Chorus, Phaser e Flanger

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chorus, Phaser e Flanger"

Transcript

1 Chorus, Phaser e Flanger Sound Modifier FX - St Chorus Phaser Flanger Raddoppi di segnale, sovrapposizioni e sfasamenti Senza ripetere quanto già specificato a proposito dei filtri All Pass e dei comportamenti ottenibili mediante sovrapposizioni di fase, ci limiteremo ad elencare le peculiarità più significative dei popolari algoritmi di trattamento audio. Tutti questi trattamenti hanno la stessa comune origine dall impiego di più linee di ritardo; proprio la sovrapposizione tra le diverse copie di segnale sfalsate tra loro permette di ottenere le diverse modalità di trattamento. L illustrazione successiva esemplifica il rapporto tra tempo di ritardo e nomenclatura tradizionale assegnata agli effetti risultanti. Enrico Cosimi 20-1

2 Tralasceremo inoltre tutte le considerazioni relative a congruità e convenienza del sound processing applicato all interno dello strumento come alternativa all outboard indifferenziato. 1. Stereo Chorus La sovrapposizione di segnale diretto e segnale sottoposto a ritardo reso variabile permette di simulare la presenza contemporanea di più sorgenti sonore non perfettamente sincronizzate tra loro. In base al numero delle linee di segnale, all ampiezza della modulazione applicata ai tempi di ritardo, alla polarità dei singoli segnali ed al rapporto tra segnale diretto e processato sarà possibile ottenere trattamenti qualitativamente diversificati. I parametri più banalmente disponibili sono quelli relativi a detune e amount; nel primo caso è possibile governare l apparente deviazione di intonazione tra le diverse voci generate, nel secondo si decide la quantità di effetto sovrapposto al segnale diretto. Per poter controllare comodamente tutti gli aspetti del Chorus, bisognerebbe avere accesso a: rapporto tra segnale diretto e segnale effettato (wet / dry balance) o, in alternativa, poter regolare la quantità di ritorno delle linee di ritardo (chorus amount); tempo di ritardo espresso tra 15 e 30 millisecondi (chorus color), velocità di modulazione, cioè le frequenze dei diversi LFO (modulation rate o, semplicemente, rate), ampiezza della modulazione, cioè la quantità di controllo assegnato al parametro delay time (modulation amount). 2. Phaser Applicazione diretta dei filtri All Pass (vedi sopra) e della loro peculiare gestione del rapporto frequenza/fase, l algoritmo di Phaser permette di variare dinamicamente la rotazione di fase del segnale passante, conferendo al medesimo un inconfondibile caratteristica cangiante. Se sovrapponiamo il segnale filtrato (cioè diversamente ritardato in fase) dalla catena di moduli Allpass (che costituiscono il Phaser) al segnale originalmente presente in ingresso, nello spettro risultante si creeranno dei rinforzi di ampiezza, cioè dei picchi, in corrispondenza delle coerenze di fase e degli annullamenti di ampiezza, cioè degli avvallamenti, in corrispondenza delle cancellazioni di fase. Dal momento che il comportamento del filtro è sensibile alla frequenza del segnale passante, questo fenomeno varierà significativamente in base all intonazione del segnale originale. Se il segnale in ingresso è ricco di armoniche, ciascuna di essa si troverà indipendentemente ruotata in fase rispetto alle altre di frequenza diversa ed all ascolto il segnale finale assumerà il caratteristico comportamento sonoro. Per rendere più ricco ed interessante il comportamento del Phaser, si usa abitualmente collegare in cascata diverse celle di filtraggio Allpass: come osservato in precedenza a proposito dei filtri veri e propri - ciascuna cella aggiunta aggiunge un fianco allo spettro risultante: due celle (cioè due stadi) realizzano un unico notch (cioè un solo avvallamento nello spettro timbrico), quattro stadi forniscono due notches ed un peak centrale, dodici stadi forniscono sei notches e cinque peaks intermedi. In base alla densità ed al numero delle celle All Pass collegate in serie sarà possibile ottenere un trattamento più o meno denso ed energico; ovviamente, la semplice sovrapposizione statica di segnale diretto ed effettato è poco significativa: il massimo riscontro lo si ottiene modulando a bassa frequenza il punto di turnover frequency del circuito Phase. Enrico Cosimi 20-2

3 In base al tempo di ritardo, sarà possibile variare il colore dell effetto ed in base al rapporto tra segnale diretto e segnale ritardato sarà possibile gestire la profondità dell effetto. Si può utilizzare una linea di ritardo impostata su 2,51 millisecondi ma il valore può essere arbitrariamente modificato fino a trovare il giusto colore all effetto e, con un mixer di raccolta, si provvede a modificare il bilanciamento tra segnale diretto e segnale ritardato. Nel caso si preferisca ottenere una timbrica più ricca, è possibile creare un ulteriore percorso di ri-modulazione realizzando una linea di feedback con cui reinviare all ingresso della linea di ritardo una quantità variabile di segnale in uscita alla medesima. I parametri banalmente più immediati, oltre al numero delle celle All Pass cioè dei picchi ed avvallamenti richiesti nello spettro di segnale sono quelli relativi alla velocità di modulazione ciclica ed alla quantità di feedback richiesto. 3. Flanger Originariamente ottenuto sommando analogicamente due copie dello stesso segnale e variando la velocità di una delle due, il trattamento di flanging rende particolarmente evidente i rinforzi e le cancellazioni di fase nel segnale definitivo. Se sottoposto a modulazione ciclica, l effetto è sorprendentemente dinamico; se mantenuto staticamente, è di fatto - assimilabile al comportamento timbrico ottenibile con un normale filtro a pettine. La costruzione standard del flanger prevede la presenza di tre linee di percorso audio: la prima dedicata al trasporto del segnale diretto, la seconda che sottopone lo stesso segnale ad una linea di ritardo modulata in banda sub audio mediante LFO, ed una terza che produce recursivamente il feedback necessario alla rigenerazione, cioè alla quantità di enfatizzazione desiderata sui picchi di segnale. A differenza del Phaser, dove è possibile variare addensamenti o rarefazioni per le turnover frequencies delle diverse celle All Pass instanziate, all interno del Flanger la spaziatura di picchi ed avallamenti è fissa e simmetrica e non può essere differenziata nella sua struttura. Enrico Cosimi 20-3

4 Patch SM025 Cho_Pha_Flng La patch fornisce due sorgenti sonore OSC DUAL e NOISE, selezionabili mediante Switch 2-1 SOURCE SELECTOR e collegate ad un network di Multiplexer MUX e Switche 4-1 SELECT (colorato in rosso). In questo modo, l utente può selezionare uno dei quattro possibili percorsi audio ed automaticamente agganciare ingresso ed uscita per le diverse instanze di trattamento audio. Il primo selettore dello Switch SELECT abilita l ascolto del segnale diretto, quindi privo di trattamenti. Il secondo selettore permette l ascolto dello STEREO CHORUS. Dal momento che il percorso di uscita è dual mono, i due canali left e right prodotti dallo Stereo Chorus sono sommati insieme mediante modulo Mix 2-1. L utente può sperimentare, con le diverse sorgenti sonore, i cambiamenti ottenibili variando i parametri di detune ed amount. Il terzo selettore abilita l ascolto del modulo PHASER, con i parametri di rate e feedback. Il quarto percorso di canale, infine, permette l ascolto del modulo FLANGER, con le possibili variazioni di rate, range e feedback. Come al solito, per innescare l emissione sonora, l utente deve aprire lo Switch AUDIO ON colorato in giallo. Enrico Cosimi 20-4

5 Bit Reduction e Sampling Rate Reduction Sound Modifier FX Digitizer Bit Reduction e Sampling Rate Reduction Se la struttura di sintesi lavora nel dominio digitale, è facile che nonostante più o meno ampie pretese di virtual analog modeling sia offerta all utente la possibilità di intervenire sulla densità dei bit disponibili e sulla frequenza di campionamento. Sample Reduction Senza entrare in dettagli teorici per i quali si rimanda alle pagine propriamente dedicate all Audio Digitale basterà ricordare che, dato il teorema di Nyquist, la massima frequenza riproducibile da un sistema è ottenibile mediante la formula: F = SR/2 Dove F è la massima frequenza ed SR è la sampling rate. Se la Sampling Rate viene abbassata drasticamente, finirà per piombare nella banda audio vera e propria del segnale, creando in modo abbastanza drammatico una formante estranea al segnale originale. La possibilità di modulare la samping rate apre nuovi orizzonti espressivi che sfruttano in maniera creativa i limiti di funzionamento imposti all audio digitale. Di seguito, si fornisce la sequenza grafica relativa alla Sample Reduction applicata ad una sinusoide originale emessa con frequenza pari a 329,63 Hz. Il primo grafico si riferisce ad F = SR = Hz. In questo caso, la massima frequenza riproducibile dal sistema è teoricamente pari a Hz. Il secondo grafico è relativo alla stessa sinusoide emessa con F = SR = 7500 Hz. E già evidente lo sgranamento sulle armoniche più acute. Enrico Cosimi 20-5

6 Nel grafico successivo è visualizzata la stessa sinusoide emessa con F = SR = 2000 Hz. La massima frequenza riproducibile è teoricamente pari a 1000 Hz. E ancora riconoscibile l andamento alternato della sinusoide originale, che risulta perà sensibilmente alterata dalle imprecisioni di dettaglio. L ultimo grafico si riferisce alla stessa sinusoide emessa con F = SR = 1000 Hz. La massima frequenza riproducibile è pari a 500 hz, ma già la Sampling Rate rientra sensibilmente in banda audio, alterando in modo irreparabile il timbro percepito. Chiaramente, l utilizzo creativo della SR reduction presuppone l interesse di lavorare con timbriche rovinate in maniera volontaria secondo l estetica dell imperfezione. Bit Reduction La riduzione del numero di bit disponibili per la descrizione di un evento audio ha conseguenze significative sulla sua qualità timbrica percepita. Anche in questo caso, pur non essendo prevedibile la modulazione del parametro in tempo reale, è possibile sfruttare significativamente le asprezze timbriche e le sensibili variazioni di dinamica ottenibili con basse densità di bit. Enrico Cosimi 20-6

7 Il grafico seguente riproduce una sinusoide emessa con F = 24 bit, in condizioni cioè di massima definizione possibile da parte del sistema utilizzato. Fino a 8 bit, a parte la perdita di dettaglio dinamico, non ci sono variazioni grafiche (cioè timbriche) apprezzabili ad occhio nudo; le cose iniziano a diventare più interessanti selezionando una densità pari a 7 bit. Se scendiamo a 6 bit, le imprecisioni di dettaglio diventano ancora più evidenti. La situazione peggiora con soli 5 bit. Enrico Cosimi 20-7

8 E peggiora ancora con 4 bit. Se si utilizza una densità pari a soli 3 bit, come nell illustrazione seguente, diventa complicato riconoscere il percorso grafico originario. La stessa deviazione dal modello originale è riscontrabile all ascolto. La situazione peggiora irrimediabilmente con soli 2 bit. Si noti come, alla mancanza di dettaglio intermedio, corrisponda un incremento artificioso perché non collegabile al modello originale un incremento nell ampiezza media del segnale, interpretabile come severa distorsione. Enrico Cosimi 20-8

9 Con 1 solo bit di definizione, il segnale è irriconoscibile e la sua ampiezza è tale da obbligare, per la visualizzazione corretta all interno della stessa gabbia grafica alla sua attenuazione di!. Enrico Cosimi 20-9

10 Patch SM028 Bit_Sample La patch offre la possibilità di verificare i risultati ottenibili con le progressive bit reduction e sample rate reduction applicate ad una sinusoide. L utente, dopo aver abilitato l AUDIO ON mediante apposito Mixer 1-1, può velocemente paragonare il segnale originale DIR con quello processato EFX selezionando la sorgente richiesta nel modulo Switch 2-1. Si presti attenzione alle drammatiche implicazioni timbriche proprie della regolazioni estreme e, se possibile, si verifichi costantemente con un oscilloscopio hardware o virtuale il comportamento del segnale passante. Enrico Cosimi 20-10

Elementi di Sintesi Sottrattiva e Sintesi per Modulazioni LFO

Elementi di Sintesi Sottrattiva e Sintesi per Modulazioni LFO LFO Control Source LFO - LFO B Oscillatore a bassa frequenza L oscillatore a bassa frequenza (Low Frequency Oscillator LFO) è, come il nome lascia presupporre, un oscillatore che non viene fatto lavorare

Dettagli

Sound Source Oscillator Osc B Modulazione di frequenza E necessario distinguere tra diversi tipi di modulazione di frequenza:

Sound Source Oscillator Osc B Modulazione di frequenza E necessario distinguere tra diversi tipi di modulazione di frequenza: Sound Source Oscillator Osc B Modulazione di frequenza E necessario distinguere tra diversi tipi di modulazione di frequenza: Modulazione di Frequenza Esponenziale in banda Sub-Audio Modulazione di Frequenza

Dettagli

ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO

ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO IITM CORSO SOUND DESIGNER 2006 ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO LEZIONE 2 ENRICO COSIMI - 1 - 1 SOUND SOURCES 1.1 OSCILLATORI (Parte II) 1.1.1 MODULAZIONE DI FREQUENZA E necessario distinguere tra diversi

Dettagli

Corso di Reaktor. - sintesi del suono applicata a Reaktor per la creazione di sound tools personalizzati -

Corso di Reaktor. - sintesi del suono applicata a Reaktor per la creazione di sound tools personalizzati - Corso di Reaktor - sintesi del suono applicata a Reaktor per la creazione di sound tools personalizzati - Lezione 1 (propedeutica) Il suono e le sue caratteristiche fondamentali - frequenza - lunghezza

Dettagli

Elaborazione digitale dell audio

Elaborazione digitale dell audio Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Lezioni di Informatica di Base per la Facoltà di Lettere e Filosofia Anno Accademico 2012/2013 Docente:

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

13. Effetti. Tipo di effetto

13. Effetti. Tipo di effetto 13. Effetti Lo strumento incorpora due processori digitali di effetti. Questo capitolo descrive le pagine di selezione e programmazione degli effetti contenute in ogni modo operativo. Ci sono 47 effetti,

Dettagli

NOTE TECNICHE #2 COS E E A COSA SERVE UN CROSSOVER ELETTRONICO?

NOTE TECNICHE #2 COS E E A COSA SERVE UN CROSSOVER ELETTRONICO? P R O F E S S I O N A L A U D I O S Y S T E M S VIA NOBEL, 10-30200 NOVENTA DI PIAVE ( VE ) TEL. 0421/571411 FAX 0421/5715480 E-mail info@prase.it URL www.prase.it NOTE TECNICHE #2 COS E E A COSA SERVE

Dettagli

CORSO CUBASE PRODUCER

CORSO CUBASE PRODUCER CORSO CUBASE PRODUCER INFORMAZIONI Durata: 6 mesi, 1 lezione/settimana di 3 ore Totale ore: 72 Certificato: attestato di frequenza certificato Steinberg Max 10 allievi Le lezioni sono di tipo teorico-pratico

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Il Suono Digitale. Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale. Introduzione

Il Suono Digitale. Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale. Introduzione Il Suono Digitale Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale Introduzione pag 1 Vantaggi del segnale digitale pag 2 Svantaggi della rappresentazione digitale pag 2 Schema della catena audio

Dettagli

TC Electronic TonePrint Editor. Manuale d uso

TC Electronic TonePrint Editor. Manuale d uso TC Electronic TonePrint Editor Manuale d uso Indice Note sul manuale d uso 1 Benvenuto/a! 2 Dunque... cosa contiene il TonePrint?... 2 TonePrint Editor - resumé... 2 Ecco cosa occorre... 2 Per cominciare

Dettagli

ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO

ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO IITM CORSO SOUND DESIGNER 2006 ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO LEZIONE 1 ENRICO COSIMI - 1 - 1 INTRODUZIONE 1.1 PREMESSE Per sua natura, la Sintesi del Suono è fortemente interdisciplinare: la padronanza

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

Indice: Introduzione 2. L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3. Adsr 4. I cavi 6. Tipo di connettori 7. Gli alimentatori 9. L'amplificatore 11

Indice: Introduzione 2. L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3. Adsr 4. I cavi 6. Tipo di connettori 7. Gli alimentatori 9. L'amplificatore 11 Indice: Introduzione 2 L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3 Adsr 4 I cavi 6 Tipo di connettori 7 Gli alimentatori 9 L'amplificatore 11 Le valvole 15 I trasduttori elettroacustici 16 Il compressore

Dettagli

Elementi di tecnologie digitali audio-video

Elementi di tecnologie digitali audio-video Elementi di tecnologie digitali audio-video - dispensa - a cura di Girolamo De Simone Audio analogico Uso del registratore multitraccia Collegamenti di strumenti e microfoni Audio analogico Caratteristiche

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno Suono: aspetti fisici Tutorial a cura di Aldo Torrebruno 1. Cos è il suono Il suono è generalmente prodotto dalla vibrazione di corpi elastici sottoposti ad urti o sollecitazioni (corde vocali, corde di

Dettagli

TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI. Caratteristiche e parametri di misura

TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI. Caratteristiche e parametri di misura TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI Caratteristiche e parametri di misura Ricevitori tradizionali Dopo l invenzione del triodo amplificatore, nacquero i primi Rx ad amplificazione diretta. Figura

Dettagli

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO MISURE CON L OSCILLOSCOPIO Misure di ampiezza (1/4) Per effettuare misure di ampiezza con l oscilloscopio l di norma si eseguono in sequenza i seguenti passi: 1. Si procede innanzitutto alla predisposizione

Dettagli

TC Chorus Delay per PowerCore

TC Chorus Delay per PowerCore Manuale d uso TC Chorus Delay per PowerCore Italiano Manuale d uso TC Chorus Delay per PowerCore SUPPORTO / CONTATTI SOMMARIO TC SUPPORT INTERACTIVE Il sito TC Support Interactive (www.tcsupport.tc) è

Dettagli

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione Il campionamento consente, partendo da un segnale a tempo continuo ovvero che fluisce con continuità nel tempo, di ottenere un segnale a tempo discreto,

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

C(f) : funzione di trasferimento del canale. Essa limita la banda del segnale trasmesso e quindi rappresenta un modello più realistico

C(f) : funzione di trasferimento del canale. Essa limita la banda del segnale trasmesso e quindi rappresenta un modello più realistico MODELLO DEL CANALE Modello gaussiano additivo a banda illimitata (considerato finora): s(t) + n(t) r(t) = s(t) + n(t) s(t) Canale C(f) + r(t) n(t) C(f) : funzione di trasferimento del canale. Essa limita

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

1. Prima di regolare la qualità sonora

1. Prima di regolare la qualità sonora 1. Prima di regolare la qualità sonora Funzioni disponibili quando è collegato un decodificatore/matrice AV a La tabella che segue indica le regolazioni audio più fini che si possono effettuare quando

Dettagli

Analisi di un segnale sonoro

Analisi di un segnale sonoro Analisi di un segnale sonoro 1. Introduzione Lo scopo di questa esperienza è quello di scoprire com è fatto un suono, riconoscere le differenze fra i timbri, imparare a fare un analisi in frequenza e vedere

Dettagli

L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO. Mauro Mancini

L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO. Mauro Mancini L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO DI Mauro Mancini La scheda audio Le qualità sonore del computer dipendono dalla qualità della scheda audio Ingressi ed uscite audio Dipendono dalla scheda; questi i più diffusi:

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

PROGRAMMA CORSO TECNICO DEL SUONO

PROGRAMMA CORSO TECNICO DEL SUONO 1. ACUSTICA Studio di Registrazione - Formazione Professionale Relazioni di Acustica Ambientale - D.P.G.R. Lombardia n.3872/2007 PROGRAMMA CORSO TECNICO DEL SUONO Il suono come fenomeno fisico Emissione

Dettagli

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Tema n 2 Si progetti un ricetrasmettitore radio modulare operante a modulazione di frequenza

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

lunghezza d'onda = velocità del suono (m/s) frequenza (Hz)

lunghezza d'onda = velocità del suono (m/s) frequenza (Hz) 5. IL SUONO Le onde che si propagano in mezzi deformabili o elastici sono chiamate onde meccaniche. Esse hanno origine dallo spostamento di una porzione di un mezzo elastico dalla sua posizione normale,

Dettagli

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale Strumentazione Elettronica pag. 1 STRUMENTAZIONE ELETTRONICA Generatore di segnale Il generatore di segnale è genericamente lo strumento che fornisce la sollecitazione nella analisi di rete e assume diversi

Dettagli

Misure di mobilità - Definizioni

Misure di mobilità - Definizioni Misure di mobilità - Definizioni La base di una specifica classe di analisi modale sperimentale è la misura di un insieme di Funzioni di Risposta in Frequenza (FRF). Il movimento può essere descritto in

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Corso di orientamento Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTRONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

Gli audio suoni sono deti anche segnali acustici e sono quelli udibili dall orecchio umano

Gli audio suoni sono deti anche segnali acustici e sono quelli udibili dall orecchio umano L AUDIO 1. Cos e il suono 2. frequenza 3. Ampitude 4. Percezione del suono e Psicoacustica 5. rappresentazione digitale delle informazioni audio 6. Campionamento e quantizzazione 7. Teorema di Nisquit

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

TubeOhm Vocoder II ITALIANO. TubeOhm 2012 www.tubeohm.com

TubeOhm Vocoder II ITALIANO. TubeOhm 2012 www.tubeohm.com TubeOhm Vocoder II ITALIANO TubeOhm 2012 www.tubeohm.com TubeOhm Vocoder-II caratteristiche: - Insert effect Vocoder a 17 bande Ingresso esterno canale analisi e canale di sintesi (canale destro e sinistro)

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM DL 2513 Trasmettitore FM Il pannello consiste in un trasmettitore FM stereo a sintesi di frequenza e modulazione diretta, operante nella banda delle trasmissioni FM commerciali. L'apparecchio è completo

Dettagli

Equalizzatori e Filtri

Equalizzatori e Filtri Equalizzatori e Filtri Massimiliano Salfi salfi@dmi.unict.it Nozioni generali Quando un segnale elettrico rappresentante un'onda acustica (per esempio il segnale che esce da un microfono) entra in un circuito,

Dettagli

I TRASDUTTORI ELETTROACUSTICI (casse, altoparlanti, etc)

I TRASDUTTORI ELETTROACUSTICI (casse, altoparlanti, etc) I TRASDUTTORI ELETTROACUSTICI (casse, altoparlanti, etc) Vi siete mai chiesti come mai il vostro amplificatore suoni differentemente se lo usate a casa al chiuso o su di un palco in concerto? Vi siete

Dettagli

Sommario PRECAUZIONI...2 INTRODUZIONE...3 CARATTERISTICHE...3 PER INIZIARE...4 PANNELLO FRONTALE...5 SOSTITUZIONE DEL CROSSFADER...

Sommario PRECAUZIONI...2 INTRODUZIONE...3 CARATTERISTICHE...3 PER INIZIARE...4 PANNELLO FRONTALE...5 SOSTITUZIONE DEL CROSSFADER... Sommario PRECAUZIONI...2 INTRODUZIONE...3 CARATTERISTICHE...3 PER INIZIARE...4 PANNELLO FRONTALE...5 SOSTITUZIONE DEL CROSSFADER...7 SPECIFICHE TECNICHE...8 PRECAUZIONI ATTENZIONE - PER RIDURRE I RISCHI

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 17/03/2015 - LE ZI ON E 3 1. RISPOSTA IMPULSIVA E CONVOLUZIONE Una descrizione informale

Dettagli

Diploma Accademico di primo livello Ordinamentale

Diploma Accademico di primo livello Ordinamentale Diploma Accademico di primo livello Ordinamentale DISCIPLINA: INFORMATICA MUSICALE I-II-III (MUSICA ELETTRONICA) (COME/05) Docente: Prof. Marco Ligabue Durata: 36 ore annuali (Gruppo) CFA: 12 annuali Informatica

Dettagli

Recording Studio Manuale Utente

Recording Studio Manuale Utente Recording Studio Manuale Utente Grazie per aver scelto Recording Studio. Questa App è in grado di offrire gli strumenti essenziali che permettono di ottenere in modo semplice e veloce una produzione musicale

Dettagli

Oscilloscopi numerici Indice

Oscilloscopi numerici Indice 1 Indice unità 5 Struttura dello strumento Modalità di campionamento Modalità di trigger Presentazione Problemi di ricostruzione del segnale Prestazioni 2 Oscilloscopi numerici 3 Indice Generalità sul

Dettagli

» Tipi di segnale e le loro caratteristiche» Parametri che descrivono un segnale» Perchè i segnali digitali?

» Tipi di segnale e le loro caratteristiche» Parametri che descrivono un segnale» Perchè i segnali digitali? Ingegneria dell Informazione Modulo SISTEMI ELETTRONICI A - INTRODUZIONE A.2 - Tipi di segnale» Tipi di segnale e le loro caratteristiche» Parametri che descrivono un segnale» Perchè i segnali digitali?

Dettagli

Elettronica per le telecomunicazioni

Elettronica per le telecomunicazioni POLITECNICO DI TORINO Elettronica per le telecomunicazioni Relazione di laboratorio Gruppo: A08 Antona Maria Gabriella Matricola: 148211 Degno Angela Rita Matricola: 148155 Fiandrino Claudio Matricola:

Dettagli

Audacity Dove e cosa scaricare lame. Come installare Audacity

Audacity Dove e cosa scaricare lame. Come installare Audacity Audacity Audacity è un programma open source per registrare e trattare audio. Esiste per le principali piattaforme (Windows, Linux, Mac OSX). In questo modulo saranno trattate solo le funzioni principali.

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

Il primo anno Il secondo anno

Il primo anno Il secondo anno Cenni Introduttivi Il Tecnico del Suono (o Fonico o Sound Engineer) da mestiere è sempre più professione. Con l avvento del digitale, e il suo normale utilizzo oggi nell ambito del trattamento del suono,

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI

CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI Vantaggi delle tecniche di comunicazione digitali Schema a blocchi generale sintetico di un sistema di TLC digitale La codifica di sorgente

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

Elementi di sismologia

Elementi di sismologia Elementi di sismologia Sismologia e Rischio Sismico Anno Accademico 2009-2010 Giovanna Cultrera, cultrera@ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Trasformata di Fourier Premessa: l equazione

Dettagli

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità INDICE 1. Caricare un file audio. p. 2 2. Riprodurre una traccia. p. 2 3. Tagliare una traccia... p. 3 4. Spostare una traccia. p. 3

Dettagli

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Gli esercizi devono essere risolti solo sui fogli dei colori indicati Per esiti e soluzioni si veda il sito web del corso:

Dettagli

In questa seconda puntata

In questa seconda puntata TEORIA TEORIA MHZ RISORSE MHZ SPECIALE RISORSE SPECIALE PRATICA Visual Analyser 90 In questa seconda puntata presentiamo una delle applicazioni del programma Visual Analyser: la misura della risposta in

Dettagli

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA Ing. Luigi Biagiotti e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

Novation Bass Station II

Novation Bass Station II PARTENZA Bass Station II può essere utilizzato come sintetizzatore autonomo, o con le connessioni MIDI da/per altri moduli timbrici o tastiere. Può anche essere collegato con la sua porta USB ad un computer

Dettagli

1 Unità di generazione PWM del ADMCF32X

1 Unità di generazione PWM del ADMCF32X SOMMARIO 1 UNITÀ DI GENERAZIONE PWM DEL ADMCF3X... 1 PWM TIMER OPERATION... REGISTRO PWMTM... REGISTRO PWMDT (DEAD-TIME REGISTER)... PWM DUTY-CYCLE... 3 PWMTRIP... 3 GENERAZIONE DI MODELLI SINUSOIDALI

Dettagli

Nozioni di base per registrare la voce su una base. Introduzione a Reaper di Ambrogio Riva www.ambrogioriva.com

Nozioni di base per registrare la voce su una base. Introduzione a Reaper di Ambrogio Riva www.ambrogioriva.com Nozioni di base per registrare la voce su una base Introduzione a Reaper di Ambrogio Riva www.ambrogioriva.com 1 Premessa Su vari forum ho visto molto entusiasmo e ascoltato bravissimi cantanti. La registrazione

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso Prof. Bruno Picasso LEZIONI: Introduzione al corso. Introduzione ai sistemi dinamici. I sistemi dinamici come sistemi di equazioni differenziali; variabili

Dettagli

Per jitter si intende il fenomeno della irregolarità del clock in un segnale digitale. È facile intuire che poiché in natura non esistono parametri

Per jitter si intende il fenomeno della irregolarità del clock in un segnale digitale. È facile intuire che poiché in natura non esistono parametri 12 Il Jitter Per jitter si intende il fenomeno della irregolarità del clock in un segnale digitale. È facile intuire che poiché in natura non esistono parametri stabili qualunque segnale digitale è affetto

Dettagli

M350 DUAL ENGINE PROCESSOR

M350 DUAL ENGINE PROCESSOR M350 DUAL ENGINE PROCESSOR MANUALE D USO IMPORTANTI NORME DI SICUREZZA Il simbolo del lampo con la punta a freccia, racchiuso in un triangolo equilatero, avverte l'utente della presenza di un voltaggio

Dettagli

INTRODUZIONE CONTENUTO DELLA CONFEZIONE AVVIO RAPIDO CONFIGURAZIONE PC

INTRODUZIONE CONTENUTO DELLA CONFEZIONE AVVIO RAPIDO CONFIGURAZIONE PC Rev 01 INTRODUZIONE Benvenuti nel Manuale Operativo di nio. Questo documento fornisce tutte le informazioni necessarie ad usare questa elegante interfaccia USB. Dopo avere descritto uno ad uno tutti i

Dettagli

BLOCCHI PRINCIPALI IN UN SYNTH

BLOCCHI PRINCIPALI IN UN SYNTH BLOCCHI PRINCIPALI IN UN SYNTH (Appunti per le lezioni di HD Recording estratto da Sintesi del Suono Appunti e approfondimenti per i corsi di Music Technology ) Francesca Ortolani 3.1 Introduzione all

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

La trasformata Zeta. Marco Marcon

La trasformata Zeta. Marco Marcon La trasformata Zeta Marco Marcon ENS Trasformata zeta E l estensione nel caso discreto della trasformata di Laplace. Applicata all analisi dei sistemi LTI permette di scrivere in modo diretto la relazione

Dettagli

RPT-1 NOVA Repeater MANUALE D USO

RPT-1 NOVA Repeater MANUALE D USO RPT-1 NOVA Repeater MANUALE D USO SOMMARIO INTRODUZIONE Sommario..................................3 Introduzione................................4 IT ESEMPI DI SETUP Mono/Stereo................................6

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare.

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare. Il Suono Digitale Capitolo 3 - Formati e standard digitali dei file audio Il formato Wave, Wave 64, AIFF pag 1 Il Transfert Rate pag 4 Il formato mp3 pag 5 Il trasferimento di file tramite Internet pag

Dettagli

Sonimus Satson 1.3.1 Manuale utente

Sonimus Satson 1.3.1 Manuale utente Sonimus Satson 1.3.1 Manuale utente Grazie Grazie per aver acquistato Satson. Satson è il risultato di ore di duro lavoro, di ricerca e di sviluppo. Noi di Sonimus continuiamo orgogliosamente a perseguire

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

DMC 312 ANTILARSEN AUTOMATICO DIGITALE 3 PRESETS VOLUMI / EQUALIZZATORI GRAFICI FILTRI AMBIENTE COMPRESSORE DELLA DINAMICA

DMC 312 ANTILARSEN AUTOMATICO DIGITALE 3 PRESETS VOLUMI / EQUALIZZATORI GRAFICI FILTRI AMBIENTE COMPRESSORE DELLA DINAMICA DMC 312 ANTILARSEN AUTOMATICO DIGITALE 3 PRESETS VOLUMI / EQUALIZZATORI GRAFICI FILTRI AMBIENTE COMPRESSORE DELLA DINAMICA (versione ingresso / uscita sbilanciati) Il processore DMC 312 è un apparecchio

Dettagli

INDICE. Sommario pag. 1. Introduzione pag. 8

INDICE. Sommario pag. 1. Introduzione pag. 8 SOMMARIO Questa tesi descrive la valutazione di schede commerciali basate su convertitori analogico-digitali ad alta risoluzione al fine dello sviluppo di applicazioni di sensoristica distribuita a scopo

Dettagli

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri AMPLIFICATORI IN CLASSE D Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 25-26 Prof Ing Lorenzo Capineri Indice 1. Generalità degli amplificatori in Classe D 1.1 Risposta in frequenza 2. Principio di funzionamento

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

Digital Storage Oscilloscope (DSO)

Digital Storage Oscilloscope (DSO) Digital Storage Oscilloscope (DSO) 1 Indice degli argomenti trattati Principio di funzionamento Richiami su campionamento e quantizzazione Campionamento in tempo reale e tempo equivalente Gestione del

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Oscillatori ---- alunna Serafini Rossella prof. Ing. Zumpano Luigi L'oscillatore L'oscillatore è l'elemento fondamentale

Dettagli

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Indice INDICE INDICE... 1 1. DESCRIZIONE...

Dettagli

DLC 1 SYNQ AUDIO MANUALE ITALIANO

DLC 1 SYNQ AUDIO MANUALE ITALIANO DLC 1 SYNQ AUDIO MANUALE ITALIANO CONNESSIONI Le connessioni possono essere effettuate con cavi bilanciati o sblilanciati jack o XLR. Usate connettori e cavi di buona qualità per minimizzare rumori e interferenze.

Dettagli

SOMMARIO 1 INTRODUZIONE 2 SPECIFICHE TECNICHE 3 LICENZE (CODICI DI ATTIVAZIONE) 4 INSTALLAZIONE DEL SOFTWARE PER YAMAHA 02R 6 COME INIZIARE 8

SOMMARIO 1 INTRODUZIONE 2 SPECIFICHE TECNICHE 3 LICENZE (CODICI DI ATTIVAZIONE) 4 INSTALLAZIONE DEL SOFTWARE PER YAMAHA 02R 6 COME INIZIARE 8 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE 2 SPECIFICHE TECNICHE 3 LICENZE (CODICI DI ATTIVAZIONE) 4 INSTALLAZIONE DEL SOFTWARE PER YAMAHA 02R 6 COME INIZIARE 8 I CONTROLLI DEGLI ENGINES 9 GESTIONE DEI PRESET 10 SENDS 11

Dettagli

SN76477N. Per la descrizione dei singoli stadi, scegliere nell'elenco:

SN76477N. Per la descrizione dei singoli stadi, scegliere nell'elenco: SN76477N A cura di Federico Battaglin www.febat.com - info@febat.com Il circuito integrato SN76477N (costruito dalla Texas Instruments) è un completo "Complex Sound Generator", ovvero un generatore di

Dettagli

Consigli e trucchi per sfruttare al massimo i vocal tools Antares

Consigli e trucchi per sfruttare al massimo i vocal tools Antares Consigli e trucchi per sfruttare al massimo i vocal tools Antares In questo articolo vi forniamo la versione italiana della nuova sezione del forum Antares dedicata ad alcuni consigli e trucchi per sfruttare

Dettagli

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani Lezione 8: Suono (1) Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione al suono Rappresentazione del suono Elaborazione digitale Standard MIDI Sintesi del suono Parlato (Speech)

Dettagli

Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza

Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza INDICE: Filtri RC e CR 1. Analisi nel dominio della frequenza 1.1. Filtro PASSA BASSO 1.2. Filtro PASSA ALTO 1.3. Filtro PASSA ALTO + PASSA BASSO 1.4. Filtri PASSA BASSO IN CASCATA 2. Analisi nel dominio

Dettagli

Principi per la memorizzazione digitale della musica

Principi per la memorizzazione digitale della musica Principi per la memorizzazione digitale della musica Agostino Dovier Univ. di Udine, DIMI 1 Preliminari Ogni suono/rumore udibile è generato da una vibrazione. Il corpo vibrante, per essere udito deve

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 9- p. /3 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento, C. Melchiorri,

Dettagli

Esclusivamente Summing

Esclusivamente Summing Esclusivamente Summing Dopo l amplificazione, il summing ed il missaggio sono 2 dei processi più antichi e basilari dell audio tornando indietro nel tempo, ricordiamo gli albori delle trasmissioni radio,

Dettagli

Capitolo 4 Tecnica di analisi on-line

Capitolo 4 Tecnica di analisi on-line Capitolo 4:Tecniche di analisi in on-line 70 Capitolo 4 Tecnica di analisi on-line 4.1 Introduzione L analisi in tempo reale di un sistema complesso comporta la scelta di tecniche di analisi di tipo statistico

Dettagli

APPENDICE I Pratiche di tecnologie informatiche per la elaborazione della musica e del suono

APPENDICE I Pratiche di tecnologie informatiche per la elaborazione della musica e del suono APPENDICE I Pratiche di tecnologie informatiche per la elaborazione della musica e del suono 135 L elaborazione digitale del segnale audio 136 L appendice dedicata alle Pratiche di tecnologie informatiche

Dettagli