Catecolammine e farmaci che interagiscono con i recettori adrenergici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catecolammine e farmaci che interagiscono con i recettori adrenergici"

Transcript

1 Catecolammine e farmaci che interagiscono con i recettori adrenergici

2 CATECLAMMIE E RECETTRI ADREERGICI C C 2 2 C C 2 C 3 RADREALIA (A) REPIEFRIA (E) ADREALIA (A) EPIEFRIA (E) - La A è il mediatore a livello sinaptico. - La A è prodotta principalmente dalle ghiandole surrenali (caratteristiche di ormone). Analogamente all'ach la A viene immagazzinata in vescicole e rilasciata tramite l'intervento di Ca ++.Esisteun importante processo di REUPTAKE della A che è di gran lunga più importante della degradazione metabolica da parte di CMT e MA.

3 BISITESI DELLE CATECLAMMIE Citoplasma neuronale 2 C L-Tirosina Tirosina idrossilasi (tetraidropteridina, 2,Fe ++ ) 2 C L-DPA DPA-decarbossilasi (piridossalfosfato) 2 DPAMIA Vescicole granulari (ATP, Mg ++ ) Dopamina-β-idrossilasi (acido ascorbico, 2 ) 2 RADREALIA Ghiandole surrenali Feniletanolamina--Metiltrasferasi (S-adenosilmetionina) C 3 ADREALIA

4 Schema di una sinapsi adrenergica

5 VIE METABLICE EURALE (1) ED EXTRAEURALE (2) DELLA RADREALIA MA Aldeido ossidasi 2 (1) CMT (2) 2 C 3

6 CICL DELLE AMIE ADREERGICE Precursore Biosintesi Deposito Inattivazione metabolica Recupero nel citoplasma neuronale Rilascio Interazione con gli adrenocettori Diffusione e inattivazione metabolica Effetto

7 Rappresentazione schematica della struttura del recettore adrenergico Ψ Ψ 2 E1 E2 E3 TM4 TM2 TM3 TM5 TM6 TM1 TM7 I2 I3 I1 C E1-E3: sequenze idrofile (loop) extracellulari; I1-I3: sequenze idrofile citoplasmatiche; Ψ: siti di -glicosilazione; : zone di massima variabilità tra i sottotipi adrenergici.

8 SUDDIVISIE DEI RECETTRIADREERGICI Recettori adrenergici Ahlquist, 1948 α β Langer e Starke, 1974 Lands, 1967 Arch, 1984 α 1 α 2 β 1 β 2 β 3 β 4 Bylund, α 2A α 2B α 2C Morrow, Creese, 1986 α 1A α 1B Perez, 1991 α 1D

9 Presunto meccanismo di interazione della noradrenalina con il recettore β2-adrenergico (A) e α2-adrenergico (B) TM2 TM2 TM3 Asp 113 TM4 C - 3 TM1 TM7 Asn 312 TM3 Asp 113 TM4 Ser 90 C - 3 TM1 TM7 Ser 165 TM6 Phe 290 TM6 Ser 204 Ser 207 S Cys 201 Ser 204 TM5 TM5 (A) (B) Il recettore è visto dall'alto, dal lato extracellulare.

10 EFFETTI FUZIALI MEDIATI DAI RECETTRI ADREERGICI I ALCUI TESSUTI PERIFERICI Tessuto Risposta Tipo di recettore* Cuore: nodo senoatriale Aumento frequenza cardiaca β 1, β 2, α 1 atrio Aumento forza di contrazione e β 1, β 2, α 1 velocità di conduzione nodo atrioventricolare Aumento automatismo e velocità di β 1, β 2 conduzione Muscolatura liscia: intestino Diminuzione motilità e tono α 1, α 2, β 1, β 2 Contrazione sfinteri α 1 polmoni Broncocostrizione α Broncodilatazione β 2, β 1 vescica Rilassamento β 2 utero Rilassamento β 2 Contrazione α 1 Arteriole: coronarie, polmonari, Costrizione α 1, α 2 apparato digerente, Dilatazione β 1, β 2 renali Muscolatura scheletrica: Glicogenolisi β 2 Fegato: Glicogenolisi e Gliconeogenesi α 1, β 2 Ghiandole esocrine: lacrimali Secrezione α salivari Secrezione acqua e K + α 1 Secrezione amilasi β gastrointestinali Diminuzione secrezione α 2 pancreatiche Secrezione di insulina e glucagone: diminuzione α 2 aumento β 2 sudoripare Secrezione α 1 Tessuto adiposo: Lipolisi α 2, β 1, β 3 *La natura della specie recettoriale non è sempre determinata in modo inequivocabile. La risposta uterina è influenzata dallo stadio del ciclo mestruale e dalla quantità di estrogeni e progesterone circolanti.

11 RECETTRI ADREERGICI E SISTEMI EFFETTRE CLLEGATI Sottotipo Proteina G Effettore collegato recettoriale α 1 G q fosfolipasi C G q fosfolipasi D G q, G i /G o fosfolipasi A 2 G q canali del Ca ++ α 2 G i 1, 2 o 3 adenilatociclasi G i (subunità βγ) canali del K + G o canali del Ca ++ (tipo L e )? G i /G o PLC, PLA 2 β 1 G s adenilatociclasi canali del Ca ++ (tipo L) β 2 G s adenilatociclasi β 3 G s adenilatociclasi

12 AGISTI - IPTESIE - DECGESTIATI ASALI - PTEZIAMET AESTETICI LCALI - STIMLATI CARDIACI α 1 ATAGISTI - IPERTESIE - EMICRAIA - IPERPLASIA PRSTATICA BEIGA - ARITMIE AGISTI - IPERTESIE (α 2A ) - AALGESIA E SEDAZIE - GLAUCMA - DISRDII DELL'ATTEZIE α 2 ATAGISTI (PC SELETTIVI) - IPERTESIE - IPERPLASIA PRSTATICA BEIGA - DECGESTIATI ASALI

13 Siti d'azione ed effetti degli agonisti α 2 -adrenergici Clonidina α-metil-dpa Guanfacina Guanabenz Recettori α 2 -adrenergici ucleo del tratto solitario Centrali ucleo ceruleo Periferici Ghiandole salivari Inibizione simpatica Sedazione Secchezza delle fauci Vasodilatazione e diminuzione della resistenza vascolare periferica Ipotensione

14 RECETTRI β ADREERGICI L'attivazione dei recettori β provoca: 1. rilassamento della muscolatura liscia 2. aumento della frequenza e della forza di contrazione cardiaca 3. termogenesi e lipolisi Si suddividono in: β 1, β 2, β 3, β 4 Localizzazione: - cuore: β 1 /β 2 = 4/1 - trachea: β 1 /β 2 = 1/3 - adipociti: β 3 - tessuto cardiaco: β 4

15 SCEMA DEI DISTURBI CARDIVASCLARI DAI REALI DAI CEREBRALI (IFART) ATERSCLERSI IPERTESIE ISCEMIA CRARICA AGIA MI DISTURBI CARDIACI IPERTRFIA VS ARITMIA

16 Farmaci che agiscono sul sistema simpatico

17 FARMACI CE ITERAGISC C I RECETTRI ADREERGICI Composti naturali o di sintesi che interferiscono direttamente o indirettamente (sintesi, rilascio, re-uptake, metabolismo del neurotrasmettitore). AGISTI α-adreergici (Simpatomimetici) L'azione α-adrenergica può essere ottenuta in vari modi: 1- inibendo l'uptake, falsi substrati che impediscono l'accumulo di A nelle vescicole, svuotando le vescicole. 2- interferendo con la biodegradazione delle ammine simpaticomimetiche. 3- interferendo direttamente con il recettore. Le sostanze che agiscono nei primi due modi ( adrenergici indiretti, anti-ma, anti-cmt) hanno un effetto finale simile alla stimolazione diretta da parte delle sostanze che agiscono nel terzo modo (adrenergici diretti). ADREERGICI IDIRETTI Specificità di azione inesistente ADREERGICI DIRETTI Elevata specificità di azione

18 Esempi di Agonisti Diretti e Indiretti 1- Inibizione uptake per variazione permeabilità della membrana (Indiretti) 3 C CC 3 R C S C 2 C 2 C 3 3 C (C 2 ) 3 C3 Cocaina Ecgonina Amfetamina ( + ) Imipramina (nel SC, es. antidepressivi triciclici) 2- Stimolazione della liberazione (Indiretti) C 3 C C 3 C C 2 C 2 2 C 3 C 2 C C 3 Tiramina Foledina Efedrina (-) e racemo

19 3- Inibizione degli enzimi inattivanti (Indiretti) 2 Tranilcipromina (anti-ma) Pirogallolo (anti-cmt) 4- Stimolazione diretta dei recettori (Diretti) C C 2 C 3 C C C 3 2 Fenilefrina Efedrina (azione dualistica)

20 AGISTI α ADREERGICI L'attivazione dei recettori α adrenergici provoca un'azione: 1. vasodilatatoria 2. vasocostrittice 3. stimolante sul SC AGISTI α 1 α 1A, α 1B, α 1D IPTESIE DECGESTIATI ASALI AGISTI α 2 α 2A, α 2B, α 2C IPERTESIE (α 2A ) AALGESIA E SEDAZIE GLAUCMA DISRDII DELL'ATTEZIE

21

22 ADREERGICI DIRETTI (α-agisti) Gli Agonisti α-adrenergici possono essere suddivisi in due classi principali: 1- β-fenetilammine (A,A,...) 2- Imidazoline (Clonidina,...) I recettori α 1 e α 2 hanno RICIESTE STRUTTURALI differenti per le due classi di composti. C C 2 R-(-)-A E' l'enantiomero attivo (eutomero). 2 La conformazione preferita è quella estesa con il gruppo catecolico e amminico in anti (180 ). :

23 Fenetilammine conformazionalmente costrette 2-(3,4-diidrossifenil)- ciclopropilammina 2-(3,4-diidrossifenil)- ciclobutilammina trans α 2 2 α 2 5 volte più potente di: cis trans > cis Ipotesi di EASS-STEDMA Vale per le fenetilammine che interagiscono con tutti i sottotipi recettoriali adrenergici (α e β). on vale per gli effetti α-adrenergici mediati da imidazoline. Isomeri di noradrenalina P P P A A A Enantiomero R-(-) Enantiomero S-(+) Desossi derivato

24 - el caso delle fenetilammine quando vale l'ipotesi di Easson-Stedman si ha: R > S ~ desossi - el caso delle imidazoline si ha: () C desossi > R S > elle imidazoline il rapporto eudismico è basso (RE = 5-10); è invece più alto nelle fenetilammine (RE = ).

25 Interazione proposta delle Catecolammine con gli Adrenocettori α 1 e α 2 P P α 1 -Adrenocettore C A A 1R(-)-oradrenalina 1R,2S(-)-eritroα-Metilnoradrenalina ER = 60 P P α 2 -Adrenocettore M C 3 M 2 2 A A 1R(-)-oradrenalina 1R,2S(-)-eritroα-Metilnoradrenalina ER = 550

26 Interazione proposta degli Isomeri dell'α-metildopamina con gli Adrenocettori α 1 e α 2 P P P α 1 -Adrenocettore C 3 3 C 2 A S (+) 2 A ~ ~ R (-) 2 A Desmetil P P P α 2 -Adrenocettore C 3 M 3 C M M 2 A 2 A 2 A S (+) > R (-) Desmetil Stereoisomeri della α-metilnoradrenalina C 3 2 α 2 1 β 2 C 3 2 C 3 C 3 2 1R, 2S(-) eritro 1S, 2R(+) eritro 1R, 2R treo 1S, 2S treo

27 RELAZIE STRUTTURA-ATTIVITA' DELLE FEETILAMMIE X C C R R' Y b a c d a - La chiralità e la presenza o meno del gruppo è già stata trattata. b - L'anello catecolico è molto importante per l'attività, particolarmente α 2. Tra i derivati monofenolici il più potente ha il gruppo in meta (Y = ). Quando X = Y = il composto è un agonista molto blando. Quando Y = S 2 2 l'attività α 1 è mantenuta. c - Quando R = C 3 si ha α 1 e α 2. d - La sostituzione sull'atomo di azoto modifica profondamente sia l'attività α che β: α - 2 ; -C 3 ; --C 2 5 ; --C(C 3 ) 2 ; --C(C 3 ) 3 β

28 RELAZIE TRA LE CARATTERISTICE STRUTTURALI DELLE FEILETILAMMIE E L AGISM ADREERGIC* Tipo di recettore α 1 α 2 β 1 β 2 β 3 Anello catecolico ++ + Catena centrale β α-c Sostituente, C 3 o più C 3 o più ingombrante all azoto C 3 C 3 ingombrante ingombrante *Il simbolo (++) indica sostituenti necessari per un attività farmacologicamente significativa; quello (+) sostituenti che, se presenti, esaltano l attività.

29 CLASSIFICAZIE DEI RECETTRI α-adreergici SULLA BASE DELL'ITERAZIE C AGISTI ED ATAGISTI (sottolineati) α 1A α 1 Metoxamina Cirazolina Fenilefrina Prazosina WB 4101 Corinantina Diidroergotamina Labetalolo aftopidil Cirazolina, Fenilefrina ximetazolina Abbott Metilurapidile (S)-(+)-iguldipina (-)-Mefendiossano α 1B CEC, Spiperone A 11110A Ciclazosina α 1D Recettori α Fenilefrina Metaraminolo Fenossibenzamina Fentolamina α 2 BT-933 UK BT-920 Clonidina Rilmenidina Guanabenz α-mee Idazoxan Yohimbina Rauwolscina Wy SK&F RX BMY 7378, SK&F SK&F α 2A ximetazolina, Guanfacina BRI α 2B Prazosina, ARC-239 Spiroxatrina, Imiloxan α 2C Prazosina, WB 4101 Rauwolscina, ARC-239 BAM 1303

30 AGISTI α 1 -ADREERGICI C 3 2 C 3 C 3 Metoxamina Cirazolina α 1A AGISTI α 2 -ADREERGICI Cl C Cl BT 933 Guanfacina α 2A

31 a b a E 2 b 2 2 F F 2 6-FE Agonista α-adrenergico α 2 /α 1 = 18 2-FE 2 Agonista β-adrenergico (C 2 ) n R 1 R 1 R 1 = R 2 = R 1 = ; R 2 = Me R 1 = R 2 = Me R 2 α 2 /α 1 = 560 α 2 /α 1 = 290 α 2 /α 1 = 270 R 2 6-ERBCP

32 R 1 R 1 R 1 = Me cis racemo K i α 2 = 5.6 nm α 2 /α 1 = 230 R 1 = Me trans K i α 2 = 4.2 nm α 2 /α 1 = 165 K i α 2 (nm) α 2 /α 1 K i α 2 (nm) α 2 /α 1 R,R R,S S,S 92 8 S,R

33 IMIDAZLIE - DERIVATI DELL'IMIDAZLIA (Azione α periferica) - DERIVATI DELL'IMIIMIDAZLIA (Azione α centrale) Ar X X = C 2 X = Cl C 2 Cl afazolina Cl Cl Clonidina - Quando X = C 2 si hanno potenti agonisti con attività prevalentemente periferica. Vengono utilizzati come decongestionanti nasali. Agiscono attivando i recettori α-postsinaptici (α 1 ) e si ha vasocostrizione. - Quando X = i composti superano la barriera ematoencefalica e agiscono sui recettori α-centrali (α 2 ) determinando vasodilatazione periferica e quindi ipotensione.

34 I recettori imidazolinici si differenziano in I 1 e I 2 - I composti della 1 a generazione causano ipotensione ortostatica, sedazione e riducono la gettata cardiaca. Cl Cl Clonidina (α 2 ) - I composti della 2 a generazione sono più specifici per I 1 rispetto ad α 2. Vengono utilizzati come farmaci antiipertensivi e come diuretici in quanto inibiscono la pompa a + / +, aumentando l'escrezione di K + e riducendo il riassorbimento di a +. Provocano un aumento della secrezione di insulina e possiedono effetti centrali negativi nella depressione, per cui gli antagonisti sono potenzialmente utili come antidepressivi. C Rilmenidina 3 C C 3 Cl Moxonidina Idazoxan (antagonista)

35 Distanze critiche ai fini dell'attività α-adrenergica A Cl Cl A A A oradrenalina Clonidina E' possibile osservare la somiglianza strutturale fra noradrenalina e clonidina. ella clonidina la presenza di due sostituentu in orto impedisce la rotazione dell'anello fenilico. Analoghi strutturali conformazionalmente rigidi 3 C

36 RELAZII STRUTTURA-ATTIVITA' DELLE IMIDAZLIE X X a b c a - L'anello aromatico deve portare almeno un sostituente in orto. I composti più attivi sono i 2,6-dialogenati e si collocano nel seguente ordine: b - Ponte fra i due anelli Cl > Br > CF 3 >> F Cl X La sostituzione del ponte azotato della clonidina con C 2, S,, C 2 -, --, o ulteriore allungamento porta invariabilmente ad una diminuzione dell'attività ipotensiva centrale (α 2 ). L'attività (α 1 ) è mantenuta quando X = C 2. c - L'allargamento dell'anello imidazolinico ad un anello a 6 o 7 termini produce una marcata diminuzione dell'attività ipotensiva (α 2 ) e vasocostrittrice (α 1 ). Sono invece tollerati altri anelli a cinque atomi. R 1 R 2 Cl R 1 R 2

37 RELAZII STRUTTURA-ATTIVITA' DI AGISTI α-adreergici Sostituzione Parametro Sostituzione C 3 alchile alchile affinità α C +, attività intrinseca α 1 C C C C? affinità α , attività intrinseca α C C C? + Aumento; - diminuzione; C: nessun cambiamento.

38 A - VASPRESSRI (-)-Adrenalina R -C 3 Si usa sia come base libera che come tartrato. E' male assorbita per os quindi viene somministrata i.m. o e.v. Si utilizza: - nello shock cardiaco - nella ipotensione - associata agli anestetici locali Sintesi: + ClC 2 CCl AlCl 3 CC 2 Cl CC 2 C 3 C (±)-Adrenalina Pd/C Acido (+)-Tartarico (R)-(-)-Adrenalina

39 (-)-oradrenalina (Levarterenolo) 2 Si sintetizza in modo analogo all'adrenalina. Si utilizza come tartrato ed ha le stesse indicazioni dell'adrenalina. xedrina o Sinefrina (Simpatol) (+) -C 3 Si utilizza come racemo. Vasopressore e stimolante cardiaco (sol. 10%). (-)-Fenilefrina -C 3 Attivo per os; viene somministrato anche per i.m.. Si utilizza come pressorio. a trascurabili effetti cardiaci, bronchiali e centrali.

40 Metoxamina (Vasoxine) 3 C 2 C 3 C 3 E' un buon vasopressore esente da azione centrale. Si usa come cloridrato alle dosi 10mg (i.m.) e 5mg (e.v.). Metaraminolo (Levicor) R RS 2 C 3 Possiede un'azione agonista diretta sui recettori α dei vasi e un'azione agonista indiretta per cui favorisce il rilascio di A. E' un potente vasopressore con lunga durata d'azione. Si usa come decongestionante nasale, nello shock cardiaco e nell'anestesia spinale. on ha effetti centrali.

41 B - IPTESIVI Clonidina (Catapresan) Cl.Cl Ipotensivo ad azione centrale (α 2 -adrenergico). Si usa alla dose di mgr 3 volte al dì. Sintesi: 1 - Cl Cl Cl 2 C + 4 SC S 2 Cl Cl Cl SC 3 C 3 I C 2 + C2 2 C 2 2 Clonidina Cl I X X C C SCl 2 X X X X C Cl Cl + C2 2 C 2 2 X X

42 Dexmedetomidina (1999) C 3 C 3 C 3 E' un agonista α 2 con azione diretta sul nucleo ceruleo. Si utilizza come sedativo e analgesico.

43 C - DECGESTIATI ASALI Ar C 2 -afazolina Ar = Tetrizolina Ar = Xilometazolina Ar = 3 C 3 C C 3 C C 3 C 3 3 C ximetazolina Ar = C C 3 C 3 3 C C 3 Sono degli α-agonisti periferici utilizzati come decongestionanti nasali. Sintesi: Ar + C C 2 Cl Ar C 2 C Et 2 Cl AlCl 3 Ar C 2 C Et C Ar C 2 C 2 2 Cl

44 D - ARESSIZATI Amfetamina (+) C 2 C 2. 2 S 4 C 3 Veniva utilizzata come anoressizante e come stimolante centrale. on è più in uso a causa di fenomeni di tolleranza e tossicodipendenza. E' un simpaticomimetico indiretto. Metamfetamina C 2 C -C 3 C 3 Stessi usi e stessi inconvenienti dell'amfetamina. E' fuori commercio. Amfepramone C C C 3 C 2 5 C 2 5 Struttura "non-canonica". E' il farmaco più diffuso perchè è quello meno dotato di azione stimolante centrale.

45 C 2 C C 3 C 3 C 2 C 2 C 3 MDMA Ecstasy MDA (love drug) neurotossica Questi farmaci presentano analogie strutturali con l'amfetamina. Gli effetti che mostrano sono: - Aumento dell'attività fisica - Miglioramento dell'umore - Alterazioni della percezione Inoltre possono causare: - Ipertermia - Alterazione della funzione cardiovascolare - Difficoltà respiratoria

46 Considerazioni strutturali adrenergici indiretti (α/β) Limitando la discussione ai prodotti che sono anti-ma e che aumentano la concentrazione di A nell'area recettoriale per inibizione dell'uptake e/o aumento del rilascio si può dire: 1 - in genere questi prodotti mancano degli fenolici 2 - un C 3 in α aumenta l'affinità per i sistemi di re-uptake e diminuisce l'azione delle MA e CMT 3 - l'ossidrile in β generalmente diminuisce l'effetto indiretto R C 3 C C R' R'' R R' R'' Efedrina C 6 5 C 3 Amfetamina C 6 5 Metamfetamina C 6 5 C 3 Ciclopentamina C 3

47 ATAGISTI α-adreergici (α-adrenolitici) Possono agire a livello CETRALE e/o PERIFERIC con effetti che possono essere contrastanti. La stimolazione del recettore α centrale ha un effetto ipotensivo mentre la stimolazione dei recettori α periferici provoca un effetto ipertensivo. Vengono principalmente impiegati come: 1 - ATIIPERTESIVI 2 - ATIDEPRESSIVI (azione centrale) 3 - VASDILATATRI PERIFERICI (flebiti, flebotrombosi) 4 - IPERTRFIA PRSTATICA BEIGA L'azione adrenolitica può essere ottenuta in vari modi: 1 - Prevenzione del rilascio del neuromediatore (A) dai depositi e interferenza con l'accumulo 2- Inibizione degli enzimi predisposti alla sintesi del mediatore o utilizzazione di falsi substrati (falsi mediatori) 3 - Blocco dei recettori adrenergici

48 A DPAMIA DPA 2 2 TIRSIA 3 1 A 1 3 A α β β β α TIRSIA 1 Composti che interferiscono con l'accumulo e il rilascio di A 2 3 Composti che inibiscono la biosintesi della A Antagonisti α-adrenergici

49 1 Composti che interferiscono con l'accumulo e il rilascio di A A questo gruppo appartengono sostanze come Reserpina, Bretilio e Guanetidina. R C 3 3 CC C C 3 C 3 C 3 R = C 3 R = Reserpina Deserpidina C 3 C 2 C 2 5 C 2 C 2 C Br C 3 2 Guanetidina Bretilio

50 La Reserpina e la Deserpidina vengono ricavate dalle radici di diverse specie di Rauwolfia causa deplezione (svuotamento) del mediatore dalle vescicole. Il mediatore viene inattivato dalle MA. Utilizzo TRAQUILLATE (azione centrale) ATIIPERTESIV (azione periferica) Effetti collaterali: - sonnolenza - disturbi addominali - manifestazioni di tipo parkinsoniano La Guanetidina e il Bretilio bloccano il rilascio del mediatore. anno solo effetti periferici. Sono anche chiamati BLCCATI DEI EURI ADREERGICI e vengono impiegati nel trattamento dell'ipertensione. Sintesi della Guanetidina: LiAl 4 ClC 2 C -C 2 C LiAl 4 -C 2 -C C 3 S C Cl 2 Guanetidina

51 2 Composti che inibiscono la biosintesi della A A questo gruppo appartengono i farmaci che inibiscono la biosintesi della A e/o agiscono da falsi substrati (falsi mediatori). Vengono sintetizzati composti simili alla A, ma dotati di attività intrinseca ed affinità per il recettore post-sinaptico molto minori. Tirosina L-DPA DPAMIA A Tirosina ossidrilasi DPA decarbossilasi C 3 C 2 S C C 2 C 3 C 2 C C - 2 α-metil-p.tirosina Inibisce l'enzima Tirosina idrossilasi Carbidopa Inibisce l'enzima DPA-decarbossilasi C 3 C 2 C C C α-metil-dpa α-metil-a α 2 -agonista Falso substrato 1/3 A

52 IDICAZII TERAPEUTICE α-atagisti α 1 - Ipertensione - Aritmie cardiache - Iperplasia prostatica benigna α 2 - on vi sono α 2 -antagonisti veramente selettivi per tale recettore - Alcuni sono impiegati come antidepressivi (α 2A ) - Potenzialmente possono essere utilizzati contro l'ipertensione (α 2B e α 2C ) e l'obesità

53 Applicazioni terapeutiche L ipertrofia prostatica benigna (BP) si sviluppa in risposta all azione del diidrotestosterone sulla ghiandola prostatica. La sintomatologia è da attribuirsi a Componente meccanica Inibitori della 5α-reduttasi Componente dinamica Antagonisti α 1Α

54 3 Antagonisti α-adrenergici 1 - Alcaloidi dell'ergot 2 - Derivati imidazolinici 3 - Tetrammine disolfuro SELETTIVI (α 1, α 2 ) 4 - β-aloalchilammine 5 - Prazosina e derivati 6 - Yohimbina e derivati 7 - Derivati Benzodiossanici α 1 α 2 α 1 e α 2

55 ALCALIDI DELL'ERGT Sono ricavati dal fungo Claviceps purpurea che si sviluppa sulle piante della segale. Appartengono a due serie: Ergotamina ed Ergotossina e vengono usati contro l'emicrania come tartrati. R C R R' C 3 R = R = C 3 R' Ergotamina Ergosina Ergocristina Ergokryptina Ergocornina C 2 C 2 C(C 3 ) 2 C(C 3 ) 2 RELAZII STRUTTURA-ATTIVITA' - Gli stereoisomeri al carbonio in posizione C8 non sono attivi - Riducendo il doppio legame in posizione C9-C10 si ha : _ attività vasocostrittrice + attività adrenolitica periferica

56 ATAGISTI α 1 -ADREERGICI 2 Me Me Prazosina Me WB 4101 Me ATAGISTI α 2 -ADREERGICI Idazoxan

57 C-R 2 C 3 R 1 R 1 R 2 3 C Ergotamina Ergocornina 3 C C 3 3 C C 3 Ergonovina C 3 Acido Lisergico LSD C 2 5 C 2 5

58 C C 3 Acido Lisergico Ergolina Serotonina Dopamina oradrenalina

59 C 8 C 8 5 C 3 5 C 3 Acido d-lisergico Acido d-isolisergico I composti di interesse terapeutico sono amidi dell'acido d-lisergico. E' importante la configurazione di entrambi i centri chirali nelle posizioni 5 e 8. I derivati dell'acido l-lisergico e dell'acido d-isolisergico hanno bassa attività. Et Et C 3 LSD LSD è la dietilamide dell'acido d-lisergico. E' un potente allucinogeno con effetti psichedelici a dosi di µg.

60 ERGTAMIA agonista/antagonista misto di vari recettori adrenergici periferici e centrali potente induttore delle contrazioni uterine, utilizzato per prevenire emorragie post-parto utilizzata contro l emicrania, sotto forma di tartrato (compresse sublinguali) ERGVIA e METILERGVIA induttori delle contrazioni uterine, hanno soppiantato l uso dell ergotamina, dato il loro migliore assorbimento per os e la minore tossicità METISERGIDE usata esclusivamente per il trattamento dell emicrania agisce come antagonista del recettore 5-T (serotonina)

61 ATAGISTI SERTIERGICI C 3 C 3 C 3 C 3 Metilergonovina 3 C Metisergide 3 C C 3 C 3 C 3 C 3 Ergocriptina AGISTI DPAMIERGICI S Et Et C 3 7 C 3 Pergolide Lisuride

62 DERIVATI IMIDAZLIICI Sono composti non selettivi che agiscono su entrambi i sottotipi di recettore α (α 1 e α 2 ). I prototipi sono: 3 C Tolazolina Fentolammina - La Tolazolina è un vasodilatatore e possiede anche effetti colinergici ed istaminergici. - La Fentolammina viene impiegata nelle malattie vascolari periferiche. In sede ospedaliera viene utilizata nella diagnosi della ipertensione primaria dovuta al feocromocitoma (tumore delle capsule surrenali che induce eccessiva produzione di adrenalina). Sintesi della Fentolammina: Cl 2 C C + Et Cl 2 C 2 Cl + 2 Et 2 C 3 C 2 Cl + Fentolammina

63 β-alalcilammie Sono composti ad attività α-bloccante irreversibile. Sono utilizzati come mezzo di indagine farmacologica nella caratterizzazione dei sistemi recettoriali adrenergici. 3 C Dibenamina Cl Cl Fenossibenzamina Meccanismo R' R Cl R' R + ione aziridinio R'' X X = ; ; C - R' R X R''

64 TETRAMMIE DISLFUR Sono composti ad attività α-bloccante irreversibile; vengono utilizzati come tool farmacologico. R (C 2 ) n (C 2 ) 2 S S (C 2 ) 2 (C 2 ) n R R = C 3 n = 6 Benextramina R = C 3 n = 12 Bendotramina - La Benextramina ha preferenza per i recettori α 2 (α 2 /α 1 10) - La Bendotramina ha lieve preferenza per i recettori α 1 (α 1 /α 2 5) Il meccanismo d'azione dei suddetti composti prevede lo scambio fra il ponte disolfuro del legante ed un gruppo S del sito attivo del recettore. + + S S + + S + + S S + + S

65 ATAGISTI α 1 -ADREERGICI 2 Me Me Prazosina (Minipress) La Prazosina è il prototipo di questo gruppo (α 1 /α ). - E' un importante antagonista competitivo del recettore α 1. - a anche azione diretta (vasodilatatrice) sulla muscolatura liscia. - Effetto collaterale: ipotensione ortostatica. - Viene utilizzata nel trattamento dell'ipertensione. - on ha azione cardiostimolante come altri α-bloccanti.

66 Me 2 Me 2 Me Me Prazosina α 1A = α 1B = α 1D α 1B = α 1D = α 1A Me 2 Me 2 Me Me S S Ciclazocina α 1B > α 1A = α 1D Cistazocina α 1D > α 1A = α 1B

67 LIGADI USATI PER CLASSIFICAREECARATTERIZZARE I STTTIPI RECETTRIALI α 1 -ADREERGICI Composto cervello bovino pk i * muscolo liscio di criceto cervello di ratto α 1a α 1b α 1d Prazosina (+)-Ciclazosina WB (-)-Mefendiossano Spiperone A 11110A *I valori di affinità, espressi come costanti di ini bizione del legame dell'[ 3 ]-Prazosina, provengono da esperimenti diversi eseguiti su sottotipi clonati α 1 -adrenergici. Per semplicità non sono riportati i limiti di confidenza.

68 AALGI Questi composti sono più stabili della Prazosina e quindi possiedono un'azione più prolungata. 2 Me Me R 1 R R 1 R Tetrazosina Trimazosima Me Me C 2 C Me Doxazosina

69 - L'anello piperazinico non è essenziale per l'attività α 1 epuò essere sostituito con una catena lineare. 2 3 C 3 C C 3 Alfuzosin C 3 aftopidil E' un antagonista α 1 -adrenergico che viene utilizzato come antiipertensivo e nel trattamento dei disturbi della prostata. E' in commercio dal 1999.

70 - Alcuni composti della serie Benzodiossanica hanno attività α-bloccante non selettiva (α 1 + α 2 ). C 2 5 C 2 5 Piperossano Prosimpal Bibozano Utilizzati in terapia, sono stati abbandonati a causa degli effetti collaterali dovuti alla non selettività d'azione.

71 RELAZII STRUTTURA-ATTIVITA' umerosi studi della relazione struttura-attività hanno permesso di evidenziare che la selettività per i recettori α 1 e α 2 può essere modulata con opportune sostituzioni in posizione 2. Il prototipo degli antagonisti competitivi α 1 -selettivi è il WB 4101 (α 1 /α ) 3 C 2 WB 4101 C 3 - I due gruppi metossilici in orto determinano elevata affinità. La loro sostituzione con altri gruppi (es. C 3 ) o il loro spostamento in altre posizioni provoca riduzione di attività. - Il ponte etereo non è essenziale mentre lo è la distanza fra i due sistemi ciclici. - La presenza del gruppo amminico secondario è importante; l'affinità varia nel seguente modo: C 3 C 3 > > C 3 C 3 S - La configurazione del centro chirale in posizione 2 è determinante: S/R 100

72 TM3 TM7 Gln Asp Phe Secondo loop extracellulare Ile C 3 Phe Asn C 3 Ser Ser TM5

73 - L'anello deidrodiossanico non è essenziale e può essere aperto senza causare notevoli riduzioni di attività. - L'inserimento di un sostituente in posizione 3 determina un profondo effetto sia sull'affinità che sulla selettività. Phendioxan 3 3 C pa 2 α 1 = 8.59 pa 2 α 2 = 4.2 α 1 /α 2 = 2340 C C pa 2 α 1 = 5.29 pa 2 α 2 = 4.49 α 1 /α 2 = 6 C 3 Indoramina E' un antagonista α 1-selettivo che non appartiene nè alla classe dei derivati chinazolinici, nè a quella dei derivati benzodiossanici. Viene utilizzato in terapia come antiipertensivo.

74 Sintesi WB 4101 C 2 Br + CBr CC 2 5 a 2 C 3 Acetone CC a/ C A C 3 + C 3 ClC 2 C 2 Base C 3 C 2 C 3 C 2 B 2 6 C 3 B C 2 C 3 C C A + B ClCEt Et 3 CC 2 C 2 C 3 B C C 2 C 2 C 2 C 3

75 ATAGISTI α 2 -ADREERGICI A B C D E A B C D E MeC MeC Yohimbina Rauwolscina - La Yohimbina, alcaloide indolico, antagonizza competitivamente i recettori α 2 -adrenergici. - La Rauwolscina presenta una maggiore selettività per i recettori α 2 -adrenergici. Relazioni struttura-attività - Il nucleo indolico, l'atomo di azoto in posizione 4 ed il gruppo estereo in posizione 16 rappresentano i punti critici dell'interazione con i siti di ancoraggio al recettore α 2. - La coplanarietà degli anelli A, B, C, D è un prerequisito per l'interazione con i recettori α-adrenergici. - I composti nei quali il gruppo estereo si trova sullo stesso piano del nucleo indolico e dell'atomo di azoto in posizione 4, mostrano selettività verso i recettori α 2. Gli stereoisomeri in cui il gruppo estereo è al di fuori del piano sul quale giace il nucleo indolico (posizione β) mostrano una selettività verso i recettori α 1, come si evidenzia nel caso della Corinantina.

76 A B C D E CMe Yohimbina A B C D E Rauwolscina CMe A B C D CMe Corinantina La Yohimbina ed i suoi stereoisomeri hanno anche una notevole attività antagonista sui recettori serotoninergici. Questo probabilmente dovuto alla presenza del nucleo indolico e alla somiglianza strutturale con la Serotonina (5-T). E 2 Serotonina (5-T)

77 LIGADI USATI PER CLASSIFICARE E CARATTERIZZARE I STTTIPI RECETTRIALI α 2 - ADREERGICI Composto K i (nm)* α 2A α 2B α 2C Prazosina WB ,5 28 0,8 Yohimbina 1,6 7,2 1,1 Rauwolscina 3,7 1,2 0,18 ARC ,6 51 Imiloxan BRL , BAM ,8 21 0,73 *I valori di affinità, espressi come capacità di spiazzare un radioligando, provengono da esperimenti diversi e sono eseguiti sia su omogenati di tessuti che su sottotipi clonati α 2 -adrenergici. Per semplicità non sono riportati i limiti di confidenza.

78 DERIVATI BEZDISSAICI R Il gruppo R controlla affinità e selettività α 2 /α 1. Il prototipo è: Idazoxan α 2 /α 1 = 100 E' uno dei più potenti e selettivi antagonisti del recettore α 2 ed è in sperimentazione clinica come antidepressivo. La sua progettazione deriva dalla combinazione delle caratteristiche strutturali del Piperossano (antagonista non selettivo α 2 e α 1 ) e del Fenmetazolo (antagonista α 2 ). Cl Cl Piperossano (α 2 e α 1 ) Fenmetazolo (α 2 )

79 Relazioni struttura-attività Le relazioni struttura-attività evidenziano che minime variazioni strutturali sia sul nucleo imidazolinico che benzodiossanico riducono l'affinità e/o la selettività. La sostituzione in posizione 2 può migliorare l'affinità e la selettività. R R α 2 (pa 2 ) α 1 (pa 2 ) α 2 /α 1 (Idazoxan) C C

80 C 3 Mirtazapina (Remergil) E' un antagonista α 2 -adrenergico che viene utilizzato come antidepressivo. C 3 Mianserina E' un antagonista α 2,, e 5-T che viene utilizzato come antidepressivo.

81 FARMACI CE ITERFERISC C I RECETTRI β-adreergici AGISTI β-adreergici Vengono utilizzati in terapia nel trattamento dell'asma (β 2 ) e dell'insufficienza cardiaca (β 1 ). Gli agonisti β 2 sono anche impiegati come miorilassanti della muscolatura uterina per prevenire parti prematuri. Gli agonisti β 3 potrebbero trovare impiego come anoressizzanti in quanto la lipolisi sembra essere controllata dal recettore β-atipico. Modifiche strutturali di dopamina, A e A hanno prodotto: C C 3 C 3 C 3 Dobutamina (β 1 ) Deriva dalla Dopamina. E' utilizzata come stimolante cardiaco. Isoprenalina (β 1 - β 2 ) Si utilizza il racemo anche se è R-(-) l'eutomero.

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO EFFETTI DELLA STIMOLAZIONE DEL SIMPATICO Organo effettore Simpatico Parasimpatico Occhio: m. radiale dell iride m. sfintere dell iride contrazione,midriasi Manca innervazione

Dettagli

SISTEMA NERVOSO PERIFERICO

SISTEMA NERVOSO PERIFERICO SISTEMA NERVOSO SISTEMA NERVOSO PERIFERICO SISTEMA NERVOSO CENTRALE SISTEMA AUTONOMO SIMPATICO PARASIMPATICO Encefalo e midollo spinale Involontario, musc liscio, cuore, ghiandole, ecc SISTEMA SOMATICO

Dettagli

FARMACI SIMPATICOLITICI

FARMACI SIMPATICOLITICI Simpaticolitici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 FARMACI SIMPATICOLITICI

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

ANTIPERTENSIVI (2) β-bloccanti. Sono antagonisti competitivi dei recettori β adrenergici

ANTIPERTENSIVI (2) β-bloccanti. Sono antagonisti competitivi dei recettori β adrenergici ANTIPERTENSIVI (2) β-bloccanti Sono antagonisti competitivi dei recettori β adrenergici Alcuni di essi sono agonisti parziali dei recettori β adrenergici profilo e proprietà farmacologiche dei β-bloccanti:

Dettagli

Farmaci del sistema nervoso autonomo

Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci colinergici Esercitano i loro effetti farmacologici sul sistema nervoso parasimpatico che utilizza Acetilcolina come mediatore chimico L acetilcolina (Ach)

Dettagli

Farmaci adrenergici. Farmaci adrenergici 10/05/2014. Sistema nervoso. Centrale (SNC) Encefalo + Midollo spinale

Farmaci adrenergici. Farmaci adrenergici 10/05/2014. Sistema nervoso. Centrale (SNC) Encefalo + Midollo spinale Sistema nervoso Centrale (SNC) Encefalo + Midollo spinale Periferico (SNP) Nervi cranici + nervi spinali Sistema nervoso autonomo (SNA) Risposte involontarie Sistema nervoso somatico Risposte volontarie

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

ANESTETICI LOCALI N COOCH 3

ANESTETICI LOCALI N COOCH 3 AESTETICI LCALI AESTETICI LCALI Sopprimono la sensazione dolorosa limitatamente ad un ambito ristretto dell'organismo interrompendo la conduzione nervosa sia motoria che sensitiva a valle del punto di

Dettagli

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA Incidenza superiore al 5% nei pazienti industrializzati Marcato restringimento vie aree (colpi di tosse, respiro superficiale, senso di costrizione

Dettagli

Anestetici locali. Blocco. Nocicettori Conduzione assonica. Rilascio mediatori spinali. Recettori postsinaptici. Canali Na + Recettori presinaptici

Anestetici locali. Blocco. Nocicettori Conduzione assonica. Rilascio mediatori spinali. Recettori postsinaptici. Canali Na + Recettori presinaptici Blocco Nocicettori Conduzione assonica Canali Na + Rilascio mediatori spinali Recettori presinaptici Oppioidi, alfa-2 Recettori postsinaptici Glutammato Neurochinine Anestetici locali Blocco canali Na

Dettagli

Le catecolamine. Tirosina (un aminoacido) DOPA (di-idrossi fenil alanina) Dopamina (neurotrasmettitore)

Le catecolamine. Tirosina (un aminoacido) DOPA (di-idrossi fenil alanina) Dopamina (neurotrasmettitore) FARMACI ADRENERGICI Le catecolamine Tirosina (un aminoacido) DOPA (di-idrossi fenil alanina) Dopamina (neurotrasmettitore) Noradrenalina (neurotrasmettitore e ormone) Adrenalina (neurotrasmettitore e

Dettagli

Sistema nervoso autonomo

Sistema nervoso autonomo Sistema nervoso autonomo Provvede alla regolazione delle funzioni viscerali dell organismo, finalizzate al mantenimento dell omeostasi del mezzo interno L omeostasi è mantenuta grazie all equilibrio tra

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SISTEMA NERVOSO AUTONOMO TRE DIVISIONI: SISTEMA NERVOSO SIMPATICO SISTEMA NERVOSO PARASIMPATICO SISTEMA NERVOSO ENTERICO COMPONENTI CENTRALI E PERIFERICHE: REGOLANO LE FUNZIONI VITALI DEL CORPO IN ASSENZA

Dettagli

Sistema nervoso simpatico e farmaci che interferiscono con la trasmissione noradrenergica

Sistema nervoso simpatico e farmaci che interferiscono con la trasmissione noradrenergica Sistema nervoso simpatico e farmaci che interferiscono con la trasmissione noradrenergica Noradrenalina ed Adrenalina sostengono l attivita del Sistema Nervoso Simpatico Prepara l'organismo a strenue risposte

Dettagli

FARMACI PER LA TERAPIA DELL IPERTENSIONE

FARMACI PER LA TERAPIA DELL IPERTENSIONE FARMACI PER LA TERAPIA DELL IPERTENSIONE Controllo pressione - Aumento tono muscolatura liscia vasale periferica, aumento resistenza arteriolare e riduzione sistema venoso - 90% ipertensione essenziale

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz STIMOLANTI Gli stimolanti sono farmaci inseriti nella classe A della lista delle sostanze vietate e dei metodi proibiti, lista riportata nel Codice Antidoping del Movimento Olimpico.

Dettagli

Trasmissione serotoninergica

Trasmissione serotoninergica Trasmissione serotoninergica Effetti della serotonina (5-HT, 5-idrossitriptamina): Regolazione del tono della muscolatura liscia sistema cardiovascolare tratto gastrointestinale Aumento dell aggregazione

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI

I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI PERCHÉ UNA SOSTANZA POSSA DIRSI NEUROTRASMETTITORE (NT) 1.1 La molecola deve essere localizzata nel neurone presinaptico IMMUNOCITOCHIMICA 1.2 La molecola deve essere sintetizzata

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

Gli antagonisti dei recettori dell angiotensina II più comunemente noti come Sartani (losartan, valsartan, irbesartan, candesartan e telmisartan)

Gli antagonisti dei recettori dell angiotensina II più comunemente noti come Sartani (losartan, valsartan, irbesartan, candesartan e telmisartan) !" #$% Gli antagonisti dei recettori dell angiotensina II più comunemente noti come Sartani (losartan, valsartan, irbesartan, candesartan e telmisartan) rappresentano una classe di farmaci ad azione antiipertensiva

Dettagli

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

Terapia della RAO. Atropina. belladonna, sodio nitroprussiato oppioidi. sodio nitroprussiato. Introduzione. Introduzione. Precursore Ossido di azoto

Terapia della RAO. Atropina. belladonna, sodio nitroprussiato oppioidi. sodio nitroprussiato. Introduzione. Introduzione. Precursore Ossido di azoto Terapia della RAO Introduzione Fisiologia belladonna, confusa sodio nitroprussiato oppioidi. Gresswell and Gresswell, 1880 Introduzione belladonna, sodio nitroprussiato oppioidi. Atropina Precursore Ossido

Dettagli

SPASMOLITICI GENERALI VASODILATATORI STIMOLANTI DEL MUSCOLO LISCIO FARMACI ATTIVI SULL UTERO

SPASMOLITICI GENERALI VASODILATATORI STIMOLANTI DEL MUSCOLO LISCIO FARMACI ATTIVI SULL UTERO Questi farmaci esercitano azioni rilassanti o stimolanti sul muscolo liscio dei tratti gastrointestinale e genitourinario e del sistema vascolare. Si dividono nelle seguenti classi: SPASMOLITICI GENERALI

Dettagli

Farmacodinamica. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Perchè una sostanza ha una determinata azione o tossicità? Farmacodinamica

Dettagli

I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G

I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G I recettori accoppiati a proteine G sono costituiti da un unica subunità formata da un filamento di aminoacidi che attraversa 7 volte la membrana plasmatica Il sito

Dettagli

Giunzione neuromuscolare

Giunzione neuromuscolare Il calcio provoca un rimaneggiamento di membrana e la sua conseguente fusione. Questo compito è svolto dalle proteine SNARE che si agganciano tra la membrana interna pre-sinaprica e quella della vescicola.

Dettagli

Farmaci antiipertensivi

Farmaci antiipertensivi La pressione ematica è determinata da: volume plasmatico gittata cardiaca resistenze periferiche regolate dall equilibrio fra fattori contratturanti (endoteline, arginina-vasopressina, noradrenalina, angiotensina

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

I neurotrasmettitori

I neurotrasmettitori I neurotrasmettitori Classificazione dei farmaci in base agli effetti sulla trasmissione sinaptica AGONISTI: farmaci che facilitano gli effetti postsinaptici di un certo neurotrasmettitore ANTAGONISTI:

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica Fondamenti di biochimica Terza edizione Donald Voet Judith G. Voet Charlotte W. Pratt La segnalazione biochimica Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Gli ormoni Conce& chiave 13.1 Gli ormoni endocrini

Dettagli

TESSUTO DEL MIOCARDIO. 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte.

TESSUTO DEL MIOCARDIO. 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte. TESSUTO DEL MIOCARDIO 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte. 2. Tessuto di conduzione, costituito da tessuto muscolare specializzato

Dettagli

PSICOSTIMOLANTI e PSICOTOMIMETICI

PSICOSTIMOLANTI e PSICOTOMIMETICI PSICOSTIMOLANTI e PSICOTOMIMETICI Psicostimolanti: farmaci che producono stato d allerta, aumentano il tono dell umore e migliorano quelle prestazioni che dipendono da attenzione e applicazione Principali

Dettagli

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

IPERTENSIONE. Dr. Alessandro Bernardini IPERTENSIONE

IPERTENSIONE. Dr. Alessandro Bernardini IPERTENSIONE HOME IPERTENSIONE IPERTENSIONE Dr. Alessandro Bernardini HOME IPERTENSIONE IPERTENSIONE La pressione arteriosa aumenta con l'età nelle società occidentalizzate e l'ipertensione è quindi sostanzialmente

Dettagli

isomeria di struttura isomeria di posizione isomeria di catena stereoisomeria isomeria di conformazione isomeria di configurazione 'isomeria ottica

isomeria di struttura isomeria di posizione isomeria di catena stereoisomeria isomeria di conformazione isomeria di configurazione 'isomeria ottica ISOMERIA L'isomeria di struttura è connessa al diverso modo in cui gli atomi di due o più composti si legano tra loro in sequenza. Ci sono due forme: isomeria di posizione e isomeria di catena. La stereoisomeria

Dettagli

Farmacologia Clinica Università degli Studi di Cagliari, ASL8

Farmacologia Clinica Università degli Studi di Cagliari, ASL8 Gli ACE-inibitori rappresentano la prima classe di farmaci introdotta nella pratica clinica in grado di modulare la funzione del Sistema Renina Angiotensina (SRA) e attualmente considerati un caposaldo

Dettagli

Farmaci cardiotonici

Farmaci cardiotonici Nel cuore speciali meccanismi assicurano la ritmicità cardiaca e la trasmissione del potenziale d'azione all'intera muscolatura cardiaca per permetterne la contrazione. Il cuore, contraendosi ritmicamente,

Dettagli

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 IPERTENSIONE ARTERIOSA IPERTENSIONE L ipertensione è la più comune malattia cardiovascolare. Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio

Dettagli

Sedativo-ipnotici. Impieghi clinici. ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata

Sedativo-ipnotici. Impieghi clinici. ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata Sedativo-ipnotici Impieghi clinici ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata Benzodiazepine Clordiazepossido, alprazolam, clonazepam, diazepam, flurazepam, nitrazepam, triazolam

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

Definizione di anestesia locale

Definizione di anestesia locale Definizione di anestesia locale Il termine anestesia locale indica il blocco, transitorio e reversibile, della conduzione nervosa sensitivo-motoria in un area circoscritta del corpo, che si attua mediante

Dettagli

Sinapsi chimiche, la trasmissione dei segnali viene garantita da un mediatore chimico Sinapsi elettriche, risultano estremamente veloci nella

Sinapsi chimiche, la trasmissione dei segnali viene garantita da un mediatore chimico Sinapsi elettriche, risultano estremamente veloci nella Sinapsi -sito di contatto tra due cellule nervose -ruolo nella trasmissione delle informazioni -il contatto neurone-fibra muscolare prende il nome di placca motrice o giunzione neuromuscolare Sinapsi

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione La termoregolazione -10 C +40 C Limite superiore di sopravvivenza Termoregolazione gravemente compromessa Termoregolazione efficiente Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni Malattie febbrili e

Dettagli

Teofillina: meccanismo d azione 1

Teofillina: meccanismo d azione 1 Teofillinici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 Teofillina 3 HC N

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti)

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti) 56 13. Alcol etilico - Proprietà farmacologiche, effetti collaterali, usi clinici. - Farmacocinetica. - Intossicazione acuta e cronica e loro trattamento. - Dipendenza e sindrome da astinenza, loro trattamento.

Dettagli

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili.

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. La sensibilita delle vie di trasduzione dipende da 3 fattori: -l affinita

Dettagli

BIOSEGNALAZIONE. La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte II

BIOSEGNALAZIONE. La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte II BIOSEGNALAZIONE La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte II Tipi generali di trasduttori di segnali RECETTORI CON ATTIVITA TIROSIN CHINASICA (RTK) INS: insulin VEGF: vascular

Dettagli

Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione

Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione camp Proteina-CHINASI camp DIPENDENTE (PKA) Proteine target : ε metabolici

Dettagli

Biosintesi catecolamine

Biosintesi catecolamine Biosintesi catecolamine Neurone dopaminergico Neurone adrenergico Vie dopaminergiche centrali ipotalamo TIDA substantia nigra striato sistema mesolimbico sistema mesolimbico area tegmentale ventrale n.accumbens

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici)

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) sistema linfatico passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) 51 pareti formate da un singolo strato di endotelio

Dettagli

L'ASSORBIMENTO SISTEMICO

L'ASSORBIMENTO SISTEMICO Anestetici locali L'anestesia locale è una perdita della sensibilità in una determinata regione senza perdita della coscienza o compromissione del controllo di funzioni vitali. Gli anestetici locali bloccano

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 2

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 2 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Lezione 2 Versatilità del carbonio nel formare legami covalenti La chimica degli organismi viventi è organizzata intorno al

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

TERAPIA SOSTITUTIVA A BASE DI NICOTINA... 1 BUPROPIONE... 2 VARENICLINA... 3 TABELLA GENERALE DEI FARMACI NELLA DISASSUEFAZIONE DA NICOTINA...

TERAPIA SOSTITUTIVA A BASE DI NICOTINA... 1 BUPROPIONE... 2 VARENICLINA... 3 TABELLA GENERALE DEI FARMACI NELLA DISASSUEFAZIONE DA NICOTINA... 1 Le informazioni contenute nel sito possono generare situazioni di pericolo e danni. I dati presenti hanno un fine illustrativo e in nessun caso esortano né spingono ad atti avversi salute psicofisica

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI. Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014

DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI. Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014 DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014 Spiegazione della fisiopatologia del dolore emicranico,

Dettagli

Comunicazione chimica

Comunicazione chimica Comunicazione chimica La comunicazione tra le cellule Modalità di comunicazione cellulare: Mediante messaggi elettrici Mediante messaggi chimici In ambedue le modalità il messaggio, sia esso una variazione

Dettagli

Sistema nervoso periferico

Sistema nervoso periferico Sistema nervoso Sistema nervoso periferico Azioni simpatiche Azioni parasimpatiche Stimolazione della lacrimazione Contrazione del muscolo radiale dell iride (midriasi) Contrazione dello sfintere dell

Dettagli

Effetti principali: stimola il metabolismo / termogenesi, incrementando il consumo calorico mobilita i grassi di deposito effetto energetico

Effetti principali: stimola il metabolismo / termogenesi, incrementando il consumo calorico mobilita i grassi di deposito effetto energetico W NEU LA FORM V I TA M I N S T O R E P R O D U C T S F O R B E AU T I F U L P E O P L E A Z I O N E T E R M O G E N I CA O S S I DA I G R A S S I NUOVO THERMO STRONG Stessa veste, ma prodotto totalmente

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

FARMACI DEI DISORDINI AFFETTIVI O ANTIDEPRESSIVI

FARMACI DEI DISORDINI AFFETTIVI O ANTIDEPRESSIVI FARMACI DEI DISRDII AFFETTIVI ATIDEPRESSIVI on puoi somministrare nulla a uno spirito ammalato? on puoi strappare dalla memoria un dolore che vi ha messo le radici, cancellare le angosce scritte nel cervello,

Dettagli

Caffè e salute. Alessandra Tavani

Caffè e salute. Alessandra Tavani Caffè e salute Alessandra Tavani Principali classi di composti contenuti nel caffè minerali (potassio, calcio, niacina, magnesio, fosfati, ecc.) lipidi e cere (nella parte corticale del chicco, in genere

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Antidiabetici ANTIDIABETICI Totale: 33 ANTIDIABETICI 427 441 518 586 651 668 718 942 952 1072 1082 1092 1102 1112 1122

Dettagli

FARMACOCINETICA 2 ELIMINAZIONE DEI FARMACI. L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti.

FARMACOCINETICA 2 ELIMINAZIONE DEI FARMACI. L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti. FARMACOCINETICA 2 Farmacologia generale 1 ELIMINAZIONE DEI FARMACI L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti. Le principali vie di escrezione sono:

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale 01/12/2014 1 La responsabilità infermieristica nella somministrazione della terapia: Profilo professionale: terzo comma art.1 compete

Dettagli

Regolazioni cardiocircolatorie

Regolazioni cardiocircolatorie Regolazioni cardiocircolatorie Due finalismi Regolazioni omeostatiche Mantenere costante la pressione e la perfusione dei tessuti (cuore e cervello in primis) Regolazioni allostatiche o adattative Aumentare

Dettagli

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione non c Ormone ipoglicemizzante, causa un forte abbassamento della glicemia (70-100 mg/100 ml) perché esalta i processi responsabili della sottrazione di glucosio dal sangue e inibisce i processi responsabili

Dettagli

Si possono suddividere in:

Si possono suddividere in: Si possono suddividere in: LIPIDI DI DEPOSITO: si accumulano nelle cellule del tessuto adiposo, sono una riserva energetica, mantengono costante la temperatura del corpo (termogenesi) LIPIDI STRUTTURALI:

Dettagli

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO Seminario Stili di vita e idoneità al lavoro:uso di farmaci psicotropi Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Associazione Parmense dei Medici del Lavoro FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU

Dettagli

L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione CAPITOLO 10

L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione CAPITOLO 10 L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione CAPITOLO 10 ANESTETICI LOCALI Meccanismo d azione ed effetti collaterali Chimica degli anestetici locali Esteri Ammidi

Dettagli

3. Strategie per la Modificazione Molecolare

3. Strategie per la Modificazione Molecolare 3. Strategie per la Modificazione Molecolare 3.1. Introduzione Come si è visto nel capitolo precedente, i chimici farmaceutici hanno a disposizione una robusta serie di metodi per modulare un lead, sia

Dettagli

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Struttura del sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da neuroni, cioè cellule nervose specializzate,che trasferiscono segnali nelle varie parti del corpo.

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

Farmaci colinergici. Farmaci colinergici 10/05/2014. Sistema nervoso. Centrale (SNC) Encefalo + Midollo spinale

Farmaci colinergici. Farmaci colinergici 10/05/2014. Sistema nervoso. Centrale (SNC) Encefalo + Midollo spinale Sistema nervoso Centrale (SNC) Encefalo + Midollo spinale Periferico (SNP) Nervi cranici + nervi spinali Sistema nervoso autonomo (SNA) Risposte involontarie Sistema nervoso somatico Risposte volontarie

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

Droga In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana

Droga In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana Droga In In In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana Può aumentare l effetto ipoglicemico può aggravare gli effetti gastrolesivi dei FANS Zenzero può determinare emorragie con salicilati Piantaggine

Dettagli

L'ASSORBIMENTO SISTEMICO

L'ASSORBIMENTO SISTEMICO Anestetici locali L'anestesia locale è una perdita della sensibilità in una determinata regione senza perdita della coscienza o compromissione del controllo di funzioni vitali. Gli anestetici locali bloccano

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

Steroidi surrenalici. Glucocorticoidi. Mineralcorticoidi. Androgeni. cortisolo. aldosterone. Androstenedione DHEA. riduzione in anziani

Steroidi surrenalici. Glucocorticoidi. Mineralcorticoidi. Androgeni. cortisolo. aldosterone. Androstenedione DHEA. riduzione in anziani Steroidi surrenalici Glucocorticoidi cortisolo Mineralcorticoidi aldosterone Androgeni Androstenedione DHEA riduzione in anziani Androgeni surrenalici Metabolizzazione testosterone estradiolo Recettore

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO Struttura del glicogeno DEMOLIZIONE DEL GLICOGENO: GLICOGENOLISI 1) distacco progressivo di unità glucosidiche con formazione di glucosio-1- fosfato: enzima: glicogeno fosforilasi

Dettagli

Introduzione QUANTO È DIFFUSA L IPERTENSIONE?

Introduzione QUANTO È DIFFUSA L IPERTENSIONE? Introduzione QUANTO È DIFFUSA L IPERTENSIONE? Chi ha più di 30 anni e non ricorda quando ha misurato la pressione l ultima volta potrebbe far parte di quei sette-dieci milioni di persone che soffrono di

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL

INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL aspetti generali, alterazioni e primo soccorso Inf.Bazzanella Alessandro e IC Ivano Floriani 2012 stato patologico provocato dall azione nociva

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE LE PRINCIPALI MOLECOLE CHE PROVVEDONO ALLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA LE CELLULE SONO FATTORI SOLUBILI QUALI NEUROTRASMETTITORI, ORMONI, FATTORI DI CRESCITA, CITOCHINE. UN CASO

Dettagli

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

forme diabetiche Diabete di tipo I o magro o giovanile (IDDM): carenza primaria di insulina, più frequente nei giovani e nei bambini. Il deficit insulinico consegue (per predisposizione ereditaria o per

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan Ipotensione Ortostatica Raffaello Furlan OUT LINE Definizione e Diagnosi Etiopatogenesi Cause Problematiche particolari Terapia Definizione Ipotensione Ortostatica: diminuzione della pressione arteriosa

Dettagli

P.A. : equilibrio tra gettata cardiaca e resistenze periferiche : Diversi livelli di intervento

P.A. : equilibrio tra gettata cardiaca e resistenze periferiche : Diversi livelli di intervento 1 IPERTENSIONE ESSENZIALE L ipertensione è la causa principale di ictus, di alterazioni coronariche che sfociano nell infarto. E la maggior causa di insufficienza cardiaca, renale e di aneurisma dissecante

Dettagli