Quadro SX RIEPILOGO DEI CREDITI E DELLE COMPENSAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quadro SX RIEPILOGO DEI CREDITI E DELLE COMPENSAZIONI"

Transcript

1 Quadro SX RIEPILOGO DEI CREDITI E DELLE COMPENSAZIONI ADEMPIMENTO SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESCLUSI COME SI COMPILA Il quadro SX è utilizzato per evidenziare i dati riepilogativi dei crediti e le compensazioni effettuate tra enti impositivi diversi. Sono tenuti all invio di tale quadro tutti i sostituti d imposta che devono presentare il modello 770/Ordinario. Il quadro SX non deve essere compilato dalle amministrazioni dello Stato, comprese quelle con ordinamento autonomo. Il quadro SX accoglie: i dati dei crediti derivanti dalla precedente dichiarazione e di quelli sorti nel periodo di riferimento; le compensazioni; i crediti residui. ADEMPIMENTO Il quadro SX è utilizzato al fine di evidenziare: a) i dati riepilogativi dei crediti mediante la compilazione dei righi da SX1 a SX4; b) le compensazioni effettuate tra enti impositivi diversi. In particolare, nei righi da SX1 a SX4 devono essere riepilogati: il credito 2013 derivante dalla precedente dichiarazione e del suo utilizzo: - ai sensi dell art. 1 del D.P.R. n. 445/1997 mediante la compilazione del punto 4 della prima e seconda sezione del quadro ST e nel punto 4 del quadro SV (compensazione interna); - tramite Mod. F24, ai sensi del D.Lgs. n. 241/1997, entro il 31 luglio 2013, data di presentazione della dichiarazione (compensazione esterna); i crediti sorti nel corso del periodo d imposta 2014 e del loro utilizzo ai sensi dell art. 1 del D.P.R. n. 445/1997 mediante la compilazione dei punti 4 e 5 della prima e seconda sezione del quadro ST e dei punti 4 e 5 del quadro SV (compensazione interna). La compilazione del presente quadro è funzionale al necessario riscontro delle compensazioni effettuate (rigo SX 4) e alla ripartizione delle imposte e dei crediti compensati tra i vari enti impositori cui competono (righi da SX5 a SX30). Tale quadro è unico in tutta la dichiarazione; pertanto nell ipotesi di soggetti estinti, i dati da indicare nel quadro SX vanno esposti con riferimento a tutti i quadri compilati, inclusi quelli del soggetto estinto. PRESENTAZIONE DEL QUADRO SX I soggetti tenuti a presentare sia il Mod. 770/2015 Semplificato che quello Ordinario, devono compilare un unico quadro SX, contenente i dati relativi alle compensazioni complessivamente operate, solo se sono intervenute compensazioni tra versamenti attinenti le somme certificate con il modello semplificato e quelli relativi alle somme indicate nel Modello Ordinario (art. 1 D.P.R. n. 445/1997). In questo caso il quadro SX deve essere allegato al modello ordinario. In assenza delle predette compensazioni, il sostituto può compilare e presentare distinti quadri SX riguardanti rispettivamente le compensazioni relative alle somme certificate con il modello semplificato o quelle relative alle somme comprese nel modello ordinario. DICHIARAZIONI FISCALI

2 COME SI COMPILA Per le modalità di compilazione del presente quadro si rimanda alle indicazioni fornite per la compilazione del prospetto SX del Mod. 770/2015 Semplificato. In questa parte si evidenziano le particolarità che caratterizzano la compilazione dei righi del quadro SX del Mod. 770/2015 Ordinario. RIGO SX1 Il rigo SX1 è destinato ad accogliere gli importi complessivi dei crediti. Nella colonna 4 deve essere indicato l ammontare complessivo dei versamenti in eccesso risultante dai quadri ST e SV ad esclusione dell eccesso di versamento dell imposta sostitutiva versata dalle SGR (art. 32, comma 4-bis, D.L. n. 78/2010) tenute alla compilazione del rigo SX44. Nella colonna 6 deve essere indicato l importo del credito derivante dal versamento dell imposta sul valore dei contratti assicurativi esteri di cui all art. 1, comma 2-sexies, del D.L. n. 209/2002. Gli importi nel rigo SX1 sono compresi nell importo da indicare nel rigo SX4, colonna 4. RIGO SX2 - VERSAMENTI 2014 IN ECCESSO E RESTITUZIONI RELATIVI ALLA PRESENTE DICHIARAZIONE UTILIZZATI NEL QUADRO RZ DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI Nel rigo SX2, presente solo nel Mod. 770/2015 Ordinario, indicare: l importo dei versamenti in eccesso effettuati nel 2014; l importo delle restituzioni relative all anno 2014; l eventuale riporto dell anno precedente non utilizzato in compensazione mediante Mod. F24; risultanti dalla dichiarazione 770/2015 Ordinario e utilizzati nel quadro RZ della dichiarazione dei redditi. L importo da indicare nel presente rigo deve diminuire l ammontare da indicare nella successiva colonna 4 del rigo SX4. RIGO SX3 - AMMONTARE UTILIZZATO NELLA PRESENTE DICHIARAZIONE RELATIVO AL QUADRO RZ DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI Nel rigo SX3, presente solo nel Mod. 770/2015 Ordinario, riportare: l importo dei versamenti in eccesso effettuati nel 2014; l importo delle restituzioni relative all anno 2014; l eventuale riporto dell anno precedente non utilizzato in compensazione mediante Mod. F24; risultanti dal quadro RZ della dichiarazione dei redditi e utilizzato nella dichiarazione 770/2015. RIGO SX4 - IMPORTO COMPLESSIVO COLONNA 2 - CREDITO RISULTANTE DALLA DICHIARAZIONE RELATIVA AL 2013 UTILIZZATO NEL MOD. F24 Nella colonna 2 va indicato l importo a credito risultante dalla precedente dichiarazione (Mod. 770/2014). 316 DICHIARAZIONI FISCALI

3 Nel caso di presentazione del Mod. 770/2015 Ordinario, contenente anche i dati dei versamenti e delle compensazioni attinenti al Mod. 770/2015 Semplificato, l ammontare del credito da riportare in colonna 2 si ottiene dalle seguenti colonne del Mod. 770/2014: SX32 (colonna 2 - colonna 1) + SX33 (colonna 2 - colonna 1) + SX34 (colonna 2 - colonna 1) Nel solo caso in cui il Mod. 770/2015 Ordinario sia presentato privo dei dati dei versamenti e delle compensazioni attinenti al Mod. 770/2015 Semplificato (poiché già indicati all interno del Mod. 770/2015 Semplificato), l ammontare del credito da riportare nella colonna 1 è invece pari a: COLONNA 4 - CREDITI MATURATI NEL 2014 SX34 (colonna 2 - colonna 1) Nella colonna 4 va evidenziato il risultato della seguente operazione: SX1 (colonna 1 + colonna 2 + colonna 3 + colonna 4 + colonna 5 + colonna 6) - SX2 + SX3 COLONNA 5 - AMMONTARE UTILIZZATO A SCOMPUTO DEI VERSAMENTI 2014 Va evidenziata la somma delle colonne 4 e 5 della prima e della seconda sezione dei diversi righi del quadro ST e delle colonne 4 e 5 dei diversi righi del quadro SV al netto di quanto riportato al rigo SX38 colonna 1, al rigo SX39 colonna 1, al rigo SX40 colonna 2 e delle colonne 4 e 5 dei righi da ST27 a ST37 del quadro ST e alla colonna 4 dei prospetti ST e SV nel caso di compilazione del campo 10 con il codice U. Qualora nella colonna 6 del rigo SX4 del Mod. 770/2014 Ordinario sia stato indicato l importo del credito chiesto in compensazione, il sostituto d imposta dovrà comunque presentare il Mod. 770/2015 Ordinario anche se nel corso del 2014 non sono state operate ritenute alla fonte e ciò al fine di effettuare la scelta tra compensazione e rimborso del credito. RIEPILOGO DEL CREDITO DA UTILIZZARE IN COMPENSAZIONE La sezione Riepilogo del credito da utilizzare in compensazione deve essere compilata obbligatoriamente qualora dal Mod. 770/2015 ordinario risulti un credito richiesto in compensazione (la colonna 6 del rigo SX4 è compilata). I presenti righi sono finalizzati a consentire un corretto utilizzo del predetto credito qualora nel periodo d imposta successivo il sostituto intenda avvalersi della facoltà di trasmettere i dati relativi al Mod. 770 Semplificato e dei relativi prospetti SS, ST, SV e SX separatamente dal Mod. 770 Ordinario. In questa ipotesi, infatti, il sostituto potrà effettuare le compensazioni previste dal D.P.R. n. 445/1997 da indicare nel quadro ST (modello ordinario) o nei prospetti ST e SV (modello semplificato), utilizzando esclusivamente crediti aventi la stessa natura delle ritenute che si intendono compensare. Qualora il sostituto intenda avvalersi della facoltà di inviare il 770 Semplificato senza i prospetti ST, SV e SX, oltre a dover indicare i dati nei quadri ST, SV e SX del Mod. 770 Ordinario, ha la possibilità di effettuare compensazioni utilizzando crediti aventi natura diversa dalle ritenute che si intendono compensare. Per la compilazione dei righi SX32 e SX33 si rimanda a quanto descritto per la compilazione dei medesimi righi del prospetto SX del Mod. 770/2015 Semplificato. RIGO SX34 - CREDITO SCATURITO DA RITENUTE DI CAPITALE Nel rigo SX34, colonna 2 indicare la quota del credito di cui al rigo SX4 colonna 6, da utilizzare in compensazione, scaturita da ritenute su redditi di capitale. Tale importo è comprensivo di quello eventualmente esposto a colonna 1. DICHIARAZIONI FISCALI

4 La colonna 1 è riservata ai soggetti che hanno optato per il consolidato previsto dagli artt. 117 e ss. del TUIR. Tali soggetti possono trasferire, in tutto o in parte, il credito evidenziato nella successiva colonna 2 ai fini della compensazione dell IRES dovuta dalla società consolidante a seguito della tassazione di gruppo. Il credito residuo risultante dalla differenza (SX34 colonna 2 - SX34 colonna 1) dovrà essere utilizzato in compensazione che, qualora venga effettuata nel modello di pagamento F24, comporta l utilizzo del codice tributo Qualora nel periodo d imposta successivo, il sostituto opti per la trasmissione del Mod. 770 Ordinario separatamente da quello Semplificato, il credito residuo risultante dal rigo SX34 potrà essere utilizzato in compensazione esclusivamente con i versamenti delle ritenute operate sui redditi di capitale corrisposti. Il credito da indicare in colonna 1 non può essere superiore all importo risultante dalla colonna 2. Inoltre, l importo del credito complessivamente ceduto, risultante dalla somma della colonna 1 dei righi SX32, SX33 e SX34, non può superare euro ,90 (art. 25 D.Lgs. n. 241/1997). RIGHI DA SX35 A SX44 - RIEPILOGO ALTRI CREDITI 318 DICHIARAZIONI FISCALI

5 Per la compilazione dei righi SX35, SX37 SX38, SX39, SX40 e SX47 si rinvia al commento riportato nel capitolo dedicato al prospetto SX del Mod. 770 Semplificato. Il rigo SX36 deve essere utilizzato per indicare il credito corrispondente alle ritenute di cui all art. 26, ultimo comma del D.P.R. n. 600 del 1973, restituite ai sensi dell art. 4 del D.Lgs. 30 maggio 2005, n. 143 da utilizzare in compensazione esclusivamente mediante il modello di pagamento F24. In particolare indicare: nella colonna 1, il credito risultante dalla colonna 3 del rigo SX36 della dichiarazione precedente nonché il credito maturato nel 2014, a seguito del rimborso delle ritenute operate dal 1 gennaio 2004 al 26 luglio 2005, a società o stabili organizzazioni di società situate in altro stato membro dell Unione Europea, e non dovute ai sensi dell art. 26-quater, del D.P.R. n. 600 del 1973; nella colonna 2, il credito utilizzato in compensazione nell anno 2014 mediante Mod. F24; nella colonna 3, il credito residuo risultante dalla differenza tra la colonna 1 e la colonna 2. Il rigo SX41 deve essere compilato per fornire i dati relativi al credito maturato a seguito dei versamenti dell imposta sulle riserve matematiche dei rami vita di cui al D.L. n. 209/2002, effettuati con i codici tributo 1681 e Il credito in questione, ricorrendo le condizioni previste dal comma 2 dell art. 1 del citato D.L. n. 209 del 2002, potrà essere utilizzato per la compensazione delle imposte e dei contributi ai sensi dell art. 17 del D.Lgs. n. 241 del 1997, anche oltre il limite previsto dall art. 34, comma 1, della legge n. 388/2000, ovvero ceduto a società o enti appartenenti al gruppo. In particolare indicare: nella colonna 1, l importo del credito utilizzabile alla data del 1 gennaio 2014, evidenziato nel rigo SG21, colonna 2 aumentato del credito residuo risultante dal rigo SX41, colonna 7, del Mod. 770/2014 Ordinario; nella colonna 2, l importo del credito acquisito per effetto di cessioni infragruppo avvenute con le modalità previste dall art. 43-ter del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602; nella colonna 3, il codice fiscale del soggetto cedente; nella colonna 4, l importo del credito ceduto per effetto di cessioni infragruppo avvenute con le modalità previste dall art. 43-ter del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602; nella colonna 5, il codice fiscale del cessionario; nella colonna 6, l ammontare del credito utilizzato nel Mod. F24 (codice tributo 6780) dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014, a compensazione delle imposte e dei contributi ai sensi dell art. 17 del D.Lgs. n. 241/1997, anche oltre il limite previsto dall art. 34, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n. 388; nella colonna 7, l importo del credito residuo alla data del 31 dicembre 2013 risultante dalla seguente operazione: colonna 1 + colonna 2 - colonna 4 - colonna 6 Nel rigo SX42 devono essere forniti i dati relativi al credito d imposta riconosciuto alle banche e agli intermediari finanziari per i quali, sulla base delle informazioni disponibili presso l Anagrafe tributaria, possono ricorrere le condizioni per l applicabilità delle disposizioni dell art. 2 del D.L. n. 185 del 2008, convertito con modificazioni dalla L. n. 2 del Questo credito d imposta è pari alla differenza tra gli importi delle rate determinate ai sensi del comma 1 del citato art. 2 del D.L. n. 185/2008 e quelli derivanti dall applicazione delle condizioni contrattuali dei mutui. Il credito d imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione ai sensi dell art. 17 del D.Lgs. n. 241 del 1997 e successive modificazioni. In particolare indicare: nella colonna 1 il credito residuo dell anno precedente riportato nel rigo SX42 colonna 3 del Mod. 770/2014 Ordinario; nella colonna 2 l ammontare del credito di cui alla colonna 1 utilizzato in compensazione esterna tramite Mod. F24, ai sensi dell art. 17 del D.Lgs. n. 241/1997; nella colonna 3 l ammontare del credito residuo. Il rigo SX43 deve essere utilizzato: dalle società di gestione del risparmio; degli intermediari depositari delle quote di fondi immobiliari, DICHIARAZIONI FISCALI

6 per indicare l importo relativo all eventuale eccedenza di versamento dell imposta sostitutiva di cui all art. 32, comma 4-bis, del D.L. n. 78/2010, utilizzabile in compensazione ai sensi dell art. 17 del D.Lgs. n. 241/1997. In particolare, occorre indicare: nella colonna 1, l importo relativo all eccedenza di versamento dell imposta sostitutiva; nella colonna 2, l importo del credito di cui alla colonna 1, utilizzato in compensazione esterna tramite modello F24, ai sensi dell art. 17 del D.Lgs. n. 241/1997; nella colonna 3, l importo del credito residuo. Il rigo SX44 deve essere utilizzato: dalle società di gestione del risparmio (SGR); dalle SICAV di diritto italiano; dai soggetti incaricati del collocamento delle quote o azioni dei fondi lussemburghesi storici, per indicare i dati riepilogativi delle compensazioni effettuate tra i risultati negativi di gestione accumulati dagli organismi di investimento alla data del 30 giugno 2011, i redditi di capitale derivanti dalla partecipazione ad organismi di investimento assoggettati a ritenuta di cui all art. 26-quinquies del D.P.R. n. 600/1973 e i redditi di capitale derivanti dalla partecipazione ad organismi di investimento in valori mobiliari di diritto estero assoggettati a ritenuta di cui all art. 10-ter, comma 1, della legge n. 77/1983. A decorrere dal 1 luglio 2011, sul risultato maturato della gestione degli organismi di investimento collettivo in valori mobiliari di diritto italiani e dei fondi lussemburghesi storici non è più dovuta l imposta sostitutiva del 12,50% di cui all art. 8, commi da 1 a 4, del D.Lgs. n. 467/1997, ovvero l imposta sostitutiva del 27% di cui all art. 8 del D.Lgs. 23 dicembre 1999, n. 505, sul risultato riferibile all investimento in partecipazioni qualificate. Sulle modalità operative si rimanda alla Circ. 33/E del 15 luglio Nel rigo SX44, pertanto, devono essere indicati i seguenti dati: nella colonna 1, l importo totale del risparmio d imposta non utilizzati in compensazione come risultante dal quadro SX del Mod. 770/2014 Ordinario; nella colonna 2, l importo del risparmio d imposta indicato nella colonna 1 utilizzato in compensazione nell anno 2014 con le ritenute di cui all art. 26-quinquies del D.P.R. n. 600/1973 operate nella misura del 12,50%; nella colonna 3, l importo del risparmio d imposta indicato nella colonna 1 utilizzato in compensazione nel 2014 con le ritenute operate in base all art. 10-ter, comma 1, L. n. 77/1983; nella colonna 4, l importo del risparmio d imposta indicato nella colonna 1 oggetto di certificazione ai partecipanti a seguito della cessazione dell organismo di investimento; nella colonna 5, l importo del risparmio d imposta indicato nella colonna 1 oggetto di trasferimento a seguito di operazioni straordinarie (cessioni di ramo d azienda, operazioni di fusione, ecc.); nella colonna 6, l importo del risparmio d imposta acquisito a seguito di operazioni straordinarie (acquisto di rami di azienda, operazioni di fusione, ecc.); nella colonna 7, l importo del risparmio d imposta residuo. Il rigo SX45 va compilato dagli intermediari (art. 11, comma 1, lett. b), D.L. n. 350/2001) al fine di: a) indicare il credito residuo 2013 (colonna 3 del rigo SX45 presente nel Mod. 770/2014 Ordinario); b) indicare l utilizzo del credito nel corso del 2014 mediante F24; c) indicare l eventuale credito residuo 2014 risultante dalla differenza tra colonna 1 e colonna 2. Nel rigo SX46 devono essere forniti i dati relativi al credito maturato a seguito dei versamenti relativi all acconto dell imposta sostitutiva sui redditi diversi di natura finanziaria in regime del risparmio amministrato di cui all articolo 2, comma 5, del decreto legge 30 novembre 2013, n In particolare occorre indicare: nella colonna 1, l importo del credito utilizzabile alla data del 1 gennaio 2014 risultante dal versamento relativo all acconto dell imposta sostitutiva dei redditi di natura finanziaria in regime di risparmio amministrato versato nel 2013 al netto di quanto già compensato con i versamenti 320 DICHIARAZIONI FISCALI

7 dell imposta sostitutiva sui redditi diversi di natura finanziaria in regime di risparmio amministrato, già evidenziati nel modello 770/2014 ordinario; nella colonna 2, l importo del credito acquisito per effetto di cessioni infragruppo avvenute con le modalità previste dall art. 43-ter del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602; nella colonna 3, il codice fiscale del soggetto cedente del credito ceduto; nella colonna 4, l importo del credito ceduto per effetto di cessioni infragruppo avvenute con le modalità previste dall art. 43-ter del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602; nella colonna 5, il codice fiscale del soggetto cessionario del credito; nella colonna 6, l importo del credito maturato nell anno 2014 a seguito del versamento relativo all acconto effettuato entro il 16 dicembre 2014; nella colonna 7, deve essere indicato l importo del credito di cui alle precedenti colonne utilizzato in compensazione interna ai sensi dell art. 1 del D.P.R. n. 445 del 1997, limitatamente alla parte utilizzata a scomputo dei versamenti relativi al periodo di imposta della presente dichiarazione; nella colonna 8, l importo del credito residuo risultante dalla seguente operazione colonna 1 + colonna 2 colonna 4 + colonna 6 colonna 7 CHECK LIST DI VERIFICA COMPILAZIONE QUADRO SX MODELLO 770/2015 ORDINARIO Recuperare i dati relativi ai conguagli dei redditi di lavoro dipendente Recuperare le copie dei modelli di versamento Verificare gli eventuali versamenti in eccesso Verificare la documentazione relativa ai crediti d imposta Verificare il credito derivante dalla precedente dichiarazione Verificare la compilazione del quadro RZ del modello Unico DICHIARAZIONI FISCALI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

del credito 2006 derivante dalla precedente dichiarazione e del suo utilizzo; in compensazione orizzontale tramite modello F24

del credito 2006 derivante dalla precedente dichiarazione e del suo utilizzo; in compensazione orizzontale tramite modello F24 PROSPETTO SX Devono essere riportati i dati riepilogativi: del credito 2006 derivante dalla precedente dichiarazione e del suo utilizzo; in compensazione orizzontale tramite modello F24 O in compensazione

Dettagli

ORDINARIO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003. Finalità.

ORDINARIO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003. Finalità. 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. del D.Lgs. n. 9 del 00 Finalità del trattamento Dati personali Modalità del trattamento Titolari del trattamento Responsabili

Dettagli

NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO

NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PARTE B - DATI FISCALI SOMME EROGATI PER STRAORDINA- RI E PREMI PRODUTTIVITÀ PARTE D - ASSISTENZA 2008 ALTRI PROSPETTI Provv. Ag. Entrate

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2012

Modello 770 SEMPLIFICATO 2012 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2012 Redditi 2011 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2011 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

SEMPLIFICATO. BOZZA INTERNET del 9/12/2013. Anno 2013. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n.

SEMPLIFICATO. BOZZA INTERNET del 9/12/2013. Anno 2013. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. BOZZA INTERNET del 9//0 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E INDICE

CIRCOLARE N. 19/E INDICE CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2013 OGGETTO: Attuazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). Modifiche al regime di tassazione degli organismi di investimento collettivo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI RISOLUZIONE N. 43/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 luglio 2013 OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI In considerazione delle numerose richieste di chiarimento in merito ai particolari

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Protocollo n. 03/0 Approvazione del modello 0/03 Ordinario, relativo all anno 0, con le istruzioni per la compilazione, concernente la dichiarazione di altri sostituti d imposta nonché degli intermediari

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede un

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. 9/00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

Il modello 770 semplificato e ordinario

Il modello 770 semplificato e ordinario Il modello 770 semplificato e ordinario Relatrice: Dott.ssa Laura Demaria Modello 770 è il modello principe per il sostituto d imposta Tramite esso il sostituto d imposta trasmette all agenzia delle entrate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 00 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede

Dettagli

MODELLO 770/2013 SEMPLIFICATO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2012

MODELLO 770/2013 SEMPLIFICATO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2012 FERRARA MODELLO 770/2013 SEMPLIFICATO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2012 MODELLO 770/2013 ORDINARIO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA E DEGLI INTERMEDIARI RELATIVA ALL ANNO 2012

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE FISCALI DAL 1 SETTEMBRE 2013 AL 30 SETTEMBRE 2013

PRINCIPALI SCADENZE FISCALI DAL 1 SETTEMBRE 2013 AL 30 SETTEMBRE 2013 PRINCIPALI SCADENZE FISCALI DAL 1 SETTEMBRE 2013 AL 30 SETTEMBRE 2013 I versamenti di ritenute, imposte, contributi, ecc., contemplati dall art. 17, D.Lgs. 241/1997 e gli adempimenti fiscali che cadono

Dettagli

3. Regime fiscale dei partecipanti... 15

3. Regime fiscale dei partecipanti... 15 Circolare n. 33/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 luglio 2011 OGGETTO: Articolo 2, commi da 62 a 79, del decreto-legge del 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla legge 26

Dettagli

IVA Operazioni per le quali sono rilasciate le ricevute o gli scontrini fiscali Annotazione cumulativa nel registro dei corrispettivi

IVA Operazioni per le quali sono rilasciate le ricevute o gli scontrini fiscali Annotazione cumulativa nel registro dei corrispettivi IVA Fatturazione differita Emissione della fattura SOGGETTI OBBLIGATI: SOGGETTI CON PARTITA IVA Scade il termine per l emissione delle fatture relative alle cessioni di beni, comprovate da documenti di

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 205 Anno 204 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 3 d.lgs. n. 9/2003) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti

Dettagli

Presentazione della dichiarazione 770/2015 semplificato e ordinario di Marco Peverelli e Roberta Matrone

Presentazione della dichiarazione 770/2015 semplificato e ordinario di Marco Peverelli e Roberta Matrone Presentazione della dichiarazione 770/2015 semplificato e ordinario di Marco Peverelli e Roberta Matrone ADEMPIMENTO " FISCO Il Mod. 770, Semplificato ed Ordinario, riepiloga tutti i dati fiscali relativi

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO Circolare informativa per la clientela n. 14/2010 del 10 giugno 2010 NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO In questa Circolare 1. Modelli 770/2010 Semplificato e Ordinario 2. Principali novità

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI L art. 21, DL n. 78/2010, al fine di contrastare l evasione fiscale e le frodi in materia di IVA, ha introdotto un nuovo adempimento, quello di comunicare telematicamente

Dettagli

LE NOVITA FISCALI INTRODOTTE DALLA MANOVRA ESTIVA

LE NOVITA FISCALI INTRODOTTE DALLA MANOVRA ESTIVA Seminario LE NOVITA FISCALI INTRODOTTE DALLA MANOVRA ESTIVA Firenze 13 settembre 2006 Viareggio 14 settembre 2006 Novità in tema di fiscalità delle operazioni finanziarie del settore immobiliare Leasing

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Prot. 2012/3535 Alle Direzioni regionali e provinciali. Agli Uffici locali. Al Comando Generale della Guardia di Finanza

CIRCOLARE N. 2/E. Prot. 2012/3535 Alle Direzioni regionali e provinciali. Agli Uffici locali. Al Comando Generale della Guardia di Finanza CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi di Capitale e Diversi Roma, 15 febbraio 2012 Prot. 2012/3535 Alle Direzioni regionali

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

TASK FORCE ASSOGESTIONI. Documento conclusivo

TASK FORCE ASSOGESTIONI. Documento conclusivo TASK FORCE ASSOGESTIONI PER L implementazione della riforma della tassazione dei fondi comuni Giugno 2011 Task force assogestioni per l implementazione della riforma della tassazione dei fondi comuni Giugno

Dettagli

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ Circolare informativa per la clientela Luglio Nr. 1 MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ In questa Circolare 1. Modelli 770/2014 Semplificato e Ordinario 2. Quadri che compongono il 770 3.

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE FISCALI DAL 1 OTTOBRE 2013 AL 31 OTTOBRE 2013

PRINCIPALI SCADENZE FISCALI DAL 1 OTTOBRE 2013 AL 31 OTTOBRE 2013 PRINCIPALI SCADENZE FISCALI DAL 1 OTTOBRE 2013 AL 31 OTTOBRE 2013 Martedì 15 ottobre Fatture e autofatture di importo inferiore a euro 300,00 Annotazione dell'eventuale documento cumulativo delle fatture

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

NOTA A COMMENTO ELABORATA CON L AUSILIO DELL AVV. FEDERICO RASI DELLO STUDIO VISENTINI MARCHETTI E ASSOCIATI

NOTA A COMMENTO ELABORATA CON L AUSILIO DELL AVV. FEDERICO RASI DELLO STUDIO VISENTINI MARCHETTI E ASSOCIATI NOTA A COMMENTO ELABORATA CON L AUSILIO DELL AVV. FEDERICO RASI DELLO STUDIO VISENTINI MARCHETTI E ASSOCIATI 1. Il regime fiscale delle SICAF. Tra le novità fiscali, va, innanzitutto, segnalato che l art.

Dettagli

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU MODELLO 770/2001 (DICHIARAZIONE PER LE RITENUTE, I CONTRIBUTI E I PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001 Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU DEVONO PRESENTARE IL

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato. Prot.2015/4793 Approvazione del modello 770/2015 Semplificato, relativo all anno 2014, con le istruzioni per la compilazione, concernente le comunicazioni da parte dei sostituti d imposta dei dati delle

Dettagli

I fondi d investimento immobiliare STRUMENTI PER PROMUOVERE INTERVENTI DI EDILIZIA PRIVATA SOCIALE E PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO PUBBLICO

I fondi d investimento immobiliare STRUMENTI PER PROMUOVERE INTERVENTI DI EDILIZIA PRIVATA SOCIALE E PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO PUBBLICO I fondi d investimento immobiliare STRUMENTI PER PROMUOVERE INTERVENTI DI EDILIZIA PRIVATA SOCIALE E PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO PUBBLICO Regime tributario inerente alla costituzione e gestione dei Fondi

Dettagli

La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione

La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione 470 APPROFONDIMENTO La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione di Enzo Mignarri Con il D.L. n. 216/2011 c.d. mille proroghe e con tre decreti

Dettagli

LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI

LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI LE NOVITÀ DEL DECRETO RENZI Con la pubblicazione sulla G.U. 24.4.2014, n. 95 è entrato in vigore, a decorrere dal 24.4.2014, il DL n. 66/2014, Decreto Renzi, nell ambito del quale, oltre ad una serie di

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

CIRCOLARE 1/2015 Genova, 16/01/2015

CIRCOLARE 1/2015 Genova, 16/01/2015 STUDIO ASSOCIATO CONSULENTI DEL LAVORO BARILLARI LAPOLLA CAVALLERI 16128 - GENOVA - VIA CORSICA, 9/2 SC. B - TEL. 010 5455511 - FAX 010 5704028 E-MAIL: barillari@tpservice.it lapolla@tpservice.it cavalleri@tpservice.it

Dettagli

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015.

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. 15 Martedì IVA Fatturazione differita: scade il termine per l emissione

Dettagli

D.P.R. 14 ottobre 1999, n. 542 - Disposizioni relative alla presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dell Irap e dell Iva.

D.P.R. 14 ottobre 1999, n. 542 - Disposizioni relative alla presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dell Irap e dell Iva. Circolare Informativa n. 7/2000 Alle Società Consorziate Roma, 10 marzo 2000 Rif.: 10-260- 560.5. Oggetto: D.P.R. 14 ottobre 1999, n. 542 - Disposizioni relative alla presentazione delle dichiarazioni

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) 18 Luglio 2012 SCADE IL 31 LUGLIO 2012 IL

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE (Art.15 D.P.R. del 26 ottobre 1972 n. 642) I. INTRODUZIONE L imposta di bollo è dovuta fin dall origine per gli atti, documenti e registri indicati

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 7 del 26 Settembre 2011

STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 7 del 26 Settembre 2011 STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 7 del 26 Settembre 2011 LE NOVITÀ DELLA MANOVRA DI AGOSTO DOPO LA CONVERSIONE IN LEGGE DL n. 138/2011 convertito dalla Legge n. 148/2011 In sintesi: Con l approvazione

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 15 febbraio 2012

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 15 febbraio 2012 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 febbraio 2012 OGGETTO: Riorganizzazione della disciplina fiscale dei fondi immobiliari chiusi. Articolo 32 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78

Dettagli

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi 1369 ATTUALITÀ Circolare n. 2/E del 15 febbraio 2012 Disciplina dei fondi immobiliari chiusi di Massimo Gabelli e Roberta De Pirro (*) Con la circ. n. 2/E del 15 febbraio 2012, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

SCADENZARIO GENNAIO 2015

SCADENZARIO GENNAIO 2015 SCADENZARIO GENNAIO 2015 Lunedì 5 Gennaio 2015 IVA - Provvigioni ai rivenditori autorizzati di documenti di viaggio relativi al trasporto pubblico urbano di persone - Emissione della fattura Per gli esercenti

Dettagli

3. QUADRO RM REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA E AD IMPOSTA SOSTITUTIVA

3. QUADRO RM REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA E AD IMPOSTA SOSTITUTIVA 3. QUADRO RM REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA E AD IMPOSTA SOSTITUTIVA Generalità SEZIONE I INDENNITÀ E ANTICIPAZIONI DI CUI ALLE LETTERE D), E), F) DELL ART. 17, DEL TUIR SEZIONE II INDENNITÀ, PLUSVALENZE

Dettagli

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore:

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore: GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» OPEN Dot Com Servizio: Nome servizio Pag. 1 Torino,

Dettagli

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Dott. Domenico Ponticelli (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento immobiliare 21 Maggio 2015

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

770-2014. PROCEDURE FISCALI - pag. 1

770-2014. PROCEDURE FISCALI - pag. 1 770-2014 PROCEDURE FISCALI - pag. 1 Sommario INTRODUZIONE DICHIARAZIONE 770...3 INTRODUZIONE DICHIARAZIONE 770...3 NUOVA DICHIARAZIONE 770...5 RICERCA DICHIARAZIONE...6 DETTAGLIO DICHIARAZIONE...9 QUADRO

Dettagli

4.2.11 QUADRO VX DETERMINAZIONE DELL IVA DA VERSARE O DEL CREDITO D IMPOSTA

4.2.11 QUADRO VX DETERMINAZIONE DELL IVA DA VERSARE O DEL CREDITO D IMPOSTA 4.2.11 QUADRO VX DETERMINAZIONE DELL IVA DA VERSARE O DEL CREDITO D IMPOSTA Il quadro VX contiene i dati relativi all IVA da versare o all IVA a credito e deve essere compilato esclusivamente dai contribuenti

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA DELL ANNO 2012 MODELLO 770/2013 SEMPLIFICATO E MODELLO 770/2013 ORDINARIO RIFERIMENTI NORMATIVI ARTT. 4 8/8BIS DPR 22.07.1998 N. 322; ART. 4 DPR 7.12.2001

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Allegato Tabella 1 Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Persone fisiche Società esenti da Ires (1) (2) (3) Soggetti esclusi da Ires (art. 74 del Tuir - Stato ed enti pubblici) Società semplici,

Dettagli

Gecom 770 Gestione 770/2015

Gecom 770 Gestione 770/2015 Gecom 770 Gestione 770/2015 Istruzioni operative 770/2015 2/100 INDICE Premessa... 4 Novità del modello 770/2015 Semplificato... 5 Comunicazione dati lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale...

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Dott. Pier Francesco Di Rienzo

Dott. Pier Francesco Di Rienzo Umbertide, 08 Aprile 2011 Circolare 2/2011 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: REVERSE CHARGE, CELLULARI E PERSONAL COMPUTER A far data dal 1 aprile 2011, alla cessione di telefoni cellulari e di componenti

Dettagli

MODELLO 770/2012 SEMPLIFACATO

MODELLO 770/2012 SEMPLIFACATO 1 Cuneo Unione Industriali 4 giugno 2012 MODELLO 770/2012 SEMPLIFACATO Gabriele Bonati 2 Approvazione del modello 770/2012 L Agenzia delle entrate, con due provvedimenti del 16 gennaio 2012 (pubblicati,

Dettagli

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la tassazione e la previdenza di imprese e professionisti RIFERIMENTI: Art. 1, commi da 54 a 89, l. 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 2 marzo 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 2 marzo 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 8/E Roma, 2 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modalità di effettuazione delle ritenute alla fonte per le somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi.

Dettagli

Roma, Roma, 2 marzo 2011

Roma, Roma, 2 marzo 2011 CIRCOLARE N. 8/E Roma, Roma, 2 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modalità di effettuazione delle ritenute alla fonte per le somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso

Dettagli

La CU2016: tra certificazione e dichiarazione del sostituto d imposta

La CU2016: tra certificazione e dichiarazione del sostituto d imposta Vicenza, 17 febbraio 2016 La CU2016: tra certificazione e dichiarazione del sostituto d imposta Relatore: dott. Paolo Meneguzzo Area Fiscale 1 CU 2016: schema della relazione 1 2 3 4 5 6 Norma istitutiva,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

QUADRO RM REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA E AD IMPOSTA SOSTITUTIVA

QUADRO RM REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA E AD IMPOSTA SOSTITUTIVA QUADRO RM REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA E AD IMPOSTA SOSTITUTIVA Redditi derivanti da procedure di pignoramento presso terzi Data l introduzione delle ritenute alla fonte sulle somme liquidate

Dettagli

INDICE GUIDA OPERATIVA

INDICE GUIDA OPERATIVA INDICE GUIDA OPERATIVA MODELLI DI DICHIARAZIONE IVA RELATIVI ALL ANNO 2012 1 Premessa 1 Novità 1 Soggetti che presentano la dichiarazione IVA in via autonoma 2 Struttura dei modelli 3 Modalità e termini

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

I L M O D E L L O 7 7 0 E I L T E R M I N E D I P R E S E N T A Z I O N E CIRCOLARE INFORMATIVA 8/2013 L U G L I O 2 0 1 3

I L M O D E L L O 7 7 0 E I L T E R M I N E D I P R E S E N T A Z I O N E CIRCOLARE INFORMATIVA 8/2013 L U G L I O 2 0 1 3 I L M O D E L L O 7 7 0 E I L T E R M I N E D I P R E S E N T A Z I O N E CIRCOLARE INFORMATIVA 8/2013 L U G L I O 2 0 1 3 I L M O D E L L O 7 7 0 E I L T E R M I N E D I P R E S E N T A Z I O N E I sostituti

Dettagli

Comunicazione Annuale Operazioni IVA importi uguali e/o superiori 3.000

Comunicazione Annuale Operazioni IVA importi uguali e/o superiori 3.000 Comunicazione Annuale Operazioni IVA importi uguali e/o superiori 3.000 Versione A 1 documento riservato ai clienti diretti Tel 051 813324 Fax 051 813330 info@centrosoftware.com sommario Introduzione...3

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

1. Ritenute alla fonte sui pagamenti effettuati a seguito di pignoramento presso terzi

1. Ritenute alla fonte sui pagamenti effettuati a seguito di pignoramento presso terzi fisconline - banca dati tributaria - Ä Wolters Kluwer Italia Srl - P.I. 10209790152-12/3/2011-17:56 - $12588660-87.23.51.66-9117695 16c40cf6fa786fb86893209869132557-120 - Circ. n. 8/E del 2 marzo 2011

Dettagli

UFFICIO COMPETENTE TIPO DI DICHIARAZIONE DATI DEL CONTRIBUENTE. Persone fisiche. Soggetti diversi dalle persone fisiche

UFFICIO COMPETENTE TIPO DI DICHIARAZIONE DATI DEL CONTRIBUENTE. Persone fisiche. Soggetti diversi dalle persone fisiche CODICE FISCALE MODELLO IVA 74-bis DICHIARAZIONE DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE NELLA FRAZIONE D ANNO ANTECEDENTE LA DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO O DI LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA AVVENUTA NELL ANNO 006

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

STUDIO ACCARDI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA

STUDIO ACCARDI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA DOTT. MARIO ACCARDI E DOTT. CHIARA ACCARDI DOTTORI COMMERCIALISTI DOTT. MARIO ACCARDI DOTT. CHIARA ACCARDI DOTT. SANDRO SPATA DOTTORE COMMERCIALISTA Circolare n 7 Firenze,

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2013

LEGGE DI STABILITA 2013 Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 6 Mantova, lì 18 gennaio 2013 Circolare N. 02/2013 Alle Aziende Clienti - Loro Sedi LEGGE DI STABILITA 2013 La L. 24.12.2012 n. 228 costituisce la legge di stabilità

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Novembre 2013 Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Avv. Vincenzo Bancone e Dott. Manfredi La Barbera, CBA Studio Legale e Tributario

Dettagli

IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO

IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO Premessa generale L Agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2013 ha approvato il modello 770/2013 semplificato

Dettagli

CNM. Consolidato nazionale mondiale 2014. ntrate

CNM. Consolidato nazionale mondiale 2014. ntrate genzia ntrate CNM Consolidato nazionale mondiale 2014 Dichiarazione dei soggetti ammessi alla tassazione di gruppo di imprese controllate residenti e dei soggetti ammessi alla determinazione dell unica

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 CHIOMENTI STUDIO LEGALE NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 1. Premessa. Il nuovo quadro normativo civilistico e la soggettività tributaria dei fondi immobiliari 2. Il regime fiscale proprio dei

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Aumento dell'aliquota di tassazione delle rendite finanziarie dal 20% al 26%, (effetti finanziari diretti).

RELAZIONE TECNICA Aumento dell'aliquota di tassazione delle rendite finanziarie dal 20% al 26%, (effetti finanziari diretti). RELAZIONE TECNICA Artt. 3 e 4, commi da 1 a 10 (Disposizioni in materia di redditi di natura finanziaria) Le disposizioni in esame prevedono l incremento di sei punti percentuali, a decorrere dal luglio

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015

CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015 CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015 Da quest anno, vi sono due importanti innovazioni in merito alle certificazioni che i sostituti d imposta devono rilasciare ai percipienti, per attestare i redditi loro corrisposti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato. Prot.2015/4793 Approvazione del modello 770/2015 Semplificato, relativo all anno 2014, con le istruzioni per la compilazione, concernente le comunicazioni da parte dei sostituti d imposta dei dati delle

Dettagli

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1. 1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.2 La dematerializzazione delle azioni 1.1.2.1 Profili fiscali 1.1.3

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE (Art.15 D.P.R. del 26 ottobre 1972 n. 642) I. INTRODUZIONE L imposta di bollo è dovuta fin dall origine per gli atti, documenti e registri indicati

Dettagli

AGENDA E NOTIZIE DELLA SETTIMANA

AGENDA E NOTIZIE DELLA SETTIMANA AGGIORNAMENTI AGOSTO 2015 MODELLO 770/2015 ADEMPIMENTO E CHECK LIST Modello 770/2015 In base alle funzioni svolte dai Mod. 770 semplificato e ordinario e, pertanto, alle tipologie di dati ed informazioni

Dettagli

Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia di Belluno www.csvbelluno.it 1

Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia di Belluno www.csvbelluno.it 1 CIRC.MIN. 213/E/2000 Modifiche alla disciplina tributaria dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria. D.lgs. 505/1999 e d.lgs. 221/2000 INDICE 1 La nuova disciplina degli interessi

Dettagli