Quando qualcuno soffre di DEPRESSIONE, FORSE ci vuole di più di un MAZZO di FIORI PAGINA 6 I «LEAN ON ME»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quando qualcuno soffre di DEPRESSIONE, FORSE ci vuole di più di un MAZZO di FIORI PAGINA 6 I «LEAN ON ME»"

Transcript

1 LA SVOLTA Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia I Numero 10 Quando qualcuno soffre di DEPRESSIONE, FORSE ci vuole di più di un MAZZO di FIORI PAGINA 3 I DEPRESSIONE PAGINA 6 I «LEAN ON ME» PAGINA 10 I TERAPIA Trarre insegnamento da una crisi Yvonne ed Erwin Christen parlano dei loro momenti difficili Affrontare il tema depressione con «lean on me» In che modo amici e familiari possono essere al fianco dei malati Insieme contro la depressione: coinvolgere i familiari nella terapia Un colloquio con il Dr. Philippe Huguelet Lundbeck (Schweiz) AG Dokument letztmals geprüft:

2 EDITORIALE INDICE EDITORIALE 2 DEPRESSIONE 3 «La depressione ci ha uniti 3 più strettamente» Yvonne ed Erwin Christen parlano della loro convivenza con la depressione La Sua opinione ci interessa 4 Partecipi e vinca! Libro: «Irriverenza Una 5 strategia di sopravvivenza per i terapeuti» «LEAN ON ME» 6 «lean on me»: sono tuo amico 6 anche quando stai male Una campagna per destigmatizzare la depressione Equilibrium ogni aiuto è 8 prezioso Intervista a Christine Heim, presidentessa di Equilibrium «lean on me»: i risultati 9 dell indagine TERAPIA 10 «Coinvolgere i familiari nella 10 terapia può essere un aiuto prezioso per i malati» Intervista al Dr. Philippe Huguelet IN BREVE 12 Centri di riferimento e link 12 Colophon 12 Gentili lettrici, Cari lettori, N ella nostra società sono molto diffuse le malattie del sistema cardiocircolatorio ipertensione, arteriosclerosi o infarto cardiaco ed anche il diabete. La sofferenza e l inabilità al lavoro che provocano incontrano comprensione ed accettazione incondizionate. Purtroppo invece, per le malattie psichiche come la depressione le cose non stanno così non se ne parla, oppure ci si vergogna della propria debolezza. Questa grave malattia è ancora oggetto di stigmatizzazione. Spesso i colpiti non riescono a chiedere aiuto professionale. La loro disperazione emotiva gli impedisce di aprirsi persino agli amici o alla famiglia, e si vergognano di raccontare la tristezza, la spossatezza o perfino i pensieri di suicidio per paura di non essere capiti. Yvonne Christen ha avuto il coraggio di rivelare la propria depressione, e la sua franchezza ha incontrato la comprensione del partner, che le è rimasto vicino nei momenti più difficili. Nel ritratto a pagina 3 Yvonne ed Erwin Christen raccontano come sono riusciti a superare i molti ostacoli ma anche come hanno dovuto combattere contro i molti pregiudizi. Il loro racconto sottolinea quanto è importante per i depressi essere sostenuti dalla famiglia e dagli amici. Per promuovere la comprensione della malattia e l appoggio dato a chi ne soffre, nonché superare la stigmatizzazione, abbiamo lanciato, insieme alla European Depression Association (EDA), la campagna «lean on me». In Svizzera l iniziativa è supportata da Equilibrium, Associazione per far fronte alla depressione, dalla Società Svizzera di Psichiatria e Psicoterapia (SSPP) e dalla fondazione Werner Alfred Selo. Alle pagine 6 e 7 troverete maggiori informazioni sulla campagna e su come parteciparvi attivamente. Parallelamente all iniziativa «lean on me» è stata condotta lo scorso anno un indagine sul tema della depressione. Abbiamo presentato i risultati così ottenuti a Christine Heim, presidentessa di Equilibrium, chiedendole di illustrarcene i possibili retroscena. Alle pagine 8 e 9 potrete leggere l intervista e i risultati dell indagine. Grazie alla sua attività ambulatoriale, il Dr. Philippe Huguelet sa bene quanto possa essere utile per i malati il coinvolgimento dei familiari nella terapia. Nell intervista alle pagine 10 e 11 lo psichiatra ginevrino descrive le proprie esperienze e illustra in che modo i familiari possono migliorare il loro approccio ai malati. L incoraggiamento e la solidarietà di familiari ed amici sono di enorme importanza per i malati di depressione: sono infatti decisivi per farli sentire meno isolati e spingerli ad agire per superare la malattia. Contribuite anche voi ad aiutarli e visitate il nostro nuovo sito che offre utili informazioni. Vi auguriamo una lettura stimolante. PD Dr Rico Nil Medical Director Lundbeck (Schweiz) AG 2

3 «Ladepressione DEPRESSIONE ci ha uniti più strettamente» PER CHI SOFFRE DI DEPRESSIONE È DIFFICILE PARLARE DEL PROPRIO STATO CON LA FAMIGLIA O GLI AMICI. PER QUESTA RAGIONE YVONNE CHRISTEN HA ATTRAVERSATO MOLTE DIFFICILI CRISI. SOLO SU SUO MARITO HA POTUTO SEMPRE CONTARE: ERWIN CHRISTEN LE È STATO SEMPRE VICINO ED HA CONTINUATO A CREDERE IN LEI. OGGI YVONNE CHRISTEN STA MEGLIO. LA DEPRESSIONE HA UNITO LA COPPIA ANCORA DI PIÙ. F ine settimana dai Christen: nella loro stanza le tre figlie, di 9, 14 e 18 anni, litigano, mentre mamma Yvonne ripone gli indumenti che hanno lasciato in giro in soggiorno. Così facendo passa davanti ad un quadro che salta subito agli occhi a tutti i visitatori: un foulard di seta in una cornice di vetro, sul quale sono raffigurati vari personaggi dei cartoni animati. Predominano i colori chiari, come giallo, rosa e blu. Il quadro emana pura gioia di vivere. Prima che la cena sia pronta, papà Erwin fa ancora una rapida doccia. Dai Christen regna la vita quotidiana e la normalità. Non è stato sempre così, però, perché Yvonne Christen soffre di depressione e già da decenni. Ogni giorno prende un antidepressivo per stabilizzare l umore e una volta al mese si reca ad un colloquio psicoterapico. Ora sta bene, «ma una nuova fase depressiva potrebbe arrivare in ogni momento», dice. Solo pochi mesi fa, certi giorni non sapeva se sarebbe riuscita ad affrontare tutti gli impegni dei suoi ruoli di madre, casalinga e moglie. Sebbene Yvonne Christen abbia sofferto di depressione sin dall infanzia, la malattia è emersa solo alla nascita della prima figlia. «Invece di provare gioia, avrei voluto buttare mia figlia dalla finestra», così la cinquantenne confessa oggi con franchezza il sentimento di allora. Dopo il parto pianse a dirotto per ore. «Gli umori cambiavano come se si premesse un interruttore», ricorda. Se durante la gravidanza aveva provato solo gioia, ora all improvviso si sentiva prigioniera e legata. Per colmo di sventura la figlioletta era una piccola urlatrice. Di notte Yvonne rimaneva sveglia per ore per calmarla. Per sei mesi non riuscì godere di un sonno ininterrotto. Si sentiva logora e spossata. Il medico le prescrisse un antidepressivo e la situazione migliorò lentamente. Per suo marito Erwin (50) la situazione familiare fu all inizio difficile da giudicare. «Durante il giorno andavo a lavorare e non c ero», racconta. Ma dopo il lavoro aiutava la moglie il più possibile e le stava vicino, perché le credeva quando diceva di essere depressa e di avere bisogno di aiuto. A differenza dei genitori di Yvonne: «Mio padre mi ha fatto capire che non valgo niente, non riesco in niente e soprattutto che non sono malata, ma che faccio solo finta», dice. Queste osservazioni la fanno sentire colpevole e la feriscono profondamente. Purtroppo, invece di aiuto ha ricevuto solo percosse verbali. «Una nuova fase depressiva può arrivare in ogni momento» Ci vollero tre anni prima che la giovane coppia si riprendesse dalla crisi e decidesse di avere un altro bambino. Questa volta niente doveva andare storto. 3

4

5 DEPRESSIONE negli ultimi anni. Anche le figlie crescono e diventano più autonome. Sanno di dover avere riguardi per la mamma in fase depressiva. La più grande si occupa delle piccole senza brontolare. La vita familiare si è assestata. Erwin e Yvonne Christen hanno più tempo l uno per l altro e si godono questa nuova situazione: «Poco tempo fa ci siamo concessi per la prima volta da quando siamo insieme un fine settimana di welness», racconta con orgoglio Erwin Christen. E la moglie aggiunge: «Ora la sera andiamo anche a mangiare fuori.» Senza le figlie forse la loro coppia non avrebbe superato i momenti difficili. «I figli sono un sostegno», ammette francamente Erwin Christen. Ma ce l hanno fatta. LIBRO! importante iniziare con franchezza, «Per noi era informando gli altri» A 50 anni hanno iniziato una nuova fase della vita, che vogliono percorrere insieme. La crisi li ha uniti più strettamente: Yvonne sa di potersi appoggiare al marito ed Erwin ha imparato che ogni crisi può insegnare qualcosa, facendoci diventare più forti. Irriverenza Una strategia di sopravvivenza per i terapeuti Nel medioevo il popolo vestiva i panni di vescovi e signori per sbeffeggiare regole e rituali: oggi questo libro invita ad una festa all insegna dell irriverenza. Cecchin, Lane e Ray propongono ai terapeuti un gioco al di fuori dei dogmi come serio metodo per aiutare davvero chi si rivolge a loro. L irriverenza come via per superare gli assiomi delle «psicoteologie» e guadagnare in curiosità, desiderio, passione, fantasia, invenzione, creatività e improvvisazione. I terapeuti vengono esortati a prendersi la libertà di accettare o respingere teorie e pratiche terapeutiche totalizzanti e a considerare le «verità» riverite dalla prassi solo come punti di riferimento provvisori non sempre validi. Nato dalla creatività di tre irriverenti terapeuti, il libro è uno stimolo a sfidare modelli e ideologie annidati in istituzioni, relazioni interpersonali e nella mente del terapeuta. Si tratta, osserva Bradford Keeney nella prefazione, di «una buona occasione per danzare nelle strade tirando fuori quello che sta dentro e capovolgendo quello che sta sopra». Seguiamo il suo consiglio «Irriverenza Una strategia di sopravvivenza per i terapeuti», Gianfranco Cecchin, Gerry Lane, Wendel A. Ray, FrancoAngeli Editore, brossura 112 pagine, ISBN: , ISBN 13:

6 «lean on me»: sono tuo amico anche quando stai male È RARO CHE I DEPRESSI CHIEDANO AIUTO. MOLTI SI VERGOGNANO DELLA PROPRIA MALATTIA E SI ISOLANO. INVECE L APPOGGIO DELLA FAMIGLIA O DEGLI AMICI È DI ENORME IMPORTANZA PER FAR SENTIRE I MALATI MENO SOLI E MOTIVARLI AD AFFRONTARE ATTIVAMENTE LA DEPRESSIONE CHE LI HA COLPITI. LA CAMPAGNA «LEAN ON ME» INTEN- DE PROPORRE VARI MODI CON I QUALI CHIUNQUE PUÒ DIMOSTRARE AMICIZIA ED ESSERE AL FIANCO DEI MALATI DI DEPRESSIONE: AD ESEMPIO CON UN VIDEO FRIEND-CLIP SU OPPURE TRAMITE TWITTER O FACEBOOK. S «Lean on me when you re not strong. And I ll be your friend, I ll help you carry on» (Appoggiati a me quando sei debole, sarò tuo amico e ti aiuterò ad andare avanti ), queste le parole della canzone sigla della campagna. Dimostrate anche voi ai vostri amici di voler essere al loro fianco e trasformatevi in una star del rock, in una primadonna o in un ballerino di R&B dance in un video friend-clip, ed esprimete il vostro appoggio inviandoglielo. Oppure scegliete una foto del vostro viso formato ritratto ed una foto del viso del vostro amico o di una persopesso i depressi interrompono i contatti sociali, ed evitano di parlare dei propri problemi con amici e familiari per cercare di trovare soluzioni. A questo si aggiunge lo stigma che ancora segna le malattie psichiche, delle quali fa parte anche la depressione. Ecco allora che entrambi gli interlocutori sono a disagio se devono parlare apertamente del problema. L appoggio psicologico offerto dalla famiglia, dagli amici o da professionisti della sanità può invece aiutare enormemente il malato a raggiungere la guarigione. La campagna «lean on me» si è prefissa lo scopo di proporre vari modi che permettano a chiunque di dimostrare amicizia e partecipazione. «lean on me» ha preso vita per iniziativa della Lundbeck, ed è supportata dall European Depression Association (EDA) un organizzazione indipendente creata con l obiettivo di aumentare il livello di consapevolezza sul tema depressione in tutti i paesi europei nonché da Equilibrium, Associazione per far fronte alla depressione, dalla Società Svizzera di Psichiatria e Psicoterapia (SSPP) e dalla fondazione Werner Alfred Selo. Siate anche voi un amico a cui appoggiarsi Cosa può fare ciascuno di noi per aiutare? Soprattutto non guardare da un altra parte! Molte persone considerano la depressione un segno di debolezza, superabile con un po di «forza di volontà». La depressione invece è una malattia seria, proprio come una patologia cardiovascolare o tumorale, e richiede un trattamento. Purtroppo opinioni e punti di vista sbagliati spesso fanno sì che chi soffre di depressione non ammetta i propri problemi neanche con sé stesso, per paura di ciò che possono pensare gli altri. Per paura che la diagnosi possa avere ripercussioni sul posto di lavoro o per l assicurazione. Così i malati si sentono soli ed isolati, ed esitano a rivolgersi ad un medico. Le amicizie aiutano il malato. Siate anche voi un amico a cui appoggiarsi: sul sito troverete informazioni utili sulla depressione e sulla campagna, e suggerimenti sul modo di andare incontro ai diretti interessati. Siamo tutti delle star inviate un video friend-clip 6

7

8 Equilibrium ogni aiuto è prezioso L INDAGINE «LEAN ON ME» RIVELA CHE I FAMILIARI DELLE PERSONE DEPRESSE VORREBBERO AIUTARLE, MA NON SANNO COME. DA PARTE LORO I DEPRESSI SONO INSICURI E DELLA PROPRIA MALATTIA NON NE PARLANO PROPRIO. «EQUILIBRIUM: L ASSOCIAZIONE PER FAR FRONTE ALLA DEPRESSIONE» OFFRE SOSTEGNO A FAMILIARI E DIRETTI INTERESSATI. «LA NOSTRA CONSULENZA APPROFONDITA MIGLIORA LA COMPRENSIONE DELLA MALATTIA», SOTTOLINEA CHRISTINE HEIM, PRESIDENTESSA DI EQUILIBRIUM. Secondo l indagine, oltre un terzo (37%) di coloro che hanno già sofferto di depressione non ha detto nulla né alla famiglia né agli amici. Perché ritiene che ciò accada? Molti si vergognano della propria depressione. Devono imparare a convivere con la malattia: solo accettando la depressione sarà loro possibile uscire allo scoperto. Anche questo però richiede una forza che molti depressi non hanno. Infatti, dover continuamente spiegare la propria situazione è estremamente faticoso e persino umiliante. Per di più, nella maggior parte dei casi anche le persone care non riescono a collegare sintomi come svogliatezza e indolenza con la depressione. Spesso invece li si sente dire che il malato dovrebbe fare uno sforzo. A questo punto il dialogo diventa impossibile, perché la persona depressa ora sa che l interlocutore manca di comprensione. Questo silenzio però si mantiene anche con chi opera nel settore sanitario. Solo un ottavo degli interrogati si paleserebbe in un colloquio! Anche per me questo risultato è sorprendente. Esso indica tuttavia che lo stigma è onnipresente in tutti i settori anche in quelli dove ci si aspetterebbe maggiore conoscenza. Ma anche i professionisti della sanità sembrano mancare di esperienza nel rapportarsi ai depressi, altrimenti farebbero domande mirate. Che cosa si può fare al riguardo? Penso che siano necessarie maggiori conoscenze ed una migliore informazione, non solo per i familiari ma anche per le professioni sanitarie. La depressione è una malattia metabolica cerebrale. Se fosse più noto che sono i neurotrasmettitori a scatenare stimoli e desideri, ci sarebbe maggiore comprensione. Si parla molto di depressione, ma ben pochi sanno che cosa accade veramente nel cervello. In che modo possono comportarsi i familiari nei confronti del malato per aiutarlo? Non bisogna prendere la malattia e il comportamento del depresso come un affron- to personale. È importante comportarsi amorevolmente nei suoi confronti, anche se è terribilmente faticoso. Frasi come: «Ti capisco», sono per lui un conforto. È anche utile indirizzarlo gentilmente. Ad esempio cucinando insieme gli si potrebbe dire: «Puoi riscaldare già il sugo per gli spaghetti?». Sono esortazioni precise, che gli rendono più facile orientarsi nella vita quotidiana. Se un padre di famiglia con depressione necessita di molta tranquillità, mentre il figlio vuole per forza ascoltare della musica, ci si può accordare perché usi le cuffie. I depressi devono fare movimento. Perché non sia troppo gravoso, i familiari potrebbero alternarsi nell accompagnarlo a passeggio. E i familiari come possono ricaricare le batterie? Con l appoggio di gruppi di auto-aiuto (GAA). Purtroppo i familiari si uniscono raramente ad un GAA, o lo abbandonano subito non appena il malato sta meglio. Inoltre, nel migliore dei casi gli psichiatri 8

9 dovrebbero coinvolgere tutta la famiglia nella terapia. In questo modo sono tutti informati circa la malattia e possono fare insieme il percorso. Molti malati hanno paura che le persone care possano abbandonarli. Qual è la Sua esperienza in proposito? Purtroppo in effetti ciò accade molto spesso. Molti non sanno come comportarsi o come parlare della depressione. La separazione però può venire anche dal malato, se la relazione richiede troppo sforzo. Quasi una persona su due pensa che la depressione prima o poi passa. Sottovalutano l entità della malattia? Bisogna distinguere fra depressione lieve, moderata e grave. Chi soffre di depressione grave sa che non può farcela da solo. La depressione grave presenta un quadro clinico estremamente limitante. I pensieri di suicidio sono sempre presenti. Con una depressione lieve o un burnout è diverso. Molti pensano che l attacco passerà e non lo prendono sul serio, visto che ancora si riesce ad ottenere un certo rendimento, anche se peggiore di prima. Per non sprofondare in una depressione grave, però, ci vuole una compensazione nel tempo libero, come sport o terapie corporee, ad esempio yoga o meditazione. Più della metà è disposta ad aiutare una persona cara. Si tratta di un enorme risorsa! Probabilmente a chiunque farebbe piacere aiutare. Ma il primo passo deve venire dal depresso. E se riesce a farlo dipende dalla gravità della depressione e dal tipo di rapporto reciproco. Mi piacerebbe che Equilibrium diventasse conosciuto altrettanto quanto la Caritas, presso la quale tutti sanno che si ottiene aiuto. Dovrebbe essere così anche per noi: Equilibrium come sinonimo di aiuto contro la depressione. «lean on me»: i risultati dell indagine Nel luglio, agosto e dicembre del 2010 è stata effettuata un indagine a livello europeo chiamata «lean on me». Il sondaggio è stato condotto online in Belgio, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Spagna e Svizzera. Hanno partecipato 8127 persone, di cui 1005 in Svizzera. L indagine ha registrato le opinioni sulla depressione di una popolazione generale di età fra 16 e 64 anni. Le domande vertevano su vari settori tematici, fra cui conoscenze sulla malattia, percezione e stigma della depressione e sostegno sociale per i malati. I risultati dell indagine in Svizzera Sulle 1005 persone interrogate in Svizzera, più di un terzo (36 %) ha dichiarato di aver sofferto di depressione. A più di uno su sette (17 %) un medico ha già diagnosticato almeno una depressione di rilevanza clinica. Quasi quattro quinti (78 %) degli interrogati conoscono una persona che soffre di depressione. Percezione e stigma Una persona su dieci (10 %) ha dichiarato nel sondaggio online che si sentirebbe a disagio dovendo parlare di depressione con un amico o un familiare che ne soffre. Oltre un terzo (37 %) di coloro che hanno già sofferto di depressione non lo ha raccontato né alla famiglia né agli amici. Quasi tre quarti (74 %) dei colpiti hanno dichiarato di essersi allontanati persino dalla famiglia e dagli amici. Le ragioni: paura e vergogna (27 %), paura dell incomprensione delle persone care (18 %), non voler gravare sugli altri con i propri problemi (59 %), non sapere come dirglielo (25 %) e convinzione che la fase depressiva sarebbe passata (46 %). Sostegno Tre interrogati su quattro (75 %), fra coloro che hanno già sofferto di depressione ritengono che per chi è depresso sia difficile mantenere relazioni strette. Circa un terzo (32 %) di tutti coloro che hanno già sofferto di depressione dichiarano che famiglia e amici non sapevano come reagire quando sono venuti a sapere della malattia. Conoscenze Quasi due terzi (62 %) dei partecipanti sanno che la depressione è una malattia curabile, per la quale esistono medicamenti efficaci. Un ottavo degli interrogati (13 %) ha ammesso tuttavia che non avrebbe il coraggio di parlare di depressione con altri, nemmeno con professionisti della sanità. PROFILO PERSONALE Christine Heim (48 anni) è presidentessa di Equilibrium dal maggio Assistente di studio medico e laboratorista, è da anni inabile al lavoro in seguito a disturbo bipolare. La terapia che ha scelto per sé è la pittura: possiede un atelier proprio e si dedica all arte astratta. Christine Heim vive a Zurigo. 9

10 TERAPIA «Coinvolgere i fami nella terapia aiuto prez per i malati» QUANDO UNA PERSONA SOFFRE DI DEPRESSIONE, NON SEMPRE I FAMILIARI SI RENDONO CONTO CHE IL SUO COM- PORTAMENTO È DOVUTO ALLA MALATTIA. LO PSICHIATRA GINEVRINO PHILIPPE HUGUELET INVITA PERCIÒ TALVOLTA I PARENTI A PARTECIPARE AD UNA SEDUTA CON IL PAZIENTE PER INFORMARLI SUGLI EFFETTI DELLA DEPRESSIONE. QUESTO SCAMBIO PERMETTE DI AIUTARE L ENTOURAGE DEL MALATO A TROVARE L ATTEGGIAMENTO GIUSTO NEI SUOI CONFRONTI. Dr. Huguelet, Lei segue numerosi pazienti, sia nelle visite del servizio di psichiatria dell ospedale che nel Suo studio privato. Le accade spesso di coinvolgere nella terapia di un paziente con depressione membri della sua famiglia? Diciamo che non è una regola. Fintantoché la sindrome depressiva non impedisce alla persona di lavorare o non interferisce con la vita di famiglia, i pazienti di solito vengono alle sedute da soli. Ma quando la depressione comporta ripercussioni familiari o altri problemi, si inizia ad interessarsi all entourage. D altra parte, spesso i familiari sono partecipi, vogliono sapere cosa succede. In questo caso li incontro in presenza dei pazienti. Si tratta in genere del partner della coppia, oppure dei genitori. Qual è lo scopo di questa iniziativa? Soprattutto informare i familiari circa la depressione: quali ne sono i sintomi, l evoluzione e il trattamento. Talvolta, nell ignoranza di cosa comporta la malattia, lo stato del paziente scatena conflitti familiari. I familiari non riconoscono che si tratta di depressione e ritengono che il paziente voglia fare sempre di testa sua, sia pigro, dia prova di cattiva volontà e così via, mentre invece in realtà non sta bene. È essenziale che le persone care riconoscano i sintomi principali della depressione ed interpretino correttamente il compor tamento del proprio partner. Non è cosa facile quando si ha davanti una persona abbattuta, che vede tutto nero, che non riesce ad armonizzare con un piccolo gruppo, destando facilmente l impressione che nutra malumore o ira contro il partner. Un problema tipico nelle coppie è che il depresso ha meno libido ed è spesso insopportabile, cosicché il partner è por tato a credere di non essere più amato e se ne va, mentre questo comportamento è provocato dalla depressione. Come reagiscono i familiari alle Sue spiegazioni? Quando capiscono che l atteggiamento del paziente è un sintomo di depressione, i familiari sono sollevati. In seguito cerchiamo di aiutarli ad affrontare la situazione, evitando reazioni controproducenti. «È essenziale che le persone care riconoscano i sintomi principali della depressione» A proposito: quali comportamenti bisogna assolutamente evitare con chi soffre di depressione? Bisogna cercare di non giudicare ed evitare osservazioni antipatiche del tipo «basterebbe che ti dessi una scossa»! Non si deve neanche spingere i pazienti 10

11 liari TERAPIA può essere un oso a interrompere il trattamento. Ancora troppa gente ignora che la depressione in parte ha cause biologiche, sulle quali si può agire tramite i medicamenti. Si teme anche che il paziente possa sviluppare una dipendenza, mentre in realtà gli antidepressivi non provocano assuefazione. Allora qual è il comportamento migliore? Nel migliore dei casi i familiari dovrebbero mostrare comprensione ed empatia, esortando con dolcezza il malato a non cedere al suo presente umore negativo. Potrebbero ad esempio proporre attività non molto impegnative, che il malato ama fare. Le capita di incontrare i familiari all insaputa del paziente? Assolutamente no! Il paziente ha una rapporto privilegiato con il proprio medico, del quale deve potersi fidare completamente. Prima dell incontro ci mettiamo d accordo: se il paziente desidera che non si parli di alcune delle cose che mi ha raccontato, io rispetto la sua volontà. E all inizio della seduta con i familiari gli chiedo se mi autorizza a parlare della sua malattia. Con questo permesso mi solleva implicitamente dal rispetto del segreto professionale. Incontrando i familiari sempre insieme al paziente tutti sanno ciò che si è detto. «Sprofondare a loro volta non aiuterà, l altro a migliorare» Alcuni pazienti rifiutano di farle incontrare i familiari? Può capitare, soprattutto se una persona ha paura che il medico sveli i suoi segreti. Alcuni temono anche che il terapeuta si renda conto che non hanno detto la verità, o che hanno presentato le situazioni a proprio vantaggio. Il rischio in questo caso è che si incrini l alleanza terapeutica fra paziente e medico. Ma ciò succede piuttosto di rado. Quali sono i limiti di questo metodo? Quando la situazione familiare è molto tesa o costituisce una delle cause dei problemi del paziente, è meglio evitare di incontrare i familiari. Preferisco allora proporre loro una terapia di coppia presso un collega. In altri casi i familiari si rifiutano di venire perché intuiscono che dovranno rimettersi in questione. In che modo il Suo metodo si differenzia da una terapia familiare? La terapia familiare è un approccio di tipo sistematico. Si parte dal presupposto che la depressione del paziente sia fortemente influenzata dal sistema familiare ed il lavoro terapeutico si concentra perciò su di esso. La terapia cognitiva comportamentale si concentra invece sul paziente che soffre di depressione. I familiari possono partecipare saltuariamente per aiutarlo. Come fare quando il paziente non ha familiari? Anche se la persona che soffre di depressione non fa parte di una coppia, avrà pur sempre qualcuno con cui ha un legame importante e che potrà essere coinvolto nella terapia se necessario. Ma è sempre possibile curare un paziente anche senza incontrarne la cerchia familiare. Non è facile vivere con chi soffre di depressione. Non si rischia di cadervi a propria volta? Certo la depressione non è contagiosa, ma a lungo andare la vicinanza di una persona depressa può «appesantire» la cerchia familiare, soprattutto se questa si sente in obbligo di sobbarcarsi tutto. Durante le sedute con i familiari li esorto a rispettare i propri limiti e a mantenere il proprio equilibrio, vedendo amici e continuando le proprie attività. Sprofondare a loro volta non aiuterà l altro a migliorare. PROFILO PERSONALE Il Dr. Philippe Huguelet è responsabile da circa dieci anni di uno dei quattro settori del Servizio di psichiatria generale degli Ospedali universitari di Ginevra (HUG) e conduce corsi all Università di Ginevra. Nato a Neuchâtel 49 anni fa, è specializzato nel trattamento delle turbe psicotiche e della depressione, nonché dei disturbi della personalità. Il suo campo di ricerca di elezione consiste nei legami fra psichiatria e spiritualità. 11

12

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini.

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. 6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. (Dante Alighieri) LUCIA RIZZI è una pedagogista, scrittrice e personaggio televisivo (reality «S.O.S.

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

Disturbo da fobia sociale

Disturbo da fobia sociale Disturbo da fobia sociale Fobia sociale / Imbarazzo cronico Quando sono sotto lo sguardo altrui, in una situazione sociale, mi sento angosciato. Di entrare in un ufficio, e di dover domandare quanto mi

Dettagli

I familiari dei pazienti di Salvatore Di Salvo

I familiari dei pazienti di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it I familiari dei pazienti di Salvatore Di Salvo La sofferenza è un fatto personale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA LA DEPRESSIONE POST PARTUM IN LOMBARDIA

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA LA DEPRESSIONE POST PARTUM IN LOMBARDIA PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA LA DEPRESSIONE POST PARTUM IN LOMBARDIA Progetto di ricerca indipendente in ambito materno-infantile, proposto dall'azienda Ospedaliera Fatebenefratelli

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE

TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE La tua situazione forzata E capitato a Monica di divorziare dal marito dopo 10 anni di matrimonio e nonostante fossero passati ormai 8 anni, ha molte difficoltà

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Depressione. Questo foglio descrive la depressione e come cercare aiuto.

Depressione. Questo foglio descrive la depressione e come cercare aiuto. Questo foglio descrive la depressione e come cercare aiuto. Ti senti triste? Piangi senza ragione? Non prendi piacere nelle cose come prima? Ti senti molto stanco o rallentato? Ti consideri come qualcuno

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Distruzione e danni in casa. Scritto da Davide Mercoledì 27 Ottobre 2010 09:20 -

Distruzione e danni in casa. Scritto da Davide Mercoledì 27 Ottobre 2010 09:20 - Si tratta di un comportamento tipico dei cuccioli che si manifesta in particolare in relazione al cambiamento dei denti. Può capitare che tale comportamento continui anche una volta che il cane raggiunge

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Immaginate di vivere in un caleidoscopio in veloce movimento, dove suoni, immagini pensieri cambiano costantemente.

Immaginate di vivere in un caleidoscopio in veloce movimento, dove suoni, immagini pensieri cambiano costantemente. Immaginate di vivere in un caleidoscopio in veloce movimento, dove suoni, immagini pensieri cambiano costantemente. e Di provare noia facilmente, di non riuscire bisogna completare. a rimanere concentrati

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

LA SALUTE PSICHICA DURANTE I PRIMI MESI DELLA MATERNITA

LA SALUTE PSICHICA DURANTE I PRIMI MESI DELLA MATERNITA Azienda ULSS n. 9 del Veneto Distretti Socio-Sanitari n. 3 e 4 Dipartimento di Salute Mentale A.I.T.Sa.M. Associazione Italiana Tutela Salute Mentale Istituto Superiore di Sanità - Roma Università degli

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie.

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie. Keeping Care Complete Sintesi dei risultati internazionali Keeping Care Complete ha l obiettivo di esaminare e creare consapevolezza circa le questioni emotive e sociali associate al trattamento e all

Dettagli

LA BALBUZIE RACCONTATA AGLI INSEGNANTI

LA BALBUZIE RACCONTATA AGLI INSEGNANTI ABC Balbuzie A cura delle Dott.sse Luisella COCCO - Monica ANISIO (Logopediste) e della Dott.ssa Simona Bernardini (Psicologa\Psicoterapeuta CBT) Specialiste nella Valutazione e Trattamento della Balbuzie

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Gli anziani e l alcol

Gli anziani e l alcol Informazioni per gli anziani e le persone coinvolte Gli anziani e l alcol Come comportarsi con l alcol in età avanzata senza avere problemi? Quali segnali possono indicare la presenza di un problema di

Dettagli

L autocura dell ansia e della depressione

L autocura dell ansia e della depressione L autocura dell ansia e della depressione Il particolare tipo di documentazione necessaria alla stesura del libro è basato sulla lettura di molti articoli e testi pubblicati su riviste, giornali di settore

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA

IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA a cura della Dott.ssa LAURA MESSINA DEFINIZIONE Il colloquio clinico è una tecnica di osservazione e di studio del comportamento umano che ha lo scopo di comprendere

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Il pediatra di famiglia: mediatore di relazioni per un armonico sviluppo bio-psico-sociale del bambino MARZIA GUARNIERI

Il pediatra di famiglia: mediatore di relazioni per un armonico sviluppo bio-psico-sociale del bambino MARZIA GUARNIERI Il pediatra di famiglia: mediatore di relazioni per un armonico sviluppo bio-psico-sociale del bambino MARZIA GUARNIERI Altana di Calenzano, 22 novembre 2008 MEDIAZIONE " processo per cui un soggetto neutrale

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi

Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi Sezione di Clinica Psichiatrica, Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche, Università di Ferrara; U.O.Clinica Psichiatrica - Dipartimento

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Dott.ssa Simona Di Giovanni Psicologa Psicoterapeuta familiare Convegno 9 giugno 2012 Tivoli Indice argomenti Reazioni e vissuti alla diagnosi di tumore

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER CONVEGNO La Malattia di Alzheimer: gli aspetti clinici e l alleanza terapeutica Sabrina Spaggiari Centro Delegato Disturbi Cognitivi Distretto Sud/Est Lunedì, 24 settembre

Dettagli

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO -

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - 1 circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - atto di impugnazione proposto nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, relativo alla sentenza pronunciata il dal giudice per l udienza preliminare

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Narrativa Aracne 187

Narrativa Aracne 187 Narrativa Aracne 187 morte di una madre di Alessio Nunnari Copyright mmxi ArACne editrice S.r.l. www.aracne editrice.it info@aracne editrice.it via raffaele Garofalo, 133/A-B 00173 roma (06) 93781065

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE.

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM In questo articolo apprenderai come strutturare una lezione semplice ed efficace per spiegare ai tuoi alunni con DSA e non, quali sono le

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Lo Stigma. Questo foglio descrive lo stigma associato ai problemi di salute mentale.

Lo Stigma. Questo foglio descrive lo stigma associato ai problemi di salute mentale. Questo foglio descrive lo stigma associato ai problemi di salute mentale. Lo Stigma Pazzi. Psicopatici. Schizofrenici. Paranoici. Non Stanno Bene. Queste parole sono spesso usate in modo derogatorio per

Dettagli

durante lo scorrere delle giornate, sono di tipo: comunicativo (parlare con l animale e parlare con gli altri dell animale); ludico; affettivo

durante lo scorrere delle giornate, sono di tipo: comunicativo (parlare con l animale e parlare con gli altri dell animale); ludico; affettivo INSERTO: La regione Veneto è stata la prima regione italiana ad emanare una specifica legge (L.R. 3/05) che promuovesse lo studio, la conoscenza, la diffusione e l utilizzo di nuovi trattamenti di supporto

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute Questo opuscolo è il frutto del dialogo che il Centro Regionale Trapianti della Sicilia ha avuto negli anni con molti

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

PROGETTO PILOTA Depressione in gravidanza e nel post partum: modello organizzativo in ambito clinico, assistenziale e riabilitativo

PROGETTO PILOTA Depressione in gravidanza e nel post partum: modello organizzativo in ambito clinico, assistenziale e riabilitativo PROGETTO PILOTA Depressione in gravidanza e nel post partum: modello organizzativo in ambito clinico, assistenziale e riabilitativo D ONORE Strutture coinvolte A. O. Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano

Dettagli