REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali"

Transcript

1 AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali Approvato dal Comitato dei Sindaci con delibera n. 22 in data 11 dicembre 2006 e nr. 03 del e integrato con Delibera n 14 del 06/09/2011. Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

2 SOMMARIO Art. 1 OGGETTO E FINALITA pagina _3_ Art. 2 SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI E STRUTTURE SOGGETTE ALL AUTORIZZAZIONE E ALL ACCREDITAMENTO pagina _3_ Art. 3 REQUISITI MINIMI DEI SERVIZI SOCIO ASSISTEN ZIALI, STRUTTURALI E AMBIENTALI pagina _4_ Art. 4 REQUISITI MINIMI ORGANIZZATIVI pagina _6_ Art. 5 AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO ED ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE pagina _7_ Art. 6 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONA MENTO E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE pagina _9_ Art. 7 RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONA MENTO E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE pagina_10_ Art. 8 RICHIESTA DI RIESAME pagina_11_ Art. 9 REGISTRI DELLE AUTORIZZAZIONI AL FUNZIONA MENTO E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE pagina_11_ Art.10 ATTIVITA DI VIGILANZA E MONITORAGGIO pagina _12_ Art.11 DIFFIDA ALLA REGOLARIZZAZIONE pagina _12_ Art.12 REVOCA DELL AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONA MENTO E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTUR E pagina _12_ Art.13 ACCREDIATMENTO ISTITUZIONALE DEI SOGGET TI EROGATORI DI SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI pagina _13_ Art.14 PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO pagina _14_ Art.15 RILASCIO DI ACCREDITAMENTO AI SOGGETTI EROGATORI DI SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI pagina _15_ Art.16 RICHIESTA DI RIESAME pagina _15_ Art.17 MANTENIMENTO DELL ACCREDITAMENTO pagina _16_ Art.18 ALBO DEI SOGGETTI ACCREDITATI pagina _16_ Art.19 ATTIVITA DI VIGILANZA E MONITORAGGIO pagina _16_ Art.20 DIFFIDA ALLA REGOLARIZZAZIONE pagina _17_ Art.21 REVOCA DELL ACCREDITAMENTO E CANCELLAZIONE DALL ALBO pagina _17_ Art.22 NORME FINALI pagina _17_ Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

3 REGOLAMENTO Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente Regolamento fissa i requisiti minimi strutturali ed organizzativi per l autorizzazione all esercizio dei Servizi sociali e delle strutture a ciclo diurno e residenziali di cui alla Legge 8 novembre 2000 n. 328, alla Legge Regionale 7 gennaio 2000 n. 1, al Piano Socio Assistenziale Regionale 2004/2006 approvato con Deliberazione del Consiglio Regionale del Molise 12 novembre 2004 n. 251 e alla Direttiva Regionale del Molise in materia di autorizzazione e accreditamento dei servizi e delle strutture approvata con Deliberazione della Giunta Regionale 6 marzo 2006 n Il presente Regolamento disciplina altresì l erogazione dei servizi socio assistenziali previsti dal Piano Socio Assistenziale 2004/2007 della Regione Molise e dal Piano Sociale di Zona di Agnone attraverso l accreditamento dei soggetti erogatori dei servizi socio assistenziali. 3. Il Regolamento viene recepito ed adottato da tutti i Comuni dell ambito territoriale di Agnone e, previa deliberazione di Giunta municipale ai sensi della Legge 8 novembre 2000, n. 328, viene esteso ed applicato per l affidamento di tutti i servizi socio assistenziali, anche derivanti da risorse finanziarie e fondi comunali. Art. 2 (Servizi socio assistenziali e strutture soggette all autorizzazione al funzionamento e all accreditamento) 1. Il presente Regolamento è emanato in attuazione dell articolo 21 della legge regionale 7 gennaio 2000, n. 1, e successive modificazioni, recante "Riordino della attività socio assistenziali e istituzione di un sistema di protezione sociale e dei diritti sociali di cittadinanza, del Piano Socio Assistenziale Regionale 2004/2006 approvato con Deliberazione del Consiglio Regionale del Molise 12 novembre 2004 n. 251, della Direttiva in materia di Autorizzazione e Accreditamento dei Servizi e delle Strutture approvata con Deliberazione della Giunta Regionale del Molise 6 marzo 2006 n.203 e si applica ai servizi socio assistenziali, alle strutture a carattere residenziali e semiresidenziali, sia pubbliche che private, gestite dai soggetti di cui all art. 19 della suddetta legge e all articolo 1, comma quarto, della Legge 8 novembre 2000 n Sono soggette all autorizzazione al funzionamento e all accreditamento di cui all art. 2 i servizi socio assistenziali e le strutture gestite da soggetti pubblici e privati che operano in una o più delle seguenti aree di intervento a favore di singoli utenti o di nuclei familiari o di convivenza: a) Minori. b) Adulti. c) Persone con difficoltà fisiche, psichiche e sensoriali.

4 Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento d) Anziani. e) Immigrati. 3. Nel presente Regolamento sono fissati i requisiti minimi strutturali, organizzativi e di gestione dei servizi socio assistenziali, delle strutture a ciclo residenziale e semiresidenziali. Tali requisiti si applicano ai servizi socio assistenziali da affidare, alle Strutture di nuova realizzazione o di nuova destinazione, nonché ai servizi e strutture già esistenti o in fase di riorganizzazione o ristrutturazione. 4. Entro 30 (trenta) giorni dall entrata in vigore del presente Regolamento, il Comitato dei Sindaci dell ambito territoriale di Agnone, approva un "Catalogo delle tipologie di servizio" (di seguito chiamato "Catalogo") contenente elementi tecnici distinti per aree tematiche di intervento e per singole tipologie di servizio. Il Catalogo costituisce strumento tecnico utilizzato dalla Commissione di cui al successivo art. 7, comma 1 (di seguito chiamata "Commissione"). 5. Il Catalogo non ha carattere rigido ed esaustivo: previo parere della Commissione, possono essere aggiunte nuove tipologie di servizio in attuazione del Piano Sociale di Zona di Agnone che potrà essere rimodulato entro il 31 marzo successivo all anno di esercizio, purché finalizzate a rispondere a bisogni sociali specifici e dettagliatamente descritti, ferma la fissazione di idonei requisiti minimi strutturali ed organizzativi, di cui ai successivi articoli 2 e Sentita la Commissione, i soggetti del terzo settore che gestiscono i servizi socio assistenziali e le strutture, possono creare un sistema integrato di servizi per utenti tramite la realizzazione di prestazioni ben definite, sulla base di progetti educativi o assistenziali personalizzati. Art. 3 (Requisiti minimi dei servizi socio assistenziali, strutturali e ambientali) 1. Gli interventi Socio Assistenziali sono quelli definiti dal Piano Socio Assistenziale 2004/2006 della Regione Molise e dal Piano Sociale di Zona di Agnone e sono indirizzati a: a) Minori e prima infanzia, per interventi socio assistenziali ed educativi integrativi o sostitutivi della famiglia, in ambito domiciliare e in strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale; b) Diversamente Abili per interventi socio assistenziali e socio sanitari finalizzati al mantenimento e al recupero dei livelli di autonomia della persona e al sostegno della famiglia, ambito domiciliare e in strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale; c) Anziani per interventi socio assistenziali e socio sanitari, finalizzati al mantenimento e al recupero delle residue capacità di autonomia della persona e al sostegno della famiglia, in ambito domiciliare e in strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale; Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

5 d) Adulti con problematiche psico sociali che necessitano di assistenza continua a sostegno della famiglia, o per le quali la permanenza nel nucleo familiare sia temporaneamente e definitivamente o contrastante con il progetto individuale, in ambito domiciliare e in strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale. 2. Le strutture di cui alle precedenti lettere b) e c), che prevedano di erogare anche prestazioni socio sanitarie sono autorizzate in conformità alle disposizioni di cui all art. 8 ter del D.Lgs. 30 dicembre 1992 n. 502 e successive modificazioni, nonché secondo gli indirizzi regionali in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie e socio sanitarie. 3. Le strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale (Comunità Alloggio, Case di Riposo, Residenze Protette, Centri Diurni, Centri di Accoglienza, Centri Sociali) definite dal Piano Socio Assistenziale 2004/2006 della Regione Molise devono avere caratteristiche edilizie ed ambientali conformi alle vigenti normative Statali e Regionali da applicarsi in ragione delle specifiche caratteristiche delle tipologie di servizio incluse nel Catalogo - in materia di: a) Igiene pubblica (con particolare riferimento alla produzione degli alimenti ed alla salubrità dei locali); b) Prevenzione dagli incendi e gestione delle emergenze; c) Sicurezza degli impianti; d) Eliminazione delle barriere architettoniche in relazione alle caratteristiche dell utenza; e) Igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro; f) Smaltimento dei rifiuti; g) Contenimento dell inquinamento acustico; h) Contenimento dei consumi energetici. 2. In particolare, le strutture devono essere conformi a quanto previsto nei regolamenti edilizi e di igiene comunali. 3. Al fine di garantire il benessere psico-fisico degli ospiti, la sistemazione degli spazi all interno delle strutture deve: a) Favorire la socializzazione degli utenti tra loro e con le persone coinvolte nelle attività di erogazione del servizio; b) Garantire il rispetto della discrezione e della riservatezza dell utente; c) Offrire spazi e arredi minimi per il riposo, la pausa e il rilassamento personale; d) Garantire, nell insieme, buone condizioni di vivibilità, anche attraverso la dotazione di arredi idonei e tecnologie appropriate.

6 Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento 4. Le strutture devono essere ubicate preferibilmente in centro abitato, o comunque in zona facilmente accessibile e raggiungibili con l uso di mezzi pubblici, in funzione delle esigenze degli ospiti di intrattenere un adeguato contatto ed uno scambio relazionale con l ambiente sociale esterno. 5. Le strutture di nuova costruzione e quelle di nuova destinazione devono essere dotate, nella misura del possibile, di spazi esterni adibiti a verde o ad attività complementari. Tali dotazioni possono essere sostituite con l utilizzo di spazi pubblici attrezzati e idonei al tipo di attività programmata. Art. 4 (Requisiti minimi organizzativi) 1. L accreditamento delle strutture e dei servizi socio assistenziali è vincolato dai requisiti organizzativi che i soggetti gestori ed erogatori dei relativi servizi devono possedere all atto dell istanza per l accreditamento e descrivere modelli organizzativi adottati, in relazione alle specifiche tipologie di servizi erogati, precisamente: a) La sede operativa nell ambito territoriale della Regione Molise ; b) L iscrizione all Albo Regionale di settore del Molise; c) Le finalità del servizio erogato o da erogare ("missione"); d) La gestione di almeno 3 (tre) servizi svolti nell ambito territoriale della Regione Molise a carattere socio assistenziale, sanitario e/o residenziale ; e) Il modello organizzativo adottato, indicando la distribuzione di responsabilità organizzative e gestionali, le persone cui tali responsabilità sono attribuite, nonché le forme di coordinamento dell attività degli operatori sociali; f) Il numero e la funzione dei soci lavoratori e lavoratori dipendenti, in applicazione dei contratti di lavoro collettivi e dei relativi accordi integrativi, e di eventuali altre collaborazioni professionali; g) La consistenza ed il ruolo svolto dal volontariato e/o del servizio civile nazionale; h) L esistenza di modalità di programmazione, progettazione e personalizzazione dei servizi in risposta ai bisogni degli utenti, nonché la valutazione relativa al conseguimento dei risultati; i) L esistenza di procedure di accesso ai servizi sociali e all ammissione/dimissione degli utenti nelle strutture; Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

7 l) Lo svolgimento di un lavoro di rete che favorisca l interazione con la famiglia d origine, le agenzie territoriali, le reti sociali formali ed informali; m) Le fonti di finanziamento previste per il funzionamento dei servizi e delle strutture; n) Le misure a garanzia dei diritti di informazione e partecipazione degli utenti; o) L adozione del registro degli ospiti; p) L organizzazione delle attività nel rispetto dei normali ritmi di vita degli utenti. r) Il sistema di controllo e valutazione dell impresa sociale; r) L adozione della Carta dei Servizi Sociali; 2. I soggetti erogatori dei servizi e gestori delle strutture si devono avvalere di personale con competenze professionali di natura socio-educativa e socio-assistenziale, in possesso di idoneo titolo legalmente riconosciuto, in relazione all esigenza di risposta differenziata e specifica ai bisogni degli utenti così come determinato dal Piano Socio Assistenziale 2004/2006 della Regione Molise. 3. I soggetti erogatori dei servizi e gestori delle strutture devono provvedere, inoltre, all aggiornamento degli operatori sociali e rilevano i fabbisogni di formazione sia per gli operatori sociali sia per i volontari che concorrono all attività dei servizi sociali attraverso due livelli formativi: riqualificazione e aggiornamento. Art. 5 (Autorizzazione al funzionamento ed accreditamento delle strutture) 1. L autorizzazione all apertura ed al funzionamento delle strutture a carattere residenziale e semiresidenziali sia pubbliche che private di cui al Piano Socio Assistenziale 2004/2006 della Regione Molise e della Direttiva in materia di Autorizzazione e Accreditamento dei Servizi e delle Strutture approvata con Deliberazione della Giunta Regionale del Molise 6 marzo 2006 n. 203, è obbligatoria indipendentemente dalla natura dei fini perseguiti, anche in caso di modifiche della struttura. 2. Il rilascio dell autorizzazione al funzionamento ed accreditamento delle strutture è di competenza dei Comuni ricadenti nell ambito territoriale di Agnone nel cui territorio è ubicata la struttura che offre il servizio. L accreditamento delle strutture è condizione essenziale per erogare servizi socio assistenziali il cui costo resta a carico del servizio pubblico 3. Il Comune, nel corso della procedura per il rilascio del provvedimento di autorizzazione al funzionamento e di accreditamento di nuove strutture e delle successive eventuali modifiche e revoche, accerta il possesso dei requisiti prescritti dal presente Regolamento. Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

8 4. Le strutture e i relativi servizi già operanti alla data di pubblicazione della Direttiva Regionale 203/2006 avvenuta in data 01 aprile 2006, devono adeguarsi ai requisiti organizzativi, funzionali e strutturali previsti. Il termine fissato per l adeguamento delle strutture già esistenti è di 5 (cinque) anni a decorrere dalla pubblicazione della Direttiva Regionale sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise e precisamente dal 01 aprile Il Comune per le strutture già autorizzate ed accreditate procede alla verifica dei requisiti di cui al presente Regolamento, qualora accerti la non conformità ai previsti requisiti, emette provvedimento di autorizzazione provvisoria al funzionamento e di accreditamento fissando il termine di 5 (cinque) anni per l adeguamento della struttura a decorrere dalla data di pubblicazione sul BURM della Direttiva Regionale n. 203/2006 e precisamente dal 01 aprile Il Comune per le nuove strutture procede alla verifica dei requisiti di cui al presente Regolamento, qualora accerti la non conformità ai previsti requisiti, prima di emettere provvedimento di diniego, deve darne comunicazione al legale rappresentante del soggetto gestore della struttura, ovvero al titolare del servizio, e fissa il termine di 30 (trenta) giorni per presentare elementi e/o documenti integrativi. Se permane allo scadere dei 30 (trenta) giorni la situazione di difetto, il Comune comunica al legale rappresentante del soggetto gestore, ovvero al titolare del servizio, il diniego di autorizzazione al funzionamento e di accreditamento della struttura. 7. Nel caso in cui il soggetto gestore di una struttura già autorizzata al funzionamento ed accreditata, ovvero il titolare del servizio, intenda apportare modifiche strutturali che comportino variazioni sostanziali prima dei 5 (cinque) anni previsti, valgono le seguenti indicazioni: Modifiche strutturali: il soggetto gestore della struttura ovvero il titolare del servizio, è tenuto ad integrare la documentazione già in possesso del Comune dichiarando con le modalità di cui al DPR 445/2000, che le variazioni non comportano modificazioni nell autorizzazione al funzionamento già in possesso. Il Comune procede alle opportune verifiche e, in caso di difformità assume provvedimenti conseguenti. Modifiche della capacità ricettiva: il soggetto gestore della struttura ovvero il titolare del servizio, che per effetto di modifiche strutturali o per scelta, dovesse variare la capacità ricettiva (in aumento o in diminuzione) deve richiedere al Comune competente per territorio una nuova autorizzazione al funzionamento, dichiarando con le modalità di cui al DPR 445/2000 la validità dei documenti già in possesso del Comune ovvero di quelli modificati. Il Comune procede alle opportune verifiche e rilascia una nuova autorizzazione al funzionamento della struttura e relativi servizi. 8. Nel caso di sospensione dell attività, il legale rappresentante del soggetto gestore, ovvero il titolare del servizio, è tenuto a darne tempestiva comunicazione motivata al Comune che ha rilasciato l autorizzazione al funzionamento e l accreditamento. La sospensione dell attività, qualora si protragga per più di 6 (sei) mesi continuativi, comporta la decadenza dell autorizzazione al funzionamento e dell accreditamento della struttura. Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

9 Art. 6 (Domanda di autorizzazione al funzionamento e accreditamento delle strutture) 1. La domanda per il rilascio dell autorizzazione al funzionamento e accreditamento della struttura, sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto gestore, ovvero del titolare del servizio, indirizzata al Comune nel cui territorio è ubicata la struttura, deve essere corredata dalla seguente documentazione: a) Estremi anagrafici del legale rappresentante del soggetto gestore, ovvero del titolare del servizio, e del coordinatore della struttura; b) Certificato del casellario giudiziario e certificato antimafia del legale rappresentante, ovvero del titolare del servizio, e del Coordinatore della struttura; c) Sede legale ed operativa della persona giuridica del soggetto gestore; d) Copia dell atto costitutivo della persona giuridica del soggetto gestore; e) Copia dello statuto della persona giuridica del soggetto gestore; f) Regolamento Interno delle Società Cooperative Sociali, ai sensi della Legge 142/01, con relativo documento attestante l avvenuto deposito dello stesso presso la direzione provinciale del lavoro; g) Dichiarazione del legale rappresentante del soggetto gestore, ovvero del titolare del servizio sulla ubicazione della struttura; h) Relazione descrittiva dei servizi offerti, contenente l indicazione del numero degli utenti che la struttura può accogliere e la dotazione organica del personale e delle relative qualifiche e funzioni; i) Piano economico e finanziario dell attività; j) Documentazione attestante la proprietà, il possesso o la detenzione della struttura; k) Copia della planimetria dei locali con indicazione delle destinazioni d uso, nonché degli eventuali spazi verdi annessi vistate da tecnico abilitato; l) Certificato di agibilità ed abitabilità; m) Certificato di idoneità igienico-sanitaria; n) Certificato di prevenzione incendi per le attività soggette; o) Certificazione di conformità degli impianti ai sensi della legge 46/90; p) Autorizzazione sanitaria prevista dalla normativa vigente in materia di somministrazione di cibi e bevande; Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

10 q) Relazione di un tecnico abilitato sullo stato delle barriere architettoniche della struttura e delle sue pertinenze, ai sensi del D.P.R. 503/96; r) Dichiarazione del legale rappresentante del soggetto gestore con le modalità di cui al DPR 445/2000, relativa alla nomina del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione ai sensi del D.lgs. 626/94 e alla nomina del Responsabile sulla Privacy ai sensi del D.Lgs. 196/203; s) Ogni altro documento ritenuto utile dal Comune. 2. Qualora l impresa sociale gestisca più strutture dovrà presentare un unica domanda corredata dai documenti suddetti riferiti ad ogni struttura, ad esclusione delle lettere a), b), c), d), e), f). Art. 7 (Rilascio dell autorizzazione al funzionamento e accreditamento delle strutture) 1. Il Comune esercita le funzioni amministrative concernenti il rilascio dell autorizzazione al funzionamento e accreditamento della struttura in collaborazione con i servizi dell ASREM - Zona di Agnone per quanto di loro competenza. A tal fine può essere costituita un apposita Commissione Interdisciplinare d ambito che ha competenze per l ambito territoriale di Agnone. 2. La commissione interdisciplinare viene istituita con deliberazione del Comitato dei Sindaci ed è composta da funzionari e tecnici competenti nelle materie di pertinenza. L eventuale costo dei componenti della commissionane è a carico dei Comuni ricadenti nell ambito territoriale di Agnone in proporzione alla popolazione residente nei singoli Comuni. 3. Il Comune istruisce la pratica del soggetto richiedente secondo l ordine cronologico di ricevimento dell istanza attestata dal protocollo del Comune, raccoglie i dati e le informazioni relative al possesso dei requisiti previsti dal presente regolamento e, previo parere della Commissione, provvede al rilascio dell autorizzazione al funzionamento ovvero al diniego dell autorizzazione stessa, entro 60 (sessanta) giorni dal ricevimento della domanda e della relativa documentazione. 4. Il Comune richiede l integrazione della documentazione prevista dall art. 6 del presente Regolamento in caso di documentazione incompleta che deve essere presentata dal legale rappresentante del soggetto gestore, ovvero dal titolare del servizio, entro il termine di 30 (trenta) giorni dalla notifica del Comune. Decorso il tempo di 30 (trenta) giorni la pratica viene archiviata e il Comune comunica il diniego dell autorizzazione al funzionamento e accreditamento della struttura. 5. Entro il termine di 6 (sei) mesi dall adozione del presente Regolamento da parte dell ambito territoriale di Agnone e dopo pubblicazione di apposito avviso da parte dei Comuni, i soggetti gestori di strutture a carattere residenziale e semiresidenziale operanti, devono presentare domanda, con le modalità di cui all art. 6, al fine di ottenere l autorizzazione al funzionamento e accreditamento della struttura. Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

11 6. Il Comune, così come dettato dell art. 5, comma sesto, del presente Regolamento, in mancanza dei requisiti prescritti dal presente atto amministrativo, rilascia l autorizzazione provvisoria al funzionamento e accreditamento provvisorio, accompagnato da un programma di adeguamento, contenente, caso per caso, le misure idonee e i processi di adeguamento, nonché il termine per l adeguamento, concordato con il Comune e l eventuale commissione interdisciplinare. Art. 8 (Richiesta di riesame) 1. Prima dell adozione del provvedimento di diniego dell autorizzazione al funzionamento e accreditamento della struttura, il legale rappresentante del soggetto gestore, ovvero il titolare del servizio, opportunamente informato, può presentare nuovi motivi ed elementi integrativi ai fini del riesame da parte del Comune. Avvalendosi della Commissione interdisciplinare, il Comune adotta entro 30 (trenta) giorni il provvedimento definitivo. L istanza del riesame da parte del soggetto gestore della struttura sospende i termini di cui all art. 7, comma terzo, del presente Regolamento. Art. 9 (Registri delle autorizzazioni al funzionamento e accreditamento delle strutture) 1. Il Comune capofila dell ambito territoriale di Agnone istituisce appositi registri dove sono iscritte le strutture autorizzate al funzionamento ed accreditate, ubicate nei Comuni ricadenti nell ambito territoriale. I registri sono istituiti per aree tematiche definite dal Piano Socio Assistenziale 2004/2006 della Regione Molise e dal Piano Sociale di Zona di Agnone. 2. I Comuni competenti dell ambito territoriale di Agnone che rilasciano l autorizzazione al funzionamento e l accreditamento delle strutture devono darne comunicazione, entro 15 (quindici) giorni dall emissione del provvedimento, al Comune capofila dell ambito che a sua volta provvede ad iscrivere le strutture autorizzate ed accreditate negli appositi registri. 3. La revoca dell autorizzazione al funzionamento e accreditamento delle strutture determina la cancellazione delle strutture dai rispettivi registri d ambito, l ordinanza di chiusura della struttura medesima da parte dei Comuni ed immediata sospensione dei relativi servizi. 4. Il Comune capofila comunica alla Regione Molise, Assessorato alle Politiche Sociale Servizio Promozione e Tutela Sociale - l elenco delle strutture autorizzate al funzionamento e accreditate. Comunica altresì con tempestività gli aggiornamenti dei registri nel caso di nuove autorizzazioni al funzionamento e revoche delle stesse. Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

12 Art. 10 (Attività di vigilanza e monitoraggio) 1. L attività di vigilanza, monitoraggio e verifica delle strutture autorizzate al funzionamento e accreditate è svolta dall Ufficio di Piano dell ambito territoriale di Agnone. 2. La vigilanza è finalizzata a verificare la permanenza dei requisiti minimi in base ai quali è stata rilasciata l autorizzazione al funzionamento e accreditamento delle strutture e l adeguamento ad eventuali norme intervenute successivamente. 3. Nell esercizio delle proprie competenze l Ufficio di Piano effettua visite ordinarie periodiche, ed eventualmente visite straordinarie a tutte le strutture autorizzate al funzionamento e accreditate. Art. 11 (Diffida alla regolarizzazione) 1. Il Comune notifica al soggetto gestore della struttura autorizzata al funzionamento e accreditata, ovvero al titolare del servizio, un provvedimento di diffida, assegnando le prescrizioni e il termine di regolarizzazione, qualora l Ufficio di Piano il venir meno dei requisiti minimi strutturali o violazioni che comportano pregiudizio per gli utenti. 2. Diffida, altresì, il titolare dell autorizzazione e accreditamento provvisorio qualora non vengano rispettati i termini previsti dall art. 7, comma sesto, del presente regolamento. Art. 12 (Revoca dell autorizzazione al funzionamento e accreditamento delle strutture) 1. Il Comune revoca l autorizzazione al funzionamento e l accreditamento delle strutture, quando, dopo aver diffidato il soggetto gestore della struttura, ovvero il titolare del servizio per i motivi di cui all art. 11, accerti il mancato adeguamento nel termine assegnato. 2. Fatte salve eventuali responsabilità penali, l autorizzazione al funzionamento e l accreditamento della struttura sono revocati, altresì, per gravi motivi di erogazione dei servizi o gravi violazioni di legge che comportano rilevanti pregiudizi per gli utenti e gli operatori sociali. 3. La revoca dell autorizzazione al funzionamento e l accreditamento della struttura, comporta la cancellazione immediata dal rispettivo registro d ambito delle autorizzazioni al funzionamento e accreditamento delle strutture da parte del Comune capofila dell ambito territoriale di Agnone, con la conseguente ordinanza di chiusura della struttura e la sospensione dei servizi del Comune competente. La revoca dell autorizzazione al funzionamento e accreditamento della struttura comporta l immediata comunicazione alla Regione Molise, Assessorato alle Politiche Sociale Servizio Promozione e Tutela Sociale che attiva le procedure di rito. Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

13 Art. 13 (Accreditamento istituzionale dei soggetti erogatori di servizi socio assistenziali) 1. L accreditamento istituzionale concorre al miglioramento della qualità del sistema socio assistenziale garantendo ai cittadini adeguati livelli quantitativi e qualitativi delle prestazioni erogate per conto di enti pubblici e privati nell ambito degli interventi cui alla Legge 8 novembre 2000 n. 328, dal Piano Socio Assistenziale 2004/2006 della Regione Molise e dal Piano Sociale di Zona dell ambito territoriale di Agnone. 2. L accreditamento istituzionale, disposto dal Comune capofila dell ambito territoriale per effetto della forma associata con gli altri Comuni ricadenti nell ambito territoriale, viene concesso ai soggetti a carattere non lucrativo di cui alla Legge 328/2000 che ne facciano richiesta, subordinatamente alla sussistenza dei requisiti di cui all art. 14 del presente Regolamento. 3. L accreditamento è condizione essenziale per erogare prestazioni socio assistenziali con il sistema della convenzione con enti pubblici. Possono presentare istanza di accreditamento anche soggetti che erogano servizi socio assistenziali in forma privata. 4. Il Comune capofila dell ambito territoriale istituisce l Albo dei Soggetti Accreditati per l affidamento dei servi socio assistenziali previsti dal Piano Socio Assistenziale 2004/2006 della Regione Molise e del Paino Sociale di Zona di Agnone. 5. Il Comune capofila dell ambito territoriale, per l affidamento dei servizi di cui al comma precedente, adotterà le procedure di affidamento di cui al D.Lgs 12/04/2006 n 163 e s.m.i., ovvero assegnerà i servizi ai soggetti accreditati secondo le modalità disciplinate nel presente Regolamento, sulla base delle richieste degli utenti. Art. 14 (Procedura di Accreditamento) 1. Al fine di ottenere l iscrizione all Albo dei Soggetti Accreditati, il legale rappresentante del soggetto erogatore di servizi socio assistenziali, verificato il Catalogo dei servizi, presenta al Comune capofila dell ambito territoriale di Agnone, domanda in carta legale corredata dalla seguente documentazione, in ragione delle caratteristiche organizzative delle singole tipologie di servizio definite dal Catalogo dei servizi: a) La sede operativa nell ambito territoriale della Regione Molise ; b) L iscrizione all Albo Regionale di settore del Molise; Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

14 c) Atto relativo alla natura giuridica del soggetto erogatore di servizi socio assistenziali; d) Copia dello Statuto; e) Regolamento Interno ai sensi della Legge 142/2001, per le Cooperativa Sociali; j) Le finalità dei servizi socio assistenziali da erogare ("missione"); k) Solidità economica e finanziaria; l) La gestione di almeno 3 (tre) servizi svolti nell ambito territoriale della Regione Molise a carattere socio assistenziale, sanitario e/o residenziale; m) Il modello organizzativo adottato, indicando la distribuzione di responsabilità organizzative e gestionali, le persone cui tali responsabilità sono attribuite, nonché le forme di coordinamento dell attività degli operatori sociali; n) Il numero e la funzione dei soci lavoratori e lavoratori dipendenti, in applicazione dei contratti di lavoro collettivi e dei relativi accordi integrativi, e di eventuali altre collaborazioni professionali; o) La regolarità con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali ed assistenziali a favori dei propri lavoratori e/o collaboratori; p) La regolarità con il pagamento delle imposte e delle tasse; q) La regolarità con le revisioni annuali da parte del Ministero delle Attività Produttive; r) L esperienza documentata dei servizi socio assistenziali di cui al Catalogo dei servizi, oggetto di accreditamento; s) La consistenza ed il ruolo svolto dal volontariato e/o del servizio civile nazionale; t) L esistenza di un sistema valutazione interna relativa al conseguimento dei risultati. u) Dichiarazione del legale rappresentante del soggetto gestore con le modalità di cui al DPR 445/2000, relativa alla nomina del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione ai sensi del D.lgs. 626/94 e alla nomina del Responsabile sulla Privacy ai sensi del D.Lgs. 196/2003; v) Ogni altro documento ritenuto utile dal Comune. Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

15 Art. 15 (Rilascio di accreditamento ai soggetti erogatori di servizi socio assistenziali) 1. Il Comune capofila esercita le funzioni amministrative concernenti il rilascio dell accreditamento dei soggetti erogatori dei servizi socio assistenziali in collaborazione con i servizi dell ASREM - Zona di Agnone per quanto di loro competenza. 2. Il Comune capofila istruisce la pratica del soggetto richiedente secondo l ordine cronologico di ricevimento dell istanza attestata dal protocollo del Comune capofila, raccoglie i dati e le informazioni relative al possesso dei requisiti previsti dal presente regolamento e, previo parere della Commissione Interdisciplinare di cui all art. 7, comma primo e secondo del presente Regolamento, provvede al rilascio di accreditamento del soggetto erogatore dei servizi socio assistenziali ovvero al diniego dell accreditamento stesso, entro 60 (sessanta) giorni dal ricevimento della domanda e della relativa documentazione. 4. Il Comune capofila richiede l integrazione della documentazione prevista dall art. 14 del presente Regolamento in caso di documentazione incompleta che deve essere presentata dal legale rappresentante del soggetto interessato, entro il termine di 30 (trenta) giorni dalla notifica del Comune capofila. Decorso il tempo di 30 (trenta) giorni la pratica viene archiviata e il Comune capofila comunica il diniego dell accreditamento. 5. Entro il termine di 2 (due) mesi dall approvazione del presente Regolamento da parte del Comitato dei Sindaci dell ambito territoriale di Agnone e dopo pubblicazione di apposito avviso da parte del Comune capofila e dei Comuni ricadenti nell ambito territoriali, i soggetti erogatori di servizi socio assistenziali, devono presentare domanda con modalità di cui all art. 14, al fine di ottenere l accreditamento e l iscrizione all Albo dei Soggetti Accreditati. Art. 16 (Richiesta di riesame) 1. Prima dell adozione del provvedimento di diniego dell accreditamento, il legale rappresentante del soggetto erogatore dei servizi socio assistenziali, opportunamente informato, può presentare nuovi motivi ed elementi integrativi ai fini del riesame da parte del Comune capofila. Avvalendosi della Commissione interdisciplinare, il Comune capofila adotta entro 30 (trenta) giorni il provvedimento definitivo. L istanza del riesame da parte del soggetto interessato sospende i termini di cui all art. 15, comma terzo, del presente Regolamento. Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

16 Art. 17 (Mantenimento dell accreditamento) 1. Ai fini del mantenimento dell iscrizione all Albo dei Soggetti Accreditati, i soggetti accreditati sono sottoposti a monitoraggio e verifica con cadenza annuale del possesso dei requisiti. Art. 18 (Albo dei soggetti accreditati) 1. Il Comune capofila dell ambito territoriale di Agnone istituisce apposito Albo dove sono iscritti i soggetti accreditati che erogano servizi socio assistenziali nei Comuni ricadenti nell ambito territoriale. L Albo è istituito per aree tematiche definite dal Piano Socio Assistenziale 2004/2006 e dal Piano Sociale di Zona di Agnone, secondo le attività elencate dal Catalogo del servizi. 2. Il Comune capofila dell ambito territoriale di Agnone che rilascia l accreditamento deve darne comunicazione, entro 15 (quindici) giorni dall emissione del provvedimento, ai Comuni ricadenti nell ambito territoriale che a sua volta comunica alla comunità locale per eventuali esigenze di prestazioni socio assistenziale a carattere privato. A tal proposito il privato per rispondere alle proprie esigenze si può avvalere per l erogazione di servizi socio assistenziali di soggetti accreditati. 3. La revoca dell accreditamento determina la cancellazione dei soggetto erogatori di servizi socio assistenziali dall Albo dei soggetti accreditati, la rescissione delle convenzioni in essere da parte degli Enti pubblici e l immediata sospensione dei relativi servizi sociali. 4. Il Comune capofila comunica alla Regione Molise, Assessorato alle Politiche Sociale Servizio Promozione e Tutela Sociale - l elenco dei soggetti accreditati. Comunica altresì con tempestività gli aggiornamenti dell Albo nel caso di nuovi provvedimenti di accreditamento e revoche degli stessi. Art. 19 (Attività di vigilanza e monitoraggio) 1. L attività di vigilanza, monitoraggio e verifica dei soggetti accreditati è svolta dall Ufficio di Piano dell ambito territoriale di Agnone. 2. La vigilanza è finalizzata a verificare la permanenza dei requisiti minimi in base ai quali è stato rilasciato l accreditamento e l adeguamento ad eventuali norme intervenute successivamente. 3. Nell esercizio delle proprie competenze l Ufficio di Piano effettua visite ordinarie periodiche, ed eventualmente visite straordinarie a tutti i soggetti accreditati. Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

17 Art. 20 (Diffida alla regolarizzazione) 1. Il Comune capofila notifica al soggetto accreditato, un provvedimento di diffida, assegnando le prescrizioni e il termine di regolarizzazione, qualora l Ufficio di Piano verifica il venir meno dei requisiti minimi che comportano la violazione della norma e il pregiudizio per gli utenti. Art. 21 (Revoca dell accreditamento e cancellazione dall Albo) 1. Il Comune capofila revoca l accreditamento, dopo aver diffidato il soggetto erogatore di servizi socio assistenziali per i motivi di cui all art. 20, accerti il mancato adeguamento nel termine assegnato. 2. Fatte salve eventuali responsabilità penali, l accreditamento è revocato, altresì, per gravi motivi di erogazione dei servizi o gravi violazioni di legge che comportano rilevanti pregiudizi per gli utenti e gli operatori sociali. 3. La revoca dell accreditamento, comporta la cancellazione immediata dall Albo dei soggetti accreditati da parte del Comune capofila dell ambito territoriale di Agnone, con la conseguente rescissione delle convenzioni da parte degli Enti pubblici e l immediata sospensione dei servizi sociali. La revoca dell accreditamento comporta l immediata comunicazione alla Regione Molise, Assessorato alle Politiche Sociale Servizio Promozione e Tutela Sociale che attiva le procedure di rito. Art. 22 (Norme finali) 1. I Comuni ricadenti nell ambito territoriale di Agnone sono tenuti ad adottare il presente Regolamento per i servizi di cui al Piano Socio Assistenziale 2004/2006 e al Piano Sociale di Zona di Agnone e provvedono all attivazione di tutte le procedure di rito. 2. Per quanto non espressamente previsto dal presente regolamento, riguardo alle violazione e alle sanzioni, si applicano le disposizioni di cui alla legge 24 novembre 1981, n. 689 e successive modificazioni ed integrazioni, nonché le altre disposizioni statali e regionali in materia. Ambito Territoriale Agnone Pagina Regolamento Accreditamento

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli