L INABILITAZIONE DEI MAGGIORI DI ETA CURATELA EX ART. 415 C.C.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L INABILITAZIONE DEI MAGGIORI DI ETA CURATELA EX ART. 415 C.C."

Transcript

1 L INABILITAZIONE DEI MAGGIORI DI ETA CURATELA EX ART. 415 C.C. Art. 415 c.c.: <<Il maggiore di età infermo di mente, lo stato del quale non è talmente grave da far luogo all'interdizione, può essere inabilitato. Possono anche essere inabilitati coloro che, per prodigalità o per abuso abituale di bevande alcooliche o Norma di riferimento di stupefacenti, espongono sé o la loro famiglia a gravi pregiudizi economici. Possono infine essere inabilitati il sordomuto e il cieco dalla nascita o dalla prima infanzia, se non hanno ricevuto un'educazione sufficiente, salva l'applicazione dell'articolo 414 quando risulta che essi sono del tutto incapaci di provvedere ai propri interessi>> Cenni sull istituto 1) L'infermità mentale deve possedere i requisiti della abitualità ed attualità. Non è richiesta la medesima gravità prevista per l interdizione ed il provvedimento viene emesso quando l'infermità mentale non insorga in modo distruttivo, ma sia sufficiente a rendere la persona idonea a provvedere normalmente ai propri interessi patrimoniali. (2) Nell ipotesi di cui al 2 comma, l abuso di alcol e di stupefacenti è causa di inabilitazione allorchè vi sia una vera e propria alterazione della sfera psico-volitiva, tale da incidere sulla capacità di autodeterminazione del soggetto inabilitando. (3) In presenza dei presupposti indicati dall art. 415 c.c., il Giudice è chiamato ad accertare in concreto se le condizioni del soggetto rendano necessaria, nel suo interesse, una limitazione della capacità di agire e

2 soltanto in tal caso la persona potrà essere inabilitata. Difatti, la funzione dell'inabilitazione, è quella di attivare uno strumento di protezione dell incapace che avvenga, però, nel pieno rispetto delle esigenze primarie di dignità dell inabilitando. L'inabilitazione è dichiarata, all esito di una istruttoria volta ad accertare lo stato di salute psico-fisica dell inabilitando, con sentenza costitutiva e provvisoriamente esecutiva, i cui effetti si producono dalla data di pubblicazione. Cenni sulla differenza tra inabilitazione, interdizione e amministrazione di sostegno L istituto della inabilitazione differisce da quello della interdizione e dalla amministrazione di sostegno, quest ultima introdotta dalla L. n. 6/04 che non ha abrogato i primi due, già esistenti. La differenza tra le misure dell interdizione ed inabilitazione da un lato (le quali danno luogo alla tutela ed alla curatela) e quella dell amministrazione di sostegno dall altro non va individuata sulla base del diverso grado di infermità psichica o di impossibilità di cura dei propri interessi. Il criterio discretivo tra le tre differenti misure è quello della complessità ed articolazione della gestione personale o patrimoniale che andrà compiuta in favore del beneficiario della misura. Nei casi di soggetti affetti da vizio totale di mente o da inabilità totale, pertanto, non è automatica l applicazione della misura dell interdizione, essendovi uno spazio di operatività dell amministrazione di sostegno anche per la tutela dei soggetti totalmente incapaci di intendere e volere. 2

3 Ove la situazione personale del beneficiario ed il suo comportamento lo espongano al rischio di approfittamenti da parte di soggetti terzi e, quindi, al rischio di compiere atti giuridici che siano pregiudizievoli per se stesso, le misure dell interdizione ed inabilitazione devono essere preferite proprio al fine di tutelare il beneficiario stesso. Ove, invece, il patrimonio del beneficiario sia limitato e le sue esigenze siano particolarmente semplici, l amministrazione di sostegno appare la più indicata ed idonea. Il che accadrà, ad esempio, quando si tratti di compiere meri atti di gestione ordinaria (es. riscossione della pensione di anzianità ed invalidità, pagamento della retta di ricovero, gestione del conto corrente bancario), eventualmente accompagnati da limitati atti di gestione straordinaria (es. vendita dell immobile di un soggetto degente presso una casa di cura). Il ricorrente pertanto dovrà indicare e comprovare compiutamente la consistenza del patrimonio mobiliare ed immobiliare del beneficiario e le sue capacità economiche, indicando quali siano le fonti di reddito del quale il beneficiario disponga e quale sia l ammontare complessivo dei redditi percepiti. Il ricorso dovrà anche contenere la puntuale descrizione delle capacità residue del beneficiario, delle attitudini personali dello stesso, l analitica individuazione delle attività da compiersi in nome e per conto dell interessato o, comunque, in suo favore, al fine di consentire la valutazione della misura più idonea. Ove venga adito il Tribunale per ottenere l inabilitazione o l interdizione e lo stesso ritenga che non sussistano i presupposti per ottenere la misura invocata e sia più 3

