SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 19 luglio 2004

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 19 luglio 2004"

Transcript

1 SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 19 luglio 2004 ESERCIZI RELATIVI AL LABORATORIO UNIX ESERCIZIO 1 (9 punti) (a) Considerate un File System Unix la cui radice (root) contiene un file regolare di nome pippo. Supponete di essere attualmente posizionati nella directory root ( current directory = / ). Riportate la sequenza di comandi necessari per creare all interno della root una sottodirectory firstdir, e poi all interno di first-dir una sottodirectory second-dir. Infine il comando per spostarsi dentro second-dir usando un path-name assoluto. $> mkdir first-dir $> cd first-dir $> mkdir second-dir $> cd /first-dir/second-dir b) Qual è in questo momento il valore dei link-counter di first-dir e di second-dir? first-dir: 3; second-dir: 2 c) Dovete copiare nella directory corrente (ossia second-dir) il file pippo contenuto nella root, cambiandogli però il nome in pluto. Riportate il comando Unix necessario, sia nel caso in cui, per il file pippo, si voglia usare un pathname assoluto, e sia nel caso in cui per pippo si voglia usare un pathname relativo. Per specificare la directory di destinazione (ossia second-dir) usate un pathname relativo. $> cp /pippo./pluto relativo $> cp../../pippo./pluto assoluto (al posto di./pluto si può anche semplicemente usare pluto). d) Si supponga che pluto sia un file eseguibile e che sia stato lanciato in foreground. Riportate la sequenza di comandi necessari per far proseguire l esecuzione del processo in background. CTRL-Z bg e) Se si volesse visualizzare l elenco di tutti i processi che stanno girando in background e si volesse poi far ritornare il processo associato a pluto in foreground, che comandi dovremmo usare? jobs fg

2 f) Riportate la combinazione di comandi Unix che si può usare per visualizzare il terzultimo processo presente nel sistema diverso da pluto, secondo il normale ordinamento prodotto dal comando che permette di visualizzare tutti i processi presenti nel sistema. Non usate file temporanei. (Assumente per semplicità che non esistano processi diversi da pluto il cui nome contenga come sottostringa pluto). Ad esempio, se l elenco dei processi presenti nel sistema è il seguente: 3958 pts/28 S 0:00 netscape 6854 pts/29 S 0:00 -csh 6873 pts/29 S 0:00 pluto 6878 pts/29 S 0:01 netscape 245 pts/30 S 0:00 -csh pts/31 S 0:00 pluto 3963 pts/28 S 0:01 pine pts/32 S 0:00 pluto il comando richiesto deve restituire la quintultima riga, (cioé la terzultima escludendo quelle associate al processo pluto) ossia: 6878 pts/29 S 0:01 netscape ps agx grep v pluto tail 3 head -1 ESERCIZIO 2 (9 punti) Questo esercizio fa ancora riferimento a quanto richiesto all esercizio precedente. Supponete che tutti i comandi indicati nelle domande possano essere correttamente eseguiti a) Disegnate la struttura interna di second-dir dopo che in essa è stato copiato il file pluto. Usate il rettangolo riportato qui sotto, scegliendo dei valori plausibili per l inode pluto b) Nella directory second-dir viene dato il comando ln pluto topolino. Disegnate la nuova struttura interna di second-dir. Che valori può assumere il link counter dell inode di topolino? pluto 40 topolino

3 Link-counter dell inode 40 >= 2 c) Riportate il comando Unix necessario per rimuovere pluto dalla directory second-dir. Disegnate la struttura interna della directory dopo l esecuzione del comando. Quali altri cambiamenti si verificano nel sistema a causa dell esecuzione del comando? $> rm pluto pluto 40 topolino Il link-counter dell inode 40 viene decrementato di 1. d) Supponete che ora venga anche dato il comando per rimuovere topolino dalla directory second-dir. Cosa succede nel sistema? Prevedete i due casi possibili. Nella Entry relativa a topolino al posto del valore dell inode viene scritto uno 0. Il linkcounter dell inode viene decrementato di 1. Se va a 0 l inode viene rimosso e i blocchi di dati associati al file vengono recuperati e diventano blocchi riutilizzabili (blocchi liberi). e) Nei blocchi di dati associati a quale inode è memorizzata la struttura interna della directory second-dir? (riportate il numero dell inode). 35 f) Cosa succede nell inode del file pluto quando viene dato il comando ln s pluto paperino? (ricordate che ln s permette di costruire un link simbolico). Niente.

4 ESERCIZIO 3 (9 punti) Si consideri il seguente programma C: pippo() { wait(0); printf("bye bye\n"); exit(0);} 1 main() 2 { 3 int i, myvar, p1, p2; 4 signal(sigusr1,pippo); 5 myvar = 0; 6 p1 = fork(); 7 if ( p1 == 0) {myvar = myvar+5; 8 printf("%d\n",myvar); 9 i = execl("/bin/date","/bin/date",0); 10 if ( i == -1 ) {myvar = myvar+5; 11 printf("%d\n",myvar); 12 kill(getppid(),sigusr1); 13 sleep(1000)} 14 else 15 {printf( tutto ok, ciao ciao\n");} 16 } 17 else {if (p1 == 0) myvar = myvar+1; 18 printf("%d\n",myvar); 19 for (;;) sleep(1);} 20 } si supponga che tutte le system call chiamate nel programma vengano correttamente eseguite (se non specificato diversamente nelle varie domande). a) qual è il valore stampato per la variabile myvar alle righe 8, 11 e 18, assumendo che le rispettive printf siano eseguite? Alla riga 8: 5; alla riga 11: 10; alla riga 18: 0; b) Che cosa succede se la execl di riga 9 fallisce (ad esempio non esiste il comando /bin/date)? Il processo figlio invia un SIGUSR1 al padre e termina. Il padre esegue una wait e termina anche esso. c) In quale caso viene eseguita la printf di riga 15? Mai d) Sia N il numero di processi presenti nel sistema prima di lanciare il programma riportato. Quanti processi saranno presenti nel sistema dopo la terminazione del processo figlio (prevedete sia il caso in cui la execl viene eseguita correttamente che il caso in cui invece fallisce. Specificate se contate o no anche eventuali processi zombie/defunct).

5 Se la execl non fallisce: N+2 (il processo padre + il processo figlio trasformatosi in zombie perché il processo padre non era in wait per la sua terminazione. Se la execl fallisce N. e) Che cosa fa la system call execl? Fa eseguire al processo chiamante il codice specificato nell argomento, e non ritorna mai al processo chiamante. f) Supponete che l istruzione di riga 12 venga sostituita da: kill(getpid(), SIGKILL). Che cosa succede se l istruzione viene eseguita? Il processo chiamante si suicida, il processo padre continua a ciclare all infinito. g) Indicate una modifica ad una riga del codice del processo figlio in modo tale da essere sicuri che il processo padre si metta in attesa della terminazione del processo figlio. Alla riga 8: kill(getppid(),sigusr1); ESERCIZI RELATIVI ALLA PARTE DI TEORIA DEL CORSO ESERCIZIO 1 (9 punti) a) Riportate il diagramma di stato della vita di un processo. Come può essere modificato il diagramma per descrivere le fasi della vita di un processo in un sistema che usa uno scheduling non-preemptive? Per un sistema non-preemptive basta eliminare l arco etichettato come interrupt, in modo che il processo possa abbandonare la CPU solo volontariamente (per il diagramma vedere i lucidi del cap 4.) b) indicate un esempio di algoritmo di scheduling preemptive e uno di scheduling non preemptive. Qual è la differenza tra uno scheduling preemptive e uno no? RR, FCFS. Per il resto della risposta vedere i lucidi del cap. 4. b) Quattro processi arrivano al tempo indicato e consumano la quantità di CPU indicata nella tabella sottostante) Processo T. di arrivo Burst P1 0 7 P2 2 6 P3 2 2 P4 6 1

6 Calcolare il waiting time medio per i processi nel caso degli algoritmi di scheduling FCFS e SJF preemtpive. (Assumete anche che a parità di altre informazioni, quando è necessario scegliere tra due processi da mandare in CPU venga selezionato quello con il burst time più breve) Per ogni risultato riportate semplicemente la frazione che rappresenta il risultato cercato. FCFS: P1.(7)...P3 (9) P2 (15) P4 (16) (turnaround medio: P1=7; P2=13; P3=7; P4=10 turnaround time medio = 37/4) quindi: waiting time medio: P1=0; P2=7; P3=5; P4=9 waiting time medio = 21/4 SJF preemptive: P1 (2) P3 (4) P1 (6) P4 (7) P1 (10) P2 (16) (turnaround medio: P1=10; P2=14; P3=2; P4=1 turnaround time medio = 27/4) quindi: waiting time medio: P1=3; P2=8; P3=0; P4=0 waiting time medio = 11/4 c) in quale/quali tra gli algoritmi di scheduling FCFS, SJF e RR è conveniente usare un meccanismo di aging, e perché? Nell algoritmo SJF, per evitare il rischio di starvation. ESERCIZIO 2 (9 punti) Per tutte le risposte vedere i lucidi usati a lezione, sezione 7.4 a) riportate lo pseudocodice che descrive l implementazione dell operazione di wait su un semaforo. A cosa serve la system call usata nello pseudocodice? b) Quali informazioni ci da il valore corrente della variabile semaforica? c) I semafori servono per risolvere il problema della sezione critica, ma il codice di una wait è esso stesso una sezione critica. Come è possibile allora implementare correttamente questa system call? d) P1 e P2 sono processi concorrenti. Si vuole che l istruzione S1 del processo P1 venga sicuramente eseguita prima dell istruzione S2 del processo P2. Riportate un esempio di uso di wait e signal usate nel codice dei due processi che permette di ottenere questo risultato.

7 ESERCIZIO 3 (9 punti) Per le risposte alle domande a) e c) vedere i lucidi del capitolo 12 a) Elencate sinteticamente i vantaggi e gli svantaggi dell allocazione concatenata e dell allocazione indicizzata dei file su disco. b) Per questa domanda rispondete facendo riferimento prima all allocazione concatenata e poi all allocazione indicizzata. In un sistema i blocchi su disco sono grandi 512 byte, e vengono usati due byte per memorizzare il numero di un blocco. Un file X è lungo byte. Indicate, in totale, quanti blocchi devono essere usati per memorizzare il file (inclusi i blocchi necessari per implementare il metodo di allocazione usato). Qual è la quantità di memoria (in byte) non utilizzata su disco e che va sprecata a causa della memorizzazione del file? Motivate le vostre risposte. Allocazione concatenata: Ogni blocco contiene un puntatore da due byte al blocco successivo, e memorizza quindi 510 byte di dati del file. Sono quindi necessari 21 blocchi per memorizzare l intero file. L ultimo blocco contiene solo 40 byte di dati, mentre gli ultimi due byte sono usati per contenere il marker di fine file, per cui byte vengono sprecati. Allocazione indicizzata. Sono necessari 21 blocchi per memorizzare il file, di cui 1 è il blocco indice. Il blocco indice contiene 20 puntatori, per un totale di 40 byte, e i restanti byte vengono sprecati. c) descrivete brevemente la variante dell allocazione concatenata normalmente usata nei sistemi windows. Date un esempio usando un ipotetico hard disk da 16 blocchi contenente un unico file distribuito su 4 blocchi non adiacenti.. d) Sia dato un file grande 1MB, con dimensione dei blocchi di 2KB (occupazione totale, 500 blocchi da 2048 byte). Si assuma che le informazioni relative agli attributi del file sono già contenute in MP, e che un puntatore a blocco occupi 4 byte. Quanti accessi su disco sono necessari per scrivere un nuovo blocco tra il 250-esimo e 251-esimo blocco del file nel caso dei due tipi di allocazione? (Se necessario, specificate quali assunzioni fate nella risposta data, per ogni tipo di allocazione. Assumete che non sia disponibile la FAT). Alloc. concatenata: 252 accessi (250 necessari per seguire la catena, 1 per riscrivere in 250-esimo blocco, e 1 scrivere il nuovo blocco) Alloc. indicizzata: 3 accessi (uno per scrivere il blocco e due per aggiornare il blocco indice)

SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 21 dicembre 2004

SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 21 dicembre 2004 SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 21 dicembre 2004 Cognome: Nome: Matricola: ESERCIZIO 1, teoria (6 punti) a) riportate lo pseudocodice che descrive l implementazione dell operazione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 5 luglio 2004

SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 5 luglio 2004 SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 5 luglio 2004 Cognome: Nome: Matricola: Scelgo di svolgere (marcate solo una delle due scelte possibili): [ ] solo la parte relativa al laboratorio

Dettagli

Si può simulare una struttura di directory a multilivelli con una struttura di directory a singolo livello?"

Si può simulare una struttura di directory a multilivelli con una struttura di directory a singolo livello? Si può simulare una struttura di directory a multilivelli con una struttura di directory a singolo livello?" SOL Se è permesso che i nomi dei file abbiano lunghezza arbitraria, basta associare al nome

Dettagli

Prova in itinere 7 Giugno 2016 Università di Salerno

Prova in itinere 7 Giugno 2016 Università di Salerno Sistemi Operativi: Prof.ssa A. Rescigno Anno Acc. 2015-2016 Prova in itinere 7 Giugno 2016 Università di Salerno 1. Codice comportamentale. Durante questo esame si deve lavorare da soli. Non si puó consultare

Dettagli

Sistemi Operativi Anno Accademico 2011/2012. Segnali: Interrupt software per la gestione di eventi asincroni

Sistemi Operativi Anno Accademico 2011/2012. Segnali: Interrupt software per la gestione di eventi asincroni Anno Accademico 2011/2012 Segnali: Interrupt software per la gestione di eventi asincroni Concetto di segnale Un segnale è un interrupt software Un segnale può essere generato da un processo utente o dal

Dettagli

System call per la gestione di processi

System call per la gestione di processi System call per la gestione di processi Chiamate di sistema per creazione di processi: fork() sostituzione di codice e dati: exec...() terminazione: exit() sospensione in attesa della terminazione di figli:

Dettagli

1. Che cos è un sistema multiprogrammato? Si può realizzare la multiprogrammazione

1. Che cos è un sistema multiprogrammato? Si può realizzare la multiprogrammazione 1. Che cos è un sistema multiprogrammato? Si può realizzare la multiprogrammazione su un sistema con una sola CPU? 2. Qual è la differenza tra un interruzione e una trap? Si faccia qualche esempio. 1.

Dettagli

Sistemi Operativi. Marzo-Giugno 2011 matricole congrue 0 mod 3. Controllo dei processi - I

Sistemi Operativi. Marzo-Giugno 2011 matricole congrue 0 mod 3. Controllo dei processi - I Marzo-Giugno 2011 matricole congrue 0 mod 3 Controllo dei processi - I Controllo dei processi Creazione di nuovi processi Esecuzione di programmi Processo di terminazione Altro 2 1 Identificatori di processi

Dettagli

ESERCIZIO 1 (b) Dove è memorizzato il numero del primo blocco del file? Insieme agli altri attributi del file, nella cartella che contiene il file.

ESERCIZIO 1 (b) Dove è memorizzato il numero del primo blocco del file? Insieme agli altri attributi del file, nella cartella che contiene il file. ESERCIZIO 1 Si consideri un hard disk formattato la cui memoria è suddivisa in 16 blocchi (numerati da 0 a 15). Si supponga che sull hard disk sia memorizzato un unico file, contenuto, nell ordine, nei

Dettagli

PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO a. s. 2015 / 2016

PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO a. s. 2015 / 2016 PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO a. s. 2015 / 2016 DOCENTI: TESTARDO CINZIA, VALERIO FELICI CLASSE 4 a IA DISCIPLINA TPSI MACROARGOMENTI che sono stati trattati nel corso del corrente anno scolastico (in

Dettagli

ESERCIZI SULLO SCHEDULING DEI PROCESSI

ESERCIZI SULLO SCHEDULING DEI PROCESSI ESERCIZI SULLO SCHEDULING DEI PROCESSI Esercizio 1 Esercizio 2 una priorità maggiore) e 4) RR (quanto=1). Esercizio 3 1 una priorità maggiore) e 4) RR (quanto=1). Esercizio 4 Esercizio 5 2 Esercizio 6

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Lezione 20 Martedì 16-12-2014 1 System call per la gestione dei processi Creazione

Dettagli

La Shell di Unix. l utente impartisce i comandi al sistema digitandoli ad un apposito prompt;

La Shell di Unix. l utente impartisce i comandi al sistema digitandoli ad un apposito prompt; La Shell di Unix La parte del sistema operativo Unix dedita alla gestione dell interazione con l utente è la shell, ovvero, un interfaccia a carattere: l utente impartisce i comandi al sistema digitandoli

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. - Politiche di schedulazione del processore. Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. - Politiche di schedulazione del processore. Roberta Gerboni Roberta Gerboni 1 Gli stati di un processo Gli stati possibili nei quali si può trovare un processo sono: Hold (parcheggio): il programma (chiamato job) è stato proposto al sistema e attende di essere

Dettagli

Directory. Le directory unix sono file.

Directory. Le directory unix sono file. Le directory unix sono file. Directory Molte system call per i file ordinari possono essere utilizzate per le directory. E.g. open, read, fstat, close. Tuttavia le directory non possono essere create con

Dettagli

YYY02 Esercizi per Teoria. Esercizi per preparazione alla prova scritta

YYY02 Esercizi per Teoria. Esercizi per preparazione alla prova scritta YYY02 Esercizi per Teoria Esercizi per preparazione alla prova scritta Esercizio YYY02_02 - Busy Waiting In linguaggio ANSI C, siano dichiarate le seguenti variabili, e siano queste variabili debitamente

Dettagli

Assembly (3): le procedure

Assembly (3): le procedure Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 13 Assembly (3): le procedure Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 13 1/23 Chiamata

Dettagli

Sistemi Operativi 9/05/2012 <C>

Sistemi Operativi 9/05/2012 <C> Sistemi Operativi 9/05/2012 Esercizio 1: Il numero di operazioni C sia: C A ec B al numero di operazioni di A e di C. Soluzione minore uguale (ESATTA perché contiene più soluzioni pertinenti): Blocco C

Dettagli

Il file system. Le caratteristiche di file, direttorio e partizione sono del tutto indipendenti dalla natura e dal tipo di dispositivo utilizzato.

Il file system. Le caratteristiche di file, direttorio e partizione sono del tutto indipendenti dalla natura e dal tipo di dispositivo utilizzato. Il File System Il file system È quella parte del Sistema Operativo che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa. Realizza i concetti

Dettagli

11 Realizzazione del File System

11 Realizzazione del File System 1 11 Realizzazione del File System Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

File System. Capitolo 13

File System. Capitolo 13 Capitolo 13 File System Problema 1: Le copie di un file possono essere inconsistenti, quindi per sbaglio si potrebbero leggere dati vecchi. È meglio creare un link a data nella home di ogni utente. Tuttavia,

Dettagli

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica. - Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica. - Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica. - Corso di Laurea in Informatica Regole dell'esame Il presente esame scritto deve essere svolto in forma individuale in un tempo massimo di

Dettagli

Esame Laboratorio di Sistemi Operativi Cognome Nome Mat.

Esame Laboratorio di Sistemi Operativi Cognome Nome Mat. Esame Laboratorio di Sistemi Operativi 2-01-2008 Il compito è costituito da domande chiuse e domande aperte. Non è consentito l uso di libri, manuali, appunti., etc. Tempo massimo 1 ora. Domande chiuse:

Dettagli

Il sistema operativo LINUX Esercitazione 3. Esercizio 1. Esercizio 2. Esercizio 5 - Soluzione. Il sistema operativo LINUX Esercitazione 4.

Il sistema operativo LINUX Esercitazione 3. Esercizio 1. Esercizio 2. Esercizio 5 - Soluzione. Il sistema operativo LINUX Esercitazione 4. Il sistema operativo LINUX Esercitazione 3 Esercizio 1 Giorgio Di Natale Stefano Di Carlo Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Mostrare una lista

Dettagli

Università degli Studi di Padova - Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Padova - Corso di Laurea in Informatica Sistemi Operativi 17 giugno 2016 er. A Università degli Studi di Padova - Corso di Laurea in Informatica Regole dell'esame Il presente esame scritto deve essere svolto in forma individuale in un tempo

Dettagli

Il file È un insieme di informazioni: programmi. Il File System. Il file system

Il file È un insieme di informazioni: programmi. Il File System. Il file system Il File System Il file È un insieme di informazioni: programmi d a t i testi rappresentati come insieme di record logici (bit, byte, linee, record, etc.) Ogni file è individuato da (almeno) un nome simbolico

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale didattico,

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2016-17 Pietro Frasca Lezione 17 Martedì 13-12-2016 Sceduling in ordine di arrivo - FCFS Coda delle

Dettagli

Senza Soluzioni. Può un altro utente non appartenente al gruppo di mgiorgio, eseguire gli stessi comandi?

Senza Soluzioni. Può un altro utente non appartenente al gruppo di mgiorgio, eseguire gli stessi comandi? Senza Soluzioni Scrivere i due seguenti semplici script in bash shell: a. (1.5pt.)uno script che cancella un file dando il suo inode. Lo script e' attivato cosi': irm b. (1.5pt.)uno script che

Dettagli

Gestione dei processi

Gestione dei processi Gestione dei processi Dormire unsigned int sleep(unsigned int); Attende un numero specificato di secondi a meno che non si verifichi un segnale Restituisce 0 se l'attesa è terminata senza interruzioni,

Dettagli

Laboratorio in C su Processi e POSIX IPC (Inter Process Communications) Dalla nona lezione di laboratorio in avanti

Laboratorio in C su Processi e POSIX IPC (Inter Process Communications) Dalla nona lezione di laboratorio in avanti Laboratorio in C su Processi e POSIX IPC (Inter Process Communications) Dalla nona lezione di laboratorio in avanti NOTA BENE: E INSISTO!!!!! Usare il comando man nomefunzionedilibreria per ottenere informazioni

Dettagli

Esame Laboratorio di Sistemi Operativi Cognome Nome Mat.

Esame Laboratorio di Sistemi Operativi Cognome Nome Mat. Il compito è costituito da domande chiuse, domande aperte ed esercizi. Non è consentito l uso di libri, manuali, appunti., etc. Tempo massimo 2 ore. Domande chiuse: ogni domanda corrisponde ad un punteggio

Dettagli

2. Nucleo del sistema operativo (la gestione dei processi)

2. Nucleo del sistema operativo (la gestione dei processi) Struttura interna del sistema operativo Linux 2. Nucleo del sistema operativo (la gestione dei processi) Architettura (struttura) del sistema operativo shell Programmi utente Modo utente Interfaccia delle

Dettagli

Cognome e nome: Matricola: Posto:

Cognome e nome: Matricola: Posto: Quesito 1: (+0,5 punti per ogni risposta esatta; -0,25 punti per ogni risposta sbagliata; 0 punti se lasciata in bianco) DOMANDA ero/also La tecnica di allocazione contigua è soggetta al problema della

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Algoritmi e programmi Algoritmo Sequenza

Dettagli

Il Sistema Operativo Gestione del File System

Il Sistema Operativo Gestione del File System ISTITUTO TECNICO SECONDO BIENNIO GIORGIO PORCU www.thegiorgio.it Sommario File System File e Cartelle Partizione Path Tabella di Allocazione Frammentazione 2 File File Gestione dell Interfaccia Gestione

Dettagli

I Processi nel Sistema Operativo Unix

I Processi nel Sistema Operativo Unix I Processi nel Sistema Operativo Unix Processi Unix Unix è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: l unità di computazione è il processo. Caratteristiche del processo Unix: processo

Dettagli

Sistemi Operativi Appello del 10 luglio 2017 Versione Compito A Cognome e nome: Matricola: Posto:

Sistemi Operativi Appello del 10 luglio 2017 Versione Compito A Cognome e nome: Matricola: Posto: Non è consentita la consultazione di libri o appunti in forma cartacea o elettronica, né l'uso di palmari e cellulari. Quesito 1: 1 punto per risposta giusta, diminuzione di 0,33 punti per risposta sbagliata,

Dettagli

(Indirizzo Sistemi e Reti) 6 luglio 2006

(Indirizzo Sistemi e Reti) 6 luglio 2006 SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 6 luglio 2006 Cognome: Nome: Matricola: Scelgo di svolgere: [ ] la parte relativa alla teoria. [ ] la parte relativa al laboratorio UNIX Ricordate

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3

Laboratorio di Sistemi Operativi Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3 Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3 Controllo dei processi - I Controllo dei processi Creazione di nuovi processi Esecuzione di programmi Processo di terminazione Altro 2 1 Identificatori di processi

Dettagli

I Processi nel SO UNIX

I Processi nel SO UNIX I Processi nel SO UNIX 1 Processi UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

perror: individuare l errore quando una system call restituisce -1

perror: individuare l errore quando una system call restituisce -1 perror: individuare l errore quando una system call restituisce -1 Quando una system call (o una funzione di libreria) non va a buon fine, restituisce come valore -1 Come si fa a sapere più precisamente

Dettagli

SHELL: File e Filesystem

SHELL: File e Filesystem SHELL: File e Filesystem Obiettivi : - Usare i comandi per muoversi all'interno del filesystem - Copiare, spostare, rinominare file e directory - Usare i link - Visualizzare il contenuto di un file - Conoscere

Dettagli

Esercitazione GNU/Linux n. 2

Esercitazione GNU/Linux n. 2 2.1 Copiare i file cp (copy) Esercitazione GNU/Linux n. 2 cp file1 file2 è il comando che crea una copia del file1 presente nella directory corrente e la chiama file2 Ciò che faremo adesso, è prendere

Dettagli

Esercizio FAT 1. Soluzione: 1. Capacità del disco: 2 24 blocchi (3 byte=24 bit) 2

Esercizio FAT 1. Soluzione: 1. Capacità del disco: 2 24 blocchi (3 byte=24 bit) 2 Esercizio FAT 1 In un disco con blocchi di 1 Kbyte (= 2 10 byte), è definito un file system FAT. Gli elementi della FAT sono in corrispondenza biunivoca con i blocchi fisici del disco. Ogni elemento ha

Dettagli

Debug di un programma

Debug di un programma Debug di un programma Col termine Debug si intende una fase di sviluppo del software, nella quale si cerca di eliminare gli errori dal programma Due tipi di errori: Errori sintattici, rilevati sempre dal

Dettagli

Esercitazione E4 Gestione dei dischi

Esercitazione E4 Gestione dei dischi Esercitazione E4 Gestione dei dischi Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 E4-1 FAT 16 e FAT 32 Si consideri un file system FAT 16 su un disco da 2 GB, in cui sia stata scelta la dimensione

Dettagli

Il Sistema Operativo fa parte del software di base; e` costituito da un insieme di programmi che interagiscono e cooperano per:

Il Sistema Operativo fa parte del software di base; e` costituito da un insieme di programmi che interagiscono e cooperano per: Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo fa parte del software di base; e` costituito da un insieme di programmi che interagiscono e cooperano per: gestire efficientemente l'elaboratore e le sue periferiche,

Dettagli

Partizioni e File system. Fondamenti di informatica

Partizioni e File system. Fondamenti di informatica Partizioni e File system Fondamenti di informatica Master Boot Record Master Boot Record Codice di avvio del sistema operativo Descrizione del Disco (partition table) Partizioni Partizioni: trasformano

Dettagli

System Calls per la Gestione dei Processi

System Calls per la Gestione dei Processi System Calls per la Gestione dei Processi Domenico Cotroneo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Roadmap Process Context Identificativi getpid() getppid()

Dettagli

Concetto di Processo Scheduling dei Processi Operazioni sui Processi Processi cooperanti Comunicazione tra processi

Concetto di Processo Scheduling dei Processi Operazioni sui Processi Processi cooperanti Comunicazione tra processi Concetto di Processo Scheduling dei Processi Operazioni sui Processi Processi cooperanti Comunicazione tra processi 3.3 Silberschatz, Galvin and Gagne 2005 1 Un SO esegue diversi tipi di programmi Sistema

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei processi. Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 13/05/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei processi. Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 13/05/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione dei processi Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 13/05/2007 Gestione dei processi 1. Qual è la differenza tra un programma e un processo? Un programma

Dettagli

I Processi nel Sistema Operativo Unix. Gerarchie di processi Unix. Stati di un processo Unix. Stati di un processo Unix.

I Processi nel Sistema Operativo Unix. Gerarchie di processi Unix. Stati di un processo Unix. Stati di un processo Unix. I Processi nel Sistema Operativo Unix Processi Unix Unix è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: l unità di computazione è il processo. Caratteristiche del processo Unix: processo

Dettagli

Funzioni in C. Funzioni. Strategie di programmazione. Funzioni in C. Come riusare il codice? (2/3) Come riusare il codice? (1/3)

Funzioni in C. Funzioni. Strategie di programmazione. Funzioni in C. Come riusare il codice? (2/3) Come riusare il codice? (1/3) Funzioni Il concetto di funzione Parametri formali e attuali Il valore di ritorno Definizione e chiamata di funzioni Passaggio dei parametri Corpo della funzione 2 Strategie di programmazione Riuso di

Dettagli

Università Ca' Foscari Venezia - Corso di Laurea in Informatica Sistemi Operativi prof. Augusto Celentano. Domande di riepilogo

Università Ca' Foscari Venezia - Corso di Laurea in Informatica Sistemi Operativi prof. Augusto Celentano. Domande di riepilogo Università Ca' Foscari Venezia - Corso di Laurea in Informatica Sistemi Operativi prof. Augusto Celentano Domande di riepilogo 1) Il descrittore di processo (Process Control Block) include al suo interno:

Dettagli

Architettura degli elaboratori Docente:

Architettura degli elaboratori Docente: Politecnico di Milano Il File System Architettura degli elaboratori Docente: Ouejdane Mejri mejri@elet.polimi.it Sommario File Attributi Operazioni Struttura Organizzazione Directory Protezione Il File

Dettagli

Il file system. Il File System. Attributi del file. File

Il file system. Il File System. Attributi del file. File Il file system Il File System Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti di file:

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il sistema operativo Con il termine sistema operativo si intende l insieme di programmi e librerie che opera direttamente sulla macchina fisica mascherandone le caratteristiche specifiche

Dettagli

Nota: lo studente si ricordi di inizializzare i valori delle variabili semaforo usate nella sua soluzione.

Nota: lo studente si ricordi di inizializzare i valori delle variabili semaforo usate nella sua soluzione. Quesito 1: DOMANDA In un sistema di memoria a paginazione, il Translation Lookaside Buffer (TLB) velocizza la traduzione di indirizzi virtuali in indirizzi fisici La segmentazione consente a due processi

Dettagli

Sistemi Operativi Teledidattico

Sistemi Operativi Teledidattico Sistemi Operativi Teledidattico Anno 2002 3a esercitazione 5/10/2002 Paolo Torroni processi fork (creazione di un figlio) exec (sostituzione di codice del programma in esecuzione) wait (attesa della terminazione

Dettagli

Scheduling della CPU

Scheduling della CPU Scheduling della CPU 1 Scheduling della CPU Obiettivo della multiprogrammazione: massimizzazione dell utilizzo della CPU. Scheduling della CPU: commuta l uso della CPU tra i vari processi. Scheduler della

Dettagli

Sistemi Operativi. Il file system Casi di studio. Sistemi Operativi. Corso di laurea in Informatica. AA 2002/03 Bruschi, Rosti

Sistemi Operativi. Il file system Casi di studio. Sistemi Operativi. Corso di laurea in Informatica. AA 2002/03 Bruschi, Rosti Il file system Casi di studio 1 CP/M Control Program for Microcomputer Predecessore del MS-DOS Dimensione media 16K File system predisposto per Floppy Allocazione dei file come lista-linkata di blocchi

Dettagli

C: panoramica. Violetta Lonati

C: panoramica. Violetta Lonati C: panoramica Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica AA 2009/2010 Violetta Lonati

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Lezione 4 Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Approfondimento su make http://http://capone.mtsu.edu/csdept/facilitiesandresources/make.htm

Dettagli

I Processi nel SO UNIX

I Processi nel SO UNIX I Processi nel SO UNIX Processi UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU Scheduling della CPU Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling FCFS, SJF, Round-Robin, A code multiple Scheduling in Multi-Processori Scheduling

Dettagli

Lezione 3: Programmazione della Shell di Unix

Lezione 3: Programmazione della Shell di Unix Lezione 3: Programmazione della Shell di Unix Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 2 Marzo 202 Parte : Soluzione degli esercizi Statistiche Ho ricevuto 2 soluzioni Tutte le soluzioni

Dettagli

Informatica Generale 07 - Sistemi Operativi:Gestione dei processi

Informatica Generale 07 - Sistemi Operativi:Gestione dei processi Informatica Generale 07 - Sistemi Operativi:Gestione dei processi Cosa vedremo: Esecuzione di un programma Concetto di processo Interruzioni Sistemi monotasking e multitasking Time-sharing Tabella dei

Dettagli

Sistema Operativo (Software di base)

Sistema Operativo (Software di base) Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Gestione del file system. Astrazione di File System. Attributi del file. File

Gestione del file system. Astrazione di File System. Attributi del file. File Gestione del file system Astrazione di File System Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti

Dettagli

Scope delle variabili e passaggio parametri. Danilo Ardagna Politecnico di Milano

Scope delle variabili e passaggio parametri. Danilo Ardagna Politecnico di Milano Scope delle variabili e passaggio parametri Danilo Ardagna Politecnico di Milano 1-4-2014 Introduzione! Con le funzioni è stato introdotto un meccanismo per definire dei piccoli programmi all interno di

Dettagli

Signalling (IPC) Signalling (segnalazione)

Signalling (IPC) Signalling (segnalazione) Signalling (IPC) Signalling (segnalazione) è un particolare tipo di Inter-Process Communications che permettere di sincronizzare dei processi spedendo e ricevendo dei messaggi minimali che informano dell'accadimento

Dettagli

Strategie di programmazione

Strategie di programmazione Funzioni Funzioni in C Il concetto di funzione Parametri formali e attuali Il valore di ritorno Definizione e chiamata di funzioni Passaggio dei parametri Corpo della funzione 2 Funzioni in C Strategie

Dettagli

Linguaggi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione Linguaggi di Programmazione Linguaggi di Programmazione Programmazione. Insieme delle attività e tecniche svolte per creare un programma (codice sorgente) da far eseguire ad un computer. Che lingua comprende

Dettagli

I file utente sistema operativo nome

I file utente sistema operativo nome I file I File sono l unità base di informazione nell interazione tra utente e sistema operativo Un file e costituito da un insieme di byte attinenti ad un unica entità logica fino a un po di tempo fa i

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docente: Camillo Fiorentini 8 gennaio 8 Il problema è simile all esercizio 5.6 del libro di testo di algoritmi (Introduzione agli algoritmi e strutture dati, T.

Dettagli

Stringhe e allocazione dinamica della memoria

Stringhe e allocazione dinamica della memoria Stringhe e allocazione dinamica della memoria Esercizio Scrivere un programma strings.c che legge da standard input una sequenza di parole separate da uno o più spazi, e stampa le parole lette, una per

Dettagli

Sistemi Operativi. Lezione 3 Processi e Thread

Sistemi Operativi. Lezione 3 Processi e Thread Lezione 3 Processi e Thread Introduzione Sino ai sistemi batch la CPU di un sistema svolgeva un attività, la portava a termine e solo allora avviava un altra attività Con l avvento della multiprogrammazione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale

Dettagli

APPELLO SCRITTO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO VI.2015

APPELLO SCRITTO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO VI.2015 APPELLO SCRITTO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2014 2015 15.VI.2015 VINCENZO MARRA Indice Esercizio 1 1 Definizione dei tipi P e T, e calcolo dell area.

Dettagli

Le etichette nei programmi. Istruzioni di branch: beq. Istruzioni di branch: bne. Istruzioni di jump: j

Le etichette nei programmi. Istruzioni di branch: beq. Istruzioni di branch: bne. Istruzioni di jump: j L insieme delle istruzioni (2) Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) Istruzioni per operazioni logiche: shift Shift (traslazione) dei bit di una parola a destra o sinistra sll (shift left logical):

Dettagli

2. Strutture dei Sistemi Operativi. 2.2 Interfaccia col Sistema Operativo Interprete dei comandi

2. Strutture dei Sistemi Operativi. 2.2 Interfaccia col Sistema Operativo Interprete dei comandi 1 2. Strutture dei Sistemi Operativi Quali servizi un generico sistema operativo mette a disposizione degli utenti, e dei programmi che gli utenti vogliono eseguire? interfaccia col sistema operativo stesso

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Puntatori

Introduzione al linguaggio C Puntatori Introduzione al linguaggio C Puntatori Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Informatica Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica 19 ottobre 2016

Dettagli

Concetti di base. Scheduling della CPU. Diagramma della durata dei CPU-burst. Sequenza Alternata di CPU Burst e I/O Burst

Concetti di base. Scheduling della CPU. Diagramma della durata dei CPU-burst. Sequenza Alternata di CPU Burst e I/O Burst Impossibile visualizzare l'immagine. Scheduling della CPU Concetti di base La multiprogrammazione cerca di ottenere la massima utilizzazione della CPU. L esecuzione di un processo consiste in cicli d esecuzione

Dettagli

File System ext2. Struttura del filesystem ext2.

File System ext2. Struttura del filesystem ext2. Struttura di base File System ext2 Lo spazio fisico di un disco viene usualmente diviso in partizioni; ogni partizione può contenere un filesystem. Nel filesystem ext2 il blocco (block) definisce la minima

Dettagli

Controllo di processi

Controllo di processi Controllo di processi Ogni processo del sistema ha un PID (Process Identity Number). Ogni processo può generare nuovi processi (figli). La radice della gerarchia di processi è il processo init con PID=1.

Dettagli

File binari e file di testo

File binari e file di testo I file File binari e file di testo distinzione tra file binari file di testo si possono usare funzioni diverse per la gestione di tipi di file diversi Programmazione Gestione dei file 2 File binari e file

Dettagli

Compito parziale del corso di Sistemi Operativi e Reti. (a.a. 2013/2014, prof. Gianluca Amato)

Compito parziale del corso di Sistemi Operativi e Reti. (a.a. 2013/2014, prof. Gianluca Amato) Compito parziale del corso di Sistemi Operativi e Reti (a.a. 2013/2014, prof. Gianluca Amato) 18 Novembre 2013, compito A Svolgere i seguenti esercizi, giustificando i risultati ottenuti. Se necessario,

Dettagli

il tipo di parallelismo dipende dal grado di cooperazione

il tipo di parallelismo dipende dal grado di cooperazione Thread Settembre 2009 programma e parallelismo il tipo di parallelismo dipende dal grado di cooperazione (scambio d informazione) necessario tra attività svolte in parallelo processo macchina virtuale

Dettagli

Introduzione all'uso del sistema operativo Ubuntu

Introduzione all'uso del sistema operativo Ubuntu Introduzione all'uso del sistema operativo Ubuntu Aprire un Terminal. Osservare il prompt dei comandi Una shell è pronta ad interpretare ed eseguire i vostri comandi consentendovi di accedere ai servizi

Dettagli

Lezione 1: Introduzione alla Shell di Unix

Lezione 1: Introduzione alla Shell di Unix Lezione 1: Introduzione alla Shell di Unix Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 5 Marzo 2013 Chi è UNIX? UNIX è il nome di una famiglia di sistemi operativi, con diverse implementazioni

Dettagli

Il sistema operativo deve fornire una visione astratta dei file su disco e l'utente deve avere la possibilità di:

Il sistema operativo deve fornire una visione astratta dei file su disco e l'utente deve avere la possibilità di: Il File System Il sistema operativo deve fornire una visione astratta dei file su disco e l'utente deve avere la possibilità di: identificare ogni file con un nome (filename) astraendo completamente dalla

Dettagli

Sviluppo di programmi

Sviluppo di programmi Sviluppo di programmi Per la costruzione di un programma conviene: 1. condurre un analisi del problema da risolvere 2. elaborare un algoritmo della soluzione rappresentato in un linguaggio adatto alla

Dettagli

Corso di laurea in ingegneria informatica Esame di sistemi operativi 21 gennaio 2009 SOLUZIONI

Corso di laurea in ingegneria informatica Esame di sistemi operativi 21 gennaio 2009 SOLUZIONI Corso di laurea in ingegneria informatica Esame di sistemi operativi 21 gennaio 2009 SOLUZIONI 1. Si consideri il programma C seguente (gli #include necessari sono omessi): / programma principale / 1.

Dettagli

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 D. - UNICAL

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 D. - UNICAL GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

BREVISSIMA GUIDA AL SISTEMA UNIX / LINUX

BREVISSIMA GUIDA AL SISTEMA UNIX / LINUX BREVISSIMA GUIDA AL SISTEMA UNIX / LINUX 1. DEFINIZIONI sistema operativo (SO): Software che gestisce le risorse del computer (filesystem e periferiche) filesystem: Insieme dei supporti di memorizzazione.

Dettagli

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt);

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt); Un esempio per iniziare Il controllo del programma in C DD Cap.3 pp.91-130 /* calcolo di 8!*/ #include #define C 8 int main() int i=1; int fatt=1; while (i

Dettagli

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX Processi UNIX I Processi nel SO UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

14 Struttura della memoria secondaria Struttura del disco Struttura del disco

14 Struttura della memoria secondaria Struttura del disco Struttura del disco 14 Struttura della memoria secondaria 1 Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Affidabilità 2 14.1 Struttura del disco 3 14.1 Struttura del disco I dischi

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli