Seconda relazione sulla coesione economica e sociale: conclusioni e raccomandazioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seconda relazione sulla coesione economica e sociale: conclusioni e raccomandazioni"

Transcript

1 Seconda relazione sulla coesione economica e sociale: conclusioni e raccomandazioni 1) OBIETTIVO Analizzare l'evoluzione della coesione economica e sociale e i fattori che vi contribuiscono in una Unione europea a 27 membri e avviare il dibattito sul futuro della politica europea di coesione. 2) ATTO "Unità dell'europa, solidarietà dei popoli, diversità dei territori", secondo rapporto sulla coesione economica e sociale del 31 gennaio 2001 [COM(2001)24 def. - non pubblicato nella Gazzetta ufficiale]. 3) SINTESI La Commissione presenta ogni tre anni una "relazione sui progressi compiuti nella realizzazione della coesione economica e sociale e sul modo in cui i vari strumenti (comprese le politiche comunitarie) vi hanno contribuito" ( art. 159 del Trattato ). Tale relazione "è corredata, se del caso, di appropriate proposte". Presentata in occasione del Forum sulla coesione tenutosi il 21 e 22 maggio 2001 a Bruxelles, tale relazione fa seguito alla prima relazione sulla coesione pubblicata alla fine del 1996 e consente, mediante l'aggiornamento periodico dei dati statistici regionali e nazionali, di seguire l'evoluzione economica e sociale dei territori dell'unione. Poiché i dati relativi ai paesi candidati sono ormai disponibili in quasi tutti i settori, la presente relazione costituisce la prima analisi in assoluto della situazione degli Stati membri e delle regioni dell'unione europea, per quanto riguarda la coesione economica e sociale in un'europa a 27 membri. Fermo restando il calendario e le modalità relative alle future adesioni, il documento presenta inoltre una serie di conclusioni e raccomandazioni, in vista dell'avvio di un dibattito sul futuro della politica di coesione nel contesto dell'unione allargata. Tali conclusioni sono esposte nella presente scheda. L'analisi della situazione degli Stati membri e delle regioni dell'unione europea in materia di coesione economica e sociale mostra che la politica di coesione ha conseguito notevoli successi, visibili soprattutto nelle regioni in ritardo di sviluppo. In vista del 2006, una futura riforma della politica regionale dovrà tenere conto di diversi aspetti: la significativa crescita delle disparità economiche, sociali, territoriali che comporterà l'ampliamento; la globalizzazione degli scambi, l'evoluzione dell'economia europea verso attività fondate sulla conoscenza, i cambiamenti demografici; il necessario rafforzamento del valore aggiunto e della visibilità della politica comunitaria, nonché la garanzia che le altre politiche comunitarie contribuiscano allo sforzo di coesione economica e sociale. Le tematiche e le opzioni esposte in appresso sono destinate a fornire le basi di un vero e proprio dibattito sul futuro della coesione economica e sociale in un'europa allargata, che mirano a orientare più sul contenuto delle politiche che su aspetti esclusivamente finanziari. PROMUOVERE I FATTORI CHE DETERMINANO LA CONVERGENZA

2 La politica comunitaria di coesione sostiene le azioni che possono più sicuramente contribuire alla riduzione delle disparità economiche, sociali e territoriali nell'unione. Poiché un sistema fondato semplicemente su trasferimenti fiscali non è sufficiente, l'unione deve concentrare la propria azione sui fattori di competitività che contribuiscono ad attenuare i profondi squilibri che caratterizzano i territori. La produttività, che dipende tra l'altro dalla qualità delle risorse umane, dalle dotazioni in infrastrutture fisiche e dalla capacità di innovazione, rappresenta un aspetto fondamentale del processo di crescita e di convergenza. Ad esempio, una dotazione sufficiente in infrastrutture fisiche (trasporti, servizi alle imprese) condiziona lo sviluppo economico. Sono proprio gli investimenti nel settore della cultura e delle nuove tecnologie di comunicazione, unitamente alla capacità di innovazione, a costituire la base della crescita a lungo termine in Europa. La politica di coesione dovrà creare le condizioni che consentano alle economie delle regioni in ritardo di sviluppo di beneficiare pienamente delle opportunità del mercato unico. Inoltre, le azioni intraprese a favore della coesione devono ispirarsi a un principio di sviluppo che raccomanda una gestione accorta delle risorse naturali. PRIORITÀ PER LA COESIONE ECONOMICA E SOCIALE Sulla base delle problematiche con le quali deve confrontarsi l'unione, è possibile definire una serie di priorità di ordine economico e territoriale, di cui tiene già conto l'attuale politica di coesione: le regioni meno sviluppate restano la principale priorità della politica di coesione dell'unione, a causa della persistenza delle disparità regionali in termini di reddito e di sviluppo, che verranno ulteriormente accentuate dal processo di ampliamento; la questione urbana è al centro dei cambiamenti economici, sociali e territoriali. Le città rappresentano un potenziale strategico per la coesione e lo sviluppo sostenibile. Devono tuttavia tenere conto dei seguenti aspetti: molteplici disparità interne, pressioni che esercitano sull'ambiente e ruolo che i vettori svolgono per lo sviluppo delle zone vicine; la diversificazione delle zone rurali e le loro relazioni con le zone urbane condizioneranno il loro adeguamento ai cambiamenti in atto. Poiché l'agricoltura non costituisce più un'importante fonte di occupazione, la rivitalizzazione delle zone rurali e il mantenimento della popolazione passano attraverso uno sviluppo rurale favorevole alla nascita di nuove attività competitive, specialmente nel settore terziario; la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale rappresenta una priorità per l'unione, al fine di promuovere l'integrazione e ridurre la frammentazione generata dalle frontiere nazionali. Il processo di ampliamento renderà necessarie nuove azioni transfrontaliere per incoraggiare la cooperazione tra i vecchi e i nuovi Stati membri; le zone in fase di ristrutturazione industriale continueranno a formare oggetto di interventi nell'ambito della futura politica di coesione. Le perdite di occupazione in settori quali l'industria tessile, automobilistica e pesante necessitano di misure di accompagnamento in grado di favorire lo sviluppo di nuove attività; le zone che presentano gravi svantaggi geografici o naturali hanno notevoli difficoltà a integrarsi nell'economia europea, a causa dei conseguenti costi addizionali. Le regioni (ultra)periferiche, le isole e le zone montane non possono inoltre trattenere la popolazione per mancanza di opportunità di sviluppo e dovranno quindi formare oggetto di azioni strutturali. Le priorità della politica di coesione economica e sociale relative alla politica dell'occupazione dovranno sia tenere conto delle problematiche attuali sia anticipare i bisogni futuri. Tali priorità riguardano, in particolare, i seguenti settori: aumento del numero dei posti di lavoro e miglioramento della loro qualità: un'impostazione più strategica nella politica dell'occupazione e la capacità di anticipare i cambiamenti industriali permetteranno di rialzare il debole tasso attuale di creazione di posti di lavoro in seno all'unione; sostenere la nuova economia e la società della conoscenza: al fine di evitare un'eventuale frattura digitale e quindi i rischi di esclusione, è indispensabile rafforzare i sistemi di istruzione, di formazione e di apprendimento durante l'intero arco della vita, nonché l'accesso alla società dell'informazione; favorire l'inserimento sociale e lottare contro un livello di povertà e di esclusione sociale che resta inaccettabile per l'unione europea; promuovere le pari opportunità e combattere tutte le forme di discriminazione che rappresentano uno spreco di talenti. La futura politica di coesione richiede una visione globale e a lungo termine. Nella continuità delle azioni intraprese mediante lo schema di sviluppo dello spazio europeo (SSSE) ( DE ), ( EN ), ( FR ) la Commissione mira a promuovere

3 uno sviluppo equilibrato del territorio comunitario e potrebbe proporre una strategia per lo sviluppo dei territori, come base di una futura politica nel settore. RIORGANIZZARE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA FUTURA POLITICA DI COESIONE ECONOMICA E SOCIALE La riforma dei Fondi strutturali dell'agenda 2000 ha consentito di migliorare il sistema di attuazione della politica europea di coesione. Il nuovo contesto dell'ampliamento, la riformulazione delle priorità e il bisogno di ricerca di una maggiore efficacia richiedono una riflessione supplementare sulle modalità di applicazione della politica. In questa fase, è possibile soltanto affrontare le grandi tematiche e proporre una serie di opzioni. Nel 2004, la terza relazione sulla coesione chiarirà le modalità di attuazione della prossima politica di coesione. I principali aspetti trattati nelle sezioni in appresso riguardano: a) la selezione o la concentrazione di risorse limitate in un'unione allargata; b) la tematica particolare dell'ampliamento nel periodo in corso; c) la politica di coesione dopo il 2006 nell'unione allargata. A - Selezionare risorse limitate in un'unione allargata La futura politica di coesione riguarderà non soltanto le regioni dei futuri Stati membri ma anche quelle dell'unione attuale per le quali sussistono gravi disparità regionali e territoriali. Dovrà essere osservato lo stesso principio di base, ovvero la concentrazione di risorse limitate su un numero ridotto di tematiche di interesse comunitario o di zone geografiche prioritarie, allo scopo di raggiungere la massa critica necessaria per uno sviluppo concreto. È inoltre necessario provvedere ad una riorganizzazione degli interventi. Le regioni in ritardo di sviluppo costituiscono la priorità principale. Il mantenimento del sistema di definizione diretta delle zone rappresenta il metodo più appropriato di concentrazione dei mezzi su tali regioni per motivi di obiettività e di trasparenza. Tale metodo si basa sia sul criterio del prodotto interno lordo (PIL) pro capite (calcolato in termini di standard di potere d'acquisto - SPA) sia sul livello di applicazione dell'intervento (misurato in unità territoriali statistiche - NUTS ). La soglia di ammissibilità per tali regioni è attualmente pari al 75% del PIL pro capite della media comunitaria. In futuro, occorrerà tenere conto di due elementi: per semplice effetto meccanico, l'applicazione di tale criterio in un'unione allargata ridurrebbe di oltre la metà la copertura della popolazione dei 15 compresa nell'obiettivo 1. Quale trattamento riservare alle regioni dei 15 che vedranno migliorare in termini relativi la loro situazione senza tuttavia risolvere i propri problemi? nell'unione allargata, si accentueranno le disparità tra le regioni in ritardo di sviluppo, in alcune delle quali il reddito pro capite corrisponde ad un quarto della futura media comunitaria. È opportuno avviare una riflessione approfondita sui vantaggi e gli svantaggi dei metodi di definizione delle zone ammesse a beneficiare degli interventi strutturali utilizzati durante l'attuale periodo di programmazione: la selezione regionale diretta è utilizzata per gli obiettivi 1 e 2. La Commissione definisce preventivamente un elenco ristretto delle zone ammissibili. Tale sistema permette una concentrazione obiettiva e trasparente degli interventi nelle regioni realmente svantaggiate ma non risulta abbastanza flessibile in caso di evoluzione della situazione socioeconomica delle regioni; la selezione regionale indiretta è utilizzata per le iniziative comunitarie URBAN e LEADER+. I governi nazionali definiscono le zone ammissibili sulla base di criteri fissati preventivamente dalla Commissione. Tale sistema è più flessibile del precedente e potrebbe risolvere alcuni problemi di competenza della Commissione in materia di delimitazione delle zone ammissibili. La condizione in questo caso sarebbe di raggiungere la massa critica consentendo un'utilizzazione efficace delle risorse; la selezione orizzontale si applica all' obiettivo 3. La programmazione delle azioni strutturali rivolte al capitale umano si applica all'insieme del territorio nazionale. Alla luce delle precedenti considerazioni, la solidarietà comunitaria verso le regioni in ritardo di sviluppo potrebbe esprimersi in una delle seguenti quattro modalità: applicazione della soglia attuale del 75% del PIL pro capite, indipendentemente dal numero di paesi che aderiranno. Tale opzione eliminerebbe automaticamente un gran numero di regioni dei 15, cosicché la loro

4 ammissibilità a un futuro aiuto comunitario dipenderebbe dalle priorità e dai criteri di un sostegno diverso da quello fornito alle regioni meno sviluppate; applicazione della soglia attuale del 75% del PIL pro capite con l'istituzione, per le regioni dei 15 che non risulterebbero quindi più ammissibili, di una fase transitoria o di graduale soppressione ("phasing out") tanto più generosa quanto più il PIL pro capite di tali regioni si avvicina alla soglia; fissazione di una soglia di ammissibilità più elevata del 75%, in modo da ridurre o annullare l'effetto automatico di esclusione delle regioni dei 15, senza tuttavia continuare a considerare ammissibili le regioni che non sarebbero più risultate in ritardo di sviluppo in una Unione a 15; definizione di due soglie di ammissibilità, una per le regioni dei 15 e una per quelle dei paesi candidati, che si traducono de facto in due categorie di regioni in ritardo di sviluppo. L'intensità dell'aiuto europeo dipenderebbe dal livello di prosperità di ciascuna regione. Tenuto conto dell'aumento delle disparità di reddito tra le regioni meno sviluppate, potrebbe essere stabilito un tasso di cofinanziamento specifico che tenga conto della prosperità e della capacità di bilancio degli Stati membri meno prosperi. Meritano inoltre di essere affrontati i seguenti ulteriori aspetti: il tasso di occupazione deve completare i criteri utilizzati attualmente (popolazione, prosperità regionale e nazionale, disoccupazione)? qualora si riveli strutturalmente insufficiente, il grado di convergenza reale delle regioni ammissibili, potrebbe figurare tra i criteri di assegnazione delle dotazioni finanziarie? è necessario rafforzare il legame tra assegnazione delle risorse e risultati degli interventi mediante il rafforzamento di bilancio della riserva di efficacia ed efficienza? Le regioni in ritardo di sviluppo non sono le sole a incontrare difficoltà di sviluppo. La politica di coesione dovrà altresì intervenire in altre zone dell'unione che dovranno sempre affrontare significativi mutamenti strutturali. Essendo le risorse disponibili limitate, è necessario concentrare le attività in modo che gli interventi raggiungano una massa critica in grado di esercitare un impatto reale sullo sviluppo dei territori. Per queste altre regioni, il sistema di definizione indiretta delle zone avrebbe il vantaggio di favorire la concentrazione richiesta come testimoniato dall'esperienza delle iniziative comunitarie URBAN e LEADER+. La Commissione definirebbe semplicemente un livello minimo di intensità per l'aiuto pubblico comunitario e nazionale. La programmazione dei diversi settori prioritari verrebbe effettuata sulla base di una dotazione finanziaria per Stato membro stabilita in funzione di adeguati indicatori socioeconomici. Visti i risultati incoraggianti ottenuti nel quadro di specifici interventi strutturali durante il periodo e tenuto conto della loro importanza strategica in vista dell'ampliamento, le regioni frontaliere potrebbero integrare la programmazione generale o "mainstreaming" dei Fondi strutturali. B - La sfida specifica dell'ampliamento per il periodo attuale Per prepararsi all'adesione all'unione europea, i paesi candidati hanno iniziato a familiarizzarsi con la gestione dei Fondi strutturali, in particolare attraverso il programma Phare. Una quota significativa delle risorse di tale programma è stata infatti dedicata a una serie di azioni a medio termine del tipo previsto dall'obiettivo 1 su cui si basa la programmazione del sostegno comunitario a titolo dei Fondi strutturali. La definizione di una politica di sviluppo regionale rappresenta una scoperta per le autorità dei paesi candidati. La strategia decentrata di gestione degli interventi è un fenomeno nuovo che solleva la questione della capacità amministrativa di tali paesi di assorbire e gestire i finanziamenti comunitari. Il processo di aggiornamento amministrativo o "sviluppo istituzionale" svolge pertanto un ruolo fondamentale e persegue diversi obiettivi: definire una politica a livello nazionale mediante la costituzione di un'amministrazione competente e la definizione di adeguate procedure amministrative; sostenere il processo di decentramento attraverso il consolidamento della democrazia, lo sviluppo del partenariato e il rafforzamento dell'efficacia economica; definire una strategia d'intervento a favore della coesione.

5 È ormai estremamente probabile che alcuni paesi candidati diverranno membri dell'unione entro il Nel quadro dell'agenda 2000, il Consiglio europeo di Berlino del 1999 aveva confermato alcune prospettive finanziarie per il periodo che non tenevano conto di tale eventualità. Poiché i paesi candidati devono poter beneficiare degli interventi degli aiuti strutturali dal momento della loro adesione, potrebbe essere preso in considerazione un sistema di transizione o "phasing-in" con aumento progressivo dei trasferimenti. Quale sarà in tal caso la ripartizione delle risorse tra il Fondo di coesione e i Fondi strutturali? Il primo sostituirebbe lo strumento ISPA, mentre i secondi sostituirebbero il programma Phare e lo strumento SAPARD. L'attribuzione al Fondo di coesione di una quota pari a circa un terzo dell'insieme dei futuri fondi comunitari destinati alla coesione sembra giustificata tenuto conto dei bisogni dei paesi candidati in materia di infrastrutture nel settore dei trasporti e dell'ambiente. Inoltre, contrariamente ai Fondi strutturali, il Fondo di coesione implica una gestione per progetto che sembra più adeguata per le amministrazioni ancora prive di esperienza in materia di programmazione e gestione dei fondi comunitari. Infine, permette un tasso di cofinanziamento elevato senza imporre l'applicazione del principio di addizionalità. C - La politica di coesione dopo il 2006 in una Unione allargata Le riforme strutturali dell'agenda 2000 hanno rafforzato il decentramento, promosso il partenariato e la valutazione, nonché una gestione e un controllo finanziario rigorosi basati su una più chiara suddivisione delle responsabilità tra gli Stati membri e la Commissione. Se la prossima relazione sulla coesione analizzerà approfonditamente l'impatto di tali evoluzioni sulla politica di coesione, già da ora è possibile individuare alcuni aspetti salienti: il decentramento del processo decisionale si applica sempre più spesso alle politiche nazionali e comunitarie. Attraverso il partenariato, dovrebbe essere rafforzato il ruolo delle autorità regionali e locali e degli attori locali, soprattutto mediante una programmazione a livello locale, qualora si riveli pertinente; la programmazione potrebbe svolgersi in due tempi: inizialmente, la Commissione elabora una strategia globale e identifica una serie di priorità di interesse comunitario e successivamente si procede alla programmazione al livello più adeguato (transnazionale, regionale, locale, urbano); l'applicazione del principio di addizionalità, in base al quale i fondi comunitari si aggiungono e non si sostituiscono ai fondi nazionali, potrebbe essere riveduta. Se il suo contributo al valore aggiunto della coesione non deve più essere dimostrato, tale principio si applica al livello nazionale per tutti i programmi caratterizzati da uno stesso obiettivo per cui ne risulterebbe una certa mancanza di trasparenza. Può essere presa in considerazione la possibilità di verificare l'addizionalità a livello del programma piuttosto che a livello di Stato membro, in particolare per le regioni in ritardo di sviluppo; dovrebbe essere rafforzato il legame tra dotazione finanziaria e valutazione dei risultati ottenuti. In un'ottica di maggiore coerenza, il Fondo di coesione e i Fondi strutturali potrebbero integrare un quadro unico. Ad esempio, indipendentemente dalla zona geografica d'intervento, il Fondo di coesione diverrebbe l'unico strumento finanziario di sostegno di investimenti a favore dell'ambiente e delle infrastrutture di trasporto. Quali prospettive finanziarie per la politica di coesione in vista del 2006? La seconda relazione sulla coesione mostra la maggiore necessità di coesione in un'unione allargata. La maggior parte degli interventi finanziari riguarderanno i paesi attualmente candidati ma non potranno ignorare le persistenti difficoltà degli Stati membri attuali. Nel quadro dell'agenda 2000, la proposta iniziale della Commissione mirava a mantenere il livello di sostegno finanziario raggiunto nel 1999 durante il periodo , ovvero una dotazione pari allo 0,46% del PIL dell'unione per attuare la politica di coesione. Il Consiglio europeo di Berlino ha destinato 213 miliardi di euro a favore di interventi strutturali durante tale periodo di sette anni. A tale importo vanno aggiunti gli aiuti di preadesione pari a 3 miliardi di euro annui, gli importi riservati ai paesi che aderiranno entro il 2006, nonché le dotazioni previste per i nuovi Stati membri. L'importo totale corrisponde allo 0,45% del PIL di un'unione allargata nel 2006 a 21 Stati membri. Secondo la normativa finanziaria relativa al periodo , i trasferimenti annui dei Fondi strutturali e di coesione sono limitati ad un massimo del 4% del PIL di ciascuno Stato. Tale limite massimo produrrà importanti conseguenze per i paesi candidati meno prosperi, sia per rispondere allo sforzo di coesione sia per tenere conto della loro capacità di assorbimento dei fondi. L'aiuto alla preadesione, adattato se del caso, dovrebbe proseguire per i paesi che saranno ancora candidati il 1 gennaio 2007.

6 Per ulteriori informazioni in merito alla seconda relazione sulla coesione, si rimanda ai seguenti documenti: relazione integrale, disponibile sul sito INFOREGIO della Commissione; prima relazione intermedia sulla coesione economica e sociale (gennaio 2002). resoconto dei dibattiti che si sono svolti in occasione del Forum sulla coesione (pdf); scheda SCAD+ sulla situazione e le tendenze della coesione economica e sociale durante il periodo ; scheda SCAD+ sui 10 punti del dibattito sul futuro della politica regionale. 4) DISPOSIZIONI D'APPLICAZIONE 5) ALTRI LAVORI Comunicazione della Commissione del 30 gennaio Prima relazione intermedia sulla coesione economica e sociale [COM(2002)46 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]. Questa relazione aggiorna l'analisi sulla coesione economica e sociale, presentata nella seconda relazione sulla coesione del gennaio 2001, e fa un bilancio della situazione per quanto riguarda il futuro della politica regionale dopo il 2006.

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management MASTER IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management Relatore: Francesco Riganti Buongiorno a tutti! Il mio nome è Francesco Riganti Laureato in Scienze Politiche

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ACP-EU JOINT PARLIAMENTARY ASSEMBLY ASSEMBLEE PARLEMENTAIRE PARAIRE ACP-UE Commissione per lo sviluppo economico, le finanze e il commercio ACP-UE/101.868/B 19.3.2015 PROGETTO DI RELAZIONE sul finanziamento

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008)

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) Legge federale sulla politica regionale 901.0 del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il

Dettagli

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA Attuazione finanziaria, situazione al 31 dicembre 2013 Sistema Nazionale di Monitoraggio del Quadro Strategico Nazionale

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Presentazione del VI rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale in Europa 6 ottobre2014 Massimo Sabatini Politiche regionali e

Dettagli

L entità della risorse

L entità della risorse Per l Europa: Becker et al. (2010) mostrano che i sussidi europei hanno accelerato la crescita del PIL pro capite di circa 1-1,5 punti percentuali nel corso di un periodo di programmazione di 7 anni. Busillo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

Le tipologie di finanziamento comunitario

Le tipologie di finanziamento comunitario Le tipologie di finanziamento comunitario Breve introduzione I Programmi Comunitari sono stati creati con l'obiettivo di coinvolgere, attraverso finanziamenti a fondo perduto, il settore pubblico e quello

Dettagli

Tipologie di Azioni attivabili con fondi comunitari

Tipologie di Azioni attivabili con fondi comunitari Tipologie di Azioni attivabili con fondi comunitari Fondi Comunitari Contenuti Tipologia di azioni Programma d'azione integrato per l'apprendimento continuo 2007-2013 Nell ambito di tale programma sono

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea I finanziamenti europei Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Quali fondi? Chi gestisce i fondi europei? COMMISSIONE; 22% PAESI TERZI E ORG INTERNAZ; 2% STATI

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

SEZIONE 1 Introduzione

SEZIONE 1 Introduzione REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE QUADRO SINTETICO DEGLI ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AIUTI DI STATO A FINALITÀ REGIONALE 2014 2020 Direzione Affari della Presidenza, Politiche Legislative e Comunitarie,

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

e delle imprese di servizi 2014/2015 Laurea magistrale in Servizio sociale e politiche sociali Fondi e finanziamenti Tipologie di Fondi Fondi pubblici: derivano dall attuazione di obiettivi politici locali

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 INVESTIMENTO TERRITORIALE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi discussione di Scenari economici n. 20 La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi Alessandra Staderini Servizio Struttura economica, Banca d Italia Roma, 26 giugno 2014 Confindustria,

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia Sintesi dell Accordo di Partenariato con la

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Europa 2020, salute e sociale

Europa 2020, salute e sociale Europa 2020, salute e sociale Breve introduzione L Europa 2020 presenta tre priorità che si rafforzano a vicenda: Crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.12.2013 COM(2013) 882 final ANNEXES 1 to 2 ALLEGATO alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa

L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa N. 34 - L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa La presente nota fornisce un quadro generale e sintetico della programmazione e della

Dettagli

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME)

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Obiettivo Il passaggio dalla programmazione 2007-13 a quella 2014-2020 porterà molti cambiamenti

Dettagli

La riforma delle politiche di coesione e le implicazioni per lo sviluppo rurale. Alessandro Monteleone, INEA

La riforma delle politiche di coesione e le implicazioni per lo sviluppo rurale. Alessandro Monteleone, INEA La riforma delle politiche di coesione e le implicazioni per lo sviluppo rurale Alessandro Monteleone, INEA Roma, 27 luglio 2005 La riforma dei Fondi strutturali e delle politiche di sviluppo rurale Luglio

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Base giuridica Descrizione Per l'attuale periodo di programmazione del FSE (2007-2013), nel 2006 e nel 2007 è stato adottato un nuovo pacchetto di regolamenti. REGOLAMENTO

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Seminario n. 3. Cooperazione e integrazione delle regioni europee. Guida per il dibattito

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Seminario n. 3. Cooperazione e integrazione delle regioni europee. Guida per il dibattito DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE 1. Contesto Seminario n. 3 Cooperazione e integrazione delle regioni europee Guida per il dibattito La seconda relazione sulla coesione ha sottolineato

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

Politiche pubbliche ed europee

Politiche pubbliche ed europee Universtà degli Studi di Ferrara Corso di Storia economica Prof. Laura Ramaciotti Politiche pubbliche ed europee Ugo Rizzo Sommario La politica industriale dell Unione Europea Le politiche industriali

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020.

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020. Assessorat de l éducation et de la culture Assessorato istruzione e cultura Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche comprensive della scuola secondaria di secondo grado comprese le paritarie Réf. n

Dettagli

Fondi strutturali Europei Da Wikipedia

Fondi strutturali Europei Da Wikipedia Fondi strutturali Europei Da Wikipedia I Fondi strutturali sono un complesso di interventi e di linee guida, che si traducono in appositi Regolamenti, ideati e programmati dall'unione Europea per realizzare

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Competitività del Sistema: Ricerca, innovazione e creatività. Regione Lombardia - Delegazione di Bruxelles

Competitività del Sistema: Ricerca, innovazione e creatività. Regione Lombardia - Delegazione di Bruxelles Competitività del Sistema: Ricerca, innovazione e creatività Regione Lombardia - Delegazione di Bruxelles Spesa per ricerca e sviluppo in percentuale del PIL, 2006 3,0% 3,3% 2,6% 1,8% 1,3% UE Obiettivo

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE PRINCIPALI STRUMENTI NORMATIVI VIGENTI DI FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA Ricerca prodotta nell'ambito del progetto Promozione dei prodotti della pesca dell'area della provincia di Palermo e azioni

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006)

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) Siamo nell ultimo anno di programmazione, per cui è normale fare un bilancio dell attività svolta e dell

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

JEREMIE Settembre 2006

JEREMIE Settembre 2006 JEREMIE Settembre 2006 Presentazione Il Il FEI e le le politiche dell Unione Europea JEREMIE Conclusione 2 Il Fondo Europeo per gli Investimenti Creato nel 1994, il FEI fa parte del gruppo BEI ed è l istituzione

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA ed IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DELLE PARI OPPORTUNITA DELLA ROMANIA IN MATERIA DI PROMOZIONE DELL

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca 2FISH: Inclusione delle professioni di servizio alla Pesca nel sistema dell Istruzione e Formazione Grant Contract 517846-LLP-1-2011-1-DK- LEONARDO-LMP Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Politica di coesione 2014-2020

Politica di coesione 2014-2020 Unione europea Politica di coesione Politica di coesione 2014-2020 Investire nella crescita e nell occupazione http://ec.europa.eu/inforegio Sommario 1 Proposte legislative per la politica di coesione

Dettagli

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini

ORIZZONTE 2020. Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020. Renzo Tomellini ORIZZONTE 2020 Il programma quadro di ricerca e innovazione dell'ue 2014-2020 Renzo Tomellini Il quadro politico La strategia 'Europa 2020': indirizzata ad una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7.1 REQUISITI DI ACCESSO La Regione Emilia-Romagna prevede di ammettere ai finanziamenti dell Iniziativa Comunitaria LEADER+ un numero massimo di

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli