Specifica dei Calcoli FEM di dimensionamento strutturale relativi alla applicazione di nuove Apparecchiature / Arredi, su Rotabili in esercizio.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Specifica dei Calcoli FEM di dimensionamento strutturale relativi alla applicazione di nuove Apparecchiature / Arredi, su Rotabili in esercizio."

Transcript

1 Viale Spartaco Lavagnini, FIRENZE Identificazione Rev Pagina 1 di 48 Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, memorizzata, trasmessa in qualsiasi forma e/o con qualsiasi mezzo di registrazione salvo approvazione scritta di: TRENITALIA S.p.A.

2

3 INDICE 1. GENERALITÀ SCOPO RIFERIMENTI NORME DOCUMENTI SIMBOLI ED UNITÀ DI MISURA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI CRITERI DI ACCETTABILITÀ CARICHI STATICI CARICHI DI FATICA ANALISI DI INSTABILITÀ LINEARE ELASTICA ANALISI DEL COMPORTAMENTO VIBRATORIO VALUTAZIONE DEGLI INCREMENTI DI STRESS DOVUTI ALLA CHIUSURA DELLE LUCI SULLE SUPERFICI DI ACCOPPIAMENTO DEI COLLEGAMENTI SEMI-FISSI, MEDIANTE SERRAGGIO DELLA BULLONERIA VERIFICA DEI COLLEGAMENTI SEMI-FISSI REALIZZAZIONE DEL MODELLO FEM PROGRAMMI DI CALCOLO FEM ACCETTATI REQUISITI DI QUALITÀ DELLA MESH DEL MODELLO FEM COSTRUZIONE DEL MODELLO FEM MASSE LOCOMOTIVA CARROZZA CON VESTIBOLI IN POSIZIONE INTERMEDIA CARROZZA CON VESTIBOLI POSIZIONATI ALL ESTREMITÀ ESECUZIONE DEI CALCOLI CALCOLO MANUALE CALCOLO FEM Compressione 2000 KN su attacchi di respingenti (Tavola 2 di UNI EN ) Compressione diagonale 500 KN su attacchi di respingenti (Tavola 4 di UNI EN ) Trazione 1000 KN su attacchi accoppiatore (Tavola 5 di UNI EN ) Compressione 400 kn sopra al profilo superiore del pavimento, alla distanza di 150 mm (Tavola 6 di UNI EN ) Compressione 300 kn a livello cintura (Tavola 7 di UNI EN ) Compressione 300 kn a livello tegolo (Tavola 8 di UNI EN ) Carico verticale massimo (Tavola 9 di UNI EN ) Sollevamento da una estremità, con carrello appeso (Tavola 10 di UNI EN ) Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 3 di 48

4 8.2.9 Sollevamento completo, con carrelli appesi (Tavola 11 di UNI EN ) Compressione 2000 KN su attacchi di respingenti + Carico Verticale eccezionale (Tavola 12 di UNI EN ) Trazione 1000 KN su attacchi accoppiatore + Carico Verticale eccezionale (Tavola 12 di UNI EN ) Accelerazione longitudinale di ±5g di carrelli ed apparecchiature (Tavola 13 di UNI EN ) Accelerazione trasversale di ±1g di cassa ed apparecchiature (Tavola 14 di UNI EN ) Accelerazione verticale di (1±c)g sulle apparecchiature (Tavola 15 di UNI EN ) Fatica in direzione trasversale di cassa ed apparecchiature (Tavola 16 di UNI EN ) Fatica in direzione verticale di cassa ed apparecchiature (Tavola 17 di UNI EN ) Fatica in direzione longitudinale di cassa ed apparecchiature (Tavola 18 di UNI EN ) Fatica cumulata di cassa ed apparecchiature (Par. 6.8 di UNI EN ) Verifica di stabilità a carico di punta di cassa completamente allestita (Par di UNI EN ) Analisi Modale della cassa completamente allestita (Par di UNI EN ) Accelerazione verticale di (1±c)g sulle apparecchiature + forzamenti giunzione bullonata (Tavola 15 di UNI EN ) Accelerazione longitudinale di ±5g di carrelli ed apparecchiature + forzamenti giunzione bullonata (Tavola 13 di UNI EN ) Fatica in direzione verticale di cassa ed apparecchiature + forzamenti giunzione bullonata (Tavola 17 di UNI EN ) Fatica in direzione longitudinale di cassa ed apparecchiature + forzamenti giunzione bullonata (Tavola 18 di UNI EN ) Calcolo Giunzioni Bullonate/Rivettate CALCOLO APPARECCHIATURE/ARREDI RELAZIONI DEI CALCOLI RELAZIONE DEL CALCOLO DELLA APPLICAZIONE DI NUOVE APPARECCHIATURE/ARREDI RELAZIONE DEL CALCOLO DI SIMULAZIONE DELLE PROVE DI URTO E VIBRAZIONE DELLE NUOVE APPARECCHIATURE/ARREDI INTERVENTI DI MODIFICA ALLA STRUTTURA DELLA CASSA DEL ROTABILE CLASSIFICAZIONE SALDATURE SPESSORAMENTI GIUNZIONI SEMI-FISSE TRASMISSIONE RELAZIONI DI CALCOLO E MODELLI FEM Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 4 di 48

5 1. GENERALITÀ 1.1 Scopo Il presente documento definisce i criteri da seguire per l'esecuzione in conformità alla UNI EN (vedasi Rif.1 in Tabella 1), di calcoli di simulazione numerica ad elementi finiti (calcoli FEM) per la verifica del dimensionamento strutturale relativo alla applicazione di nuove Apparecchiature/Arredi su Rotabili TRENITALIA (TI) già in esercizio. Inoltre sempre in questo documento, sono indicate le caratteristiche da rispettare per l'accettazione da parte di TI, dei risultati dei suddetti Calcoli FEM. Con il nome di Fornitore si indica la Ditta che deve realizzare il progetto di applicazione delle nuove Apparecchiature/Arredi sul Rotabile TI in conformità a questa Specifica n RIFERIMENTI I Riferimenti si suddividono in Norme e Documenti, come di seguito elencato: 2.1 Norme In Tabella 1 sono indicate le Norme a cui si deve fare riferimento per l'esecuzione dei calcoli FEM: Riferimento Data Denominazione Autore [1] Ottobre 2010 UNI EN _Applicazioni Ferroviarie - Requisiti Strutturali delle Casse dei Rotabili Ferroviari-Parte 1: Locomotive e materiale rotabile per passeggeri [2] Giugno 2007 UNI EN _Progettazione delle Strutture di Alluminio - Regole strutturali generali [3] Luglio 2007 UNI EN _Progettazione delle Strutture di Alluminio - Strutture sottoposte a fatica [4] Agosto 2005 UNI EN _Progettazione delle Strutture di Acciaio - Progettazione dei Collegamenti [5] ST n _Specifica Tecnica per Coppie di Serraggio TI [6] Ottobre 2000 CEI EN 61373_Materiale Rotabile - Prove d'urto e Vibrazione CEI [7] June 2001 ERRI B12 RP60_Tests to demonstrate the strength of railways vehicles [8] UNI EN 10149_Prodotti piani laminati a caldo di Acciaio ad alto limite di snervamento [9] Maggio 1985 UNI 3964_Prove di Fatica a temperatura ambiente - Principi generali Tabella 1 - Norme UNI UNI UNI UNI ERRI UNI UNI UNI Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 5 di 48

6 2.2 Documenti In Tabella 2 sono definiti i Documenti (Disegni, Relazioni e File) che devono essere forniti a TI come documentazione descrittiva e di validazione delle modifiche apportate al Rotabile di cui al precedente par. 1.1 : Riferimento Data Denominazione Autore [1].../.../... dis. n.... _ Figurino del Rotabile Nome Ditta [2].../.../... dis. n.... _ Insieme Struttura Cassa del Rotabile Nome Ditta [3].../.../... dis. n.... _ Insieme Telaio del Rotabile Nome Ditta [4].../.../... dis. n.... _ Insieme Fiancata del Rotabile Nome Ditta [5].../.../... dis. n.... _ Insieme Imperiale del Rotabile Nome Ditta [6].../.../... dis. n.... _ Layout Applicazione nuove Apparecchiature / Arredi [7].../.../... dis. n.... _ Insieme Applicazione nuove Apparecchiature / Arredi [8].../.../... Rel. n.... _ Relazione di Calcolo per la verifica dimensionamento delle modifiche per Applicazione nuove Apparecchiature / Arredi [9].../.../... File... _ File dei Modelli FEM utilizzati per le Relazioni di Calcolo di cui al Rif.8 e10 della Tabella 2 Nome Ditta Nome Ditta Nome Ditta Nome Ditta Nome Ditta [10].../.../... Rel. n.... _ Relazione di Calcolo per la verifica dimensionamento della nuova Apparecchiatura [11] Rel. n _ Modello di Relazione di Calcolo FEM TI Tabella 2 - Documenti Per quanto riguarda i disegni, da fornire a TI si precisa che dovranno essere trasmessi i disegni di tutti gli insiemi e particolari necessari per l'implementazione sul Rotabile delle modifiche di cui al precedente par. 1.1, inoltre dovranno essere inviate a TI anche tutte le eventuali Specifiche in essi citate. Sui disegni sia della struttura cassa che delle apparecchiature/arredi, devono essere indicate le tolleranze di planarità e/o parallelismo e/o perpendicolarità relative a tutte le interfacce di collegamento tra struttura cassa e singola apparecchiatura/arredo. Gli eventuali errori di planarità rilevati sulle interfacce della struttura cassa, dovuti alla costruzione di particolari/assiemi, devono essere recuperati mediante spessori ancorati in modo permanente alla struttura cassa, in conformità ad apposita nota di applicazione riportata sui disegni. In ogni caso su tutte le interfacce di ancoraggio apparecchiature/arredi poste sulla struttura cassa, deve essere garantito un errore di planarità massimo emax che salvo diversa e più restrittiva indicazione riportata sui disegni deve essere pari a : emax =1 mm/m ; che significa che è ammesso un errore di 1 mm su una distanza pari ad 1 m. Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 6 di 48

7 In sede di montaggio apparecchiature/arredi sulla struttura cassa, tutte le eventuali luci (t) presenti sulle interfacce, prima del serraggio della bulloneria, devono essere ridotte mediante spessori al valore seguente : t 0,5 mm ; in presenza di interassi minimi dei fori del collegamento pari a : i 1000 mm. In caso diverso cioè per i < 1000 mm, la riduzione delle luci deve risultare pari a : t = 0,2 + 0,3x (i/1000). Quanto sopra indicato si applica anche alle luci delle interfacce di strutture le cui giunzioni siano realizzate mediante rivetti. L'intervento di spessoramento delle luci sopra indicato, deve essere eseguito agendo in conformità ad apposita nota di applicazione riportata sui disegni. Infine sui disegni di insieme delle applicazioni delle nuove Apparecchiature/Arredi devono essere riportate tutte le informazioni necessarie al montaggio (coppie di serraggio della bulloneria, etc.). È richiesta anche la fornitura di documentazione/disegni descrittivi delle Apparecchiature (disegni di insiemi e particolari, con indicazione delle seguenti caratteristiche relative alle principali masse interne all'apparecchiatura: - posizioni di baricentri; - ingombri; - valori di massa; - ancoraggi della massa alla struttura di contenimento dell'apparecchiatura. 3. SIMBOLI ED UNITÀ DI MISURA A) Di seguito si elenca la descrizione del significato dei simboli da utilizzare nei documenti di cui ai Rif. rispettivamente 8 e 10 in tabella 2 : σc Tensione Von Mises calcolata con analisi ad elementi finiti ; σcl Tensione Von Mises calcolata con analisi ad elementi finiti, tenendo conto dei forzamenti generati dalla chiusura luci superfici di accoppiamento dei collegamenti semi-fissi, mediante serraggio della bulloneria ; σ0.2 Tensione minima di snervamento ; σr Tensione minima a rottura ; σadm Tensione ammissibile per materiale base o saldato per carichi statici ; σprinc Delta tensione principale calcolata con analisi ad elementi finiti ; σnmax σprinc_max σprinc_max_cl Tensione principale massima ammissibile a fatica per un particolare giunto o per materiale base Tensione principale massima di trazione del ciclo di fatica di ampiezza σprinc calcolata con analisi ad elementi finiti ; Tensione principale massima di trazione del ciclo di fatica di ampiezza σprinc calcolata con analisi ad elementi finiti, tenendo conto dei forzamenti generati dalla chiusura luci superfici di accoppiamento dei collegamenti semi-fissi, mediante serraggio della bulloneria ; σcb Tensione critica di instabilità ; σn Delta Tensione ammissibile a fatica, per un particolare giunto o per materiale base per numero di cicli : - NAcc=2x10 6 (Acciaio) ; Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 7 di 48

8 fmin_str fmin_sedile Amax_sedile - NAll=1x10 7 (Leghe di Alluminio) ; Frequenza minima dei modi propri di vibrare della struttura cassa del Rotabile su supporti elastici Frequenza minima dei modi propri di vibrare dei sedili passeggeri con struttura cassa del Rotabile su supporti elastici ; Ampiezza massima dei modi propri di vibrare dei sedili passeggeri con struttura cassa del Rotabile su supporti elastici ; m1 Massa della cassa del Rotabile in ordine di marcia (vedasi UNI EN p.to 6.1) ; m2 Massa di un carrello (vedasi UNI EN p.to 6.1) ; m3 m4 mapp_c100 Npsed Ppass Scalp Sbag Valore del carico utile agente sulla cassa del Rotabile per la verifica dei carichi di esercizio affaticanti (vedasi UNI EN p.to 6.1) ; Valore del carico utile agente sulla cassa del Rotabile per la verifica dei carichi statici eccezionali di esercizio (vedasi UNI EN p.to 6.1) ; Massa di apparecchiature/particolari di peso 100kg e/o con ingombro maggiore di quello di un cubo con lato 30 cm è la massa delle apparecchiature/particolari che vanno applicate nel modello FEM come carichi concentrati; Numero posti a sedere; 80 kg (peso convenzionale passeggero); Somma superfici calpestabili di corridoi e piattaforme dei vestiboli; Somma superfici adibite a deposito bagagli; Npass/m 2 4 (n. di passeggeri/m 2 che può occupare in piedi la superficie d 1 m 2 di corridoio e/o piattaforma dei vestiboli); Pbag/m kg/m 2 (Peso di bagagli/m 2 che si può applicare sulla superficie d 1 m 2 delle aree destinate al contenimento dei bagagli); g Accelerazione di gravità ; E Modulo di elasticità normale ; G Modulo di elasticità tangenziale ; ν Modulo di Poisson; B) Come unità di misura e sistemi di riferimento, quando non specificato diversamente, si intendono i seguenti : Lunghezza : mm Tempo : s Forza : dan Tensioni : dan/mm 2 Massa : kg Sistemi di riferimento: Sistema globale cartesiano ortogonale per i nodi: asse x : asse longitudinale asse y : asse trasversale asse z : asse verticale Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 8 di 48

9 4. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI Le parti modificate della struttura della cassa del Rotabile, devono essere realizzate in Acciaio o in lega di Alluminio utilizzando gli stessi materiali delle strutture di origine. Le principali caratteristiche dei materiali da utilizzare sono da riportare da parte del Fornitore, nella Tabella 3 di seguito rappresentata, dove si è riempita al solo scopo esemplificativo la riga del Rif.1: Rif. NORMA DI RIFERIMENTO TIPO DI MATERIALE STATO DI FORNITURA SPESSORE e [mm] METALLO BASE σ0.2 σr (N/mm 2 ) (N/mm 2 ) CARATTERISTICHE (*) 1 UNI EN S275J2 Laminati a caldo e<3 3 e e E = N/mm 2 G = N/mm 2 ν = 0, Tabella 3 - Caratteristiche dei materiali impiegati per la struttura del rotabile 5. CRITERI DI ACCETTABILITÀ In generale i valori delle sollecitazioni massime di progetto da utilizzare per le verifiche di dimensionamento, devono essere ricavati dai risultati dei vari scenari di Calcolo di cui al successivo par. 8.2 o nei casi in cui non sia richiesto il calcolo FEM da quelli indicati nel par Considerando le varie tipologie di condizioni di carico che le norme vigenti richiedono di verificare, si elencano di seguito i criteri di accettabilità dei risultati dei calcoli: 5.1 statici I valori delle tensioni σc calcolati, devono risultare: σc σadm ; scegliendo la tensione ammissibile del materiale nel seguente modo : σadm = (σ0.2) / 1.15 (questa relazione si modifica in σadm = σ0.2 nel caso in cui per la verifica dei calcoli si effettuino test con applicazione di carichi statici e misure delle deformazioni mediante estensimetri); mentre i valori di σ0.2 sono riportati in Tabella 3. Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 9 di 48

10 E consentita la presenza di locali concentrazioni di tensione che superino lo snervamento del materiale. Tali aree con deformazioni plastiche locali dovranno essere sufficientemente piccole da non causare deformazioni significative una volta rimosso il carico. Per dimostrare il precedente requisito occorre fare un calcolo FEM con analisi non lineare in grandi spostamenti, in cui vengano definite le caratteristiche elasto-plastiche dei materiali costituenti la struttura cassa. Il suddetto calcolo deve essere svolto secondo le seguenti 2 fasi: FASE 1 Si applicano i carichi che producono la plasticizzazione e si valuta il risultato analizzando le mappe/grafici delle tensioni. I valori massimi delle tensioni devono essere inferiori al seguente valore σam : σam = σr /1,2 nella formula precedente σr è il limite di rottura del materiale. FASE 2 Nel caso in cui la FASE 1 sia stata superata raggiungendo gli obiettivi richiesti, si lancia un nuovo calcolo FEM partendo dalla condizione di equilibrio ottenuta al termine dell analisi non lineare svolta nella suddetta FASE 1. Prima di lanciare quest ultimo calcolo occorre applicare carichi eguali in modulo ma con direzione opposta rispetto a tutti i carichi applicati nella FASE 1, con la sola eccezione dei carichi inerziali presenti, relativi alla accelerazione di gravità (g)che non vanno modificati. Il criterio di accettazione del risultato di questo calcolo è che l area che si plasticizza sia trascurabile in particolare la sua estensione deve essere inferiore al 10% della sezione resistente di quella delle strutture interessate (longheroni, traverse, montanti, etc.), inoltre la deformazione plastica residua deve risultare inferiore a εam : εam = 0,05 x (σ0.2/ E) 5.2 di fatica I valori delle tensioni σprinc e σprinc_max devono essere calcolati utilizzando il metodo descritto al paragrafo 5.2 del documento Rif.7 della Tabella 1. Per la valutazione delle sollecitazioni di fatica si dovrà verificare quanto segue: σprinc σn ; σprinc_max σnmax ; Nel caso di materiali in Acciaio conformi ad UNI EN , i valori : σn = 2σAlim e σnmax = σmaxlim, sono quelli riportati per il valore di K=0,2 nella Table C.1 dell'appendix C del documento Rif.3 della Tabella 1. Nel caso in cui si utilizzino acciai differenti dai precedenti, occorre caratterizzarli a fatica mediante prove statistiche (metodo stair-case) come indicato in UNI 3964, sempreché non sia disponibile documentazione di laboratorio sostitutiva. Il valore da utilizzare nelle verifiche è il limite di fatica per 2 milioni di cicli con probabilità di sopravvivenza 97,5 %. Le precedenti prove dovranno essere ripetute in modo da controllare separatamente rispettivamente il materiale base e le varie tipologie di giunti saldati.nel caso di materiali in Lega di Alluminio conformi ad UNI EN e/o ad UNI EN 485-2, il valore : σn = σ è quello indicato al punto 5 della norma Rif.3 della Tabella 1, mentre il valore σnmax ; risulta pari a : σnmax = σ0.2. Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 10 di 48

11 5.3 Analisi di instabilità lineare elastica La struttura dovrà avere un margine di sicurezza di almeno 1.5 rispetto alla instabilità a carico di punta (verifica di Buckling euleriano): σadm = (σcb) / 1.5 Si devono fornire risultati ed immagini delle instabilità più critiche per ciascuna condizione di carico statica in cui vi siano parti strutturali sollecitate da forti carichi di compressione. La verifica della instabilità deve essere svolta con analisi FEM non lineare in grandi spostamenti. Questa analisi è richiesta quando si debba fare il modello FEM della Cassa completa (vedasi p.to 6.3). 5.4 Analisi del comportamento vibratorio I valori minimi delle frequenze proprie flessionali e torsionali, dei modi di vibrazione risultanti da analisi FEM della struttura cassa allestita in ordine di marcia (cassa a tara) e con introduzione del carico utile relativo a tutti i passeggeri seduti (peso passeggero = 80 kg), devono essere : fmin_str 9 Hz ; avendo posto la cassa su supporti elastici equivalenti alle sue sospensioni secondarie. I valori delle frequenze proprie minime flessionali e torsionali e delle ampiezze massime dei modi di vibrazione dei sedili passeggeri, risultanti da analisi FEM della struttura cassa allestita in ordine di marcia (cassa a tara), posta su supporti elastici equivalenti alle sue sospensioni secondarie e con introduzione del carico utile relativo a tutti i passeggeri seduti (peso passeggero = 80 kg), devono essere : fmin_sedile 15 Hz. Amax_sedile 0.1 mm. Dovranno essere forniti i risultati delle analisi modali nel campo di frequenze : (0 40) Hz. Questa analisi è richiesta quando si debba fare il modello FEM della Cassa completa (vedasi p.to 6.3). 5.5 Valutazione degli incrementi di stress dovuti alla chiusura delle luci sulle superfici di accoppiamento dei collegamenti semi-fissi, mediante serraggio della bulloneria I valori delle tensioni σ cl devono essere calcolati con analisi FEM sul modello della cassa completamente allestita in ordine di marcia. Si deve verificare per ciascuna condizione di carico sia statica che di fatica che: σcl σadm ; σprinc_max_cl σ Verifica dei collegamenti semi-fissi Le giunzioni devono essere realizzate mediante bulloneria (viti e dadi) di Acciaio, garantendo il soddisfacimento di quanto indicato nella specifica tecnica n I valori dei carichi assiali e trasversali agenti su ciascuna Vite e/o Rivetto, da utilizzare per la verifica precedente, devono essere ricavati dai risultati dei vari scenari di Calcolo di cui al par. 8.2 o nei casi in cui non sia richiesto il calcolo FEM da quelli indicati nel par Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 11 di 48

12 La verifica di resistenza delle giunzioni bullonate, deve essere eseguita in conformità alla norma UNI EN La giunzione deve essere del tipo ad attrito allo stato limite ultimo, cioè di Categoria C secondo il Prospetto 3.2 di UNI EN Occorre effettuare la verifica di conformità relativa ad interasse e distanziamento degli assi dei fori delle varie giunzioni, rispetto a quanto indicato nel Prospetto 3.3 di UNI EN Inoltre come condizione aggiuntiva si richiede che in condizioni estreme di scorrimento della giunzione, sia verificata la resistenza alla combinazione delle forze di Trazione e Taglio secondo quanto indicato nel Prospetto 3.4 di UNI EN Infine è richiesta anche la verifica a trazione, cioè deve risultare: Ft,Ed Ft,Rd (vedasi Prospetto 3.2 della UNI EN ). 6. REALIZZAZIONE DEL MODELLO FEM 6.1 Programmi di calcolo FEM accettati I codici di calcolo FEM che si possono utilizzare per l esecuzione dei calcoli, devono essere scelti tra quelli contenuti nel seguente elenco: - ANSYS ; - NASTRAN ; - RADIOSS ; - ABAQUS. 6.2 Requisiti di qualità della Mesh del Modello FEM Il criterio in base al quale deve essere realizzata la meshatura (suddivisioni in elementi) dei modelli FEM è il seguente: Modellazione 2D Si richiede l'utilizzo di elementi guscio (shell) rettangolari sia lineari che parabolici con dimensione massima mm. È ammesso l'utilizzo di elementi shell triangolari sia lineari che parabolici, purché in numero non superiore al 5% del numero complessivo di elementi ed al 10% del numero di elementi del particolare interessato. In ogni caso gli eventuali elementi shell triangolari presenti, devono essere posizionati su parti del modello non interessate da giunzioni; raccordi, fori e discontinuità geometriche. Modellazione 3D Si richiede l'utilizzo di elementi solidi a forma di parallelepipedo (brick) lineari o parabolici con dimensione massima mm, in ogni caso non si deve superare il valore di 5 come rapporto tra la dimensione massima e quella minima di ciascun elemento. Il numero minimo di elementi nello spessore nelle zone di lamiere/parti interessate da giunzioni, è di 3 elementi in caso di utilizzo di brick lineari, mentre è di 2 elementi in caso di utilizzo di brick parabolici. Il numero minimo di elementi nello spessore su lamiere/parti non interessate da giunzioni è di 2 elementi in caso di utilizzo di brick lineari, mentre è di 1 elemento in caso di utilizzo di brick parabolici. È ammesso l'utilizzo di elementi tetraedrici parabolici, purché in numero non superiore al 50% del numero complessivo di elementi ed al 50% del numero di elementi del particolare interessato. In ogni caso gli eventuali elementi tetraedrici presenti, devono essere posizionati su parti del modello non interessate da giunzioni; raccordi, fori e discontinuità geometriche. Per quanto riguarda la qualità degli elementi della mesh, si deve rispettare quanto indicato nella Tabella seguente: Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 12 di 48

13 Criteri di accettabilità della Mesh del modello FEM Aspect Ratio (R= b/a, è il valore massimo del rapporto tra le dimensioni della superficie dell'elemento) Warping (W= 100d/l, è il rapporto tra errore di planarità e dimensioni, della superficie dell'elemento) Skewness (S= α, è l'angolo che formano le diagonali dell'elemento) d b α a l Limite ammesso per il 90% degli elementi Limite ammesso per il 10% degli elementi, purché la tensione sia σ 0,25 Rp0,2 R= 3 R= 5 W= 5% W= 10% 45 S S 150 Taper (T= β, è il massimo dei semi-angoli acuti dei due triangoli che contengono l'elemento) Minimum Angle (A= γ, è il minimo degli angoli interni degli elementi con superficie triangolare) β β T= 30 T= 45 A= 20 A= 10 il termine Rp0,2 sopra indicato, rappresenta la tensione minima di snervamento del materiale. Tabella 4 - Requisiti di qualità della Mesh Nella modellazione di fori e/o parti curve,si devono avere almeno n. 4 elementi per ogni 90 di estensione angolare della dimensione curva del particolare da modellare, in modo da simularne correttamente il profilo. La modellazione delle zone forate per alloggiamento di viti per ancoraggio apparecchiature/particolari, deve essere fatta in modo da riportare il diametro medio dell impronta di contatto tra la rondella e/o la testa della vite da un lato ed il particolare da modellare dall'altro. È richiesta l'approvazione da parte di TI delle meshature dei modelli FEM. 6.3 Costruzione del Modello FEM Per tutte le nuove Apparecchiature/Arredi che vengono fissate sul Rotabile, con valore di massa complessivo per Rotabile superiore a 100 kg o con ingombro di volume maggiore rispetto a quello di un cubo con lato 30 cm deve essere verificato mediante calcolo ad elementi finiti: la resistenza della giunzione di collegamento di Apparecchiature/Arredi con la struttura cassa; la resistenza della zona della struttura del Rotabile, adiacente alla giunzione di collegamento; Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 13 di 48

14 i massimi valori ammessi per gli errori di planarità relativi alle superfici accoppiate della giunzione apparecchiatura/arredi con la struttura cassa. I valori degli errori di planarità ammessi che risultano > t (vedasi par.2.2), devono essere giustificati mediante calcoli FEM dedicati, nei quali siano cumulati rispettivamente : i carichi verticali agenti sulla struttura; i carichi agenti sui collegamenti di supporto apparecchiature, indicati dalla norma UNI EN ; i forzamenti originati al momento del serraggio della bulloneria utilizzata per l ancoraggio delle apparecchiature/arredi e/o dei rivetti impiegati per la realizzazione di parti strutturali, in presenza dei massimi errori di planarità. Negli altri casi è richiesto un calcolo manuale in conformità al successivo p.to 8.1. Per i calcoli ad elementi finiti deve essere in generale utilizzato il modello della cassa completa e le strutture/cassoni devono essere modellate come corpi rigidi con massa e baricentro equivalenti a quelli delle apparecchiature corrispondenti. Nel caso in cui in base alle considerazioni precedenti sia richiesto il calcolo FEM e l'intervento di modifica consista solo nella applicazione di apparecchiature/arredi che interessano un'area del rotabile avente lunghezza 25% della lunghezza totale, è ammessa la sola modellazione FEM di un concio di struttura del rotabile individuato in base ai seguenti criteri: 1) Caso di apparecchiatura/arredo ancorato a telaio (pavimento) e fiancate/pareti Struttura completa della cassa del rotabile, contenente l'intera zona di applicazione dell'apparecchiatura/arredo e delimitata dalle sezioni trasversali poste ad almeno 1 m di distanza dagli ingombri esterni della suddetta apparecchiatura/arredo. Nel modello dovranno essere contenute le seguenti strutture : traverse telaio, montanti fiancate e centine imperiale che sono esterne ed adiacenti rispetto a quelle corrispondenti che delimitano il perimetro di contenimento delle nuove apparecchiature/arredi. 2) Caso di apparecchiatura/arredo ancorato a telaio (pavimento) Struttura completa del telaio della cassa del rotabile, contenente l'intera zona di applicazione dell'apparecchiatura/arredo comprendente in senso trasversale i longheroni esterni telaio mentre in senso longitudinale le traverse esterne ed adiacenti rispetto a quelle corrispondenti che delimitano il perimetro di contenimento delle nuove apparecchiature/arredi. L'estensione longitudinale del modello deve superare di almeno 1 m l'ingombro esterno della suddetta apparecchiatura/arredo. 3) Caso di apparecchiatura/arredo ancorato a imperiale (tetto) Struttura completa dell'imperiale della cassa del rotabile, contenente l'intera zona di applicazione dell'apparecchiatura/arredo comprendente in senso trasversale i tegoli (travi longitudinali superiori delle fiancate ) mentre in senso longitudinale le centine ( traverse della struttura dell'imperiale) esterne ed adiacenti rispetto a quelle corrispondenti che delimitano il perimetro di contenimento delle nuove apparecchiature/arredi. L'estensione longitudinale del modello deve superare di almeno 1 m l'ingombro esterno della suddetta apparecchiatura/arredo. In caso di realizzazione di modello FEM parziale di tipo 2) (cioè solo di parte del telaio) o 3) (cioè solo di parte dell imperiale), è necessario applicare al modello il contributo di rigidezza dovuto alla parte di sezione trasversale di cassa rotabile che non è stata modellata. Questa attività si realizza collegando degli elementi beam di sezione adeguata, a tutti i nodi dello spigolo superiore esterno dei longheroni telaio nel 1 caso oppure a tutti i nodi dello spigolo inferiore esterno dei tegoli che sono le longherine superiori di fiancata su cui si appoggia l imperiale, nel 2 caso. La sezione di tali elementi beam dovrà essere tale che la rigidezza flessionale complessiva del modello FEM sia pari a quella flessionale della sezione trasversale della cassa del rotabile. Nel modello FEM dovranno essere utilizzati gli elementi di contatto per simulare correttamente lo scambio di forze tra gli elementi di tutte le varie giunzioni bullonate e/o rivettate. Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 14 di 48

15 Inoltre si dovrà verificare che tutti i collegamenti semi-fissi cioè sia quelli con viti che quelli con rivetti, siano in grado di trasmettere per attrito tutte le forze agenti in direzione ortogonale rispetto all'asse di ciascuna giunzione, ricavando il valore del coefficiente di attrito dal Prospetto 3.7 della UNI EN La modellazione di viti e/o rivetti, dovrà essere fatta in modo da ricostruire sia corretti valori delle relative rigidezze e lunghezze di serraggio, che adeguati posizionamenti ed ancoraggi di tali particolari entro il modello FEM. Nel calcolo si dovrà introdurre il precarico assiale delle viti, che viene originato dalla applicazione della coppia di serraggio prevista sui disegni di montaggio apparecchiature/arredi e/o il precarico assiale dei rivetti originato dalle sue caratteristiche di montaggio. La soluzione del modello di calcolo, dovrà essere organizzata in modo tale che i carichi vengano applicati in fasi successive (Load Steps) così che nella prima fase si applichino i soli precarichi delle varie viti e/o rivetti, mentre nelle rimanenti fasi vengano introdotti tutti gli altri carichi. Per semplicità di modellazione nel calcolo di verifica del dimensionamento strutturale relativo alla applicazione di apparecchiature/arredi è ammessa la simulazione mediante zone rigide delle strutture di apparecchiature/arredi. 7. MASSE Per effettuare il calcolo di m3, che è il carico utile che si deve applicare sul modello FEM della struttura cassa per le verifiche dei carichi di esercizio affaticanti si utilizza la seguente relazione: m3 = (Npsed x Ppass)+ (Sbag x Pbag/m 2 ) (vedasi in EN al p.to 6.3 la Table 3 (Normal payload)); Invece per effettuare il calcolo di m4, che è il carico utile che si deve applicare sul modello FEM della struttura cassa per le verifiche dei carichi statici eccezionali di esercizio si utilizza la seguente relazione: m4 = (Npsed x Ppass)+ (Scalp x Npass/m 2 x Ppass)+ (Sbag x Pbag/m 2 ) (vedasi in EN al p.to 6.3 la Table 3 (Exceptional payload)); Nella Tabelle 5 sono riportate le caratteristiche delle masse del rotabile: m1 (dan) ( ) m2 (dan) mapp_c100 (dan) Rotabile (Carrozza, Locomotiva etc.) Npsed Ppass (kg) Scalp (m 2 ) ( ) Npass/m 2 Sbag (m 2 ) ( ) Pbag/m 2 (kg) ( ) si deve dettagliare suddividendo il valore risultante nelle seguenti componenti : Telaio, Fiancate, Imperiale, Pavimento, Rivestimento Fiancate, Rivestimento Imperiale; ( ) si deve dettagliare il calcolo delle superfici calpestabili di corridoi e piattaforme vestiboli; ( ) si deve dettagliare il calcolo delle aree adibite a deposito bagagli. Tabella 5 - Caratteristiche delle masse del rotabile m3 (dan) m4 (dan) Naturalmente nel caso in cui si debba modellare solo un concio di struttura del rotabile (vedasi p.to 6.3), dai calcoli precedenti si estrarranno in proporzione ai rapporti di lunghezza tra cassa completa o parti di essa e rispettivamente cassa o parti di cassa modellata, le quote parti dei carichi inerziali che occorre applicare sul modello FEM, denominandoli ad es.: (m1 + m3)quota parte oppure (m1 + m4)quota parte. Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 15 di 48

16 Andiamo ora a analizzare la distribuzione delle masse da applicare al modello FEM della cassa del rotabile, si possono ipotizzare le seguenti tipologie di rotabili: 7.1 Locomotiva Esaminiamo lo scenario relativo ad una locomotiva, il carico verticale che vi si applica dovrà essere suddiviso nel seguente modo: a) Peso di : struttura fiancate + cabina di guida + testata piana + rivestimenti pareti (materiale isolante, finestrini, porte esterne, etc) : ma=...dan; b) Peso di: struttura imperiale (tetto) + rivestimenti/masse tetto (materiale isolante, illuminazione, etc., escluso pesi concentrati di valore 100 dan (cioè mapp_c100_imperiale)),agenti su imperiale: mb=...dan; c) Peso che si applica come carico distribuito uniformemente sul telaio cassa dal quale sono pertanto esclusi sia i pesi concentrati di valore 100 dan (cioè mapp_c100_telaio),agenti sul solo telaio cassa, che il peso della struttura del telaio cassa (cioè mtelaio): mc = m1 - (ma - mb - mapp_c100 - mtelaio) =...dan; Nella formula precedente mtelaio è la massa espressa in dan, del telaio cassa, che si applica al modello FEM utilizzando un valore adeguato di densità per il materiale relativo a superfici/volumi del telaio. I pesi ma ed mb si considerano distribuiti sulle corrispondenti parti strutturali, e si applicano andando ad incrementare adeguatamente la densità del materiale di tali parti. In conclusione il carico (mc + mapp_c100_telaio) agente sul telaio cassa nelle zone 1, 2, 3 e 4 di Fig.1, vale: Zona 1:... dan; Zona 2:... dan; Zona 3:... dan; Zona 4:... dan; Fig. 1 - Ripartizione delle masse distribuite sul telaio della locomotiva Per quanto riguarda un eventuale carico utile m3 oppure m4 costituito sostanzialmente da bagagli, questo si distribuisce in modo uniforme sulle relative aree di deposito. In ogni caso tutti i carichi che occorre posizionare nelle zone rispettivamente 1, 2, 3 e 4, devono essere applicati solo sulle superfici delle strutture portanti del telaio cioè su : Longheroni, Traverse, Travi di testa etc., per cui occorrerà fornire layout e dettaglio del calcolo di tale distribuzione alfine di dimostrarne la coerenza con i valori di suddivisione per zone di queste masse, secondo le indicazioni riportate nella pagina precedente. Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 16 di 48

17 7.2 Carrozza con vestiboli in posizione intermedia In questo caso il carico verticale agente sulla carrozza dovrà essere così suddiviso : a) Peso di : struttura fiancate + testate piane + rivestimenti pareti (materiale isolante, finestrini, porte esterne, etc) : ma=...dan; b) Peso di: struttura imperiale (tetto) + rivestimenti/masse tetto (materiale isolante, illuminazione, etc., escluso pesi concentrati di valore 100 dan (cioè mapp_c100_imperiale)),agenti su imperiale: mb=...dan; c) Peso che si applica come carico distribuito uniformemente sul telaio cassa dal quale sono pertanto esclusi sia i pesi concentrati di valore 100 dan (cioè mapp_c100_telaio),agenti sul solo telaio cassa, che il peso della struttura del telaio cassa (cioè mtelaio): mc = m1 - (ma - mb - mapp_c100 - mtelaio) =...dan; Nella formula precedente mtelaio è la massa espressa in dan, del telaio cassa, che si applica al modello FEM utilizzando un valore adeguato di densità per il materiale relativo a superfici/volumi del telaio. I pesi ma ed mb si considerano distribuiti sulle corrispondenti parti strutturali, e si applicano andando ad incrementare adeguatamente la densità del materiale di tali parti. In conclusione il carico (mc + mapp_c100_telaio) agente sul telaio cassa nelle zone 1, 2, 3 e 4 di Fig.2, vale: Zona 1:... dan; Zona 2:... dan; Zona 3:... dan; Zona 4:... dan; Fig. 2 - Ripartizione delle masse distribuite sul telaio della carrozza con vestiboli centrali Per quanto riguarda il carico utile m3 oppure m4 la quota parte relativa ai passeggeri in piedi (Scalp x Npass_m 2 x Ppass), si applica come carico distribuito sulle superfici calpestabili di corridoi e piattaforme vestiboli, mentre quella dei bagagli si distribuisce in modo uniforme sulle relative aree di deposito. Invece la quota parte del carico utile m3 oppure m4 riguardante i passeggeri seduti (Npsed x Ppass) deve essere applicata come carico distribuito sulle superfici occupate dai sedili. In ogni caso tutti i carichi che occorre posizionare nelle zone rispettivamente 1, 2, 3 e 4, devono essere applicati solo sulle superfici delle strutture portanti del telaio cioè su : Longheroni, Traverse, Travi di testa etc., per cui occorrerà fornire layout e dettaglio del calcolo di tale distribuzione alfine di dimostrarne la coerenza con i valori di suddivisione per zone di queste masse, secondo le indicazioni riportate nella pagina precedente. Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 17 di 48

18 7.3 Carrozza con vestiboli posizionati all estremità Anche in questo caso il carico verticale agente sulla carrozza dovrà essere suddiviso in analogia a quanto fatto al p.to precedente, per cui risulterà : a) Peso di : struttura fiancate + testate piane + rivestimenti pareti (materiale isolante, finestrini, porte esterne, etc) : ma=...dan; b) Peso di: struttura imperiale (tetto) + rivestimenti/masse tetto (materiale isolante, illuminazione, etc., escluso pesi concentrati di valore 100 dan (cioè mapp_c100_imperiale)),agenti su imperiale: mb=...dan; c) Peso che si applica come carico distribuito uniformemente sul telaio cassa dal quale sono pertanto esclusi sia i pesi concentrati di valore 100 dan (cioè mapp_c100_telaio),agenti sul solo telaio cassa, che il peso della struttura del telaio cassa (cioè mtelaio): mc = m1 - (ma - mb - mapp_c100 - mtelaio) =...dan; Nella formula precedente mtelaio è la massa espressa in dan, del telaio cassa, che si applica al modello FEM utilizzando un valore adeguato di densità per il materiale relativo a superfici/volumi del telaio. I pesi ma ed mb si considerano distribuiti sulle corrispondenti parti strutturali, e si applicano andando ad incrementare adeguatamente la densità del materiale di tali parti. In conclusione il carico (mc + mapp_c100_telaio) agente sul telaio cassa nelle zone 1, 2 e 3 di Fig.3, vale: Zona 1:... dan; Zona 2:... dan; Zona 3:... dan; Fig. 3 - Ripartizione delle masse distribuite sul telaio della carrozza con vestiboli di estremità Per quanto riguarda il carico utile m3 oppure m4 la quota parte relativa ai passeggeri in piedi (Scalp x Npass_m 2 x Ppass), si applica come carico distribuito sulle superfici calpestabili di corridoi e piattaforme vestiboli, mentre quella dei bagagli si distribuisce in modo uniforme sulle relative aree di deposito. Invece la quota parte del carico utile m3 oppure m4 riguardante i passeggeri seduti (Npsed x Ppass) deve essere applicata come carico distribuito sulle superfici occupate dai sedili. In ogni caso tutti i carichi distribuiti che occorre posizionare nelle zone rispettivamente 1, 2 e 3, devono essere applicati solo sulle superfici delle strutture portanti del telaio cioè su : Longheroni, Traverse, Travi di testa etc., per cui occorrerà fornire layout e dettaglio del calcolo di tale distribuzione alfine di dimostrarne la coerenza con i valori di suddivisione per zone di queste masse, secondo le indicazioni riportate nella pagina precedente. Infine per quanto riguarda la applicazione delle masse concentrate mapp_c100, nelle Fig.4. si vede il relativo layout di applicazione mentre nella Tabella 6 sono riportati i valori di: posizione, n. degli ancoraggi, dimensioni, tipologia, classe di resistenza e coppia di serraggio della bulloneria, posizione baricentro Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 18 di 48

19 geometrico di ciascuna apparecchiatura. Le masse concentrate devono essere inserite nel modello come Rigid Region (constraint equation) aventi il nodo master nel baricentro geometrico dell apparecchiatura mentre i nodi slave sono i nodi terminali delle beam che simulano i bulloni di ancoraggio apparecchiatura/cassa del rotabile. Inoltre si dovranno utilizzare elementi di contatto per simulare il trasferimento delle forze nella giunzione in direzione ortogonale all asse dei bulloni. Nome apparecchiatura / particolare Posizione,n. ancoraggi, peso (dan) e baricentro apparecchiatura/particolare Dimensioni bulloneria Tipologia e dimensioni bulloneria (ST ) Classe di resistenza bulloneria Coppia serraggio bulloneria (Nm) (es.: Carica-batterie) [es.: Peso =180 (per il resto vedasi dis...)] (es.: M12) (es.: Dado M12 autofrenantre Tipo A) (es.: 8,8) (es.: 90) Tabella 6 - Caratteristiche delle masse concentrate a mapp_c100 applicate sul Rotabile Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 19 di 48

20 Fig. 4 - Layout applicazione delle masse concentrate mapp_c100 applicate sul Rotabile Codice identificazione: n Esp. 00 Pagina 20 di 48

RISTRUTTURAZIONE ROTABILI MODELLO DI RELAZIONE DI CALCOLO FEM

RISTRUTTURAZIONE ROTABILI MODELLO DI RELAZIONE DI CALCOLO FEM Identificazione 383602 Rev. 00 Pagina 1 di 35 Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE RISTRUTTURAZIONE ROTABILI Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di questo documento

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29 Romane.pdf 19-09-2008 13:20:05-9 - ( ) Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti Simboli xxi xix Parte 1 Fondamenti 2 1 Introduzione 3 xvii 1 1 Il progetto 4 1 2 La progettazione meccanica 5 1 3

Dettagli

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SPECIFICHE DEL TELAIO DI PROTEZIONE. : il testo compreso fra i precedenti simboli

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009)

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009) 6. Unioni bullonate (aggiornamento 24-09-2009) 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate 6.1.1 Classificazione dei bulloni NTC - D.M. 14-1-2008 1 N.B. Il primo numero x 100 = f ub il secondo per il primo =f

Dettagli

RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI

RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI a cura dell Ing.Avanzato Salvatore SCHEMA DELL'INSIEME Ogni schema funzionale di ponteggio che è possibile realizzare

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

Cliente: RFI Nr. Commessa: C127485. MONT ELE s.r.l. GIUSSANO ITALY Via S.Chiara, 12 20833 Giussano (MB) ItalyTel.: +39.0362.852291

Cliente: RFI Nr. Commessa: C127485. MONT ELE s.r.l. GIUSSANO ITALY Via S.Chiara, 12 20833 Giussano (MB) ItalyTel.: +39.0362.852291 Cliente: RFI Nr. Commessa: C127485 1 TAVOLA DEI CONTENUTI 1. Introduzione...3 1.1 Materiali...3 1.2 Normative e codici di riferimento...3 2 Analisi dei Carichi e Pesi...4 2.1 Analisi dei pesi...4 3 Carichi

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

Trave Framo 80. Gruppo A410

Trave Framo 80. Gruppo A410 Framo Trave Framo 80/ Giunto di collegamento quadrato PK F80/ Giunto ottagonale PK F80/ Tappo terminale ADK F80/ Mensola a sbalzo AK F80/ Mensola a sbalzo TKO F80/ Sostegno laterale STA F80/ Giunto JOI

Dettagli

Dimensioni Altezza del telaio di protezione dai supporti: Larghezza del telaio di protezione:

Dimensioni Altezza del telaio di protezione dai supporti: Larghezza del telaio di protezione: Scheda 23: TELAIO ANTERIORE ABBATTIBILE SALDATO PER MOTOAGRICOLE CON STRUTTURA PORTANTE DI TIPO ARTICOLATO O RIGIDO CON POSTO DI GUIDA ARRETRATO CON MASSA MAGGIORE DI 2000 kg E FINO A 3500 kg SPECIFICHE

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni Classificazione dei collegamenti Tipi di collegamenti 1. Collegamento a parziale ripristino di resistenza In grado di trasmettere le caratteristiche di sollecitazione

Dettagli

Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357. Tappi di insonorizzazione 41 Gruppo 1610

Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357. Tappi di insonorizzazione 41 Gruppo 1610 Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357 Per l'assemblaggio di profilati doppi. Questo sistema permette di assemblare rapidamente in una seconda fase due profilati. Per essere sicuri di ottenere i valori

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI Il Manuale della Presagomatura 13 2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI 2.1 Ancoraggi Le barre di armatura, i fili o le reti elettrosaldate devono essere ancorate in modo tale da consentire

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO. E. Principe

Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO. E. Principe Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO Veicolo ferroviario Principali requisiti per la progettazione dei veicoli ferroviari Scartamento delle sale 1435 mm

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE prof. Sergio Baragetti Allievi dei corsi di Laurea in Ingegneria Meccanica e Ingegneria Gestionale Testi delle esercitazioni

Dettagli

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ADEGUAMENTO DEI TRATTORI AGRICOLI O FORESTALI CON PIANO DI CARICO (MOTOAGRICOLE) AI REQUISITI DI SICUREZZA IN CASO DI CAPOVOLGIMENTO PREVISTI AL PUNTO 2.4 DELLA PARTE

Dettagli

ANALISI DI DANNEGGIAMENTO STRUTTURALE PER GRUPPI DI SOLLEVAMENTO

ANALISI DI DANNEGGIAMENTO STRUTTURALE PER GRUPPI DI SOLLEVAMENTO ANALISI DI DANNEGGIAMENTO STRUTTURALE PER GRUPPI DI SOLLEVAMENTO R.Tovo (1), F.Villani (1), G.Fabbri (2), P.Quagliarella (3),G.Balugani (3),G.Tartara (3) (1) Università degli Studi di Ferrara Facoltà di

Dettagli

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli

presentation calcolo del ponteggio

presentation calcolo del ponteggio Il progetto: Title of presentation calcolo del ponteggio IL PROGETTO: PREMESSA D.Lgs 81/2008: Testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro Titolo IV: Cantieri temporanei e mobili Capo II: Prevenzioni

Dettagli

7.0 TOLLERANZE DIMENSIONALI DELLE BARRE PORTANTI E DELLE BARRE TRASVERSALI 7.1 Grigliato elettrosaldato pag. 66 7.2 Grigliato pressato pag.

7.0 TOLLERANZE DIMENSIONALI DELLE BARRE PORTANTI E DELLE BARRE TRASVERSALI 7.1 Grigliato elettrosaldato pag. 66 7.2 Grigliato pressato pag. Indice 1.0 NORMATIVA UNI PER IL GRIGLIATO ELETTROSALDATO E/O PRESSATO 1.1 Norma UNI 11002-1 Pannelli e gradini di grigliato elettrosaldato e/o pressato Terminologia, tolleranze, requisiti e metodi di prova

Dettagli

L ACCIAIO INOSSIDABILE NELLA COSTRUZIONE DI AUTOBUS F. Capelli, V. Boneschi Centro Inox, Milano

L ACCIAIO INOSSIDABILE NELLA COSTRUZIONE DI AUTOBUS F. Capelli, V. Boneschi Centro Inox, Milano Articolo pubblicato su Lamiera n.10 ottobre 2000 Introduzione L ACCIAIO INOSSIDABILE NELLA COSTRUZIONE DI AUTOBUS F. Capelli, V. Boneschi Centro Inox, Milano In questo articolo si illustrerà brevemente

Dettagli

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips Sistema di controsoffitto autoportante senza requisiti antincendio Il sistema di controsoffitti autoportanti offre all esecutore un alternativa particolarmente interessante ai sistemi di controsoffitti

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto in sistema misto S.Anna è situato sulla strada di collegamento della vallata del Vibrata con la vallata del Tordino all

Dettagli

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo)

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo) 18/05/011 ES. Sforzo Una barra di acciaio AISI 304 a sezione tonda, di diametro pari a 10 mm, deve sorreggere una massa di t. Qual è lo sforzo a cui è soggetta la barra? Cosa accade se vengono aggiunti

Dettagli

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO REV 01-05/2014 INDICE 1 Premessa 1.1 Avvertenze 1.2 Norme tecniche di riferimento 1.3 Caratteristiche dei materiali 1.4 Caratteristiche tecniche dei profili maggiormente

Dettagli

Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in acciaio

Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in acciaio La Progettazione delle Strutture tt di Acciaio i e composte in Acciaio-Calcestruzzo secondo il D.M. 14.01.08 Siena, 19-21 Maggio 2010 Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in

Dettagli

Introduzione...xi. 1.3 Affidabilità secondo gli Eurocodici... 19. 1.4 Requisito di durabilità secondo gli Eurocodici... 20

Introduzione...xi. 1.3 Affidabilità secondo gli Eurocodici... 19. 1.4 Requisito di durabilità secondo gli Eurocodici... 20 INDICE GENERALE Introduzione...xi 1.1 Premessa sugli Eurocodici strutturali... 13 Struttura Eurocodici strutturali... 13 Scopo degli Eurocodici... 14 Il ruolo degli Enti Normativi... 14 Ruolo della EN

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works Informazioni di base Che cos è COSMOS/Works? COSMOS/Works è un software per sviluppare progettazioni essenzialmente meccaniche completamente integrato col modellatore

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

0.2.3.9. Scala prefabbricata Si definisce «scala prefabbricata» l'elemento strutturale idoneo a realizzare l'accesso agli impalcati di servizio.

0.2.3.9. Scala prefabbricata Si definisce «scala prefabbricata» l'elemento strutturale idoneo a realizzare l'accesso agli impalcati di servizio. CIRCOLARE 15 MAGGIO 1990 N. 44 Allegato I ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A TELAI PREFABBRICATI Generalità 0.1. Scopo Scopo delle presenti istruzioni

Dettagli

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO 2 indice INTRODUZIONE PARAPETTI NORMATIVE DI RIFERIMENTO PARAPETTO P - STOP ORIZZONTALE configurazioni

Dettagli

Le problematiche del serraggio

Le problematiche del serraggio Le problematiche del serraggio La giusta scelta degli elementi di fissaggio e dei parametri di serraggio permettono di evitare il rilassamento e l'autoallentamento dei collegamenti fiiettati. II fissaggio

Dettagli

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI OGGETTO LAVORI Committente: FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI Il Progettista Strutturale VERIFICA DELLE RIGIDEZZE. La rigidezza iniziale (K in ) si calcola con la formula: K = GAEl 2 h 3 G1,2hEl 2 dove: E,G

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti Allievi del corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (VO) Testi delle esercitazioni per l Anno Accademico

Dettagli

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A.

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Contratto di Ricerca tra FERALPI SIDERURGICA S.p.A. e CONSORZIO CIS-E STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Relazione finale Prof. Ing. Carlo Poggi Prof.

Dettagli

CUSCINETTI SPECIALI PER MOVIMENTAZIONE

CUSCINETTI SPECIALI PER MOVIMENTAZIONE CUSCINETTI SPECIALI PER MOVIMENTAZIONE La realizzazione del presente catalogo è avvenuta nel controllo più rigoroso dei dati in esso contenuti. In seguito alla costante evoluzione tecnica dei nostri prodotti,

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN)

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) SALA C SALA A SALA B Ing. FRANCESCO POTENZA Ing. UBERTO DI SABATINO 1 1. PREESSA La presente relazione illustra i risultati

Dettagli

LEZIONE 6. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 6. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 6 PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate ASPETTI

Dettagli

COME CALCOLARE LE PARETI DI UN SILO RETTANGOLARE. Domenico Leone

COME CALCOLARE LE PARETI DI UN SILO RETTANGOLARE. Domenico Leone COME CALCOLARE LE PARETI DI UN SILO RETTANGOLARE Domenico Leone COME CALCOLARE LE PARETI DI UN SILO RETTANGOLARE Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale nel campo

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

SPECIFICHE E MISSIONI DEL TELAIO

SPECIFICHE E MISSIONI DEL TELAIO SPECIFICHE E MISSIONI DEL TELAIO I telai automobilistici devono soddisfare contemporaneamente molteplici missioni, alcune delle quali prese singolarmente darebbero soluzioni costruttive in contraddizione

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

Le molle. Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo

Le molle. Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo Le molle Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo Le molle 2 Le molle sono elementi in grado di deformarsi elasticamente, assorbendo energia. Applicazioni caratteristiche: accumulatore

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO EDILFIX SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO Il sistema di fissaggio e sostegno offre una soluzione rapida e versatile ad ogni problema di ancoraggio tra elementi prefabbricati in calcestruzzo e carpenteria metallica.

Dettagli

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO!

Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! Sostituisce la brochure del 10/ 01 05 / 06 Utilizza i TIRAFONDI PEIKKO! www.peikko.it 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 3 2. DIMENSIONI E MATERIALI... 4 3. PRODUZIONE... 5 3.1 Metodi di produzione... 5 3.2

Dettagli

DS 0002 MOV 2014 DISTITEC Srl

DS 0002 MOV 2014 DISTITEC Srl DS 0002 MOV 2014 DISTITEC Srl La realizzazione del presente catalogo è avvenuta nel controllo più rigoroso dei dati in esso contenuti. In seguito alla costante evoluzione tecnica dei nostri prodotti, ci

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO:

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: Il lavoro consiste nella realizzazione di due cupole geodetiche. Ogni cupola presenta 5 assi principali che la delimitano in altrettanti settori uguali. Le travi principali

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL Edizione Settembre 2013 Sicurpal S.r.l. Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO)

Dettagli

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo Mettere figura 1 Cinematica delle strutture Produzione di profilati e lamiere in acciaieria Trasformazione in elementi strutturali e preassemblaggi Trasporto

Dettagli

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo Norme Tecniche per le Costruzioni D.M. 16 gennaio 2008 Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo 4.3.1 Valutazione della sicurezza Definizione: Le strutture composte sono costituite da parti realizzate

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Scarpe pilastro. per la connessione meccanica di pilastri e travi. Connessione meccanica Pilastri GL Locatelli

Scarpe pilastro. per la connessione meccanica di pilastri e travi. Connessione meccanica Pilastri GL Locatelli Scarpe pilastro per la connessione meccanica di pilastri e travi Connessione meccanica Pilastri GL Locatelli 01 Norma ve e materiali Le connessioni meccaniche per pilastri consentono l uso in can ere di

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell Pali rastremati Pali rastremati per linee di contatto Pali rastremati per gambe portali I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione

Dettagli

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA REGOLAMENTO PARTICOLARE REGOLE PARTICOLARI PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BUREAU

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 10 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

NORME SULLA DESIGNAZIONE E CONTROLLO DEI GIUNTI SALDATI

NORME SULLA DESIGNAZIONE E CONTROLLO DEI GIUNTI SALDATI TRENITALIA S.p.A. UNITA' TECNOLOGIE MATERIALE ROTABILE DIREZIONE RICERCA, INGEGNERIA E COSTRUZIONI TECNICA E RICERCA Tecnologie Specialistiche NORME SULLA DESIGNAZIONE E CONTROLLO DEI GIUNTI SALDATI Specifica

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

CONCETTO DI GARANZIA DELLA QUALITÀ. per la fornitura e la posa delle barriere di sicurezza

CONCETTO DI GARANZIA DELLA QUALITÀ. per la fornitura e la posa delle barriere di sicurezza DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO DIVISIONE DELLE COSTRUZIONI AREA DEL SUPPORTO E DEL COORDINAMENTO CASELLA POSTALE 2170-6501 BELLINZONA CONCETTO DI GARANZIA DELLA QUALITÀ per la fornitura e la posa delle barriere

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

CARATTERISTICHE DEGLI ACCIAI ACCIAI PER IMPIEGHI STRUTTURALI: CARATTERISTICHE, NORMALIZZAZIONE, CORROSIONE

CARATTERISTICHE DEGLI ACCIAI ACCIAI PER IMPIEGHI STRUTTURALI: CARATTERISTICHE, NORMALIZZAZIONE, CORROSIONE STRUTTURE METALLICHE Quaderno IV Strutture metallice CARATTERISTICHE DEGLI ACCIAI ACCIAI PER IMPIEGHI STRUTTURALI: CARATTERISTICHE, NORMALIZZAZIONE, CORROSIONE 1 Caratteristicemeccanice Tipiequalità Trattamenti

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA

COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA Ubicazione COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA Intervento Ristrutturazione Copertura edificio civile via Roma 22 Committente Rossi Amedeo Progettista Ing. Claudio Ciciriello Impresa EDILCOM srl Direttore

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE DI UN IMPIANTO CARICO/SCARICO GPL PER AUTOCISTERNA IN SEGUITO A SITUAZIONI INCIDENTALI.

ANALISI STRUTTURALE DI UN IMPIANTO CARICO/SCARICO GPL PER AUTOCISTERNA IN SEGUITO A SITUAZIONI INCIDENTALI. Convegno Nazionale VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO VGR 2006 Pisa, Ottobre 2006 ANALISI STRUTTURALE DI UN IMPIANTO CARICO/SCARICO GPL PER AUTOCISTERNA IN SEGUITO A SITUAZIONI INCIDENTALI. Frendo, F.

Dettagli

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica

MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia. DIPARTIMENTO DI Meccanica Anno scolastico: 2014-2015 Classe: 4^BMM MATERIA Meccanica, Macchine ed Energia Insegnante: Gaspare Di Como Insegnante Compresente: Francesco Porco DIPARTIMENTO DI Meccanica PROGRAMMAZIONE SVOLTA MODULO

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 34086 Pag. 1/8. Richiedente: OTTO s.n.c. via Belle, 24C

RAPPORTO DI PROVA N. 34086 Pag. 1/8. Richiedente: OTTO s.n.c. via Belle, 24C RAPPORTO DI PROVA N. 34086 Pag. 1/8 Richiedente: OTTO s.n.c. via Belle, 24C 35042 ESTE (PD) Domanda di prova: 19 Ottobre 2011 Materiale: sistemi modulari galleggianti prodotti da OTTO composti da elementi

Dettagli

TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP. Giunti di dilatazione stradale. Descrizione. Normativa di riferimento

TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP. Giunti di dilatazione stradale. Descrizione. Normativa di riferimento TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP Descrizione I giunti di dilatazione stradale della serie TEC VP assolvono alla funzione di coprigiunto filopavimento e sono progettati per rispondere alle

Dettagli

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

PANNELLI MONOLITICI COIBENTATI

PANNELLI MONOLITICI COIBENTATI PANNELLI MONOLITICI COIBENTATI Domenico Leone PANNELLI MONOLITICI COIBENTATI Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale nel campo della progettazione e realizzazione

Dettagli

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2 A NORMA UNI EN 795 A2 Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio Istruzioni di montaggio Anticaduta Mistral Srl Corso Marconi 25-10125 TORINO tel: 011.6509102

Dettagli

INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5

INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5 INDICE 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2 2. Regime normativo pag. 5 3. Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento pag. 6 4. Determinazione dell azione sismica secondo pag.

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

Guida a croce LM Tipo CSR

Guida a croce LM Tipo CSR Guida a croce LM Tipo CSR Rotaia LM Tenuta frontale Frontale di ricircolo Sfere Lamierino di trattenuta delle sfere Nipplo ingrassatore Carrello LM Tenuta laterale Rotaia LM Figura 1: Struttura della guida

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO TAGLIO)

Dettagli

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 DESCRIZIONE PRODOTTO La serie Neoarm è una linea di apparecchi d appoggio strutturali in elastomero armato, costituiti cioè da un blocco in elastomero nel quale sono inseriti

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO LIGHT - ATTIVITA DI BASE

REGOLAMENTO TECNICO LIGHT - ATTIVITA DI BASE REGOLAMENTO TECNICO LIGHT - ATTIVITA DI BASE EQUIPAGGIAMENTI DI SICUREZZA 1. EQUIPAGGIAMENTO DEI CONDUTTORI a) Abbigliamento resistente al fuoco I conduttori titolari di Licenza ACI Attività di Base Abilità

Dettagli

strutturale critico Verifica di un componente METODOLOGIA Paolo Baicchi, Enrica Riva, Matteo Cecchelli Le prove sperimentali per la determinazione

strutturale critico Verifica di un componente METODOLOGIA Paolo Baicchi, Enrica Riva, Matteo Cecchelli Le prove sperimentali per la determinazione Paolo Baicchi, Enrica Riva, Matteo Cecchelli Verifica strutturale di un componente critico Le prove sperimentali per la determinazione della forza di taglio e l analisi FEM 1. Il modello di troncatrice

Dettagli

Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomento Ancoraggi

Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomento Ancoraggi Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomento Ancoraggi cod. 00140 - Rev. 2 - ottobre 2009 pag.1 di 13 CETA Ancoraggi - Rev.2 - ottobre 2009 INDICE PREMESSA 3 1. SCHEMI STANDARD DI PONTEGGIO 3 2.

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 42/86 13.2.2002 ALLEGATO VI PRESCRIZIONI SPECIALI RELATIVE AI VEICOLI DI CAPACÀ NON SUPERIORE A 22 PASSEGGERI 1.1 Dimensioni minime delle uscite I vari tipi di uscita devono avere le seguenti dimensioni

Dettagli

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO...

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... Sommario 1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO....

Dettagli

SCELTA E VERIFICA DEI BULLONI

SCELTA E VERIFICA DEI BULLONI SCELTA E VERIFICA DEI BULLONI 1) METODI DI COLLEGAMENTO Generalità Le strutture in acciaio sono normalmente costituite da componenti elementari quali le lamiere ed i profilati prodotti dalla siderurgia:

Dettagli