QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020"

Transcript

1 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016

2 PREMESSA ESTRATTO DELLA CARTA OLIMPICA: Testo d applicazione della Regola 34 Richiesta per l organizzazione dei Giochi Olimpici - città richiedenti 1.1. Per essere accettata, ogni richiesta di una città per l organizzazione dei Giochi Olimpici deve essere approvata dal CNO del proprio Paese, nel qual caso, la città è considerata città richiedente. 1.2 Ogni richiesta di organizzazione dei Giochi Olimpici deve essere sottoposta al CIO dalle autorità pubbliche competenti della città richiedente con l approvazione del CNO di tale Paese. Le autorità e il CNO devono garantire che i Giochi Olimpici saranno organizzati con l approvazione del CIO e alle condizioni da esso dettate. 1.3 Nel caso in cui ci siano in un Paese più città richiedenti per organizzare i medesimi Giochi Olimpici, una sola città può presentare la propria richiesta, secondo la decisione del CNO del Paese relativo. 1.4 Dal giorno del deposito presso il CIO della richiesta di organizzazione dei Giochi Olimpici, il CNO del Paese della città candidata supervisionerà, e ne sarà congiuntamente responsabile, le azioni e i comportamenti della città candidata per quanto riguarda questa richiesta e, se del caso, la candidatura della città all organizzazione dei Giochi Olimpici. 1.5 Ciascuna città richiedente ha l obbligo di conformarsi alla Carta Olimpica e a ogni altra regola dettata dalla Commissione Esecutiva del CIO così come pure a tutte le norme tecniche emanate dalle Federazioni Internazionali per i loro rispettivi sport. 1.6 Tutte le città richiedenti si conformeranno a una procedura di accettazione delle candidature, condotta sotto l autorità della Commissione Esecutiva del CIO, che determinerà il contenuto di questa procedura. La Commissione Esecutiva del CIO deciderà quali città accettare tra le città candidate. Sulla base della valutazione della Commissione CONI Candidatura Italiana ai XXXII Giochi Olimpici 2020 nominata dalla Giunta Nazionale il 21 ottobre 2009, e ad insindacabile giudizio della Giunta Nazionale, saranno portate all attenzione del Consiglio Nazionale solo le candidature ritenute in possesso di adeguati requisiti.

3 INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Nel 2002, in conformità con la politica del CIO, il Presidente del CIO ha chiesto, da un lato, la revisione del contenuto dei Giochi Olimpici da parte della Commissione per il Programma Olimpico e, dall altro, uno studio delle dimensioni, della complessità e del costo dei Giochi Olimpici, condotto dalla Commissione di Studio dei Giochi Olimpici. Le due commissioni hanno presentato rapporti e raccomandazioni alla Commissione Esecutiva del CIO e alla 4^ Sessione del CIO a Città del Messico nel novembre Le principali decisioni prese e le raccomandazioni emesse sono riassunte nel prosieguo. 1. COMMISSIONE PER IL PROGRAMMA OLIMPICO Il compito della Commissione per il Programma Olimpico è revisionare ed analizzare il programma degli sport, delle discipline e degli eventi, il numero degli atleti in ciascuno sport per i Giochi dell Olimpiade e per i Giochi Olimpici Invernali, al fine di elaborare raccomandazioni sui principi e la struttura del Programma Olimpico per i Giochi Olimpici e i Giochi Olimpici Invernali. Per la prima volta dal 1936, la Commissione per il Programma Olimpico ha eseguito un riesame completo del programma degli sport e ha presentato il suo rapporto alla 4^ Sessione del CIO a Città del Messico, dove la decisione più importante di limitare il numero degli sport a 28, il numero delle prove a 300 e il numero degli atleti a per i Giochi delle Olimpiadi è stata adottata all unanimità. Come menzionato sopra, e tenendo conto del riesame in corso del Programma Olimpico, il programma incluso nella presente Procedura di Accettazione delle Candidature (programma per Pechino 2008) sarà soggetto a cambiamenti per i Giochi della XXXII Olimpiade nel 2020*. Rispetto al programma olimpico di Pechino sono esclusi il baseball e il softball e sono stati inseriti il rugby a 7 e il golf. PRINCIPIO 1 FORMAT DEI GIOCHI Il CIO relativamente all organizzazione dei Giochi Olimpici riafferma i seguenti principi della Carta Olimpica: - I Giochi Olimpici sono attribuiti ad una città ospitante - La durata delle competizioni non supererà i sedici giorni - Solo gli sport praticati sulla neve e sul ghiaccio possono essere considerati sport invernali PRINCIPIO 2 LIVELLO DEI SERVIZI Porre fine alla costante crescita dei livelli di riferimento (benchmark inflation) risultanti dal confronto dei servizi forniti ai Giochi precedenti o in altre manifestazioni importanti. Il livello dei servizi dovrebbe essere di uno standard ragionevole ed essere adattato alle reali necessità di ciascun gruppo di clienti. Livelli di rischio accettabili devono ugualmente essere stabiliti con alcune delle principali parti coinvolte. PRINCIPIO 3 LUOGHI DI GARA E STRUTTURE Ridurre al minimo i costi e massimizzare l utilizzo dei luoghi di gara, di allenamento e altre sedi e garantirne un uso efficiente in termini di tempo, spazio e servizi, tenendo in considerazione le esigenze della Famiglia Olimpica.

4 TEMI I. INTRODUZIONE: MOTIVAZIONE, CONCETTO E OPINIONE PUBBLICA II. III. IV. SOSTEGNO POLITICO FINANZIAMENTO SEDI V. ALLOGGI VI. VII. INFRASTRUTTURA DEI TRASPORTI CONDIZIONI GENERALI, LOGISTICA ED ESPERIENZA

5 PRESENTAZIONE DELLE RISPOSTE ISTRUZIONI Le Città che intendono candidarsi sono invitate a rispondere a 24 domande. Le risposte dovranno essere presentate nel modo più semplice ed economico possibile. 1 - Le risposte dovranno essere presentate su fogli di formato A4 (20,9cm x 29,6cm), con orientamento verticale. 2 - Tutte le risposte dovranno essere redatte in un solo documento. 3 - La risposta a ciascuna domanda dovrà limitarsi a una pagina A4 più una pagina per ciascun allegato richiesto (ad esclusione del Finanziamento in cui si richiede una pagina per budget OCOG e budget esterno OCOG) Numero massimo di pagine: 25 (esclusi la copertina e gli allegati). Il documento dovrà essere predisposto in italiano. 4 - Nessun altra forma di comunicazione o di documento (incluse videocassette, CD ROM o altre pubblicazioni di natura artistica o promozionale) potrà accompagnare le risposte alle domande. 5- Cartine: Le Città che intendono candidarsi devono fornire cinque cartine (vedi allegati) In entrambi i casi, la cartina di base è la stessa, cambiano le informazioni che devono essere sovrascritte su di esse. La cartina di base deve essere una cartina recente della vostra città /regione, su cui sia chiaramente indicata la scala. Tutte le cartine devono essere in formato A3. Cartina A Si tratta di una cartina generale, che rappresenta il vostro concetto dei Giochi non è richiesto alcun codice di colori. Cartina B Si tratta di una cartina generale per illustrare il piano trasporti della candidatura. Sono altresì richieste due cartine Ba e Bb per illustrare il piano trasporti su gomma e quello su ferro. Il seguente codice di colori dovrà essere utilizzato per questa cartina: - Blu: infrastrutture esistenti perfettamente funzionanti - Giallo: infrastrutture previste (contratti firmati/deliberati) - Rosso: infrastrutture supplementari da costruire per i Giochi Olimpici - Verde: infrastrutture esistenti, ma da ristrutturare per i Giochi Olimpici - Arancione: infrastrutture temporanee da allestire per i Giochi Olimpici - Viola: esistenti da allestire Cartina C Si tratta di inserire sulla cartina A gli alberghi che la città può avere a disposizione utilizzando il codice colori come segue : - Blu: alberghi esistenti - Rosso: alberghi in costruzione - Giallo: alberghi previsti già deliberati

6 I. INTRODUZIONE: MOTIVAZIONE, CONCETTO E OPINIONE PUBBLICA 1. INTRODUZIONE: a- Qual è la vostra motivazione principale per ospitare i Giochi Olimpici? 2. CONCETTO: b- Quale sarebbe l impatto e l eredità dei Giochi Olimpici per la vostra città/regione? c- Quali sono le maggiori risorse economiche della vostra città? a- Descrivete brevemente la vostra visione dei Giochi Olimpici nella vostra città/regione. Descrivete dettagliatamente i seguenti aspetti: - Motivazione della scelta dell ubicazione delle principali infrastrutture Olimpiche - benefici previsti durante e dopo i Giochi. Spiegate come la vostra visione dei Giochi si integra nella strategia di pianificazione a lungo termine della vostra città. b-fornite una cartina (A) della vostra città/regione in cui il vostro progetto è sovraimpresso, dandone così una panoramica visiva completa. Questa cartina deve contenere l ubicazione di tutte le principali infrastrutture Olimpiche (luoghi sportivi, Villaggio o Villaggi Olimpico/i, alloggi o Villaggio/i dei Media, Centro Stampa Principale (MPC, Main Press Centre), Centro Internazionale Radiotelevisivo (IBC, International Broadcasting Centre), principale zona alberghiera, principali infrastrutture dei trasporti aeroporto/i, autostrade, stazioni ferroviarie, ecc.) 3. OPINIONE PUBBLICA: a- Qual è in generale l opinione del pubblico nella vostra città/regione e in Italia riguardo al vostro progetto di ospitare i Giochi Olimpici? Se effettuate sondaggi di opinione, vogliate fornirci le seguenti informazioni: Domande poste Area coperta Date del sondaggio Dimensioni del campione Società incaricata per il sondaggio b- Quali sono le obiezioni al vostro progetto? Fornite una descrizione dettagliata. c- Descrivete il tipo di appoggio delibere, ordini del giorno ecc. - dato alla Vostra candidatura da parte delle autorità locali e citate in che modo queste eventualmente parteciperanno e faranno parte del Comitato di Candidatura. 14

7 II. SOSTEGNO POLITICO 4. SOSTEGNO DEL GOVERNO: Il CIO richiede alla città che intende candidarsi il sostegno del governo nazionale, regionale e locale. Il sostegno del Governo sarà richiesto dal CONI successivamente per la città che sarà scelta, unitamente alle garanzie che il CIO richiede: SOSTEGNO DELLA CITTÁ: Si richiede una lettera di garanzia sottoscritta dalle autorità municipali della città nella quale è necessario confermare di avere preso atto delle disposizioni della Carta Olimpica, del Codice Etico, del contratto della città Ospitante e che si sia compreso che qualsiasi impegno preso (anche durante questa fase) sarà vincolante per la città. Si dovrà inoltre dichiarare che verranno presi tutti i provvedimenti necessari affinché la città possa rispettare pienamente i propri obblighi. In questa fase di pre-candidatura la città non può usare i cerchi olimpici e le dizioni correlate, né tanto meno la terminologia di città Applicante o Candidata. 5. FUTURO COMITATO PER LA CANDIDATURA: Se sarete accettati come Città candidata ad ospitare i Giochi Olimpici del 2020, come sarà strutturato e composto il vostro Comitato per la Candidatura? Specificate quali istituzioni, organizzazioni o enti pubblici o privati sarebbero rappresentati nel vostro Comitato per la Candidatura e i loro rispettivi livelli di autorità.

8 6. BUDGET DELLA CANDIDATURA: III. FINANZIAMENTO Se la vostra città sarà accettata come Città candidata ad ospitare i Giochi Olimpici del 2020, descrivete come e da chi sarà finanziata la vostra candidatura. Qual è il budget (in USD) per: Fase I (Domanda per candidarsi) Fase II (Candidatura) N.B. Le città candidate ai Giochi Olimpici 2016 hanno speso circa 40 milioni di euro. 7. BUDGET DEI GIOCHI: Come sarà strutturato il budget dei Giochi (finanziamento privato e/o pubblico)? Nella predisposizione dei progetti di finanziamento dei Giochi Olimpici, bisogna tenere presente che esistono due diversi budget: Il budget dell OCOG: si tratta del budget operativo per l organizzazione dei Giochi Olimpici. I costi per la costruzione, la ristrutturazione delle infrastrutture per le sedi sportive, il Villaggio Olimpico, l IBC e il MPC ed altri progetti per la realizzazione di grandi infrastrutture non devono essere inclusi nel budget dell OCOG, ma nel budget esterno all OCOG. Budget esterno all OCOG: si tratta del budget relativo ai costi per la costruzione o il rifacimento per le principali infrastrutture ed impianti sportivi CONTRIBUTI DEL GOVERNO: Una volta che sarà scelta la città da candidare bisognerà specificare quali impegni finanziari sono stati ottenuti dal governo nazionale, regionale o locale e dalle autorità municipali. E importante ricordare che nella fase successiva, la città scelta, durante la fase della candidatura dovrà ottenere tra l altro, le seguenti garanzie da parte delle autorità pubbliche, che sono fondamentali per il successo della realizzazione dei Giochi Olimpici: L impegno a fornire tutti i servizi di sicurezza, sanitari, doganali ed altri servizi legati al governo, senza costi per il Comitato Organizzatore (OCOG); L impegno a mettere a disposizione dell OCOG tutti i luoghi gara e non di proprietà delle autorità pubbliche, senza costi o a un canone di locazione approvato preventivamente dal CIO; La copertura di un eventuale deficit dell OCOG; L impegno a realizzare e finanziare i progetti di sviluppo delle infrastrutture richieste. 8. POTENZIALE PER GENERARE RICAVI DELL OCOG: Oltre al contributo finanziario che riceverete dal CIO, quali altre entrate ritenete di poter generare? Indicate la fonte, l importo stimato e le informazioni in base alle quali avete effettuato tale stima.

9 A. LUOGHI DI GARA IV. SEDI 9. Rispondere alle seguenti domande utilizzando la Tabella I (vedi modello negli allegati): a- Installazioni sportive esistenti: Indicate le installazioni sportive esistenti, perfettamente funzionanti, che ritenete saranno utilizzate per i Giochi Olimpici. Fornite tutte le altre informazioni richieste nella tabella. b- Installazioni sportive esistenti da allestire: Indicate le installazioni sportive esistenti, ma con necessità di interventi significativi, che ritenete saranno utilizzate per i Giochi Olimpici. Fornite tutte le altre informazioni richieste nella tabella. c- Installazioni sportive da ristrutturare d- Installazioni sportive previste: Indicate le installazioni sportive già previste nei piani e nei finanziamenti, indipendentemente dalla vostra domanda di candidatura per i Giochi Olimpici, che saranno utilizzate per le competizioni Olimpiche. Fornite tutte le altre informazioni richieste nella tabella. Per gli Sport per cui si prevede di utilizzare più impianti, indicarli tutti in successione nella casella relativa N.B. Per tutte le installazioni di cui sopra elencare, ove possibile, l eventuale piano regolatore e- Installazioni sportive supplementari: Indicate le installazioni sportive da costruire per i Giochi Olimpici, non ancora previste nei piani e nei finanziamenti. Fornite tutte le altre informazioni richieste nella tabella. f- Installazioni sportive temporanee da allestire: Indicate le installazioni sportive previste con tecniche costruttive provvisorie, da utilizzate per i Giochi Olimpici e smontare dopo. Fornite tutte le altre informazioni richieste nella tabella. 10. Fornite la Cartina B, Ba, Bb (vedi istruzioni) Si tratta della cartina della vostra città/regione su cui vi chiediamo di indicare l ubicazione dei luoghi di gara elencati nella precedente domanda 9, e quella del Villaggio Olimpico, o dei Villaggi Olimpici se più di uno, dell IBC/MPC e del Villaggio o Villaggi dei Media, utilizzando il codice di colori descritto nelle istruzioni per distinguere tra le installazioni sportive esistenti, da ristrutturare, previste, supplementari, e temporanee.

10 B. LUOGHI NON DESTINATI ALLE GARE. VILLAGGIO/I OLIMPICO/I: a- Descrivete il vostro concetto per il o i Villaggi per gli atleti, nonché i vostri progetti per il loro utilizzo dopo i Giochi Olimpici. N.B. Il Villaggio Olimpico deve ospitare persone. b- Specificate chi finanzierà la costruzione del o dei villaggi per gli atleti. c- Indicate se uno o più villaggi supplementari o altre soluzioni di alloggiamento sono previste o richieste. Descrivete quali sono queste eventuali soluzioni alternative di alloggiamento, ove ve ne siano. Indicate se il progetto del Villaggio Olimpico è già inserito nel piano regolatore della città. CENTRO INTERNAZIONALE RADIOTELEVISIVO (IBC)/CENTRO STAMPA PRINCIPALE (MPC): a- Descrivete il vostro concetto per l IBC e MPC, nonché i vostri progetti per il loro utilizzo dopo i Giochi Olimpici. (Ubicazione, costruzione esistente o nuova, luoghi combinati o separati) N:B: Il Centro Stampa e quello Televisivo occupano uno spazio di mq. b- Specificate chi finanzierà la costruzione dell IBC/MPC. Indicate se il progetto del Villaggio Olimpico è già inserito nel piano regolatore della città.

11 V. ALLOGGI 12. ALBERGHI: Completare la Tabella II (vedere modello negli allegati) indicando il numero di alberghi e di camere d albergo in un raggio di 10km dal centro della città ed in un raggio di -25km e 26-50km dal centro della città. Per le sedi al di fuori della città, indicate il numero di camere d albergo entro 10km dalla sede. Indicate le tariffe medie in vigore nel 2009 per gli hotel a 3, 4 e 5* nel mese dei Giochi, colazione e tasse incluse. N.B. Relativamente al numero di stanze necessarie per ospitare i Giochi, le indicazioni tecniche del CIO richiedono almeno stanze tra 2 e 5 stelle nel raggio di 50 km, nella realtà servono almeno stanze e altri alloggi. In caso di necessità di nuove costruzioni fornire, se esistenti, le garanzie formali, con eventuale iter, sulla realizzazione nei tempi previsti e indicare se sono già inserite nel piano regolatore della città. Si riportano per opportuna informazione i dati relativi alla offerta stanze (di cui è stata presentata lettera di garanzia) riportati nei dossier di candidatura delle città candidate ai Giochi Olimpici 2016: Madrid Chicago Rio de Janeiro Tokyo Potete già designare l albergo del CIO durante i Giochi Olimpici? Cartina C Fornire piantina supplementare per gli alberghi e la loro dislocazione 13. ALLOGGI PER I MEDIA: I rappresentanti dei Media devono essere alloggiati in albergo, ogni volta che ne sussista la possibilità. Nel caso in cui l infrastruttura alberghiera della città ospitante sia insufficiente per rispondere ai bisogni dei media, l OCOG deve fornire un villaggio dei media (o più di uno, in base alla configurazione delle Sedi Olimpiche). Se prevedete di utilizzare uno o più villaggi dei media: a- Descrivete il vostro concetto per il o i villaggi dei media, nonché i vostri progetti per il loro utilizzo dopo i Giochi Olimpici. b- Specificate chi finanzierà la costruzione del o dei Villaggi dei media e indicate se sono già inseriti nel piano regolatore della città.

12 VI. INFRASTRUTTURA DEI TRASPORTI 14. Rispondere alle seguenti domande utilizzando la Tabella III (vedi modello negli allegati): a- INFRASTRUTTURA DEI TRASPORTI ESISTENTE: Indicate l infrastruttura dei trasporti esistente: autostrade e rete delle principali arterie urbane, rete ferroviaria periferica, rete metropolitana e metropolitana leggera. b- INFRASTRUTTURA DEI TRASPORTI PREVISTA: Indicate tutti i progetti di sviluppo dell infrastruttura dei trasporti già previsti, indipendentemente dalla vostra domanda di candidatura, ma che possono influire sull accessibilità alle sedi Olimpiche. c- INFRASTRUTTURA DEI TRASPORTI SUPPLEMENTARE: Indicate l infrastruttura dei trasporti supplementare da costruire che ritenete necessaria per ospitare i Giochi Olimpici. Per ciascuna delle voci di cui sopra, specificate: - Lunghezza e capacità (numero di corsie o strade ferrate) - Come e da chi saranno finanziate (ove applicabile) - Data prevista per la fine dei lavori di costruzione (ove applicabile) Distinguete l infrastruttura dei trasporti all interno della città da quella tra la città e le sedi all esterno. Specificate se questi progetti supplementari sono autorizzati e sostenuti dalle autorità componenti e se sono inseriti nel piano regolatore della città. 15. a- Qual è il principale aeroporto internazionale che intendete utilizzare per i Giochi Olimpici? Fornite la motivazione. b- Quali altri aeroporti intendete utilizzare per i Giochi Olimpici? Fornite la motivazione. c- Per ciascun aeroporto che intendente utilizzare, indicate la capacità (numero di piste d atterraggio, numero di porte d imbarco, capacità del terminal passeggeri), distanza dal centro della città e collegamenti, esistenti e previsti, con i trasporti pubblici al centro della città. 16. Fornite la Cartina B (vedi istruzioni) Si tratta della cartina della vostra città/regione, su cui vi chiediamo di indicare tutte le infrastrutture dei trasporti elencate nella domanda 15, utilizzando il codice di colori descritto nelle istruzioni per distinguere tra le infrastrutture dei trasporti esistenti, previste e supplementari. (Accertatevi che il principale aeroporto internazionale sia indicato su questa cartina) B/a B/b piantina trasporti su gomma piantina trasporti su ferro 17. Quali sono attualmente le difficoltà nel settore dei trasporti che la vostra città deve affrontare e come intendete superarle nel corso dei Giochi? 18. TRASPORTI: Completate la Tabella IV (vedi modello negli allegati). Indicate tutte le distanze (in km) e i tempi di percorrenza nel 2009 (in minuti) con l itinerario più idoneo in autobus. Se esiste un collegamento

13 ferroviario, aggiungete tra parentesi (treno) per il corrispondete collegamento. VII. CONDIZIONI GENERALI, LOGISTICA ED ESPERIENZA 19. DATE DEI GIOCHI OLIMPICI: 20. POPOLAZIONE: I Giochi della XXXI Olimpiade si svolgeranno entro il seguente periodo: dal 15 luglio al 31 agosto Indicate le date che proponete per ospitare i Giochi della XXXI Olimpiade e specificatene il motivo. Indicate La popolazione attuale e la popolazione stimata per il 2020: 21. METEOROLOGIA: 22. AMBIENTE: 23. ESPERIENZA: 24. SICUREZZA: - Regione - Città - Città, inclusa l area metropolitana, ove applicabile Completate la Tabella V (vedi modello negli allegati). a- Fornite una valutazione delle attuali condizioni ambientali nella vostra città. b- Descrivete nel dettaglio i progetti ambientali in corso e la loro organizzazione. c- Fornite una valutazione dell impatto ambientale dei Giochi Olimpici nella vostra città. d- Sono stati condotti studi sull impatto ambientale in una o più delle sedi proposte? Quale esperienza avete maturato nell organizzazione di eventi sportivi e plurisportivi internazionali? Elencate un massimo di dieci manifestazioni di alto livello organizzate negli ultimi dieci anni, precisando le date. Elencate quali grandi manifestazioni sportive o grandi eventi di massa sono stati assegnati alla città fino al Fornite statistiche relative ai tassi di criminalità nella vostra regione e città negli ultimi dieci anni. Per quanto riguarda la Vostra città specificare i particolari problemi di criminalità che deve affrontare. Illustrate un piano di sicurezza generale dei Giochi indicando sia il tipo di sicurezza proposto che il ruolo delle organizzazioni di sicurezza pubbliche e private, specificando il grado di coordinamento e il rapporto con l eventuale Comitato Organizzatore. Evidenziare referenze in tema di sicurezza in occasione di importanti eventi di massa. Fornite un documento sottoscritto dalle autorità locali che garantisca che i provvedimenti proposti verranno presi per assicurare una gestione pacifica e ordinata dei Giochi.

14 ALLEGATI CHE DEVONO ESSERE PRESENTATI DALLE CITTÁ CHE INTENDONO CANDIDARSI ALLEGATO RIFERIMENTO Cartina A Domanda 2b: Concetto Tabella I (vedi modello) Domanda 9: Sedi sportive esistenti, previste, supplementari, da ristrutturare e temporanee Cartina B B/a B/b Domande 10 e 16: Infrastruttura dei trasporti e sedi di gara e non esistenti, previste, supplementari, da ristrutturare e temporanee Cartina C Domanda 12: alloggi Tabella II (vedi modello) Domanda 12: Alloggi Tabella III (vedi modello) Domanda 14: Infrastruttura dei trasporti esistente, prevista e supplementare Tabella IV (vedi modello) Domanda 18: Trasporti Tabella V (vedi modello) Domanda 21: Meteorologia 14

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

CONTRATTO DELL'EVENTO

CONTRATTO DELL'EVENTO CONTRATTO DELL'EVENTO relativo all organizzazione del.. tra FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO (d'ora in avanti "FIC") e.. (d'ora in avanti ".") e LA CITTÀ DI [CITTÀ], (d'ora in avanti "CITTÀ") PREMESSO

Dettagli

COMMISSIONE CONTRIBUTI PER L IMPIANTISTICA. Oggetto: Contributi Federali per la realizzazione di impiantistica sportiva destinata al Rugby

COMMISSIONE CONTRIBUTI PER L IMPIANTISTICA. Oggetto: Contributi Federali per la realizzazione di impiantistica sportiva destinata al Rugby Federazione Italiana Rugby COMMISSIONE CONTRIBUTI PER L IMPIANTISTICA Oggetto: Contributi Federali per la realizzazione di impiantistica sportiva destinata al Rugby Informativa alle Società La Federazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7 Bando per la selezione di manifestazioni di interesse ad interventi per la fruibilità turistica e ricreativa in aree interessate da attività estrattive Articolo 1. Contenuto del bando ed obiettivi 1. Il

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA AVVISO DI SELEZIONE PER CONFERIMENTO INCARICO DI SERVIZI ATTINENTI L INGEGNERIA E L ARCHITETTURA DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

CANDIDATURA PER IL TITOLO DI CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 da compilarsi a cura delle città candidate al titolo

CANDIDATURA PER IL TITOLO DI CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 da compilarsi a cura delle città candidate al titolo CANDIDATURA PER IL TITOLO DI CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 da compilarsi a cura delle città candidate al titolo Al fine di motivare la presentazione della loro candidatura al titolo di Capitale Europea

Dettagli

Fondazione Istituto Andrea Devoto

Fondazione Istituto Andrea Devoto Fondazione Istituto Andrea Devoto Istituto di ricerca sulle marginalità e polidipendenze ONLUS Allegato al verbale del Consiglio di Amministrazione del Preambolo. Ai sensi dell articolo 11, lettera m e

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO DIRETTO A MANIFESTAZIONI SPORTIVE REALIZZATE CON FONDI REGIONALI 1

DOMANDA DI CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO DIRETTO A MANIFESTAZIONI SPORTIVE REALIZZATE CON FONDI REGIONALI 1 DOMANDA DI CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO DIRETTO A MANIFESTAZIONI SPORTIVE REALIZZATE CON FONDI REGIONALI 1 ( Piano Regionale per la Promozione della cultura e della pratica dell attività sportiva e motorioricreativa

Dettagli

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI CRONOLOGIA MODIFICHE: ARTICOLO MODIFICATO DATA DI APPLICAZIONE DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rapporti con sponsor, partner e media tra FISO e Comitati Organizzatori di manifestazioni sportive in Italia

Regolamento per la gestione dei rapporti con sponsor, partner e media tra FISO e Comitati Organizzatori di manifestazioni sportive in Italia Regolamento per la gestione dei rapporti con sponsor, partner e media tra FISO e Comitati Organizzatori di manifestazioni sportive in Italia PREMESSA 1. Il presente documento ha lo scopo di regolamentare

Dettagli

Federazione Italiana Giuoco Handball

Federazione Italiana Giuoco Handball Federazione Italiana Giuoco Handball PALLAMANO DISCIPLINA OLIMPICA Segreteria Generale Circolare n. 45/2008 Roma, 13 settembre 2008 Alle Società Affiliate Agli atleti e tecnici Agli Arbitri e Commissari

Dettagli

Comune di Legnaro Provincia di Padova

Comune di Legnaro Provincia di Padova Comune di Legnaro Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. la struttura è omologata per ospitare partite del Campionato Nazionale Italiano Serie A1 di pallavolo;

LA GIUNTA COMUNALE. la struttura è omologata per ospitare partite del Campionato Nazionale Italiano Serie A1 di pallavolo; LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il Comune di Cuneo è proprietario dell impianto sportivo denominato Palazzo dello Sport sito in Cuneo, località San Rocco Castagnaretta; la struttura è omologata per ospitare

Dettagli

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Pag. 1 di 9 Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Interventi sul software RE V. REDAZIONE VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

PROGETTO BIKE SHARING E BIKE SAVING IMPORTO COMPLESSIVO DI PROGETTO 536.328,00

PROGETTO BIKE SHARING E BIKE SAVING IMPORTO COMPLESSIVO DI PROGETTO 536.328,00 AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI DA INVITARE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI PROGETTAZIONE DEFINITIVA, ESECUTIVA E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO IN CASALE Provincia di Bologna C.F. 80062730371 P. I.V.A. 00702791203

COMUNE DI SAN PIETRO IN CASALE Provincia di Bologna C.F. 80062730371 P. I.V.A. 00702791203 IMPIANTI FOTOVOLTAICI DA UBICARSI SU IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Determinazione n. 157 del 13.10.2010, affidamento incarico allo Studio REIA s.r.l. per consulenza alla redazione del progetto preliminare;

Dettagli

Istituto di Scienze Umane e Sociali

Istituto di Scienze Umane e Sociali Istituto di Scienze Umane e Sociali Linee guida per le attività fuori sede degli allievi: richiesta di autorizzazione e di contributi Gli allievi dei corsi di perfezionamento possono richiedere alla Scuola

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA BOCCE Il Comitato Italiano

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale Azzurro allegato D FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Modello per la creazione e gestione di un Club dei Giovani Il modello, tratto dall esperienza maturata nei Circoli che hanno svolto con successo l Attività

Dettagli

Fase Nazionale Trofeo CONI 2014 Caserta 09-11 Ottobre

Fase Nazionale Trofeo CONI 2014 Caserta 09-11 Ottobre Fase Nazionale Trofeo CONI 2014 Caserta 09-11 Ottobre VADEMECUM INFORMATIVO Linee guida partecipative ed organizzative Domande e risposte più frequenti riferite al Trofeo CONI 2014 1. D. A chi e dove dovranno

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

Premio Oasi d Arte- Art s Oasis I edizione. Bando di concorso

Premio Oasi d Arte- Art s Oasis I edizione. Bando di concorso Premio Oasi d Arte- Art s Oasis I edizione Petrosino (TP) Piazza della Repubblica 91020 sito: www.artsoasis.it - www.comune.petrosino.tp.it E-mail: info@artsoasis.it Bando di concorso Art. 1 Finalità:

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Allegato n.1 di 3 pagine al Decreto n.50/2016 Anno Accademico 2015/2016 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI ALTERNANZA, COMPETENZE E ORIENTAMENTO Regolamento per la selezione

Dettagli

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori comune di trieste area educazione università ricerca cultura e sport servizi educativi integrati e politiche giovanili ufficio qualità dei servizi, formazione pedagogica e partecipazione Progetto Spazi

Dettagli

Le ricadute sul territorio dell organizzazione degli eventi sportivi. Gilda Antonelli

Le ricadute sul territorio dell organizzazione degli eventi sportivi. Gilda Antonelli Le ricadute sul territorio dell organizzazione degli eventi sportivi Gilda Antonelli Event management? E l applicazione della pratica manageriale del project management per la creazione, l organizzazione,

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE Visto il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2006,

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

Logistica La prenotazioni alberghiere dovranno essere inviate entro il 22 febbraio 2009 alla Funsport Società Sportiva Dilettantistica r.l..

Logistica La prenotazioni alberghiere dovranno essere inviate entro il 22 febbraio 2009 alla Funsport Società Sportiva Dilettantistica r.l.. CAMPIONATO NAZIONALE LIBERTAS 2009 DI CORSA CAMPESTRE 60 LEVA NAZIONALE LIBERTAS MASCHILE DI CORSA CAMPESTRE 45 LEVA NAZIONALE LIBERTAS FEMMINILE DI CORSA CAMPESTRE 16 TROFEO NAZ. LIBERTAS MASTER / AMATORI

Dettagli

Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada

Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada Uno degli obiettivi istituzionali del Progetto Avvocato di Strada è quello di esportare il proprio modello nelle città dove

Dettagli

Giro d Italia: nutrizione e sport, binomio vincente nel segno di Expo Milano 2015

Giro d Italia: nutrizione e sport, binomio vincente nel segno di Expo Milano 2015 INTRODUZIONE Expo 2015 è una ribalta internazionale che intende mostrare al mondo intero le opportunità della sana alimentazione, dell economia basata sul valore delle agricolture locali e sulla vivibilità

Dettagli

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 REGOLAMENTO TECNICO ART. 1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell

Dettagli

Per partecipare alla presente selezione i candidati dovranno, ai sensi del successivo art.6, presentare un progetto di stage che deve:

Per partecipare alla presente selezione i candidati dovranno, ai sensi del successivo art.6, presentare un progetto di stage che deve: Bando Pubblico per l assegnazione di 10 borse di studio a giovani studenti/ricercatori per un attività di specializzazione internazionale nei settori delle imprese creative Art. 1 - Premessa Il settore

Dettagli

CONCORSO PER PROGETTI DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI Bando n 9 del 11 febbraio 2014

CONCORSO PER PROGETTI DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI Bando n 9 del 11 febbraio 2014 CONCORSO PER PROGETTI DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI Bando n 9 del 11 febbraio 2014 La (di seguito Fondazione Lilly) vuole rispondere all esigenza di incoraggiare la ricerca scientifica in campo biomedico

Dettagli

La Fondazione Musica per Roma promuove la ottava edizione del premio «Equilibrio Roma».

La Fondazione Musica per Roma promuove la ottava edizione del premio «Equilibrio Roma». PREMIO EQUILIBRIO ROMA PER LA DANZA CONTEMPORANEA BANDO E REGOLAMENTO La Fondazione Musica per Roma promuove la ottava edizione del premio «Equilibrio Roma». 1 finalità Scopo del premio è di promuovere

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia

Città di Portogruaro Provincia di Venezia Città di Portogruaro Provincia di Venezia Prot. n. 0034737 BANDO DI ASTA PUBBLICA PER LA VENDITA DI N. 1 ALLOGGIO SFITTO SITO IN LOC. LUGUGNANA VIA MARMOLADA CIV. 4 EX PROPRIETA DELLO STATO CEDUTO AL COMUNE.-

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE Il Comitato Italiano Paralimpico (di seguito: CIP), con sede in Roma, Via Flaminia Nuova,

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF

REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF PREMESSA Il Presente Regolamento si applica a tutti i soci e deve essere accettato contestualmente alla richiesta di associazione; L accettazione

Dettagli

Rimborsi Spese e Diarie Arbitrali Anno Sportivo 2015-2016. 1 LA PREMESSA Procedure per i rimborsi spese e delle diarie del Settore Arbitrale

Rimborsi Spese e Diarie Arbitrali Anno Sportivo 2015-2016. 1 LA PREMESSA Procedure per i rimborsi spese e delle diarie del Settore Arbitrale Pag.0 Roma, CIRCOLARE NUMERO 11 Anno Sportivo 2015-2016 Ufficio Tesseramento Protocollo: 4573 Destinatari: Comitato Nazionale Arbitri, Arbitri, Società, Comitati e Delegazioni Regionali, Fiduciari D Area.

Dettagli

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI :

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : SCHEMA DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : N 02 PENSILINE DI ATTTESA BUS N 02 OROLOGI ANTICHIAZZATI N 05 CESTINI

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE CSEN JUDO JUDO CON IL PATROCINIO DEL COMITATO REGIONALE FIJLKAM LAZIO 4 DICEMBRE 2011

CAMPIONATO NAZIONALE CSEN JUDO JUDO CON IL PATROCINIO DEL COMITATO REGIONALE FIJLKAM LAZIO 4 DICEMBRE 2011 CAMPIONATO NAZIONALE CSEN JUDO JUDO CON IL PATROCINIO DEL COMITATO REGIONALE FIJLKAM LAZIO 4 DICEMBRE 2011 RISERVATO ALLE CLASSI ESOR.A-B MF - CADETTI MF- JUNIORES MF - SENIORES MF-MASTER PALAZZO DELLO

Dettagli

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT COMUNE di BRUGHERIO Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 04/02/2005 Modificato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE VIAGGI DOTTORANDI

REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE VIAGGI DOTTORANDI REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE VIAGGI DOTTORANDI DOTTORANDI CON BORSA Rimborso delle sole spese di viaggio (aereo treno) previa presentazione del titolo di viaggio in originale. Per i viaggi aerei, in caso

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

ANNO 2011 O STAGIONE SPORTIVA 2010/2011

ANNO 2011 O STAGIONE SPORTIVA 2010/2011 SCADENZA PERENTORIA 31 GENNAIO 2012 DOMANDA ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO PER L'ATTIVITA ORDINARIA E CONTINUATIVA E LA PROMOZIONE DELLO SPORT AI SENSI DELLA L.R. N 17 DEL 17 MAGGIO 1999 ANNO 2011 O STAGIONE

Dettagli

AIPCR PER LE UNIVERSITA D ITALIA 2014

AIPCR PER LE UNIVERSITA D ITALIA 2014 CONCORSO NAZIONALE AIPCR AIPCR PER LE UNIVERSITA D ITALIA 2014 Per tesi di laurea specialistica su tematiche attinenti la viabilità stradale Il Comitato Nazionale Italiano dell Associazione Mondiale della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

CARTA EUROPEA DELLO SPORT

CARTA EUROPEA DELLO SPORT CONSIGLIO D EUROPA CDDS Comitato per lo Sviluppo dello Sport 7^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Rodi, 13 15 maggio 1992 CARTA EUROPEA DELLO SPORT Articolo 1 Scopo della Carta Articolo

Dettagli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli REGOLAMENTO Contributi per attività culturali ricreative e sportive Articolo n. 1 OGGETTO L'Azienda

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

Contributi per il Restauro di Ville Venete

Contributi per il Restauro di Ville Venete Contributi per il Restauro di Ville Venete CARATTERE DEI FINANZIAMENTI L Istituto regionale per le Ville venete promuove l erogazione di contributi a fondo perduto per il consolidamento, manutenzione e

Dettagli

VOLI BRITISH AIRWAYS. 2 /6 Giorno - New York Prima colazione americana e pernottamento in hotel. Tempo libero.

VOLI BRITISH AIRWAYS. 2 /6 Giorno - New York Prima colazione americana e pernottamento in hotel. Tempo libero. VOLI BRITISH AIRWAYS PROGRAMMA: 1 Giorno - Roma Fiumicino/Londra/New York Ritrovo dei partecipanti direttamente in aeroporto. Distribuzione dei documenti di viaggio. Formalità doganali. Imbarco e partenza

Dettagli

Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia

Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia Traduzione 1 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia 0.748.127.194.541 Conchiuso a Roma il 4 giugno 1956 Approvato dall Assemblea federale il 4 marzo 1957 2 Entrato in vigore il

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

I requisiti di ammissibilità alla selezione sono i seguenti:

I requisiti di ammissibilità alla selezione sono i seguenti: MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI GUIDA PER LO STUDENTE

Dettagli

CASA DEL VOLONTARIATO. Milano, 24 febbraio 2011

CASA DEL VOLONTARIATO. Milano, 24 febbraio 2011 CASA DEL VOLONTARIATO Milano, 24 febbraio 2011 La costituzione della CASA DEL VOLONTARIATO, individuata presso la struttura di proprietà comunale sita in via Monte Grappa 6/a a Milano, è stata approvata

Dettagli

REGOLAMENTO RIMBORSO PER TRASPORTI URBANI / EXTRA URBANI PER I VOLONTARI DI EXPO 2015

REGOLAMENTO RIMBORSO PER TRASPORTI URBANI / EXTRA URBANI PER I VOLONTARI DI EXPO 2015 REGOLAMENTO RIMBORSO PER TRASPORTI URBANI / EXTRA URBANI PER I VOLONTARI DI EXPO 2015 1 SOMMARIO 1. I RIMBORSI PER VIAGGI URBANI... 3 1.1 DISPOSIZIONI GENERALI PER LA RICHIESTA DI RIMBORSO... 4 2. I RIMBORSI

Dettagli

CIRCOLARE n. 1 / 2006

CIRCOLARE n. 1 / 2006 CIRCOLARE n. 1 / 2006 PROT. n 326 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DC Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare. Ulteriori chiarimenti per la corretta attuazione dell art. 1, comma 336, della

Dettagli

Informazioni sulle modalità di collaborazione con l Associazione Avvocato di Strada Onlus

Informazioni sulle modalità di collaborazione con l Associazione Avvocato di Strada Onlus Informazioni sulle modalità di collaborazione con l Associazione Avvocato di Strada Onlus Uno degli obiettivi istituzionali dell Associazione Avvocato di Strada Onlus è quello di esportare il proprio modello

Dettagli

PARTE I^ Prot n. 4210

PARTE I^ Prot n. 4210 1 Circolare n. 15 - Anno Sportivo 2014/2015 Roma, 24/09/2014 Oggetto: Rimborsi Spese e Diarie Arbitrali Destinatari: Comitato Nazionale Arbitri, Arbitri, Comitati e Delegazioni Regionali, Fiduciari Regionali

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015.

Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015. Milano, 19/11/2015 Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015. Il presente documento ha lo scopo di illustrare le

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione)

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione) Oggetto: Domanda di contributo per la realizzazione di iniziative sportive e del tempo libero. (Ogni domanda deve essere presentata per una singola iniziativa o progetto unitario.) L.R. 9 marzo 1988 n.

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Delibera n. 49/2015. VISTO il decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 e s.m.i. ;

Delibera n. 49/2015. VISTO il decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 e s.m.i. ; Delibera n. 49/2015 Misure regolatorie per la redazione dei bandi e delle convenzioni relativi alle gare per l assegnazione in esclusiva dei servizi di trasporto pubblico locale passeggeri e definizione

Dettagli

PROT. 362 ROMA, 17 giugno 2011

PROT. 362 ROMA, 17 giugno 2011 (H:\docs\2011\6\17\16743.doc/ 03/01/12) PROT. 362 ROMA, 17 giugno 2011 e-mail Caro Presidente, Ai Presidenti degli Enti Associati LORO SEDI il Consiglio Direttivo di Federcasa, come a tua conoscenza, ha

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 ssmellon@scuole.pr.it www.itcmelloni.it ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento Comunale per la promozione e la valorizzazione delle Libere Forme Associative Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n 24 del 27.06.2007 1/5

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA PROCEDURA PUBBLICA DI SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO PER ATTIVITA

Dettagli

Regolamento per l ottenimento degli attestati modulari 1 e 2 con verifica delle equivalenze

Regolamento per l ottenimento degli attestati modulari 1 e 2 con verifica delle equivalenze Commissione qualità Ufficio qualificazione INTERPRET c/o IDEA sagl Piazza Nosetto 3 6500 Bellinzona Tel. 091 858 02 15 Fax 091 840 11 44 qualification@inter-pret.ch Regolamento per l ottenimento degli

Dettagli

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DEL GIOCO AFFARI TUOI RADDOPPIA IN ONDA SU RAIUNO ALLE ORE 20.30 DAL 15 DICEMBRE 2015 AL 6 GENNAIO 2016.

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DEL GIOCO AFFARI TUOI RADDOPPIA IN ONDA SU RAIUNO ALLE ORE 20.30 DAL 15 DICEMBRE 2015 AL 6 GENNAIO 2016. ALLEGATO AL REGOLAMENTO DEL GIOCO AFFARI TUOI RADDOPPIA IN ONDA SU RAIUNO ALLE ORE 20.30 DAL 15 DICEMBRE 2015 AL 6 GENNAIO 2016. RAI-Radiotelevisione italiana Spa e la Societa Endemol Italia, titolare

Dettagli

Spazio pubblico Un tema attuale

Spazio pubblico Un tema attuale Spazio pubblico Un tema attuale Spazio pubblico Un tema attuale Spazio pubblico, un tema attuale. Il tema dello spazio pubblico è oggi uno dei temi centrali dei fenomeni di trasformazione che stanno interessando

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA V Servizio Staff del Presidente LE CIMINIERE. DETERMINAZIONE n.11 del 16.6.2011

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA V Servizio Staff del Presidente LE CIMINIERE. DETERMINAZIONE n.11 del 16.6.2011 PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA V Servizio Staff del Presidente LE CIMINIERE DETERMINAZIONE n.11 del 16.6.2011 Oggetto: Avviso pubblico per la selezione di iniziative fieristiche da svolgersi, nell anno

Dettagli

ORGANIZZAZIONE e LOGISTICA DI GARA:

ORGANIZZAZIONE e LOGISTICA DI GARA: Padova, 19 ottobre 2015 Alla Federazione Ginnastica d Italia Al Settore Tecnico Roma Ai Comitati Regionali FGI Alle Società interessate Oggetto: 4 prova CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA 4 PROVA

Dettagli

N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA.

N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA. N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: - all Ufficio Tecnico del Comune

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

SISTEMA DI INFORMAZIONE SUL CONSOLIDAMENTO DEGLI OBIETTIVI DELLA PREMIALITÀ

SISTEMA DI INFORMAZIONE SUL CONSOLIDAMENTO DEGLI OBIETTIVI DELLA PREMIALITÀ SISTEMA DI INFORMAZIONE SUL CONSOLIDAMENTO DEGLI OBIETTIVI DELLA PREMIALITÀ PAR.6.6.1 QCS 2000/06 TAVOLA DI MONITORAGGIO AMMINISTRAZIONI CENTRALI Legenda a fondo pagina PON TRASPORTI -Ministero delle Infrastrutture

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015 FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015 NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ENTI AGGREGATI DIVERSI DALLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DI CLASSE Secondo quanto previsto dall'art

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli