Ministero politiche agricole alimentari e forestali. Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero politiche agricole alimentari e forestali. Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent"

Transcript

1 Ministero politiche agricole alimentari e forestali Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent 1

2 L ICQRF è organo Tecnico di controllo del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali sulle produzioni agroalimentari

3 I COMPITI ISTITUZIONALI Prevenzione e repressione delle frodi nel comparto agroalimentare e nel settore dei mezzi tecnici per l agricoltura attraverso controlli ispettivi e analitici Vigilanza sugli organismi di controllo che operano nell ambito delle produzioni di qualità regolamentata Irrogazione di sanzioni amministrative pecuniarie in materia agricola e agroalimentare di competenza statale

4 L ICQRF dispone di laboratori propri per le analisi dei prodotti agroalimentari e dei mezzi tecnici di produzione, prelevati dagli ispettori durante le attività di controllo

5 L ICQRF è strutturato in: Una Amministrazione centrale con due direzioni generali : PREF e VICO 10 Uffici Territoriali 19 uffici d area 5 laboratori di Analisi di cui 1 per le revisioni

6 Struttura ed Attività ICQRF Attività ICQRF 2013 Controlli Operatori Controllati Operatori irregolari % 15,4 Prodotti Controllati Prelievi Prodotti irregolari % 8.9 Sequestri 500 Prodotti sequestrati 650 Valore dei sequestri

7 I controlli dei Laboratori dell ICQRF (2013) Campioni analizzati 9580 di cui vino n % Campioni irregolari 10.3% di cui Irregolari n %

8 Ufficio Nord-Est

9 Attività 2013 Ufficio Nord-Est Controlli ,6*% Operatori controllati ,5*% Campioni prelevati Prodotti controllati ,9*% Sequestri 85 Valore dei sequestri Notizie di reato 23 Contestazioni amministrative 539 Contestazioni Amministrative/ispez. 20.9% *% rispetto al tot. Nazionale

10 Rilevanze Aziendali Tre Venezie Regioni/province rientranti nei primi 5 posti per valore delle produzioni DOP, IGP Stima fatturato Vitivinicolo Naz. 10 miliardi Triveneto circa 23% del fatturato nazionale Aziende con fatturato > 10 mil. Nel Nord Est 54.01% Dati Corriere Economia Prime 8/14 az. Giv, Mezzocorona, CVZonin, Cavit, CVBotter, Enoitalia, C.Soave, Santa Margherita

11 Settori controllati 2013

12 Sequestri 2013

13 Modalità Operative Prevenzione Controllo Ispettivo Vigilanza

14 Prevenzione e coordinamento Attività di sportello Presentazione delle Novità Normative - Incontri Confronti con le rappresentanze dei produttori e le OO.SS. Confronto con le strutture consorziali e con gli OdC per individuare i fattori di rischio Tavoli di coordinamento Azioni mirate

15 Prevenzione e coordinamento Responsabilizzazione degli attori della filiera agoalimentare

16 Controllo e repressione delle Frodi L ICQRF è organo di controllo ufficiale incaricato di prevenire e reprimere le frodi relative ai prodotti agroalimentari e ai mezzi tecnici dell Agricoltura. Opera su base programmatica, in conformità con quanto previsto in materia di alimenti e mangimi dal Reg. CE n. 882/2004.

17 Vigilanza L ICQRF ai sensi dell art. 1 c.1047 legge , n. 296 esercita le funzioni statali di vigilanza sull operato degli Organismi di Controllo riconosciuti ai sensi della Legge n La vigilanza viene svolta anche da Regioni e Province previa stipula di accordi bilaterali con l ICQRF competente per territorio Nel corso della vigilanza viene verificato che non vi siano carenze da parte dell OdC sia nei controlli che nella risoluzione delle stesse

18 L ICQRF è il garante della tutela delle Denominazioni sul territorio Nazionale è il principale organo di controllo dei prodotti Agroalimentari è Organo Tecnico funzionale all incremento della competitività delle Imprese Agroalimentari

19 MIPAAF ICQRF Nord -Est Dipartimento dell ispettorato centrale della Tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Grazie per l attenzione Cell

Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari

Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei

Dettagli

Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agro-alimentari

Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agro-alimentari Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agro-alimentari Aspetti sanzionatori dell etichettatura Dei prodotti alimentari Giuseppe PUGLIA Teramo, 12 dicembre 2014

Dettagli

L ISPETTORATO Tutela dei consumatori e delle produzioni di qualità

L ISPETTORATO Tutela dei consumatori e delle produzioni di qualità Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agro-alimentari L ISPETTORATO Tutela dei consumatori e delle produzioni di qualità Giornata della Trasparenza

Dettagli

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF)

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF) L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF) L ICQRF è l organo tecnico di controllo ufficiale del Ministero delle politiche agricole

Dettagli

Aspetti sanzionatori dell etichettatura Dei prodotti alimentari

Aspetti sanzionatori dell etichettatura Dei prodotti alimentari Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agro-alimentari Aspetti sanzionatori dell etichettatura Dei prodotti alimentari Giuseppe PUGLIA Teramo, 12 dicembre 2014

Dettagli

ICQRF - Dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari

ICQRF - Dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari ICQRF - Dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari VICO - Direzione generale per il riconoscimento degli organismi di controllo

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Pregiatissimo Signor Bruno Dorigatti Presidente del Consiglio Provinciale SEDE Proposta di mozione n. 4 Proposta di trasferimento competenze sulla tutela della qualità e repressione delle frodi sui prodotti

Dettagli

LA COLLABORAZIONE TRA IL MIPAAF ED I CONSORZI DI TUTELA DEI VINI A DOP e IGP NELLA LOTTA CONTRO L USURPAZIONE DEI MARCHI E LA CONTRAFFAZIONE

LA COLLABORAZIONE TRA IL MIPAAF ED I CONSORZI DI TUTELA DEI VINI A DOP e IGP NELLA LOTTA CONTRO L USURPAZIONE DEI MARCHI E LA CONTRAFFAZIONE LA COLLABORAZIONE TRA IL MIPAAF ED I CONSORZI DI TUTELA DEI VINI A DOP e IGP NELLA LOTTA CONTRO L USURPAZIONE DEI MARCHI E LA CONTRAFFAZIONE 1 INTRODUZIONE Lo scopo di questa presentazione é evidenziare

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI (PREF) allegato A Linea di attività Ufficio responsabile dell'attuazione Prodotto Indicatori di Prodotto Obiettivo Individuazione e implementazione di modelli per l analisi e la gestione del rischio di

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU4S2 29/01/2015

REGIONE PIEMONTE BU4S2 29/01/2015 REGIONE PIEMONTE BU4S2 29/01/2015 Codice DB1100 D.D. 4 dicembre 2014, n. 1059 Approvazione dell'accordo con il Dipartimento dell'ispettorato Centrale della tutela della qualita' e repressione delle frodi

Dettagli

GIORNI LAVORA TIVI NUMERO PERSONE

GIORNI LAVORA TIVI NUMERO PERSONE TIV UFFICI DI DIRETTA COLLABORAZIONE GABINETTO DEL MINISTRO 4 21 84 0 84 100,00 0,00 GABINETTO DEL MINISTRO SOTTOSEGRETARIO DI STATO 4 21 84 0 84 100,00 0,00 UFFICIO DEL CONSIGLIERE DIPLOMATICO 7 21 147

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ICQRF - Segreteria ICQRF - Prot. Interno N.0001083 del 20/09/2016 IL CAPO DELL ISPETTORATO VISTO il Decreto Legge 18 giugno 1986, n. 282, convertito, con modificazioni, nella Legge 7 agosto 1986, n. 462,

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DG VICO - Segreteria VICO - Prot. Interno N.0012812 del 17/08/2017 Autorizzazione a Triveneta certificazioni S.r.l. a svolgere le attività di controllo ai sensi dell art. 64 della Legge 12 dicembre 2016,

Dettagli

SEMINARIO La vendita dei prodotti on line: normativa di riferimento e responsabilità degli operatori

SEMINARIO La vendita dei prodotti on line: normativa di riferimento e responsabilità degli operatori SEMINARIO La vendita dei prodotti on line: normativa di riferimento e responsabilità degli operatori Il ruolo dell ICQRF nel controllo dei prodotti agroalimentari Il Dipartimento dell'ispettorato centrale

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DG VICO - Segreteria VICO - Prot. Interno N.0013169 del 05/09/2017 Autorizzazione all organismo denominato TCA-Toscana Certificazione Agroalimentare s.r.l. ad effettuare i controlli per l indicazione geografica

Dettagli

TESTO UNICO DELLA VITE E DEL VINO Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e commerci del vino. Legge n.

TESTO UNICO DELLA VITE E DEL VINO Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e commerci del vino. Legge n. TESTO UNICO DELLA VITE E DEL VINO Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e commerci del vino. Legge n.238/2016 Palma Esposito - Responsabile settore vitivinicolo Il Testo

Dettagli

Incontro tecnico Marano 5.09.2012

Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Ministero politiche agricole alimentari e forestali ICQRF - Ufficio Dirigenziale di Conegliano 2 L attività di controllo dell Ispettorato consiste in verifiche ed accertamenti,

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO PER VINI A D.O. COLLI DEL TRASIMENO

PIANO DI CONTROLLO PER VINI A D.O. COLLI DEL TRASIMENO Pagina 1 di 9 PIANO DI CONTROLLO PER VINI A D.O. COLLI DEL TRASIMENO (in accordo all Allegato 2 del Decreto n.794 del 14 Giugno 2012 Approvazione dello schema di piano dei controlli, in applicazione dell

Dettagli

Il prodotto tipico. La valorizzazione dei prodotti tipici. La normativa. Il prodotto tipico

Il prodotto tipico. La valorizzazione dei prodotti tipici. La normativa. Il prodotto tipico Il prodotto tipico La valorizzazione dei prodotti tipici Il caso del DOP e il ruolo dei consorzi di tutela Non tutti i prodotti caratteristici di una determinata zona possono definirsi tipici Un prodotto

Dettagli

Il sistema delle IG in Italia e la sua rilevanza nell'ambito del comparto agroalimentare

Il sistema delle IG in Italia e la sua rilevanza nell'ambito del comparto agroalimentare Il sistema delle IG in Italia e la sua rilevanza nell'ambito del comparto agroalimentare Seminario FAO sui prodotti ad indicazione geografica Roma, 6 ottobre 2014 1 I dati essenziali L Italia si conferma

Dettagli

GABINETTO E UFFICI DI DIRETTA COLLABORAZIONE ALL'OPERA DEL MINISTRO PRIORITÀ POLITICA MISSIONE: PROGRAMMA: RESPONSABILE:

GABINETTO E UFFICI DI DIRETTA COLLABORAZIONE ALL'OPERA DEL MINISTRO PRIORITÀ POLITICA MISSIONE: PROGRAMMA: RESPONSABILE: GABINETTO E UFFICI DI DIRETTA COLLABORAZIONE ALL'OPERA DEL MINISTRO 032 - Servizi istituzionali e generali delle amministrazioni pubbliche 002 - Indirizzo politico CONS. FERDINANDO FERRARA OBIETTIVO STRUTTURALE

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 12745 del 26/06/2015 Designazione della Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di La Spezia quale autorità pubblica di controllo ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 8 aprile

Dettagli

Giornata della Trasparenza

Giornata della Trasparenza Giornata della Trasparenza Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) 11 Dicembre 2014 L attività dell ICQRF a tutela

Dettagli

Parma, 24 Settembre 2012 DR. GIANLUCA GIULI FUNZIONARIO AGRARIO DELL UFFICIO TERRITORIALE DI BOLOGNA

Parma, 24 Settembre 2012 DR. GIANLUCA GIULI FUNZIONARIO AGRARIO DELL UFFICIO TERRITORIALE DI BOLOGNA Contraffazione alimentare: il ruolo del Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualitàe repressione frodi dei prodotti agroalimentari Parma, 24 Settembre 2012 DR. GIANLUCA GIULI FUNZIONARIO

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELL ISPETTORATO CENTRALE DELLA TUTELA DELLA QUALITA E REPRESSIONE FRODI DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IL CAPO DELL ISPETTORATO VISTI gli artt. 4, comma 2, 14, 16 e 17 del Decreto legislativo

Dettagli

Domanda per una nuova denominazione vinicola

Domanda per una nuova denominazione vinicola Domanda per una nuova denominazione vinicola Bozza - Ultimo salvataggio di w0153368 il 19/06/2017 13:00 I.ALTRE INFORMAZIONI 1. INFORMAZIONI GENERALI Termine/i equivalente/i: Denominazione tradizionalmente

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ DECRETO 21 luglio 2009. Conferimento a «Valoritalia società per la certificazione delle qualità e delle produzioni vitivinicole italiane S.r.l.», dell incarico a svolgere le funzioni di controllo previste

Dettagli

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare Tavola Rotonda Sicurezza alimentare: il controllo su frodi e qualità dei fertilizzanti Società Umanitaria, Milano L attività dell

Dettagli

Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF)

Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) Centro Ricerche sul riso Castello d Agogna 04 febbraio 2016 Reimpiego di

Dettagli

L organizzazione di un laboratorio di controllo Scelte tecniche e strategico politiche

L organizzazione di un laboratorio di controllo Scelte tecniche e strategico politiche I laboratori ICQRF L organizzazione di un laboratorio di controllo Scelte tecniche e strategico politiche LA CONTAMINAZIONE AGROALIMENTARE Ministero della Salute Roma 16 marzo 2011 Rosa Maria Marianella

Dettagli

Contrasto ai fenomeni di concorrenza sleale e contraffazione nell'agroalimentare Giovedì 30Maggio 2013

Contrasto ai fenomeni di concorrenza sleale e contraffazione nell'agroalimentare Giovedì 30Maggio 2013 DIPARTIMENTO DELL ISPETTORATO CENTRALE DELLA TUTELA DELLA QUALITA E REPRESSIONE FRODI DEI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI Contrasto ai fenomeni di concorrenza sleale e contraffazione nell'agroalimentare Giovedì

Dettagli

FORESTALI Dirigente - ICQRF - UFFICIO TERRITORIALE DI ROMA

FORESTALI Dirigente - ICQRF - UFFICIO TERRITORIALE DI ROMA INFORMAZIONI PERSONALI Nome LUCHETTA PAOLA Data di nascita 09/11/1952 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia E Dirigente - ICQRF - UFFICIO TERRITORIALE DI ROMA

Dettagli

I controlli nelle filiere delle Produzioni Regolamentate: Ruolo dell ICQRF

I controlli nelle filiere delle Produzioni Regolamentate: Ruolo dell ICQRF I controlli nelle filiere delle Produzioni Regolamentate: Ruolo dell ICQRF 29 gennaio 2016 Cantina Albinea Canali L ISPETTORATO CENTRALE DELLA TUTELA DELLA QUALITÀ E DELLA REPRESSIONE FRODI DEI PRODOTTI

Dettagli

Giovanna. Carlini. San Pietro Avellana (IS) Roma Via Altavilla Irpina, 31 CAP Tel

Giovanna. Carlini. San Pietro Avellana (IS) Roma Via Altavilla Irpina, 31 CAP Tel CURRICULUM VITAE NOME COGNOME LUOGO DI NASCITA Giovanna Carlini San Pietro Avellana (IS) DATA DI NASCITA 24.06.1964 RESIDENZA PROFESSIONE Roma Via Altavilla Irpina, 31 CAP 00177 Tel. 06298706 Funzionario

Dettagli

Visto il regolamento (CE) n. 1493/1999 del Consiglio del 17 maggio 1999 relativo all organizzazione comune del mercato vitivinicolo;

Visto il regolamento (CE) n. 1493/1999 del Consiglio del 17 maggio 1999 relativo all organizzazione comune del mercato vitivinicolo; DECRETO 2 aprile 2009. Adeguamento dell incarico a svolgere le funzioni di controllo al Consorzio di tutela Barolo, Barbaresco, Alba, Langhe e Roero per le DOCG «Barbaresco», «Barolo» e «Dolcetto di Dogliani

Dettagli

Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari

Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari Le attività dell Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari L Ispettorato è organo di

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Regioni e Province Autonome Assessorati Agricoltura Loro Sedi Oggetto: Decreto ministeriale n. 18354 del 27/11/2009, recante Disposizioni per l attuazione dei regolamenti (CE) n. 834/2007, n. 889/2008

Dettagli

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF)

L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) L Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) L ICQRF è l organo tecnico di controllo ufficiale del Ministero delle politiche agricole

Dettagli

BIOREPORT L agricoltura biologica in Italia. Il comitato di coordinamento di BIOREPORT Carla Abitabile Francesca Marras Laura Viganò

BIOREPORT L agricoltura biologica in Italia. Il comitato di coordinamento di BIOREPORT Carla Abitabile Francesca Marras Laura Viganò BIOREPORT 2014-2015 L agricoltura biologica in Italia Il comitato di coordinamento di BIOREPORT Carla Abitabile Francesca Marras Laura Viganò 1 BIOREPORT Che cosa è Obiettivo Destinato a Strumento di approfondimento

Dettagli

Visto il regolamento (CE) n. 1493/1999 del Consiglio del 17 maggio 1999 relativo all organizzazione comune del mercato vitivinicolo;

Visto il regolamento (CE) n. 1493/1999 del Consiglio del 17 maggio 1999 relativo all organizzazione comune del mercato vitivinicolo; DECRETO 2 aprile 2009. Conferimento al Consorzio di tutela Barolo, Barbaresco, Alba, Langhe e Roero dell incarico a svolgere le funzioni di controllo per la DOCG «Roero» e per le DOC «Colline Saluzzesi»,

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ DECRETO 21 luglio 2009. Conferimento a «Toscana CertiÞ cazione Agroalimentare S.r.l.», in breve «TCA S.r.l.», dell incarico a svolgere le funzioni di controllo previste dall articolo 48 del Regolamento

Dettagli

ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit

ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit Autorità locale competente in agricoltura Guido Violini Servizio Valorizzazione delle produzioni Qualificazione delle produzioni

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 18096 del 26 settembre 2014 Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo nei confronti degli operatori del settore della produzione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DG PQAI - PQAI 04 - Prot. Uscita N.0059971 del 08/08/2017 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Roma, DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il decreto-legge 18 giugno 1986, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1986, n. 462, che all articolo 10 ha previsto l istituzione dell Ispettorato Centrale Repressione Frodi

Dettagli

Dematerializzazione dei registri nel settore vitivinicolo ai sensi dell articolo 1-bis, comma 6 del DL 91/2014

Dematerializzazione dei registri nel settore vitivinicolo ai sensi dell articolo 1-bis, comma 6 del DL 91/2014 S-MIP-MRGA-K3-15007 Dematerializzazione dei registri nel settore vitivinicolo ai sensi dell articolo 1-bis, comma 6 del DL 91/2014 1 di 17 Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA... 3 1.2 SCOPO... 3 1.3

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 15 DEL 27 MARZO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 15 DEL 27 MARZO 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 15 DEL 27 MARZO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 14 febbraio 2006 - Deliberazione N. 149 - Area Generale di Coordinamento N. 11 - Sviluppo

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto concernente l approvazione dello schema di piano dei controlli, in applicazione dell articolo 13, comma 17, del decreto legislativo 8 aprile

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 26 ottobre 2015. Disposizioni nazionali di attuazione del regolamento (CE) n. 436/2009 della Commissione del 26 maggio 2009 inerenti le

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali D.M. 16 dicembre 2010 recante disposizioni generali in materia di costituzione e riconoscimento dei Consorzi di tutela delle denominazioni di

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE IN ITALIA: SIAMO SICURI? Dott. Corrado Rendo

LA SICUREZZA ALIMENTARE IN ITALIA: SIAMO SICURI? Dott. Corrado Rendo LA SICUREZZA ALIMENTARE IN ITALIA: SIAMO SICURI? Dott. Corrado Rendo CONTROLLO DELLA SICUREZZA DEI CIBI NELL UNIONE EUROPEA o Controlli sulla sicurezza alimentare o Sistemi di sicurezza o Legislazione

Dettagli

Giornata della Trasparenza

Giornata della Trasparenza Giornata della Trasparenza Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agro-alimentari (ICQRF) 28 Maggio 2015 L attività dell ICQRF a tutela

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 12 marzo 2014. Disposizioni per la designazione dei laboratori che possono eseguire l analisi dei campioni prelevati durante i controlli

Dettagli

PROT. n. 1133 del 1 LUGLIO 2014

PROT. n. 1133 del 1 LUGLIO 2014 PROT. n. 1133 del 1 LUGLIO 2014 Provvedimento di revoca dell autorizzazione, alla società Suolo e Salute s.r.l., ad esercitare il controllo e la certificazione sull attività di importazione da Paesi terzi

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA IG LAZIO AI SENSI DEL DM 794 del 14/06/2012

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA IG LAZIO AI SENSI DEL DM 794 del 14/06/2012 PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA IG LAZIO AI SENSI DEL DM 794 del 4/06/202 REV. DATA VERIFICATO Il Responsabile Tecnico Dei Piani di Controllo APPROVATO Il Dirigente Area V 0 20/07/202

Dettagli

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche.

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche. OGGETTO: 14/PQ = Il Controllo Dei Prodotti Biologici In Italia 1 L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende

Dettagli

Registro dei fabbricanti di fertilizzanti

Registro dei fabbricanti di fertilizzanti ALLEGATO 14 (previsto dall articolo 8, comma 1) Registro dei fabbricanti di fertilizzanti 1. Il fabbricante che intende immettere fertilizzanti sul mercato ai sensi dell Articolo 8 del presente decreto,

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 29 aprile 2010, n. 75 Riordino e

Dettagli

Dipartimento delle politiche competitive, della qualità agroalimentare e della pesca

Dipartimento delle politiche competitive, della qualità agroalimentare e della pesca Dipartimento delle politiche competitive, della qualità agroalimentare e della pesca Direzione generale per la promozione della qualità agroalimentare Direttore Generale: Stefano Vaccari I - Affari generali,

Dettagli

Rev Data emissione Area della modifica Motivo della Modifica

Rev Data emissione Area della modifica Motivo della Modifica dei reclami e dei ricorsi inerenti il processo di certificazione dei prodotti vitivinicoli DOP Rev Data emissione Area della modifica Motivo della Modifica 00 07/05/2015 Intero documento Prima emissione

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. CASTELLI ROMANI AI SENSI DEL DM 794 del 14/06/2012

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. CASTELLI ROMANI AI SENSI DEL DM 794 del 14/06/2012 PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. CASTELLI ROMANI AI SENSI DEL DM 794 del 14/06/2012 REV. DATA VERIFICATO Il Responsabile Tecnico Dei Piani di Controllo APPROVATO Il Dirigente Area

Dettagli

4 - SERVIZIO TUTELA, VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE PRODOTTI AGROALIMENTARI

4 - SERVIZIO TUTELA, VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE PRODOTTI AGROALIMENTARI 4 - SERVIZIO TUTELA, VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE PRODOTTI AGROALIMENTARI Responsabile: Dott. Giuseppe Calagna Tel.: 0917076156 E-mail: agri1.serviziopromozione@regione.sicilia.it Assegnazione corrispondenza

Dettagli

PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI. della Indicazione Geografica. IGT Trevenezie

PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI. della Indicazione Geografica. IGT Trevenezie PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI della Indicazione Geografica IGT Trevenezie Rev 00 del 28/07/2017 INTRODUZIONE Il Piano è realizzato sulla base dello schema approvato dal Ministero delle Politiche

Dettagli

Milano 28 ottobre, Vittorio Emanuele Pisani Direttore Consorzio Tutela Provolone Valpadana e Consorzio Tutela Taleggio

Milano 28 ottobre, Vittorio Emanuele Pisani Direttore Consorzio Tutela Provolone Valpadana e Consorzio Tutela Taleggio Milano 28 ottobre, 2015 Vittorio Emanuele Pisani Direttore Consorzio Tutela Provolone Valpadana e Consorzio Tutela Taleggio La tradizione produttiva locale in Italia I Consorzi di Tutela Normativa di riferimento

Dettagli

PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO PER LE DENOMINAZIONI DI ORIGINE DEI VINI

PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO PER LE DENOMINAZIONI DI ORIGINE DEI VINI PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO PER LE DENOMINAZIONI DI ORIGINE DEI VINI -AI SENSI DEL DM N. 794 DEL 14/06/2012- REV. DATA ELABORATO VERIFICATO per la Segreteria Tecnica APPROVATO

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT. N REP. N. 500 DEL 15 SETTEMBRE 2017

DETERMINAZIONE PROT. N REP. N. 500 DEL 15 SETTEMBRE 2017 DETERMINAZIONE PROT. N. 17244 REP. N. 500 DEL 15 SETTEMBRE 2017 Oggetto: Autorizzazione all aumento del titolo alcolometrico volumico naturale dei prodotti della vendemmia 2017 destinati a dare vini, vini

Dettagli

Sistema di controllo e sanzionatorio nel settore agroalimentare. Maria Severina Liberati

Sistema di controllo e sanzionatorio nel settore agroalimentare. Maria Severina Liberati Corso di Legislazione alimentare Modulo di Qualità, igiene e controlli nel settore alimentare Sistema di controllo e sanzionatorio nel settore agroalimentare Maria Severina Liberati Cesena, 11 maggio 2009

Dettagli

» Misure per la sicurezza alimentare e la produzione della mozzarella di bufala campana DOP. Dipartimeto Qualità Agroalimentarei

» Misure per la sicurezza alimentare e la produzione della mozzarella di bufala campana DOP. Dipartimeto Qualità Agroalimentarei » Misure per la sicurezza alimentare e la produzione della mozzarella di bufala campana DOP 1 Misure per la sicurezza alimentare e la produzione della mozzarella di bufala campana dop Comma 1 Il comma

Dettagli

Il Dirigente della Sezione Competitività delle Filiere Agroalimentari

Il Dirigente della Sezione Competitività delle Filiere Agroalimentari 44856 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE COMPETITIVITA DELLE FILIERE AGROALIMENTARI 9 settembre 2016, n. 117 Legge 82/06, art. 9 - Autorizzazione all aumento del titolo alcolometrico volumico minimo

Dettagli

produttrici di mangimi che utilizzano OGM nel ciclo produttivo; - l esclusione dai marchi di qualità regionali per l imprese che utilizzano OGM

produttrici di mangimi che utilizzano OGM nel ciclo produttivo; - l esclusione dai marchi di qualità regionali per l imprese che utilizzano OGM U n i t à V I G I L A N Z A A p p r o v a t o c o n D e t. D G / 2 6 6 / 2 0 1 4 PIANO PLURIENNALE DI VIGILANZA E CONTROLLO SUGLI ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI - 2014-2019 L.R. 6 novembre 2006 n.

Dettagli

LE NOVITA IN TEMA DI REPRESSIONE FRODI

LE NOVITA IN TEMA DI REPRESSIONE FRODI Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Direzione Generale della prevenzione e del contrasto alle frodi agroalimentari LE NOVITA

Dettagli

CURRICULUM VITAE NICOLUCCI ROBERTO. Luogo e data di nascita: Roma - 20 aprile 1966. Residenza: Via Giovanni Alfredo Cesareo n.

CURRICULUM VITAE NICOLUCCI ROBERTO. Luogo e data di nascita: Roma - 20 aprile 1966. Residenza: Via Giovanni Alfredo Cesareo n. CURRICULUM VITAE NICOLUCCI ROBERTO Luogo e data di nascita: Roma - 20 aprile 1966 Residenza: Via Giovanni Alfredo Cesareo n. 43 00137 Roma Codice fiscale: NCL RRT 66D20 H501R Telefono ufficio: 06/46.65.67.18

Dettagli

Missione 7 - Ordine pubblico e sicurezza. Programma Sicurezza pubblica in ambito rurale e montano

Missione 7 - Ordine pubblico e sicurezza. Programma Sicurezza pubblica in ambito rurale e montano Missione 7 - Ordine pubblico e sicurezza Programma 7.6 - Sicurezza pubblica in ambito rurale e montano Attività 1 Concorso al mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica con particolare riferimento

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO D.O. ALTO ADIGE O DELL ALTO ADIGE/ SÜDTIROL O SÜDTIROLER

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO D.O. ALTO ADIGE O DELL ALTO ADIGE/ SÜDTIROL O SÜDTIROLER CAMERA DI COMMERCIO DI PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO D.O. ALTO ADIGE O DELL ALTO ADIGE/ SÜDTIROL O SÜDTIROLER PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. ALTO ADIGE

Dettagli

Modalità di accesso ad una DOP/IGP

Modalità di accesso ad una DOP/IGP Modalità di accesso ad una DOP/IGP Rev. 00 1 SOMMARIO 1. MODALITÀ DI ACCESSO AD UNA DOP/IGP 3 2. IL PERCORSO CERTIFICATIVO DELLA DOP OLIO EXTRAVERGINE D OLIVA TERRA DI BARI 4 3. ALLEGATO 1 - DOCUMENTI

Dettagli

Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/ art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008

Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/ art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/2006 - art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 Il Corpo nazionale esercita, con i poteri di polizia amministrativa e giudiziaria, la vigilanza sull'applicazione della

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT. N REP. N. 440 DEL 6 SETTEMBRE 2016

DETERMINAZIONE PROT. N REP. N. 440 DEL 6 SETTEMBRE 2016 DETERMINAZIONE PROT. N. 13073 REP. N. 440 DEL 6 SETTEMBRE 2016 Oggetto: Autorizzazione all aumento del titolo alcolometrico volumico naturale dei prodotti della vendemmia 2016 destinati a dare vini, vini

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. SALICE SALENTINO AI SENSI DEL DM 14 GIUGNO 2012

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. SALICE SALENTINO AI SENSI DEL DM 14 GIUGNO 2012 PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. SALICE SALENTINO AI SENSI DEL DM 4 GIUGNO 202 REV. DATA ELABORATO VERIFICATO APPROVATO 0 24/07/202 Romualdo Topputi Angelo Raffaele Caforio Eupremio

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO D.O. ALTO ADIGE O DELL ALTO ADIGE/ SÜDTIROL O SÜDTIROLER

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO D.O. ALTO ADIGE O DELL ALTO ADIGE/ SÜDTIROL O SÜDTIROLER CAMERA DI COMMERCIO DI PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO D.O. ALTO ADIGE O DELL ALTO ADIGE/ SÜDTIROL O SÜDTIROLER PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. ALTO ADIGE

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento La conoscenza quale riferimento del giornalismo di informazione: spiegare il sistema delle certificazioni e dell'accreditamento di beni e servizi Le certificazioni

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali D.M. 16 dicembre 2010 recante la disciplina dei concorsi enologici, in applicazione dell articolo 21, comma 3, del decreto legislativo 8 aprile

Dettagli

TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO

TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO REV. DATA 00 17/6/2004 PREPARATO Responsabile qualità VERIFICATO Direttore APPROVATO Giunta Camerale Del. Giunta camerale n. 8/48

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE AGROALIMENTARE

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE AGROALIMENTARE DECRETO N. 21 DEL 23 settembre 2016 OGGETTO: D.lgs n. 61/2010, art. 14, c. 11. DOCG Conegliano Valdobbiadene-Prosecco. Misure relative alla disciplina della rivendicazione delle uve prodotte nelle vendemmie

Dettagli

tel fax

tel fax tel. 06.86.27.34.64 email s.paoletti@arsial.it fax. 0686273270 1 L'agricoltura biologica è un metodo di produzione definito dal Reg. CE 834/07 e 889/08 e insieme a diversi atti europei e nazionali, disciplinano

Dettagli

Il sistema QV -Qualità Verificata della Regione del Veneto nell ambito dei Sistemi qualità nazionali

Il sistema QV -Qualità Verificata della Regione del Veneto nell ambito dei Sistemi qualità nazionali Il sistema QV -Qualità Verificata della Regione del Veneto nell ambito dei Sistemi qualità nazionali Legnaro - 25 giugno 2014 Sezione Competitività Sistemi Agroalimentari 1 LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2001,

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 6 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 6 del 2106 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 6 del 13-1-2017 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 dicembre 2016, n. 2131 Convenzione con il Corpo forestale dello Stato in tema di contrasto alle

Dettagli

Il Direttore del Servizio. VISTO lo Statuto dell Agenzia, approvato con Delibera della Giunta Regionale n. 5/15 del

Il Direttore del Servizio. VISTO lo Statuto dell Agenzia, approvato con Delibera della Giunta Regionale n. 5/15 del Oggetto: Nomina dei componenti del Comitato di Certificazione della DOP Pecorino Sardo. Il Direttore del Servizio VISTA la Legge Regionale 8 agosto 2006, n. 13; VISTA la Legge Regionale 13 novembre 1998,

Dettagli

Il Marchio QM Qualità Garantita dalle Marche

Il Marchio QM Qualità Garantita dalle Marche Il Marchio QM Qualità Garantita dalle Marche - - - - - - Regione Marche Servizio Agricoltura, Forestazione e Pesca Ferruccio Luciani Roma - 23 maggio 2013 Situazione attuale delle produzioni di qualità

Dettagli

PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI PER I VINI A I.G.P. BENEVENTANO. D.M. 14 giugno 2012

PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI PER I VINI A I.G.P. BENEVENTANO. D.M. 14 giugno 2012 \ ISMECERT SRL UNINOMINALE Corso Merionale 6 80143 NAPOLI Tel. 081/5636647 - Fax 081 5534019 info@ismecert.com PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI PER I VINI A I.G.P. BENEVENTANO D.M. 14 giugno 2012

Dettagli

ALLEGATO 3.3 NOTIFICA D'ATTIVITA' DI PREPARAZIONE ALIMENTARE

ALLEGATO 3.3 NOTIFICA D'ATTIVITA' DI PREPARAZIONE ALIMENTARE ALLEGATO 3.3 NOTIFICA D'ATTIVITA' DI PREPARAZIONE ALIMENTARE REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 07 Patate, cipolle e carote arricchite in selenio

DOCUMENTO TECNICO DTP 07 Patate, cipolle e carote arricchite in selenio Pag. 1 di 5 DOCUMENTO TECNICO Patate, cipolle e carote arricchite in selenio CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it Redatto il 2010-04-01

Dettagli

PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI. della Denominazione di Origine Controllata. DOC delle Venezie

PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI. della Denominazione di Origine Controllata. DOC delle Venezie PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI della Denominazione di Origine Controllata DOC delle Venezie Rev 00 del 28/07/2017 INTRODUZIONE Il Piano è realizzato sulla base dello schema approvato dal Ministero

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE

Dettagli

FRIULI o FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI o FRIULI VENEZIA GIULIA PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI e TARIFFARIO PER LA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI FRIULI o FRIULI VENEZIA GIULIA D.M. 14 giugno 2012 e D.M. 11 novembre 2011 PIANO DELLE VERIFICHE

Dettagli

Il Direttore del Servizio. VISTO lo Statuto dell Agenzia, approvato con Delibera della Giunta Regionale n. 5/15 del

Il Direttore del Servizio. VISTO lo Statuto dell Agenzia, approvato con Delibera della Giunta Regionale n. 5/15 del Oggetto: Rettifica della Determinazione n. 215/2011 del 13/05/2011. Il Direttore del Servizio VISTA la Legge Regionale 8 agosto 2006, n. 13; VISTA la Legge Regionale 13 novembre 1998, n. 31; VISTO lo Statuto

Dettagli

SC IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE ATTIVITA 2012

SC IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE ATTIVITA 2012 La Struttura Complessa di Igiene degli Alimenti di Origine Animale svolge i controlli ufficiali in qualsiasi fase della produzione, della trasformazione e della distribuzione degli alimenti di origine.

Dettagli

Ruolo ed attività degli enti di certificazione

Ruolo ed attività degli enti di certificazione Tecnico Superiore in Agricoltura Biologica Ruolo ed attività degli enti di certificazione francesco digregorio Locorotondo, Tecnico Superiore in Agricoltura Biologica Ruolo ed attività degli enti di certificazione

Dettagli

D.m. 16 dicembre 2010 Consorzi Tutela vini a Igt/Doc/Docg

D.m. 16 dicembre 2010 Consorzi Tutela vini a Igt/Doc/Docg 1 CONSORZI TUTELA VINI A IGT/DOC/DOCG A) Con la sola attività istituzionale di difesa e valorizzazione B) Con, in più, l eventuale attività di controlli erga omnes DECRETO MINISTERIALE 16 dicembre 2010

Dettagli

Art. 1: Campo di applicazione.

Art. 1: Campo di applicazione. Allegato 1 alla D.G.R. n 1114 del 20 dicembre 2013 GESTIONE DELLA NOTIFICA DI ATTIVITA CON METODO BIOLOGICO E DELL ALBO DEGLI OPERATORI BIOLOGICI DELLA LOMBARDIA. Sommario ART. 1: CAMPO DI APPLICAZIONE.

Dettagli