TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA"

Transcript

1 TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA 1

2 CAMBIALE Contenuto Pagherò cambiario Cambiale tratta Scadenza Garanzie e pagamento Contenuto ASSEGNO Assegno bancario Assegno circolare Garanzie e pagamento MONETA ELETTRONICA Carte di debito Carte di credito 2 Carte prepagate

3 La prima distinzione è tra: - documenti di prova. - titoli di credito; I titoli di credito I documenti di prova sono attestazioni scritte riguardanti le operazioni commerciali possono avere la forma più disparata, sono esempi di documenti di prova i contratti, i documenti di trasporto o consegna le fatture e le ricevute. I titoli di credito sono documenti che, oltre a provare l esistenza di un diritto (come i documenti di prova) assicurano la possibilità di farlo valere direttamente e ne consentono il trasferimento ad altre persone. In base al loro contenuto i titoli di credito si distinguono in: 3

4 1) titoli di credito propriamente detti: che conferiscono al legittimo proprietario il diritto di esigere una somma di denaro oppure di trasferirla ad altri. Di essi fanno parte le cambiali e gli assegni. 2) titoli di credito di massa: che attribuiscono ai loro possessori la qualità di soci in società commerciali o di creditori di enti pubblici e società private e conferiscono particolari diritti: di essi fanno parte: intervenire alle assemblee; partecipare agli utili; percepire gli interessi. le azioni; i titoli del debito pubblico (BOT, CCT ecc.) le obbligazioni emesse da società 4

5 titoli di credito rappresentativi di merci: che conferiscono ai possessori il diritto di ritirare o di trasferire ad altri le merci che sono in viaggio o che si trovano depositati in pubblici magazzini. Di essi fanno parte: la polizza di carico (che attesta l avvenuto carico della merce su una nave mercantile ed attribuisce al legittimo possessore del titolo di credito il diritto al ritiro della stessa); la fede di deposito (attesta l avvenuto carico della merce in un pubblico deposito ed attribuisce al legittimo possessore del titolo di credito il diritto al ritiro della stessa); 5

6 A seconda della modalità di trasferimento i titoli di credito si distinguono in tre gruppi: titoli di credito al portatore il trasferimento dei diritti da una persona all altra avviene con la semplice consegna del titolo, perciò chi possiede in modo legittimo un titolo di credito al portatore, ha diritto al credito che da esso risulta; titoli di credito all ordine, in questo caso il titolo di credito risulta intestato ad una persona questa può trasferirlo ad altra persona mediante l annotazione sul titolo, tale operazione prende il nome di girata; titoli di credito nominativi, in questo caso il titolo di credito risulta intestato ad una persona questa può trasferirlo ad altra mediante l annotazione sia sul titolo sia sul registro dell ente emittente a volte la legge semplifica la procedura, dando la possibilità al legittimo possessore di trasferire il titolo solo con la girata, ma questa dev essere autenticata; 6

7 La cambiale E un titolo di credito all ordine, formale ed esecutivo dal quale risulta l obbligazione incondizionata assunta da una certa persona di pagare o di far pagare una determinata somma nel luogo e alla scadenza indicati a favore del legittimo possessore. la legge prevede due tipi di cambiale: il pagherò cambiario, (o vaglia cambiario) con il quale una persona promette incondizionatamente di pagare una certa somma a un altra persona: il pagherò è una promessa di pagamento; la cambiale tratta con la quale un persona ordina ad una seconda persona di pagare una certa somma ad una terza persona oppure a se stesso: la tratta è un ordine di pagamento. 7

8 Le funzioni delle cambiali permettono: al compratore, di posticipare il pagamento delle merci o dei servizi fino alla scadenza indicata; al venditore, di disporre di un titolo esecutivo all ordine per la riscossione del credito, le cambiali inoltre consentono di smobilizzare il credito rendendolo liquido prima della scadenza ciò avviene mediante: lo sconto in banca, ritirando il valore attuale della somma in scadenza nel prossimo futuro e impresso nella cambiale; la girata al fornitore serve ad estinguere il debito che il legittimo proprietario del titolo ha con un terzo per l acquisto di merci e di servizi oppure per la semplice contrazione di un prestito. 8

9 il declino della cambiale: in epoca recente l utilizzo della cambiale è diminuito a favore di moderni strumenti di pagamento: - bonifici; - giroconti; - pagamenti elettronici: - Riba; - Rid. I motivi del declino sono riconducibili: Al costo fiscale della cambiale (imposta di bollo pari al 12 % sul suo importo); La riluttanza del debitore ad apparire obbligato cambiario; perciò oggi la cambiale cambiale viene richiesta dal creditore solo quando la riscossione del credito appare incerta è la sua richiesta è giustificata dal fatto che si tratta appunto di un titolo esecutivo e all ordine. 9

10 Pagherò cambiario E un titolo di credito all ordine, che contiene la promessa incondizionata fatta da una persona chiamata emittente di pagare una determinata somma, nel luogo è alla scadenza indicati a favore di un altra persona chiamato beneficiario. In ogni pagherò cambiario figurano i nomi di due soggetti: l emittente, che è colui che emette e sottoscrive il titolo e promette di pagare l importo; il beneficiario (detto anche prenditore), che è colui che riceve il titolo e che ha diritto di riscuoterlo alla scadenza o di trasferirlo ad altri effettuandone la girata. EMITTENTE promette di pagare BENEFICIARIO emette e firma la cambiale 10 riceve la cambiale

11 ogni pagherò deve contenere: la denominazione del titolo (pagherò, vaglia cambiario o cambiale); la promessa incondizionata di pagare una somma determinata (pagherò); l indicazione della scadenza; l indicazione del luogo di pagamento (solitamente è la banca domiciliataria); Il nome di colui al quale o per ordine del quale deve farsi il pagamento; il luogo e la data di emissione; la firma del debitore; la marca da bollo del 12% sull importo totale la mancanza della marca da bollo (oggi assolta in modo virtuale) fa perdere alla cambiale la qualità di titolo esecutivo. 11

12 La cambiale tratta E un titolo di credito che contiene l ordine incondizionato impartito da un persona detto traente, ad un altra detto trattario, di pagare alla scadenza indicata una determinata somma a favore di una terza persona chiamato beneficiario. In ogni cambiale tratta figurano tre soggetti: il traente: che compila e sottoscrive la tratta ordinandone il pagamento; il trattario: che è la persona alla quale viene rivolto l ordine di pagare; il beneficiario: che è colui che riceve la tratta, questo può decidere di trattenerla fino alla scadenza oppure può decidere di trasferirla ad altri mediante la girata. 12

13 Dato che in ogni cambiale tratta figurano tre soggetti sono possibili con il suo tramite le seguenti transazioni: il soggetto A acquista merci dal soggetto B e questo le acquista dal soggetto C il pagamento può avvenire: -B emette tratta verso A ed ordina di pagare C come beneficiario A sarà il traente B il trattario C il beneficiario; -B emette tratta verso A ed ordina di pagare a se stesso la tratta, perciò egli risulta quale traente e beneficiario. In questo caso B provvederà con atto separato a pagare C. Contenuto obbligatorio della tratta: 13

14 Contenuto obbligatorio della tratta: la denominazione del titolo (tratta o cambiale tratta); l ordine incondizionato di pagare una somma determinata (pagherete); il nome di chi è designato a pagare ossia l indicazione del trattario; l indicazione della scadenza; l indicazione del luogo di pagamento (solitamente è la banca domiciliataria); Il nome di colui al quale o per ordine del quale deve farsi il pagamento ossia il beneficiario; il luogo e la data di emissione; la sottoscrizione di colui che emette la cambiale ossia la firma del traente; la marca da bollo del 12% sull importo totale. La mancanza della marca da bollo (oggi assolta in modo virtuale) fa perdere alla cambiale la qualità di titolo esecutivo.vedi schema a pag

15 La girata E l atto con cui una cambiale e tutti i diritti a essa inerenti vengono trasferiti da una persona all altra. La persona che esegue la girata è detto girante, mentre quella che la riceve per effetto della girata è detto giratario. Le girate si scrivono sul retro del titolo e possono essere di due categorie: le girate proprie, che hanno l effetto di trasferire da una persona ad un altra la proprietà della cambiale. Esistono due forme: girata in pieno: quando è indicato il nome del giratario il luogo la data e la firma del girante; vedi schema a pag 413 girata in bianco: con tale girata viene apposta solo la firma sul retro del titolo, perciò la cambiale diviene un titolo al portatore. le girate improprie che hanno l effetto di trasferire il possesso della cambiale conservandone la proprietà: girata per l incasso con la quale il girante affida a una banca l incarico di provvedere per conto suo alla riscossione della cambiale. In questo caso si trova scritto per me pagate alla banca X valuta per l incasso 15

16 L avallo della cambiale E una garanzia di pagamento che viene scritta sulla cambiale da parte di una persona detta avallante; E un obbligazione cambiaria di garanzia che rende l effetto più sicuro e né facilita la circolazione; Si realizza scrivendo sulla faccia anteriore della cambiale l espressione per avallo, seguita dalla firma di chi garantisce il pagamento; vedi schema a pag 415 L avallante è obbligato nello stesso modo di colui per il quale l avallo è stato dato. Pertanto, il possessore della cambiale può rivolgersi indifferentemente all avallante o all avallato per esigere il pagamento. Fermo restante che l avallante può sempre esigere e quindi far causa per ottenere i soldi sborsati per l avallo dato. 16

17 Il mancato pagamento delle cambiali e le azioni cambiarie Normalmente il pagamento della cambiale avviene: 1) Il creditore provvede a domiciliare la cambiale presso il luogo stabilito dalle parti, normalmente presso la banca domiciliataria indicata dal debitore al momento della compilazione. 2) La banca provvede a recapitare presso il domicilio del debitore l avviso della cambiale in scadenza; 3) Il debitore il giorno della scadenza si reca presso la banca e ritira l effetto pagando la cifra e ricevendo l effetto quietanzato. La quietanza è la scritta attestante che il pagamento è stato eseguito, libera pertanto il debitore da ogni obbligo. Cosa succede se il debitore non paga? si procede con l azione cambiaria 17

18 Normalmente il mancato pagamento di un credito ordinario, costringe il creditore a far causa al debitore è aspettare tutto l iter fino alla sentenza di condanna emessa dal tribunale e passata in giudicato. Questo presuppone tanto tempo (mediamente oggi si parla di 1 anno e mezzo/2 anni) e costi ingenti. Quando si parla di titoli di credito, tutto cambia, questi infatti sono titoli esecutivi e valgono come una sentenza già passata in giudicato. Si procede prima al protesto poi direttamente all azione esecutiva con il pignoramento prima e la vendita poi dei beni del debitore al fine di recuperare la somma a credito non pagata. Il protesto, è la solenne constatazione, effettuata da un pubblico ufficiale, del mancato pagamento della cambiale o più in generale di un titolo di credito. 18

19 Il protesto dev essere levato entro entro due giorni feriali successivi a quello di scadenza. Può essere levato: da un notaio; Alcune precisazioni: dall ufficiale giudiziario o dall assistente; nei piccoli comuni, dal segretario comunale che può avvalersi di un messo comunale; Il pubblico ufficiale che leva il protesto segue questo iter: si reca presso la sede del debitore (solitamente lo chiama telefonicamente e lo avvisa del protesto imminente) questo può decidere di pagare così da annullare il procedimento oppure desistere così viene compilato l atto di protesto. L atto di protesto è un foglio che viene attaccato alla cambiale, sul quale il pubblico ufficiale indica: il debitore (le sue generalità) sue eventuali dichiarazioni (es. pagherò in seguito) l eventuale assenza dello stesso presso il domicilio indicato sull effetto dichiara di aver levato il protesto per non aver incassato la somma. 19

20 La pubblicità dei protesti avviene: Mediante il registro informatico dei protesti tenuto dalla camera di commercio di ogni provincia; Il registro informatico dei protesti funziona in moda da assicurare: completezza; organicità; tempestività dell informazione su tutto il territorio nazionale. E accessibile a tutti coloro che intendono consultarlo, (mediante richiesta di visura ); la registrazione in esso resta per 5 anni; Il debitore entro 12 mesi dalla levata del protesto, può eseguire il pagamento del debito, degli interessi, e delle spese e ha diritto alla cancellazione dal registro, mediante domanda al presidente della CCIAA e allegando la cambiale pagata ; Il debitore dopo i 12 mesi dalla levata del protesto, può eseguire il pagamento del debito, degli interessi, e delle spese e ha diritto alla annotazione dell avvenuto pagamento sul registro ma non la cancellazione; 20

21 L azione cambiaria: Il possessore di una cambiale non pagata alla scadenza può scegliere due stradi possibili: l azione diretta: che viene rivolta contro gli obbligati principali: l emittente nel pagherò e il trattario-accettante nella tratta oppure contro avallante diretto di questi; l azione di regresso: viene rivolta contro gli obbligati di regresso che sono i giranti nel caso del pagherò e il traente e il girante nel caso della tratta. Può essere rivolta contro gli eventuali avallanti del traente o dei giranti. Il creditore può rivolgersi a uno qualunque dei giranti che appaino sulla cambiale scegliendo chi gli da più affidamento per una rapida riscossione. E necessario aver levato il protesto prima di intraprendere l azione di regresso poiché gli obbligati di regresso vorranno accertarsi che la cambiale non sia stata effettivamente pagata dagli obbligati principali. Su semplice richiesta del rimborso del debito se questi non provvedono, viene attivata immediatamente l azione esecutiva sul loro patrimonio. 21

22 I titoli di credito bancari Sono costituiti dagli assegni, la circolazione di questi è fiduciaria, perché sono accolti in pagamento solo per la fiducia che chi li riceve ripone in chi li emette. L assegno bancario è un titolo di credito a vista, mediante il quale un soggetto (traente), che ha somme disponibili presso una banca, ordina alla banca stessa (trattario) di pagare una certa somma a favore proprio o di un altra persona (beneficiario). compaiono perciò tre soggetti: Il traente, che è colui che emette l assegno e ordina alla banca di effettuare il pagamento; il trattario che è rappresentato dalla banca che deve effettuare il pagamento; il beneficiario, che è la persona a favore della quale l assegno è stato rilasciato. Il beneficiario può anche coincidere con il traente; 22

23 per emettere un assegno è necessario: aprire un rapporto di conto corrente con una banca; stipulare con questa un convenzione di assegno; versare sul conto una certa cifra che potrà poi essere utilizzata per i pagamenti con assegno oppure ottenere un prestito dalla banca che lascerà a disposizione sul conto corrente; contenuto degli assegni bancari: la denominazione di assegno bancario inserita nel contesto del titolo ed espressa nella lingua in cui esso è redatto; l ordine incondizionato di pagare una somma determinata (viene espressa sia in cifre sia in lettere); il nome della banca che paga (trattario); 23

24 l indicazione del luogo di pagamento, coincide con il nome del luogo in cui si trova la filiale della banca trattaria; l indicazione della data e del luogo dove l assegno è emesso; la data e il luogo di emissione sono importantissimi perché è possibile protestare un assegno se e solo se è stato presentato all incasso entro i termini: 8 gg su piazza; 15 gg fuori piazza. la sottoscrizione di colui che emette l assegno bancario cioè del trattario (la firma sempre verificata dalla banca trattaria e deve coincidere con quella depositata al momento dell apertura del conto); l indicazione della clausola non trasferibile obbligatoria per gli assegni superiori a euro 24

25 il carnet è il blocco di 10 assegni consegnati dalla banca al cliente esso è composto da due parti: madre che è il talloncino che rimane unito al libretto e serve come promemoria dell assegno emesso; figlia che è l assegno vero e proprio cioè il titolo di credito con il quale viene impartito alla banca l ordine incondizionato di pagare a vista. su ogni assegno bancario si trovano: il numero del c/c bancario sul quale è tratto l assegno; il numero progressivo dell assegno; una riga nella quale sono impressi con inchiostro speciale le coordinate bancarie dell assegno per poter essere letto da specifiche apparecchiature di lettura ottica. 25

26 norme particolari per gli assegni Norme antiriciclaggio: clausola non trasferibile, una norma recente, obbliga la banca a rilasciare tutti i carnet degli assegni con la scritta non trasferibile, a meno di una specifica richiesta del cliente; gli assegni possono essere rilasciati liberi se: ne fa richiesta il cliente; viene pagata l imposta di bollo di euro1,50 per ogni assegno; non possono comunque essere emessi assegni superiori a euro senza la clausola non trasferibile. 26

27 la sbarratura dell assegno si effettua tracciando due righe trasversali parallele sulla faccia anteriore dell assegno. Si tratta di una precauzione, che vincola il pagamento dell assegno solo ad un altro correntista o ad un altra banca. Può essere: generale: si tracciano solo le due sbarre trasversali; speciale: oltre le sbarre all interno di queste si scrive il nome della banca tramite la quale si vuole che l assegno venga negoziato perciò in questo caso l assegno può essere pagato solo tramite quella banca. 27

28 IL MANCATO PAGAMENTO DELL ASSEGNO Normalmente il pagamento dell assegno si realizza: mediante la presentazione dello stesso presso la banca trattaria la quale verifica la firma posta sull assegno dal traente, controlla l esistenza dei fondi disponibili e provvede a pagare l assegno; mediante la presentazione dello stesso presso altra banca con la quale il beneficiario intrattiene rapporti di c/c e deposita l assegno sul proprio conto. La banca provvede: mediante messaggio elettronico richiedere i fondi alla banca trattaria, questa da l ok se i fondi sono disponibili, blocca la transazione se non ci sono fondi sufficienti. m e d i a n t e t r a n s a z i o n e n e l l a s t a n z a d i compensazione se l assegno è di importo superiore a 5500 euro. 28

29 Quando non ci sono fondi disponibili sul conto: poiché l assegno è un titolo di credito esecutivo, dopo la solenne constatazione del mancato pagamento (protesto) il possessore può esercitare l azione di regresso contro il traente e/o contro gli eventuali giranti. l azione di regresso viene esercitata per recuperare coattivamente il credito e si svolge come per le cambiali in tre fasi: il precetto; il pignoramento dei beni; la loro vendita giudiziale. l azione di regresso può essere esercitata se è stato elevato il protesto, questo avviene in modo automatico per il tramite di un notaio o direttamente tramite un funzionario della banca d Italia a condizione: che l assegno sia stato presentato all incasso entro 8 giorni dalla data di emissione se su piazza; che l assegno sia stato presentato all incasso entro 15 giorni dalla data di emissione se fuori piazza; 29

30 Sanzioni accessorie rispetto all azione di regresso per l emissione di assegno a vuoto: pene pecuniarie di importo variabile a seconda dell importo dell assegno a vuoto; sanzioni amministrative accessorie (iscrizione al CAI centrale allarme interbancaria): divieto di emettere assegni per un periodo da due a cinque anni; nei casi più gravi: divieto di esercitare attività professionali o imprenditoriali e di assumere ruoli direttivi negli enti e nelle imprese. 30

31 l assegno circolare E un titolo di credito a vista mediante il quale una banca (emittente) prometti di pagare una determinata somma all ordine di una persona indicata (beneficiario) Nell assegno circolare compaiono due soggetti: L emittente, che è rappresentato dalla banca che si impegna a effettuare il pagamento; IL beneficiario, che è la persona a cui verrà consegnato o inviato l assegno e che lo presenterà in banca per la riscossione o lo girerà a un altra persona. L assegno circolare non può essere emesso al portatore come per gli assegni bancari. 31

32 RICHIEDENTE invia l assegno al versa il denaro consegna l assegno BENEFICIARIO Banca emittente promette di pagare presenta l assegno per il pagamento Per poter ottenere un assegno circolare è necessario: rivolgersi a una banca; compilare un apposito modulo di richiesta; depositare preventivamente presso la banca la provvista ovvero chiedere alla banca un apertura di credito. 32

33 L emissione degli assegni circolari richiede l esistenza di tre presupposti: la qualifica di banca del soggetto emittente; il possesso da parte di tale banca dell autorizzazione della Banca d Italia; la precostituzione della provvista. Ogni assegno circolare deve contenere: vedi riquadro a pag 428 l indicazione del beneficiario; la denominazione di assegno circolare inserita nel contesto del titolo; la promessa incondizionata di pagare a vista una somma determinata; l indicazione del beneficiario; l indicazione della data e del luogo di emissione; la firma della banca emittente 33

34 l importo scritto in cifre e in lettere; un quadro di controllo a cifre da annullare o perforare: solitamente vengono perforate alcune cifre nell importo a numeri tali da rendere difficile l alterazione dell importo; utilizzo di carta speciale per assegni circolari fino ad un certa cifra altra carta per altra cifra e così via e su tale carta viene solitamente inserito l importo massimo di emissione di quell assegno; le norme relative alla girata, e alla emissione con la clausola non trasferibile sono uguali a quelle già viste per gli assegni bancari. 34

35 La moneta elettronica Negli ultimi anni la moneta elettronica ha trovato una diffusione via via crescente. Carte di debito, sono quelle che consentono di regolare i propri acquisti con l ausilio di una tesserina, immediatamente con registrazione a debito del proprio c/c bancario, evitando così i contanti. Ricordiamo le principali: Bancomat: presuppone un rapporto di conto corrente con la banca emittente e con l ausilio di una tesserina dotata di banda magnetica o di microcip, permette principalmente: il prelievo di contanti dalla propria banca; il pagamento per l acquisto di merci dai servizi pos (point of sale); in tutti i casi l addebito per i pagamenti o per i prelievi è immediato. 35

36 PagoBancomat: presuppone anche questo un rapporto di conto corrente con la banca emittente, questo a differenza del bancomat, permette oltre la funzione tipica del bancomat visti sopra, l addebito di piccoli importi come la carta di credito, addebito cioè entro il mese successivo senza commissioni su ogni acquisto ma un unica commissione ogni anno di 30/40 euro. Cirrus: permette il prelievo di contanti da tutto il mondo negli impianti contrassegnati con tale parola. EDC/Maestro: permette il pagamento sui POS di tutto il mondo contrassegnati con tale parola. Fast pay: il pagamento dei pedaggi autostradali nei caselli abilitati. 36

37 Carte di credito, la loro funzione principale è quella di: - permettere gli acquisti a credito, consentono cioè di rimandare il pagamento dei beni acquistati nel mese successivo a quello dell acquisto, e per alcune di esse è prevista anche la possibilità, su richiesta, di pagare a rate. Sono autosufficienti, non presuppongono cioè necessariamente il rapporto di conto corrente tra l ente emittente e il possessore della carta. Il titolare della carta riceve ogni mese l estratto conto dettagliato delle spese effettuate durante il mese precedente. - il costo dell operazione grava sui fornitori di beni o di servizi acquistati ciò avviene mediante la presentazione alla banca convenzionata della ricevuta controfirmata dal possessore della carta di credito. Tale ricevuta certifica e autorizza la transazione non la carta, quando viene consegnata in banca questa provvede subito a consegnare la cifra indicata nella transazione trattenendo una % che va dall 1,50% al 6%. 37

38 Le diverse tipologie di carte: 1) Le carte di credito bancarie attestano l esistenza di un fido concesso da una banca e assicurano la solvibilità dei loro titolari nei confronti degli esercizi pubblici convenzionati che accettano tali carte. Tra le più importanti ricordiamo: bankamericard; cartasi, a questa sono collegate i circuiti: Visa; Eurocard; MasterCard; 2) Le carte di credito T&E (Travel & Entertainment), rilasciate da apposite organizzazioni parabancarie queste carte consentono ai loro possessori una possibilità di spesa molto più elevata rispetto alle carte di credito bancarie prevedono un quota annua associativa, tre le più importanti ricordiamo: Diners Club International; American Express 38

39 3) Le carte di credito prepagate: vengono rilasciate dalle banche e dagli uffici postali, si tratta di tessere che sono caricate con un importo, e man mano che vengono utilizzate l importo si riduce fino all azzeramento. Possono essere di due tipi: usa & getta sono utilizzate fino all esaurimento, sono al portatore perciò in caso di furto non possono essere bloccate; ricaricabili queste possono essere ricaricate in qualunque momento entro il limite massimo sono nominative perciò in caso di furto possono essere tranquillamente bloccate e rimborsate per l importo residuo. 39

40 v 40

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI

ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI 1 Scelta multipla Indica con una crocetta la risposta esatta. a) È u strumento di pagamento a iniziativa del venditore: 1. il rilascio di un asseg bancario

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO. Anno scolastico 2014-15

GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO. Anno scolastico 2014-15 GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO Anno scolastico 2014-15 1 SOMMARIO LA MONETA BANCARIA LE CARTE DI PAGAMENTO LA CARTA DI CREDITO LA CARTA DI DEBITO LE CARTE PREPAGATE I PAGAMENTI SEPA L ASSEGNO 2 STRUMENTI ALTERNATIVI

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI Pagina 1 di 29 UTILIZZO DELLO SCADENZARIO Di seguito vengono indicate le operazioni preliminari necessarie per poter gestire lo Scadenzario, e alcuni esempi di utilizzo. OPERAZIONI PRELIMINARI impostare

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati 24.01.2012 Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio Varie Il comma 1 dell'articolo 12 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 ha previsto

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

verifiche di ingresso

verifiche di ingresso 114 PARTE TERZA erifiche di ingresso ed esercizi riepilogativi ERIICHE DI INGRESSO NOTA BENE: 1 2 3 Il diverso grado di difficoltà degli esercizi è così contrassegnato: livello di difficoltà basso livello

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di anticipo Sconto commerciale

Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di anticipo Sconto commerciale Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di dilazione Interesse Montante 21.900,00 4,25% 18 giorni (anno civile) 5% 8 mesi 6.250,00. 4,20% 3 anni e 1/2. 66.984,80 292.000,00 dal 4/05

Dettagli

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria Stampa Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria admin in A circa sei anni dalla introduzione della nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali (d.lgs n. 507 del 30

Dettagli

"CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO

CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO "CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO tra le voci della "scheda standard" del c/c a pacchetto presente su www.comparaconti.it e le voci adottate dalla banca www.comparaconti.it Descrizione del

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 5. Emanuela Giachin INDIVIDUAZIONE

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 5. Emanuela Giachin INDIVIDUAZIONE Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 5 Strumenti di pagamento a confronto Risultati attesi Sapere: gli aspetti giuridici e formali dei principali strumenti. Emanuela Giachin Contenuti

Dettagli

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Pagina 1 di 7 Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di investimento e di pagamento I servizi di investimento Prodotti che soddisfano le esigenze di investimento della clientela Raccolta diretta (raccolta

Dettagli

Gli strumenti di pagamento e la MONETA BANCARIA. Prof. Carlo Aprile ITS Deledda - Lecce

Gli strumenti di pagamento e la MONETA BANCARIA. Prof. Carlo Aprile ITS Deledda - Lecce Gli strumenti di pagamento e la MONETA BANCARIA Prof. Carlo Aprile ITS Deledda - Lecce Il concetto di pagamento Il pagamento è l atto mediante il quale il compratore si libera dell obbligazione derivante

Dettagli

2 LEZIONE TIPI DI MONETA

2 LEZIONE TIPI DI MONETA LA MONETA SVOLGE LE SEGUENTI FUNZIONI 1. MEZZO GENERALE DELLO SCAMBIO 2. UNITÀ DI CONTO 3. MEZZO LEGALE DI PAGAMENTO 4. RISERVA DI VALORE La moneta consente agevolmente il trasferimento delle merci tra

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE ORDINARIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE ORDINARIO FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE ORDINARIO Questo conto é particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire,

Dettagli

Assegni: quando l emissione diventa illecito

Assegni: quando l emissione diventa illecito Prefettura di Lecce Assegni: quando l emissione diventa illecito Breve vademecum al corretto uso degli assegni INDICE Introduzione pag. 3 Crisi economica e contrazione del credito: la stretta in cui si

Dettagli

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO Versione n. 2 di Giugno 2005 TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA Versione n. 2 di Giugno 2005 PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO 2 1 Descrizione

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura PERUGIA ASSEGNI POSTALI PROTESTATI: NOTE INFORMATIVE Nel caso venga emesso un assegno postale senza la necessaria copertura finanziaria nel conto

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore.

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore. DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO GIUSEPPE TONIOLO Via Sebastiano Silvestri n.113 - cap 00045 - Genzano di Roma (RM) Capitale e riserve al 31/12/2013-34.368.294

Dettagli

Incontro con le classi seconde Istituto Professionale Mazzini - Da Vinci Savona

Incontro con le classi seconde Istituto Professionale Mazzini - Da Vinci Savona Incontro con le classi seconde Istituto Professionale Mazzini - Da Vinci Savona Banca d Italia d di Genova, 21 dicembre 2012 Maria Teresa D Annunzio Sede di Genova Nucleo per le attività di vigilanza Di

Dettagli

CONTRATTO DI CONTO CORRENTE E CARTE DI PAGAMENTO: CONDIZIONI GENERALI

CONTRATTO DI CONTO CORRENTE E CARTE DI PAGAMENTO: CONDIZIONI GENERALI CONTRATTO DI CONTO CORRENTE E CARTE DI PAGAMENTO: CONDIZIONI GENERALI Edizione 04/2011 INDICE Sezione I - I principi che guidano il nostro rapporto Principio 1 - Come sono regolati i rapporti tra il cliente

Dettagli

MODULO 2 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITA 1

MODULO 2 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITA 1 Modulo 2 unità 1 erifica guidata di fine unità pag. 1 di 5 MODULO 2 ERIICA GUIDATA DI INE UNITA 1 Gli strumenti elettronici di regolamento 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. L utilizzo di

Dettagli

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi DFA Studio Legale Associato In materia di «titoli di credito» possiamo considerare due macro aree: Paesi di Common

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Conversano società cooperativa Via Mazzini, 52-70014 Conversano (BA) Tel.: 0804093111 - Fax: 0804952233 Email: direzione@bccconversanoweb.it Sito

Dettagli

avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza

avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Il Protesto della cambiale e dell'assegno avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata / Partial or total reproduction

Dettagli

Versione n. 3 Ottobre 2008

Versione n. 3 Ottobre 2008 Versione n. 3 Ottobre 2008 PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA Versione n. 3 Ottobre 2008 1 Descrizione

Dettagli

Il deposito a risparmio è un prodotto sicuro, ma presenta alcuni rischi, tra i principali vanno tenuti presenti:

Il deposito a risparmio è un prodotto sicuro, ma presenta alcuni rischi, tra i principali vanno tenuti presenti: DEPOSITO A RISPARMIO Foglio informativo in ottemperanza alle disposizioni di cui alla delibera CICR del 4 marzo 2003 e alle successive Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia del 15 luglio 2015 INFORMAZIONI

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO

DEPOSITO A RISPARMIO 1 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel. 0883/683620

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

Con il contratto di Carta di debito il cliente intestatario di un conto corrente può chiedere alla banca l attivazione dei seguenti servizi.

Con il contratto di Carta di debito il cliente intestatario di un conto corrente può chiedere alla banca l attivazione dei seguenti servizi. INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Società Cooperativa Sede Legale ERCHIE (BR) Via Roma, 89 CAP 72020 Tel: 0831/767067 Fax: 0831/767591 Email: info.08537@bccerchie.it

Dettagli

indica le spese che il cliente è comunque tenuto a sostenere, Spese fisse di gestione

indica le spese che il cliente è comunque tenuto a sostenere, Spese fisse di gestione OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE DELLA LIQUIDITA' PER I SERVIZI DI GESTIONE DELLA LIQUIDITA' E PER DISPORRE DELL'INFORMAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI FLUSSI MONETARI MOVIMENTATI indica le spese che il cliente

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 6 ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

Dettagli

Modulo 1: Introduzione alla Banca

Modulo 1: Introduzione alla Banca Modulo 1: Introduzione alla Banca dott. Claudio Rossi L attività bancaria La legge 12 marzo 1936 n. 375 (Legge Bancaria) detta disposizioni su la raccolta del risparmio fra il pubblico sotto ogni forma

Dettagli

CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE

CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE scheda prodotto CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE aggiornato al 30.08.2013 FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE INFORMAZIONI

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA L azienda può finanziare lo svolgimento della propria attività produttiva mediante: a) CAPITALE PROPRIO: si tratta di mezzi finanziari apportati dal proprietario o dai soci;

Dettagli

Con il contratto di Carta di debito il cliente intestatario di un conto corrente può chiedere alla banca l attivazione dei seguenti servizi.

Con il contratto di Carta di debito il cliente intestatario di un conto corrente può chiedere alla banca l attivazione dei seguenti servizi. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca dei Colli Euganei Credito Cooperativo Lozzo Atestino Società Cooperativa. Sede legale e amministrativa: Piazza Dalle Fratte, 1-35034 - Lozzo Atestino (PD). Tel.: 0429 646

Dettagli

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Sezione I - Informazioni

Dettagli

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Roma Società Cooperativa fondata nel 1954 Sede Legale, Presidenza e Direzione Generale in Via Sardegna, 129-00187 Roma Tel. 06 5286.1 - Fax 06 5286.3305

Dettagli

PATTI CHIARI data aggiornamento 01/09/2014 TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTI CHIARI data aggiornamento 01/09/2014 TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA 2 OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE DELLA LIQUIDITA' 2.1 Spese fisse di gestione 2.1.1 Spese di invio estratto conto 2.1.2 Spese di liquidazione - Estratto Conto Movimenti (con periodicità minima annuale)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE CONVENZIONE DIPENDENTI COMUNE DI SAN RUFO COMUNE DI SALA CONSILINA

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE CONVENZIONE DIPENDENTI COMUNE DI SAN RUFO COMUNE DI SALA CONSILINA FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE CONVENZIONE DIPENDENTI COMUNE DI SAN RUFO COMUNE DI SALA CONSILINA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA Sede

Dettagli

PATTI CHIARI - "SERVIZIO BANCARIO DI BASE" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTI CHIARI - SERVIZIO BANCARIO DI BASE TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA PATTI CHIARI - "SERVIZIO BANCARIO DI BASE" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA AGGIORNAMENTO A MARZO 2007 1 2 OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE

Dettagli

PATTI CHIARI - "SERVIZIO BANCARIO DI BASE" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTI CHIARI - SERVIZIO BANCARIO DI BASE TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA PATTI CHIARI - "SERVIZIO BANCARIO DI BASE" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA AGGIORNAMENTO A MARZO 2007 1 2 OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Conversano società cooperativa Via Mazzini, 52-70014 Conversano (BA) Tel.: 0804093111 - Fax: 0804952233 Email:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al CONTO CORRENTE CONTO SEPARATO INTERMEDIARI ASSICURATIVI

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al CONTO CORRENTE CONTO SEPARATO INTERMEDIARI ASSICURATIVI Versione 1 FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE CONTO SEPARATO INTERMEDIARI ASSICURATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Padana B.C.C. Società Cooperativa Via Garibaldi, 25 25024 Leno (BS) Tel.:

Dettagli

Scopri il Conto di base

Scopri il Conto di base Un conto con spese molto contenute per tutti, senza canone né imposta di bollo per chi oggi è in difficoltà economiche e a canone zero o ridotto per i pensionati. LOGO BANCA Il Conto di base 6 Il Conto

Dettagli

SERVIZIO INCASSI E PAGAMENTI

SERVIZIO INCASSI E PAGAMENTI 10 FOGLIO INFORMATIVO AGGIORNATO AL 05.07.2010 SERVIZIO INCASSI E PAGAMENTI DATI INFORMATIVI DELLA BANCA DENOMINAZIONE Cassa Rurale di Tassullo e Nanno BCC - Società Cooperativa INDIRIZZO Piazza C.A. Pilati,

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO LIBERI

DEPOSITI A RISPARMIO LIBERI Data release 22/05/2015 N release 0024 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede legale: P.za Ferrari 15-47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

10. Se in un negozio mi chiedono carta o bancomat cosa devo rispondere?

10. Se in un negozio mi chiedono carta o bancomat cosa devo rispondere? INDICE 1. Qual è la differenza tra una normale carta prepagata e Genius Card? 2. Cosa significa che Genius Card è nominativa? 3. Che cos è il codice IBAN? 4. Il codice IBAN di Genius Card è diverso da

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso)

FOGLIO INFORMATIVO. SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso) SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso) (trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari D.lgs.1/9/93 n.385 Delibera CICR 4/3/03 INFORMAZIONI SULLA BANCA:

Dettagli

CONTO BUSINESS INSIEME R.ETE. IMPRESE ITALIA

CONTO BUSINESS INSIEME R.ETE. IMPRESE ITALIA ALLEGATO 1 - SCHEDA PRODOTTO CONTO CORRENTE BUSINESS INSIEME CONDIZIONI DI C/C Tasso creditore nominale annuo (al lordo della ritenuta fiscale pro tempore vigente) Da concordare in filiale Canone mensile

Dettagli

LIBRETTI NOMINATIVI LIBRETTI AL PORTATORE FOGLIO INFORMATIVO DR NOMINATIVO VINCOLATO INFORMAZIONI SULLA BANCA

LIBRETTI NOMINATIVI LIBRETTI AL PORTATORE FOGLIO INFORMATIVO DR NOMINATIVO VINCOLATO INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale ed Artigiana Banca di Credito Cooperativo di FISCIANO Soc. Coop. a.r.l. Sede legale in Fisciano (SA), fraz. Lancusi, 84080 Corso san Giovanni Tel.: +39 089/9971000

Dettagli

Roma, 06/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi

Roma, 06/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Roma, 06/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La limitazione alla circolazione del contante Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

Capitolo 1 - USI BANCARI Sommario

Capitolo 1 - USI BANCARI Sommario Capitolo 1 - USI BANCARI Sommario Operazioni di credito documentario (Articoli 1527, 1530 cod. civ.) Art. 1 Pagamento del prezzo nella vendita contro documenti (Articolo 1528 cod. civ.) 2 Pagamento diretto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE Qualora il titolare sia un consumatore, si avverte che questo conto è particolarmente adatto a chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

Guida ai servizi www.popvi.it

Guida ai servizi www.popvi.it istruzioni ok 16-03-2000 12:56 Pagina 1 Guida ai servizi www.popvi.it istruzioni ok 16-03-2000 12:56 Pagina 2 LA TUA BANCA AL TELEFONO Gentile Cliente, la ringraziamo per aver scelto di aderire a Prontotime,

Dettagli

CONTO CORRENTE PER LE IMPRESE E PER I PROFESSIONISTI

CONTO CORRENTE PER LE IMPRESE E PER I PROFESSIONISTI FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE PER LE IMPRESE E PER I PROFESSIONISTI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Sistema S.p.A. Sede legale e amministrativa Corso Monforte, 20-20122 Milano Telefono +39 02 802801

Dettagli

PATTI CHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTI CHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA PATTI CHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA inserire il logo della banca 1 Descrizione del Conto 2 OPERATIVITA'

Dettagli

PATTI CHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTI CHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA PATTI CHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA 1 Descrizione del Conto 2 OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO VINCOLATI

DEPOSITI A RISPARMIO VINCOLATI Data release 04/03/2015 N release 0028 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede legale: P.za Ferrari 15-47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Deposito a Risparmio Dedicato ai Minori Nominativo vincolato alla maggiore età. Da 14 a 18 anni. Da 12 a 14 anni. Vincolo: Riservato ai minori

Deposito a Risparmio Dedicato ai Minori Nominativo vincolato alla maggiore età. Da 14 a 18 anni. Da 12 a 14 anni. Vincolo: Riservato ai minori Foglio Informativo n 78 Versione 1/16 Baby Young Teenager Deposito a Risparmio Dedicato ai Minori Nominativo vincolato alla maggiore età Da 0 a 12 anni Da 12 a 14 anni Da 14 a 18 anni Vincolo: Riservato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Conto Corrente offerto ai consumatori

FOGLIO INFORMATIVO. Conto Corrente offerto ai consumatori FOGLIO INFORMATIVO Conto Corrente offerto ai consumatori Conto Corrente a Consumo Non residenti Euro Questo conto è particolarmente adatto per chi, al momento dell apertura del conto, pensa di svolgere

Dettagli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE Prof. Pietro Samarelli La cessione di credito E l istituto giuridico mediante il quale il creditore originario viene sostituito da un altro soggetto,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Conto Corrente offerto ai consumatori

FOGLIO INFORMATIVO. Conto Corrente offerto ai consumatori FOGLIO INFORMATIVO Conto Corrente offerto ai consumatori Conto Corrente a pacchetto Scuola - BL 969 - Dedicato a: Giovani - Famiglie con operatività bassa, media e alto - Pensionati con operatività bassa

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Foglio Informativo N.31 CONTO CORRENTE IN DIVISA ESTERA O EURO DI CONTO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio Informativo N.31 CONTO CORRENTE IN DIVISA ESTERA O EURO DI CONTO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Foglio Informativo N.31 CONTO CORRENTE IN DIVISA ESTERA O EURO DI CONTO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale ed Artigiana Banca di Credito Cooperativo di Battipaglia e Montecorvino Rovella soc.

Dettagli

CARTE DI CREDITO CORPORATE

CARTE DI CREDITO CORPORATE CARTE DI CREDITO CORPORATE FOGLIO INFORMATIVO Ai sensi del Provvedimento della Banca d Italia del 15 febbraio 2010 e successivi aggiornamenti di recepimento della Direttiva sui servizi di pagamento e delle

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE TIPICHE DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE BREVITA' FUORI PIAZZA

FOGLIO INFORMATIVO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE TIPICHE DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE BREVITA' FUORI PIAZZA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. in Amministrazione Straordinaria Via Caltana n. 7-35011 Campodarsego (Padova) Tel.: +39 049 9290111 Fax: +39 049 9290340 Email: info@bancapadovana.it

Dettagli

VACANZE ALL ESTERO: COME PAGARE COSTI E COMMISSIONI PER USARE LE CARTE FUORI UEM

VACANZE ALL ESTERO: COME PAGARE COSTI E COMMISSIONI PER USARE LE CARTE FUORI UEM VACANZE ALL ESTERO: COME PAGARE COSTI E COMMISSIONI PER USARE LE CARTE FUORI UEM Vacanze. Prima della partenza si sa ci si deve dedicare all organizzazione; tra le altre cose bisogna pensare anche a come

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Gestione Incassi S.B.F. (Salvo Buon Fine) e D.I. (Dopo Incasso)

FOGLIO INFORMATIVO. Gestione Incassi S.B.F. (Salvo Buon Fine) e D.I. (Dopo Incasso) FOGLIO INFORMATIVO Gestione Incassi S.B.F. (Salvo Buon Fine) e D.I. (Dopo Incasso) INFORMAZIONI SULLA BANCA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Soc. Coop. p. a. Piazza Matteotti, 23-4138 San Felice sul Panaro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N 1 DEPOSITO AL RISPARMIO

FOGLIO INFORMATIVO N 1 DEPOSITO AL RISPARMIO FOGLIO INFORMATIVO N 1 relativo al DEPOSITO AL RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Buonabitacolo Soc. Coop. Sede legale in Buonabitacolo, via S.Francesco Tel.: 0975 91541/2

Dettagli

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE E AVALLO PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 L'ACCETTAZIONE

Dettagli

PATTI CHIARI - "SERVIZIO BANCARIO DI BASE" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTI CHIARI - SERVIZIO BANCARIO DI BASE TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA 2 OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE DELLA LIQUIDITA' PER I SERVIZI DI GESTIONE DELLA LIQUIDITA' E PER DISPORRE DELL'INFORMAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI FLUSSI MONETARI MOVIMENTATI 2.1 Spese fisse di gestione

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale: Via Alessandro Manzoni, 12/14 20121 MILANO

Dettagli

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

Foglio informativo relativo ai servizi accessori offerti con il Conto Credit Suisse e il Conto Custody

Foglio informativo relativo ai servizi accessori offerti con il Conto Credit Suisse e il Conto Custody Foglio Informativo n 1 valido dal 1 Ottobre 2015 Pagina 1/7 Foglio informativo relativo ai servizi accessori offerti con il Conto Credit Suisse e il Conto Custody Informazioni sulla Banca Credit Suisse

Dettagli

Nome e Cognome Qualifica N. iscrizione Albo

Nome e Cognome Qualifica N. iscrizione Albo INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA LEONARDO S.p.A. Sede legale a 20121-Milano, Via Broletto n. 46 Telefono n. 02/722061- e-mail privatebanking@bancaleonardo.com Sito internet www.bancaleonardo.com Iscritta

Dettagli

PATTICHIARI - "SERVIZIO BANCARIO DI BASE" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTICHIARI - SERVIZIO BANCARIO DI BASE TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA PATTICHIARI - "SERVIZIO BANCARIO DI BASE" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA 1 2 OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE DELLA LIQUIDITA' PER I

Dettagli

CONTRATTO DI CONTO TASCABILE E SERVIZI DI PAGAMENTO: CONDIZIONI GENERALI

CONTRATTO DI CONTO TASCABILE E SERVIZI DI PAGAMENTO: CONDIZIONI GENERALI CONTRATTO DI CONTO TASCABILE E SERVIZI DI PAGAMENTO: CONDIZIONI GENERALI Edizione 04/2011 INDICE Sezione I - I principi che guidano il nostro rapporto Principio 1 - Come sono regolati i rapporti tra il

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo Società Cooperativa a responsabilità limitata fondata nel 1918

Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo Società Cooperativa a responsabilità limitata fondata nel 1918 FOGLIO INFORMATIVO CARTA DI DEBITO ABI800 "UNIVERSITARI" INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo Società Cooperativa a responsabilità limitata fondata nel 1918 Sede

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

PATTICHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA PATTICHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA 1 Descrizione del Conto 2 OPERATIVITA' CORRENTE E GESTIONE

Dettagli

PATTICHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA PATTICHIARI - "CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA "SCHEDA STANDARD" PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA 1 Descrizione del Prodotto 2 Operatività corrente e gestione

Dettagli

INTEGRATA E WHITE LABEL

INTEGRATA E WHITE LABEL FAQ INTEGRATA E WHITE LABEL I dubbi relativi all emissione della polizza Quando si può acquistare una polizza di assicurazione per il viaggio? La polizza può essere acquistata contestualmente all acquisto

Dettagli

LEZIONE: TESORERIA 1/2

LEZIONE: TESORERIA 1/2 Corso Responsabile Amministrativo E. Marcelli C. Marcelli LEZIONE: TESORERIA 1/2 Tesoreria 1/2 AGENDA 1. Tenuta cassa 1.1 Prima nota cassa 1.2 Prima nota cassa esempio 1.3 Controllo cassa 2. Banca: Tipologie

Dettagli