melograno /01 La nuova Casa dei Ciechi Parlano i protagonisti STAC Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "melograno /01 La nuova Casa dei Ciechi Parlano i protagonisti STAC Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi"

Transcript

1 STAC Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi Melograno, Anno I / N.01 / settembre 2007 melograno /01 La nuova Casa dei Ciechi Parlano i protagonisti

2 STAC, Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi Casa dei Ciechi L insieme dei servizi della nuova Casa dei Ciechi concorre a valorizzare al massimo le risorse dell anziano ipovedente o cieco affinché permangano il più a lungo possibile. La Casa dei Ciechi dispone ora di 53 posti letto: questa dimensione intima permette di offrire all utente e ai suoi familiari un rapporto molto personale. La diversificazione dei servizi e il recente ampliamento della struttura sono andati di pari passo con un riorientamento dell approccio terapeutico agli anziani ciechi o ipovedenti. Ispirandosi ai metodi di Maria Montessori e di Moyra Jones è stato creato un ambiente: > proporzionato alle capacità motorie, operative e mentali dell anziano ipovedente o cieco > organizzato ed ordinato in modo che, attraverso punti di riferimento, egli possa riconoscere facilmente la realtà > calmo ed armonioso per fornire all anziano cieco o ipovedente un contesto rassicurante > attraente, grazie all attenzione e alla gentilezza delle cure, in modo da dargli un sentimento di fiducia. In altri termini si è trattato di evitare una medicalizzazione eccessiva dell anziano cieco o ipovedente e di dare un ruolo di maggiore importanza allo stile di vita e all ambiente in modo da favorirne il benessere psichico e fisico. I 5 servizi Soggiorni lungo degenza 01 La Casa dei Ciechi è una casa per anziani medicalizzata che offre soggiorno ed assistenza. L intera struttura ed il giardino sono appositamente progettati senza barriere architettoniche. Il personale è formato per la cura di pazienti ipovedenti o ciechi. L anziano può personalizzare i suoi spazi circondandosi dei suoi effetti personali, in modo da rendere l ambiente circostante più familiare possibile. Gli utenti della Casa dei Ciechi beneficiano di tutta una serie di prestazioni, come cure igieniche giornaliere con doccia o bagno, cure infermieristiche, medicazioni, somministrazioni di medicamenti, servizio parrucchiera, pedicure, fisioterapia, ergoterapia, dieta e pranzi svariati e soprattutto cortesia e tanto svago. Soggiorni temporanei 02 Si tratta di un servizio concepito per sostenere l anziano cieco o ipovedente e facilitarne il rientro a casa, ad esempio dopo un ricovero in ospedale, per un periodo di convalescenza, oppure per sostenere i familiari che fossero temporaneamente nell impossibilità di curare l anziano a domicilio. I soggiorni temporanei possono avere una durata massima di tre mesi. Offrono alloggio e assistenza all anziano secondo il suo grado di autonomia. Unità di riabilitazione 03 Nella nuova unità di riabilitazione troviamo dieci camere singole destinate a residenti ipovedenti o ciechi affetti da disturbi cognitivi. Questo numero limitato permette di personalizzare l approccio terapeutico. La struttura, unitamente al personale appositamente formato, offre una presa a carico continua e specialistica soprattutto nella fase di agitazione psicomotoria. Nel progetto terapeutico i familiari hanno un ruolo molto importante. Gli orari e i ritmi della giornata vengono adattati alle esigenze individuali. Molte persone con problemi visivi importanti, pur rimanendo nel loro ambiente familiare, perdono una valida rete di relazioni sociali e corrono un grave rischio d isolamento. Il centro terapeutico diurno-notturno 04 Il centro diurno e notturno della Casa dei Ciechi può accogliere una quindicina di persone ed è un servizio semiresidenziale, un luogo in cui l anziano trova accoglienza, assistenza e attività di socializzazione durante la giornata per poi tornare a casa la sera o, viceversa può trascorrere la giornata a casa e trasferirsi al centro per la notte. Esso offre alle famiglie degli anziani ipovedenti o ciechi un sostegno nella gestione del congiunto allo scopo di evitarne, ritardarne o prepararne il trasferimento definitivo in istituto. Appartamenti protetti 05 Si tratta di 4 appartamenti protetti appartenenti alla Fondazione Fé-Triaca e gestiti dalla STAC. Essi sono situati all interno di una palazzina di tre piani con 12 appartamenti in via Massagno 110 e si trovano nelle immediate vicinanze della fermata del bus, della farmacia e della posta. Questi appartamenti sono concepiti appositamente per persone con disturbi visivi, ma in grado di gestirsi autonomamente. Gli inquilini possono così condurre una vita indipendente in un contesto urbano e, in caso di bisogno, possono far ricorso al sostegno esterno della Casa dei Ciechi. /5

3 Melograno, Anno I / N.01 / settembre 2007 Avvocato Giorgio Grandini, presidente della STAC 03 Un progetto valido che suscita un entusiasmo solidale Signor Grandini, lei è presidente della STAC. Qual è il ruolo di quest associazione? STAC sta per Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi. Si tratta di un associazione privata senza scopo di lucro, riconosciuta dallo stato e che ha la particolarità di occuparsi in modo generale dell aiuto agli ipovedenti e ai ciechi anziani. La STAC gestisce in particolare la Casa dei Ciechi del Ricordone costruita nel 1936 a Lugano. nostro tesoriere Giovanni Balmelli. Vorrei approfittare dell occasione per esprimergli i nostri sinceri ringraziamenti. Mi auguro che questo slancio di solidarietà continui, perché il sostegno dei privati aiuta a diminuire il debito contratto dalla STAC per realizzare la nuova Casa dei Ciechi e ci aiuta anche in modo determinante a garantire un servizio personalizzato e altamente professionale agli anziani ipovedenti e ciechi. Come è nata l idea della nuova Casa dei Ciechi? All inizio del nuovo millennio il Comitato della STAC ha voluto riflettere sul futuro di questa piccola struttura che da decenni si occupa degli ipovedenti e dei ciechi. Finora la Casa dei Ciechi era una semplice casa per anziani medicalizzata. Seguendo l intuizione del direttore Fabrizio Greco, ci siamo rivolti all università, più precisamente all istituto di microeconomia (MECOP), con la quale si è elaborato un progetto che, nel rispetto del lavoro svolto finora, prevede per la Casa dei Ciechi una diversificazione dei servizi per meglio tener conto delle diverse problematiche e delle situazioni personali degli anziani ipovedenti e ciechi. Come è stata finanziata la nuova Casa dei Ciechi? L assemblea della STAC ha posto come condizione che, per realizzare la nuova Casa dei Ciechi, almeno un milione di franchi fosse donato da privati. Il comitato si è dunque attivato e ha creato una commmissione ad hoc incaricata di gestirne il finanziamento. A conti fatti, l ampliamento e la ristrutturazione sfiorano i 6 milioni di franchi. I contributi donati dai privati superano l obiettivo di partenza, raggiungendo la quota di ben 1,6 milioni. Il Cantone, dal canto suo, ha partecipato alla copertura dei costi con 1 milione. Per completare l opera, la STAC stessa ha contribuito con capitale proprio e ha contratto finanziamenti per un ammontare di 2,5 milioni. È stato difficile raccogliere i fondi? Spesso si dice che al giorno d oggi è difficile raccogliere soldi da privati per opere di bene, ma la nostra esperienza prova il contrario: con un progetto valido, non solo non è difficile raccogliere fondi, ma si può addirittura suscitare un entusiasmo solidale. Devo però anche aggiungere che il successo della raccolta di fondi è in gran parte anche da attribuire all ottimo lavoro di coordinamento del Membri della Commissione ad hoc del Comitato della STAC > Gabriele Ghirlanda > Romano Leoni > Giovanni Balmelli > Gian Giuseppe Enderlin

4 STAC, Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi Fabrizio Greco, direttore Casa dei Ciechi Ricordone 04 L approccio filosofico che mette al centro l essere umano Signor Greco, quando lei parla delle nuove forme di cura della Casa dei Ciechi si riferisce spesso a Maria Montessori. Perché utilizzare una referenza pedagogica vecchia di 100 anni in un contesto di cure? Sono profondamente convinto che una parte dell insoddisfazione che provo come operatore sia dovuta all eccessiva medicalizzazione della nostra salute. Detto così può apparire paradossale, ma non bisogna dimenticare che il sistema sanitario incide solo per poco più del 10 % sulla nostra speranza di vita. Molto più importante appare invece lo stile di vita e l ambiente in cui si vive. In altri termini la vita che ognuno svolge ha un ruolo predominante sulla sua salute mentale e fisica. Ed è proprio questo aspetto che differenzia il nostro approccio alle cure da quello convenzionale. Le scelte terapeutiche della Casa dei Ciechi sono ispirate da un approccio filosofico che tende a mettere l Uomo al centro. Sì, ma in che modo la grande pedagoga dell infanzia che è stata Maria Montessori può contribuire alla comprensione dei bisogni della terza età? La vecchiaia con le sue manifestazioni non è nientaltro che l ennesimo stadio di sviluppo del nostro io. Durante i primi 15 anni della vita di ogni individuo la società investe grandi risorse nell apprendimento e nei relativi metodi. Più tardi, nell età adulta, la formazione permanente rappresenta un elemento preponderante dell integrazione sociale. Appena però le facoltà psicomotorie cominciano a scemare questo bisogno fondamentale è totalmente lasciato all abbandono. Il perché appare banalmente semplice: nel bambino e nell adulto vale la pena investire, nell anziano erroneamente si pensa sia inutile. Maria Montessori con la sua pedagogia universale, impregnata di ottimismo nelle possibilità dell uomo, ci dà una traccia riflessiva fondamentale: la vita è quella che si vive qui ed ora, ed è in questo presente che si deve manifestare la nostra umanità. Ciò appare ovvio, ma è proprio nelle cose scontate che si annidano le semplificazioni nemiche dell evoluzione. Così come Montessori costruisce delle case speciali per bambini a misura dei bambini, e forma il personale a rispettare lo sviluppo del bambino secondo i suoi ritmi naturali e secondo la sua personalità, così noi dobbiamo costruire delle case per anziani a misura degli anziani, progettate specificamente per permettere loro di esprimere tutte le loro competenze e formare il nostro personale in modo altrettanto adeguato. È abbastanza concepire una casa a misura degli anziani se gli ospiti sono ipovedenti o ciechi? Proprio per questo dobbiamo fare uno sforzo ancora maggiore. Dobbiamo in particolare proporzionare i locali del nostro centro in funzione delle capacità operative e mentali degli anziani ipovedenti o ciechi, organizzarli attraverso punti di riferimento non discontinui in modo che possano muoversi al loro interno e nel parco in tutta sicurezza. Dobbiamo creare un ambiente calmo ed armonico per offrir loro una dimensione psicoaffettiva positiva. Queste misure sono ancora efficaci per gli anziani con problemi cognitivi? Gli anziani con problemi cognitivi possono avere disturbi visivi a causa del degrado delle loro capacità mentali o del semplice invecchiamento. Tuttavia anche questi anziani mantengono per lungo tempo un certo numero di competenze primarie, in particolare in quelle attività che hanno svolto durante tutta la loro vita. Con misure adeguate riusciamo a mobilitare anche parte di queste capacità residue e, quando le condizioni peggiorano, e l anziano attraversa la fase di agitazione psicomotoria, ha la possibilità di vivere in un ambiente protetto come nella nuova Unità di riabilitazione dove è prevista una presa a carico continua, specialistica e personalizzata.

5 Melograno, Anno I / N.01 / settembre 2007 Luisa Lomazzi, laureata in scienze politiche e sociologia dell organizzazione ha lavorato 10 anni alla Bocconi (SDA e CERGAS) per poi dedicarsi alla consulenza in ambito sanitario. Dal 2000 insegna all USI nel Master of Advanced Studies in econimia e gestione sanitaria e sociosanitaria Net-MEGS e collabora con il Dipartimento Azione Sociale del DSS. 05 La STAC ha scelto un opzione lungimirante Nel 2003 la Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi (STAC) ha incaricato l Istituto di Microeconomia ed Economia Pubblica (MecoP) dell Università della Svizzera Italiana (USI) di effettuare un lavoro di analisi della situazione della STAC finalizzata alla formulazione di proposte di sviluppo per il futuro. L analisi della situazione di allora ha evidenziato, accanto ad importanti punti forza che hanno consentito alla STAC di affrontare con successo il suo processo di ampliamento, alcuni punti critici determinanti che, se non affrontati nel breve periodo, avrebbero del tutto inibito lo sviluppo futuro della Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi. In particolare, l assoluta carenza di spazi fisici, la conseguente impossibilità di differenziarli rendendoli maggiormente appropriati alle diverse caratteristiche e bisogni dei propri utenti, unita a dimensioni eccessivamente piccole dell Ente, avrebbero reso, anche dal punto di vista economico-gestionale, sempre più difficile l erogazione di un servizio specializzato e qualitativo nel tempo. In quel momento la Società si trovava sostanzialmente di fronte ad un opzione di sopravvivenza (stiamo come siamo) che nel medio-lungo periodo avrebbe indubbiamente portato alla chiusura e a diverse opzioni di rilancio: costruiamo ex-novo una struttura, ci fondiamo con altre piccole residenze per anziani o ci espandiamo ulteriormente a partire da dove siamo ora. La STAC ha scelto, a mio avviso in modo molto saggio e lungimirante, quest ultima opzione che consentiva di costruire il proprio futuro a partire dalla propria storia, dalla propria casa, da una radicata e riconosciuta identità e presenza nella comunità locale ticinese, dalla capacità di sviluppare servizi qualificati e diversificati, realmente orientati ai bisogni in divenire dei propri utenti e delle loro famiglie, dalla capacità di valorizzare e far crescere il proprio personale e di utilizzare in modo efficiente le proprie risorse. È indubbiamente molto bello tornare a quattro anni da quel lavoro di analisi e vedere che accanto al notevole intervento logisticoambientale, di gran pregio e interesse, che ha consentito di aumentare e qualificare gli spazi e gli ambienti della STAC, si sia lavorato ad un ulteriore ampliamento dell offerta di servizi ed a una maggior efficacia ed efficienza nell utilizzo delle risorse disponibili. Qui siamo di fronte a un piacevole e sorprendente esempio di evoluzione a 360 gradi. Accanto alla costruzione della nuova ala, troviamo l ampliamento ed il consolidamento dell offerta di una gamma di servizi che coprono l intera residenzialità, con soggiorni di lungo-degenza, temporanei e riabilitativi e appartamenti protetti, e semi-residenzialità con il Centro Diurno e Notturno. Questa rete di servizi della STAC, supportata dall offerta di attività e interventi di carattere pratico, tecnologico, culturale (di sensibilizzazione e formazione) e ricreativo, spesso in collaborazione con l Unitas, rivolte agli ipovedenti e ai ciechi, alle loro famiglie e agli operatori socio-sanitari, consentirà di costruire veri e propri percorsi di cura e assistenza, sempre più pertinenti, idonei e vicini ai bisogni e alle caratteristiche degli utenti. Questo forte investimento sulla creazione di una rete sempre più completa di servizi altamente specializzati e tra loro fortemente integrati anche grazie ad un ottimo triage, è stato infine completato da un necessario e lungimirante processo di riqualificazione delle risorse interne, mediante risparmi generati da scelte di esternalizzazioni di servizi generali non caratteristici (ad esempio, la lavanderia) che, a parità di qualità del servizio, hanno consentito alla società di reinvestire i risparmi in maggior qualità dell assistenza (nuovo ergoterapista) e mediante fruttuose iniziative di cooperazione ad ampio spettro con l Ospedale Civico di Lugano. L intero ambito dei servizi socio-sanitari in Ticino è stato caratterizzato in questi ultimi anni da importanti cambiamenti a livello organizzativo, gestionale e culturale favoriti anche dall introduzione dei contratti di prestazione. L interesse, la vitalità e la creatività che caratterizza questa fase dello sviluppo della STAC ne sono un tangibile esempio che, assieme ad altri, rendono il comparto socio-sanitario ticinese un interessante laboratorio di soluzioni al contempo innovative e radicate, alla ricerca del giusto equilibrio tra qualità e costi. Luisa Lomazzi

6 STAC, Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi Elena Keller, vicedirettrice Casa dei Ciechi 06 L amministrazione può facilitare la vita agli utenti ciechi o ipovedenti Signora Keller, originariamente lei proviene da un ambiente commerciale, come mai ha deciso di accettare la sfida della Casa dei Ciechi? Mi è sempre piaciuto il lavoro amministrativo e commerciale, ma nel contempo mi piace anche il contatto diretto con la gente e l idea di poter aiutare anche nelle piccole cose. Quando sono arrivata alla Casa dei Ciechi il mio primo compito è stato quello di riorganizzare la parte amministrativa. Non sono stati però questi nuovi compiti la cosa più difficile: quel che mi ha scosso maggiormente erano gli anziani che perdevano progressivamente la vista e che venivano nel mio ufficio a sfogarsi e a piangere. All inzio provavo difficoltà ad accettare queste drammatiche situazioni e pensavo addirittura che non sarei mai riuscita ad abituarmi e pensavo di andarmene. Però ha finito col restare......con il passare dei mesi sono riuscita a superare questo mio primo disagio. Ho cominciato ad affezionarmi a questi anziani che tanto hanno bisogno di sostegno. Nel limite della mia funzione ho cercato di contribuire al loro benessere. In che modo? Con cose che possono sembrare banali: per esempio un anziano ipovedente o cieco non può più tenere da solo i suoi conti, gestire le pratiche amministrative legate alle cure mediche, alle assicurazioni o alle imposte. Ho dunque introdotto un servizio di assistenza amministrativa personalizzato. Oggi l ospite che lo desidera può per esempio chiederci di tenergli i conti e noi eseguiamo al posto suo tutte le pratiche necessarie. Lei si occupa anche dell amministrazione degli appartamenti protetti della Fondazione Fé-Triaca......nell ambito del lavoro di progetto per la nuova Casa dei Ciechi siamo andati a visitare altri istituti per ciechi e ipovedenti. Sono rimasta impressionata da quanto alcuni istituti fossero integrati nel tessuto sociale. È in questa occasione che abbiamo pensato di fare anche noi nel nostro piccolo la stessa cosa. Infatti abbiamo trasformato una parte degli appartamenti della Fondazione Fé-Triaca in appartamenti protetti per permettere agli anziani ipovedenti, che godono ancora di un grado di autonomia sufficiente, di vivere in modo indipendente, pur sapendo di poter in qualsiasi momento far ricorso ai servizi della Casa dei Ciechi. Commissione interdisciplinare di progettazione della nuova Casa dei Ciechi > Gabriele Ghirlanda (rappresentante della commissione ad hoc e lui stesso ipovedente) > Fabrizio Greco (direttore Casa dei Ciechi) > Elena Keller (vicedirettrice Casa dei Ciechi) > Mara Salomone (architetto, mediatrice, consulente per la qualità ambientale nei servizi per anziani e nei servizi sociosanitari) > Studio Trevisani (studio di architettura che segue la realizzazione del progetto) > A dipendenza del tema: (un rappresentante del personale)

7 Melograno, Anno I / N.01 / settembre 2007 Gabriele Ghirlanda, membro di Comitato della STAC, della commissione ad hoc e rappresenta la STAC all interno della commissione interdisciplinare di progettazione. 07 Per l ipovedente anche un colore può essere un ostacolo Signor Ghirlanda, in quanto membro della STAC, lei si impegana a favore dei ciechi e agli ipovedenti. Ma pure lei è stato colpito da problemi di visione. Sì, ho iniziato a perdere progressivamente la vista già all età di 20 anni. Cosciente del problema che ciò avrebbe rappresentato per il mio futuro professionale, decisi allora di intraprendere una nuova formazione in campo medico-assistenziale e, da radiotecnico, sono diventato assistente geriatrico. Così, fin che la vista me lo ha permesso, ho lavorato in ospedale. Oggi la vediamo dunque attivo a diversi livelli nella STAC, in particolare è stato molto apprezzato il suo coinvolgimento nella commissione interdisciplinare per la progettazione della nuova Casa dei Ciechi. Quali sono le principali difficoltà cui si vede confrontata una persona ipovedente o cieca? Prima di tutto bisogna distinguere le problematiche che incontra un ipovedente rispetto a quelle che incontra un cieco. L ipovedente percepisce la luce e l ombra, quindi per lui sono importanti i contrasti e i colori. Nella progettazione di una casa che ospita ipovedenti è dunque importantissimo concepire un illuminazione adeguata, senza fonti luminose dirette. Infatti la luce diretta si accompagna di ombre le quali vengono percepite dall ipovedente come altrettanti ostacoli. Quando poi l ipovedente è anziano e già di per sé fatica a muoversi, la presenza di ombre crea insicurezza e porta l anziano a rinunciare a muoversi. Bisogna rendersi conto che cadere per l anziano può anche essere fatale. Per offrirgli una maggiore sicurezza, occorre quindi dare degli aiuti come ad esempio un corrimano che gli permetta di spostarsi lungo un percorso sicuro. Ciò è particolarmente importante perché meno l anziano si muove, meno rimane abile al movimento. Questa è la sostanziale differenza rispetto al cieco che diventa anziano. Quest ultimo è già abituato a gestire la sua cecità e, con l età che avanza, deve semplicemente abituarsi a gestire le patologie tipiche dell età anziana. Oltre al problema della mobilità, quali sono gli altri problemi cui si vede confrontato l anziano l ipovedente o cieco? Perdendo la vista, si corre in ogni caso pure il rischio dell isolamento. Non si riesce più a leggere e si fatica ad utilizzare strumenti semplici come il telefono. Anche se oggi le tecnologie che permettono di superare questo tipo di problemi esistono, è chiaro che rappresentano un grosso ostacolo per gli anziani. Spesso infatti anche gli anziani in perfetto stato di salute si sentono sprovveduti di fronte al progresso tecnologico, a maggior ragione dunque anche gli anziani ipovedenti. Dobbiamo dunque incoraggiarli ad utilizzare la sintesi vocale sui telefonini, a leggere l attualità in internet pure con la sintesi vocale, oppure ad ascoltare i libri registrati grazie all MP3. Da un lato l anziano ipovedente o cieco deve dunque fare uno sforzo per adattarsi alla sua nuova realtà, dall altro però anche la società deve tener conto del fatto che il numero di persone con disturbi visivi è in costante aumento e dichiararsi di conseguenza disponibile ad adottare le misure del caso. Ci può fare un esempio pratico? Per esempio nella nuova ala di un istituto che frequento le pareti e le porte sono state realizzate di colore identico. Io stesso non trovo le porte. Per un ipovedente, dunque, anche un colore, o l assenza di un colore, può essere una barriera architettonica. Questi problemi si moltiplicano in modo esponenziale quando a un deficit della visione si sovrappongono altri problemi cognitivi come nel caso dei malati di Alzheimer. Per questa ragione il lavoro interdisciplinare per progettare la nuova Casa dei Ciechi è stato ricco d insegnamenti reciproci ed ha reso possibile creare degli spazi che siano di supporto, e non di ostacolo a chi li abita.

8 STAC, Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi Pierluigi Quadri, medico internista specializzato in geriatria. Si occupa della medicina dell anziano da una ventina d anni. Lavora presso l Ospedale regionale di Lugano e presso l Ospedale Beata Vergine di Mendrisio. Ha collaborato alla definizione del concetto terapeutico della nuova Casa dei Ciechi. 08 Stimolare le competenze residue per mantenerle più a lungo Dottor Quadri, perché ha scelto di specializzarsi nella medicina degli anziani? Le geriatria è una disciplina molto ricca. L approccio all anziano obbliga a considerare dimensioni molto diverse, come ad esempio quella fisica, psicologica ed emotiva, quella cognitiva. Inoltre, non c è solo l attività clinica ma anche la formazione del personale, la pianificazione dei servizi, la ricerca. Le mie attività in ospedale comportano un 50% di cure ambulatoriali e un altro 50% di cure ospedaliere nei reparti geriatrici. Il suo know how è stato utile anche per la nuova Casa dei Ciechi. Che cosa l ha spinta a collaborare a questo progetto? La richiesta di collaborazione da parte della Casa dei Ciechi ha subito suscitato il mio interesse. Da tempo desideravo infatti confrontarmi con i problemi della lungo-degenza. E poi si tratta una piccola struttura molto specializzata che al centro dell attenzione mette l anziano portatore di un handicap particolare: il deficit visivo. Per finire, è una struttura dove non solo c è la competenza per quel che concerne l anziano, ma c è anche il piacere di intraprendere qualcosa di nuovo... di trovare nuove soluzioni. Sono molto lieto che questa novità nasca in una zona periferica come la nostra e non in un grande centro universitario, anche perché in futuro, con l aumento della speranza di vita, saremo chiamati a trovare soluzioni per tutta una serie di nuovi gruppi di popolazione. Esistono altri istituti per ciechi con un unità dedicata agli anziani con deficit cognitivi come l Alzheimer? A mia conoscenza si tratta di una prima svizzera. Vi è un numero limitato di ciechi che si ammalano di Alzheimer, ma di regola le persone affette da Alzheimer subiscono danni cerebrali che finiscono col comprometterne anche la percezione visiva. La gestione di questo tipo di malati è molto specialistica e delicata: da una parte è necessario proteggerli, senza esagerare diventando materni, e d altra parte bisogna sollecitarli, stimolare le loro competenze residue per mantenerle più a lungo possibile. In questo contesto l ambiente fisico e l attenzione di personale specializzato assumono una grande importanza. A quali gruppi si riferisce? Vi sono infatti altri gruppi di popolazione per i quali siamo alla ricerca di risposte specifiche e specialistiche. Cito ad esempio coloro che sono affetti da malattie mentali come la sindrome di Down. Meno di cento anni fa i malati di Down morivano all età di anni, oggi hanno praticamente raddoppiato la loro speranza di vita e vivono fino a anni e oltre. Invecchiando quasi tutti vanno incontro alle manifestazioni di una malattia di Alzheimer.

9 Melograno, Anno I / N.01 / settembre 2007 Mara Salomone, architetto e consulente per la qualità ambientale di servizi per anziani e di servizi sociosanitari assistenziali per anziani. Ha collaborato in particolare alla progettazione di reparti e di arredi di case di riposo a Sondrio, Brescia, Biella e Milano. Mara Salomone vive e lavora attualmente a Milano. 09 Mettere in sintonia gestori, architetti, personale medico e degenti Signora Salomone, qual è stato il suo ruolo nel progetto di ampliamento e di ristrutturazione della Casa dei Ciechi? In questo progetto non ho lavorato in qualità di architetto, ma piuttosto in qualità di mediatrice. In pratica si è trattato di tradurre il linguaggio medico in un linguaggio architettonico e viceversa. Nella consapevolezza dell importanza di dare il giusto peso alle diverse esigenze, la STAC ha costituito una commissione interdisciplinare di progettazione nella quale si sono incontrate tutte le parti in causa: la direzione con Fabrizio Greco ed Elena Keller, gli architetti progettisti Stefania Trevisani e Andrea Bernardazzi, Gabriele Ghirlanda, membro del comitato della STAC, lui stesso affetto da un deficit visivo e, a dipendenza dei temi in discussione, pure un rappresentante del personale di cura. All interno di questa commissione interdisciplinare il mio ruolo è stato quello di mediare fra le varie necessità ed i vari punti di vista. Le mie passate esperienze come architetto e come consulente per i servizi di case per anziani mi hanno ovviamente facilitato il compito. Signora Salomone, quali sono stati i principali problemi che avete riscontrato nella fase di progetto? Dapprima devo precisare che il ruolo della commissione era solo quello di analizzare problematiche legate alle peculiarità dei singoli servizi, come gli impianti, le finiture e il reparto Alzheimer (Unità di riabilitazione). Ovviamente un tema che richiede un ottimo coordinamento tra progettisti e gestione è anche la predisposizione di un piano operativo che permetta di mantenere in funzione in funzione di vari servizi nel rispetto delle misure di sicurezza anche durante i lavori di costruzione. Ha parlato prima di impianti, quali sono i problemi che avete incontrato in questo campo? Gli impianti di una casa di riposo e a maggior ragione di una casa di riposo per anziani ciechi o ipovedenti e di persone con problemi cognitivi come l Alzheimer sono complessi e comportano numerosi vincoli. Per esempio l impianto di illuminazione: qui si tratta di evitare che le fonti luminose generino ombre troppo nette o riflessi disturbanti. Devono quindi essere delle fonti luminose indirette di cui si può regolare l intensità luminosa. Ciò è molto importante per gli ipovedenti che dispongono ancora di una capacità visiva limitata. Un altro esempio è quello dell impianto di sorveglianza nel reparto Alzheimer. Negli spazi comuni, questo sistema è stato munito di webcam dotate di sensori di movimento. Tutto ciò è collegato con un sistema intranet ad un terminale in infermeria. Grazie a un programma apposito, il computer è in grado di segnalare eventuali movimenti ritenuti anomali e rimanda l immagine su un palmare in dotazione del personale infermieristico. Ciò permette un rapido intervento da parte del personale in caso di bisogno. Prima ha accennato anche alle rifiniture, ci può indicare alcuni esempi in questo campo? Visto che la Casa dei Ciechi ospita, oltre a ipovedenti e persone completamente cieche, anche malati di Alzheimer, i materiali ed i colori dei pavimenti, delle pareti, delle porte e di tanti altri elementi importanti assumono grande rilievo. Si tratta di permettere all ospite di orientarsi il più facilmente possibile e di creare un ambiente familiare e sicuro. Per esempio una porta che deve essere visibile all ospite risulterà di colore nettamente diverso dalla parete, la porta che invece deve essere accessibile solo al personale sarà di colore identico alla parete. Su una parete chiara si faranno dunque risaltare con colori forti porte accessibili, corrimani, paraspigoli e placchette di interruttori. Quali problemi avete incontrato nella concezione del reparto Alzheimer? Uno spazio asettico e vuoto è certamente più sicuro, però non favorisce minimamente la qualità di vita della persona affetta da problemi cognitivi come l Alzheimer. Essa si troverà a disagio e tenderà a manifestare il suo malessere. L ambiente deve dunque aiutare il malato a vivere meglio, permettendogli di utilizzare a fondo le sue capacità cognitive residue. Un elemento stimolante è la presenza di un giardino esterno protetto, direttamente collegato al soggiorno. Ciò permette al degente di arricchire la sua realtà percettiva quotidiana con elementi naturali e vivi, come l aria, la luce, i colori, i profumi e le sensazioni tattili. Anche nel soggiorno si è voluta creare un atmosfera tranquilla e familiare, ad esempio dotandolo di una cucina a vista, direttamente accessibile in alcuni momenti anche agli anziani.

10 STAC, Società Ticinese per l Assistenza dei Ciechi Alberto Trevisani, Stefania Trevisani, Andrea Bernardazzi, architetti dello Studio d Architettura Trevisani che ha progettato l ampliamento e la ristrutturazione della Casa dei Ciechi. 10 Anche il giardino ristrutturato in funzione degli anziani ipovedenti o ciechi La Casa dei ciechi è un edificio ricco di storia, che con la ristrutturazione attuale si è anche voluto mettere in evidenza......la Casa dei Ciechi è stata edificata ben 70 anni fa fra il dagli architetti Carlo e Rino Tami. Nel corso dei decenni, per adattarsi alle crescenti esigenze di spazio e di funzioni, l edificio è stato oggetto di svariate modifiche. L intervento attuale aveva come obiettivo da un lato di aumentare il numero di posti letto e dall altro di realizzare un nuovo spazio dedicato agli anziani con problemi cognitivi come i malati di Alzheimer. Abbiamo approfittato di quest occasione per riorganizzare il nucleo centrale della parte vecchia dell edificio, ripulendo lo spazio da localini frammentati aggiunti nel corso degli anni. Abbiamo dunque recuperato questo spazio interessante dal punto di vista architettonico, permettendogli di riacquistare la sua funzione originale, cioè quella di punto di convergenza della circolazione interna. In particolare abbiamo optato per un intervento poco invasivo e poco distruttivo della struttura originale. Le nuove strutture facilitano parecchio il lavoro del personale......sì, per esempio la Casa dei Ciechi dispone ora di un nuovo montaletti e l area centrale col suo atrio a pianta quadrata è diventata sede di tutti i servizi che vengono poi distribuiti, sia nell ala originale, sia in quella nuova. E quali sono i vantaggi per gli ospiti? Abbiamo fatto in modo che tutte le camere dell ala nuova, come già quelle dell ala esistente, fossero rivolte a est, cioè verso il parco. Il fronte ovest l abbiamo invece dedicato ai servizi. Gli spazi ad uso comune sono stati progettati con la massima flessibilità in modo da poterli adeguare alle diverse attività. Per motivi di sicurezza abbiamo situato al pian terreno l unità di riabilitazione, nuovo reparto dedicato ai malati di Alzheimer, permettendo loro in tal modo anche l accesso diretto al giardino protetto. Per realizzare la nuova ala, siete stati costretti a sacrificare anche una parte del vecchio giardino......sì, ma solo parzialmente. Per ampliare la Casa dei Ciechi aggiungendo un ala, siamo stati costretti a sacrificare parte del giardino antistante, che era utilizzato dagli anziani come luogo di relax all aperto. Però per evitare che gli anziani rimanessero senza la possibilità di uscire a prender aria, prima di iniziare la costruzione, abbiamo risistemato il parco ampliando la passeggiata e dotandola di un corrimano giallo che percorre tutto il parco. Abbiamo pure tolto tutte le barriere architettoniche che potevano ostacolare il percorso dei ciechi e degli ipovedenti, realizzando una nuova pavimentazione. Per la scelta dei materiali di quest ultima è stata molto utile la collaborazione di Gabriele Ghirlanda, lui stesso ipovedente e membro della commissione di progettazione interdisciplinare che ha accompagnato l intero progetto. Per l unità di riabilitzione invece, è stato concepito un nuovo giardino protetto costruito attorno a un grande tiglio. Nel rifare parco e giardino, abbiamo fatto anche del nostro meglio per salvaguardare il patrimonio botanico esistente. Gli alberi che si trovano sul sedime della nuova ala sono stati trapiantati attorno alla passeggiata in modo da offrire ombra e ristoro. I lavori hanno dovuto essere eseguiti mentre la Casa dei Ciechi era in piena attività, come è stato possibile? È ovvio che i lavori di costruzione hanno richiesto un massimo di flessibilità. Il primo lavoro realizzato è stata la costruzione della nuova ala e fino a dicembre 2006 la Casa dei Ciechi ha continuato a lavorare secondo i vecchi schemi. Poi abbiamo consegnato il 1. Piano della nuova ala, che ha permesso di trasferire parte delle attività, mentre noi, locale dopo locale, abbiamo ristrutturato tutto il resto dell immobile, senza mai essere costretti a far chiudere un servizio. Questi lavori sono stati eseguiti mantenendo degli spazi senza rumore in modo da importunare il meno possibile gli inquilini e garantendo la massima sicurezza.

11 melograno Come la Casa dei Ciechi il melograno, visto dall esterno, ha una scorza dura e protettiva. All interno, invece è diviso in 5 sezioni, circondate da un tessuto soffice, che dà spazio e sostegno a numerosi, fragili chicchi.

12 Concetto & Redazione Samantha Bourgoin / Design Ferrise Comunicazione / Foto copertina Massimo Pedrazzini / Stampa NewPrint Far del bene dà buoni frutti. STAC Casa dei Ciechi Ricordone Via Torricelli Lugano Tel. +41 (0) Fax +41 (0) c Casa dei Ciechi Ricordone

Un sogno assistenziale trasformato in realtà.

Un sogno assistenziale trasformato in realtà. A.R.G.O. Alzheimer Riabilitazione Gestione Ospitalità Un sogno assistenziale trasformato in realtà. simbolicamente Argo era il fedele cane di Ulisse, che nel tempo, a fronte di ogni lontananza e circostanza

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Più valore alla terza età

Più valore alla terza età Più valore alla terza età UNA RISORSA PER LE FAMIGLIE Le Residenze Anni Azzurri sono nate per dare risposte efficaci a un esigenza sempre più sentita nella realtà di oggi: l assistenza agli anziani. In

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI Comune di Cerro Maggiore Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato Piazza Concordia 1 - Cerro Maggiore Un

Dettagli

VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata

VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata persone anziane, persone invalide, persone con il morbo di Parkinson VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata assistenza sanitaria 24 ore su 24 soggiorni temporanei riabilitativi cure di lunga durata

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

Il progetto d innovazione CASA RUSCONI

Il progetto d innovazione CASA RUSCONI Il progetto d innovazione CASA RUSCONI 1 Cos era la CASA RUSCONI: La casa Rusconi nasce come Comunità Alloggio nella prima metà degli anni 80 Grazie al lascito del dott. Ingegnere-architetto Antonino RUSCONI

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale INTRODUZIONE L'orientamento progettuale della domiciliarità: 1. diversificazione di interventi e servizi

Dettagli

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano.

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. CENTRO DIURNO INTEGRATO T GRUPPO P SEGESTA E S SACCARDO C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. Il Centro Diurno Integrato Alzheimer (C.D.I.)

Dettagli

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it indice 1. FINALITA pag. 2 2. CRITERI DI AMMISSIONE E DIMISSIONE pag. 2 3. RETTA E SPESE PERSONALI pag.

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Andare a scuola Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Gabriele De Micheli Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi Anni di Cure e Amore 2004-2014 Carta dei Servizi Anniversario 2004-2014 GENTILE OSPITE, BENVENUTO NELLA RESIDENZA SMERALDA. La carta dei servizi è, oltre che un impegno, uno strumento utile per orientare

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO Mariangela Piacentini Casa Madonna dell Uliveto Albinea - Reggio Emilia In quel tempo che viene definito dai

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: ENEA Interventi

Dettagli

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma Anno 2015 CHI SIAMO - SOS Villaggi dei Bambini SOS Villaggi

Dettagli

UFE Utenti Familiari Esperti

UFE Utenti Familiari Esperti XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Empowerment della persona come strategia di promozione della salute nei luoghi di cura, nell integrazione socio-sanitaria e nella comunità UFE Utenti Familiari

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

La Persona sempre al centro

La Persona sempre al centro La Persona sempre al centro Fondazione Liebenau Fondazione Hospital zum Heiligen Geist Fondazione Helios Leben im Alter 1870 La fondazione Liebenau: Nascita e evoluzione L istituto di cura ed assistenza

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

Service design per l Associazione medica Monteluce. Il tutto è più della somma delle singole parti

Service design per l Associazione medica Monteluce. Il tutto è più della somma delle singole parti Service design per l Associazione medica Monteluce. Il tutto è più della somma delle singole parti Anna Berardi Come citare quest articolo. Berardi, A. (2014). Service design per l Associazione medica

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età 1 La Fondazione Molina ha realizzato un Nucleo NeuroPsicoGeriatrico (NPG) per sostenere persone e famiglie verso le quali, allo stato attuale, non sono stati ancora organizzati servizi specifici da parte

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative pp. 128, 16,00 - e-book 14,00 Cod. 1370.45 Collana:

Dettagli

APRE A MONZA UN ECCELLENZA ASSISTENZIALE PER MALATI DI SLA E IN STATO VEGETATIVO

APRE A MONZA UN ECCELLENZA ASSISTENZIALE PER MALATI DI SLA E IN STATO VEGETATIVO APRE A MONZA UN ECCELLENZA ASSISTENZIALE PER MALATI DI SLA E IN STATO VEGETATIVO Verrà inaugurato il 18 gennaio prossimo alle ore 10,30 a Monza un innovativo centro destinato all accoglienza di malati

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO

LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO PRENDERSI CURA DEL MALATO E DELLA SUA FAMIGLIA ALZHEIMER CAFE una proposta di realizzazione, una risposta a chi ha bisogno. DR. ALESSANDRO

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

Destinatari e ammissione

Destinatari e ammissione 28 1. CENTRO DIURNO 1 Destinatari e ammissione Scopo e destinatari Hanno diritto ad usufruire di tale servizio le persone adulte-anziane con limitata autonomia residenti nel Comune di Trento. Il Centro

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

Malattia inguaribile e adesso?

Malattia inguaribile e adesso? Malattia inguaribile e adesso? Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande difficili e importanti: > Quanto tempo mi rimane?

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ Convegno sull inserimento lavorativo delle persone con disabilità: iniziative, servizi, esperienze e riflessioni Esperienze aziendali tratte dal video prodotto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

Presentazione Centri diurni terapeutici Biella, 17-18 ottobre 2011 L. Poggiali A. Fux Biella 18/19 ottobre 2011 Fux Amèle FAIDO dal 1999 MURALTO dal 1995 LUGANO dal 1993 GIUBIASCO dal 1995 BALERNA dal

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Il volontariato nell assistenza ai malati di Alzheimer

Il volontariato nell assistenza ai malati di Alzheimer Il volontariato nell assistenza ai malati di Alzheimer Un progetto sperimentale A.Tognetti, P.Monini,L.Bartorelli U.O.C. di Geriatria Ospedale S.Eugenio Roma IL PROGETTO FORNIRE UN SUPPORTO AI FAMILIARI

Dettagli

Il centro diurno per disabili secondo me

Il centro diurno per disabili secondo me Gruppo Solidarietà Il centro diurno per disabili secondo me Il Gruppo Solidarietà ha promosso lo scorso 5 novembre presso la propria sede un seminario di ricerca, dal titolo Il centro diurno per disabili

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE E SERVIZI

PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE E SERVIZI PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE E SERVIZI Le tappe dell Associazione Nata nel 2007 come semplice Associazione di genitori, si è di seguito trasformata in Ente Promotore di Servizi Qualificati per l Autismo

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora. Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.org - E-mail: segreteria@fondazionelancora.org PREMESSA La Fondazione

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli

P8SEMP CONCORSO DI IDEE CASA A MISURA DI BAMBINO

P8SEMP CONCORSO DI IDEE CASA A MISURA DI BAMBINO CONCORSO DI IDEE CASA A MISURA DI BAMBINO RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1_CONCEPT L idea di progetto prevede lo sviluppo di un complesso architettonico integrato con l ambiente ed al contempo connotato da una

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Bambini e nonni insieme per una vita più bella. incontro con la Malattia di Alzheimer

Bambini e nonni insieme per una vita più bella. incontro con la Malattia di Alzheimer Bambini e nonni insieme per una vita più bella incontro con la Malattia di Alzheimer Società Cooperativa Sociale Occhio Magico BAMBINI E NONNI INSIEME PER UNA VITA PIÙ BELLA incontro con la Malattia di

Dettagli

Diario di bordo. Attività del Diurno

Diario di bordo. Attività del Diurno Diario di bordo Giovedì 5 novembre 2009. Riprendiamo il nostro viaggio aprendo i mesi di novembre e dicembre dedicati alla disabilità. Oggi una giornata impegnativa: due visite la mattina e una il primo

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli