COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO"

Transcript

1 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n Forlì Unità Segreteria tel fax CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (ai sensi dell art. 8, comma 3, del d.lgs. 31 marzo 1998, n. 114) ultimo aggiornamento: 31 ottobre 2008

2 7 Art. 1 Finalità 1. I presenti criteri sono preordinati alla regolamentazione della trasformazione e dell insediamento delle medie strutture di vendita di cui all art. 4, comma 1, lett. e) del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 ed al punto 1.4, lett. a) e b) della deliberazione del Consiglio regionale 23 settembre 1999, n. 1253, nel rispetto delle previsioni contenute negli strumenti di pianificazione urbanistica vigenti. 2. Agli effetti di cui al comma 1, costituiscono finalità dei presenti criteri: a) la modernizzazione e lo sviluppo della rete distributiva e delle medie strutture commerciali in particolare, attraverso processi comunque atti a preservare il pluralismo delle diverse tipologie distributive; b) il mantenimento di condizioni di equilibrio fra l impatto economico-occupazionale sulle strutture commerciali esistenti e le opportunità insediative ed occupazionali generate dalla realizzazione dei nuovi insediamenti; c) l individuazione di obiettivi di realizzazione delle nuove previsioni intermedi rispetto al complesso delle potenzialità insediative previste, temporalmente scaglionati. Art. 2 Definizioni 1. Ai fini dei presenti criteri si intendono: a) per medio-piccola struttura di vendita, gli esercizi ed i centri commerciali così come definiti dal d.lgs. n. 114 del 1998, aventi una superficie di vendita superiore a 250 mq. e fino a mq.; b) per medio-grande struttura di vendita, gli esercizi ed i centri commerciali così come definiti dal d.lgs. n. 114 del 1998, aventi una superficie di vendita superiore a mq. e fino a mq.; c) per centro commerciale, una media struttura di vendita nella quale più esercizi commerciali sono inseriti in una struttura a destinazione specifica e usufruiscono di infrastrutture comuni e spazi di servizio gestiti unitariamente; d) per superficie di vendita di un esercizio commerciale, l area destinata alla vendita, compresa quella occupata da banchi, scaffalature e simili, non costituendo superficie di vendita quella destinata a magazzini, depositi, locali di lavorazione, uffici e servizi, oltreché l area compresa fra l ingresso e la linea delle casse; e) per superficie di vendita del centro commerciale, l'area destinata alla vendita risultante dalla somma delle superfici degli esercizi di vendita al dettaglio in esso presenti; f) per settori merceologici, il settore alimentare, il settore non alimentare ed il settore misto, per quest ultimo intendendosi entrambi i settori, ovvero, alimentare e non alimentare; g) per locali di vendita fra loro direttamente comunicanti, i locali di vendita collocati nell ambito di un unica unità immobiliare, non dotati di accessi esterni separati e per i quali si rende conseguentemente possibile il passaggio diretto, da un esercizio all altro, da parte del pubblico; h) per dotazione di superficie di vendita, la superficie complessivamente disponibile, comprensiva di quella eventualmente già autorizzata, per ciascuna delle aree validate;

