Quando qualcuno soffre di DEPRESSIONE, FORSE ci vuole di più di un MAZZO di FIORI PAGINA 6 I «LEAN ON ME»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quando qualcuno soffre di DEPRESSIONE, FORSE ci vuole di più di un MAZZO di FIORI PAGINA 6 I «LEAN ON ME»"

Transcript

1 LA SVOLTA Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia I Numero 10 Quando qualcuno soffre di DEPRESSIONE, FORSE ci vuole di più di un MAZZO di FIORI PAGINA 3 I DEPRESSIONE PAGINA 6 I «LEAN ON ME» PAGINA 10 I TERAPIA Trarre insegnamento da una crisi Yvonne ed Erwin Christen parlano dei loro momenti difficili Affrontare il tema depressione con «lean on me» In che modo amici e familiari possono essere al fianco dei malati Insieme contro la depressione: coinvolgere i familiari nella terapia Un colloquio con il Dr. Philippe Huguelet Lundbeck (Schweiz) AG Dokument letztmals geprüft:

2 EDITORIALE INDICE EDITORIALE 2 DEPRESSIONE 3 «La depressione ci ha uniti 3 più strettamente» Yvonne ed Erwin Christen parlano della loro convivenza con la depressione La Sua opinione ci interessa 4 Partecipi e vinca! Libro: «Irriverenza Una 5 strategia di sopravvivenza per i terapeuti» «LEAN ON ME» 6 «lean on me»: sono tuo amico 6 anche quando stai male Una campagna per destigmatizzare la depressione Equilibrium ogni aiuto è 8 prezioso Intervista a Christine Heim, presidentessa di Equilibrium «lean on me»: i risultati 9 dell indagine TERAPIA 10 «Coinvolgere i familiari nella 10 terapia può essere un aiuto prezioso per i malati» Intervista al Dr. Philippe Huguelet IN BREVE 12 Centri di riferimento e link 12 Colophon 12 Gentili lettrici, Cari lettori, N ella nostra società sono molto diffuse le malattie del sistema cardiocircolatorio ipertensione, arteriosclerosi o infarto cardiaco ed anche il diabete. La sofferenza e l inabilità al lavoro che provocano incontrano comprensione ed accettazione incondizionate. Purtroppo invece, per le malattie psichiche come la depressione le cose non stanno così non se ne parla, oppure ci si vergogna della propria debolezza. Questa grave malattia è ancora oggetto di stigmatizzazione. Spesso i colpiti non riescono a chiedere aiuto professionale. La loro disperazione emotiva gli impedisce di aprirsi persino agli amici o alla famiglia, e si vergognano di raccontare la tristezza, la spossatezza o perfino i pensieri di suicidio per paura di non essere capiti. Yvonne Christen ha avuto il coraggio di rivelare la propria depressione, e la sua franchezza ha incontrato la comprensione del partner, che le è rimasto vicino nei momenti più difficili. Nel ritratto a pagina 3 Yvonne ed Erwin Christen raccontano come sono riusciti a superare i molti ostacoli ma anche come hanno dovuto combattere contro i molti pregiudizi. Il loro racconto sottolinea quanto è importante per i depressi essere sostenuti dalla famiglia e dagli amici. Per promuovere la comprensione della malattia e l appoggio dato a chi ne soffre, nonché superare la stigmatizzazione, abbiamo lanciato, insieme alla European Depression Association (EDA), la campagna «lean on me». In Svizzera l iniziativa è supportata da Equilibrium, Associazione per far fronte alla depressione, dalla Società Svizzera di Psichiatria e Psicoterapia (SSPP) e dalla fondazione Werner Alfred Selo. Alle pagine 6 e 7 troverete maggiori informazioni sulla campagna e su come parteciparvi attivamente. Parallelamente all iniziativa «lean on me» è stata condotta lo scorso anno un indagine sul tema della depressione. Abbiamo presentato i risultati così ottenuti a Christine Heim, presidentessa di Equilibrium, chiedendole di illustrarcene i possibili retroscena. Alle pagine 8 e 9 potrete leggere l intervista e i risultati dell indagine. Grazie alla sua attività ambulatoriale, il Dr. Philippe Huguelet sa bene quanto possa essere utile per i malati il coinvolgimento dei familiari nella terapia. Nell intervista alle pagine 10 e 11 lo psichiatra ginevrino descrive le proprie esperienze e illustra in che modo i familiari possono migliorare il loro approccio ai malati. L incoraggiamento e la solidarietà di familiari ed amici sono di enorme importanza per i malati di depressione: sono infatti decisivi per farli sentire meno isolati e spingerli ad agire per superare la malattia. Contribuite anche voi ad aiutarli e visitate il nostro nuovo sito che offre utili informazioni. Vi auguriamo una lettura stimolante. PD Dr Rico Nil Medical Director Lundbeck (Schweiz) AG 2

3 «Ladepressione DEPRESSIONE ci ha uniti più strettamente» PER CHI SOFFRE DI DEPRESSIONE È DIFFICILE PARLARE DEL PROPRIO STATO CON LA FAMIGLIA O GLI AMICI. PER QUESTA RAGIONE YVONNE CHRISTEN HA ATTRAVERSATO MOLTE DIFFICILI CRISI. SOLO SU SUO MARITO HA POTUTO SEMPRE CONTARE: ERWIN CHRISTEN LE È STATO SEMPRE VICINO ED HA CONTINUATO A CREDERE IN LEI. OGGI YVONNE CHRISTEN STA MEGLIO. LA DEPRESSIONE HA UNITO LA COPPIA ANCORA DI PIÙ. F ine settimana dai Christen: nella loro stanza le tre figlie, di 9, 14 e 18 anni, litigano, mentre mamma Yvonne ripone gli indumenti che hanno lasciato in giro in soggiorno. Così facendo passa davanti ad un quadro che salta subito agli occhi a tutti i visitatori: un foulard di seta in una cornice di vetro, sul quale sono raffigurati vari personaggi dei cartoni animati. Predominano i colori chiari, come giallo, rosa e blu. Il quadro emana pura gioia di vivere. Prima che la cena sia pronta, papà Erwin fa ancora una rapida doccia. Dai Christen regna la vita quotidiana e la normalità. Non è stato sempre così, però, perché Yvonne Christen soffre di depressione e già da decenni. Ogni giorno prende un antidepressivo per stabilizzare l umore e una volta al mese si reca ad un colloquio psicoterapico. Ora sta bene, «ma una nuova fase depressiva potrebbe arrivare in ogni momento», dice. Solo pochi mesi fa, certi giorni non sapeva se sarebbe riuscita ad affrontare tutti gli impegni dei suoi ruoli di madre, casalinga e moglie. Sebbene Yvonne Christen abbia sofferto di depressione sin dall infanzia, la malattia è emersa solo alla nascita della prima figlia. «Invece di provare gioia, avrei voluto buttare mia figlia dalla finestra», così la cinquantenne confessa oggi con franchezza il sentimento di allora. Dopo il parto pianse a dirotto per ore. «Gli umori cambiavano come se si premesse un interruttore», ricorda. Se durante la gravidanza aveva provato solo gioia, ora all improvviso si sentiva prigioniera e legata. Per colmo di sventura la figlioletta era una piccola urlatrice. Di notte Yvonne rimaneva sveglia per ore per calmarla. Per sei mesi non riuscì godere di un sonno ininterrotto. Si sentiva logora e spossata. Il medico le prescrisse un antidepressivo e la situazione migliorò lentamente. Per suo marito Erwin (50) la situazione familiare fu all inizio difficile da giudicare. «Durante il giorno andavo a lavorare e non c ero», racconta. Ma dopo il lavoro aiutava la moglie il più possibile e le stava vicino, perché le credeva quando diceva di essere depressa e di avere bisogno di aiuto. A differenza dei genitori di Yvonne: «Mio padre mi ha fatto capire che non valgo niente, non riesco in niente e soprattutto che non sono malata, ma che faccio solo finta», dice. Queste osservazioni la fanno sentire colpevole e la feriscono profondamente. Purtroppo, invece di aiuto ha ricevuto solo percosse verbali. «Una nuova fase depressiva può arrivare in ogni momento» Ci vollero tre anni prima che la giovane coppia si riprendesse dalla crisi e decidesse di avere un altro bambino. Questa volta niente doveva andare storto. 3

4

5 DEPRESSIONE negli ultimi anni. Anche le figlie crescono e diventano più autonome. Sanno di dover avere riguardi per la mamma in fase depressiva. La più grande si occupa delle piccole senza brontolare. La vita familiare si è assestata. Erwin e Yvonne Christen hanno più tempo l uno per l altro e si godono questa nuova situazione: «Poco tempo fa ci siamo concessi per la prima volta da quando siamo insieme un fine settimana di welness», racconta con orgoglio Erwin Christen. E la moglie aggiunge: «Ora la sera andiamo anche a mangiare fuori.» Senza le figlie forse la loro coppia non avrebbe superato i momenti difficili. «I figli sono un sostegno», ammette francamente Erwin Christen. Ma ce l hanno fatta. LIBRO! importante iniziare con franchezza, «Per noi era informando gli altri» A 50 anni hanno iniziato una nuova fase della vita, che vogliono percorrere insieme. La crisi li ha uniti più strettamente: Yvonne sa di potersi appoggiare al marito ed Erwin ha imparato che ogni crisi può insegnare qualcosa, facendoci diventare più forti. Irriverenza Una strategia di sopravvivenza per i terapeuti Nel medioevo il popolo vestiva i panni di vescovi e signori per sbeffeggiare regole e rituali: oggi questo libro invita ad una festa all insegna dell irriverenza. Cecchin, Lane e Ray propongono ai terapeuti un gioco al di fuori dei dogmi come serio metodo per aiutare davvero chi si rivolge a loro. L irriverenza come via per superare gli assiomi delle «psicoteologie» e guadagnare in curiosità, desiderio, passione, fantasia, invenzione, creatività e improvvisazione. I terapeuti vengono esortati a prendersi la libertà di accettare o respingere teorie e pratiche terapeutiche totalizzanti e a considerare le «verità» riverite dalla prassi solo come punti di riferimento provvisori non sempre validi. Nato dalla creatività di tre irriverenti terapeuti, il libro è uno stimolo a sfidare modelli e ideologie annidati in istituzioni, relazioni interpersonali e nella mente del terapeuta. Si tratta, osserva Bradford Keeney nella prefazione, di «una buona occasione per danzare nelle strade tirando fuori quello che sta dentro e capovolgendo quello che sta sopra». Seguiamo il suo consiglio «Irriverenza Una strategia di sopravvivenza per i terapeuti», Gianfranco Cecchin, Gerry Lane, Wendel A. Ray, FrancoAngeli Editore, brossura 112 pagine, ISBN: , ISBN 13:

6 «lean on me»: sono tuo amico anche quando stai male È RARO CHE I DEPRESSI CHIEDANO AIUTO. MOLTI SI VERGOGNANO DELLA PROPRIA MALATTIA E SI ISOLANO. INVECE L APPOGGIO DELLA FAMIGLIA O DEGLI AMICI È DI ENORME IMPORTANZA PER FAR SENTIRE I MALATI MENO SOLI E MOTIVARLI AD AFFRONTARE ATTIVAMENTE LA DEPRESSIONE CHE LI HA COLPITI. LA CAMPAGNA «LEAN ON ME» INTEN- DE PROPORRE VARI MODI CON I QUALI CHIUNQUE PUÒ DIMOSTRARE AMICIZIA ED ESSERE AL FIANCO DEI MALATI DI DEPRESSIONE: AD ESEMPIO CON UN VIDEO FRIEND-CLIP SU OPPURE TRAMITE TWITTER O FACEBOOK. S «Lean on me when you re not strong. And I ll be your friend, I ll help you carry on» (Appoggiati a me quando sei debole, sarò tuo amico e ti aiuterò ad andare avanti ), queste le parole della canzone sigla della campagna. Dimostrate anche voi ai vostri amici di voler essere al loro fianco e trasformatevi in una star del rock, in una primadonna o in un ballerino di R&B dance in un video friend-clip, ed esprimete il vostro appoggio inviandoglielo. Oppure scegliete una foto del vostro viso formato ritratto ed una foto del viso del vostro amico o di una persopesso i depressi interrompono i contatti sociali, ed evitano di parlare dei propri problemi con amici e familiari per cercare di trovare soluzioni. A questo si aggiunge lo stigma che ancora segna le malattie psichiche, delle quali fa parte anche la depressione. Ecco allora che entrambi gli interlocutori sono a disagio se devono parlare apertamente del problema. L appoggio psicologico offerto dalla famiglia, dagli amici o da professionisti della sanità può invece aiutare enormemente il malato a raggiungere la guarigione. La campagna «lean on me» si è prefissa lo scopo di proporre vari modi che permettano a chiunque di dimostrare amicizia e partecipazione. «lean on me» ha preso vita per iniziativa della Lundbeck, ed è supportata dall European Depression Association (EDA) un organizzazione indipendente creata con l obiettivo di aumentare il livello di consapevolezza sul tema depressione in tutti i paesi europei nonché da Equilibrium, Associazione per far fronte alla depressione, dalla Società Svizzera di Psichiatria e Psicoterapia (SSPP) e dalla fondazione Werner Alfred Selo. Siate anche voi un amico a cui appoggiarsi Cosa può fare ciascuno di noi per aiutare? Soprattutto non guardare da un altra parte! Molte persone considerano la depressione un segno di debolezza, superabile con un po di «forza di volontà». La depressione invece è una malattia seria, proprio come una patologia cardiovascolare o tumorale, e richiede un trattamento. Purtroppo opinioni e punti di vista sbagliati spesso fanno sì che chi soffre di depressione non ammetta i propri problemi neanche con sé stesso, per paura di ciò che possono pensare gli altri. Per paura che la diagnosi possa avere ripercussioni sul posto di lavoro o per l assicurazione. Così i malati si sentono soli ed isolati, ed esitano a rivolgersi ad un medico. Le amicizie aiutano il malato. Siate anche voi un amico a cui appoggiarsi: sul sito troverete informazioni utili sulla depressione e sulla campagna, e suggerimenti sul modo di andare incontro ai diretti interessati. Siamo tutti delle star inviate un video friend-clip 6

7

8 Equilibrium ogni aiuto è prezioso L INDAGINE «LEAN ON ME» RIVELA CHE I FAMILIARI DELLE PERSONE DEPRESSE VORREBBERO AIUTARLE, MA NON SANNO COME. DA PARTE LORO I DEPRESSI SONO INSICURI E DELLA PROPRIA MALATTIA NON NE PARLANO PROPRIO. «EQUILIBRIUM: L ASSOCIAZIONE PER FAR FRONTE ALLA DEPRESSIONE» OFFRE SOSTEGNO A FAMILIARI E DIRETTI INTERESSATI. «LA NOSTRA CONSULENZA APPROFONDITA MIGLIORA LA COMPRENSIONE DELLA MALATTIA», SOTTOLINEA CHRISTINE HEIM, PRESIDENTESSA DI EQUILIBRIUM. Secondo l indagine, oltre un terzo (37%) di coloro che hanno già sofferto di depressione non ha detto nulla né alla famiglia né agli amici. Perché ritiene che ciò accada? Molti si vergognano della propria depressione. Devono imparare a convivere con la malattia: solo accettando la depressione sarà loro possibile uscire allo scoperto. Anche questo però richiede una forza che molti depressi non hanno. Infatti, dover continuamente spiegare la propria situazione è estremamente faticoso e persino umiliante. Per di più, nella maggior parte dei casi anche le persone care non riescono a collegare sintomi come svogliatezza e indolenza con la depressione. Spesso invece li si sente dire che il malato dovrebbe fare uno sforzo. A questo punto il dialogo diventa impossibile, perché la persona depressa ora sa che l interlocutore manca di comprensione. Questo silenzio però si mantiene anche con chi opera nel settore sanitario. Solo un ottavo degli interrogati si paleserebbe in un colloquio! Anche per me questo risultato è sorprendente. Esso indica tuttavia che lo stigma è onnipresente in tutti i settori anche in quelli dove ci si aspetterebbe maggiore conoscenza. Ma anche i professionisti della sanità sembrano mancare di esperienza nel rapportarsi ai depressi, altrimenti farebbero domande mirate. Che cosa si può fare al riguardo? Penso che siano necessarie maggiori conoscenze ed una migliore informazione, non solo per i familiari ma anche per le professioni sanitarie. La depressione è una malattia metabolica cerebrale. Se fosse più noto che sono i neurotrasmettitori a scatenare stimoli e desideri, ci sarebbe maggiore comprensione. Si parla molto di depressione, ma ben pochi sanno che cosa accade veramente nel cervello. In che modo possono comportarsi i familiari nei confronti del malato per aiutarlo? Non bisogna prendere la malattia e il comportamento del depresso come un affron- to personale. È importante comportarsi amorevolmente nei suoi confronti, anche se è terribilmente faticoso. Frasi come: «Ti capisco», sono per lui un conforto. È anche utile indirizzarlo gentilmente. Ad esempio cucinando insieme gli si potrebbe dire: «Puoi riscaldare già il sugo per gli spaghetti?». Sono esortazioni precise, che gli rendono più facile orientarsi nella vita quotidiana. Se un padre di famiglia con depressione necessita di molta tranquillità, mentre il figlio vuole per forza ascoltare della musica, ci si può accordare perché usi le cuffie. I depressi devono fare movimento. Perché non sia troppo gravoso, i familiari potrebbero alternarsi nell accompagnarlo a passeggio. E i familiari come possono ricaricare le batterie? Con l appoggio di gruppi di auto-aiuto (GAA). Purtroppo i familiari si uniscono raramente ad un GAA, o lo abbandonano subito non appena il malato sta meglio. Inoltre, nel migliore dei casi gli psichiatri 8

9 dovrebbero coinvolgere tutta la famiglia nella terapia. In questo modo sono tutti informati circa la malattia e possono fare insieme il percorso. Molti malati hanno paura che le persone care possano abbandonarli. Qual è la Sua esperienza in proposito? Purtroppo in effetti ciò accade molto spesso. Molti non sanno come comportarsi o come parlare della depressione. La separazione però può venire anche dal malato, se la relazione richiede troppo sforzo. Quasi una persona su due pensa che la depressione prima o poi passa. Sottovalutano l entità della malattia? Bisogna distinguere fra depressione lieve, moderata e grave. Chi soffre di depressione grave sa che non può farcela da solo. La depressione grave presenta un quadro clinico estremamente limitante. I pensieri di suicidio sono sempre presenti. Con una depressione lieve o un burnout è diverso. Molti pensano che l attacco passerà e non lo prendono sul serio, visto che ancora si riesce ad ottenere un certo rendimento, anche se peggiore di prima. Per non sprofondare in una depressione grave, però, ci vuole una compensazione nel tempo libero, come sport o terapie corporee, ad esempio yoga o meditazione. Più della metà è disposta ad aiutare una persona cara. Si tratta di un enorme risorsa! Probabilmente a chiunque farebbe piacere aiutare. Ma il primo passo deve venire dal depresso. E se riesce a farlo dipende dalla gravità della depressione e dal tipo di rapporto reciproco. Mi piacerebbe che Equilibrium diventasse conosciuto altrettanto quanto la Caritas, presso la quale tutti sanno che si ottiene aiuto. Dovrebbe essere così anche per noi: Equilibrium come sinonimo di aiuto contro la depressione. «lean on me»: i risultati dell indagine Nel luglio, agosto e dicembre del 2010 è stata effettuata un indagine a livello europeo chiamata «lean on me». Il sondaggio è stato condotto online in Belgio, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Spagna e Svizzera. Hanno partecipato 8127 persone, di cui 1005 in Svizzera. L indagine ha registrato le opinioni sulla depressione di una popolazione generale di età fra 16 e 64 anni. Le domande vertevano su vari settori tematici, fra cui conoscenze sulla malattia, percezione e stigma della depressione e sostegno sociale per i malati. I risultati dell indagine in Svizzera Sulle 1005 persone interrogate in Svizzera, più di un terzo (36 %) ha dichiarato di aver sofferto di depressione. A più di uno su sette (17 %) un medico ha già diagnosticato almeno una depressione di rilevanza clinica. Quasi quattro quinti (78 %) degli interrogati conoscono una persona che soffre di depressione. Percezione e stigma Una persona su dieci (10 %) ha dichiarato nel sondaggio online che si sentirebbe a disagio dovendo parlare di depressione con un amico o un familiare che ne soffre. Oltre un terzo (37 %) di coloro che hanno già sofferto di depressione non lo ha raccontato né alla famiglia né agli amici. Quasi tre quarti (74 %) dei colpiti hanno dichiarato di essersi allontanati persino dalla famiglia e dagli amici. Le ragioni: paura e vergogna (27 %), paura dell incomprensione delle persone care (18 %), non voler gravare sugli altri con i propri problemi (59 %), non sapere come dirglielo (25 %) e convinzione che la fase depressiva sarebbe passata (46 %). Sostegno Tre interrogati su quattro (75 %), fra coloro che hanno già sofferto di depressione ritengono che per chi è depresso sia difficile mantenere relazioni strette. Circa un terzo (32 %) di tutti coloro che hanno già sofferto di depressione dichiarano che famiglia e amici non sapevano come reagire quando sono venuti a sapere della malattia. Conoscenze Quasi due terzi (62 %) dei partecipanti sanno che la depressione è una malattia curabile, per la quale esistono medicamenti efficaci. Un ottavo degli interrogati (13 %) ha ammesso tuttavia che non avrebbe il coraggio di parlare di depressione con altri, nemmeno con professionisti della sanità. PROFILO PERSONALE Christine Heim (48 anni) è presidentessa di Equilibrium dal maggio Assistente di studio medico e laboratorista, è da anni inabile al lavoro in seguito a disturbo bipolare. La terapia che ha scelto per sé è la pittura: possiede un atelier proprio e si dedica all arte astratta. Christine Heim vive a Zurigo. 9

10 TERAPIA «Coinvolgere i fami nella terapia aiuto prez per i malati» QUANDO UNA PERSONA SOFFRE DI DEPRESSIONE, NON SEMPRE I FAMILIARI SI RENDONO CONTO CHE IL SUO COM- PORTAMENTO È DOVUTO ALLA MALATTIA. LO PSICHIATRA GINEVRINO PHILIPPE HUGUELET INVITA PERCIÒ TALVOLTA I PARENTI A PARTECIPARE AD UNA SEDUTA CON IL PAZIENTE PER INFORMARLI SUGLI EFFETTI DELLA DEPRESSIONE. QUESTO SCAMBIO PERMETTE DI AIUTARE L ENTOURAGE DEL MALATO A TROVARE L ATTEGGIAMENTO GIUSTO NEI SUOI CONFRONTI. Dr. Huguelet, Lei segue numerosi pazienti, sia nelle visite del servizio di psichiatria dell ospedale che nel Suo studio privato. Le accade spesso di coinvolgere nella terapia di un paziente con depressione membri della sua famiglia? Diciamo che non è una regola. Fintantoché la sindrome depressiva non impedisce alla persona di lavorare o non interferisce con la vita di famiglia, i pazienti di solito vengono alle sedute da soli. Ma quando la depressione comporta ripercussioni familiari o altri problemi, si inizia ad interessarsi all entourage. D altra parte, spesso i familiari sono partecipi, vogliono sapere cosa succede. In questo caso li incontro in presenza dei pazienti. Si tratta in genere del partner della coppia, oppure dei genitori. Qual è lo scopo di questa iniziativa? Soprattutto informare i familiari circa la depressione: quali ne sono i sintomi, l evoluzione e il trattamento. Talvolta, nell ignoranza di cosa comporta la malattia, lo stato del paziente scatena conflitti familiari. I familiari non riconoscono che si tratta di depressione e ritengono che il paziente voglia fare sempre di testa sua, sia pigro, dia prova di cattiva volontà e così via, mentre invece in realtà non sta bene. È essenziale che le persone care riconoscano i sintomi principali della depressione ed interpretino correttamente il compor tamento del proprio partner. Non è cosa facile quando si ha davanti una persona abbattuta, che vede tutto nero, che non riesce ad armonizzare con un piccolo gruppo, destando facilmente l impressione che nutra malumore o ira contro il partner. Un problema tipico nelle coppie è che il depresso ha meno libido ed è spesso insopportabile, cosicché il partner è por tato a credere di non essere più amato e se ne va, mentre questo comportamento è provocato dalla depressione. Come reagiscono i familiari alle Sue spiegazioni? Quando capiscono che l atteggiamento del paziente è un sintomo di depressione, i familiari sono sollevati. In seguito cerchiamo di aiutarli ad affrontare la situazione, evitando reazioni controproducenti. «È essenziale che le persone care riconoscano i sintomi principali della depressione» A proposito: quali comportamenti bisogna assolutamente evitare con chi soffre di depressione? Bisogna cercare di non giudicare ed evitare osservazioni antipatiche del tipo «basterebbe che ti dessi una scossa»! Non si deve neanche spingere i pazienti 10

11 liari TERAPIA può essere un oso a interrompere il trattamento. Ancora troppa gente ignora che la depressione in parte ha cause biologiche, sulle quali si può agire tramite i medicamenti. Si teme anche che il paziente possa sviluppare una dipendenza, mentre in realtà gli antidepressivi non provocano assuefazione. Allora qual è il comportamento migliore? Nel migliore dei casi i familiari dovrebbero mostrare comprensione ed empatia, esortando con dolcezza il malato a non cedere al suo presente umore negativo. Potrebbero ad esempio proporre attività non molto impegnative, che il malato ama fare. Le capita di incontrare i familiari all insaputa del paziente? Assolutamente no! Il paziente ha una rapporto privilegiato con il proprio medico, del quale deve potersi fidare completamente. Prima dell incontro ci mettiamo d accordo: se il paziente desidera che non si parli di alcune delle cose che mi ha raccontato, io rispetto la sua volontà. E all inizio della seduta con i familiari gli chiedo se mi autorizza a parlare della sua malattia. Con questo permesso mi solleva implicitamente dal rispetto del segreto professionale. Incontrando i familiari sempre insieme al paziente tutti sanno ciò che si è detto. «Sprofondare a loro volta non aiuterà, l altro a migliorare» Alcuni pazienti rifiutano di farle incontrare i familiari? Può capitare, soprattutto se una persona ha paura che il medico sveli i suoi segreti. Alcuni temono anche che il terapeuta si renda conto che non hanno detto la verità, o che hanno presentato le situazioni a proprio vantaggio. Il rischio in questo caso è che si incrini l alleanza terapeutica fra paziente e medico. Ma ciò succede piuttosto di rado. Quali sono i limiti di questo metodo? Quando la situazione familiare è molto tesa o costituisce una delle cause dei problemi del paziente, è meglio evitare di incontrare i familiari. Preferisco allora proporre loro una terapia di coppia presso un collega. In altri casi i familiari si rifiutano di venire perché intuiscono che dovranno rimettersi in questione. In che modo il Suo metodo si differenzia da una terapia familiare? La terapia familiare è un approccio di tipo sistematico. Si parte dal presupposto che la depressione del paziente sia fortemente influenzata dal sistema familiare ed il lavoro terapeutico si concentra perciò su di esso. La terapia cognitiva comportamentale si concentra invece sul paziente che soffre di depressione. I familiari possono partecipare saltuariamente per aiutarlo. Come fare quando il paziente non ha familiari? Anche se la persona che soffre di depressione non fa parte di una coppia, avrà pur sempre qualcuno con cui ha un legame importante e che potrà essere coinvolto nella terapia se necessario. Ma è sempre possibile curare un paziente anche senza incontrarne la cerchia familiare. Non è facile vivere con chi soffre di depressione. Non si rischia di cadervi a propria volta? Certo la depressione non è contagiosa, ma a lungo andare la vicinanza di una persona depressa può «appesantire» la cerchia familiare, soprattutto se questa si sente in obbligo di sobbarcarsi tutto. Durante le sedute con i familiari li esorto a rispettare i propri limiti e a mantenere il proprio equilibrio, vedendo amici e continuando le proprie attività. Sprofondare a loro volta non aiuterà l altro a migliorare. PROFILO PERSONALE Il Dr. Philippe Huguelet è responsabile da circa dieci anni di uno dei quattro settori del Servizio di psichiatria generale degli Ospedali universitari di Ginevra (HUG) e conduce corsi all Università di Ginevra. Nato a Neuchâtel 49 anni fa, è specializzato nel trattamento delle turbe psicotiche e della depressione, nonché dei disturbi della personalità. Il suo campo di ricerca di elezione consiste nei legami fra psichiatria e spiritualità. 11

12

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

La depressione può colpire chiunque

La depressione può colpire chiunque La depressione può colpire chiunque Italienisch, italien, italiano Traduzione: UFSP/CRS Croce Rossa Svizzera Foto: Martin Volken La depressione può colpire chiunque «Mi sento sfinito e ho male dappertutto.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

L A S V O L T A. La campagna «lean on me» funziona Lancio riuscito e molte iniziative

L A S V O L T A. La campagna «lean on me» funziona Lancio riuscito e molte iniziative L A S V O L T A Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia I Edizione 11 PAGINA 3 I DEPRESSIONE PAGINA 5 I «LEAN ON ME» PAGINA 9 I DEPRESSIONE & DIABETE Qual è la strada per destigmatizzare

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.»

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» E di z i o ne //// 1/ 2 0 14 Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» Fatti riguardanti l apnea da sonno In Svizzera circa 150 000 persone soffrono di apnea da sonno. I sintomi

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

LA SVOLTA Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia I Edizione 9

LA SVOLTA Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia I Edizione 9 LA SVOLTA Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia I Edizione 9 PAGINA 3 I DISTURBI DI PANICO PAGINA 4 I DISTURBI DI PANICO PAGINA 8 I TERAPIA COMPORTAMENTALE Imparare a vivere con la paura

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Malati di cancro: come dirlo ai figli? Un informazione per genitori con consigli per i docenti

Malati di cancro: come dirlo ai figli? Un informazione per genitori con consigli per i docenti Malati di cancro: come dirlo ai figli? Un informazione per genitori con consigli per i docenti Perché parlare di cancro con i figli? Quando una madre o un padre si ammala di cancro, cambia la vita di tutti

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

L A S V O L T A. Carico (e sovraccarico) lavorativo Roland Bart ricorda quando per lui il lavoro era un difficile equilibrismo

L A S V O L T A. Carico (e sovraccarico) lavorativo Roland Bart ricorda quando per lui il lavoro era un difficile equilibrismo L A S V O L T A Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia I Edizione 13 PAGINA 3 I DEPRESSIONE PAGINA 6 I DEPRESSIONE PAGINA 8 I REINSERIMENTO Problemi sul lavoro causati da malattie psichiche

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.»

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Seite 1 Benvenute e benvenuti Seite 2 Due organizzazioni, un tema Seite 3 Seite 4 Ordine del giorno - Rilevanza a livello sociale - Campagna

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli