LEZIONE 2. L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS n. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONE 2. L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS n. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)"

Transcript

1 <sfs Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS n. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA E ALLA FASE DELL ENTRATA CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI DOCUMENTI DI PROGRAMMAZIONE GENERALE: BILANCIO DI PREVISIONE E PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE DISPENSA di Daniela Urtesi Giugno

2 INDICE INDICE... 2 CAPITOLO I - GLI STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE... 3 CAPITOLO II - IL BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE I principi fondamentali previsti dal Testo Unico n. 267/ CAPITOLO IV: LA STRUTTURA DEL BILANCIO Struttura entrata Struttura spesa CAPITOLO V - LE FASI DELLE ENTRATE E DELLE SPESE Le fasi dell'entrata Le fasi della spesa I Residui attivi e passivi Regole generali in materia di spesa CAPITOLO VI - GLI EQUILIBRI DI BILANCIO CONTROLLO DI GESTIONE I debiti fuori bilancio Il controllo di gestione CAPITOLO VII - IL RENDICONTO Bibliografia

3 CAPITOLO I - GLI STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE I documenti di programmazione costituiscono un organico piano contabile nel quale sono delineati gli obiettivi e i programmi che l ente locale intende realizzare nell attività di gestione e le fonti a cui attingere per svolgere detta attività programmata. Gli strumenti di programmazione sono costituiti dai seguenti documenti: a. la relazione previsionale e programmatica b. il bilancio pluriennale c. il bilancio annuale di previsione d. il piano esecutivo di gestione Il Testo Unico degli Enti Locali (TUEL), D.Lgs 18 agosto 2000, n. 267, dedica a questi documenti, nella Parte Seconda, l'intero Capo I del Titolo II, "Programmazione e bilanci" i cui articoli sono tutti "da considerarsi come principi generali con valore di limite inderogabile", a sensi dell' art. 152 dello stesso Testo Unico, ciò significa che il regolamento di contabilità dell ente non può prevedere una disciplina diversa da quella stabilita dalla legge. Con il regolamento di contabilità ciascun ente locale applica i principi contabili stabiliti nel Testo Unico, con modalità organizzative corrispondenti alle caratteristiche della propria realtà territoriale e strutturale. Il regolamento di contabilità costituisce, inoltre, il documento in cui vengono indicate le competenze specifiche di tutti i soggetti dell amministrazione, in ordine alla programmazione, all adozione ed all attuazione degli obiettivi e dei provvedimenti di gestione a carattere finanziario e contabile. a. La relazione previsionale e programmatica è il documento fondamentale per la pianificazione e programmazione dell attività e delle risorse dell ente. - Pianificazione: intesa come individuazione degli obiettivi da raggiungere nel rispetto dei fini istituzionali dell Ente. - Programmazione: riferita alla scelta tra le differenti alternative praticabili, del programma più consono al raggiungimento dell obiettivo. 3

4 - La relazione previsionale e programmatica ha carattere generale. Illustra le caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell'economia insediata e dei servizi dell'ente, precisandone risorse umane, strumentali e tecnologiche. Comprende, per la parte entrata, una valutazione generale sui mezzi finanziari, individuando le fonti di finanziamento ed evidenziando l'andamento storico degli stessi ed i relativi vincoli. - L'art. 170 del D. Lgs n. 267/2000 offre una elencazione puntuale dei contenuti della relazione stessa, ponendo in particolare evidenza il carattere generale della relazione, con ciò significando che essa racchiude l'intero panorama programmatorio, sia in termini di tempo, il periodo compreso nel bilancio pluriennale, sia in termini di contenuti, comprendente cioè gli aspetti finanziari ed economici, ma anche gli aspetti fisici, strutturali e politici, della manovra di bilancio. Da un punto di vista pratico la Relazione comporta varie fasi caratterizzanti: -la ricognizione delle caratteristiche generali; -la individuazione degli obiettivi; -la valutazione delle risorse; -la scelta delle opzioni; -la individuazione dei programmi e progetti. La ricognizione delle caratteristiche generali deriva dal dettato del secondo comma dell'art. 170 citato, il quale utilizza una serie di verbi "illustra", "precisa", "comprende", "valuta", "individua", "evidenzia". Un susseguirsi di azioni volte dunque ad una sorta di monitoraggio degli oggetti puntualmente indicati: 1) popolazione; 2) territorio; 3) economia insediata; 4) servizi, con evidenziazione di risorse umane, strumentali e tecnologiche. Ne nasce una sorta di fotografia dell'esistente, un quadro dettagliato di quello che deve essere il punto di partenza della programmazione. In quel contesto deve quindi costituirsi il piano di sviluppo dell'ente, compreso nel periodo interessato dalla relazione. Per la parte spesa, la relazione è redatta per programmi e per eventuali progetti, con espresso riferimento ai programmi indicati nel bilancio annuale e pluriennale,. 4

5 Per gli organismi gestionali dell'ente locale, la relazione indica anche gli obiettivi che si intendono raggiungere, sia in termini di bilancio che in termini di efficacia, efficienza ed economicità del servizio. b. Il bilancio pluriennale, insieme alla relazione previsionale e programmatica è un documento fondamentale per la programmazione a medio e lungo termine dell ente, esso quantifica e articola in interventi i programmi e progetti previsti nella relazione previsionale in forma sintetica. l bilancio pluriennale ha le seguenti caratteristiche: - traduce in termini finanziari gli obiettivi politici indicati nella relazione previsionale e programmatica; - è formalmente un allegato del bilancio annuale di previsione; - è elaborato in termini di competenza, ossia con riferimento alla fase dell'accertamento delle entrate e dell'impegno delle spese; - ha una durata triennale; - presenta la classificazione della spesa secondo l'analisi funzionale che consente l'articolazione della stessa per programmi e, ove siano specificati, per progetti; - individua il ricorso al mercato finanziario per le spese di investimento per ciascuno degli anni considerati; - va aggiornato annualmente in occasione della presentazione del bilancio annuale di previsione; - i valori monetari in esso contenuti sono espressi con riferimento ai periodi ai quali si riferiscono, tenendo conto del tasso di inflazione programmato, rilevabile dal documento di programmazione economico-finanziaria dello Stato. c. Il bilancio annuale di previsione costituisce il documento contabile attraverso il quale, con il collegamento alla Relazione previsionale e programmatica ed al Bilancio pluriennale, si evidenziano gli obiettivi e le finalità dell azione dell Ente. Rappresenta la quantificazione delle risorse attribuite ai programmi che si intendono realizzare nel corso dell anno. 5

6 d. l Piano esecutivo di gestione rappresenta una delle novità più rilevanti introdotte nell ordinamento finanziario e contabile: l art. 169 del TUEL stabilisce che "sulla base del Bilancio di previsione annuale, deliberato dal consiglio, l organo esecutivo definisce prima dell esercizio finanziario il Piano esecutivo di gestione, determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei servizi". Il Piano esecutivo di gestione è definito ed approvato dall organo esecutivo sulla base del Bilancio di previsione annuale e contiene non solo elementi finanziari ma individua altresì gli obiettivi di gestione e gli strumenti e le dotazioni organiche utilizzate per la realizzazione di essi che vengono direttamente affidati ai responsabili dei servizi. Il PEG è lo strumento col quale si assegnano ai responsabili della gestione, ai vari livelli, risorse umane, finanziarie, strumentali ecc. necessarie alla realizzazione degli obiettivi concordati, come impegno a conseguire determinati risultati intesi come determinazioni, interventi, progetti, secondo le linee politiche indicate nel bilancio di previsione annuale e pluriennale. Il PEG, quindi, è uno strumento su base annuale, di esercizio, con riferimento all'attuazione e gestione delle attività di quel periodo che, peraltro, possono avere riferimento e impatto su programmi o progetti o interventi connessi agli esercizi successivi previsti nel bilancio pluriennale e nella relazione previsionale programmatica. Attraverso il PEG si definiscono le responsabilità a tutti i livelli, si allocano le risorse, si attua la distinzione tra funzione di governo e funzione esecutiva, si valorizza l'autonomia gestionale, si innesca il processo di delega, si investe la globalità dell'organizzazione. Il PEG, se opportunamente progettato, diventa il principale strumento col quale la Giunta governa e controlla l'ente nelle sue attività amministrative e gestionali, durante tutto il corso dell'esercizio e diventa uno strumento di semplificazione delle procedure burocratiche, contabili e amministrative, teso a fluidificare la gestione di per sé rigida, consentendo l'attivazione delle assegnazioni di budget per responsabili di attività e di gestione, secondo una correlazione tra gli stanziamenti di risorse e la definizione degli obiettivi. 6

7 Il PEG costituisce l'analitica rappresentazione del bilancio di esercizio come fondamentale momento di gestione nell'ambito della programmazione su base pluriennale, di cui la stesura "annuale" rappresenta la prima fase di sviluppo. Funzioni del PEG sono: - assegnare obiettivi e risorse; - introdurre il processo di delega e valorizzare l'autonomia gestionale; - definire responsabilità e risultati. 7

8 CAPITOLO II - IL BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE Nel nuovo ordinamento finanziario e contabile il bilancio annuale è definito finanziario, redatto in termini di competenza, dall' art. 162,comma 1, del DLgs n. 267/2000, e ha carattere autorizzatorio a sensi dell' art. 164, comma 2, del citato Testo Unico: - è finanziario, nel senso che prende in considerazione esclusivamente entrate e spese che hanno una manifestazione monetaria, con esclusione pertanto dei movimenti in natura; - è di competenza perché riguarda le entrate che si prevede di accertare e alle spese che si presume di impegnare durante l esercizio finanziario e non già con riferimento alle riscossioni e ai pagamenti; - è autorizzatorio in quanto il consiglio con l approvazione del bilancio autorizza l acquisizione delle entrate in esso previste ed al tempo stesso fissa un limite invalicabile agli impegni di spesa. La stessa caratteristica contraddistingue il bilancio pluriennale, e pertanto lo stesso limite incontra l'impegno pluriennale, da accendersi sugli stanziamenti riferiti agli esercizi successivi contemplati nello stesso bilancio. 2.1 I principi fondamentali previsti dal Testo Unico n. 267/2000 Alla formulazione del bilancio degli enti locali, cioè alla pratica elaborazione in maniera tecnicamente compiuta e corretta del documento, attengono alcuni principi essenziali che non possono essere disattesi senza alterare la funzionalità e l efficacia del bilancio e della sua gestione. Il loro elenco è rigorosamente contenuto nell art. 162, comma 1, del DLgs n. 267/2000: a. unità; b. annualità; c. universalità; d. integrità; e. veridicità e attendibilità; f. pareggio finanziario; g. pubblicità. 8

9 a. Unità Il bilancio è uno solo, nel senso che il complesso delle entrate previste vale a finanziare indistintamente il complesso delle spese iscritte in bilancio, fatte salve le eccezioni di legge. Non si possono cioè avere aree privilegiate, o riserve protette a favore di assessorati o uffici. Tutti devono produrre entrate a vantaggio di tutti, e tutti possono utilizzare le disponibilità così realizzate. L unica deroga al detto principio è quella relativa alle entrate a destinazione vincolata, per le quali esiste un condizionamento posto dalla legge o dai soggetti che trasferiscono i mezzi di finanziamento, che impone la correlazione con lo scopo della spesa. Pertanto l ammontare delle relative riscossioni, che pure va tenuto nel fondo unico di cassa, non può essere utilizzato se non per lo scopo che le ha originate. b. Annualità L'anno finanziario, che inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre, è assunto quale unità temporale della gestione e si definisce esercizio finanziario. Le operazioni comprese nella gestione stessa, dagli accertamenti alle riscossioni e dagli impegni ai pagamenti, devono tutte effettuarsi entro la fine dell'anno. Con la chiusura dell esercizio finanziario (31 dicembre) non è più possibile effettuare accertamenti di entrata e impegni di spesa in conto dell esercizio concluso. c. Universalità Tutte le operazioni gestionali, dagli accertamenti alle riscossioni e dagli impegni ai pagamenti, devono essere compresi nel bilancio nel senso che debbono necessariamente riferirsi a poste iscritte in bilancio. Sono perciò vietate le gestioni fuori bilancio, comunque denominate e a qualunque scopo intrattenute. d. Integrità Tutte le entrate e tutte le spese devono essere previste e quindi gestite nella loro interezza. Non è consentito infatti iscrivere entrate al netto delle spese di riscossione, né iscrivere spese al netto delle entrate compensative o correlate. Il principio impone quindi l'integrale rilevazione ed esposizione delle poste di entrata e di spesa. Le poste compensative devono trovare spazio in movimento finanziario 9

10 opposto, anch'esso però rilevato ed esposto. La cosiddetta "compensazione amministrativa" è vietata. e. Veridicità e attendibilità La veridicità ha come presupposto la verifica delle previsioni in rapporto a fonti certe, quali la legge, i regolamenti, i contratti, le convenzioni, le deliberazioni, le determinazioni, in particolare con riferimento, per l'entrata, alle aliquote e alle tariffe applicate. L'attendibilità attiene invece alla verifica delle previsioni in rapporto alla storicità degli stanziamenti, ai trend e ai flussi di ciascuna posta, ai parametri riferiti a realtà similari, a valutazioni il più possibile oggettive sulla realtà della gestione, tenuto conto anche delle domande potenziali degli utenti dei servizi e dei programmi di sviluppo della spesa per il loro soddisfacimento. La previsione delle entrate non deve essere superiore alle reali possibilità di acquisizione, né quella delle spese deve essere inferiore ai bisogni. Se il bilancio difetta del requisito della veridicità e attendibilità si va incontro a squilibri gestionali che inevitabilmente danneggiano la programmazione dell ente locale e la dinamica di realizzazione dei programmi; infatti le spese necessarie si devono comunque sostenere anche se insufficientemente previste; per contro le entrate previste in misura superiore alla effettiva capacità dell ente di acquisirle non si realizzeranno. La legge si preoccupa di assicurare al bilancio una certa flessibilità attraverso l iscrizione di un fondo di riserva e la previsione della disciplina degli storni di fondi e delle variazioni di bilancio. Il legislatore ha affidato la consegna per il rispetto dei principi di veridicità ai responsabili di servizio che devono proporre e agli organi politici che devono scegliere e programmare, ma ha altresì creato una sorta di corpo di vigilanza affidato al responsabile del servizio finanziario e all'organo di revisione. f. Pareggio Il principio del pareggio finanziario è espresso dall'art. 162, comma 6, del D.Lgs. n. 267 del 2000, che recita: "il bilancio di previsione è deliberato in pareggio finanziario complessivo". Il principio del pareggio del bilancio attiene a due diverse tipologie: 10

11 1) il pareggio finanziario per il quale il totale complessivo delle entrate deve essere uguale al totale complessivo delle spese; 2) il pareggio economico che è detto anche equilibrio economico per il quale le previsioni relative alle spese correnti sommate alle previsioni relative alle quote di capitale delle rate di ammortamento dei mutui e dei prestiti obbligazionari non possono essere superiori alle previsioni dei primi tre titoli dell entrata. L equilibrio della situazione economica assicura che la gestione di competenza non determini disavanzi a conclusione dell esercizio. Le entrate dei primi tre titoli che hanno carattere ricorrente e le cui previsioni hanno termini di riferimento attendibili, assicurano la copertura delle spese correnti e delle quote capitale delle rate di ammortamento dei prestiti. La solidità dell equilibrio deve essere realizzata attraverso valutazioni prudenziali delle entrate che si prevede di accertare e delle spese che si prevede di impegnare. La gestione complessiva deve rispettare non solo il pareggio in senso tecnico ma più in generale gli equilibri di bilancio. Il vero obiettivo del legislatore, pertanto, non è l'affermazione semplicistica che il totale delle spese sia uguale al totale delle entrate, ma che deve esistere un continuo equilibrio interno sia di parte corrente sia in conto capitale, con il rispetto di tutti i tradizionali equilibri finanziari. g. Pubblicità Il comma 7 dell' art. 162 del DLgs n. 267/2000 dispone infine che gli enti assicurino "ai cittadini ed agli organi di partecipazione la conoscenza dei contenuti significativi e caratteristici del bilancio annuale e dei suoi allegati con le modalità previste dallo statuto e dai regolamenti". Il controllo della programmazione, in aggiunta alle competenze più propriamente istituzionali, diventa in qualche modo anche "popolare", assumendo connotati che ineriscono più specificamente al campo politico. E spetta a ciascun ente, nell'ambito della propria autonomia e con l'uso degli strumenti propri che gli sono attribuiti, statuto e regolamenti, disciplinare nel concreto questa pubblicità, adattandone le forme alle caratteristiche della collettività e dei suoi organi di partecipazione. 11

12 I contenuti di tale pubblicità devono essere significativi e caratteristici, come a stigmatizzare che l'informazione deve essere completa, puntuale e soprattutto corretta. 2.2 I ruolo dei revisori dei conti Relativamente alla proposta di bilancio di previsione, ai documenti allegati e alle variazioni di bilancio l'organo di revisione deve esprimere un motivato giudizio di: - congruità - coerenza - attendibilità contabile Il parere deve tenere conto, oltre che di ogni elemento utile, del parere espresso dal responsabile del servizio finanziario. Il giudizio-parere dell'organo di revisione è obbligatorio e deve comprendere proposte e suggerimenti all'organo consiliare per ricondurre all'attendibilità, congruità e coerenza interna le previsioni, nonché per assicurare il mantenimento degli equilibri in corso di gestione. L'organo consiliare, al quale è trasmesso il parere, dovrà adottare i provvedimenti conseguenti alle modifiche, integrazioni o azioni proposte dall'organo di revisione, oppure motivarne il non accoglimento. Ai revisori dei conti è inoltre affidato il compito di - verificare le procedure per l acquisizione delle entrate e per il sostenimento delle spese; - monitorare gli andamenti della gestione finanziaria di competenza e relativi equilibri; - controllare gli andamenti della gestione finanziaria di cassa e di tesoreria e relativi equilibri; - controllare la gestione dei residui; - controllare l'attività contrattuale; - controllare gli adempimenti e la tenuta della contabilità fiscale. - CAPITOLO III - ITER DI FORMAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 12

13 La costruzione del bilancio richiede il coinvolgimento di tutta la struttura organizzativa dell Ente che deve fornire, settore per settore, gli elementi consuntivi e previsionali. Il bilancio è un punto di arrivo, un risultato nel processo di programmazione. Iter di formazione Chi Cosa Entro quando Sindaco/Presidente Delinea gli indirizzi programmatici del prossimo triennio, d'intesa con l'organo esecutivo, sulla scorta del proprio programma politico, approvato dal consiglio Responsabile di servizio, Formula le proposte di bilancio, d'intesa con l'assessore individuando gli obiettivi, indicando le competente risorse finanziarie specifiche correlate ai propri servizi o generali, illustrando e motivando le proprie richieste Organo esecutivo Esamina le proposte, coordinate dal Responsabile servizio finanziario e dall'eventuale Direttore generale, ne verifica la compatibilità con gli indirizzi programmatici, opera le necessarie modifiche ai fini del raggiungimento del pareggio finanziario, quindi ritorna le proposte emendate ai responsabili di servizio con le necessarie indicazioni per l'adeguamento Responsabili di servizio Rendono le proposte conclusive di con Direttore generale bilancio ed eventualmente di Peg insieme con le relazioni di settore al Responsabile servizi finanziari Responsabile finanziari Organo esecutivo servizi Verificata la veridicità dell'entrata e la compatibilità della spesa, collaziona le relazioni di settore, redige la proposta di bilancio che, corredata del proprio parere reso ai sensi dell'art. 49 del DLgs n. 267/2000, sottopone all'organo esecutivo Approva lo schema di bilancio annuale, con allegati bilancio pluriennale e relazione previsionale e programmatica, e deposita gli atti in consiglio Consiglio Esamina, eventualmente emenda, quindi approva Giugno dell'anno precedente 31 luglio 15 settembre 30 settembre 15 ottobre 30 novembre 31 dicembre 13

14 La scansione temporale è ovviamente "tarata" sul termine per l'approvazione del bilancio fissato al 31 dicembre, come disposto dall' art. 151 del DLgs n. 267/2000. Eventuali proroghe del medesimo termine, divenute ormai la regola, spostano conseguentemente le scadenze che precedono. Le fasi di approvazione del bilancio di previsione Chi Cosa Entro quando Organo esecutivo Approva lo schema di bilancio annuale, con allegati bilancio pluriennale e relazione previsionale e programmatica Sindaco Dà comunicazione dell'avvenuta approvazione all'organo di revisione, al Presidente del consiglio e ai consiglieri, con l'avvertenza che i documenti sono depositati presso la segreteria comunale per prenderne visione Organo di revisione Segretario comunale Consiglieri (ma anche Sindaco o organo esecutivo) Responsabile servizio finanziario Responsabili servizi interessati da emendamenti Organo di revisione Esprime motivato parere sulla proposta, suggerendo eventuali misure atte ad assicurare l'attendibilità delle impostazioni Trasmette lo schema di bilancio, con gli allegati e con il parere dell'organo di revisione, alla commissione consiliare competente e al Presidente del consiglio per la convocazione dello stesso con iscrizione della proposta all'ordine del giorno Presentano eventuali emendamenti Esprimono motivato parere sulle proposte di emendamento Organo consiliare Vota sugli emendamenti e quindi approva il bilancio di previsione annuale con tutti gli allegati eventualmente rendendo immediatamente eseguibile la relativa deliberazione 30 novembre 30 novembre 10 dicembre 11 dicembre 21 dicembre 27 dicembre 31 dicembre 14

15 CAPITOLO IV - LA STRUTTURA DEL BILANCIO 4.1 Struttura entrata La parte delle entrate nel bilancio di previsione è ordinata come segue: 1. titoli, secondo la fonte di provenienza delle entrate, ossia la natura dell entrata (es.: entrate tributarie, extratributarie, ecc.) 2. categorie, secondo la tipologia delle entrate all interno della fonte di provenienza(es.: le imposte costituiscono una categoria all interno del titolo I entrate tributarie); 3. risorse, in base all oggetto dell entrata, specificatamente individuato all interno della categoria di appartenenza. Le risorse non sono definite e sono quindi rimesse alle decisioni dell ente locale(es.: l imposta comunale sugli immobili costituisce una risorsa definita nella categoria delle imposte, contenuta nel titolo I). L unità elementare dell entrata. Per l entrata l unità elementare è la risorsa, che individua specificatamente l oggetto dell entrata e riguarda la dotazione di mezzi di cui l ente può disporre al fine di impiegarli nell esercizio della propria attività. Le risorse sono indistintamente destinate ad essere impiegate nelle diverse attività di competenza dell ente. Soltanto la legge può disciplinare la destinazione di risorse specifiche a particolari e precisate attività. Si tratta di risorse che individuano entrate aventi vincolo di specifica destinazione stabilito per legge. Per tutte le altre, vale il principio dell unità del sistema di bilancio. 4.2 Struttura spesa La parte spesa nel bilancio è ordinata in: 1. titoli, che individuano la natura della spesa stessa in capo a macro-aggregati economici (es.: spese correnti, spese in c/capitale, ecc..); 15

16 2. funzioni, che all interno dei titoli ed a seconda della tipologia dell attività esercitata dall Ente locale, individuano le spese in maniera più articolata (es.: funzione di istruzione pubblica); 3. servizi, ovvero i singoli uffici, o reparti organizzativi, che gestiscono un complesso di attività; 4. interventi, che, come già evidenziato, sono relativi alla natura economica dei fattori produttivi impiegati nell ambito di ciascun servizio (es.: acquisto di beni di consumo e/o materie prime). I titoli aggregano le spese in base alla loro natura e destinazione economica. Le funzioni individuano in modo più articolato le spese in relazione alla tipologia delle attività espletate e cioè all oggettivo esercizio di operazioni da parte delle articolazioni organizzative dell ente a cui le stesse sono affidate per l ottenimento di risultati. Le funzioni considerate nella struttura di bilancio, distinte per tipologia di ente, sono stabilite dal D.P.R. n. 194 del L'articolazione della parte spesa del bilancio nelle funzioni così individuate non è derogabile o modificabile da parte degli enti locali. IPer servizio si può intendere sia il reparto organizzativo semplice o complesso composto di persone e mezzi per l articolazione di un area organizzativa dell ente, sia le attività che vi fanno capo per l esercizio di parte di una funzione propria dello stesso ente deputata all erogazione di prestazioni ai cittadini (funzioni finali) ovvero a fini interni di supporto e di strumentalità (funzioni strumentali e di supporto). I servizi costituiscono i centri di responsabilità, in quanto all unità organizzativa è individuato un soggetto responsabile, al quale, assegnati obiettivi e dotazioni economicofinanziarie, si chiede di rispondere dei risultati conseguiti. Il concetto di servizio consente di misurare gli effetti economici delle decisioni dei responsabili delle singole unità organizzative elementari e costituisce quindi la base dei sistemi di controllo direzionale. L unità elementare della spesa. L intervento contraddistingue la tipologia e l uso dei fattori produttivi. Gli interventi sono specificati nel D.P.R. n. 194 del 1996 e non sono assolutamente modificabili. 16

17 I tipi di intervento servono per specificare, qualificare e individuare le dotazioni finanziarie costituenti parte del complessivo budget del servizio. L intervento è indicativo della natura economica dei fattori produttivi destinati a ciascun servizio. I TITOLI DEL BILANCIO Tit. I - Entrate tributarie Tit. I - Spese correnti Tit. II - Entrate da trasferimenti Tit. II - Spese in c/capitale Tit. III - Entrate extratributarie Tit. III - Spese per rimborso di prestiti Tit. IV - Entrate da alienazioni e riscossione Tit. IV - Spese per servizi per conto di terzi crediti Tit. V - Entrate da accensione prestiti Tit. VI - Entrate da servizi per conto di terzi La codifica Le parti del bilancio come sopra descritte sono sintetizzate con un sistema di codifica numerica. Il codice è formato da sette numeri di cui, per l'entrata, il primo indica il titolo, gli altri due la categoria, gli ultimi quattro la risorsa, mentre per la spesa, il primo numero indica il titolo, il secondo e il terzo la funzione, il quarto e quinto il servizio, il sesto e settimo l'intervento. Ecco uno schema sintetico: 17

18 Le variazioni al bilancio. Durante la gestione dell esercizio il Bilancio di previsione può subire variazioni, sulle quali assume competenza il Consiglio dell Ente; solo in via di necessità ed urgenza tali variazioni possono essere apportate dalla Giunta, salvo ratifica del Consiglio, a pena di decadenza, entro 60 giorni e comunque entro il 31 dicembre dell esercizio in corso (se a tale data non è ancora scaduto tale termine). CAPITOLO V - LE FASI DELLE ENTRATE E DELLE SPESE. La gestione del bilancio prende avvio concreto con l attivazione dei processi di entrata e di uscita. 5.1 Le fasi dell'entrata Il procedimento di gestione del bilancio relativo alle entrate si articola nelle seguenti fasi: a. accertamento; b. riscossione; c. versamento. a. Accertamento Con l'accertamento, che è la prima delle fasi attraverso le quali si realizza il processo di acquisizione delle risorse, l'entrata viene determinata nell'ammontare, nella ragione e nella persona debitrice. Ne consegue (e ne è anche presupposto) l'attivazione dei procedimenti che condurranno all'introito delle somme nell'esercizio, oppure alla formazione di una situazione creditoria giuridicamente costituita. L'entrata si considera accertata allorché, sulla base di idonea documentazione, si sia provveduto alla: - verifica della ragione del credito; - verifica della sussistenza di un idoneo titolo giuridico; - individuazione del debitore; - quantificazione della somma da incassare; 18

19 - fissazione della relativa scadenza nell'anno di competenza del bilancio o successivamente. L'accertamento è fase gestionale che presuppone sempre a supporto idonea documentazione, ossia un atto formale che evidenzia il credito dell'ente, il soggetto debitore e l'importo del credito scaduto o che viene a scadere, nonché la motivazione ed il titolo giuridico con la relativa scadenza. Tale documentazione può essere costituita da: - ruoli; - liste di carico; - contratti; - provvedimenti giudiziari; - atti amministrativi specifici. Si considerano, naturalmente, accertate tutte le entrate per le quali è intervenuta la riscossione. La competenza a rinvenire o formare gli atti documentali presupposto dell'accertamento è propria dei soggetti preposti ai vari servizi cui è attribuito il procedimento di gestione delle singole risorse e/o categorie di entrata. Nei modi e nei tempi definiti dal regolamento di contabilità, il responsabile dell'accertamento è tenuto a trasmettere la relativa documentazione al responsabile del servizio finanziario, il quale, a sua volta, provvede ai dovuti riscontri ed all'annotazione delle entrate accertate nelle scritture contabili. b. Riscossione L'entrata è riscossa a seguito del materiale introito delle somme corrisposte dai debitori agli incaricati a esigere, interni o esterni. Gli incaricati interni, che devono essere designati con provvedimento formale dell'amministrazione, sono l'economo e gli altri eventuali agenti contabili autorizzati al maneggio di denaro, addetti alla riscossione di diritti o canoni. Gli incaricati esterni sono, di norma, il tesoriere e il concessionario del servizio di riscossione tributi. La riscossione è disposta a mezzo di ordinativo d'incasso (reversale) trasmesso dall'ente al tesoriere nelle forme e nei tempi stabiliti dalla convenzione di affidamento del servizio di tesoreria. Con l'ordinativo d'incasso (reversale) si da ordine al tesoriere di riscuotere una determinata somma dovuta all'ente. 19

20 La reversale, sottoscritta dal responsabile del servizio finanziario o da altro soggetto individuato dal regolamento di contabilità, deve indicare obbligatoriamente: - codifica prevista nella struttura del bilancio; - numero e data di emissione; - esercizio finanziario di competenza; - indicazione della risorsa o del capitolo cui è riferita l'entrata distintamente per residui e competenza; - debitore; - ammontare della somma da riscuotere; - causale; - eventuale vincolo di destinazione della somma da riscuotere; - voce economica. Il tesoriere, oltre ad effettuare la riscossione degli ordini di incasso ricevuti, deve in ogni caso riscuotere ogni somma a lui direttamente presentata da soggetti che a qualsiasi titolo si dichiarano debitori dell'ente. In tal caso il tesoriere, dopo aver rilasciato quietanza al versante, registra l'operazione tra le partite sospese e provvede all'inoltro all'ente nei termini indicati dal contratto di Tesoreria ai fini della sua regolarizzazione documentale c. Versamento La gestione dell'entrata si conclude con il versamento, che si realizza nel momento in cui soggetti incaricati della riscossione diversi dal tesoriere versano le somme riscosse nelle casse della Tesoreria comunale. Se le riscossioni vengono effettuate direttamente presso il tesoriere senza il tramite di altri agenti contabili, le fasi della riscossione e del versamento risultano coincidenti. 5.2 Le fasi della spesa le fasi in cui il procedimento di spesa si articola sono: a. impegno; b. liquidazione; c. ordinazione; d. pagamento. 20

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.82 del 03.04.2013 INDICE CAPO I: FINALITÀ E CONTENUTI Art. 1 Finalità e contenuti del Regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO Docente: Dott. Martino Loddo mloddo@uniss.it Durata: : 8 ore Orario delle lezioni: 2626 febbraio h. 15,00-17,00 17,00 Aula F Scipol 44 marzo h.

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000. Enti locali dissestati: disposizioni generali. Art. 244. Dissesto finanziario

TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000. Enti locali dissestati: disposizioni generali. Art. 244. Dissesto finanziario TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000 Enti locali dissestati: disposizioni generali Art. 244. Dissesto finanziario 1. Si ha stato di dissesto finanziario se l'ente non può garantire l'assolvimento delle

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 10 ottobre 2012, n. 174

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 10 ottobre 2012, n. 174 Page 1 of 39 TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 10 ottobre 2012, n. 174 Testo del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 10 ottobre 2012, n. 237), coordinato con la

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli