1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA!

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA!"

Transcript

1 1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA!

2 2 Milano, 27 marzo 2014 MIFID II: ALCUNI DEI PRESIDI A TUTELA DELL INVESTITORE 1. I requisiti in materia di governance dei prodotti e la c.d. product intervention 2. L informativa alla clientela 3. La consulenza indipendente e la gestione di portafogli 4. La disciplina sugli inducement 5. La remunerazione del personale 6. La competenza del personale addetto alla consulenza o alla vendita dei prodotti 7. Gli strumenti finanziari non complessi

3 3 Milano, 27 marzo LA GOVERNANCE DEI PRODOTTI E LA C.D. PRODUCT INTERVENTION La governance dei prodotti (articolo 16 e 24 MIFID 2): i prodotti devono essere concepiti per soddisfare le esigenze di un determinato mercato target di clienti finali e la strategia di distribuzione degli strumenti ti finanziarii i deve essere compatibile con tale target: t 1) Le imprese di investimento che realizzano prodotti devono garantire che tali prodotti siano concepiti per rispondere alle esigenze di un determinato mercato di riferimento di clienti finali all interno della pertinente categoria di clienti, devono adottare provvedimenti ragionevoli per garantire che i prodotti siano distribuiti al mercato di riferimento individuato e riesaminare regolarmente l identificazione del mercato di riferimento dei prodotti che offrono e il loro rendimento; 2) Leimpresediinvestimentocheoffronooraccomandanoaiclientiprodottichenonsonostati loro a realizzare devono disporre di meccanismi adeguati per ottenere e comprendere le pertinenti informazioni relative al processo di approvazione del prodotto, compreso il mercato di riferimento identificato e le caratteristiche del prodotto che offrono o raccomandano. Tale obbligo deve applicarsi senza arrecare pregiudizio alla valutazione dell adeguatezza o idoneità che i distributori dovranno successivamente effettuare nella fornitura di servizi di investimento a ciascun cliente, sulla base delle sue esigenze, caratteristiche e obiettivi personali. Estensione della valutazione di adeguatezza dalla fase finale del processo distributivo, ossia quella in cui l intermediario consiglia o colloca il prodotto al cliente, alla fase di concepimento (c.d. design) del prodotto da parte della società emittente.

4 4 Milano, 27 marzo LA GOVERNANCE DEI PRODOTTI E LA C.D. PRODUCT INTERVENTION La c.d. product intervention (articolo 71 MIFID 2): potere delle autorità di vigilanza di sospendere la commercializzazione o la vendita di strumenti finanziari o depositi strutturati qualora l impresa di investimento non abbia sviluppato o applicato un processo di approvazione del prodotto efficace o non abbia altrimenti rispettato le disposizioni di cui all articolo 16.

5 5 Milano, 27 marzo LE INFORMAZIONI AI CLIENTI Ai clienti o potenziali clienti devono essere fornite tempestivamente informazioni appropriate sull'impresa di investimento e i relativi servizi, gli strumenti finanziari e le strategie di investimento proposte, le sedi di esecuzione e tutti i costi e oneri relativi. i Tali informazioni i i comprendono: 1. INFORMAZIONI SPECIFICHE IN CASO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI a) in caso di prestazione di consulenza in materia di investimenti, l'impresa di investimento, in tempo utile prima della prestazione delle consulenza, deve informare il cliente di quanto segue: i) se la consulenza è fornita su base indipendente o meno; ii) se la consulenza è basata su un'analisi del mercato ampia o più ristretta delle varie tipologie di strumenti finanziari, e in particolare se la gamma è limitata agli strumenti finanziari emessi o forniti da entità che hanno stretti legami con l'impresa di investimento o altro stretto rapporto legale o economico, come un rapporto contrattuale talmente stretto da comportare il rischio di compromettere l indipendenza della consulenza prestata. iii) se l impresa di investimento fornirà ai clienti la valutazione periodica dell idoneità degli strumenti finanziari ad essere raccomandati.

6 6 Milano, 27 marzo LE INFORMAZIONI AI CLIENTI 2. INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI E SULLE STRATEGIE DI INVESTIMENTO PROPOSTE devono comprendere opportuni orientamenti e avvertenze sui rischi associati agli investimenti relativi a tali strumenti finanziari o a determinate strategie di investimento, e l'indicazione se gli strumenti finanziari siano destinati alla vendita al dettaglio o alla clientela professionale, tenendo conto del previsto mercato target di cui al paragrafo 2; 3. INFORMAZIONI SU TUTTI I COSTI E GLI ONERI CONNESSI devono comprendere informazioni relative sia ai servizi d'investimento che ai servizi accessori, anche sul costo eventuale della consulenza, sul costo dello strumento finanziario raccomandato o offerto in vendita al cliente e sulle modalità di pagamento da parte di quest'ultimo, includendo anche eventuali pagamenti a terzi. Le informazioni sui costi e oneri - compresi quelli connessi al servizio d'investimento e allo strumento finanziario - non causati dal verificarsi da un rischio di mercato sottostante, devono essere presentate in forma aggregata per permettere al cliente di conoscere il costo totale e il suo effetto complessivo sul rendimento e, se il cliente lo richiede, in forma analitica. Laddove applicabile, tali informazioni sono fornite al cliente con periodicità regolare, e comunque almeno annuale, per tutto il periodo dell'investimento.

7 7 Milano, 27 marzo LE INFORMAZIONI AI CLIENTI 4. COMUNICAZIONI SULL ADEGUATEZZA Quando prestano servizi di consulenza in materia di investimenti, le imprese di investimento devono fornire ai clienti su supporto durevole, prima di effettuare l operazione, una dichiarazione di idoneità che specifici la consulenza prestata e indichi perché corrisponda alle preferenze, agli obiettivi e alle altre caratteristiche del cliente al dettaglio (art. 25) Se un impresa d investimento offre la gestione di portafogli o ha informato il cliente che effettuerà periodicamente una valutazione di idoneità, la relazione periodica (sui servizi prestati) conterrà una dichiarazione aggiornata che spieghi perché l investimento corrisponde alle preferenze, agli obiettivi e alle altre caratteristiche del cliente (art. 25).

8 8 Milano, 27 marzo LACONSULENZAINDIPENDENTEELAGESTIONEDI PORTAFOGLI Quando l'impresa di investimento informa il cliente che la consulenza in materia di investimenti è fornita su base indipendente, essa deve: a) valutare una congrua gamma di strumenti finanziari disponibili sul mercato, che devono essere sufficientemente diversificati in termini di tipologia ed emittenti o fornitori di prodotti da garantire che gli obiettivi di investimento del cliente siano opportunamente soddisfatti e non devono essere limitati agli strumenti finanziari emessi o forniti: i) dall'impresa di investimento stessa o da entità che hanno con essa stretti legami o ii) da altre entità che hanno con l'impresa di investimento stretti legami o rapporti legali o economici - come un rapporto contrattuale - tali da comportare il rischio di compromettere l'indipendenza della consulenza prestata; b) non accettare e trattenere onorari, commissioni o altri benefici monetari onon monetari pagati o forniti da terzi o da una persona che agisce per conto di terzi in relazione alla prestazione del servizio ai clienti. Occorre comunicare chiaramente i benefici non monetari di entità minima che possono migliorare la qualità del servizio offerto ai clienti e che, per la loro portata e natura, non possono essere considerati tali da pregiudicare il rispetto da parte delle imprese di investimento del dovere di agire nel migliore interesse dei clienti; tali benefici sono esclusi dalla presente disposizione.

9 9 Milano, 27 marzo LACONSULENZAINDIPENDENTEELAGESTIONEDI PORTAFOGLI Per la fornitura di un servizio di gestione del portafoglio l'impresa di investimento non accetta e trattiene onorari, commissioni o altri benefici monetari o non monetari pagati o forniti da terzi o da una persona che agisce per conto di terzi in relazione alla prestazione del servizio ai clienti. Occorre comunicare chiaramente i benefici non monetari di entità minima i che possono migliorare la qualità del servizio i offerto ai clienti e che, per la loro portata e natura, non possono essere considerati tali da pregiudicare il rispetto da parte delle imprese di investimento del dovere di agire nel migliore interesse dei clienti; tali benefici sono esclusi dal presente paragrafo.

10 10 Milano, 27 marzo LA DISCIPLINA SUGLI INDUCEMENT (nella prestazione dei servizi d investimento diversi dalla consulenza indipendente e dalla gestione di portafogli) Le imprese di investimento non sono considerate in regola con gli obblighi loro incombenti in virtù dell'articolo 23 o del paragrafo 1 dell articolo 24 della MiFID 2 qualora paghino o percepiscano un onorario o una commissione o forniscano o ricevano benefici non monetari in relazione alla prestazione di un servizio di investimento o di un servizio accessorio da un qualsiasi soggetto diverso dal cliente o da persona operante per suo conto, a meno che i pagamenti o i benefici: a) abbiano lo scopo di accrescere la qualità del servizio fornito al cliente, e b) non pregiudichino il rispetto del dovere dell'impresa di investimento di agire in modo onesto, equo e professionale nel migliore interesse del cliente. L esistenza, la natura e l importo dei pagamenti o benefici di cui al primo comma o, qualora l importo non possa essere accertato, il metodo di calcolo di tale importo, devono essere comunicati chiaramente al cliente, in modo completo, accurato e comprensibile, prima della prestazione del servizio di investimento o del servizio accessorio. Laddove applicabile, l'impresa di investimento informa inoltre la clientela in merito ai meccanismi per trasferire al cliente gli onorari, le commissioni o i benefici monetari e non monetari percepiti per la prestazione del servizio di investimento o del servizio accessorio. I pagamenti o benefici che consentono o sono necessari alla prestazione di servizi d'investimento, come ad esempio i costi di custodia, le competenze di regolamento e cambio, i prelievi obbligatori o le competenze legali e, che per loro natura, non possono entrare in conflitto con il dovere dell'impresa di investimento di agire in modo onesto, equo e professionale per servire al meglio gli interessi dei suoi clienti, non sono soggetti agli obblighi di cui al primo comma.

11 11 Milano, 27 marzo LA DISCIPLINA SUGLI INDUCEMENT La MIFID 2 stabilisce le condizioni e le procedure che gli Stati membri devono osservare se intendono imporre obblighi aggiuntivi. Tali obblighi possono includere il divieto o l'ulteriore restrizione dell'offerta o accettazione di onorari, commissioni o altri benefici monetari e non monetari pagati o forniti da terzi o da una persona che agisce per conto di terzi in relazione alla prestazione del servizio ai clienti.

12 12 Milano, 27 marzo LA COMPETENZA DEL PERSONALE ADDETTO ALLA CONSULENZA O ALLA VENDITA DI PRODOTTI L'impresa di investimento devono garantire e dimostrare alle autorità competenti su loro richiesta che le persone giuridiche che forniscono consulenza alla clientela l in materia di investimenti o informazioni su strumenti finanziari, servizi d'investimento o servizi accessori per conto dell'impresa d'investimento t sono in possesso delle conoscenze e competenze necessarie ad adempiere ai loro obblighi ai sensi dell'articolo 24 e del presente articolo. Gli Stati membri devono pubblicare i criteri da utilizzare per valutare tali conoscenze e competenze.

13 13 Milano, 27 marzo LA REMUNERAZIONE DEL PERSONALE L'impresa di investimento che fornisce servizi di investimento ai clienti deve evitare di remunerare o valutare le prestazioni del proprio personale secondo modalità incompatibili bl conil suo dovere di agire nel migliore interesse dei clienti. In particolare non deve adottare disposizionii i i in materia di remunerazione, target di vendita o d'altro tipo che potrebbero incentivare il personale a raccomandare ai clienti al dettaglio un particolare strumento finanziario, se l'impresa limpresa di investimento può offrire uno strumento differente, più adatto alle esigenze del cliente.

14 14 Milano, 27 marzo GLI STRUMENTI FINANZIARI NON COMPLESSI Restrizione del novero degli strumenti finanziari non complessi per i quali è possibile prestare il servizio di execution only: esclusione degli strumenti finanziari che incorporano uno strumento derivato o una struttura che rende difficile per il cliente comprendere il rischio associato, azioni di organismi di investimento collettivo diversi dagli OICVM e OICVM strutturati di cui all articolo 36, paragrafo 1, comma 2, del Regolamento (UE) n. 583/2010 della Commissione (e cioè gli OICVM che forniscono agli investitori, a certe date prestabilite, rendimenti (pay-off) basati su un algoritmo e legati al rendimento, all evoluzione del prezzo o ad altre condizioni di attività finanziarie, indici o portafogli di riferimento, o OICVM con caratteristiche simili).

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. Massimo Scolari Segretario generale Ascosim

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. Massimo Scolari Segretario generale Ascosim La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Massimo Scolari Segretario generale Ascosim 1 Informazione al cliente sulla tipologia di consulenza Art. 24.4 a) in caso di prestazione di consulenza

Dettagli

MiFID 2: tutte le risposte Avv. Luca Frumento

MiFID 2: tutte le risposte Avv. Luca Frumento MiFID 2: tutte le risposte Avv. Luca Frumento Governo degli strumenti finanziari Viene introdotto l obbligo, in capo agli emittenti intermediari, di PREDETERMINARE IL MERCATO TARGET DEI CLIENTI per i quali

Dettagli

MiFID2 E D.LGS. 129/2017 DI RECEPIMENTO: LE PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI CONSULENZA FINANZIARIA Francesco Di Ciommo*

MiFID2 E D.LGS. 129/2017 DI RECEPIMENTO: LE PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI CONSULENZA FINANZIARIA Francesco Di Ciommo* MiFID2 E D.LGS. 129/2017 DI RECEPIMENTO: LE PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI CONSULENZA FINANZIARIA Francesco Di Ciommo* LA NUOVA DISCIPLINA DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Principali riferimenti normativi

Dettagli

CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017

CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017 CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017 LA CONSULENZA FINANZIARIA ALLA LUCE DELLA MiFID II: PROFILI GIURIDICI Francesco Di Ciommo Ordinario di Diritto Privato, Università Luiss Guido Carli

Dettagli

Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari

Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari Come cambia la struttura del settore della consulenza e della distribuzione dei prodotti finanziari 6 Forum Nazionale sulla consulenza finanziaria Milano, 20

Dettagli

Ufficio Studi Sonia Ciccolella e Mattia Suardi Proposta di Regolamento delegato, Direttiva IDD consultazione della Commissione europea

Ufficio Studi Sonia Ciccolella e Mattia Suardi Proposta di Regolamento delegato, Direttiva IDD consultazione della Commissione europea Proposta di Regolamento delegato, Direttiva IDD consultazione della Commissione europea Premessa. La Commissione europea ha aperto una consultazione (scadenza: 17 agosto 2017) dedicata alla bozza di Regolamento

Dettagli

Politica di classificazione della clientela adottata da Banca Mediolanum

Politica di classificazione della clientela adottata da Banca Mediolanum Politica di classificazione della clientela adottata da Banca Mediolanum Edizione ottobre 2008 Versione 2.0 Indice INDICE... 2 1 PREMESSA... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 3 3 REGOLE DI CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo

Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo Milano, 16 aprile 2008 Paolo Scotti 1 Agenda Conflitti di interesse Inquadramento normativo: sintesi e ambito di applicazione Tipologie

Dettagli

I cambiamenti chiave. IDD delinea un assetto molto più completo, anche perché comprenderà ulteriori normative di livello 2 e 3.

I cambiamenti chiave. IDD delinea un assetto molto più completo, anche perché comprenderà ulteriori normative di livello 2 e 3. I cambiamenti chiave IDD lascia agli Stati membri la possibilità di imporre requisiti supplementari in molti settori e quindi può essere considerata come una direttiva minima armonizzazione (come IMD).

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 Premessa Iccrea Banca S.p.A. (la Banca

Dettagli

MiFID II: le novità dei nuovi Orientamenti ESMA sugli strumenti di debito complessi e depositi strutturati

MiFID II: le novità dei nuovi Orientamenti ESMA sugli strumenti di debito complessi e depositi strutturati MiFID II: le novità dei nuovi Orientamenti ESMA sugli strumenti di debito complessi e depositi strutturati Autore: Guido Pavan e Simona Sorgonà, Eddystone Categoria News: Servizi di investimento 1. Premessa

Dettagli

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A.

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. 25 Giugno 2010 POLICY di MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. Gestione, disclosure e monitoraggio degli incentivi ( Inducements ) versati e/o percepiti dalla Banca nella prestazione dei servizi

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi nella prestazione di servizi di investimento e accessori SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI

Dettagli

valutazione di adeguatezza prescritta dalla Mifid - Aggiornamenti normativi INFORMAZIONI AI CLIENTI SULLA VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA

valutazione di adeguatezza prescritta dalla Mifid - Aggiornamenti normativi INFORMAZIONI AI CLIENTI SULLA VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA Maggio 2013 - Orientamenti ESMA sui requisiti della valutazione di adeguatezza prescritta dalla Mifid - Aggiornamenti normativi a cura Avv. Roberto Pallante - Partner Conformis in Finance INFORMAZIONI

Dettagli

STRATEGIA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI

STRATEGIA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI BANCA POPOLARE VESUVIANA SOCIETA COOPERATIVA STRATEGIA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI Delibera Conso n. 16190 Titolo V Incentivi Art. 52 del Regolamento Intermediari Direttiva comunitaria MiFID 2004/39 CE

Dettagli

22 Aprile 2015 Milano. MiFID II - Advice tecnico di ESMA Matteo Rava - Senior Policy Officer

22 Aprile 2015 Milano. MiFID II - Advice tecnico di ESMA Matteo Rava - Senior Policy Officer 22 Aprile 2015 Milano MiFID II - Advice tecnico di ESMA Matteo Rava - Senior Policy Officer MiFID II tempistiche e milestones 2014 2015 2016 2017 Publicazione dell Advice tecnico 3 Gennaio 2015 Publicazione

Dettagli

La Product Governance e la consulenza in materia di investimenti. Massimo Scolari Milano, 17 novembre 2017

La Product Governance e la consulenza in materia di investimenti. Massimo Scolari Milano, 17 novembre 2017 La Product Governance e la consulenza in materia di investimenti Massimo Scolari Milano, 17 novembre 2017 1 Le domande 1. Product Governance si materia di investimenti? applica alla consulenza in 2. Product

Dettagli

DIRETTIVA MIFID II NOVEMBRE 2017

DIRETTIVA MIFID II NOVEMBRE 2017 DIRETTIVA MIFID II NOVEMBRE 2017 LA DIRETTIVA MIFID 2 Nel 2018 entrerà in vigore il Regolamento Intermediari emanato da Consob in recepimento della Direttiva 2014/65/UE, c.d. «MiFID 2», la disciplina europea

Dettagli

Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali

Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali CeTIF 16 aprile 2008 1 Il focus: la consulenza nella distribuzione di prodotti finanziari La disciplina dei servizi di investimento

Dettagli

Orientamenti Orientamenti sulla valutazione delle conoscenze e competenze

Orientamenti Orientamenti sulla valutazione delle conoscenze e competenze Orientamenti Orientamenti sulla valutazione delle conoscenze e competenze 22/03/2016 ESMA/2015/1886 IT Indice I. Ambito di applicazione... 3 II. Riferimenti, abbreviazioni e definizioni... 3 III. Finalità...

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI CONDOTTA NEL RAPPORTO BANCA - CLIENTE

LE NUOVE REGOLE DI CONDOTTA NEL RAPPORTO BANCA - CLIENTE LE NUOVE REGOLE DI CONDOTTA NEL RAPPORTO BANCA - CLIENTE Roberto Galbiati Milano, 28 giugno 2014 dell autore e non rappresentano necessariamente quelle di Intesa Sanpaolo Spa 1 Agenda L informativa pre-contrattuale

Dettagli

1. Elaborazione dei presìdi in materia di governo e controllo del prodotto

1. Elaborazione dei presìdi in materia di governo e controllo del prodotto Allegato 1 Indicazioni sui presìdi in materia di governo e controllo del prodotto applicabili ai produttori che realizzano prodotti assicurativi da vendere ai clienti. 1. Elaborazione dei presìdi in materia

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE

REGOLAMENTO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE REGOLAMENTO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998, N. 58 IN MATERIA DI INTERMEDIARI (adottato con delibera n. 16190 del 29 ottobre 2007 e successive modifiche) [ ] LIBRO

Dettagli

sul supporto implicito per le operazioni di cartolarizzazione

sul supporto implicito per le operazioni di cartolarizzazione EBA/GL/2016/08 24/11/2016 Orientamenti sul supporto implicito per le operazioni di cartolarizzazione 1 1. Conformità e obblighi di comunicazione Status giuridico degli orientamenti 1. Il presente documento

Dettagli

Il consulente finanziario indipendente

Il consulente finanziario indipendente I consulenti finanziari indipendenti possono essere definiti come soggetti che, a titolo oneroso e su base continuativa, svolgono attività di consulenza verso terzi in materia di strumenti finanziari.

Dettagli

STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE N B.2 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24/02/2016 Data di efficacia: 24/02/2016 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 MAPPATURA DEI CONFLITTI

Dettagli

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del cliente è un aspetto centrale e preliminare alla prestazione di qualsiasi

Dettagli

- Come viene formato il personale coinvolto in merito alla valutazione di adeguatezza?

- Come viene formato il personale coinvolto in merito alla valutazione di adeguatezza? Allegato - Circ. n. 5/13 I. Adeguatezza I.I. Situazioni nelle quali è richiesta la valutazione di adeguatezza. Come noto, ai sensi dell art. 19, par. 4 della MiFID, l intermediario deve assicurare l adeguatezza

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo San Vincenzo dè Paoli

Banca di Credito Cooperativo San Vincenzo dè Paoli Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse 1 Ricezione e trasmissione di ordini La ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni di ogni qualvolta: - lo strumento o oggetto del servizio

Dettagli

BANCA LEONARDO S.P.A.

BANCA LEONARDO S.P.A. BANCA LEONARDO S.P.A. POLICY SINTETICA PER L INDIVIDUAZIONE, LA PREVENZIONE, IL CONTENI- MENTO E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NEL- LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E/O ACCESSORI MILANO,

Dettagli

Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse

Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse Una disciplina organica sul conflitto di interesse nella prestazione dei servizi d investimento e accessori compare con la direttiva MiFID

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI 1. Premessa... 2 2. Definizione di conflitto di interesse... 2 3. Individuazione delle fattispecie generatrici di conflitto di interesse... 3 3.1 Servizi

Dettagli

I SERVIZI DI CONSULENZA FINANZIARIA IN ITALIA. VERSO NUOVE RELAZIONI FRA UTILIZZATORI E FORNITORI?*

I SERVIZI DI CONSULENZA FINANZIARIA IN ITALIA. VERSO NUOVE RELAZIONI FRA UTILIZZATORI E FORNITORI?* VERSO NUOVE RELAZIONI FRA UTILIZZATORI E FORNITORI?* ANNA GENOVESE ** 1. Premessa La disciplina del servizio di consulenza in materia di investimenti ha subito, in seguito alla Direttiva MiFID (Direttiva

Dettagli

I principi di revisione con riferimento alle "valutazioni"

I principi di revisione con riferimento alle valutazioni I principi di revisione con riferimento alle "valutazioni" Milano, 19 dicembre 2016 Orazio Vagnozzi Partner KPMG e Coordinatore Gruppo Valutazioni Assirevi Introduzione Il principio di revisione sulle

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Classificazione della Clientela 2 di 8 03.0.13142-03/2011 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del

Dettagli

I CONSIDERANDA. 12 marzo

I CONSIDERANDA. 12 marzo REGOLAMENTO (UE) N. 995/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 20 ottobre 2010 che stabilisce gli obblighi degli operatori che commercializzano legno e prodotti da esso derivati 12 marzo 2013

Dettagli

POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE

POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE BANCA LEONARDO S.P.A. POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI MILANO, 27 APRILE 2016 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 RELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI... 3 3 DEFINIZIONI... 3 4 NORMATIVA... 5 5 MODELLO

Dettagli

Orientamenti Orientamenti in materia di strumenti di debito complessi e depositi strutturati

Orientamenti Orientamenti in materia di strumenti di debito complessi e depositi strutturati Orientamenti Orientamenti in materia di strumenti di debito complessi e depositi strutturati 04/02/2016 ESMA/2015/1787 IT Indice I. Ambito di applicazione... 3 II. Riferimenti, abbreviazioni e definizioni...

Dettagli

MiFID. Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2)

MiFID. Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2) Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2) v. del 20/12/2012 confermata il 11/12/2014 PREMESSA In conformità alle disposizioni previste dalla Direttiva

Dettagli

Oggetto: Adeguamento normativa cd. MiFID 2 in merito al Servizio di Consulenza in materia di Investimenti

Oggetto: Adeguamento normativa cd. MiFID 2 in merito al Servizio di Consulenza in materia di Investimenti Risorse Umane e Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL poste FAILP-CISAL CONFSAL-COM.NI UGL-COM.NI Roma, 9 novembre 2017 Oggetto: Adeguamento

Dettagli

MiFID II. Policy di rilevazione e gestione degli incentivi e della ricerca in materia di investimenti

MiFID II. Policy di rilevazione e gestione degli incentivi e della ricerca in materia di investimenti MiFID II Policy di rilevazione e gestione degli incentivi e della ricerca in materia di investimenti Approvata con deliba del Consiglio di Amministrazione del 12 gennaio 2018 1 INDICE 1. PEMESSA... 3 1.1

Dettagli

Il recepimento della direttiva MiFID II

Il recepimento della direttiva MiFID II Il recepimento della direttiva MiFID II Sommario: I. Introduzione. II. La Product Governance. III. La Product Intervention. IV. La consulenza indipendente. V. Il nuovo regime di trasparenza dei costi ed

Dettagli

Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Zurigo Politica in materia di gestione dei conflitti di interesse

Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Zurigo Politica in materia di gestione dei conflitti di interesse Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Zurigo Politica in materia di gestione dei conflitti di interesse 1. Introduzione Il Fondo pensione dei dipendenti delle Società del Gruppo Zurigo,

Dettagli

Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Adottata dal CdA nella seduta del 18 aprile 2016 In vigore dal 19 aprile 2016 SOMMARIO 1 INFORMATIVA SULLA

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DOCUMENTO DI PUBBLICA TESTO UNICO DELLA FINANZA MODIFICHE ARTICOLI PARTI I II IV V VI maggio 2016 Relazione illustrativa Il Ministero dell Economia ha avviato la

Dettagli

DOCUMENTO CONTENENTE LE INFORMAZIONI CHIAVE PER CIASCUNA OPZIONE DI INVESTIMENTO

DOCUMENTO CONTENENTE LE INFORMAZIONI CHIAVE PER CIASCUNA OPZIONE DI INVESTIMENTO Multi Assimoco Assicurazione Unit-Linked a vita intera e premio unico, con possibilità di versamenti aggiuntivi, e con prestazione legata a quote di Fondi Interni e/o Fondi Esterni/OICR DOCUMENTO CONTENENTE

Dettagli

Policy di gestione dei conflitti di interesse

Policy di gestione dei conflitti di interesse Policy di gestione dei conflitti di interesse approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 01 marzo 2017 Policy gestione conflitti di interesse 2 / 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. SOGGETTI RILEVANTI...

Dettagli

EBA/GL/2015/ Orientamenti

EBA/GL/2015/ Orientamenti EBA/GL/2015/04 07.08.2015 Orientamenti sulle circostanze materiali che costituiscono una minaccia sostanziale per la stabilità finanziaria e sugli elementi relativi all efficacia dello strumento per la

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24.11.2009 ai sensi dell art. 26 del Regolamento Banca d Italia Consob del 29/10/07

Dettagli

Veneto Banca scpa. Policy SINTESI. Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse. e di Rilevazione e gestione degli Incentivi

Veneto Banca scpa. Policy SINTESI. Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse. e di Rilevazione e gestione degli Incentivi Veneto Banca scpa Policy SINTESI Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse e di Rilevazione e gestione degli Incentivi Funzione Proponente Conformità Normativa Funzione Autorizzatrice Compliance/Organizzazione

Dettagli

II.3 LA BANCA D ITALIA

II.3 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 29 aprile 2011 - Disposizioni in materia di obblighi informativi e statistici delle società veicolo coinvolte in operazioni di cartolarizzazione LA BANCA D ITALIA Visto il Regolamento

Dettagli

ANALISI DEGLI OBIETTIVI DI INVESTIMENTO PERSONE GIURIDICHE/IMPRESE PROFESSIONALI SU RICHIESTA

ANALISI DEGLI OBIETTIVI DI INVESTIMENTO PERSONE GIURIDICHE/IMPRESE PROFESSIONALI SU RICHIESTA ANALISI DEGLI OBIETTIVI DI INVESTIMENTO PERSONE GIURIDICHE/IMPRESE PROFESSIONALI SU RICHIESTA PORTAFOGLIO L'analisi del Profilo Finanziario è effettuata con riferimento ad un numero di schedario generale

Dettagli

Policy Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Documento di Sintesi

Policy Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Documento di Sintesi Policy Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di Sintesi Edizione Agosto 2016 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure,

Dettagli

Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca. Modulo 1 I BASIC DELLA COMPLIANCE: LE COMPETENZE DI BASE. Milano, aprile 2012

Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca. Modulo 1 I BASIC DELLA COMPLIANCE: LE COMPETENZE DI BASE. Milano, aprile 2012 Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca Modulo 1 I BASIC DELLA COMPLIANCE: LE COMPETENZE DI BASE Sede ABI - Via Olona, 2 Esercitazione guidata: l analisi dei rischi in ottica compliance

Dettagli

La Normativa Mifid in Circoscrizione

La Normativa Mifid in Circoscrizione La Normativa Mifid in Circoscrizione 20 Ottobre 2016 Relatore: Dr. Davide Rivero AGENDA Il Premessa Contesto e finalità normativa Aree impattate dalla normativa Funzionamento e trasparenza dei mercati

Dettagli

Obblighi di controllo dei Fornitori esterni. EUDA Applicazioni sviluppate dall utente finale

Obblighi di controllo dei Fornitori esterni. EUDA Applicazioni sviluppate dall utente finale Obblighi di dei Fornitori esterni EUDA Applicazioni sviluppate dall utente finale Area di Titolo di Descrizione del Perché è importante? Governance e assicurazione di Ruoli e responsabilità Il Fornitore

Dettagli

Business Compliance HUB Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017

Business Compliance HUB Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017 Business Compliance HUB 2017 Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017 1 Documento riservato e confidenziale Avv. Andrea Polizzi - POG in ambito assicurativo:

Dettagli

Health Care Business Integrity internazionale per terzi intermediari

Health Care Business Integrity internazionale per terzi intermediari Health Care Business Integrity internazionale per terzi intermediari Il vostro obbligo di rispettare tutte le leggi e le policy Johnson & Johnson Le società Johnson & Johnson e i soggetti terzi che agiscono

Dettagli

POLICY Gestione Conflitti di Interesse

POLICY Gestione Conflitti di Interesse POLICY Gestione Conflitti di Interesse [ Pagina Bianca ] Gestione dei conflitti di interesse 1 INDICE Introduzione... 3 Identificazione dei conflitti di interesse... 4 Politica di gestione dei conflitti

Dettagli

UniCredit Soluzione Fondi

UniCredit Soluzione Fondi UniCredit Soluzione Fondi Parte II del Prospetto Completo - Illustrazione dei dati periodici di rischio-rendimento e costi dei Fondi La Parte II del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore,

Dettagli

IL MERCATO PRIMARIO DI RIFERIMENTO POTENZIALE PER CERTIFICATES E PRODOTTI D INVESTIMENTO

IL MERCATO PRIMARIO DI RIFERIMENTO POTENZIALE PER CERTIFICATES E PRODOTTI D INVESTIMENTO IL MERCATO PRIMARIO DI RIFERIMENTO POTENZIALE PER CERTIFICATES E PRODOTTI D INVESTIMENTO (c.d. POTENTIAL TARGET MARKET ) Le esigenze, gli obiettivi e le caratteristiche dell investitore di riferimento

Dettagli

La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi. Antonio Proto

La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi. Antonio Proto La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi Antonio Proto Agenda Comportamento degli intermediari Prodotti illiquidi Prodotti complessi Regole di comportamento Servizi di investimento (art.

Dettagli

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1 di 5 Politica di Trasmissione degli Ordini Vegagest Immobiliare Sgr S.p.A. 07/04/2009 INDICE POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 3 1. INTRODUZIONE... 3 2. OGGETTO

Dettagli

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE INDICE 1. Informazioni sulla Società ed attività autorizzate... 3 2. Autore del manuale delle procedure interne... 4 3. Finalità del manuale... 4 4. Contenuto

Dettagli

Ottobre La disciplina dei depositi strutturati: dalla MiFID 2 alla bozza in consultazione del nuovo Regolamento Intermediari

Ottobre La disciplina dei depositi strutturati: dalla MiFID 2 alla bozza in consultazione del nuovo Regolamento Intermediari Ottobre 2017 La disciplina dei depositi strutturati: dalla MiFID 2 alla bozza in consultazione del nuovo Regolamento Intermediari Avv. Pietro Lorenzi, Studio legale Zitiello Associati 1. Il quadro normativo

Dettagli

RACCOLTA BANCARIA RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO 04/05/2017. Capitale proprio

RACCOLTA BANCARIA RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO 04/05/2017. Capitale proprio RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO A.A. 2016/2017 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste RACCOLTA BANCARIA Risorse finanziarie Capitale proprio Strumenti

Dettagli

LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR E LE SICAV LINEE GUIDA

LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR E LE SICAV LINEE GUIDA LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR E LE SICAV LINEE GUIDA Versione inviata alla CONSOB in data 5 maggio 2008 per un primo confronto. INDICE INTRODUZIONE... 3 PARTE I - Ambito di applicazione della

Dettagli

ANALISI DEGLI OBIETTIVI DI INVESTIMENTO PERSONE GIURIDICHE/IMPRESE AL DETTAGLIO

ANALISI DEGLI OBIETTIVI DI INVESTIMENTO PERSONE GIURIDICHE/IMPRESE AL DETTAGLIO ANALISI DEGLI OBIETTIVI DI INVESTIMENTO PERSONE GIURIDICHE/IMPRESE AL DETTAGLIO PORTAFOGLIO L'analisi del Profilo Finanziario è effettuata con riferimento ad un numero di schedario generale (NSG). L NSG

Dettagli

STRATEGIA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

STRATEGIA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA STRATEGIA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvato con delibera del N 4 Consiglio di Amministrazione del 24/02/2010 Data di efficacia: 01/04/2010 2 INDICE 1 PREMESSA...4 2 DEFINIZIONE DELLE CATEGORIE

Dettagli

POLICY Mappatura Conflitti di Interesse

POLICY Mappatura Conflitti di Interesse POLICY Mappatura Conflitti di Interesse [ Pagina Bianca ] Mappatura dei conflitti di interesse 1 INDICE Mappatura conflitti di interesse... 3 Selezione degli investimenti... 3 Scelta delle controparti

Dettagli

Questa policy riassume gli accordi in cui Novox Capital Ltd (di qui in avanti indicata quale la Compagnia )

Questa policy riassume gli accordi in cui Novox Capital Ltd (di qui in avanti indicata quale la Compagnia ) 1. Introduzione Questa policy riassume gli accordi in cui Novox Capital Ltd (di qui in avanti indicata quale la Compagnia ) si è impegnata secondo la Direttiva sugli Strumenti Finanziari ( MIFID ), la

Dettagli

concernenti le politiche e le prassi di remunerazione relative alla vendita e alla fornitura di prodotti e servizi bancari al dettaglio

concernenti le politiche e le prassi di remunerazione relative alla vendita e alla fornitura di prodotti e servizi bancari al dettaglio EBA/GL/2016/06 13/12/2016 Orientamenti concernenti le politiche e le prassi di remunerazione relative alla vendita e alla fornitura di prodotti e servizi bancari al dettaglio 1. Conformità e obblighi di

Dettagli

Misure prudenziali - Retrocessioni

Misure prudenziali - Retrocessioni Comunicazione FINMA 41 (2012) 26 Novembre 2012 Misure prudenziali - Retrocessioni Banche Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch /A58690 Indice 1 Introduzione...3

Dettagli

Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte

Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte MiFID - i rapporti tra intermediari e clientela Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte Milano, 11 dicembre 2008 Avv. Andrea Galante Alcuni spunti di riflessione in

Dettagli

CONSULENTI INTEGRATI AUTOMATIZZATI

CONSULENTI INTEGRATI AUTOMATIZZATI CONSULENTI INTEGRATI AUTOMATIZZATI Maddalena Marchesi * Il mondo della consulenza finanziaria è al centro di importanti cambiamenti che vanno dall introduzione della consulenza indipendente quella nella

Dettagli

Roma, 20 gennaio Spettabile CONSOB Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, Roma. Prot. n. 25/17

Roma, 20 gennaio Spettabile CONSOB Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, Roma. Prot. n. 25/17 Roma, 20 gennaio 2017 Spettabile CONSOB Divisione Strategie Regolamentari Via G.B. Martini, 3 00198 Roma Prot. n. 25/17 Anticipata per il tramite del SIPE Risposta al documento di consultazione preliminare

Dettagli

REGOLAMENTO IVASS N. 28 DEL 26 LUGLIO 2016 CONCERNENTE L APPLICAZIONE DEL METODO LOOK-THROUGH

REGOLAMENTO IVASS N. 28 DEL 26 LUGLIO 2016 CONCERNENTE L APPLICAZIONE DEL METODO LOOK-THROUGH REGOLAMENTO IVASS N. 28 DEL 26 LUGLIO 2016 CONCERNENTE L APPLICAZIONE DEL METODO LOOK-THROUGH AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DEL REQUISITO PATRIMONIALE DI SOLVIBILITA CALCOLATO CON LA FORMULA STANDARD DI

Dettagli

Fondi Amundi Obiettivo

Fondi Amundi Obiettivo Fondi Amundi Obiettivo REGOLAMENTO Il presente Regolamento è stato approvato dall organo amministrativo della SGR che, dopo averne verificato la conformità rispetto alle disposizioni vigenti, ha accertato

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO. I MERCATI FINANZIARI E IL SISTEMA DI VIGILANZA Raffaele Lener CAPITOLO SECONDO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO. I MERCATI FINANZIARI E IL SISTEMA DI VIGILANZA Raffaele Lener CAPITOLO SECONDO INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I MERCATI FINANZIARI E IL SISTEMA DI VIGILANZA Raffaele Lener 1. Premessa... p. 1 2. Le società di gestione...» 6 3. Il ruolo delle autorità pubbliche nella gestione dei

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DELL OPERAZIONE DI TRASFORMAZIONE

DOCUMENTO INFORMATIVO DELL OPERAZIONE DI TRASFORMAZIONE Trasformazione della polizza assicurativa sulla vita con partecipazione agli utili Investimento Diversificato tariffa V11 nella polizza assicurativa sulla vita con partecipazione agli utili "InvestiSmart"

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2004O0013 IT 22.12.2004 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B M1 INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 1 o luglio

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE PRELIMINARE 22 DICEMBRE 2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE PRELIMINARE 22 DICEMBRE 2016 Attuazione degli Orientamenti emanati dall ESMA, nel quadro della Direttiva 2014/65/UE (c.d. MiFID II), in materia di valutazione delle conoscenze e competenze delle persone fisiche che, per conto dell

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni Compliance in Banks 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni IL REGIME DEI CONFLITTI DI INTERESSE E DEGLI INDUCEMENT DAL PUNTO

Dettagli

POLITICA IN TEMA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A.

POLITICA IN TEMA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. POLITICA IN TEMA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Approvata dal consiglio d'amministrazione in data 30 gennaio 2017 Versione 2.0 Innovazione Finanziaria SIM S.p.A. Sede Legale:

Dettagli

CODICE DI INTERNAL DEALING

CODICE DI INTERNAL DEALING CODICEDIINTERNALDEALING CODICE DI INTERNAL DEALING Premessa Il presente Codice di comportamento Internal Dealing (il Codice ), approvato dal Consiglio di Amministrazione di Mediobanca, è adottato ai sensi

Dettagli

LA NORMA INTERNAZIONALE SPECIFICA I REQUISITI DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ PER UN'ORGANIZZAZIONE CHE:

LA NORMA INTERNAZIONALE SPECIFICA I REQUISITI DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ PER UN'ORGANIZZAZIONE CHE: LA NORMA ISO 9001 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE GENERALITÀ LA NORMA INTERNAZIONALE SPECIFICA I REQUISITI DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ PER UN'ORGANIZZAZIONE CHE: A) HA L'ESIGENZA DI DIMOSTRARE

Dettagli

10/2/2017. Gruppo di Lavoro Insurance di AmCham

10/2/2017. Gruppo di Lavoro Insurance di AmCham 10/2/2017 Documento di consultazione n. 1/2017 Schema di Lettera al Mercato concernente l applicazione degli orientamenti preparatori EIOPA sui presìdi in materia di governo e controllo del prodotto (POG)

Dettagli

LA MINI BER E LA VENDITA DEI RICAMBI AI DISTRIBUTORI INDIPENDENTI

LA MINI BER E LA VENDITA DEI RICAMBI AI DISTRIBUTORI INDIPENDENTI LA MINI BER E LA VENDITA DEI RICAMBI AI DISTRIBUTORI INDIPENDENTI ARTICOLO 101 TFUE 1. Sono incompatibili con il mercato comune e vietati tutti gli accordi tra imprese, tutte le decisioni di associazioni

Dettagli

Considerazioni relative all accettazione dell incarico... Considerazioni relative alla pianificazione e allo svolgimento della revisione

Considerazioni relative all accettazione dell incarico... Considerazioni relative alla pianificazione e allo svolgimento della revisione Principio di revisione internazionale (ISA) N. 800 CONSIDERAZIONI SPECIFICHE DI UN BILANCIO REDATTO IN CONFORMITà AD UN QUADRO NORMATIVO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

Sicav PICTET. Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori

Sicav PICTET. Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori Sicav PICTET Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori Società di Investimento Multicomparto a Capitale Variabile di Diritto Lussemburghese INFORMAZIONI CHIAVE PER

Dettagli

La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti

La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti CONVEGNO ABI COMPLIANCE IN BANKS 2009 DALLE REGOLE ALLE STRATEGIE DI BUSINESS La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti Giuseppe D AGOSTINO CONSOB Responsabile Divisione

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 2 di 9 1. Introduzione La Direttiva 24/39/CE (MiFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Il Codice del Consumo Le sanzioni per la Sicurezza. A cura di Simone Maino

Il Codice del Consumo Le sanzioni per la Sicurezza. A cura di Simone Maino Il Codice del Consumo Le sanzioni per la Sicurezza A cura di Verona 15 marzo 2011 Uno dei limiti più evidenti del Codice è quello della frammentarietà. Diversi ambiti del Codice sono stati tenuti separati.

Dettagli

Il RISPARMIO GESTITO ITALIANO: ANALISI DEL MERCATO E AGGIORNAMENTO NORMATIVO

Il RISPARMIO GESTITO ITALIANO: ANALISI DEL MERCATO E AGGIORNAMENTO NORMATIVO 1 Direttore Settore Legale Il RISPARMIO GESTITO ITALIANO: ANALISI DEL MERCATO E AGGIORNAMENTO NORMATIVO 2 Direttore Settore Legale AGGIORNAMENTO NORMATIVO A) A LIVELLO NAZIONALE Il recepimento della direttiva

Dettagli

Obbligo di informazione relativo all'addebito di emolumenti e costi

Obbligo di informazione relativo all'addebito di emolumenti e costi Direttiva Direttiva sugli obblighi relativi alla riscossione di emolumenti e all'addebito di costi nonché alla loro utilizzazione (direttiva sulla trasparenza) 22 maggio 2014 I Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n.

Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n. DOCUMENTO INFORMATIVO DI FIDEURAM INVESTIMENTI Società di Gestione del Risparmio Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n. 1 PRIMO

Dettagli

CORSO PER AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. La disciplina in tema di intermediazione assicurativa

CORSO PER AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. La disciplina in tema di intermediazione assicurativa CORSO PER AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI La disciplina in tema di intermediazione assicurativa 1 Destinatari del corso I soggetti che, ai sensi del Regolamento Isvap n.5/2006, devono

Dettagli

Obiettivi e strategia d'investimento. Indicatore sintetico di rischio/rendimento

Obiettivi e strategia d'investimento. Indicatore sintetico di rischio/rendimento INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave destinate agli investitori di questo OICVM. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni vengono

Dettagli

Allegato A Punto 4: Organizzazione delle procedure concorsuali

Allegato A Punto 4: Organizzazione delle procedure concorsuali Definizione di procedure concorsuali per l aggiudicazione del servizio di salvaguardia per aree territoriali ai sensi dell articolo 1, comma 4, del decreto legge 18 giugno 2007, n. 73/07. Punto 1: Oggetto

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento fornisce le informazioni essenziali per investitori nel fondo Dominion Global Trends Consumer Fund ( Il Fondo Consumer ). Non è materiale promozionale.

Dettagli