Corso di laurea Bachelor: introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di laurea Bachelor: introduzione"

Transcript

1 Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione di base, per il conferimento dei titoli di Bachelor e di Master riconosciuti dalla Confederazione; - la formazione continua, con master di studi avanzati e corsi specifici di perfezionamento; - i progetti di ricerca applicata, sviluppo e trasferimento di tecnologie, in collaborazione con aziende, istituzioni pubbliche e private e altri enti universitari. I punti di forza della SUPSI, sin dalla sua costituzione nel 1997, sono: - lo stretto legame con il territorio di riferimento, grazie al sostegno assicurato all economia regionale, a favore delle piccole e medie imprese; - la dimensione professionale, assicurata da una formazione con forte orientamento pratico che coinvolge docenti con pluriennale esperienza professionale; - l insegnamento parallelo all attività professionale offerto, compatibilmente con le richieste, attraverso programmi di studio che possono essere frequentati anche da studenti che mantengono un occupazione attiva durante la formazione; - l internazionalità, sviluppata con accordi di collaborazione nella ricerca e con il coinvolgimento di docenti attivi oltre i confini nazionali. Il Dipartimento Tecnologie Innovative (DTI) offre quattro percorsi bachelor: Ingegneria informatica, Ingegneria elettronica, Ingegneria meccanica ed Ingegneria gestionale. Gli studenti conseguono la laurea (Bachelor) secondo le modalità previste dalla Dichiarazione di Bologna, sottoscritta nel 1999 da 29 paesi europei con l obiettivo di armonizzare i sistemi di istruzione superiore e di uniformare gli impegni didattici creando così, al termine degli studi, denominazioni comuni e internazionalmente riconosciute. Le linee guida che stanno alla base dei programmi formativi e che governano l impostazione del presente piano di studi prevedono quindi: - la concezione modulare del percorso formativo a livello bachelor (180 crediti ECTS), coerente con gli obiettivi delle SUP e conforme alle direttive nazionali e internazionali; - l implementazione dei sistemi di crediti formativi sul modello dell ECTS; - la promozione della mobilità degli studenti e dei professori con il conseguente rafforzamento della collaborazione europea a garanzia della qualità dell offerta formativa. Bachelor e master Con il diploma di bachelor viene fornita una qualifica universitaria con orientamento pratico che garantisce l accesso rapido al mondo del lavoro. Per coloro che intendono continuare gli studi, sia al termine del bachelor sia dopo aver svolto alcuni anni di attività professionale, è possibile accedere al secondo livello di studi universitari, il master, costiutito da ulteriori 90 o 120 crediti ECTS, che può essere frequentato in Svizzera o all estero. Il DTI offre il Master of Science in Engeineering (MSE) in cooperazione con le altre SUP e collabora con l università della Svizzera Italiana per il Master of Science in Informatics. Inoltre sono in vigore accordi bilaterali con altre università per l accesso ai loro master tra cui il Politecnico di Torino, l Università di Genova, il Politecnico di Milano e altri. L università d accoglienza definisce le condizioni di ammissione ai master sulla base della formazione, delle esperienze maturate e dell orientamento scelto dallo studente. Crediti formativi (ECTS) L'ECTS (European Credit Transfer System) è il sistema europeo di riconoscimento, trasferimento e accumulo di crediti formativi. Un credito ECTS corrisponde a un carico di lavoro per lo studente pari a circa 30 ore. Un anno accademico corrisponde di regola a 60 crediti ECTS (1800 ore di lavoro); 45 crediti nel caso si segua lo studio in parallelo alla professione (1350 ore di lavoro). Struttura del percorso formativo La durata degli studi è di 6 semestri nella modalità di erogazione a tempo pieno e di 8 in quella parallela alla professione (attualmente solo per i corsi di laurea in Ingegneria informatica ed Ingegneria gestionale). La durata del 1 e del 2 semestre è di 16 settimane; dal 3 semestre la durata è di 15 settimane, ad eccezione dell ultimo semestre che è di 10 settimane. A queste si aggiungono le settimane destinate alle certificazioni ed a seminari specifici nonché alla Tesi di Bachelor (ultimo semestre), che ha una durata di 8 settimane. I moduli di studio Le materie d insegnamento sono organizzate in moduli di studio. Ogni modulo è composto da uno o più corsi ed ha, di regola, la durata di 1 o 2 semestri, al termine del/i quale/i viene valutato nelle sessioni di certificazione. Flessibilità degli studi Il piano degli studi comprende da 5 a 9 moduli per semestre. Ogni modulo è composto da uno o più corsi. Le sequenzialità dei moduli è stabilita in base ai prerequisiti dei moduli susseguenti. I moduli previsti durante i primi 4 semestri (primi 6 semestri nella frequenza parallela alla professione) sono obbligatori per tutti gli studenti iscritti al corso di laurea. Durante gli ultimi 2 semestri sono previsti alcuni moduli a scelta. Diversi moduli di studio sono organizzati in comune ai 4 corsi di laurea in Ingegneria di responsabilità del DTI (informatica, elettronica, meccanica e gestionale). Ciò permette la frequenza di una parte dei moduli a studenti di corsi di laurea diversi e favorisce la formazione multidisciplinare, oltre che il raggiungimento di una massa critica nel singolo modulo. Il curricolo prevede la frequenza obbligatoria a tutte le attività previste nel piano degli studi. Nella modalità a tempo pieno le attività si svolgono tutte nelle fasce orarie diurne. In quella parallela alla professione una parte dell attività si svolge nella fascia serale. È consigliato ridurre l attività lavorativa almeno all'80% per poter dedicare tempo sufficiente allo studio individuale. Grazie alla modularizzazione è anche possibile allestire un piano semestrale personalizzato e seguire la formazione in un periodo di tempo più lungo del minimo previsto lasciando spazio p.e. a un attività professionale parallela anche nel caso della formazione diurna. Questa modalità viene definita Flexibility, è attualmente offerta nel corso di laurea di Ingegneria informatica ed é particolarmente adatta a persone con altri impegni extra-formativi (familiari, sportivi, artistici, militari, ecc.). Titolo di studio Il titolo di studio conferito a chi certifica tutti i moduli previsti dal piano degli studi e corrispondenti a 180 crediti ECTS è: - Bachelor of Science SUPSI in Ingengeria informatica - Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria elettronica - Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria meccanica - Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria gestionale Il diploma è riconosciuto a livello federale ed è un titolo protetto dalla Confederazione. Pari opportunità Le pari opportunità e la prevenzione delle discriminazioni sono un obiettivo prioritario della SUPSI, che integra la dimensione Gender nelle proprie strategie di sviluppo e nella gestione. Informazioni Per ulteriori informazioni si invita a consultare il sito della SUPSI Dipartimento tecnologie innovative, Ingegneria Informatica PAP (2014/2015), v 1.1,

2 Corso di laurea in Ingegneria informatica La professione L'ingegnere informatico abbina sufficienti conoscenze culturali e scientifiche di base ad una solida preparazione tecnica nelle tecnologie innovative ed è in grado di inserirsi rapidamente nelle aziende. Egli opera principalmente nelle fasi di progettazione, di realizzazione, di gestione e di test del software e di sistemi software, ma può anche assumere altri compiti inerenti l'informatica. Un ingegnere informatico può trovare lavoro sia in aziende che offrono soluzioni informatizzate, che producono software o che integrano soluzioni software e hardware, sia in aziende dove l informatica gioca un ruolo di supporto, cioè dove essa non costituisce l attività principale dell azienda. La formazione La scuola universitaria prepara i futuri ingegneri ad analizzare i problemi, progettare, sviluppare, adattare o integrare soluzioni software. Gli ingegneri devono imparare a individuare i bisogni dei clienti, a proporre adeguate soluzioni, a lavorare in gruppo, ad assumere ruoli di responsabilità, a gestire sistemi informatici dove è richiesto un apporto innovativo e per finire anche ad assumere funzioni di istruttore e innovatore nel settore. Il corso di laurea pone l'accento sulla conoscenza delle discipline fondamentali di sostegno a tutte le professioni ingegneristiche (come la matematica, strumento di analisi e comunicazione rigoroso), sui metodi di apprendimento delle tecniche in costante evoluzione, sull'acquisizione delle nozioni professionali secondo lo stato dell'arte, sull'abilità a risolvere problemi concreti, sulla facoltà a comunicare professionalmente sia nella lingua ufficiale della scuola, sia in una o più lingue straniere. Le attitudini Le attitudini richieste per affrontare con successo il corso di laurea possono essere così riassunte: predisposizione all'astrazione, capacità di analisi, predisposizione al lavoro metodico, disponibilità al lavoro in gruppo, tenacia necessaria ad affrontare e risolvere nuovi problemi tecnici. La probabilità di successo negli studi dipende dalla motivazione a voler apprendere la professione, dalla conoscenza degli obiettivi che con lo studio si vogliono raggiungere, dalla capacità di saper reagire di fronte a situazioni e problemi nuovi e dalla preparazione adeguata a uno studio di livello universitario tecnico. Oltre a saper fare uso del bagaglio di conoscenze acquisite nelle scuole precedenti, è necessario sapersi adattare ai ritmi di lavoro imposti dai corsi ed essere capace di affrontare situazioni e problemi nuovi. Il piano degli studi Il piano degli studi, completamente modularizzato, contiene il percorso formativo valido per gli studenti che iniziano lo studio nell anno universitario 2014/2015 e che lo concludono nei tempi previsti. In caso di prolugamento dello studio, il piano effettivo dello studente può subire delle modifiche a dipendenza dell offerta formativa. Tutte le componenti della descrizione dei moduli possono subire nel corso degli anni lievi modifiche. Ogni modifica di rilievo viene segnalata mediante modifica del numero di versione indicato come suffisso del codice del modulo. Per lo studente iscritto a un corso di laurea, il documento ha carattere ufficiale e descrive l attività svolta durante lo studio. Lo studente è invitato ad aggiornarlo attingendo alla documentazione pubblicata nell offerta formativa se si iscrive a un modulo non menzionato, oppure se si iscrive a un modulo, la cui versione non corrisponde più a quella del piano degli studi. Moduli a scelta I moduli a scelta offrono agli studenti la possibilità di profilare la propria formazione senza però mirare ad una specializzazione. Il piano di studio prevede diversi moduli a scelta per l ultimo anno di studio. I moduli a scelta vengono organizzati se viene raggiunto un numero minimo di iscritti, deciso dalla direzione. L offerta dei moduli a scelta può variare da anno in anno, vedi offerta formativa. I prerequisiti per l'ammissione La legge federale sulle SUP e la relativa ordinanza permettono l'ammissione senza esami al candidato: - in possesso di una maturità professionale e con un attestato federale di capacità in una professione affine all'indirizzo di studio scelto; - in possesso di una maturità liceale o equivalente con almeno un anno di pratica riconosciuta dalla SUPSI in un attività affine all'indirizzo di studio; - in possesso del titolo di tecnico ST o di un altra scuola superiore specializzata affine all'indirizzo di studio; - d'età superiore a 25 anni che comprova una formazione e un esperienza significativa nel campo delle materie d'interesse universitario (ammissione su dossier); - in possesso di una maturità commerciale cantonale (Scuola di commercio cantonale, Bellinzona). Per le persone sprovviste dei requisiti indicati, nel caso in cui il curricolo lo giustifichi, è prevista la possibilità di sottoporsi ad un esame d ammissione. Al corso di laurea in Ingegneria informatica SUPSI sono inoltre ammessi candidati provenienti della SSIG (in base a un regolamento speciale, pubblicato sul web). Sono riconosciuti diplomi esteri di istituti equivalenti alla Maturità professionale in una professione affine all indirizzo di studio scelto. Corsi preparatori per liceali o candidati con maturità professionale non affine all indirizzo di studio Per l ammissione di studenti che hanno conseguito la maturità liceale, la Legge Federale sulle Scuole Universitarie Professionali prevede obbligatoriamente un periodo preliminare di pratica professionale, della durata di un anno. Lo stesso vale per i candidati con maturità professionale con indirizzo non affine al corso di laurea. Il Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI, in collaborazione con la Divisione della formazione professionale del Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport (DECS), organizza un anno di formazione, riconosciuto come anno di pratica. È composto da una parte dedicata ad attività teoriche e di laboratorio e da un periodo di pratica in azienda, in un settore affine all indirizzo scelto per gli studi successivi presso la SUPSI. Il corso avrà luogo solo se raggiunto il numero minimo di iscritti. Ulteriori informazioni sono disponibili su o possono essere richieste alla segreteria del DTI. Corso preformativo Per tutti gli studenti che non sono in possesso di un adeguata competenza in matematica e fisica il DTI organizza un corso che si svolge prima dell inizio dell anno universitario. Il corso è fortemente consigliato agli studenti provvisti di una Maturità Professionale Commerciale (MPC) o che devono sostenere l esame di ammissione. Il piano di studio così come l offerta formativa sono disponibili sul sito web 2

3 Piano degli studi (PAP) Ingegneria Informatica 1 e 2 semestre Modulo M01019P Matematica di base e analisi M01030P M02052P Algebra lineare, matematica discreta e logica Fondamenti di informatica Unità didattiche Corso / Esercitazione settimanali 1 sem. 2 sem. C01024P Matematica di base 3 C01003P Analisi 1 3 E01019P Esercitazioni 1 1 C01032P Matematica discreta e logica 1 C01025P Algebra lineare E01030P Esercitazioni 1 1 C02064P Introduzione alla programmazione 4 C02065P Introduzione alla programmazione agli oggetti 4 ECTS M02030P Basi di dati e ambienti operativi M03010P M01029P Tecnica digitale e architetture di calcolo Algoritmi numerici C02007P Basi di dati C02040P Ambienti operativi E02030P Esercitazioni 1 1 C03017P C01031P Tecnica digitale e architetture di calcolo Algoritmi numerici E03010P E01029P Esercitazioni Esercitazioni

4 Piano degli studi (PAP) Ingegneria Informatica 3 e 4 semestre Modulo M01005P Analisi e algebra lineare C01009P Analisi 2 2 C01010P Algebra lineare 2 2 Unità didattiche settimanali 3 sem. 4 sem. M01026P Fisica 1 C01029P Fisica M02006P Algoritmi e strutture dati M02034P Linguaggi e programmazione 1 M01036P Metodi matematici per l'ingegnere C02008P Algoritmi e strutture dati 2 E02008P Esercitazioni 2 C02043P Linguaggi procedurali 2.5 C02044P Programmazione a oggetti 2.5 C01011P Analisi dei segnali 1 C01012P Probabilità e statistica 1 E01033P Esercitazioni 2 M01034P Fisica 2 C01038P Fisica C02045P Programmazione parallela e concorrente 3 M02056P Linguaggi e programmazione 2 6 C02046P Approfondimento linguaggi e framework 3 M02057P Ingegneria e sviluppo del software 1 Corso / Esercitazione / Laboratorio C02047P Ingegneria del software 1 1 L02036P Laboratorio di ingegneria e sviluppo del software 1 M05012P Inglese B1 C05012P Inglese B ECTS

5 Piano degli studi (PAP) Ingegneria Informatica 5 e 6 semestre Unità didattiche Modulo Corso / Esercitazione / Laboratorio settimanali ECTS 5 sem. 6 sem. C01013P Dinamica e stabilità 1 M01035P Modellistica e simulazione C01039P Sistemi dinamici discreti 1 5 L01035P Laboratorio di modellistica 2 M02037P Telematica, crittografia e C02048P Telematica, crittografia e sicurezza 3 sicurezza L02037P Laboratorio 2 6 M08002P Algoritmi avanzati e ottimizzazione C08003P Algoritmi avanzati 2 C08004P Ottimizzazione 2 C03010P Programmazione di microcontrollori 1 M03007P Programmazione di microcontrollori L03010P Laboratorio 2 M02039P M02040P M02041P M03011P Grafica Sistemi operativi e di gestione dei dati Ingegneria e sviluppo del software 2 Architetture dei computer C02050P Grafica 2 E02039P Esercitazioni 2 C02051P Sistemi operativi 3 C02052P Sistemi di gestione dei dati 2 C02053P Ingegneria del software 2 2 L02041P Laboratorio di ingegneria e sviluppo del software 2 C03018P Architetture dei computer 1 L03011P Laboratorio 1 M05013P Business English C05013P Business English B

6 Piano degli studi (PAP) Ingegneria Informatica 7 e 8 semestre Unità didattiche Modulo Corso / Esercitazione / Laboratorio settimanali ECTS 7 sem. 8 sem. M02042P Progetto di semestre M02038P Applicazioni web C02054P C02049P Seminari di progetto Applicazioni web 1 2 P02042P E02038P Progetto di semestre Esercitazioni M07006P Economia aziendale 1 C07012P Economia aziendale 1 1 C07006P Esercitazioni 1 3 Modulo a scelta 1 * 4 3 Modulo a scelta 2 * 4 3 M02043P M07007P Applicazioni distribuite Economia aziendale 2 C02055P C07013P Elementi di applicazioni distribuite Economia aziendale C02056P C07007P Applicazioni service-oriented Esercitazioni M05107P Comunicazione C05105P Comunicazione 2 3 Modulo a scelta Modulo a scelta M02044P System management C02057P System management 3 2 M00002P Progetto di diploma P00002P Progetto di diploma vedi elenco moduli a scelta * 6

7 Piano degli studi (PAP) Ingegneria Informatica Moduli a scelta 7 e 8 semestre Modulo Corso / Esercitazione /Laboratorio Unità didattiche settimanali ECTS 7 sem. 8 sem. M02048 Compilatori e interpreti C02060 Compilatori e interpreti 4 3 M02049 Sistemi informativi C02061 Sistemi informativi 4 3 M02053 Sviluppo di applicazioni High Performance C02066 Ottimizzazione avanzata di applicazioni 4 3 M03018 Informatica tecnica C03035 Informatica tecnica 4 3 M03020 Progettazione dei sistemi embedded C03037 Progettazione dei sistemi embedded 4 3 M04027 Progettazione di controllori C04037 Progettazione di controllori 4 3 M04028 Metodi e algoritmi di identificazione C04038 Metodi e algoritmi di identificazione 4 3 M06014 Tecniche di comunicazione C06015 Tecniche di comunicazione 4 3 M02047 Applicazioni delle reti telematiche C02059 Applicazioni delle reti telematiche 4 2 M02050 Architetture ICT complesse C02062 Architetture ICT complesse 4 2 M02051 Architetture per applicazioni enterprise C02063 Architetture per applicazioni enterprise 4 2 M02054 Green Netw orking e Computing C02067 Green Netw orking e Computing 4 2 M02055 Realtà virtuale Realtà virtuale 4 2 M03019 Applicazioni dei sistemi embedded C03036 Applicazioni dei sistemi embedded 4 2 M04029 Tecnologie medicali C04039 Tecnologie medicali 4 2 7

8 M P Matematica di base e analisi - Responsabile del modulo: Paola Rezzonico Rossetti - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 9 - Corsi di laurea: Gestionale, Informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Matematica di base C P 4 Analisi 1 C P 4 TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione - Almeno due test scritti in "Matematica di base" - Almeno due test scritti in "Analisi 1" Matematica di base C P Analisi 1 C P - Consolidare i concetti matematici di base (algebra, funzioni reali, geometria e trigonometria) - Sviluppare la capacità d esposizione scritta ed orale di concetti matematici - Apprendere il corretto impiego di strumenti informatici a supporto del calcolo algebrico e numerico - Proprietà dei numeri reali - Funzioni reali ed equazioni - Richiami di trigonometria - Calcolo con i numeri complessi - Successioni - Curve piane - Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti del calcolo infinitesimale - Sviluppare le capacità di rappresentare e risolvere problemi ingegneristici tramite il ragionamento logico e l astrazione - Limiti di funzioni - Calcolo differenziale e applicazioni - Calcolo integrale - Polinomio di Taylor con esercitazioni con esercitazioni 8

9 M P Algebra lineare, matematica discreta e logica - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 9 - Corsi di laurea: Gestionale, Informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Algebra lineare 1 C P Matematica discreta e logica C P 1 1 TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione - Tre test scritti in Matematica discreta - Tre test scritti in Algebra lineare Algebra lineare 1 C P Matematica discreta e logica C P - Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti calcolo vettoriale e matriciale - Essere in grado di rappresentare e risolvere problemi geometrici tramite concetti algebrici - Essere in grado di applicare gli strumenti appresi nella risoluzione di semplici problemi ingegneristici - Calcolo vettoriale - Approfondimenti di trigonometria - Prodotto scalare, vettoriale e misto - Geometria analitica - Matrici - Applicazioni lineari e trasformazioni geometriche - Determinanti con esercitazioni. - Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti di logica, teoria dei grafi e teoria dei numeri. - Conoscere alcuni cifrari. - Sviluppare il pensiero scientifico tramite la logica e l astrazione - Insiemi e relazioni - Algebra di Boole - Calcolo combinatorio - Teoria dei grafi e algoritmi - Aritmetica delle congruenze - Basi di crittografia con esercitazioni 9

10 M P Fondamenti di informatica - Responsabile del modulo: Sandro Pedrazzini - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 10 - Corsi di laurea: informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Introduzione alla programmazione C P 4 Introduzione alla programmazione C P 4 a oggetti TOTALE Nessuno Metodo di valutazione - Verifiche in itinere - Valutazione delle esercitazioni Introduzione alla programmazione C P Introduzione alla programmazione a oggetti C P del corso - Contestualizzare il ruolo della programmazione e dello sviluppo nell'ambito dell'elaborazione automatica - Analizzare un problema e tradurlo in un programma informatico - Conoscere e capire i metodi della programmazione strutturata attraverso l uso di un linguaggio di programmazione moderno - Applicare le conoscenze apprese a problemi di complessità crescente del corso - Introduzione e contesto - Metodi di analisi di problemi, logica booleana, algoritmi - Fasi della programmazione - Tipi di dati primitivi, costanti e variabili, istruzioni, operatori - Array - Funzioni e passaggio di parametri - Codifica di algoritmi, ricorsività - Classi e strutture di dati - Gestione della memoria - Strutture di dati dinamiche: liste, alberi, code Organizzazione - Esercitazioni del corso - Imparare i concetti di modularità, astrazione sui dati e programmazione a oggetti - Saper sviluppare programmi mediante un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti - Imparare a programmare con l'ausilio di un sistema di sviluppo integrato del corso - Introduzione a un sistema di sviluppo integrato (IDE) - Introduzione alla programmazione a oggetti - Incapsulamento e organizzazione del programma - Ereditarietà, composizione, polimorfismo - Sviluppo di algoritmi con oggetti - Gestione delle eccezioni - Utilizzo di classi di libreria - Introduzione alla genericità - Introduzione alle interfacce grafiche - Elementi di input / output, files, serializzazione - Utilizzo del debugger Organizzazione - Esercitazioni Riferimenti di base - Arnold K., Gosling J., Holmes D.: The Java Programming Language, 4th Edition,

11 M P Basi di dati e ambienti operativi - Responsabile del modulo: Roberto Mastropietro - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 7 - Corsi di laurea: Gestionale, Informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate Lavoro autonomo Basi di dati C P 2 Ambienti operativi C P 2 TOTALE Nessuno Metodo di valutazione - Due test scritti in "Basi di dati" - Due test scritti in "Ambienti operativi" - Valutazione delle esercitazioni svolte Basi di dati C02007P Ambienti operativi C02040P del corso - Capire i metodi di progettazione di una base di dati - Esercitare lo sviluppo di basi di dati di complessità crescente - Imparare ad interagire con una base dati del corso - Introduzione a dati e strutture dati - Progettazione di una base di dati - progettazione concettuale: modello entità-relazione - progettazione logica: modello relazionale e normalizzazione - progettazione fisica - Vincoli di integrità - Il linguaggio SQL - definizione dei dati (DDL) - interrogazioni e manipolazioni dei dati (DML) - View e view materializzate - Introduzione a JDBC Organizzazione - Esercitazioni del corso - Esercitare l uso di sistemi e di ambienti operativi - Conoscere alcuni strumenti di lavoro legati agli ambienti operativi - Introduzione generale: architettura e componenti di un computer - Introduzione ai sistemi operativi: storia e tipologie di sistemi operativi gestione dei processi e della memoria gestione dei file utenti e sicurezza interfaccia utente - La shell Comandi principali Bash e Powershell Scripting Interazione a distanza (SSH) - Espressioni regolari in shell e java - Strumenti di sistema gestione del software automazione (cron, at,...) Organizzazione - Esercitazioni 11

12 M P Tecnica digitale e architetture di calcolo - Responsabile del modulo: Paolo Ceppi - Semestre: Primo e secondo - Crediti ECTS: 6 del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Tecnica digitale e architetture di calcolo C P 3 2 TOTALE Nessuno Metodo di valutazione - Verifiche scritte in itinere - Valutazione delle esercitazioni Tecnica digitale e architetture di calcolo C P - Imparare le basi della tecnica digitale delle architetture di calcolo - Conoscere i blocchi funzionali di base di un calcolatore e il loro modo di interagire - Acquisire dimestichezza con un linguaggio di tipo informatico per la descrizione e la simulazione di funzioni circuitali - Applicazione dell algebra di Boole nei sistemi digitali - Funzioni combinatorie e sequenziali: blocchi costitutivi, topologia, tecniche di analisi e sintesi - Codici: concetti e analisi di alcune proprietà - Funzioni sequenziali microprogrammate - Componenti logici configurabili - Il ciclo Fetch-Decode-Execute: studio di una struttura di calcolo che riproduce un microcalcolatore industriale. Simulazione - Programmazione di un Computer-on-Module semplice - Appendice al corso: parametri fisici dei componenti: tempo, energia, lettura di specifiche - Linguaggi formali per la descrizione del funzionamento di circuiti digitali: la concorrenza, la sequenzialità, la sensibilità agli eventi - Analogie e differenze con linguaggi procedurali usuali - Introduzione a VHDL con esercizi - Codifica e simulazione di un microprocessore semplice con esercitazioni integrate. - Un microcontrollore industriale reale, presentato in versione ridotta a scopi didattici, viene usato come punto di riferimento per lo studio dei blocchi funzionali della tecnica digitale e per la modellazione e simulazione con VHDL. Osservazioni - Parte della documentazione verrà consegnata in inglese Riferimenti di base - Nelson V. P. et al.: Digital Logic Circuit Analysis & Design, Prentice Hall, Perry D. L., VHDL, McGraw-Hill, second edition,

13 M P Algoritmi numerici - Responsabile del modulo: Janos Barta - Semestre: Primo e secondo - Crediti ECTS: 6 del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Algoritmi numerici C P 2 3 TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione - Quattro test scritti Algoritmi numerici C P - Conoscere i fondamenti delle moderne tecniche di calcolo numerico - Conoscere i principali metodi del calcolo numerico ed essere in grado di applicarli a problemi ingegneristici - Apprendere il corretto impiego di strumenti di calcolo numerico (Matlab) - Esercitare la scrittura e il test di algoritmi numerici - Rappresentazione dei numeri interi e reali nei calcolatori (sistema posizionale, schema di Horner, complemento a due, virgola mobile, aritmetica binaria) - Metodi di risoluzione approssimata di equazioni non lineari (algoritmi di bisezione, secante e Newton) - Metodi di risoluzione di sistemi di equazioni lineari (metodo di Gauss, inversione di matrici, algoritmi di Jacobi e Gauss- Seidel) - Metodi di interpolazione (polinomiale, Lagrange, trigonometrica, spline quadratica e cubica) - Metodi di integrazione numerica (metodo dei trapezi, Simpson e Romberg) - Esercitazioni - Lavoro individuale 13

14 M P Analisi e algebra lineare - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 5 - Corsi di laurea: Gestionale, Informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate Lavoro autonomo Analisi 2 C P 2 Algebra lineare 2 C P 2 TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS. Metodo di valutazione - Almeno 2 verifiche scritte in itinere in Algebra lineare 2 - Una verifica in itinere in Analisi 2 - Esame scritto in Analisi 2 Analisi 2 C P Algebra lineare 2 C P - Conoscere gli strumenti e i metodi del calcolo differenziale per poi poterli applicare alla modellazione di sistemi - Applicazioni degli integrali - Equazioni differenziali - Funzioni di più variabili - Esercitazioni in classe - Lavoro autonomo - Saper lavorare con matrici, comprendendone il significato nelle applicazioni tecniche - Conoscere autovalori, autovettori e relative applicazioni - Conoscere la descrizione geometrica dello spazio mediante coordinate omogenee, come utilizzate nella grafica computerizzata - Autovalori e autovettori - Norme - Sistemi di equazioni differenziali - Coordinate omogenee - Esercitazioni in classe - Lavoro autonomo Riferimenti di base - Gilbert Strang: Algebra lineare, APOGEO, Milano 2008, ISBN

15 M P Fisica 1 - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 4 del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Lavoro autonomo Fisica 1 C P 3 TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS. Metodo di valutazione - Due test scritti - Esame Fisica 1 C P del corso - Conoscere i fenomeni fisici fondamentali - Comprendere i metodi di descrizione matematica della realtà - Cinematica Moto uniforme Moto uniformemente accelerato Moto a due dimensioni (proiettili) Moto circolare a velocità angolare costante - Dinamica Concetto di forza e tipi di forza Leggi del moto di Newton - Lavoro Teorema dell'energia cinetica Forze conservative ed energia potenziale Energia meccanica, conservazione dell'energia meccanica Lavoro delle forze non conservative Potenza - Quantità di moto Centro di massa Conservazione della quantità di moto Urti, impulso - Capitoli supplementari (momento di una forza, momento di inerzia, ecc.) con esercitazioni. Riferimenti di base - Halliday D., Resnick R., Walker J.: Fondamenti di fisica, sesta edizione, Meccanica Termologia, Casa editrice ambrosiana. 15

16 M P Algoritmi e strutture dati - Responsabile del modulo: Luca Maria Gambardella - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 6 del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Algoritmi e strutture dati C P 2 2 TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS. Valutazione del modulo - Verifiche scritte in itinere - Valutazione delle esercitazioni - Esame orale Algoritmi e strutture dati C P - Capire gli algoritmi classici e le strutture dati associate usati nei diversi campi dell'informatica - Analizzare ed elaborare algoritmi di complessità crescente - Esaminare e valutare algoritmi in base a diversi criteri - Programmare e verificare algoritmi - Algoritmi di ordinamento e di ricerca - Algoritmi con strutture dati dinamiche: liste e alberi - Algoritmi di compressione - Spline non interpolanti - Metodi di risoluzione numerica per le equazioni differenziali ordinarie - Programmazione e verifica di algoritmi - Esercitazioni in classe - Lavoro autonomo 16

17 M P Linguaggi e programmazione 1 - Responsabile del modulo: Sandro Pedrazzini - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 7 del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate Lavoro autonomo Linguaggi procedurali C P 2.5 Programmazione a oggetti C P 2.5 TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS. Valutazione del modulo - Verifiche scritte in itinere - Esami Linguaggi procedurali C P Programmazione a oggetti C P del corso - Conoscenza pratica della programmazione in linguaggio C - Disporre di uno strumento per la programmazione a basso livello - Strutture di dati dinamiche - Capire e quantificare lo sforzo necessario per imparare un secondo linguaggio di programmazione del corso - Elementi di linguaggio C e programmazione procedurale - Confronti con il linguaggio imparato precedentemente - Particolarità e caratteristiche del linguaggio C - Utilizzo delle librerie standard - Utilizzo avanzato dei puntatori - Modularizzazione e astrazione sui dati - Strutture di dati dinamiche e complesse, con gestione esplicita dei puntatori - Studio di strumenti inerenti lo sviluppo di programmi in ambiente UNIX: compilatore, linker, debugger, librerie statiche e condivise - Esercitazioni in laboratorio - Lavoro autonomo Riferimenti di base - Kernighan B.W., Ritchie D.M.: Linguaggio C, seconda edizione, Jackson, Schildt H.: C, Guida completa, Mc Graw-Hill, 2000 del corso - Continuazione e approfondimento dei concetti di programmazione a oggetti appresi durante il primo anno - Approfondimento di alcuni aspetti del linguaggio di programmazione Java - Sviluppo di applicazioni con interfacce grafiche del corso - Elementi generics: utilizzo e implementazione - Collection framework - Classi nested - Espressioni Lambda e loro utilizzo con collection streams - Reflection, annotations - Utilizzo di framework per interfacce grafiche - Gestione di eventi - Diverse modalità di deployment - Elementi di comunicazione e integrazione con ambienti esterni (DB) Organizzazione - Esercitazioni in laboratorio - Lavoro autonomo Riferimenti di base - Arnold K., Gosling J., Holmes D.: The Java Programming Language, 4th Edition,

18 M P Metodi matematici per l ingegnere - Responsabile del modulo: Martina Fontana - Semestre: Quarto - Crediti ECTS: 5, gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Analisi dei segnali C P 2 1 Probabilità e statistica C P 1 TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS Valutazione del modulo - Verifiche scritte in itinere - Esame scritto in probabilità e statistica Analisi dei segnali C P Probabilità e statistica C P - Conoscere le trasformate integrali e discrete - Comprendere la descrizione di un segnale attraverso lo spettro - Saper applicare le trasformate nella risoluzione di equazioni differenziali e alle differenze finite - Serie di Fourier - Trasformata di Fourier - Campionamento - Trasformata di Fourier discreta - Trasformata di Laplace - Risoluzione di equazioni differenziali con la trasformata di Laplace - La funzione di trasferimento - Trasformata Z - Risoluzione di equazioni a differenze finite - Esercitazioni in classe - Studiare i fondamenti di probabilità e statistica necessari per comprendere alcune loro applicazioni nella tecnica. - Ripetizione teoria insiemi e calcolo combinatorio - Eventi, spazio campionario, probabilità - Probabilità condizionata - Statistica descrittiva: indici di posizione e misure di dispersione - Distribuzioni di probabilità - Applicazioni pratiche - Esercitazioni in classe Riferimenti di base - Documentazione scelta dal docente messa a disposizione sulla piattaforma e-learning. 18

19 M P Fisica 2 - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Quarto - Crediti ECTS: 3 del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate Lavoro autonomo Fisica 2 C P 2 TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS. Metodo di valutazione - Verifiche scritte in itinere - Esame scritto Fisica 2 C P - Conoscere i fenomeni fondamentali e le loro applicazioni tecniche più importanti - Comprendere i metodi di descrizione matematica della realtà - Approfondire il metodo sperimentale tramite esperienze dimostrative, esercitando l osservazione, la misura, la descrizione matematica e la simulazione di fenomeni fisici - Elettrostatica - Magnetostatica - Equazioni di Maxwell - Esercitazioni in classe Riferimenti di base - Halliday D., Resnick R., Walker J.: Fondamenti di fisica, sesta edizione, Elettrologia Magnetismo Ottica, Casa editrice ambrosiana. 19

20 M P Linguaggi e programmazione 2 - Responsabile del modulo: Sandro Pedrazzini - Semestre: Quarto - Crediti ECTS: 6 del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate Lavoro autonomo Programmazione parallela e concorrente Approfondimento linguaggi e framework C P 3 C P 3 TOTALE Prerequisiti per la formazione Frequenza precedente dei moduli - M02034P: Linguaggi e programmazione 1 - M02006P: Algoritmi e strutture dati Valutazione del modulo - Verifiche scritte in itinere - Valutazione delle esercitazioni - Esame orale Programmazione parallela e concorrente C Approfondimento linguaggi e framework C del corso - Conoscere e apprendere i principi su cui si basa la programmazione parallela e concorrente, in modo indipendente da un linguaggio - Saper applicare le tecniche di programmazione parallela e concorrente utilizzando gli strumenti offerti dai sistemi operativi e dai framework object-oriented conosciuti - Essere in grado di sviluppare applicazioni utilizzando soluzioni a memoria condivisa, a scambio di eventi (sincroni e asincroni), a scambio di messaggi e tramite lightweight tasks - Studio dei problemi classici di sincronizzazione del corso - Studio di problematiche legate all esecuzione concorrente e alla sincronizzazione: atomicità, visibilità, thread-safety, liveness, bilanciamento del carico e scalabilità - Elementi di base per la programmazione concorrente: thread, lock, variabili volatili e variabili atomiche - Strategie di scheduling legate all utilizzo dei thread - Soluzioni object-oriented per la programmazione concorrente: monitor pattern, immutabilità, confinamento dei dati, synchronized collection e concurrent collection di Java - Principi di programmazione parallela: tipologie di parallelismo, design pattern, modelli e tecniche comuni per il parallel processing - Soluzioni per la programmazione parallela: executor framework di Java ed estensioni di linguaggio per il parallelismo esplicito - Problemi classici di sincronizzazione - Introduzione alla programmazione parallela tramite acceleratori (GPUs) del corso - Acquisire buone nozioni di linguaggio C++ - Programmazione a eventi e utilizzo di framework a eventi per interfacce grafiche - Studio di framework per sviluppo di applicazioni su dispositivi mobili del corso - Introduzione al linguaggio C++: confronto con C e Java - Approfondimento di alcune differenze importanti, quali: Gestione della memoria Utilizzo di elementi template quali i container Ereditarietà multipla - Utilizzo di un framework a eventi per la realizzazione di interfacce grafiche - Approfondimento del funzionamento a eventi a basso livello di un framework - Segnali e callback - Introduzione a un secondo framework a eventi per lo sviluppo di applicazioni su dispositivi mobili Organizzazione - Esercitazioni in laboratorio - Progetto (all'interno del modulo "Ingegneria e sviluppo del software 1") Riferimenti di base - Ezust A., Ezust P.: An Introduction to Design Patterns in C++ with Qt, Prentice Hall, 2011 Organizzazione - Esercitazioni in laboratorio - Progetto (all'interno del modulo "Ingegneria e sviluppo del software 1") Riferimenti di base - Goetz B. et al.: Java Concurrency in Practice, Addison- Wesley Professional, 2006 M P - Responsabile del modulo: Giambattista Ravano - Semestre: Quarto 20

21 Ingegneria e sviluppo del software 1 - Crediti ECTS: 5 del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Ingegneria del software 1 C P 1 Laboratorio di ingegneria e L P 3 sviluppo del software 1 TOTALE Frequenza precedente del modulo - M02034P: Linguaggi e programmazione 1 Valutazione del modulo - Verifica scritta in itinere - Valutazione dei progetti - Esame Ingegneria del software 1 C P - Essere in grado di utilizzare le tecniche di analisi e progettazione del software più conosciute - Acquisire la capacità di analizzare un sistema, in particolare le funzionalità traducibili in un software - Capacità di progettare le componenti software principali in termini di classi, comportamenti e componenti - Saper utilizzare e capire linguaggi formali (UML o altri) - Introduzione all ingegneria del software - Definizione dei requisiti - Progettazione dell architettura software - Interazioni e stati delle componenti software - Qualità del software e conseguenze nella progettazione - Packages e componenti - Studi di caso - Progetti (nell'ambito del "Laboratorio di ingegneria e sviluppo del software 1") Laboratorio di ingegneria e sviluppo del software 1 L P - Familiarizzarsi con i formalismi più comuni usati nella progettazione del software - Usare un ambiente di progettazione e di sviluppo - Saper gestire un progetto e saper lavorare nelle sue varie fasi, con particolare riguardo alla fase di analisi - Realizzare e completare la documentazione tecnica di progetto - Analisi e progettazione di 3-4 applicazioni partendo dalle specifiche dei requisiti, utilizzando metodi e tecniche apprese nel corso di ingegneria del software 1 - Sviluppo di parti delle applicazioni - Attività pratiche su progetto - Lavoro autonomo Riferimenti di base - Miles R., Hamilton K.: Learning UML 2.0, O Reilly, Fox C.: Introduction to Software Engineering Design, Addison Wesley,

22 M05012P.01 Inglese B1 - Responsabile del modulo: Germana D Alessio - Semestre: Terzo e Quarto - Crediti ECTS: 6 - Lingua del modulo: Inglese - Corsi di laurea: Gestionale, Informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Lavoro autonomo Inglese B1 C05012P TOTALE Conoscenze di inglese a livello A2. Valutazione del modulo Per la certificazione dei moduli di lingua valgono le specifiche direttive interne del Centro competenze lingue. Osservazioni I livelli si riferiscono alle sei scale del Common European Framework del Consiglio d Europa ripresi nella versione svizzera di un Portfolio europeo delle lingue (PEL). La verifica del livello richiesto dal dipartimento può avvenire anche tramite equipollenza di determinati certificati internazionali riconosciuti dal Centro competenze lingue o dal superamento di esami prima dell inizio del corso. Inglese B1 C05012P.01 Acquisire e approfondire le competenze linguistiche che favoriscono l inserimento nel mondo professionale in Svizzera e all estero, con particolare attenzione all ambito tecnologico. Approfondire le capacità grammaticali e acquisire il lessico specifico per poter sviluppare conversazioni in diverse situazioni. Sviluppare e approfondire le quattro competenze linguistiche: ascolto, lettura, espressione orale (conversazione / esposizione), espressione scritta, al fine di possedere un controllo della lingua appropriato, accurato e fluente. L obiettivo dell insegnamento della lingua è il raggiungimento di un livello intermedio. Verranno trattati temi, attinenti all ambito tecnologico, lavorativo, sociale e culturale. Insegnamento comunicativo con discussioni, letture, esercitazioni in gruppo, presentazioni orali, simulazioni. La partecipazione alle lezioni è obbligatoria. 22

23 M P Modellistica e simulazione - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Quinto - Crediti ECTS: 5 del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate Lavoro autonomo Dinamica e stabilità C P 1 Sistemi dinamici discreti C P 1 Laboratorio di modellistica L P 2 TOTALE Frequenza precedente dei moduli - M01036P: Metodi matematici per l ingegnere - M01005P: Analisi e algebra lineare" - M01034P: Fisica 2 Valutazione del modulo - Verifiche scritte in itinere - Valutazione delle esercitazioni e delle attività di laboratorio - Esame Dinamica e stabilità C P Sistemi dinamici discreti C P - Comprendere e analizzare il comportamento di sistemi dinamici nel continuo - Sistemi dinamici, stato, linearità e tempo-invarianza - Rappresentazioni varie: equazioni differenziali, rappresentazioni di stato, funzioni di trasferimento, soluzioni nel tempo, modi, poli - Traiettoria ed equilibrio - Stabilità, stabilità asintotica, instabilità - Sistemi non lineari, approssimazioni lineari, non-linearità inverse - Esercitazioni - Lavoro autonomo - Comprendere e analizzare sistemi dinamici discreti - Sistemi discreti nel tempo e relative rappresentazioni: equazioni alle differenze, discretizzazione della funzione di trasferimento, rappresentazione di stato. - Automi e linguaggi - Reti di Petri - Automi e Reti di Petri temporizzati - Sistemi stocastici (processi stocastici, catene di Markov, reti di code) - Esercitazioni - Lavoro autonomo Laboratorio di modellistica L P - Comprendere i fenomeni fisici alla base di sistemi dinamici - Saper astrarre il comportamento di sistemi dinamici e determinare il modello adatto - Saper simulare il comportamento di sistemi dinamici - Saper confrontare il modello teorico, la simulazione e il comportamento reale del sistema - Applicazione dei contenuti del corso dinamica e stabilità con esperienze della meccanica, termica ed elettrodinamica - Lavoro pratico in laboratorio - Lavoro autonomo per l analisi dei risultati 23

24 M P Telematica, crittografia e sicurezza - Responsabile del modulo: Angelo Consoli - Semestre: Quinto - Crediti ECTS: 6 del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Telematica, crittografia e sicurezza C P 3 Laboratorio di telematica L P 2 TOTALE Frequenza precedente dei moduli - M02052P: Fondamenti di informatica - M01030P: Algebra lineare, matematica discreta e logica Valutazione del modulo - Verifica scritta in itinere - Valutazione delle esercitazioni - Esame orale Telematica, crittografia e sicurezza C P - Capire i principi su cui si basano le reti telematiche - Analizzare problemi tipici inerenti la realizzazione e il funzionamento di reti telematiche - Acquisire dimestichezza a istallare e configurare apparecchiature di rete e a configurare le componenti di comunicazione dei sistemi - Conoscere i principi dei sistemi di telecomunicazione e telefonia - Capire i fondamenti delle tecniche di comunicazione sicura e i principi su cui si basa la sicurezza dei sistemi - Conoscere e saper applicare i diversi metodi di cifratura dei dati - Valutare i diversi metodi di autenticazione, capire i rischi - Conoscere ed impiegare i metodi di difesa del perimetro - Il modello di riferimento OSI (funzioni, servizi e protocolli) - Introduzione ai primi quattro livelli OSI - Trasmissione dati su modem in banda fonica, modem digitali e fibra ottica - Modulazioni e trasmissione di dati in banda base - Embedded IP Stack - Power Line Comunication (PLC) e reti telefoniche - Sistemi e reti senza fili - Interfacce e codifiche - Introduzione a IPv6 - I sistemi di comunicazione dati e telefonia - Concetti fondamentali di sicurezza a livello organizzativo e tecnico - Basi di crittografia - Algoritmi specifici per la crittografia applicata ai sistemi informativi - Metodi di codifica, decodifica, funzioni hash, scambio chiavi - La difesa del perimetro: sistemi di prevenzione/rilevamento di intrusioni nella rete (IPS) - La gestione dell sicurezza nelle applicazioni - Modelli di sicurezza - Reti VPN e tunneling Laboratorio di telematica L P - Acquisire conoscenze pratiche e fare diverse esperienze sulle piattaforme di base per la trasmissione dei dati (con le loro relative modalità di implementazione) - Applicare le conoscenze acquisite nel corso "Telematica, crittografia e sicurezza" - Cablaggi e tecnologie di interconnessione - Studio e analisi di protocolli - Configurazione di sistemi su reti locali (LAN) - Configurazione di modem analogici e digitali - Piattaforme e sistemi di trasmissione per la telematica - Misure e analisi di protocolli - Servizi e protocolli basati su IPv4 - Segmentazione di reti e istradamento (configurazione e test) - Servizi di rete - Monitoraggio e filtraggio del traffico - Introduzione alle reti wireless - Concetti di crittografia di base: chiavi pubbliche e private, firma digitale - Integrità del messaggio, autenticazione, certificati - Basi di crittografia: crittosistemi simmetrici e asimmetrici - Architetture e protocolli di comunicazione sicura e tunneling - Conoscenza e applicazione degli standard più diffusi - Permessi di accesso ai sistemi e agli oggetti contenuti - Tecniche di hacking - Esercitazioni con reti VPN - Simulazione con attachi per la verifica della protezione - Fondamenti dei sistemi di autenticazione - Esercitazioni in laboratorio - Lavoro autonomo - Lavoro autonomo 24

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Informatica (curriculum a Tempo Pieno)

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Informatica (curriculum a Tempo Pieno) Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Informatica (curriculum a Tempo Pieno) Dipartimento Tecnologie Innovative, Ingegneria Elettronica (2010/2011), v 1.0, 12.2010 Elenco dei moduli in offerta

Dettagli

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Informatica. (curriculum Parallelo all Attività Professionale)

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Informatica. (curriculum Parallelo all Attività Professionale) Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Informatica (curriculum Parallelo all Attività Professionale) Dipartimento Tecnologie Innovative, Ingegneria Elettronica (2010/2011), v 1.0, 12.2010

Dettagli

Introduzione e descrizione Bachelor

Introduzione e descrizione Bachelor Introduzione e descrizione Bachelor La Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione triennale

Dettagli

Offerta formativa 2009/2010 Corso di laurea Ingegneria Informatica TP

Offerta formativa 2009/2010 Corso di laurea Ingegneria Informatica TP Offerta formativa 2009/2010 Corso di laurea Ingegneria Informatica TP Dipartimento Tecnologie Innovative, Informatica TP (2009/2010), OFFERTE FORMATIVA, v 0, 10.2009 Elenco dei moduli in offerta formativa

Dettagli

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria elettronica www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze Il corso di laurea in

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di segnali Unità di misura delle grandezze elettriche Simbologia

Dettagli

Art. 4. Curricula Il corso di laurea è articolato in un unico curriculum.

Art. 4. Curricula Il corso di laurea è articolato in un unico curriculum. FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Elettronica e Tecnologie dell Informazione Classe L-8 Ingegneria dell informazione REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale Art. 1. Premessa e ambito di

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare negli insiemi numerici N, Z, Q, calcolare espressioni,

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria gestionale

Bachelor of Science in Ingegneria gestionale Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria gestionale www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze Il corso di laurea in

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Informatica Classe L-8 Ingegneria dell informazione REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale

FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Informatica Classe L-8 Ingegneria dell informazione REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria Informatica Classe L-8 Ingegneria dell informazione REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale Art. 1. Premessa e ambito di competenza Il presente Regolamento,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Articolazione Elettronica Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di Segnali Unità di misura delle grandezze

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria gestionale

Corso di laurea in Ingegneria gestionale Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Offerta formativa 2006/2007 Informatica TP 1 e 2 semestre

Offerta formativa 2006/2007 Informatica TP 1 e 2 semestre Offerta formativa 2006/2007 Informatica TP 1 e 2 semestre Modulo M01008 Matematica di base e discreta M01002 Analisi e algebra lineare 1 M01003 Fisica e Matematica numerica 1 M01004 Fisica e matematica

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI Emanato con DR. 328 del 18 luglio 2012 INDICE Art. 1 Istituzione e attivazione... 2 Art. 2 Obiettivi formativi...

Dettagli

Dipartimento di Matematica L. Tonelli Largo B. Pontecorvo 5 56127 Pisa M. Cerulli

Dipartimento di Matematica L. Tonelli Largo B. Pontecorvo 5 56127 Pisa M. Cerulli Breve guida al Corso di Laurea in Matematica Dipartimento di Matematica L. Tonelli Largo B. Pontecorvo 5 56127 Pisa M. Cerulli Corso di Laurea in Matematica dell'università di Pisa A cura della Commissione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica)

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Informatica CLASSE LM18 (Informatica) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

Dipartimento di Matematica L. Tonelli Largo B. Pontecorvo 5 56127 Pisa M. Cerulli

Dipartimento di Matematica L. Tonelli Largo B. Pontecorvo 5 56127 Pisa M. Cerulli Breve guida al Corso di Laurea in Matematica Dipartimento di Matematica L. Tonelli Largo B. Pontecorvo 5 56127 Pisa M. Cerulli Corso di Laurea in Matematica dell'università di Pisa A cura della Commissione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane OBIETTIVI SPECIFICI DEL PRIMO BIENNIO - CLASSE PRIMA settore ECONOMICO: NUCLEI FONDANTI, CONOSCENZE E COMPETENZE NB per ciascuno dei moduli di insegnamento/apprendimento viene indicato il tempo di trattazione

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino Obiettivi minimi Informatica Prime Conoscere il sistema di numerazione binaria e la sua importanza nella codifica delle

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies IT Management Diploma of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Obiettivi Specifici d Apprendimento Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 99 Gestione di progetto 132 99 *Tecnologie informatiche e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICA DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA Parte Generale Università Università degli Studi di GENOVA Classe

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Informativi

Sicurezza nei Sistemi Informativi Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica A.A. 2009/2010 Sicurezza nei Sistemi Informativi Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio ART. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento s intende:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Art. 4. Curricula Il corso di laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni è articolato in unico curriculum.

Art. 4. Curricula Il corso di laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni è articolato in unico curriculum. FACOLTÀ di INGEGNERIA - Corso di laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Classe L-8 Ingegneria dell informazione REGOLAMENTO DIDATTICO Parte generale Art. 1. Premessa e ambito di competenza Il presente

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI Laurea in Lingue e cultura per l impresa (a. a. 2005/2006) Corso di Informatica GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI PROGRAMMA CFU 6 Corso di laurea / anno DU I o II anno, CL4 II anno Professore Roberto

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA MECCANICA approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Dipartimento

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI PARTE PRIMA DATI GENERALI Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in: Ingegneria delle

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA INDICE Art. 1 Istituzione e attivazione... 2 Art. 2 Obiettivi formativi... 2 Art. 3 Requisiti per l

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Basilio Focaccia via Monticelli (loc. Fuorni) - Salerno PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica Anno scolastico:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015 MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015 MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA Via G. D Annunzio, 15-36100 VICENZA Tel. 0444563544 Fax 0444962574 sito web: www.itcfusinieri.eu E-mail: protocollo@itcfusinieri.it - vitd010003@pec.istruzione.it

Dettagli

Syllabus C310 - Insegnamenti disciplinari

Syllabus C310 - Insegnamenti disciplinari Syllabus C310 - Insegnamenti disciplinari Università di Verona A.A. 2014/15 e competenze generali per gli insegnamenti disciplinari Come richiesto dalla normativa di riferimento scopo degli insegnamenti

Dettagli

1 o SEMESTRE 2 o SEMESTRE 1 ottobre 2012 25 gennaio 2013 25 febbraio 2013 14 giugno 2013

1 o SEMESTRE 2 o SEMESTRE 1 ottobre 2012 25 gennaio 2013 25 febbraio 2013 14 giugno 2013 Università degli Studi dell Insubria Facoltà di Scienze MM.FF.NN. /Como Corso di laurea in Matematica, L-35 Scienze Matematiche Nome Inglese del Corso: Mathematics MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies Per un responsabile dei servizi IT è fondamentale disporre

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 Pagina 1 di 8 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 AREA DISCIPLINARE [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico) [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti obbligatori di

Dettagli

414.131.51 Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo

414.131.51 Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo (Ordinanza di ammissione al PFZ) del 24 marzo 1998 (Stato 12 settembre 2000) La Direzione del Politecnico federale di Zurigo, visti

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

Master Universitario di I Livello in Tecnologie Internet

Master Universitario di I Livello in Tecnologie Internet Facoltà di Ingegneria Master Universitario di I Livello in Tecnologie Internet www.ing.unipi.it/master.it Regolamento ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Elettronica,

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale Unione Europea Regione Sicilia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI EDILIZIA ELETTRONICA e

Dettagli

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali CL AS SE INFORMATICA 6(3) 6(4) - 6(4) SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI COMPETENZE 3 Essere in grado di sviluppare semplici applicazioni

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Classe di appartenenza: L-8 Ingegneria dell Informazione Computer Science and Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1. Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio

Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1. Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1 Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio PROGRAMMAZIONE INIZIALE DI MATEMATICA Classe 1 sez. F - anno scolastico 2013-2014

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Facoltà di Economia. Matematica Sono richieste le competenze matematiche corrispondenti ai cinque temi:

Facoltà di Economia. Matematica Sono richieste le competenze matematiche corrispondenti ai cinque temi: Facoltà di Economia Immatricolazioni (dal 6 luglio al 4 settembre 2009) Requisito d accesso è il possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o analogo titolo conseguito all estero riconosciuto

Dettagli

Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Fondamenti di Informatica Modulo 1 Programma dell'a.a. 2003/2004 Luigi Romano Dipartimento di Informatica

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/2013 CONFORME AL D.M. 270

FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/2013 CONFORME AL D.M. 270 4 FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 20/2013 CONFORME AL D.M. 270 Il Consiglio della Facoltà di Ingegneria, nella seduta del 31 maggio 20, ha approvato il seguente Manifesto annuale degli

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Fondamenti di Informatica Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Perché studiare informatica? Perché l informatica è uno dei maggiori settori industriali, e ha importanza strategica Perché, oltre

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Architettura d interni Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automaticih PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Scheda informativa sui titoli e diplomi della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana

Scheda informativa sui titoli e diplomi della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Scheda informativa sui titoli e diplomi della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Il presente documento è stato redatto e adattato in modo semplificato sulla base della Scheda informativa

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SCIENZE INTEGRATE FISICA Classi 1AP (L. Stroppa S. Bani) 1BP (L. Buono P. Ramundo) A.S.

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SCIENZE INTEGRATE FISICA Classi 1AP (L. Stroppa S. Bani) 1BP (L. Buono P. Ramundo) A.S. !" #$%&'((&) #$%&!*(& #+#,-$%./$$011 e-mail: 23$4$23$&$/& sito: 555&$23$&$/& pec: 6*47(&*08$& Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI INDIRIZZO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE TELECOMUNICAZIONI Utilizzare consapevolmente gli strumenti

Dettagli

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Disciplina:... Anno scolastico: 20.../20... Classe/i :... Docente:... DI APPRENDIMENTO SEZIONE 1 Premesse matematiche Nozioni fondamentali sui sistemi di numerazione Sistemi di numerazione in base diversa

Dettagli

Maturità professionale

Maturità professionale situazione gennaio 2008 telefono fax e-mail internet Repubblica e CantoneTicino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della formazione professionale viavergiò 18 cp 367 6932

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Conservazione e restauro

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Conservazione e restauro Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Conservazione e restauro Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

lcosmo@dsi.unive.it Computer Vision, in particolare Nonrigid Matching.

lcosmo@dsi.unive.it Computer Vision, in particolare Nonrigid Matching. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome COSMO LUCA Indirizzo 6, VIA ACHILLE GRANDI, 31038 PAESE, TREVISO, ITALIA Telefono +39 349 1580861 E-mail lcosmo@dsi.unive.it Nazionalità

Dettagli

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento scienze aziendali e sociali Centro competenze tributarie SUPSI Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime 1

Dettagli

Lezioni frontali. Riprendere i concetti basilari del processore utilizzato e la programmazione a basso livello

Lezioni frontali. Riprendere i concetti basilari del processore utilizzato e la programmazione a basso livello Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2012-2013 Classe 4^ MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime 1 Informazioni tecniche Ammissione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, FISICA e INFORMATICA

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, FISICA e INFORMATICA LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO SEZIONE SPORTIVA LICEO CLASSICO FEDERICO QUERCIA Distretto n. 14 Via Gemma, 54 81025 MARCIANISE DIPARTIMENTO DI MATEMATICA,

Dettagli

414.713.1 Convenzione tra Confederazione e Cantoni sullo sviluppo dei cicli di studio master delle scuole universitarie professionali

414.713.1 Convenzione tra Confederazione e Cantoni sullo sviluppo dei cicli di studio master delle scuole universitarie professionali Convenzione tra Confederazione e Cantoni sullo sviluppo dei cicli di studio master delle scuole universitarie professionali (Convenzione per i master alle SUP) del 24 agosto 2007 (Stato 1 ottobre 2007)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA Sistemi A.S. 2014/15 X di dipartimento DOCENTI: Domenica LACQUANITI e Mario DE BERNARDI Classe 5^ inf/ SERALE 1) PREREQUISITI Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione funzionale,

Dettagli

Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI

Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI Docente Materia Classe Mugno Eugenio Matematica 1F Programmazione Preventiva Anno Scolastico 2012/2013 Data 25/11/2012 Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI conoscere il concetto di numero intero; conoscere

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, delle Infrastrutture e dell Energia Sostenibile Corso di laurea:

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, delle Infrastrutture e dell Energia Sostenibile Corso di laurea: Nome insegnamento: Sistemi Operativi e Basi di Dati (Corso Integrato) Dipartimento: Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, delle Infrastrutture e dell Energia Sostenibile Corso di laurea: Ingegneria

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Elettronica Introduzione

Elettronica Introduzione Elettronica Introduzione Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Introduzione 4 marzo 2015 Valentino Liberali (UniMI) Elettronica

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA DIPARTIMENTO DI ARTE COREUTICA Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI SULL ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI STUDIO CAPO I - Generalità,

Dettagli