Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)"

Transcript

1 Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n Verona, Tel Fax

2 Presentazione L idea di predisporre un organigramma della struttura funzionale di Caritas Diocesana Veronese è nata dalla necessità di dotare la stessa di uno strumento che aiutasse a definirne l organizzazione - come pluralità di persone che si ripartiscono attività, compiti, mansioni e contenuti - per il raggiungimento del comune mandato statutario di animare la comunità al senso di carità, in risposta a persone in situazioni di difficoltà, con interventi concreti promozionali e ove possibile preventivi. Nella strutturazione di questo assetto organizzativo-funzionale si sono tenuti presenti la necessità di rendere chiara l organizzazione della Caritas, come strumento complesso, vivo e attivo, a servizio della vita stessa della Chiesa, della sua azione nel tempo e del suo servizio al mondo; il senso di appartenenza e quindi di collaborazione, in cui ciascuno contribuisce utilmente al buon andamento dell ente, riconoscendo nei singoli operatori (dipendenti e volontari), i preziosi elementi costituenti l'intera struttura funzionale che, nelle sue diverse aree, si configura come Caritas Diocesana. Si è trattato di una paziente e complessa operazione volta a eliminare possibili sovrapposizioni, ridistribuire eventuali sovraccarichi di lavoro e colmare carenze operative, in un armoniosa organizzazione, in cui collocare le persone giuste al posto giusto, ponendo le premesse affinché possano svolgere le proprie funzioni nel modo migliore, esprimendo il massimo di efficienza e di efficacia, supportate, se necessario od opportuno, da adeguati programmi di formazione specifica. In un simile contesto sarà più facile mettere chi opera nelle condizioni di ottenere il maggior risultato possibile con il minimo dispendio di energie profuse, soprattutto quando il naturale turnover, non solo dei dipendenti o dei lavoratori a progetto ma soprattutto dei volontari, genera l immancabile interrogativo dei neofiti: chi fa che cosa? Ci si augura che questo strumento, che sicuramente evolverà aggiornandosi nel tempo, possa efficacemente contribuire a far vivere la Caritas Diocesana come organismo pastorale articolato ma flessibile, capace di adattarsi intervenendo nell emergenza e nella quotidianità. L auspicio è quindi che Caritas Diocesana Veronese sia un organizzazione pronta a cambiare marcia, assumendo forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell uomo, della giustizia sociale e della pace, ponendo un attenzione particolare agli ultimi, operando con prevalente funzione pedagogica. Il Direttore Mons. Giuliano Ceschi Verona, maggio 2011

3

4 ASSETTO ORGANIZZATIVO-FUNZIONALE CARITAS DIOCESANA VERONESE EQUIPE Ambiti di azione Unità organizzative a supporto Promozione Caritas Promozione Umana Promozione Mondialità Unità Organizzative Centrali Caritas Parrocchiali e Vicariali Centri di Ascolto Educazione alla Pace e alla Mondialità Progetti e Coordinamenti Comunicazione Promozione Centro di Ascolto Diocesano Iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza Studi e ricerche in ambito nazionale ed europeo Rapporti con Stampa e Media Accompagnamento Coordinamento CdA Diocesani Campi di volontariato internazionale Progettazione e reperimento risorse Gestione sito web istituzionale Laboratorio Promozione Caritas Opere Segno Implementazione reti territoriali Coordinamento delle Reti sul territorio Organizzazione eventi e campagne con enti e associazioni Diffusione conoscenza del contesto ecclesiale della Diocesi Casa della Misericordia Solidarietà Internazionale Consulenza Legale e Convenzioni Amministrazione e Segreteria Sviluppo opere segno in risposta alle varie povertà Casa Braccia Aperte Sostegno a distanza per sviluppo progetti educativi Consulenza legale su documenti Contabilità generale Osservatorio Povertà e Risorse Casa del Colle Microrealizzazioni Stesura convenzioni e contratti Bilancio di previsione e consuntivo Analisi fenomeni e cause povertà Ambulatorio Beato Carlo Steeb Cooperazione allo sviluppo Internazionale ed Emergenze Rapporti con i donatori Mappatura e analisi risorse Servizio Cittadini Immigrati Emergenze Italia ed Estero Gestione ciclo di progetto Segreteria di direzione Centro Documentazione Caritas Microcredito e Fondo Solidarietà Informazione e raccolta fondi Fund-raising individuale/corporate Tecnico Cura pastorale unitaria Associazione di Carità San Zeno Interventi di sviluppo post-emergenza Rapporti con donatori e controparti locali Manutenzione immobili/attrezzature Promozione con uffici e centri pastorali della Diocesi Housing Sociale Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est Giovani e Volontariato Assistenza tecnica e Acquisti Collaborazione con enti di ispirazione cristiana e istituzioni civili Associazione San Benedetto Animazione e volontariato giovanile Giovani e Volontariato Casa Accoglienza Il Samaritano Formazione e gestione volontari Realizzazione progetto complessivo di animazione Coop.Soc. Il Samaritano Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est

5 Ambito di azione 1 Promozione Caritas (Chiesa) Obiettivi sostenere la Caritas diocesana affinché in essa maturi l'acquisizione del metodo pastorale Caritas promuovere la crescita delle tre funzioni essenziali dell'ascolto, dell'osservazione e del discernimento promuovere la nascita, il rafforzamento e l'integrazione dei tre luoghi/strumenti pastorali: Centro di Ascolto, Osservatorio delle Povertà e delle Risorse e Laboratorio Promozione Caritas, finalizzati all'animazione delle comunità parrocchiali promuovere l'educazione alla carità tra i giovani, anche attraverso il Servizio Civile, i laboratori nelle scuole, il volontariato e i tirocini Caritas Parrocchiali sostegno alle parrocchie perché sorgano e si rafforzino le Caritas Parrocchiali, capaci di promuovere una capillare testimonianza comunitaria della carità Caritas Vicariali collegamento con il Consiglio Pastorale Vicariale coordinamento e animazione delle attività caritative sul territorio con particolare attenzione alle "zone pastorali" Laboratorio Promozione Caritas diffondere la conoscenza del contesto ecclesiale della Diocesi (parrocchie, animatori Caritas/pastorali, esperienze di solidarietà) sviluppare interventi mirati (opere segno) per rispondere alle problematiche espresse dall' Osservatorio Povertà e Risorse (OPR) Osservatorio Povertà e Risorse maturare la conoscenza dei fenomeni e delle cause della povertà aiutare le Parrocchie a leggere il proprio contesto promuovere la testimonianza comunitaria della carità conoscere, curare e tessere in rete le risorse caritative ecclesiali Cura Pastorale unitaria promuovere la collaborazione con gli altri uffici e centri pastorali della Diocesi sviluppare sinergie con enti e associazioni di ispirazione cristiana (come quelli che fanno riferimento a S. Vincenzo de Paoli) collaborare con le istituzioni civili del territorio Giovani e Volontariato realizzare un progetto complessivo di animazione rivolto in modo particolare al mondo giovanile promuovere e curare esperienze di volontariato, ivi compreso il Servizio Civile, in risposta alle diverse povertà e in sinergia con le realtà associative del territorio Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est partecipazione ai tavoli di coordinamento sul tema della promozione Caritas a livello nazionale, interregionale e regionale

6 Ambito di azione 2 Promozione Umana (Poveri) Obiettivi curare l'accoglienza, l'ascolto, l'accompagnamento e la relazione con i poveri attraverso i servizi a loro dedicati promuovere i servizi socio-pastorali e le politiche sociali prestare attenzione, in sintonia con l'osservatorio delle povertà e delle risorse, ai bisogni emergenti e ai volti delle povertà curare le risorse impegnate a servizio dei poveri: centri di accoglienza, parrocchie, realtà di volontariato, mondo della cooperazione, istituti religiosi, famiglie solidali Centro di Ascolto punto di riferimento per quanti vivono il disagio ascolto e accompagnamento delle persone in difficoltà nella ricerca di soluzioni ai loro problemi, mediante un progetto sostenibile e rispettoso delle potenzialità e della dignità di ciascuno orientamento e accompagnamento alle opere segno della Caritas Diocesana nonché ai servizi e alle risorse del territorio collaborazione con enti pubblici e privati per la realizzazione dei progetti individuali mirati alla promozione della persona e al reinserimento sociale della stessa implementazione e coordinamento dei Centri di Ascolto diocesani presenti sul nostro territorio per offrire una eccellente struttura di sostegno, integrando gli interventi istituzionali non sufficienti Casa della Misericordia comunità di "accoglienza" temporanea per donne in condizione di disagio psicofisico e sociale (vittime di violenza, ammalate o degenti, prive di abitazione e lavoro, senza riferimenti familiari) promozione del benessere della persona offrendo alle ospiti uno spazio dignitoso dove poter rivedere la propria vita elaborazione di un progetto individuale concordato con il Centro di Ascolto e/o i Servizi Sociali territoriali creazione di un intervento psicopedagogico per prevenire le situazioni di disagio e facilitare il ritorno ad una "vita normale" composizione casa: 15 stanze per complessivi 21 posti letto con spazi comuni quali cucina, lavanderia, soggiorno e saletta computer Casa Braccia Aperte comunità di "accoglienza" di medio termine per donne con minori dai 3 ai 12 anni in situazioni di disagio - dovute a violenze, abbandono del coniuge, percorsi di dipendenze - avente lo scopo di far superare i conflitti infra/interpersonali elaborazione di un progetto individuale concordato con il Centro di Ascolto e/o i Servizi Sociali Territoriali accompagnamento tramite supporto educativo e socio-psicologico per il raggiungimento dell'autonomia sociale, lavorativa e abitativa osservazione del ruolo genitoriale creazione e funzionamento di una rete che offra supporti concreti scolarizzazione e corsi di formazione per l'avviamento lavorativo composizione casa: 8 appartamenti autonomi più alcuni luoghi di aggregazione quali la cappella, la sala TV, la sala giochi e il parco giochi Casa del Colle sostegno a persone singole e famiglie in condizioni di disagio economico, attraverso l'ascolto, la promozione umana e l'erogazione di prodotti alimentari in collegamento con il Centro di Ascolto diocesano rafforzamento e integrazione della cooperazione della rete di solidarietà esistente nel territorio diocesano interazione con la San Vincenzo, che provvede alla distribuzione degli indumenti e con altri enti caritativi Ambulatorio Beato Carlo Steeb visite di medicina generale e prestazioni specialistiche (oculistica, odontoiatria, dermatologia) a persone, italiane e straniere, prive di assistenza sanitaria (SSN) e comunque dei mezzi economici necessari per provvedere autonomamente distribuzione di farmaci, provenienti dal Banco del Farmaco e da Case Farmaceutiche, a persone accolte in dormitori Caritas o pubblici o comunque bisognose, che non hanno redditi sufficienti per l'acquisto Servizio Cittadini Immigrati aprire e gestire sportelli in sedi istituzionali allo scopo di fornire un servizio specializzato in materia di immigrazione, che nel contempo faccia da collettore e promotore del volontariato locale costruire reti fra la pubblica amministrazione e il privato sociale, in un'ottica di sussidiarietà, per individuare strategie di intervento per la gestione dell'immigrazione e delle procedure connesse sensibilizzare la cittadinanza ai temi dell'immigrazione, della promozione della legalità, dell'integrazione e della sussidiarietà Pagina 1

7 Microcredito e Fondo Solidarietà Microcredito: micro-prestito a tasso agevolato a favore di nuclei familiari e singoli, sia italiani che stranieri, con residenza nel territorio della Diocesi di Verona, in temporanea difficoltà economica e impossibilitati ad accedere al circuito bancario tradizionale Fondo straordinario di solidarietà: contributo economico finalizzato a sostenere bisogni primari di nuclei familiari e singoli (come sopra identificati) in grave difficoltà economica principalmente dovuta alla perdita del lavoro o a redditi familiari insufficienti al sostentamento Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est partecipazione ai tavoli di coordinamento a livello nazionale, interregionale e regionale, in relazione alle specifiche tematiche trattate Housing sociale affrontare il problema del disagio abitativo, conseguente alla difficoltà economica di accedere al mercato degli affitti da parte di giovani coppie, famiglie monoreddito, anziani, immigrati, che vengono tutelati e aiutati a superare il momento critico determinato da eventi molto negativi fornitura di servizi sociali ed educativi, fra cui l'inserimento abitativo e l'accompagnamento, in un'ottica di temporaneità, in collaborazione con gli altri enti e associazioni del territorio, nell'intento di rendere autonome le persone per la piena esplicazione del diritto a una esistenza dignitosa gestione di appartamenti, in comodato gratuito, di proprietà della Diocesi, delle Parrocchie e di privati, situati in Verona e provincia Casa Accoglienza Il Samaritano ridare piena dignità a persone che si trovano in una situazione di esclusione e di marginalità ospitalità notturna per persone inviate dai Servizi Sociali del Comune di Verona e da altri Enti mensa serale (fino a 80 persone), cura igiene personale, distribuzione vestiario, lavanderia e consulenza medicoinfermieristica centro diurno, in cui gli ospiti possono incontrarsi per partecipare alle varie attività per tentare l'esperienza dell'equilibrio e della stabilità degli stessi, finalizzata all'autonomia e all'integrazione sociale recupero sociale delle persone e loro reinserimento lavorativo attraverso attività produttive di lavoro sportello unico centralizzato, affidato dal Comune di Verona, per la gestione degli ingressi nei dormitori cittadini creare, in strutture diverse, ambienti di sostegno che consentano di realizzare uno spazio sociale, nel quale costruire relazioni positive, promuoventi la persona che si sentirà accompagnata nel proprio cammino di riacquisizione di una dimensione affettiva e uno stile di vita decoroso Pagina 2

8 Ambito di azione 3 Promozione Mondialità (Territorio/Mondo) Obiettivi educare attraverso gli interventi di solidarietà internazionale promuovere una visione della persona come parte di un tutto attraverso partecipazione e responsabilizzazione individuale cogliere le interconnessioni tra il nostro quotidiano e quanto accade nel resto del mondo, acquisendo la necessaria consapevolezza rispetto ai meccanismi legati alla globalizzazione promuovere stili di vita sobri ed educare al consumo critico (es. Commercio Equo e Solidale) promuovere la salvaguardia del Creato (ambiente e sviluppo sostenibile) Educazione alla Pace e alla Mondialità elaborazione di contenuti legati a mondialità ed educazione allo sviluppo attuazione di proposte didattiche in collaborazione con l'area giovani reperimento delle necessarie risorse economiche e gestione dei rapporti con gli enti finanziatori campi di volontariato internazionale diretti a giovani in collaborazione con il Centro Pastorale Adolescenti e Giovani (CPAG) e il Centro Missionario Diocesano (CMD) implementazione delle reti territoriali Solidarietà Internazionale ricerca dei possibili finanziatori e delle controparti locali implementazione e gestione delle relative partnership formulazione e stesura del progetto e relativo budget in collaborazione con la controparte locale monitoraggio e valutazione delle azioni progettuali e delle risorse impiegate chiusura del progetto con relazione finale economica, finanziaria e sociale sostegno a distanza per lo sviluppo di progetti educativi "micro-realizzazioni": interventi strutturali di piccola entità ma di effetto immediato nei paesi in via di sviluppo raccolta fondi e gestione dei rapporti con i donatori individuali e corporate organizzazione della formazione specifica di area per volontari coinvolti Emergenze Italia ed Estero interventi di emergenza a favore delle popolazioni colpite da catastrofi naturali o coinvolte in tragedie umane, in Italia e all'estero, in rete con le Caritas del Triveneto, Caritas Italiana e Caritas Internationalis informazione e raccolta fondi interventi di sviluppo post-emergenza con Caritas Italiana e Caritas Nord-Est formazione e coordinamento dei volontari rendicontazione e ricaduta sul territorio diocesano, in particolare attraverso la rete delle Caritas parrocchiali e degli animatori vicariali cura e gestione delle relazioni con i donatori Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est coordinamento con Caritas Italiana sulle tematiche sviluppate a livello europeo (politiche sociali, cooperazione, ecc.) GREM (Delegazione Triveneto): condivisione di contenuti, strumenti e azioni nell'ambito dell'educazione alla Pace e alla Mondialità Sportello Internazionale (Delegazione Triveneto): supporto tecnico alla realizzazione di interventi di cooperazione allo sviluppo

9 Unità organizzative a supporto Unità Organizzative Centrali Progetti e Coordinamenti Internazionale ed Emergenze Comunicazione realizzazione di indagini, analisi del bisogno e mappatura delle risorse ricerca dei possibili finanziatori e dei partner formulazione e stesura del progetto e del relativo budget coordinamento e monitoraggio delle azioni progettuali, dei partner e delle risorse impiegate chiusura del progetto con rendiconto sociale ed economico coordinamento delle reti mediante l'attivazione di una segreteria organizzativa, il monitoraggio delle azioni e l'implementazione della mission delle reti stesse organizzazione della formazione Caritas esplorazione del panorama delle politiche sociali europee e delle possibili fonti di finanziamento di interesse della Caritas Diocesana reperimento delle fonti di finanziamento individuazione delle controparti locali e gestione dei rapporti connessi formulazione, stesura, monitoraggio e valutazione dei progetti di riabilitazione e sviluppo, con relativo budget gestione del programma di sostegno a distanza per lo sviluppo di progetti educativi partecipazione a interventi in emergenze umanitarie e ambientali gestiti dalla rete Caritas, in Italia e all'estero progettazione di percorsi educativi e proposte di volontariato per scuole e gruppi giovanili in collaborazione con l'area giovani cura e gestione delle relazioni con i donatori di area mediante report narrativo e finanziario implementazione delle reti territoriali cura dei rapporti con gli organi di stampa e i media redazione di comunicati stampa sull'attività della Caritas iniziative promozionali di informazione quali conferenze stampa e convegni gestione del sito web istituzionale cura dei rapporti con gli altri Uffici Stampa della Diocesi, la Delegazione Triveneto e la Caritas Italiana cura dell'informazione Caritas verso la Rete (Parrocchie, Centri di Ascolto, Servizi Sociali, Partner) organizzazione di eventi e iniziative per sensibilizzare la cittadinanza in collaborazione con enti pubblici e associazioni del territorio Giovani e Volontariato gestione del volontariato nella rete Caritas: accoglienza, orientamento, inserimento, monitoraggio e formazione continua azioni di promozione del volontariato progettazione delle attività specifiche per il volontariato giovanile progettazione dei contenuti e realizzazione delle proposte didattiche per scuole e gruppi giovanili programmazione e gestione della formazione dei giovani volontari in servizio promozione della formazione spirituale e comunitaria coordinamento con i Centri Diocesani, il Centro Servizio per il Volontariato e le altre organizzazioni presenti sul territorio per la realizzazione di momenti formativi, informativi e azioni per la promozione del volontariato giovanile Consulenza Legale e Convenzioni consulenza legale su documenti e atti inerenti all'attività della Caritas Diocesana e delle Associazioni collegate stesura di convenzioni, contratti e accordi con enti e associazioni Tecnico manutenzione degli immobili, delle attrezzature e degli automezzi prestazione di assistenza tecnica attività suddette svolte per la Caritas e per le Strutture collegate acquisto dei materiali di consumo Amministrazione e Segreteria tenuta della contabilità generale della Caritas Diocesana e delle Associazioni (Onlus) ad essa collegate, tramite le quali opera stesura del bilancio di previsione e del conto consuntivo della Caritas Diocesana e delle Associazioni collegate attività specifiche della segreteria di direzione

10 ORGANIGRAMMA CARITAS DIOCESANA VERONESE Presidente: Mons. Zenti Giuseppe/Vescovo Direttore: Mons. Ceschi Giuliano Vicedirettore: Croce Carlo EQUIPE Associazione di Carità San Zeno Onlus Associazione San Benedetto Onlus Cooperativa Sociale Servizi e Accoglienza Il Samaritano Onlus Unità Organizzative Centrali Consiglio Direttivo Consiglio di Amministrazione Consiglio di Amministrazione Progetti e Coordinamenti Centro di Ascolto diocesano Housing sociale Consiglio di Gestione Consulenza Legale e Convenzioni Casa della Misericordia Area Sociale Direzione e Amministrazione Internazionale ed Emergenze Casa Braccia Aperte Area Tecnica Area Sociale Giovani e Volontariato Casa del Colle Area Accoglienza Comunicazione Ambulatorio Beato Carlo Steeb Area Lavoro Amministrazione e Segreteria Servizio Cittadini Immigrati Area Volontari Tecnico Microcredito e Fondo Solidarietà Locanda del Samaritano Sportello Unico Casa Famiglia

11 NUMERO OPERATORI CARITAS DIOCESANA VERONESE Associazione di Carità San Zeno Onlus Associazione San Benedetto Onlus Cooperativa Sociale Il Samaritano Onlus Unità Organizzative Centrali CARITAS Operatori dipendenti (d) acquisto servizi (a) convenzionati (c) fattura (f) volontari (v) - (40 al giorno) Numero complessivo Operatori Operatori Operatori Operatori 1 dipendenti (d) 4 dipendenti (d) 5 8 acquisto servizi 2 acquisto servizi (a) 4 acquisto servizi (a) 10 soci lavoratori (l) 37 soci lavoratori (l) 37 co.co.pro. (p) 3 co.co.pro. (p) 1 co.co.pro. (p) 4 6 convenzionati (c) 6 1 fattura (f) 2 fattura (f) 1 fattura (f) 3 occasionali (o) 1 occasionali (o) 1 95 volontari (v) - (3 al giorno) 3 volontari (v) - (23 al giorno) 205 volontari (v) - (10 al giorno) 14 volontari (v) - (76 al giorno) Numero complessivo 7 Numero complessivo 246 Numero complessivo 24 Numero complessivo 383 Nota: il numero complessivo degli operatori Caritas risulta inferiore alla somma delle singole strutture, in quanto talune persone prestano la loro attività in più organizzazioni gli operatori delle Unità Organizzative Centrali fanno capo all'associazione di Carità San Zeno.

12 Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n Verona, Tel Fax

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca Linee di ricerca e progettazione sociale A cura di Tiziana Ciampolini sommario 1. Le attività di ricerca 2. Le conoscenze maturate grazie all attività di ricerca 3. Dalla ricerca alla sperimentazione Tiziana

Dettagli

Attività Anno Pastorale 2013-2014

Attività Anno Pastorale 2013-2014 Attività Anno Pastorale 2013-2014 Chi siamo La Caritas è l organismo pastorale voluto dalla Chiesa finalizzato a promuovere la testimonianza della carità all interno della comunità cristiana. La Caritas

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

GLI OBIETTIVI È 1 L INTERVENTO 2 I CONTENUTI 3 GLI STRUMENTI

GLI OBIETTIVI È 1 L INTERVENTO 2 I CONTENUTI 3 GLI STRUMENTI www.cibopertutti.it GLI OBIETTIVI È tempo di cambiare, dal livello globale a quello personale p. 1 L INTERVENTO Obiettivi del Millennio mancati, problema non solo dei poveri p. 2 I CONTENUTI Non c è diritto

Dettagli

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione Arcidiocesi di Salerno Campagna Acerno CONVEGNO PASTORALE DIOCESANO 16-17-18 giugno 2015 Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione STRUMENTO DI LAVORO alla

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più (Lc 12, 48) Linee orientative

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli