Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A"

Transcript

1 Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A Lezione del 23 aprile 2016 Il Giudice Tutelare Docenti: Alessandra Fralleoni Giovanna Sangregorio

2 Il Giudice Tutelare 1/2 Magistrato che svolge funzioni attinenti ai cd " soggetti deboli" (minori, interdetti, inabilitati, beneficiari di amministrazione di sostegno, adolescenti in gravidanza, pazienti psichiatrici destinatari di TSO - trattamento sanitario obbligatorio ). Le funzioni principali del giudice tutelare possono essere raggruppate nei seguenti due gruppi: minori di età: autorizza i genitori alla gestione del patrimonio dei figli minori; vigila sull osservanza delle condizioni che il Tribunale ha stabilito per l esercizio della potestà genitoriale e per l amministrazione dei beni del minore (art. 337 del codice civile); autorizza il rilascio di documento valido per l espatrio al minore quando manchi l assenso dell altro genitore;

3 Il Giudice Tutelare 2/2 nomina un tutore nel caso di minori orfani di ambedue i genitori, o nel caso in cui i genitori non possano esercitare la responsabilità genitoriale ; emette il decreto di esecutività dell affido etero familiare consensuale di un minore; autorizza l interruzione volontaria della gravidanza di minorenne (art. 12 l. n. 194/1978); vigila sulle condizioni dei minori in strutture residenziali; maggiori di età: nomina il tutore agli interdetti giudiziali; autorizza tutore, curatore ed amministratore di sostegno alla gestione del patrimonio dei soggetti deboli; convoca, qualora ne ravvisi la necessità, tutore, curatore ed amministratore di sostegno per sostenere dei colloqui informativi, anche al fine di valutare l andamento della situazione personale e della gestione patrimoniale dei soggetti deboli, ed approva il rendiconto periodico che tali soggetti sono tenuti a presentare; convalida il provvedimento di trattamento sanitario obbligatorio adottato dal Sindaco.

4 Tutela e Curatela Persone che devono essere sottoposte a tutela legale: - Minorenni privi degli esercenti la responsbilità genitoriale (orfani, potestà decaduta, non accompagnati); Persone che possono essere sottoposte a tutela o curatela: Adulti che non sono in grado di provvedere ai bisogni della loro vita quotidiana e di difendere i loro interessi. Procedura: avvio di un procedimento presso il Tribunale Civile per ottenere una pronuncia di interdizione o di inabilitazione. L istanza viene presentata al Tribunale civile, di norma promossa da un parente, dal coniuge, dal Pubblico Ministero della Procura, dal Servizio Pubblico (Servizi Sanitari, Ente locale). In seguito alla decisione del Tribunale ordinario, il Giudice Tutelare nomina un tutore o curatore In caso non sia presente un familiare in grado di svolgere la funzione di tutore o curatore, il Giudice Tutelare nomina il Sindaco del comune di residenza in carica in quel momento. Nei comuni più grandi (es. Roma capitale) con un mandato aperto il Sindaco, che non può occuparsi di tutti i casi d interdizione o di inabilitazione, nomina a sua volta dei tutori. Riferimenti normativi: art. 334 e ss codice civile

5 Il Tutore legale In base al dettato del codice civile: incarico gratuito ed irrinunciabile, dura 10 anni; è responsabile della cura della persona (minore od adulta) sottoposta alla sua tutela; lo rappresenta in tutti gli atti civili e, qualora possegga un patrimonio, ne amministra i beni; tra le sue competenze non rientra l'accudimento quotidiano della persona che ha in tutela; ha il dovere di rendere partecipe la persona, in base alle sue possibilità, delle decisioni che la interessano; svolge le sue funzioni sotto la supervisione del Giudice tutelare nei casi stabiliti dal codice civile; si relaziona con i servizi che il suo protetto e con le strutture residenziali che lo accolgono.

6 Il Curatore Nel processo civile o penale: è nominato al minore d'età quando manchi chi lo rappresenti e comunque quando vi sia un conflitto d'interesse con gli esercenti la potestà o il tutore; Ha una funzione peculiare che non è quella comunemente prevista dal nostro diritto civile di agire in nome e per conto di un'altra persona ma quella di amministratore di alcuni interessi (di solito economici) della persona inabilitata.

7 Capacità giuridica e capacità di agire Art.1 c.c. «La capacità giuridica si acquista al momento della nascita» : ogni individuo è titolare di diritti e di obblighi giuridici La capacità di agire (o capacità legale): si acquista al compimento del 18 anno d età e consente all individuo di compiere atti giuridici e di autodeterminarsi nelle proprie scelte di vita.

8 Amministrazione di sostegno Il nostro ordinamento giuridico oggi contempla tre istituti giuridici di protezione per le persone «fragili» INTERDIZIONE INABILITAZIONE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Tra loro differenti, ma con una finalità comune: la tutela delle persone «fragili»

9 L Amministratore di sostegno Legge 9 Gennaio 2004 n 6 Per rafforzare la funzione di protezione il legislatore accanto alle tradizionali figure della interdizione e dell inabilitazione, rese più flessibili, ha introdotto il nuovo istituto dell Amministratore di Sostegno.

10 Sintetizzando: L interdizione: un tutore sostituisce in tutti, salva diversa disposizione della sentenza (*), gli atti non personalissimi l interessato, che è equiparato ad un minore. L inabilitazione: un curatore interviene per tutti, salva diversa disposizione della sentenza (*), gli atti di straordinaria amministrazione dello interessato, che è equiparato ad un minore emancipato. L amministratore di sostegno: un amministratore di sostegno sostituisce o affianca l interessato per quei determinati atti in cui abbia bisogno secondo le prescrizioni dettate ad personam dal Giudice Tutelare. Assistente sociale specialista Maria Calore

11 Amministrazione di sostegno (Legge 9 gennaio 2004 n.6) CAMBIA L APPROCCIO ALLA TUTELA DELLA PERSONA FRAGILE Da sostituzione A sostegno personalizzato

12 Amministrazione di sostegno La finalità che si intende perseguire con le disposizioni contenute nella legge n 6/2004 è quella di: tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità di agire, le persone prive in tutto o in parte di autonomia nello espletamento delle funzioni della vita quotidiana, mediante interventi di sostegno temporaneo o permanente.

13 Amministrazione di sostegno UN AIUTO CHE NON SOSTITUISCE L intenzione del legislatore è quella di tutelare le persone prive in tutto o in parte di autonomia nell espletamento delle funzioni della vita quotidiana, senza però comprimerne la capacità di agire: è uno strumento in grado di offrire tutela e soddisfare le necessità della persona fragile o in difficoltà, nel rispetto e valorizzando le sue capacità residue. Assistente sociale specialista Maria Calore

14 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Legge 9 Gennaio 2004 n. 6 La persona che, per effetto di una infermità, ovvero di una menomazione fisica o psichica, si trova nell impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi, può essere assistita da un Amministratore di Sostegno, nominato dal giudice tutelare. L AdS è chiamato non a sostituirsi, ma a prendersi cura della persona, a preservare le sue autonomie, ad una presa in carico globale, al rispetto delle sue aspirazioni, tenendo in giusta considerazione i suoi contesti di vita.

15 Amministrazione di sostegno Possono chiedere la nomina di un Amministratore di Sostegno: La persona interessata Il Pubblico Ministero I responsabili servizi sanitari e sociali (*) I parenti entro il 4 grado (cugini) Gli affini entro il 2 grado (generi - nuore, suoceri) Il coniuge Il convivente N.B. (*) Obbligati

16 Il Procedimento Competente è il G.T. del luogo di residenza o domicilio dell interessato L assistenza di un legale è facoltativa Il ricorso in carta libera deve contenere: le generalità del beneficiario, le ragioni e il fine, la documentazione sanitaria e patrimoniale, l elenco dei parenti Il ricorso va comunicato all interessato e ne devono essere avvisati i parenti Il G.T., sente l interessato con l ausilio ove occorra di un C.T.U., recandosi se necessario presso la sua dimora, sente i parenti e dispone ogni necessario accertamento Il termine del procedimento è fissato in 60 giorni

17 Il Decreto Il decreto del Giudice Tutelare individua: la durata dell incarico: temporaneo o a tempo indeterminato l estensione dell incarico: Sostitutivo o concorrente (atti riservati all A.d.S., atti da compiersi con l assistenza dell A.d.S.) i limiti di spesa corrente per il beneficiario l eventuale rimborso spese dell A.d.S. la periodicità della relazione al G.T.: dell A.d.S. sul proprio operato e sulla situazione del beneficiario- Il decreto è annotato a margine dell atto di nascita

18 Il decreto di nomina indica (art. 405 c.c.): Il beneficiario l Amministratore di Sostegno: parente, affine, coniuge, convivente, terzo, persone giuridiche la durata dell incarico; gli atti che l amministratore ha il potere di compiere; gli atti che il beneficiario può compiere da solo o con l assistenza dell amministratore; i limiti, anche periodici, delle spese che l amministratore di sostegno può effettuare con l utilizzo delle somme di cui il beneficiario ha la disponibilità; la periodicità con cui l amministratore stesso deve riferire al giudice circa l attività svolta e circa le condizioni di vita personale e sociale del beneficiario. Nello svolgimento dei suoi compiti, l amministratore di sostegno deve tener conto dei bisogni e delle aspirazioni del beneficiario e tempestivamente informarlo circa gli atti da compiere. Deve altresì informare il Giudice tutelare in caso di dissenso con il beneficiario (art. 410 c.c.).

19 Amministratore di sostegno Si rivolge a persone che per effetto di una infermità. menomazione fisica o psichica, si trovano nella impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi. Viene nominato dal Giudice Tutelare, con decreto immediatamente esecutivo. Svolge funzioni di tutela delle persone non autonome, anziane o disabili. Viene scelto, dove è possibile, nell ambito familiare dell assistito ; La presa in carico dell A. di S. dura 10 anni, ma può essere rinnovata, nel caso di amministrazione da parte di un soggetto pubblico (assistente sociale, avvocato o volontario). Nel caso che si tratti di un parente, del coniuge o della persona stabilmente convivente, l amministrazione non ha scadenza, salvo rinuncia o richiesta di revoca dallo stesso interessato. Riferimenti legislativi: L- 9 gennaio 2004, n.6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418, 424, 426, 427 e 429 del codice civile in materia di interdizioni e di inabilitazione, nonché relative norme di attuazione, di coordinamento e finali.

20 Differenze tra Tutore e A. di S. L interdizione equipara la persona adulta ad una di minore età: A differenza della tutela tout court, nella quale il tutore amministra ogni singolo momento della vita del suo assistito, dalla salute all amministrazione del patrimonio (compiti rigidamente definiti nel C.C.), nello svolgimento dei suoi compiti l'amministratore di sostegno deve tener conto dei bisogni e delle aspirazioni del beneficiario. il beneficiario conserva la capacità di agire per tutti gli atti che non richiedono la rappresentanza esclusiva o l'assistenza necessaria dell'amministratore di sostegno.

Associazione Crescere

Associazione Crescere Organizzazione di Volontariato Associazione Crescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Avv. M.T. Bettelli - Avv. A. Caligiuri http://aosp.bo.it/per.crescere

Dettagli

FINALITA DELLA LEGGE finalità

FINALITA DELLA LEGGE finalità FINALITA DELLA LEGGE Art. 1 La presente legge ha la finalità di tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità di agire, le persone prive in tutto o in parte di autonomia nell'espletamento

Dettagli

L'Amministratore di sostegno: L'istituto, il ruolo e il valore. Avv. Erica Brindisi 12 dicembre 2014

L'Amministratore di sostegno: L'istituto, il ruolo e il valore. Avv. Erica Brindisi 12 dicembre 2014 L'Amministratore di sostegno: L'istituto, il ruolo e il valore Avv. Erica Brindisi 12 dicembre 2014 CODICE CIVILE TITOLO I DELLE PERSONE FISICHE Artt. 1-13 Art. 1. CAPACITA' GIURIDICA La capacità giuridica

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Legge n. 6 del 2004

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Legge n. 6 del 2004 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Legge n. 6 del 2004 La legge n. 6 del 9 gennaio 2004 ha introdotto nel Codice Civile la figura della AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (titolo

Dettagli

Legge 9 gennaio 2004, n. 6

Legge 9 gennaio 2004, n. 6 Legge 9 gennaio 2004, n. 6 "Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all istituzione dell amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

L AMMINISTRATORE DI. Quadro normativo di riferimento

L AMMINISTRATORE DI. Quadro normativo di riferimento L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Quadro normativo di riferimento a cura di MICHELA SCALCO CHI E L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO? E una sorta di tutore che affianca, nell espletamento delle funzioni di vita quotidiana,

Dettagli

La solidarietà nei rapporti di stretta parentela

La solidarietà nei rapporti di stretta parentela CONVEGNO MODENA (19 MAGGIO 2017) LA PATRIMONIALITA SFUGGENTE La solidarietà nei rapporti di stretta parentela Avv. Giuseppe Mazzucchiello 1 CHI E L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO? RAPPRESENTA UN AIUTO PER

Dettagli

IL PROCEDIMENTO. Il Giudice competente

IL PROCEDIMENTO. Il Giudice competente IL PROCEDIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Il Giudice competente Giudice Tutelare (art. 405 c.c.) SEZ. DISTACCATA LA PARTECIPAZIONE DEL PUBBLICO MINISTERO È SOLO EVENTUALE LE REGOLE PROCESSUALI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Avv. Marco Caliandro 26 Gennaio 2013 Corso di Formazione per Amministratori di Sostegno Amministrazione di Sostegno La legge n. 6 del

Dettagli

La protezione giuridica delle persone fragili. Dr.ssa Viviana Pecis Cavagna Ufficio Protezione Giuridica ASL Bergamo Redona 19 Novembre 2013

La protezione giuridica delle persone fragili. Dr.ssa Viviana Pecis Cavagna Ufficio Protezione Giuridica ASL Bergamo Redona 19 Novembre 2013 La protezione giuridica delle persone fragili Dr.ssa Viviana Pecis Cavagna Ufficio Protezione Giuridica ASL Bergamo Redona 19 Novembre 2013 Tre strumenti giuridici Con la a legge n. 6 del 9 gennaio 2004,

Dettagli

Legge 9 gennaio 2004, n. 6

Legge 9 gennaio 2004, n. 6 Legge 9 gennaio 2004, n. 6 "Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all istituzione dell amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

LA LEGGE N. 6 DEL 2004: PASSATO, PRESENTE E FUTURO AVV. FULVIO LUZZI CONTI FORO DI UDINE

LA LEGGE N. 6 DEL 2004: PASSATO, PRESENTE E FUTURO AVV. FULVIO LUZZI CONTI FORO DI UDINE LA LEGGE N. 6 DEL 2004: PASSATO, PRESENTE E FUTURO AVV. FULVIO LUZZI CONTI FORO DI UDINE LA LEGGE 9 GENNAIO 2004, N. 6 Ha introdotto al Libro Primo nel Codice Civile mediante la cd. Tecnica della novella

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PRESIDIO OSPEDALIARO RIABILITATIVO B.V.CONSOLATA FATEBENEFRATELLI SAN MAURIZIO CANAVESE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO ASSISTENTE SOCIALE MARIADONZELLA A chi è rivolta la nuova legge istitutiva dell Amministratore

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2015-2016 Lezione del 30 aprile 2016 Il Tribunale Ordinario Docenti: Alessandra Fralleoni

Dettagli

L Amministratore di sostegno

L Amministratore di sostegno Associazione Famiglie Utenti Psichiatrici L Amministratore di sostegno La figura dell Amministratore di sostegno (A.S.), è stata introdotta con legge 9 gennaio 2004, n. 6. Il Legislatore ha così realizzato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV Legge 9 gennaio 2004 n. 6 375 B Attesto che la 2ª Commissione permanente (Giustizia), il 22 dicembre 2003, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa dei senatori

Dettagli

L amministratore di Sostegno nella provincia di Pavia

L amministratore di Sostegno nella provincia di Pavia Dalla tutela alla promozione dei Diritti L amministratore di Sostegno nella provincia di Pavia Le cose da sapere L amministratore di sostegno La figura dell Amministratore di Sostegno (AdS) è stata introdotta

Dettagli

Avv. Francesca Vitulo. L abc dell Amministrazione di Sostegno

Avv. Francesca Vitulo. L abc dell Amministrazione di Sostegno via Tiarini, 22 40129 Bologna tel 051 587 38 37 fax 051 587 38 39 Un futuro sereno per gli adulti con disabilità www.dopodinoi.org info@dopodinoi.org Avv. Francesca Vitulo L abc dell Amministrazione di

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima GENERALITÀ. Capitolo I LE FUNZIONI E I POTERI DEL GIUDICE TUTELARE

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima GENERALITÀ. Capitolo I LE FUNZIONI E I POTERI DEL GIUDICE TUTELARE INDICE-SOMMARIO Prefazione... xix Parte Prima GENERALITÀ Capitolo I LE FUNZIONI E I POTERI DEL GIUDICE TUTELARE 1.1. L istituzione del giudice tutelare... 3 1.2. La competenza... 6 1.2.1. La competenza

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. Capitolo I PREMESSA

INDICE SOMMARIO. Parte Prima L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. Capitolo I PREMESSA INDICE SOMMARIO Parte Prima L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Capitolo I PREMESSA 1. Dall interdizione all amministrazione di sostegno... Pag. 3 2. Appunto metodologico...» 8 3. Difficoltà di applicazione

Dettagli

RAPPRESENTANZA DEL MINORE: TUTORE E CURATORE. Ordine Regionale ASSISTENTI SOCIALI Avv. ti Giuseppina Menicucci e Marco Grazioli settembre 2012

RAPPRESENTANZA DEL MINORE: TUTORE E CURATORE. Ordine Regionale ASSISTENTI SOCIALI Avv. ti Giuseppina Menicucci e Marco Grazioli settembre 2012 RAPPRESENTANZA DEL MINORE: TUTORE E CURATORE Ordine Regionale ASSISTENTI SOCIALI Avv. ti Giuseppina Menicucci e Marco Grazioli settembre 2012 1 IL TUTORE Il tutore, come si evince dal testo degli artt.

Dettagli

Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti

Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti La capacità giuridica è la idoneità a divenire titolari di diritti e di doveri. Nel nostro ordinamento per le

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A D I S E G N O D I L E G G E N. 4298 approvato dalla II Commissione permanente (Giustizia) della Camera dei deputati il 20 ottobre 1999

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI.

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI. L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI. www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Alberto Lorenzi Liliana Rullo Tutti i diritti riservati Alberto Lorenzi Liliana Rullo L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Delibera: 168 / 2015 del 18/12/2015

Delibera: 168 / 2015 del 18/12/2015 Allegato alla deliberazione LINEE INDIRIZZO per la costituzione, la disciplina e la tenuta dell elenco delle persone disponibili a svolgere su delega dell Assessore, dell Assessorato o del Servizio alle

Dettagli

L Amministratore di sostegno

L Amministratore di sostegno GIROLAMI & ASSOCIATI s.a.s Consulenze aziendali L Amministratore di sostegno Con la legge 9 gennaio 2004, n. 9 è stata istituita nel nostro ordinamento, analogamente a quanto avviene ormai da tempo in

Dettagli

GESTIONE INTEGRATA SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI COMUNI DI SINNAI, MARACALAGONIS BURCEI CONSORZIO PROGETTO SOCIALE ONLUS AVVISO

GESTIONE INTEGRATA SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI COMUNI DI SINNAI, MARACALAGONIS BURCEI CONSORZIO PROGETTO SOCIALE ONLUS AVVISO GESTIONE INTEGRATA SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI COMUNI DI SINNAI, MARACALAGONIS BURCEI CONSORZIO PROGETTO SOCIALE ONLUS AVVISO La Fondazione Polisolidale, nell ambito del progetto di tutela giuridica di

Dettagli

Amministratore di sostegno

Amministratore di sostegno Amministratore di sostegno Con la legge n. 6 del 9 gennaio 2004, oltre ai tradizionali provvedimenti di interdizione e di inabilitazione, si dà vita ad un nuovo istituto di protezione civilistica dei disabili

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione...

INDICE. Schemi. Prefazione... Prefazione... Schemi p. XV 1 La separazione di fatto (art. 3 l. 898/70)... 3 2A Gli abusi familiari... 4 2B Gli abusi familiari: procedimento... 5 3 Il sequestro dei beni del coniuge allontanatosi dalla

Dettagli

INDICE SOMMARIO LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA

INDICE SOMMARIO LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA INDICE SOMMARIO LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO VII Della filiazione CAPO I DELLA FILIAZIONE LEGITTIMA Sezione I. Dello stato di figlio legittimo Art. 231. Paternità del marito...............................

Dettagli

SOGGETTI DEBOLI E MISURE DI PROTEZIONE

SOGGETTI DEBOLI E MISURE DI PROTEZIONE SOGGETTI DEBOLI E MISURE DI PROTEZIONE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO E INTERDIZIONE a cura di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti G. Giappichelli Editore - Torino INDICE INTRODUZIONE 1. LE FINALITÀ DELLA LEGGE.

Dettagli

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 PREMESSA La legge 6/2004 che istituisce l Amministratore di sostegno, è stata pensata per rispondere in modo diversificato e finalizzato ai bisogni

Dettagli

Docenti: Alessandra Fralleoni Giovanna Sangregorio

Docenti: Alessandra Fralleoni Giovanna Sangregorio Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2015-20162016 1 6 Aprile 2016 Il Tribunale per i Minorenni Docenti: Alessandra Fralleoni

Dettagli

La corretta operatività bancaria. Torino, Palazzo di Giustizia 26 novembre 2015

La corretta operatività bancaria. Torino, Palazzo di Giustizia 26 novembre 2015 La corretta operatività bancaria a tutela dei soggetti deboli Torino, Palazzo di Giustizia 26 novembre 2015 Amministratori di sostegno in Italia L analisi dei dati nazionali evidenzia una crescita esponenziale

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Giornate ANMDO Caterina Mineccia. aterina Mineccia

CONSENSO INFORMATO. Giornate ANMDO Caterina Mineccia. aterina Mineccia CONSENSO INFORMATO Giornate ANMDO 2006 Caterina Mineccia CONSENSO Espressione della volontà del Paziente: l obbligo è sancito dalla Costituzione, da norme, dal codice deontologico medico, dalla Carta dei

Dettagli

(RICORSO PER LA NOMINA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO)

(RICORSO PER LA NOMINA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO) MARCA DA BOLLO (RICORSO PER LA NOMINA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO) EURO 27.00 Al GIUDICE TUTELARE DEL TRIBUNALE ORDINARIO DI RIETI Il/La sottoscritto/a COGNOME NOME DATA E LUOGO DI NASCITA RESIDENZA

Dettagli

Amministratore di sostegno: Tribunale di Roma, Sezione prima civile, UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE, decreto del 28 gennaio 2005 REPUBBLICA ITALIANA

Amministratore di sostegno: Tribunale di Roma, Sezione prima civile, UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE, decreto del 28 gennaio 2005 REPUBBLICA ITALIANA Amministratore di sostegno: Tribunale di Roma, Sezione prima civile, UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE, decreto del 28 gennaio 2005 REPUBBLICA ITALIANA Tribunale di Roma Sezione prima civile UFFICIO DEL GIUDICE

Dettagli

Regolamento del Registro Ambito S4 dei cittadini volontari disponibili a ricoprire l incarico di Amministratore di Sostegno

Regolamento del Registro Ambito S4 dei cittadini volontari disponibili a ricoprire l incarico di Amministratore di Sostegno Regolamento del Registro Ambito S4 dei cittadini volontari disponibili a ricoprire l incarico di Amministratore di Sostegno Approvato con delibera del coordinamento istituzionale n. 24 del 22.07.2010 Comuni:

Dettagli

LIBRO PRIMO: DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I: DELLE PERSONE FISICHE

LIBRO PRIMO: DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I: DELLE PERSONE FISICHE LIBRO PRIMO: DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I: DELLE PERSONE FISICHE 1. Capacità giuridica. La capacità giuridica si acquista dal momento della nascita. I diritti che la legge riconosce a favore

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA SULL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

LA NUOVA NORMATIVA SULL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO LA NUOVA NORMATIVA SULL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO La legge 9 gennaio 2004, n. 6, ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico l amministrazione di sostegno, rivolta a quanti «per effetto di una infermità

Dettagli

Amministrazione di Sostegno

Amministrazione di Sostegno Medaglia d'oro al Valore Civile Amministrazione di Sostegno ISTRUZIONI PER L USO PROVINCIA di CUNEO Ufficio Provinciale Pubblica Tutela Settore Politiche Sociali e per la Famiglia Via XX Settembre, 48

Dettagli

guida alla lettura della legge per poter volare più in alto Progetto Amministrazione di sostegno Lecco l Amministratore di sostegno

guida alla lettura della legge per poter volare più in alto Progetto Amministrazione di sostegno Lecco l Amministratore di sostegno Progetto Amministrazione di sostegno Lecco una rete di sostegno alla fragilità per poter volare più in alto l Amministratore di sostegno guida alla lettura della legge Ente Capofila Progetto: Federazione

Dettagli

INDICE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

INDICE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO INDICE I AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO I Ratio e presupposti dell amministrazione di sostegno... 3 1.1 Genesi legislativa dell istituto... 3 1.2 La tutela della dignità della persona come criterio guida

Dettagli

Il sottoscritto. nato a ( )il residente in. via tel. cell. grado di parentela. o beneficiario

Il sottoscritto. nato a ( )il residente in. via tel. cell. grado di parentela. o beneficiario TRIBUNALE ORDINARIO DI SIENA Ricorso per amministratore di sostegno Il sottoscritto nato a ( )il residente in via tel. cell. o beneficiario ricorre al Giudice Tutelare per la nomina di un Amministratore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AFFIDO FAMILIARE Comune Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Maglie Bagnolo del Cannole Castrignano Corigliano Cursi Giurdignano Melpignano Muro

Dettagli

Strumenti di tutela preventivi:

Strumenti di tutela preventivi: Strumenti di tutela successivi: - la incapacità naturale Strumenti di tutela preventivi: - la inabilitazione - la interdizione - l amministratore di sostegno 2 1 Atti compiuti da persona incapace di intendere

Dettagli

Strumenti di tutela successivi: Strumenti di tutela preventivi:

Strumenti di tutela successivi: Strumenti di tutela preventivi: Strumenti di tutela successivi: - la incapacità naturale Strumenti di tutela preventivi: - la inabilitazione - la interdizione - l amministratore di sostegno 2 Atti compiuti da persona incapace di intendere

Dettagli

I SOGGETTI: LA PERSONA FISICA

I SOGGETTI: LA PERSONA FISICA I SOGGETTI: LA PERSONA FISICA Premessa: protagonisti dell attività giuridica soggetti di diritto. SOGGETTO GIURIDICO è il titolare di situazioni giuridiche soggettive. SOGGETTI DI DIRITTO Sono i destinatari

Dettagli

AD UN ANNO E MEZZO DALL APPROVAZIONE: SIAMO ANCORA IN RODAGGIO

AD UN ANNO E MEZZO DALL APPROVAZIONE: SIAMO ANCORA IN RODAGGIO A cura di Annamaria Cremona* L'AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO L'Amministrazione di sostegno è un nuovo istituto che va ad aggiungersi agli altri istituti dell'interdizione e dell'inabilitazione, introducendo

Dettagli

P r a t i c a d e l l a v o l o n t a r i a g i u r i s d i z i o n e i n ma t e r i a d i s o g g e t t i d e b o l i

P r a t i c a d e l l a v o l o n t a r i a g i u r i s d i z i o n e i n ma t e r i a d i s o g g e t t i d e b o l i P r a t i c a d e l l a v o l o n t a r i a g i u r i s d i z i o n e i n ma t e r i a d i s o g g e t t i d e b o l i Cod.: Data: 2-4 marzo 2015 Responsabile del corso: Raffaele Sabato Esperto formatore:

Dettagli

Ti salverò da ogni malinconia perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato, 1996 La cura

Ti salverò da ogni malinconia perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato, 1996 La cura Ti salverò da ogni malinconia perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato, 1996 La cura 19 febbraio 2014 Giuseppina Bianchi 1 CAPACITA' Capacità Giuridica: Art. 1 c.c.: possibilità

Dettagli

RICORSO AI SENSI DEGLI ART. 404 E SS. DEL CODICE CIVILE. beneficiario coniuge convivente parente entro il quarto grado/affine entro il secondo grado

RICORSO AI SENSI DEGLI ART. 404 E SS. DEL CODICE CIVILE. beneficiario coniuge convivente parente entro il quarto grado/affine entro il secondo grado RICORSO AI SENSI DEGLI ART. 404 E SS. DEL CODICE CIVILE Il/la sottoscritto/a nato/a il residente in (indirizzo) domicilio (se diverso dalla residenza) beneficiario coniuge convivente parente entro il quarto

Dettagli

Domanda di ricorso per la nomina dell amministratore di sostegno. ALGIUDICE TUTELARE Tribunale di Como Viale Spallino, COMO

Domanda di ricorso per la nomina dell amministratore di sostegno. ALGIUDICE TUTELARE Tribunale di Como Viale Spallino, COMO Domanda di ricorso per la nomina dell amministratore di sostegno ALGIUDICE TUTELARE Tribunale di Como Viale Spallino, 22100 COMO Il/la sottoscritto/a nato/a a..il.e residente in. via..n.. tel fax.. e-mail

Dettagli

Amministratore di sostegno Le iniziative dei notai della Lombardia Di Giovanni Santarcangelo

Amministratore di sostegno Le iniziative dei notai della Lombardia Di Giovanni Santarcangelo Amministratore di sostegno Le iniziative dei notai della Lombardia Di Giovanni Santarcangelo Dal 19 marzo è in vigore la legge 6/2004, che ha introdotto la figura dell'amministratore di sostegno, il cui

Dettagli

Capo I FINALITA' DELLA LEGGE La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1.

Capo I FINALITA' DELLA LEGGE La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1. LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

HandyLex.org. Legge 9 gennaio 2004, n. 6

HandyLex.org. Legge 9 gennaio 2004, n. 6 HandyLex.org Legge 9 gennaio 2004, n. 6 "Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388,

Dettagli

L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO. Una nuova tutela: aspetti giuridici e socio-assistenziali.

L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO. Una nuova tutela: aspetti giuridici e socio-assistenziali. L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Una nuova tutela: aspetti giuridici e socio-assistenziali. Ciclo di 4 incontri rivolti agli operatori dei servizi sociali e sanitari della provincia di Modena per informare

Dettagli

Cognome e Nome Classe Data

Cognome e Nome Classe Data Proposte operative Asse storico-sociale Cognome e Nome Classe Data... Verifica soggetti - oggetti del diritto Esponi le tue conoscenze circa la condizione giuridica dello schiavo nelle società antiche

Dettagli

AL GIUDICE TUTELARE DEL TRIBUNALE ORDINARIO DI VERONA

AL GIUDICE TUTELARE DEL TRIBUNALE ORDINARIO DI VERONA AL GIUDICE TUTELARE DEL TRIBUNALE ORDINARIO DI VERONA RICORSO PER L'ISTITUZIONE DELL'AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (Artt. 404 e ss. c.c.) Il / La sottoscritto/a (Ricorrente): Cognome Nome via/piazza n telefono

Dettagli

Indice. 1 La persona fisica

Indice. 1 La persona fisica INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE VI I SOGGETTI E IL DIRITTO DELLE PERSONE (PARTE I) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La persona fisica------------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

RICORSO PER L APERTURA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. Ill.mo Giudice Tutelare presso il Tribunale di. Il sottoscritto., nato il., a..

RICORSO PER L APERTURA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. Ill.mo Giudice Tutelare presso il Tribunale di. Il sottoscritto., nato il., a.. RICORSO PER L APERTURA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Ill.mo Giudice Tutelare presso il Tribunale di Il sottoscritto., residente in, recapito telefonico, nella sua qualità di., RICORRE AL GIUDICE TUTELARE

Dettagli

CAPACITA GIURIDICA CAPACITA DI AGIRE IMPUTABILITA

CAPACITA GIURIDICA CAPACITA DI AGIRE IMPUTABILITA CAPACITA GIURIDICA CAPACITA DI AGIRE IMPUTABILITA ESSERE PERSONA E L ACQUISIZIONE DELLA CAPACITA GIURIDICA 1. - Ogni essere umano è persona; ogni persona fa parte del consorzio sociale; ogni appartenente

Dettagli

Spett.le A.S.L. di Lodi CeAD Piazza Ospitale, Lodi (LO)

Spett.le A.S.L. di Lodi CeAD Piazza Ospitale, Lodi (LO) EROGAZIONE D INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA E DEI SUOI COMPONENTI FRAGILI (EX DGR N.856 DEL 25/10/2013) Spett.le A.S.L. di Lodi CeAD Piazza Ospitale, 10 26900 Lodi (LO) La/Il sottoscritta/o Cognome

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO di Francesco Ferzetti Premessa La tanto auspicata riforma organizzativa a difesa delle persone deboli si modella nei venti articoli contenuti dalla legge 9 gennaio 2004 n.

Dettagli

Ciclo di incontri sull Amministratore di sostegno. Relatori Avv. Paolo Giovanni Berto Avv. Stefania Cerasoli Avv. Andrea Berto

Ciclo di incontri sull Amministratore di sostegno. Relatori Avv. Paolo Giovanni Berto Avv. Stefania Cerasoli Avv. Andrea Berto Ciclo di incontri sull Amministratore di sostegno Relatori Avv. Paolo Giovanni Berto Avv. Stefania Cerasoli Avv. Andrea Berto La CAPACITA' GIURIDICA è l'attitudine della persona ad essere titolare di diritti

Dettagli

TUTELA DELLA PERSONA FRAGILE CON LIMITATA CAPACITA DI AGIRE

TUTELA DELLA PERSONA FRAGILE CON LIMITATA CAPACITA DI AGIRE Pag. 1 di 7 1. LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI Nel nostro ordinamento giuridico il raggiungimento della maggiore età fissa il momento dal quale una persona diventa capace di agire, di esercitare

Dettagli

NOZIONI. Capacità giuridica:

NOZIONI. Capacità giuridica: NOZIONI Capacità giuridica: E l attitudine di un soggetto ad essere titolare di rapporti giuridici. Si acquisisce normalmente con la nascita. Eccezionalmente la legge riconosce tuttavia alcuni diritti

Dettagli

L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: finalità e procedure Relatore:

L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: finalità e procedure Relatore: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: finalità e procedure Relatore: Avv. Carmela Russo 15 marzo 2013 In collaborazione con il CENTRO DISORDINI DEL MOVIMENTO ( D.ssa Guarino, Dr. Stracciari) dell UO di NEUROLOGIA

Dettagli

Percorso di formazione per tutori volontari

Percorso di formazione per tutori volontari Percorso di formazione per tutori volontari Luigi Fadiga Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza LA TUTELA DEI DIRITTI DEL MINORE Bologna, 7 maggio 2013 Tutela - molti significati: tutela di beni

Dettagli

1.1. Atto pubblico tra vivi plurilaterale. (Artt. 47 a 53 L.N., artt Reg. Not., art C.C.).

1.1. Atto pubblico tra vivi plurilaterale. (Artt. 47 a 53 L.N., artt Reg. Not., art C.C.). 1.1. Atto pubblico tra vivi plurilaterale. (Artt. 47 a 53 L.N., artt. 67-69 Reg. Not., art. 2699 C.C.). N..... del Repertorio N..... della Raccolta..... (natura dell Atto). Repubblica Italiana. 1 L anno

Dettagli

AL TRIBUNALE ORDINARIO DI NOCERA INFERIORE

AL TRIBUNALE ORDINARIO DI NOCERA INFERIORE V2 AL TRIBUNALE ORDINARIO DI NOCERA INFERIORE Ricorso per la nomina di amministratore di sostegno AFFARI CIVILI NON CONTENZIOSI DA TRATTARSI IN CAMERA DI CONSIGLIO Il sottoscritto DATI ANAGRAFICI DEL RICORRENTE

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 2004, n.6

LEGGE 9 gennaio 2004, n.6 LEGGE 9 gennaio 2004, n.6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

INVITA 1. FUNZIONI DEL TUTORE DI MSNA

INVITA 1. FUNZIONI DEL TUTORE DI MSNA Allegato A) alla deliberazione del Garante regionale dei diritti della persona 31 luglio 2017, n. 23 AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE E LA FORMAZIONE DI TUTORI VOLONTARI DI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

Martedi 9,30-12,30 Giovedi 15,00-18,00. Finito di stampare il 22 marzo L. n. 328/2000 PIANO DI ZONA DISTRETTO N. 54 DI CASTELVETRANO.

Martedi 9,30-12,30 Giovedi 15,00-18,00. Finito di stampare il 22 marzo L. n. 328/2000 PIANO DI ZONA DISTRETTO N. 54 DI CASTELVETRANO. L. n. 328/2000 PIANO DI ZONA DISTRETTO N. 54 DI CASTELVETRANO. Come raggiungerci: Autostrada A29 PALERMO- MAZARA Uscita CASTELVETRANO Direzione SELINUNTE - S.s. 115 A circa 1 km sulla destra Recandoti

Dettagli

Page 1 of 12 LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388,

Dettagli

L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO a cura di Donatella Di Gruccio Si tratta di un istituto giuridico entrato per la prima volta nell ordinamento italiano con la legge n. 6 del 9 gennaio 2004. Lo scopo è quello

Dettagli

3. I SOGGETTI DEL RAPPORTO GIURIDICO: LE PERSONE FISICHE E LE PERSONE GIURIDICHE

3. I SOGGETTI DEL RAPPORTO GIURIDICO: LE PERSONE FISICHE E LE PERSONE GIURIDICHE 3. I SOGGETTI DEL RAPPORTO GIURIDICO: LE PERSONE FISICHE E LE PERSONE GIURIDICHE SOGGETTI DEL DIRITTO Sono soggetti del rapporto giuridico: PERSONE FISICHE cioè individui. ENTI cioè società, associazioni,

Dettagli

N. DATA ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI

N. DATA ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA DIDATTICO LA PROFESSIONE FORENSE E LA SPECIALIZZAZIONE, IN n.1 14/3/2017 PARTICOLARE NEL DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI RUOLO,

Dettagli

Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia ( 1 )

Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia ( 1 ) Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia ( 1 ) Capo I ( 2 ) Dell'amministrazione di sostegno (1) Rubrica così

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

L istituto dell Amministratore di Sostegno a tutela delle persone fragili

L istituto dell Amministratore di Sostegno a tutela delle persone fragili L istituto dell Amministratore di Sostegno a tutela delle persone fragili GUIDA OPERATIVA 2017 1 LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI Nel nostro ordinamento giuridico il raggiungimento della maggiore

Dettagli

TRIBUNALE DI SALERNO Sezione distaccata di Cava dei Tirreni

TRIBUNALE DI SALERNO Sezione distaccata di Cava dei Tirreni TRIBUNALE DI SALERNO Sezione distaccata di Cava dei Tirreni Il Giudice tutelare in persona del magistrato dott. Mariaconcetta Criscuolo DECRETO A scioglimento della riserva formulata all udienza del 27.6.2005

Dettagli

Diritto Commerciale I. Lezione del 26 ottobre 2016

Diritto Commerciale I. Lezione del 26 ottobre 2016 Diritto Commerciale I Lezione del 26 ottobre 2016 La rappresentanza commerciale (artt. 2203-2213 c.c.) Norme speciali rispetto alla rappresentanza in generale, in quanto il potere di rappresentanza non

Dettagli

ITER RICORSO PER AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

ITER RICORSO PER AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO ITER RICORSO PER AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO 1) Il cittadino che necessita di protezione tramite amministrazione di sostegno o un suo familiare PRESENTA IL RICORSO presso la Cancelleria del Giudice Tutelare

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BUSTO ARSIZIO

TRIBUNALE ORDINARIO DI BUSTO ARSIZIO V2 TRIBUNALE ORDINARIO DI BUSTO ARSIZIO Ricorso per la nomina di amministratore di sostegno AFFARI CIVILI NON CONTENZIOSI DA TRATTARSI IN CAMERA DI CONSIGLIO Il/La/I sottoscritto/a/i COGNOME E NOME DATI

Dettagli

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA. Silvia Simona Giovanna Colombo

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA. Silvia Simona Giovanna Colombo AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA Silvia Simona Giovanna Colombo AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Legge n 6/2004 Art 1 FINALITA DELLA LEGGE La presente legge ha finalità di tutelare,

Dettagli

REGOLAMENTO ELENCO PROVINCIALE DEGLI AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO VOLONTARI (legge n. 6 del 09/01/2004)

REGOLAMENTO ELENCO PROVINCIALE DEGLI AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO VOLONTARI (legge n. 6 del 09/01/2004) REGOLAMENTO ELENCO PROVINCIALE DEGLI AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO VOLONTARI (legge n. 6 del 09/01/2004) Il testo del presente Regolamento è stato approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n.9

Dettagli

LE DEMENZE DI GRADO AVANZATO. AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, TUTORE o NULLA?

LE DEMENZE DI GRADO AVANZATO. AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, TUTORE o NULLA? Bassano del Grappa, 18 aprile 2008 LE DEMENZE DI GRADO AVANZATO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, TUTORE o NULLA? Dott. Lorenzo Meloni - Causa - Gravità : quanto vale la demenza? * Valutazione medico legale

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2015-2016 Lezione del 28 novembre 2015 I Servizi Sociali nelle ASL Docenti: Alessandra

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... SOMMARIO Presentazione... V CAPITOLO 1 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: LE NUOVE MI- SURE DI PROTEZIONE 1. Introduzione... 1 2. Il lungo cammino verso l introduzione dell amministrazione di sostegno... 3 3.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I SOGGETTI VULNERABILI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. di ricorso per la nomina di un amministratore

INDICE SOMMARIO. Capitolo I SOGGETTI VULNERABILI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. di ricorso per la nomina di un amministratore INDICE SOMMARIO Capitolo I SOGGETTI VULNERABILI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO F001 Ricorso per la nomina di un amministratore di sostegno in favore di persona priva in tutto o in parte di autonomia (art.

Dettagli

INDICE. Capitolo primo LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

INDICE. Capitolo primo LA FAMIGLIA E IL DIRITTO INDICE Capitolo primo LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. Premessa... Pag. 1 2. Il diritto di famiglia nella Costituzione...» 7 3. Verso un nuovo diritto di famiglia...» 17 Capitolo secondo IL MATRIMONIO 1. Premessa...

Dettagli

17 LA SOCIETA IN NOME COLLETTIVO (SNC)

17 LA SOCIETA IN NOME COLLETTIVO (SNC) LA SOCIETA IN NOME COLLETTIVO è UNA SOCIETA DI PERSONE IN CUI TUTTI I SOCI RISPONDONO ILLIMITATAMENTE E SOLIDALMENTE PER LE OBBLIGAZIONI SOCIALI (ART 2291 C.C.) LA S.N.C. PUO SVOLGERE, A DIFFERENZA DELLA

Dettagli

4 lezione LO STATUTO DELL IMPRENDITORE COMMERCIALE

4 lezione LO STATUTO DELL IMPRENDITORE COMMERCIALE 4 lezione LO STATUTO DELL IMPRENDITORE COMMERCIALE IMPRENDITORE COMMERCIALE ATTIVITA INDISTRIALE DIRETTA ALLA PRODUZIONE BENI O SERVIZI O ATTIVITA INTERMEDIARIA NELLA CIRCOLAZIONE DI BENI O SERVIZI ATTIVITA

Dettagli

Processi esecutivi Esecuzione immobiliare Altri processi esecutivi valore da 0 a ,00. 18,50 valore da a 5.

Processi esecutivi Esecuzione immobiliare Altri processi esecutivi valore da 0 a ,00. 18,50 valore da a 5. CONTRIBUTO UNIFICATO 1 grado Appello Cassazione Controversie civili valore < a 1.100 55,50 74,00 valore > ad 1.100 ma < ad 5.200 127,50 170,00 valore > ad 5.200 ma < ad 26.000 206,00 309,00 412,00 valore

Dettagli

ALL UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE presso il Tribunale di Massa

ALL UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE presso il Tribunale di Massa ALL UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE presso il Tribunale di Massa Il/la sottoscritto/a nato/a a il e residente a in via tel codice fiscale chiede venga nominato a cognome nome nato/a a il e residente a in

Dettagli

INDICE. Capitolo primo

INDICE. Capitolo primo INDICE Capitolo primo Le relazioni familiari e il diritto 1. Premessa... Pag. 1 2. Dalla tutela dell istituzione familiare alla tutela della persona...» 7 3. Il nuovo diritto di famiglia...» 20 Capitolo

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dipartimento dell Organizzazione giudiziaria, del Personale e dei Servizi - Direzione Generale di statistica Tel. 06/68852955-6832207 Fax 06/6868235-68897535-68852812 Rilevazione

Dettagli

12. CHE FINALITA HA LA LEGGE 6 /2004?

12. CHE FINALITA HA LA LEGGE 6 /2004? 1. A NORMA DI QUANTO DISPONE L'ART. 4 DELLA LEGGE N. 328/2000, A CHI COMPETE, IN MERITO AL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE POLITICHE SOCIALI, LA SPESA PER LE INDENNITÀ SPETTANTI AGLI INVALIDI CIVILI? 1)

Dettagli