Mettiamo ordine nella nostra vita. Santa Teresa ci guida nel percorso di Quaresima

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mettiamo ordine nella nostra vita. Santa Teresa ci guida nel percorso di Quaresima"

Transcript

1 20 Mettiamo ordine nella nostra vita Santa Teresa ci guida nel percorso di Quaresima

2 2 19 PRESENTAZIONE DEL SUSSIDIO Questo sussidio è articolato secondo due parti: una prima che presenta il Vangelo di ogni domenica di Quaresima (secondo una formulazione breve) e la seconda che offre un brano tratto dal Libro della Vita di Santa Teresa sul tema: I momenti difficili della mia vita. Ogni Vangelo domenicale è corredato da alcune domande per avviare la comprensione del testo e, per entrare nella profondità del suo messaggio spirituale, si offrono alcuni spunti di riflessione. Santa Teresa ricorda sua mamma Brano tratto da Libro della vita, cap. 1,2 Anche mia madre aveva molte virtù, e trascorse la sua vita in gravi malattie. Grandissima la sua onestà; benché fosse di singolare bellezza, non diede mai occasione di pensare che vi facesse caso. Infatti, pur morendo a soli trentatré anni, già il suo modo di vestire era come quello di una persona attempata. Molto dolce e di notevole intelligenza. Soffrì molto nel corso della sua vita. Morì da vera cristiana. L INSEGNAMENTO DI SANTA TERESA (introduzione al percorso) S. Teresa ci invita a mettere ordine nella nostra vita, a dare ad ogni cosa il suo giusto valore, a vincere le false suggestioni del male. Anche lei, nella sua vita, ha affrontato a volte con coraggio a volte con scoraggiamento, difficoltà e tentazioni. Il modo migliore per raggiungere questi traguardi è quello di mettersi in ascolto della Parola di Dio, convinti che, mediante la Scrittura, Dio ci parla, ci incoraggia e sostiene. Gesù ci parla da persona viva a persone vive! Da amico ad amici! L amica Santa Teresa ci parla da amica a noi suoi amici. La Quaresima che iniziamo, ci offre, ancora una volta, guidati dall esempio di Santa Teresa, l occasione di rinnovare e rendere più ferma e forte la scelta per Dio nella nostra vita.

3 18 Lazzaro diventa l emblema del discepolo che Gesù ama, cioè di ogni discepolo. E ogni discepolo è chiamato a riconoscersi malato: sono venuto per i malati, non per i sani. Compito del discepolo è innanzitutto riconoscere la propria malattia, quella malattia che fa parte del nostro essere creature, della nostra fragilità. Quella malattia è lo spazio paradossale in cui Dio entra e ridona vita. Ogni discepolo è malato. E il peccato più grave è non riconoscere la propria fragilità. Siamo malati laddove la relazione con Gesù si inceppa. Malattia è ciò che rende faticosa o impossibile la relazione con Gesù. Questa condizione di malattia e fragilità dell uomo non porterà alla morte. Gesù è infatti venuto per questo, affinchè il peccato dell uomo non lo condanni alla morte. C è una morte, che ha luogo dentro la nostra vita, che equivale a un addormentarsi. E prima di tutto da questo sonno durante la vita che Gesù viene a svegliarci. E il sonno che ci trattiene nel peccato e ci fa rimanere nella schiavitù, è il sonno che blocca le nostre scelte, è il sonno che non ci fa vedere la necessità di chi ci sta accanto. Gesù viene a svegliarci, ci richiama alla vita, alla vita in pienezza. E il sonno è spesso anche rifiuto di vedere la realtà. Oggi Gesù ci dice che possiamo guardare questa nostra realtà senza paura, perché è lui la luce attraverso cui vedere. Gesù accetta di combattere per te. Gesù ti fa venir fuori dal tuo sepolcro, da quelle situazioni in cui la vita ti ha rinchiuso, o da quei sepolcri in cui tu stesso ti sei ritirato. La relazione con Gesù è liberazione. La vita di fede è una continua esperienza di salvezza, in cui prendiamo coscienza di essere risvegliati alla vita, perché l addormentarsi fa parte inevitabilmente del nostro essere creature fragili. 1^ DOMENICA DI QUARESIMA UNA GOCCIA NEL DESERTO Dal vangelo di Matteo In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: Non di solo pane vivrà l uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio». Domande per la riflessione: 1. Il deserto ti fa paura? 2. Se dovessi rimanerci 40 giorni, cosa porteresti con te? 3. Qual è la tua tentazione più grande? 4. Cosa fa Gesù per vincere le tentazioni? 5. E tu cosa fai? Riflessione: Quando ci fermiamo a fare il punto della nostra vita spirituale, ci possono essere momenti di scoraggiamento. A volte abbiamo l impressione di non essere andati molto avanti, anzi magari ci sembra di aver fatto qualche passo indietro. Se S. Teresa e altri grandi Santi ci hanno comunicato la loro percezione di sentirsi peccatori alla fine della loro vita, vuol dire forse che nella vita spirituale non ha senso parlare di progresso, ma di continue conversioni. La vita spirituale non è un corso di formazione,durante il quale si passi da un livello più basso a uno più alto, la vita spirituale è invece fatta di continue occasioni in cui confrontarsi con il Vangelo, occasioni nelle quali la nostra 3

4 vita è messa di fronte alla possibilità di scegliere il Vangelo o rifiutarlo. La tentazione continua infatti a sorprenderci nella nostra vita: e ciò che fa la differenza è come la tentazione ci trova nel momento in cui giunge. La differenza non sta nella data d inizio del cammino, ma nel modo in cui stiamo coltivando oggi la relazione con Dio. Si può essere credenti di vecchia data ma avere il cuore spento. Tentare vuol dire mettere alla prova, nel senso di verificare, far venire fuori quello che sei. Gesù ha conosciuto la fatica di resistere alla sensualità della tentazione. La reazione di Gesù è chiara: la salvezza passa attraverso la croce, lo svuotamento, il Calvario. Gesù ha scelto la logica della croce per salvare il mondo, non ha scelto né la scorciatoia né la logica del compromesso a fin di bene. S. Teresa ci racconta la sua vita interiore Brano tratto da Libro della vita, cap. 17. Questo padre domenicano, che era molto virtuoso e timorato di Dio, mi fece molto bene, perché, avendolo scelto anche come mio confessore, si prese a cuore il bene dell anima mia, e mi fece capire la rovina in cui mi trovavo. Mi faceva comunicare ogni quindici giorni; a poco a poco, trattandolo di più, gli parlai della mia orazione; mi disse di non abbandonarla mai, che assolutamente non poteva farmi altro che bene. Cominciai a tornare ad essa, anche se non evitavo le cattive occasioni, e non l abbandonai più. Vivevo una vita piena di sofferenze perché, mediante l orazione, vedevo meglio le mie colpe: da una parte mi chiamava Dio, dall altra io seguivo il mondo; le cose di Dio mi davano una grande gioia, quelle del mondo mi tenevano legata. Sembrava che volessi conciliare questi due 4 che mi hai ascoltato. Io sapevo che sempre mi dai ascolto, ma l'ho detto per la gente che mi sta attorno, perché credano che tu mi hai mandato». E, detto questo, gridò a gran voce: «Lazzaro, vieni fuori!». Il morto uscì, con i piedi e le mani avvolti in bende, e il volto coperto da un sudario. Gesù disse loro: «Scioglietelo e lasciatelo andare». Molti dei Giudei che erano venuti da Maria, alla vista di quel che egli aveva compiuto, credettero in lui. Domande per la riflessione: 1. Perché Gesù piange e si commuove? 2. Come ha cambiato la vita di Maria, Marta e Lazzaro Gesù? 3. Sei disposto ad aiutare un amico? 4. Come si fa ad uscire dal sepolcro della noia e della passività? Riflessione: Il sepolcro diventa immagine dei nostri luoghi di morte, cioè di peccato, laddove Dio non c è più. La vita diventa un sepolcro quando Dio non c è. Il desiderio di Gesù è ridare vita. Ciascuno è chiamato dunque a riconoscere quei luoghi di non-vita, di lutto e di lamento, in cui si è trovato gettato o in cui si è gettato con le proprie mani. Gesù viene a fare luce, viene a rivelare i luoghi in cui stiamo andando in decomposizione. Perché solo se noi stessi scopriamo dove stiamo morendo, possiamo permettere a Dio di svegliarci dal sonno. Gesù non accetta questa rassegnazione perché lui è la vita. Colui che tu ami è malato sono le parole che portano a Gesù i messaggeri inviati dalle sorelle di Lazzaro. 17

5 5^ DOMENICA DI QUARESIMA UNA LACRIMA SUL VISO 16 Dal Vangelo di Giovanni Era allora malato un certo Lazzaro di Betània, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella. Maria era quella che aveva cosparso di olio profumato il Signore e gli aveva asciugato i piedi con i suoi capelli; suo fratello Lazzaro era malato. Le sorelle mandarono dunque a dirgli: «Signore, ecco, il tuo amico è malato». [ ] Venne dunque Gesù e trovò Lazzaro che era già da quattro giorni nel sepolcro. [ ] Marta dunque, come seppe che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa chiederai a Dio, egli te la concederà». Gesù le disse: «Tuo fratello risusciterà». li rispose Marta: «So che risusciterà nell'ultimo giorno». Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno. Credi tu questo?». Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che deve venire nel mondo». [ ]Maria, dunque, quando giunse dov'era Gesù, vistolo si gettò ai suoi piedi dicendo: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!».allora quando la vide piangere e piangere anche i Giudei che erano venuti con lei, si commosse profondamente, si turbò e disse: «Dove l'avete posto?». Gli dissero: «Signore, vieni a vedere!». Gesù scoppiò in pianto. Dissero allora i Giudei: «Vedi come lo amava!». [ ] Intanto Gesù, ancora profondamente commosso, si recò al sepolcro; era una grotta e contro vi era posta una pietra. Disse Gesù: «Togliete la pietra!». [ ] Tolsero dunque la pietra. Gesù allora alzò gli occhi e disse: «Padre, ti ringrazio opposti così nemici l uno dell altro come sono la vita e le gioie spirituali e i piaceri e i passatempi dei sensi. Nell orazione provavo grande sofferenza, perché lo spirito non era padrone, ma schiavo; pertanto non riuscivo a rinchiudermi nel mio intimo (che era il mio solo modo di procedere nell orazione) senza rinchiudervi con me mille vanità. Trascorsi così molti anni; soltanto ora mi meraviglio che una creatura umana abbia potuto resistere tanto in questo stato senza romperla o con Dio o con il mondo: certo, lasciare l orazione non era più in mio potere, perché mi teneva con le sue mani colui che così voleva darmi maggiori grazie. 5

6 2^ DOMENICA DI QUARESIMA UNA NUVOLA LUMINOSA Dal vangelo di Matteo In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». Domande per la riflessione: 1. È facile salire su un monte? 2. È facile obbedire? 3. Ti piace affrontare situazioni difficili o preferisci evitarle? 4. Chi ti dà coraggio di fronte alle difficoltà? Riflessione: Domenica scorsa ci siamo trovati in un deserto roccioso dove il caldo del giorno si fa sentire e il freddo della notte fa battere i denti: oggi siamo su un monte. Ancora una volta siamo invitati a salire in alto. Gesù chiama tre dei suoi discepoli, Pietro,Giacomo e Giovanni: sono gli apostoli che in genere sceglie quando deve dire cose importanti. 6 Momento di preghiera: Dopo un momento di silenzio si potrebbero invitare i bambini/ragazzi a formulare delle preghiere in questo modo: Signore apri i miei occhi perché io possa vedere la tua presenza in Santa Teresa ci racconta della sua malattia Brano tratto da Libro della vita, cap. 8,11 Nel frattempo, sebbene io non trascurassi di prendere le mie medicine, il Signore, il cui vivo desiderio di dispormi allo stato che più a me si conveniva aveva più potere d ogni medicina, mi mandò una così grave malattia che dovetti tornare a casa di mio padre. Quando fui guarita, mi condussero a far visita a una mia sorella che abitava in un borgo il cui amore per me era così grande che, se avessi assecondato il suo desiderio, non avrei mai dovuto lasciarla. Suo marito mi voleva egualmente molto bene, per lo meno mi circondava di attenzioni, e anche di questo devo essere molto grata al Signore, perché dappertutto mi ha sempre fatto trovare affetto, mentre io l ho ricambiato di tutto da quella che sono. 15

7 14 è, Signore, perché io creda in lui?». Gli disse Gesù: «Lo hai visto: è colui che parla con te». Ed egli disse: «Credo, Signore!». E si prostrò dinanzi a lui. Gesù allora disse: «È per un giudizio che io sono venuto in questo mondo, perché coloro che non vedono, vedano e quelli che vedono, diventino ciechi». Alcuni dei farisei che erano con lui udirono queste parole e gli dissero: «Siamo ciechi anche noi?». Gesù rispose loro: «Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: Noi vediamo, il vostro peccato rimane». Domande per la riflessione: 1. Perché i farisei non credono in Gesù? 2. Perché tante persone non vogliono convertirsi? 3. Tu cosa fai fatica a veder ogni giorno con il tuo cuore? Riflessione: Il cieco nato: in poco tempo passa dal buio totale alla luce: guarito da Gesù. Ma subito trova ostacoli su ostacoli davanti a sé: passata la novità, i curiosi non si interessano più di lui; i suoi genitori non hanno il coraggio di difenderlo; i giudici lo cacciano. Combatte per la verità ma viene respinto. In questo buio c è comunque la luce di Gesù, che dice all uomo guarito: Io ci sono. Questo incontro ci porta a scoprire che c è sempre una buona notizia per chi apre gli occhi sulla verità, la novità di Gesù che passa portando guarigione, solidarietà, amicizia, perdono. Saliamo anche noi su questo monte per capire e accogliere il messaggio della Parola di questa Domenica e farne tesoro nei giorni che seguono. Ma, per cogliere quello che avviene sul monte, dobbiamo fare un passo indietro e scendere in pianura. Qualche giorno prima, infatti, Gesù aveva annunciato ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e lì soffrire molto e venire ucciso e risuscitare il terzo giorno. Questa dichiarazione spaventa gli apostoli e Pietro a nome di tutti gli dice: Dio ti liberi da questo, non ti accada mai una cosa così brutta e triste!. Gesù lo rimprovera perché Pietro e i suoi compagni non capiscono ancora che Lui è venuto per donare la sua vita, per mostrare con il dono di sé quanto ci vuole bene. Anzi, dice loro che chi vuole essere suo amico è chiamato a vivere così, a smettere di pensare a se stesso e a impegnarsi, con tutta la vita, per Dio e per gli altri. Gli apostoli però non capiscono un po come noi che facciamo sempre un po di fatica a volere bene per primi, a perdonare quando ci offendono, a rispondere a una parola o a un gesto cattivo con parole e gesti diversi, gesti buoni. Per questo Gesù oggi li porta, e porta anche noi, sul monte: per aiutarci a comprendere. Sul monte avviene una cosa straordinaria: il volto di Gesù brilla come il sole e le sue vesti diventano candide come la luce. Non pensate che sia un miracolo, un qualcosa piovuto dal cielo! Ciò che cambia il volto e l aspetto di Gesù, ciò che lo tras-forma è la sua capacità di amare, la sua decisione di vivere per noi, di dare la sua vita per me, per te affinché possiamo trovare la gioia. La gioia, quella vera, si ha solo quando si sa e si crede che qualcuno ci vuole davvero bene. Non sono le cose che ci riempiono il cuore, ma solo l amore, il bene appunto. 7

8 Pietro, davanti a questo spettacolo, è entusiasta. Gesù gli appare bellissimo come Dio! Guarda e grida: Che bello, restiamo qui per sempre! Ma così, ancora una volta, mostra di non capire. Questa volta interviene Dio, il Padre, che parla da una nube che avvolge tutti e, come un genitore orgoglioso del figlio, esprime tutto il suo amore: Guardatelo, è il mio figlio, colui che amo!. Penso che a tutti voi ragazzi sarà capitato di avere avuto un elogio dai vostri genitori per un bel voto ricevuto, per un attenzione prestata, per un servizio reso ai nonni o ai fratellini più piccoli. Certamente la gioia sarà stata grande. Una volta un papà, incontrandomi, mi ha detto: Questo è Riccardo, il mio bambino, e sono molto orgoglioso di lui! A scuola ha ricevuto un premio per la bontà. Il papà era orgoglioso, proprio compiaciuto di quel suo figlio buono e attento verso tutti. Oggi Dio ci parla di suo figlio e lo fa con lo stesso orgoglio del papà di Riccardo. Gesù, con la sua vita, sta realizzando il progetto del Padre che è quello di far rifiorire l amore, la giustizia, la bontà, la misericordia sulla terra. Poi rivolto a noi dice: ASCOLTATELO. Ascoltare: ecco la parola chiave del Vangelo di oggi. Gesù ascolta il Padre e realizza il suo progetto di amore. Noi siamo chiamati ad ascoltare Gesù. Cosa vuol dire ascoltare? Vuol dire prestare attenzione, vuol dire far scendere nel cuore quanto abbiamo ascoltato con le orecchie perché quello che abbiamo capito diventi frutto, diventi vita. Quando voi ascoltate bene una lezione, i compiti a casa vi riescono bene! Proprio questo è il segno che avete ascoltato con attenzione. La stessa cosa con Gesù: se siamo ascoltatori attenti, la nostra vita mostra, nelle azioni, che siamo dalla sua parte. 8 4^ DOMENICA DI QUARESIMA LA CONVERSIONE E SORGENTE DI VITA Dal Vangelo di Giovanni In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita [ ], allora sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: «Va a lavarti nella piscina di Sìloe», che significa Inviato. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, perché era un mendicante, dicevano: «Non è lui quello che stava seduto a chiedere l elemosina?». Alcuni dicevano: «È lui»; altri dicevano: «No, ma è uno che gli assomiglia». Ed egli diceva: «Sono io!». Allora gli domandarono: «In che modo ti sono stati aperti gli occhi?». Egli rispose: «L uomo che si chiama Gesù ha fatto del fango, me lo ha spalmato sugli occhi e mi ha detto: Va a Sìloe e làvati!. Io sono andato, mi sono lavato e ho acquistato la vista». Gli dissero: «Dov è costui?». Rispose: «Non lo so». Condussero dai farisei quello che era stato cieco: era un sabato, il giorno in cui Gesù aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi. Anche i farisei dunque gli chiesero di nuovo come aveva acquistato la vista. Ed egli disse loro: «Mi ha messo del fango sugli occhi, mi sono lavato e ci vedo». [ ] Rispose loro quell uomo: «Proprio questo stupisce: che voi non sapete di dove sia, eppure mi ha aperto gli occhi. Sappiamo che Dio non ascolta i peccatori, ma che, se uno onora Dio e fa la sua volontà, egli lo ascolta. Da che mondo è mondo, non si è mai sentito dire che uno abbia aperto gli occhi a un cieco nato. Se costui non venisse da Dio, non avrebbe potuto far nulla». Gli replicarono: «Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?». E lo cacciarono fuori. Gesù seppe che l avevano cacciato fuori; quando lo trovò, gli disse: «Tu, credi nel Figlio dell uomo?». Egli rispose: «E chi 13

9 12 PREGHIERA: Siamo chiamati ad essere persone-anfore per dare da bere agli altri: a volte l anfora si trasforma in una pesante croce, ma è proprio sulla croce, dove, trafitto, il Signore si è consegnato a noi come fonte di acqua viva. Non lasciamoci rubare la speranza! (EG 86) Papa Francesco Santa Teresa cerca la perfezione dell anima Brano tratto da Libro della vita, cap. 31,17 Il mondo, quando vede qualcuno avviato per tale strada, esige che sia perfetto e mille miglia lontano scopre in lui una mancanza, che forse è virtù, ma siccome in chi lo condanna la stessa cosa proverrebbe da vizio, giudica che sia così anche nell altro. Egli non dovrebbe né mangiare né dormire né, come si dice, respirare; più è tenuto in considerazione, più si è indotti a dimenticare, sembra, che è ancora di carne e ossa. Per quanto perfetta abbia l anima, vive ancora sulla terra, soggetto alle sue miserie, benché le tenga sempre più sotto i piedi. È perciò necessario, come dico, un gran coraggio perché la povera anima non ha ancora cominciato a camminare e già pretendono che voli; ancora non ha vinto le passioni e già esigono che in difficili occasioni resti così salda come leggono che avveniva ai santi confermati in grazia. È motivo di lode per il Signore quanto accade in questa circostanza, ed è anche motivo di gran pena per il nostro cuore perché moltissime anime che, poverine, non sanno farsi valere, tornano indietro. E così credo che sarebbe stato anche della mia se il Signore, nella sua infinita misericordia, non avesse fatto tutto lui: finché egli non è intervenuto con la sua bontà in mio favore, la signoria vostra avrà visto che non facevo altro se non cadere e rialzarmi. Scendiamo a valle con Gesù, cioè ritorniamo nella realtà di tutti i giorni e, con la gioia di aver visto sul volto radioso di Gesù l amore che lo trasfigura, cerchiamo anche noi di imitare il suo amore e il suo bene verso tutti. Santa Teresa e la sua anima in schiavitù Brano tratto da Libro della vita, cap. 3,3 Vorrei saper descrivere la schiavitù in cui era allora la mia anima, perché ben capivo io di essere schiava, ma non riuscivo a capire di che cosa, né potevo credere del tutto che ciò di cui i confessori non mi facevano gran carico fosse così grave colpa come io la sentivo nel mio intimo. Uno di essi, al quale avevo manifestato questo scrupolo, mi disse anzi che, pur raggiungendo uno stato di elevata contemplazione, tali occasioni e amicizie non mi avrebbero arrecato alcun danno. Questo avveniva già all ultimo, quando io cominciavo, con l aiuto di Dio, a fuggire i pericoli più gravi, pur non sottraendomi del tutto alle occasioni. Sembrava loro che io facessi molto, vedendomi piena di buoni desideri e dedita all orazione, ma la mia anima sentiva che non faceva tutto ciò che era tenuta a fare per colui a cui tanto doveva. Mi è ora motivo di pena il molto che essa soffriva e il poco aiuto che da tutti aveva, fuorché da Dio, e la grande libertà che le concedevano per i suoi piaceri e passatempi, dicendo che erano leciti. 9

10 3^ DOMENICA DI QUARESIMA ZAMPILLO IN TE 10 Dal vangelo di Giovanni In quel tempo, Gesù giunse a una città della Samarìa chiamata Sicar, vicina al terreno che Giacobbe aveva dato a Giuseppe suo figlio: qui c era un pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo. Era circa mezzogiorno. Giunge una donna samaritana ad attingere acqua. Le dice Gesù: «Dammi da bere». I suoi discepoli erano andati in città a fare provvista di cibi. Allora la donna samaritana gli dice: «Come mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna samaritana?». I Giudei infatti non hanno rapporti con i Samaritani. Gesù le risponde: «Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: Dammi da bere!, tu avresti chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva». [ ] «Chiunque beve di quest acqua avrà di nuovo sete; ma chi berrà dell acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d acqua che zampilla per la vita eterna». «Signore gli dice la donna, dammi quest acqua, perché io non abbia più sete e non continui a venire qui ad attingere acqua». Domande per la riflessione: 1. Di che cosa ha sete Gesù? 2. Di che cosa è pieno il tuo pozzo/cuore? 3. Cosa dovresti buttare via per essere acqua pura? 4. Che acqua puoi donare agli assetati d amore? 5. Ci credi che solo Gesù può darti l acqua viva che disseta per la vita eterna? Riflessione: La samaritana del pozzo possiamo essere tutti noi con tutte le nostre cose che ci preoccupano, con la nostra fretta, con tutti i nostri impegni a volti eccessivi, col nostro bisogno di essere amati. Pensateci un attimo: sono certa che tutti voi desiderate che mamma, papà e tutte le persone che conoscete vi vogliano bene, perché l amore è la cosa che tutti cercano! E per te, per te, per te che Gesù è seduto sul pozzo sotto il sole di mezzogiorno che gli scotta la pelle: è lì che ti aspetta per volerti bene. Naturalmente, noi non abbiamo il pozzo di Giacobbe! Il nostro pozzo è dovunque ci troviamo: in ogni momento della giornata Gesù è vicino a noi che ci dona la sua acqua viva, il suo amore, e ci invita a nostra volta a darlo a tutti, più che con le parole, con la nostra vita. Un giorno san Francesco, uscendo dal convento, incontrò frate Ginepro. Era un frate semplice e buono e san Francesco gli voleva molto bene. Gli disse: Frate Ginepro, vieni, andiamo a predicare. Ginepro rispose: Padre mio, sai che io ho poca istruzione. Come potrei parlare alla gente?. Ma poiché san Francesco insisteva, frate Ginepro acconsentì. Girarono per tutta la città pregando in silenzio per tutti coloro che lavoravano nelle botteghe e negli orti. Sorrisero ai bambini, specialmente a quelli più poveri. Scambiarono qualche parola con gli anziani. Accarezzarono i malati. Aiutarono una donna a portare un pesante recipiente pieno d acqua. Dopo avere attraversato più volte tutta la città, san Francesco disse: Frate Ginepro, è ora di tornare al convento. E la nostra predica? disse Ginepro. L abbiamo fatta L abbiamo fatta! rispose sorridendo il Santo. 11

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM IV QUARESIMA 30 marzo 2014 ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Gv 9,1-41 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo

Dettagli

LA RICERCA La sete del cuore ti rinnova e ti invia ad annunciare Gesù

LA RICERCA La sete del cuore ti rinnova e ti invia ad annunciare Gesù 3 a Domenica di Quaresima - LA SAMARITANA LA RICERCA La sete del cuore ti rinnova e ti invia ad annunciare Gesù Nella stanza si dovrà preparare il Vangelo aperto posto su un leggio o un cuscino e posizionarlo

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

LA FEDE La parola del Risorto ti chiama a vita nuova

LA FEDE La parola del Risorto ti chiama a vita nuova 5 a Domenica di Quaresima - LAZZARO LA FEDE La parola del Risorto ti chiama a vita nuova Nella stanza si dovrà preparare il Vangelo aperto posto su un leggio o un cuscino e posizionarlo in un luogo ben

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DOMENICA 4^ DI QUARESIMA - 03 aprile 2011. El Greco - Gesù Cristo, guarisce il cieco nato - c. 1567, Gemäldegalerie, Dresden

DOMENICA 4^ DI QUARESIMA - 03 aprile 2011. El Greco - Gesù Cristo, guarisce il cieco nato - c. 1567, Gemäldegalerie, Dresden DOMENICA 4^ DI QUARESIMA - 03 aprile 2011 El Greco - Gesù Cristo, guarisce il cieco nato - c. 1567, Gemäldegalerie, Dresden LECTIO SUL VANGELO PREGHIERA O Dio, Padre della luce, tu vedi le profondità del

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Dio ci dona se stesso come dono d amore gratuito gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt 10,8) Siamo tutti dei poveri dinanzi a Dio

Dio ci dona se stesso come dono d amore gratuito gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt 10,8) Siamo tutti dei poveri dinanzi a Dio Dio ci dona se stesso come dono d amore gratuito gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt 10,8) Siamo tutti dei poveri dinanzi a Dio Leggiamo un passo del vangelo di Giovanni (Gv 4, 7-10):

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

questo libretto è di:...

questo libretto è di:... 12 arrivederci alla prossima VOLTA PROGETTO ORATORI Diocesi di Ancona - Osimo E tempo per NOI questo libretto è di:... VANGELO Mt 17,1-9 + Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. Giornata di spiritualità Per i ragazzi della CRESIMA di GESU AIUTAMI A VIVERE LA TUA PAROLA

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. Giornata di spiritualità Per i ragazzi della CRESIMA di GESU AIUTAMI A VIVERE LA TUA PAROLA Se il chicco di grano (Gv 12,20-33) «Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se muore produce molto frutto. Chi ama la propria vita la perderà. Chi è pronto a perderla in questo mondo,

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

La nostra consacrazione battesimale

La nostra consacrazione battesimale La nostra consacrazione battesimale Cammino quaresimale A Secondo Scrutinio 2 Secondi vespri INNO Volgiti a noi, Signore siamo ciechi sulla tua strada aprici gli occhi, dona la luce noi vedremo i tuoi

Dettagli

L INCONTRO L incontro con Gesù illumina la vita e dona occhi nuovi

L INCONTRO L incontro con Gesù illumina la vita e dona occhi nuovi 4 a Domenica di Quaresima - IL CIECO NATO L INCONTRO L incontro con Gesù illumina la vita e dona occhi nuovi Nella stanza si dovrà preparare il Vangelo aperto posto su un leggio o un cuscino e posizionarlo

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015)

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) INCONTRO CON IL CLERO, I RELIGIOSI, LE RELIGIOSE ED I SEMINARISTI DISCORSO

Dettagli

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di.

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Le schede sono divise in due sezioni: La prima riporta la frase del Vangelo propria della domenica, il disegno da colorare relativo all opera

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa

HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa Voi avete scelto di essere dei cooperatori dell opera di madre Teresa. Avete scelto di compiere qualcosa che possa essere d aiuto alle suore missionarie

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

PARROCCHIA MARIA ASSUNTA CASTELBUONO LECTIO DIVINA IV DOMENICA DI QUARESIMA

PARROCCHIA MARIA ASSUNTA CASTELBUONO LECTIO DIVINA IV DOMENICA DI QUARESIMA PARROCCHIA MARIA ASSUNTA CASTELBUONO LECTIO DIVINA IV DOMENICA DI QUARESIMA CANTO FINALE - 10 - CANTO D INIZIO Misericordias Domini, in aeternum cantabo C. Nel nome del Padre T. Col lume celeste, o Signore,

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

«Il programma è Gesù,

«Il programma è Gesù, ATTIVISMO E CATECHESI Schede operative fotocopiabili per l incontro di catechesi Proposte per una catechesi attiva, visiva e narrativa «Il programma è Gesù, da conoscere, da amare, da imitare» (Nmi 29).

Dettagli

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3. Daall Vaangeello sseeccondo Maarrcco 9,, 30--37

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3. Daall Vaangeello sseeccondo Maarrcco 9,, 30--37 1 Oleggio 24/9/2006 XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3 Dal Vangelo secondo Marco 9, 30-37 Riifflleessssiionii -- prreeghiieerraa La Chiesa, oggi, ci fa leggere

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

VIENI FUORI! CON BARTOLOMEA

VIENI FUORI! CON BARTOLOMEA CON BARTOLOMEA "Solo in casa sua, cioè solo nella sua amicizia e nella sua grazia (charis) si trova la vera felicità. Quante volte io stessa ho provato ad allontanarmi da Lui, diventando fredda nell amarlo

Dettagli

PAPA FRANCESCO E LA SARDEGNA PELLEGRINI A BONARIA. Cagliari 22 settembre 2013 IN PREGHIERA VERSO L INCONTRO CON PAPA FRANCESCO

PAPA FRANCESCO E LA SARDEGNA PELLEGRINI A BONARIA. Cagliari 22 settembre 2013 IN PREGHIERA VERSO L INCONTRO CON PAPA FRANCESCO IN PREGHIERA VERSO L INCONTRO CON in famiglia e nelle comunità Liturgia Penitenziale Destinatari del sussidio: Giovani e Adulti La grazia del perdono Piccola riflessione di Papa Francesco sulla confessione:

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand era ancora

La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand era ancora Scuola di preghiera Venerdì 19 marzo 2010 intervento di don Bruno Daniel La tomba vuota e l apparizione a Maria di Magdala Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino,

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Gabriele Battocchio, Filippo Celeghini, Giulio Iazzetta, Ottavia Persanti, Manuela Pisa, don Enrico

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

Suppliche e ringraziamenti

Suppliche e ringraziamenti Domenica, 09 ottobre 2011 Suppliche e ringraziamenti Filippesi 4:6-7- Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti.

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Quaresima tempo favorevole per convertirsi e tornare a vivere. Sussidio Per famiglie

Quaresima tempo favorevole per convertirsi e tornare a vivere. Sussidio Per famiglie Quaresima tempo favorevole per convertirsi e tornare a vivere Sussidio Per famiglie 1 Gli incontri settimanali hanno il carattere di essere un centro di ascolto per ragazzi, costruito a partire dal Vangelo

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Sussidio liturgico per bambini

Sussidio liturgico per bambini Sussidio liturgico per bambini ATTENZIONE Per ragioni organizzative e vista la novità di questa proposta, Sacrificio Quaresimale ha stampato un numero limitato di questi sussidi. Possiamo pertanto fornirne

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

PRIMA ERO CIECO E ORA CI VEDO (Gv 9, 25)

PRIMA ERO CIECO E ORA CI VEDO (Gv 9, 25) PRIMA ERO CIECO E ORA CI VEDO (Gv 9, 25) CELEBRAZIONE COMUNITARIA NELLA IV SETTIMANA DI QUARESIMA CON IL RITO DELL UNZIONE DEGLI INFERMI Ufficio Liturgico Diocesano Il rito si conclude con la benedizione

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 01/4/2013 LUNEDÌ DELL ANGELO Letture: Atti 2, 14. 22-23 Salmo 16 (15) Vangelo: Matteo 28, 1-15 NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN! Ci mettiamo alla Presenza del Signore,

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Parrocchia Santuario B. Pietro Bonilli

Parrocchia Santuario B. Pietro Bonilli Parrocchia Santuario B. Pietro Bonilli sabato 31 giugno 2014 1 Scusa Signore 1. Scusa, Signore, se bussiamo alle porte del tuo cuore siamo noi. Scusa, Signore, se chiediamo, mendicanti dell amore, un ristoro

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore?

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? Parrocchia Gesù Crocifisso VAJONT Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? INCONTRO CEB E GRUPPI FAMILIARI Marzo 2012 Presso fam. Via giorno Ore Introduzione Tutti abbiamo una grande sete di amore,

Dettagli