QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020"

Transcript

1 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016

2 PREMESSA ESTRATTO DELLA CARTA OLIMPICA: Testo d applicazione della Regola 34 Richiesta per l organizzazione dei Giochi Olimpici - città richiedenti 1.1. Per essere accettata, ogni richiesta di una città per l organizzazione dei Giochi Olimpici deve essere approvata dal CNO del proprio Paese, nel qual caso, la città è considerata città richiedente. 1.2 Ogni richiesta di organizzazione dei Giochi Olimpici deve essere sottoposta al CIO dalle autorità pubbliche competenti della città richiedente con l approvazione del CNO di tale Paese. Le autorità e il CNO devono garantire che i Giochi Olimpici saranno organizzati con l approvazione del CIO e alle condizioni da esso dettate. 1.3 Nel caso in cui ci siano in un Paese più città richiedenti per organizzare i medesimi Giochi Olimpici, una sola città può presentare la propria richiesta, secondo la decisione del CNO del Paese relativo. 1.4 Dal giorno del deposito presso il CIO della richiesta di organizzazione dei Giochi Olimpici, il CNO del Paese della città candidata supervisionerà, e ne sarà congiuntamente responsabile, le azioni e i comportamenti della città candidata per quanto riguarda questa richiesta e, se del caso, la candidatura della città all organizzazione dei Giochi Olimpici. 1.5 Ciascuna città richiedente ha l obbligo di conformarsi alla Carta Olimpica e a ogni altra regola dettata dalla Commissione Esecutiva del CIO così come pure a tutte le norme tecniche emanate dalle Federazioni Internazionali per i loro rispettivi sport. 1.6 Tutte le città richiedenti si conformeranno a una procedura di accettazione delle candidature, condotta sotto l autorità della Commissione Esecutiva del CIO, che determinerà il contenuto di questa procedura. La Commissione Esecutiva del CIO deciderà quali città accettare tra le città candidate. Sulla base della valutazione della Commissione CONI Candidatura Italiana ai XXXII Giochi Olimpici 2020 nominata dalla Giunta Nazionale il 21 ottobre 2009, e ad insindacabile giudizio della Giunta Nazionale, saranno portate all attenzione del Consiglio Nazionale solo le candidature ritenute in possesso di adeguati requisiti.

3 INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Nel 2002, in conformità con la politica del CIO, il Presidente del CIO ha chiesto, da un lato, la revisione del contenuto dei Giochi Olimpici da parte della Commissione per il Programma Olimpico e, dall altro, uno studio delle dimensioni, della complessità e del costo dei Giochi Olimpici, condotto dalla Commissione di Studio dei Giochi Olimpici. Le due commissioni hanno presentato rapporti e raccomandazioni alla Commissione Esecutiva del CIO e alla 4^ Sessione del CIO a Città del Messico nel novembre Le principali decisioni prese e le raccomandazioni emesse sono riassunte nel prosieguo. 1. COMMISSIONE PER IL PROGRAMMA OLIMPICO Il compito della Commissione per il Programma Olimpico è revisionare ed analizzare il programma degli sport, delle discipline e degli eventi, il numero degli atleti in ciascuno sport per i Giochi dell Olimpiade e per i Giochi Olimpici Invernali, al fine di elaborare raccomandazioni sui principi e la struttura del Programma Olimpico per i Giochi Olimpici e i Giochi Olimpici Invernali. Per la prima volta dal 1936, la Commissione per il Programma Olimpico ha eseguito un riesame completo del programma degli sport e ha presentato il suo rapporto alla 4^ Sessione del CIO a Città del Messico, dove la decisione più importante di limitare il numero degli sport a 28, il numero delle prove a 300 e il numero degli atleti a per i Giochi delle Olimpiadi è stata adottata all unanimità. Come menzionato sopra, e tenendo conto del riesame in corso del Programma Olimpico, il programma incluso nella presente Procedura di Accettazione delle Candidature (programma per Pechino 2008) sarà soggetto a cambiamenti per i Giochi della XXXII Olimpiade nel 2020*. Rispetto al programma olimpico di Pechino sono esclusi il baseball e il softball e sono stati inseriti il rugby a 7 e il golf. PRINCIPIO 1 FORMAT DEI GIOCHI Il CIO relativamente all organizzazione dei Giochi Olimpici riafferma i seguenti principi della Carta Olimpica: - I Giochi Olimpici sono attribuiti ad una città ospitante - La durata delle competizioni non supererà i sedici giorni - Solo gli sport praticati sulla neve e sul ghiaccio possono essere considerati sport invernali PRINCIPIO 2 LIVELLO DEI SERVIZI Porre fine alla costante crescita dei livelli di riferimento (benchmark inflation) risultanti dal confronto dei servizi forniti ai Giochi precedenti o in altre manifestazioni importanti. Il livello dei servizi dovrebbe essere di uno standard ragionevole ed essere adattato alle reali necessità di ciascun gruppo di clienti. Livelli di rischio accettabili devono ugualmente essere stabiliti con alcune delle principali parti coinvolte. PRINCIPIO 3 LUOGHI DI GARA E STRUTTURE Ridurre al minimo i costi e massimizzare l utilizzo dei luoghi di gara, di allenamento e altre sedi e garantirne un uso efficiente in termini di tempo, spazio e servizi, tenendo in considerazione le esigenze della Famiglia Olimpica.

