestazioni ordinarie ed integrative relative a servizi di pulizia. Tipologia e frequenza delle prestazioni ordinarie llegato 2: Prestazioni ordinarie ed integrative relative a servizi di pulizia Tipologia e frequenza delle prestazioni ordinarie ree uffici (codice U) U-01 uffici e sale destinate a vari usi (riunione,

Dettagli

PIANO DI SANIFICAZIONE

PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO E PIANO DI SANIFICAZIONE Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 06 pagine pag.1 di pag totali.6 Piano di sanificazione - Cucina Centralizzata, Cucina dell asilo nido e Locali refettori nelle

Dettagli

REGIONE VENETO Lista di verifica REQUISITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA PER L AUTORIZZAZIONE AMBULATORIO/STUDIO VETERINARIO CON ACCESSO DI ANIMALI

REGIONE VENETO Lista di verifica REQUISITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA PER L AUTORIZZAZIONE AMBULATORIO/STUDIO VETERINARIO CON ACCESSO DI ANIMALI REGIONE VENETO Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA PER L AUTORIZZAZIONE 1 Requisiti strutturali Elementi - Indicatori di risultato Auto 1.1 Destinazione d uso DIREZIONALE Documento

Dettagli

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro E una disciplina la cui specificità risiede nell impiego regolamentato di radionuclidi artificiali in forma non sigillata per attività sia di tipo diagnostico che terapeutico. E strutturata in due settori

Dettagli

Forniture di arredi ed attrezzature occorrenti per i nuovi reparti ISMETT. Numero gara

Forniture di arredi ed attrezzature occorrenti per i nuovi reparti ISMETT. Numero gara Allegato 6 MODELLO DI OFFERTA ECONOMICA Spett.le ISMETT S.r.l. Discesa dei Giudici, 4 90133 Palermo Forniture di arredi ed attrezzature occorrenti per i nuovi reparti ISMETT Numero gara6573792 Il sottoscritto

Dettagli

L azienda. Strategia. Policlinico di Milano_padiglione Zonda. Policlinico di Milano_padiglione Zonda

L azienda. Strategia. Policlinico di Milano_padiglione Zonda. Policlinico di Milano_padiglione Zonda L azienda La DI DEDDA spa ha iniziato nel 1985 la commercializzazione di apparecchiature e presidi medici e la realizzazione di interi comparti operatori, reparti di rianimazione, terapie intensive e blocchi

Dettagli

C.R.O.S. CENTRO DI RICERCA ONCOLOGICO SCIENTIFICO S. GIUSEPPE MOSCATI

C.R.O.S. CENTRO DI RICERCA ONCOLOGICO SCIENTIFICO S. GIUSEPPE MOSCATI C.R.O.S. CENTRO DI RICERCA ONCOLOGICO SCIENTIFICO S. GIUSEPPE MOSCATI 1 UBICAZIONE L INSEDIAMENTO I SERVIZI RELAZIONE SANITARIA Dott. Antonio Casinelli. L area è posta nel Comune di Rocca d Evandro (CE)

Dettagli

Ospedale Ca Foncello di Treviso. Medicina d Urgenza Guida ai Servizi

Ospedale Ca Foncello di Treviso. Medicina d Urgenza Guida ai Servizi Ospedale Ca Foncello di Treviso Medicina d Urgenza Guida ai Servizi Lo scopo di questa guida è di fornire a Lei e i suoi familiari informazioni utili per affrontare con maggiore serenità e consapevolezza

Dettagli

COMUNE DI BARDOLINO. Provincia di Verona P.tta S. Gervaso, n BARDOLINO VR) TEL TELEFAX P.

COMUNE DI BARDOLINO. Provincia di Verona P.tta S. Gervaso, n BARDOLINO VR) TEL TELEFAX P. ALLEGATO A- ELENCO DELLE PRESTAZIONI 1. SEDE MUNICIPALE- P.tta San Gervaso 1 24/h alla settimana + 10 ore extra al mese Operazioni a frequenza giornaliera nei giorni feriali da intendersi sull intero edificio

Dettagli

IE Illuminazione ambienti ospedalieri ottobre 2016

IE Illuminazione ambienti ospedalieri ottobre 2016 IE 102 Illuminazione ambienti ospedalieri ottobre 2016 Riferimenti normativi CEI 648/7710 Ambienti ed applicazioni particolari" e nello specifico alla Sezione 710 "Locali ad uso medico". UNI EN 124641

Dettagli

PUNTO PRELIEVO ESTERNO (PPE)

PUNTO PRELIEVO ESTERNO (PPE) Allegato B alla Delib.G.R. n. 45/38 del 2.8.2016 REQUISITI SPECIFICI AUTORIZZATIVI PUNTO PRELIEVO ESTERNO (PPE) Il Punto di Prelievo Esterno( PPE) è una articolazione organizzativa facente parte di un

Dettagli

VIA GIOLITTI 2 BIS CIRCOSCRIZIONE I SERVIZI SOCIALI. MODALITA E FREQUENZA DEGLI INTERVENTI (da Lunedì a venerdì)

VIA GIOLITTI 2 BIS CIRCOSCRIZIONE I SERVIZI SOCIALI. MODALITA E FREQUENZA DEGLI INTERVENTI (da Lunedì a venerdì) LOTTO VII ALLEGATO A VIA GIOLITTI 2 BIS CIRCOSCRIZIONE I SERVIZI SOCIALI MODALITA E FREQUENZA DEGLI INTERVENTI (da Lunedì a venerdì) Servizi igienici: scopatura, lavatura pavimenti pulizia e disinfezione

Dettagli

Procedura per l affidamento dei Servizi di pulizia della sede, delle vetture e delle fermate della linea T1 Bergamo - Albino

Procedura per l affidamento dei Servizi di pulizia della sede, delle vetture e delle fermate della linea T1 Bergamo - Albino Pagina 1 di 9 SERVIZI DI PULIZIA DELLA SEDE, DELLE VETTURE E DELLE FERMATE DELLA LINEA TRAMVIARIA BERGAMO-ALBINO CIG 7214084272 CPV 90917000-9 ALLEGATO I Dettaglio servizi Pagina 2 di 9 Nel presente allegato

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA. Servizio pulizie. UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A)

PIANO DELLE ATTIVITA. Servizio pulizie. UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A) PIANO DELLE ATTIVITA Servizio pulizie UNITA OPERATIVA : turno 1 o A (1 piano) ORARIO 7.30-12.30 (per il turno 1) Orario 8.30 12.30 (per il turno A) ore 8.30 alle ore 11.45 ore 11.45 alle ore 12.30 Pulizia

Dettagli

LA LOGISTICA E L OSPEDALE CHE CAMBIA

LA LOGISTICA E L OSPEDALE CHE CAMBIA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA Ing.Carlo Maria Badi S.C. Progettazione e Gestione Patrimonio LA LOGISTICA E L OSPEDALE CHE CAMBIA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA l ospedale Niguarda è stato in costante trasformazione

Dettagli

CALCOLO DEI TEMPI DI LAVORO PER GLI ARREDI

CALCOLO DEI TEMPI DI LAVORO PER GLI ARREDI CALCOLO DEI TEMPI DI LAVORO PER GLI ARREDI Per gli arredi quali letti, tavolini, sedie, termosifoni, lavandini, lampade, armadi di vari locali ospedalieri ad eccezione di quelli dei servizi igienici, delle

Dettagli

Migliorare l assistenza l infermieristica in ematologia : un futuro possibile. Infermiera Boccadoro Roberta Reggio Emilia 17 novembre 2007

Migliorare l assistenza l infermieristica in ematologia : un futuro possibile. Infermiera Boccadoro Roberta Reggio Emilia 17 novembre 2007 Migliorare l assistenza l infermieristica in ematologia : un futuro possibile Infermiera Boccadoro Roberta Reggio Emilia 17 novembre 2007 Fra le azioni di miglioramento che presenterò, alcune hanno un

Dettagli

Mappa ingressi: ~ - ~ - - ~ - ~ - - ~ - ~ - - ~ - ~ REPARTI DI DEGENZA E SALE OPERATORIE BLOCCO A Piano BLOCCO B

Mappa ingressi: ~ - ~ - - ~ - ~ - - ~ - ~ - - ~ - ~ REPARTI DI DEGENZA E SALE OPERATORIE BLOCCO A Piano BLOCCO B L area occupata dall Ospedale Valduce è compresa fra le vie Dante Alighieri, dai numeri civici 3 e 13, e la via Santo Garovaglio, dai numeri civici 10 e 14. L ingresso principale è posizionato nella struttura

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

SCHEDA PULIZIA E IGIENE AMBIENTALE Scheda pulizie giornaliere e periodiche

SCHEDA PULIZIA E IGIENE AMBIENTALE Scheda pulizie giornaliere e periodiche SCHEDA PULIZIA E IGIENE AMBIENTALE Scheda pulizie giornaliere e periodiche Allegato "2" alle Capitolato speciale Aree uffici C Tip. 1 Tip. 2 Tip. 3 o Aspirazione/battitura pavimenti tessili, stuoie, zerbini

Dettagli

PUNTO PRELIEVO ESTERNO (PPE)

PUNTO PRELIEVO ESTERNO (PPE) Struttura appositamente dedicata ad uso esclusivo del prelievo. Deve essere collegato ad un solo laboratorio, pubblico o privato autorizzato e accreditato, già esistente sul territorio Regionale alla cui

Dettagli

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE Allegato 1a PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE PULIZIE ORDINARIE AREE ESTERNE (AREA 01) (carta, foglie, mozziconi di sigaretta, lattine, ecc.) Svuotatura dei contenitori per rifiuti e sostituzione sacco

Dettagli

Unità Operativa di Oculistica

Unità Operativa di Oculistica Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgie Specialistiche Unità Operativa di Oculistica Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgie Specialistiche Unità Operativa

Dettagli

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti ALLEGATO J) Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti Pavimenti piastrelle, linoleum, di tutti gli ambienti materiale versato sul pavimento. Lavaggio manuale con prodotti detergenti

Dettagli

Elenco attività richieste e frequenze programmate

Elenco attività richieste e frequenze programmate ll. 2 - apitolato ecnico lenco attività richieste e frequenze programmate Z Z vuotamento dei cestini, sanificazione contenitori. pazzatura imozione impronte e macchie di sporco dai avaggio polveratura

Dettagli

Il Consiglio regionale ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga la seguente legge

Il Consiglio regionale ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga la seguente legge Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell ambito dell armonizzazione della classificazione alberghiera. Il Consiglio regionale

Dettagli

REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE ASP-RAGUSA OSPEDALE GIOVANNI PAOLO II PROGETTO ESECUTIVO

REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE ASP-RAGUSA OSPEDALE GIOVANNI PAOLO II PROGETTO ESECUTIVO REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE ASP-RAGUSA OSPEDALE GIOVANNI PAOLO II PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTISTICO ED EDILE DEL BLOCCO OPERATORIO, DEL BLOCCO PARTO E DELLE SALE A SERVIZIO DELLE TERAPIE

Dettagli

Unità Operativa di Chirurgia

Unità Operativa di Chirurgia Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Chirurgia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Chirurgia Guida ai Servizi

Dettagli

5. di cui % popolazione >=75 anni. 3. di cui % popolazione >=65 anni. 4. di cui popolazione >=75 anni. 6. Indice di natalità

5. di cui % popolazione >=75 anni. 3. di cui % popolazione >=65 anni. 4. di cui popolazione >=75 anni. 6. Indice di natalità Regione Veneto Azienda Ulss8 2Liv. Raggrup 3Liv. Raggruppamento Dati 01. POPOLAZIONE (al 31/12/n) 1. N Residenti (al 31/12/n) Anno (vuoto) 27.046 12,09% 250.762 249.309 246.474 242.302 239.832 236.618

Dettagli

5. di cui % popolazione >=75 anni. 3. di cui % popolazione >=65 anni. 4. di cui popolazione >=75 anni. 6. Indice di natalità

5. di cui % popolazione >=75 anni. 3. di cui % popolazione >=65 anni. 4. di cui popolazione >=75 anni. 6. Indice di natalità Regione Veneto Azienda Ulss22 2Liv. Raggrup 3Liv. Raggruppamento Dati 01. POPOLAZIONE (al 31/12/n) 1. N Residenti (al 31/12/n) Anno (vuoto) 40.726 16,50% 287.535 284.131 278.803 272.418 267.911 262.948

Dettagli

Azienda USL di Bologna

Azienda USL di Bologna Pagina 1 di 11 Azienda USL di Bologna Presidio Ospedaliero Maggiore Sale diagnostiche Radiologia d urgenza RELAZIONE TECNICA PREVENTIVA RELATIVA AGLI ASPETTI DI Redatta da: Dr.ssa Paola Berardi ESPERTO

Dettagli

PIANI N. 6 DESTINAZIONE LOCALI N MQ. N MQ. N MQ. N MQ. N MQ. TOTALE 7543 160 217 2880 635

PIANI N. 6 DESTINAZIONE LOCALI N MQ. N MQ. N MQ. N MQ. N MQ. TOTALE 7543 160 217 2880 635 STABILE SITUATO IN VIA FLAVIA, 6 ROMA PIANI N. 6 PAVIMENTO MARMO VENEZIANA E MARMETTE PAVIMENTO IN LEGNO LACCATO PAVIMENTO FLOTTANTE PAVIMENTO LINOLEUM O GOMMA SELCI ASFALTO PORFIDO DESTINAZIONE LOCALI

Dettagli

IL GRUPPO CONTARINA SPA un esempio virtuoso nella gestione dei rifiuti. Il caso delle strutture ospedaliere

IL GRUPPO CONTARINA SPA un esempio virtuoso nella gestione dei rifiuti. Il caso delle strutture ospedaliere IL GRUPPO CONTARINA SPA un esempio virtuoso nella gestione dei rifiuti Il caso delle strutture ospedaliere 1 2 1. Chi siamo 2. Le strategie di gestione dei rifiuti 3. Le caratteristiche del modello Contarina

Dettagli

Deragnatura Pulizia punti luce e lampadari non artistici. Pulizia arredi altezza 190 cm, estintori, condizionatori d aria

Deragnatura Pulizia punti luce e lampadari non artistici. Pulizia arredi altezza 190 cm, estintori, condizionatori d aria LLETO 1 Legenda = una volta al giorno;2/ = due volte al giorno; S/2 = due volte a settimana; S/3 = tre volte a settimana; S = settimanale; Q = quindicinale; = mensile; 2 = bimestrale; 3 = trimestrale;

Dettagli

ALLEGATO C REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI DELLE STRUTTURE RICETTIVE NON ALBERGHIERE FORESTERIE LOMBARDE

ALLEGATO C REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI DELLE STRUTTURE RICETTIVE NON ALBERGHIERE FORESTERIE LOMBARDE 20 Bollettino Ufficiale ALLEGATO C FORESTERIE LOMBARDE REQUISITI DIMENSIONALI MINIMI OBBLIGATORI CAMERE (dimensionamento al netto della stanza da bagno) Camera singola 9 mq Camera doppia Camera da più

Dettagli

Verso il NOB. Strategie Organizzative. A cura di Bonconti Maria Pia. Reggio Emilia, 25 settembre 2015

Verso il NOB. Strategie Organizzative. A cura di Bonconti Maria Pia. Reggio Emilia, 25 settembre 2015 Verso il NOB Strategie Organizzative A cura di Bonconti Maria Pia Bed manager Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma QUALE OSPEDALE DEI BAMBINI? A MISURA DI BAMBINO A MISURA DELLA FAMIGLIA ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Modello di Supporto alle Decisioni per la Progettazione di Ospedali da Campo

Modello di Supporto alle Decisioni per la Progettazione di Ospedali da Campo Bioingegneria Modello di Supporto alle Decisioni per la Progettazione di Ospedali da Campo Roberto Miniati Università degli Studi di Firenze e-mail: roberto.miniati@unifi.it tel : 0039 3286017001 Bioingegneria

Dettagli

AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LECCO PRESIDIO OSPEDALIERO ALESSANDRO MANZONI DI LECCO

AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LECCO PRESIDIO OSPEDALIERO ALESSANDRO MANZONI DI LECCO PREMESSA Il presente documento illustra le motivazioni e le caratteristiche tecniche previste per l intervento di manutenzione straordinaria di alcuni locali afferenti alla cardiologia ambulatoriale del

Dettagli

902. A.O. VERONA. Azienda. Variaz % Di Periodo. 2Liv. Raggrupp3Liv. Raggruppamento Dati 01. POPOLAZIONE (al 31/12/n) 1. N Residenti (al 31/12/n)

902. A.O. VERONA. Azienda. Variaz % Di Periodo. 2Liv. Raggrupp3Liv. Raggruppamento Dati 01. POPOLAZIONE (al 31/12/n) 1. N Residenti (al 31/12/n) Regione Azienda Veneto 902. A.O. VERONA 2Liv. Raggrupp3Liv. Raggruppamento Dati 01. POPOLAZIONE (al 31/12/n) 1. N Residenti (al 31/12/n) Anno (vuoto) 2. di cui popolazione >=65 anni (vuoto) 3. di cui %

Dettagli

Ospedale Ca Foncello di Treviso. Chirurgia Vascolare. Guida ai Servizi

Ospedale Ca Foncello di Treviso. Chirurgia Vascolare. Guida ai Servizi Ospedale Ca Foncello di Treviso Chirurgia Vascolare Guida ai Servizi ASSISTENZA Gentile utente, nel nostro reparto sarà seguito da personale medico, infermieristico, di supporto e dalla caposala. Gli

Dettagli

Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio

Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio L infermiere in sala operatoria tra cultura, tecnologia e clima organizzativo Hotel Flaminio- Via Parigi 8 Pesaro 17/18 Aprile 2015 Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio Maria Mattea Gallo

Dettagli

1.00 PRESTAZIONE DI SERVIZIO

1.00 PRESTAZIONE DI SERVIZIO REQUISITI OBBLIGATORI PER ALBERGHI E MOTEL 1.00 PRESTAZIONE DI SERVIZIO 1.01 SERVIZI DI RICEVIMENTO E PORTINERIA - INFORMAZIONI 1.01.01 assicurato 16/24 ore con almeno una unità addetta in via esclusiva

Dettagli

Il Progetto di Servizio dovrà essere prodotto esclusivamente dalla società aggiudicataria dell appalto.

Il Progetto di Servizio dovrà essere prodotto esclusivamente dalla società aggiudicataria dell appalto. NOTA la bozza che segue serve come spunto per la compilazione dei progetti di servizio che definiranno in modo chiaro ed inequivocabile la tempistica di tutte le operazione dedotte nel contratto. Sarà

Dettagli

Allegato A Descrizione delle Tipologie e delle Frequenze

Allegato A Descrizione delle Tipologie e delle Frequenze Allegato A Descrizione delle Tipologie e delle Frequenze Le attività oggetto del servizio di pulizia sono state suddivise in: Attività ordinarie: relative alla pulizia delle Aree omogenee da effettuarsi

Dettagli

Unico Azionista ARTICOLO 1. (OGGETTO DELL APPALTO)... 3 ARTICOLO 2. (PRESTAZIONI RICHIESTE)... 3 ARTICOLO 3. (PRESTAZIONI RICHIESTE)...

Unico Azionista ARTICOLO 1. (OGGETTO DELL APPALTO)... 3 ARTICOLO 2. (PRESTAZIONI RICHIESTE)... 3 ARTICOLO 3. (PRESTAZIONI RICHIESTE)... INDICE ARTICOLO 1. (OGGETTO DELL APPALTO)... 3 ARTICOLO 2. (PRESTAZIONI RICHIESTE)... 3 ARTICOLO 3. (PRESTAZIONI RICHIESTE)... 3 ARTICOLO 4. (MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO ATTIVITÀ COMPRESE)...

Dettagli

LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO

LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO APERTURA CANCELLO APERTURA EDIFICIO ISPEZIONE EDIFICIO FINE ATTIVITA SCOLASTICA ACCENSIONE LUCI REGISTRAZIONE ENTRATA DIPENDENTE DIVISA CARTELLINO CHIUSURA PORTE/FINESTRE

Dettagli

Tabella A Rilevazione superfici e finitura Tipologia di aree. Mq per tipologia di materiale parquet marmo linoleum ceramica moquette metallo.

Tabella A Rilevazione superfici e finitura Tipologia di aree. Mq per tipologia di materiale parquet marmo linoleum ceramica moquette metallo. Tabella A Rilevazione superfici e finitura Tipologia di aree comuni Uffici di rappresentanza Aule/uffici e aree lavoro tecniche Servizi igienici e cucine Superfici scoperte Descrizione N. Ingressi principali

Dettagli

REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E TECNOLOGICI DELLA SALA RISVEGLIO Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo

REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E TECNOLOGICI DELLA SALA RISVEGLIO Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo Dott. NICOLA TORINA Coordinatore Infermieristico - UTIR Ospedale Buccheri La Ferla FBF Palermo REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E TECNOLOGICI DELLA SALA RISVEGLIO Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo 1 Secondo

Dettagli

SCHEDE ATTIVITÀ ORDINARIE DI PULIZIA

SCHEDE ATTIVITÀ ORDINARIE DI PULIZIA CHEDE TTIVITÀ ORDINRIE DI PULIZI rea: Uffici vuotamento cestini ed eventuale sostituzione sacchetto con eventuale sanificazione pazzatura con raccolta grossa pezzatura polveratura a umido, altezza, di

Dettagli

Superfici scoperte Balconi, terrazze, camminamenti Scale esterne e di sicurezza

Superfici scoperte Balconi, terrazze, camminamenti Scale esterne e di sicurezza Tabella A Superfici e finiture Tipologia di aree comuni Aule/uffici e aree lavoro tecniche Servizi igienici Cucine e mense Descrizione N. Ingressi principali Sale attesa Corridoi, atri, scale e pianerottoli

Dettagli

ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009)

ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato A STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER GLI ALBERGHI DI PRIMA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

SCHEDA PULIZIE GIORNALIERE E PERIODICHE

SCHEDA PULIZIE GIORNALIERE E PERIODICHE CHED PULIZIE IORNLIERE E PERIODICHE lto edio spirazione/battitura pavimenti tessili, stuoie, zerbini 2 Detersione davanzali esterni (con raschiatura) senza uso di autoscale e/o ponteggi 2 Detersione pavimenti

Dettagli

ALBERGHI. Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato A

ALBERGHI. Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato A ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16 Luglio 2007 (allegato A al Regolamento Regionale n. 5 del 7 Dicembre 2009) Allegato A STANDARD QUALITATIVI OBBLIGATORI MINIMI PER GLI ALBERGHI Il presente Modello

Dettagli

LA TUA SALUTE AL CENTRO

LA TUA SALUTE AL CENTRO LA TUA SALUTE AL CENTRO A DI CURA PRI CASA DI CURA PRIVATA SANATRIX CLINICA SANATRIX LA CLINICA La Clinica Sanatrix è una casa di cura privata in grado di rispondere ai più innovativi requisiti in termini

Dettagli

Gli indicatori energetici nelle strutture ospedaliere

Gli indicatori energetici nelle strutture ospedaliere Gli indicatori energetici nelle strutture ospedaliere Workshop Roma 20 Settembre 2010 Ing. Domenico Iatauro ENEA C.R. Casaccia UTEE-ERT Il problema: I complessi ospedalieri sono in genere caratterizzati

Dettagli

Nuovo Ospedale dei bambini

Nuovo Ospedale dei bambini Nuovo Ospedale dei bambini Realizzazione di un nuovo volume ospedaliero e interventi di adeguamento e accreditamento di alcune aree Milano, DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Realizzazione di un nuovo edificio

Dettagli

Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50

Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Testo a fronte Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

Ospedale Ca Foncello di Treviso. 2 a Medicina Generale Guida ai Servizi

Ospedale Ca Foncello di Treviso. 2 a Medicina Generale Guida ai Servizi Ospedale Ca Foncello di Treviso 2 a Medicina Generale Guida ai Servizi Gentile signora/e, con questo opuscolo Le diamo delle informazioni utili durante la Sua permanenza nell Unità Operativa di Medicina

Dettagli

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO LEGENDA: il numero indicato prima della indica la frequenza nel periodo considerato; la colonna gg/sett. indica i giorni lavorativi

Dettagli

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO CHECK LIST DI CONTROLLO SERVIZIO DI PULIZIA. Pag. 1 di 9

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO CHECK LIST DI CONTROLLO SERVIZIO DI PULIZIA. Pag. 1 di 9 APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO CHECK LIST DI CONTROLLO SERVIZIO DI PULIZIA Pag. 1 di 9 La misurazione della qualità delle prestazioni (attraverso la determinazione dell Indicatore di prestazione definito

Dettagli

SEDE COMUNITA' VIA ALBERTI 4 CAVALESE UFFICI MQ. 929,84

SEDE COMUNITA' VIA ALBERTI 4 CAVALESE UFFICI MQ. 929,84 UFFICI MQ. 929,84 tutti i giorni pulizia completa dei, spazzatura e detersione pavimento, detersione, vaporizzazione e disinfezione sanitari, pareti e 2 volte alla 1 volta alla cestini uffici scrivanie

Dettagli

INAUGURAZIONE del Corpo C

INAUGURAZIONE del Corpo C INAUGURAZIONE del Corpo C dell Ospedale Franchini di Montecchio gennaio 2018 1 Introduzione Insieme agli altri cinque ospedali del territorio, l Ospedale E. Franchini di Montecchio Emilia è parte integrante

Dettagli