ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2"

Transcript

1 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio infettivo ASL2 1

2 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 CRONOLOGIA DEL C.I.O Viene costituito il primo C.I.O. responsabile per la lotta alle I.O Viene ricostituito il C.I.O. per l Ospedale S. Paolo Savona 1996 Viene ricostituito il C.I.O. per i presidi ospedalieri della ASL Venivano modificati e integrati i componenti del C.I.O integrazione del C.I.O. con la COMMISSIONE per il RISCHIO BIOLOGICO 2

3 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dr. Luca Garra, Responsabile S.S. Epidemiologia e Programmazione Sanitaria COMPONENTI C.I.O. ASL 2 Dr.ssa Antonella Piazza, Direttore Presidio Ospedaliero di Savona e Cairo M.tte Dr. Vincenzo Furfaro, Direttore Presidio Ospedaliero di Alberga Dr. Alessandro Farris, Direttore U.O. Dermatologia Dr. Claudio Vaira, Dirigente Medico U.O. Anestesia e Rianimazione Ing. Franco Traverso, Dirigente Responsabile U.O. Impianti e Apparecchiature Dr. Marco Dagnino, Responsabile S.S. Medicina del Lavoro Dr. Giuseppe Calcagno, Responsabile S.S. Prevenzione Rischio Infettivo Dr. Ilario Caristo, Dirigente Medico U.O. Chirurgia Ospedale di Savona Dr.ssa Donatella Marenco, Dirigente Medico U.O. Medicina Ospedale di Cairo M.tte Dr.ssa Patrizia Marcato, Dirigente Farmacista Dr.ssa Rosalba Bona, Dirigente Biologa Laboratorio Analisi Sig. Giovanni Iraldo, Ufficio Gestione Tecnica Aziendale Sig.ra Sabrina Penazzo, Infermiera (I.C.I.) Direzione Sanitaria Ospedale di Savona Sig.ra Margherita Vizio, Infermiera (I.C.I.) Direzione Sanitaria Ospedale di Savona Sig.ra Franca Rudasso, Infermiera Direzione Sanitaria Ospedale di Albenga Sig.ra Renza Sobrero, Infermiera Direzione Sanitaria Ospedale di Cairo M.tte 3

4 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 AMBITI FUNZIONALI o SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA o PREVENZIONE o FORMAZIONE 4

5 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA o STUDI EPIDEMIOLOGICI DI SORVEGLIANZA LOCALE o SORVEGLIANZA MICROBIOLOGICA o GESTIONE EVENTI EPIDEMICI 5

6 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 STUDI EPIDEMIOLOGICI DI SORVEGLIANZA LOCALE 6

7 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 SORVEGLIANZA INFEZIO NE DA CLO STRIDIUM DIFFICILE ANNO 2003 ESAMI TOTALI RICHIESTI N. 905 POSITIVI 62 NEGATIVI 843 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALIS I MALATTIE INFETTIVE 120 POSITIVI NEGATIVI GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 7

8 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALIS I MALATTIE INFETTIVE SORVEGLIANZA DELL'INFEZIONE DA COSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ANNO ,0 0 % 9,00% 8,00% 7,00 % 6,00% 5,00 % 4,00% 3,00% 2,00% 1,0 0 % 0,00% GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE MED II MED I TRAUMA MAL. INFETT. NEUROLOGIA NEFRO AS T. P.S. CHIR. RIANIM. GAS TROENTER. DIALIS I DERMA 8

9 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 Nefrologia 8% Chirurgia 6% ISOLATI CLOSTRIDIUM DIFFICILE ANNO 2003 Rianimo 5% Medicina Mal. Inf. Nefrologia Chirurgia Rianimo Mal. Inf. 21% Medicina 60% 9

10 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 Antibiotici usati prima della infezione da C. Difficile Carbapen. 9% Glicop. 6% Altro 3% SORVEGLIANZA DELL'INFEZIONE DA COSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ANNO 2003 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE Betalatt. 46% 10,0 0 % CTX 15% 9,00% 8,00% 7,00 % 6,00% 5,00 % 4,00% 3,00% 2,00% 1,0 0 % 0,00% GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE Chinoloni 21% MED II MED I TRAUMA MAL. INFETT. NEUROLOGIA NEFRO AST. P.S. CHIR. RIANIM. GAS TROENTER. DIALIS I DERMA Betalatt. Chinoloni CTX Carbapen. Glicop. Altro 10

11 10,00% 9,00% 8,00% 7,00% 6,00% 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% 1,00% 0,00% SORVEGLIANZA DELL'INFEZIONE DA COSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ANNO 2003 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE MED II MED I TRAUMA MAL. INFETT. NEUROLOGIA NEFRO AST. P.S. CHIR. RIANIM. GAS TROENTER. DIALIS I DERMA ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE SORVEGLIANZA INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE ANNO 2004 ESAMI TOTALI RICHIESTI N.794 POSITIVI N. 30 NEGATIVI N POSITIVI NEGATIVI GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 11

12 10,00% 9,00% 8,00% 7,00% 6,00% 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% 1,00% 0,00% SORVEGLIANZA DELL'INFEZIONE DA COSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ANNO 2003 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE MED II MED I TRAUMA MAL. INFETT. NEUROLOGIA NEFRO AST. P.S. CHIR. RIANIM. GAS TROENTER. DIALIS I ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 6,0% 5,0% 4,0% 3,0% 2,0% 1,0 % 0,0% SORVEGLIANZA INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ANNO 2004 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE MED II MED I TRAUMA MAL. INFETT. NEUROLOGIA NEFRO UROLOGIA GINECOLOGIA AST. P.S. CHIR. RIANIM. GASTROENTER. DIALIS I DERMA 12

13 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 SORVEGLIANZA INFEZIONI DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE ANNI positivi negativi altro

14 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 SORVEGLIANZA INFEZIONI DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE ANNO POSITIVI NEGATIVI ALTRO GENNAIO 2 3 FEBBRAIO 1 2 MARZO 1 APRILE MAGGIO 1 5 GIUGNO 6 3 LUGLIO 1 7 AGOSTO SETTEMBRE 5 OTTOBRE 9 9 NOVEMBRE 6 4 DICEMBRE U.O. DIREZIONE MEDICA LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE 14

15 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 SORVEGLIANZA INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 1,0% 0,5% 0,0% MED 2 MED1 TRAUMA ISOL NEURO CHIR RIANIM. GASTRO NEFRO MICI U.O. DIREZIONE MEDICA LABORATORIO 15 ANALISI MALATTIE INFETTIVE

16 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 SORVEGLIANZA MICROBIOLOGICA A PARTENZA DAI DATI DI LABORATORIO 16

17 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 DAL 2000 DIVULGAZIONE SEMESTRALE DI REPORT AD OGNI U.O. PER CREARE TRA CLINICO- MICROBIOLOGO-INFETTIVOLOGO UN FEEDBACK EFFICACE ALLA PREVENZIONE DELLE I.O. 17

18 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 DUBBI COME EVITARE CHE FINISCA IN UN CASSETTO SENZA CHE NESSUNO ABBIA LETTO IL REPORT? 18

19 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 DUBBI SCADENZE DEFINITE? ANNUALI? SEMESTRALI? TRIMESTRALI? SCHEMATICI? RESISTENZE A MICROORGANISMI? NON SEMPRE RISPONDENTI ALLE ESIGENZE DEL CLINICO? 19

20 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 SPERANZE OTTENERE PER CIASCUNA U.O. UNA MAPPATURA DELLA POPOLAZIONE BATTERICA PRESENTE AL FINE DI OTTIMIZZARE I COMPORTAMENTI, DECISIONI TERAPEUTICHE E RILEVARE L EVENTUALE AUMENTO DELL ANTIBIOTICO-RESISTENZA 20

21 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 SPERANZE RESPONSABILIZZARE INDIVIDUANDO UN REFERENTE MEDICO E UN REFERENTE INFERMIERISTICO LE ESIGENZE DI OGNI U.O. 21

22 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 STHAPHYLOCOCCUS AUREUS METICILLINA RESISTENZA ANNO % 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1 SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL

23 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE STAPHYLOCOCCUS EPIDERMIDIS METICILLINA RESISTENZA ANNI % 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1 SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL

24 ENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE METICILLINA RESISTENZA ANNI % 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1 SEM SEM SEM SEM SEM SEM: SEM SEM: 2004 STAPH. AUREUS STAPH. EPIDER. 24

25 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 1 SEMESTRE 2005 Resistenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS AUREUS NUMERO ISOLATI ,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 25 Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/Dalfopr Oxacillina Mic Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G

26 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 2 SEMESTRE 2005 Resistenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS AUREUS NUMERO ISOLATI ,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 26 Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/Dalfopr Oxacillina Mic Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G NUMERO ISOLATI 252

27 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 0,9 1 SEMESTRE 2006 Resistenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS AUREUS NUMERO ISOLATI SEMESTRE 2006 Resitenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS AUREUS NUMERO ISOLATI 227 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 0 Ciprofloxacina Penicillina G Eriromicina Clindamicina Acido Fusidico Fosfomicina Levofloxacin Gentamicina Moxifloxacin Linezolid Meticillina Norfloxacina Nitrofurantoin Teicoplanina Rifampicina Tobramicina Tetraciclina Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. U.O. DIREZIONE MEDICA MALATTIE INFETTIVE LABORATORIO ANALISI 27

28 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 ISOLAMENTO STAPHYLOCOCCUS AUREUS 2 SEMESTRE 2006 NUMERO ISOLATI % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 28 Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/Dalfopr Oxacillina MIC Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G

29 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 1 SEMESTRE 2005 Resistenza antibiotici:staphylococcus EPIDERMIDIS NUMERO ISOLATI 130 C.1.O. U.O. LABORATORIO ANALISI I MALATTIE INFETTIVE DIREZIONE MEDICA 100,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 29 Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/Dalfopr Oxacillina Mic Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G

30 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI 2 SEMESTRE 2005 MALATTIE INFETTIVE Resistenza antibiotici:staphylococcus EPIDERMIDIS DIREZIONE MEDICA NUMERO ISOLATI ,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 30 Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/Dalfopr Oxacillina Mic Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G

31 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 100% 1 SEMESTRE 2006 Resistenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS EPIDERMIDIS NUMERO ISOLATI141 1 SEMESTRE 2006 Resistenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS EPIDERMIDIS NUMERO ISOLATI % 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Meticillina Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. U.O. DIREZIONE MEDICA LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE 31

32 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 ISOLAMENTO STAPHYLOCOCCUS EPIDERMIDIS 2 SEMESTRE 2006 NUMERO ISOLATI % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 32 Vancomicina Trimetoprim/S Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/D Oxacillina MIC Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G

33 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL ^ Sem ^ Sem ^ Sem ^ Sem.2006 Isolati Isolati Staphilococcus aureus meticillino - resistenza Staphiloccoccus epidermidis meticillino - resistenza 33

34 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1 SEMESTRE 2006 Sensibilità antibiotici: PSEUDOMONAS AERUGINOSA Altri Reparti NUMERO ISOLATI Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Ticarcillina/A.CLAV. Ticarcillina Piperacillina/Tazoba Ofloxacina Norfloxacina Nitrofurantoin Netilmicina Acido Nalidixico Imipenem Gentamicina Ciprofloxacina Ceftazidime Cefoxitina Cefotaxime Cefalotina Ampicillina Amoxicillina/A: CLAV: Amikacina

35 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Resistenza antibiotici: PSEUDOMANAS AERUGINOSA 2 SEMESTRE 2006 NUMERO ISOLATI Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Ticarcillina/A.CLAV. Ticarcillina Piperacillina/Tazoba Ofloxacina Norfloxacina Nitrofurantoin Netilmicina Acido Nalidixico Imipenem Gentamicina Ciprofloxacina Ceftazidime Cefoxitina Cefotaxime Cefalotina Ampicillina Amoxicillina/A:CLAV: Amikacina

36 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 GESTIONE EVENTI EPIDEMICI 36

37 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 EPIDEMIA IN NEONATOLOGIA NEL

38 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 EPIDEMIA IN NEONATOLOGIA NEL ^ CASO: T.K. NATO IL 18/11/2004 INFEZIONE SALMONELLA GRUPPO D IL 22/11/04 2^ CASO: T.K NATO IL 18/11/2004 INFEZIONE SALMONELLA GRUPPO D IL 27/11/04 3^ CASO: R.M.R NATA IL 14/11/2004 INFEZIONE SALMONELLA GRUPPO D IL 26/11/04 4^ CASO: C.D.G INFEZIONE SALMONELLA GRUPPO D IL 02/12/05 NATO IL 29/11/2004 5^ CASO: C.J. 38 NATO IL 17/11/2004 INFEZIONE SALMONELLA GRUPPO D IL 25/11/05

39 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 PROBABILE FONTE DI INFEZIONE: K.JJ.(MADRE DI T.K. E T.K.) RICOVERATA IL 17/11/

40 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 PROBABILE FONTE DI TRASMISSIONE: LENZUOLI NON MONOUSO 40

41 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 CORRIDOIO NIDO VISIVA PARENTI VISIVA PARENTI FILTRO IMMATURI NURSERY DEPOSITO PULITO ISOLATI 41

42 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 P R E V E N Z I O N E 42

43 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 DELIBERA DEL D.G. 03/06/1999 APPROVAZIONE PROTOCOLLI COMPORTAMENTALI: DISINFETTANTI E ANTISETTICI PREVENZIONE INFEZIONI FERITA CHIRURGICA ULCERE DA DECUBITO GESTIONE DELLE ESPOSIZIONI A RISCHIO DI INFEZIONE DA HIV 43

44 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 DELIBERA DEL D.G. 22/10/2001 PROTOCOLLI ANTIBIOTICO - PROFILASSI CONDIVISE CON I DIRETTORI DELLE U.O. CHIRURGICHE 44

45 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 INTRODUZIONE DI MODULISTICA PER MIGLIORARE APPLICAZIONE ANTIBIOTICO - PROFILASSI 45

46 Cognome Nome. Data di nascita Codice nosografico Unità operativa.. Data dell intervento... Tipo di intervento.. FARMACO VIA SOMM. DOSE NUOVA DOSE 2^DOSE Profilassi post - operatoria SI NO Note e osservazioni Firma del medico prescrittore Riservato all anestesista. Orario di inizio intervento..orario di fine intervento. Orario delle somministrazioni 1^ dose 2^ dose 3^ dose Note e osservazioni Firma dell anestesista

47 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 LINEE GUIDA LOCALI IN ANTIBIOTICOTERAPIA LINEE GUIDA PER C.A.P. BPCO I.V.U. CELLULITI PRONTUARIO TERAPEUTICO RICHIESTA MOTIVATA PER ALCUNI ANTIBIOTICI CONSULENZA INFETTIVOLOGICA PER RICHIESTA DI ALCUNI ANTIBIOTICI 47

48 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 ANTIBATTERICI PER USO SISTEMICO OSPEDALE S.PAOLO ANNO 2006 ANNO 2005 SPECIALITA ANTIBIOTICI (ESCLUSO AIDS) INCIDENZA ANTIBIOTICI/ SPECIALITA 22% 27% 48

49 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 FORMAZIONE 49

50 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 I CONGRESSO REGIONALE Presentazione dati Corso di aggiornamento LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI LEGATE ALLE PRATICHE ASSISTENZIALI periodo temporale aprile-dicembre

51 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL partecipanti Assistenti Sanitari Educatori Fisioterapisti Medici Ostetriche Tecnici Laboratorio Tecnici Radiologia Infermieri Altre figure

52 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 Provenienza 26% Ospedale Territorio 74% 52

53 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 Partecipanti Ospedale divisi per aree ( 868) 16% 29% 24% Area chirurgica Area medica Area servizi DEA 31% 53

54 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 INDAGINE DI PREVALENZA I.O. PARTECIPAZIONE STUDIO INF-NOS

55 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 STUDIO INF-NOS N. PAZIENTI SORVEGLIATI 2958 (30 CENTRI) 131 (SV) N. PZ CON PROFILASSI CHIRURGICA NEI GIORNI PRECEDENTI 40 (13%) 1 (6%) STESSO GIORNO 170 (58%) 8 (53%) NEI GIORNI SUCCESSIVI ALL INTERVENTO 12 ( 4%) 4 ( 26%) NON REGISTRATO 68 (23%) 2 (13%) 55

56 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 STUDIO INF-NOS N. PAZIENTI SORVEGLIATI 2958 (30 CENTRI) 131 (SV) N. PZ TRATTATI CON UNA TERAPIA ANTIBIOTICA 1339 (45%) 62 (47%) TERAPIA INFEZIONI IN ATTO: UN SOLO ANTIBIOTICO 412 (59%) 28 (75%) ASSOCIAZIONE 287(41%) 9 (24%) TERAPIA INFEZIONE NON PIU IN ATTO: 87 5 UN SOLO ANTIBIOTICO 68 (78%) 5 (100%) ASSOCIAZIONE 19 (21%) 0 (0%) PROFILSSI PER ALTRI MOTIVI UN SOLO ANTIBIOTICO 227 (86%) 4 (80%) ASSOCIAZIONE 36 (13%) 1 56 (20%)

57 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 FUNZIONE DEL C.I.O. (CIRCOLARE MINISTERIALE 52 DEL 1985) 1) DEFINIRE STRATEGIA DI LOTTA (sorveglianze, misure preventive, diffusione di informazioni) 2) VERIFICARE L APPLICAZIONE 3) CURARE LA FORMAZIONE DEL PERSONALE Da: Infezioni ospedaliere M.L.MORO

58 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 CAUSE DI INSUCCESSO DEL C.I.O. 1) GRUPPI DI LAVORO TROPPO AMPI 2) NON SELEZIONE DEI COMPONENTI DEL C.I.O. 3) NON RICONOSCIMENTO DEL C.I.O. A TUTTI I LIVELLI DI AUTORITA E AUTOREVOLEZZA 4) MANCANZA DI PIANO ORGANICO DI LAVORO 5) MANCANZA DI FIGURE CUI AFFIDARE LA REALIZZAZZIONE DEGLI INTERVENTI PROGRAMMATI 58 Da: Infezioni ospedaliere M.L.MORO 1994

59 GRAZIE PER L ATTENZIONE 59

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva Università degli Studi di Catania Dipartimento di Anestesia Rianimazione e Terapia Intensiva Policlinico G.Rodolico Direttore Prof.ssa M. Astuto Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un

Dettagli

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 a cura del 'Comitato di coordinamento regionale per la prevenzione e la lotta alle

Dettagli

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Casi difficili in Patologia Infettiva Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive Azienda Ospedaliero Universitaria -Ferrara Paziente G.F. Donna, trasmissione sessuale

Dettagli

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO HOME PROFILASSI ANTIBIOTICA IN CHIRURGIA PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO Lo scopo della profilassi antibiotica in ambito chirurgico è quello di ridurre l'incidenza di infezioni post-operatorie

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome ONOFARO FILIPPINA Data di nascita 15/09/1961 Qualifica MED.S.S.EX9-117TP Disciplina Medicina Matricola 36173 Incarico attuale Dirigente U.O.S.D. ALPI

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode.

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode. DOTT. IVAN TERSIGNI CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE STUDI Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma il 21-7-1978, con votazione 110/110 e lode. Specializzato

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

I programmi e i sistemi di sorveglianza

I programmi e i sistemi di sorveglianza Società Italiana di Medicina di Laboratorio Sezione Abruzzo Gruppo di Studio di MALATTIE INFETTIVE Gruppo di Studio di RISK MANAGEMENT Montesilvano 7 Marzo 2008 I programmi e i sistemi di sorveglianza

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. Posizione Organizzativa - U.O Qualità, Accreditamento e Risk Mnagement-Contr.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. Posizione Organizzativa - U.O Qualità, Accreditamento e Risk Mnagement-Contr. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marnati Maria Grazia Data di nascita 28/01/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Professionale Sanitario Esperto AZIENDA

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

Al Gaslini e per il Gaslini

Al Gaslini e per il Gaslini Al Gaslini e per il Gaslini Calendario delle iniziative Istituzionali del mese di Novembre 2015 Seminari, Convegni, Congressi, Corsi, Aggiornamento dei Piani Formativi Aziendali Data / Ora / Luogo Titolo

Dettagli

SSR Campania - Contratti di tipo flessibile

SSR Campania - Contratti di tipo flessibile SSR Campania Contratti di tipo flessibile Raggruppati per area, ruolo. Dirigenza 9 53 59 9 5 Ruolo Professionale 7 3 8 9 Ruolo Amministrativo Ruolo Ruolo Indefinito 3 3 6 Totale Dirigenza 95 67 8 8 57

Dettagli

Vademecum esami di laboratorio

Vademecum esami di laboratorio 90.19.2 90.23.2 91.13.4 90.04.5 17-BETA ESTRADIOLO -E2 Chemiluminescenza L 2 M 2 M 2 G 2 V 2 S 2 17-Beta-ESTRADIOLO pg/ml F: F. FOLLICOLARE F: F. OVULATORIA F: F. LUTEINICA F: MENOPAUSA no terapia F: MENOPAUSA

Dettagli

Interventi di Informazione e Formazione per la lotta contro l AIDS 2012

Interventi di Informazione e Formazione per la lotta contro l AIDS 2012 Interventi di Informazione e Formazione per la lotta contro l AIDS 2012 Sintesi degli elementi fondamentali dell analisi di fabbisogno L attività di informazione e formazione nell ambito della lotta contro

Dettagli

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI Vezzani G., Caberti L., Cantadori L., Mordacci M., Nicolopoulou A., Pizzola A. U.O. di Anestesia Rianimazione

Dettagli

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP).

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). A cura del dott. Pasquale AIELLO e della dott.ssa Maria Caterina VOCI II DIVISIONE

Dettagli

L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria

L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria ASL DI ALESSANDRIA IL CONTESTO POPOLAZIONE n. 445.094 COMUNI n. 195 FARMACIE DI COMUNITA

Dettagli

"Gruppo di lavoro n. 1"

Gruppo di lavoro n. 1 "Gruppo di lavoro n. 1" Giornate di sinergia tra la Farmacia Ospedaliera, la Direzione Medica Ospedaliera, l Infettivologia, la Microbiologia e la Medicina Interna: Antimicrobial Stewardship. ESPRIMERE

Dettagli

PIANO ANNULAE 2012 PER LA SICUREZZA E LA GESTIONE DEL RISCHIO AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO S.ORSOLA MALPIGHI BOLOGNA

PIANO ANNULAE 2012 PER LA SICUREZZA E LA GESTIONE DEL RISCHIO AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO S.ORSOLA MALPIGHI BOLOGNA 1 Definizione Obiettivi Strategici Aziendali Gestione del Rischio 2 Adozione del registro dei pericoli e mappatura delle prevalenti criticità aziendali Redazione del documento Sicurezza delle Cure con

Dettagli

Attività sorveglianza prevalenza incidenza controllo raccolta dati sui processi.

Attività sorveglianza prevalenza incidenza controllo raccolta dati sui processi. Attività I cardini su cui si fondano tutti i Programmi di prevenzione delle Infezioni Nosocomiali o, meglio, Infezioni Correlate all Assistenza (ICA), sono: sorveglianza, controllo e formazione del personale,

Dettagli

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda

Legenda centri di responsabilità: CdR centri di costo: cdc centri di rilevazione per l'acquisto di prestazioni finali da terzi soggetti erogatori: cda REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Partita IVA no 0286642079 PIANO AZIENDALE DEI CENTRI DI RILEVAZIONE (allegato delibera n. del ) Legenda centri

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie. Dott. Oreste Caporale

I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie. Dott. Oreste Caporale I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie Dott. Oreste Caporale Indicano descrivono lo scopo le procedure di un attivit attività, (step( by, ciò step) che che deve i soggetti

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

AVVISO DI RISPOSTA A QUESITI

AVVISO DI RISPOSTA A QUESITI APPALTO A PROCEDURA PERTA PER L AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA COPERTURA ASSICURATIVA RCT RCO DELLA ASL 7 CARBONIA AVVISO DI RISPOSTA A QUESITI A seguito di richiesta di informazioni da parte di soggetti interessati

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.)

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.) Presentazione Infezioni correlate all assistenza sanitaria e resistenza antimicrobica costituiscono due speciali problematiche sanitarie sulle quali importanti istituzioni internazionali, quali l OMS,

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

Procedura per il trasporto intra ed extraospedaliero dei pazienti

Procedura per il trasporto intra ed extraospedaliero dei pazienti PA SQ 26 ev. 1 del 28 /4/2015 Data applicazione edazione Verifica Approvazione 28.4.2015 Dr.P.Olivieri Dr.ssa A. Bellotto Dr.ssa G.Saporetti Dr.ssa L.Dolcetti Dr. E.Goggi U.O. QUALITA ISCHIO CLINICO E

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura della sezione regionale SIFO Piemonte-VdA e della sezione ANMDO Piemonte-VdA FOCUS GROUP SULLE GIORNATE DI SINERGIA TRA LA FARMACIA OSPEDALIERA, LA DIREZIONE

Dettagli

OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.).

OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.). Deliberazione n. 916 del 29 07 2009 OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.). IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

Dettagli

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie ANNO 2010 Bandi Delibera D.G. n. 1534 del 13/04/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie triennali per assunzioni a tempo determinato di Dirigente Medico di : 1. Anatomia Patologica

Dettagli

IL PROGETTO GAVECELT-OPAT

IL PROGETTO GAVECELT-OPAT IL PROGETTO GAVECELT-OPAT Giancarlo Scoppettuolo Mauro Pittiruti UCSC, Roma L introduzione e la diffusione nella pratica clinica di accessi vascolari a medio termine (PICC e Midline), unitamente alla necessità

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza

Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza 140-2006 Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza 2003-2005 Rischio infettivo 140-2006 Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza

Dettagli

Al Gaslini e per il Gaslini

Al Gaslini e per il Gaslini Al Gaslini e per il Gaslini Calendario delle iniziative Istituzionali del mese di Settembre 2015 Seminari, Convegni, Congressi, Corsi, Aggiornamento dei Piani Formativi Aziendali Data / Ora / Luogo Titolo

Dettagli

Infezioni ospedaliere

Infezioni ospedaliere Piano Sanitario Regionale 1999-2001 Rapporto tecnico per la definizione di obiettivi e strategie per la salute obiettivi e strategie per la salute Infezioni ospedaliere ISSN 1591-223X DOSSIER 55 Regione

Dettagli

L impiego degli antibiotici nella gestione delle piaghe da decubito infette : come e quando?.

L impiego degli antibiotici nella gestione delle piaghe da decubito infette : come e quando?. L impiego degli antibiotici nella gestione delle piaghe da decubito infette : come e quando?. dott. Ciro MANZO Geriatra UOAA distretto 71, ASL NA4 e-mail : cirmanzo@libero.it Le piaghe da decubito (PD)

Dettagli

PIANO LOCALE DELL AZIENDA U.S.L RIETI PROGRAMMA AUDIT CIVICO 2013-14

PIANO LOCALE DELL AZIENDA U.S.L RIETI PROGRAMMA AUDIT CIVICO 2013-14 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminillo, 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 PIANO LOCALE DELL AZIENDA U.S.L RIETI PROGRAMMA AUDIT CIVICO

Dettagli

La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti

La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti Milano 14 novembre 2012 L EFFICIENZA DELLA SUPPLY CHAIN SANITARIA La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti Gianemilio Giuliani SERVIZIO DI FARMACIA L evoluzione dei processi logistici

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento delle strutture di Malattie Infettive

Requisiti specifici per l accreditamento delle strutture di Malattie Infettive 8.9 Requisiti specifici per l accreditamento delle strutture di Malattie Infettive 1 Premessa Le U.O. di Malattie Infettive erogano prestazioni diagnostiche e terapeutiche complesse a pazienti con patologie

Dettagli

PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI

PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI Direttori UU.OO.CC. Direttore UOC Risorse Umane Medico Competente Responsabile UOS Pronto Soccorso

Dettagli

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia ALLEGATO F Codice DA UTILIZZARE Professione 1 Medico chirurgo si 2 Odontoiatra si 3 Farmacista 4 Veterinario 5 Psicologo si 6 Biologo si 7 Chimico si 8 Fisico 9 Assistente sanitario 10 Dietista 11 Educatore

Dettagli

ALBERO DELLE PROCEDURE ORGANIZZATIVE ACOSFN

ALBERO DELLE PROCEDURE ORGANIZZATIVE ACOSFN POS 1/09 Allegato 5 Rev. n. 0 del 02/07/2009 Pag. 1 ALBERO DELLE PROCEDURE ORGANIZZATIVE ACOSFN (revisione 0 del 02/07/2009) 1. ACCESSO DEL PAZIENTE 1.1. LISTE D ATTESA 1.1.1. Registri liste d attesa per

Dettagli

2 Forum Risk Management - Special Focus "Filiera tecnologica del Farmaco Arezzo, 30 Novembre 2007

2 Forum Risk Management - Special Focus Filiera tecnologica del Farmaco Arezzo, 30 Novembre 2007 Arezzo, 30 Novembre 2007 1 Realizzazione 1927-1930 Tipologia: a padiglioni Posti letto: 897 Abitanti Provincia di Bergamo: 940.000 Attività 2006 Ricoveri Ordinari: 37.921 Ricoveri in Day Hospital: 17.934

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO

PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDRIO Centralino tel 0342.521111 Ufficio Protocollo fax 0342.521024 Direzione Medica tel 0342.521030 fax 0342.521368 Ufficio Cartelle Cliniche tel 0342.521366 direzionemedica.so@aovv.it

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO

PRESENTAZIONE DEL CORSO AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA DIPARTIMENTO SPECIALITA MEDICO CHIRURGICHE, SCIENZE RADIOLOGICHE E SANITA PUBBLICA PRESENTAZIONE

Dettagli

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore

Allegato E. Allegato F. Allegato G. Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Allegato E Ruolo del partecipante Partecipante Relatore Codice P R Allegato F Professione Codice Medico chirurgo 1 Odontoiatra 2 Farmacista 3 Veterinario 4 Psicologo 5 Biologo 6 Chimico 7 Fisico 8 Assistente

Dettagli

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo.

