Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)"

Transcript

1 Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n Verona, Tel Fax

2 Presentazione L idea di predisporre un organigramma della struttura funzionale di Caritas Diocesana Veronese è nata dalla necessità di dotare la stessa di uno strumento che aiutasse a definirne l organizzazione - come pluralità di persone che si ripartiscono attività, compiti, mansioni e contenuti - per il raggiungimento del comune mandato statutario di animare la comunità al senso di carità, in risposta a persone in situazioni di difficoltà, con interventi concreti promozionali e ove possibile preventivi. Nella strutturazione di questo assetto organizzativo-funzionale si sono tenuti presenti la necessità di rendere chiara l organizzazione della Caritas, come strumento complesso, vivo e attivo, a servizio della vita stessa della Chiesa, della sua azione nel tempo e del suo servizio al mondo; il senso di appartenenza e quindi di collaborazione, in cui ciascuno contribuisce utilmente al buon andamento dell ente, riconoscendo nei singoli operatori (dipendenti e volontari), i preziosi elementi costituenti l'intera struttura funzionale che, nelle sue diverse aree, si configura come Caritas Diocesana. Si è trattato di una paziente e complessa operazione volta a eliminare possibili sovrapposizioni, ridistribuire eventuali sovraccarichi di lavoro e colmare carenze operative, in un armoniosa organizzazione, in cui collocare le persone giuste al posto giusto, ponendo le premesse affinché possano svolgere le proprie funzioni nel modo migliore, esprimendo il massimo di efficienza e di efficacia, supportate, se necessario od opportuno, da adeguati programmi di formazione specifica. In un simile contesto sarà più facile mettere chi opera nelle condizioni di ottenere il maggior risultato possibile con il minimo dispendio di energie profuse, soprattutto quando il naturale turnover, non solo dei dipendenti o dei lavoratori a progetto ma soprattutto dei volontari, genera l immancabile interrogativo dei neofiti: chi fa che cosa? Ci si augura che questo strumento, che sicuramente evolverà aggiornandosi nel tempo, possa efficacemente contribuire a far vivere la Caritas Diocesana come organismo pastorale articolato ma flessibile, capace di adattarsi intervenendo nell emergenza e nella quotidianità. L auspicio è quindi che Caritas Diocesana Veronese sia un organizzazione pronta a cambiare marcia, assumendo forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell uomo, della giustizia sociale e della pace, ponendo un attenzione particolare agli ultimi, operando con prevalente funzione pedagogica. Il Direttore Mons. Giuliano Ceschi Verona, maggio 2011

3

4 ASSETTO ORGANIZZATIVO-FUNZIONALE CARITAS DIOCESANA VERONESE EQUIPE Ambiti di azione Unità organizzative a supporto Promozione Caritas Promozione Umana Promozione Mondialità Unità Organizzative Centrali Caritas Parrocchiali e Vicariali Centri di Ascolto Educazione alla Pace e alla Mondialità Progetti e Coordinamenti Comunicazione Promozione Centro di Ascolto Diocesano Iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza Studi e ricerche in ambito nazionale ed europeo Rapporti con Stampa e Media Accompagnamento Coordinamento CdA Diocesani Campi di volontariato internazionale Progettazione e reperimento risorse Gestione sito web istituzionale Laboratorio Promozione Caritas Opere Segno Implementazione reti territoriali Coordinamento delle Reti sul territorio Organizzazione eventi e campagne con enti e associazioni Diffusione conoscenza del contesto ecclesiale della Diocesi Casa della Misericordia Solidarietà Internazionale Consulenza Legale e Convenzioni Amministrazione e Segreteria Sviluppo opere segno in risposta alle varie povertà Casa Braccia Aperte Sostegno a distanza per sviluppo progetti educativi Consulenza legale su documenti Contabilità generale Osservatorio Povertà e Risorse Casa del Colle Microrealizzazioni Stesura convenzioni e contratti Bilancio di previsione e consuntivo Analisi fenomeni e cause povertà Ambulatorio Beato Carlo Steeb Cooperazione allo sviluppo Internazionale ed Emergenze Rapporti con i donatori Mappatura e analisi risorse Servizio Cittadini Immigrati Emergenze Italia ed Estero Gestione ciclo di progetto Segreteria di direzione Centro Documentazione Caritas Microcredito e Fondo Solidarietà Informazione e raccolta fondi Fund-raising individuale/corporate Tecnico Cura pastorale unitaria Associazione di Carità San Zeno Interventi di sviluppo post-emergenza Rapporti con donatori e controparti locali Manutenzione immobili/attrezzature Promozione con uffici e centri pastorali della Diocesi Housing Sociale Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est Giovani e Volontariato Assistenza tecnica e Acquisti Collaborazione con enti di ispirazione cristiana e istituzioni civili Associazione San Benedetto Animazione e volontariato giovanile Giovani e Volontariato Casa Accoglienza Il Samaritano Formazione e gestione volontari Realizzazione progetto complessivo di animazione Coop.Soc. Il Samaritano Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est

5 Ambito di azione 1 Promozione Caritas (Chiesa) Obiettivi sostenere la Caritas diocesana affinché in essa maturi l'acquisizione del metodo pastorale Caritas promuovere la crescita delle tre funzioni essenziali dell'ascolto, dell'osservazione e del discernimento promuovere la nascita, il rafforzamento e l'integrazione dei tre luoghi/strumenti pastorali: Centro di Ascolto, Osservatorio delle Povertà e delle Risorse e Laboratorio Promozione Caritas, finalizzati all'animazione delle comunità parrocchiali promuovere l'educazione alla carità tra i giovani, anche attraverso il Servizio Civile, i laboratori nelle scuole, il volontariato e i tirocini Caritas Parrocchiali sostegno alle parrocchie perché sorgano e si rafforzino le Caritas Parrocchiali, capaci di promuovere una capillare testimonianza comunitaria della carità Caritas Vicariali collegamento con il Consiglio Pastorale Vicariale coordinamento e animazione delle attività caritative sul territorio con particolare attenzione alle "zone pastorali" Laboratorio Promozione Caritas diffondere la conoscenza del contesto ecclesiale della Diocesi (parrocchie, animatori Caritas/pastorali, esperienze di solidarietà) sviluppare interventi mirati (opere segno) per rispondere alle problematiche espresse dall' Osservatorio Povertà e Risorse (OPR) Osservatorio Povertà e Risorse maturare la conoscenza dei fenomeni e delle cause della povertà aiutare le Parrocchie a leggere il proprio contesto promuovere la testimonianza comunitaria della carità conoscere, curare e tessere in rete le risorse caritative ecclesiali Cura Pastorale unitaria promuovere la collaborazione con gli altri uffici e centri pastorali della Diocesi sviluppare sinergie con enti e associazioni di ispirazione cristiana (come quelli che fanno riferimento a S. Vincenzo de Paoli) collaborare con le istituzioni civili del territorio Giovani e Volontariato realizzare un progetto complessivo di animazione rivolto in modo particolare al mondo giovanile promuovere e curare esperienze di volontariato, ivi compreso il Servizio Civile, in risposta alle diverse povertà e in sinergia con le realtà associative del territorio Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est partecipazione ai tavoli di coordinamento sul tema della promozione Caritas a livello nazionale, interregionale e regionale

6 Ambito di azione 2 Promozione Umana (Poveri) Obiettivi curare l'accoglienza, l'ascolto, l'accompagnamento e la relazione con i poveri attraverso i servizi a loro dedicati promuovere i servizi socio-pastorali e le politiche sociali prestare attenzione, in sintonia con l'osservatorio delle povertà e delle risorse, ai bisogni emergenti e ai volti delle povertà curare le risorse impegnate a servizio dei poveri: centri di accoglienza, parrocchie, realtà di volontariato, mondo della cooperazione, istituti religiosi, famiglie solidali Centro di Ascolto punto di riferimento per quanti vivono il disagio ascolto e accompagnamento delle persone in difficoltà nella ricerca di soluzioni ai loro problemi, mediante un progetto sostenibile e rispettoso delle potenzialità e della dignità di ciascuno orientamento e accompagnamento alle opere segno della Caritas Diocesana nonché ai servizi e alle risorse del territorio collaborazione con enti pubblici e privati per la realizzazione dei progetti individuali mirati alla promozione della persona e al reinserimento sociale della stessa implementazione e coordinamento dei Centri di Ascolto diocesani presenti sul nostro territorio per offrire una eccellente struttura di sostegno, integrando gli interventi istituzionali non sufficienti Casa della Misericordia comunità di "accoglienza" temporanea per donne in condizione di disagio psicofisico e sociale (vittime di violenza, ammalate o degenti, prive di abitazione e lavoro, senza riferimenti familiari) promozione del benessere della persona offrendo alle ospiti uno spazio dignitoso dove poter rivedere la propria vita elaborazione di un progetto individuale concordato con il Centro di Ascolto e/o i Servizi Sociali territoriali creazione di un intervento psicopedagogico per prevenire le situazioni di disagio e facilitare il ritorno ad una "vita normale" composizione casa: 15 stanze per complessivi 21 posti letto con spazi comuni quali cucina, lavanderia, soggiorno e saletta computer Casa Braccia Aperte comunità di "accoglienza" di medio termine per donne con minori dai 3 ai 12 anni in situazioni di disagio - dovute a violenze, abbandono del coniuge, percorsi di dipendenze - avente lo scopo di far superare i conflitti infra/interpersonali elaborazione di un progetto individuale concordato con il Centro di Ascolto e/o i Servizi Sociali Territoriali accompagnamento tramite supporto educativo e socio-psicologico per il raggiungimento dell'autonomia sociale, lavorativa e abitativa osservazione del ruolo genitoriale creazione e funzionamento di una rete che offra supporti concreti scolarizzazione e corsi di formazione per l'avviamento lavorativo composizione casa: 8 appartamenti autonomi più alcuni luoghi di aggregazione quali la cappella, la sala TV, la sala giochi e il parco giochi Casa del Colle sostegno a persone singole e famiglie in condizioni di disagio economico, attraverso l'ascolto, la promozione umana e l'erogazione di prodotti alimentari in collegamento con il Centro di Ascolto diocesano rafforzamento e integrazione della cooperazione della rete di solidarietà esistente nel territorio diocesano interazione con la San Vincenzo, che provvede alla distribuzione degli indumenti e con altri enti caritativi Ambulatorio Beato Carlo Steeb visite di medicina generale e prestazioni specialistiche (oculistica, odontoiatria, dermatologia) a persone, italiane e straniere, prive di assistenza sanitaria (SSN) e comunque dei mezzi economici necessari per provvedere autonomamente distribuzione di farmaci, provenienti dal Banco del Farmaco e da Case Farmaceutiche, a persone accolte in dormitori Caritas o pubblici o comunque bisognose, che non hanno redditi sufficienti per l'acquisto Servizio Cittadini Immigrati aprire e gestire sportelli in sedi istituzionali allo scopo di fornire un servizio specializzato in materia di immigrazione, che nel contempo faccia da collettore e promotore del volontariato locale costruire reti fra la pubblica amministrazione e il privato sociale, in un'ottica di sussidiarietà, per individuare strategie di intervento per la gestione dell'immigrazione e delle procedure connesse sensibilizzare la cittadinanza ai temi dell'immigrazione, della promozione della legalità, dell'integrazione e della sussidiarietà Pagina 1

7 Microcredito e Fondo Solidarietà Microcredito: micro-prestito a tasso agevolato a favore di nuclei familiari e singoli, sia italiani che stranieri, con residenza nel territorio della Diocesi di Verona, in temporanea difficoltà economica e impossibilitati ad accedere al circuito bancario tradizionale Fondo straordinario di solidarietà: contributo economico finalizzato a sostenere bisogni primari di nuclei familiari e singoli (come sopra identificati) in grave difficoltà economica principalmente dovuta alla perdita del lavoro o a redditi familiari insufficienti al sostentamento Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est partecipazione ai tavoli di coordinamento a livello nazionale, interregionale e regionale, in relazione alle specifiche tematiche trattate Housing sociale affrontare il problema del disagio abitativo, conseguente alla difficoltà economica di accedere al mercato degli affitti da parte di giovani coppie, famiglie monoreddito, anziani, immigrati, che vengono tutelati e aiutati a superare il momento critico determinato da eventi molto negativi fornitura di servizi sociali ed educativi, fra cui l'inserimento abitativo e l'accompagnamento, in un'ottica di temporaneità, in collaborazione con gli altri enti e associazioni del territorio, nell'intento di rendere autonome le persone per la piena esplicazione del diritto a una esistenza dignitosa gestione di appartamenti, in comodato gratuito, di proprietà della Diocesi, delle Parrocchie e di privati, situati in Verona e provincia Casa Accoglienza Il Samaritano ridare piena dignità a persone che si trovano in una situazione di esclusione e di marginalità ospitalità notturna per persone inviate dai Servizi Sociali del Comune di Verona e da altri Enti mensa serale (fino a 80 persone), cura igiene personale, distribuzione vestiario, lavanderia e consulenza medicoinfermieristica centro diurno, in cui gli ospiti possono incontrarsi per partecipare alle varie attività per tentare l'esperienza dell'equilibrio e della stabilità degli stessi, finalizzata all'autonomia e all'integrazione sociale recupero sociale delle persone e loro reinserimento lavorativo attraverso attività produttive di lavoro sportello unico centralizzato, affidato dal Comune di Verona, per la gestione degli ingressi nei dormitori cittadini creare, in strutture diverse, ambienti di sostegno che consentano di realizzare uno spazio sociale, nel quale costruire relazioni positive, promuoventi la persona che si sentirà accompagnata nel proprio cammino di riacquisizione di una dimensione affettiva e uno stile di vita decoroso Pagina 2

8 Ambito di azione 3 Promozione Mondialità (Territorio/Mondo) Obiettivi educare attraverso gli interventi di solidarietà internazionale promuovere una visione della persona come parte di un tutto attraverso partecipazione e responsabilizzazione individuale cogliere le interconnessioni tra il nostro quotidiano e quanto accade nel resto del mondo, acquisendo la necessaria consapevolezza rispetto ai meccanismi legati alla globalizzazione promuovere stili di vita sobri ed educare al consumo critico (es. Commercio Equo e Solidale) promuovere la salvaguardia del Creato (ambiente e sviluppo sostenibile) Educazione alla Pace e alla Mondialità elaborazione di contenuti legati a mondialità ed educazione allo sviluppo attuazione di proposte didattiche in collaborazione con l'area giovani reperimento delle necessarie risorse economiche e gestione dei rapporti con gli enti finanziatori campi di volontariato internazionale diretti a giovani in collaborazione con il Centro Pastorale Adolescenti e Giovani (CPAG) e il Centro Missionario Diocesano (CMD) implementazione delle reti territoriali Solidarietà Internazionale ricerca dei possibili finanziatori e delle controparti locali implementazione e gestione delle relative partnership formulazione e stesura del progetto e relativo budget in collaborazione con la controparte locale monitoraggio e valutazione delle azioni progettuali e delle risorse impiegate chiusura del progetto con relazione finale economica, finanziaria e sociale sostegno a distanza per lo sviluppo di progetti educativi "micro-realizzazioni": interventi strutturali di piccola entità ma di effetto immediato nei paesi in via di sviluppo raccolta fondi e gestione dei rapporti con i donatori individuali e corporate organizzazione della formazione specifica di area per volontari coinvolti Emergenze Italia ed Estero interventi di emergenza a favore delle popolazioni colpite da catastrofi naturali o coinvolte in tragedie umane, in Italia e all'estero, in rete con le Caritas del Triveneto, Caritas Italiana e Caritas Internationalis informazione e raccolta fondi interventi di sviluppo post-emergenza con Caritas Italiana e Caritas Nord-Est formazione e coordinamento dei volontari rendicontazione e ricaduta sul territorio diocesano, in particolare attraverso la rete delle Caritas parrocchiali e degli animatori vicariali cura e gestione delle relazioni con i donatori Coordinamenti Caritas Italiana e Caritas Nord-Est coordinamento con Caritas Italiana sulle tematiche sviluppate a livello europeo (politiche sociali, cooperazione, ecc.) GREM (Delegazione Triveneto): condivisione di contenuti, strumenti e azioni nell'ambito dell'educazione alla Pace e alla Mondialità Sportello Internazionale (Delegazione Triveneto): supporto tecnico alla realizzazione di interventi di cooperazione allo sviluppo

9 Unità organizzative a supporto Unità Organizzative Centrali Progetti e Coordinamenti Internazionale ed Emergenze Comunicazione realizzazione di indagini, analisi del bisogno e mappatura delle risorse ricerca dei possibili finanziatori e dei partner formulazione e stesura del progetto e del relativo budget coordinamento e monitoraggio delle azioni progettuali, dei partner e delle risorse impiegate chiusura del progetto con rendiconto sociale ed economico coordinamento delle reti mediante l'attivazione di una segreteria organizzativa, il monitoraggio delle azioni e l'implementazione della mission delle reti stesse organizzazione della formazione Caritas esplorazione del panorama delle politiche sociali europee e delle possibili fonti di finanziamento di interesse della Caritas Diocesana reperimento delle fonti di finanziamento individuazione delle controparti locali e gestione dei rapporti connessi formulazione, stesura, monitoraggio e valutazione dei progetti di riabilitazione e sviluppo, con relativo budget gestione del programma di sostegno a distanza per lo sviluppo di progetti educativi partecipazione a interventi in emergenze umanitarie e ambientali gestiti dalla rete Caritas, in Italia e all'estero progettazione di percorsi educativi e proposte di volontariato per scuole e gruppi giovanili in collaborazione con l'area giovani cura e gestione delle relazioni con i donatori di area mediante report narrativo e finanziario implementazione delle reti territoriali cura dei rapporti con gli organi di stampa e i media redazione di comunicati stampa sull'attività della Caritas iniziative promozionali di informazione quali conferenze stampa e convegni gestione del sito web istituzionale cura dei rapporti con gli altri Uffici Stampa della Diocesi, la Delegazione Triveneto e la Caritas Italiana cura dell'informazione Caritas verso la Rete (Parrocchie, Centri di Ascolto, Servizi Sociali, Partner) organizzazione di eventi e iniziative per sensibilizzare la cittadinanza in collaborazione con enti pubblici e associazioni del territorio Giovani e Volontariato gestione del volontariato nella rete Caritas: accoglienza, orientamento, inserimento, monitoraggio e formazione continua azioni di promozione del volontariato progettazione delle attività specifiche per il volontariato giovanile progettazione dei contenuti e realizzazione delle proposte didattiche per scuole e gruppi giovanili programmazione e gestione della formazione dei giovani volontari in servizio promozione della formazione spirituale e comunitaria coordinamento con i Centri Diocesani, il Centro Servizio per il Volontariato e le altre organizzazioni presenti sul territorio per la realizzazione di momenti formativi, informativi e azioni per la promozione del volontariato giovanile Consulenza Legale e Convenzioni consulenza legale su documenti e atti inerenti all'attività della Caritas Diocesana e delle Associazioni collegate stesura di convenzioni, contratti e accordi con enti e associazioni Tecnico manutenzione degli immobili, delle attrezzature e degli automezzi prestazione di assistenza tecnica attività suddette svolte per la Caritas e per le Strutture collegate acquisto dei materiali di consumo Amministrazione e Segreteria tenuta della contabilità generale della Caritas Diocesana e delle Associazioni (Onlus) ad essa collegate, tramite le quali opera stesura del bilancio di previsione e del conto consuntivo della Caritas Diocesana e delle Associazioni collegate attività specifiche della segreteria di direzione

10 ORGANIGRAMMA CARITAS DIOCESANA VERONESE Presidente: Mons. Zenti Giuseppe/Vescovo Direttore: Mons. Ceschi Giuliano Vicedirettore: Croce Carlo EQUIPE Associazione di Carità San Zeno Onlus Associazione San Benedetto Onlus Cooperativa Sociale Servizi e Accoglienza Il Samaritano Onlus Unità Organizzative Centrali Consiglio Direttivo Consiglio di Amministrazione Consiglio di Amministrazione Progetti e Coordinamenti Centro di Ascolto diocesano Housing sociale Consiglio di Gestione Consulenza Legale e Convenzioni Casa della Misericordia Area Sociale Direzione e Amministrazione Internazionale ed Emergenze Casa Braccia Aperte Area Tecnica Area Sociale Giovani e Volontariato Casa del Colle Area Accoglienza Comunicazione Ambulatorio Beato Carlo Steeb Area Lavoro Amministrazione e Segreteria Servizio Cittadini Immigrati Area Volontari Tecnico Microcredito e Fondo Solidarietà Locanda del Samaritano Sportello Unico Casa Famiglia

11 NUMERO OPERATORI CARITAS DIOCESANA VERONESE Associazione di Carità San Zeno Onlus Associazione San Benedetto Onlus Cooperativa Sociale Il Samaritano Onlus Unità Organizzative Centrali CARITAS Operatori dipendenti (d) acquisto servizi (a) convenzionati (c) fattura (f) volontari (v) - (40 al giorno) Numero complessivo Operatori Operatori Operatori Operatori 1 dipendenti (d) 4 dipendenti (d) 5 8 acquisto servizi 2 acquisto servizi (a) 4 acquisto servizi (a) 10 soci lavoratori (l) 37 soci lavoratori (l) 37 co.co.pro. (p) 3 co.co.pro. (p) 1 co.co.pro. (p) 4 6 convenzionati (c) 6 1 fattura (f) 2 fattura (f) 1 fattura (f) 3 occasionali (o) 1 occasionali (o) 1 95 volontari (v) - (3 al giorno) 3 volontari (v) - (23 al giorno) 205 volontari (v) - (10 al giorno) 14 volontari (v) - (76 al giorno) Numero complessivo 7 Numero complessivo 246 Numero complessivo 24 Numero complessivo 383 Nota: il numero complessivo degli operatori Caritas risulta inferiore alla somma delle singole strutture, in quanto talune persone prestano la loro attività in più organizzazioni gli operatori delle Unità Organizzative Centrali fanno capo all'associazione di Carità San Zeno.

12 Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n Verona, Tel Fax

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas Caritas diocesana di Forlì Bertinoro III Tappa Equipe Caritas diocesane 14-16 Aprile 2008 Presentazione Caritas 1. brevi cenni storici - il Sinodo diocesano - la Casa Buon Pastore 2. Organizzazione ed

Dettagli

Rete donna. rete donna rete donna rete. carta dei servizi

Rete donna. rete donna rete donna rete. carta dei servizi Rete donna rete donna rete donna rete carta dei servizi 2016 Carta dei servizi 2016 Indice Indice INTRODUZIONE P. 04 CARITAS DIOCESANA VERONESE ASSOCIAZIONE ONLUS SAN BENEDETTO P. 06 CENTRO DIOCESANO AIUTO

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS L ORGANISMO PASTORALE CARITAS Roma, novembre 2006 INDICE 1. Natura 2. Compiti 3. Destinatari 4. Progettualità 5. Ambiti di azione 1. NATURA della Caritas diocesana Roma, novembre 2006 UNA CARTA DI RIFERIMENTO

Dettagli

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna CAMMINI di PROSSIMITA Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna Le motivazioni «Sapete ciò che vi ho fatto?» Gv 13, 12 Radici profonde Il servizio alla carità è intrinsecamente legato

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO

VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO SEMINARIO PROGETTAZIONE SOCIO - PASTORALE 16-17 giugno 2011 c/o Domus Pacis Torre Rossa Park Hotel VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO 1. Presentazione della diocesi 2. Quali progetti e perché?? 3. Quale il

Dettagli

2) FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

2) FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE 2) FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE Alcuni aspetti della crisi economica, in particolare quelli che ricadono sulle famiglie e le persone, possono trovare terreno fertile nella mancanza di conoscenza su temi

Dettagli

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA ORGANIZZAZIONE OPERA DI PADRE MARELLA Fondo straordinario di solidarietà da destinare al servizio mensa ANTONIANO DEI FRATI MINORI Fondo straordinario di solidarietà

Dettagli

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti STATUTO Art. 1 Natura La Caritas diocesana di Locri-Gerace è l organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine dì promuovere latestimonianza della carità della comunità diocesana e delle comunità parrocchiali,

Dettagli

Progetto di Credito Solidale

Progetto di Credito Solidale Progetto di Credito Solidale Fondo Fiducia e Solidarietà Prestiti a persone e famiglie in difficoltà economica temporanea e straordinaria Promosso da Caritas diocesana di Andria Ufficio diocesano per la

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari Relatore Simonetta Piras Comune di Cagliari[Soft Break]Assessorato alle Politiche Sociali Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari La complessità della società attuale, le

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

PRESENTAZIONE GENERALE

PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE Energie Sociali è una Cooperativa Sociale ONLUS di tipo A nata nel giugno del 2008 in seguito alla riorganizzazione di una storica cooperativa veronese, la Comunità dei Giovani 1.

Dettagli

ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA

ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA Art. l: NATURA ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA La Caritas Diocesana è l'organismo pastorale istituito dal Vescovo per promuovere e favorire nella Chiesa Diocesana la nuova evangelizzazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55 SCHEDA PROGETTO _55 PROMOTORE Persona Comunità Ente/Istituto X Associazione cognome, nome denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web Breve presentazione (mission, identità, attività,

Dettagli

LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti

LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti Giuseppe DARDES in occasione del seminario di formazione per parroci - Pianezza, 24 febbraio 2003.

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA ANNO PASTORALE 2016/2017

PROPOSTA FORMATIVA ANNO PASTORALE 2016/2017 PROPOSTA FORMATIVA ANNO PASTORALE 2016/2017 Per informazioni ed iscrizioni: Coordinamento Gruppi e Centri d'ascolto Caritas Diocesana Veronese Area Progetti e Coordinamenti L.ge Matteotti, 8 37126 Verona

Dettagli

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede)

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l associazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015)

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) Settore di intervento Area territoriale Attori da coinvolgere Nome del progetto Target di riferimento 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione

Dettagli

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza SOSTENERE IL DOPO DI NOI DURANTE NOI IL PROBLEMA La famiglia non riesce a

Dettagli

Regolamento del Fondo Famiglie Solidali. INTRODUZIONE Un Servizio-Segno della Chiesa di Crema a favore di famiglie che hanno perso il lavoro.

Regolamento del Fondo Famiglie Solidali. INTRODUZIONE Un Servizio-Segno della Chiesa di Crema a favore di famiglie che hanno perso il lavoro. Regolamento del Fondo Famiglie Solidali INTRODUZIONE Un Servizio-Segno della Chiesa di Crema a favore di famiglie che hanno perso il lavoro. La situazione di crisi economica conseguente alla grave crisi

Dettagli

Centri di ascolto luogo privilegiato in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito Funzioni e compiti

Centri di ascolto luogo privilegiato in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito Funzioni e compiti Il Centro di ascolto della Caritas diocesana è il luogo privilegiato (perché consegnato dalla tradizione e confermato dall esperienza) in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito del

Dettagli

Area Donne e Diritti di Cittadinanza. Caritas Diocesana di Concordia-Pordenone Associazione Nuovi Vicini Onlus

Area Donne e Diritti di Cittadinanza. Caritas Diocesana di Concordia-Pordenone Associazione Nuovi Vicini Onlus Area Donne e Diritti di Cittadinanza Caritas Diocesana di Concordia-Pordenone Associazione Nuovi Vicini Onlus PERCHE un'area Donne? ASCOLTARE = emersione di situazioni di disagio al femminile OSSERVARE

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale Anno 2006/2007 Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale 1 di 5 Premessa Queste linee guida presentano l identità della Commissione Missionaria Parrocchiale e le attività che è chiamata a

Dettagli

Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013

Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013 Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013 PROTOCOLLO D INTESA TRA LA DIOCESI DI SAN MARINO-MONTEFELTRO, LA FONDAZIONE DI RELIGIONE SAN PAOLO DI PENNABILLI, LE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DI CASTELDELCI,

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Concorso di Iniziative di Servizio Giovani Solidali Quarta Edizione 2015-2016

Concorso di Iniziative di Servizio Giovani Solidali Quarta Edizione 2015-2016 Concorso di Iniziative di Servizio Giovani Solidali Quarta Edizione 2015-2016 Rivolto ai giovani dai 16 ai 25 anni Regolamento Bando di concorso La Caritas Diocesana di Cagliari consapevole del suo mandato

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Centro di Ascolto. "St'Oria Nuova" - 12/12/13- Maria Rosaria GALLO

Centro di Ascolto. St'Oria Nuova - 12/12/13- Maria Rosaria GALLO Centro di Ascolto? 1 IL CENTRO DI ASCOLTO fa dell'ascolto il suo MODO PROPRIO di SERVIZIO Ascoltare non è udire (atto puramente fisico e involontario) L ascolto implica la volontà, l atteggiamento di accoglienza,

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Proposta di accoglienza 1. Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia

Proposta di accoglienza 1. Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia Proposta di accoglienza 1 Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia Condizione necessaria L attuazione del presente progetto

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 INDICE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO 3 CONTESTO E SITUAZIONE PROBLEMATICA 5 IL NOSTRO PROGETTO 5 2 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Siamo una rete di organizzazioni per l

Dettagli

Il laboratorio Caritas parrocchiali. A cura della Caritas Porto Santa Rufina

Il laboratorio Caritas parrocchiali. A cura della Caritas Porto Santa Rufina Il laboratorio Caritas parrocchiali A cura della Caritas Porto Santa Rufina 55 parrocchie distribuite su 6 comuni 5 municipi di Roma, 3 frazioni popolazione 385.000 al 2008 da Santa Marinella a Fiumicino

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA ARTICOLO - 4 - FINALITÀ * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * -

DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA ARTICOLO - 4 - FINALITÀ * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * - DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * - CARITAS PARROCCHIALE S. MARIA REGINA MUNDI ARTICOLO - 1 - ISTITUZIONE 1. E istituita nella Parrocchia di S. Maria Regina Mundi,

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

NISIDA società cooperativa sociale ONLUS

NISIDA società cooperativa sociale ONLUS NISIDA società cooperativa sociale ONLUS Percorsi individualizzati di socializzazione e autonomizzazione Non dimenticate l'ospitalità; alcuni, praticandola, hanno accolto degli angeli senza saperlo. [Lettera

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

a favore Un testamento dei poveri

a favore Un testamento dei poveri a favore Un testamento dei poveri Un segno concreto per tutti i poveri Un testamento, perché? Un testamento sono le ultime parole, quelle decisive di una vita, quelle che fanno la differenza, quelle che

Dettagli

I servizi offerti. Famiglia. Casa

I servizi offerti. Famiglia. Casa Il progetto Dalla crisi che l Italia sta attraversando negli ultimi anni e che colpisce in maniera particolare le familie, si esce insieme. Facendo rete. Solidarietà e corresponsabilità nell esserci. È

Dettagli

ASSOCIAZIONE DIAKONIA o.n.l.u.s.

ASSOCIAZIONE DIAKONIA o.n.l.u.s. PROGETTO Sportello di informazioni e consulenza legali gratuite Titolo del progetto Sportello di informazioni e consulenza legali gratuite Soggetto titolare Associazione Diakonia onlus Ambito territoriale

Dettagli

Relazione attività esercizio 20

Relazione attività esercizio 20 Gruppi di Volontariato Vincenziano AIC Italia Gruppo di.. Regione.. Relazione attività esercizio 20 C.F. proprio.. Regionale.. 1 In verità, vi dico: tutte le volte che avete fatto ciò a uno dei più piccoli

Dettagli

l esperienza della caritas di pistoia nell incontro con i poveri percorso équipe - caritas italiana - 30 novembre 2009

l esperienza della caritas di pistoia nell incontro con i poveri percorso équipe - caritas italiana - 30 novembre 2009 l esperienza della caritas di pistoia nell incontro con i poveri percorso équipe - caritas italiana - 30 novembre 2009 la diocesi superficie in Kmq: 871 abitanti: circa 215.000 parrocchie: 158 territorio:

Dettagli

PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA. Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l.

PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA. Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l. PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l. Soggetti coinvolti nell implementazione del progetto: Soggetto attuatore del progetto di accoglienza

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

Obiettivo 1 Strategie Azioni

Obiettivo 1 Strategie Azioni Obiettivo 1 Strategie Azioni Innovare i processi e le metodologie d'informazione e di comunicazione mirata Studiare e implementare nuove procedure per la gestione amministrativa e delle risorse umane Avviare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

"SosteniAmo il sociale"

SosteniAmo il sociale "SosteniAmo il sociale" I tagli continui al Fondo Nazionale dedicato al sociale e la progressiva riduzione delle risorse pubbliche stanno mettendo a rischio i servizi alla persona. A rischio è il patrimonio

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E SPORT N. 144/SPO DEL 14/10/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E SPORT N. 144/SPO DEL 14/10/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E SPORT N. 144/SPO DEL 14/10/2014 Oggetto: DGR 1107/2014 Criteri e modalità per l assegnazione di contributi a favore degli Ambiti Territoriali Sociali

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI DOMANDA DI ADEONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MIRI Per aderire a Isperantzia Onlus Federazione Sarda Comunità per Minori è necessario seguire le indicazioni di seguito riportate: completare

Dettagli

L obiettivo del progetto è quello di favorire l inclusione sociale di persone in situazioni di povertà estrema, soggetti che hanno rotto tutti i

L obiettivo del progetto è quello di favorire l inclusione sociale di persone in situazioni di povertà estrema, soggetti che hanno rotto tutti i STORIE DI CONFINE Campagna emergenza freddo 2011/2012 L obiettivo del progetto è quello di favorire l inclusione sociale di persone in situazioni di povertà estrema, soggetti che hanno rotto tutti i legami

Dettagli

Progetto Vivere in Comunità anno 2016

Progetto Vivere in Comunità anno 2016 DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE PER I MINORENNI L E C C E Progetto Vivere in Comunità anno 2016 PER I MINORI OSPITI DELLA COMUNITA PUBBLICA PER MINORI Via Monteroni, 157/A

Dettagli

PROGRAMMARE l attività della Caritas diocesana. Alcuni suggerimenti

PROGRAMMARE l attività della Caritas diocesana. Alcuni suggerimenti PROGRAMMARE l attività della Caritas diocesana Alcuni suggerimenti Percorso Equipe Caritas diocesana IV tappa 2007/2008 INDICE COSA SIGNIFICA COME CON CHI CHE COSA CON CHE TEMPI PERCHE CONCLUSIONI 2 E

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2014/

SCHEDA PROGETTO QdF 2014/ SCHEDA PROGETTO PROMOTORE Persona Comunità Ente/Istituto Associazione cognome, nome denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web SEMI ONLUS info@semionlus.com www.semionlus.com Breve

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI

PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI 1 NOSOTRAS si configura come Associazione di Promozione Sociale ONLUS. Costituita nel 1998, con sede a Firenze, è attiva nell ascolto, sostegno

Dettagli

GESTIONE PROGETTO (in conformità modello MAE)

GESTIONE PROGETTO (in conformità modello MAE) GESTIONE PROGETTO (in conformità modello MAE) Codice: Titolo: Tipo: Durata: IFO2014MAPMOZ Fair Play: un itinerario di crescita, formazione e socializzazione per i bambini e bambine e adolescenti in un

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora. Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.org - E-mail: segreteria@fondazionelancora.org PREMESSA La Fondazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE

PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE Zero Sprechi 100% Solidarietà e Ambiente PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA A 11: DONNE CON MINORI A CARICO E DONNE IN DIFFICOLTA

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA A 11: DONNE CON MINORI A CARICO E DONNE IN DIFFICOLTA ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: AIUTACI AD AIUTARLE SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA A 11: DONNE CON MINORI A CARICO E DONNE IN DIFFICOLTA OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

La povertà letta dalla Caritas a Livorno

La povertà letta dalla Caritas a Livorno La povertà letta dalla Caritas a Livorno I semestre 2015 Dati raccolti dalla rete di Centri di Ascolto Caritas A cura di Osservatorio Diocesano delle Povertà e delle Risorse POVERTA' ALIMENTARE Area/centro

Dettagli

Riferimenti e numeri utili CARITAS

Riferimenti e numeri utili CARITAS Riferimenti e numeri utili CARITAS Sito parrocchiale di Zola Predosa SS Nicolò e Agata : www.parrocchiadizola.org Centro per le famiglie di Casalecchio di Reno 051/6133039 Associazione famigliare Le querce

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

CONVENZIONE TRA COeSO E LE ASSOCIAZIONI: ARCI NUOVA ASSOCIAZIONE, CARITAS, CEIS, COOP. SOLIDARIETÀ È CRESCITA

CONVENZIONE TRA COeSO E LE ASSOCIAZIONI: ARCI NUOVA ASSOCIAZIONE, CARITAS, CEIS, COOP. SOLIDARIETÀ È CRESCITA CONVENZIONE TRA COeSO E LE ASSOCIAZIONI: ARCI NUOVA ASSOCIAZIONE, CARITAS, CEIS, COOP. SOLIDARIETÀ È CRESCITA PER LA GESTIONE DELLE AZIONI PREVISTE NEL PROGETTO FUORI DAL TUNNEL DESTINATO A CITTADINI IN

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Da dove siamo partiti La Diocesi e la Caritas hanno cercato sempre più di configurarsi come

Dettagli

PROSSIMITÀ DELLA CHIESA VICENTINA A FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ

PROSSIMITÀ DELLA CHIESA VICENTINA A FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ PROSSIMITÀ DELLA CHIESA VICENTINA A FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ Incontro diocesano per i Centri di Ascolto parrocchiali, U.P., vicariali; per le famiglie parte dei sostegni di vicinanza,

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze Dati di riferimento Denominazione: Associazione rimettere le ali onlus Tipologia: Associazione non Profit Onlus Riconoscimenti: Iscritta all anagrafe delle Onlus regionale del Lazio al protocollo 0036191

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande. Dirigente Scolastico Lucia Palazzo. Insieme si può

Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande. Dirigente Scolastico Lucia Palazzo. Insieme si può Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande Dirigente Scolastico Lucia Palazzo Insieme si può L Istituzione scolastica ha proposto l incontro con la Cooperativa sociale Promozione di Acireale per promuovere

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

COMITATO LOCALE DI ROMA - MUNICIPIO 10

COMITATO LOCALE DI ROMA - MUNICIPIO 10 COMITATO LOCALE DI ROMA - MUNICIPIO 10 OBIETTIVO 1 - Tuteliamo e proteggiamo la salute e la vita Anna Mezzapesa salute@criroma10.org La C.R.I. pianifica ed implementa attività e progetti di assistenza

Dettagli