Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia"

Transcript

1 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia Corso di aggiornamento professionale Progettazione di strutture in legno massiccio e lamellare secondo le NTC 2008 Pistoia, ottobre e 5-12 novembre 2010 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia Via Panciatichi, Pistoia Tel fax

2 Corso di aggiornamento professionale Progettazione di strutture in legno massiccio e lamellare secondo le NTC 2008 Pistoia, ottobre e 5-12 novembre CASO STUDIO Travata di grande luce a doppia rastremazione in L.L.I., esempi di ancoraggio travata cordolo in c.a. / fondazione in c.a. Pistoia, 22/10/2010 Ing. Marie-Claire NTIBARIKURE

3 SOMMARIO Un po di storia Cenni sulla tecnologia del L.L.I. Le travi speciali : normativa e stato tensionale Dimensionamento di una trave a doppia rastremazione Dimensionamento del collegamento alle strutture di bordo Dimensionamento di un collegamento in fondazione 3

4 Il legno, unitamente alla pietra, è stato uno dei primi materiali impiegati nelle costruzioni ed era anche l'unico che poteva indifferentemente essere impiegato a compressione, a trazione e, soprattutto, a flessione. costruito in 10 gg Ponte Kintai in legno in Giappone costruito nel 1673, ancora in uso Materiale Legno lamellare (GL24h) Calcestruzzo (R ck 30) Acciaio (Fe430) Alluminio (lega 7020) f/ρ (m 2 /s 2 ) E/f Il rapporto molto favorevole fra resistenza e peso ha favorito la diffusione di strutture in legno di luce notevole. f parametro di resistenza (longitudinale per il legno) ρ peso specifico E modulo di elasticità 4

5 Necessità di superare i limiti dimensionali, di forma e di approvvigionamento (realizzazione di solai, controsoffitti, ponti) Elementi reticolari Elementi lignei composti con tecniche di esecuzione interessanti (collegamenti con biette in legno duro, staffe e chiodature metalliche) TRAVI DI GRANDE LUCE Leonardo, XVI sec Elementi composti con collegamenti realizzati con biette di legno duro, staffe e chiodature e denti inclinati o retti De L Orme, XVI sec Accostamento di tavole disposte a coltello Del Rosso XVIII sec, Emy XIX sec Tavole di piatto (simile al L.L. moderno) con elementi di collegamento di tipo discreto (staffature, biette di legno) 1905 Brevetto Hetzer (Austria + Svizzera) per il legno lamellare incollato. Le travi di grande luce hanno avuto un notevole sviluppo con l utilizzo del legno lamellare incollato 5

6 TRAVI DI GRANDE LUCE Salone dei 500, dimensioni 23m x 52m Ponte progettato dall ing. Miozzi nel 1932 a Venezia 6

7 Un po di storia Cenni sulla tecnologia del L.L.I. Le travi speciali : normativa e stato tensionale Dimensionamento di una trave a doppia rastremazione Dimensionamento del collegamento alle strutture di bordo Dimensionamento di un collegamento in fondazione 7

8 Cenni sulla tecnologia del legno lamellare incollato Qualità fisiche simili al legno massiccio Qualità meccaniche migliori del legno massiccio Selezione rigorosa Minore difettosità (nodi) Essiccazione controllata Minori fessurazioni Elementi curvi UNI EN UNI EN 1194 UNI EN 386:2003 UNI EN 387:2003 UNI EN 390 MARCATURA CE CLASSE DI RESISTENZA DIMENSIONI LAMELLE GIUNTI A DITA TOLLERANZE DIMENSIONALI Legno lamellare omogeneo o combinato 8

9 Cenni sulla tecnologia del legno lamellare incollato 9

10 Cenni sulla tecnologia del legno lamellare incollato LIMITI DIMENSIONALI PRODUZIONE TRASPORTO 10

11 Un po di storia Cenni sulla tecnologia del L.L.I. Le travi speciali : normativa e stato tensionale Dimensionamento di una trave a doppia rastremazione Dimensionamento del collegamento alle strutture di bordo Dimensionamento di un collegamento in fondazione 11

12 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DM 14/01/2008 (NTC)( e CIRCOLARE N. 617 DEL 2/2/2009: CAP CAP CAP ALTRI RIFERIMENTI TECNICI (cap. 12 NTC): EUROCODICI (EC5 e EC8): UNI EN _2009: Progettazione delle strutture in legno. Parte 1-1: Regole generali Regoli comuni e regole per gli edifici. UNI EN _2005: Progettazione delle strutture in legno. Parte 1-2: Regole generali Progettazione strutturale contro l incendio. UNI EN _2005: Progettazione delle strutture in legno. Parte 2: Ponti UNI EN _2005: Progettazione delle strutture per la resistenza sismica. Parte 1 Istruzioni CNR-DT 206/2007 ( rev. ottobre 2008) : Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno (disponibile on line) DIN 1052:

13 LE TRAVI SPECIALI TRAVE A SEMPLICE E A DOPPIA RASTREMAZIONE Travi ad altezza variabile con intradosso rettilineo Pendenza: 3-10 Luce: 10-30m Altezza: h l/30 H l/16 TRAVE CURVA Travi ad asse curvilineo TRAVE CENTINATA Travi con estradosso piano a doppia pendenza e intradosso curvilineo Pendenza: 3-15 Luce: 10-30m Altezza: h l/30 H l/16 13

14 TRAVI SPECIALI NORMATIVA NTC 2008 Per la verifica delle travi rastremate occorre far riferimento a normative di comprovata validità: EUROCODICE CNR-DT 206/

15 TRAVI SPECIALI EUROCODICE 5 15

16 TRAVI SPECIALI EUROCODICE 5 ( ) ( ) 16

17 TRAVI SPECIALI CNR DT 206/2007 rev

18 TRAVI SPECIALI CNR DT 206/2007 rev ( ) ( ) 18

19 Caso studio 2: Trave a doppia rastremazione in L.L

20 Dati di progetto: Luce fra gli appoggi: L=20m Pendenza all estradosso: a=3,15 Base della sezione: b=220 mm Altezza all appoggio: h 0 =700 mm Altezza all apice: h ap =1250 mm Lunghezza di appoggio: l=300 mm Volume della trave: Vol b = 4,35 m 3 Interasse travi 5 m Trave in L.L.I. GL24h (UNI EN 1194:2000) 20

21 TRAVI RASTREMATE stato tensionale La presenza del lembo rastremato determina una sostanziale modifica dello stato tensionale rispetto a quello di una trave ad altezza costante. 1. andamento iperbolico delle tensioni normali (anziché lineare) 2. posizione della tensione massima non coincidente con quella del momento flettente massimo : esistono due massimi locali 21

22 TRAVI RASTREMATE stato tensionale 3. in prossimità del lembo rastremato, le tensioni tangenziali non sono nulle e sono presenti tensioni normali ortogonali alle fibre σ 90 22

23 TRAVI RASTREMATE stato tensionale 4. nella zona d apice, nascono delle tensioni ortogonali alle fibre 5. nella sezione d apice, le tensioni normali di flessione al lembo superiore sono nulle 23

24 TRAVI RASTREMATE stato tensionale Considerando il caso generico di trave a doppia rastremazione con apice della trave non simmetrico con carico uniformemente distribuito. Esistono due massimi locali che si possono determinare minimizzando il seguente rapporto: da Strutture in legno - Materiale, calcolo e progetto Secondo le nuove normative europee, HOEPLI, Piazza-Tomasi-Modena 24

25 TRAVI RASTREMATE stato tensionale Se h ap =2h 0 x max = L/4 H/2 H L/4 L/4 Se h ap =2h 0 x max = L/3 H da Strutture in legno - Materiale, calcolo e progetto Secondo le nuove normative europee, HOEPLI, Piazza-Tomasi-Modena L/3 H/2 25

26 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 1. TAGLIO ALL APPOGGIO APPOGGIO 2. COMPRESSIONE ORTOGONALE ALLE FIBRE ALL APPOGGIO APPOGGIO 3. FLESSIONE AL LEMBO NON RASTREMATO 4. FLESSIONE AL LEMBO RASTREMATO: f k m, d = mod f m, k γ m k m,α : coefficiente di ridistribuzione delle tensioni di flessione ( 1) 26

27 5. FLESSIONE IN ZONA D APICE: TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU k r : coefficiente di riduzione di resistenza dovuta alla piegatura delle lamelle r in : raggio interno t: spessore delle lamelle 27

28 5. FLESSIONE IN ZONA D APICE: TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU k l 1 28

29 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 6. TRAZIONE ORTOGONALE IN ZONA D APICE: k dis : coefficiente di ridistribuzione della tensione al colmo 29

30 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 6. TRAZIONE ORTOGONALE IN ZONA D APICE: k vol : coefficiente di volume V = volume sollecitato a trazione ortogonale alla fibratura 30

31 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 6. TRAZIONE ORTOGONALE IN ZONA D APICE: o k p < 1 31

32 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 7. TAGLIO E TRAZIONE ORTOGONALE : 32

33 8. FLESSOTORSIONE TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU La portanza degli elementi strutturali in legno lamellare incollato con h/b > 3 è condizionata da problemi di instabilità flesso-torsionale, ovvero il pericolo di sbandamento laterale a partire dalle sezioni centrali della trave, insieme ad una rotazione intorno all asse longitudinale, anche se il carico è verticale. L instabilità flesso-torsionale può essere limitata munendo le travi di ritegni torsionali. Gli elementi secondari se collegati ad un adeguato sistema di controvento di falda (es. croci di Sant'Andrea metalliche nei campi tra gli arcarecci) su cui possano scaricare le forze di instabilizzazione che provengono dalla trave principale possono essere considerati efficaci come ritegni torsionali. 33

34 TRAVI RASTREMATE - VERIFICHE SLU 8. FLESSOTORSIONE k crit = f λ ( rel ) λ rel = f ( σ m,crit λ = rel ) σ f m, k m, crit M x, crit σ m, crit = e M x, crit = f ( E0,05, G0, 05, Jt, J z, lef ) Wx 34

35 Un po di storia Cenni sulla tecnologia del L.L.I. Le travi speciali : normativa e stato tensionale Dimensionamento di una trave a doppia rastremazione Dimensionamento del collegamento alle strutture di bordo Dimensionamento di un collegamento in fondazione 35

36 Dati di progetto: Luce fra gli appoggi: L=20m Pendenza all estradosso: a=3,15 Base della sezione: b=220 mm Altezza all appoggio: h 0 =700 mm Altezza all apice: h ap =1250 mm Lunghezza di appoggio: l=300 mm Volume della trave: Vol b = 4,35 m 3 Interasse travi 5 m 36

37 TRAVI RASTREMATE ANALISI DEI CARICHI MATERIALE DETERMINAZIONE DELLA COMBINAZIONE RILEVANTE AI FINI DELLE VERIFICHE VERIFICHE SLU: 1. Taglio all appoggio 2. Compressione ortogonale alla fibra all appoggio 3. Flessione al bordo non inclinato teso (x max ) 4. Flessione al bordo inclinato compresso (x max ) 5. Colmo: Flessione 6. Colmo: Trazione ortogonale alla fibratura 7. Verifica combinata a taglio e trazione ortogonale 8. Stabilità flessotorsionale 1,2 3,4 5,6 VERIFICHE SLE: Deformabilità a t=0 e a t= VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO: R60 (ipotesi) COLLEGAMENTO ALLA STRUTTURA DI BORDO: Unioni acciaio-legno con bulloni/ Dimensionamento dell asolatura / Dettagli costruttivi 37

38 Carichi permanenti: Lamiera metallica sandwich Tavolato sp. 3cm Arcarecci in L.L. 14x24cm i=1,5m Tot. ANALISI DEI CARICHI 0,15 kn/mq 0,15 kn/mq 0,15 kn/mq 0,45 kn/mq 0,50 kn/mq g=2,5 kn/m+p.p. PP. 1,375 kn/m (per semplicità, il p.p. della trave è stato valutato per una sezione rettangolare bxh ap ) Carichi variabili: Loc. Pistoia, alt. s.l.m. 67m NEVE (zona II) 0,8 kn/mq q n =4 kn/m VENTO (Zona 3, rugosità B, esposizione IV) 0,74 kn/mq x cp (di sollevamento: si trascura) 1.5 lamiera sandwich tavolato maschiato arcarecci 14x24 GL24h trave in L.L. 38

39 MATERIALE LEGNO LAMELLARE GL24h (UNI 1194: 2000) in classe di servizio 1 (umidità del materiale in equilibrio con l ambiente a una temperatura di 20 C e umidità relativa dell'aria circostante che non superi il 65% se non per poche settimane all'anno) I coefficienti k mod (Coefficiente correttivo che tiene conto dell effetto, sui parametri di resistenza, della durata del carico e dell umidit umidità della struttura) sono: I carichi permanenti appartengono alla classe di durata permanente kmod=0,6 Il carico neve appartiene alla classe di durata breve kmod=0,9 ( Il carico vento appartiene alla classe di durata istantanea kmod=1) Coefficiente di sicurezza γ m = 1,45 X d k = mod γ m X k 39

40 MATERIALE (UNI 1194: 2000) X d k = mod γ X m k γ m = 1,45 VALORI DI RESISTENZA Valori caratteristici Valori di progetto k mod =0.6 Valori di progetto k mod =0.9 f m,y,k [MPa] 24 f m,y,d [MPa] 9.93 f m,y,d [MPa] f m,z,k [MPa] 24 f m,z,d [MPa] 9.93 f m,z,d [MPa] f t,0,k [MPa] 16.5 f t,0,d [MPa] 6.83 f t,0,d [MPa] f t,90,k [MPa] 0.4 f t,90,d [MPa] 0.17 f t,90,d [MPa] 0.25 f c,0,k [MPa] 24 f c,0,d [MPa] 9.93 f c,0,d [MPa] f c,90,k [MPa] 2.7 f c,90,d [MPa] 1.12 f c,9 0,d [MPa] 1.68 f v,k [MPa] 2.7 f v,d [MPa] 1.12 f v,d [MPa] 1.68 VALORI DI MODULO ELASTICO E 0,mean [MPa] E0,05 [MPa] 9400 Gmean [MPa]

41 D. Verifica della combinazione rilevante ai fini delle verifiche Se una combinazione di carico comprende azioni appartenenti a differenti classi di durata si adotta il coefficiente kmod corrispondente all azione azione di minor durata (kmod maggiore) non è detto che la combinazione che determina il carico maggiore (q( d ) sia quella determinante ai fini delle verifiche. Occorre effettuare il controllo seguente: IPOTESI: 2 COMBINAZIONI ALLO SLU q = γ g 1 g k mod = 0,6 (Comb. con soli permanenti) 1 g =, 3 COMBINAZIONE 1: COMBINAZIONE 2: q 2 = γ g1 g1 + γ q qn k mod = 0,9 (Comb. con permanenti e neve) q q 1 2 σ σ d,1 d,2 X k X k k γ mod,1 m k γ mod,2 m σ d,1 k σ γ mod,1 d,2 k m γ mod,2 m X k X k σ k d,1 γ m k q 1 mod,1 σ k q d,2 γ m k 2 mod,2 mod,2 Il maggior rapporto è associato alla combinazione determinante 41

42 CASO STUDIO 2 Verifica della combinazione rilevante allo SLU: Combinazione 1: (con soli permanenti) q SLU, 1 = 1, 3 G1 q slu,1 = 1,3 x g = 5,04 kn/m k mod,p = 0,6 γ m =1,45 Combinazione 2: (permanenti + neve) q SLU,2 = 1,3 G1 + 1, 5 Q n q slu,2 = 1,3 x g + 1,5x q n = 11,04 kn/m k mod,n = 0,9 γ m =1,45 q k SLU,1 mod, p = 5,04 0,6 q = 8,4 < k SLU,2 mod, n = 11,04 0,9 = 12,3 è determinante la combinazione con la neve 42

43 CASO STUDIO 2 Se avessimo avuto, per esempio un solaio di copertura con: G 1 = 2 kn/mq kmod=0,6 Sovraccarico Q n = 0,8 kn/mq kmod=0,9 Combinazione 1: (con soli permanenti strutturali) q slu,1 = 1,3 x 2 = 2,60 kn/mq q SLU, 1 =, 3 1 G 1 Combinazione 2: (con permanenti strutturali e sovraccarico) q slu,2 = 1,3 x 2 + 1,5 x 0.8 = 3,80 kn/mq q SLU,2 =,3 G + 1, 5 Q 1 1 v q k SLU,1 mod,1 = 2,60 0,6 = 4,33 > q k SLU,2 mod,2 = 3,80 0,9 = 4,22 è determinante la combinazione con i soli permanenti strutturali!!! 43

44 CASO STUDIO 2 Sollecitazioni e tensioni di calcolo: qslu L M max d, mezzeria = = 551, 875 knm 8 qslu L Vd = = 110, 375 kn 2 σ x 2 q L 1 max = 0,75 = b h0 ( 2hap h0 ) L h 0 max = = 2 hap 5,6 m 2 11,95 MPa σ m

45 1. TAGLIO ALL APPOGGIO ( NTC EC5:2009) 45

46 1. TAGLIO ALL APPOGGIO ( NTC EC5:2009) L ultima versione dell EC5 prevede di considerare l influenza l delle fessurazioni tramite un coefficiente k cr = 0,67 (coefficiente di fessurazione per la verifica a taglio ) 1 Considerando k cr : τ d Vd = 1,5 b h Senza k cr : ef 0 = 1,5 k cr Vd b h , = 1,5 0, ,60 < 1,675 = 2,7 0,9 MPa 1,45 Verifica soddisfatta Vd Vd 110, τ d = 1,5 = 1,5 = 1,5 1,07 < 1, 675MPa b h b h

47 2. COMPRESSIONE ORTOGONALE ALLA FIBRA ALL APPOGGIO NTC σ c,90,d F σ f [Formula EC5 (2009)] c,90, d c, 90, d = kc,90 Aef c,90, d tensione di progetto a compressione perpendicolare alla fibratura nell'area di contatto efficace; ENDICOLARE F c, 90, d A = b ef l ef carico di progetto a compressione perpendicolare alla fibratura; area di contatto efficace in compressione perpendicolare alla fibratura b larghezza della trave l ef lunghezza efficace di appoggio f c,90, d = f c,90, k γ k m mod resistenza di progetto a compressione in direzione della fibratura k c,90 1,75 Coefficiente ( 1) che tiene conto della configurazione di carico, della possibilità di rottura per spacco, nonché del grado di deformazione a compressione. Generalmente si assume k=1. 47

48 2. COMPRESSIONE ORTOGONALE ALLA FIBRA ALL APPOGGIO MECCANISMO RESISTENTE Compressione ortogonale alle fibre: effetti di confinamento Caso a : CAMPIONE NON CONFINATO Tutte le fibre sono schiacciate come un fascio di tubi Caso b : CAMPIONE CONFINATO Solo una porzione della superficie del legno superiore è caricata, e le fibre adiacenti non caricate assorbono una parte del carico e collaborano al meccanismo resistente

49 2. COMPRESSIONE ORTOGONALE ALLA FIBRA ALL APPOGGIO Fc, 90, d = Vd = 110, 375 kn l ef = l + 30 mm = 330mm (trave tagliata in corrispondenza del filo esterno dell appoggio) A ef = = mm σ c,90, d 110, = ,52 < 1,675 = 2,7 0,9 MPa 1,45 Verifica soddisfatta 300 mm l = 300mm a = 0 l 1 = mm l l l ef = l + min( 30mm; a; l; 1 ) sx + min(30mm; a; l; 1 ) 2 2 dx 49

50 SISTEMA DI RINFORZO CON VITI AUTOFILETTANTI Utilizzo di VITI AUTOFILETTANTI a tutto filetto per aumentare la resistenza R c,90 e limitare le deformazioni localizzate, grazie all attivazione di meccanismi di resistenza supplementari Meccanismo di penetrazione delle viti nel legno Meccanismo di instabilizzazione delle viti nel legno (viti snelle) Analogia con il comportamento di una fondazione su pali Analogia con il comportamento di una colonna snella 50

51 3. FLESSIONE BORDO NON INCLINATO (TESO) x=5,6m 3 Tensione a flessione di progetto: Formula EC5 (2009) e 6.4.3: 6M d 24 0,9 σ m, 0, d = 11,95 fm, d = = 14, 90MPa 2 bh 1,45 Verifica soddisfatta Formula CNR-DT 206/2007 rev e M d 24 0,9 ( + 4 tan ) 12,09 f = 14, MPa σ m, 0, d = 1 α m, d = 90 2 bh 1,45 α σm,,d σm,,d Verifica soddisfatta σm,0,d σm,0,d τ 51

52 4. FLESSIONE BORDO INCLINATO (COMPRESSO) x=5,6m 4 Presenza di uno stato tensionale pluriassiale: la verifica deve essere effettuata considerando un criterio di rottura (es. Norris, Hankinson) Formula EC5 (2009) e 6.4.3: Dove: σ m, α, d k m, α fm, d =0,95 3,15 k m,α : coefficiente di ridistribuzione delle tensioni di flessione in una sezione trasversale ( 1) 1,675 MPa 1,675 MPa 14,90 MPa 6M d 24 0,9 σ m, α, d = 11,95 km, fm, d = 0,95 = 14, 16 MPa 2 α bh 1,45 Verifica soddisfatta 52

53 4. FLESSIONE BORDO INCLINATO (COMPRESSO) x=5,6m Formula CNR-DT 206/2007 rev e σ m, α, d f m, α, d 2 6M d ( 4 tan α ) 11,80 f 14, MPa σ m, α, d = 1 m,, d = 55 2 α bh Verifica soddisfatta Dove: α=3,15 f m,d = 14,90 MPa f c,90,d = 1,68 MPa 53

54 5. FLESSIONE NELLA ZONA DI COLMO EC5 (2009) CNR-DT 206/07 rev Le tensioni di flessione sono nulle al lembo superiore. Al lembo inferiore (rettilineo): σ m, d k r fm, d (tensione di progetto per flessione nella zona di colmo) 6M 6 ap, d 6 551, σ m, d = k1 = 1,09 = 10,53 < 14, 90MPa 2 2 bh ap k1 = 1+ 1,4 tanα + 5,4 tan α = 1,09 ( α ap = 3,15 ) 2 ok Nelle travi a doppia rastremazione k r =1 (coefficiente di riduzione di resistenza dovuta alla piegatura delle lamelle) La verifica a flessione nella zona d apice non è in generale quella più severa 54

55 6. TRAZIONE ORTOGONALE ALLA FIBRA AL COLMO 6 EC5 (2009) CNR-DT 206/07 rev Dove: - V 0 : volume di riferimento (= 0,01m 3 ) - V: volume sollecitato della zona di colmo (= 0,34 m 3 ) 2Vol b 3 - k vol : coefficiente di volume (= 0,49) - k dis : coeff. che tiene conto della ridistribuzione della tensione al colmo (=1,4) 55

56 6. TRAZIONE ORTOGONALE ALLA FIBRA AL COLMO σ t,90, d = 6M ap, d k p kdis kvol f 2 t,90, d bhap Dove: k p 0,2 tanα = 0,011 ( α = 3,15 ) = ap 6M 6 ap, d 6 551, ,4 0,9 σ t, 90, d = k p = 0,011 = 0,11MPa 1,4 0,49 = 0, 17MPa 2 2 bh 1,45 ap Verifica soddisfatta 7. COMBINAZIONE TRAZIONE ORTOGONALE E TAGLIO V M f d v, d = 6,9kN d = 549,42kNm = 1,68MPa ; τ d f = 0,06MPa t,90, d σ t,90, d = 0,25MPa = 0,11MPa Sezioni di verifica 0,65 < 1 56

57 Interventi nel caso di verifica a trazione ortogonale al colmo non soddisfatta Inserimento di barre di acciaio incollate in senso trasversale in sedi preforate con colle epossidiche ad alta prestazione o viti autoforanti a filetto completo Soluzione di tipo "costruttivo con cappello non collaborante cappello non collaborante che consente di ridurre le tensioni di trazione ortogonale rispetto alla configurazione con apice e contemporaneamente ridurre il volume d'apice (nel comportamento dei materiali fragili la probabilità di collasso aumenta con il volume del materiale). Viene fissato alla trave tramite connettori puntuali di tipo meccanico (p.e. viti), e non tramite incollaggio. 57

58 8. STABILITA FLESSOTORSIONALE 58

59 8. STABILITA FLESSOTORSIONALE 59

60 8. STABILITA FLESSOTORSIONALE h/b < 3 k crit = 1 60

61 Ipotesi : N=0 (sforzo normale nullo) L ef 12,50 m L ef /h = 10 h b 1250 = = 220 5,68 8. STABILITA FLESSOTORSIONALE ,77 61

62 8. STABILITA FLESSOTORSIONALE M crit = π E0,05 J z G0,05 Jt = kNm L ef Geometria: b = 220mm h = h ap = mm J z = cm 4 J t = cm 4 Materiale E 0,mean [MPa] E 0,05 [MPa] 9400 Gmean [MPa] 720 G0,05 [MPa] 583 Ipotesi G0,05 E0, 05 = G m E m M crit σ m, crit = = = 21, 67 MPa W λ rel k x fm, k 24, m = = = 1,05 kcrit, m = 0,77 σ 21,67 σ crit m, x, d f m, x, d m, crit 11,95 = = 0,77 14, ,95 11,47 = 1,04 > 1!!!! 62

63 RIEPILOGO VERIFICHE Caso studio Lamellare GL24h b [mm]= 220 Qp [kn/mq] 0.5 h0 [mm]= 700 Qn [kn/mq] 0.8 hap [mm]= 1250 L [m]= 20 Lef [m] 12.5 a [ ]= 3.15 lapp [mm] 300 SLU 1.Taglio all appoggio 2.Compressione ortogonale alla fibra all appoggio 3.Flessione al bordo non inclinato teso (xmax) 4.Flessione al bordo inclinato compresso (xmax) 5.Colmo: Flessione 6.Colmo: Trazione ortogonale alla fibratura d [N/mmq] EC5 f d [N/mmq] d /f d Taglio e trazione ortogonale alla fibratura Stabilità flessotorsionale L/f L/flim f/flim SLE t= t=

64 Importanza delle verifiche a trazione ortogonale con α 10 Lamellare GL24h b [mm]= 220 Qp [kn/mq] 1.5 h0 [mm]= 780 Qn [kn/mq] 0.8 hap [mm]= 2400 L [m]= 20 Lef [m] 10 a [ ]= 9.20 lapp [mm] 500 SLU 1.Taglio all appoggio 2.Compressione ortogonale alla fibra all appoggio 3.Flessione al bordo non inclinato teso (xmax) 4.Flessione al bordo inclinato compresso (xmax) 5.Colmo: Flessione 6.Colmo: Trazione ortogonale alla fibratura d [N/mmq] EC5 f d [N/mmq] d /f d Taglio e trazione ortogonale alla fibratura Stabilità flessotorsionale ! L/f L/flim f/flim SLE t= t=

65 Importanza delle verifiche a flessione con α piccolo Lamellare GL24h b [mm]= 220 Qp [kn/mq] 1.5 h0 [mm]= 1089 Qn [kn/mq] 0.8 hap [mm]= 1353 L [m]= 20 Lef [m] 5 a [ ]= 1.51 lapp [mm] 500 SLU 1.Taglio all appoggio 2.Compressione ortogonale alla fibra all appoggio 3.Flessione al bordo non inclinato teso (xmax) 4.Flessione al bordo inclinato compresso (xmax) 5.Colmo: Flessione 6.Colmo: Trazione ortogonale alla fibratura d [N/mmq] EC5 f d [N/mmq] d /f d Taglio e trazione ortogonale alla fibratura Stabilità flessotorsionale L/f L/flim f/flim SLE t= t=

66 CONSIDERAZIONI Con l introduzione del coefficiente di fessurazione k cr (=0,67) nell ultima versione dell EC5, la verifica a taglio è diventata dimensionante (α 2 ); mentre per α < 2 sono rilevanti le verifiche a flessione in apice o al lembo rastremato; Trascurando la verifica a taglio, al crescere dell inclinazione della rastremazione, la verifica a trazione ortogonale diventa rilevante Diagramma Carico uniforme massimo di progetto Altezza all apice della trave (costruito per GL28h, L=20m, b=0,2m h 0 =1m, k mod =0,8, γ M =1.25) 66

67 COMBINAZIONI F. VERIFICHE DI DEFORMABILITA (SLE) COMBINAZIONE RARA COMBINAZIONE QUASI PERMANENTE FRECCIA ISTANTANEA (Em, Gm, Kser) FRECCIA A LUNGO TERMINE (Em/(1+kdef), Gm/(1+ kdef), Kser /(1+ kdef) k def : coefficiente che tiene conto dell'aumento della deformabilità con il tempo causato dall'effetto combinato della viscosità e dell'umidità del materiale Occorre tener conto della deformabilità dei collegamenti, con il coefficiente Kser (SLE): modulo di scorrimento istantaneo dell unione 67

68 F. VERIFICHE DI DEFORMABILITA (SLE) Kser (EC5) per ciascuna sezione resistente a taglio e per singolo mezzo di unione68

69 Kser (CNR-DT 206/2007) F. VERIFICHE DI DEFORMABILITA (SLE) 69

70 SLE - kdef Coefficiente che tiene conto dell'aumento della deformabilità con il tempo causato dall'effetto combinato della viscosità e dell'umidità del materiale U=12% 70

71 F. VERIFICHE DI DEFORMABILITA (SLE) FRECCIA u = ql ql + χ EmJ 8G 2 m A 5-20%!!! COMBINAZIONE RARA: freccia istantanea u G + Q ψ ψ Q Q ist = uist, G + uist, Q + ψ 1 02 uist, Q + ψ 3 03 uist, Q + 3 COMBINAZIONE QUASI PERMANENTE: freccia differita u u dif dif G + ψ Q 21 Q1 + ψ 22 Q2 + ψ = udif, G + ψ 21 udif, Q + ψ 1 22 udif, Q + ψ 2 23 udif, Q + 3 ψ ψ = kdef uist, G + 21 kdef uist, Q kdef uist, Q kdef uist, Q + 3 ψ COMBINAZIONE QUASI PERMANENTE: freccia finale u = u + u fin ist dif u fin = (1 + k def ) u ist, G + (1 + ψ 21 kdef ) u + ( ψ 02 + ψ 22 k ) +... ist, Q1 def u ist, Q2 71

72 F. VERIFICHE DI DEFORMABILITA (SLE) LIMITAZIONI DELLA FRECCIA u 1 : freccia dovuta ai carichi permanenti u 2 : freccia dovuta ai carichi variabili u 0 : controfreccia (eventuale) u net = u 1 + u2 u0 SOLAI DI COPERTURA u u u 2, ist 2, fin net, fin L / 300 L / 200 L / 250 SOLAI DI CALPESTIO CON TRAMEZZI E PAVIMENTI RIGIDI u u u u 2, ist 2, fin net, fin 1, ist L / 500 L / 300 L / 350 L / 400(limitazione delle vibrazioni ) 72

73 TRAVI RASTREMATE deformabilità Nel calcolo della freccia delle travi rastremate è possibile utilizzare una formula analoga a quella delle travi a sezione costante: Pesa di più!! Nella quale J o e A o sono il momento di inerzia e l area della sezione di appoggio k m e k v sono dei coefficienti tabellati in funzione di A/l, ricavabili analiticamente nel caso di travi a doppia rastremazione simmetriche da Strutture in legno - Materiale, calcolo e progetto Secondo le nuove normative europee, HOEPLI, Piazza-Tomasi-Modena 73

74 CASO STUDIO: TEMPO ZERO: freccia istantanea Combinazione RARA q RARA = q p + q n q p =3,875 kn/m q n =4 kn/m 3 bh0 9 J0 = = 6,29 10 mm 12 4 A = 154 mm 0 = bh k m = 0,28 4 E o,m = MPa G m = 720 MPa u u k v = 0, , = 5 3, , ist = f ( q p) = 0,28 + 1,2 0,81 32, 7mm , , = ist = f ( qn ) = 0,28 + 1,2 0,81 33, 8mm , u L ist = u1, ist + u2, ist = 66,5mm 66, 67mm 300 max, = Verifica soddisfatta 74

75 CASO STUDIO: TEMPO INFINITO: freccia finale Combinazione QUASI PERMANENTE q QP = q p + Y 2.q n Y 2 =0 (neve) k def = 0,6 (L.L., classe di servizio 1) u ( + k ) = u ( 1+ 0,6) = 32,7 1,6 52, mm fin = u1, ist 1 def 1, ist 32 1, = u ( + k ) = 33,8 ( 1+ 0) 33, mm fin = u2, ist 1 ψ 2 def 8 2, = L unet, fin = u1, fin + u2, fin = 52, ,8 = 86,2mm = 100mm 200 Verifica soddisfatta 75

76 CALCOLO DELLO SCORRIMENTO DELLA CONNESSIONE BULLONI M16 GL24h ρ k =380 kg/m 3 q Rara =7,875 kn/m q QP =3,875 kn/m Taglio all appoggio: V d,rara = q Rara L/2 = 78,75 kn V d,qp = q QP L/2 = 38,75 kn Numero di bulloni: 2 Numero di sezioni di taglio: 2 Gioco foro-bullone: 1mm k def =0,6 Nel caso di collegamento legno-acciaio: ρ k ρ k legno K ser viene raddoppiato Scorrimento istantaneo del collegamento: 1,5 d 1,5 16 Kser, SLE, t= 0 = ρk = 380 = N / mm Vd 78,75 10 dist = + 1mm = + 1mm = 2, 66mm Da sommare a u ist = 66,5mm 70mm K ser, SLE Scorrimento differito del collegamento: Kser, SLE, t= Kser, SLE, t= = = = N / mm 1+ k 1,6 d def 3 Vd 38,75 10 dif = = = 1, 31 Kser, SLE mm Scorrimento totale: tot = dist + ddif = 3, 97 d mm Da sommare a u fin = 86,2mm 90mm 76

77 CONFRONTO CON TRAVE A SEZIONE COSTANTE Se avessimo progettato una trave a sezione costante, avremmo ottenuto una sezione pari a circa 220x1120mm: L=20m V ol, trave rastremata = 4,35 m 3 V ol, rettangolare = 5 m 3 AVREMMO CONSUMATO 15% IN PIU DI LEGNO 77

78 G. VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO RESISTENZA AL FUOCO: indica la capacità di un manufatto di svolgere la propria funzione dal momento in cui viene investito da un incendio espressa in termini di tempo (usualmente minuti) DIPENDE dalle proprietà fisiche e meccaniche del materiale dai criteri costruttivi e realizzativi della struttura (scelte progettuali effettuate) ELEMENTO LIGNEO: : Metodo della sezione efficace NORMATIVA COLLEGAMENTI EUROCODICE 5: UNI EN _2005 CNR-DT 206/2007 rev

79 CASO STUDIO - VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO IPOTESI: requisito di resistenza al fuoco richiesto R60 Combinazione ACCIDENTALE q FUOCO = q p =3,875 kn/m Ψ 2,neve =0 Calcolo della sezione efficace: β n = 0,7mm/min def = dchar + k0 d0 = βn t + 7 = 0, = 49mm b ef = = 122mm h ef = mm, 0 = h ef, ap = = 1201mm Parametri di resistenza Valori di progetto k mod =1; kfi=1,15 f m,y,d [MPa] f m,z,d [MPa] f t,0,d [MPa] f t,90,d [MPa] 0.46 f c,0,d [MPa] f c,90,d [MPa] f v,d [MPa] Sez. iniziale Sez. finale(t=60 ) Appoggio 220x X651 Apice 220x X1201

80 VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO VERIFICHE: consistono nel calcolo della capacità portante (per rottura o per instabilità) UNICAMENTE allo STATO LIMITE ULTIMO. 1. Taglio all appoggio TRASCURABILE [p.to (1) EC5-1-2] 2. Compressione ortogonale alla fibra all appoggio TRASCURABILE [p.to (1) EC5-1-2] 3. Flessione al bordo non inclinato teso (x max ) 4. Flessione al bordo inclinato compresso (x max ) 5. Colmo: Flessione 6. Colmo: Trazione ortogonale alla fibratura 7. Colmo: Taglio e trazione ortogonale alla fibratura 8. Stabilità flessotorsionale Sollecitazioni e tensioni di calcolo: q fuoco L M max d, mezzeria = = 193, 75 knm 8 qslu L Vd = = 38, 75 kn 2 2 q L 1 σ max = 0,75 = 8,36 MPa b h 2h h x L h = 2 h max 0 = ap 0 5,4 m 2 ( ) ap 0

81 VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO Si riportano i risultati delle verifiche in termini di rapporto tra tensione sollecitante di calcolo e tensione resistente di calcolo, condotte con le stesse formule viste in precedenza. Deve risultare: SLU 1.Taglio all appoggio S R d 1 d EC5 d [N/mmq]f d [N/mmq] d /f d Compressione ortogonale alla 0.96 fibra all appoggio Flessione al bordo non inclinato 8.36 teso (xmax) Flessione al bordo inclinato compresso 8.36 (xmax) Colmo: Flessione Colmo: Trazione ortogonale alla 0.07fibratura Taglio e trazione ortogonale alla fibratura Stabilità flessotorsionale Occorre valutare la resistenza dei collegamenti L/f L/flim f/flim SLE t= t= VERIFICA NON RICHIESTA 81

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Giovanni Metelli Università degli Studi di Brescia

Giovanni Metelli Università degli Studi di Brescia PROGETTARE LE STRUTTURE IN LEGNO Giovanni Metelli Università degli Studi di Brescia gmetelli@ing.unibs.it a.a. 2011-12 1 1. LEGNO: Caratteristiche fisiche e meccaniche del materiale 2. Legno e materiali

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA BOZZA Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7.1 Principi generali 7.1.1 Premessa Con il nome di strutture composte acciaio-calcestruzzo vengono indicate usualmente

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO

Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO Docente: Collaboratori: Prof. Ing. Angelo MASI Dr. Ing. Giuseppe Santarsiero Ing. Vincenzo

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi Ing. Antonino Gerardi 1 1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi 2. QUADRO NORMATIVO NAZIONALE I. Settori di regolamentazione II. Livelli di prestazione III. Criteri

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo IX CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Dott.Ing. Giulio Pandini L Ingegneria e la Sicurezza Sismica Novembre 2003 EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Prof.

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI Paolacci Fabrizio Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria INDICE 1. Introduzione 2. La ripartizione dei carichi verticali 2.1.

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI Verona, Novembre Dicembre 2005

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO: ESEMPI DI CALCOLO Strutture a telaio Strutture a controventi eccentrici

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO: ESEMPI DI CALCOLO Strutture a telaio Strutture a controventi eccentrici CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE La progettazione strutturale in zona sismica Il nuovo quadro normativo Comune di Castellammare di Stabia - Scuola Media Statale Luigi Denza - dal 27/02/2007 al 10/05/2007-

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA D.M.LL.PP. del 20/11/1987 Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento. Art. 1. Sono approvate le integrazioni e le rettifiche apportate

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

strutture legate non autoportanti

strutture legate non autoportanti Il comportamento sotto sisma delle strutture metalliche dedicate a vano corsa ascensore, legate ad edifici esistenti: problemi e soluzioni. - 1 a parte - abstract Le strutture metalliche che costituiscono

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

dell affidabilità strutturale

dell affidabilità strutturale Metodiprobabilisticiper per lavalutazione dell affidabilità strutturale Obiettivo dell esercitazione: acquisire le conoscenze necessarie per applicare i metodi probabilistici (livello III, II e semi probabilistico)

Dettagli

Specifica dei Calcoli FEM di dimensionamento strutturale relativi alla applicazione di nuove Apparecchiature / Arredi, su Rotabili in esercizio.

Specifica dei Calcoli FEM di dimensionamento strutturale relativi alla applicazione di nuove Apparecchiature / Arredi, su Rotabili in esercizio. Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione Rev. 383601 00 Pagina 1 di 48 Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, memorizzata,

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

STRUTTURE MISTE E CONNETTORI

STRUTTURE MISTE E CONNETTORI STRUTTURE MISTE E CONNETTORI Quando due materiali diversi sono tenuti uniti in modo efficace si comportano, da un punto di vista strutturale, come un elemento unico. In edilizia si utilizza questo principio

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

2.2.8 Spettri di progetto

2.2.8 Spettri di progetto 2.2.8 Spettri di progetto Passando alla fase progettuale si dà per scontato che per gli Stati Limite Ultimi (SLV e SLC) la struttura vada largamente in campo plastico. Si devono quindi utilizzare metodi

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO ORDINE INGG. BERGAMO Pagina i/53 LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI - D.M. 14 Gennaio 2008 AZIONE SISMICA E PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Progettazione sismica di

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici » Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Sezione Prima Adunanza del 14 dicembre 2010 Protocollo 155/2010 OGGETTO: DPR 380/2001 e DM 14/01/2008. Richiesta di pareri. FIRENZE LA SEZIONE VISTE la nota n.

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO CAPITOLO 1. OGGETTO 2 CAPITOLO 1 1. OGGETTO Le presenti Norme tecniche per le costruzioni definiscono i principi per il progetto, l esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni

Dettagli