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. (Organizzazione Mondiale della Sanità) Il progetto Accettazione

Dettagli

GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO. Dr. P. Vivoli. U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M.

GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO. Dr. P. Vivoli. U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M. PNEUMOLOGIA TERRITORIALE GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO Dr. P. Vivoli U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M. Biagini E in costante aumento il numero di pazienti

Dettagli

Attività condotte dall U.O Risk Management e Valorizzazione SDO dal 01 gennaio al 31 Dicembre 2013

Attività condotte dall U.O Risk Management e Valorizzazione SDO dal 01 gennaio al 31 Dicembre 2013 Direzione Sanitaria di Presidio U.O.S. Risk Management e valorizzazione SDO (Responsabile : Dott. Alberto Firenze) Attività condotte dall U.O Risk Management e Valorizzazione SDO dal 01 gennaio al 31 Dicembre

Dettagli

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA AZIENDA OSPEDALIERA GUIDO SALVINI GARBAGNATE MILANESE Direzione Generale Ufficio Marketing e Comunicazione Relazioni con il Pubblico Tel. 2/994326 Fax 2/9943278 E-mail: marketing@aogarbagnate.lombardia.it

Dettagli

Formazione Residenziale

Formazione Residenziale Formazione Residenziale ALIAS SRL 2806 95028 1 Ragione Sociale: Id Provider: Evento n Edizione n Si tratta di un Progetto Formativo Aziendale (PFA)? NO L'evento tratta argomenti inerenti l'alimentazione

Dettagli

Linee Guida. Organizzazione Area Pronto Soccorso. 4.3 Tipologie di consulenze e servizi diagnostico/terapeutici disponibili/presenti nell'azienda

Linee Guida. Organizzazione Area Pronto Soccorso. 4.3 Tipologie di consulenze e servizi diagnostico/terapeutici disponibili/presenti nell'azienda REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo e Campo di applicazione 2. Funzionigramma e Responsabilità 3. Destinatari 4. Definizioni e Tipologie delle attività 4.1 Definizione ed obiettivi dell 4.2 Tipologie di

Dettagli

III AVVISO DI RETTICA E PRECISAZIONI.

III AVVISO DI RETTICA E PRECISAZIONI. BANDO DI GARA APPALTO ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI E VERSO I PRESTATORI DI LAVORO ASL 7 CARBONIA CIG 026398467B III AVVISO DI RETTICA E PRECISAZIONI. Si informa che l ASL n. 7

Dettagli

Autori: dr. Giacomo Benedetti Resp. S.S. Anziani e Residenze D 2 dr.ssa Cristina Montesi Resp. S.S. Cure Ambulatoriali e Domiciliari D 3 dr.

Autori: dr. Giacomo Benedetti Resp. S.S. Anziani e Residenze D 2 dr.ssa Cristina Montesi Resp. S.S. Cure Ambulatoriali e Domiciliari D 3 dr. PREVENZIONE E GESTIONE DEL PAZIENTE CON COLONIZZAZIONE o INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI Autori: dr. Giacomo Benedetti Resp. S.S. Anziani e Residenze D 2 dr.ssa Cristina Montesi Resp. S.S. Cure Ambulatoriali

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

Day Surgery: il prima ed il dopo

Day Surgery: il prima ed il dopo S.I.C.A.D.S. Società Italiana di Chirurgia Ambulatoriale e Day Surgery Tour EMILIA ROMAGNA 2008 Day Surgery: il prima ed il dopo Coordinatore Scientifico: Dott. Giuseppe Cassetti Reggio Emilia, 5 luglio

Dettagli

Infezioni Ospedaliere: proposta per un progetto regionale in Toscana

Infezioni Ospedaliere: proposta per un progetto regionale in Toscana Infezioni Ospedaliere: proposta per un progetto regionale in Toscana A partire dal gennaio 2002 l Agenzia Regionale di Sanità e, in particolare, l Osservatorio per la Qualità, ha avviato un progetto per

Dettagli

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 1 RIANIMAZIONE 2014 RICHIESTE INDAGINI BATTERIOLOGIA indagine neg pos tot indagine neg pos tot ANTIGENE ADENOVIRUS 4 0 4 PROTESI 7 3 10 ANTIGENE CLOSTRIDIUM DIFFICILE 5

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE FORMAZIONE INTERDIPARTIMENTALE Economico-Finanziario Tecnologico Emergenza Anestesia e Rianimazione Ortopedia Immagini, Patologia Clinica, Medicina,

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Linee guida per il Controllo di gestione della ASL e delle Aziende Ospedaliere Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Presidi ospedalieri ASL PRESIDIO OSPEDALIERO AZIENDALE NTRO DI COSTO DENOMINAZIONE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale Il rischio infettivo connesso alla struttura ospedaliera Pietro Caramello Malattie Infettive A Malattie Infettive A,

Dettagli

Via Messina 829 95126 Catania

Via Messina 829 95126 Catania REGIONE SICILIANA Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Riferimento Regionale di III Livello per l Emergenza Ufficio Relazioni con il Pubblico - e di Pubblica Tutela dell Utente e-mail:urp@ospedale-cannizzaro.it

Dettagli

Relatore: Dott. Antonio Maddalena

Relatore: Dott. Antonio Maddalena L organizzazione delle Cure Domiciliari di III livello e delle Cure Palliative nella Asl Napoli 1 Centro. Un modello di integrazione tra Ospedale e Territorio Relatore: Dott. Antonio Maddalena U.O.C. Integrazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna.

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Parenti Mita mparenti@regione.emilia-romagna.it Pagina 1 - Curriculum vitae di Parenti Mita ESPERIENZA

Dettagli

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali.

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail

Dettagli

AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE

AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC Residenzialità extraospedaliera (17 Centri Servizi, SVP,

Dettagli

ASL 3 Genovese Via Bertani 4 16125 Genova

ASL 3 Genovese Via Bertani 4 16125 Genova ASL 3 Genovese Via Bertani 4 16125 Genova CURRICULUM VITAE DOTT. Bersini Mauro INFORMAZIONI PERSONALI Nome BERSINI MAURO Data di nascita 19/05/1946 Qualifica MEDICO CHIRURGO Amministrazione ASL 3 GENOVESE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA LEPRATTO Indirizzo ASL AL SEDI DI OVADA E ACQUI TERME Telefono 0143/826402-0144 777374 Fax 0143 /826404-0144

Dettagli

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica protocollo terapeutico elaborato ed adottato protocollo terapeutico in Medicina ERI - Medicina

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento Corso di Formazione aziendale: SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA A.S.L. CASERTA Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Dettagli

DOTAZIONE ORGANICA ASL AL

DOTAZIONE ORGANICA ASL AL DOTAZIONE ORGANICA ASL AL DIRIGENZA DIRIGENTE MEDICO CON INCARICO S.C. MEDICO S.C. ANATOMIA PATOLOGICA 1 MEDICO S.C. ANESTESIA E RIANIMAZIONE 2 MEDICO S.C. CARDIOLOGIA 2 MEDICO S.C. CHIRURGIA GENERALE

Dettagli

Le infezioni della cute e dei tessuti molli (SSTIs,

Le infezioni della cute e dei tessuti molli (SSTIs, Le Infezioni in Medicina, Suppl. 4, 58-63, Analisi delle linee guida esistenti per il trattamento delle infezioni della cute e dei tessuti molli Analysis of current guidelines for the treatment of skin

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M Pagina 1 di 6 Pagina 1 - Curriculum vitae di F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome MASTROIANNI ALESSANDRO Data e Luogo di nascita RECALE

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA

ESPERIENZA LAVORATIVA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail ARIOTTI MARCO Marco.ariotti@aslto1.it Nazionalità Italiana Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA dal 01/03/1998 ASL To 1 TORINO - Cure Domiciliari

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO. D. Ballardini, M. Bonfanti

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO. D. Ballardini, M. Bonfanti SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE- REGIONE PIEMONTE Azienda Sanitaria Locale 3 Cso. Svizzera, 164 10149 TORINO Telef. 011/4393111 Codice Fiscale 03127980013 U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO TITOLO TIPO

Dettagli

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika.

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika. METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA SOMMARIO PRESENTAZIONE DEL SISTEMA METROLOGIKA - Introduzione - Il carico socio economico delle infezioni ospedaliere - Stime dei tassi di infezioni (ICA) correlate

Dettagli

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax Iscrizione Generale Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome Via N CAP Comune Provincia Email Tel. Cell. Fax Desidero partecipare alle giornate del 25 26 27 28 Novembre 2014 Iscrizione ECM (L iscrizione è obbligatoria

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI 1 CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI Diploma di Maturità Tecnica (1988) Istituto Tecnico Margherita di Savoia di Roma TITOLI PROFESSIONALI

Dettagli

EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE: TERAPIA ANTIFUNGINA: CONFRONTO CON GLI ESPERTI N.ECM 106-108711 INFORMAZIONI DI DETTAGLIO SUL PROGRAMMA FORMATIVO

EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE: TERAPIA ANTIFUNGINA: CONFRONTO CON GLI ESPERTI N.ECM 106-108711 INFORMAZIONI DI DETTAGLIO SUL PROGRAMMA FORMATIVO EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE: TERAPIA ANTIFUNGINA: CONFRONTO CON GLI ESPERTI N.ECM 106-108711 INFORMAZIONI DI DETTAGLIO SUL PROGRAMMA FORMATIVO TIPOLOGIA EVENTO E ACCREDITAMENTO Evento Residenziale (RES).

Dettagli

informa@pec.polime.it

informa@pec.polime.it Direzione Direttore Generale A.O.U. direttore.generale@pec.polime.it Segreteria Direzione Generale A.O.U. segr.direzionegenerale@pec.polime.it Direzione Staff Direzione Generale dir.staffdg@pec.polime.it

Dettagli

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE La Golden Hour nel Trauma Maggiore: percorso clinico-assistenziale

Dettagli