STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-"

Transcript

1 STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano Bollettino n. 11 anno 5 - dicembre 2014 Premessa Prosegue fiaccamente la dinamica degli avviamenti, da cui si evidenzia il netto declino dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Anche le alte professionalità, i giovani che hanno terminato gli studi universitari, faticano a valorizzare i loro sforzi a causa di una domanda di lavoro sempre più appiattita verso bassi livelli di competenza, e il tutto alimenta un circolo vizioso all interno del quale diventa sempre più difficile cogliere qualche elemento di incoraggiamento e di qualificazione del sistema produttivo. Il 2014 rischia di concludersi con il segno negativo e con scarse prospettiva di ripresa per i mesi a venire. Pure la dinamica della cassa integrazione, sebbene attenuata rispetto alla cifra record 1 dello scorso mese di ottobre, si conferma su valori importanti, sia per quantità che per qualità, poiché insistono a supporto di rilevanti processi di ristrutturazione. In altre parole, il 2014, dopo aver manifestato qualche lieve segnale di interesse, si conclude nel modo peggiore, rischiando di condizionare gli esiti dei prossimi mesi. La cassa integrazione guadagni Il mese di novembre mantiene valori elevati che fanno alzare l asticella delle linee tendenziali, siano esse riferite alla cifra totale, sia per quanto riguarda il solo dato della straordinaria, a proposito della quale occorre sottolineare il peso sostenuto dal settore metalmeccanico che, da solo, assorbe oltre il 50% delle ore autorizzate. Il dato è in incremento, anche rispetto allo stesso mese dello scorso anno, nonostante il 2013 si caratterizzasse per un certo equilibrio tra le diverse tipologia di cassa, al contrario del 2014, nel quale assume maggior evidenza il valore a sostegno dei processi di ristrutturazione, per lo più destinati a rappresentare la premessa per futuri licenziamenti. 1 Per la cronaca, è bene considerare che le oltre 10 milioni di ore autorizzare nello scorso mese di ottobre rappresentano un record assoluto, mai raggiunto a Milano dall inizio dalla crisi e il fatto che la maggior parte sia rappresentata dalla straordinaria, testimonia la pesantezza dei processi di ristrutturazione, concentrata sulle maggiori attività manifatturiere, soprattutto del settore metalmeccanico. 1

2 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 CIGO CIGS CIG DEROGA TOTALE Totale delle ore di cassa integrazione, suddiviso per tipologia, autorizzate nella provincia di Milano -dati INPS La crescita della linea di tendenza, sia quella rossa continua che rappresenta il totale delle ore autorizzate, sia quella più scura, tratteggiata, che rappresenta il valore della straordinaria, è costante e si muove parallelamente lungo l intero semestre di riferimento CIGO CIGS CIG deroga TOTALE Raffronto novembre 2014 con novembre 2013 di CIGO CIGS CIG in deroga e totale per: industria, edilizia, artigianato e commercio - Dati INPS La conferma della rappresentazione circa la differenza tra il 2013 e il 2014, sta nello squilibrio che questi ultimi mesi dell anno ha caratterizzato le diverse tipologia di cassa, in passato equamente ripartite. 2

3 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 METALMECCANICO TESSILE CHIMICO ore autorizzate nella provincia di Milano: raffronto mensile tra i comparti metalmeccanico, tessile, chimico/plastica - dati INPS L unico dato che tende a riequilibrare è la distribuzione settoriale, che vede un incremento dei comparti tessile e chimico a tutto svantaggio del metalmeccanico, il quale, mantiene, tuttavia, il 50% del totale delle ore autorizzate, soprattutto della straordinaria. Gli avviamenti La dinamica degli avviamenti, nelle aziende della provincia di Milano, non sta presentando una particolare vivacità, dopo l incremento registrato nei mesi estivi, il valore si assesta su valori conformi, superiori al 100%, ma purtuttavia insufficienti a invertire il tasso di disoccupazione alimentato da una crescente pressione sul lato dell offerta di lavoro. Anche le aziende attive sul mercato del lavoro seguono la medesima traccia, testimoniando l esaurimento dell energia che aveva portato le imprese milanesi su valori interessanti feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 ago-13 set-13 ott-13 nov-13 dic-13 gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 avviamenti complessivi aziende con almeno 1 avviamento 3

4 Raffronto a partire dal mese di febbraio 2013 fino a novembre 2014: aziende attive sul mercato del lavoro milanese e totale degli avviamenti nello stesso periodo. 2 - fonte: Osservatorio del mercato del lavoro della Provincia di Milano IL rallentamento trova conferma ulteriore dalla dinamica dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato, la cui curva declinante si presenta in termini ancor più significativa. Su questo dato non è da escludere il peso rappresentato dal comportamento delle imprese, visibilmente orientato ad attendere gli esiti della nuova legge sul lavoro, che, se da un lato attenua le garanzie e le tutele dei lavoratori assunti, dall altro offre sgravi e sconti sui costi complessivi del lavoro. Una simile condotta, che è non difficile definire speculativa, non fa che aggravare un mercato del lavoro asfittico e oppresso da una domanda interna inadeguata avviamenti a tempo indeterminato Avviamenti a tempo indeterminato nella provincia di Milano: confronto % mensile sul dato dello stesso mese dell anno precedente. - fonte: Osservatorio del mercato del lavoro della Provincia di Milano Il lavoro dei laureati 3 E lecito chiedere se le laurea conservi ancora un valore aggiunto nell attuale situazione di crisi e se questo valore rappresenti un vantaggio capace di favorire l occupazione giovanile, supportato dalla capacità del sistema produttivo milanese di cogliere il patrimonio di conoscenze e di competenze espresso dagli esiti degli studi universitari. Due domande che procedono parallelamente, ponendosi in relazione all evoluzione regionale e nazionale, dal momento che Milano, nonostante tutto, continua ad occupare il 60% dei laureati lombardi, trainando la domanda di lavoro, e condizionandone le dinamiche, sia sotto il profilo della qualità occupazionale, sia dal 2 Il grafico va letto quale confronto percentuale del dato rispetto alla cifra rilevata lo stesso mese dell anno precedente, sicché il raffronto non risente degli effetti stagionali. Il riferimento pari a 100 significa che è stata riscontrata la stessa cifra dello stesso mese nell anno precedente; > 100 indica un dato incrementale; < 100 in diminuzione. 3 Tutti i dati e le tabelle riportate un questa parte del documento provengono da area ricerca Formaper Specula Lombardia, elaborazioni su dati Università Osservatorio Mercato del Lavoro della provincia di Milano e Infocamere. 4

5 punto di vista delle competenze richieste e che orientano le scelte delle famiglie e le prospettive dei giovani nell attuale fase di crisi. Anche da questo punto di vista, le notizie non sono confortanti: la domanda di lavoro qualificato espresso dalle imprese e dalla pubblica amministrazione milanese, ancorché modesta rispetto ai maggiori competitori internazionali, tende a diminuire progressivamente, erodendo velocemente il valore della laurea nel mercato del lavoro locale avviamenti dei laureati nella provincia di Milano La diminuzione del 9,1% dei laureati avviati dalle imprese e dalla Pubblica Amministrazione di Milano, sta determinando, tra le altre conseguenze, i seguenti esiti: L allungamento dell attesa del primo impiego dopo la laurea, che supera abbondantemente il semestre; tempi lunghi nel processo di stabilizzazione, che si traduce in un accentuata precarizzazione del lavoro dei laureati; una divaricazione delle condizioni di genere, la diminuzione degli avviamenti colpisce maggiormente le donne rispetto agli uomini; un ulteriore spinta a cercare sbocchi più vantaggiosi fuori dall Italia, contribuendo ad impoverire ulteriormente l apparato produttivo italiano e milanese, che, per qualità e dimensioni, è già oggi poco sensibile all apporto creativo proveniente dagli studi accademici. Nel 2013, i laureati avviati al lavoro, hanno trovato impiego nei seguenti settori: 5

6 10 0,4 8,7 2 13,9 5,8 6 1,5 2,8 48,9 servizi alle imprese servizi prevalentemente pubblici servizi alle persone agricoltura manifattura costruzioni commercio all'ingrosso Destinazione % dei laureati avviati nei principali settori di lavoro a Milano Scomponendo le principali destinazioni settoriali, confrontate con il dato regionale e con l evoluzione temporale, è senz altro utile analizzare il peso delle attività di servizio alle imprese, per il volume che rappresenta rispetto al totale dei neolaureati avviati. Tra questi, la pubblicità e le ricerche di mercato, con i suoi avviati nel 2013, rappresenta l 85,4% del dato lombardo, nonostante la contrazione del 6,4% rispetto al 2010; la direzione e la consulenza aziendale con quasi avviati rappresenta l 85% del dato regionale, sebbene diminuisca del 2,4% rispetto al 2010; le attività editoriali, da sempre la punta più avanzata nel panorama nazionale, riduce di oltre il 25% gli avviati; le attività degli studi professionali riducono gli avviamenti amenti per una quota attorno al 10%. Al contrario, i servizi alle imprese che incrementano gli avviati sono i servizi finanziari che con laureati impiegati, rappresentano l 84,5% della Lombardia, con un incremento del 5,1%; informatica a telecomunicazioni, cazioni, con 2,247 avviati pari all 80% del dato lombardo e in incremento del 2,9% rispetto al 2010 e, infine, il cinema e TV, con 742 persone pari al 91% del dato regionale, segna un incremento nel corso dell anno pari 6,8%. Altro settore degno di essere segnalato è quello del commercio all ingrosso, con la significativa presenza milanese di multinazionali straniere, avvia al lavoro neolaureati, con una contrazione rispetto al 2010 del 5,6%, rappresentando quasi il 70% della presenza regionale. 6

7 Da segnalare il drastico ridimensionamento degli avviati nei settori pubblici, soprattutto l istruzione che cala di oltre il 20% rispetto al Interessante è il risultato della manifattura, che conferma la propria scarsa vocazionale rispetto sul dato lombardo con il suo 41% degli avviati a Milano, accentuata da una diminuzione del 10%, mentre il resto della Lombardia presenta un dato positivo. A questo risultato si arriva, nonostante l incremento della moda che segna un +27%, seguito dalla chimica farmaceutica che incrementa del 12%, ma a cui fa da contrappunto il calo del 11,8% della meccanica e dell elettronica. Un ultimo sguardo che può completare il panorama dei neolaureati assunti dalle imprese milanesi può essere rappresentato dalla forma di lavoro offerta ai giovani. Questa la sintesi: Neolaureati avviati a Milano per tipologia contrattuale Tipologia contrattuale Variazione % Tempo indeterminato Tempo determinato ,7 Apprendistato ,8 Contratto di inserimento Lavoro somministrato ,8 Lavoro intermittente ,7 Co.co.co/pro ,7 Stage ,8 lavoro occasionale ,7 Altro Totale ,9 Qualche sottolineatura può aiutare a cogliere gli elementi più significativi, come la massiccia presenza dello stage, che a Milano pesa nella misura del 70% del totale degli stage attivati in Lombardia, e questo per la presenza di settori fortemente sensibili a questa forma, come la pubblicità e la ricerca di mercato, l informatica e le telecomunicazioni, il cinema e la tv. Presenza solo in parte mitigata dal significativo incremento dell apprendistato, poiché spesso lo stage differisce le proprie scadenze, si ripete, generando scoraggiamento e disagio tra i giovani e scarsa capacità di trattenimento delle competenze da parte delle imprese. Analizzando il livello di reddito percepito nel corso del 2012, in relazione alla forma di lavoro impiegata, si deduce il basso impatto realizzato dalle innovazioni legislative, a cominciare dalla legge Fornero, sulle condizioni economiche dei laureati. Il risultato è riassunto dalla figura seguente: 4 E opportuno precisare l abrogazione di questa forma contrattuale in esito alla Legge 92/ La somma può non coincidere con i totali delle tabelle precedenti, poiché è possibile che alcuni lavoratori abbiano avuto più occasioni di lavoro. 7

8 CoCoCo/pro lavoro a tempo determinato lavoro a tempo indeterminato % di laureati occupati in relazione al reddito percepito nel 2012 e suddiviso per forma di lavoro La corretta lettura della figura indica che il 40% dei lavoratori occupati a tempo determinato percepisce un compenso mensile nella fascia , percentuale che scende sensibilmente con l aumentare del reddito; il picco più remunerato dai Co.Co.Co/pro è attorno per declinare con maggior gradualità, mentre il rapporto di lavoro a tempo indeterminato è più distribuito tra i 1000 e 2000, mantenendo una relazione significativa anche nelle fasce più remunerate. In conclusione si può affermare che anche i laureati risentono della crisi e ne avvertono il peso. Milano non si differenzia dal resto del Paese, rischiando di dissipare quel patrimonio di competenze e di entusiasmo che aveva caratterizzato altre fasi storiche. Il risultato è che i giovani rivolgono altrove il proprio interesse professionale, spesso all estero, contribuendo a impoverire ulteriormente un tessuto già fortemente provato dalla scarsa capacità di valorizzare i talenti. Il nanismo delle nostre imprese, che raramente sanno valorizzare la possibilità di crescita indotta dall innovazione, fa da sfondo ad una realtà asfittica e ripiegata su se stessa, capace soprattutto di speculare sulle forme contrattuali meno impegnative e scommettendo sul contenuto costo del lavoro proposto dalle prossime innovazioni legislative, anziché scommettere sul talento dei giovani, ormai disillusi circa la possibilità di sviluppare nel nostro paese la propria creatività e la voglia di crescita. Frammenti normativi I richiami normativi qui elencati non hanno la pretesa di rappresentare una guida completa alle novità di legge e alle circolari, ma hanno lo scopo di richiamare l attenzione su alcuni interventi che meritano interesse. 8

9 Ovviamente tutto questo non sostituisce l attenzione che i gruppi dirigenti devono quotidianamente alla produzione normativa che li riguarda, ma vuole essere solo un utile contributo. A questo proposito possono essere di estrema utilità anche le segnalazioni che perverranno dai vari punti dell organizzazione in modo da conferire a questo strumento un valore sempre più significativo e meno VARIANO A PARTIRE DAL 1 GENNAIO 2015 LE DURATE DI ASPI E INDENNITA DI MOBILITA Come è noto, la Legge 28 giugno 2012 n. 92 prevede la variazione delle durate di ASPI e indennità di mobilità, secondo le seguenti tabelle: Per i titolari di indennità di mobilità - dipendenti da aziende destinataria di CIGS nel 2013 nel 2014 nel 2015 nel 2016 < 40 anni da anni > 50 anni 13 Per i lavoratori titolari di ASPI nel 2013 nel 2014 nel 2015 < 50 anni anni > 55 anni 14 Conseguentemente, i lavoratori licenziati e iscritti alle liste di mobilità a partire dal 1 gennaio 2015, avranno diritto ad un indennizzo della durata pari a 24 mesi se di età superiore ai 50 anni, 18 mesi se di età compresa tra i 40 e i 50 anno, mentre rimane invariata la durata di indennizzo a favore dei lavoratori di età inferiore ai 40 anni. Percorso inverso per i lavoratori titolari di ASpI, che, qualora licenziati a partire dal 1 gennaio 2015 e in possesso dei requisiti soggettivi, potranno godere di una durata pari a 10 mesi se di età inferiore al 50 anni, 12 mesi se di età compresa tra 50 e i 55 anni, 16 mesi se di età superiore ai 55 anni. 9

10 ESTESA AI DIRIGENTI LA DISCIPLINA RELATIVA AI LICENZIAMENTI COLLETTIVI Per effetto della Legge 30 ottobre 2014 n. 161, relativamente alle disposizioni per l adempimento degli obblighi derivanti dall appartenenza dell Italia all Unione europea, sono state abrogate, in quanto incompatibili con la normativa europea, le norme che escludevano i dirigenti dalle procedure di licenziamento collettivo previste per gli altri lavoratori, a seguito della disciplina della legge 223 del Gli effetti pratici di questa novità, che va a modificare l art. 24 della legge 223 /1991, sono principalmente i seguenti: a) i dirigenti rientrano nel conteggio dei 15 dipendenti, quale requisito occupazionale in capo all azienda che intende procedere, b) in relazione alla quantità di personale da coinvolgere nella procedura di licenziamento collettivo, che non deve essere inferiore a 5, vanno compresi anche i dirigenti; c) negli adempimenti procedurali (comunicazione alle OO.SS. esame congiunto ecc. ) vanno ricomprese le organizzazioni di rappresentanza della dirigenza, dando luogo, in questo modo, ad una doppia consultazione, una per i dirigenti e una per il restante personale, con l obiettivo di completare correttamente la procedura secondo le modifiche intervenute; d) relativamente ai criteri di scelta dei dirigenti da licenziare, si fa, in ogni caso, riferimento alla normativa vigente per il personale non dirigente che privilegia, in carenza di diversi criteri stabiliti contrattualmente, quanto stabilito dalla legge e cioè le esigenze tecnico produttive, l anzianità aziendale e il carico familiare, in concorso tra loro. DISPOSTE LE NUOVE REGOLE DI ACCESSO AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA PER IL 2015 L accordo regionale sottoscritto il 16 dicembre 2014, stabilisce le modalità di accesso agli ammortizzatori sociali in deroga per le aziende e i lavoratori delle Lombardia. Come è noto, l accordo lascia poco spazio ai bisogni espressi nel territorio regionale, dovendosi conformare al decreto interministeriale, di cui è stata data ampia informazione nelle passate pubblicazioni del bollettino. In sintesi si possono riassumere i seguenti principi: le aziende che possono accedere alla cassa integrazione in deroga sono le imprese di cui agli artt e 2083 del CC e non più i datori di lavoro, come in precedenza consentito (in pratica la nuova normativa esclude gli studi professionali, istituzioni culturali, ONLUS, fiere, parrocchie ecc.); per tutto il 2015 può essere autorizzato un periodo complessivo di CIGD non superiore a 5 mesi. Allo scopo di favorire l effettivo utilizzo di quanto autorizzato, l accordo regionale consente di inoltrare più domande, corredate dai rispettivi accordi, per durate che vanno da un minimo di 30 gg. ad un massimo di 90 gg; i lavoratori che accedono alla CIGD devono possedere un anzianità di almeno 12 mesi al momento dell avvio dell intervento; l intervento di cassa integrazione non è possibile qualora l impresa abbia deciso la cessazione, anche parziale, dell attività; le nuove disposizioni in merito alla mobilità in deroga stabiliscono una durata massima di 6 mesi a favore dei lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo e in possesso del requisito soggettivo pari ad un anzianità aziendale di almeno 12 mesi, di cui almeno 6 mesi di effettivo lavoro. Non spetta la mobilità in deroga nel caso in cui il lavoratore sia destinatario di diverso indennizzo, a qualsiasi titolo, relativo allo al proprio stato di disoccupazione (indennità di mobilità, ASpI, miniaspi, indennità di disoccupazione agricola, sia ordinaria che ridotta). LAVORO INTERMITTENTE NEL SETTORE DEL TURISMO Il Ministero del Lavoro rispondendo ad un interpello del 7 novembre 2014 n. 26, a sua volta inoltrato dal Consiglio Nazionale dell ordine dei consulenti del lavoro, ha precisato che il limite delle 400 giornate nell arco del triennio, con decorrenza 28 giugno 2013, non opera nel settore del turismo, definito tale dal codice di attività ATECO, nonché tutti coloro che, pur privi delle relativa iscrizione al codice di attività 10

11 ATECO, svolgano attività proprie nel settore del turismo, pubblici esercizi e spettacolo, applicando i rispettivi contratti collettivi. LEGGE DELEGA IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DI SERVIZI PER IL LAVORO E DELLE POLITICHE ATTIVE, NONCHE IN MATERIA DI RIORDINO DELLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO E DELL ATTIVITA ISPETTIVA E DI TUTELA E CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA A DI LAVORO. 6 Si da conto, in sintesi, della Legge 10 dicembre n. 183, in vigore dal 16 dicembre u.s. sebbene,, come è noto, non produca effetti immediati nella disciplina del lavoro, affidando a successivi decreti le disposizioni destinate a modificare concretamente le condizioni di lavoro; purtuttavia, è senz altro utile conoscerne i percorsi, per interpretare meglio le conseguenze sul mercato del lavoro e sulle condizioni complessive del rapporto di lavoro. Si coglie l occasione altresì per riferire degli ulteriori cambiamenti alla Legge Fornero. Le disposizioni sono riassunte su 5 deleghe, per ciascuna delle quali il Governo è autorizzato ad emanare, entro sei mesi, uno o più decreti su ciascuna materia oggetto della delega, che sono: ammortizzatori sociali; politiche attive del lavoro; costituzione e gestione del rapporto di lavoro; modalità di ingresso nel mondo del lavoro e riordino della disciplina dei contratti di lavoro; conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e sostegno alla genitorialità. Andando con ordine, e con particolare riferimento alle principali norme relative al mercato del lavoro, si propongono le seguenti sottolineature, sicuramente non esaustive circa i contenuti della legge, ma utili a suggerire le future ipotesi di lavoro: ammortizzatori sociali. Si conferma l impossibilità di procedere ad integrazioni salariali in costanza di rapporto di lavoro (CIGO, CIGS, CIGD) qualora l attività aziendale, o di un ramo di essa sia definitivamente cessata, per liquidazione, chiusura o procedura concorsuale. A questo scopo, si intende favorire la rotazione tra i dipendenti, dopo aver esaurito tutte le possibilità contrattuali di riduzione d orario e avendo cura di privilegiare il ricorso ai contratti di solidarietà, anche mediante norme a sostegno di quelli di tipo espansivo. Relativamente alle risorse, si fa cenno ad un riequilibrio del contributo dovuto dal datore di lavoro, con la possibile riduzione dei contributi dovuti per alimentare la gestione ordinaria delle diverse casse integrazioni, congiuntamente ad un incremento del contributo di compartecipazione, nel caso di reale utilizzo. A seguito della cessazione dell attività aziendale, si fa esclusivo rifermento all ASpI, seguita da norme orientate a rendere obbligatoria l attivazione individuale nella ricerca di un nuovo lavoro, anche mediante la revisione delle sanzioni nei confronti di chi rifiuta tale opportunità. La Legge fa riferimento all estensione del beneficio ai titolari di contratti di collaborazione (esclusi i sindaci e gli amministratori). Si dispone altresì l eliminazione della certificazione dello stato di disoccupazione per poter accedere alle integrazioni. Politiche attive del lavoro. La disposizione più rilevante è quella riferita alla costituzione di un Agenzia nazionale per l occupazione ( ) al cui funzionamento si provvede con le risorse umane, finanziarie e strumentali già disponibili a legislazione vigente. Altre norme danno impulso alla necessità di rivedere l intera disciplina degli incentivi all assunzione, all autoimprenditorialità, anche nelle forme dell acquisizione delle imprese in crisi da parte degli stessi dipendenti. 6 La descrizione contenuta nella presente nota, tende a mantenere un approccio didascalico che esclude gli argomenti oggetto dell attuale confronto politico e della mobilitazione che ne consegue. E intenzione di chi scrive supportare la conoscenza delle disposizioni quale contributo alla conoscenza dei processi in corso. 11

12 Allo scopo di favorire il collegamento tra le misure di sostegno al reddito con i principi di politica attiva, sono previsti i contratti per la ricollocazione, stipulati con le agenzie per il lavoro o altri operatori accreditati. Costituzione e gestione del rapporto di lavoro. La Legge raccomanda l emanazione di provvedimenti mirati alla semplificazione delle procedure, all unificazione delle comunicazioni e all abrogazione delle norme interessate da rilevanti contrasti interpretativi. Si prevede l introduzione di un unico modello del libretto formativo del lavoratore anche con riferimento al sistema di apprendimento permanente. Modalità di ingresso nel mondo del lavoro e riordino della disciplina dei contratti di lavoro. L obiettivo è quello di riordinare le diverse forme di lavoro esistenti nella prospettiva di ridurre le tipologie contrattuali. In questa ottica si dispone che il contratto di lavoro a tempo indeterminato sia forma comune di contratto di lavoro, proposto in maniera conveniente rispetto alle altre tipologie, in termini di oneri diretti e indiretti. Questa parte della legge prevede che, per le nuove assunzioni a contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, sia esclusa la possibilità di reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro, qualora il licenziamento avvenga per motivi economici. In sua vece si prevede un indennizzo rapportato all anzianità aziendale. La reintegrazione, anche per questi rapporti di lavoro, sarà limitata ai licenziamenti nulli e discriminatori, nonché specifiche fattispecie di licenziamento disciplinare ingiustificato. Altro elemento che andrà ad incidere sulla legge 300 /1970 è quello relativo alla revisione della disciplina delle mansioni, in caso di riorganizzazione o conversione aziendale, allo scopo di tutelare il posto di lavoro, contemperato con l interesse dell impresa. Ulteriori revisioni alla disciplina attuale, oltre a quelle già previste dalla norma, possono essere introdotte con la contrattazione collettiva. Con le medesime caratteristiche sarà possibile rivedere la disciplina relativa ai controlli a distanza, tenuto altresì conto dell evoluzione tecnologica nel frattempo intervenuta. Sempre in relazione alla gestione del rapporto di lavoro, la Legge prevede l introduzione, sebbene in via sperimentale, del compenso orario minimo, applicabile ai rapporti di lavoro subordinato per i comparti non disciplinati dalla contrattazione collettiva Tale disciplina avrà valore anche per le collaborazioni coordinate e continuative, fino al loro esaurimento. Per una forma di lavoro di cui si ipotizza l esaurimento (collaborazione coordinata e continuativa), un'altra si appresta ad essere estesa e cioè il lavoro accessorio di tipo occasionale, già oggetto di restrizioni attraverso la Legge Fornero. Per ultimo, la Legge delega, introduce norme a sostegno della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e di sostegno alla genitorialità Vengono indicate norme volte ad estendere l indennità di maternità a tutte le categorie di donne lavoratrici, anche occupate con forme parasubordinate. Si prevedono norme a sostegno della contrattazione collettiva di forme flessibili dell orario di lavoro, con la finalità di favorire la genitorialità o l assistenza a famigliari disabili con l attività lavorativa. Allo scopo di favorire nuove forme di solidarietà all interno dell impresa, la legge delega propone la possibilità di trasferire volontariamente giornate di riposo tra dipendenti della medesima impresa, in favore del lavoratore, genitore di figlio minore, che necessita di presenza fisica e cure costanti per le particolari condizioni di salute. E prevista, infine, la possibilità di introdurre congedi dedicati alle donne inserite nei percorsi di protezione relativi alla violenza di genere certificati dai servizi sociali. 12

13 Su tutte le disposizioni contenute all interno della Legge, pesa il vincolo dell invariabilità delle risorse disponibili, nel senso che non si prevede 1 di finanziamento aggiuntivo rispetto alla spesa storica. La procedura di emanazione dei diversi decreti, uno o più per ciascun capitolo affrontato, prevede tempi contingentati e rapide modalità di emanazione. A vigilare sull intero processo legislativo, e sui rispettivi esiti, rimane attiva la commissione costituita dalla Legge Fornero (e che prevede la partecipazione delle rappresentanze sociali). Per approfondimenti, chiarimenti o ulteriori informazioni, rivolgersi a: Antonio Verona Responsabile Dipartimento Mercato del Lavoro, Formazione, Scuola, Ricerca Camera del Lavoro Metropolitana di Milano C.so di Porta Vittoria Milano tel fax cell

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

JOBS ACT. A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 29 dicembre 2014

JOBS ACT. A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 29 dicembre 2014 JOBS ACT A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 29 dicembre 2014 INTRODUZIONE In data 15 dicembre 2014 è stata pubblicata la legge delega n.183 sul Jobs Act.

Dettagli

numero brevetti provenienti dalla provincia di Milano

numero brevetti provenienti dalla provincia di Milano STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 23 dicembre 2014 Circolare n 14/2014 Alla Spett.le Clientela Oggetto: Jobs Act Deleghe al Governo l. 183/2014. Gentili Clienti, il 15 dicembre 2014 è stata pubblicata la Legge n. 183 del 10 dicembre

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate alla

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro.

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. Principali novità per i datori di lavoro. Stabilizzazione bonus 80 euro. Aumento soglia esenzione buoni pasto elettronici Deduzione

Dettagli

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive Delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate alla

Dettagli

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro Decreto Poletti marzo 2014 I parte Jobs Act Legge n. 183 del 10 dicembre 2014 Delega lavoro DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 06 2014

NEWSLETTER LAVORO 06 2014 AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 06 2014 Normativa lavoro 1. Legge di Stabilità 2. Jobs Act 3. Reminder: tempi determinati 4. Lavoro intermittente: verifica e nuova applicazione

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate

Dettagli

JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti AVV.TO PIERCARLO ANTONELLI AVVOCATI ASSOCIATI FRANZOSI - DAL NEGRO - SETTI

JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti AVV.TO PIERCARLO ANTONELLI AVVOCATI ASSOCIATI FRANZOSI - DAL NEGRO - SETTI JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti 1 LA LEGGE DELEGA Il provvedimento noto come Jobs Act, approvato dal parlamento su iniziativa del governo Renzi, è una legge delega (L. 10 dicembre 2014

Dettagli

Analisi mercato del lavoro (JOBS ACT) UGL 1 RIORDINO AMMORTIZZATORI SOCIALI: IN COSTANZA DI RAPPORTO DI LAVORO; IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA; SERVIZI PER IL LAVORO E PER LE POLITICHE ATTIVE SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA NUMERO 14 DATI 2009 E PRIMO TRIMESTRE 2010 Modena, 22 Giugno 2010 1 LA DOMANDA DI LAVORO: GLI ADDETTI ALLE UNITA LOCALI DELL INDUSTRIA E SERVIZI

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308111 e-mail: alessandria@cgil.al.it - Sito Internet www.cgil.al.it Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro formazione ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici

Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici Anna Ceci Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazionel Gerolamo Giungato Istat Roma, 10 giugno 2010 Indice 1. Le norme 2. La Legge n. 133/08

Dettagli

La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015

La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015 La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015 Stefano Sacchi Università degli Studi di Milano Consulente del Ministro del lavoro La riforma degli ammortizzatori

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Maurizio

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Un salto nel passato delle politiche del lavoro?

Un salto nel passato delle politiche del lavoro? Un salto nel passato delle politiche del lavoro? L. 29 aprile 1949 n. 264 Provvedimenti in materia di avviamento al lavoro e di assistenza dei lavoratori involontariamente disoccupati Dopo periodo corporativo

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015)

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) Jobs Act non solo contratto a tutele crescenti, razionalizzazione delle tipologie contrattuali,

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Milano Bergamo Brescia

Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Milano Bergamo Brescia Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Stabile (19%), a termine (18%), stage (12%), impresa (12%) Grazie al Jobs Act

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento.

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- SPECIALE OTTO MARZO 2014 GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA Realizzato in collaborazione tra il Dipartimento

Dettagli

Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali. Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento

Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali. Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento Legge 183/2014 La legge delega La legge è in vigore dal 16 dicembre 2014. Contiene deleghe

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Il Fondo Sociale per l occupazione e la formazione è finanziato

Dettagli

Job acts: Innovazioni e Opportunità per le imprese

Job acts: Innovazioni e Opportunità per le imprese Job acts: Innovazioni e Opportunità per le imprese 25 Novembre 2014 In collaborazione con Dott. Leonardo Fabretti Dati occupazionali di riforma in riforma 2 La mappa delle recenti riforme: un cantiere

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Premessa L attuale sistema di ammortizzatori sociali è caratterizzato da una estrema disomogeneità delle tutele tra settori, classe di ampiezza dell impresa

Dettagli

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE.

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. DIPARTIMENTO DIRITTO DEL LAVORO APRILE 2015 JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. Il 20 febbraio u.s. il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva

Dettagli

Legge 10 dicembre 2014, n. 183 Jobs Act: cinque deleghe per la riforma del Lavoro

Legge 10 dicembre 2014, n. 183 Jobs Act: cinque deleghe per la riforma del Lavoro Guida operativa per le imprese associate Legge 10 dicembre 2014, n. 183 Jobs Act: cinque deleghe per la riforma del Lavoro Revisione degli Ammortizzatori sociali Riorganizzazione dei Servizi al lavoro

Dettagli

LEGGE DELEGA di riforma del MERCATO DEL LAVORO. Prima analisi normativa del Jobs Act

LEGGE DELEGA di riforma del MERCATO DEL LAVORO. Prima analisi normativa del Jobs Act Servizio Sindacale Giuslavoristico LEGGE DELEGA di riforma del MERCATO DEL LAVORO Prima analisi normativa del Jobs Act a cura del SERVIZIO SINDACALE GIUSLAVORISTICO Dipartimento Politico Sindacale Un impianto

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione NOTA PER I DELEGATI Lo scorso mese di dicembre è stata approvata la c.d. Legge

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LE PRINCIPALI NOVITA Ancona, 9 luglio 202 Stefano Carotti Carotti Rodriguez Progetti Lavoro S.r.l. www.an.camcom.gov.it La riforma del lavoro (Riforma Fornero ) Legge

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI NEWSLETTER n. 21 16 marzo 2015 JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI RIFERIMENTI: Legge 10 dicembre 2014 n.183 Decreto Legislativo 4 marzo 2015 n. 22 Decreto Legislativo

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

AUDIZIONE SENATO 16 APRILE 2012 DISEGNO DI LEGGE 3249 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA

AUDIZIONE SENATO 16 APRILE 2012 DISEGNO DI LEGGE 3249 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA AUDIZIONE SENATO 16 APRILE 2012 DISEGNO DI LEGGE 3249 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA Federdistribuzione, dopo l uscita da Confcommercio

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015. Area Consulenza del Lavoro

CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015. Area Consulenza del Lavoro CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015 Area Consulenza del Lavoro SOMMARIO: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato nel corso del 2015 (Pag.2) Contratto

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre 2015

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 30 settembre MISURE/64 1 Ottobre Introduzione Nel la regolazione del mercato del lavoro è stata oggetto

Dettagli

La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento. TOMMASO NANNICINI Università Bocconi e Presidenza del Consiglio dei Ministri

La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento. TOMMASO NANNICINI Università Bocconi e Presidenza del Consiglio dei Ministri La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento TOMMASO NANNICINI Università Bocconi e Presidenza del Consiglio dei Ministri Dispositivi legislativi e tempistica Decreto Poletti (L. conv.

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO PRINCIPALI NOVITÀ DECRETO LAVORO 03 Luglio 2013 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI Tra gli obiettivi prefissati dal decreto legge

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

CGIL TOSCANA DIFENDERE IL LAVORO ART18 E NON SOLO... CAMBIARE LA RIFORMA

CGIL TOSCANA DIFENDERE IL LAVORO ART18 E NON SOLO... CAMBIARE LA RIFORMA DIFENDERE IL LAVORO ART18 E NON SOLO... CAMBIARE LA RIFORMA MERCATO DEL LAVORO: LA GIUNGLA DEI CONTRATTI OGGI ESISTONO 46 TIPOLOGIE DI CONTRATTI MERCATO DEL LAVORO: LA GIUNGLA DEI CONTRATTI CON LA RIFORMA

Dettagli

Il contratto di lavoro a tempo determinato dopo il Jobs Act.

Il contratto di lavoro a tempo determinato dopo il Jobs Act. A tutti i clienti Luglio 2015 Il contratto di lavoro a tempo determinato dopo il Jobs Act. Con l entrata in vigore, il 25.6.2015, del D.Lgs. 81/2015, il cd. codice dei contratti viene per l ennesima volta

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 05 2015

NEWSLETTER LAVORO 05 2015 Normativa lavoro TRIBERTI COLOMBO & ASSOCIATI AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 05 2015 1. DISABILI IN SOMMINISTRAZIONE: COMPUTO NELLA QUOTA DI RISERVA 2. AMMORTIZZATORI SOCIALI:

Dettagli

Sintesi del Rapporto annuale 2013

Sintesi del Rapporto annuale 2013 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 8 luglio 2014 Sintesi del Rapporto annuale 2013 L Inps al servizio del Paese L Inps esercita da sempre un ruolo di riferimento e di guida nell ambito della sicurezza

Dettagli

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro ASPI (assicurazione sociale per l impiego) la nuova di disoccupazione In sintesi: La legge n.92/2012 (c.d. Riforma Fornero ) ha previsto l istituzione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, della nuova assicurazione

Dettagli

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione JOBS ACT Riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati Roma 19 gennaio 2015 Servizio Politiche del

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT (Legge n. 183/2014)

DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT (Legge n. 183/2014) DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT (Legge n. 183/2014) DECRETO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI DECRETO AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE DECRETO RIORDINO TIPOLOGIE CONTRATTUALI

Dettagli

La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento

La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento MARCO LEONARDI Università Statale di Milano e Ministero dell Economia TOMMASO NANNICINI Università Bocconi e Presidenza del Consiglio Dispositivi

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

DALL ASPI ALLA NASPI: IL CONFRONTO

DALL ASPI ALLA NASPI: IL CONFRONTO DALL ASPI ALLA NASPI: IL CONFRONTO NASPI ASPI Tutti i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti e gli artisti (subordinati) Destinatari Requisiti Esclusi: dipendenti a tempo indeterminato della PA

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

JOBS ACT La Delega sul Lavoro. a cura di FIM CISL Piemonte

JOBS ACT La Delega sul Lavoro. a cura di FIM CISL Piemonte ! JOBS ACT La Delega sul Lavoro 1 JOBS ACT: percorso del DDL sul Lavoro 12 marzo 2014: presentazione DDL 10 dicembre 2014: Parlamento approva DDL 24 dicembre 2014: bozza DL in CDM 6 marzo 2015: pubblicazione

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013 LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013 SEZIONE LAVORO 1) INCENTIVO GIOVANI 18-29 ANNI Incentivo per i datori di lavoro che assumono tramite contratto a tempo indeterminato, lavoratori

Dettagli