4 TEMI I. INTRODUZIONE: MOTIVAZIONE, CONCETTO E OPINIONE PUBBLICA II. III. IV. SOSTEGNO POLITICO FINANZIAMENTO SEDI V. ALLOGGI VI. VII. INFRASTRUTTURA DEI TRASPORTI CONDIZIONI GENERALI, LOGISTICA ED ESPERIENZA

5 PRESENTAZIONE DELLE RISPOSTE ISTRUZIONI Le Città che intendono candidarsi sono invitate a rispondere a 24 domande. Le risposte dovranno essere presentate nel modo più semplice ed economico possibile. 1 - Le risposte dovranno essere presentate su fogli di formato A4 (20,9cm x 29,6cm), con orientamento verticale. 2 - Tutte le risposte dovranno essere redatte in un solo documento. 3 - La risposta a ciascuna domanda dovrà limitarsi a una pagina A4 più una pagina per ciascun allegato richiesto (ad esclusione del Finanziamento in cui si richiede una pagina per budget OCOG e budget esterno OCOG) Numero massimo di pagine: 25 (esclusi la copertina e gli allegati). Il documento dovrà essere predisposto in italiano. 4 - Nessun altra forma di comunicazione o di documento (incluse videocassette, CD ROM o altre pubblicazioni di natura artistica o promozionale) potrà accompagnare le risposte alle domande. 5- Cartine: Le Città che intendono candidarsi devono fornire cinque cartine (vedi allegati) In entrambi i casi, la cartina di base è la stessa, cambiano le informazioni che devono essere sovrascritte su di esse. La cartina di base deve essere una cartina recente della vostra città /regione, su cui sia chiaramente indicata la scala. Tutte le cartine devono essere in formato A3. Cartina A Si tratta di una cartina generale, che rappresenta il vostro concetto dei Giochi non è richiesto alcun codice di colori. Cartina B Si tratta di una cartina generale per illustrare il piano trasporti della candidatura. Sono altresì richieste due cartine Ba e Bb per illustrare il piano trasporti su gomma e quello su ferro. Il seguente codice di colori dovrà essere utilizzato per questa cartina: - Blu: infrastrutture esistenti perfettamente funzionanti - Giallo: infrastrutture previste (contratti firmati/deliberati) - Rosso: infrastrutture supplementari da costruire per i Giochi Olimpici - Verde: infrastrutture esistenti, ma da ristrutturare per i Giochi Olimpici - Arancione: infrastrutture temporanee da allestire per i Giochi Olimpici - Viola: esistenti da allestire Cartina C Si tratta di inserire sulla cartina A gli alberghi che la città può avere a disposizione utilizzando il codice colori come segue : - Blu: alberghi esistenti - Rosso: alberghi in costruzione - Giallo: alberghi previsti già deliberati