4 adeguata la misura dell amministrazione di sostegno, rigetterà la domanda di interdizione od inabilitazione, rimettendo gli atti al Giudice Tutelare per l applicazione della diversa misura della amministrazione di sostegno. Qualora invece sia stato adito il Giudice Tutelare per ottenere un provvedimento di amministrazione di sostegno ma questi ritenga inidonea la misura richiesta, egli provvederà a trasmettere gli atti alla Procura della Repubblica affinchè sia promossa l azione di interdizione o inabilitazione. Uffici interessati A chi rivolgersi Tribunale, sezione volontaria giurisdizione, 2 piano, stanza 144, Viale G. Cesare n. 54/b Stanza 144, 2 piano. Informazioni procedurali L'istanza di inabilitazione, a norma dell'art. 417 del c.c., può essere promossa: - dal coniuge - dai parenti entro il quarto grado - dagli affini entro il secondo grado - dal curatore - dal PM E' necessaria l'assistenza di un avvocato che rappresenti la parte istante. Il procedimento è esente da contributo unificato. Occorre una marca da euro 8,00 da apporre sulla nota di iscrizione a ruolo. A norma dell'art. 712 del c.p.c. la domanda per inabilitazione si propone con ricorso diretto al Tribunale dei luogo dove la persona nei confronti della quale è proposta ha residenza o domicilio. Documenti da allegare al ricorso: 4

5 1. Certificato di residenza 2. Atto integrale di nascita (viene rilasciato dal Comune previa autorizzazione della Procura della Repubblica territorialmente competente) 3. Stato di famiglia 4. Documentazione medica (ove necessaria) Procedimento Esito Curatela dell inabilitato Presentata l istanza, viene avviata l istruttoria ex art. 419 c.c. nel corso della quale può essere nominato un curatore provvisorio all inabilitando. All esito del procedimento, sussistendone i presupposti, il Tribunale dichiara l inabilitazione, i cui effetti decorrono dalla data di pubblicazione della sentenza (fatta salva ipotesi di cui ball art. 416 c.c.). Successivamente alla sentenza di inabilitazione (o alla nomina del curatore provvisorio), gli atti eccedenti l'ordinaria amministrazione posti in essere dall'inabilitato senza le prescritte formalità sono annullabili. La sentenza d'inabilitazione ed il decreto di nomina del curatore provvisorio devono essere annotati a margine dell'atto di nascita a norma dell art. 423 c.c. La curatela svolge la funzione precipua di protezione degli inabilitati o degli emancipati nel compimento degli atti di straordinaria amministrazione (sono tali quelli che vengono ad incidere in maniera consistente sul patrimonio dell inabilitato, potendone comportare una importante riduzione). Il curatore espleta un attività di vigilanza in favore dell'inabilitato o dell'emancipato con riferimento agli atti di straordinaria amministrazione per i quali, oltre alle autorizzazioni del Giudice Tutelare, è necessario il consenso del curatore. 5

6 A solo titolo esemplificativo: per l acquisto di beni mobili e immobili, per l assunzione di obbligazioni, per il consenso alla cancellazione di ipoteche e svincolo di pegni, per l accettazione o la rinunzia di eredità e donazioni, per la riscossione di capitali, per il reimpiego di somme, per la contrazione di mutui, per promuovere giudizi, etc. Va precisato peraltro che per alcune tipologie di attività è richiesta l autorizzazione del Tribunale e l assistenza del curatore (a solo titolo esemplificativo: per gli atti di disposizione quali l alienazione di beni, la costituzione di ipoteche e pegni). A chi rivolgersi Le istanze rivolte al Giudice Tutelare, previo reperimento del numero di curatela e del Giudice che ha in carico la curatela, si presentano presso la stanza 27 bis, Tribunale civile Via Lepanto 4. E prevista l esenzione da contributo unificato. E dovuta la marca da bollo di euro 8,00. Brevi cenni giurisprudenziali Sentenza Cass. N /2011: La Corte di cassazione, ha confermato il proprio orientamento secondo cui, ai fini della scelta della misura di protezione per la persona incapace, non conta tanto la gravità dell'infermità o la maggiore o minore possibilità della stessa di aver cura dei propri interessi, bensì l'adeguatezza della misura rispetto alle necessità concrete del beneficiario, secondo una valutazione che va compiuta caso per caso e che è rimessa al giudice. Precisa inoltre la Corte che il giudice può anche orientarsi valutando la gravità e la durata della malattia, ovvero la natura e la durata dell'impedimento, e comunque tutte le altre circostanze, ma questi criteri 6

7 non potranno mai sostituire quello principale che, si ripete, è quello dell'adeguatezza della singola misura di protezione al caso di specie e la necessità di minima limitazione delle capacità del soggetto. Nella difficile scelta della concreta misura da adottare, tra amministrazione di sostegno, interdizione o inabilitazione, il giudice non dovrà fare ricorso al solo criterio quantitativo, a seconda del grado di incapacità del soggetto, ma dovrà valutare prima di tutto se e quanto lo strumento prescelto "si adegui" alle esigenze del soggetto. Nell'applicare tale principale criterio, afferma la Corte, potrà darsi rilevanza a vari fattori, quali ad esempio il tipo di attività che deve essere compiuta per conto del beneficiario, la gravità e la durata della malattia, la natura e la durata dell'impedimento, nonché tutte le altre circostanze caratterizzanti la fattispecie. La questione dell'individuazione dei presupposti delle diverse misure di protezione delle persone in tutto o in parte prive di autonomia, disciplinate nel titolo 12^ del libro primo del codice civile, come modificato con la legge 9 gennaio 2004 n. 6 (istitutiva dell amministrazione di sostegno), ha formato oggetto di un intenso dibattito dottrinale e di numerosi interventi giurisprudenziali, di merito e di legittimità. Precedentemente alla richiamata sentenza n /11, la Corte si era già espressa sul punto con la sentenza n /2006 i cui principi sono stati ribaditi in altre successive decisioni di legittimità (Cassazione n /2006; Cassazione n. 9628/2009; Cassazione n. 4866/2010). 7

8 Fac-simile della domanda di inabilitazione TRIBUNALE CIVILE DI RICORSO EX ART. 415 C.C. e 712 C.P.C. SIG. Tizio (nato a il, ivi residente cod. fisc.: ) rappresentato e difeso dall Avv. (rivolgersi ad un legale per la redazione del ricorso) cod. fisc; PEC; fax; domicilio eletto PREMESSO CHE 1) L istante è (è necessario specificare le generalità e la residenza dei parenti entro il 4 grado, affini entro il 2, coniuge, convivente, curatore, PM) della sig.ra SEMPRONIA nata a il residente in (cod. fisc.: ) dove ha fissato la sua dimora abituale. 2) la sig.ra Sempronia versa in una situazione di parziale infermità di mente tale da renderla incapace di provvedere ai propri interessi e di impedirle (indicare le cause della infermità comprovate da certificazione medica che va prodotta) come si evince dal certificato rilasciato in data dalla 3) tale grave patologia è in corso di progressivo aggravamento per cui la sig.ra Sempronia non è più in grado di attendere ai propri interessi tanto che, recentemente, si sono verificati numerosi episodi che comprovano il suo stato di parziale incapacità (riferire la descrizione di episodi salienti: per es. l inabilitando non ha 8

9 contezza del denaro o è eccessivamente prodigo, ha lasciato reiteratamente le utenze domestiche in funzione con evidente pericolo per sé e per gli altri, etc etc) 4) ricorrendo i presupposti di cui all art. 415 c.c., si rende dunque necessario procedere alla inabilitazione della sig.ra Sempronia e provvedere alla nomina di un curatore che possa sostituire e rappresentare la sig.ra Sempronia nel compimento degli atti di seguito precisati: - (Indicare quali attività non è in grado di compiere l inabilitando) 5) l istante indica il sig. Caio (l art. 408 c.c. indica i soggetti che preferibilmente vengono scelti con tale veste: il coniuge che non sia separato legalmente, la persona stabilmente convivente, il padre, la madre, il figlio o il fratello o la sorella, il parente entro il quarto grado ovvero il soggetto designato dal genitore superstite con testamento, atto pubblico o scrittura privata autenticata) quale persona maggiormente idonea a rivestire il ruolo di curatore, in quanto egli di fatto già riveste tale ruolo e funzione (inserire per quale specifico motivo o più motivi la persona indicata sarebbe la persona più idonea). Tanto premesso, l istante CHIEDE Che l On.le Tribunale adito Voglia pronunciare l inabilitazione della sig.ra Sempronia per quanto ampiamente esposto in narrativa e 9

10 nominare alla stessa un Curatore nella persona di residente in Con vittoria di spese, competenze ed onorari, oltre iva, cpa ed accessori tutti di legge nei confronti di chi dovesse opporsi al provvedimento richiesto. Ai fini del versamento del contributo unificato si dichiara che il presente giudizio è esente da contributo. In via istruttoria si depositano i seguenti documenti: 1. Certificato di residenza 2. Atto integrale di nascita (viene rilasciato dal Comune previa autorizzazione della Procura della Repubblica territorialmente competente) 3. Stato di famiglia 4. Documentazione medica 5. altro. Roma, Avv. 10

L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO a cura di Donatella Di Gruccio Si tratta di un istituto giuridico entrato per la prima volta nell ordinamento italiano con la legge n. 6 del 9 gennaio 2004. Lo scopo è quello

Dettagli

Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia

Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia Capo I Dell'amministrazione di sostegno Art. 404. Amministrazione

Dettagli

L'INTERDIZIONE E L'INABILITAZIONE

L'INTERDIZIONE E L'INABILITAZIONE L'INTERDIZIONE E L'INABILITAZIONE L'interdizione e l'inabilitazione sono degli strumenti istituiti dal legislatore per tutelare le persone che per una serie di motivi non siano più capaci di curare i propri

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (legge 9 gennaio 2004, n. 6) PERCHE SI CHIEDE L amministrazione di sostegno

Dettagli

TITOLO XII DELLE MISURE DI PROTEZIONE DELLE PERSONE PRIVE IN TUTTO OD IN PARTE DI AUTONOMIA 1

TITOLO XII DELLE MISURE DI PROTEZIONE DELLE PERSONE PRIVE IN TUTTO OD IN PARTE DI AUTONOMIA 1 TITOLO XII DELLE MISURE DI PROTEZIONE DELLE PERSONE PRIVE IN TUTTO OD IN PARTE DI AUTONOMIA 1 Capo I. 2 Dell'amministrazione di sostegno. Art. 404. - Amministrazione di sostegno 1. La persona che, per

Dettagli

TITOLO XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia

TITOLO XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia Legge 9 gennaio 2004, n. 6. Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all istituzione dell amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Tribunale di Roma. Sezione prima civile UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE

REPUBBLICA ITALIANA. Tribunale di Roma. Sezione prima civile UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE REPUBBLICA ITALIANA Tribunale di Roma Sezione prima civile UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE In persona del giudice dott.ssa Eugenia Serrao, ha emesso il seguente DECRETO a scioglimento della riserva formulata

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Amministrazione di sostegno, curatela, tutela Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano,

Dettagli

Chi sono le persone per il diritto?

Chi sono le persone per il diritto? I SOGGETTI GIURIDICI PERSONE DEL DIRITTO Chi sono le persone per il diritto? Tutti coloro che hanno dei diritti e doveri. Ed ogni persona ha dei diritti e dei doveri perché ci sono le leggi dello Stato

Dettagli

Modello di ricorso per la nomina di un amministratore di sostegno (con alcune brevi note esplicative)

Modello di ricorso per la nomina di un amministratore di sostegno (con alcune brevi note esplicative) Modello di ricorso per la nomina di un amministratore di sostegno (con alcune brevi note esplicative) Note La richiesta di nomina di un amministratore di sostegno si attiva mediante presentazione di un

Dettagli

L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, IL TUTORE, IL CURATORE

L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, IL TUTORE, IL CURATORE L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, IL TUTORE, IL CURATORE Francesca Vitulo, avvocato del Foro di Bologna, consulente legale Fondazione Dopo di Noi Bologna onlus Relazione tenuta al forum: L'AMMINISTRATORE DI

Dettagli

L amministratore di sostegno

L amministratore di sostegno L amministratore di sostegno Chi è l ADS L amministratore di sostegno è una figura istituita per quelle persone che, per effetto di un infermità o di una menomazione fisica o psichica, si trovano nell

Dettagli

ART. 2 C.C. CAPACITA' DI AGIRE IDONEITA' DEL SOGGETTO AD ACQUISTARE E AD ESERCITARE DA SOLO DIRITTI E AD ASSUMERE OBBLIGHI (Maggiore età)

ART. 2 C.C. CAPACITA' DI AGIRE IDONEITA' DEL SOGGETTO AD ACQUISTARE E AD ESERCITARE DA SOLO DIRITTI E AD ASSUMERE OBBLIGHI (Maggiore età) ART. 2 C.C. CAPACITA' DI AGIRE IDONEITA' DEL SOGGETTO AD ACQUISTARE E AD ESERCITARE DA SOLO DIRITTI E AD ASSUMERE OBBLIGHI (Maggiore età) ART. 1 C.C. CAPACITA' GIURIDICA ATTITUDINE DELLA PERSONA AD ESSERE

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. relatore Avv. Annalisa Valgimigli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. relatore Avv. Annalisa Valgimigli AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO relatore Avv. Annalisa Valgimigli Dati ISTAT in Italia persone disabili: I portatori di handicap sono oltre due milioni e 600 mila su un totale di 57.000.000 di cittadini, di

Dettagli

DOMICILIO Luogo in cui la persona ha stabilito la sede prevalente dei propri affari. Anche luogo indicato per la reperibilità di una persona.

DOMICILIO Luogo in cui la persona ha stabilito la sede prevalente dei propri affari. Anche luogo indicato per la reperibilità di una persona. PICCOLO GLOSSARIO AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Strumento giuridico di protezione personalizzata della persona maggiorenne non autosufficiente, a seguito di una menomazione o di una infermità fisica o psichica

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

Associazione di volontariato o.n.l.u.s. per il sostegno alla persona in condizioni di disagio

Associazione di volontariato o.n.l.u.s. per il sostegno alla persona in condizioni di disagio Associazione di volontariato o.n.l.u.s. Registro Regionale Volontariato n VI 0486 Vicenza Tutor Piazzale Giusti, 23 36100 Vicenza - Tel / fax 0444.320883 c.f. 95073410243 - e-mail: info@vicenzatutor.it

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

Possono chiedere la nomina dell amministratore di sostegno: 1) il beneficiario, anche se minore, interdetto o inabilitato;

Possono chiedere la nomina dell amministratore di sostegno: 1) il beneficiario, anche se minore, interdetto o inabilitato; Breve vademecum sulla figura dell amministratore di sostegno. FONTE STUDIOCATALDI.IT - L amministratore di sostegno è una figura innovativa che sta avendo larga diffusione nel nostro Paese. L obiettivo

Dettagli

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE Secondo il nostro ordinamento, ciascuno di noi nel momento in cui compie 18

Dettagli

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA. Silvia Simona Giovanna Colombo

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA. Silvia Simona Giovanna Colombo AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E TUTORE PER LA PERSONA ANZIANA Silvia Simona Giovanna Colombo AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Legge n 6/2004 Art 1 FINALITA DELLA LEGGE La presente legge ha finalità di tutelare,

Dettagli

Al Giudice Tutelare. TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Volontaria Giurisdizione

Al Giudice Tutelare. TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Volontaria Giurisdizione Al Giudice Tutelare TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Volontaria Giurisdizione Ricorso ai sensi della legge 9 gennaio 2004, n. 6 sull Amministrazione di Sostegno Il/La sottoscritto/a 1... CF.....

Dettagli

LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La nomina dell amministratore di sostegno. 2.1. Presupposti. 2.2. Legittimazione. 2.3. Procedimento.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 2/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 2/E QUESITO RISOLUZIONE N. 2/E Direzione Direzione Centrale Normativa Roma, 9 gennaio 2012 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 IRPEF - IVA - Indennità liquidata all amministratore

Dettagli

L'amministratore di sostegno: una nuova figura per la tutela dei disabili

L'amministratore di sostegno: una nuova figura per la tutela dei disabili L'amministratore di sostegno: una nuova figura per la tutela dei disabili Fino al 2004 la normativa italiana prevedeva solo due istituti a tutela delle persone incapaci di agire: l'interdizione e l'inabilitazione.

Dettagli

RICORSO Chi sono i beneficiari dell'amministrazione di sostegno? Può il futuro beneficiario presentare un ricorso per se stesso?

RICORSO Chi sono i beneficiari dell'amministrazione di sostegno? Può il futuro beneficiario presentare un ricorso per se stesso? RICORSO Chi sono i beneficiari dell'amministrazione di sostegno? Ai sensi dell'art. 404 c.c. I beneficiari del ricorso sono le persone che, per effetto di un'infermità ovvero di una menomazione fisica

Dettagli

TUTORE CURATORE IN AMBITO CIVILE E MINORILE

TUTORE CURATORE IN AMBITO CIVILE E MINORILE TUTORE CURATORE IN AMBITO CIVILE E MINORILE CAPACITA DI INTENDERE E VOLERE Per capacità di intendere e volere, in senso giuridico, si intende la possibilità per un individuo di comprendere se i propri

Dettagli

415. Persone che possono essere inabilitate.

415. Persone che possono essere inabilitate. www.tutori.it CONFRONTO TRA ISTITUTI di TUTELA INTERDIZIONE INABILITAZIONE Amministrazione di sostegno Chi 414. Persone che possono essere interdette. Il maggiore di età [2] e il minore emancipato [390],

Dettagli

n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE

n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE Oggetto: Istanza di nomina di Amministratore di sostegno in favore di YY, nata a -- il -.-.1913, residente in --, istanza svolta da Xx,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (Legge 9 gennaio 2004, n. 6) SCHEMA DI RICORSO

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (Legge 9 gennaio 2004, n. 6) SCHEMA DI RICORSO AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (Legge 9 gennaio 2004, n. 6) SCHEMA DI RICORSO ILL.MO GIUDICE TUTELARE PRESSO IL TRIBUNALE DI FIRENZE Il sottoscritto.. Nato a.. il.. Residente a Via.. n.. Tel.. Cell..... Fax..

Dettagli

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006 La mediazione in condominio La mediazione è l attività svolta da un terzo imparziale finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia.

Dettagli

Con l introduzione dell Amministratore di Sostegno (legge 9 gennaio 2004 N. 6)

Con l introduzione dell Amministratore di Sostegno (legge 9 gennaio 2004 N. 6) Presentazione Con l introduzione dell Amministratore di Sostegno (legge 9 gennaio 2004 N. 6) viene messa a disposizione della comunità una figura che ha lo scopo di aiutare chi convive con una disabilità

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DI CAGLIARI Allegato A REGOLAMENTO RECANTE MODALITA D INSERIMENTO IN STRUTTURA DI ADULTI, ANZIANI E DISABILI INDICE Art. 1 Oggetto Art 2 Destinatari Art. 3 Requisiti Art. 4 Valutazione del bisogno

Dettagli

Ricorso ex art. 414 c.p.c.

Ricorso ex art. 414 c.p.c. Studio legale Messina - Avv.ti Vincenzo e Luigi Messina Avv.to Vincenzo Messina, patrocinante in Cassazione, P.IVA 00160400818 Avv.to Luigi Messina P.IVA 01945630810 PEC luigigiacomo.messina@avvocatitrapani.legalmail.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI.

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l inserimento di anziani non autosufficienti in strutture protette

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

2 Quaderni di approfondimento dell Ambito Distrettuale 6.1 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: DOMANDE E RISPOSTE

2 Quaderni di approfondimento dell Ambito Distrettuale 6.1 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: DOMANDE E RISPOSTE 2 Quaderni di approfondimento dell Ambito Distrettuale 6.1 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: DOMANDE E RISPOSTE 1 Quaderni di approfondimento dell Ambito Distrettuale 6.1 Amministrazione di sostegno: domande

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA

ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE A cura dell avvocato Nicola Cioffi di Napoli. (Si declina ogni responsabilità per eventuali errori e/o omissioni e/o inesattezze nonché modificazioni intervenute, non

Dettagli

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Testo vigente Testo in vigore dal 1 marzo 2006 Art. 706. Forma della domanda. La domanda di separazione

Dettagli

Il sottoscritto/a nato a il residente a nell interesse del/della predetto/a Sig./ra nato a il residente in Via/Piazza

Il sottoscritto/a nato a il residente a nell interesse del/della predetto/a Sig./ra nato a il residente in Via/Piazza MODULO DI RICHIESTA EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (D.G.R. n. 39-11190 del 6 aprile 2009) Il sottoscritto/a nato a il residente a nell

Dettagli

La figura dell Amministratore di Sostegno a tutela delle persone fragili.

La figura dell Amministratore di Sostegno a tutela delle persone fragili. La figura dell Amministratore di Sostegno a tutela delle persone fragili. Guida operativa Ufficio di Protezione Giuridica Struttura per la Tutela dell ASL di Brescia Aggiornato a luglio 2015 1. LA PROTEZIONE

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

E' ARRIVATO L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO!

E' ARRIVATO L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO! E' ARRIVATO L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO! Un importante alternativa all INTERDIZIONE civile: la legislazione italiana, dopo un lungo iter durato parecchi anni e legislature, ha preso atto che non si poteva

Dettagli

TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex. art. 155ter c.c.

TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex. art. 155ter c.c. TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex art. 155ter c.c. Il sig.... nato a... il... e residente in... Via... n.... è rappresentato e difeso per mandato a margine

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA N. 01763/2010 REG.SEN. N. 00879/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 17.02.2014 Regolamento di accesso alle prestazioni economiche erogate

Dettagli

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO (D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115) (L. 24 febbraio 2005, n. 25) DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA 1. COPIA CERTIFICATO STATO DI FAMIGLIA 2. COPIA

Dettagli

TUTELA CURATELA AMMINISTRAZIONE di SOSTEGNO

TUTELA CURATELA AMMINISTRAZIONE di SOSTEGNO TUTELA CURATELA AMMINISTRAZIONE di SOSTEGNO A cura dell Associazione tutori volontari. Con il sostegno economico della Provincia di Torino E con il contributo scientifico della Fondazione Promozione sociale

Dettagli

LE FORME DI TUTELA LEGALE E PATRIMONIALE

LE FORME DI TUTELA LEGALE E PATRIMONIALE LE FORME DI TUTELA LEGALE E PATRIMONIALE UNA NUOVA CULTURA DI PROMOZIONE DEI DIRITTI Legge 9 gennaio 2004, n.6 Istituzione dell Amministratore di Sostegno GUIDA PER FAMIGLIE ED OPERATORI Osservatorio Regionale

Dettagli

(Ludovico Adalberto De Grigiis)

(Ludovico Adalberto De Grigiis) Invalidi: abolizione del ricorso amministrativo e decadenza (Articolo di Ludovico Adalberto De Grigiis) Invalidità civile: stop ai ricorsi amministrativi e decadenza dal diritto trascorsi 6 mesi dalla

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e disgiuntamente dall Avv. ********* e dall Avv. ************** ed elettivamente

Dettagli

ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE. Titolo IX Della potestà dei genitori. Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori.

ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE. Titolo IX Della potestà dei genitori. Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE Titolo IX Della potestà dei genitori Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. Il figlio deve rispettare i genitori e deve contribuire, in relazione alle proprie sostanze

Dettagli

Oggetto: Domanda di intervento economico di natura socio-assistenziale

Oggetto: Domanda di intervento economico di natura socio-assistenziale CITTA DI MONTECCHIO MAGGIORE - Provincia di Vicenza - 36075 via Roma, 5 CF e P. IVA 00163690241 AL SIG. SINDACO del Comune di MONTECCHIO MAGGIORE Oggetto: Domanda di intervento economico di natura socio-assistenziale

Dettagli

Contro: S.R.L., con sede legale in alla Via Modestino del Gaizo, 31, C.F. e Partita I.V.A, in persona del legale rappresentante p.t.

Contro: S.R.L., con sede legale in alla Via Modestino del Gaizo, 31, C.F. e Partita I.V.A, in persona del legale rappresentante p.t. TRIBUNALE DI RICORSO EX ART. 703 C.P.C. Per: Alfredo, nato ad il 18 agosto 1928, C.F. e Daniele, nato ad il 18 agosto 1928, C.F., ed entrambi residente in alla Via dei Due Principati n. 132, rappresentati

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

COMUNE DI BASELGA DI PINÉ Provincia di Trento

COMUNE DI BASELGA DI PINÉ Provincia di Trento AMMISSIONE AL SERVIZIO DI NIDO PER L INFANZIA, SEDE DI RIZZOLAGA ANNO EDUCATIVO 2015/2016 Il sottoscritto nato a il residente a in via tel. CHIEDE L AMMISSIONE Al servizio del nido per l infanzia anno

Dettagli

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP PENSIONI Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori con invalidità non inferiore all 80%, di anticipare l età pensionabile (pensione di

Dettagli

La tutela dei diritti, la salvaguardia dell immagine

La tutela dei diritti, la salvaguardia dell immagine XXX CONGRESSO NAZIONALE A.N.D.O.S. La tutela dei diritti, la salvaguardia dell immagine Anna Faro Catania, 24 aprile 2012 CHE COS'E' L'INVALIDITA' CIVILE È una prestazione di natura assistenziale Art.

Dettagli

La protezione civilistica dell incapace: la tutela, la curatela e l amministrazione di sostegno

La protezione civilistica dell incapace: la tutela, la curatela e l amministrazione di sostegno La protezione civilistica dell incapace: la tutela, la curatela e l amministrazione di sostegno Prato, 23/01/2013 Avv. Francesco Mattii La capacità giuridica e quella d agire (artt. 1 e 2 c.c.) Art. 1

Dettagli

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO Formula 1 27 FORMULA 1 RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI... Ricorso avverso l avviso di intimazione

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI (Approvato con deliberazione consiliare n 36 nella seduta del 27 settembre

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI...

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI... Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 24.9.2015 La Nuova Procedura Civile, 3, 2015 Editrice ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE CONTRO IL TERZO PROPRETARIO

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI SCHEMA CONVENZIONE ALLEGATO 1 SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI L anno 2014, il giorno. del mese di, in Paternò (CT), nei

Dettagli

AL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI. Ricorso congiunto per l affidamento di minore ex artt. 155-317bis- 336 c.c.

AL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI. Ricorso congiunto per l affidamento di minore ex artt. 155-317bis- 336 c.c. AL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI. Ricorso congiunto per l affidamento di minore ex artt. 155-317bis- 336 c.c. La Sig.ra XXX, nata a., in data.., e residente in, Via., n., c.f.:.., e il Sig. YYY nato a,

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE

TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE MILANO, 19 giugno 2007 Avv. Mariagrazia Monegat Autonomia negoziale dei coniugi Convenzioni matrimoniali Separazione consensuale Divorzio congiunto Garanzia

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO PRIMO PARTE SECONDA MINORE E FAMIGLIA PERSONE FISICHE Sommario: 1. Persona fisica. - 2. Capacità giuridica. - 3. Capacità di agire. - 4. Figure di incapacità legale di agire. - 5. Incapacità naturale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Tribunale di Roma. Sezione prima civile

REPUBBLICA ITALIANA. Tribunale di Roma. Sezione prima civile REPUBBLICA ITALIANA Tribunale di Roma Sezione prima civile UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE in persona del giudice dott.ssa Eugenia Serrao, ha emesso il seguente DECRETO a scioglimento della riserva formulata

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

La figura dell Amministratore di Sostegno a tutela delle persone fragili. Guida operativa

La figura dell Amministratore di Sostegno a tutela delle persone fragili. Guida operativa La figura dell Amministratore di Sostegno a tutela delle persone fragili. Guida operativa Ufficio di Protezione Giuridica dell ASL di Vallecamonica-Sebino 1. LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLE PERSONE FRAGILI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (Artt. 404 e segg. Codice Civile) ***

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (Artt. 404 e segg. Codice Civile) *** AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (Artt. 404 e segg. Codice Civile) *** Lo scopo è quello di affiancare il soggetto la cui capacità di agire risulti limitata o del tutto compromessa per effetto di una infermità

Dettagli

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 102 24.03.2015 Trust: imposta di donazione immediata Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Categoria: Enti commerciali/non commerciali Sottocategoria:

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE

ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE Tra: Sig. TIZIO, rappresentato e difeso dall avv. Alessandro Amendolara, elettivamente domiciliato presso il suo studio in Modugno, parte ricorrente nel procedimento

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CIVITAVECCHIA ( VIA TERME DI TRAIANO snc 00053 CIVITAVECCHIA)

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CIVITAVECCHIA ( VIA TERME DI TRAIANO snc 00053 CIVITAVECCHIA) AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CIVITAVECCHIA ( VIA TERME DI TRAIANO snc 00053 CIVITAVECCHIA) ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO ( D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115 - legge

Dettagli

Il Sig..., nato a. il.. e residente in alla Via

Il Sig..., nato a. il.. e residente in alla Via ALLA SEDE INPS DI Il Sig..., nato a. il.. e residente in alla Via., p r e m e s s o - che il Sig... è iscritto alla gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attività commerciali

Dettagli

L.R. 11/2006, art. 8 bis, c. 3 B.U.R. 1/7/2009, n. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 4 giugno 2009, n. 0149/Pres.

L.R. 11/2006, art. 8 bis, c. 3 B.U.R. 1/7/2009, n. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 4 giugno 2009, n. 0149/Pres. L.R. 11/2006, art. 8 bis, c. 3 B.U.R. 1/7/2009, n. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 4 giugno 2009, n. 0149/Pres. Regolamento per la concessione degli assegni una tantum correlati alle nascite e

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI. RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI. RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92 COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92 proposto dal sig. (riportare dati identificativi, domicilio fiscale, P. IVA), nato a il, C.F., rappresentato

Dettagli

DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO GUIDA PER I RICHIEDENTI E MODELLO DI DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO

DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO GUIDA PER I RICHIEDENTI E MODELLO DI DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO ALLEGATO: GUIDA PER I RICHIEDENTI IL GRATUITO PATROCINIO E MODELLO DI DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA DELL UNIONE EUROPEA DOMANDA DI GRATUITO PATROCINIO GUIDA PER I RICHIEDENTI

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI CUNEO Il Giudice Dott. Gian Paolo MACAGNO ha pronunciato la seguente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI CUNEO Il Giudice Dott. Gian Paolo MACAGNO ha pronunciato la seguente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI CUNEO Il Giudice Dott. Gian Paolo MACAGNO ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta in primo grado al

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA ( VIA PESARO N. 6-62100 MACERATA)

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA ( VIA PESARO N. 6-62100 MACERATA) AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA ( VIA PESARO N. 6-62100 MACERATA) ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO ( D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115 - legge 24 febbraio 2005,

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 28.6.2012 Codice civile svizzero. Minoranza: Codice civile svizzero. (Autorità parentale)

Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 28.6.2012 Codice civile svizzero. Minoranza: Codice civile svizzero. (Autorità parentale) Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 28.6.2012 Codice civile svizzero (Autorità parentale) Codice civile svizzero (Responsabilità parentale) Modifica del L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n.

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. Marca da da bollo bollo 14,62 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. CHIEDE l assegnazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica adeguato al proprio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE Approvato con deliberazione

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso. ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.it PATROCINIO A SPESE DELLO STATO NEI GIUDIZI CIVILI E AFFARI DI VOLONTARIA

Dettagli

Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria

Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria Autocertificazione resa ai sensi della normativa vigente in materia di autocertificazioni

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 L. 24 febbraio 2005, n. 25...L SOTTOSCRITT NAT A... IL CITTADINANZA....

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... TOMO PRIMO

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... TOMO PRIMO SOMMARIO Tabella delle abbreviazioni... XLV TOMO PRIMO 321 IL CURATORE DELLO SCOMPARSO V.321.1 Ricorso per la nomina di un curatore dello scomparso in mancanza di rappresentante legale o volontario (schema

Dettagli

ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30. Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza

ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30. Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30 Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza UNA ISTANZA ORIGINALE COMPLETA DI TUTTI I DOCUMENTI E COMPILATA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995.

Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995. Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com In data 19 luglio 2010, alle ore 14.40 decedeva presso l ospedale di Weill Cornell Medical Center di Manhattan,

Dettagli