3 8 i) per superficie di vendita disponibile, la superficie di vendita utilizzabile per il rilascio di autorizzazioni relative a nuovi insediamenti, trasferimenti di sede e ampliamenti, ottenuta per differenza fra dotazione di superficie di vendita e superficie di vendita già autorizzata; l) per tasso di realizzazione della superficie di vendita, il rapporto percentuale fra superficie autorizzata e superficie di vendita nel complesso disponibile per ciascun ambito di riferimento; m) per ambito di riferimento, oltre al Centro storico, gli ambiti risultanti dall'aggregazione di più aree validate, così come definiti all'art. 9, comma 2; n) per Centro storico, l area individuata e perimetrata negli strumenti di pianificazione urbanistica e più precisamente nella cartografia Tavola del commercio Aree destinate alla localizzazione di medie e grandi strutture di vendita. Art. 3 Ambito di applicazione 1. I presenti criteri si applicano: a) ai nuovi insediamenti; b) ai trasferimenti di sede; c) alle variazioni della superficie di vendita, in ampliamento o riduzione; d) alle estensioni ad altro settore merceologico. 2. Nelle aree validate per il settore non alimentare, è comunque ammesso il rilascio dell autorizzazione amministrativa di cui all art. 8 del d.lgs. n. 114 del 1998 per il settore alimentare, alla specifica condizione che la superficie di vendita destinata al settore alimentare sia unitariamente individuata nell ambito della superficie di vendita dell esercizio e che la stessa non sia di entità superiore al 3% della superficie di vendita autorizzata. Art. 4 Principi generali 1. Ai fini della trasformazione e dell insediamento di medie strutture di vendita l'applicazione dei presenti criteri avviene, in ogni caso, fatta salva l integrale applicazione di ogni altra disposizione legislativa e regolamentare, statale e regionale, vigenti in materia, delle norme di pianificazione sovra ordinata ed in particolare, degli artt. 66 e 67 del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP), oltrechè delle previsioni e prescrizioni degli strumenti comunali di pianificazione urbanistica vigenti che fra l'altro indicano: a) le aree nel complesso validate per l insediamento delle medie strutture, distintamente per il dimensionamento medio-piccolo, medio-grande e grande; b) il settore o i settori merceologici ammessi in ciascuna delle aree validate, fatto salvo quanto previsto all art. 3, comma 2; c) la dotazione di superficie di vendita nel complesso ammessa per ciascuna area validata.

4 9 Art. 5 Calcolo ed utilizzo della superficie di vendita disponibile 1. Ai fini del calcolo della superficie di vendita disponibile per nuovi insediamenti, per trasferimenti di sede e per ampliamento delle medie strutture esistenti, si applicano, fatto salvo quanto previsto al comma 2, i seguenti criteri: a) la dotazione di superficie di vendita nel complesso disponibile per ciascuna delle aree validate è pari al dimensionamento degli esercizi per i quali l area è validata, ovvero a: 1) mq. di superficie di vendita, per le aree validate per l insediamento di medio-piccole strutture di vendita; 2) mq. di superficie di vendita, per le aree validate per l insediamento di medio-grandi strutture di vendita; b) la superficie di vendita autorizzabile per ciascuna area validata, è pari alla differenza fra la dotazione di superficie di vendita prevista e la superficie di vendita già autorizzata, per medie strutture, nell area stessa, fatto salvo quanto previsto all art. 9 per ambiti di riferimento; c) nel caso di aree validate in cui la superficie di vendita già autorizzata sia pari o superiore alla dotazione di cui alla lett. a), valgono i seguenti criteri: 1) la dotazione di superficie di vendita nel complesso disponibile per ciascuna area è pari alla superficie di vendita per medie strutture nel complesso autorizzata nell area stessa alla data di esecutività della deliberazione n. 97 del 23 giugno 2008 recante Programmazione medie strutture di vendita Variante al Piano regolatore generale ai sensi dell art. 15, comma 4, lett. c) della l.r. n. 47/1978 Adozione. 2) la superficie di vendita autorizzabile per ciascuna area di cui al punto 1), è pari alla differenza fra la stessa dotazione e la superficie di vendita che risulta nel complesso autorizzata al momento della presentazione della domanda di autorizzazione; d) la superficie di vendita disponibile è utilizzabile, fatto salvo quanto previsto all art. 9, comma 6, sia per l ampliamento di strutture esistenti entro la soglia dimensionale ammessa, sia per l insediamento di una o più medie strutture isolate, fermo restando il rispetto dei limiti imposti in termini di dotazione di superficie di vendita complessivamente prevista per l area; e) fermo restando il rispetto della prescrizione di cui all art. 67, comma 1, primo capoverso, del PTCP (Norme), ogni singola media struttura si caratterizza, in quanto a tipologia distributiva: 1) come centro commerciale di vicinato, nei casi espressamente previsti dalla variante urbanistica e relativi elaborati; 2) come struttura isolata o centro commerciale, coerentemente con le definizioni di cui al punto 1.4, lett. a) e b) della deliberazione del Consiglio regionale n del 1999 e successive modifiche. 2. Per l area Centro storico, la superficie di vendita prevista nello strumento di pianificazione urbanistica e pari a: a) mq per il settore misto; b) mq per il settore non alimentare; deve considerarsi aggiuntiva rispetto alla superficie già autorizzata alla data di esecutività della deliberazione consiliare n. 97 del 23 giugno 2008, recante Programmazione medie strutture di

5 10 vendita Variante al Piano regolatore generale ai sensi dell art. 15, comma 4, lett. c) della l.r. n. 47/1978 Adozione. 3. I complessi commerciali di vicinato o gallerie commerciali come tali qualificati in virtù delle disposizioni previgenti all entrata in vigore della deliberazione del Consiglio regionale n. 653 del 10 febbraio 2005, sono a tutti gli effetti riclassificati in centri commerciali secondo la definizione di cui all art. 4, comma 1, lett. g) del decreto legislativo n. 114 del 2008 e del punto 1.7) della deliberazione del Consiglio regionale n del 1999 e successive modifiche. 4. La compresenza, nell ambito di un unico locale o di locali di vendita fra loro direttamente comunicanti di una pluralità di esercizi commerciali la cui superficie di vendita sia nel complesso superiore a 250 mq., comporta l applicazione delle stesse disposizioni che valgono per le medie strutture di vendita. 5. Ai fini dell applicazione dei presenti criteri, è richiesto il costante monitoraggio ed aggiornamento delle superfici di vendita per medie strutture, autorizzate per ciascuna delle aree validate. Art. 6 Facoltà di monetizzazione degli standard pubblici e di pertinenza 1. Ai fini dell esercizio della facoltà di monetizzazione degli standard pubblici e di pertinenza, prevista dalla deliberazione del consiglio regionale n del 1999, così come integrata con deliberazione del consiglio regionale n. 653 del 10 febbraio 2005, è fatto integrale rinvio agli specifici provvedimenti comunali in materia. Art. 7 Aree con superficie territoriale superiore a mq. 1. Agli effetti della disciplina di cui al punto 1.4 della deliberazione del consiglio regionale n del 1999, così come integrata con deliberazione del consiglio regionale n. 653 del 2005, è fatto integrale rinvio alle previsioni dello strumento comunale di pianificazione urbanistica e nello specifico, alla correlata normativa tecnica di attuazione. Art. 8 Autorizzazioni dovute 1. Il rilascio delle autorizzazioni dovute, fatto salvo quanto previsto al comma 2, è ammesso alle condizioni di cui all art. 13 della l.r. n. 14 del 1999, fermo restando che l insediamento delle correlate strutture deve avvenire nel rispetto delle previsioni e prescrizioni degli strumenti comunali di pianificazione urbanistica richiamate all art. 4, comma 1, lett. a) e b). 2. AI fini del rilascio delle autorizzazioni di cui al comma 1, è ammesso, in deroga ai presenti criteri: a) il superamento del tasso di realizzazione di cui all art. 9, comma 2, lett. a) e c) e pertanto, limitatamente agli ambiti definiti, rispettivamente, Centro storico e Restanti interventi ; b) il superamento della dotazione di superficie di vendita riferibile a ciascuna delle aree validate e di cui all art. 5, commi 1 e 2, fatto salvo quanto previsto al comma Relativamente all ambito di intervento di cui all art. 9, comma 2, lett. b) Polo commerciale, direzionale e terziario di Pieveacquedotto, restano comunque integralmente confermate, oltrechè le

6 11 dotazioni e le tipologie dimensionali previste in sede di pianificazione urbanistica per ciascuna delle aree validate, la dotazione complessivamente prevista per l intero ambito di riferimento, pari a mq. di superficie di vendita, coerentemente con le prescrizioni di cui all art. 66, comma 4, del PTCP. Art. 9 Norma transitoria: programma di prima attuazione degli interventi 1. In relazione all attuazione delle previsioni nel complesso previste dallo strumento comunale di pianificazione urbanistica, è definito un primo programma di realizzazione degli interventi, con validità quinquennale, al cui rispetto è vincolato il rilascio delle autorizzazioni inerenti: a) le nuove aperture, fatto salvo quanto previsto al comma 6; b) i trasferimenti di sede in area diversa da quella in cui l esercizio ha la sede originaria; c) gli ampliamenti di superficie, fatto salvo quanto previsto al comma Agli effetti di cui al comma 1, le superfici di vendita disponibili in ciascuna area validata, sono ricondotte a tre distinti ambiti: a) Centro storico; b) Polo commerciale, direzionale e terziario di Pieveacquedotto; c) Restanti interventi, con esclusione di quelli di cui alle lett. a) e b). 3. Per ciascuno degli ambiti di cui al precedente comma, il tasso di realizzazione, inteso come limite massimo, fissato per il primo quinquennio di validità dei presenti criteri, è il seguente: a) Centro storico: 100% della superficie di vendita disponibile, distintamente per i settori non alimentare e misto; b) Polo commerciale, direzionale e terziario di Pieveacquedotto: 100% della superficie di vendita disponibile, interamente destinata al settore non alimentare; c) Restanti interventi, con esclusione di quelli di cui alle lett. a) e b): 50% della superficie di vendita complessivamente disponibile nelle aree rientranti in tale ambito ed indipendentemente dal fatto che il loro utilizzo avvenga per il settore non alimentare o per il settore misto. 4. Ai fini del calcolo della superficie di vendita disponibile per ciascun ambito, si procede all applicazione del tasso di realizzazione prestabilito sulle superfici di vendita disponibili alla data di esecutività della deliberazione con la quale sono approvati i presenti criteri. 5. L applicazione del tasso di realizzazione non avviene con riferimento ad ogni singola area validata ma per ciascuno degli ambiti individuati al comma AI soli fini del rispetto delle previsioni di cui ai commi precedenti, non sono considerate incidenti sul calcolo del tasso di realizzazione le superfici di vendita utilizzate per ampliamento delle medie strutture esistenti alla data di entrata in vigore della deliberazione con la quale sono approvati i presenti criteri, sia che essi avvengano nella sede originariamente autorizzata, sia che avvengano a seguito di trasferimento di sede con correlato ampliamento della superficie di vendita. 7. Le disposizioni di cui al presente articolo decadono decorsi cinque anni dalla data di esecutività della deliberazione con la quale sono approvati i presenti criteri.

7 12 Art 10 Norma finale 1. Per quanto non previsto dai presenti criteri, è fatto integrale rinvio alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti, con particolare riferimento a: a) decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell art. 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59 e successive modifiche; b) l.r. 5 luglio 1999, n. 14 Norme per la disciplina del commercio in sede fissa, in attuazione del d.lgs. 31 marzo 1998, n. 114 e successive modifiche; c) deliberazione del consiglio regionale 23 settembre 1999, n Criteri di pianificazione territoriale ed urbanistica riferiti alle attività commerciali in sede fissa, in applicazione dell art. 4 della l.r. 5 luglio 1999, n. 14 e successive modifiche. 2. E abrogata ogni precedente disposizione in materia di criteri per il rilascio delle autorizzazioni, di cui all art. 8, comma 3, del d.lgs. n. 114 del 1998.

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI PIANO DI PROGRAMMAZIONE COMUNALE CONCERNENTE I CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ED I CRITERI DI PROGRAMMAZIONE ALL APERTURA, AL TRASFERIMENTO DI SEDE E ALL AMPLIAMENTO DI SUPERFICIE DELLE MEDIE

Dettagli

CITTA DI PISTICCI COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

CITTA DI PISTICCI COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (Art. 8 D.Lgs. n. 114/98 ed art. 19

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e norme procedimentali concernenti le domande relative alle medie strutture

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e norme procedimentali concernenti le domande relative alle medie strutture COMUNE DI VALDAGNO ANNO 2006 Criteri e norme per il rilascio delle autorizzazioni commerciali (ai sensi art. 14 L.R. n. 15/04) Criteri per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e norme procedimentali

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA

REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 25/03/2009 1/8 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Questo regolamento, adottato nell

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita.

Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita. Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita. (Istruzioni per la compilazione e descrizione delle procedure per il calcolo

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna Pag. 1 di 10 COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME SUL PROCEDIMENTO - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 84 del 16/12/2004

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita

Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita Regolamento procedurale per il rilascio delle autorizzazioni di medie strutture di vendita (ai sensi dell art.8 D.Lgs.114/98 Regolamento regionale n.3/2000 Delibera C.C. n.14 del 05.04.2004) pag. 1 TITOLO

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e norme procedimentali concernenti le domande relative alle medie strutture

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e norme procedimentali concernenti le domande relative alle medie strutture COMUNE DI MARANO VICENTINO Allegato B alla delibera C.C. n. 42 del 17/05/06 Pag. 1 di 20 Criteri e norme per il rilascio delle autorizzazioni commerciali (ai sensi art. 14 L.R. n. 15/04) Criteri per il

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE PROVINCIA DI ASCOLI PICENO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE PER L INSEDIAMENTO DI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (ex art. 8, comma 4, D. Lgs. 114/98) E LIMITAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

DIRETTIVE PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA SU AREE PRIVATE.

DIRETTIVE PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA SU AREE PRIVATE. DIRETTIVE PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA SU AREE PRIVATE. 1 ART. 1 OGGETTO DEL PROVVEDIMENTO Il presente provvedimento contiene le norme, le direttive e i criteri per l apertura, il trasferimento

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso

COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso Allegato alla delibera di C.C. n. 9 in data 21/03/2015 COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso Regolamento disciplinante il procedimento per l apertura di medie strutture di vendita e altre procedure per

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici ALLEGATO B Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli edifici Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili,

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI PER AUTORIZZARE L ESERCIZIO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO Deliberazione del Consiglio Comunale n. 52 del 21/07/2008, come modificata dalla Deliberazione del

Dettagli

PIANO DI SVILUPPO E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DISTRIBUTIVA LOCALE AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

PIANO DI SVILUPPO E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DISTRIBUTIVA LOCALE AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA CITTA DI LAMEZIA TERME Prov. di Catanzaro PIANO DI SVILUPPO E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DISTRIBUTIVA LOCALE AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA (Legge Regionale 11 giugno 1999, n. 17) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

Dettagli

PIANO OPERATIVO DEL COMMERCIO

PIANO OPERATIVO DEL COMMERCIO Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza Testo di confronto PIANO OPERATIVO DEL COMMERCIO Norme di Attuazione Variante 2009-2010 Adottato il 31/07/2009 Approvato il con delibera di C.C n..41

Dettagli

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Comune di Padova NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 dell'8 ottobre 2012 In vigore dal

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 20/2015 NUOVA DISCIPLINA DEL MUTAMENTO D USO E DELL'INSTALLAZIONE DEI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Disposizione tecnico

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

~RegioneEmilia-Romagna

~RegioneEmilia-Romagna ~RegioneEmilia-Romagna L'ASSESSORE ASSESSORATO TRASPORTI, RETI INFRASTRUTTURE MATERIALI E IMMATERIALI, PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E AGENDA DIGITALE RAFFAELE DONINI REGIONE EMILIA-ROMAGNA: GIUNTA PG.2015.

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI GAMBOLO Provincia di Pavia CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

COMUNE DI GAMBOLO Provincia di Pavia CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA COMUNE DI GAMBOLO Provincia di Pavia CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA 2.Criteri Definitivi aggiornamento aprileduemilaundici Studio Allegrini -

Dettagli

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova ATTO UNILATERALE D OBBLIGO TIPO PER LE ZONE OMOGENEE D Relativo all intervento di ristrutturazione urbanistica / ristrutturazione edilizia / demolizione / ampliamento / nuova costruzione dell immobile

Dettagli

Per la GESTIONE ASSOCIATA delle FUNZIONI COMUNALI

Per la GESTIONE ASSOCIATA delle FUNZIONI COMUNALI SCHEMA ATTO CONVENZIONALE Per la GESTIONE ASSOCIATA delle FUNZIONI COMUNALI Oggetto: Convenzione art. 30 TUEL n.267/2000 per la Pianificazione Urbanistica ed Edilizia di Ambito Comunale nonché la Partecipazione

Dettagli

Art. 1 - Finalità e durata

Art. 1 - Finalità e durata P.le Marconi, 1-32021 CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (Approvati con deliberazione di Consiglio Comunale n 10 del 27.02.2006) Art. 1 - Finalità

Dettagli

Consiglio della Regione Emilia-Romagna

Consiglio della Regione Emilia-Romagna Progr. n. 653 Consiglio della Regione Emilia-Romagna 305^ seduta della VII Legislatura Estratto dal resoconto integrale della seduta antimeridiana del 10 febbraio 2005. Presiede il presidente del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

J:tE ; l ;ii-,30îî. 2. Sono obbligatoriamente soggetti avas: *lletrtn.' I - : "

J:tE ; l ;ii-,30îî. 2. Sono obbligatoriamente soggetti avas: *lletrtn.' I - : *lletrtn.' I - : " - ut"t, J:tE ; l ;ii-,30îî DISCIPLINARE OPERATIVO INERENTE LA PROCEDUR,A. DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA APPLICATA AGLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE D.lgs.

Dettagli

Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005

Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005 Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005 RAPPORTO ATTIVITA DEL GARANTE PER ADOZIONE NELLA PROSSIMA SEDUTA CONSILIARE del 18.7.2013 DELLE SEGUENTI VARIANTI: - scheda norma 2 - T2 e adeguamento

Dettagli

Allegato A) alla delibera del consiglio comunale n. 38 dd. 18.11.2002

Allegato A) alla delibera del consiglio comunale n. 38 dd. 18.11.2002 Allegato A) alla delibera del consiglio comunale n. 38 dd. 18.11.2002 Norme di attuazione Articoli: Articolo 1 Contenuti e fonti normative Articolo 2 Obiettivi Articolo 3 Tipologie di strutture distributive

Dettagli

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 REGIONE MARCHE Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE L'OCCUPAZIONE, MIGLIORARE LA

Dettagli

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA 0 Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Pontecagnano Faiano risulta dotato di Piano Regolatore generale

Dettagli

L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14

L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 venerdì 7 settembre, 2012 NOTA E stata pubblicata sul B.U.R.L. 3 agosto 2012 n. 31 ed è in vigore dal 4 agosto, la legge con la quale la Regione Lombardia ha inteso

Dettagli

Egregi Signori. Sindaci dei COMUNI. Presidenti di COMUNITA DI VALLE. Presidente del CONSORZIO DEI COMUNI TRENTINI

Egregi Signori. Sindaci dei COMUNI. Presidenti di COMUNITA DI VALLE. Presidente del CONSORZIO DEI COMUNI TRENTINI Assessore all urbanistica, enti locali, personale, lavori pubblici e viabilità Via Vannetti, n. 32-38122 Trento Tel. 0461 493202- Fax 0461 493203 e-mail: ass.urbentilocali@provincia.tn.it Egregi Signori

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

GENERALITA' E DEFINIZIONI

GENERALITA' E DEFINIZIONI INDICE GENERALITA E DEFINIZIONI Art. 1 Natura e contenuti del Piano pag. 1 Art. 2 Adempimenti preliminari e documentazione per la redazione del Piano pag. 2 Art. 3 Sfera di applicazione pag. 3 Art. 4 La

Dettagli

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli

Dettagli

EDILIZIA DI CULTO: REGIONE ABRUZZO

EDILIZIA DI CULTO: REGIONE ABRUZZO EDILIZIA DI CULTO: REGIONE ABRUZZO Isabella Bolgiani La Regione Abruzzo ha dedicato specifiche disposizioni legislative alla disciplina urbanistica dei servizi religiosi ed alla materia del finanziamento

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE PER L INSEDIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE COMMERCIALI E NORME PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL

Dettagli

NOTA. - la promozione di finanziamenti agevolati per la bonifica di edifici con presenza di manufatti contenenti amianto;

NOTA. - la promozione di finanziamenti agevolati per la bonifica di edifici con presenza di manufatti contenenti amianto; L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 venerdì 7 settembre, 2012 NOTA E stata pubblicata sul B.U.R.L. 3 agosto 2012 n. 31 ed è in vigore dal 4 agosto, la legge con la quale la Regione Lombardia ha inteso

Dettagli

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO Appendice A ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 01.02.2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE

Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE SCHEMA DELIBERA DI ADOZIONE (PER PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 39 DEL DLGS 33/2013) 1 REGOLAMENTO EDILIZIO URBANISTICO

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessore all urbanistica e ambiente Via Jacopo Aconcio, n. 5-38100 Trento Tel. 0461 493202- Fax 0461 493203 e-mail: ass.urbambiente@provincia.tn.it Trento, 8 MAGGIO 2006 Prot.

Dettagli

Provincia di Barletta Andria Trani INDICE

Provincia di Barletta Andria Trani INDICE CITTA DI BISCEGLIE Provincia di Barletta Andria Trani INDICE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E PER STRUTTURE DI INTERESSE LOCALE NEL TERRITORIO

Dettagli

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato PR Variante n.9 per la trasformazione di alcune aree del territorio Adozione 02 NTA - Norme tecniche d attuazione Adozione articoli modificati

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 75/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 27 del mese di gennaio dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 124 Seduta del giorno 30 Aprile 2014

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 124 Seduta del giorno 30 Aprile 2014 Rep. 2014/124 Oggetto n 58 Ufficio: 007 Comune di Verona Deliberazione della Giunta Comunale N. Progr. 124 Seduta del giorno 30 Aprile 2014 PRESENTI TOSI SIG. FLAVIO CASALI AVV. STEFANO CORSI P. I. ENRICO

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari Il Sindaco Santicchia Angelo Il Segretario Comunale Dott. Bonetti Angelo Approvato

Dettagli

Le norme della Regione Lombardia sulle medie strutture di vendita. apr. Corsi Prassicoop. p prassicoo. formazione

Le norme della Regione Lombardia sulle medie strutture di vendita. apr. Corsi Prassicoop. p prassicoo. formazione apr 08 Corsi Prassicoop Corsi di formazione Commercio Polizia amministrativa Urbanistica p prassicoo formazione Le norme della Regione Lombardia sulle medie strutture di vendita Hotel Ibis, Milano - Sessione

Dettagli

Comune di CADONEGHE Provincia di Padova *****************

Comune di CADONEGHE Provincia di Padova ***************** Comune di CADONEGHE Provincia di Padova ***************** UFFICIO COMMERCIO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DI ATTIVITA COMMERCIALE NEL TERRITORIO COMUNALE E NORME PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI VENDITA AL

Dettagli

COMUNE DI RIVALTA DI TORINO

COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Regione Piemonte - Provincia di Torino COMUNE DI RIVALTA DI TORINO D.C.C. n. 16 del 8.02.2007 Approvazione dei criteri ex art. 8 comma 3 del D.Lgs. 114/98 per il rilascio delle autorizzazioni commerciali.

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e norme procedimentali concernenti le domande relative alle medie strutture

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e norme procedimentali concernenti le domande relative alle medie strutture COMUNE DI ZANÈ ANNO 2006 Criteri e norme per il rilascio delle autorizzazioni commerciali (ai sensi art. 14 L.R. n. 15/04) Criteri per il rilascio delle autorizzazioni commerciali e norme procedimentali

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

RUE Variante di adeguamento normativo 2014

RUE Variante di adeguamento normativo 2014 dipartimento Riqualificazione Urbana settore Servizi per l Edilzia RUE Variante di adeguamento normativo 2014 Guida alla lettura Giancarlo Pinto responsabile Coordinamento Tecnico settore Servizi per l

Dettagli

Servizio Ufficio di piano

Servizio Ufficio di piano Servizio Ufficio di piano PROCEDURA PER LA SELEZIONE DI AREE E IMMOBILI NEI QUALI REALIZZARE NELL ARCO TEMPORALE DI CINQUE ANNI INTERVENTI PER L INSEDIAMENTO, L AMPLIAMENTO O IL TRASFERIMENTO DI ATTIVITA

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI PALESTRO (PROVINCIA DI PAVIA) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE N. rev. Data: Redatto Controllato Approvato Data 1 12.04.10 SG FL

Dettagli

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE COPIA C O M U N E D I M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 165 Reg. Deliberazioni N. 12579/2012 di Prot. G. OGGETTO: AGGIORNAMENTO ISTAT DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE,

Dettagli

COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO

COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE PER L INSEDIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO

Dettagli

ALLEGATO 4 ALLA D.C.C. n. del ADOZIONE VARIANTE 4 AL R.U. ADEGUAMENTI DEL MINITORAGGIO DEPOSITO INDAGINI GEOLOGICHE

ALLEGATO 4 ALLA D.C.C. n. del ADOZIONE VARIANTE 4 AL R.U. ADEGUAMENTI DEL MINITORAGGIO DEPOSITO INDAGINI GEOLOGICHE ALLEGATO 4 ALLA D.C.C. n. del ADOZIONE VARIANTE 4 AL R.U. ADEGUAMENTI DEL MINITORAGGIO DEPOSITO INDAGINI GEOLOGICHE CITTA` DI FOLLONICA SETTORE 3 USO E ASSETTO DEL TERRITORIO S.I.T. U.O.C. N. 8 PIANIFICAZIONE

Dettagli

LA RESPONSABILE DELL AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E AMBIENTE

LA RESPONSABILE DELL AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E AMBIENTE OGGETTO: APPROVAZIONE DELLE TABELLE PARAMETRICHE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E DEL COSTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL'ART. 29 C. 5 DELLA L.R. 19/2009. LA RESPONSABILE DELL AREA

Dettagli

TESTO COORDINATO DELLA DCR N.1253/1999 CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLE DD.CC.RR.NN.344/2002-653/2005 E DAL. N.155/2008.

TESTO COORDINATO DELLA DCR N.1253/1999 CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLE DD.CC.RR.NN.344/2002-653/2005 E DAL. N.155/2008. TESTO COORDINATO DELLA DCR N.1253/1999 CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLE DD.CC.RR.NN.344/2002-653/2005 E DAL. N.155/2008. INDICE 1. CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELLA SUPERFICIE DI VENDITA E DELLE TIPOLOGIE

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

TITOLO I PRINCIPI. Art. 1. (Finalità)

TITOLO I PRINCIPI. Art. 1. (Finalità) Legge Vigente Anno 2001 Numero 20 Data 27/07/2001 Materia Titolo Note Urbanistica - edilizia pubblica Norme generali di governo e uso del territorio. (*) La Corte Costituzionale, con sentenza 5 maggio

Dettagli

PROROGA DEI TERMINI D. L. 115/2005

PROROGA DEI TERMINI D. L. 115/2005 DECRETO LEGGE 30 GIUGNO 2005 n. 115 CONVERTITO IN LEGGE CON MODIFICAZIONI DALLA L. 17 AGOSTO 2005 n. 168 NOTE INTERPRETATIVE ALL ART. 11, COMMI 1 e 1-bis SMALTIMENTO DEI RIFIUTI CLASSIFICATI CON IL CODICE

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE AREA SVILUPPO ECONOMICO

COMUNE DI TRIESTE AREA SVILUPPO ECONOMICO COMUNE DI TRIESTE AREA SVILUPPO ECONOMICO CRITERI E MODALITA PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (Legge regionale 19.4.1999 n. 8 e successive modifiche ed integrazioni,

Dettagli

VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE PS 1 COMUNE DI CESENA VARIANTE GENERALE. Stralcio

VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE PS 1 COMUNE DI CESENA VARIANTE GENERALE. Stralcio COMUNE DI CESENA PRG Settore Programmazione 2000 Urbanistica VARIANTE GENERALE VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE Stralcio PS 1 Progettisti Anna Maria Biscaglia

Dettagli

(Oneri di Urbanizzazione, Costo di Costruzione, Sanzioni)

(Oneri di Urbanizzazione, Costo di Costruzione, Sanzioni) COMUNITA MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE D OULX C.A.P. 10050 Via della Torre n. 11 Tel. 0122859224 Fax 0122858920 PROVINCIA DI TORINO e-mail: ufficio.tecnico@comune.sauzedoulx.to.it REGOLAMENTO

Dettagli

ATTIVITÀ COMMERCIALI

ATTIVITÀ COMMERCIALI C I T T À DI LECCE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ COMMERCIALI CRITERI E NORME SUL PROCEDIMENTO CONCERNENTI DOMANDE RELATIVE A MEDIE STRUTTURE DI VENDITA APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione».

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Comune di Pesaro Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 5 marzo 2012

Dettagli

Città di Cinisello Balsamo ------------- Città Metropolitana di Milano -------------

Città di Cinisello Balsamo ------------- Città Metropolitana di Milano ------------- Città di Cinisello Balsamo ------------- Città Metropolitana di Milano ------------- Giunta Comunale Proposta n. 89 del 22/03/2016 Oggetto: ADOZIONE DELLA PROPOSTA DI VARIANTE AL VIGENTE PII RELATIVO ALL'AMBITO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO TITOLO I PRINCIPI GENERALI

COMUNE DI PONSACCO TITOLO I PRINCIPI GENERALI 1 (Provincia di Pisa) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA E L ESERCIZIO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE IN SEDE FISSA (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 44 del 21.03.2002,

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R.

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. 1/05) Approvato con deliberazione di C.C. n.. del esecutivo dal. SERVIZIO

Dettagli