6 I. INTRODUZIONE: MOTIVAZIONE, CONCETTO E OPINIONE PUBBLICA 1. INTRODUZIONE: a- Qual è la vostra motivazione principale per ospitare i Giochi Olimpici? 2. CONCETTO: b- Quale sarebbe l impatto e l eredità dei Giochi Olimpici per la vostra città/regione? c- Quali sono le maggiori risorse economiche della vostra città? a- Descrivete brevemente la vostra visione dei Giochi Olimpici nella vostra città/regione. Descrivete dettagliatamente i seguenti aspetti: - Motivazione della scelta dell ubicazione delle principali infrastrutture Olimpiche - benefici previsti durante e dopo i Giochi. Spiegate come la vostra visione dei Giochi si integra nella strategia di pianificazione a lungo termine della vostra città. b-fornite una cartina (A) della vostra città/regione in cui il vostro progetto è sovraimpresso, dandone così una panoramica visiva completa. Questa cartina deve contenere l ubicazione di tutte le principali infrastrutture Olimpiche (luoghi sportivi, Villaggio o Villaggi Olimpico/i, alloggi o Villaggio/i dei Media, Centro Stampa Principale (MPC, Main Press Centre), Centro Internazionale Radiotelevisivo (IBC, International Broadcasting Centre), principale zona alberghiera, principali infrastrutture dei trasporti aeroporto/i, autostrade, stazioni ferroviarie, ecc.) 3. OPINIONE PUBBLICA: a- Qual è in generale l opinione del pubblico nella vostra città/regione e in Italia riguardo al vostro progetto di ospitare i Giochi Olimpici? Se effettuate sondaggi di opinione, vogliate fornirci le seguenti informazioni: Domande poste Area coperta Date del sondaggio Dimensioni del campione Società incaricata per il sondaggio b- Quali sono le obiezioni al vostro progetto? Fornite una descrizione dettagliata. c- Descrivete il tipo di appoggio delibere, ordini del giorno ecc. - dato alla Vostra candidatura da parte delle autorità locali e citate in che modo queste eventualmente parteciperanno e faranno parte del Comitato di Candidatura. 14

7 II. SOSTEGNO POLITICO 4. SOSTEGNO DEL GOVERNO: Il CIO richiede alla città che intende candidarsi il sostegno del governo nazionale, regionale e locale. Il sostegno del Governo sarà richiesto dal CONI successivamente per la città che sarà scelta, unitamente alle garanzie che il CIO richiede: SOSTEGNO DELLA CITTÁ: Si richiede una lettera di garanzia sottoscritta dalle autorità municipali della città nella quale è necessario confermare di avere preso atto delle disposizioni della Carta Olimpica, del Codice Etico, del contratto della città Ospitante e che si sia compreso che qualsiasi impegno preso (anche durante questa fase) sarà vincolante per la città. Si dovrà inoltre dichiarare che verranno presi tutti i provvedimenti necessari affinché la città possa rispettare pienamente i propri obblighi. In questa fase di pre-candidatura la città non può usare i cerchi olimpici e le dizioni correlate, né tanto meno la terminologia di città Applicante o Candidata. 5. FUTURO COMITATO PER LA CANDIDATURA: Se sarete accettati come Città candidata ad ospitare i Giochi Olimpici del 2020, come sarà strutturato e composto il vostro Comitato per la Candidatura? Specificate quali istituzioni, organizzazioni o enti pubblici o privati sarebbero rappresentati nel vostro Comitato per la Candidatura e i loro rispettivi livelli di autorità.

8 6. BUDGET DELLA CANDIDATURA: III. FINANZIAMENTO Se la vostra città sarà accettata come Città candidata ad ospitare i Giochi Olimpici del 2020, descrivete come e da chi sarà finanziata la vostra candidatura. Qual è il budget (in USD) per: Fase I (Domanda per candidarsi) Fase II (Candidatura) N.B. Le città candidate ai Giochi Olimpici 2016 hanno speso circa 40 milioni di euro. 7. BUDGET DEI GIOCHI: Come sarà strutturato il budget dei Giochi (finanziamento privato e/o pubblico)? Nella predisposizione dei progetti di finanziamento dei Giochi Olimpici, bisogna tenere presente che esistono due diversi budget: Il budget dell OCOG: si tratta del budget operativo per l organizzazione dei Giochi Olimpici. I costi per la costruzione, la ristrutturazione delle infrastrutture per le sedi sportive, il Villaggio Olimpico, l IBC e il MPC ed altri progetti per la realizzazione di grandi infrastrutture non devono essere inclusi nel budget dell OCOG, ma nel budget esterno all OCOG. Budget esterno all OCOG: si tratta del budget relativo ai costi per la costruzione o il rifacimento per le principali infrastrutture ed impianti sportivi CONTRIBUTI DEL GOVERNO: Una volta che sarà scelta la città da candidare bisognerà specificare quali impegni finanziari sono stati ottenuti dal governo nazionale, regionale o locale e dalle autorità municipali. E importante ricordare che nella fase successiva, la città scelta, durante la fase della candidatura dovrà ottenere tra l altro, le seguenti garanzie da parte delle autorità pubbliche, che sono fondamentali per il successo della realizzazione dei Giochi Olimpici: L impegno a fornire tutti i servizi di sicurezza, sanitari, doganali ed altri servizi legati al governo, senza costi per il Comitato Organizzatore (OCOG); L impegno a mettere a disposizione dell OCOG tutti i luoghi gara e non di proprietà delle autorità pubbliche, senza costi o a un canone di locazione approvato preventivamente dal CIO; La copertura di un eventuale deficit dell OCOG; L impegno a realizzare e finanziare i progetti di sviluppo delle infrastrutture richieste. 8. POTENZIALE PER GENERARE RICAVI DELL OCOG: Oltre al contributo finanziario che riceverete dal CIO, quali altre entrate ritenete di poter generare? Indicate la fonte, l importo stimato e le informazioni in base alle quali avete effettuato tale stima.

9 A. LUOGHI DI GARA IV. SEDI 9. Rispondere alle seguenti domande utilizzando la Tabella I (vedi modello negli allegati): a- Installazioni sportive esistenti: Indicate le installazioni sportive esistenti, perfettamente funzionanti, che ritenete saranno utilizzate per i Giochi Olimpici. Fornite tutte le altre informazioni richieste nella tabella. b- Installazioni sportive esistenti da allestire: Indicate le installazioni sportive esistenti, ma con necessità di interventi significativi, che ritenete saranno utilizzate per i Giochi Olimpici. Fornite tutte le altre informazioni richieste nella tabella. c- Installazioni sportive da ristrutturare d- Installazioni sportive previste: Indicate le installazioni sportive già previste nei piani e nei finanziamenti, indipendentemente dalla vostra domanda di candidatura per i Giochi Olimpici, che saranno utilizzate per le competizioni Olimpiche. Fornite tutte le altre informazioni richieste nella tabella. Per gli Sport per cui si prevede di utilizzare più impianti, indicarli tutti in successione nella casella relativa N.B. Per tutte le installazioni di cui sopra elencare, ove possibile, l eventuale piano regolatore e- Installazioni sportive supplementari: Indicate le installazioni sportive da costruire per i Giochi Olimpici, non ancora previste nei piani e nei finanziamenti. Fornite tutte le altre informazioni richieste nella tabella. f- Installazioni sportive temporanee da allestire: Indicate le installazioni sportive previste con tecniche costruttive provvisorie, da utilizzate per i Giochi Olimpici e smontare dopo. Fornite tutte le altre informazioni richieste nella tabella. 10. Fornite la Cartina B, Ba, Bb (vedi istruzioni) Si tratta della cartina della vostra città/regione su cui vi chiediamo di indicare l ubicazione dei luoghi di gara elencati nella precedente domanda 9, e quella del Villaggio Olimpico, o dei Villaggi Olimpici se più di uno, dell IBC/MPC e del Villaggio o Villaggi dei Media, utilizzando il codice di colori descritto nelle istruzioni per distinguere tra le installazioni sportive esistenti, da ristrutturare, previste, supplementari, e temporanee.

10 B. LUOGHI NON DESTINATI ALLE GARE. VILLAGGIO/I OLIMPICO/I: a- Descrivete il vostro concetto per il o i Villaggi per gli atleti, nonché i vostri progetti per il loro utilizzo dopo i Giochi Olimpici. N.B. Il Villaggio Olimpico deve ospitare persone. b- Specificate chi finanzierà la costruzione del o dei villaggi per gli atleti. c- Indicate se uno o più villaggi supplementari o altre soluzioni di alloggiamento sono previste o richieste. Descrivete quali sono queste eventuali soluzioni alternative di alloggiamento, ove ve ne siano. Indicate se il progetto del Villaggio Olimpico è già inserito nel piano regolatore della città. CENTRO INTERNAZIONALE RADIOTELEVISIVO (IBC)/CENTRO STAMPA PRINCIPALE (MPC): a- Descrivete il vostro concetto per l IBC e MPC, nonché i vostri progetti per il loro utilizzo dopo i Giochi Olimpici. (Ubicazione, costruzione esistente o nuova, luoghi combinati o separati) N:B: Il Centro Stampa e quello Televisivo occupano uno spazio di mq. b- Specificate chi finanzierà la costruzione dell IBC/MPC. Indicate se il progetto del Villaggio Olimpico è già inserito nel piano regolatore della città.

11 V. ALLOGGI 12. ALBERGHI: Completare la Tabella II (vedere modello negli allegati) indicando il numero di alberghi e di camere d albergo in un raggio di 10km dal centro della città ed in un raggio di -25km e 26-50km dal centro della città. Per le sedi al di fuori della città, indicate il numero di camere d albergo entro 10km dalla sede. Indicate le tariffe medie in vigore nel 2009 per gli hotel a 3, 4 e 5* nel mese dei Giochi, colazione e tasse incluse. N.B. Relativamente al numero di stanze necessarie per ospitare i Giochi, le indicazioni tecniche del CIO richiedono almeno stanze tra 2 e 5 stelle nel raggio di 50 km, nella realtà servono almeno stanze e altri alloggi. In caso di necessità di nuove costruzioni fornire, se esistenti, le garanzie formali, con eventuale iter, sulla realizzazione nei tempi previsti e indicare se sono già inserite nel piano regolatore della città. Si riportano per opportuna informazione i dati relativi alla offerta stanze (di cui è stata presentata lettera di garanzia) riportati nei dossier di candidatura delle città candidate ai Giochi Olimpici 2016: Madrid Chicago Rio de Janeiro Tokyo Potete già designare l albergo del CIO durante i Giochi Olimpici? Cartina C Fornire piantina supplementare per gli alberghi e la loro dislocazione 13. ALLOGGI PER I MEDIA: I rappresentanti dei Media devono essere alloggiati in albergo, ogni volta che ne sussista la possibilità. Nel caso in cui l infrastruttura alberghiera della città ospitante sia insufficiente per rispondere ai bisogni dei media, l OCOG deve fornire un villaggio dei media (o più di uno, in base alla configurazione delle Sedi Olimpiche). Se prevedete di utilizzare uno o più villaggi dei media: a- Descrivete il vostro concetto per il o i villaggi dei media, nonché i vostri progetti per il loro utilizzo dopo i Giochi Olimpici. b- Specificate chi finanzierà la costruzione del o dei Villaggi dei media e indicate se sono già inseriti nel piano regolatore della città.

12 VI. INFRASTRUTTURA DEI TRASPORTI 14. Rispondere alle seguenti domande utilizzando la Tabella III (vedi modello negli allegati): a- INFRASTRUTTURA DEI TRASPORTI ESISTENTE: Indicate l infrastruttura dei trasporti esistente: autostrade e rete delle principali arterie urbane, rete ferroviaria periferica, rete metropolitana e metropolitana leggera. b- INFRASTRUTTURA DEI TRASPORTI PREVISTA: Indicate tutti i progetti di sviluppo dell infrastruttura dei trasporti già previsti, indipendentemente dalla vostra domanda di candidatura, ma che possono influire sull accessibilità alle sedi Olimpiche. c- INFRASTRUTTURA DEI TRASPORTI SUPPLEMENTARE: Indicate l infrastruttura dei trasporti supplementare da costruire che ritenete necessaria per ospitare i Giochi Olimpici. Per ciascuna delle voci di cui sopra, specificate: - Lunghezza e capacità (numero di corsie o strade ferrate) - Come e da chi saranno finanziate (ove applicabile) - Data prevista per la fine dei lavori di costruzione (ove applicabile) Distinguete l infrastruttura dei trasporti all interno della città da quella tra la città e le sedi all esterno. Specificate se questi progetti supplementari sono autorizzati e sostenuti dalle autorità componenti e se sono inseriti nel piano regolatore della città. 15. a- Qual è il principale aeroporto internazionale che intendete utilizzare per i Giochi Olimpici? Fornite la motivazione. b- Quali altri aeroporti intendete utilizzare per i Giochi Olimpici? Fornite la motivazione. c- Per ciascun aeroporto che intendente utilizzare, indicate la capacità (numero di piste d atterraggio, numero di porte d imbarco, capacità del terminal passeggeri), distanza dal centro della città e collegamenti, esistenti e previsti, con i trasporti pubblici al centro della città. 16. Fornite la Cartina B (vedi istruzioni) Si tratta della cartina della vostra città/regione, su cui vi chiediamo di indicare tutte le infrastrutture dei trasporti elencate nella domanda 15, utilizzando il codice di colori descritto nelle istruzioni per distinguere tra le infrastrutture dei trasporti esistenti, previste e supplementari. (Accertatevi che il principale aeroporto internazionale sia indicato su questa cartina) B/a B/b piantina trasporti su gomma piantina trasporti su ferro 17. Quali sono attualmente le difficoltà nel settore dei trasporti che la vostra città deve affrontare e come intendete superarle nel corso dei Giochi? 18. TRASPORTI: Completate la Tabella IV (vedi modello negli allegati). Indicate tutte le distanze (in km) e i tempi di percorrenza nel 2009 (in minuti) con l itinerario più idoneo in autobus. Se esiste un collegamento

13 ferroviario, aggiungete tra parentesi (treno) per il corrispondete collegamento. VII. CONDIZIONI GENERALI, LOGISTICA ED ESPERIENZA 19. DATE DEI GIOCHI OLIMPICI: 20. POPOLAZIONE: I Giochi della XXXI Olimpiade si svolgeranno entro il seguente periodo: dal 15 luglio al 31 agosto Indicate le date che proponete per ospitare i Giochi della XXXI Olimpiade e specificatene il motivo. Indicate La popolazione attuale e la popolazione stimata per il 2020: 21. METEOROLOGIA: 22. AMBIENTE: 23. ESPERIENZA: 24. SICUREZZA: - Regione - Città - Città, inclusa l area metropolitana, ove applicabile Completate la Tabella V (vedi modello negli allegati). a- Fornite una valutazione delle attuali condizioni ambientali nella vostra città. b- Descrivete nel dettaglio i progetti ambientali in corso e la loro organizzazione. c- Fornite una valutazione dell impatto ambientale dei Giochi Olimpici nella vostra città. d- Sono stati condotti studi sull impatto ambientale in una o più delle sedi proposte? Quale esperienza avete maturato nell organizzazione di eventi sportivi e plurisportivi internazionali? Elencate un massimo di dieci manifestazioni di alto livello organizzate negli ultimi dieci anni, precisando le date. Elencate quali grandi manifestazioni sportive o grandi eventi di massa sono stati assegnati alla città fino al Fornite statistiche relative ai tassi di criminalità nella vostra regione e città negli ultimi dieci anni. Per quanto riguarda la Vostra città specificare i particolari problemi di criminalità che deve affrontare. Illustrate un piano di sicurezza generale dei Giochi indicando sia il tipo di sicurezza proposto che il ruolo delle organizzazioni di sicurezza pubbliche e private, specificando il grado di coordinamento e il rapporto con l eventuale Comitato Organizzatore. Evidenziare referenze in tema di sicurezza in occasione di importanti eventi di massa. Fornite un documento sottoscritto dalle autorità locali che garantisca che i provvedimenti proposti verranno presi per assicurare una gestione pacifica e ordinata dei Giochi.

14 ALLEGATI CHE DEVONO ESSERE PRESENTATI DALLE CITTÁ CHE INTENDONO CANDIDARSI ALLEGATO RIFERIMENTO Cartina A Domanda 2b: Concetto Tabella I (vedi modello) Domanda 9: Sedi sportive esistenti, previste, supplementari, da ristrutturare e temporanee Cartina B B/a B/b Domande 10 e 16: Infrastruttura dei trasporti e sedi di gara e non esistenti, previste, supplementari, da ristrutturare e temporanee Cartina C Domanda 12: alloggi Tabella II (vedi modello) Domanda 12: Alloggi Tabella III (vedi modello) Domanda 14: Infrastruttura dei trasporti esistente, prevista e supplementare Tabella IV (vedi modello) Domanda 18: Trasporti Tabella V (vedi modello) Domanda 21: Meteorologia 14

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Euro 165,00 Trattamento BB (camera e prima colazione). Le tariffe non sono valide durante fiere ed eventi.

Euro 165,00 Trattamento BB (camera e prima colazione). Le tariffe non sono valide durante fiere ed eventi. CRIVI S Corso di Porta Vigentina, 46 Albergo di cat. 4 stelle. La fermata della metropolitana MM3 più vicina è Crocetta. Dall albergo l Università Bocconi è raggiungibile a piedi in 10 minuti. Uso Singola

Dettagli

30-APRILE/03 MAGGIO-2015.

30-APRILE/03 MAGGIO-2015. INFORMAZIONI GENERALI Il corso ISA 2015 DISCIPLINE OLIMPICHE è un corso formativo ed evolutivo relativamente alle discipline della Fossa Olimpica Skeet Double Trap, e viene organizzato per la 1 volta in

Dettagli

Sportlex n.2 - Febbraio 2008 ORGANIZZAZIONE. L organizzazione dei Giochi Olimpici quale modello di stile. di Stefano Oronzo

Sportlex n.2 - Febbraio 2008 ORGANIZZAZIONE. L organizzazione dei Giochi Olimpici quale modello di stile. di Stefano Oronzo L organizzazione dei Giochi Olimpici quale modello di stile di Stefano Oronzo Abstract Il modello organizzativo dei Giochi Olimpici è l esempio standard ripreso da tutti i grandi eventi sportivi sia pluridisciplinari

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Presentato al CIO il Piano di base delle Olimpiadi di Tokyo I dettagli esplicativi sulle sedi di svolgimento delle gare saranno resi noti in futuro

Presentato al CIO il Piano di base delle Olimpiadi di Tokyo I dettagli esplicativi sulle sedi di svolgimento delle gare saranno resi noti in futuro Embassy of Italy, Tokyo Verso le Olimpiadi di Tokyo 2020:opportunità di business The4th March 2015 Presentato al CIO il Piano di base delle Olimpiadi di Tokyo I dettagli esplicativi sulle sedi di svolgimento

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

DOMENICA PROGRAMMA GARA: KARATE (SU 6/7 TATAMI) Stili divisi tra SHOTOKAN/SHOTOKAI ed INTERSTILE (SHITO,WADO,GOJU, SANKUKAY, ecc.).

DOMENICA PROGRAMMA GARA: KARATE (SU 6/7 TATAMI) Stili divisi tra SHOTOKAN/SHOTOKAI ed INTERSTILE (SHITO,WADO,GOJU, SANKUKAY, ecc.). A.s.d. KEN TO ZAZEN LIMBIATE ORGANIZZA: DOMENICA 21 DICEMBRE 2014 15 trofeo FESTA DI NATALE JITAKYOEI F.E.S.I.K. Settore Karate Categ. RAGAZZI-CADETTI-JUNIOR-SPECIAL CATEGORY La gara è aperta a tutti gli

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA Poiché risulta che alla gara possono partecipare anche imprese in possesso di attestazione SOA per la sola costruzione indicando i progettisti si chiede quale

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

Progettare la Città ed il Territorio

Progettare la Città ed il Territorio Quali sono oggi gli strumenti di cui disponiamo per progettare una città ed un territorio adeguati alle esigenze attuali? La cultura urbanistica moderna individua quali strumenti di governo democratico

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli