I CONTROLLI DELL AMMINISTRAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CONTROLLI DELL AMMINISTRAZIONE"

Transcript

1 I CONTROLLI DELL AMMINISTRAZIONE Gli atti dovuti dal contribuente (dichiarazione, liquidazione e versamento dell imposta) sono sottoposti a controlli dell AF attraverso cui quest ultima può giungere ad integrare o sostituire l attività del soggetto passivo. In particolare, la dichiarazione dei redditi è sottoposta: Liquidazione delle imposte da parte dell Agenzia delle Entrate (art. 36/bis, Dpr. n. 600/73); Controllo formale (art. 36/ter, Dpr. n. 600/73). 1

2 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE Ai sensi dell art. 36/bis, c. 1, Dpr. n. 600/73, avvalendosi di procedure automatizzate, l AF procede alla liquidazione delle imposte; dei contributi e dei premi dovuti; dei rimborsi spettanti in base alle dichiarazioni presentate dai contribuenti e dai sostituti d imposta. 2

3 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE Trattasi di una procedura puramente automatizzata (dunque effettuata da un calcolatore) che non mira ad un esame del merito e della fondatezza degli elementi reddituali indicati in dichiarazione dal contribuente ma è finalizzata ad una verifica del calcolo dell imposta così come effettuato dal contribuente. Tutte le dichiarazioni presentate alla AF vengono sottoposte a tale forma di liquidazione automatizzata. 3

4 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE Invero, ai sensi dell art. 36/bis, c. 2, Dpr. n. 600/73, Sulla base dei dati e degli elementi direttamente desumibili dalle dichiarazioni presentate e di quelli in possesso dell'anagrafe tributaria, l'af provvede a: 4

5 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE correggere gli errori materiali e di calcolo commessi in dichiarazione dai contribuenti; ridurre le detrazioni d imposta qualora indicate in misura non dovuta; ridurre le deduzioni dal reddito qualora esposte in misura non dovuta; ridurre i crediti d imposta qualora esposti in misura non dovuta; controllare le ritenute alla fonte operate dal contribuente in qualità di sostituto d imposta. 5

6 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE Quando dai controlli automatici eseguiti emerge un risultato diverso rispetto a quello indicato nella dichiarazione dal contribuente (es. emerge una maggiore imposta da versare), l esito della liquidazione è comunicato al contribuente ovvero al sostituto d imposta per evitare la reiterazione di errori e per consentire la regolarizzazione degli aspetti formali. 6

7 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE L esito della liquidazione automatica, comunicato al contribuente, può consistere in una: comunicazione di regolarità; comunicazione d irregolarità; comunicazione d irregolarità nei soli versamenti; comunicazione di solo maggior credito; comunicazione di solo minor rimborso; comunicazione d incoerenza. 7

8 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE Qualora a seguito della comunicazione il contribuente o il sostituto d imposta rilevi eventuali dati o elementi non considerati o valutati erroneamente nella liquidazione dei tributi, lo stesso può fornire i chiarimenti necessari all AF entro 30 gg. successivi al ricevimento della comunicazione. 8

9 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE Le operazioni di liquidazione delle imposte devono essere completate dalla AF entro l inizio del periodo di presentazione delle dichiarazioni relative all anno successivo. Tuttavia, l art. 28, L. n. 449/97 ha previsto che il termine indicato nell art. 36 bis, c.1 avrebbe natura ordinatoria e non sarebbe stabilito a pena di decadenza dell azione amministrativa (dunque sarebbe suscettibile di deroga). N.B. Contra si veda Cass. Trib., n /02 che ha ammesso la natura di norma innovativa (dunque non d interpretazione autentica) dell art. 28, L. n. 449/97. 9

10 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE Nelle ipotesi previste dall art. 36/bis, Dpr. n. 600/73, viene sostanzialmente eliminato il passaggio intermedio della notifica di un avviso di accertamento. Infatti, qualora dal controllo emerga un debito d imposta, questo viene iscritto direttamente a ruolo a titolo definitivo ed il contribuente ne viene a conoscenza per il tramite della notifica di una cartella di pagamento. 10

11 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE Secondo la prevalente dottrina, infatti, la liquidazione dell imposta operata ex art. 36/bis non si sostanzia in un atto di accertamento ma consisterebbe in un attività di mera liquidazione del tributo attuabile attraverso il controllo testuale della dichiarazione. 11

12 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE Conseguentemente, la notifica dell avviso di accertamento sarebbe indispensabile solo qualora l ufficio intendesse contestare le deduzioni e/o detrazioni indicate in dichiarazione sotto il profilo della loro effettiva sussistenza in fatto così come affermato e documentato dal contribuente. 12

13 LA LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE La dottrina maggioritaria è unanime nel ritenere tassativa l elencazione degli errori che l AF può correggere con la propria attività di controllo. Tale interpretazione risulta condivisa dalla giurisprudenza di legittimità. 13

14 IL CONTROLLO FORMALE DELLE DICHIARAZIONI Ai sensi dell art. 36/ter, c. 1, Dpr. n. 600/73, Gli uffici periferici dell'amministrazione finanziaria, procedono, entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello di presentazione, al controllo formale delle dichiarazioni presentate dai contribuenti e dai sostituti d'imposta, sulla base dei criteri selettivi fissati dal Ministro delle finanze, tenendo anche conto di specifiche analisi del rischio di evasione e delle capacità operative dei medesimi uffici. 14

15 IL CONTROLLO FORMALE DELLE DICHIARAZIONI Trattasi di una procedura di controllo effettuata a campione da uffici tributari periferici sulla base di una selezione dei contribuenti. Diversamente dalla procedura ex art. 36/bis, tale controllo non è automatizzato ma posto in essere da funzionari della AF attraverso anche una attività istruttoria nonché l instaurazione di un contraddittorio con il contribuente. 15

16 IL CONTROLLO FORMALE DELLE DICHIARAZIONI Sulla base di quanto stabilito ex art. 36/ter, c. 1 e senza pregiudizio dell azione accertatrice, gli uffici possono: A) escludere in tutto o in parte lo scomputo delle ritenute d acconto non risultanti dalle dichiarazioni dei sostituti d imposta o dalle certificazioni richieste ai contribuenti; delle ritenute risultanti in misura inferiore a quella indicata nelle dichiarazioni dei contribuenti; 16

17 IL CONTROLLO FORMALE DELLE DICHIARAZIONI B) escludere in tutto o in parte le detrazioni o le deduzioni d imposta non spettanti in base ai documenti richiesti ai contribuenti; C) determinare i crediti d imposta spettanti in base ai dati risultanti dalle dichiarazioni e ai documenti richiesti ai contribuenti; 17

18 IL CONTROLLO FORMALE DELLE DICHIARAZIONI D) liquidare la maggiore imposta sul reddito delle persone fisiche e i maggiori contributi dovuti sull ammontare complessivo dei redditi risultanti da più dichiarazioni, presentate per lo stesso anno dal contribuente; E) correggere gli errori materiali e di calcolo commessi nelle dichiarazioni dei sostituti d imposta. 18

19 IL CONTROLLO FORMALE DELLE DICHIARAZIONI A tal fine, il contribuente o il sostituto d imposta è invitato, anche telefonicamente o in forma scritta o telematica: a fornire chiarimenti in ordine ai dati contenuti nella dichiarazione; ad eseguire o trasmettere ricevute di versamento e altri documenti non allegati alla dichiarazione o difformi dai dati forniti da terzi. 19

20 IL CONTROLLO FORMALE DELLE DICHIARAZIONI L esito del controllo formale è comunicato al contribuente o al sostituto d imposta con l indicazione dei motivi che hanno dato luogo alla rettifica degli imponibili, delle imposte, delle ritenute alla fonte, dei contributi e dei premi dichiarati, per consentire anche la segnalazione di eventuali dati ed elementi considerati o valutati erroneamente in sede di controllo formale. 20

21 Artt. 36/bis e 36/ter: differenze. Le procedure disciplinate ex artt. 36 bis e 36 ter, pur avendo ad oggetto gli stessi elementi (deduzioni, detrazioni, imposta liquidata), presuppongono lo svolgimento di attività molto diverse. 21

22 Artt. 36/bis e 36/ter: differenze. A) Il controllo ex art. 36 bis viene compiuto sulla scorta esclusiva dei dati risultanti dalla dichiarazione e dalle informazioni già in possesso dell AF attraverso l anagrafe tributaria. Pertanto, non viene svolta alcuna attività istruttoria né viene instaurato alcun contraddittorio con il contribuente. 22

23 Artt. 36/bis e 36/ter: differenze. B) Il controllo ex art. 36 ter è pur sempre di natura formale, ma in questi casi l AF non si limita al riscontro testuale ed automatico degli elementi contenuti nella dichiarazione ma li pone a confronto con quelli desunti da: altri documenti richiesti al contribuente o al sostituto di imposta; dichiarazioni ed elenchi di soggetti terzi. 23

24 Artt. 36/bis e 36/ter: esito. All esito della liquidazione automatica ex art. 36 bis ovvero del controllo formale ex art. 36 ter, il contribuente può regolarizzare la propria posizione debitoria versando entro 30 gg. dal ricevimento della comunicazione le somme richieste. Superato tale termine, le somme richieste verranno iscritte a ruolo. 24

25 LA COMUNICAZIONE DELL ESITO DELL ATTIVITA DI LIQUIDAZIONE Prima della cartella di pagamento viene solitamente notificata al contribuente una comunicazione dell esito dell attività di liquidazione compiuta dalla AF (cd. avviso bonario) con cui viene richiesto il pagamento delle imposte che l Amministrazione ritiene dovute in seguito al controllo formale delle dichiarazioni. Trattasi di un atto diretto a consentire al contribuente di evitare gli effetti dell esecuzione coattiva. 25

26 LA CARTELLA DI PAGAMENTO Qualora il contribuente resti inadempiente alle comunicazioni previste, l attività ex artt. 36 bis e 36 ter si conclude con la notifica di una cartella di pagamento, con la quale si comunica al contribuente l avvenuta iscrizione a ruolo del debito. Tale procedura è disciplinata dagli artt. 25 e ss. del Dpr. n 602/1973, contenente le disposizioni in materia di riscossione delle imposte sul reddito. 26

27 LA CARTELLA DI PAGAMENTO Il termine per la notifica della cartella di pagamento da parte dell Agente della riscossione è stabilito, a pena di decadenza, entro: il 31/12 del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione per le somme dovute ex art. 36/bis; il 31/12 del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione per le somme dovute ex art. 36/ter; 27

28 RIDUZIONE DELLE SANZIONI IN CASO DI TEMPESTIVO PAGAMENTO Ai sensi degli artt. 2, c. 2 e 3 del D.Lgs. n. 462/1997, qualora il soggetto passivo paghi le somme richieste con l avviso bonario entro il termine di 30 gg. dal ricevimento dello stesso, le sanzioni applicate sono ridotte: ad 1/3 in caso di procedura di liquidazione ex art. 36/bis; a 2/3 in caso di procedura di controllo formale ex art. 36/ter; 28

29 LA PROCEDURA DI LIQUIDAZIONE DELL IVA L art. 54 bis, Dpr. n. 633/1972 contiene una disposizione del tutto analoga a quella dell art. 36 bis prevedendo, ai fini Iva, un controllo automatizzato delle dichiarazioni presentate dal contribuente. Anche in questo caso, trattasi di un controllo formale dei dati emergenti dalle dichiarazioni. 29

30 I POTERI ISTRUTTORI DELL AF L esigenza di tutela dell interesse fiscale alla conoscenza dei fatti a rilevanza tributaria trova riscontro nei poteri istruttori che la legge attribuisce alla AF al fine di controllare la corretta applicazione delle norme tributarie ed il rispetto degli obblighi strumentali. 30

31 I POTERI ISTRUTTORI DELL AF I poteri istruttori della AF possono sostanziarsi nell esercizio di attività: NON INVASIVE, le quali richiedono solo una collaborazione da parte del contribuente senza comprimerne diritti e libertà individuali (es. richiesta di documenti); INVASIVE, che comportano una compressione dei diritti e delle libertà del contribuente (es. accessi, ispezioni e verifiche). 31

32 RICHIESTA DI INFORMAZIONI E DOCUMENTI Tale attività istruttoria si sostanzia nella richiesta di presentare documentazioni, fornire chiarimenti anche a mezzo di questionari appositamente inviati dalla AF. In caso di inadempimento il contribuente è sanzionato ex art. 11 D.lgs. n. 471/97. 32

33 I POTERI ISTRUTTORI DELL AF L esercizio di poteri istruttori può essere, inoltre, effettuato : in via diretta, nei confronti del contribuente soggetto passivo dell obbligazione tributaria; in via mediata, nei confronti di terzi con cui il contribuente soggetto a controllo abbia relazioni economico-professionali. 33

34 I POTERI ISTRUTTORI DELL AF L art. 52, Dpr. n. 633/1972 e l art. 33 Dpr. n. 600/1973 disciplinano i poteri di: ACCESSO ISPEZIONE VERIFICA 34

35 L ACCESSO L accesso consiste nell ingresso e permanenza, anche contro la volontà dell interessato, in locali ed ambienti quali: locali destinati all esercizio di attività commerciali, agricole, artistiche o professionali; locali destinati ad abitazione. 35

36 L ACCESSO Per quanto concerne l accesso in locali destinati all esercizio dell attività è sufficiente l autorizzazione del dirigente dell Ufficio procedente. In taluni casi, tuttavia, può essere richiesta l autorizzazione del PM (es. accesso in studi professionali in cui venga eccepito il segreto professionale su documenti o dati). 36

37 L ACCESSO Per quanto concerne, invece, l accesso in locali destinati ad uso abitativo è richiesta l autorizzazione del Procuratore della Repubblica. L autorizzazione del PM è, inoltre, necessaria per gli accessi seguiti da perquisizioni personali, apertura di pieghi sigillati, borse, casseforti, mobili, ripostigli, etc. 37

38 ACCESSO PRESSO AZIENDE ED ISTITUTI DI CREDITO Trattasi di un potere istruttorio esercitato in via mediata ossia nei locali di un soggetto (banca) diverso da quello destinatario del controllo (contribuente). L accesso presso aziende ed istituti di credito avviene qualora tale soggetto sia rimasto inadempiente alla richiesta di dati per rapporti intrattenuti con il contribuente ovvero di ulteriori informazioni richieste attraverso l invio di questionari. 38

39 ACCESSO PRESSO AZIENDE ED ISTITUTI DI CREDITO Ai sensi dell art. 33, c. 6, Dpr. n. 600/73, l accesso presso aziende ed istituti di credito richiede l autorizzazione del Direttore regionale dell Agenzia delle entrate, ovvero, per la Guardia di finanza, del Comandante regionale. Inoltre, l esecuzione di tale accesso è affidata a funzionari pubblici o ad ufficiali della Guardia di finanza con grado non inferiori a capitano. 39

40 L ISPEZIONE Trattasi di un attività istruttoria volta al controllo della regolarità formale nonché veridicità sostanziale delle scritture contabili ed altra documentazione rilevante ai fini impositivi. 40

41 L ISPEZIONE I libri, registri, scritture e documenti di cui si rifiuta l esibizione o si dichiara il mancato possesso non possono essere presi in considerazione ai fini dell accertamento in sede amministrativa o contenziosa. 41

42 L ISPEZIONE I documenti oggetto di ispezione vengono sequestrati qualora: non è possibile riprodurne o farne constatare il contenuto sul verbale; in caso di mancata sottoscrizione; in caso di contestazione del verbale. 42

43 LA VERIFICA Attiene al controllo degli elementi soggettivi ed oggettivi constatati nell ambito dell attività economica (es. documenti esaminati), con il contestuale accertamento della sua corrispondenza con la legislazione tributaria. 43

44 IL PROCESSO VERBALE Ogni attività istruttoria si conclude con la redazione di un processo verbale dal quale devono risultare il: Verbale di verifica, che offre una descrizione analitica delle operazioni compiute dall organo procedente; Verbale di constatazione, nel quale vi è l esposizione dei rilievi effettuati e l individuazione delle sanzioni applicabili. 44

45 IL PROCESSO VERBALE I verbali vanno sottoscritti dal contribuente e in caso contrario deve essere indicata la ragione della mancata sottoscrizione. Dal rilascio della copia del processo verbale il contribuente può comunicare entro 60 gg. osservazioni e richieste (Art. 12 L. 212/2000). 45

46 IL PROCESSO VERBALE: efficacia giuridica. Il processo verbale si sostanzia in un atto pubblico il cui contenuto, in ordine ai rilievi effettuati, assume efficacia di prova legale ai sensi dell art c.c. fino a querela di falso. 46

47 ESITO DELLE ATTIVITA ISTRUTTORIE Al termine dell esercizio di attività istruttorie da parte della AF possono verificarsi due circostanze: riscontro della regolarità del comportamento del contribuente; riscontro di irregolarità poste in essere dal contribuente. In tal caso, le risultanze istruttorie sono poste a base dell accertamento tributario o del provvedimento di irrogazione della sanzione. 47

48 ESERCIZIO ILLEGITTIMO DI ATTIVITA ISTRUTTORIE Il rispetto delle regole istruttorie costituisce il presupposto della legittimità di tutti i successivi atti che si fondano sull acquisizione probatoria raccolta. Ed, infatti, l illegittima acquisizione di prove in fase istruttoria determina l inutilizzabilità delle stesse nella fase di accertamento. Di conseguenza, laddove le prove illegittimamente acquisite vengano poste a fondamento dell avviso di accertamento, quest ultimo risulterà inficiato da illegittimità derivata. 48

CONTROLLO FORMALE GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO

CONTROLLO FORMALE GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO CONTROLLO FORMALE GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO 1 Il controllo formale delle dichiarazioni Art. 36 bis Liquidazione delle imposte sulla base dei dati emergenti dalla dichiarazione dei redditi.

Dettagli

L attività istruttoria

L attività istruttoria L attività istruttoria. 1 oggetto della lezione l attività istruttoria; la liquidazione delle dichiarazioni; il controllo formale; il controllo sostanziale; inviti a comparire, richieste, questionari;

Dettagli

FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO

FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO Corso di formazione professionale per Praticanti Dottori Commercialisti Cenni generali sull accertamento tributario dott.

Dettagli

La motivazione della cartella esattoriale

La motivazione della cartella esattoriale La motivazione della cartella esattoriale Autore: Villani Maurizio In: Diritto tributario L articolo 36-ter D.P.R. n. 600 del 29/09/1973 stabilisce che gli uffici periferici dell Amministrazione Finanziaria

Dettagli

FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO

FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO Corso di formazione professionale per Praticanti Dottori Commercialisti Cenni generali sull accertamento tributario dott.

Dettagli

I METODI DELLA RISCOSSIONE. In materia di II.DD., per lungo tempo si è fatto ricorso al servizio di riscossione c.d. esattoriale.

I METODI DELLA RISCOSSIONE. In materia di II.DD., per lungo tempo si è fatto ricorso al servizio di riscossione c.d. esattoriale. I METODI DELLA RISCOSSIONE In materia di II.DD., per lungo tempo si è fatto ricorso al servizio di riscossione c.d. esattoriale. 1 LA RISCOSSIONE ESATTORIALE Il sistema era strutturato in tal modo: iscrizione

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l News per i Clienti dello studio 21 Luglio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Controllo formale della dichiarazione 2012: documentazione integrativa entro 30 giorni dalla data di effettivo ricevimento della

Dettagli

Recupero dei crediti inesistenti indebitamente utilizzati in compensazione nel modello F24

Recupero dei crediti inesistenti indebitamente utilizzati in compensazione nel modello F24 Recupero dei crediti inesistenti indebitamente utilizzati in compensazione nel modello F24 Vincenzo D'Andò in LEGGE FINANZIARIA 2009, Novità legislative (legge di stabilità...) Recupero dei crediti inesistenti

Dettagli

CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011

CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011 Circolare informativa per la clientela n. 28/2011 del 15 settembre 2011 CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011 In questa Circolare 1. Controllo automatico delle dichiarazioni Comunicazione

Dettagli

I poteri istruttori e di controllo dell Amministrazione finanziaria. In particolare: accessi, ispezioni e verifiche

I poteri istruttori e di controllo dell Amministrazione finanziaria. In particolare: accessi, ispezioni e verifiche I poteri istruttori e di controllo dell Amministrazione finanziaria. In particolare: accessi, ispezioni e verifiche Obiettivi In questa lezione affronteremo il tema dei poteri istruttori dell Amministrazione

Dettagli

Fiscal News N La circolare di aggiornamento professionale Accertamenti: notifica entro il Premessa

Fiscal News N La circolare di aggiornamento professionale Accertamenti: notifica entro il Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 350 19.12.2013 Accertamenti: notifica entro il 31.12 Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Redditometro Ai sensi degli artt. 43,

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA RATEAZIONE DEGLI AVVISI BONARI

LE NUOVE REGOLE PER LA RATEAZIONE DEGLI AVVISI BONARI Circolare N. 44 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 7 giugno 2011 LE NUOVE REGOLE PER LA RATEAZIONE DEGLI AVVISI BONARI Al fine di agevolare la dilazione delle somme scaturenti dalla liquidazione

Dettagli

L avviso di accertamento. Università Carlo Cattaneo Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe.

L avviso di accertamento. Università Carlo Cattaneo Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. L avviso di accertamento Università Carlo Cattaneo Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. Zizzo 1 oggetto della lezione l avviso di accertamento tipologia i metodi di

Dettagli

La verifica fiscale. Diritti e doveri del contribuente. Poteri e limiti del verificatore

La verifica fiscale. Diritti e doveri del contribuente. Poteri e limiti del verificatore La verifica fiscale. Diritti e doveri del contribuente. Poteri e limiti del verificatore Ten.Col. t.issmi Massimiliano Giua Comandante III Gruppo Tutela Entrate Nucleo Polizia Tributaria Roma Organi del

Dettagli

Dentro la Notizia. 10 Aprile 2013

Dentro la Notizia. 10 Aprile 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 50/2013 APRILE/6/2013 (*) 10 Aprile 2013 LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

Dettagli

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 249 26.09.2013 Unico 2012: integrativa entro il 30.09 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti Il termine del 30.09.2013 incide anche

Dettagli

L avviso di accertamento

L avviso di accertamento L avviso di accertamento. 1 oggetto della lezione L avviso di accertamento. Tipologia. I metodi di determinazione del reddito complessivo. I metodi di determinazione dei redditi determinati contabilmente.

Dettagli

Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale N. 69 07.03.2016 Compensazione crediti inesistenti: novità sanzioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: Compensazioni A cura di Pasquale Pirone

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 279 10.10.2014 I controlli formali su modello Unico e 730 L art. 36-ter del D.P.R. 600/73 Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Varie Le dichiarazioni

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO CORSO COLLABORATIVO (1) IL QUADRO NORMATIVO CAMBIA Si punta su un modello di cooperazione tra AF e contribuente Obiettivo: perseguire il

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 137937 del 2015 RU Modalità con cui l Agenzia delle Entrate mette a disposizione del contribuente e della Guardia di finanza elementi e informazioni al fine di introdurre nuove e più avanzate forme

Dettagli

Napoli, 21 dicembre 2016

Napoli, 21 dicembre 2016 Napoli, 21 dicembre 2016 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 11/2016 Il Parlamento ha convertito in legge il decreto 193/2016, collegato alla manovra di bilancio per il 2017. Durante

Dettagli

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Artt. 1, 8 e 13, D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolare Agenzia Entrate 12.10.2016, n. 42/E Recentemente l Agenzia

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma L atto di accertamento. Gli elementi essenziali. La motivazione. L accertamento parziale e integrativo. Accertamento e Processo Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Prof.ssa

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferite dalle disposizioni normative riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferite dalle disposizioni normative riportate nel seguito del presente provvedimento. Prot. n. 94624 Modalità con cui l Agenzia delle Entrate mette a disposizione del contribuente e della Guardia di finanza elementi e informazioni al fine di introdurre nuove e più avanzate forme di comunicazione

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità riduzione delle sanzioni per i versamenti tardivi aggiornamento marzo 2016 CONTROLLO

Dettagli

ACCESSI E VERIFICHE: i poteri dell amministrazione e le tutele del contribuente

ACCESSI E VERIFICHE: i poteri dell amministrazione e le tutele del contribuente ACCESSI E VERIFICHE: i poteri dell amministrazione e le tutele del contribuente Milano, 26 marzo 2015 Vincenzo Vitale Direzione regionale della Lombardia 1 Obiettivi dell incontro Conoscenza dei poteri

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 57 14.07.2014 Sanzioni tributarie e ravvedimento operoso Il sistema sanzionatorio previsto per errori e omissioni collegate alla dichiarazione

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 98/2013 LUGLIO/8/2013 (*) 12 Luglio 2013

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 98/2013 LUGLIO/8/2013 (*) 12 Luglio 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 98/2013 LUGLIO/8/2013 (*) 12 Luglio 2013 CON LA CIRCOLARE N.21/E DEL

Dettagli

Gli strumenti deflattivi del contenzioso tributario

Gli strumenti deflattivi del contenzioso tributario Gli strumenti deflattivi del contenzioso tributario Domenico Bitonti Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Lombardia 1 Argomenti - Il ravvedimento operoso - L adesione al PVC ed agli inviti al contraddittorio

Dettagli

Decreto Legislativo 26 gennaio 2001, n. 32

Decreto Legislativo 26 gennaio 2001, n. 32 Decreto Legislativo 26 gennaio 2001, n. 32 "Disposizioni correttive di leggi tributarie vigenti, a norma dell'articolo 16 della legge 27 luglio 2000, n. 212, concernente lo statuto dei diritti del contribuente"

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA Nel corso del 2015 il Legislatore ha modificato: l istituto del ravvedimento operoso; il regime sanzionatorio, la cui decorrenza è

Dettagli

STRUMENTI DEFLATIVI DEL CONTENZIOSO

STRUMENTI DEFLATIVI DEL CONTENZIOSO STRUMENTI DEFLATIVI DEL CONTENZIOSO 1 Gli strumenti deflativi del contenzioso sono principalmente individuati nei seguenti istituti: 1. Autotutela; 2. Acquiescenza; 3. Accertamento con adesione; 4. Mediazione

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE U Attuazione dell articolo 1, commi da 634 a 636, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 Comunicazione per la promozione dell adempimento spontaneo nei confronti dei soggetti che hanno omesso di presentare

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica del 29 settembre 1973, n. 600 Gazzetta Ufficiale del 16 ottobre 1973, n. 268 S.O. n. 1

Decreto del Presidente della Repubblica del 29 settembre 1973, n. 600 Gazzetta Ufficiale del 16 ottobre 1973, n. 268 S.O. n. 1 Decreto del Presidente della Repubblica del 29 settembre 1973, n. 600 Gazzetta Ufficiale del 16 ottobre 1973, n. 268 S.O. n. 1 Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi.

Dettagli

Criteri e modalità di cessazione della partita IVA ed esclusione dalla banca dati VIES

Criteri e modalità di cessazione della partita IVA ed esclusione dalla banca dati VIES CIRCOLARE A.F. N. 102 del 12 Luglio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Criteri e modalità di cessazione della partita IVA ed esclusione dalla banca dati VIES Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

CERTIFICAZIONE DEI CARICHI PENDENTI RISULTANTI AL SISTEMA INFORMATIVO DELL ANAGRAFE TRIBUTARIA

CERTIFICAZIONE DEI CARICHI PENDENTI RISULTANTI AL SISTEMA INFORMATIVO DELL ANAGRAFE TRIBUTARIA Allegato A AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio... CERTIFICAZIONE DEI CARICHI PENDENTI RISULTANTI AL SISTEMA INFORMATIVO DELL ANAGRAFE TRIBUTARIA Il sottoscritto Direttore dell Ufficio, in relazione alla richiesta

Dettagli

Roma, 27/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi

Roma, 27/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Roma, 27/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Credito Iva spettante, ma omessa Dichiarazione Iva Gentile Cliente, la presente per comunicarle le ultime indicazioni fornite dall Amministrazione

Dettagli

ACCERTAMENTO CON ADESIONE

ACCERTAMENTO CON ADESIONE DIRITTO TRIBUTARIO Dr. Maurizio Tambascia ACCERTAMENTO CON ADESIONE 2016 Definizione. L accertamento con adesione (detto anche concordato ) è una procedura di accertamento effettuato in contraddittorio

Dettagli

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI GLI OBBLIGHI STRUMENTALI Si tratta di obblighi il cui assolvimento è considerato strumentale ai fini della applicazione del tributo ovvero ai fini del controllo amministrativo. Sono definiti anche obblighi

Dettagli

ISTITUTO MICHELE DELL AQUILA AQUILA SAN FERDINANDO DI PUGLIA

ISTITUTO MICHELE DELL AQUILA AQUILA SAN FERDINANDO DI PUGLIA ISTITUTO MICHELE DELL AQUILA AQUILA SAN FERDINANDO DI PUGLIA L ACCERTAMENTO FISCALE Prof. Pietro Samarelli Prof.ssa Luigia Tartaglia SISTEMA TRIBUTARIO AUTODICHIARAZIONE AUTOLIQUIDAZIONE D IMPOSTA ACCERTAMENTO

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCERTAMENTO CON ADESIONE (ART. 50 LEGGE n. 449/1997)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCERTAMENTO CON ADESIONE (ART. 50 LEGGE n. 449/1997) COMUNE DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCERTAMENTO CON ADESIONE (ART. 50 LEGGE n. 449/1997) Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 28 febbraio 2001 con provvedimento n. 12; da ultimo modificato

Dettagli

ALLEGATO A Delibera di C.C. n14 del 18/4/2016 Regolamento Unico delle Entrate modifiche Testo Approvato con delibera C.C. n. 11 del 31/01/2005 Testo Modificato con delibera C.C. n. 121 del 21/12/2005 "

Dettagli

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Entro il prossimo 25 ottobre il contribuente, in caso di errori nella compilazione della dichiarazione, può presentare al CAF o al professionista

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Disposizioni correttive di leggi tributarie vigenti, a norma dell'articolo 16 della legge 27 luglio 2000, n. 212, concernente lo statuto dei diritti del contribuente. (Pubblicato

Dettagli

PROFESSIONISTI: ALTERNATIVE DI COMPILAZIONE DI UNICO A SEGUITO DEL MANCATO VERSAMENTO IRAP

PROFESSIONISTI: ALTERNATIVE DI COMPILAZIONE DI UNICO A SEGUITO DEL MANCATO VERSAMENTO IRAP PROFESSIONISTI: ALTERNATIVE DI COMPILAZIONE DI UNICO A SEGUITO DEL MANCATO VERSAMENTO IRAP a cura Dott. Antonio Gigliotti I professionisti che, non versano l Irap per mancanza di un autonoma organizzazione

Dettagli

Dentro la Notizia. 19 Ottobre 2012

Dentro la Notizia. 19 Ottobre 2012 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 1 86/2012 OTTOBRE/8/2012 (*) 19 Ottobre 2012 CON CIRCOLARE N. 38/E DEL

Dettagli

Ufficio provinciale di Modena. Fabbricati rurali e D.L. 201/2011. Pasquale Carafa. Modena, 14 novembre 2012

Ufficio provinciale di Modena. Fabbricati rurali e D.L. 201/2011. Pasquale Carafa. Modena, 14 novembre 2012 Ufficio provinciale di Modena Fabbricati rurali e D.L. 201/2011 Modena, 14 novembre 2012 Pasquale Carafa Agenzia del Territorio - Ufficio provinciale di Modena Tema della presentazione La struttura della

Dettagli

14 Novembre Dichiarazioni tardive e integrative: i rimedi dopo la scadenza

14 Novembre Dichiarazioni tardive e integrative: i rimedi dopo la scadenza 14 Novembre 2017 Dichiarazioni tardive e integrative: i rimedi dopo la scadenza Una premessa «Invio di circa 305.000 comunicazioni per la compliance a fronte delle quali più di 156.000 cittadini hanno

Dettagli

Accessi, ispezioni e verifiche

Accessi, ispezioni e verifiche Accessi, ispezioni e verifiche Antonino Pernice in per acquistare questo e-book clicca QUI, poi su AGGIUNGI AL CARRELLO il prezzo è di 24 euro iva compresa SOMMARIO: 1. POTERI DELL AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA.

Dettagli

Il modello 730: Caratteristiche e utilizzo. Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Sardegna Ufficio Audit Esterno. Cagliari, 27 febbraio 2007

Il modello 730: Caratteristiche e utilizzo. Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Sardegna Ufficio Audit Esterno. Cagliari, 27 febbraio 2007 Il modello 730: Caratteristiche e utilizzo Cagliari, 27 febbraio 2007 1 Il modello 730: Caratteristiche ed utilizzo Il modello 730 dichiarazione semplificata per i contribuenti che si avvalgono dell assistenza

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 316 04.11.2014 Il nuovo ravvedimento operoso lunghissimo Si potrà sanare la propria posizione anche dopo l anno Categoria: Finanziaria Sottocategoria:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. COMUNE DI AREZZO REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. Deliberato dal Consiglio Comunale con atto n 245 del 19.12.2007 COMUNE DI AREZZO REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE

Dettagli

Art. 7 (Definizione automatica di redditi di impresa e di lavoro autonomo per gli anni pregressi mediante autoliquidazione)

Art. 7 (Definizione automatica di redditi di impresa e di lavoro autonomo per gli anni pregressi mediante autoliquidazione) Art. 7 (Definizione automatica di redditi di impresa e di lavoro autonomo per gli anni pregressi mediante autoliquidazione) 1. I soggetti titolari di reddito di impresa e gli esercenti arti e professioni,

Dettagli

Sanatoria delle cartelle di pagamento ex art. 36 bis e ter DPR n. 600/1973: condizioni e limiti

Sanatoria delle cartelle di pagamento ex art. 36 bis e ter DPR n. 600/1973: condizioni e limiti Sanatoria delle cartelle di pagamento ex art. 36 bis e ter DPR n. 600/1973: condizioni e limiti Autore: Avv. Gabriella Antonaci, Loconte & Partners - Studio legale tributario Risale a questi ultimi giorni

Dettagli

L attuazione della norma tributaria e la dichiarazione

L attuazione della norma tributaria e la dichiarazione L attuazione della norma tributaria e la dichiarazione Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. Zizzo 1 oggetto della lezione l attuazione

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma La riscossione Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Latina, 04/05/2015 A cura delle Dott.sse Chiara Del Duca e Alessia Russo La riscossione dei tributi I PARTE 1 Il

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Attuazione del prelievo. Nozione di procedimento. Accertamento e processo Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Prof.ssa Rossella Miceli Attuazione del prelievo e nozione di

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE ALLE ENTRATE TRIBUTARIE COMUNALI

COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE ALLE ENTRATE TRIBUTARIE COMUNALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE ALLE ENTRATE TRIBUTARIE COMUNALI Adottato dal Consiglio comunale nella seduta del 28.9.2000 con provvedimento

Dettagli

scegliere di chiederlo a rimborso, riportarlo a credito per l anno successivo, o utilizzarlo in diminuzione di eventuali importi a debito.

scegliere di chiederlo a rimborso, riportarlo a credito per l anno successivo, o utilizzarlo in diminuzione di eventuali importi a debito. Regolarizzazione errori nel modello UNICO: la presentazione della dichiarazione correttiva nei termini o la presentazione della dichiarazione integrativa dopo la scadenza dei termini Vincenzo D'Andò in

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCERTAMENTO CON ADESIONE (ART. 50 LEGGE n. 449/1997)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCERTAMENTO CON ADESIONE (ART. 50 LEGGE n. 449/1997) REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCERTAMENTO CON ADESIONE (ART. 50 LEGGE n. 449/1997) Come modificato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 9 del 28 febbraio 2012, esecutiva INDICE REGOLAMENTO IN MATERIA

Dettagli

Il nuovo ravvedimento operoso

Il nuovo ravvedimento operoso Il nuovo ravvedimento operoso RIFERIMENTI: Art. 13, d.lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie - Art. 1, comma 637,

Dettagli

Nulla la cartella di pagamento non preceduta dalla comunicazione dell esito del controllo formale ex art. 36-ter d.p.r. 600/1973:

Nulla la cartella di pagamento non preceduta dalla comunicazione dell esito del controllo formale ex art. 36-ter d.p.r. 600/1973: Nulla la cartella di pagamento non preceduta dalla comunicazione dell esito del controllo formale ex art. 36-ter d.p.r. 600/1973: La Suprema Corte, dopo gli ultimi arresti in materia, prosegue sul filone

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289.

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. SOGGETTI INTERESSATI TUTTI I CONTRIBUENTI CHE HANNO PRESENTATO O CHE AVREBBERO DOVUTO PRESENTARE UNA DICHIARAZIONE ENTRO IL 31

Dettagli

La nuova disciplina del

La nuova disciplina del La nuova disciplina del ravvedimento operoso (Legge di Stabilità per il 2015 L. 190/2014) Via D Azeglio n. 27 40123 Bologna Tel. 051-233741 Fax 051-225955 E-mail: studio@studioassociatosimoni.it ; Sito

Dettagli

Tabella scadenze fiscali settembre dicembre 2017

Tabella scadenze fiscali settembre dicembre 2017 Tabella scadenze fiscali settembre dicembre 2017 Adempimento 18 Settembre 2017 Comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA del II trimestre 2017 28 Settembre 2017 Comunicazione dei dati delle

Dettagli

COMUNE DI CREMA - AREA AFFARI GENERALI -

COMUNE DI CREMA - AREA AFFARI GENERALI - COMUNE DI CREMA - AREA AFFARI GENERALI - REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO NOTIFICHE Pagina 0 di 5 INDICE ART. 1 OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 2 DEFINIZIONE DI NOTIFICAZIONE

Dettagli

Gli effetti della nuova misura del tasso di interesse legale all 1,5% a partire dall 1 gennaio 2011

Gli effetti della nuova misura del tasso di interesse legale all 1,5% a partire dall 1 gennaio 2011 Focus di pratica professionale di Daniele Fezzardi e Alberto Venturini Gli effetti della nuova misura del tasso di interesse legale all 1,5% a partire dall 1 gennaio 2011 Con il decreto 7/12/10 pubblicato

Dettagli

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 dott. Fabrizio Povinelli Capo Area Imprese grandi e medie dimensioni Agenzia delle Entrate

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. n. 83317 Modalità con cui l Agenzia delle Entrate mette a disposizione del contribuente, del suo intermediario e della Guardia di finanza elementi e informazioni, al fine di introdurre nuove e più

Dettagli

COMUNE DI PECETTO DI VALENZA PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI PECETTO DI VALENZA PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI PECETTO DI VALENZA PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO AI SENSI DELL ARTICOLO 52 D. LGS. 446/1997 E S.M.I., PER LA VARIAZIONE DELL ALIQUOTA DI COMPARTECIPAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA NEL PAGAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA NEL PAGAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA NEL PAGAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Approvato con deliberazione C.C. n. 9 del 29/05/2008 Modificato con deliberazione C.C. n. 51 del 25/11/2008 INDICE:

Dettagli

Premessa... pag 5 Presentazione... 7

Premessa... pag 5 Presentazione... 7 Premessa.... pag 5 Presentazione.... 7 1. Gli accertamenti con adesione......................................... 23 1.1. L accertamento con adesione........................................... 23 1.2. Il

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone PROT. 112072/2016 Attuazione dell articolo 1, commi da 634 a 636, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 Comunicazione per la promozione dell adempimento spontaneo nei confronti dei soggetti destinatari

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA ASD E ACCERTAMENTI FISCALI. Parte II

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA ASD E ACCERTAMENTI FISCALI. Parte II ASD E ACCERTAMENTI FISCALI Parte II Esame dei documenti amministrativi e contabili delle associazioni sportive dilettantistiche. Gli obblighi che incombono sul rappresentante legale dell associazione sportiva

Dettagli

Le parti nel processo tributario

Le parti nel processo tributario IL PROCESSO TRIBUTARIO Le parti nel processo tributario Dott. Antonio Giovanni Tangorra 21 ottobre 2014 Le parti: art. 10 d.lgs. 546 2 Hanno la capacità di essere parte nel processo tributario: - il ricorrente

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 9 GIUGNO 2016 296/2016/S/GAS AVVIO DI PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONE DI OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI DATI DI QUALITÀ COMMERCIALE E DI PERFORMANCE DEL SERVIZIO DI MISURA DEL

Dettagli

LA CESSIONE DEL CREDITO

LA CESSIONE DEL CREDITO LA CESSIONE DEL CREDITO Il codice civile all art. 1260 e ss prevede che il creditore possa trasferire a titolo oneroso o gratuito il suo credito, anche senza il consenso del debitore, purché il credito

Dettagli

Informativa n. 2 INDICE. del 9 gennaio 2012

Informativa n. 2 INDICE. del 9 gennaio 2012 Informativa n. 2 del 9 gennaio 2012 La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201 convertito nella L. 22.12.2011 n. 214 - Principali novità in materia di accertamento e riscossione INDICE 1 Premessa... 2 2 Comunicazione

Dettagli

Concentrazione della riscossione nell accertamento

Concentrazione della riscossione nell accertamento Concentrazione della riscossione nell accertamento Art. 29 D.L. 31 maggio 2010 n. 78 convertito con Legge 30 luglio 2010, n. 122 e successive modificazioni L ambito oggettivo Periodi di imposta interessati

Dettagli

Controllo Formale delle Dichiarazioni 730/2015. Roma, 30 novembre 2017

Controllo Formale delle Dichiarazioni 730/2015. Roma, 30 novembre 2017 Controllo Formale delle Dichiarazioni 730/2015 Roma, 30 novembre 2017 1 NOVITÀ CONTROLLO FORMALE 730/2015 Il decreto legislativo n. 175/2014, parallelamente all introduzione della dichiarazione precompilata,

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA DIPARTIMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO SERVIZIO ICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI

COMUNE DI VERBANIA DIPARTIMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO SERVIZIO ICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI COMUNE DI VERBANIA DIPARTIMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO SERVIZIO ICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

Anno 2014 N. RF225. La Nuova Redazione Fiscale AVVISI BONARI - MODALITÀ DI PAGAMENTO E REGIME SANZIONATORIO

Anno 2014 N. RF225. La Nuova Redazione Fiscale AVVISI BONARI - MODALITÀ DI PAGAMENTO E REGIME SANZIONATORIO Anno 2014 N. RF225 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 11 OGGETTO RIFERIMENTI AVVISI BONARI - MODALITÀ DI PAGAMENTO E REGIME SANZIONATORIO ART. 36-BIS e TER DPR 600/73;

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. n. 91828 Attuazione dell articolo 1, commi da 634 a 636, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 Comunicazioni per la promozione dell adempimento spontaneo riferite a più categorie reddituali. IL DIRETTORE

Dettagli

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI NUOVE POSSIBILITA DI AVVALERSI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 E NOVITA DEGLI ISTITUTI DEFLATTIVI DAL 2016 (Art. 1, commi 637-640 Legge di Stabilità 2015) Forlì, 25 febbraio 2015

Dettagli

Indicazioni Controlli formali ex art. 36 ter

Indicazioni Controlli formali ex art. 36 ter Indicazioni Controlli formali ex art. 36 ter 1.PREMESSA Ogni modello 730 inviato dal Caf, è soggetto al Visto di Conformità, ovvero l intermediario (Caf) certifica che i dati inseriti in dichiarazione

Dettagli

COMPENSAZIONE SANZIONI/IMPOSTA A CREDITO IN CASO DI ERRORE NELLA COMPETENZA TEMPORALE. Dott. Lelio Cacciapaglia

COMPENSAZIONE SANZIONI/IMPOSTA A CREDITO IN CASO DI ERRORE NELLA COMPETENZA TEMPORALE. Dott. Lelio Cacciapaglia COMPENSAZIONE SANZIONI/IMPOSTA A CREDITO IN CASO DI ERRORE NELLA COMPETENZA TEMPORALE Dott. Lelio Cacciapaglia COMPENSAZIONE SANZIONI/IMPOSTA A CREDITO DI COSA PARLIAMO NON deducibilità di un componente

Dettagli

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 agosto 2002

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 agosto 2002 CIRCOLARE N. 67/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 agosto 2002 Ufficio Registro e altri Tributi Indiretti Oggetto: imposta di bollo su domande, denunce e atti che le accompagnano, presentate

Dettagli

PRASSI E GIURISPRUDENZA

PRASSI E GIURISPRUDENZA NEWSLETTER 16/2016 Corato, 25 ottobre 2016 SOMMARIO 1 PRASSI E GIURISPRUDENZA D.lgs. 18 dicembre 1997 n. 472; Legge di Stabilità per il 2015 del 23 dicembre 2014 n. 190; D.lgs. 24 settembre 2015 n. 158;

Dettagli

Trasmissione telematica fatture e corrispettivi - Comunicazioni trimestrali IVA

Trasmissione telematica fatture e corrispettivi - Comunicazioni trimestrali IVA Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, Coordinatore scientifico MAP) Trasmissione telematica fatture e corrispettivi - Comunicazioni trimestrali IVA 1 Fatturazione elettronica e trasmissione telematica

Dettagli

Studio Vangi Francesco

Studio Vangi Francesco Studio Vangi Francesco Informativa n. 34 del 1 ottobre 2010 La manovra correttiva (DL 31.5.2010 n. 78 convertito nella L. 30.7.2010 n. 122) - Novità in materia di compensazione in presenza di imposte iscritte

Dettagli

DATI ICI 2006 RICHIESTI NEL MODELLO 730/2007

DATI ICI 2006 RICHIESTI NEL MODELLO 730/2007 Servizio INFORMATIVA 730 INFORMATIVA N. 26 Prot. 2974 DATA 10.04.2007 Settore: Oggetto: Riferimenti: IMPOSTE SUI REDDITI ICI dovuta per il 2006 e possibilità di ravvedimento operoso D.L. n. 223/2006; Modello

Dettagli

MARCO BODO I NUOVI ACCERTAMENTI ESECUTIVI

MARCO BODO I NUOVI ACCERTAMENTI ESECUTIVI MARCO BODO I NUOVI ACCERTAMENTI ESECUTIVI SOMMARIO: 1. Premessa 2. Ambito di applicazione 3. Decorrenza 4. Somme e termini per il versamento 5. La riscossione coattiva e la sospensione dell esecuzione

Dettagli

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate STUDIO PULIANI VIA F.TURATI 10 01016 TARQUINIA (VT) 0039 0766 / 845157 FAX 0766/848558 WWW. STUDIOPULIANI.COM 1 PREMESSA L Agenzia delle Entrate,

Dettagli

AudiTaxLegal Co r p o r a t e & L e g a l A d v i s o r s

AudiTaxLegal Co r p o r a t e & L e g a l A d v i s o r s LE SCADENZE verde: scadenze confermate, blu: novità del 2017 16 GENNAIO 29 GENNAIO (slitta a lunedì 30) Modello integrativo Unico 2016 o Irap 2016 / Modifica del rimborso in credito d imposta I contribuenti,

Dettagli

RAVVEDIMENTO DEI MODELLI DICHIARATIVI

RAVVEDIMENTO DEI MODELLI DICHIARATIVI RAVVEDIMENTO DEI MODELLI DICHIARATIVI 1. Ravvedimento operoso - Generalità 2. Ravvedimento operoso e sanzioni minime applicabili per i più comuni errori dichiarativi 3. Chiarimenti dell'agenzia delle Entrate

Dettagli

IL PROCESSO TRIBUTARIO. Gli atti impugnabili. Prof. Avv. Francesco Tesauro

IL PROCESSO TRIBUTARIO. Gli atti impugnabili. Prof. Avv. Francesco Tesauro IL PROCESSO TRIBUTARIO Gli atti impugnabili Prof. Avv. Francesco Tesauro 1) Cass. civ., sez. trib., 08-10-2007, n. 21045 L elencazione degli «atti impugnabili», pur dovendosi considerare tassativa, va

Dettagli

RAVVEDIMENTO e ISTITUTI DEFLATIVI NUOVA MISURA delle SANZIONI RIDOTTE ACCERTAMENTO NOVITÀ

RAVVEDIMENTO e ISTITUTI DEFLATIVI NUOVA MISURA delle SANZIONI RIDOTTE ACCERTAMENTO NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 8/2011 del 10 marzo 2011 RAVVEDIMENTO e ISTITUTI DEFLATIVI NUOVA MISURA delle SANZIONI RIDOTTE ACCERTAMENTO NOVITÀ In questa Circolare 1. Ravvedimento operoso

Dettagli