Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia"

Transcript

1 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia Corso di aggiornamento professionale Progettazione di strutture in legno massiccio e lamellare secondo le NTC 2008 Pistoia, ottobre e 5-12 novembre 2010 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia Via Panciatichi, Pistoia Tel fax

2 Corso di aggiornamento professionale Progettazione di strutture in legno massiccio e lamellare secondo le NTC 2008 Pistoia, ottobre e 5-12 novembre CASO STUDIO Travata di grande luce a doppia rastremazione in L.L.I., esempi di ancoraggio travata cordolo in c.a. / fondazione in c.a. Pistoia, 22/10/2010 Ing. Marie-Claire NTIBARIKURE

3 SOMMARIO Un po di storia Cenni sulla tecnologia del L.L.I. Le travi speciali : normativa e stato tensionale Dimensionamento di una trave a doppia rastremazione Dimensionamento del collegamento alle strutture di bordo Dimensionamento di un collegamento in fondazione 3

4 Il legno, unitamente alla pietra, è stato uno dei primi materiali impiegati nelle costruzioni ed era anche l'unico che poteva indifferentemente essere impiegato a compressione, a trazione e, soprattutto, a flessione. costruito in 10 gg Ponte Kintai in legno in Giappone costruito nel 1673, ancora in uso Materiale Legno lamellare (GL24h) Calcestruzzo (R ck 30) Acciaio (Fe430) Alluminio (lega 7020) f/ρ (m 2 /s 2 ) E/f Il rapporto molto favorevole fra resistenza e peso ha favorito la diffusione di strutture in legno di luce notevole. f parametro di resistenza (longitudinale per il legno) ρ peso specifico E modulo di elasticità 4

5 Necessità di superare i limiti dimensionali, di forma e di approvvigionamento (realizzazione di solai, controsoffitti, ponti) Elementi reticolari Elementi lignei composti con tecniche di esecuzione interessanti (collegamenti con biette in legno duro, staffe e chiodature metalliche) TRAVI DI GRANDE LUCE Leonardo, XVI sec Elementi composti con collegamenti realizzati con biette di legno duro, staffe e chiodature e denti inclinati o retti De L Orme, XVI sec Accostamento di tavole disposte a coltello Del Rosso XVIII sec, Emy XIX sec Tavole di piatto (simile al L.L. moderno) con elementi di collegamento di tipo discreto (staffature, biette di legno) 1905 Brevetto Hetzer (Austria + Svizzera) per il legno lamellare incollato. Le travi di grande luce hanno avuto un notevole sviluppo con l utilizzo del legno lamellare incollato 5

6 TRAVI DI GRANDE LUCE Salone dei 500, dimensioni 23m x 52m Ponte progettato dall ing. Miozzi nel 1932 a Venezia 6

7 Un po di storia Cenni sulla tecnologia del L.L.I. Le travi speciali : normativa e stato tensionale Dimensionamento di una trave a doppia rastremazione Dimensionamento del collegamento alle strutture di bordo Dimensionamento di un collegamento in fondazione 7

8 Cenni sulla tecnologia del legno lamellare incollato Qualità fisiche simili al legno massiccio Qualità meccaniche migliori del legno massiccio Selezione rigorosa Minore difettosità (nodi) Essiccazione controllata Minori fessurazioni Elementi curvi UNI EN UNI EN 1194 UNI EN 386:2003 UNI EN 387:2003 UNI EN 390 MARCATURA CE CLASSE DI RESISTENZA DIMENSIONI LAMELLE GIUNTI A DITA TOLLERANZE DIMENSIONALI Legno lamellare omogeneo o combinato 8

9 Cenni sulla tecnologia del legno lamellare incollato 9

10 Cenni sulla tecnologia del legno lamellare incollato LIMITI DIMENSIONALI PRODUZIONE TRASPORTO 10

11 Un po di storia Cenni sulla tecnologia del L.L.I. Le travi speciali : normativa e stato tensionale Dimensionamento di una trave a doppia rastremazione Dimensionamento del collegamento alle strutture di bordo Dimensionamento di un collegamento in fondazione 11

12 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DM 14/01/2008 (NTC)( e CIRCOLARE N. 617 DEL 2/2/2009: CAP CAP CAP ALTRI RIFERIMENTI TECNICI (cap. 12 NTC): EUROCODICI (EC5 e EC8): UNI EN _2009: Progettazione delle strutture in legno. Parte 1-1: Regole generali Regoli comuni e regole per gli edifici. UNI EN _2005: Progettazione delle strutture in legno. Parte 1-2: Regole generali Progettazione strutturale contro l incendio. UNI EN _2005: Progettazione delle strutture in legno. Parte 2: Ponti UNI EN _2005: Progettazione delle strutture per la resistenza sismica. Parte 1 Istruzioni CNR-DT 206/2007 ( rev. ottobre 2008) : Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno (disponibile on line) DIN 1052:

13 LE TRAVI SPECIALI TRAVE A SEMPLICE E A DOPPIA RASTREMAZIONE Travi ad altezza variabile con intradosso rettilineo Pendenza: 3-10 Luce: 10-30m Altezza: h l/30 H l/16 TRAVE CURVA Travi ad asse curvilineo TRAVE CENTINATA Travi con estradosso piano a doppia pendenza e intradosso curvilineo Pendenza: 3-15 Luce: 10-30m Altezza: h l/30 H l/16 13

14 TRAVI SPECIALI NORMATIVA NTC 2008 Per la verifica delle travi rastremate occorre far riferimento a normative di comprovata validità: EUROCODICE CNR-DT 206/

15 TRAVI SPECIALI EUROCODICE 5 15

16 TRAVI SPECIALI EUROCODICE 5 ( ) ( ) 16

17 TRAVI SPECIALI CNR DT 206/2007 rev

18 TRAVI SPECIALI CNR DT 206/2007 rev ( ) ( ) 18

19 Caso studio 2: Trave a doppia rastremazione in L.L

20 Dati di progetto: Luce fra gli appoggi: L=20m Pendenza all estradosso: a=3,15 Base della sezione: b=220 mm Altezza all appoggio: h 0 =700 mm Altezza all apice: h ap =1250 mm Lunghezza di appoggio: l=300 mm Volume della trave: Vol b = 4,35 m 3 Interasse travi 5 m Trave in L.L.I. GL24h (UNI EN 1194:2000) 20

21 TRAVI RASTREMATE stato tensionale La presenza del lembo rastremato determina una sostanziale modifica dello stato tensionale rispetto a quello di una trave ad altezza costante. 1. andamento iperbolico delle tensioni normali (anziché lineare) 2. posizione della tensione massima non coincidente con quella del momento flettente massimo : esistono due massimi locali 21

22 TRAVI RASTREMATE stato tensionale 3. in prossimità del lembo rastremato, le tensioni tangenziali non sono nulle e sono presenti tensioni normali ortogonali alle fibre σ 90 22

23 TRAVI RASTREMATE stato tensionale 4. nella zona d apice, nascono delle tensioni ortogonali alle fibre 5. nella sezione d apice, le tensioni normali di flessione al lembo superiore sono nulle 23

24 TRAVI RASTREMATE stato tensionale Considerando il caso generico di trave a doppia rastremazione con apice della trave non simmetrico con carico uniformemente distribuito. Esistono due massimi locali che si possono determinare minimizzando il seguente rapporto: da Strutture in legno - Materiale, calcolo e progetto Secondo le nuove normative europee, HOEPLI, Piazza-Tomasi-Modena 24

25 TRAVI RASTREMATE stato tensionale Se h ap =2h 0 x max = L/4 H/2 H L/4 L/4 Se h ap =2h 0 x max = L/3 H da Strutture in legno - Materiale, calcolo e progetto Secondo le nuove normative europee, HOEPLI, Piazza-Tomasi-Modena L/3 H/2 25

26 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 1. TAGLIO ALL APPOGGIO APPOGGIO 2. COMPRESSIONE ORTOGONALE ALLE FIBRE ALL APPOGGIO APPOGGIO 3. FLESSIONE AL LEMBO NON RASTREMATO 4. FLESSIONE AL LEMBO RASTREMATO: f k m, d = mod f m, k γ m k m,α : coefficiente di ridistribuzione delle tensioni di flessione ( 1) 26

27 5. FLESSIONE IN ZONA D APICE: TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU k r : coefficiente di riduzione di resistenza dovuta alla piegatura delle lamelle r in : raggio interno t: spessore delle lamelle 27

28 5. FLESSIONE IN ZONA D APICE: TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU k l 1 28

29 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 6. TRAZIONE ORTOGONALE IN ZONA D APICE: k dis : coefficiente di ridistribuzione della tensione al colmo 29

30 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 6. TRAZIONE ORTOGONALE IN ZONA D APICE: k vol : coefficiente di volume V = volume sollecitato a trazione ortogonale alla fibratura 30

31 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 6. TRAZIONE ORTOGONALE IN ZONA D APICE: o k p < 1 31

32 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 7. TAGLIO E TRAZIONE ORTOGONALE : 32

33 8. FLESSOTORSIONE TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU La portanza degli elementi strutturali in legno lamellare incollato con h/b > 3 è condizionata da problemi di instabilità flesso-torsionale, ovvero il pericolo di sbandamento laterale a partire dalle sezioni centrali della trave, insieme ad una rotazione intorno all asse longitudinale, anche se il carico è verticale. L instabilità flesso-torsionale può essere limitata munendo le travi di ritegni torsionali. Gli elementi secondari se collegati ad un adeguato sistema di controvento di falda (es. croci di Sant'Andrea metalliche nei campi tra gli arcarecci) su cui possano scaricare le forze di instabilizzazione che provengono dalla trave principale possono essere considerati efficaci come ritegni torsionali. 33

34 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 8. FLESSOTORSIONE k crit = f λ ( rel ) λ rel = f ( σ m,crit λ = rel ) σ f m, k m, crit M x, crit σ m, crit = e M x, crit = f ( E0,05, G0, 05, Jt, J z, lef ) Wx 34

35 Un po di storia Cenni sulla tecnologia del L.L.I. Le travi speciali : normativa e stato tensionale Dimensionamento di una trave a doppia rastremazione Dimensionamento del collegamento alle strutture di bordo Dimensionamento di un collegamento in fondazione 35

36 Dati di progetto: Luce fra gli appoggi: L=20m Pendenza all estradosso: a=3,15 Base della sezione: b=220 mm Altezza all appoggio: h 0 =700 mm Altezza all apice: h ap =1250 mm Lunghezza di appoggio: l=300 mm Volume della trave: Vol b = 4,35 m 3 Interasse travi 5 m 36

37 TRAVI RASTREMATE ANALISI DEI CARICHI MATERIALE DETERMINAZIONE DELLA COMBINAZIONE RILEVANTE AI FINI DELLE VERIFICHE VERIFICHE SLU: 1. Taglio all appoggio 2. Compressione ortogonale alla fibra all appoggio 3. Flessione al bordo non inclinato teso (x max ) 4. Flessione al bordo inclinato compresso (x max ) 5. Colmo: Flessione 6. Colmo: Trazione ortogonale alla fibratura 7. Verifica combinata a taglio e trazione ortogonale 8. Stabilità flessotorsionale 1,2 3,4 5,6 VERIFICHE SLE: Deformabilità a t=0 e a t= VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO: R60 (ipotesi) COLLEGAMENTO ALLA STRUTTURA DI BORDO: Unioni acciaio-legno con bulloni/ Dimensionamento dell asolatura / Dettagli costruttivi 37

38 Carichi permanenti: Lamiera metallica sandwich Tavolato sp. 3cm Arcarecci in L.L. 14x24cm i=1,5m Tot. ANALISI DEI CARICHI 0,15 kn/mq 0,15 kn/mq 0,15 kn/mq 0,45 kn/mq 0,50 kn/mq g=2,5 kn/m+p.p. PP. 1,375 kn/m (per semplicità, il p.p. della trave è stato valutato per una sezione rettangolare bxh ap ) Carichi variabili: Loc. Pistoia, alt. s.l.m. 67m NEVE (zona II) 0,8 kn/mq q n =4 kn/m VENTO (Zona 3, rugosità B, esposizione IV) 0,74 kn/mq x cp (di sollevamento: si trascura) 1.5 lamiera sandwich tavolato maschiato arcarecci 14x24 GL24h trave in L.L. 38

39 MATERIALE LEGNO LAMELLARE GL24h (UNI 1194: 2000) in classe di servizio 1 (umidità del materiale in equilibrio con l ambiente a una temperatura di 20 C e umidità relativa dell'aria circostante che non superi il 65% se non per poche settimane all'anno) I coefficienti k mod (Coefficiente correttivo che tiene conto dell effetto, sui parametri di resistenza, della durata del carico e dell umidit umidità della struttura) sono: I carichi permanenti appartengono alla classe di durata permanente kmod=0,6 Il carico neve appartiene alla classe di durata breve kmod=0,9 ( Il carico vento appartiene alla classe di durata istantanea kmod=1) Coefficiente di sicurezza γ m = 1,45 X d k = mod γ m X k 39

40 MATERIALE (UNI 1194: 2000) X d k = mod γ X m k γ m = 1,45 VALORI DI RESISTENZA Valori caratteristici Valori di progetto k mod =0.6 Valori di progetto k mod =0.9 f m,y,k [MPa] 24 f m,y,d [MPa] 9.93 f m,y,d [MPa] f m,z,k [MPa] 24 f m,z,d [MPa] 9.93 f m,z,d [MPa] f t,0,k [MPa] 16.5 f t,0,d [MPa] 6.83 f t,0,d [MPa] f t,90,k [MPa] 0.4 f t,90,d [MPa] 0.17 f t,90,d [MPa] 0.25 f c,0,k [MPa] 24 f c,0,d [MPa] 9.93 f c,0,d [MPa] f c,90,k [MPa] 2.7 f c,90,d [MPa] 1.12 f c,9 0,d [MPa] 1.68 f v,k [MPa] 2.7 f v,d [MPa] 1.12 f v,d [MPa] 1.68 VALORI DI MODULO ELASTICO E 0,mean [MPa] E0,05 [MPa] 9400 Gmean [MPa]

41 D. Verifica della combinazione rilevante ai fini delle verifiche Se una combinazione di carico comprende azioni appartenenti a differenti classi di durata si adotta il coefficiente kmod corrispondente all azione azione di minor durata (kmod maggiore) non è detto che la combinazione che determina il carico maggiore (q( d ) sia quella determinante ai fini delle verifiche. Occorre effettuare il controllo seguente: IPOTESI: 2 COMBINAZIONI ALLO SLU q = γ g 1 g k mod = 0,6 (Comb. con soli permanenti) 1 g =, 3 COMBINAZIONE 1: COMBINAZIONE 2: q 2 = γ g1 g1 + γ q qn k mod = 0,9 (Comb. con permanenti e neve) q q 1 2 σ σ d,1 d,2 X k X k k γ mod,1 m k γ mod,2 m σ d,1 k σ γ mod,1 d,2 k m γ mod,2 m X k X k σ k d,1 γ m k q 1 mod,1 σ k q d,2 γ m k 2 mod,2 mod,2 Il maggior rapporto è associato alla combinazione determinante 41

42 CASO STUDIO 2 Verifica della combinazione rilevante allo SLU: Combinazione 1: (con soli permanenti) q SLU, 1 = 1, 3 G1 q slu,1 = 1,3 x g = 5,04 kn/m k mod,p = 0,6 γ m =1,45 Combinazione 2: (permanenti + neve) q SLU,2 = 1,3 G1 + 1, 5 Q n q slu,2 = 1,3 x g + 1,5x q n = 11,04 kn/m k mod,n = 0,9 γ m =1,45 q k SLU,1 mod, p = 5,04 0,6 q = 8,4 < k SLU,2 mod, n = 11,04 0,9 = 12,3 è determinante la combinazione con la neve 42

43 CASO STUDIO 2 Se avessimo avuto, per esempio un solaio di copertura con: G 1 = 2 kn/mq kmod=0,6 Sovraccarico Q n = 0,8 kn/mq kmod=0,9 Combinazione 1: (con soli permanenti strutturali) q slu,1 = 1,3 x 2 = 2,60 kn/mq q SLU, 1 =, 3 1 G 1 Combinazione 2: (con permanenti strutturali e sovraccarico) q slu,2 = 1,3 x 2 + 1,5 x 0.8 = 3,80 kn/mq q SLU,2 =,3 G + 1, 5 Q 1 1 v q k SLU,1 mod,1 = 2,60 0,6 = 4,33 > q k SLU,2 mod,2 = 3,80 0,9 = 4,22 è determinante la combinazione con i soli permanenti strutturali!!! 43

44 CASO STUDIO 2 Sollecitazioni e tensioni di calcolo: qslu L M max d, mezzeria = = 551, 875 knm 8 qslu L Vd = = 110, 375 kn 2 σ x 2 q L 1 max = 0,75 = b h0 ( 2hap h0 ) L h 0 max = = 2 hap 5,6 m 2 11,95 MPa σ m

45 1. TAGLIO ALL APPOGGIO ( NTC EC5:2009) 45

46 1. TAGLIO ALL APPOGGIO ( NTC EC5:2009) L ultima versione dell EC5 prevede di considerare l influenza l delle fessurazioni tramite un coefficiente k cr = 0,67 (coefficiente di fessurazione per la verifica a taglio ) 1 Considerando k cr : τ d Vd = 1,5 b h Senza k cr : ef 0 = 1,5 k cr Vd b h , = 1,5 0, ,60 < 1,675 = 2,7 0,9 MPa 1,45 Verifica soddisfatta Vd Vd 110, τ d = 1,5 = 1,5 = 1,5 1,07 < 1, 675MPa b h b h

47 2. COMPRESSIONE ORTOGONALE ALLA FIBRA ALL APPOGGIO NTC σ c,90,d F σ f [Formula EC5 (2009)] c,90, d c, 90, d = kc,90 Aef c,90, d tensione di progetto a compressione perpendicolare alla fibratura nell'area di contatto efficace; ENDICOLARE F c, 90, d A = b ef l ef carico di progetto a compressione perpendicolare alla fibratura; area di contatto efficace in compressione perpendicolare alla fibratura b larghezza della trave l ef lunghezza efficace di appoggio f c,90, d = f c,90, k γ k m mod resistenza di progetto a compressione in direzione della fibratura k c,90 1,75 Coefficiente ( 1) che tiene conto della configurazione di carico, della possibilità di rottura per spacco, nonché del grado di deformazione a compressione. Generalmente si assume k=1. 47

48 2. COMPRESSIONE ORTOGONALE ALLA FIBRA ALL APPOGGIO MECCANISMO RESISTENTE Compressione ortogonale alle fibre: effetti di confinamento Caso a : CAMPIONE NON CONFINATO Tutte le fibre sono schiacciate come un fascio di tubi Caso b : CAMPIONE CONFINATO Solo una porzione della superficie del legno superiore è caricata, e le fibre adiacenti non caricate assorbono una parte del carico e collaborano al meccanismo resistente

49 2. COMPRESSIONE ORTOGONALE ALLA FIBRA ALL APPOGGIO Fc, 90, d = Vd = 110, 375 kn l ef = l + 30 mm = 330mm (trave tagliata in corrispondenza del filo esterno dell appoggio) A ef = = mm σ c,90, d 110, = ,52 < 1,675 = 2,7 0,9 MPa 1,45 Verifica soddisfatta 300 mm l = 300mm a = 0 l 1 = mm l l l ef = l + min( 30mm; a; l; 1 ) sx + min(30mm; a; l; 1 ) 2 2 dx 49

50 SISTEMA DI RINFORZO CON VITI AUTOFILETTANTI Utilizzo di VITI AUTOFILETTANTI a tutto filetto per aumentare la resistenza R c,90 e limitare le deformazioni localizzate, grazie all attivazione di meccanismi di resistenza supplementari Meccanismo di penetrazione delle viti nel legno Meccanismo di instabilizzazione delle viti nel legno (viti snelle) Analogia con il comportamento di una fondazione su pali Analogia con il comportamento di una colonna snella 50

51 3. FLESSIONE BORDO NON INCLINATO (TESO) x=5,6m 3 Tensione a flessione di progetto: Formula EC5 (2009) e 6.4.3: 6M d 24 0,9 σ m, 0, d = 11,95 fm, d = = 14, 90MPa 2 bh 1,45 Verifica soddisfatta Formula CNR-DT 206/2007 rev e M d 24 0,9 ( + 4 tan ) 12,09 f = 14, MPa σ m, 0, d = 1 α m, d = 90 2 bh 1,45 α σm,,d σm,,d Verifica soddisfatta σm,0,d σm,0,d τ 51

52 4. FLESSIONE BORDO INCLINATO (COMPRESSO) x=5,6m 4 Presenza di uno stato tensionale pluriassiale: la verifica deve essere effettuata considerando un criterio di rottura (es. Norris, Hankinson) Formula EC5 (2009) e 6.4.3: Dove: σ m, α, d k m, α fm, d =0,95 3,15 k m,α : coefficiente di ridistribuzione delle tensioni di flessione in una sezione trasversale ( 1) 1,675 MPa 1,675 MPa 14,90 MPa 6M d 24 0,9 σ m, α, d = 11,95 km, fm, d = 0,95 = 14, 16 MPa 2 α bh 1,45 Verifica soddisfatta 52

53 4. FLESSIONE BORDO INCLINATO (COMPRESSO) x=5,6m Formula CNR-DT 206/2007 rev e σ m, α, d f m, α, d 2 6M d ( 4 tan α ) 11,80 f 14, MPa σ m, α, d = 1 m,, d = 55 2 α bh Verifica soddisfatta Dove: α=3,15 f m,d = 14,90 MPa f c,90,d = 1,68 MPa 53

54 5. FLESSIONE NELLA ZONA DI COLMO EC5 (2009) CNR-DT 206/07 rev Le tensioni di flessione sono nulle al lembo superiore. Al lembo inferiore (rettilineo): σ m, d k r fm, d (tensione di progetto per flessione nella zona di colmo) 6M 6 ap, d 6 551, σ m, d = k1 = 1,09 = 10,53 < 14, 90MPa 2 2 bh ap k1 = 1+ 1,4 tanα + 5,4 tan α = 1,09 ( α ap = 3,15 ) 2 ok Nelle travi a doppia rastremazione k r =1 (coefficiente di riduzione di resistenza dovuta alla piegatura delle lamelle) La verifica a flessione nella zona d apice non è in generale quella più severa 54

55 6. TRAZIONE ORTOGONALE ALLA FIBRA AL COLMO 6 EC5 (2009) CNR-DT 206/07 rev Dove: - V 0 : volume di riferimento (= 0,01m 3 ) - V: volume sollecitato della zona di colmo (= 0,34 m 3 ) 2Vol b 3 - k vol : coefficiente di volume (= 0,49) - k dis : coeff. che tiene conto della ridistribuzione della tensione al colmo (=1,4) 55

56 6. TRAZIONE ORTOGONALE ALLA FIBRA AL COLMO σ t,90, d = 6M ap, d k p kdis kvol f 2 t,90, d bhap Dove: k p 0,2 tanα = 0,011 ( α = 3,15 ) = ap 6M 6 ap, d 6 551, ,4 0,9 σ t, 90, d = k p = 0,011 = 0,11MPa 1,4 0,49 = 0, 17MPa 2 2 bh 1,45 ap Verifica soddisfatta 7. COMBINAZIONE TRAZIONE ORTOGONALE E TAGLIO V M f d v, d = 6,9kN d = 549,42kNm = 1,68MPa ; τ d f = 0,06MPa t,90, d σ t,90, d = 0,25MPa = 0,11MPa Sezioni di verifica 0,65 < 1 56

57 Interventi nel caso di verifica a trazione ortogonale al colmo non soddisfatta Inserimento di barre di acciaio incollate in senso trasversale in sedi preforate con colle epossidiche ad alta prestazione o viti autoforanti a filetto completo Soluzione di tipo "costruttivo con cappello non collaborante cappello non collaborante che consente di ridurre le tensioni di trazione ortogonale rispetto alla configurazione con apice e contemporaneamente ridurre il volume d'apice (nel comportamento dei materiali fragili la probabilità di collasso aumenta con il volume del materiale). Viene fissato alla trave tramite connettori puntuali di tipo meccanico (p.e. viti), e non tramite incollaggio. 57

58 8. STABILITA FLESSOTORSIONALE 58

59 8. STABILITA FLESSOTORSIONALE 59

60 8. STABILITA FLESSOTORSIONALE h/b < 3 k crit = 1 60

61 Ipotesi : N=0 (sforzo normale nullo) L ef 12,50 m L ef /h = 10 h b 1250 = = 220 5,68 8. STABILITA FLESSOTORSIONALE ,77 61

62 8. STABILITA FLESSOTORSIONALE M crit = π E0,05 J z G0,05 Jt = kNm L ef Geometria: b = 220mm h = h ap = mm J z = cm 4 J t = cm 4 Materiale E 0,mean [MPa] E 0,05 [MPa] 9400 Gmean [MPa] 720 G0,05 [MPa] 583 Ipotesi G0,05 E0, 05 = G m E m M crit σ m, crit = = = 21, 67 MPa W λ rel k x fm, k 24, m = = = 1,05 kcrit, m = 0,77 σ 21,67 σ crit m, x, d f m, x, d m, crit 11,95 = = 0,77 14, ,95 11,47 = 1,04 > 1!!!! 62

63 RIEPILOGO VERIFICHE Caso studio Lamellare GL24h b [mm]= 220 Qp [kn/mq] 0.5 h0 [mm]= 700 Qn [kn/mq] 0.8 hap [mm]= 1250 L [m]= 20 Lef [m] 12.5 a [ ]= 3.15 lapp [mm] 300 SLU 1.Taglio all appoggio 2.Compressione ortogonale alla fibra all appoggio 3.Flessione al bordo non inclinato teso (xmax) 4.Flessione al bordo inclinato compresso (xmax) 5.Colmo: Flessione 6.Colmo: Trazione ortogonale alla fibratura d [N/mmq] EC5 f d [N/mmq] d /f d Taglio e trazione ortogonale alla fibratura Stabilità flessotorsionale L/f L/flim f/flim SLE t= t=

64 Importanza delle verifiche a trazione ortogonale con α 10 Lamellare GL24h b [mm]= 220 Qp [kn/mq] 1.5 h0 [mm]= 780 Qn [kn/mq] 0.8 hap [mm]= 2400 L [m]= 20 Lef [m] 10 a [ ]= 9.20 lapp [mm] 500 SLU 1.Taglio all appoggio 2.Compressione ortogonale alla fibra all appoggio 3.Flessione al bordo non inclinato teso (xmax) 4.Flessione al bordo inclinato compresso (xmax) 5.Colmo: Flessione 6.Colmo: Trazione ortogonale alla fibratura d [N/mmq] EC5 f d [N/mmq] d /f d Taglio e trazione ortogonale alla fibratura Stabilità flessotorsionale ! L/f L/flim f/flim SLE t= t=

65 Importanza delle verifiche a flessione con α piccolo Lamellare GL24h b [mm]= 220 Qp [kn/mq] 1.5 h0 [mm]= 1089 Qn [kn/mq] 0.8 hap [mm]= 1353 L [m]= 20 Lef [m] 5 a [ ]= 1.51 lapp [mm] 500 SLU 1.Taglio all appoggio 2.Compressione ortogonale alla fibra all appoggio 3.Flessione al bordo non inclinato teso (xmax) 4.Flessione al bordo inclinato compresso (xmax) 5.Colmo: Flessione 6.Colmo: Trazione ortogonale alla fibratura d [N/mmq] EC5 f d [N/mmq] d /f d Taglio e trazione ortogonale alla fibratura Stabilità flessotorsionale L/f L/flim f/flim SLE t= t=

66 CONSIDERAZIONI Con l introduzione del coefficiente di fessurazione k cr (=0,67) nell ultima versione dell EC5, la verifica a taglio è diventata dimensionante (α 2 ); mentre per α < 2 sono rilevanti le verifiche a flessione in apice o al lembo rastremato; Trascurando la verifica a taglio, al crescere dell inclinazione della rastremazione, la verifica a trazione ortogonale diventa rilevante Diagramma Carico uniforme massimo di progetto Altezza all apice della trave (costruito per GL28h, L=20m, b=0,2m h 0 =1m, k mod =0,8, γ M =1.25) 66

67 COMBINAZIONI F. VERIFICHE DI DEFORMABILITA (SLE) COMBINAZIONE RARA COMBINAZIONE QUASI PERMANENTE FRECCIA ISTANTANEA (Em, Gm, Kser) FRECCIA A LUNGO TERMINE (Em/(1+kdef), Gm/(1+ kdef), Kser /(1+ kdef) k def : coefficiente che tiene conto dell'aumento della deformabilità con il tempo causato dall'effetto combinato della viscosità e dell'umidità del materiale Occorre tener conto della deformabilità dei collegamenti, con il coefficiente Kser (SLE): modulo di scorrimento istantaneo dell unione 67

68 F. VERIFICHE DI DEFORMABILITA (SLE) Kser (EC5) per ciascuna sezione resistente a taglio e per singolo mezzo di unione68

69 Kser (CNR-DT 206/2007) F. VERIFICHE DI DEFORMABILITA (SLE) 69

70 SLE - kdef Coefficiente che tiene conto dell'aumento della deformabilità con il tempo causato dall'effetto combinato della viscosità e dell'umidità del materiale U=12% 70

71 F. VERIFICHE DI DEFORMABILITA (SLE) FRECCIA u = ql ql + χ EmJ 8G 2 m A 5-20%!!! COMBINAZIONE RARA: freccia istantanea u G + Q ψ ψ Q Q ist = uist, G + uist, Q + ψ 1 02 uist, Q + ψ 3 03 uist, Q + 3 COMBINAZIONE QUASI PERMANENTE: freccia differita u u dif dif G + ψ Q 21 Q1 + ψ 22 Q2 + ψ = udif, G + ψ 21 udif, Q + ψ 1 22 udif, Q + ψ 2 23 udif, Q + 3 ψ ψ = kdef uist, G + 21 kdef uist, Q kdef uist, Q kdef uist, Q + 3 ψ COMBINAZIONE QUASI PERMANENTE: freccia finale u = u + u fin ist dif u fin = (1 + k def ) u ist, G + (1 + ψ 21 kdef ) u + ( ψ 02 + ψ 22 k ) +... ist, Q1 def u ist, Q2 71

72 F. VERIFICHE DI DEFORMABILITA (SLE) LIMITAZIONI DELLA FRECCIA u 1 : freccia dovuta ai carichi permanenti u 2 : freccia dovuta ai carichi variabili u 0 : controfreccia (eventuale) u net = u 1 + u2 u0 SOLAI DI COPERTURA u u u 2, ist 2, fin net, fin L / 300 L / 200 L / 250 SOLAI DI CALPESTIO CON TRAMEZZI E PAVIMENTI RIGIDI u u u u 2, ist 2, fin net, fin 1, ist L / 500 L / 300 L / 350 L / 400(limitazione delle vibrazioni ) 72

73 TRAVI RASTREMATE deformabilità Nel calcolo della freccia delle travi rastremate è possibile utilizzare una formula analoga a quella delle travi a sezione costante: Pesa di più!! Nella quale J o e A o sono il momento di inerzia e l area della sezione di appoggio k m e k v sono dei coefficienti tabellati in funzione di A/l, ricavabili analiticamente nel caso di travi a doppia rastremazione simmetriche da Strutture in legno - Materiale, calcolo e progetto Secondo le nuove normative europee, HOEPLI, Piazza-Tomasi-Modena 73

74 CASO STUDIO: TEMPO ZERO: freccia istantanea Combinazione RARA q RARA = q p + q n q p =3,875 kn/m q n =4 kn/m 3 bh0 9 J0 = = 6,29 10 mm 12 4 A = 154 mm 0 = bh k m = 0,28 4 E o,m = MPa G m = 720 MPa u u k v = 0, , = 5 3, , ist = f ( q p) = 0,28 + 1,2 0,81 32, 7mm , , = ist = f ( qn ) = 0,28 + 1,2 0,81 33, 8mm , u L ist = u1, ist + u2, ist = 66,5mm 66, 67mm 300 max, = Verifica soddisfatta 74

75 CASO STUDIO: TEMPO INFINITO: freccia finale Combinazione QUASI PERMANENTE q QP = q p + Y 2.q n Y 2 =0 (neve) k def = 0,6 (L.L., classe di servizio 1) u ( + k ) = u ( 1+ 0,6) = 32,7 1,6 52, mm fin = u1, ist 1 def 1, ist 32 1, = u ( + k ) = 33,8 ( 1+ 0) 33, mm fin = u2, ist 1 ψ 2 def 8 2, = L unet, fin = u1, fin + u2, fin = 52, ,8 = 86,2mm = 100mm 200 Verifica soddisfatta 75

76 CALCOLO DELLO SCORRIMENTO DELLA CONNESSIONE BULLONI M16 GL24h ρ k =380 kg/m 3 q Rara =7,875 kn/m q QP =3,875 kn/m Taglio all appoggio: V d,rara = q Rara L/2 = 78,75 kn V d,qp = q QP L/2 = 38,75 kn Numero di bulloni: 2 Numero di sezioni di taglio: 2 Gioco foro-bullone: 1mm k def =0,6 Nel caso di collegamento legno-acciaio: ρ k ρ k legno K ser viene raddoppiato Scorrimento istantaneo del collegamento: 1,5 d 1,5 16 Kser, SLE, t= 0 = ρk = 380 = N / mm Vd 78,75 10 dist = + 1mm = + 1mm = 2, 66mm Da sommare a u ist = 66,5mm 70mm K ser, SLE Scorrimento differito del collegamento: Kser, SLE, t= Kser, SLE, t= = = = N / mm 1+ k 1,6 d def 3 Vd 38,75 10 dif = = = 1, 31 Kser, SLE mm Scorrimento totale: tot = dist + ddif = 3, 97 d mm Da sommare a u fin = 86,2mm 90mm 76

77 CONFRONTO CON TRAVE A SEZIONE COSTANTE Se avessimo progettato una trave a sezione costante, avremmo ottenuto una sezione pari a circa 220x1120mm: L=20m V ol, trave rastremata = 4,35 m 3 V ol, rettangolare = 5 m 3 AVREMMO CONSUMATO 15% IN PIU DI LEGNO 77

78 G. VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO RESISTENZA AL FUOCO: indica la capacità di un manufatto di svolgere la propria funzione dal momento in cui viene investito da un incendio espressa in termini di tempo (usualmente minuti) DIPENDE dalle proprietà fisiche e meccaniche del materiale dai criteri costruttivi e realizzativi della struttura (scelte progettuali effettuate) ELEMENTO LIGNEO: : Metodo della sezione efficace NORMATIVA COLLEGAMENTI EUROCODICE 5: UNI EN _2005 CNR-DT 206/2007 rev

79 CASO STUDIO - VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO IPOTESI: requisito di resistenza al fuoco richiesto R60 Combinazione ACCIDENTALE q FUOCO = q p =3,875 kn/m Ψ 2,neve =0 Calcolo della sezione efficace: β n = 0,7mm/min def = dchar + k0 d0 = βn t + 7 = 0, = 49mm b ef = = 122mm h ef = mm, 0 = h ef, ap = = 1201mm Parametri di resistenza Valori di progetto k mod =1; kfi=1,15 f m,y,d [MPa] f m,z,d [MPa] f t,0,d [MPa] f t,90,d [MPa] 0.46 f c,0,d [MPa] f c,90,d [MPa] f v,d [MPa] Sez. iniziale Sez. finale(t=60 ) Appoggio 220x X651 Apice 220x X1201

80 VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO VERIFICHE: consistono nel calcolo della capacità portante (per rottura o per instabilità) UNICAMENTE allo STATO LIMITE ULTIMO. 1. Taglio all appoggio TRASCURABILE [p.to (1) EC5-1-2] 2. Compressione ortogonale alla fibra all appoggio TRASCURABILE [p.to (1) EC5-1-2] 3. Flessione al bordo non inclinato teso (x max ) 4. Flessione al bordo inclinato compresso (x max ) 5. Colmo: Flessione 6. Colmo: Trazione ortogonale alla fibratura 7. Colmo: Taglio e trazione ortogonale alla fibratura 8. Stabilità flessotorsionale Sollecitazioni e tensioni di calcolo: q fuoco L M max d, mezzeria = = 193, 75 knm 8 qslu L Vd = = 38, 75 kn 2 2 q L 1 σ max = 0,75 = 8,36 MPa b h 2h h x L h = 2 h max 0 = ap 0 5,4 m 2 ( ) ap 0

81 VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO Si riportano i risultati delle verifiche in termini di rapporto tra tensione sollecitante di calcolo e tensione resistente di calcolo, condotte con le stesse formule viste in precedenza. Deve risultare: SLU 1.Taglio all appoggio S R d 1 d EC5 d [N/mmq]f d [N/mmq] d /f d Compressione ortogonale alla 0.96 fibra all appoggio Flessione al bordo non inclinato 8.36 teso (xmax) Flessione al bordo inclinato compresso 8.36 (xmax) Colmo: Flessione Colmo: Trazione ortogonale alla 0.07fibratura Taglio e trazione ortogonale alla fibratura Stabilità flessotorsionale Occorre valutare la resistenza dei collegamenti L/f L/flim f/flim SLE t= t= VERIFICA NON RICHIESTA 81

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI GIUNZIONE

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI GIUNZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI GIUNZIONE Relatore: Relatore: Indice Classificazione dei sistemi di giunzione Tipologie di giunzioni ricorrenti per le coperture Giunzioni tipiche sulle coperture in legno Analisi

Dettagli

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Costruzioni in legno Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Bozza del 18/5/21 Costituzione del tronco Bozza del 18/5/21 Difetti Bozza del 18/5/21 Relazione tra Umidità, Umidità relativa e Temperatura

Dettagli

Giovannni Metelli - Progettare le strutture in legno Norme Tecniche 2008

Giovannni Metelli - Progettare le strutture in legno Norme Tecniche 2008 Giovannni Metelli - Progettare le strutture in 5.3. NT DM 2008-449 4.4.9 La capacità portante e la deformabilità dei mezzi di unione determinate sulla base di prove meccaniche (UNI EN 1075:2002, UNI EN

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Descrizione del prodotto I pannelli prodotti dalla ditta Diemme Legno e denominati diemme X- LAM e diemmexx- LAM sono pannelli strutturali in legno composti da strati di tavole sovrapposti a fibratura

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI Relatore: INDICE: Connettori metallici a gambo cilindrico alle tensioni ammissibili Approccio di calcolo agli stati limite - Teoria di Johansen - Formule proposte dalle

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO

Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO Indice VERIFICA DI UN NODO DI TRAVE RETICOLARE REALIZZATO MEDIANTE COLLEGAMENTO DI

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools. 1 Carpenteria.

Indice. ET - Engineering Tools. 1 Carpenteria. <S.T.A. DATA srl> UNIONI LEGNO 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9 5 Area...

Dettagli

RELAZIONE SULLA QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI

RELAZIONE SULLA QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI RELAZIONE SULLA QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI pag. 1 / 8 SOMMARIO 1. MATERIALI IMPIEGATI PER LA COPERTURA... 3 1.1 LEGNO LAMELLARE... 3 1. ACCIAI DA CARPENTEREIA... 3 1.3 ANCORANTI E CONNETTORI... 3.

Dettagli

LE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE. Ing. Andrea Flisi Mantova 24 Giugno 2011

LE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE. Ing. Andrea Flisi Mantova 24 Giugno 2011 LE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE Ing. Andrea Flisi Mantova 24 Giugno 2011 CLASSIFICAZIONE LEGNO In accordo con le norme europee EN 14080 e EN 1194 il legno lamellare incollato viene definito con le classi

Dettagli

Progettazione di edifici in legno 3-11-2010

Progettazione di edifici in legno 3-11-2010 Progettazione di edifici in legno Corso 20-PROGLEGNO 3-11-2010 Il legno può essere analizzato secondo 5 livelli di approfondimento: - a livello della struttura del tronco; - a livello della struttura macroscopica;

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia Corso di aggiornamento professionale Progettazione di strutture in legno massiccio e lamellare secondo le NTC 2008 Pistoia, 1629 ottobre e 512 novembre

Dettagli

STRUTTURE IN ACCIAIO

STRUTTURE IN ACCIAIO Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN ACCIAIO D. M. 14/01/2008 NTC2008 - EUROCODICE 3 EC3 AGGIORNAMENTO 12/02/2014 Corso di PROGETTAZIONE,

Dettagli

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo Mettere figura 1 Cinematica delle strutture Produzione di profilati e lamiere in acciaieria Trasformazione in elementi strutturali e preassemblaggi Trasporto

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno CNR Commissione di studio per la predisposizione e l analisi di norme tecniche relative alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE COMMISSIONE DI STUDIO PER LA PREDISPOSIZIONE E L'ANALISI DI NORME

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri di verifica. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri di verifica. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso i TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà i Architettura Università egli Stui i Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri i verifica NORMATIVA DI

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI Capitolo 4B - Stati limite ultimi 51 Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI 4.1 Trazione Il comportamento sotto carico crescente di un pezzo di acciaio è ricavabile dalla prova a trazione effettuata con apposite

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE TECNOLOGIA e CALCOLO MORETTI INTERHOLZ s.r.l. dott. ing. Alberto AGOSTINI Direttore Tecnico Produzione (NTC 2008) IL MATERIALE MATERIA PRIMA: Abete rosso, Larice, Pino, Abete

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA

COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA Ubicazione COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA Intervento Ristrutturazione Copertura edificio civile via Roma 22 Committente Rossi Amedeo Progettista Ing. Claudio Ciciriello Impresa EDILCOM srl Direttore

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE SULLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI INDICE

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE SULLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI INDICE INDICE INDICE... 1 1. Conglomerati cementizi... 2 1.1 Conglomerato cementizio magro... 2 1.2 Conglomerato cementizio per strutture di fondazione... 2 1.3 Conglomerato cementizio per strutture in elevazione...

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

CONNESSIONI MODERNE PER STRUTTURE IN LEGNO. ing. SIMONE VANZO

CONNESSIONI MODERNE PER STRUTTURE IN LEGNO. ing. SIMONE VANZO CONNESSIONI MODERNE PER STRUTTURE IN LEGNO ing. SIMONE VANZO INDICE CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI UNIONE CONNETTORI A GAMBO CILINDRICO ESEMPIO DI CALCOLO VITI STRUTTURALI ESEMPIO DI CALCOLO UNIONI A SCOMPARSA

Dettagli

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente !"# Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Vantaggi vs. svantaggi Struttura prefabbricata: assemblaggio di elementi (pilastri, travi, tegoli) prodotti in appositi stabilimenti, trasportati in

Dettagli

Costruzioni in legno. Unioni

Costruzioni in legno. Unioni Costruzioni in legno Unioni Unioni Definizioni e classificazione Tradizionali (carpentry joints) Unioni Connettori a gambo cilindrico (chiodi, bulloni, perni, viti) Meccaniche (mechanical joints) Connettori

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

2 Tetti e strutture di copertura

2 Tetti e strutture di copertura 1.8 Combinazioni di diversi sistemi costruttivi di legno In edilizia, i sistemi costruttivi di legno precedentemente descritti possono essere anche combinati l uno con l altro. Una combinazione utilizzata

Dettagli

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo Norme Tecniche per le Costruzioni D.M. 16 gennaio 2008 Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo 4.3.1 Valutazione della sicurezza Definizione: Le strutture composte sono costituite da parti realizzate

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9 R4M engineering INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 1.1. CHIUSURA DEL FORO SCALA A CHIOCCIOLA ESISTENTE... 4 1.2. CHIUSURA CAVEDI IMPIANTISTICI ESISTENTI... 5 1.3. AMPLIAMENTO DELLA VASCA... 6 1.4. ORDITURA PORTANTE

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE 7.1.COLONNA - GIUNTO DI BASE

7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE 7.1.COLONNA - GIUNTO DI BASE 7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE Come per l analisi del comportamento longitudinale della struttura anche in questo caso è necessario analizzare il percorso di tensione. Esso si basa su tre passi

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5 SETTEMBRE 2014 AZV_A1_S3_9.002_01

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5 SETTEMBRE 2014 AZV_A1_S3_9.002_01 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5 SETTEMBRE 2014 AZV_A1_S3_9.002_01 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DI CALCOLO DELLE STRUTTURE 5

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 374/003) POTENZA, 004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Dott. Ing.. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

RIFACIMENTO COPERTURA SCUOLA MATERNA DI MONTAGNANA - INTERVENTO LOCALE -

RIFACIMENTO COPERTURA SCUOLA MATERNA DI MONTAGNANA - INTERVENTO LOCALE - Venturi & Motta Studio Tecnico Associato Ingegneri Valentino Venturi e Simone Motta via Trento n.70-51031 AGLIANA (PT) valentino@venturiemotta.it - tel.0574 673870 fax 0574/676358 * * * * * RIFACIMENTO

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CONSOLIDAMENTO DI SOLAI IN LEGNO (1) Chiodi in numero eccessivo ed allineati: soluzione scorretta. Tavole connesse

Dettagli

PROGETTO STRUTTURE METALLICHE - PONTI Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA

PROGETTO STRUTTURE METALLICHE - PONTI Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA PROGETTO STRUTTURE METALLICHE - PONTI Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA NTC 2008: COSTRUZIONI IN ACCIAIO - PONTI 2.4 VITA NOMINALE, CLASSI D

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools.

Indice. ET - Engineering Tools. <S.T.A. DATA srl> RINFORZI MURATURE 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

Le coperture in legno

Le coperture in legno CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Le coperture in legno LA CAPRIATA Tra scienza ed arte del costruire «Il forte intreccio di storia, tecnologia, architettura e cultura materiale,

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO I

STRUTTURE IN LEGNO I Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN LEGNO I AGGIORNAMENTO 13/01/013 CONIFERE (essenze resinose) Sono alberi che vivono in alta montagna. CONIFERA

Dettagli

FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES

FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES 43 CORSO ISPETTORI ANTINCENDI INTERNATIONAL FIRE-FIGTHERS WORKSHOP FIRE SERVICE COLLEGE Moreton in Marsh-UK 30 th September 2 th October 2003 I.A. Antonio Giulio Durante

Dettagli

INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 AZIONI DI PROGETTO E RELATIVE COMBINAZIONI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 6 MATERIALI... 7 ANALISI DEI CARICHI...

INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 AZIONI DI PROGETTO E RELATIVE COMBINAZIONI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 6 MATERIALI... 7 ANALISI DEI CARICHI... INDICE 2/23 INDICE... 2 PREMESSA... 3 AZIONI DI PROGETTO E RELATIVE COMBINAZIONI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 6 MATERIALI... 7 COMPOSIZIONE CHIMICA DEGLI ACCIAI.... 7 CARATTERISTICHE MECCANICHE DEGLI ACCIAI

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi

Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi Modulo 4:"" " Progetto di un edificio " " " " monopiano ad uso " " " " industriale in zona sismica Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi LʼAquila 4 giugno 2010 Ing. Oreste Mammana o.mammana@unina.it

Dettagli

1 RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 1

1 RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 1 Sommario 1 RELAZIONE TECNICA GENERALE.... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO.... 1 1.4 METODO DI VERIFICA.... 1 2 RELAZIONE

Dettagli

CALCOLO DELLE TETTOIE DI LEGNO E DELLE RELATIVE CONNESSIONI

CALCOLO DELLE TETTOIE DI LEGNO E DELLE RELATIVE CONNESSIONI Stefano Cascio CALCOLO DELLE TETTOIE DI LEGNO E DELLE RELATIVE CONNESSIONI * Connessioni tradizionali e metalliche * Teoria di Johansen per le connessioni * Calcolo della struttura di legno * Verifi che

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri IL MATERIALE

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009)

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009) 6. Unioni bullonate (aggiornamento 24-09-2009) 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate 6.1.1 Classificazione dei bulloni NTC - D.M. 14-1-2008 1 N.B. Il primo numero x 100 = f ub il secondo per il primo =f

Dettagli

Leonardo Principato Trosso

Leonardo Principato Trosso Leonardo Principato Trosso Software per il calcolo con i metodi delle tensioni ammissibili e agli stati limite ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008 * Solai in cemento armato, ferro, legno e a piastra * Sbalzi

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO: - Caratteristiche del legno strutturale - Unioni chiodate e bullonate - Verifica e consolidamento dei solai - Verifica e

STRUTTURE IN LEGNO: - Caratteristiche del legno strutturale - Unioni chiodate e bullonate - Verifica e consolidamento dei solai - Verifica e STRUTTURE IN LEGNO: - Caratteristiche del legno strutturale - Unioni chiodate e bullonate - Verifica e consolidamento dei solai - Verifica e consolidamento delle strutture di copertura - Strutture in legno

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI OGGETTO LAVORI Committente: FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI Il Progettista Strutturale VERIFICA DELLE RIGIDEZZE. La rigidezza iniziale (K in ) si calcola con la formula: K = GAEl 2 h 3 G1,2hEl 2 dove: E,G

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA PROGETTO DELLA COPERTURA CON STRUTTURA A VOLTA IN LEGNO. Sommario SINTESI DELLA TESI DI LAUREA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA PROGETTO DELLA COPERTURA CON STRUTTURA A VOLTA IN LEGNO. Sommario SINTESI DELLA TESI DI LAUREA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE ORIENTAMENTO STRUTTURE ANNO ACCADEMICO 2008/2009 SINTESI DELLA TESI DI LAUREA PROGETTO DELLA COPERTURA CON STRUTTURA A VOLTA IN

Dettagli

RIFACIMENTO COPERTURA DELLA PALESTRA SCUOLA "DON BOSCO" RAPAGNANO RELAZIONE DI CALCOLO RELAZIONE QUALITA' MATERIALI

RIFACIMENTO COPERTURA DELLA PALESTRA SCUOLA DON BOSCO RAPAGNANO RELAZIONE DI CALCOLO RELAZIONE QUALITA' MATERIALI pagina 1 RIFACIMENTO COPERTURA DELLA PALESTRA SCUOLA "DON BOSCO" RAPAGNANO RELAZIONE DI CALCOLO RELAZIONE QUALITA' MATERIALI INDICE: Norme di calcolo...pag 2 Relazione sui Materiali...pag 3 Carichi...pag

Dettagli

Hilti. Passione. Performance. Progettazione dei ferri di ripresa di getto post-installati

Hilti. Passione. Performance. Progettazione dei ferri di ripresa di getto post-installati Progettazione dei ferri di ripresa di getto post-installati Hilti. Passione. Performance. 1 Agenda Applicazioni Teoria della progettazione dei ferri di ripresa post-installati Inquadramento normativo e

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 INTRODUZIONE La verità scomoda di Al Gore che mette in luce i pericoli per

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO. Opere strutturali

RELAZIONE DI CALCOLO. Opere strutturali RELAZIONE DI CALCOLO Opere strutturali COMUNE DI CANNOBIO PROGETTO ESECUTIVO RECUPERO E RESTAURO DEL PALAZZO DELLA RAGIONE RELAZIONE DI CALCOLO Premessa Oggetto della presente relazione di calcolo sono

Dettagli

CALCOLO DI VERIFICA STRUTTURALE del sistema di fissaggio degli ancoraggi

CALCOLO DI VERIFICA STRUTTURALE del sistema di fissaggio degli ancoraggi ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE DI CALCOLO DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. d" CALCOLO DI VERIFICA STRUTTURALE del sistema di fissaggio degli ancoraggi Normativa

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023

La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023 La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023 Ing. Alessandro Ferraro Field Engineer - Lazio Roma, 30 aprile 2009 1 I ferri di ripresa post-installati sono largamente usati nel

Dettagli

www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC2008 Connettori a piolo e ramponi

www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC2008 Connettori a piolo e ramponi www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC200 Connettori a piolo e ramponi TECNARIA SISTEMI MODERNI DI RINFORZO LA SOLUZIONE DI UN PROBLEMA x I vecchi solai in legno

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

NORMATIVE DI RIFERIMENTO

NORMATIVE DI RIFERIMENTO INDICE 1. PREMESSA 3 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO 4 3. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI 5 4. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI 6 4.1 Sopraelevazione del fondo vasca della Piscina 6 4.2 Vasca di Compensazione 8

Dettagli

XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE. Costruire in modo ecologico per vivere meglio.

XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE. Costruire in modo ecologico per vivere meglio. XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE Costruire in modo ecologico per vivere meglio. Nordtex nasce dall'unione di imprenditori attivi nel settore dell'edilizia che promuovono

Dettagli

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A"

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO A VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A" 1 VERIFICA PIASTRA FONDALE...3 VERIFICA RESTANTI OPERE IN C.A...9 VERIFICHE SLE...11 2 VERIFICA PIASTRA FONDALE Verifica a flessione Stati limiti La piastra fondale presenta

Dettagli

Indice ANALISI E VERIFICA DI SISTEMI DI GIUNZIONE INNOVATIVI PER EDIFICI DI LEGNO. Vantaggi di un edificio in legno

Indice ANALISI E VERIFICA DI SISTEMI DI GIUNZIONE INNOVATIVI PER EDIFICI DI LEGNO. Vantaggi di un edificio in legno Indice ANALISI E VERIFICA DI SISTEMI DI GIUNZIONE INNOVATIVI PER EDIFICI DI LEGNO Vantaggi di un edificio in legno Tipologia di giunzioni per edifici di legno Esigenza statica di un edificio in X-Lam Tipologia

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Flessione composta tensoflessione Risposta della sezione Campo elastico σ + A I Risposta della sezione Al limite elastico el, Per calcolare el, : σ A + el, I f f + el,

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE

LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE PROTEZIONE STRUTTURE IN ACCIAIO Le strutture in acciaio sono un sistema costruttivo sempre più utilizzato nelle costruzioni. In particolare

Dettagli

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO!

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! Sostituisce la brochure del 10/ 01 05 / 06 Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! www.peikko.it 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 3 2. DIMENSIONI E MATERIALI... 4 3. PRODUZIONE... 5 3.1 Metodi di produzione... 5 3.2

Dettagli

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture S.r.l. Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture DESCRIZIONE L uso dei rinforzi FRP SYTEM per il consolidamento di strutture in c.a., murature, legno e acciaio

Dettagli

Studio Marconi Laboratorio di Architettura ed Ingegneria SOMMARIO

Studio Marconi Laboratorio di Architettura ed Ingegneria SOMMARIO SOMMARIO SOMMARIO 1 1 RELAZIONE GENERALE 2 2 RINFORZO STRUTTURALE SOLAIO IN LATERIZIO CON ANGOLARI IN ACCIAIO S235 E RELAZIONE SUI MATERIALI3 3 PIANO DI MANUTENZIONE 17 1 RELAZIONE GENERALE L edificio

Dettagli