Detrazione fiscale 55%

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Detrazione fiscale 55%"

Transcript

1 Istruzioni per l uso Detrzione fiscle 55% Gli interventi gevolti, le spese detribili, gli dempimenti edizione 2009

2 Crissimi Soci, poco dopo l pubbliczione dell prim edizione dell opuscolo ANGAISA Istruzioni per l uso, dedicto ll detrzione fiscle del 55% sugli interventi finlizzti l risprmio energetico, nel novembre scorso, l prim versione del decreto nti-crisi (n. 185/2008) sembrv destint introdurre pesnti restrizioni ll possibilità di vvlersi di questi importnti incentivi. In prticolre, si prevedev l necessità di un ssenso esplicito e preventivo dell Agenzi delle Entrte, richiesto perfino con vlenz retrottiv, per poter fruire dell detrzione sulle spese già effettute nel corso del L intervento immedito di tutte le principli ssocizioni di ctegori rppresenttive del settore dell edilizi e delle filiere d esso collegte, h consentito di eliminre quegli spetti del provvedimento che ne vrebbero, di ftto, fortemente limitto l efficci e l possibilità di fruizione d prte dei contribuenti. I consolidti rpporti di collborzione esistenti con lcune delle principli Associzioni industrili di settore, h inoltre consentito d ANGAISA di prtecipre ttivmente d lcune inizitive volte fvorire l dozione di ulteriori semplificzioni, nelle procedure pplictive dell detrzione, che sono stte ccolte dl Governo e di cui dimo conto in quest nuov edizione ggiornt delle Istruzioni per l uso sul 55%. L opuscolo present un qudro completo degli interventi che consentono ttulmente di vvlersi degli incentivi: come è ormi noto, si trtt di interventi che vnno dll riqulificzione energetic integrle dei fbbricti, ll sostituzione di impinti di climtizzzione invernle, dll instllzione di pnnelli solri per l produzione di cqu cld ll relizzzione di coperture o pvimenti e finestre comprensive di infissi con bss trsmittnz termic. Come già vvenuto per l precedente edizione, nche in questo cso bbimo ritenuto opportuno presentre un qudro completo ed esustivo degli stndrd energetici richiesti e delle procedure d seguire per istruire correttmente l prtic, tenendo conto dei più recenti chirimenti forniti si dll Agenzi delle Entrte, che dll ENEA. Per evidenti limiti di spzio, l opuscolo si limit presentre le linee guid opertive delle nuove gevolzioni, rinvindo ove necessrio ll lettur dell normtiv di riferimento e delle reltive circolri ministerili; tle proposito ricordimo che tutte le ziende ssocite possono ccedere ll re riservt dedict lle Normtive Tecniche/Rendimento Energetico, ll interno dell qule è stt cret un specific sezione dedict ll detrzione fiscle del 55%, che contiene fr l ltro i testi integrli di tutti i principli provvedimenti normtivi sino d oggi emnti. Come sempre i Soci potrnno comunque sottoporre ll Associzione, vi fx o e-mil, eventuli quesiti e/o richieste di pprofondimento. UFFICIO NORMATIVE Dr. Corrdo Oppizzi IL SEGRETARIO GENERALE Dr. Arch. Ginni Mri L'elborzione del testo è stt relizzt cur di ANGAISA fini informtivi e divulgtivi e non può comportre specifiche responsbilità per eventuli involontri errori o inesttezze. Milno, ottobre 2009

3

4 Sommrio L detrzione fiscle. Crtteristiche e modlità opertive pg. 1 I soggetti mmessi ll detrzione pg. 4 Sommrio Gli edifici interessti dll gevolzione pg. 5 Gli interventi gevolti e le spese detribili ) interventi di riqulificzione energetic pg. 7 b) interventi sull involucro edilizio (strutture e infissi) pg. 11 c) instllzione di pnnelli solri pg. 15 d) sostituzione impinti di climtizzzione invernle pg. 17 Gli dempimenti 1) i pgmenti pg. 23 2) le ftture pg. 23 3) l sseverzione del tecnico bilitto pg. 23 4) l certificzione energetic pg. 24 5) l sched tecnic informtiv pg. 35 6) l spedizione dei documenti ll ENEA pg. 40 7) l spedizione dell comuniczione ll Agenzi delle Entrte pg. 40 8) i documenti d conservre pg. 41 ANGAISA rppresent l Ctegori nell mbito delle Istituzioni Itline derendo ll Confcommercio - Imprese per l Itli, Confederzione Generle Itlin delle Imprese, delle Attività Professionli e del Lvoro Autonomo.

5

6 L detrzione fiscle. Crtteristiche e modlità pplictive. L legge 27 dicembre 2006 n. 296 (finnziri 2007), nel qudro delle misure di politic energeticombientle, h introdotto specifiche gevolzioni fiscli per l relizzzione di lcuni interventi volti l contenimento dei consumi energetici, relizzti su edifici esistenti. L gevolzione consiste nel riconoscimento di un detrzione di impost nell misur del 55 per cento delle spese sostenute, pplicbile i fini dell determinzione delle imposte sul reddito (IRPEF, Impost sul reddito delle persone fisiche, o IRES, Impost sul reddito delle società). L finnziri 2007 prevedev che l detrzione si potesse clcolre sulle spese effettute entro il 31 dicembre 2007; l successiv mnovr finnziri 2008 (legge 24 dicembre 2007 n. 244) h prorogto il periodo di vlidità dell detrzione 55% fino tutto il 31 dicembre 2010, mplindo ulteriormente l mbito pplictivo dell detrzione. Più precismente: ) per i contribuenti non titolri di reddito di impres (persone fisiche, enti non commercili, esercenti rti e professioni) sono detribili le spese per le quli il pgmento è effettuto medin- te bonifico bncrio o postle entro il 31 dicembre 2010; b) per i contribuenti titolri di reddito di impres, per i quli i lvori ineriscono ll esercizio dell ttività commercile, sono detribili le spese imputbili nei vri periodi di impost fino quello in corso l 31 dicembre L rticolo 29, comm 6, del decreto legge n. 185 del (convertito in legge con L. n. 2/2009 del ) h modificto le modlità di fruizione delle detrzioni, stbilendo che per le spese sostenute decorrere dl 1 gennio 2009 l detrzione dell impost lord deve essere riprtit in cinque rte nnuli di pri importo. Ricordimo che, mentre l detrzione sulle spese effettute entro il dovev necessrimente essere riprtit su tre rte nnuli di pri importo, per le spese sostenute nel corso del 2008 l detrzione potev essere riprtit d tre fino un numero mssimo di dieci rte di pri importo, scelt del contribuente (scelt irrevocbile, d tture ll tto dell prim detrzione effettut). Nel cso in cui l intervento consist nell mer prosecuzione di nloghi interventi effettuti sullo stesso L detrzione fiscle 1

7 L detrzione fiscle immobile prtire dll nno 2007, i fini del computo del limite mssimo di detrzione, si dovrà tenere conto nche delle detrzioni fruite negli nni precedenti. Gli interventi presi in considerzione dll normtiv e che ttulmente consentono di ottenere l gevolzione fiscle sono i seguenti: riqulificzione energetic, cioè interventi finlizzti migliorre il rendimento energetico degli edifici; interventi sugli involucri degli edifici: interventi finlizzti ll riduzione dell trsmittnz termic medinte lvori reltivi strutture opche verticli e orizzontli, fornitur e pos in oper di mterile coibente, fornitur di nuove finestre comprensive di infissi, ecc.; instllzione di pnnelli solri per l produzione di cqu cld per usi domestici, industrili, piscine, strutture sportive e cse di ricovero e cur, istituti scolstici e università; sostituzione di impinti di climtizzzione invernle con impinti dotti di cldie condenszione; sostituzione di impinti di climtizzzione invernle con impinti dotti di pompe di clore d lt efficienz e con impinti geotermici bss entlpi (cioè i sistemi che ricvno energi dl sottosuolo). L rt. 1, comm 351, dell legge n. 296 del , prevedev inoltre un ipotesi prticolre di detrzione reltiv interventi di relizzzione di nuovi edifici o nuovi complessi di edifici. A fronte di un volumetri complessiv superiore metri cubi, con dt di inizio lvori entro il 31 dicembre 2007 e termine entro i tre nni successivi, e del conseguimento di un vlore limite di fbbisogno di energi primri nnuo per metro qudrto di superficie utile dell'edificio inferiore di lmeno il 50 per cento rispetto i vlori riportti nell'llegto C, numero 1), tbell 1, nnesso l decreto legisltivo 19 gosto 2005, n. 192, nonché del fbbisogno di energi per il condizionmento estivo e l'illuminzione, l finnziri 2007 stbiliv il diritto un contributo pri l 55 per cento degli extr costi sostenuti per conseguire il predetto vlore limite di fbbisogno di energi, incluse le mggiori spese di progettzione. Perltro, come recentemente confermto dll ENEA, tle gevolzione deve ritenersi per il momento non opernte, non essendo ncor stto emnto il reltivo decreto ttutivo. Recentemente, l Agenzi delle Entrte h ribdito che un delle condizioni fondmentli per poter fruire dell detrzione fiscle 55%, per tutti gli interventi gevolbili d eccezione dell instllzione di pnnelli solri, rest l presenz di impinti di riscldmento funzionnti negli mbienti in cui si relizz l intervento finlizzto l risprmio energetico. A tle proposito l Agenzi conferm che nche un 2

8 semplice impinto costituito d tre cmini ed un stuf fiss, con potenz complessiv l focolre superiore i 15 kw, deve essere considerto, i fini dell normtiv 55%, impinto termico. Viene inftti richimt l definizione contenut nel decreto legisltivo n. 311 del ( Disposizioni correttive ed integrtive l d. lgs. 19 gosto 2005 n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE reltiv l rendimento energetico nell edilizi ). L definizione di cui l punto 14, llegto A, stbilisce che per impinto termico si intende un impinto tecnologico destinto ll climtizzzione estiv ed invernle degli mbienti con o senz produzione di cqu cld per gli stessi usi, comprendente eventuli sistemi di produzione, distribuzione e utilizzzione del clore nonché gli orgni di regolzione e di controllo; sono compresi negli impinti termici gli impinti individuli di riscldmento, mentre non sono considerti impinti termici pprecchi quli: stufe, cminetti, pprecchi per il riscldmento loclizzto d energi rdinte, scldcqu unifmiliri; tli pprecchi, se fissi, sono tuttvi ssimilti gli impinti termici qundo l somm delle potenze nominli del focolre degli pprecchi l servizio dell singol unità immobilire è mggiore o ugule 15 kw. Il limite mssimo di detrzione deve intendersi riferito ll unità immobilire oggetto dell intervento e, pertnto, ndrà suddiviso tr i soggetti detentori o possessori dell immobile che prtecipno ll spes, in rgione dell onere d ciscuno effettivmente sostenuto. Con specifico riferimento gli interventi di riqulificzione energetic, gli interventi condominili si intendono riferiti ll intero edificio e non prti di edificio. E espressmente previst l non cumulbilità con le ltre gevolzioni concesse per le stesse opere: pertnto in presenz di interventi che potrebbero fruire si dell detrzione fiscle del 36% che di quell del 55%, il contribuente potrà vvlersi, per le medesime spese, solmente di un delle misure gevoltive rispettndo gli dempimenti specificmente previsti in relzione ciscun di esse. Inoltre, il D.M. 6 gosto 2009 h ribdito che l detrzione 55% non è cumulbile con il premio per impinti fotovoltici bbinti d uso efficiente dell energi di cui ll rt. 7 del decreto ministerile 19 febbrio 2007 (cd. conto energi ). Ricordimo che l detrzione è portt riduzione dell impost lord dovut dl contribuente. Come già previsto per l detrzione fiscle del 36%, l gevolzione rest mmess entro il limite che trov cpienz nell impost nnu derivnte dll dichirzione dei redditi (di conseguenz, l somm eventulmente eccedente non può essere chiest rimborso). Per qunto rigurd le specifiche procedure d seguire l fine di poter fruire dell detrzione, L detrzione fiscle 3

9 L detrzione fiscle v innnzitutto ricordto che l legge n. 296/2006 prevedev un rinvio generico lle indiczioni reltive ll detrzione fiscle 36% per interventi di ristrutturzione edilizi, con lcune deroghe; nei prgrfi seguenti verrnno sintetizzti i singoli pssggi opertivi, tenendo conto dei principli chirimenti forniti dll ENEA, dll Agenzi delle Entrte, dl Ministero dell Economi e Finnze e dl Ministero dello Sviluppo Economico. V inoltre precisto che (come puntulizzto dl decreto ministerile 7 prile 2008) i prmetri di risprmio energetico d prendere in considerzione i fini delle detrzioni fiscli 55% restno quelli previsti dll normtiv vigente ll dt di inizio dei lvori. Di conseguenz per i lvori iniziti nel periodo di impost in corso l 31 dicembre 2007 si pplicno i prmetri previsti dll rt. 1, commi 344 e 345 dell legge n. 296/2006. Per i lvori iniziti prtire dl periodo di impost in corso l 31 dicembre 2008 si pplicno i prmetri di cui l decreto del Ministro dello sviluppo economico 11 mrzo 2008, pubblicto nell Gzzett Ufficile n. 66 del 18 mrzo I soggetti mmessi ll detrzione L detrzione del 55% è rivolt tutti i soggetti residenti e non residenti, nche se titolri di reddito di impres, che possiedono, qulsisi titolo, l immobile presso il qule vengono effettuti gli interventi. I soggetti mmessi fruire dell detrzione sono puntulmente individuti dll rt. 2 del decreto ministerile 19 febbrio 2007: 1) le persone fisiche, compresi gli esercenti rti e professioni; 2) i contribuenti che conseguono reddito d'impres (persone fisiche, società di persone, società di cpitli); 3) gli enti pubblici e privti che non svolgono ttività commercile; 4) le ssocizioni tr professionisti. Tutti i soggetti indicti possono fruire dell detrzione condizione che sostengno le spese e che queste sino rimste loro crico. Inoltre devono possedere o detenere l'immobile in bse d un titolo idoneo che può consistere nell proprietà o nell nud proprietà, in un diritto rele o in un contrtto di loczione, nche finnziri, o di comodto. Non ssumono rilievo i fini dell detrzione i cnoni di lesing ddebitti ll'utilizztore. Sono mmessi fruire dell detrzione nche i fmiliri (coniuge, prenti entro il terzo grdo e ffini entro il secondo grdo) conviventi con il possessore o detentori dell'immobile oggetto dell'intervento, che sostengono le spese per l relizzzione dei lvori. Con l risoluzione n. 340/E del 1 gosto 2008 l Agenzi delle Entrte h ribdito che il beneficio rest comunque riservto ll utilizztore finle dell immobile interessto di lvori. Di conseguenz non possono essere presi in considerzione, i fini 4

10 dell ppliczione dell detrzione 55%, gli interventi effettuti d società immobiliri o imprese di costruzione finlizzte l migliormento energetico di edifici destinti successiv commercilizzzione. Nel cso di trsferimento per tto tr vivi dell unità immobilire residenzile sull qule sono stti relizzti gli interventi gevolbili, le quote residue dell detrzione (non utilizzte dl cedente) spettno ll cquirente person fisic. In cso di decesso del contribuente titolre dell detrzione, l stess si trsmette esclusivmente gli eredi che conservno l detenzione mterile e dirett dell immobile. In entrmbi i csi, l cquirente ovvero gli eredi possono rideterminre il numero delle quote in cui riprtire l detrzione residu. Gli edifici interessti dll gevolzione Come precisto nell circolre Agenzi Entrte n. 36 del , l detrzione fiscle 55% interess i fbbricti pprtenenti qulsisi ctegori ctstle (nche rurle), compresi quindi, quelli strumentli (per ttività d impres o professionle). Gli interventi gevolbili devono comunque rigurdre edifici esistenti o prti degli stessi: l finlità dell norm è inftti quell di potenzire ulteriormente l preesistente incentivzione fiscle sulle ristrutturzioni edilizie (detrzione 36%) per fvorire l riqulificzione energetic, escludendo quindi gli interventi effettu- ti durnte l fse di costruzione dell immobile. L prov dell esistenz dell edificio si intende fornit dll iscrizione dello stesso in ctsto, oppure dll richiest di cctstmento, nonché dl pgmento dell ICI, se dovut. V sottolineto che in relzione d lcune tipologie degli interventi gevolbili (vedi successivo cpitolo Gli interventi gevolti e le spese detribili ) gli edifici dovrnno necessrimente presentre specifiche crtteristiche, quli, d esempio: 1) essere già dotti di un impinto di riscldmento, presente nche negli mbienti oggetto dell intervento, per qunto concerne tutti gli interventi gevolbili, d eccezione dell instllzione dei pnnelli solri; 2) nelle ristrutturzioni per le quli è previsto il frzionmento dell unità immobilire, con conseguente umento del numero delle stesse, il beneficio è comptibile unicmente con l relizzzione di un impinto termico centrlizzto servizio delle suddette unità; 3) nel cso di ristrutturzioni con demolizione e ricostruzione si può ccedere ll incentivo solo nel cso di fedele ricostruzione (vengono mntenute l stess sgom e l stess volumetri preesistenti); restno sempre esclusi gli interventi reltivi i lvori di mplimento. L detrzione fiscle 5

11

12 Gli interventi gevolti e le spese detribili. Interventi di riqulificzione energetic di edifici esistenti (Art. 1, comm 344, legge n. 296/2006). Vlore mssimo dell detrzione pri (55% di un spes pri ,18). Sono gevolti gli interventi di riqulificzione energetic di edifici esistenti, che permettono il rggiungimento di un indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle inferiore di lmeno il 20 per cento rispetto i vlori riportti nell llegto A del decreto ministerile 11 mrzo 2008, pubblicto nell Gzzett Ufficile n. 66 del 18 mrzo 2008, per qunto rigurd gli interventi effettuti dl 1 gennio 2008 l 31 dicembre L prestzione energetic di un edificio è l quntità di energi nnu necessri ll edificio, nell ipotesi di un utilizzo stndrd dello stesso, per i bisogni connessi ll climtizzzione (invernle ed estiv), l produzione di cqu cld snitri, l ventilzione e l illuminzione. L circolre dell Agenzi delle Entrte n. 36 del h precisto che l indice di risprmio che deve essere conseguito deve essere clcolto in riferimento l fbbisogno energetico dell intero edificio e non quello delle singole porzioni immobiliri che lo compongono. Per quest tipologi di intervento non viene specificto quli opere o quli impinti occorre relizzre per rggiungere le prestzioni energetiche indicte. L intervento è definito in funzione del risultto che lo stesso deve conseguire in termini di riduzione del fbbisogno nnuo di energi primri per l climtizzzione invernle, che rppresent l quntità di energi primri globlmente richiest, nel corso di un nno, per mntenere negli mbienti riscldti l tempertur di progetto, in regime di ttivzione continuo (d. lgs. n. 192/2005). Possono essere ricondotte ll riqulificzione energetic tutte le spese connesse l migliormento dell prestzione energetic complessiv dell edificio, ivi comprese quelle reltive : prestzioni professionli necessrie per l relizzzione degli interventi (nche quelle sostenute per cquisire l certificzione energetic); fornitur e pos in oper di mterili di coibentzione e di impinti di climtizzzione; relizzzione di opere murrie. Vi rientrno inoltre, titolo esemplifictivo: sostituzione o instllzione di impinti di climtizzzione invernle nche con genertori di clore Riqulificzione energetic 7

13 Riqulificzione energetic non condenszione, con pompe di clore, con scmbitori per teleriscldmento, con cldie biomsse, impinti di cogenerzione, rigenerzione, impinti geotermici e interventi di coibentzione. Alcuni degli interventi effettuti i fini dell riqulificzione energetic dell edificio potrebbero presentre le crtteristiche di ltre opere gevolbili i fini dell detrzione fiscle 55% (es. interventi su strutture opche o infissi): in questi csi non srà possibile fr vlere utonommente nche le detrzioni per specifici lvori che incidno comunque su livelli di climtizzzione invernle, i quli devono ritenersi compresi, i fini dell individuzione del limite mssimo di detrzione spettnte, nell intervento più generle. Biomsse combustibili. Il decreto ministerile 11 mrzo 2008 h precisto che, nel cso in cui l'intervento di riqulificzione energetic includ l sostituzione di impinti di climtizzzione invernle con impinti dotti di genertori di clore limentti d biomsse combustibili, i medesimi genertori di clore limentti d biomsse combustibili devono contestulmente rispettre le seguenti ulteriori condizioni: ) vere un rendimento utile nominle minimo conforme ll clsse 3 di cui ll norm Europe UNI- EN 303-5; b) rispettre i limiti di emissione di cui ll'llegto IX ll prte quint del decreto legisltivo 3 prile 2006, n. 152, e successive modifiche e integrzioni, ovvero i più restrittivi limiti fissti d norme regionli, ove presenti; c) utilizzre biomsse combustibili ricdenti fr quelle mmissibili i sensi dell'llegto X ll prte quint del medesimo decreto legisltivo 3 prile 2006, n. 152, e successive modifiche e integrzioni. Ai soli fini dell'ccesso ll detrzione fiscle 55% legt d interventi di riqulificzione energetic degli edifici, per il clcolo dell'indice di prestzione energetic conseguente ll'instllzione di genertori di clore biomsse che rispettno i vlori minimi prestzionli sopr indicti, il potere clorifico dell biomss viene considerto pri zero. 8

14 Vlori limite dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle. Allegto A Decreto Ministro Sviluppo Economico dell 11 mrzo 2008 Vlori pplicbili fino l 31 dicembre 2009 (per interventi iniziti prtire dl 1 gennio 2008) ) Edifici residenzili dell clsse E1 (clssificzione rt. 3 DPR 412/93), esclusi collegi, conventi, cse di pen e cserme Tb. 1 Vlori limite dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle, espresso in kwh/m2 nno Riqulificzione energetic Rpporto di form dell edificio S/V ZONA CLIMATICA A B C D E F fino oltre ,2 8,5 8,5 12,8 12,8 21,3 21, ,8 46,8 0, b) Tutti gli ltri edifici Tb. 2 Vlori limite dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle, espresso in kwh/m3 nno Rpporto di form dell edificio S/V ZONA CLIMATICA A B C D E F fino oltre ,2 2,0 2,0 3,6 3, ,6 9,6 12,7 12,7 0,9 8,2 8,2 12,8 12,8 17,3 17,3 22,5 22,

15 Riqulificzione energetic Vlori limite dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle. Allegto A Decreto Ministro Sviluppo Economico dell 11 mrzo 2008 Vlori pplicbili dl 1 gennio 2010 ) Edifici residenzili dell clsse E1 (clssificzione rt. 3 DPR 412/93), esclusi collegi, conventi, cse di pen e cserme Tb. 3 Vlori limite dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle, espresso in kwh/m2 nno Rpporto di form dell edificio S/V ZONA CLIMATICA A B C D E F fino oltre ,2 7,7 7,7 11,5 11,5 19,2 19,2 27,5 27,5 37,9 37,9 0,9 32,4 32,4 43,2 43,2 61,2 61,2 71,3 71,3 94,0 94,0 b) Tutti gli ltri edifici Tb. 4 Vlori limite dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle, espresso in kwh/m3 nno Rpporto di form dell edificio S/V ZONA CLIMATICA A B C D E F fino oltre ,2 1,8 1,8 3,2 3,2 5,4 5,4 7,7 7,7 10,3 10,3 0,9 7,4 7,4 11,5 11,5 15,6 15,6 18,3 18,3 25,1 25,1 10

16 Gli interventi gevolti e le spese detribili. Interventi sull involucro edilizio - strutture opche e infissi (Art. 1, comm 345, legge n. 296/2006) Vlore mssimo dell detrzione pri (55% di un spes pri ,90). Sono gevolti gli interventi finlizzti l migliormento termico di edifici esistenti, prti di edifici esistenti o unità immobiliri esistenti; gli interventi, che possono rigurdre strutture opche verticli (preti generlmente esterne), strutture opche orizzontli (coperture e pvimenti), finestre comprensive di infissi, delimitnti il volume riscldto, verso l esterno o verso vni non riscldti, devono grntire l ottenimento dei requisiti di trsmittnz termic U, espress in W/m2K, previsti dlle tbelle di cui ll llegto B del decreto ministerile 11 mrzo 2008 (reltivi d interventi effettuti dl 1 gennio 2008 l 31 dicembre 2010). Per trsmittnz termic si deve intendere il flusso di clore che pss ttrverso un prete per metro qudro di superficie dell prete stess e per grdo K di differenz tr l tempertur intern d un locle e l tempertur estern o del locle ttiguo. Per qunto rigurd gli interventi reltivi finestre comprensive di infissi, si precis che gli infissi devono ritenersi comprensivi nche delle strutture ccessorie che hnno effetto sull dispersione di clore quli, d esempio scuri o persine, o che risultino strutturlmente ccorpte l mnuftto quli, d esempio, cssonetti incorporti nel telio dell infisso. Le spese mmesse sono quelle che rigurdno l fornitur e l mess in oper del mterile coibente e di mterili ordinri per il migliormento delle crtteristiche termiche delle preti esistenti; l demolizione e ricostruzione dell elemento; l sostituzione complet dell vecchi finestr con un nuov, comprensiv di infisso; il migliormento delle crtteristiche termiche dei componenti vetrti esistenti con integrzioni e sostituzioni. In bse i chirimenti forniti dll ENEA, possono ritenersi comprese nche le spese reltive ll sostituzione dell port di ingresso, si nel cso che quest non bbi superfici trsprenti o vetrte, si nel cso in cui vi si un prte vetrt come, d esempio, un portfinestr. Fonti ministerili hnno precisto che in entrmbi i csi i vlori di trsmittnz d rispettre possono Involucro Edilizio 11

17 Involucro Edilizio essere considerti pri quelli delle finestre comprensive di infissi di cui ll llegto B del D.M. 11 mrzo Non è sufficiente l semplice sostituzione degli infissi o il rifcimento delle preti, qulor questi sino originrimente già conformi gli indici di trsmittnz termic prescritti, m è necessrio che seguito dei lvori tli indici si riducno ulteriormente. Restno compresi nell mbito di ppliczione dell gevolzione le opere edilizie connesse con l intervento di risprmio energetico e le prestzioni professionli necessrie per l relizzzione degli interventi. L rt. 7 del decreto ministerile 19 febbrio 2007 h stbilito che in cso di sostituzione di finestre comprensive di infissi l sseverzione del tecnico bilitto, ttestnte l rispondenz dell intervento i pertinenti requisiti tecnici (vedi cpitolo Gli dempimenti ), può essere sostituit d un certificzione dei produttori di detti elementi, che ttesti il rispetto dei medesimi requisiti, corredt dlle certificzioni dei singoli componenti rilscite nel rispetto dell normtiv europe in mteri di ttestzione di conformità del prodotto. L mnovr finnziri 2008 (legge n. 244/2007) h inoltre introdotto un importnte semplificzione livello procedurle (vedi successivo cpitolo Gli dempimenti ) prevedendo l esonero, con efficci dl 1 gennio 2008, dll redzione dell ttestto di qulificzione energetic (o dell ttestto di certificzione energetic) per l sostituzione di finestre comprensive di infissi in singole unità immobiliri. 12

18 Vlori limite dell trsmittnz termic. Allegto B Decreto Ministro Sviluppo Economico dell 11 mrzo 2008 Vlori pplicbili dl 1 gennio 2008 l 31 dicembre 2009 per tutte le tipologie di edifici Tbell 1. Vlori limite dell trsmittnz termic utile U delle strutture componenti l involucro edilizio espress in (W/m2K) Zon climtic Strutture opche verticli Strutture opche orizzontli o inclinte Coperture Pvimenti (*) Finestre comprensive di infissi Involucro Edilizio A 0,62 0,38 0,65 4,6 B 0,48 0,38 0,49 3,0 C 0,40 0,38 0,42 2,6 D 0,36 0,32 0,36 2,4 E 0,34 0,30 0,33 2,2 F 0,33 0,29 0,32 2,0 (*) Pvimenti verso locli non riscldti o verso l esterno. Vlori pplicbili dl 1 gennio 2010 per tutte le tipologie di edifici Tbell 2. Vlori limite dell trsmittnz termic utile U delle strutture componenti l involucro edilizio espress in (W/m 2 K) Zon climtic Strutture opche verticli Strutture opche orizzontli o inclinte Coperture Pvimenti (*) Finestre comprensive di infissi A 0,56 0,34 0,59 3,9 B 0,43 0,34 0,44 2,6 C 0,36 0,34 0,38 2,1 D 0,30 0,28 0,30 2,0 E 0,28 0,24 0,27 1,6 F 0,27 0,23 0,26 1,4 (*) Pvimenti verso locli non riscldti o verso l esterno. 13

19

20 Gli interventi gevolti e le spese detribili. Instllzione di pnnelli solri (Art. 1, comm 346, legge n. 296/2006) Vlore mssimo dell detrzione pri (55% di un spes pri ,90). L gevolzione rigurd l'instllzione di pnnelli solri per l produzione di cqu cld per usi domestici o industrili e per l copertur del fbbisogno di cqu cld in piscine, strutture sportive, cse di ricovero e cur, istituti scolstici e università. Tenendo conto dell finlità dell norm, si deve ritenere che l elenczione non ssum vlore esustivo m indichi che i fbbisogni soddisftti con l'impinto di produzione di cqu cld possono ttenere non soltnto ll sfer domestic o lle esigenze produttive m più in generle ll'mbito commercile, ricretivo o socio ssistenzile. Vengono prese in considerzione le spese reltive fornitur e pos in oper di tutte le pprecchiture termiche, meccniche, elettriche ed elettroniche, nonché delle opere idruliche e murrie necessrie per l relizzzione regol d rte di impinti solri termici orgnicmente collegti lle utenze, nche in integrzione con impinti di riscldmento. Restno compresi nell mbito di ppliczione dell gevolzione le prestzioni professionli necessrie per l relizzzione degli interventi. Le crtteristiche tecniche dei pnnelli solri sono stte inizilmente individute dll rt. 8 del decreto ministerile 19 febbrio 2007 e successivmente integrte e modificte dl decreto interministerile 26 ottobre E innnzitutto necessrio che i pnnelli presentino un certificzione di qulità conforme lle norme (nzionli) UNI EN o UNI EN rilscit d un lbortorio ccreditto, ovvero un certificzione di qulità conforme lle norme (europee) EN e EN recepite d un orgnismo certifictore nzionle di un Pese membro dell Unione europe o dell Svizzer. E inoltre necessrio che: i pnnelli solri e i bollitori impiegti sino grntiti per lmeno cinque nni; gli ccessori ed i componenti elettrici ed elettronici sino grntiti per lmeno due nni; l instllzione dell impinto veng eseguit in conformità i mnuli di instllzione dei principli componenti. Pnnelli Solri 15

21 Pnnelli Solri Per qunto rigurd i pnnelli relizzti in utocostruzione, seguito delle modifiche introdotte dl decreto 6 gosto 2009, è stto eliminto l obbligo di produrre l certificzione di qulità del vetro solre e delle strisce ssorbenti, secondo le norme UNI vigenti, rilscite d un lbortorio certificto, mentre rest confermt l necessità, per il soggetto beneficirio, di conseguire un ttestto di prtecipzione d uno specifico corso di formzione. L mnovr finnziri 2008 (legge n. 244/2007) h introdotto un importnte semplificzione livello procedurle (vedi successivo cpitolo Gli dempimenti ), prevedendo l esonero, con efficci dl 1 gennio 2008, dll redzione dell ttestto di qulificzione energetic (o dell ttestto di certificzione energetic) per instllzione di pnnelli solri per l produzione di cqu cld per usi domestici o industrili e per l copertur del fbbisogno di cqu cld in qulsivogli struttur, pubblic o privt. Rest confermt l tsstiv esclusione dell detrzione fiscle 55% nel cso in cui l instllzione rigurdi pnnelli fotovoltici; in questo cso, inftti, il contribuente potrà fruire degli incentivi reltivi ll energi elettric prodott (cosiddetto conto-energi ), che risultno incomptibili con le detrzioni fiscli del 36 e 55%. 16

22 Gli interventi gevolti e le spese detribili. Sostituzione impinti di climtizzzione invernle (Art. 1, comm 347, legge n. 296/2006) Attulmente possono fruire dell detrzione le seguenti tipologie di intervento. 1) Interventi di sostituzione di impinti di climtizzzione invernle con impinti dotti di cldie condenszione e contestule mess punto del sistem di distribuzione. Vengono presi in considerzione lo smontggio e dismissione dell impinto di climtizzzione invernle esistente, przile o totle, l fornitur e pos in oper di tutte le pprecchiture termiche, meccniche, elettriche ed elettroniche, delle opere idruliche e murrie necessrie per l sostituzione, regol d rte, di impinti di climtizzzione invernle con impinti dotti di cldie condenszione; sono compresi, oltre quelli reltivi i genertori di clore, nche gli eventuli interventi sull rete di distribuzione, sui sistemi di trttmento dell cqu, sui dispositivi di controllo e regolzione, nonché sui sistemi di emissione. Restno compresi nell mbito di ppliczione dell gevolzione le prestzioni professionli necessrie per l relizzzione degli interventi. L rt. 9 del decreto ministerile 19 febbrio 2007 prevede che l sseverzione del tecnico bilitto, ttestnte l rispondenz dell intervento i pertinenti requisiti tecnici (vedi successivo cpitolo Gli dempimenti ), debb specificre qunto segue: 1.1) sono instllti genertori di clore condenszione d ri o d cqu con rendimento termico utile, crico pri l 100% dell potenz termic utile nominle, mggiore o ugule log Pn, dove log Pn è il logritmo in bse 10 dell potenz utile nominle del singolo genertore, espress in kw, e dove per vlori di Pn mggiori di 400 kw si pplic il limite mssimo corrispondente 400 kw; sono instllte, ove tecnicmente comptibile, vlvole termosttiche bss inerzi termic (o ltr regolzione di tipo modulnte gente sull portt) su tutti i corpi scldnti d esclusione degli impinti di climtizzzione invernle progettti e relizzti con temperture medie del fluido termovettore inferiori 45 C.; Impinti climtizzzione invernle 17

23 Impinti climtizzzione invernle 1.2) per i soli interventi di sostituzione di impinti di climtizzzione invernle con impinti venti potenz nominle del focolre mggiori od uguli 100 kw, oltre l rispetto di qunto sopr riportto, l sseverzione del tecnico bilitto rec le seguenti ulteriori specificzioni: ) che è stto dottto un brucitore di tipo modulnte; b) che l regolzione climtic gisce direttmente sul brucitore; c) che è stt instllt un pomp di tipo elettronico giri vribili. 2) Sostituzione di impinti di climtizzzione invernle con impinti dotti di pompe di clore d lt efficienz e con impinti geotermici bss entlpi. L tipologi delle spese prese in considerzione è nlog quell di cui l precedente punto 1. L sseverzione del tecnico bilitto previst dll legge dovrà specificre che: ) per i lvori relizzti prtire dl periodo di impost in corso l 31 dicembre 2009, sono instllte pompe di clore che hnno un coefficiente di prestzione (COP) e, qulor l pprecchio fornisc nche il servizio di climtizzzione estiv, un indice di efficienz energetic (EER) lmeno pri i pertinenti vlori minimi, fissti nell llegto I del D.M. 6 gosto 2009 e riferiti ll nno 2009; b) per i lvori relizzti prtire dl periodo di impost in corso l 31 dicembre 2010 sono instllte pompe di clore che hnno un coefficiente di prestzione (COP) e, qulor l pprecchio fornisc nche il servizio di climtizzzione estiv, un indice di efficienz energetic (EER) lmeno pri i pertinenti vlori minimi, fissti nell llegto I del D.M. 6 gosto 2009 e riferiti ll nno 2010; c) il sistem di distribuzione degli impinti è messo punto ed equilibrto in relzione lle rispettive portte. N.B.: Nei csi sopr evidenziti lle lettere ) e b), qulor sino instllte pompe di clore elettriche dotte di vritore di velocità (inverter), i pertinenti vlori di cui ll llegto I sono ridotti del 5%. 3) Sostituzione integrle o przile di impinti di climtizzzione invernle con cldie NON condenszione e mess punto del sistem di distribuzione, purché le spese sino stte sostenute entro il 31 dicembre N.B.: Tle gevolzione non è ttulmente opertiv: inftti le reltive modlità dovrnno essere fisste d un pposito decreto del Ministero Economi e Finnze che non è ncor stto emnto. 18

24 Nel cso di impinti di potenz nominle del focolre, o di potenz elettric nominle, non superiore 100 kw, l sseverzione può essere sostituit d un certificzione dei produttori delle cldie condenszione e delle vlvole termosttiche bss inerzi termic, ovvero dei produttori delle pompe di clore d lt efficienz e degli impinti geotermici bss entlpi, che ttesti il rispetto dei medesimi requisiti. Le stesse detrzioni spettno nche per l trsformzione: degli impinti individuli utonomi in impinti di riscldmento centrlizzto con contbilizzzione del clore; degli impinti centrlizzti per rendere pplicbile l contbilizzzione del clore. L detrzione è invece esclus in cso di trsformzione d riscldmento centrlizzto d impinti individuli o utonomi. L rt. 31 dell legge n. 99 del h bolito l obbligo l obbligo di fr predisporre l'ttestto di qulificzione energetic, nel cso in cui vengno effettuti interventi di sostituzione di impinti di riscldmento, utilizzndo cldie condenszione. In sostnz, è stt estes nche quest tipologi di interventi l semplificzione già previst per l sostituzione di finestre comprensive di infissi in singole unità immobiliri e per l instllzione di pnnelli solri per l produzione di cqu cld per usi domestici o industrili (vedi successivo cpitolo Gli dempimenti ). Impinti climtizzzione invernle 19

25 Impinti climtizzzione invernle Prestzioni delle pompe di clore. Allegto I Decreto del Ministero Economi e Finnze del 6 Agosto 2009 Vlori minimi del coefficiente di prestzione (COP) per pompe di clore elettriche Tipo di pomp di clore Ambiente esterno/interno Ambiente esterno ( C) Ari/ri Bulbo secco ll entrt: 7 Bulbo umido ll entrt:6 Ambiente interno ( C) Bulbo secco ll entrt: 20 Bulbo umido ll entrt: 15 COP 2008/2009 COP ,8 3,9 Ari/cqu Potenz termic utile riscldmento 35 kw Bulbo secco ll entrt: 7 Bulbo umido ll entrt:6 Tempertur entrt: 30 Tempertur uscit: 35 3,9 4,1 Ari/cqu Potenz termic utile riscldmento > 35 kw Bulbo secco ll entrt: 7 Bulbo umido ll entrt:6 Tempertur entrt: 30 Tempertur uscit: 35 3,7 3,8 Slmoi/ri Tempertur entrt: 0 Bulbo secco ll entrt: 20 Bulbo umido ll entrt: 15 4,0 4,3 Slmoi/cqu Tempertur entrt: 0 Tempertur entrt: 30 Tempertur uscit: 35 4,0 4,3 Acqu/ri Tempertur entrt: 15 Tempertur uscit: 12 Bulbo secco ll entrt: 20 Bulbo umido ll entrt: 15 4,3 4,7 Acqu/cqu Tempertur entrt: 10 Tempertur entrt: 30 Tempertur uscit: 35 4,4 5,1 L prestzione deve essere misurt in conformità ll norm UNI EN 14511:2004. Al momento dell prov l pomp di clore deve funzionre pieno regime, nelle condizioni indicte nell tbell. 20

26 Prestzioni delle pompe di clore. Allegto I Decreto del Ministero Economi e Finnze del 6 Agosto 2009 Vlori minimi dell indice di efficienz energetic (EER) per pompe di clore elettriche Tipo di pomp di clore Ambiente esterno/interno Ambiente esterno ( C) Ari/ri Bulbo secco ll entrt: 35 Bulbo umido ll entrt:24 Ambiente interno ( C) Bulbo secco ll entrt: 27 Bulbo umido ll entrt: 19 EER 2008/2009 EER ,3 3,4 Impinti climtizzzione invernle Ari/cqu Potenz termic utile riscldmento 35 kw Ari/cqu Potenz termic utile riscldmento > 35 kw Bulbo secco ll entrt: 35 Bulbo umido ll entrt:24 Bulbo secco ll entrt: 35 Bulbo umido ll entrt:24 Slmoi/ri Tempertur entrt: 30 Tempertur uscit: 35 Slmoi/cqu Tempertur entrt: 30 Tempertur uscit: 35 Acqu/ri Tempertur entrt: 30 Tempertur uscit: 35 Acqu/cqu Tempertur entrt: 30 Tempertur uscit: 35 Tempertur entrt: 23 Tempertur uscit: 18 Tempertur entrt: 23 Tempertur uscit: 18 Bulbo secco ll entrt: 27 Bulbo umido ll entrt: 19 Bulbo secco ll entrt: 23 Bulbo umido ll entrt: 18 Bulbo secco ll entrt: 27 Bulbo umido ll entrt: 19 Bulbo secco ll entrt: 23 Bulbo umido ll entrt: 18 3,4 3,8 3,1 3,2 4,2 4,4 4,2 4,4 4,2 4,4 4,6 5,1 L prestzione deve essere misurt in conformità ll norm UNI EN 14511:2004. Al momento dell prov l pomp di clore deve funzionre pieno regime, nelle condizioni indicte nell tbell. 21

27 Impinti climtizzzione invernle Prestzioni delle pompe di clore. Allegto I Decreto del Ministero Economi e Finnze del 6 Agosto 2009 Vlori minimi del coefficiente di prestzione (COP) per pompe di clore gs Tipo di pomp di clore Ambiente esterno/interno Ambiente esterno ( C) Ari/ri Bulbo secco ll entrt: 7 Bulbo umido ll entrt: 6 Ari/cqu Bulbo secco ll entrt: 7 Bulbo umido ll entrt: 6 Ambiente interno ( C) (*) COP 2008/2009 COP 2010 Bulbo secco ll entrt: 20 1,42 1,46 Tempertur entrt: 30 (*) 1,34 1,38 Slmoi/ri Tempertur entrt: 0 Bulbo secco ll entrt: 20 1,55 1,59 Slmoi/cqu Tempertur entrt: 0 Tempertur entrt: 30 (*) 1,44 1,47 Acqu/ri Tempertur entrt: 10 Bulbo secco ll entrt: 20 1,57 1,60 Acqu/cqu Tempertur entrt: 10 Tempertur entrt: 30 (*) 1,52 1,56 L prestzione deve essere misurt in conformità lle norme: EN :2000 per qunto rigurd le pompe di clore gs d ssorbimento (vlori di prov sul p.c.i.) EN 14511:2004 per qunto rigurd le pompe di clore gs motore endotermico. Al momento dell prov le pompe di clore devono funzionre pieno regime, nelle condizioni indicte nell tbell. Per le pompe di clore gs endotermiche, non essendoci un norm specific, si procede in bse ll EN 14511, utilizzndo il rpporto di trsformzione primrio - elettrico = 0,4. (*) Δt: Pompe di clore d ssorbimento C - pompe di clore motore endotermico C. Vlori minimi dell indice di efficienz energetic (EER) per pompe di clore gs è pri 0,6 per tutte le tipologie. 22

28 Gli dempimenti. L procedur per fruire dell detrzione fiscle 55% è contenut nell rt. 4 del decreto ministerile , che riprende le disposizioni contenute nel D.M. n. 41 del reltivo ll detrzione fiscle 36% sugli interventi di ristrutturzione, e nell rt. 29 del decreto legge n. 185/2008 (cosiddetto decreto nticrisi ) e successivo provvedimento del Direttore Agenzi Entrte del 6 mggio ) I pgmenti. I soggetti non titolri di reddito di impres devono necessrimente effetture i pgmenti medinte bonifico bncrio o postle. I bonifici devono comprendere i seguenti elementi: l cusle del versmento (riferimento ll legge n. 296/2006), il codice fiscle del beneficirio dell detrzione, il numero di prtit IVA o il codice fiscle del soggetto fvore del qule è effettuto il bonifico. L obbligo di utilizzre tli forme di pgmento è invece escluso per i soggetti esercenti ttività di impres, in qunto il momento dell effettivo pgmento dell spes non ssume lcun rilevnz per l determinzione di tle tipologi di reddito. 2) Le ftture. L circolre dell Agenzi delle Entrte n. 36 del 31 mggio 2007 h confermto che, nlogmente qunto previsto per l detrzione fiscle del 36%, sulle ftture reltive lle prestzioni di servizi deve essere indicto il costo dell mnodoper utilizzt per l relizzzione dell intervento. 3) L sseverzione del tecnico bilitto. E necessrio cquisire l perizi ssevert di un tecnico bilitto che poss ttestre l corrispondenz degli interventi effettuti i requisiti tecnici previsti dll legge (d es. nel cso di interventi su muri o pvimenti, l ottenimento dei migliormenti richiesti in termini di trsmittnz termic delle superfici). Sono tecnici bilitti i soggetti bilitti ll progettzione di edifici ed impinti nell mbito delle competenze d essi ttribuite dll legislzione vigente, iscritti i rispettivi ordini e collegi professionli: ingegneri, rchitetti, geometri, periti industrili, dottori gronomi, dottori forestli, periti grri. Nel cso di interventi sull involucro di edifici esistenti l sseverzione dovrà specificre: Adempimenti 23

29 Adempimenti 1) il vlore dell trsmittnz termic originri del componente su cui si interviene; 2) che, successivmente ll intervento, le trsmittnze dei medesimi componenti sono inferiori o uguli i prmetri di riferimento previsti dll normtiv (vedi cpitolo Gli interventi gevolti e le spese detribili ). Per gevolre l pplicbilità dell procedur sono stte previste lcune semplificzioni, legte ll possibilità di fr sseverre le crtteristiche energetiche di determinti beni, utilizzti per l relizzzione dell intervento, direttmente di produttori; più precismente: ) cldie condenszione, vlvole termosttiche bss inerzi termic; pompe di clore d lt efficienz; impinti geotermici bss entlpi: nel cso di impinti di potenz nominle del focolre ovvero di potenz elettric nominle non superiore 100 kw, l sseverzione può essere sostituit d un certificzione del produttore che ttesti il rispetto dei prmetri di riferimento previsti dll normtiv, corredt dlle certificzioni dei singoli componenti rilscite nel rispetto dell normtiv europe in mteri di ttestzione di conformità del prodotto. b) in cso di sostituzione di fine- stre comprensive di infissi l sseverzione del tecnico bilitto, ttestnte l rispondenz dell intervento i pertinenti requisiti tecnici, può essere sostituit d un certificzione dei produttori di detti elementi, che ttesti il rispetto dei prmetri di riferimento previsti dll normtiv. In ogni cso, il recente Decreto Ministero Economi e Finnze del 6 gosto 2009 h disposto che l sseverzione del tecnico bilitto può essere: sostituit d quell res dl direttore lvori sull conformità l progetto delle opere relizzte, obbligtori i sensi dell rt. 8, comm 2, del decreto legisltivo 19 gosto 2005, n. 192, e successive modifiche e integrzioni; esplicitt nell relzione ttestnte l rispondenz lle prescrizioni per il contenimento del consumo di energi degli edifici e reltivi impinti termici, che, i sensi dell rt. 28, comm 1, dell legge 9 gennio 1991 n. 10, il proprietrio dell edificio, o chi ne h titolo, deve depositre presso le mministrzioni competenti secondo le disposizioni vigenti, in doppi copi, insieme ll denunci dell inizio dei lvori reltivi lle opere di cui gli rticoli 25 e 26 dell stess legge. 4) L certificzione energetic. L legge che h introdotto l detr- 24

30 zione del 55% prevedev l obbligo generlizzto di fr predisporre dopo l effettuzione degli interventi gevolti un ttestto di certificzione energetic dell edificio, previst dl decreto legisltivo 19 gosto 2005 n. 192, ovvero un ttestto di qulificzione energetic sseverto d un professionist bilitto, che riport i dti reltivi ll efficienz energetic dell edificio ove sono stti eseguiti i lvori. L certificzione energetic degli edifici è stt introdott in Itli dl decreto legisltivo n. 192 del 19 gosto 2005, che h recepito l direttiv europe 2002/91/CE reltiv l rendimento energetico nell edilizi. Si trtt di un documento che qulific energeticmente l edificio ttrverso l vlutzione dei suoi consumi, ed h nche lo scopo di individure e promuovere gli interventi di migliormento più efficci e convenienti. L certificzione richiede l intervento di un professionist bilitto che effettu il check-up dell edificio e, sull bse dei dti rilevti, ne clcol i consumi e ne determin l clsse energetic. Per gli interventi relizzti prtire dl periodo di impost in corso l 31 dicembre 2008, l ttestto di certificzione energetic degli edifici, se richiesto, è prodotto successivmente ll esecuzione degli interventi, utilizzndo le procedure e le metodologie di cui ll rt. 6 del decreto legisltivo 19 gosto 2005 n. 192, ovvero pprovte dlle Regioni e dlle Province utonome di Trento e Bolzno, ovvero le procedure stbilite di Comuni con proprio regolmento ntecedente ll dt dell 8 ottobre In loro ssenz, dopo l esecuzione dei lvori può essere prodotto un più semplice ttestto di qulificzione energetic in sostituzione dell certificzione ver e propri, che potrà essere predisposto in conformità llo schem riportto nell llegto A del decreto Ministero Economi e Finnze del 19 febbrio 2007 ed sseverto d un tecnico bilitto. A seguito dell recente emnzione delle ttese Linee Guid nzionli per l certificzione energetic degli edifici (D.M ttutivo del D. Lgs. 192/05) l ENEA h precisto che in mnier nlog qunto già vviene per le Regioni che hnno già legiferto in mteri, si ritiene che, ove necessrio, si debb produrre e conservre l ttestto di certificzione energetic, m, i soli fini delle detrzioni fiscli del 55%, si debb trsmettere ll ENEA solo l ttestto di qulificzione energetic ttrverso il nostro sito. Segnlimo, tle proposito, che l mnovr finnziri 2008 (legge n. 244 del ) e, successivmente, l legge n. 99 del , hnno introdotto Adempimenti 25

31 Adempimenti importnti semplificzioni in mteri. Più precismente: 1) l legge n. 244/2007 (rt. 1, comm 24) h stbilito che, prtire dgli interventi effettuti nel 2008, non è più richiest l cquisizione dell certificzione energetic dell edificio per: l sostituzione di finestre comprensive di infissi in singole unità immobiliri; l instllzione di pnnelli solri per l produzione di cqu cld. 2) l legge n. 99/2009 (rt. 31, comm 1) entrt in vigore il 15 gosto h esteso tle semplificzione nche gli interventi concernenti l sostituzione di impinti termici con cldie condenszione. L ENEA, nel prendere tto che nche in questi csi è stto così bolito l obbligo di presentre l Attestto di Qulificzione Energetic i fini del 55%, h precisto che, in ttes di ulteriori chirimenti ministerili, si possono verificre ttulmente le due seguenti ipotesi: ) contribuenti che hnno ultimto i lvori prim del : sono tenuti presentre si l llegto A (ttestto di qulificzione energetic) che l llegto E (sched informtiv) del Decreto Ministero Economi e Finnze 19 febbrio 2007; b) contribuenti che hnno ultimto i lvori prtire dl : sono tenuti presentre ll ENEA il solo llegto E (sched informtiv), ttrverso il sito e.it, lscindo in binco l llegto A e selezionndo solo l csell in clce detto llegto in cui si dichir di ver letto il tutto. L rticolo 5, comm 3, del D.M , seguito delle modifiche introdotte dl decreto 6 gosto 2009, dispone che prtire dl 25 giugno 2009 (dt di entrt in vigore del D.P.R. n. 59/2009), i clcoli per l determinzione dell indice di prestzione energetic devono essere svolti nel rispetto delle disposizioni del D.P.R. n. 59 del 2 prile In precedenz er previsto che i clcoli fossero condotti conformemente qunto previsto dll llegto I del decreto legisltivo n. 192 del 19 gosto Per determinre l indice di prestzione energetic, i fini dell ttestto di qulificzione energetic, può essere pplict l metodologi di cui ll llegto B del decreto Ministero Economi e Finnze del , nei seguenti csi: interventi su involucro di edifici esistenti; instllzione di pnnelli solri; interventi di sostituzione di impinti di climtizzzione invernle con impinti dotti 26

32 di cldie condenszione e contestule mess punto del sistem di distribuzione (limittmente ll instllzione di impinti venti un potenz nominle del focolre inferiore 100 kw). Successivmente, per interventi relizzti prtire dl periodo di impost in corso l 31 dicembre 2008 è stto introdotto lo Schem di procedur semplifict di cui ll llegto G del D.M. 7 prile 2008, d utilizzre nei seguenti csi: interventi sull involucro di edifici esistenti, prti di edifici esistenti o unità immobiliri esistenti, rigurdnti strutture opche verticli, strutture opche orizzontli (coperture e pvimenti), finestre comprensive di infissi, delimitnti il volume riscldto verso l esterno e verso vni non riscldti che rispettno i requisiti di trsmittnz termic U, espressi in W/m2 K, definiti dl decreto del Ministero dello sviluppo economico 11 mrzo 2008, pubblicto nell Gzzett Ufficile n. 66 del 18 mrzo 2008; interventi di sostituzione, integrle o przile di impinti di climtizzzione invernle con impinti dotti di cldie condenszione e contestule mess punto del sistem di distribuzione, nonché di impinti di climtizzzione invernle con impinti dotti di pompe di clore d lt efficienz e con impinti geotermici bss entlpi e contestule mess punto ed equilibrtur del sistem di distribuzione; l procedur semplifict è pplicbile qulor gli impinti instllti bbino un potenz nominle del focolre ovvero un potenz elettric nominle non superiore 100 kw. Adempimenti 27

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Decreto del Ministero dello sviluppo economico 11 mrzo 2008 Attuzione dell'rt. 1, comm 24, letter ), dell Legge 24/12/2007, n 244, per l definizione dei vlori limite di fbbisogno di energi primri nnuo

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI

RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI COME FACCIO A RISPARMIARE ENERGIA? COME FACCIO AD AVERE AGEVOLAZIONI? COME UTILIZZARE LE ENERGIE ALTERNATIVE? INSERTO A CURA DI CONFCONSUMATORI DELL EMILIA ROMAGNA Decreto

Dettagli

INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65%

INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% IN COSA CONSISTE? L gevolzione consiste nel riconoscimento di detrzioni dll impost IRPEF / IRES,

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento settembre 2010 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornmento settembre 2010 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO dicembre aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO dicembre aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento dicembre 2011 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornmento dicembre 2011 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi ggiornmento 2009 in f orm LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO AIORNATA CON IL D.L. N. 185/2008 E DECRETO DEL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DEL 6 AGOSTO 2009 l genzi in

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento settembre 2010 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm INDICE INTRODUZIONE 5 1. L AGEVOLAZIONE PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA 6 In cos consiste

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO aggiornamento l genzi ggiornmento 2009 in f orm LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornmento 2009 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE INTRODUZIONE 5 1. L AGEVOLAZIONE

Dettagli

il comma 345, in forza del quale è riconosciuta una detrazione dall imposta

il comma 345, in forza del quale è riconosciuta una detrazione dall imposta Finnziri 2007: decreto ttutivo risprmio energetico Considerto il grnde interesse rigurdnte l finnziri 2007 per il risprmio energetico pubblico il decreto ttutivo l cui interno sono presenti lcune delucidzioni

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 2014 COME OTTENERE GLI INCENTIVI SUGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

DETRAZIONI FISCALI 2014 COME OTTENERE GLI INCENTIVI SUGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI 2014 COME OTTENERE GLI INCENTIVI SUGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 2 INTRODUZIONE Le detrzioni fiscli previste dll Legge di Stbilità 2014 L Legge di Stbilità

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO luglio aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO luglio aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento luglio 2011 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornmento luglio 2011 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

APPENDICE. Attestato di qualificazione energetica (e note per la compilazione)

APPENDICE. Attestato di qualificazione energetica (e note per la compilazione) APPENDICE 1 Attestto di qulificzione energetic (e note per l compilzione) Allegto A del Decreto del Ministro dell Economi e delle Finnze del 19 febbrio 2007 2 3 Schem di procedur semplifict per l determinzione

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO: LE AGEVOLAZIONI 55%

RISPARMIO ENERGETICO: LE AGEVOLAZIONI 55% RISPARMIO ENERGETICO: LE AGEVOLAZIONI 55% Pgin stmpt dl sito internet WWW.ILMILLESIMOSRL.IT - pg. 1 Introduzione L legge finnziri per il 2007 (legge 27 dicembre 2006, n. 296) h introdotto importnti gevolzioni

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi ggiornmento 2009 in f orm LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO AIORNATA CON IL D.L. N. 185/2008 E DECRETO DEL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DEL 6 AGOSTO 2009 l genzi in

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornt con l legge finnziri 2008 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO AIORNATA CON LA LEE FINANZIARIA 2008 E IL DECRETO INTERMINISTERIALE 7 APRILE 2008 l genzi in f orm

Dettagli

LEGENDA DEI COLORI CONTENUTI NEL TESTO

LEGENDA DEI COLORI CONTENUTI NEL TESTO LEGENDA DEI COLORI CONTENUTI NEL TESTO NERO : testo del Decreto 19.02.2007 BLU : testo del Decreto 26.10.2007 VERDE : testo del Decreto 11.03.2008 ROSSO : testo del Decreto 07.04.2008 Copyright EDILCLIMA

Dettagli

Guida alle agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica. - Luglio 2009 -

Guida alle agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica. - Luglio 2009 - Guid lle gevolzioni fiscli per gli interventi di riqulificzione energetic - Appendice Guid lle gevolzioni fiscli per gli interventi di riqulificzione energetic - Luglio 2009 - APPENDICE Normtiv di legge,

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economi e delle Finnze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l rticolo 1 dell legge 27 dicembre 2006, n. 296, recnte legge finnziri per il 2007 (di seguito: legge

Dettagli

Oggetto dell'attestato

Oggetto dell'attestato DATI GENERALI Destinzione d'uso Nuov costruzione Oggetto dell'ttestto Residenzile Intero edificio Pssggio di proprietà Non residenzile Unità immobilire Loczione Gruppo di unità immobiliri Ristrutturzione

Dettagli

DI OFFERTA FORMATIVA:

DI OFFERTA FORMATIVA: Stndrd di Percorso Formtivo Corso di formzione per l bilitzione di tecnici certifictori esclusivmente in mteri di certificzione energetic degli edifici i sensi del DPR 16 prile 2013, n. 75, rt. 2, commi

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI E SOSTENIBILITÀ ENERGETICA

AGEVOLAZIONI FISCALI E SOSTENIBILITÀ ENERGETICA Mrco Codzzi AGEVOLAZIONI FISCALI E SOSTENIBILITÀ ENERGETICA NUOVE COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE Gli interventi per l riqulificzione energetic degli edifici Procedure prtiche per le detrzioni

Dettagli

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 8745 del 22 dic 2008

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 8745 del 22 dic 2008 Attività di di FORMAZIONE tecnici comunli Disposizioni inerenti ll efficienz energetic in edilizi Regione Lombrdi DGR 8745 del 22 dic 2008 BANDO CARIPLO Audit Energetico degli edifici comunli AUDIT AUDITEECERTIFICAZIONE

Dettagli

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA Fcoltà di Architettur Ing. Luc Srto Le regole per l efficienz l energetic livello nzionle e l più recente disciplin dell Regione Lombrdi. L certificzione energetic degli edifici: stto dell rte e prospettive

Dettagli

REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI. 1. Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI. 1. Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale Allegto C REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI 1. Indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle 1.1 Edifici residenzili dell Clsse E1, esclusi collegi, conventi, cse di pen e cserme Tbell 1.1

Dettagli

.TTESTATO DJ "ERGETiCA DEGLI EDIFI. Q Gruppo di unità immobiliari. Ventilazione meccanica. Prod. acqua calda sanitaria

.TTESTATO DJ ERGETiCA DEGLI EDIFI. Q Gruppo di unità immobiliari. Ventilazione meccanica. Prod. acqua calda sanitaria CODICE IDENTIHC DTI GENERLI.TTESTTO DJ "ERGETiC DEGLI EDIFI Destinzione d'uso y^ Residenzile PI Non residenzile Clssificzione D.P.it 41 2/93: il(l) bitzioni dibite o residenz con crotiere continutivo Oggetto

Dettagli

Domanda di ratei di pensione maturati e non riscossi dal pensionato deceduto

Domanda di ratei di pensione maturati e non riscossi dal pensionato deceduto All Associzione Css Nzionle di Previdenz ed Assistenz fvore dei Rgionieri e Periti commercili Vi Pincin, 35-00198 Rom DIREZIONE PREVIDENZA - AREA PRESTAZIONI Modello PR9029 Dt Domnd di rtei di pensione

Dettagli

Data. Da inviare tramite raccomandata a/r o via pec a: Io sottoscritto / a

Data. Da inviare tramite raccomandata a/r o via  pec a: Io sottoscritto / a D invire trmite rccomndt /r o vi e-mil pec : prestzioni@pec.cssrgionieri.it Io sottoscritto / All Associzione Css Nzionle di Previdenz ed Assistenz fvore dei Rgionieri e Periti commercili Vi Pincin, 35-00198

Dettagli

AVVISO LEGALE. Testo coordinato vigente al 06 settembre 2011. D.M. 19 febbraio 2007.

AVVISO LEGALE. Testo coordinato vigente al 06 settembre 2011. D.M. 19 febbraio 2007. AVVISO LEGALE Il presente testo non h crttere di ufficilità. L unico testo ufficile definitivo che prevle in cso di discordnz è quello pubblicto sull Gzzett Ufficile dell Repubblic Itlin mezzo stmp. Testo

Dettagli

PARTE SECONDA Adempimenti D.Lgs. 311/06

PARTE SECONDA Adempimenti D.Lgs. 311/06 COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NORME TRANSITORIE DI CUI AL D.LGS. N.192 DEL 19 AGOSTO 2005 E AL D.LGS. N.311 DEL 29 DICEMBRE 2006 PARTE SECONDA Adempimenti D.Lgs.

Dettagli

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO D restituire 60 giorni prim dell inizio dell evento PREVENZIONE INCENDI REZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI DATI DA COMPILARE OBBLIGATORIAMENTE A CURA DEL PARTECIPANTE:

Dettagli

TITOLO I PRINCIPI GENERALI

TITOLO I PRINCIPI GENERALI Decreto Legisltivo 19 gosto 2005 n. 192 ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/91/CE RELATIVA AL RENDIMENTO ENERGETICO NELL EDILIZIA (GU n. 222 del 23 settembre 2005 S.O. n. 158) TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

PARTE PRIMA Adempimenti D.Lgs. 192/05

PARTE PRIMA Adempimenti D.Lgs. 192/05 COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NORME TRANSITORIE DI CUI AL D.LGS. N.192 DEL 19 AGOSTO 2005 E AL D.LGS. N.311 DEL 29 DICEMBRE 2006 PARTE PRIMA Adempimenti D.Lgs.

Dettagli

Data. Da inviare tramite pec a: Io sottoscritto / a

Data. Da inviare tramite  pec a: Io sottoscritto / a D invire trmite e-mil pec : ssistenz@pec.cssrgionieri.it Io sottoscritto / All Associzione Css Nzionle di Previdenz ed Assistenz fvore dei Rgionieri e Periti commercili Vi Pincin, 35-00198 Rom DIREZIONE

Dettagli

P43. Stato del recepimento della direttiva 2002/91/CE (Rendimento energetico degli edifici) a gennaio [Country review]

P43. Stato del recepimento della direttiva 2002/91/CE (Rendimento energetico degli edifici) a gennaio [Country review] [Country review] P43 22-03-2007 Mrcello Antinucci, Ginmrio Vrl, Giulino Dll O RENAEL Itly www.buildingspltform.eu Stto del recepimento dell direttiv 2002/91/CE (Rendimento energetico degli edifici) gennio

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2010

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2010 TABELLA DEGLI ANNO 00 criteri di ppliczione. Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo le norme degli strumenti urbnistici vigenti (rt. 7 c. 0 L.R./05);

Dettagli

a a a a a a a-- REGOLAMENTO D GRADUAZONE DEGU NCARKH DllRftGENZAU Aree veterinaria sanitaria, profession&e, tecnica ed amministrathia

a a a a a a a-- REGOLAMENTO D GRADUAZONE DEGU NCARKH DllRftGENZAU Aree veterinaria sanitaria, profession&e, tecnica ed amministrathia ZSAM CCAPORME TERAMO REGOLAMENTO D GRADUAZONE DEGU NCARKH DllRftGENZAU Aree veterinri snitri, profession&e, tecnic ed mministrthi Term o, 4 prile 2017 E E -- ndice PREMESSA.3 ARTICOLO i Criteri generli

Dettagli

Il rendimento energetico in edilizia secondo il D.Lgs. 311/06

Il rendimento energetico in edilizia secondo il D.Lgs. 311/06 Il rendimento energetico in edilizi secondo il D.Lgs. 311/06 rch. Crmel Plmieri Convenzione mondile sul clim di Kyoto del 1997 Si fronteggirono tre posizioni Europ, Stti Uniti, Cin e Indi contrpposte.

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE SECONDA

Corso di Componenti e Impianti termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE SECONDA IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE ECONDA 1 I ponti termici Il ponte termico può essere definito come: un elemento di elevt conduttività inserito in un prete o elemento di prete di minore conduttività. I ponti

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2012

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2012 TABELLA DEGLI ANNO 0 criteri di ppliczione. Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo le norme degli strumenti urbnistici vigenti (rt. 7 c. 0 L.R./05).

Dettagli

Gazzetta Ufficiale 24 dicembre 2010, n. 300

Gazzetta Ufficiale 24 dicembre 2010, n. 300 Ministero del Lvoro e delle Politiche Socili Decreto ministerile 3 dicembre 2010 Gzzett Ufficile 24 dicembre 2010, n. 300 Determinzione, per l'nno 2011, delle retribuzioni convenzionli di cui ll'rticolo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA TESTO COORDINATO DECRETO LEGISLATIVO 19 gosto 2005. n. 192 Attuzione dell direttiv 2002/91/CE reltiv l rendimento energetico nell edilizi. (Coordinto con il Decreto Legisltivo 29 dicembre 2006, n.311:

Dettagli

SCIA per VARIAZIONE DEI DATI dell agenzia viaggi e turismo

SCIA per VARIAZIONE DEI DATI dell agenzia viaggi e turismo ALLEGATO B All Ufficio SUAP del Comune di Vi Cp e Città Mil pec D inoltrre mezzo Post Elettronic Certifict e con Firm Digitle secondo qunto previsto dll'rt. 2 del DPR 160/2010 e dll'rt. 3 dell L.R.10/2012

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

riqualificazione energetica degli edifici

riqualificazione energetica degli edifici riqulificzione energetic degli edifici Riqulificzione energetic degli edifici ostenibilità L impiego di risorse non rinnovbili e l produzione di inquinnti hnno superto l sogli dei limiti sostenibili dll

Dettagli

Il sottoscritto codice fiscale in qualità di 1 dell impresa/società con sede legale in 2

Il sottoscritto codice fiscale in qualità di 1 dell impresa/società con sede legale in 2 ALLEGATO 3 Dimensioni dell impres Dichirzione sostitutiv dell tto di notorietà (rt. 47 DPR 445 del 28 dicembre 2000) Il sottoscritto codice fiscle in qulità di 1 dell impres/società con sede legle in 2

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2014

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2014 TABELLA DEGLI ANNO 04 criteri di ppliczione (estrtto rt. 5ter, lett. "" del Regolmento Edilizio vigente) Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

Il nuovo calcolo. delle dispersioni termiche. Linee guida all applicazione del D.Lgs. 192/2005. A cura della redazione di BibLus-net.

Il nuovo calcolo. delle dispersioni termiche. Linee guida all applicazione del D.Lgs. 192/2005. A cura della redazione di BibLus-net. Il nuovo clcolo delle dispersioni termiche Linee guid ll ppliczione del D.Lgs. 192/2005 A cur dell redzione di BibLus-net 2 Edizione ACCA IL NUOVO CALCOLO DELLE DISPERSIONI TERMICHE Linee Guid ll ppliczione

Dettagli

ACQUISTO DI BENI DA OPERATORE BLACK LIST CON RAPPRESENTANTE FISCALE

ACQUISTO DI BENI DA OPERATORE BLACK LIST CON RAPPRESENTANTE FISCALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI ASPETTI OPERATIVI COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI CON SOGGETTI BLACK LIST ACQUISTO DI BENI DA OPERATORE BLACK LIST CON RAPPRESENTANTE FISCALE D.P.R. 26.10.1972, n. 633 - Art.

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) per VARIAZIONE DEI DATI dell agenzia viaggi e turismo

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) per VARIAZIONE DEI DATI dell agenzia viaggi e turismo ALLEGATO B All Ufficio SUAP del Comune di Vi Cp e Città Mil pec D inoltrre mezzo Post Elettronic Certifict e con Firm Digitle secondo qunto previsto dll'rt. 2 del DPR 160/2010 e dll'rt. 3 dell L.R.10/2012

Dettagli

Allegato A (Articolo 2) (1)

Allegato A (Articolo 2) (1) Allegto A (Articolo 2) (1) (1) Allegto sostituito dll'rt. 8, comm 1, D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311, decorrere dl 2 febbrio 2007, modificto dll'rt. 7, comm 1, lett. ) e b), D.M. 26 giugno 2009 e dll'rt.

Dettagli

TITOLO I Principi generali. Art. 1 (Finalità)

TITOLO I Principi generali. Art. 1 (Finalità) Decreto legisltivo 19 gosto 2005, n. 192, Attuzione dell direttiv 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizi integrto con il Decreto legisltivo 29 dicembre 2006, n. 311, Disposizioni correttive ed

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI 1. ANTICIPAZIONI 1.1. Come stbilito dl Dlgs 252/2005, l ssocito può conseguire un nticipzione sull su posizione: I) in qulsisi momento, per un importo non superiore l 75 per

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

Efficienza energetica nell edilizia Allegato, parte prima Evoluzione normativa energetica e opportunità di incentivazione per gli interventi in

Efficienza energetica nell edilizia Allegato, parte prima Evoluzione normativa energetica e opportunità di incentivazione per gli interventi in 1 Efficienz energetic nell edilizi Allegto, prte prim Evoluzione normtiv energetic e opportunità di incentivzione per gli interventi in edilizi 2 1Efficienz energetic nell edilizi Allegto, prte prim Evoluzione

Dettagli

EDILIZIA ATTESTAZIONE DI ABITABILITA AGIBILITA (ai sensi dell art. 86 Legge regionale Toscana n 1/2005)

EDILIZIA ATTESTAZIONE DI ABITABILITA AGIBILITA (ai sensi dell art. 86 Legge regionale Toscana n 1/2005) EDILIZIA ATTESTAZIONE DI ABITABILITA AGIBILITA (i sensi dell rt. 86 Legge regionle Toscn n 1/2005) comuniczione non soggett d impost di bollo MOD EDUR04 Versione del 21/01/2013 COMUNE DI ROCCALBEGNA UFFICIO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Testo coordinto D.Lgs. 192/2005 DECRETO LEGISLATIVO 19 gosto 2005, n. 192: "Attuzione dell direttiv 2002/91/CE reltiv l rendimento energetico nell edilizi" Coordinto con il Decreto Legisltivo 29 dicembre

Dettagli

Tedeschi & C. s.r.l. consulenti d'impresa

Tedeschi & C. s.r.l. consulenti d'impresa Tedeschi & C. s.r.l. consulenti d'impres Rg. Tedeschi Ugo Dott. Vergioli Riccrdo Commercilist Consulente del Lvoro Commercilist Rg. Pini Fbin Avv. Tedeschi Costnz Consulente del Lvoro Servizi legli e contrttuli

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contbilità L guid prtic contbile N. 47 14.12.2016 Le rilevzioni contbili delle ftture professionli ricevute Ctegori: Professionisti Sottoctegori: Adempimenti A cur di Micel Chiruzzi I soggetti

Dettagli

Evoluzione della legislazione sull efficienza energetica La certificazione energetica degli edifici. Ministero dello sviluppo economico

Evoluzione della legislazione sull efficienza energetica La certificazione energetica degli edifici. Ministero dello sviluppo economico COMUNE DI BERGMO Evoluzione della legislazione sull efficienza energetica La certificazione energetica degli edifici Bergamo 21 giugno 2007 Roberto MONET Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contbilità L guid prtic contbile N. 2 20.01.2016 L rinunci l credito d prte del socio Disciplin contbile e fiscle Ctegori: Ires Sottoctegori: Vrie Le disposizioni in tem di rinunci del credito

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia COORDINATO CON:

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia COORDINATO CON: Testo coordinto D.Lgs. 192/2005 e s.m.i. - Mrzo 2015 DECRETO LEGISLATIVO 19 gosto 2005, n. 192 Attuzione dell direttiv 2002/91/CE reltiv l rendimento energetico nell edilizi COORDINATO CON: DECRETO DEL

Dettagli

GESTIONE DELL ENERGIA A.A II PROVA INTERMEDIA, 11 Luglio 2007

GESTIONE DELL ENERGIA A.A II PROVA INTERMEDIA, 11 Luglio 2007 II PROVA INTERMEDIA, 11 Luglio 2007 1- Economi bst su risorse non rinnovbili. Illustrre l influenz sul prezzo del petrolio dei costi di estrzione in generle e nel cso di costi di estrzione costnti ricvre

Dettagli

Articolo del C.d.S. Superamento dei tempi di guida 174 da 150,00 a 599,00 Mancanza/cattivo funzionamento cronotachigrafo

Articolo del C.d.S. Superamento dei tempi di guida 174 da 150,00 a 599,00 Mancanza/cattivo funzionamento cronotachigrafo Confederzione Generle Itlin dei Trsporti e dell Logistic 00198 Rom - vi Pnm 62 tel.068559151-3337909556 - fx 068415576 e-mil: confetr@confetr.com - http://www.confetr.com Rom, 3 gennio 2011 Circolre n.4/2011

Dettagli

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE Mnule di supporto ll utilizzo di Sintel per stzione ppltnte FORMULE DI AGGIUDICAZIONE gin 1 di 18 Indice AZIENDA REGIONALE CENTRALE ACQUISTI - ARCA S.p.A. 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Mtrice modlità offert/modlità

Dettagli

A) AMMISSIONI DEI CACCIATORI NEI C.A.

A) AMMISSIONI DEI CACCIATORI NEI C.A. L Giunt Regionle Vist l Legge 11 febbrio 1992, n. 157 e l L.R. 4 settembre 1996, n. 70 Vist l D.G.R. n. 179-45728 dell 8/5/1995, l D.G.R. n. 32-23997 del 16/2/1998, l D.G.R. n. 1-5182 del 30/1/2002 e l

Dettagli

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale ........ Rilevzioni contbili: vecchi e nuov contbilità confronto. L ccertmento di un entrt corrente di ntur ptrimonile curdimurobellesi Dirigente Comune di Vicenz - Publicist... Premess Il cso L rubric

Dettagli

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (disposizioni di trsprenz i sensi dell rt. 2 comm 5 D.L. 29.11.2008 n. 185) Per tutte le condizioni

Dettagli

La contabilizzazione dei contributi pubblici alle imprese

La contabilizzazione dei contributi pubblici alle imprese L contbilizzzione dei contributi pubblici lle imprese Forlì, 23 mggio 2007 Fbrizio Bv Università di Torino 2007 Fbrizio Bv 2 Documenti di di riferimento Documenti di riferimento: Principio contbile nzionle

Dettagli

Copyright by Allestimenti Palladio snc

Copyright by Allestimenti Palladio snc I principli tipi d interventi mmessi ll detrzione Irpef del 36% Ecco un elenco esemplifictivo d interventi mmissibili fruire dell detrzione Irpef. In ogni cso, deve essere verifict l conformità lle normtive

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Testo coordinato del D.Lgs. n. 192/05. con tutte le modifiche legislative fino al Decreto rinnovabili (decreto 3.3.2011, n. 28)

Testo coordinato del D.Lgs. n. 192/05. con tutte le modifiche legislative fino al Decreto rinnovabili (decreto 3.3.2011, n. 28) Testo coordinto del D.Lgs. n. 192/05 con tutte le modifiche legisltive fino l Decreto rinnovbili (decreto 3.3.2011, n. 28) Copyright EDILCLIMA S.r.l. 2012 Vi Vivldi 7 28021 Borgomnero (NO) Tel. 0322.835816

Dettagli

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60 Per l Anno Scolstico 2015/2016 l Deliber di Giunt Comunle n.25 del 16.04.2015 d oggetto: Determinzione dei criteri e ppliczione delle triffe dei servizi comunli introitti dl Comune nno 2015. Ricognizione

Dettagli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli Università degli studi di Pvi Fcoltà di Economi.. 2010-20112011 Sezione 26 Anlisi dell trsprenz Giovnni Andre Toselli 1 Sezione 26 Trnszioni l di fuori dell normle gestione Operzioni sull struttur finnziri

Dettagli

Anno 2013 N. RF292. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2013 N. RF292. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2013 N. RF292 www.redzionefiscle.it ODCEC VASTO L Nuov Redzione Fiscle Pg. 1 / 6 OGGETTO IMPOSTA SOSTITUTIVA SUL TFR - VERSAMENTO ENTRO IL 16/12 RIFERIMENTI D.LGS. N. 252/2005; CM 70/2007; CIRCOLARI

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 Art. 1 - FINALITA E OGGETTO Il presente ndo disciplin le modlità per l'ssegnzione

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contbilità L guid prtic contbile N. 21 04.06.2014 Rtei e risconti Ctegori: Bilncio e contbilità Sottoctegori: Registrzioni contbili Con riferimento lle scritture di ssestmento ssume prticolre importnz

Dettagli

Circolare informativa n. 14 del 06 Ottobre 2010

Circolare informativa n. 14 del 06 Ottobre 2010 Circolre informtiv n. 14 del 06 Ottobre 2010 SISTRI L vvio del nuovo sistem informtico di controllo dell trccibilità dei rifiuti (SISTRI) è stto posticipto l 1 gennio 2011. Ci srà, inftti, tempo fino l

Dettagli

A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati schema PRS. Lore . Ns. rif.: DC2015SSV040 Milano, 02/03/2015

A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati schema PRS. Lore  . Ns. rif.: DC2015SSV040 Milano, 02/03/2015 A tutti gli Orgnismi di Certificzione ccreditti schem PRS Lore e-mil Ns. rif.: DC2015SSV040 Milno, 02/03/2015 Oggetto: Diprtimento Certificzione e Ispezione Accredi - Circolre N 06/2015 D.M. 26/08/2013

Dettagli

Nuovi criteri di deducibilità per le auto aziendali e professionali

Nuovi criteri di deducibilità per le auto aziendali e professionali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 21 13 NOVEMBRE 2007 Nuovi criteri di deducibilità per le uto ziendli e professionli Copyright

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Vile dell Repubblic, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fx 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

MANUALE DEL CERTIFICATORE ENERGETICO

MANUALE DEL CERTIFICATORE ENERGETICO Vincenzo Mnno Mri Cristin Spdfor MANUALE DEL CERTIFICATORE ENERGETICO GUIDA ALLA NUOVA PROFESSIONE AIORNATA CON IL QUINTO CONTO ENERGIA E CON LA UNI TS 11300/PARTE 4 TERZA EDIZIONE SOFTWARE INCLUSO NORMATIVA,

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento Questionrio Risolvi quttro degli otto quesiti: L Città dello sport è un struttur sportiv progettt dll rchitetto Sntigo Cltrv e mi complett, situt sud di Rom Rispetto l sistem di riferimento indicto in

Dettagli

L associazione in partecipazione (parte II): le novità in materia previdenziale e gli aspetti contabili.

L associazione in partecipazione (parte II): le novità in materia previdenziale e gli aspetti contabili. L ssocizione in prtecipzione (prte II): le novità in mteri previdenzile e gli spetti contbili. cur di Mri Antoniett Chivro Dottore commercilist in Ctni dottchivro@licepost.it Novità in mteri previdenzile

Dettagli

Borse di studio per i figli studenti e provvidenze a favore dei Dipendenti studenti. Ambito: Tutti

Borse di studio per i figli studenti e provvidenze a favore dei Dipendenti studenti. Ambito: Tutti Circolre n. 36 del 16 settembre 2014 Oggetto: Borse di studio per i figli studenti e provvidenze fvore dei Dipendenti studenti Serie: PERSONALE Argomento: Società interesste: Ambito: CONDIZIONI CONTRATTUALI

Dettagli

ALLEGATO A) Disciplinare del Fondo per la Progettazione degli Interventi Strategici

ALLEGATO A) Disciplinare del Fondo per la Progettazione degli Interventi Strategici ALLEGATO A) Disciplinre del Fondo per l Progettzione degli Interventi Strtegici 1. Finlità del fondo Al fine di rzionlizzre e ccelerre l spes per investimenti pubblici, con prticolre rigurdo ll relizzzione

Dettagli

Testo coordinato. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n con Decreto Legislativo 29 dicembre 2006, n. 311

Testo coordinato. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n con Decreto Legislativo 29 dicembre 2006, n. 311 Leggi e Norme Testo coordinto Decreto Legisltivo 19 gosto 005, n. 19 Attuzione dell direttiv 00/91/CE reltiv l rendimento energetico nell edilizi (G.U. 3/9/005 n. - in vigore dl 8/10/005) con Decreto Legisltivo

Dettagli

Fornitori 1.000,00 200,00. Crediti per contributi a Altri ricavi e proventi 400,00. Banca c/c a Crediti per contributi 400,00

Fornitori 1.000,00 200,00. Crediti per contributi a Altri ricavi e proventi 400,00. Banca c/c a Crediti per contributi 400,00 CONTRIBUTI I contributi, in bse ll loro motivzione e destinzione possono suddividersi in: - contributi in conto esercizio - seguono il principio di competenz; - contributi in conto impinti - seguono il

Dettagli

Vuoi un software per la certificazione energetica degli edifici che ti garantisca la massima affidabilità? Scegli il N.1!

Vuoi un software per la certificazione energetica degli edifici che ti garantisca la massima affidabilità? Scegli il N.1! Prestzioni Energetiche e Certificzione Vuoi un softwre per l certificzione energetic degli edifici che ti grntisc l mssim ffidbilità? Scegli il N.1! L verific delle prestzioni energetiche degli edifici

Dettagli

Catalogo Interregionale dell Alta Formazione Edizione 2013 Adeguamento monetario delle tabelle di riferimento per il calcolo dei costi forfettari

Catalogo Interregionale dell Alta Formazione Edizione 2013 Adeguamento monetario delle tabelle di riferimento per il calcolo dei costi forfettari Allegto B) Ctlogo Interregionle dell Alt Formzione Edizione 2013 Adegumento monetrio delle tbelle di riferimento per il clcolo dei costi forfettri Nell mbito del Ctlogo Interregionle Alt Formzione, per

Dettagli

BANDO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE ECDL FULL STANDARD (PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER)

BANDO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE ECDL FULL STANDARD (PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER) A. Di. S. U. Aziend Pubblic di Diritto llo Studio Universitrio dell Second Università degli Studi di Npoli BANDO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE ECDL FULL STANDARD (PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER)

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA DI TATUAGGIO / PIERCING

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA DI TATUAGGIO / PIERCING Spett.le S.U.A.P. del Comune di MONTEGRINO VALTRAVAGLIA 012103 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA DI TATUAGGIO / PIERCING (Regolmento Comunle per l Disciplin dell Attività di Estetist con integrzioni per

Dettagli

D.Lgs. Governo n 192 del 19/08/2005 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia.

D.Lgs. Governo n 192 del 19/08/2005 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia. D.Lgs. Governo n 192 del 19/08/2005 Attuzione dell direttiv 2002/91/CE reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Doc. 305B0192.000 di Origine Nzionle emnto/ d: Presidente dell Repubblic e pubblicto/

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione per usufruire delle detrazioni d imposta per familiari a carico (art. 1, comma 221 della legge 24 dicembre 2007, n. 244).

OGGETTO: Dichiarazione per usufruire delle detrazioni d imposta per familiari a carico (art. 1, comma 221 della legge 24 dicembre 2007, n. 244). Istituto nzionle di previdenz per i dipendenti dell mministrzione pubblic DATA Sede Provincile/Territorile di AL SIG OGGETTO: Dichirzione per usufruire delle detrzioni d impost per fmiliri crico (rt. 1,

Dettagli

In secondo luogo, dovremo registrare il pagamento del maxicanone iniziale. IVA sul maxicanone: x 20% = Canoni leasing IVA nostro credito

In secondo luogo, dovremo registrare il pagamento del maxicanone iniziale. IVA sul maxicanone: x 20% = Canoni leasing IVA nostro credito Esercitzione Lesing (B) Metodo Ptrimonile A) In dt /2006 si stipul un contrtto di lesing per l'cquisizione di un mcchinrio di produzione lle seguenti condizioni: costo complessivo 23.100 (+ IVA 20%) d

Dettagli

Nota operativa n. 16. Direzione Centrale Previdenza Ufficio I Normativo. Roma, 01/04/2009 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali

Nota operativa n. 16. Direzione Centrale Previdenza Ufficio I Normativo. Roma, 01/04/2009 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Istituto Nzionle di Previdenz per i Dipendenti dell Amministrzione Pubblic Direzione Centrle Previdenz Ufficio I Normtivo Rom, 01/04/2009 Ai Direttori delle Sedi Provincili e Territorili Alle Orgnizzzioni

Dettagli