TABELLA PROCESSI (PTPC )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TABELLA PROCESSI (PTPC )"

Transcript

1 Analisi e definizione dei fabbisogni a) Programmazione Redazione ed aggiornamento del Programma Triennale per gli Appalti di Lavori Programmazione annuale anche per acquisti di servizi e forniture Effettuazione delle consultazioni preliminari di mercato per la definizione delle specifiche tecniche Nomina del responsabile del procedimento Individuazione dello strumento/istituto per l affidamento b) Progettazione della gara Individuazione degli elementi essenziali del contratto Determinazione dell importo del contratto Scelta della procedura di aggiudicazione Predisposizione di atti e documenti di gara incluso il capitolato Definizione dei criteri di partecipazione, del criterio di aggiudicazione e dei criteri di attribuzione del punteggio Pubblicazione del bando e gestione delle informazioni complementari Fissazione dei termini per la ricezione delle offerte Trattamento e custodia della documentazione di gara Area 1. Contratti pubblici c) Selezione del contraente Nomina della commissione di gara; gestione delle sedute di gara Verifica dei requisiti di partecipazione Valutazione delle offerte e verifica di anomalie delle offerte Aggiudicazione provvisoria Pagina 1

2 d) Verifica dell'aggiudicazione e stipula del contratto e) Esecuzione del contratto Verifica dei requisiti ai fini della stipula del contratto Effettuazione delle comunicazioni riguardanti le esclusioni e le aggiudicazioni Formalizzazione dell aggiudicazione definitiva Stipula del contratto Approvazione delle modifiche del contratto originario Autorizzazione al subappalto Ammissione delle varianti Verifiche in corso di esecuzione Verifica delle disposizioni in materia di sicurezza Nomina del collaudatore (o della commissione di collaudo) S.C. I.C.T. e Sistemi Informativi f) Rendicontazione del contratto Verifica della corretta esecuzione Rilascio del certificato di collaudo e/o attestato di regolare esecuzione Rendicontazione dei lavori in economia da parte del responsabile del procedimento Definizione del fabbisogno Definizione del profilo di posto a) Selezione dei Direttori di Struttura Complessa (area sanitaria) Definizione dei criteri di valutazione dei candidati Avvio della procedura selettiva Costituzione della Commissione esaminatrice b) Conferimento di altri incarichi dirigenziali Comunicazione e pubblicazione dei dati Proposte di Conferimento Attribuzione Incarico Pagina 2

3 c) Conferimento di incarichi Avvio della procedura selettiva esterni individuali (collaborazioni / prestazioni d'opera) Indizione del concorso Area 2. Incarichi e nomine, Acquisizione e progressioni del personale d) Reclutamento del personale per concorso pubblico e) Reclutamento del personale attraverso collocamento f) Reclutamento del personale per avviso pubblico (tempo determinato) Ammissione candidati e nomina Commissione esaminatrice Svolgimento del concorso Corretto utilizzo dello strumento di reclutamento Selezione Personale Indizione dell'avviso g) Reclutamento del personale per mobilità (avviso pubblico) h) Progressioni di carriera i) Conferimento di incarichi di collaborazione a) Indizione dell'avviso Fasce retributive Concorsi interni Posizioni organizzative Convenzioni passive per consulenze a favore dell'azienda Consulenze Borse di studio Stage extracurriculari Docenze Redazione del bilancio (conto economico, Stato patrimoniale e Nota integrativa) e dei monitoraggi trimestrali Scritture contabili di competenza (retribuzioni e contributi, risultanze degli inventari di magazzino, ammortamenti e relativi fondi) Percorso Attuativo di Certificabilità (PAC) Rapporti con la Tesoreria Registrazione prestazioni effettuate per altri enti pubblici e privati Registrazione delle fatture Pagina 3 (Formazione)

4 Area di rischio Procedimenti Registrazione Processi delle fatture Struttura Competente attive ed emissione delle reversali d incasso Area 3. Gestione delle entrate, delle spese e del patrimonio b) Ciclo attivo Gestione dello scadenziario clienti e delle procedure di conciliazione delle posizioni creditorie Gestione e contabilizzazione dei contributi regionali e di soggetti esterni Attività di recupero del credito S.C. I.C.T. e Sistemi Informativi c) Ciclo passivo d) Gestione cassa Richiesta CIG Registrazione delle fatture passive Liquidazione Fatture Emissione dei mandati di pagamento Gestione procedure di conciliazione periodica posizioni debitorie Aggiornamento e controllo delle situazioni e delle previsioni finanziarie (disponibilità di cassa); Gestione della cassa economale Riconciliazioni di cassa Tutte le strutture che effettuano forniture di beni/servizi/lavori Tutte le strutture che effettuano forniture di beni/servizi/lavori e) Gestione e fiscalità aziendale f) Gestione del patrimonio Gestione degli adempimenti fiscali (tenuta dei libri fiscali obbligatori, liquidazione dei tributi ecc.) Inventario beni mobili Locazioni di immobili Redazione o aggiornamento dei Documenti di Valutazione dei Rischi (DVR) Individuazione e valutazione del rischio S.S. Prevenzione e Protezione dai Rischi a) Sicurezza sul lavoro Individuazione delle misure di sicurezza per la tutela della salute e della integrità psicofisica dei lavoratori Aggiornamento dei Piani di Emergenza Interna e di Evacuazione Programmazione ed effettuazione della sorveglianza sanitaria attraverso protocolli sanitari S.S. Prevenzione e Protezione dai Rischi Medico Competente Pagina 4

5 Aggiornamento cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria Medico Competente Area 4. Controlli, verifiche, contenzioso Aggiornamento del registro dei lavoratori esposti a rischi cancerogeni Gestione Procedure di reclamo utenti Servizio U.R.P. dipendente dalla DMPO Responsabile per la Prevenzione della Corruzione b) Contenzioso Gestione del contenzioso in materia di responsabilità professionale Gestione dei sinistri S.C. DMPO Gestione diritto di accesso e rilascio di informazioni sullo stato dei procedimenti Attività e adempimenti connessi alla notifica di sanzioni amministrative Direzione Generale Strutture amministrative Applicazioni Penali Tutti i servizi Attività ispettiva nei reparti sui medicinali e i dispositivi medici c) Controlli Verifica esecuzione compiti previsti dal PAC Ufficio Controllo Interno per Attuazione PAC Procedimenti disciplinari Autorizzazione allo svolgimento di attività libera professionale Negoziazione dei volumi di attività in ALPI Direzione Sanitaria d'azienda Direzione Amministrativa U.L.P. a) Libera Professione Prenotazione - Erogazione - Fatturazione delle prestazioni di Libera Professione S.C. I.C.T. e Sistemi Informativi Direzione SanitariaD'AziendaU.L.P. Verifica attività svolta in regime di libera professione Direzione Sanitaria D'Azienda U.L.P. Invio dati di pagamento per il modello 730 Gestione agende CUP/SovraCup Gestione delle prenotazioni attraverso CUP/SovraCup Area 5. Attività liberoprofessionale e liste di Attesa b) Liste di Attesa Identificazione dei livelli di priorità delle prestazioni U.R.P. Pagina 5

6 Attesa Pubblicazione tempi di attesa Gestione delle liste di attesa Gestione ticket/esenzioni c) Altri Processi Sanitari connessi alle prestazioni a) Ciclo farmaco Erogazione delle prestazioni sanitarie Identificazione del paziente Invio dati di pagamento ticket per il modello 730 Flussi regionali Prescrizione Somministrazione Distribuzione Diretta dei medicinali all'utenza Smaltimento S.C. Sistemi Informativi S.C. Contabilità Analitica e I Medici di Reparto Gli Infermieri di Reparto Area 6. Farmaceutica, dispositivi e altre tecnologie: ricerca, sperimentazioni e sponsorizzazioni Area 7. Attività conseguenti al decesso in ambito intraospedaliero b) Beni sanitari (dispositivi e altre tecnologie) c) Gestione Magazzini/Scorte d) Sperimentazioni - Sponsorizzazioni - Donazioni Gestione dei dispositivi e di altre tecnologie Gestione Magazzini Farmaci/Dispositivi Gestione Magazzini di Reparto Gestione Conto Deposito Gestione e Inventari fisici di Magazzino Gestione Sperimentazioni Contratti di Sponsorizzazione Donazioni Gestione utilizzo camere mortuarie Rapporti con le imprese funebri Trattamento della salma in reparto Trattamento della salma presso le camere mortuarie Rapporti con i parenti Reparti di degenza Servizio U.R.P. Le strutture sanitarie in cui è deceduto il paziente a) Applicazione degli istituti contrattuali relativi la gestione del Attestazione presenze, permessi, ferie, lavoro straordinario, part-time Pagina 6

7 Area di rischio contrattuali Procedimenti relativi Processi Struttura S.C. Competente GORU la gestione del rapporto di lavoro Pratiche previdenziali b) Formazione Progettazione attività Formative Realizzazione attività formative Area 8. Gestione Risorse Umane c) Autorizzazioni per il personale dipendente Incarichi esterni Partecipazione a convegni ed eventi formativi esterni con oneri aziendali Partecipazione di professionisti sanitari a convegni ed eventi formativi esterni sponsorizzati (Formazione) d) Concessione ed erogazione di vantaggi economici a persone fisiche Elaborazione stipendi Rimborsi spese Nota: Per si intende, S.C. I.C.T e Sistemi Informativi, S.S. Ingegneria Clinica,. Pagina 7

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. pagina 1di 9

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. pagina 1di 9 Richiesta accesso agli atti dell Ufficio Affari Generali e Legali o da questa detenuti stabilmente ex L. 241/1990 GENERALI E COMUNICAZIONE - Area Affari Generali e Legali 30 gg dalla richiesta tel. 02/98058230-

Dettagli

ALLEGATO AL PTTI: OBBLIGHI DI TRASPARENZA

ALLEGATO AL PTTI: OBBLIGHI DI TRASPARENZA Atti generali DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO AL PTTI: OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2 LIVELLO 3 LIVELLO STATO DELL'ARTE STRUTTURA COMP. Entro 31 gennaio di ogni Aggiornate al 31 gennaio Attestazioni OIV O.I.V.

Dettagli

TABELLA RISCHI (PTPC ) MEDIE Procedimento Possibili eventi rischiosi GIUDIZIO rilevanti

TABELLA RISCHI (PTPC ) MEDIE Procedimento Possibili eventi rischiosi GIUDIZIO rilevanti Procedimento Possibili eventi si GIUDIZIO a) Programmazione Analisi e definizione dei fabbisogni Redazione ed aggiornamento del Programma Triennale per gli Appalti di Lavori Definizione di un fabbisogno

Dettagli

4 SETTORE LAVORI PUBBLICI

4 SETTORE LAVORI PUBBLICI Fasi rilevanti Programmazione dei lavori pubblici Programmazione Possibili eventi Anomalie Tempi di rischiosi significative prevenzione prevenzione attivazione Ricorso ad affidamenti diretti, proroghe,

Dettagli

AFFARI GENERALI ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

AFFARI GENERALI ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI AZIENDA: ASP DISTRETTO DI FIDENZA CENTRO DI RESPONSABILITA : SERVIZIO AFFARI GENERALI ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Responsabile del Servizio: Responsabile Servizio Affari Generali Deliberazioni del

Dettagli

All.A - Mappatura dei processi e valutazione rischio. Pagina 11

All.A - Mappatura dei processi e valutazione rischio. Pagina 11 Macro-processo/Macroattivit Processi/attivit collegati A B Acquisizione e progressione del personale Contratti pubblici Acquisizione risorse umane Valutazioni Autorizzazione incarichi extra-istituzionali

Dettagli

Allegato 2 Funzioni, attività, macroprocessi e processi delle strutture del Consiglio regionale del Piemonte.

Allegato 2 Funzioni, attività, macroprocessi e processi delle strutture del Consiglio regionale del Piemonte. Allegato 2 Funzioni, attività, macroprocessi e processi delle strutture del Consiglio regionale del Piemonte. Anni 2016-2018 AREA SPECIFICA AREA OBBLIGATORIA AREA GENERALE FUNZIONI, ATTIVITA, MACROPROCESSI

Dettagli

ALLEGATO N. 3 ELENCO DELLE AREE DI RISCHIO SOTTOAREE / PROCESSI AZIENDALI

ALLEGATO N. 3 ELENCO DELLE AREE DI RISCHIO SOTTOAREE / PROCESSI AZIENDALI ALLEGATO N. 3 ELENCO DELLE AREE DI RISCHIO SOTTOAREE / PROCESSI AZIENDALI Azienda ULSS n. 8 Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015 2017 # Allegato 3 N. NOME DEL PROCESSO LIMITI DEL PROCESSO

Dettagli

ALLEGATO N. 3 ELENCO DELLE AREE DI RISCHIO SOTTOAREE / PROCESSI AZIENDALI

ALLEGATO N. 3 ELENCO DELLE AREE DI RISCHIO SOTTOAREE / PROCESSI AZIENDALI ALLEGATO N. 3 ELENCO DELLE AREE DI RISCHIO SOTTOAREE / PROCESSI AZIENDALI Azienda ULSS n. 8 Piano triennale di prevenzione della corruzione 2016 2018 # Allegato 3 N. NOME DEL PROCESSO LIMITI DEL PROCESSO

Dettagli

TITOLO I NORME GENERALI

TITOLO I NORME GENERALI Indice TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 Principi generali Art. 2 Principi contabili e postulati di Bilancio Art. 3 Finalità Art. 4 Sistema contabile Art. 5 Contabilità sezionali di Bilancio e Centri di Responsabilità

Dettagli

ANALISI DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANALISI SECONDO LA MATRICE PROBABILITA - IMPATTO

ANALISI DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANALISI SECONDO LA MATRICE PROBABILITA - IMPATTO ANALISI DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANALISI SECONDO LA MATRICE PROBABILITA - IMPATTO MACRO AREA A. Formazione professionale continua Processi Referente Fattori di Misure di prevenzione Probabilità Impatto

Dettagli

Comune di Serramazzoni - Provincia di Modena

Comune di Serramazzoni - Provincia di Modena AREA SERVIZI AFFARI GENERALI RISORSE UMANE SERVIZI DEMOGRAFICI Autorizzazione per Medio Assenza di controllo Recepimento del nuovo Applicazione Monitoraggio Monitoraggio impieghi e incarichi che sulle

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI Legge 23 marzo 1993, n. 84 SOCIALI Ente Pubblico non Economico Consiglio Regionale del Lazio (D.P.R. 5 marzo 1986, n. 68, art.

ORDINE ASSISTENTI Legge 23 marzo 1993, n. 84 SOCIALI Ente Pubblico non Economico Consiglio Regionale del Lazio (D.P.R. 5 marzo 1986, n. 68, art. TABELLA PIANO RISCHI Valori di R : Fino a 5 Rischio Basso / da 5 a 12 Rischio Medio / da 13 a 20 Rischio Alto / da 21 a 25 rischio altissimo. Livello di Rischio accettabile 12 Macro Area Processi Unità

Dettagli

SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO. Responsabile del Settore : Dott. Antonio Potente (tel 0882/

SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO. Responsabile del Settore : Dott. Antonio Potente (tel 0882/ SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO Responsabile del Settore : Dott. Antonio Potente (tel 0882/994090 e-mail ragioneria.poggioimperiale@pec.it) Responsabili di procedimento : Simone Bubici Maria Volpe ((tel

Dettagli

Ordine degli Assistenti Sociali Regione Trentino Alto Adige Kammer der Sozialassistenten der Region Trentino Südtirol

Ordine degli Assistenti Sociali Regione Trentino Alto Adige Kammer der Sozialassistenten der Region Trentino Südtirol Tabella Piano rischi Valori di R: fino a 5 Rischio Basso / da 5 a 12 Rischio Medio / da 13 a 20 Rischio Alto / da 21 a 25 Rischio Altissimo. Livello di Rischio accettabile 12 Macro Area A) Acquisizione

Dettagli

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI ART. 35 D.LGS 14 marzo 2013, n. 33

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI ART. 35 D.LGS 14 marzo 2013, n. 33 RESPONSABILE DELLA TRASPARENZA Diritto di accesso civico Rag. Pierino Busetti 45.35 pierino_busetti@ospedale.treviglio.bg.it U.O. AFFARI LEGALI E CONTENZIOSO Determinazione costituzione in giudizio d'ufficio

Dettagli

COMUNE DI USINI. Ufficio Lavori Pubblici Manutenzioni - Ambiente

COMUNE DI USINI. Ufficio Lavori Pubblici Manutenzioni - Ambiente COMUNE DI UNI PROVINCIA DI SASSARI Via Risorgimento n 70 Tel. 079/3817000 Fax. 079/380699 Sito internet: www.comune.usini.ss.it email: comunediusini@cert.legalmail.it Elenco dei procedimenti amministrativi

Dettagli

Elenco UO Unità organizzativa corrispondente a ciascun ufficio della AOOUSPCZ

Elenco UO Unità organizzativa corrispondente a ciascun ufficio della AOOUSPCZ Direzione Generale UFFICIO II Ambito Territoriale di Catanzaro ALLEGATO 1 Elenco UO Unità organizzativa corrispondente a ciascun ufficio della AOOUSPCZ UO DENOMINAZIONE ATTIVITÀ PUNTI UNICI DI ACCESSO

Dettagli

Calendario Corso I contratti delle pubbliche amministrazioni aspetti amministrativi economici e gestionali. 2^ Edizione Roma

Calendario Corso I contratti delle pubbliche amministrazioni aspetti amministrativi economici e gestionali. 2^ Edizione Roma Calendario Corso I contratti delle pubbliche amministrazioni aspetti amministrativi economici e gestionali 2^ Edizione Roma 2^ EDIZIONE ROMA I giorno 16 settembre 2015 I modelli autoritativi e i modelli

Dettagli

Allegato 1 - TABELLA RIEPILOGATIVA DEI PROCESSI A RISCHIO REATI CORRUTTIVI

Allegato 1 - TABELLA RIEPILOGATIVA DEI PROCESSI A RISCHIO REATI CORRUTTIVI Allegato 1 - TAELLA RIEPILOGATIVA DEI PROCESSI A RISCHIO REATI CORRUTTIVI PROCESSO A RISCHIO ATTIVITA' SVOLTE TIPOLOGIA DI REATO GRADO DI RISCHIO (basso, medio, alto) EZIONE rapporti con assessori, direttori,

Dettagli

A) Acquisizione e progressione del personale

A) Acquisizione e progressione del personale A) Acquisizione e progressione del personale Ordine degli Assistenti Sociali Macro Area Processi Unità Organizzativa e Responsabile Svolgimento di concorsi pubblici Segreteria del Consiglio- Presidente

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni usate nel testo... pag. XI CAPITOLO PRIMO LA CONTABILITÀ PUBBLICA

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni usate nel testo... pag. XI CAPITOLO PRIMO LA CONTABILITÀ PUBBLICA INDICE SOMMARIO Abbreviazioni usate nel testo... pag. XI CAPITOLO PRIMO LA CONTABILITÀ PUBBLICA 1. Nozioni di contabilità pubblica... pag. 1 2. La contabilità nazionale...» 3 3. Fonti...» 5 4. I vincoli

Dettagli

%! &"&%'', & (-.--$ &+0 1 & $ %#* -& $

%! &&%'', & (-.--$ &+0 1 & $ %#* -& $ !"#$ %! "%'' ( )*+, (-.--$ ", / +0 1 $ %#* - $ ()1* ( 2* (3 1.)1 -$.4, 1,+ "* 2 ' - )5/ 3 # $- + * * ""66!!!-7 - + 1 89$- %'- 6 + - * $:! "* - - 1; : "! " 1: * %! %' - "# -7 9: ($ * * 01 $

Dettagli

1.1 Lavori pubblici. Codice operazione. Beneficiario. Asse. Azione (codifica e titolo) Denominazione dell operazione

1.1 Lavori pubblici. Codice operazione. Beneficiario. Asse. Azione (codifica e titolo) Denominazione dell operazione 1.1 Lavori pubblici SEZIONE A - Dati identificativi dell operazione Codice operazione Beneficiario Asse Azione (codifica e titolo) Denominazione dell operazione Luogo di realizzazione dell operazione Responsabile

Dettagli

COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese

COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DEL COMUNE DI LONATE POZZOLO SCHEDA UNITA ORGANIZZATIVA dell AREA : LAVORI PUBBLICI E PATRIMONIO UFFICIO / SERVIZIO:

Dettagli

ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL'ORDINE DEI CHIMICI DE. Determinazione assunta in sede consiliare

ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL'ORDINE DEI CHIMICI DE. Determinazione assunta in sede consiliare ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL'ORDINE DEI CHIMICI DE MAPPATURA DEI RISCHI AREA DI RISCHIO Descrizione del rischio Processo interessato Esempio di rischio Valore della

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO Provincia di PALERMO

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO Provincia di PALERMO Responsabile Tel/Fax 091 8349922 e mail ufficiotecnico@comune.palazzoadriano.pa.it Servizio Procedimento Normativa di riferimento Termini conclusione gg Decorrenza del termine Responsabile del Procedimento

Dettagli

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ATTIVITA E PROCEDIMENTI TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ATTIVITA E PROCEDIMENTI TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ATTIVITA E PROCEDIMENTI TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO UNITÀ OPERATIVA RAGIONERIA PROGRAMMAZIONE TRIBUTI PERSONALE - PATRIMONIO RESPONSABILE DEL SERVIZIO: RAG. PODDA PIER GIORGIO

Dettagli

ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA ASSESORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA

ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA ASSESORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA AFFARI GENERALI, BILANCIO, GESTIONE PERSONALE E CONTENZIOSO CONTENZIOSO E AFFARI LEGALI AFFARI GENERALI, PERSONALE E FINANZE U.R.P. E PROGETTI COMUNITARI Contenzioso nanti la giurisdizione ordinaria, civile

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione Allegato 3

Piano triennale di prevenzione della corruzione Allegato 3 Piano triennale di prevenzione della corruzione 06-08 Allegato 3 Mappe dei procedimenti relativi all Area acquisizione e progressione del personale PROCESSI CON MAPPATURA GRAFICA, VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

31/03 30/09 30/09. Annuale. Termini di legge 30/03. Termini di legge. 30 giorni. Entro il 15esimo giorno del mese successivo 10 giorni dalla richiesta

31/03 30/09 30/09. Annuale. Termini di legge 30/03. Termini di legge. 30 giorni. Entro il 15esimo giorno del mese successivo 10 giorni dalla richiesta anche tramite MePA e Consip Accesso agli atti relativi ai procedimenti di competenza Predisposizione e monitoraggio piano di rispetto del patto di stabilità o degli equilibri finali di bilancio Redazione

Dettagli

Evento che determina la data di inizio del procedimento. Ordine di acquisto minute spese

Evento che determina la data di inizio del procedimento. Ordine di acquisto minute spese UNITA ORGANIZZATIVA COMPETENTE: SETTORE FINANZIARIO Servizio RAGIONERIA N. PROCEDIMENTO 1 Economato - Impegno fondi per spese minute e urgenti Regolamento di contabilità Ordine di acquisto minute spese

Dettagli

Calcolo valore rischio. Prob. Imp. Risultato. Verifiche occasionali 2,33 2,20 5,13. Deliberazione consiliare previa istruttoria segreteria

Calcolo valore rischio. Prob. Imp. Risultato. Verifiche occasionali 2,33 2,20 5,13. Deliberazione consiliare previa istruttoria segreteria NOTARILE DEI DISTRETTI RIUNITI DI PALERMO E TERMINI IMERESE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SCHEDA DI RILEVAZIONE DEI PROCESSI, IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI Area processi istituzionali

Dettagli

Procedimenti amministrativi di competenza dell Ufficio dirigenziale per la gestione delle risorse umane Dirigente Anastasia Giuffrida

Procedimenti amministrativi di competenza dell Ufficio dirigenziale per la gestione delle risorse umane Dirigente Anastasia Giuffrida Procedimenti amministrativi di competenza dell Ufficio dirigenziale per la gestione delle risorse umane Dirigente Anastasia Giuffrida Periodo di riferimento 2013 Aggiornato il 16.04.2013 Tipologia procedimenti

Dettagli

SETTORE 4 SERVIZI INFRASTRUTTURE PER IL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici. Servizio Lavori Pubblici. Servizio Lavori Pubblici

SETTORE 4 SERVIZI INFRASTRUTTURE PER IL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici. Servizio Lavori Pubblici. Servizio Lavori Pubblici N.O. DESCRIZIONE PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO 1 Affidamento diretto di lavori, servizi e forniture in economia di importo inferiore a 40.000,00 2 Affidamento diretto di lavori, servizi e forniture in economia

Dettagli

Procedimenti amministrativi - Servizio Economico Finanziario

Procedimenti amministrativi - Servizio Economico Finanziario N amministrativi - N. 1 2 3 4 5 6 di previsione e relazione previsionale e programmatica - pluriennale e piano generale di sviluppo certificato al variazioni di Spostamenti le dotazioni Salvaguardia degli

Dettagli

L ABC DELL APPALTO PUBBLICO DI FORNITURE E SERVIZI

L ABC DELL APPALTO PUBBLICO DI FORNITURE E SERVIZI L ABC DELL APPALTO PUBBLICO DI FORNITURE E SERVIZI OBIETTIVI Il ciclo di seminari si propone di fornire un quadro d insieme dell appalto pubblico di forniture e servizi, così da fornire un primo orientamento

Dettagli

POs ACQUISTO SERVIZI NON SANITARI S.C. TECNICO PATRIMONIALE INDICE VERIFICATO APPROVATO APPROVATO RESPONSABILE STRUTTURA EMITTENTE

POs ACQUISTO SERVIZI NON SANITARI S.C. TECNICO PATRIMONIALE INDICE VERIFICATO APPROVATO APPROVATO RESPONSABILE STRUTTURA EMITTENTE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINI E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITA 5. MODALITA ESECUTIVE 6. DOCUMENTI AZIENDALI DI RIFERIMENTO 7. RIFERIMENTI NORMATIVI /SCIENTIFICI 8. ARCHIVIAZIONE

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE Cognome e Nome: Berti Alessandro CURRICULUM PROFESSIONALE Profilo professionale e di ruolo: Funzionario amministrativo categoria D1 Matricola: 18289 Settore bilancio e finanze Dal 1 gennaio 2016 titolare

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI (secondo il modello contenuto nell'allegato 5 del Piano Nazionale Anticorruzione)

VALUTAZIONE DEI RISCHI (secondo il modello contenuto nell'allegato 5 del Piano Nazionale Anticorruzione) VALUTAZIONE DEI RISCHI (secondo il modello contenuto nell'allegato 5 del Piano Nazionale Anticorruzione) codice B- (totale punti) AREA DI RISCHIO 01 (OBBLIGATORIA) ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE

Dettagli

COMUNE DI VILLANOVA DEL BATTISTA. (prov.di Avellino) Tabella dei procedimenti amministrativi di competenze dell ente.

COMUNE DI VILLANOVA DEL BATTISTA. (prov.di Avellino) Tabella dei procedimenti amministrativi di competenze dell ente. COMUNE DI VILLANOVA DEL BATTISTA (prov.di Avellino) Tabella dei procedimenti amministrativi di competenze dell ente. Approvata con deliberazione di Giunta Comunale n. 71 del 27.9.2013. O AMMINISTRATIVO/FINANZIARIO

Dettagli

ASL TO4 : procedimenti amministrativi della Struttura Complessa Amministrazione del Personale INTERNI/D'UFFICIO II Semestre 2015

ASL TO4 : procedimenti amministrativi della Struttura Complessa Amministrazione del Personale INTERNI/D'UFFICIO II Semestre 2015 AMMINISTRATIVO INVIO FASCICOLI PERSONALI A SEGUITO TRASFERIMENTO ANAGRAFE DELLE PRESTAZIONI COMPENSI AI PROPRI DIPENDENTI ANAGRAFE DELLE PRESTAZIONI COMPENSI AI DIPENDENTI DI ALTRE AMMINISTRAZIONI ANAGRAFE

Dettagli

INDICE CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI COMUNI

INDICE CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI COMUNI INDICE CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI COMUNI 1. Principi generali in tema di contratti pubblici e i principi fondamentali del Trattato. Pag.1 2. I rapporti tra la legislazione statale, regionale

Dettagli

Indice della modulistica

Indice della modulistica 470 Indice della modulistica MODELLO A/1 Schema disciplinare per l incarico di Direzione dei lavori... p. 27 MODELLO A/2 Schema disciplinare per l incarico di coordinatore per l esecuzione dei lavori...»

Dettagli

SERVIZIO FINANZIARIO

SERVIZIO FINANZIARIO SERVIZIO FINANZIARIO Denominazione e/o oggetto del 1 Formazione bilancio di previsione, relazione previsionale e programmatica, PEG finanziario e conto del bilancio Bilancio di Previsione: 45 gg. dopo

Dettagli

TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE ALLEGATO N. 2 AL PTPCTI

TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE ALLEGATO N. 2 AL PTPCTI TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE ALLEGATO N. 2 AL PTPCTI DELL ORDINE DEGLI INGEGNERI DI Brescia E PROVINCIA (2016 2018) Area di rischio Rischio individuato Livello di rischio AREA ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE

Dettagli

COMUNE DI RONCADE. Evento che determina la data di inizio del procedimento Presentazione scontrino di acquisto all Economo

COMUNE DI RONCADE. Evento che determina la data di inizio del procedimento Presentazione scontrino di acquisto all Economo COMUNE DI RONCADE Allegato sub A) alla delibera di G. C. n. 152 del 30.12.2015 UNITA' ORGANIZZATIVA COMPETENTE: SETTORE FINANZIARIO Servizio RAGIONERIA N. PROCEDIMENTO 1 Rimborso anticipazioni di spesa

Dettagli

ASL TO1 (PIANO ANTICORRUZIONE ) MISURE DI PREVENZIONE DEL RISCHIO ALLEGATO 5

ASL TO1 (PIANO ANTICORRUZIONE ) MISURE DI PREVENZIONE DEL RISCHIO ALLEGATO 5 ASL TO1 (PIANO ANTICORRUZIONE 2015-2017) MISURE DI PREVENZIONE DEL RISCHIO ALLEGATO 5 AREE DI RISCHIO AREA RISCHIO 01 ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE 01 1 01 2 Reclutamento per: concorso pubblico,

Dettagli

CICLO PASSIVO E FISCALE

CICLO PASSIVO E FISCALE ISTITUTI FIOTERAPICI OSPITALIERI - UOC RISORSE ECOMICHE A B C D Gestione Anagrafiche DEL A0 Creazione e manutenzione anagrafica Fornitori Spina/Santarelli/Car Registrazione fatturato passivo quotidiano

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione e della Trasparenza Allegato 3 Procedura Concorsi e selezione del personale

Piano triennale di prevenzione della corruzione e della Trasparenza Allegato 3 Procedura Concorsi e selezione del personale PROCEDURA SELEZIONE E RECLUTAMENTO DEL PERSONALE Input Output Piano Triennale delle assunzioni/esigenze di Fabbisogno Provvedimento di graduatoria finale dei vincitori (Settore e ) 010 Firma del provvedimento

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ALESSANDRO PRETI ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE VIA VAL PUSTERIA, ROMA (RM)

INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ALESSANDRO PRETI ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE VIA VAL PUSTERIA, ROMA (RM) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ALESSANDRO PRETI Data di nascita 01 AGOSTO 1968 Nazionalità VIA VAL PUSTERIA, 22 00141 ROMA (RM) ITALIANA Telefono +390688328093 Cellulare +393204328818

Dettagli

Parte III Analisi del rischio

Parte III Analisi del rischio Parte III Analisi del rischio 82 83 1. Analisi del rischio A norma della Parte II, Capitolo 3 - Gestione del rischio, si procede all analisi ed alla valutazione del rischio del concreto verificarsi di

Dettagli

Istruzione Operativa. Documento Unico di Valutazione dei. Rischi da Interferenze e. Coordinamento Attività

Istruzione Operativa. Documento Unico di Valutazione dei. Rischi da Interferenze e. Coordinamento Attività Pagina 1 di 6 Istruzione Operativa Pagina 2 di 6 1 CAMPO DI APPLICAZIONE La presente Istruzione Operativa definisce l iter documentale e le responsabilità nella definizione della necessità e dell eventuale

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI Giuseppe SANTOIEMMA

CURRICULUM VITAE DI Giuseppe SANTOIEMMA CURRICULUM VITAE DI Giuseppe SANTOIEMMA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Domicilio GIUSEPPE SANTOIEMMA VIA CATALDO CAPODIFERRO, 8 70023 GIOIA DEL COLLE (BA) VIA CATALDO CAPODIFERRO, 8 70023 GIOIA

Dettagli

Infografica I compiti del Rup secondo il nuovo Codice appalti in 8 step!

Infografica I compiti del Rup secondo il nuovo Codice appalti in 8 step! Infografica I compiti del Rup secondo il nuovo Codice appalti in 8 step! Compiti del Rup, verifiche e controlli durante l esecuzione secondo il nuovo Codice appalti. Ecco tutto quello che occorre sapere

Dettagli

SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE

SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE ALLEGATO N. 2 AL PTPC 2017 2019 DELL ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI UDINE Area di rischio Rischio individuato Livello di rischio

Dettagli

SCHEDE DEL PROCESSO DI GESTIONE DEL RISCHIO DI CORRUZIONE

SCHEDE DEL PROCESSO DI GESTIONE DEL RISCHIO DI CORRUZIONE SCHEDE DEL PROCESSO DI GESTIONE DEL RISCHIO DI CORRUZIONE AREA DI RISCHIO: acquisizione e progressione personale A 1 PROCESSO: reclutamento Esemplificazione dei rischi : 1. Previsione di requisiti di accesso

Dettagli

RESPONSABILE SERVIZIO Dr.ssa M. Paola BOSSI- Segretario Comunale

RESPONSABILE SERVIZIO Dr.ssa M. Paola BOSSI- Segretario Comunale Risposta a istanze, petizioni e proposte dei cittadini non rientranti in procedimenti individuali. Rilascio atti oggetto di richiesta di accesso dei Consiglieri Comunali Pubblicazioni sul sito istituzionale

Dettagli

SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE

SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE ALLEGATO N. 2 AL PTPC 2017 2019 DELL ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Area di rischio Rischio individuato Livello di rischio

Dettagli

TABELLA N. 1 MAPPATURA DEI PROCESSI E IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO AREA DI RISCHIO N. 1 ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE:

TABELLA N. 1 MAPPATURA DEI PROCESSI E IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO AREA DI RISCHIO N. 1 ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE: TABELLA N. 1 MAPPATURA DEI PROCESSI E IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO AREA DI RISCHIO N. 1 ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE: UFFICIO PERSONALE SELEZIONE E RECLUTAMENTO PERSONALE/ MOBILITA' TRA ENTI

Dettagli

Rischi prevedibili Azioni possibili output/indicatori tempistica responsabile. Documento programmatico (bilancio) Documento programmatico (bilancio)

Rischi prevedibili Azioni possibili output/indicatori tempistica responsabile. Documento programmatico (bilancio) Documento programmatico (bilancio) probabilità*impatto Programmazione definizione del fabbisogno Intempestiva predisposizione degli strumenti di programmazione Alterazione ordine priorità per favorire operatore economico Programmazione

Dettagli

ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DELLE STRUTTURE DIDATTICHE E SCIENTIFICHE

ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DELLE STRUTTURE DIDATTICHE E SCIENTIFICHE ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DELLE STRUTTURE DIDATTICHE E SCIENTIFICHE Unità Organizzativa Competente: STRUTTURE DIDATTICHE E SCIENTIFICHE (FACOLTA E DIPARTIMENTI) RECAPITI dei responsabili dei

Dettagli

Per la valutazione delle aree di rischio è stata utilizzato la metodologia indicata nell allegato 5 del Piano nazionale anticorruzione.

Per la valutazione delle aree di rischio è stata utilizzato la metodologia indicata nell allegato 5 del Piano nazionale anticorruzione. ALLEGATO A) al Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015-2017 approvato con DGC 3 del 28/01/2015 Per la valutazione delle aree di rischio è stata utilizzato la metodologia indicata nell allegato

Dettagli

PON Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H

PON Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H Sviluppo delle competenze dei dirigenti scolastici e dei DSGA nella programmazione e gestione di attività e progetti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ CITTA DI SAN MARCO LA CATOLA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ 2013-2015 TABELLA ALLEGATO A - DATI DA PUBBLICARE NEL SITO RESPONSABILE PER LA TRASPARENZA: Dott. Alfredo Balducci Dato

Dettagli

PROGETTAZIONE DI FORMAZIONE COMPLETA

PROGETTAZIONE DI FORMAZIONE COMPLETA PROGETTAZIONE DI FORMAZIONE COMPLETA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura consiste nel guidare la progettazione degli INTERVENTI DI FORMAZIONE che non sono vincolati da requisiti

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE DEL RISCHIO STRUTTURE RESPONSABILI. presidio ospedal.

MISURE DI PREVENZIONE DEL RISCHIO STRUTTURE RESPONSABILI. presidio ospedal. Allegato 3) Misure di prevenzione del MISURE DI PREVENZIONE DEL RISCHIO AREE DI RISCHIO codice processo per singola area di PROCESSI STRUTTURE RESPONSABILI valutazione MISURE PROPOSTE PER L'ANNO 2014 (in

Dettagli

Formazione anticorruzione

Formazione anticorruzione Formazione anti Report sulle attività del 2015 La anti rappresenta una delle misure che le Amministrazioni pubbliche hanno l obbligo di predisporre nell ambito del Piano triennale di prevenzione della.

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ (Approvato con Deliberazione C.P. n 13 del 15/02/2010) TITOLO VI SERVIZIO DI TESORERIA Art. 78 Generalità 1. Il servizio di tesoreria rappresenta il complesso

Dettagli

CHECK LIST FASCICOLO DI PROGETTO PER OPERE PUBBLICHE REGIA

CHECK LIST FASCICOLO DI PROGETTO PER OPERE PUBBLICHE REGIA CHECK LIST FASCICOLO DI PROGETTO PER OPERE PUBBLICHE REGIA Progetto: Codice Operazione: Smile Asse: Ob.Op. Beneficiario Operazione: Cup Data Dati Finanziari Contributo Fesr Cofinanziamento nazionale (stato

Dettagli

Approvato con Det. DG n. 206 del 30/12/2016 decorrenza 22/10/2016 DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE

Approvato con Det. DG n. 206 del 30/12/2016 decorrenza 22/10/2016 DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE Approvato con Det. DG n. 206 del 30/12/2016 decorrenza 22/10/2016 DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE STRUTTURE ORGANIZZATIVE AREA ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO

Dettagli

SCADENZE OTTOBRE 2016

SCADENZE OTTOBRE 2016 SCADENZE OTTOBRE 2016 10/10/2016 Riscossione tributi: il concessionario è tenuto a riversare all Ente le somme riscosse nella terza decade del mese precedente. 14/10/2016 Trasmissione aliquote IMU e TASI:

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TAVOLA N. 1 Art. 1, commi 5 e 8, L. 190/2012 Amministrazioni pubbliche, di cui all art. 1, comma 2, del D. Lgs. 165/2001 Adozione del : Individuare aree

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI PROCESSI A RISCHIO CORRUZIONE

ANALISI E VALUTAZIONE DEI PROCESSI A RISCHIO CORRUZIONE ANALISI E VALUTAZIONE DEI PROCESSI A RISCHIO CORRUZIONE DETERMINAZIONE INDICE DI RISCHIO VALORI E FREQUENZE DELLA PROBABILITA VALORE ED IMPORTANZA DELL IMPATTO INDICE DI RISCHIO (probabilità X impatto)

Dettagli

SETTORE SERVIZI FINANZIARI

SETTORE SERVIZI FINANZIARI SETTORE SERVIZI FINANZIARI RESPONSABILE NIEDDU ANTONIA PROGRAMMA BILANCIO N. 1 PROGRAMMA SCHEDA N. 1 DESCRIZIONE OBIETTIVO Gestione funzioni di sostituto d imposta fiscale e previdenziale PROGETTO DA RRP

Dettagli

7 Lezione PROCESSO EDILIZIO

7 Lezione PROCESSO EDILIZIO Docente: Arch. Maria Azzalin Università Degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale 7 Lezione PROCESSO EDILIZIO

Dettagli

VALORE P.A. 2015. Master in Economia Pubblica Dipartimento di Economia e Diritto Facoltà di Economia di Sapienza Università di Roma

VALORE P.A. 2015. Master in Economia Pubblica Dipartimento di Economia e Diritto Facoltà di Economia di Sapienza Università di Roma VALORE P.A. 2015 CORSO DI FORMAZIONE in Appalti di forniture e servizi nel codice dei contratti pubblici e nel suo regolamento di attuazione ed esecuzione Master in Economia Pubblica Dipartimento di Economia

Dettagli

ALLEGATO PPCT - OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE TRASPARENZA

ALLEGATO PPCT - OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE TRASPARENZA ALLEGATO PPCT - OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE TRASPARENZA DATI NORMA DURATA PUBBLICAZI ONE PUBBLICAZIONE UFFICIO RESP. - DISPOSIZIONI GENERALI - PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA Archivio con Programma per la Trasparenza

Dettagli

Approvato con Det. n. 16 del 10/04/2017 DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE

Approvato con Det. n. 16 del 10/04/2017 DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE Approvato con Det. n. 16 del 10/04/2017 DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE DIREZIONE ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE DIRETTORE REDAZIONE SEGRETERIA DI DIREZIONE UNITA FUNZIONI TRASVERSALI UNITA PRIVACY

Dettagli

LL.PP., MANUTENZIONI, RETI TECNOLOGICHE, AREA TECNICA: U.O. SERVIZIO TECNICO II

LL.PP., MANUTENZIONI, RETI TECNOLOGICHE, AREA TECNICA: U.O. SERVIZIO TECNICO II LL.PP., MANUTENZIONI, RETI TECNOLOGICHE, AREA TECNICA: U.O. SERVIZIO TECNICO II Responsabile Servizio: arch. Anna Rita Stangalino a.stangalino@comune.romagnano-sesia.no.it Responsabile del procedimento:

Dettagli

La Normativa Antiriciclaggio e sulla Trasparenza. I compiti dei Consigli Ordini Forensi Roma 27 maggio 2016

La Normativa Antiriciclaggio e sulla Trasparenza. I compiti dei Consigli Ordini Forensi Roma 27 maggio 2016 Roma 27 maggio 2016 Relatore: Avv. Francesco Tedeschi GENESI Sentenza Corte Cassazione 21226/2011. Natura indiscutibile di Ente Pubblico Non Economico attribuito agli Ordini Professionali Art. 24 L. 247/2012

Dettagli

ARTICOLAZIONE ORGANIZZATIVA DELLA GALLERIA BORGHESE

ARTICOLAZIONE ORGANIZZATIVA DELLA GALLERIA BORGHESE ARTICOLAZIONE ORGANIZZATIVA DELLA GALLERIA BORGHESE DIREZIONE GENERALE Il Direttore UFFICIO DEL DIRIGENTE Svolgere mansioni di supporto a tutte le attività della Direzione Generale Responsabilità e competenze

Dettagli

SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE ALLEGATO N. 2 AL PTPCTI DELL ORDINE DI ( )

SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE ALLEGATO N. 2 AL PTPCTI DELL ORDINE DI ( ) SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE ALLEGATO N. 2 AL PTPCTI DELL ORDINE DI (2015 2017) Area di rischio Rischio individuato Livello di rischio attribuito (ponderazione) AREA

Dettagli

COMUNE DI VELLEZZO BELLINI Art. 35 del D.Lgs. 33/2013 TIPOLOGIE DI PROVVEDIMENTO

COMUNE DI VELLEZZO BELLINI Art. 35 del D.Lgs. 33/2013 TIPOLOGIE DI PROVVEDIMENTO SETTORE SERVIZI FINANZIARI CONTABILITA E TRIBUTI COMUNE DI VELLEZZO BELLINI Art. 35 del D.Lgs. 33/2013 TIPOLOGIE DI PROVVEDIMENTO N. Procedimento Termini (giorni) Responsabile Modulistica e informazioni

Dettagli

TOOL E MATERIALI ANTIRICICLAGGIO ANTIRICICLAGGIO PROFESSIONISTI

TOOL E MATERIALI ANTIRICICLAGGIO ANTIRICICLAGGIO PROFESSIONISTI TOOL E MATERIALI ANTIRICICLAGGIO ANTIRICICLAGGIO PROFESSIONISTI ELENCO PRESTAZIONI PROFESSIONALI SOGGETTE A REGISTRAZIONE E ALL ADEGUATA VERIFICA FONTI DI RIFERIMENTO: - Allegato A Provvedimento UIC del

Dettagli

ISTITUZIONE COMUNALE Marsala Schola ARE A II Amministrativo contabile Ufficio II - DIRETTORE: Dott. Nicola Fiocca CAPO AREA: Dott.ssa Loredana Alagna

ISTITUZIONE COMUNALE Marsala Schola ARE A II Amministrativo contabile Ufficio II - DIRETTORE: Dott. Nicola Fiocca CAPO AREA: Dott.ssa Loredana Alagna ISTITUZIONE COMUNALE Marsala Schola ARE A II Amministrativo contabile Ufficio II - DIRETTORE: Dott. Nicola Fiocca CAPO AREA: Dott.ssa Loredana Alagna Tempi medi di definizione dei procedimenti amministrativi

Dettagli

Organigramma. Roma, ottobre 2015

Organigramma. Roma, ottobre 2015 Organigramma Roma, ottobre 2015 Organigramma Normative e Certificazioni, cura: il monitoraggio delle normative che hanno impatto sull operatività aziendale la gestione del sistema della Sicurezza aziendale

Dettagli

MAPPATURA DEI RISCHI CON LE AZIONI CORRETTIVE, TEMPI E RESPONSABILITÀ

MAPPATURA DEI RISCHI CON LE AZIONI CORRETTIVE, TEMPI E RESPONSABILITÀ MAPPATURA DEI RISCHI CON LE AZIONI CORRETTIVE, TEMPI E RESPONSABILITÀ In armonia con quanto disposto dall art. 1 della legge 190/2012, è stata applicata la metodologia indicata dal PNA, come richiamato

Dettagli

DIREZIONE PARTECIPATE E PATRIMONIO IMMOBILIARE

DIREZIONE PARTECIPATE E PATRIMONIO IMMOBILIARE DIREZIONE PARTECIPATE E PATRIMONIO IMMOBILIARE DIREZIONE PARTECIPATE E PATRIMONIO IMMOBILIARE DIREZIONE PARTECIPATE E PATRIMONIO IMMOBILIARE STRUTTURE ORGANIZZATIVE AREA GOVERNANCE COMPETENZE Supporto

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AUSL DELLA ROMAGNA

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AUSL DELLA ROMAGNA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AUSL DELLA ROMAGNA Anno 2015 N. 907 Data 10/12/2015 OGGETTO: AVVISO INTERNO FINALIZZATO ALL'ATTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI DI RESPONSABILITA' DI STRUTTURA

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale della Famiglia e delle Politiche Sociali Dipartimento ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO DIPARTIMENTO

Dettagli

TABELLA DI VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI RISCHIO ALLEGATO N. 1 AL PTPC DELL ORDINEDEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI RAVENNA

TABELLA DI VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI RISCHIO ALLEGATO N. 1 AL PTPC DELL ORDINEDEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI RAVENNA TABELLA DI VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI RISCHIO ALLEGATO N. 1 AL PTPC 2017-2019 DELL ORDINEDEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI RAVENNA IMPATTO ECONOMICO (E) IMPATTO ORGANIZZATIVO (O) IMPATTO REPUTAZIONALE

Dettagli

ALLEGATO B al PTPC CND di Biella

ALLEGATO B al PTPC CND di Biella ALLEGATO B al PTPC CND di Biella Mappatura dei processi del CND, identificazione, valutazione e trattamento dei rischi MODELLO 1 Modello utilizzato per la mappatura dei processi Area processi istituzionali

Dettagli

P. E. G. DI PREVISIONE ESERCIZI FINANZIARI

P. E. G. DI PREVISIONE ESERCIZI FINANZIARI PAG. 1 Missione 01 Servizi istituzionali e generali, di gestione e di controllo Programmi: segreteria generale (02), gestione economica, finanziaria, programmazione, provveditorato (03), gestione delle

Dettagli

FORMULARIO RAGIONATO DEGLI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI

FORMULARIO RAGIONATO DEGLI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI Francesco DELFINO FORMULARIO RAGIONATO DEGLI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI Aggiornato alle ultime modifiche legislative (d.l. 13 maggio 2011, n. 70 conv. in l. 12 luglio 2011, n. 106; d.l. 6 dicembre 2011,

Dettagli

COMPITI DEL REVISORE

COMPITI DEL REVISORE 1 - PARERI CONNESSI AL BILANCIO DI PREVISIONE E VARIAZIONI 1 Proposta di bilancio di previsione e allegati, tra cui: art. 239 del TUEL 2 Programmazione triennale del fabbisogno del personale art. 91 TUEL,

Dettagli

PARTE SPECIALE DOCUMENTO DI ANALISI DEI RISCHI CORRUTTIVI AI SENSI DELLA L. 190/12

PARTE SPECIALE DOCUMENTO DI ANALISI DEI RISCHI CORRUTTIVI AI SENSI DELLA L. 190/12 MOG.2.1 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS 231/2001 DOCUMENTO DI ANALISI DEI RISCHI CORRUTTIVI AI SENSI DELLA L. 190/12 Rev. 0 Pag. 1 a 33 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE

Dettagli

SCADENZE NOVEMBRE 2016

SCADENZE NOVEMBRE 2016 SCADENZE NOVEMBRE 2016 10/11/2016 Ufficio Tributi Riscossione tributi: il concessionario è tenuto a riversare all Ente le somme riscosse nella terza decade del mese precedente. 12/11/2016 Patrimonio PA:

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE 2016-2018 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE 2016 2018 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Adottato in data 29/01/2016 con delibera dell Assemblea dei Soci n. 1 ai sensi dell art.

Dettagli