corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it"

Transcript

1 corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica INFRASTRUTTURE PER IL TRASPORTO INTERMODALE prof. ing. Umberto Crisalli

2 Introduzione Aree attrezzate per consentire la movimentazione, la sosta ed eventualmente il trasbordo delle unità di carico per il trasporto intermodale (UTI) e della merce Funzioni e servizi Interscambio/Trasbordo Monomodale (es. autoporti) Multimodale (es. porti, terminali intermodali stradaferrovia) Consolidamento e deconsolidamento Sosta delle UTI Servizi complementari a quelli di trasporto di vario genere, tra cui quelli logistici (magazzinaggio, attività finali del processo produttivo e distributivo, ecc.) 2

3 Introduzione Classificazione Unimodale (presenza di una sola modalità) Autoporto Scalo di smistamento Multimodale senza trasbordo delle UTI Aeroporto Scalo Merci Ferroviario Piattaforma Logistica Centro di Distribuzione Urbana Multimodale con trasbordo delle UTI Terminale Intermodale Interporto Porto 3

4 Infrastrutture unimodali Autoporto Infrastruttura adibita solo al trasporto stradale, comprendente magazzini di più operatori atti alla movimentazione ed al deposito delle merci, con possibilità di movimentazione delle unità di carico (UC); vengono di solito esplicate attività di tipo logistico. Magazzini Aree di sosta Servizi 4

5 Infr. multimodali con trasbordo delle UTI Terminale intermodale (1/5) Sono nodi del sistema di trasporto multimodale delle merci in cui si svolgono principalmente attività di trasferimento tra differenti modi di base. Essi possono essere classificati in funzione del modo di trasporto in: ferrovia-strada; in cui si utilizza la strada come sistema feeder ( 200 km) nave-gomma/ferro; in cui si utilizza la strada e la ferrovia come sistema feeder per la raccolta e distribuzione a medio raggio ( 200 km su strada e 1000 km su ferrovia) 5

6 Infr. multimodali con trasbordo delle UTI Terminale intermodale (2/5) 6

7 Infr. multimodali con trasbordo delle UTI Terminale intermodale (3/5) Non sono presenti funzioni logistiche ma solo funzioni legate al trasferimento delle UC. Essi sono composti da: area modo primario area modo secondario (feeder) area di stoccaggio delle UC 7

8 Infr. multimodali con trasbordo delle UTI Terminale intermodale (4/5) Il terminale intermodale ha la funzione principale ed essenziale di trasferire le grandi unità di carico dalla strada alla rotaia e viceversa nonché di consentire la sosta temporanea di dette unità di carico (piene e vuote) in attesa di inoltro/ritiro. In funzione del traffico è possibile operare una classificazione: Piccoli terminali; trasbordo fino a unità di carico al giorno; Terminal medi; trasbordo di unità di carico; Grandi terminali; trasbordo oltre le 250 unità di carico. 8

9 Infr. multimodali con trasbordo delle UTI Terminale intermodale (5/5) Le infrastrutture intermodali possono essere caratterizzate dalla presenza o meno di funzioni logistiche: magazzinaggio trasformazione rottura e consolidamento del carico (groupage/degroupage) 9

10 Infr. multimodali con trasbordo delle UTI Le infrastrutture intermodali possono essere caratterizzate dalla presenza o meno di funzioni logistiche. INTERPORTO = Terminale Intermodale + Servizi logistici 10

11 Interporto È una infrastruttura per il trasporto intermodale, in cui i servizi aggiuntivi offerti sono principalmente quelli logistici; in essi possono essere localizzate anche attività commerciali ed assistenziali (a persone e/o mezzi), con presenza di aree doganali per la gestione dell import/export. L interporto si inserisce in un bacino di traffico di grande attrazione, con soluzioni particolari di collegamento alla rete stradale, ferroviaria ed ai principali porti. Questi impianti rappresentano i nodi del grafo della rete interportuale nazionale, che si articola su un numero contenuto di impianti, distribuiti strategicamente su tutto il territorio, in modo da facilitare i collegamenti con i principali nodi del Paese. 11

12 INTERPORTO Localizzazione L ubicazione più opportuna degli interporti, nell ambito del territorio nazionale, deve essere individuata in funzione sia dei flussi di traffico, sia dell'assetto del territorio di origine e di destinazione di detti flussi. Inoltre essi dovranno consentire la raccolta e la distribuzione, via strada, su ampie zone di territorio. 12

13 INTERPORTO Funzioni e servizi (1/5) Le funzioni svolte all interno delle infrastrutture per l interscambio delle merci possono essere molteplici e variabili secondo le dimensioni dell'impianto, delle caratteristiche delle merci e del trasporto, dei procedimenti di raccolta e distribuzione. Si possono distinguere: funzione operativa; funzione gestionale; funzione di sicurezza e controllo; funzione ausiliaria; funzione assistenziale 13

14 INTERPORTO Funzioni e servizi (2/5) Funzione operativa costituisce la funzione principale, comune a tutti i tipi di centri di interscambio merci; è legata alle attività di trasbordo, raccolta, distribuzione, composizione, scomposizione delle merci, e alle esigenze di sosta e parcheggio dei veicoli e delle unità di carico Funzione gestionale costituisce la funzione a monte delle altre; permette l'incontro della domanda e dell'offerta di trasporto, con tutti gli adempimenti amministrativi, fiscali, normativi che ne derivano; 14

15 INTERPORTO Funzioni e servizi (3/5) Funzione di sicurezza e controllo comprende molteplici funzioni che riguardano sia il flusso del traffico (controllo norme di circolazione da rispettare all'interno dell area interportuale), sia le merci trasportate (controlli doganali), sia i veicoli che le trasportano, nonché pronto soccorso, polizia, vigili del fuoco, etc.; Funzione ausiliaria insieme alla funzione gestionale, costituisce il centro direzionale dell'interporto; riguarda sia le merci, sia il veicolo, sia l'operatore del trasporto e si esplica attraverso diversi servizi, quali, ad esempio, banca, posta assicurazioni, ecc.; 15

16 INTERPORTO Funzioni e servizi (4/5) Funzione Assistenziale è rivolta sia all uomo che al veicolo ed, in qualche caso, alle unità di carico; si esplica attraverso vari servizi come: motel ristoranti, bar, servizio medico, officine di riparazione, ecc.; 16

17 INTERPORTO Funzioni e servizi (5/5) INTERPORTO Funzione Operativa Funzione Gestionale Funzione Sicurezza e contrrollo Funzione Ausiliaria Funzione Assistenziale Trasbordo Raccolta e distribuzione Composizione e scomposizione Magazzinaggio Sosta Documenti di viaggio, lettere di vettura, etc. 17

18 INTERPORTO Funzioni operative (1/17) Le principali funzioni operative dell interporto sono legate sia alle attività di: trasbordo, raccolta, distribuzione, composizione e scomposizione delle merci magazzinaggio delle merci, sia alle esigenze di sosta e parcheggio dei veicoli di sosta e parcheggio delle unità di carico. 18

19 INTERPORTO Funzioni operative (2/17) L'interporto - o meglio la società che lo gestisce - può mettere a disposizione, dei singoli operatori, servizi ed attrezzature per lo svolgimento delle loro attività, come ad esempio: servizi che esplicano la funzione di magazzinaggio (magazzini liberi o in regime doganale, depositi liberi, depositi franchi, magazzini generali, magazzini a temperatura controllata); attrezzature con le quali esplicare la funzione di trasbordo (gru a portale, carrelli a cavaliere, caricatori frontali, binari di carico e scarico, ed in genere quelle attrezzature che sono necessarie per il traffico combinato); servizi per la sosta dei veicoli ed autocarri (parcheggi). 19

20 INTERPORTO Funzioni operative (3/17) Raccolta e distribuzione La raccolta e la distribuzione delle merci sono caratterizzate da una estrema polverizzazione dei flussi di traffico, attraverso i quali la produzione, di una miriade di imprese, sovente piccolissime, deve giornalmente essere trasferita ad una ancora più numerosa schiera di esercizi industriali e commerciali. Vi è una profonda differenza del ruolo e della collocazione del servizio di trasporto nella distribuzione industriale e nella distribuzione commerciale. Se, infatti, il trasporto di materie prime, fonti energetiche, semilavorati, macchinari e beni strumentali in genere, trova nel trasporto ad unità di carico l'assolvimento delle esigenze delle imprese produttrici, ben diversi sono i problemi posti dalla distribuzione di prodotti finiti destinati al consumo finale, specie se in grandi quantità. 20

21 INTERPORTO Funzioni operative (4/17) Raccolta e distribuzione In quest ultimo, infatti, il servizio deve provvedere, oltre alla semplice trazione, anche ad altre funzioni di tipo economicogestionale (problemi di raccolta, di mixaggio, di scelta veicolare, di sosta in transito, di mediazione delle punte di flussi di traffico). Queste funzioni non possono che essere assolte da un organizzatore specializzato in grado di rendere servizi di trasporto per una pluralità di aziende producenti merci in tempi e densità diverse fra loro. 21

22 INTERPORTO Funzioni operative (5/17) Raccolta e distribuzione Tale organizzatore in genere un corriere può optare come scelta prioritaria per uno o più dei seguenti sistemi distributivi o, alternativamente, usare quel o quei sistemi che al momento reputa più convenienti e precisamente: 1) collettame; 2) deposito centralizzato più depositi periferici; 3) transit points; 4) carichi diretti fabbrica/cliente; 5) sistema paracadute. 22

23 INTERPORTO Funzioni operative (6/17) Raccolta e distribuzione Sotto il profilo economico il magazzino di sosta e transito dello spedizioniere-vettore (corriere) è il luogo più idoneo per la soluzione dei problemi di raccolta delle merci da spedire ai punti di vendita: tanto più se lo stesso magazzino è inserito in un contesto come 1'interporto dove il contatto diretto con tutti gli altri operatori del trasporto può apportare notevoli benefici ed economie di scala. 23

24 INTERPORTO Funzioni operative (7/17) Carico/Scarico/Trasbordo Le principali operazioni legate alla raccolta delle merci sono quelle di carico, scarico e trasbordo tra i veicoli ed il deposito per il collettame e trasbordo tra i veicoli e veicoli per container e le carrozzerie mobili. Tali operazioni possono avvenire all'interno degli impianti privati o di quelli in comune. Poiché una parte delle merci in arrivo all interporto è indirizzata verso i mercati delle città, utilizzando essenzialmente automezzi leggeri dette operazioni presentano un onere notevole ed è necessario non solo razionalizzarle ma, ove possibile, meccanizzarle. 24

25 INTERPORTO Funzioni operative (8/17) Carico/Scarico/Trasbordo Le ditte autotrasportatrici di una certa rilevanza, poichè non dispongono in genere di un ampio parco di automezzi leggeri, ricorrono correntemente alla collaborazione delle piccole ditte specializzate nel trasporto con mezzi leggeri nella città. L impianto interportuale, prevedendo, accanto alle sedi delle grandi ditte, ribalte e depositi in comune, grandi piazzali di sosta, per accogliere le piccole ditte faciliterà e renderà immediata la collaborazione reciproca. Nel caso poi delle grosse unità di carico che richiedono solo il passaggio da una modo di trasporto all altro, gli impianti comuni dell'interporto possono assicurare tali operazioni anche a tutte le imprese che non sono dotate di mezzi propri. 25

26 INTERPORTO Funzioni operative (9/17) Magazzinaggio delle merci L attività di magazzinaggio può definirsi come quella funzione che provvede allo spazio per la conservazione delle merci, mette a disposizione un sistema che coordina economicamente le necessarie attività e la razionale utilizzazione di attrezzature e manodopera, e provvede al completo controllo di tutte le attività operative che solitamente si svolgono in un magazzino. 26

27 INTERPORTO Funzioni operative (10/17) Magazzinaggio delle merci Tali attività sono essenzialmente le seguenti: ricevimento delle merci; individuazione delle merci e controllo; selezione ed eventuale pallettizzazione delle merci; trasferimento delle merci verso l area di stoccaggio; stoccaggio delle merci; preparazione degli ordini; composizione della spedizione; carico della merce sui veicoli e spedizione; preparazione della documentazione. 27

28 INTERPORTO Funzioni operative (11/17) Magazzinaggio delle merci Nello svolgimento di tali attività la funzione magazzinaggio deve tendere alla realizzazione dei seguenti obiettivi: massimo sfruttamento dello spazio disponibile, utilizzazione efficace delle attrezzature e della manodopera - facile accesso a tutti gli articoli, massima protezione degli articoli. I magazzini che trovano la loro razionale ubicazione nelle infrastrutture per l'interscambio delle merci sono i magazzini generali. 28

29 INTERPORTO Funzioni operative (12/17) Magazzini generali I servizi offerti dai magazzini generali vanno dallo stoccaggio alla spedizione delle merci, a tutte le operazioni accessorie di tipo tecnico ed amministrativo legate alle funzioni di magazzinaggio per merci nazionali ed estere. I vantaggi che possono essere ottenuti mediante il ricorso ai magazzini generali sono i seguenti: assenza di investimenti: si evita l'acquisto (o l affitto) di un edificio e delle strutture fisse e mobili; costi minori per piccoli volumi rispetto al magazzino privato; utilizzazione dei magazzini generali come riserva supplementare, per periodi di punta. 29

30 INTERPORTO Funzioni operative (13/17) Stoccaggio a temperatura controllata di derrate deperibili Nell ipotesi di un interporto o altro impianto terminale per il trasporto combinato nel cui ambito si preveda un consitente afflusso di derrate deperibili da concentrare per la spedizione a mezzo di grandi unità di carico, si dovrà prevedere la presenza di strutture ed attrezzature in grado di assicurare: il corretto handling e trasbordo delle unità di carico frigorifere; la sosta eventuale delle unità stesse, con fornitura di energia elettrica; la possibilità di eseguire eventuali interventi di manutenzione e riparazione sulle unità di carico. I servizi terminali per derrate deperibili potranno comprendere anche un'area coperta nella quale eseguire le operazioni senza esporre il prodotto a pericolosi sbalzi di temperatura. 30

31 INTERPORTO Funzioni operative (14/17) Stoccaggio a temperatura controllata di derrate deperibili In caso di emergenza, per ovviare ad eventuali interruzioni del servizio, potrebbe essere prevista una disponibilità di container frigoriferi in supero rispetto alle normali esigenze di flusso. Tali container potrebbero svolgere agevolmente funzioni di cella di conservazione in attesa dell inoltro, prevedendo naturalmente un'area di sosta attrezzata con punti di alimentazione di energia elettrica. È opportuno, in alcuni casi, creare un vero e proprio centro di supporto alla commercializzazione ed al trasporto refrigerato di prodotti deperibili, destinato ad incentivare ed agevolare il processo di commercializzazione delle produzioni agricole, attraverso un più razionale ed economico trasporto. 31

32 INTERPORTO Funzioni operative (15/17) Stoccaggio a temperatura controllata di derrate deperibili Un siffatto centro di supporto dovrebbe essere in grado di assicurare i servizi relativi a: trattamenti di preparazione al trasporto; operazioni di containerizzazione; informazioni sull'andamento economico e logistico dei principali mercati di destinazione; informazioni sulle condizioni delle direttrici di collegamento; dogana; manutenzione e riparazione per container ed altre attrezzature operative; handling e trasbordo container; scelta del mezzo vettore; avvio diretto a destinazione. 32

33 INTERPORTO Funzioni operative (16/17) La sosta Lo svolgimento di tale funzione da parte degli interporti è molto importante sotto molteplici aspetti, come attrazione del traffico pesante delle zone urbane vicine, sicurezza ai fini dei furti, integrazione ai servizi di assistenza agli autisti. Se l offerta di parcheggio risponde alle esigenze degli autisti sia in transito sia non direttamente interessati alla struttura interportuale, le aree attrezzate possono fungere da catalizzatore ed attirare anche tali categorie di veicoli. Per quanto riguarda la sicurezza, il numero dei furti di veicoli e di autotreni è tale per cui, se vi fosse la possibilità di parcheggio controllato a favorevoli condizioni e connesso ad altri servizi, la domanda di sosta aumenterebbe sicuramente. 33

34 INTERPORTO Funzioni operative (17/17) La sosta Lo stesso ragionamento vale per le possibilità offerte dai diversi servizi di assistenza sia alle persone che ai veicoli. È chiaro, quindi, che l'offerta di parcheggio deve essere diversificata: parcheggio libero, parcheggio controllato, parcheggio doganale, parcheggio per rifornimento, per manutenzione, etc.. Le aree di parcheggio nelle quali il veicolo sosta per il trasferimento del carico fanno invece parte dei diversi lotti attrezzati sia privati che comuni. Aree di deposito specifiche sono quelle invece destinate ai containers ed ai veicoli per il traffico intermodale, aree di sosta breve e lunga per i primi, solo breve per i secondi. 34

35 INTERPORTO Layout Esempio (Quadrante Europa Verona) 35

36 INTERPORTO Layout Esempio (Quadrante Europa Verona) 36

37 INTERPORTO Layout Esempio (Quadrante Europa Verona) Terminale Intermodale 37

38 INTERPORTO Layout Esempio (Quadrante Europa Verona) Centri logistici 38

39 INTERPORTO Layout Esempio (Quadrante Europa Verona) Magazzini Generali 39

40 INTERPORTO Layout Esempio (Quadrante Europa Verona) Centro Autotrasportatori 40

41 INTERPORTO Layout Esempio (Quadrante Europa Verona) Servizi Telematici 41

42 Il terminal intermodale strada-rotaia Il terminal è composto da un sub-sistema ferroviario (fasci di binari, materiale rotabile, modalità di esercizio) un sub-sistema stradale (strada di accesso e di scorrimento veicoli, parcheggi) un sub-sistema di movimentazione delle unità di carico 50 m (attrezzature per carico orizzontale e/o verticale, area di deposito, modalità ed attrezzature di movimentazione) 400 m Area ferro Area stoccaggio Area strada 42

43 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Layout Il layout interno è strettamente connesso con il sistema operativo progettato. Infatti qualsiasi tipo di attrezzatura di carico e scarico permette una grande varietà di possibili configurazioni di binari di carico, corsie di transito e di magazzinaggio. Gli elementi determinanti per l'efficienza e l economicità del terminal sono essenzialmente: il modulo di trasbordo il metodo di controllo dei flussi di UTI (arrivo, transito, partenza) con il relativo sistema informativo 43

44 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi La capacità del terminal e le modalità di esercizio (schema operativo) devono essere determinate in funzione delle caratteristiche medie e di punta del flusso, sia dei veicoli stradali e ferroviari, che delle unità di carico. Tale flusso oltre ad essere variabile nella quantità è diverso tra veicoli ferroviari e veicoli stradali. 44

45 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi In genere molti veicoli stradali attendono l arrivo del treno per poter ricevere direttamente le unità di carico (trasbordo diretto), altri invece arrivano quando possono e ricevono il carico dalle aree di sosta e di stoccaggio (trasbordo indiretto). Il fenomeno si inverte per la partenza: alcuni veicoli sono pronti per il trasbordo diretto su ferrovia, altri hanno depositato il loro carico nelle corsie di sosta e di stoccaggio. 45

46 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi È ovvio che se il treno può restare in sosta nel terminale per molte ore la possibilità di carico e scarico diretto è molto più elevata ma al contempo la capacità del terminal è ridotta per l'occupazione del binario. Il problema dello scambio di informazioni tempestive tra gli operatori del terminal e gli utenti stradali è fondamentale proprio per ridurre tempi di attesa ed al tempo stesso per evitare fenomeni di congestione in punta. 46

47 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi La condizione ottimale per l esercizio ferroviario è ovviamente quella che porta ad operare senza scomposizione dei treni e quindi senza problemi di smistamento. Ciò è peraltro molto difficile sia per insufficiente lunghezza dei binari sia per il limitato numero di attrezzature. Il tempo di sosta dei treni sui binari di trasbordo rappresenta un parametro rilevante nell esercizio del terminal. 47

48 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Priorità ai veicoli stradali (1/2) Se un treno arriva nelle prime ore del mattino e rimane tutto il giorno sul binario di carico e scarico fino alla sua partenza in serata i veicoli stradali in arrivo determinano la sequenza delle operazioni di carico e scarico diretto: si può dire che in questo caso è privilegiato il veicolo su strada perchè ha un turn-round molto rapido. Treno (carico ) in arrivo: Trasbordo diretto Per i treni in partenza: se il vagone è già stato caricato: trasbordo diretto 48

49 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Priorità ai veicoli stradali (2/2) Lo scarico indiretto avviene quando il camion arriva carico e il corrispondente carro in partenza non è ancora disponibile o viceversa: come risultato uno spazio intermedio di stoccaggio vicino ai binari di carico e alle corsie stradali è necessario, per maggior sicurezza. se il vagone è ancora da scaricare: scarico e messa a deposito (trasbordo indiretto) carico finale del treno in partenza: carico da deposito e trasbordo diretto 49

50 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Priorità al treno (1/3) Nel caso invece in cui il treno richieda un tempo ridotto nel terminal in modo da ottenere una migliore rotazione dei carri, il privilegio si inverte ed il maggior turn-round è attribuito al treno. Ciò è anche necessario se la capacità dei binari di carico è minore del numero di carri in arrivo. In questi casi i treni devono essere scaricati indipendentemente dall'arrivo dei camion con uno schema operativo che dia la priorità al treno per una razionale utilizzazione dei binari. 50

51 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Priorità al treno (2/3) In questi casi i treni devono essere scaricati indipendentemente dall'arrivo dei camion con uno schema operativo che dia la priorità al treno per una razionale utilizzazione dei binari. I fase: scarico del treno II fase: carico del camion 51

52 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Priorità al treno (3/3) DUE attrezzature UNA attrezzatura 52

53 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Se invece lo sviluppo delle operazioni ferroviarie avviene anche durante la notte possono essere necessari dei binari di accumulo per i carri scarichi: ciò ovviamente rappresenta un elemento di estrema importanza per l'efficienza del terminal e deve essere definito all atto del progetto almeno sotto forma di riserva dello spazio necessario. 53

54 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Priorità Miste (1/3) Questo tipo di operazioni può essere efficiente se si può evitare che il camion venga caricato con le attrezzature principali dell impianto, ad esempio carico e scarico dei camion assicurati da attrezzature secondarie su gomma che rappresenta un ragionevole compromesso tra queste due forme operative (schema misto di operazioni). 54

55 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Priorità Miste (2/3) I treni in arrivo sono scaricati direttamente sui camion per le prime ore dopo l'arrivo dei treni: poco prima che il treno debba essere spostato dal binario (per lasciare il posto ad un altro treno), si passa allo scarico indiretto. Treno in arrivo carico: all arrivo si usa lo schema con priorità al camion (trasbordo diretto) prima della partenza del treno (vuoto) si usa lo schema con priorità al camion (trasbordo diretto e indiretto) 55

56 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Priorità Miste (3/3) I treni in partenza sono caricati direttamente o indirettamente a seconda della disponibilità del treno sul binario. Treno in partenza se il treno non è ancora sul binario priorità al camion e scarico a deposito (indiretto) se il treno è sul binario trasbordo diretto prima della partenza del treno: carico diretto e indiretto 56

57 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Strategie di carico/scarico (1/5) A questo tipo di problemi si aggiunge quello relativo alla sequenza di carico e scarico dei carri lungo il treno, specie se il treno deve essere sezionato: infatti il numero di movimenti longitudinali delle gru o del carrello - e così la produttività della attrezzatura - è influenzata dal tipo di strategia usata per la sequenza di carico, che può essere: sequenziale; primo arrivato primo servito (FIFO); ottimale 57

58 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Strategie di carico/scarico (2/5) La strategia sequenziale dà la massima produttività della attrezzatura ma può essere solamente applicata nei casi in cui i camion carichi sono in attesa dell'arrivo del treno. 58

59 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Strategie di carico/scarico (3/5) Nella strategia del primo arrivato primo servito (FIFO), la sequenza di carico è comandata dalla sequenza dei camion in arrivo e dalla distribuzione casuale delle corrispondenti unità sul treno. 59

60 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Strategie di carico/scarico (4/5) La strategia ottimale è quella che cerca di minimizzare gli impatti su tutte le componenti 60

61 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Strategie di carico/scarico (5/5) 61

62 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Criteri di scelta Le possibili combinazioni di schemi operativi si riferiscono a: occupazione dei binari; procedura di carico; sequenza di carico. 62

63 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi La scelta di un appropriato schema operativo per il progetto del terminal dipende: dal volume e dalle caratteristiche delle merci dal modulo tipo di trasbordo (verticale, ecc.) dal tipo di sistema informativo sviluppato dalle caratteristiche del flusso giornaliero (risultanti dalla programmazione dei treni e dai modelli di arrivo dei veicoli stradali) 63

64 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Moduli tipo per tecniche verticali (1/2) Nel seguito vengono schematizzati una serie di possibili layout di terminal che si basano su questo tipo di trasbordo, che prevede la movimentazione verticale delle unità di carico. I moduli si differenziano in funzione dell uso di differenti unità di movimentazione, quali: Gru a portale su rotaia; Gru a portale su gomma; Carrello laterale; Carrello frontale. 64

65 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Moduli tipo per tecniche verticali (2/2) Le caratteristiche principali sono: Larghezza del modulo; Larghezza dell area pavimentata; Larghezza del portale (se esistente). Le possibilità di combinazione tra binari, corsie di carico dei veicoli stradali, vie di corsa dei veicoli stradali e corsie di stoccaggio sono molteplici, e vengono qui di seguito riportate. 65

66 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Gru a portale su rotaia (1/3) modulo a un binario (basso turnover, senza stoccaggio sotto gru) 66

67 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Gru a portale su rotaia (2/3) modulo a due binari e con due vie esterne simmetriche di carico e stoccaggio e di corsa (alto turnover, possibilità di trasbordo diretto) 67

68 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Gru a portale su rotaia (3/3) modulo a quattro binari con doppi binari esterni simmetrici con doppie vie di corsa interne (turnover molto alto, possibilità di trasbordo diretto) 68

69 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Gru a portale su gomma (1/2) modulo a un binario con corsia di stoccaggio (basso turnover, possibilità di trasbordo diretto) 69

70 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Gru a portale su gomma (2/2) modulo a due binari con corsia di carico diagonale (turnover medio, senza possibilità di trasbordo diretto) 70

71 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Carrello frontale modulo a due binari per carrello frontale (medio turnover, senza possibilità di stoccaggio vicino al binario, possibilità di interferenze tra carrello e veicolo stradale) 71

72 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Schemi Operativi Carrello laterale modulo ad un binario per un carrello laterale (turnover molto basso, senza possibilità di stoccaggio vicino al binario) 72

73 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Elementi per la progettazione Modelli di simulazione dell esercizio (1/4) Il concetto di moduli funzionali, accoppiato ad un approccio sistematico per l acquisizione dei dati, consente di definire una metodologia per la progettazione funzionale degli elementi di un terminale intermodale, di supporto alla valutazione di progetti (layout) alternativi, all interno di un approccio di tipo what-if basato sull uso di strumenti di microsimulazione. ESERCITAZIONE DEL CORSO 73

74 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Elementi per la progettazione Modelli di simulazione dell esercizio (2/4) Questo approccio fornisce una visione chiara della struttura del modello dei differenti problemi del terminal delle attrezzature dei sistemi operativi che possono essere simulati variando gli input in funzione del volume delle merci della struttura e caratteristiche del flusso 74

75 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Elementi per la progettazione Modelli di simulazione dell esercizio (3/4) Ogni simulazione può fornire risultati relativi al movimento dei treni nella giornata e nelle varie ore della stessa ai movimenti dei camion e delle merci alla saturazione o meno della capacità delle attrezzature impiegate, ai tempi operativi, di attesa, ecc. 75

76 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Elementi per la progettazione Modelli di simulazione dell esercizio (4/4) È possibile quindi valutare e migliorare la capacità e l efficienza di: Attrezzatura (capacità, impiego, tempi operativi) sistema dei binari (carico, rotazione, movimenti di entrata, uscita e riordino) sistema stradale (capacità, movimento, interferenza) sistema di stoccaggio (capacità, rotazione) veicoli stradali (movimenti, tempi di servizio, tempi di attesa). II modello può anche essere usato per sviluppare e provare nuove concezioni operative. 76

77 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Elementi per la progettazione Visione di sistema (1/2) Anche la qualità dei servizi intermodali dal punto di vista dell utente deve essere migliorata tramite migliori comunicazioni tra l operatore del terminal e gli utenti, tra i terminal e le compagnie ferroviarie. La valutazione finale delle differenti soluzioni alternative, al fine di raggiungere quella ottimale, deve essere basata sulla analisi costi-ricavi, analisi che riceve gli input dal modello di simulazione. 77

78 IL TERMINAL INTERMODALE STRADA-ROTAIA Elementi per la progettazione Visione di sistema (2/2) Il progetto di un terminal intermodale strada/rotaia comprende i tipici problemi di interfaccia tra due sistemi - quello stradale e quello ferroviario - che normalmente si sviluppa con operatori diversi e differenti caratteristiche di impianto e di esercizio. Costo, capacità e livello di servizio del trasporto intermodale possono essere migliorati ottimizzando l'intero sistema e non solo i terminal che rappresentano una parte dell'insieme. Quindi il progetto di un terminal non è solo questione di dimensionamento fisico delle infrastrutture e delle attrezzature, ma riguarda anche la scelta del sistema di gestione più conveniente. 78

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt_2008 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA PROGETTI BOLOGNA L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA L'interporto di Bologna, oltre ad essere uno dei maggiori in Italia per traffico merci, si presenta come caso emblematico di infrastruttura interportuale,

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007 LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola Roma, Gennaio 2007 1 Indice Definizioni La logistica La logistica integrata Il trasporto intermodale L interporto La

Dettagli

TRASPORTO INTERMODALE MERCI

TRASPORTO INTERMODALE MERCI TRASPORTO INTERMODALE MERCI Cos èl intermodalità È un SERVIZIO reso attraverso l integrazione fra diverse modalità che induce a considerare il trasporto medesimo non più come somma di attività distinte

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lot_2012 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1 Pre Mitel Metodi di programmazione logistica Giulio Gencarelli 01/12/2010 1 Programmazione Definizione delle azioni da realizzare sulla base delle risorse effettivamente disponibili; Quadro di sviluppo

Dettagli

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE 1 AREA PROFESSIONALE LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

Sintesi. 1. Introduzione. 2. Problemi principali delle consegne delle merci. 3. Politiche e strutture. i. Metodi di consegna

Sintesi. 1. Introduzione. 2. Problemi principali delle consegne delle merci. 3. Politiche e strutture. i. Metodi di consegna Overview on facilities, policies and strategies for better freight delivery in urban areas Elvezia M. Cepolina Alessandro Farina Marino Lupi Università di Pisa Cenni sulla logistica urbana 1. Introduzione

Dettagli

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Le (UM) che garantiscono lo spostamento delle Unità di Carico

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile.

Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile. Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile. Business Logistics Salerno Moving Your Business Smyb SMYB Srl Salerno Moving Your Business è un courier specializzato nel trasporto delle merci a groupage

Dettagli

Gli attori del trasporto merci

Gli attori del trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt2010 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Gli attori del trasporto merci Struttura del trasporto merci Il trasporto delle merci e la logistica

Dettagli

SISTEMA DEI TRASPORTI

SISTEMA DEI TRASPORTI SISTEMA DEI TRASPORTI SISTEMA DEI TRASPORTI INSIEME DELLE MODALITA CON CUI SI REALIZZA IL TRASFERIMENTO DELLE PERSONE E DELLE COSE DA UN LUOGO AD UN ALTRO 1 IL TRASPORTO Lo svolgimento di qualsiasi attività

Dettagli

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Comune: Lugo Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 9-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r.

Dettagli

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA 40 ANNI SUL MERCATO! RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA LOCOTRATTORI STRADA-ROTAIA ZEPHIR, MODERNI ED EFFICIENTI PER OPERARE NEI PIAZZALI DI MOVIMENTAZIONE FERROVIARIA TECNOLOGIA

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Sistemi di trasporti 132 132 132 Tecnologie informatiche, dell automazione e della comunicazione 66

Dettagli

L INTERPORTO DI BERGAMO MONTELLO

L INTERPORTO DI BERGAMO MONTELLO LOMBARDIA Situato a est di Bergamo, l'interporto di Montello si pone come il punto di riferimento per potenzialità, posizione e rete infrastrutturale del bacino produttivo a nord est di Milano e della

Dettagli

Trasporti nazionali ed internazionali. Logistica e distribuzione.

Trasporti nazionali ed internazionali. Logistica e distribuzione. Trasporti nazionali ed internazionali. Logistica e distribuzione. 1985 nasce Angelucci Trasporti 50.000 metri quadri sede 10.000 metri quadri magazzini 28.500 spedizioni annue 118.000 118.000 tonnellate

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma. Ing.

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma. Ing. Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Fiorenzo Formichi Obiettivi realizzativi: il sottosistema SIOTI 06/06/2014 Slide

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Il magazzino

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Il magazzino dell Università degli Studi di Parma Il magazzino Gestione del magazzino La gestione operativa di un magazzino è strettamente legata al tipo di impianto ed alla sua organizzazione. Le principali attività

Dettagli

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012 FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012 Milano 26 Settembre 2012 Misure di prevenzione incendi per gli interporti: la guida tecnica,in fase di emanazione, per la progettazione e la realizzazione degli interporti.

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-08-Logistica

Dettagli

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel Consorzio Zai Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel 1948 da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Verona ed

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO TRASPORTI E LOGISTICA Articolazione LOGISTICA Cos è la logistica Insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano i flussi di materiali e delle relative

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Introduzione 1 IL PUNTO DI PARTENZA MICROLOGISTICA: tutto ciò che concettualmente è (o avviene o viene

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE Verona,22 Novembre 2013 Traffico merci in Europa La ripartizione modale 76% 7% Road Railways Inland waterways

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Misure di Logistica Urbana

Misure di Logistica Urbana Corso di LOGISTICA TERRITORIALE http://didattica.uniroma2.it marzo 2013 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Misure di Logistica Urbana Misure di logistica urbana Strategie Riduzione del numero di veicoli

Dettagli

MUOVE SEMPLIFICA RISOLVE

MUOVE SEMPLIFICA RISOLVE MUOVE SEMPLIFICA RISOLVE LA COMPETENZA È UTILE Trent anni di esperienza nella vendita, noleggio e gestione di carrelli elevatori ci ha portato a sviluppare una profonda conoscenza delle esigenze specifiche

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

EUROFRIGO VERNATE. Logistica integrata del freddo

EUROFRIGO VERNATE. Logistica integrata del freddo Logistica integrata del freddo EUROFRIGO VERNATE Via Sitia Yomo, 10-20080 Vernate (MI) - Tel. +39 02.9054685 - Fax +39 02.90091211 Web: www.eurofrigovernate.com - E-mail: info@eurofrigovernate.com L AZIENDA

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI Docente: Ing. Marinella Giunta DEFINIZIONI Vengono definite

Dettagli

Servizi LOGISTICA GDO PMI

Servizi LOGISTICA GDO PMI Servizi LOGISTICA 2016 GDO PMI GESTIONE PIATTAFORME LOGISTICA GESTIONE LOGISTICA DEL PUNTO VENDITA MOVIMENTAZIONE INTERNA GESTIONE PIATTAFORME LOGISTICA La piattaforma logistica è un area di movimentazione

Dettagli

Struttura del trasporto merci

Struttura del trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Struttura del trasporto merci Struttura del trasporto merci Il trasporto delle merci e la logistica MERCI

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

Magazzini industriali

Magazzini industriali Magazzini industriali Magazzini industriali 1 Funzioni Proteggere le merci a scorta Si devono conservare i materiali e componenti impiegati in produzione, quelli realizzati durante i cicli di produzione

Dettagli

ContainersDNV Progettati per la sicurezza dell utente, disegnati e costruiti per la soddisfazione dell utente

ContainersDNV Progettati per la sicurezza dell utente, disegnati e costruiti per la soddisfazione dell utente Standard, speciali e refrigerati ContainersDNV Progettati per la sicurezza dell utente, disegnati e costruiti per la soddisfazione dell utente Per qualsiasi dettaglio sui nostri magazzini di nuova generazione

Dettagli

OPERATORE DI MAGAZZINO MERCI

OPERATORE DI MAGAZZINO MERCI OPERATORE DI MAGAZZINO MERCI Corso GRATUITO per giovani e adulti disoccupati, non in possesso di conoscenze e capacità nel settore Rif. PA n 2015-4134/RER Finanziato dalla Regione Emilia Romagna tramite

Dettagli

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Bologna 27/10/2010 IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Ventitremila mq la struttura, venticinque milioni di euro l investimento, trecento i fornitori accreditati, quattromila referenze di cui

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SISTEMA

DESCRIZIONE DEL SISTEMA DESCRIZIONE DEL SISTEMA 1) DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI TRASPORTO DEL TRASPORTATORE 5 1.1) I METANODOTTI 5 1.1.1) I METANODOTTI DI IMPORTAZIONE 5 1.1.2) I METANODOTTI DI TRASPORTO PRIMARIO 5 1.1.3)

Dettagli

Progetto Formazione di esperti in telematica applicata

Progetto Formazione di esperti in telematica applicata Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comitato Centrale per l Albo degli Autotrasportatori Progetto Formazione di esperti in telematica applicata Metodi di valutazione della offerta di trasporto

Dettagli

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Guido Porta LOGISTICA SOSTENIBILE: Pubblico e Privato possono vincere insieme Genova, 30 novembre 2007 I.Log è una società nata per

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

Italia - Europa. LOGISTICA del Mobile. Sede Logistica Friuli-Veneto

Italia - Europa. LOGISTICA del Mobile. Sede Logistica Friuli-Veneto LOGISTICA del Mobile Italia - Europa Sede Logistica Friuli-Veneto Zona Artigianale Candelu di Maserada (TV) Via San Marco, 13 tel. +39 0422 686194 fax +39 0422 988074 dove siamo La struttura logistica

Dettagli

Chi, cosa, dove: la mappatura dell'offerta ferroviaria in Italia

Chi, cosa, dove: la mappatura dell'offerta ferroviaria in Italia Chi, cosa, dove: la mappatura dell'offerta ferroviaria in Italia Valeria Franchella Junior Project Manager ECR GS1 Italy Indicod-Ecr Intermodability 15 aprile 2014 1 GS1 Italy Indicod-Ecr Lo spazio del

Dettagli

Questionario per l analisi della logistica di distretto (District Logistics Analysis DLA)

Questionario per l analisi della logistica di distretto (District Logistics Analysis DLA) Questionario per l analisi della logistica di distretto (District Logistics Analysis DLA) Aprile Maggio 2003 Il presente questionario è rivolto ad un gruppo di aziende del Casentino. Le domande riguardano

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Organizzazione e sviluppo del sistema della logistica di medie e grandi dimensioni del territorio provinciale bolognese Approvato con Delibera del

Dettagli

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema)

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Logistica Giovanni Righini Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Anno accademico 2010-11 Definizione La logistica è la disciplina che studia come organizzare

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2011

Roma, 18 febbraio 2011 SICUREZZA ED ESERCIZIO FERROVIARIO: innovazione e nuove sfide nei sistemi ferroviari Il miglioramento dell accessibilità laterale ai binari quale elemento strategico per la manutenzione e per l aumento

Dettagli

LA LOGISTICA DELLE AUTO

LA LOGISTICA DELLE AUTO CORRIERI ZÜST AMBROSETTI LA LOGISTICA DELLE AUTO Il trasporto degli autoveicoli, analizzato attraverso il caso della Züst Ambrosetti, rappresenta uno dei primi esempi di specializzazione, nei mezzi e nelle

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG73A ATTIVITÀ 63.11.3 ATTIVITÀ 63.11.4 ATTIVITÀ 63.12.1 MOVIMENTO MERCI RELATIVO AD ALTRI

STUDIO DI SETTORE TG73A ATTIVITÀ 63.11.3 ATTIVITÀ 63.11.4 ATTIVITÀ 63.12.1 MOVIMENTO MERCI RELATIVO AD ALTRI STUDIO DI SETTORE TG73A ATTIVITÀ 63.11.3 MOVIMENTO MERCI RELATIVO A TRASPORTI FERROVIARI ATTIVITÀ 63.11.4 MOVIMENTO MERCI RELATIVO AD ALTRI TRASPORTI TERRESTRI ATTIVITÀ 63.12.1 MAGAZZINI DI CUSTODIA E

Dettagli

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes»

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Dalla distribuzione urbana alla smart logistics Fulvio Lino Di Blasio

Dettagli

Progettazione funzionale e dimensionamento degli Interporti

Progettazione funzionale e dimensionamento degli Interporti Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt_2008 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Progettazione funzionale e dimensionamento degli Interporti Requisiti e destinazioni d uso di macro-aree

Dettagli

2014 Profilo aziendale

2014 Profilo aziendale Profilo aziendale 2014 Il gruppo Interporto gestisce oggi una delle infrastrutture logistiche e intermodali più grandi in Europa, 1971 2014 piattaforma sostenibile di una logistica innovativa e globale

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2015 Il candidato, dopo aver letto attentamente, opti per una sola delle due tracce ed affronti la soluzione del tema e di due quesiti tra i quattro proposti nella traccia selezionata.

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IL TRASPORTO CAMIONISTICO DI MERCI IN INTERPORTO BOLOGNA

Dettagli

I fabbricati industriali

I fabbricati industriali I fabbricati industriali Fabbricati industriali 1 Generalità La scelta di un tipo di fabbricato è determinata dal plant layout, ossia dalla sistemazione dei macchinari, dei reparti dei servizi e quant

Dettagli

Logi.C.A. Consulting 1

Logi.C.A. Consulting 1 La Logistica La logistica, nell ambito del processo di gestione della supply chain : Pianifica Implementa Controlla l efficiente ed efficace flusso e immagazzinamento dei beni commerciali, l efficiente

Dettagli

MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA. MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO LOGISTICA

MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA. MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO LOGISTICA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: _04 / 11 /_2015 Pag. 1 di 5 INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 2016 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA

Dettagli

LOGISTICA PER IL COMMERCIO ELETTRONICO

LOGISTICA PER IL COMMERCIO ELETTRONICO LGISTICA PER IL CMMERCI ELETTRNIC Il commercio elettronico come tutte le attività economiche presenta sia dei benefici che delle criticità, è importante esserne consapevoli per poterlo sfruttare appieno.

Dettagli

AREA PROFESSIONALE TECNICO DELLA LOGISTICA INDUSTRIALE TECNICO DI SPEDIZIONE, TRASPORTO E LOGISTICA. pag. 1

AREA PROFESSIONALE TECNICO DELLA LOGISTICA INDUSTRIALE TECNICO DI SPEDIZIONE, TRASPORTO E LOGISTICA. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE LOGISTICA INDUSTRIALE,

Dettagli

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

The advanced logistics and intermodal system of the Northeast. Il sistema avanzato di logistica integrata. Your Ideal Logistics Provider

The advanced logistics and intermodal system of the Northeast. Il sistema avanzato di logistica integrata. Your Ideal Logistics Provider The advanced logistics and intermodal system of the Northeast Il sistema avanzato di logistica integrata Your Ideal Logistics Provider INTERPORTO PADOVA Interporto Padova S.p.A. è una società costituita

Dettagli

Intermodalità e Interporti.

Intermodalità e Interporti. Intermodalità e Interporti. INTERMODALITA - TERMINOLOGIA Innanzitutto, occorre fare chiarezza su quella che è la terminologia di riferimento. La conferenza dei ministri dei trasporti dei paesi europei

Dettagli

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione 1 L attività economica L attività umana diventa attività ECONOMICA quando comporta l uso di beni, risorse ovvero di mezzi scarsi, per la

Dettagli

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico 1. Introduzione Le Scorte sono costituite in prevalenza da materie prime, da accessori/componenti, da materiali di consumo. Rappresentano

Dettagli

FOCUS ON BORSA TRASPORTI INTERVISTA AL GENERAL MANAGER Dott. Angelo Coletta

FOCUS ON BORSA TRASPORTI INTERVISTA AL GENERAL MANAGER Dott. Angelo Coletta 1. CHE COS E, COME NASCE L IDEA DI CREARE UNA BORSA MERCI E DA QUALI ESIGENZE? Borsa Trasporti è l ultima nata tra le borse merci telematiche ed è un portale interamente dedicato al mondo del trasporto

Dettagli

CIMspa. Prof. Maurizio Comoli Presidente CIM Spa

CIMspa. Prof. Maurizio Comoli Presidente CIM Spa Prof. Maurizio Comoli Presidente CIM Spa 1. La Società 2. L evoluzione strutturale operativa 3. Il Piano Nazionale per la Logistica 4. L Atto di Indirizzo per il sistema del traffico merci e la logistica

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Soluzioni IT per la gestione dei Terminali Intermodali

Soluzioni IT per la gestione dei Terminali Intermodali Soluzioni IT per la gestione dei Terminali Intermodali AlmavivA TSF S.p.A. 00137 Roma Via Casal Boccone 188-190 Tel. +39 06 43621 ww.tsf.it Fausto Legnini L Azienda I I pendenti pendenti & gli gli skill

Dettagli

Sviluppo del settore dei servizi logistici per Expo 2015

Sviluppo del settore dei servizi logistici per Expo 2015 Varese for EXPO 2015 - Giornata dell Economia nazionale Sviluppo del settore dei servizi logistici per Expo 2015 Valutazione delle opportunità di sviluppo per le imprese varesine che offrono e che acquistano

Dettagli

Progetto Nord Ovest. Preavviso di arrivo sul Porto di Genova Gestione emergenze e allarmi

Progetto Nord Ovest. Preavviso di arrivo sul Porto di Genova Gestione emergenze e allarmi Progetto Nord Ovest Preavviso di arrivo sul Porto di Genova Gestione emergenze e allarmi Roma, 17 maggio 2011 0 Contesto L Autorità Portuale di Genova (APGe), attraverso E-port, è in grado di: a) Verificare

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C M.Lupi "Sistemi di Movimentazione e Stoccaggio"- A.A. 2011/12 - Università di Pisa - Polo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Corriere Espresso Colli. Corriere Espresso Pallet. Distribuzione. Fashion Service. Logistica Integrata. Trasporto Combinato

Corriere Espresso Colli. Corriere Espresso Pallet. Distribuzione. Fashion Service. Logistica Integrata. Trasporto Combinato Corriere Espresso Colli Smyb effettua ritiro e consegna di colli senza limite di peso, in 24/48h, su tutto il territorio nazionale con controllo spedizioni via Track & Trace. Corriere Espresso Pallet Il

Dettagli

Lezione 7 - A. Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale

Lezione 7 - A. Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale Lezione 7 - A Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale Caso di Studio: Azienda Portuale Analisi dei Requisiti Metodologia di Progetto Comprende la creazione di tre modelli rappresentati

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso

La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso Michele Paruzzi Furio Bombardi Solvay Chimica Italia S.p.A. Trenitalia

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - AUTISTA TRASPORTO MERCI - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

Quadri elettrici e norme di riferimento

Quadri elettrici e norme di riferimento Quadri elettrici e norme di riferimento Nella realizzazione di un impianto di sicurezza, un attenzione particolare va posta al quadro elettrico, al quale fa capo l alimentazione dell impianto stesso. Innanzitutto,

Dettagli

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA 2 Il Gruppo Casillo Sede: Settore: Stabilimenti: Corato (Bari) Trading di cereali e produzione sfarinati per panificazione

Dettagli

CONCETTO DI SCORTA. Imprese mercantili. Imprese Industriali. Materie prime Semilavorati Sottoprodotti Prodotti finiti. Merci

CONCETTO DI SCORTA. Imprese mercantili. Imprese Industriali. Materie prime Semilavorati Sottoprodotti Prodotti finiti. Merci CONCETTO DI SCORTA Le scorte sono elementi dell ATTIVO CIRCOLANTE, perche Rappresentano investimenti in fattori produttivi che attendono Di essere consumati o venduti in breve tempo Imprese Industriali

Dettagli

Sorrento, 21 novembre 2015

Sorrento, 21 novembre 2015 Sorrento, 21 novembre 2015 «Mezzogiorni d Europa d e Mediterraneo» e mobilità delle merci Linee guida per lo sviluppo dei trasporti e della logistica nel Mezzogiorno Sergio Curi, Fabrizio Dallari, Marco

Dettagli

UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile

UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile Guida alla esercitazione del corso di TERMINALI PER I TRASPORTI E LA LOGISTICA DOCENTE prof. ing. UMBERTO CRISALLI BOZZA

Dettagli

IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L.

IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L. IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L. TERMINALE FERROVIARIO INTERPORTO REGIONALE DELLA PUGLIA REGOLAMENTO GENERALE Pagina 1 di 11 INDICE 1. - Premesse 2. - Utilizzo delle aree e modalità 3. - Viabilità

Dettagli