Stefano Lenci Laura Consolini. Percorsi per un metodo progettuale tra forma e struttura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stefano Lenci Laura Consolini. Percorsi per un metodo progettuale tra forma e struttura"

Transcript

1 A08 152

2

3 Stefano Lenci Laura Consolini Percorsi per un metodo progettuale tra forma e struttura

4 Copyright MMVII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: ottobre 2007

5 A Carlo e Maria (L.C.) A Claudio (S.L.)

6

7 INDICE PREMESSA... pag INTRODUZIONE 1.1. Il significato classico della struttura... pag Le strutture resistenti per forma... pag Le strutture resistenti per superficie... pag FORMA E STRUTTURA NELLA STORIA 2.1. Introduzione... pag L architettura gotica... pag Filippo Brunelleschi... pag L ingegneria dell Ottocento e Gustav Eiffel... pag Antoni Gaudì... pag FORMA E STRUTTURA IN PROGETTISTI MODERNI E CONTEMPORANEI 3.1. Introduzione... pag Eduardo Torroja Miret ( )... pag Pier Luigi Nervi ( )... pag Riccardo Morandi ( )... pag Felix Candela ( )... pag Sergio Musmeci ( )... pag Santiago Calatrava Valls (1951)... pag OTTIMIZZAZIONE STRUTTURALE 4.1. Tematiche e metodi... pag. 61

8 5. L OTTIMIZZAZIONE STRUTTURALE CON LE LINEE ISOSTATICHE 5.1. Introduzione...pag Le ossa umane...pag I solai nervati...pag L OTTIMIZZAZIONE CON MODELLI FISICI 6.1. Introduzione...pag I modelli di soluzione d acqua saponata...pag Lo Stadio olimpico di Monaco...pag I modelli in materiale elastico...pag Il ponte sul Basento...pag I modelli di fili appesi o rovesci...pag La chiesa di Santa Coloma...pag L OTTIMIZZAZIONE CON CALCOLI MANUALI 7.1. Introduzione...pag L arco ottimale...pag Il Gateway Arch di St. Louis...pag La colonna ad uniforme resistenza...pag Il quartiere Wohnpark di Vienna...pag La Torre Eiffel di Parigi...pag La mensola ad uniforme resistenza...pag Il Tower Bridge di Londra...pag L OTTIMIZZAZIONE TOPOLOGICA CON PROGRAMMI DI CALCOLO 8.1. Introduzione...pag Cenni storici...pag Elementi fondamentali...pag Tipologie fondamentali...pag Algoritmo di ottimizzazione...pag Progetti ottimi riconoscibili...pag. 118

9 Tipologia ponte 1... pag Tipologia ponte 2... pag Tipologia ponte 3... pag Tipologia ponte 4... pag Tipologia ponte 5... pag Tipologia ponte 6... pag Tipologia copertura... pag Progetti ottimi espliciti... pag Progetti ottimi possibili... pag CONCLUSIONI... pag. 133 APPENDICE... pag. 135 BIBLIOGRAFIA... pag. 135

10

11 Premessa Ci si chiede spesso come mai una struttura, un opera architettonica o quant altro, risulti bella. La curiosità intellettuale è disarmata di fronte ad una domanda per la quale non abbiamo una risposta. Il manierismo e l omologazione ai canoni stabiliti dai maestri riconosciuti non bastano a giustificare certe sensazioni che ci colgono. L architettura come semplice opera artistica, e non come opera d arte e di conoscenza, colpisce, impressiona, a volte stupisce, attrae i turisti, ma non persuade e non incanta. Il razionalismo estremista, d altro canto, impatta, sconvolge, intaglia come certi suoi spigoli troppo arditi, e certo non commuove. Non c è una risposta. Quello che si propone in questo lavoro è un percorso, che può aiutare a comprendere, a riconoscere certi canoni, che può indicare metodologie e soluzioni, ma che non ha la pretesa di dare risposte. Partendo dall assunto che forma (architettonica) e struttura (ingegneristica) non devono vivere di vita propria, e che troppo tempo ed energie si sono sprecate con questa visione riduttiva anche tra coloro che la negano, vengono sviluppate alcune analisi che, muovendo da considerazioni di ottimizzazione strutturale, variamente intesa ed implementata, si propongono di fornire una visione comune di questi aspetti solo apparentemente duali, con l intento di suggerire, senza la pretesa di imporre o il desiderio di turbare. 11

12

13 1. INTRODUZIONE 1.1 Il significato classico della struttura Tutti gli oggetti prodotti dall uomo assolvono ad una specifica funzione: da quella conservativa, a quella meccanica e strutturale, fino a quella psicologica ed estetica. Una funzione specifica è legata ad una forma specifica; così se la forma viene danneggiata, verranno influenzate anche le funzioni che essa contiene. La forma quindi deve essere conservata. Ogni forma materiale, ovvero l oggetto rappresentato da quella forma, è esposto alle azioni gravitazionali, in primo luogo, ed a tutte le altre azioni accidentali che possono caricarlo nel corso della sua vita utile. Per sopportare questi carichi, e quindi per conservare la forma e la funzione nel tempo, è necessaria una struttura. La struttura è quell organismo che intercetta il carico, lo assorbe e lo scarica al terreno. È perciò implicito che ogni struttura al suo interno deve consentire il flusso delle forze, e la progettazione ottimale di una struttura non può prescindere dallo studio del trasferimento di esse all interno di ogni sua parte. In seguito si mostrerà che lo studio e l intuizione del meccanismo di flusso delle forze sono metodi progettuali veri e propri, applicabili non solo alle strutture pure e semplici, ma anche alle forme architettoniche. Un oggetto può risultare molto più piacevole se plasmato secondo considerazioni sulla materia e sulle tensioni, piuttosto che ideato in un certo modo e fatto stare in piedi solo in un secondo momento (v. Fig. 1). Nella pratica usuale la struttura e la forma vengono ideate in maniera separata: la forma viene progettata in relazione alla funzione, ad elementi esterni, alla riproposizione modificata di soluzioni già adottate, mentre la struttura si limita ad essere sviluppata come un organismo atto ad assorbire il flusso delle forze, che combaci però con la forma già delineata, senza dare fastidio o occupare troppo spazio. Questo concetto è ben esemplificato da una frase di Eduardo Torroja: «il progettista, innamorato di una soluzione ( ), la passa allo strutturista perché vi inserisca dentro una struttura» [1]. Alcune tipologie classiche di struttura, però, sono già forma senza che le due cose debbano essere separate in fase di progetto. 13

14 14 Capitolo I Figura 1. Confronto tra il Palazzo dello Sport di Roma di P.L. Nervi e il Palazzo del ghiaccio di Selva di Val Gardena 1.2 Le strutture resistenti per forma La materia non rigida, flessibile, configurata in maniera specifica e vincolata a estremità fisse, è in grado di autosostenersi, di far fronte ad una specifica condizione di carico e di coprire determinate luci: sono le strutture resistenti per forma. Colonna verticale e fune sospesa sono prototipi ed esempi di strutture resistenti per forma: esse trasmettono i carichi solo attraverso sollecitazioni normali semplici, ovvero la trazione e la compressione. Legando due funi con punti di sospensione differenti si forma un sistema che è in grado di sostenere il proprio peso e di trasferire

15 Introduzione 15 lateralmente i carichi attraverso sollecitazioni di semplice trazione. Una fune sospesa ribaltata forma un arco funicolare; la forma ideale di un arco varia a seconda della condizione di carico per cui è progettato (v. Fig. 2). Figura 2. Rapporto tra fune ed arco funicolare Il meccanismo di portata delle strutture resistenti per forma si basa essenzialmente sulla forma del materiale. Una deviazione dalla forma ottimale mette in pericolo il funzionamento dell intero sistema e occorre tener conto di ciò in fase di progettazione. In un ipotetico caso ideale (cioè irrealizzabile in senso concreto), la forma di queste strutture coincide esattamente con l andamento delle sollecitazioni, ed importanza fondamentale assumono la linea dei centri di pressione e la linea dei centri di trazione. Qualsiasi cambiamento nelle condizioni di carico o di vincolo modifica l andamento della linea dei centri di pressione e genera una nuova forma strutturale. Mentre la fune, in quanto sistema flessibile, sotto nuovi carichi assume da sola una nuova linea dei centri di trazione, l arco, in quanto sistema rigido, deve compensare il cambiamento della linea dei centri di pressione con la rigidezza stessa. La fune quindi rappresenta sempre la curva funicolare per quel carico

16 16 Capitolo I specifico; invece l arco può essere funicolare solo per un determinato carico. Nelle strutture resistenti per forma, a causa della loro dipendenza dalle condizioni di carico, la forma architettonica e spaziale è il risultato del meccanismo di sostegno. Oltre a funi ed archi, si può ricordare anche un altra tipologia tra le strutture resistenti per forma, che non è più strettamente bidimensionale come le precedenti. Si tratta di ciò che risulta dall accoppiamento di una serie di cavi ai vantaggi offerti dalla forma circolare ed alla sua simmetria rispetto all asse passante per il centro. Si sono venute così a creare strutture dalla caratteristica forma a ruota di bicicletta, in quanto realizzate, appunto, a mezzo di cavi disposti radialmente ed ancorati ad un mozzo centrale e ad una corona periferica (v. Fig. 3). Figura 3. Schema del funzionamento a ruota di bicicletta Strutture di chiara lettura, in quanto esprimono, oltre che la situazione tensionale dei cavi radiali, anche lo stato di sollecitazione dell anello di ancoraggio centrale, chiamato a lavoro di trazione, e quello dell anello di ancoraggio periferico, sollecitato a compressione semplice o a presso-flessione in base al sistema di vincoli con cui è collegato alla struttura inferiore (v. Fig. 4).

17 Introduzione 17 Figura 4. La copertura del Palasport di Genova 1.3 Le strutture resistenti per superficie È possibile combinare gli elementi delle strutture resistenti per forma per ottenere strutture di superficie. Le superfici sono il mezzo geometrico più efficace ed intelligibile di definizione dello spazio e, a causa di questa loro natura, sono le astrazioni elementari attraverso le quali l architettura si esprime. La superficie strutturale nasce dal percorso che le forze compiono al suo interno per giungere fino al terreno; la sua capacità di far cambiare direzione alle forze, ovvero di portare i carichi, dipende dalla posizione della superficie in relazione alla direzione della forza in questione. Nella superficie strutturale piana, a seconda della direzione della forza, intervengono due diversi meccanismi di resistenza o loro combinazioni: il meccanismo della piastra (forza perpendicolare alla superficie) e il meccanismo della lastra (forza parallela alla superficie) (v. Fig. 5).

18 18 Capitolo I Figura 5. Meccanismi a piastra e lastra Inclinando la superficie verso la direzione della forza agente con una piegatura o curvatura, è possibile riconciliare gli opposti dell efficienza orizzontale nella copertura dello spazio, e dell efficienza verticale nella resistenza alle forze gravitazionali. Nelle strutture resistenti per superficie è la forma ottimale a trasferire le forze ed a distribuirle uniformemente sulla superficie. Lo sviluppo di una forma efficace per la superficie è come un atto creativo, dal punto di vista strutturale, funzionale ed estetico. Queste strutture sono contemporaneamente l involucro dello spazio interno e il guscio dell edificio esterno e di conseguenza determinano forma e spazio dell edificio stesso. Esse arrivano a costituire il criterio della qualità dell edificio in quanto macchina razionale, efficiente, e forma esteticamente significativa. La forma strutturale è quindi non arbitraria, ma soggetta alle leggi della meccanica; qualsiasi deviazione dalla forma ottimale si scontra con il meccanismo statico e potrebbe metterne in pericolo il funzionamento. Nonostante le leggi comuni alle quali è soggetto qualsiasi sistema composto da superfici strutturali, esistono molti meccanismi resistenti diversi. Costruire queste superfici richiede quindi la conoscenza dei rispettivi meccanismi: il loro modo di funzionare, la loro geometria, il loro significato per la forma architettonica e lo spazio (v. Fig. 6).

19 Introduzione 19 Figura 6. Esempi di strutture resistenti per superficie Lo stesso Pier Luigi Nervi sottolinea l importanza dal punto di vista statico-architettonico dei sistemi a superficie resistente: ossia di quei sistemi nei quali la capacità statica è diretta conseguenza di curvature o corrugamenti dati ad una superficie, il cui spessore resta sempre molto piccolo rispetto alle dimensioni del complesso ( ). La loro piena verità statica appare chiaramente quando si consideri che le azioni agenti sono quasi sempre distribuite su superfici lungo le quali possono, nel più efficiente dei modi, diffondersi fino a incontrare ed equilibrare le reazioni all appoggio [2]. Tuttavia i progettisti non fanno spesso uso di queste strutture perché, come dice lo stesso Nervi, «non siamo abituati a ragionare per forma» [2]. Al contrario, questi sistemi sono molto efficaci, tanto è vero che sono molto presenti sia in natura, sia in campi della tecnica diversi dall architettura e dall ingegneria civile: carrozzerie di automobili, fusoliere e ali di aerei, scafi di navi, sono esempi di resistenza per forma dovuta alla necessità di stretta aderenza alle leggi della statica e dell aerodinamica.

20

21 2. FORMA E STRUTTURA NELLA STORIA 2.1 Introduzione Solo poche volte nella storia dell architettura la tecnologia costruttiva, il calcolo statico e gli obiettivi formali hanno avuto ruoli paritetici nella definizione concreta dell idea di architettura. La visione dell oggetto di architettura come fusione di ciò che è forma e di ciò che è struttura è un concetto molto presente in epoca moderna. È in tale epoca, infatti, che si può vedere come molti progettisti abbiano cercato di progettare e costruire oggetti che entrino a tutti gli effetti a far parte dell insieme delle opere di architettura, ma che siano contemporaneamente oggetti in cui la struttura assume un ruolo importante e determina l aspetto formale. I progettisti moderni si mettono alla ricerca di forme strutturali efficaci ed esteticamente piacevoli con indagini statiche, studi costruttivi, attenzione al risultato formale (cfr. Cap. 3). In varie epoche della storia dell architettura si trovano però degli oggetti che riassumono in se stessi la coincidenza tra forma e struttura. Nel periodo gotico la coincidenza forma-struttura è conseguenza di motivazioni spirituali e allo stesso tempo scientifiche: alla base delle costruzioni del periodo infatti c è una scienza, vale a dire l insieme delle conoscenze scientifiche-empiriche dell epoca. Brunelleschi inizia il cammino verso un metodo più rigoroso di progettazione ed a lui va il merito di aver tentato l unione in un unica figura di ideatore, tecnico e costruttore di un progetto. Gli stessi ingegneri dell Ottocento non prestano attenzione al risultato estetico dell opera che si accingono a progettare, il fine che hanno è quello di ottenere la massima prestazione dai nuovi materiali (come l acciaio), di utilizzare procedimenti costruttivi innovativi, di mettere in pratica la scienza delle costruzioni che si stava sviluppando. Antoni Gaudì si serve di modelli fisici per la progettazione delle sue opere, ma queste, alla realizzazione, hanno molti elementi, soprattutto a livello decorativo, che denunciano una forte tendenza dell architetto verso la naturalità e l intuizione, e una sensibilità progettuale non codificata attraverso un metodo preciso. 21

22 22 Capitolo II 2.2 L architettura gotica Le basi della cultura gotica sono gettate da San Tommaso d Aquino, rinunciando al principio platonico dell Idea in favore di quello aristotelico della Realtà. Il fondamento di questa cultura quindi è la razionalità di origine divina che si attua tramite le forme reali delle cose, della natura e dell uomo. Le opere prodotte dall uomo devono così tendere ad una perfezione che è testimonianza di Dio; tutto l operato dell uomo si carica di una valenza mistica. Il sogno di incredibili cattedrali ha piegato la prassi del fabbricare a produrre specifiche tecnologie che ne consentissero la realizzazione (v. Fig. 7). Figura 7. Cattedrale di Notre Dame, Parigi La tecnica diventa quindi un fare guidato dalla ragione e dall esperienza, la teoria dell ideare precede e condiziona la tecnica del fare e la figura dell artista diventa centrale in quanto persona che ha una responsabilità tecnica ed ideologica. Anche se l architetto gotico è giunto ad un livello, per così dire, di professionalità assai più elevato del suo predecessore romanico, ancora si chiama tagliapietre o capomastro, nonostante raccolga in sé la responsabilità della composizione e dell esecuzione definitive. Dagli appellativi prima citati si può capire come l architetto gotico abbia uno stretto legame con le maestranze, in quanto non esistono scuole per un apprendimento teorico, ma si impara in cantiere tutto il necessario per portare a termine una costruzione.

23 Forma e struttura nella storia 23 Una delle figure che iniziano ad assomigliare in modo più significativo ad un architetto moderno è Villard de Honnecourt: è il primo che, imparato il mestiere in varie commesse, cerca di raccoglierlo e di divulgarlo in modo da ampliare le conoscenze tecniche e contribuire al progresso dell arte costruttiva. Il suo testo era nato come un taccuino di appunti, ma poi è diventato un vero e proprio manuale per gli apprendisti (v. Fig. 8). In esso univa didascalie e spiegazioni a piante, sezioni, prospetti e vedute, divenendo così una specie di summa che dimostra quanto fosse importante per ogni capomastro avere dei modelli da imitare e seguire. Figura 8. Disegno di Villard de Honnecourt Nel periodo gotico si perfeziona il sistema ad ossatura, la tecnica degli archi ogivali riduce le spinte laterali, archi rampanti e contrafforti divengono mezzi per far fronte alle spinte. Tutta questa macchina statica viene portata all esterno della cattedrale per riuscire ad ottenere all interno un grande vuoto ed una grande altezza, come richiesto dallo spirito religioso del tempo. Il vocabolario figurativo viene a coincidere con le linee delle forze e con le linee isostatiche (cfr. Cap. 5) che, dalla navata centrale, altissima e libera all interno, devono giungere al terreno (v. Fig. 9).

24 24 Capitolo II Figura 9. Archi rampanti della cattedrale di Reims La maggiore responsabilità dell architetto gotico è naturalmente statica-strutturale, cioè il grande edificio-cattedrale deve necessariamente stare in piedi. Un esempio di soluzioni gotiche ai problemi strutturali lo si può trovare nella controversia che sorse a Milano nel 1386 durante la costruzione del Duomo. Iniziata la costruzione dell enorme cattedrale, i capomastri della fabbrica si trovarono di fronte al problema del dimensionamento: non erano in grado di decidere quanto avrebbero dovuto essere alti i pilastri, le navate e le volte della navata centrale. Si rivolsero perciò a maestri francesi e tedeschi per avere una soluzione, ma ognuno ne proponeva una diversa, poiché le loro considerazioni non erano basate su indagini statiche precise, ma si trattava semplicemente di regole empiriche che si erano rivelate efficaci nel corso delle generazioni e nel corso dei tentativi in cui erano state usate. Quello che tuttavia interessa notare è che, per questi architetti, il problema strettamente dimensionale era secondario: la cosa più importante era lo schema astratto generale, la forma dell edificio, che era indispensabile per risolvere i problemi statici. I tentativi di compiere calcoli statici in senso moderno furono davvero poca cosa.

25 Forma e struttura nella storia 25 Non poche chiese crollarono durante o poco dopo la costruzione, e quelle che restarono in piedi erano, probabilmente, sovradimensionate se guardate con occhio moderno. I capomastri medievali si occupavano di un problema statico applicando il metodo secondo loro più appropriato e i mezzi scientifici che avevano a disposizione. 2.3 Filippo Brunelleschi Il più eloquente esempio di perfetta fusione tra obiettive istanze tecniche e soggettiva sensibilità estetica, si può trovare nella descrizione dei pensieri, delle lunghissime, tormentose meditazioni, nella raggiunta certezza sull efficienza delle proprie intuizioni, che permisero a Brunelleschi di vincere la lunga battaglia contro le terrificanti difficoltà costruttive, e l incomprensione dei contemporanei, per la realizzazione della cupola di Santa Maria del Fiore a Firenze [2]. Con queste parole Pier Luigi Nervi fa capire come Filippo Brunelleschi entra di diritto a far parte di coloro che producono opere di architettura a partire da riflessioni che non siano puramente formali. Della personalità di Brunelleschi, infatti, non si sa se ammirare di più l inventiva e la sensibilità dell architetto, la profondità dell intuizione e le conoscenze tecniche dell ingegnere o la cura del dettaglio e l amore verso la propria opera di costruttore. Brunelleschi inizia nel Rinascimento una riflessione matematica sui risultati ottenuti nelle epoche precedenti, ossia una riflessione su ciò che viene chiamato metrica romanica e gotica. Si va alla ricerca di un ordine, una logica, una legge, una disciplina, insomma le basi di un metodo, che non lasci la nascita del progetto di architettura al caso, ma che ne getti delle solide fondamenta. In quanto uomo del Rinascimento, egli trova questo ordine a partire dall ordine classico, da quel linguaggio all antica formato da stili e moduli, che vengono aggregati in maniera sempre differente per ottenere nuove forme (v. Fig. 10). La ricerca della nuova legge che regoli un opera di architettura è però anche frutto dell intuizione e della sperimentazione di nuove tecniche costruttive.

26 26 Capitolo II Figura 10. Spedale degli innocenti, Firenze Nella cupola di Santa Maria del Fiore, pensiero e arte, scienza nuova, poetica e genio si integrano, dando luogo ad una forma nuova. Dalle intuizioni statiche e costruttive che hanno guidato Brunelleschi, si vede chiaramente che esse sono state «i dati determinanti della definizione del profilo della cupola, della massa del lanternino e del rapporto volumetrico di questi due elementi che costituiscono la base della meravigliosa armonia che, a tanti secoli di distanza, ci commuove così profondamente» [2] (v. Fig. 11). Figura 11. Cupola di Santa Maria del Fiore, Firenze

27 Forma e struttura nella storia 27 Studiando le architetture romane, ed in particolare la Domus Aurea di Nerone ed il Pantheon, Brunelleschi rimane incuriosito da come gli architetti romani avevano affrontato i vari problemi statici: come neutralizzare le forze che agiscono sulla volta? Brunelleschi nel progetto della sua cupola ha lo stesso problema. Come è noto, la pietra ed i mattoni hanno grandissime capacità di resistere a compressione, mentre questo non accade in alcun modo per la resistenza a trazione. Nella cupola deve fronteggiare le forze di trazione, poiché le cupole caricate dall alto tendono a gonfiarsi alla base, generando in questo punto sforzi di trazione. Una cupola è costruita sul principio dell arco: una volta completata si regge su se stessa funzionando come un insieme di archi. Il problema della costruzione di una cupola è che fino al posizionamento della pietra finale (cioè la chiave degli archi), la tendenza della costruzione è di crollare verso l interno. Per questo motivo normalmente si usano delle centine per costruire archi e volte. Brunelleschi risolve questo problema ed elimina l uso della centina utilizzando in particolare due soluzioni dettate dalla sua intuizione, dai suoi studi sul comportamento statico e dalle sue sperimentazioni sulle tecniche costruttive. Decide di utilizzare la tecnica detta di giro in giro, vale a dire che si attende l asciugatura della malta di un corso di muratura prima di iniziare il successivo. Fa disporre i mattoni (al di sopra di una certa quota) a spina di pesce; questi mattoni disposti perpendicolarmente che fuoriuscivano dai corsi orizzontali, interrompendo gli stessi, li suddividevano in piccole sezioni e li rendevano analoghi a piccoli archi orizzontali capaci di resistere alla gravità. Questo accorgimento, da solo, non sarebbe bastato tuttavia a contrastare il crollo della cupola verso l interno: il colpo di genio statico-costruttivo di Brunelleschi fu la creazione di uno scheletro circolare, posto tra le due calotte di cui è composta la cupola, su cui si conformasse la struttura ottagonale della stessa. In questo modo si ottiene una struttura autoportante che rende possibile il non utilizzo della centina (v. Fig. 12). Tuttavia guardando oggi la cupola si possono ben notare le fessure che si sono formate lungo gli archi utilizzati per la cerchiatura dei costoloni. Nonostante i grandi meriti di Brunelleschi, quindi, l organismo statico da lui intuito non ha perfettamente funzionato.

28 28 Capitolo II Figura 12. Spaccato assonometrico della cattedrale 2.4 L ingegneria dell Ottocento e Gustav Eiffel L ingegneria ottocentesca apre quel filone che si può definire del razionalismo costruttivo, cioè una metodologia libera da mode formali e in continua ricerca di integrazione tra funzione, costruzione e immagine. L architettura moderna, nata da una violenta crisi d identità, nel primo periodo, ha posto ingegneri e architetti fianco a fianco nel cercare di tracciare una nuova via progettuale. Si erano appena scoperte le possibilità teoriche e pratiche delle strutture elastiche in acciaio, e quindi si poteva attuare lo svincolamento dagli schemi obbligati della muratura attraverso il superamento del concetto di equilibrio per masse gravanti. Costruendo strutture a luce sempre più ampia, edifici sempre più alti, strutture sempre più esili, si è venuto a creare un nuovo

29 Forma e struttura nella storia 29 linguaggio attraverso un progressivo affinamento delle soluzioni, in cui il ruolo dell intuizione ingegneristica è stato di primo piano. Tale ruolo si è imposto per mezzo di una serie di costruzioni (ponti, porti, ferrovie, fabbriche, stazioni) la cui valenza principale non era tanto l aspetto esteriore, quanto la funzionalità dell insieme, il corretto impiego dei materiali, l economicità statica e costruttiva, l uso di tecniche realizzative di tipo industriale, cioè tutte quelle componenti che l ingegneria era chiamata a definire per dare la migliore soluzione ai problemi pratici della società industriale in via di formazione. Ponti e grandi coperture sono i temi di maggior interesse in questo periodo: in essi la struttura e la costruzione raggiungono livelli notevoli grazie all impiego dei prodotti siderurgici. Alcuni esempi di strutture costruite in questo periodo e secondo questi principi sono: il ponte in ghisa sul Severn a Coalbrookdale del 1779 (v. Fig. 13), il ponte Firth of Forth in Scozia del 1885 (v. Fig. 14), il ponte di Brookling a New York del 1883 (v. Fig. 15), il Crystal Palace per l Esposizione universale di Londra del 1851 (v. Fig. 16), la Galerie des Machiens per l Esposizione universale di Parigi del 1889 (v. Fig. 17). Figura 13. Ponte sul Severn, Coalbrookdale

30 30 Capitolo II Figura 14. Ponte Firth of Forth, Scozia Figura 15. Ponte di Brookling, New York

31 Forma e struttura nella storia 31 Figura 16. Crystal Palace, Londra Figura 17. Galerie des Machines, Parigi Personalità di grande importanza e di grande nome del periodo è sicuramente Gustav Eiffel, soprattutto dopo l Esposizione universale del 1889 a Parigi. Nelle sue opere, si può vedere come non ci sia un idea formale alla base, il risultato si ottiene con la coerenza progettuale derivata dallo studio tecnico e costruttivo. Il viadotto sul Garabit (v. Fig. 18) dimostra come venga utilizzato l arco a sezione variabile per resistere alle varie sollecitazioni e contrastare l instabilità.

32 32 Capitolo II Figura 18. Viadotto sul Garabit Il tema fondamentale delle opere di Eiffel (ma il concetto si può estendere anche a tutte le opere del periodo) è la sincerità strutturale: ogni elemento della costruzione è conformato e posizionato in base a ciò che deriva dall analisi statica della struttura stessa. L opera principale di Eiffel è ovviamente la Torre omonima costruita a Parigi nel 1889 in occasione dell Esposizione universale (v. Fig. 19). Essa occupa un posto particolare nell opera dell ingegnereimpresario perché, oltre ad essere un riferimento per tutti gli appassionati di architettura, è l elemento che congiunge i due momenti dell attività di Eiffel: segna l apoteosi delle costruzioni metalliche e costituisce l inizio dei suoi lavori scientifici. Il profilo della torre è quello che si ottiene imponendo la condizione di uniforme resistenza a compressione ed anche un carico laterale uniformemente distribuito, cioè il vento, su tutta la struttura (cfr. Par ). È quindi un preciso motivo statico che ne determina la forma, ma la torre è divenuta anche un oggetto d arte fino al punto di essere fonte d ispirazione per artisti che la celebrano nei dipinti.

33 Forma e struttura nella storia 33 Figura 19. Torre Eiffel, Parigi Quello che vale per la Torre Eiffel vale per molte altre opere di questo periodo: esse sono ormai acquisite dalla storia dell architettura poiché, anche se sono state esplicitamente progettate per risolvere problemi essenzialmente costruttivi, è evidente al loro interno l operato di una volontà architettonica ordinatrice dell insieme e dei dettagli. Gli elementi standard prodotti in officina e montati in sito con tecniche ideate appositamente per ovviare a ragioni di economia e rapidità di costruzione, non sono che un pretesto e un supporto materico per concretizzare un idea architettonica; e l obiettivo di ridurre al minimo il peso della struttura, massimizzando il rendimento statico di ciascun elemento, contribuì non poco a sovvertire coscientemente i rapporti proporzionali accreditati dall estetica della costruzione muraria [3]. Leggendo in questa chiave le realizzazioni dell ingegneria ottocentesca, le necessità dei materiali e la sincerità strutturale, divenuti fattori guida della progettazione, hanno prodotto soluzioni di grandissimo interesse, tanto che molti schemi strutturali e soluzioni costruttive introdotte in queste opere sono diventate archetipi dell architettura del Novecento.

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Strutture in muratura e a telaio

Strutture in muratura e a telaio Strutture in muratura e a telaio Inroduzione alla teoria delle strutture Nel campo delle costruzioni il termine struttura è spesso usato per indicare qualcosa di più specifico di un sistema di relazioni.

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

2.2.8 Spettri di progetto

2.2.8 Spettri di progetto 2.2.8 Spettri di progetto Passando alla fase progettuale si dà per scontato che per gli Stati Limite Ultimi (SLV e SLC) la struttura vada largamente in campo plastico. Si devono quindi utilizzare metodi

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI Paolacci Fabrizio Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria INDICE 1. Introduzione 2. La ripartizione dei carichi verticali 2.1.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli