.. :: s:.':f.;r' AZIENDA SANITARIA PROVINçiALE. UFFÌ'ciO STAMPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ".. :: s:.':f.;r' AZIENDA SANITARIA PROVINçiALE. UFFÌ'ciO STAMPA"

Transcript

1 , :: s:.':f.;r' AZIENDA SANITARIA PROVINçiALE UFFÌ'ciO STAMPA "' _., "\.,~' '.. i ' - t ".-,<i!. - RESP. UFFICIO STAMPA AGATA DI GIORGIO ~FAX CELL PEC: SITO INTERNET:

2 La Sicilia Pagina l di l LA SICILIA.it Sabato 09 Novembre 2013 Siracusa Pagina 29 Bonificare e ripartire nell'interesse di tutti Priolo. «Occorre velocizzare quel Piano di bonifiche che può segnare non solo il rilancio della zona industriale, ma servirà soprattutto a fare risparmiare tantissimi soldi allo Stato>>. A ribadirlo è Enzo Parisi delle segreteria nazionale di Legambiente. Occorre bloccare le fonti d'inquinamento con la depurazione delle. -: z:.~.! _.. ;, acque e dei terreni, in quanto l'aerosol che si sprigiona provoca disturbi alla popolazione che risiede nelle vicinanze di questi siti contaminati. «Secondo la normativa vigente, entrata in vigore nel afferma Enzo Parisi - le operazioni di bonifica vanno valutate in base ai costi degli interventi e ai benefici ottenuti». Ma quanto costa l'inquinamento del "sito Priolo" e le sue conseguenze medico-sanitar"1e? Come evidenzia il responsabile di Legambiente, il modo più semplice per stimare questo genere di costi è calcolare le spese dirette (per esempio quelle per le cure mediche) e indirette (come i giorni di lavoro persi) causate dall'aumento delle malattie nella popolazione. Sulla base di indicazioni di alcuni ricercatori, in particolare Fabrizio Bianchi del Cnr (Consiglio nazionale ricerche) di Pisa, le bonifiche ambientali bisogna farle al più presto possibile. Sembra un'affermazione ovvia, ma fra le ragioni c'è anche la questione economica. l risultati della del Cnr di Pisa dimostrano che le centina"1a di milioni di euro necessaria una completa bonifica ambientale sarebbero meno del1 0% di quanto si potrebbe risparmiare in termini di beneficio complessivo per la popolazione. L'analisi costi-benefici parla chiaro: 3,6 miliardi di euro, contro i 700 milioni necessari per la bonifica del sito Priolo. Nel1998 l'area del petrolchimico di Priolo fu inserita nella lista dei primi 15 siti di interesse nazionale per le bonifiche (SIN), ma ancora oggi non si è arrivati a un vero risanamento. Quantificare i risparmi economici connessi alle bonifiche dovrebbe rappresentare uno stimolo a investire. Nonostante le inevitabili approssimazioni, la logica conclusione di questo studio è che interventi di bonifica, nell'ordine di centinaia di milioni di euro verrebbero ampiamente ripagati dai benefici in termini di salute pubblica. Gli effetti positivi sarebbero immediati per le malattie acute, mentre per malattie a incubazione più lunga i risultati si vedrebbero negli anni. Lo Stato, quindi, impegnando le somme già conosciute e quantificate, godrebbe, nel tempo degli eventuali vantaggi. Fabrizio Bianchi, titolare dello studio ha fatto rilevare che «la ricerca non intende monetizzare il rischio e tantomeno il danno alla salute, ma fornire stime economiche basate su dati epidemiologici per definire Piani di bonifica di lungo respiro e adeguatamente finanziati che, oltre a rappresentare un beneficio netto per l'ambiente e la salute, potrebbero dare sbocchi positivi sul Piano dello sviluppo tecnologico e occupazionale». Paolo Mangiafico 09/11/2013 _ articolo.php?id _ articolo= li /11/2013

3 La Sicilia Pagina l di l SICILIA.it Un aiuto ai disabili mentali Sabato 09 Novembre 2013 Siracusa Pagina 30 Il vescovo Staglianò: «Concediamo i nostri terreni per dare una opportunità di lavoro>> Noto. Parte dal sud della provincia aretusea un progetto sperimentale per la Sicilia presentato ieri dal vescovo Antonio Staglianò. Un programma pilota che mira all'inserimento di malati mentali ed ex detenuti nel mondo de/lavoro e che sarà esteso in altre province. «Siamo riusciti a convincere un gruppo di operatori del sociale che gestiscono oltre 7mila posti in tutta Italia, a venire in Sicilia e a scegliere la zona di Siracusa -ha detto il deputato regionale Pippo Gianni - e d'intesa con il vescovo Staglianò, e gli assessori regionali Cartabellotta e Borsellino (Risorse agricole e Salute), immaginiamo di fare qui quello che già da 25 anni succede in Piemonte e lombardia)). Attraverso la legge Basaglia non solo saranno create comunità terapeutiche assistite, ma i pazienti saranno curati e potranno lavorare. Il nuovo progetto per favorire l'inclusione sociale di persone con gravi disturbi psichici è una sfida che parte da Noto, dove imprenditoria privata e diocesi opereranno in sinergia. Il progetto sarà gestito dalla cooperativa "Si può fare" ed è nato grazie alla sensibilità del vescovo Stag1"1anò. «Sono molto contento- ha detto- che questo progetto possa partire dalla mia diocesi. E' una testimonianza importante e straordinaria per l'intera regione e per tutto il Meridione))_ la diocesi metterà a disposizione alcuni terreni in contrada Zisola, dove i disabili mentali potranno cimentarsi nella viticoltura e nell'orticoltura. Il progetto è stato illustrato ieri mattina durante un convegno al Seminario. Tante le personalità illustri del mondo della psichiatria e della psicologica oltre alle autorità. Sono state ripercorse le tappe che hanno portato all'approvazione della legge Basaglia de/1978: prima e unica legge quadro che impose la chiusura dei manicomi, introducendo il regolamento del T so (Trattamento sanitario obbligatorio), Istituendo 1 servizi di ig'1ene mentale pubblici. Il progetto riguarderà l'intera diocesi, coinvolgendo gli otto vicariati {Noto, Avola, Rosolini, Pachino, Ispica, Scicli, Modica e Portopalo): al centro degli interventi, infatti, la capacità dell'intero territorio di poter fornire risposte che integrino i brsogni di cura con quelli sociali, lavorativi e residenziali. Saranno così proposti percorsi integrati e personalizzati per l'inclusione sociale, soprattutto per quei soggetti maggiormente discriminanti nei contesti sociali, lavorativi e culturali. Saranno inoltre migliorati i metodi e le possibilità di cura, oltre a quelle di poter far "vivere" alle persone afflitte da disturbi mentali situazioni quotidiane, viste fino a prima degli ostacoli ma trasformate in sfide da affrontare e vincere_ Il convegno si è aperto con i saluti del vescovo Staglianò e del sindaco Bonfanti, entrando poi nel vivo grazie all'intervento dello psichiatra Bruno Orsini. Già senatore, Orsini è stato l'estensore della legge che prende il nome da Franco Basaglia, psichiatra e neurologo che per primo in Italia introdusse una nuova concezione della saluta mentale. «l cosiddetti "matti"- ha detto-, non sono da considerare socialmente pericolosi, ma piuttosto persone che se inserite nella società e curate, possono essere addirittura delle risorse Proprio l'essere inserrti nella società, infatti, li cura. Terr 1tor'1o e relazioni, sono le migliore cure possibili>}. «Tutto nasce- ha commentato il presidente della coooperativa Francesco Caristia -,da un incontro avvenuto a Brescia con la "Cascina Clarabe/la", che già da diversi anni sperimenta la psichiatria di comunità Come impresa sociale partiremo a piccoli passi, ma abbiamo già diverse idee in cantiere)>_ Tra queste, solo per citarne una, la riapertura della Cantina Sperimentale di largo Pantheon. ottavio gintoh 09/11/2013 /giomaleonline.lasicilia.it/giomaleonline/stampa _ articolo.php?id_ articolo= l l /11/2013

4 La Sicilia Pagina l di 1 LA SICILIA.it Un aiuto ai disabili mentali Sabato 09 Novembre 2013 Siracusa Pag1na 30 Il vescovo Staglianò: «Concediamo i nostri terreni per dare una opportunità di lavoro» Noto. Parte dal sud della provincia aretusea un progetto sperimentale per la Sicilia presentato ieri dal vescovo Antonio Staglianò. Un programma pilota che mira all'inserimento di malati mentali ed ex detenuti nel mondo del lavoro e che sarà esteso in altre province. «Siamo riusciti a convincere un gruppo di operatori del sociale che gestiscono oltre?mila posti in tutta Italia, a venire in Sicilia e a scegliere la zona di Siracusa -ha detto il deputato regionale Pippo Gianni - e d'intesa con il vescovo Staglianò, e gli assessori regionali Cartabellotta e Borsellino (Risorse agricole e Salute). immaginiamo di fare qui quello che già da 25 anni succede in Piemonte e Lombardia}}. Attraverso la legge Basaglia non solo saranno create comunità terapeutiche assistite, ma i pazienti saranno curati e potranno lavorare. Il nuovo progetto per favorire l'inclusione sociale di persone con gravi disturbi psichici è una sfida che parte da Noto. dove imprenditoria privata e diocesi opereranno in sinergia. Il progetto sarà gestito dalla cooperativa "Si può fare" ed è nato grazie alla sensibilità del vescovo Staglianò. «Sono molto contento- ha detto- che questo progetto possa partire dalla mia diocesi. E' una testimonianza importante e straordinaria per l'intera regione e per tutto il Meridione)}_ La diocesi metterà a disposizione alcuni terreni in contrada Zisola, dove i disabili mentali potranno cimentarsi nella viticoltura e nell'orticoltura. Il progetto è stato illustrato ieri mattina durante un convegno al Seminario. Tante le personalità illustri del mondo della psichiatria e della psicologica oltre alle autorità. Sono state ripercorse le tappe che hanno portato all'approvazione della legge Basaglia del 1978: prima e unica legge quadro che impose la chiusura dei manicomi, introducendo il regolamento del T so (Trattamento sanitario obbligatorio), istituendo i servizi di igiene mentale pubblici. Il progetto riguarderà l'intera diocesi, coinvolgendo gli otto vicariati (Noto, Avola, Rosolini, Pachino, Ispica, Scicli, Modica e Portopalo): al centro degli interventi, infatti, la capacità dell'intero territorio di poter fornire risposte che integrino i bisogni di cura con quelli sociali, lavorativi e residenziali. Saranno così proposti percorsi integrati e personalizzati per l'inclusione sociale, soprattutto per quei soggetti maggiormente discriminanti nei contesti sociali, lavorativi e culturali. Saranno inoltre migliorati i metodi e le possibilità di cura, oltre a quelle di poter far "vivere" alle persone afflitte da disturbi mentali situazioni quotidiane, viste fino a prima degli ostacoli ma trasformate in sfide da affrontare e vincere. Il convegno si è aperto con i saluti del vescovo Staglianò e del sindaco Bonfanti, entrando poi nel vivo grazie all'intervento dello psichiatra Bruno Orsini. Già senatore. Orsi n i è stato l'estensore della legge che prende il nome da Franco Basaglia, psichiatra e neurologo che per primo in Italia introdusse una nuova concezione della saluta mentale. «l cosiddetti "matti"- ha detto-, non sono da considerare socialmente pericolosi, ma piuttosto persone che se inserite nella società e curate, possono essere addirittura delle risorse. Proprio l'essere inseriti nella società, infatti, li cura. Territorio e relazioni, sono le migliore cure possibili)}. «Tutto nasce- ha commentato il presidente della coooperativa Francesco Caristia -,da un incontro avvenuto a Brescia con la "Cascina Clarabella", che già da diversi anni sperimenta la psichiatria di comunità. Come impresa sociale partiremo a piccoli passi, ma abbiamo già diverse idee in cantiere>>. Tra queste, solo per citarne una, la riapertura della Cantina Sperimentale di largo Pantheon_ ottavio gintoli 09/11/2013 /giornaleonline.lasicilia.it/giornaleonline/stampa _ articolo.php?id _ articolo= /11/2013

5 (!> "O "' "- Q) "O -~ " c " c Q) "O.!2 g_ o "O "'.o E.o.!2 Q3 "O o c.s' e- o " " <f) "' <f) "-.8 " "' i -.c (,) =... = = ~ 8. ca

6 Gazzetta del Sud Sabato 9 Novembre 2013 econdo la Giunta nelle cliniche ci sono 350 posti letto "per acuti" da eliminare opo la tempesta arriva il tornado rocetta prende di mira i privati 11chele Cimino ALERMO La guerra continua». Il celebre etto del Maresciallo Badoglio ll'indomani dell'arresto del "caaliere Benito Mussolini" sembra ttagliarsi ogni giorno di più alla tuazione politica siciliana. Semrava, infatti, che con l'abrogaane della delibera dello scorso 2 glio con cui si procedeva alla zza d'accordo per l'autorizza ~ione al Centro oncologico Huanitas di Misterbianco per la ealizzazione di altri 50 posti Jeto per acuti in aggiunta agli 88 ~sistenti, su quella vicenda, il cao sarebbe stato considerato hiuso. Molto probabilmente, però, n è piaciuta la controdelibera on cui è stata abrogata la preceente, considerata dagli esperti le\ settore, una sorta di "muoia )ansane con tutti i Filistei". Non ;i è stappata infatti la sola richie ;ta dell'humanitas, ma anche le 1ltre formulate da chi riteneva di mter ottenere le autorizzazioni 1ecessarie per ampliare, col conributo regionale, le proprie di ;ponibilità di posti letto. Non soo: il richiamo al decreto Balduz ~i, potrebbe costringere il goverlo a operare qualche taglio sui Josti letto per acuti delle cliniche Jrivate attualmente in esercizio. l citato decreto, infatti, consente. re posti letto per m ile abitanti da iestinare agli "acuti" e lo O, 7 posti etto per i "post acuti". «L'attuale governo -si specifi :a nella delibera di mercoledì :corso con cui è stata abrogata la Jrecedente- si è trovato di fronte il dato secondo cui a fronte di posti letto per acuti programmatinel2010 (due anni prima del decreto Balduzzi, ndr) nell'intero sistema ospedaliero, soltanto posti sono stati effettivamente attivati». Di questi, sempre in riferimento agli "acuti", 3.500, cioè il21,4 %, sono gestiti dalle cliniche private. Tirate le somme, nel rispetto del citato decreto, attualmente in Sicilia ci sarebbero 350 posti letto di troppo nelle cliniche private. «<l nuovo assetto-si sottolinea nella nuova delibera del governo Crocetta- si realizzerà, senza variazione della percentuale di rispettiva incidenza del numero complessivo dei posti Ietto di pubblico e privato». Per Barbara Cittadini, presidente dell'aiop, l'associazione delle cliniche private, non occorre alcun taglio perché i posti letto, dal momento che quelli già attivati sono enon come previsto dal precedente piano ospedali ero del 20 l O. Da parte del governo regionale, invece, si vorrebbe trasformare i posti letto per acuti in eccesso in posti letto per "post acuti", che dovrebbero essere e, invece, sono all'incircalametà. «Si tratta~ ha spiegato l'assessore alla Salute Borsellino-di attivare quasi il doppio dei posti letto già funzionanti (1. 796) per il post-acuzie (riabilitazione e lungodegenza) tra nuove attivazioni e rimodulazioni di posti per acuti». «Negli incontri tenuti finoraha ricordato Barbara Cittadini -l'assessore Borsellino mi ha sempre chiesto se possiamo operare un efficientamento della rete. È avvenuto durante diverse riunioni tecniche, alla presenza, tra gli altri, dei dirigenti Sammartano, Tozzo e Murè. E su questo, ovviamente, siamo disponibili al dialogo. L'Aiop, infatti, agirà sempre con senso di responsabilità: avanzeremo all'assessore la nostra proposta. Agiremo comunque in sintonia col governo, come abbiamo sempre fatto in passato». D'altronde, si tratta di rimediare a un "pasticcio" che viene dal passato. «Quale governo - si è chiesto ironicamente Crocetta - ha effettuato, fra il 2007 e il2008 in particolare, oltre 1600 accreditamenti e convenzioni con i privati in Sicilia, che qualche volta non avevano neppure le caratteristiche sulla base delle leggi allora vigeo ti, per poter essere effettuate? Come mai questi accreditamenti sono stati effettuati senza alcuna analisi dei fabbisogni reali e rutto ciò a danno della sanità pubblica? Chi ha fatto diventare la Sicilia una delle regioni con più alto costo in Italia? Chi è che ha tagliato servizi essenziali pubblici, mantenendo costose convenziono private? Chi ha nominato assessori direttamente conducibili al sistema privato, senza che ciò creasse nessuno scandalo nel dìbattito parlamentare?». «Crocetta, invece di rilasciare dichiarazioni zoppicanti e contrastanti- ha commentato il capogmppo dei Cinquestelle Cancelleri - venga in aula a riferire.

7 PACHINIO Vendeva pesce conservato male: denunciato Salvatore Moncada PACHINO È stato denunciato in stato di libertà un giovane di 21 anm. L'indagine in cui è coinvolto è condotta dagli agenti del commissariato della Polizia di Stato. Per lui l'accusa è di vendita abusiva di prodotti ittici in cattivo stato di conservazione. Il ventunenne è stato sorpreso in piazza Ugo La Malfa, area di sosta decentrata rispetto al centro cittadino, mentre vendeva prodotti ittici di dubbia provenienza. Gli agenti del commissariato cittadino diretto dal commissario capo Paolo Arena hanno così sequestrato oltre due chilogrammi di pesce. Il prodotto ittico era stato collocato all'interno di una cassetta in polistirolo priva di ghiaccio; proprio per questo il pesce mostrava palesemente un cattivo stato di conservazione. Assieme al prodotto ittico, i poliziotti hanno sequestrato una bilancia con la quale il ventunenne pesava il pesce prima di venderlo al dettaglio agli acquirenti. Dal commissariato di Pubblica sicurezza fanno sapere che i controlli a sorpresa continueranno anche nei prossimi giorni. Ad essere monitorati con molta attenzione saranno ancora i venditori ambulanti di prodotti ittici, non potendosi escludere la provenienza dubbio del pesce che finisce sulle tavole dei pachinesi.

8 Il tavolo dei relatori AUGUSTA Green Italia e CambiAugusta Una "class action" contro le industrie e a tutela della salute AUGUSTA. Si è svolta ieri mattina a palazzo Zuppello, una conferenza stampa di "Green Italia" in collaborazione con il movimento civico "CambiAugusta". Presentata la class action, un'azione legale collettiva a tutela il diritto alla salute, non solo di coloro che, purtroppo si sono già ammalati, ma anche della gente esposta al rischio derivante dall'inquinamento ambientale. L'obiettivo è quello di rimettere al centro la salute dei cittadini, senza più subire il ricatto occupazionale. Anche perché di lavoro, ormai le industrie ne danno ben poco. Si tratta di una iniziativa che nasce dalla consapevolezza che la comunità può difendersi solo un'azione collettiva. Ad illustrarla nei dettagli Antonio Giardino in qualità di legale della Green Italia e Fabio Granata promotore a livello nazionale della costituzione della Green Italia. Sono intervenuti. Marco Stella di CambiAugusta; Giuseppe Marano, consigliere comunale di Milazzo; Paolo Pantano dei Verdi di Siracusa; Paolo Guarnaccia, docente alla facoltà di agraria dell'università di Catania; Sebastiano Butera, promotore del comitato regionale di Green Italia. Hanno tra gli altri preso la parola, Giuseppe Di Mare, ex consigliere comunale di Augusta e Silvana Giglione presidente del comitato spontaneo di Milazzo. «La Class Action - ha spiegato Granata- è un'azione risarcitoria individuale per la presentazione della quale verrà data consulenza tecnico-giuridica gratuita. Coinvolgerà i comuni di Augusta, Gela e Milazzo. Non crediamo ai tavoli della sanità che affidano alle stesse industrie il compito di controllare le emissioni; diciamo si alle bonifiche". (s.s.)

9 ..rigiojinaledisioua., IA8Ar09 MlVfM8~! >O'J l Fatti&Notizie ls l SOLDI DELLA SICIUA IL PRESIDENTE DELLA REGIONE: TROVEREMO UNA SOLUZIONE. L'AIO P: NIENTETAGLI SENZA TESTO DEFINITIVO Crocetta alle cliniche private: voglio qualità e Ventuno strutture rischiano di perdere il finanziamento pubblico peri' applicazione di una legge nazionale Il decrelo Bakhazl, a ad la Re glonelll adegua, Indica fra le odtre norme che d puòmnoederehccredltamentooolo alle dinldleche hanno almeno 60 polli leno perletel'llpipacute. Gi~dnta Pipltan PALERMU... Almenn21 cliniche private rischiano dt perdere il finamia mento pubblico. In base allereçemi norme na?jonali, chela Regione sta per recepire all'imer nn del piano dell'a"'"''""' lu.-ia Borso:Uino. non hanno una djmensoune tale da pnwr mante nere l'accreditamento. Scoppia cosi un nunvncasonella sanità e l'aiop. l'assoda>ione delle case di cura, chiede al governo di non varare alcun pr""""dimento se prima a Roma nnn verrà definì 10 il quadro delle nonne nazionali.!l decreto Dlllduzzi, d<uì la Regione è chiamata ad adeguarsi, indica fra le altre normp ho si pllò concedere l'accreditamen tosoloalledlnichechehanno al meno 60 posti letto per le terapte arute (quelle meglio llnan ziate dalla R"JJone). "In h<loe a questopaleno -spiega Pippo Digiacontn (Pdl. presidente della cnmmia inne Sanità deu'arsmnhedlnlcl!everrehherotaglia te fuori dal sistema. Cost ;i n schia di alterare l"equilihrio dri lm'i1.k la commis ione Sanità ha oompletato un monitoragjji<> delle 56 case dt cura oggi finanziate dalla Regione. Ne~ "enuta fllori la mappa di quelle che rischiano. Nel C.11anesesonn in hilico le cliniche Tlgano. La Gret ter-1., l udna, Stefano Velona, Gihiino, Madruma del Ro ario, Mater Ilei, Santa Rita, Valsalva. VilladeiGerani.lanteriVilla Fiurita, MonsGin<ll~ Caladura. Nel Messinese rischiano solo lacappellani-giomi e la Villa lg~a mentre nel Nissennèin blllcola R"f\lna Pacls di San Catalado. A Palermn tremano Demma, Co semino r V~la Margherita. Nel Siracu,ano Il problema riguarda Vil11 Azzllrra, Villa Mauritlll< Arwhaleno e Villa Rizzo. A Trapani è in biuco solo la Morana Tuue le altre 35 case di cura private sarebbero in regola. Ma Barbara Cittadini. presidente dell'associazione, fot<>f:tafa diven<amente il paipiio di legge' Questa parte del decreto Balduzzi~sospe!!<tin attesa di un regolamento attuativo che a Roma è in..:n"'>di approvazione. l requisiti elle verranno Introdotti p~r ott~nrr~ l'accreditamento non saranno sola quelli dei posti lotto minimi masi parlert anche dt qualità delle presta1.loni e standard tecnologici. ~ pal. tn b= al numem di polli letto rischiano anche alnmt ospedali pubblici.. In effetti la bona di piano ""i pr,tlletto ospedalieri che Id Bor..Uinn ha llottato in giunta giavedl indica anche la passiblllrà di "trasformare e/o disattivare i pkroli ospedal!con funzioni anche territoriali. l.a Cluadint suggensce tuttavia al go...,o di attendere che Roma detti nonne deflnitivt' prima di varare il proprio piano. L'assessorato alla Sanità, guidato da Lucia Hor-selllno, chiarisceche"la norma nazionale del ta al mnmelt(n un limite a cui "tendenzialmente" d si deve adeguare. Anch~ noi attendia mo il regolamento attuativo ma Intanto non possiamo non fare delle proie>ioni in ha"" alle normeattualio. ll presidente Crocetta, che pure giovedl avevaavver titonttti di non auenderoisconli, Ieri ha provato a riaprire il dialngooon i privati: "Non modificheremo i rappotti attuali, anche perchè i privati che già lavorano nel sistema sanitari<> pubhlicn In fttnno In forza di mta con venzione. Il problema è che tutti si dovranno adeguare a standard qualitativl alti. 11:. soluzioni si trovano sempre, elle siaao accorpamentl n riqnalificnioni. L'unico limite è quello del totale dei pot!tl letto a vantaggio dei privari. quello non pot!o.lama ~uper..rln,_ Crocetta assicura anche che non laglierenm teote e \\On si perderanno 1>ost! di lm oro. Il piano che l'assessore sta ml'llendo a punto prt"vt"d~ lo caneella,;ooe di cirea posti letto mal attivati e la trasformazione di alcuni esistenti per acuti in po H prr riabilita?jone e lungodegenza (meno remunerativl). l pri..ati dovrebbero rinunciare a 24.2 posti leno per acmi e trasformare 149 di quelh rimallenti!n l""'; r~r lungod~l(l'nti. Ma anche inquestocasocm<"f'l ta pmva a speguer~ le polemiche:.. n piano è ancora in elabont7.ìone.stiamofacendo le proieziont de1 tagli ne<:essari in base alle norme nationali, l'aos"""" re l!!da Rorsellino farà un otdmolavorn. Crocetta avvene tuttavia che anche nella sanità potrehhero emergere scandllli: Stiamo spuldando pari!<eh le carte e dorumenti lt'gllti a!l'ire d'appalto Ved rema oosa ÙO'll!rerno... LA DENUNCIA. L'assessore: promessi posti di lavoro a Motta S. Anastasia. Il sindaco: ha ragione Marino: nel Catanese pratiche clientelari - NOll cnn entid! che oon l'appm.,.imatsi delle elezioni che si terranno la pro,lma prima"" tapartit!en>o,;mend politici pos sonn Mndlzioname l'esil<l atrrave,-,;o assunzioni e pratiche chentelari. t lhuunn l'aaae""'"' reginnai~ all'energia. Nicolò Marinochecon una nuta ha m ni&.tato perpl..._ ità ~. o prtti slll voto amministmtivoa Motta Sant'Anastasia. A rrl\'8.no già preoccupan ti.. ~nali dal Comune di Motta S. Anastasia- ha aggiunto Marl110- dove vengono annunciati e promessi posti di lavoro nelle dli!carlche o presso diruche prlvate>.at tomo al ptccn.lo comuiie. in pro \inci.t di Catanll. ruotano, infatti. interessi eronomidnel ttnre dell'amhlente e deda sanità. In un motnl'nto di grave crisi occupazlonaj. che Intere""' tut'" la peni«>la ~In particolare la Sicilia -ha concluso l'as es.sore Marino - tnuteronsensocon qllesti meto di, oltre a costituire reato, signifi CII.andare ancora avanti con una pollticnchednbbiamo ad ogni oostoromhattere. Scambiare il consenso elenotale ron i bisogni dellagenteèquantodt pill mi<erabi le.. Sull "'~ "" lunl:he".a d ond è il primo cittadino e candidatn sindaco Angekl Gluffrid.-.Ha ra ~onr ra,.essore Marino ad avere sospetti di questo genere. la mia amministrazione fuori da questa logica cliffitelate e lontana sia dalle djscariche che dalle dioiche pri vate ha <empre tenuto a distam,a interessi poco chiari. Se altre Fnrze pohtiche<i avvalgono di q11~sti trumenti èchiam chep11nroppo - arò la verch ia poi itica clientelare ad avere la meglin: prome <e cbe pnrtat\0 vnti Mi farehhe pia<"ere che l'assessore rlperoorresse, ad esen>pio e fateaae chiareua sul' iter burocratiro che llanno portato alla di<earica di Tiritl...,..,.., ~--... Grillini:troppi buchi neri su CiliCI Humanitas -n pre idente della Regione Cracett.1 ovenll" in aula a riferire. Nelle "''enda <i sono troppi buchi neri e, come al solita. dichiarazioni zoppicanti e controstant1o. Il gruppo pa~amentare del MovilTK'nlo 5 stelle all'a" chi!'de al gowmatore parole chiare ulla questione Hu manit"'"-..,..,_,,,,, es.nltì Di Giacinto: critkhe inciuste illla Borsellino - All'assessore Ba,...llinor<con=iamo un impeg11o serio per un sistema sanitario effic;,nte ed improntato alla legal~à. Riteniamo che quanti ll'ntano d i metterla in dio;cusslone ag,s.cono in malafede~. Lo alf<orma Giovanni Oi Giacinto, capogruppo del Megafonoaii'Ars p... S'i111111gug oaldrcala dlfmepfono - Nao;ce a Palermo il circolo Megafono Palermo Unoo, $Il iniziativa di un gruppo di giovani professionisti che lltlefldono lanciare un 'iniziativa affiancata al mtl'liltk'n - lo fondato dal governate"', Ro ario Crot:l'ttl. l'inauguraz;,ne oggi alle 7JO. all' hotel Addau r a. (STEGI)

10 ... GIORNALE DI SICIUA SABATO 9 NOVEMBRE 2013 Fatti&Notizie 17 SICIUA. Le selezioni tra agosto e settembre hanno coinvolto458 aspiranti. Ora si va alla prova orale. Tra i promossi ci sono anche molti dirigenti regionali Sanità, 70 manager passano i primi test 8 La valutazione affidata a una commissione esterna alla Regione. La Borsellino spinge sull'autonomia Questi 70 aspiranti manager si sonunano ad altrll20 circa che sono passati «di diritto» alla fase orale perdté forti di un curriculum migliore: solo 20 sanmno prescelti. Giacinto Pipitona PALERMO Ci sono noti dirigenti regionali mentre mancano figure di primo piano dell'attuale dirigenza diasp e ospedali. Ecco l'elenco di chi ha superato la prima prova per diventare manager della sanità pubblica. Un test che fra fine agosto e settembre ha coinvolto circa 458 aspiranti: solo in 70 tuttavia hanno avuto, ieri sera, il semaforo verde e accedono dunque alla prova orale. Fra chi ha superato la prima prova spiccano i nomi di Maurizio Agnese e Giuseppe Amato, il primo è il dirigente generale che si occupa dei controlli stùla spesa dei fondi europei mentre il secondo è il dirigente degli Affari generali della Funzione pubblica. E nell'elenco dei promossi figurano altri dirigenti o ex dirigenti della Regione: Giarùuca Galati fino all' anno scorso ha guidato il dipanimento Energia, Giuseppe Incardona è stato al vertice dell'industria, Manlio Munafò è al Genio Civile. Con loro supera l'esame anche l'ex leader delle associazioni dei commercianti, Julo Cosentino. E fra i promossi c'è infine anche Mario T onisi, ex assessore regionale alla Presidenza nell'ultimo governo Cuffaro. Tutti dovranno adesso superare le prove orali, che inizieranno il22 novembre per concludersi i primi di dicembre {anche se le date possono essere modificate). L'elenco dei 456 candidati, che ora si riduce a 70, ha svolto una prova scritta. La valutazione del loro esame è stata curata da una commissione di esperti esterni alla Regione che dribblando le polemiche per presunte imerferenze ha invece tagliato alcuni nomi di peso rivendicando cosi quell'autonomia che l'assessore alla Sanità, Lucia Borsellino, ha sempre assicurato di voler imprimere alla procedura di scelta dei manager. Fra gli esclusi eccellenti figurano attuali manager o commissari straordinari della sanità: Giuseppe Termine, che guida la Asp di Enna, non figura fra quanti hanno superato H test. E anche il gelese Vittorio Virgilio, oggi commissario all'asp di Caltanissetta, è tra gli esclusi. Fuori pure Angelo Aliquò, braccio destro di Massimo Russo negli anni scorsi e da sempre in predicato per guidare la Asp palermitana. ( {, Maurizio Acnese Gianlu(a Galati Questi 70 aspiranti manager si sormnano ad altri 120 circa che sono passati «di diritto» alla fase oraleperchèritenuti forti di un curriculum migliore. Fra questi spiccano i nomi di Antonino Candela, oggi alla guida dell'asp di Palermo, e degli ex manager Fabrizio De Nicola, Salvatore Iacolino, Salvatore Centaro e Salvatore Cirignotta. Fra i promossi di diritto c'è anche Enzo Emanuele, ex direttore generale dell'assessorato a1 Bilancio oggi al vertice dell'irfis. A superare la prova orale saranno in 50 e fra questa rosa di nomi il governo dowà poi selezionare entro fine anno i circa 20 nuovi manager della sanità pubblica. ECCO CHI HA SUPERATO L'ESAME - Agnese Maurizio; Amato Giuseppe; Amico Gianluigi Maurizio; Aricò Maurizio; Bellina Anna Maria: Bonaccorsi Giampiero: Bonanno Eugenio; Bordonaro Roberto; BorrutoAntonino; Brugaletta Salvatore; Capodieci Giuseppe: Cassarà Emanuele; Cavallaro ElviraAlfia; Colimberti Domenico: Cosentino Marino Julo; Cucci Giuseppe; C urto Gaetano; Dai do ne Letterio; DaraAndrea; Di Bella Giuseppe; Di Fede Giovanni Francesco; Di Lorenzo Rosario; Di Simone Vittoriano; Farinella Enzo; Floridia Francesco; Galati Casmiro Gianluca; Garufi Francesco; Giammanco Giuseppe: Gibellina Francesca Maria; Guercio Annalisa; Gulizia Michele; lacono Carmelo; IncardonaGtuseppe; Lelli Rossella Colomba; Licciardello Maria Antonietta; Lomeo Alberto; Macaluso Maria Rosaria; Maniaci Lorenzo; Marino Giuseppe: Messina Walter; Miccichè Stefano; Migliore Giovanni; Mollica Nardo Gina; Munafò Manlio: Muscarnera Calogero; Noto Giuseppe; Parrino En za Anna; Reina Vincenzo; Romano Marcello; Rosso Benedetto: Russo Fabrizio; Sca1a Salvatore; Scalici Salvatore; ScaJisi Giuseppe; Sciortino Pietro; Scrofani Maria Grazia; Sferraz7.a Ireneo; Sorbello Armando; Sortino Iole; Stomello Michele; Tetamo Romano; Torrisi Mario; Torrisi Salvatore; Tronca Francesco Paolo; Tumbarello Francesco; Vallone Danilo: Vancheri Maurizio; Vasco Calogero; Venuti Gervasio; Vullo Michele.

11 CORSO GELONE Ordine dei medici, al via un corso sulle emergenze «Emergenze chirurgiche del ~ 5! fegato»: è questo l'argomento del- ~ ~ l'incontro che si svolgerà oggi al- ~ l'ordine dei medici di corso Gelo- ~! ne. l medici si confronteranno sui Al- ;:7 o o!: diversi tipi di lesione, di interventi wji di diagnostica e sul trattamento chirurgico. Verranno anche presentati alcuni casi clinici. li corso si svolgerà dalle g e avrà come direttore Piero Ti n è. (*FEPU*)

12 GIORNALE DI SICILIA SABATO 9 NOVEMBRE 2013 SALUTE. Si tratta di una iniziativa che é stata promossa daii'«avis» Palazzolo, controlli medici <<Visite al cuore gratuite)) PALAZZOLO Visite cardiologiche gratuite per l'avis di Palazzolo. La nuova campagna è stata avviata dall'associazione in queste settimane e prevede la possibilità, per i volontari Avis, di poter effettuare l' elettrocardiogramma con l'assistenza del medico Salvo Peluso che ha donato alcuni suoi macchinari e attrezzature all'associazione. I controlli verranno fatti in collaborazione con Eleonora Cimino e Raffaella Cannata. «Le visite verranno fatte prima agli adulti e poi ai giovani- spiega il presiedente dell'avis Pippo Genovese- è un'iniziativa importante che verrà offerta ai donatori>>. E mentre l'associazione si prepara a concludere quest'anno di attività con l'obiettivo di raggiungere oltre 900 sacche raccolte, è stata avviata una convenzione con alcuni commercianti di Palazzolo. «Ad ogni socio - afferma Genovese - verrà data una card che permetterà di usufruire di uno sconto nelle strutture commerciali convenzionate. Già oltre venti attività hanno aderito e in un periodo difficile come questo è senza dubbio un aiuto importante». ( FEPU )

13 GIOIIU.I..Ii DISlaLIA l ~ OOMENlCA 10 NOVFMBRF ;011 lf:atti&notizie 13 l NODI DELLA SICIUA L'ENTE LANCIA L'ALLARME:ATTIVITÀALLA PARALISI, SONDA RISCHIO ANCHE l CONTROLLI SULL'INQUINAMENTO Ufficio vuoto, nessun regionale vuole andarci e L'Arpa cerca 132tecnici all'interno dell'amministrazione ma nessuno dei20 mila dipendenti è interessato ono andati do:rrtl(llllnter pelhdeu'apm:larep.tlale prot~ne ambleate, n~lqualwnlw.ij>i'<'iikatn U cal'alte "'d'urgema, pe-rol'~ e lelllporanea di penonale>o. J.IInon tannelll At[ Mo A.A A_ r<'<ca<i penoonale, a nell'esoerdto di oltre 20 mila dipendenti N'ginna H, non si trova"""'""" Ennesimo flop deli"arenzia per l'ambiente, mmatadinuovnalla canea, comea.:cadutn<pesso negli ulti mi anni, per cercare di reclutare figure tecniche e amministrative. Nulla da fare. Quasi nessuno ha risposto ai due interppiji, n.. i quali wniva sp<'cificato il caranere d'urgen7.a, P<'' l'assegnazione temporanea di pernnnale d,. l mnln organico deu'amministra>.ione regionale". E l'arpa lancia l'allarme: arischi" "'"rvi7i P n>ntrolli importanti. Seovono96 funzionarldlre{livt e 36 l~trurtorl. che verrebb~ro distaccati per due an ni. rinnnvahlll. Personale da impiegare. snpralluho, in anivltà di monitoraggio delle arque. per gli adempimenti e le funzioni pr< vi ti dal Piano di gestione del dls1reno ldrograflcodell'isola. Siamo molro delu i e p re occupati commenta Marln Lui.a Cuni, re ponsabile del.<ellnre Affari generali e legalie non riusciamo a comprende- [t)[ LA DIRIGENTE: «NON COMPRENDIAMO IL DISINTERESSE, LO STIPENDIO È UGUALE r.. çome mai non d sia interesse. visto che lo stipendio, ov 'iamente. swrebbe lo.reun perché a carico deua Regione. Abbiamo rlceyu!o 22 ls1an.e, ma sono quasl nme da parte di esterni. cioè di lnoccupati In cerca di lavoro, mentre era chiaro che la ricerca era riservata la per.,nale interno. T an te persone d hanno scritto di ' ' SI PUO FARE DI PIU C i ri.lillmo.!."agenzia per /"ambiente cerca persm>ale inrenw ma 11es.<uno tra i tl<'llti mila reginnai< èdisponibile; al Dipartimenta lnfra.<trultlm,-'/'una.<ire/la mi dil igemi con pii; controlli.mgli ora ri. h"ppure, in"" momenm di crem nti difficoltà per 1<1 societtl siciliana. ci tjorti!b be un maggiore impegno di tuili. anche degli impiegali regionali. Esseredipende11- te pubblico comporta diritti ma tu~du' qualche dovere in più. In lui/e le r<'gloni iraliane, ordinarieespeciali,.<i spendmw6.5 miliardi di euro perii per.<anale.- wltamo ta Si<"ilia spende 1,8 miliardi. Quale/w wlta le ;wti.<tiche posmno fal.<are gli effetti sui singoli; non u mso 11el sitadeigiomaledi!ilciliu si regisrra qualche opinione critica da parte di impiegati regionali. l:i dal ptwto di vista soggettirro Un IHnico deii'arp;o effetbqdel controlli sull"atqu po.<.<ono avere p!lre ragione. ma il cosroprr tenere in piedi l'apparato regionale i' comunque alro; e spesso non di} atleguntì rìtomi. E non ;copriamo ceno oggi che e.<isf0/!0 asimmetrie co11gli altri dipendenti pubblici. In allreocrosloni abbi<c mo parlarv d1 politiche opac/1e. Fac<.'iamo qrwtclw eseml'io. la Carte dei Conti ha me5sq a confrortta le regian/ italùme, scoprendo che nellealrre regionic'~ un dirigente ogni 18 dipende11tl, mentre I11Sicilia c'èundirigenreogni 9 dipendei/ti. Al /a fine diventano numeri grossi; 1m dirigeme costa 85 mila eumli'l!hm impiega IO si ferma a 34 mila euro. C~polllmodmliciamo puffl privilegiato di rrarrare la fi"et/e/ rapporto di ltworo. Il risultato. wttolinea la Corwdei Conri, è che in Sicilia il «trallamento di quie.<ci!iizll asskura prruta;:;io ni superiori a quelle degli altri dipendenti pubblici... Per IW/1 parltlretlella legge regiona/p elle ha permesso ai regionali nm 1111 familiaaver voluto provare, comunque, e questo fano la dice lun P sulla disperazione del senz.alavnrn. Punroppo noi non possiamo espletare concorsi, come non si possono fare. al momento. nell'ambuo di ruua la Regione. Ora non sappiamo come andare avanti. Nell'ulti nto anno ahhuomn pro\"atn quanmvolt~. ma Invano. 1." Ar- [t)[ NELL'ULTIMO ANNO QUA TIRO TENTATIVI NON HANNO AVUTO ALCUN ESITO pa ha 300 dipendenti. ma. m base al fabbisogno. la pianta organica dovrebbe essere costituita da mille unità. Queoto vuoto ba una ricaduta notevole sulla nostra attività, sui controui tecnici delle acque, dell' inquinamento atmooferico. elenromaanetioo, ma anche sulle procedure amministrative per le somme u'l!en>.e, per re insitua;;ionedi disabiliràdi andare i11 pe11sionedo po 25 a1111i di sen <Zio; nel 20/1 smro Wlti 464 e tw/ 21l12 sono stati 365. Secon- 1~1 Essere dipendente pubblico comporta diritti ma anche qualche dovere do i magistmti coli/abili rw/2010 lt1 buonuscita media di un dirigente generale~stata paria42lj.113euro. memrepergli altri diri-..,.empio. o per v~rificare le catasta:o:ioni degli Immobili. Spero che, nonostame i termml.<~caduti. si faccia awml quakuno>. Queste le figure richiesteo.10funzinnari direttivi, In pn<sesso di laurea in biologia: ru. tri 30 laureati in chimica: 20 cnn laurea In in11egneria idraulica el o geologia. E, multr~, 26 ismmoridiretuvl periti chimicl. andl,. non laureati. Per attività ammini~trnlilr.l. inve,...: <eo fun~innari direttivi con laur~a in giurispmdenzaelnp<"n nomla ~çomrnerdoelo ocienzepolitiche; quatnoin J>0"'""" so dl laurea in inre~;n~ria el n architettura; spl mwliti dl ojtre lauree~ olio Istruttori di renivi. anche non laureau. Hn altro auo d'interpello, Intanto. f!ocqo dal dipartimento regionale tecnico. Si cercano 20 fwlt-ionari direttivi. in por.sesso di laurea e 20 cnn <liploma di genm~tm, wn esperi~n>.a nel settorpdel rischlu i mko. dlssestoldrngeologico e tcurer-1.a nei cameri. E ancora. 20 istmttori dlrellivi p lo collaboratori.r r "' gemi i>.<tata di euro e per funzionari ed impiegati di euro. An e/w gli assegni di pen.<ione evideuziano differeu;:e; dirigenti generali euro o/ me.<e, dirigenti ;J.949 euro. fimzionari ed impiegati euro.lmommaqualche priri/egio c'è sluto e c'i> ancora. ma111ri rwn di.<tribuiti (iprù ilegi} in ln<mil' ra.-qua. Ma a quejlll! do Prebbl!m porre mmitlio le nrguniu.ru.ioni.<indara/i. Da parte degli Illiri siciliani. quelli che sono filari dai pal=i regiontfli.la richie.<ui ~una: per favore fate di più.l.c.

14 LE SELEZIONI. Il deputato del Pd: proporrò aii'ars di modificare i criteri Sanità, polemica sulla scelta dei manager Digiacomo: il curriculum valga nicj del auiz GIORNALE DI SICILIA PALERMO Il P d annuncia battaglia sulla scelta dei manager delle aziende sanitarie. Il presidente della commissione Sanità dell'ars, Pippo Digiacomo, giudica <<inadeguato» il sistema adottato per la selezione. Solo la prova scritta- a suo avviso - non basta per consentire ai professionisti di guidare le aziende. Così dichiara: <<Proporrò un ddl di modifica dei criteri». In particolare, l'idea del presidente è quella di modificare la legge voluta da Massimo Russo e di considerare nella selezione anche le valutazioni sull' operato dei manager in carica effettuate dalla Commissione. «<l governo potrà comunque decidere autonomamente>>. Ma, all'indomani della pubblicazione dell' elenco dei 70 aspiranti manager ammessi all'orale, ci sono solo parole di dissenso da parte di Digiacomo verso il sistema adottato dal governo. «Da mesi- dice- sostengo come sia inconcepibile che un quiz possa avere più valore di quello che stiamo facendo in Commissione e cioè valutare tutti e 17 com- missari sulla base dei risultati ottenuti inrelazione ai 54 punti qualificanti del piano sanitario regionale>>. La procedura selettiva in atto, però, è aperta anche a candidati che non ricoprono un ruolo nelle aziende sanitarie. «Trovo opportuno - aggiunge Digiacomo - che si confermi chi merita e che non resti al suo posto chi non ha lavorato bene. Ecco perché bisogna tenere in considerazione l'operato dei manager in carica>>. Non è stato possibile sentire l'assessore Lucia Borsellino per una replica. ('FP'I SABATO q NOVEMBRE 2on

15 repubblica Extra - Il giornale in edicola Pagina l di l Elenco Tjtoli Stamaa auetto wrt!colo SABATO, 09 NOVEMBRE 2013 Pagina Il Palermo Precari, diktat del governo alla Regione "Tagli da 430 milioni o niente proroghe" E Bianchi scrive ai dirigenti: rispennlate su formazione, foreste/l, trasporti l conti DA ROMA sono stati chiari: «Se la Sicilia vuole garantire la proroga dei 24 mila precari degli enti locali, Regione e Comuni dovranno subito avviare tagli alla spesa». Una grana non da poco per le già disastrate casse regionali. E l'assessore all'economia, Luca Bianchi, scrive subito una lettera a tutti i dirigenti generali: «Dovete risparmiare ' l tagli da fare per salvare i precari dovranno valere almeno 430 milioni di euro, il costo del bacino, così ripartiti: 290 milioni di euro sul fronte regionale e 140 milioni di euro tra i Comuni. Su questo punto dal ministro Gianpiero D'Alia e dai tecnici della Funzione pubblica non è arrivata alcuna apertura: «La legge nazionale prevede tagli dello stesso importo che serve a garantire le proroghe», hanno ribadito al governatore Rosario Crocetta, chiedendo inoltre il varo di una norma regionale di riforma del precariato. Legge alla quale la cabina di regia messa in piedi a Palazzo d'orleans, composta dal segretario generale Patrizia Monterosso, dall'avvocato Stefano Polizzotto e dal capo dì gabinetto dell'economia, Giulio Guagliano, è già pronta a consegnare. Ma il dd! non servirà a nulla se non si faranno i risparmi. l tagli, insomma, si devono varare e subito, nonostante un bilancio 2014 già difficile da chiudere, con l'assessore all'economia alle prese con un parametro fissato da Roma che riduce la spesa sul 2011 di 900 milioni dì euro (come fatto quest'anno) e l'assenza per il2014 dei fondi Fas che hanno consentito fino a oggi di garantire la spesa pari a 400 milioni per il trasporto pubblico locale e marittimo. l margini sono strettissiml Non a caso Bianchi ha scritto subito una lettera a tutti i dirigenti generali chiedendo di predisporre bozze di bilancio che prevedano tagli per almeno 290 milioni, la quota che la Regione spende per le proroghe dei precari (gli altri 140 milioni dovranno arrivare da tagli nei Comuni). Nella lettera in allegato c'è il prospetto con le cifre che dovranno essere tagliate per salvare il bacino degli ex lsu. Ad esempio, 50 milioni di euro dovranno arrivare dalla rubrica "lavoro, orientamento e attività formative", altri 35 da "infrastrutture, mobilità e trasportr, 60 milioni dall'azienda foreste demaniali per i forestali. Tutti i dipartimenti dovranno presentare piani di spesa con tagli rispetto al bilancio di quest'anno. «Grazie a questi risparmi speriamo di coprire le spese per il trasporto pubblico locale e il bilancio si potrà chiudere, anche se stiamo trattando con Roma per non subire ulteriori tagli sui trasferimenti», dice l'assessore. Bianchi inoltre ha chiesto ai suoi colleghi di presentare entro dicembre «riforme strutturali» in base all'accordo che era stato raggiunto tra Palazzo d'orleans e il ministro Fabrizio Saccomanni. Una riforma riguarderà il numero delle partecipate e il taglio dei costi del personale. Risparmio previsto, circa 80 milioni. Altri 45 milioni dovrebbero arrivare dalla riforma del trasporto pubblico, con l'applicazione dei costi standard. La riforma principale però sarà quella che riguarda il personale precario. La legge alla quale sta lavorando la cabina di regia è quasi pronta. Diverse ancora le opzioni sul tavolo del governo. Tra queste c'è quella di un elenco unico per tutte le categorie A e B, con i Comuni che dovranno fare awisi di richiesta di personale da assumere e potranno attingere da questo bacino. In sintesi, alcuni precari potrebbero cambiare sede di lavoro per avere un contratto a tempo indeterminato. Per le categorie più alte, C e D, previsti invece i concorsi. Per tutti però la stabilizzazìone potrebbe awenire con contratti a 18 ore settimanali, che saranno coperti interamente dalla Regione. Se i Comuni avranno risorse aggiuntive, potranno aumentare le ore a 24 o 36. Ma senza tagli alla spesa, la legge rimarrà sulla carta. Da Roma sono stati chiari. a. fras. RIPRODUZIONE RISERVATA /repubblica.extra.kataweb.it/edicolalrepubblica!checksecurity.chk? Action~Upd /2013

16 repubblica Extra- Il giornale in edicola Pagina l di l Elenco Titoli stampa quelto articolo SABATO, 09 NOVEMBRE 2013 Pagina Palermo Il ratroeçena Sanità, Crocetta prepara il repulisti poltrone a rischio, rotazioni in arrivo Caso Humanltas, In bilico due burocrati. l grillini: "Dibattito eii'ars" ANTONIO FRASCHILLA GIUSI SPICA HA BLINDATO l'assessore che porta il cognome più pesante, e adesso prepara un repulisti alla Sanità. Il governatore Rosario Crocetta vuole che qualcuno paghi per la vicenda Humanitas: «È stato sbagliato far firmare atti a Lucia Borsellino dopo l'approvazione di un semplice apprezzamento dell'accordo con i privati fatto nella giunta del 2 luglio». Il riferimento è al contratto firmato il 5 settembre. Adesso sono in arrivo rotazioni di dirigenti e forse anche il cambio dei due responsabili di dipartimento, Salvatore Sammartano e Ignazio Tozzo. Rei di non aver sostenuto la Borsellino nell'iter che ha portato all'approvazione dell'accordo con la Humanitas che ha scatenato la bufera politica, costringendo il governo a fare marcia indietro approvando una seconda delibera che taglia 391 posti letto per pazienti "acuti" ai privati: esattamente l'opposto dell'accordo con la Humanitas, che prevedeva invece un incremento di 70 posti per il gruppo milanese. «Abbiamo chiarito che non c'era l'intendimento di agevolare nessuno, quella delibera che abbiamo ritirato era soltanto un provvedimento di apprezzamento, non altro», sottolinea Crocetta, che ieri ha rivisto la Borsellino e ha studiato il prossimo valzer di poltrone in piazza Ziino. Il governatore ha alzato la fortezza intorno all'assessore, che in una lettera riservata avrebbe messo nero su bianco tutta la sua amarezza per una vicenda che l'ha esposta ai colpi trasversali dell'opposizione ma anche di pezzi della sua maggioranza. Nella missiva l'assessore si sarebbe detta pronta a mollare. Salvo tornare sui suoi passi dopo l'incontro fiume di giovedì sera con il presidente Crocetta, che l'ha convinta a restare e le ha ribadito fiducia. Una fiducia che non le è bastata a fare sbollire l'amarezza per quella bozza d'accordo che porta la sua firma e che- con i suoi più stretti collaboratori- non ha esitato a definire «un errore». A rischiare la poltrona sono, su tutti, gli stessi che hanno predisposto la bozza Humanitas. Si tratta del dirigente generale dell'assessorato, Sammartano, e soprattutto del dirigente dell'ispettorato alla Sanità, Tozzo, considerato molto vicino a Lino Leanza, deputato regionale di Articolo 4. Lo stesso partito in cui milita Luca Sammartino, che ha zio e madre ai vertici della clinica catanese. Se a pagare non sarà l'assessore, qualcuno dovrà comunque rispondere di «quell'errore». E già da qualche giorno c'è chi invoca la testa di qualche dirigente. Lo ha fatto, per esempio, Giovanni Pistorio, segretario regionale deii'udc in guerra con Leanza: «Crediamo- ha detto- che questa sia l'occasione giusta per intervenire nella struttura dell'assessorato, dove probabilmente non tutti procedono in sintonia con le qualità, la correttezza amministrativa e lo stile dell'assessore». Dal fronte politico arriva un attacco diretto al governo da parte del Movimento SStelle: «Troppe bugie dal governo, Crocetta riferisca in aula - dicono i grillini - la sola cosa certa in questa storia è che il governo ha mostrato i suoi attributi di plastica, con un balletto che ci ricorda molto quello sul Muos, dove ci sono state revoche e controrevoche degne del miglior "Re Tentenna"».Anche un deputato della Lista Musumeci, Gino loppolo, chiede al governo dì riferire in aula: «Crocetta e la Borsellino vengano subito a Sala d'ercole». RIPRODUZIONE RISERVATA Action~Upd... 11/11/2013

17 Manager della Sanità Ecco gli ammessi agli orali Sabato 09 Novembre di Chiara Billitteri In 70, oltre al centinaio di candidati già selezionati in base al curriculum, accedono agli orali. Tra loro tanti volti noti. Ma ci sono anche esclusi eccellenti. L'elenco completo PALERMO - SI apre un nuovo capitolo nella luna:a vicenda delle selezioni del nuovi manaaer della Sanltè siciliana: il 22 novembre partiranno le selezioni orali. Dopo mesi di complicate e discusse selezioni fatte sulla base di test scritti sui quali anche esponenti della maggioranza di governo- come il presidente della commissione Sanità aii'ars, Pippo Digiacomo (Pd)- hanno manifestato grossi dubbi, si passa finalmente al secondo step. Da un elenco iniziale di circa 460 aspiranti alla guida di Aspe ospedali sparsi per tutto il territorio regionale, infatti, ne sono stati selezionati circa 200. Circa un centinaio di questi sono passati di diritto dopo che la commissione straordinaria di selezione nominata dall'assessore alla Salute Lucia Borsellino, e composta dal direttore deii'agenas Fulvio Mairano, da Marco Frey dell'istituto Universitario Sant'Anna di Pisa e da Ernesto Morici, magistrato in quiescenza, ha esaminato i curricula di ognuno dei candidati e stabilito, quindi, che alcuni di loro avevano maggiori competenze. Tra loro anche il parlamentare europeo del Ppe Salvatore lacolino, il direttore deii'asp di Palermo Antonino Candela, e gli ex manager Fabrizio De Nicola, Salvatore Centaro e Salvatore Cirignotta. Gli altri 70, invece, hanno sostenuto e superato la fase dei test scritti e adesso saranno sottoposti agli orali assieme agli altri. E tra di loro c'è anche quale nome noto. Come ad esempio quello di Maurizio Torrisi, ex assessore alla Presidenza del governo Cuffaro, o Giuseppe lncardona, del dipartimento regionale dell'industria. Poi ci sono anche Maurizio

18 Agnese, dirigente che si occupa di controllo sulla spesa dei fondi europei e Giuseppe Amato, dirigente del dipartimento Affari generali della Funzione pubblica. Qualche nome di peso, però, c'è anche tra l tantissimi esclusi che in questi mesi hanno partecipato a test scritti molto criticati perché spesso non attinenti alla materia dirigenziale. Tra gli esclusi anche Angelo Aliquò, uomo da sempre vicino all'ex assessore Massimo Russo, il conterraneo del Presidente Crocetta Vittorio Virgilio, gelese e attuale commissario straordinario deii'asp di Caltanissetta e Giuseppe Termine, commissario deii'asp di Enna. Per loro, e per altre centinaia di candidati, le selezioni non sono andate bene. Per tutti gli altri, invece- compresi gli oltre cento che hanno avuto accesso diretto solo sulla base del curriculum -le prove orali che inizieranno tra qualche giorno dovrebbero terminare i primi di dicembre. Ma visti i tempi estremamente dilatati di tutto il processo selettivo, iniziato ad agosto e che si sarebbe dovuto chiudere- secondo le stime iniziali dell'assessore Borsellino- a fine settembre, il termine della seconda fase di selezione potrebbe slittare ancora. Dei 90 selezionati, comunque, in 50 supereranno il colloquio e, alla fine, la commissione ne selezionerà soltanto 20 che saranno, di fatto, i nuovi manager della Sanità siciliana. Ecco, di seguito, l'elenco completo dei 70 candidati che hanno superato i test scritti e che dal22 novembre inizieranno le prove orali. Agnese Maurizio; Amato Giuseppe; Amico Gianluigi Maurizio; Aricò Maurizio; Bellina Anna Maria; Bonaccorsi Giampiero; Bonanno Eugenio; Bordo naro Roberto; Borruto Antonino; Brugaletta Salvatore; Capodieci Giuseppe; Cassarà Emanuele; Cavallaro Elvira Alfia; Colimberti Domenico; Cosentino Marino Julo; Cucci Giuseppe; Curto Gaetano; Daidone Letterio; Dara Andrea; Di Bella Giuseppe; Di Fede Giovanni Francesco; Di Lorenzo Rosario; Di Simone Vittoriano; Farine Ila Enzo; Floridia Francesco; Galati Casmiro Gianluca; Garufi Francesco; Giammanco Giuseppe; Gibellina Francesca Maria; Guercio Annalisa; Gulizia Michele; lacono Carmelo; lncardona Giuseppe; lei li Rossella Colomba; licciardello Maria Antonietta; lomeo Alberto; Macaluso Maria Rosaria; Maniaci lorenzo; Marino Giuseppe; Messina Walter; Miccichè Stefano; Migliore Giovanni; Mollica Nardo Gina; Munafò Manlio; Muscarnera Calogero; Noto Giuseppe; Parrino Enza Anna; Reina Vincenzo; Romano Marcello; Rosso Benedetto; Russo Fabrizio; Scala Salvatore; Scalici Salvatore; Scalisi Giuseppe; Sciortino Pietro; Scrofa n i Maria Grazia; Sferrazza lreneo; Sorbello Armando; Sortino lole; Stornello Michele; Tetamo Romano; Torrisi Mario; Torrisi Salvatore; Tronca Francesco Paolo; Tumbarello Francesco; Vallone Danilo; Vancheri Maurizio; Vasco Calogero; Venuti Gervasio; Vullo Michele.

19 Sulla Gurs n. 49/13 il decreto dirigenziale sulle responsabilità e le modalità operative da applicare nelle Asp Audit 2013, le procedure da applicare Il responsabile deve avere maturato un'esperienza di 4 anni nel campo della sanità animale PALERMO " È stato pubblicato sullo Gazzetta Ufficiale della Rogion~ slciliana (n.49 del 31 ottobre), il decreto del 30 sc!tetllbre scorso, a f1m1a del dm gente gcoerale del dipa.ttimenro reg1onale per l" att!vl!à S!lttltane e os servatorio epidemiologico, Ignazio Tozzo, sulle procedure regionali per l'esecuzione dejli audi! al sensi dell'art. 4. pa,agrn o 6, del regolamento CE n e approvaz'>otte del programma per l'armo La procedura contenuta nel documento descrive le responsabilità e le modalità op<rmive coo cui l'autorità competente della Regione procede a audi! presso le A~1ende samtarie provmc!oli per venflcare che si stiano raggiungendo gli obtel!!vl definiti nel regolamento CE n e suoces we rettifiche e-modifiche Alla luce de1 multati eme.si nel ""'""delle attività di audi! le autontà io modo trasparente_ La proc~dura si apphca agli audit esterni sulle Asp, lirtutatamente a.t seguenlt scrv:i~t (strutture complesse) del dipartimento d! ~== Tra le esperienze valide, quelle nei dipartimenti Prevenzione nelle Asp La valutazione della comp-etenza avviene med'tante eso\11< di un cun-ioulum vitae dettagliato in cut devono essere dettagliate istru~iotte, esperienza di javoro, fonna:<~one ed addestramento come audltor ed esperienza di andit nel settore della sicurezza alimentare l li.eqursit/ D!/ COMrotiE~Tt DEl GRUPPI DtAIIDIT li gruppo di audit è composto almeno da nn responsabrle del gruppo di audit con almeno 4 anni nel campo della sarutà animale e 1giene degh allevamenl:l e delle produztoni zootecniche, uno o più auditor eon almeno 4 anni nel campo della sani!<\ animale e igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, un esperto tecnico, se necessario, con almeno 3 anni nel campo santtà pubblica vetennaria della sicurezza alimentai<: Siap:<, del dipartimento di prevenzione dj un.a Asp o. tra altre P a ed 11 responsab1le del Servtzio regionale di sanità veterinana o suo delegato (solo per le attivttà che 110n ricadono sotto la loro diretta responsabilità). Per perseguire J'ob!ettivo l'audll dovrà soddisfare tre es1gen2e: verificare la confo1mità a!jo d,_,posizrom rmpart:jte al fine dt garantire J'osservan,. della pianjlloazlone dei controlli, cho il personale ilnp,.gato osservr le disposr<~oni e le lmee guida impa!1ite, verificandole a~mverso vtsura dr document zione elo dscontrl dirottamonte sul posto. Ed anche venficajc, in loeo, ohe lo dtspmt~ioni unpattitc.<~ano adottate in manrera efficaoe raffrontando la preventivo p!anificazwne oon gli dfett1vi risultati raggiunll. Ed infine valutale l'adeguatez>a delle att]vttà poste m essere!ti rela ZlOlle al Piano Nazionale Integrato delle attività. all'adeguate= dei oon- 1.-olll, nonohé alla cafona produttrva. And"'a Cortino eompetentr sopra ttt<m:tonate prendono le misure app1opriate L'audit si tntende come una valutazjone indrpendcnte volta a ottenere evrdenze, relativamente ad un dete!ii1iuato oggetto, e valutal'le eon obtettivrtà, alfine di stabilire in quale misura i cr'tteri prefissatt SJano stati soddisfaoi o meno Gli audi! possono essere ru s!stema o di settore. Gli audit d1 settore possono essere condotti uel!"ombtt<l di un audi! di sistema. Tutti glt auditsono soggetti ad un esame indipendente e sono svolti prevcjjz!oqo vetennario. S..-vizto d sanità animale (Ssa.), Serv1<10 d'igie:lle degli allevamenti o delle produziouj zootecniche (Siapz) Il progg!mmadi audi t viene defunto anno per anno in funzione delle ri9ul tanze del programma del!" anno prtte dente. Comprende almeno: un audit di sistema presso 2 AZJende sanitarie provillciali della Reg1one, un aud1t di settore presso 2 Aziende sanitarie provinciah della Regione. Tali audit prevedono l 'esect>zione di controlli ufficiali sul can1po, ove previsto anohe senza preavviso, da parte del soggetto auditato AUDIT rh SISTEMA E Q! SITTORlt Gli aud~ d! ststemo e di settore possono essere svolti solo da audttor 1n possesso della adeguata competenza. Quotldl.iino di Sidlfa Sabato 9 Novembre 2013

20 Quotidtllno di Sicilia Sabato 9 Novembre 2013 Il ministro lorenzin alla Conferenza Stato-Regioni: "Via al percorso di riqualificazione" Posti letto acuti e costi standard le sfide nel settore sanità Nuovo dietro front di Crocetta mentre le altre Regioni avanzano PALERMO La giunta regionale questa settimana ha bloccato l'incremento dei posti ietto privati per acuti. Precisamente. la giunta Crocetta ha fatto appello alle nuove direttive ministeriali che non consentirebbero nuovi posti letto, come invece si rendeva possibile con delibera di apprezzamento del 2 luglio 238/2013 che subordinava l'incremento di nuovi posti letto all' avvenuta realizzazione della nuova stmnura Humanitas e ai vincoli delle disposizioni normative del settore sanitario "emanate ed emanande", nell' ambito di un progetto di investimento di 80 milioni di euro realizzato per impedire la migrazione di pazienti dalla Sicilia verso i centn Hmnanitas della Lombardia. Insomma, marcia indietro. "La delibera 238 relativa all'humanitas è inattuabile" ha dichiarato lo stesso Cwcetta. Nella stessa settimana il ministro della Salute, Beattice Lorenzin, è intervenuta sui cosli standard e sul Patto per la Salute, dopo che, sempre in settimana, si è svolta una conferenza manografica tra le Reg10ni interamente dedicata ai temi della sanità. "Una gran buona notizia dalla Conferenza Stato Regiom la Beatrice Lorenzln partenza dei costi standard, a cui se ne aggiunge un'altra altrettanto significativa con l'accelerazione sul Patto della salute. Accolgo con ottimismo l'invito del presidente Euani e sono pronta fin da subito a mettere in atto tutte le misure necessarie per render operativa la "riforma". Quanto emerso oggi conferma il buon lavoro svolto tra Governo e Regioni, quindi possiamo rea!isticamente avviare un processo di riqualificazionc del Sistema samtario nazionale che punt1 su organizzazione e qualità fin dal prossimo anno".

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI LISTE REGIONALI SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ.3 SEZ.4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 TOTALE LISTA N. 1 CANCELLERI Giovanni Carlo 72 103 104 106 70 53 90 91 59 86 77 89 96 1096 LISTA

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

PUNT. TOT. DICHIARATO PREC.

PUNT. TOT. DICHIARATO PREC. 1 A016 NUCIFORA LAURA 24/06/1962 205,00 ITG JUVARA SIRACUSA 1 A018 LASAGNA GIORGIO 11/09/1956 DOP 200,00 LIC.ART. NOTO 2 A018 GULINO MARIA TERESA 06/08/1961 DOP 118,00 LIC.ART. LENTINI 3 A018 INTERLANDI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 Sortino Consuelo Pisano Antonino Impellizzeri Giulia Petriglieri Emilio Silvestro Federica Ciadamidaro Rocco graphic design 3 / triennio lunedì

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc.

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc. Classe: 3A TERZE E QUARTE NUOVO ORDINAMENTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "P. RUGGIERI" MARSALA 1 ANGILERI VITO 11/02/1999 2 ARISTODEMO MARCO 17/03/1999 3 BONFRATELLO SAMUELE 26/06/1999 4 CAMAGNA MICHELE 12/05/1999

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIANO DEI PAGAMENTI EX ART. 6, COMMA 9, D.L. 35/2013 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI IN L.

DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIANO DEI PAGAMENTI EX ART. 6, COMMA 9, D.L. 35/2013 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI IN L. DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIANO DEI PAGAMENTI EX ART. 6, COMMA 9, D.L. 35/2013 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI IN L. 64/2013 Fatture in C/Capitale non estinte alla data dell'8 Aprile 2013 1 F.lli

Dettagli

Rassegna del 15/04/2015

Rassegna del 15/04/2015 Rassegna del 15/04/2015 SANITA' REGIONALE 15/04/15 Gazzetta del Sud 17 Lavori in corso nel centrodestra - «Un ponte tra chi non dialoga più» Costa Luana 1 15/04/15 Gazzetta del Sud 17 Le nomine fatte dai

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE - 4^A MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (elettr./elettronico) MATERIA D INSEGNAMENTO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE - 4^A MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (elettr./elettronico) MATERIA D INSEGNAMENTO CLASSE - 4^A MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (elettr./elettronico) BATTAGLIA FRANCESCO MATEMATICA Giovedì / 08.58 09.56 CECCHINI ANTONELLA INGLESE Riceve su appuntamento CEOTTO PIETRO TECN MECC ed APPLIC

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : MATERA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : MATERA GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 69 - Numero 12 UFFICIALE PARTE PRIMA Palermo - Venerdì, 20 marzo 2015 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI Sped. in a.p., comma 20/c, art. 2, l. n.

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Coordinator i lavori di progr.ne. Fiduciar i di plesso. Referent i ai progetti POF

Coordinator i lavori di progr.ne. Fiduciar i di plesso. Referent i ai progetti POF ATTIVITA' NOMINATIVO QUALIFICA DOCENTE ORE VALIDATE Collabor atori del Dirigente Fiduciar i di plesso Referent i ai progetti POF Coordinator i lavori di progr.ne Staff. Laboratorio musica e teatro Staff

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Rassegna del 12/04/2015

Rassegna del 12/04/2015 Rassegna del 12/04/2015 SANITA' REGIONALE 12/04/15 Gazzetta del Sud 21 Nominee "rete" nell'agenda del commissario della Sanità Cannizzaro Paolo 1 12/04/15 Il Garantista Calabria 2 La Regione "licenzia"

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli