ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2"

Transcript

1 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio infettivo ASL2 1

2 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 CRONOLOGIA DEL C.I.O Viene costituito il primo C.I.O. responsabile per la lotta alle I.O Viene ricostituito il C.I.O. per l Ospedale S. Paolo Savona 1996 Viene ricostituito il C.I.O. per i presidi ospedalieri della ASL Venivano modificati e integrati i componenti del C.I.O integrazione del C.I.O. con la COMMISSIONE per il RISCHIO BIOLOGICO 2

3 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dr. Luca Garra, Responsabile S.S. Epidemiologia e Programmazione Sanitaria COMPONENTI C.I.O. ASL 2 Dr.ssa Antonella Piazza, Direttore Presidio Ospedaliero di Savona e Cairo M.tte Dr. Vincenzo Furfaro, Direttore Presidio Ospedaliero di Alberga Dr. Alessandro Farris, Direttore U.O. Dermatologia Dr. Claudio Vaira, Dirigente Medico U.O. Anestesia e Rianimazione Ing. Franco Traverso, Dirigente Responsabile U.O. Impianti e Apparecchiature Dr. Marco Dagnino, Responsabile S.S. Medicina del Lavoro Dr. Giuseppe Calcagno, Responsabile S.S. Prevenzione Rischio Infettivo Dr. Ilario Caristo, Dirigente Medico U.O. Chirurgia Ospedale di Savona Dr.ssa Donatella Marenco, Dirigente Medico U.O. Medicina Ospedale di Cairo M.tte Dr.ssa Patrizia Marcato, Dirigente Farmacista Dr.ssa Rosalba Bona, Dirigente Biologa Laboratorio Analisi Sig. Giovanni Iraldo, Ufficio Gestione Tecnica Aziendale Sig.ra Sabrina Penazzo, Infermiera (I.C.I.) Direzione Sanitaria Ospedale di Savona Sig.ra Margherita Vizio, Infermiera (I.C.I.) Direzione Sanitaria Ospedale di Savona Sig.ra Franca Rudasso, Infermiera Direzione Sanitaria Ospedale di Albenga Sig.ra Renza Sobrero, Infermiera Direzione Sanitaria Ospedale di Cairo M.tte 3

4 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 AMBITI FUNZIONALI o SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA o PREVENZIONE o FORMAZIONE 4

5 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA o STUDI EPIDEMIOLOGICI DI SORVEGLIANZA LOCALE o SORVEGLIANZA MICROBIOLOGICA o GESTIONE EVENTI EPIDEMICI 5

6 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 STUDI EPIDEMIOLOGICI DI SORVEGLIANZA LOCALE 6

7 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 SORVEGLIANZA INFEZIO NE DA CLO STRIDIUM DIFFICILE ANNO 2003 ESAMI TOTALI RICHIESTI N. 905 POSITIVI 62 NEGATIVI 843 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALIS I MALATTIE INFETTIVE 120 POSITIVI NEGATIVI GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 7

8 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALIS I MALATTIE INFETTIVE SORVEGLIANZA DELL'INFEZIONE DA COSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ANNO ,0 0 % 9,00% 8,00% 7,00 % 6,00% 5,00 % 4,00% 3,00% 2,00% 1,0 0 % 0,00% GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE MED II MED I TRAUMA MAL. INFETT. NEUROLOGIA NEFRO AS T. P.S. CHIR. RIANIM. GAS TROENTER. DIALIS I DERMA 8

9 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 Nefrologia 8% Chirurgia 6% ISOLATI CLOSTRIDIUM DIFFICILE ANNO 2003 Rianimo 5% Medicina Mal. Inf. Nefrologia Chirurgia Rianimo Mal. Inf. 21% Medicina 60% 9

10 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 Antibiotici usati prima della infezione da C. Difficile Carbapen. 9% Glicop. 6% Altro 3% SORVEGLIANZA DELL'INFEZIONE DA COSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ANNO 2003 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE Betalatt. 46% 10,0 0 % CTX 15% 9,00% 8,00% 7,00 % 6,00% 5,00 % 4,00% 3,00% 2,00% 1,0 0 % 0,00% GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE Chinoloni 21% MED II MED I TRAUMA MAL. INFETT. NEUROLOGIA NEFRO AST. P.S. CHIR. RIANIM. GAS TROENTER. DIALIS I DERMA Betalatt. Chinoloni CTX Carbapen. Glicop. Altro 10

11 10,00% 9,00% 8,00% 7,00% 6,00% 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% 1,00% 0,00% SORVEGLIANZA DELL'INFEZIONE DA COSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ANNO 2003 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE MED II MED I TRAUMA MAL. INFETT. NEUROLOGIA NEFRO AST. P.S. CHIR. RIANIM. GAS TROENTER. DIALIS I DERMA ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE SORVEGLIANZA INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE ANNO 2004 ESAMI TOTALI RICHIESTI N.794 POSITIVI N. 30 NEGATIVI N POSITIVI NEGATIVI GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 11

12 10,00% 9,00% 8,00% 7,00% 6,00% 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% 1,00% 0,00% SORVEGLIANZA DELL'INFEZIONE DA COSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ANNO 2003 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE MED II MED I TRAUMA MAL. INFETT. NEUROLOGIA NEFRO AST. P.S. CHIR. RIANIM. GAS TROENTER. DIALIS I ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 6,0% 5,0% 4,0% 3,0% 2,0% 1,0 % 0,0% SORVEGLIANZA INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ANNO 2004 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE MED II MED I TRAUMA MAL. INFETT. NEUROLOGIA NEFRO UROLOGIA GINECOLOGIA AST. P.S. CHIR. RIANIM. GASTROENTER. DIALIS I DERMA 12

13 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 SORVEGLIANZA INFEZIONI DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE ANNI positivi negativi altro

14 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 SORVEGLIANZA INFEZIONI DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE ANNO POSITIVI NEGATIVI ALTRO GENNAIO 2 3 FEBBRAIO 1 2 MARZO 1 APRILE MAGGIO 1 5 GIUGNO 6 3 LUGLIO 1 7 AGOSTO SETTEMBRE 5 OTTOBRE 9 9 NOVEMBRE 6 4 DICEMBRE U.O. DIREZIONE MEDICA LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE 14

15 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL2 SORVEGLIANZA INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE PERCENTUALE POSITIVITA' PER REPARTO ,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE 1,0% 0,5% 0,0% MED 2 MED1 TRAUMA ISOL NEURO CHIR RIANIM. GASTRO NEFRO MICI U.O. DIREZIONE MEDICA LABORATORIO 15 ANALISI MALATTIE INFETTIVE

16 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 SORVEGLIANZA MICROBIOLOGICA A PARTENZA DAI DATI DI LABORATORIO 16

17 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 DAL 2000 DIVULGAZIONE SEMESTRALE DI REPORT AD OGNI U.O. PER CREARE TRA CLINICO- MICROBIOLOGO-INFETTIVOLOGO UN FEEDBACK EFFICACE ALLA PREVENZIONE DELLE I.O. 17

18 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 DUBBI COME EVITARE CHE FINISCA IN UN CASSETTO SENZA CHE NESSUNO ABBIA LETTO IL REPORT? 18

19 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 DUBBI SCADENZE DEFINITE? ANNUALI? SEMESTRALI? TRIMESTRALI? SCHEMATICI? RESISTENZE A MICROORGANISMI? NON SEMPRE RISPONDENTI ALLE ESIGENZE DEL CLINICO? 19

20 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 SPERANZE OTTENERE PER CIASCUNA U.O. UNA MAPPATURA DELLA POPOLAZIONE BATTERICA PRESENTE AL FINE DI OTTIMIZZARE I COMPORTAMENTI, DECISIONI TERAPEUTICHE E RILEVARE L EVENTUALE AUMENTO DELL ANTIBIOTICO-RESISTENZA 20

21 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 SPERANZE RESPONSABILIZZARE INDIVIDUANDO UN REFERENTE MEDICO E UN REFERENTE INFERMIERISTICO LE ESIGENZE DI OGNI U.O. 21

22 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 STHAPHYLOCOCCUS AUREUS METICILLINA RESISTENZA ANNO % 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1 SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL

23 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE STAPHYLOCOCCUS EPIDERMIDIS METICILLINA RESISTENZA ANNI % 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1 SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL SEM ISOL

24 ENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE METICILLINA RESISTENZA ANNI % 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1 SEM SEM SEM SEM SEM SEM: SEM SEM: 2004 STAPH. AUREUS STAPH. EPIDER. 24

25 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 1 SEMESTRE 2005 Resistenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS AUREUS NUMERO ISOLATI ,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 25 Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/Dalfopr Oxacillina Mic Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G

26 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 2 SEMESTRE 2005 Resistenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS AUREUS NUMERO ISOLATI ,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 26 Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/Dalfopr Oxacillina Mic Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G NUMERO ISOLATI 252

27 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 0,9 1 SEMESTRE 2006 Resistenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS AUREUS NUMERO ISOLATI SEMESTRE 2006 Resitenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS AUREUS NUMERO ISOLATI 227 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 0 Ciprofloxacina Penicillina G Eriromicina Clindamicina Acido Fusidico Fosfomicina Levofloxacin Gentamicina Moxifloxacin Linezolid Meticillina Norfloxacina Nitrofurantoin Teicoplanina Rifampicina Tobramicina Tetraciclina Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. U.O. DIREZIONE MEDICA MALATTIE INFETTIVE LABORATORIO ANALISI 27

28 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 ISOLAMENTO STAPHYLOCOCCUS AUREUS 2 SEMESTRE 2006 NUMERO ISOLATI % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 28 Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/Dalfopr Oxacillina MIC Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G

29 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 1 SEMESTRE 2005 Resistenza antibiotici:staphylococcus EPIDERMIDIS NUMERO ISOLATI 130 C.1.O. U.O. LABORATORIO ANALISI I MALATTIE INFETTIVE DIREZIONE MEDICA 100,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 29 Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/Dalfopr Oxacillina Mic Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G

30 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 C.I.O. U.O. LABORATORIO ANALISI 2 SEMESTRE 2005 MALATTIE INFETTIVE Resistenza antibiotici:staphylococcus EPIDERMIDIS DIREZIONE MEDICA NUMERO ISOLATI ,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 30 Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/Dalfopr Oxacillina Mic Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G

31 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 100% 1 SEMESTRE 2006 Resistenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS EPIDERMIDIS NUMERO ISOLATI141 1 SEMESTRE 2006 Resistenza antibiotici: STAPHYLOCOCCUS EPIDERMIDIS NUMERO ISOLATI % 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Meticillina Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G Vancomicina Trimetoprim/Sulfam. U.O. DIREZIONE MEDICA LABORATORIO ANALISI MALATTIE INFETTIVE 31

32 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 ISOLAMENTO STAPHYLOCOCCUS EPIDERMIDIS 2 SEMESTRE 2006 NUMERO ISOLATI % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 32 Vancomicina Trimetoprim/S Tobramicina Tetraciclina Teicoplanina Rifampicina Chinupristin/D Oxacillina MIC Norfloxacina Nitrofurantoin Moxifloxacin Linezolid Levofloxacin Gentamicina Acido Fusidico Fosfomicina Eriromicina Clindamicina Ciprofloxacina Penicillina G

33 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL ^ Sem ^ Sem ^ Sem ^ Sem.2006 Isolati Isolati Staphilococcus aureus meticillino - resistenza Staphiloccoccus epidermidis meticillino - resistenza 33

34 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1 SEMESTRE 2006 Sensibilità antibiotici: PSEUDOMONAS AERUGINOSA Altri Reparti NUMERO ISOLATI Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Ticarcillina/A.CLAV. Ticarcillina Piperacillina/Tazoba Ofloxacina Norfloxacina Nitrofurantoin Netilmicina Acido Nalidixico Imipenem Gentamicina Ciprofloxacina Ceftazidime Cefoxitina Cefotaxime Cefalotina Ampicillina Amoxicillina/A: CLAV: Amikacina

35 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Resistenza antibiotici: PSEUDOMANAS AERUGINOSA 2 SEMESTRE 2006 NUMERO ISOLATI Trimetoprim/Sulfam. Tobramicina Ticarcillina/A.CLAV. Ticarcillina Piperacillina/Tazoba Ofloxacina Norfloxacina Nitrofurantoin Netilmicina Acido Nalidixico Imipenem Gentamicina Ciprofloxacina Ceftazidime Cefoxitina Cefotaxime Cefalotina Ampicillina Amoxicillina/A:CLAV: Amikacina

36 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 GESTIONE EVENTI EPIDEMICI 36

37 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 EPIDEMIA IN NEONATOLOGIA NEL

38 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 EPIDEMIA IN NEONATOLOGIA NEL ^ CASO: T.K. NATO IL 18/11/2004 INFEZIONE SALMONELLA GRUPPO D IL 22/11/04 2^ CASO: T.K NATO IL 18/11/2004 INFEZIONE SALMONELLA GRUPPO D IL 27/11/04 3^ CASO: R.M.R NATA IL 14/11/2004 INFEZIONE SALMONELLA GRUPPO D IL 26/11/04 4^ CASO: C.D.G INFEZIONE SALMONELLA GRUPPO D IL 02/12/05 NATO IL 29/11/2004 5^ CASO: C.J. 38 NATO IL 17/11/2004 INFEZIONE SALMONELLA GRUPPO D IL 25/11/05

39 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 PROBABILE FONTE DI INFEZIONE: K.JJ.(MADRE DI T.K. E T.K.) RICOVERATA IL 17/11/

40 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 PROBABILE FONTE DI TRASMISSIONE: LENZUOLI NON MONOUSO 40

41 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 CORRIDOIO NIDO VISIVA PARENTI VISIVA PARENTI FILTRO IMMATURI NURSERY DEPOSITO PULITO ISOLATI 41

42 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 P R E V E N Z I O N E 42

43 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 DELIBERA DEL D.G. 03/06/1999 APPROVAZIONE PROTOCOLLI COMPORTAMENTALI: DISINFETTANTI E ANTISETTICI PREVENZIONE INFEZIONI FERITA CHIRURGICA ULCERE DA DECUBITO GESTIONE DELLE ESPOSIZIONI A RISCHIO DI INFEZIONE DA HIV 43

44 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 DELIBERA DEL D.G. 22/10/2001 PROTOCOLLI ANTIBIOTICO - PROFILASSI CONDIVISE CON I DIRETTORI DELLE U.O. CHIRURGICHE 44

45 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 INTRODUZIONE DI MODULISTICA PER MIGLIORARE APPLICAZIONE ANTIBIOTICO - PROFILASSI 45

46 Cognome Nome. Data di nascita Codice nosografico Unità operativa.. Data dell intervento... Tipo di intervento.. FARMACO VIA SOMM. DOSE NUOVA DOSE 2^DOSE Profilassi post - operatoria SI NO Note e osservazioni Firma del medico prescrittore Riservato all anestesista. Orario di inizio intervento..orario di fine intervento. Orario delle somministrazioni 1^ dose 2^ dose 3^ dose Note e osservazioni Firma dell anestesista

47 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 LINEE GUIDA LOCALI IN ANTIBIOTICOTERAPIA LINEE GUIDA PER C.A.P. BPCO I.V.U. CELLULITI PRONTUARIO TERAPEUTICO RICHIESTA MOTIVATA PER ALCUNI ANTIBIOTICI CONSULENZA INFETTIVOLOGICA PER RICHIESTA DI ALCUNI ANTIBIOTICI 47

48 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 ANTIBATTERICI PER USO SISTEMICO OSPEDALE S.PAOLO ANNO 2006 ANNO 2005 SPECIALITA ANTIBIOTICI (ESCLUSO AIDS) INCIDENZA ANTIBIOTICI/ SPECIALITA 22% 27% 48

49 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 FORMAZIONE 49

50 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 I CONGRESSO REGIONALE Presentazione dati Corso di aggiornamento LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI LEGATE ALLE PRATICHE ASSISTENZIALI periodo temporale aprile-dicembre

51 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL partecipanti Assistenti Sanitari Educatori Fisioterapisti Medici Ostetriche Tecnici Laboratorio Tecnici Radiologia Infermieri Altre figure

52 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 Provenienza 26% Ospedale Territorio 74% 52

53 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 Partecipanti Ospedale divisi per aree ( 868) 16% 29% 24% Area chirurgica Area medica Area servizi DEA 31% 53

54 ESPERIENZE DEL C.I.O NELLA ASL 2 INDAGINE DI PREVALENZA I.O. PARTECIPAZIONE STUDIO INF-NOS

55 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 STUDIO INF-NOS N. PAZIENTI SORVEGLIATI 2958 (30 CENTRI) 131 (SV) N. PZ CON PROFILASSI CHIRURGICA NEI GIORNI PRECEDENTI 40 (13%) 1 (6%) STESSO GIORNO 170 (58%) 8 (53%) NEI GIORNI SUCCESSIVI ALL INTERVENTO 12 ( 4%) 4 ( 26%) NON REGISTRATO 68 (23%) 2 (13%) 55

56 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 STUDIO INF-NOS N. PAZIENTI SORVEGLIATI 2958 (30 CENTRI) 131 (SV) N. PZ TRATTATI CON UNA TERAPIA ANTIBIOTICA 1339 (45%) 62 (47%) TERAPIA INFEZIONI IN ATTO: UN SOLO ANTIBIOTICO 412 (59%) 28 (75%) ASSOCIAZIONE 287(41%) 9 (24%) TERAPIA INFEZIONE NON PIU IN ATTO: 87 5 UN SOLO ANTIBIOTICO 68 (78%) 5 (100%) ASSOCIAZIONE 19 (21%) 0 (0%) PROFILSSI PER ALTRI MOTIVI UN SOLO ANTIBIOTICO 227 (86%) 4 (80%) ASSOCIAZIONE 36 (13%) 1 56 (20%)

57 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 FUNZIONE DEL C.I.O. (CIRCOLARE MINISTERIALE 52 DEL 1985) 1) DEFINIRE STRATEGIA DI LOTTA (sorveglianze, misure preventive, diffusione di informazioni) 2) VERIFICARE L APPLICAZIONE 3) CURARE LA FORMAZIONE DEL PERSONALE Da: Infezioni ospedaliere M.L.MORO

58 ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 CAUSE DI INSUCCESSO DEL C.I.O. 1) GRUPPI DI LAVORO TROPPO AMPI 2) NON SELEZIONE DEI COMPONENTI DEL C.I.O. 3) NON RICONOSCIMENTO DEL C.I.O. A TUTTI I LIVELLI DI AUTORITA E AUTOREVOLEZZA 4) MANCANZA DI PIANO ORGANICO DI LAVORO 5) MANCANZA DI FIGURE CUI AFFIDARE LA REALIZZAZZIONE DEGLI INTERVENTI PROGRAMMATI 58 Da: Infezioni ospedaliere M.L.MORO 1994

59 GRAZIE PER L ATTENZIONE 59

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

LO PSICOLOGO NELLA RIANIMAZIONE APERTA

LO PSICOLOGO NELLA RIANIMAZIONE APERTA Sig.ra Gelsomina Barozzino - CPSE SC Rianimazione e Anestesia Cirié Dott. Marcello Giove Psicologo Servizio di Psicologia Ospedaliera sede di Chivasso e di Ivrea Dott. Bruno Scapino - Responsabile S.S.

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC]

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] Comitato Tecnico Aziendale per il Controllo e la Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere [C.I.O.] Elaborata il:

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. N 336 del 12 GIUGNO 2015

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. N 336 del 12 GIUGNO 2015 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 336 del 12 GIUGNO 2015 Struttura proponente: Servizio Provveditorato ed Economato Oggetto: Fornitura, articolata in lotti, di dispositivi dedicati ai Reni

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Policlinico Santa Maria alle Scotte Il trapianto di rene Percorso assistenziale, intervento e follow up Come contattare il Centro trapianti di rene Il nostro Centro

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere?

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere? Policlinico S.Orsola-Malpighi S.Orsola-Malpighi Policlinico Guida al Trapianto di Polmone Orientarsi Supplemento d informazione a Diario di Bordo - Reg. Tribunale di Bologna n. 6759 del 31/12/97 n. 70

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli