L Europa in linea. Per ricevere gli altri numeri della Newsletter iscriviti qui: iscrizione. [Sommario] [Editoriale] [Nuovi Bandi]

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Europa in linea. Per ricevere gli altri numeri della Newsletter iscriviti qui: www.civica.cc/ iscrizione. [Sommario] [Editoriale] [Nuovi Bandi]"

Transcript

1 L Europa in linea Anno I - Num. 0 Newsletter d informazione sui programmi di finanziamento europeo per il settore pubblico e no profit [Editoriale] L Europa in Linea - Newsletter d informazione sui programmi di finanziamento europei per il settore pubblico e no-profit L idea di dar vita ad una newsletter sulle tematiche europee e soprattutto sulle opportunità di finanziamento dall Europa, nasce dall esigenza avvertita fra le autonomie locali, di conoscere con chiarezza i programmi europei a favore dello sviluppo locale, dell ambiente, della cultura, dell occupazione ecc... Gli operatori del settore conoscono la grande difficoltà ad essere costantemente aggiornati su tali programmi e sui bandi aperti e lanciati ogni giorno. Con questa news, a distanza di un anno dal lancio del progetto E.Lo.SS. (www.eloss.it), vorremmo contribuire nei limiti delle nostre forze, a dissipare tali difficoltà. Lo faremo anche con altre iniziative: workshop, seminari e corsi di formazione, ma questo numero zero è, nello spirito d affiancamento alle autonomie locali che distingue e costituisce l essenza di CIVICA, il punto di partenza. Consentire un informazione chiara, mirata e tempestiva sulle opportunità di finanziamento offerte, a livello europeo, per il settore pubblico e no profit, nell ambito della politica di rete che si sviluppa, costituisce dunque l obiettivo principe dell iniziativa editoriale L Europa in linea che, con il numero zero, oggi prende il via. Abbiamo creato una redazione in un settore specifico di CIVICA che curerà l uscita periodica della newsletter. Essa è formata da persone esperte che da tempo lavorano a favore dello sviluppo locale e dell innovazione della P.A., offrendo servizi di progettazione e assistenza tecnica. La newsletter L Europa in Linea sarà inviata a cadenza quindicinale in modo da consentire una panoramica completa dello scenario europeo, indicando così gli ultimi bandi pubblicati, segnalando le novità dall Europa e soffermandosi su particolari programmi e/o iniziative. Nel numero zero, abbiamo deciso di dare rilievo agli strumenti finanziari che la Commissione Europea ha messo a disposizione per promuovere la società dell informazione: i programmi e_content, e_ten, e_learning, fanno parte della strategia europea e_europe, volta a favorire una maggiore integrazione tra gli stati membri attraverso il superamento delle barriere fisiche e territoriali che si frappongono alla formazione di una vera e propria società europea. e_learning, inoltre, è un nuovo programma di finanziamento europeo, appena approvato e il cui primo bando è previsto nei prossimi mesi: è questa l occasione per iniziare a progettare tempestivamente, valide iniziative! Nella certezza di offrire un servizio utile, attendiamo anche Vostri suggerimenti per migliorarlo e Vi diamo appuntamento fra due settimane. Buona lettura! [Sommario] Editoriale A cura del Prof. Carlo Di Marco pag. 1 Nuovi bandi L UE sostiene la promozione della società dell informazione - Il programma eten: bando 2004 pag. 1 Un programma europeo per incoraggiare un uso eco-sostenibile dell energia: Energia Intelligente Europa Bando 2004 pag. 2 Il programma europeo di gemellaggio tra città - L Europa incoraggia il dialogo tra le piccole realtà locali pag. 3 Programma e-content: promozione della società - Ultimo bando pag. 4 Parliamo di Il nuovo programma europeo elearning Sostegno all uso delle tecnologie dell informazione e delle comunicazioni (TIC) nei sistemi europei d istruzione e formazione pag. 5 Comunicazioni della redazione pag. 5 Scadenziario dei principali programmi di finanziamento europei pag. 6 News ed eventi dall Europa pag. 6 Per ricevere gli altri numeri della Newsletter iscriviti qui: iscrizione [Nuovi Bandi] L UE sostiene la promozione della società dell informazione - Il programma eten: bando 2004 eten é il Programma della Comunità Europea predisposto per aiutare lo sviluppo di servizi elettronici basati su reti di telecomunicazioni (e.services) con una dimensione transeuropea. eten promuove servizi di interesse pubblico che danno ad ogni cittadino, impresa ed amministrazione piena opportunità di fruire della e-society, superando la discriminazione digitale che minaccia di creare delle classi sfavorite nell informatizzazione. L Unione europea é dotata di un ricco patrimonio di nazionalità, culture e tradizioni. Questo costituisce una grande forza, ma nello sviluppo degli e.services, c è il pericolo dell insorgere di isole dove gruppi di lingue o frontiere amministrative interrompono il flusso dei servizi. E proprio in considerazione di queste sfide che é stata stabilita la politica per le Reti Transeuropee di Telecomunicazioni. Quello che distingue eten dalle altre azioni comunitarie della Società dell informazione é l approccio di 1

2 preparazione all offerta sul mercato. eten é funzionale a consentire ai partner di superare l investimento iniziale di progetto e le difficoltà di lancio. In conclusione, eten offre un contributo determinante nel portare servizi di interesse pubblico dallo stadio potenziale alla piena operatività di mercato. Le tematiche del programma sono le seguenti: - e Government - e Health - e Inclusion - e Learning - Fiducia e sicurezza - PMI. Possono presentare le domande di sovvenzione: - consorzi transnazionali composti da almeno due organizzazioni, legalmente riconosciute in due Stati europei membri, che abbiano competenze e le risorse necessarie per realizzare il progetto e sfruttarne i risultati. Le proposte progettuali devono riguardare una delle seguenti tipologie di azioni: Azione 1: Introduzione iniziale I progetti mireranno ad implementare servizi già esistenti presso alcune regioni europee in altre, allo scopo di favorire lo scambio di prassi, la condivisione di software e la creazione di reti effettive transeuropee. Azione 2: Convalida sul mercato Viene fornita assistenza nella fase di lancio di un servizio, in modo che gli investitori o le autorità pubbliche pervengano a decisioni circostanziate prima del lancio del servizio, sulla base di una analisi di marketing e dei fattori Un programma europeo per incoraggiare un ecosostenibile dell energia: Energia Intelligente Europa, bando 2004 Energia Intelligente è un programma pluriennale volto a favorire lo sviluppo sostenibile nel contesto dell energia. I suoi obiettivi principali sono i seguenti: - promuovere l efficienza energetica, il ricorso alle fonti energetiche rinnovabili e la diversificazione energetica, - sviluppare mezzi e strumenti per il controllo, il monitoraggio e la valutazione dell impatto delle misure adottate nei settori dell efficienza energetica e delle energie rinnovabili, - promuovere modelli efficaci e intelligenti di produzione e consumo di energia, sensibilizzando l opinione pubblica e promuovendo scambi di esperienze e di know-how tra i principali soggetti interessati (imprese e cittadini). Il programma è strutturato in quattro settori specifici: 1. SAVE, che riguarda il rafforzamento dell efficienza energetica e l uso razionale dell energia, in particolare nei settori dell edilizia e dell industria (compresa l elaborazione ed attuazione di misure legislative). 2. ALTENER, che riguarda la promozione delle fonti energetiche nuove o rinnovabili per la produzione centralizzata e decentrata di energia elettrica e di calore, e la economici coinvolti. Azione 3: Supporto e coordinamento Si incoraggia la promozione del programma e dei suoi obiettivi attraverso seminari, ricerche e pubblicizzazione di buone prassi. Le proposte presentate nell ambito dell azione 1 possono beneficiare di un contributo comunitario massimo pari al 10 % della stima dei costi di investimento totali; è probabile che tale contributo verrà aumentato al 30%. Per le proposte presentate nell ambito dell azione 2 il contributo comunitario ammonta al 50% dei costi ammissibili della fase stessa, fino ad un massimo del 10% dei costi di investimento totali. Per le proposte presentate nell ambito dell azione 3 il contributo comunitario deve essere inferiore al 100% dei costi ammissibili. Il finanziamento complessivo stanziato per il presente invito ammonta a circa 42 milioni di Eur. La data di scadenza per la presentazione delle proposte è per il 9 giugno Tutte le informazioni e i documenti relativi al presente invito possono essere reperiti sul sito: loro integrazione nell ambiente locale e nei sistemi energetici. 3. STEER, che riguarda il sostegno ad iniziative riguardanti tutti gli aspetti energetici dei trasporti, la diversificazione dei carburanti (ad esempio mediante nuove fonti di energia in fase di sviluppo e finti di energia rinnovabili) e la promozione dei carburanti di origine rinnovabile e dell efficienza energetica nei trasporti (compresa l elaborazione ed attuazione di misure legislative). 4. COOPENER, che sostiene iniziative relative alla promozione delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica nei paesi in via di sviluppo, in particolare nel quadro della cooperazione della Comunità con i PVS dall Africa, dell Asia, dell America Latina e del Pacifico. L Ue finanzia le seguenti tipologie di progetti: a) promozione dello sviluppo sostenibile, della sicurezza dell approvvigionamento energetico, della competitività e della tutela dell ambiente (compresa l elaborazione di norme, sistemi di etichettatura e certificazione, ) b) creazione, ampliamento o ristrutturazione di strutture e strumenti per lo sviluppo dell energia sostenibile, (compresa la programmazione e la gestione energetica a livello locale e regionale e lo sviluppo di prodotti finanziari e di strumenti di mercato adeguati); c) promozione di sistemi e attrezzature nel settore dell energia sostenibile per accelerarne la penetrazione sul mercato e stimolare gli investimenti diretti a facilitare la 2

3 transizione dalla dimostrazione alla commercializzazione di tecnologie più efficaci d) sviluppo delle strutture di informazione, educazione e formazione; diffusione dei risultati delle azioni e dei progetti e cooperazione con gli Stati membri, all interno di reti; e) monitoraggio dell attuazione e dell impatto delle iniziative comunitarie, e delle azioni di sostegno; f) valutazione dell impatto delle azioni e dei progetti finanziati nell ambito del programma. I beneficiari del finanziamento possono essere persone giuridiche pubbliche e private stabilite nei Paesi eleggibili. Il programma viene attuato attraverso tre tipi di azioni: 1. azioni generiche (AG): trasferimento di know-how, lavoro in rete, azioni pilota e divulgazione di buone prassi. Questi progetti devono essere presentati da partenariati di almeno tre soggetti indipendenti, che abbiano sede in almeno tre diversi Paesi partecipanti 2. creazione di nuove agenzie locali e regionali di gestione dell energia: il partenariato deve comprendere almeno due soggetti con sede in due diversi Paesi ammissibili. 3. sostegno specifico per manifestazioni (SSM): le SSM comportano generalmente l organizzazione di seminari e possono essere presentate da un unico soggetto con sede in uno dei Paesi eleggibili. Le risorse finanziarie disponibili ammontano a: 41,57 milioni di EUR, di cui Eur destinati alle SSM. Si prevede di concludere un massimo di 80 contratti. Per tutti i tipi di azioni il contributo massimo può coprire fino al 50% dei costi ammissibili; l importo massimo del finanziamento per le SSM è di Eur Le date di scadenza sono: Azioni di tipo 1 e 2: 30/04/2004 Azioni di tipo 3: 1/06/2004. Tutte le informazioni, i dettagli e i documenti sul presente invito: possono essere reperiti al seguente indirizzo: Il Programma Europeo di Gemellaggio tra città L Europa incoraggia il dialogo tra le piccole realtà locali E dal 1989 che l Unione Europa sostiene ed incoraggia il dialogo e la reciproca conoscenza tra le città europee: il gemellaggio rappresenta il principale strumento utilizzato a tale scopo, in quanto capace di avvicinare le autorità locali europee per creare occasioni di confronto e legami che favoriscono lo sviluppo di una coscienza comune europea. In data (GUCE C 283), è stato pubblicato l invito a presentare proposte con l indicazione delle priorità e delle scadenze per il 2004 entro cui presentare le domande di sovvenzione. Le azioni sovvenzionabili sono di due tipi: A. Incontri tra cittadini e comuni gemellati. Possono proporre domanda di finanziamento città e comuni, nonché i loro comitati di gemellaggio. I progetti possono essere presentati nel quadro di accordi di gemellaggi preesistenti o nuovi, da instaurarsi nel corso dell incontro. L incontro deve coinvolgere comuni di almeno due paesi eleggibili, di cui almeno uno membro dell UE. Gli incontri dovranno stimolare la condivisione di esperienze, dibattiti, proponendo uno scambio attivo relativo ai grandi temi europei, come il futuro dell Unione Europea, l allargamento, le istituzioni europee, il modello sociale europeo, ambiente, la mobilità dei giovani in Europea, l istruzione, il multilinguismo, la formazione, sviluppo economico sociale, disabili, etc. Le sovvenzioni saranno concesse sulla base di importi forfettari per i costi organizzativi e le spese di viaggio; l importo massimo della sovvenzione è di Eur B. Conferenze tematiche e seminari di formazione I soggetti legittimati a proporre domanda per questa azione sono: 1) città, comuni e loro comitati di gemellaggio; 2) altri livelli delle amministrazioni locali o regionali; 3) federazioni ed associazioni di autorità locali. La parte B del Programma consente di chiedere una sovvenzione per l organizzazione di: - conferenze tematiche che dovranno riguardare i gemellaggi tra città ed essere volte a rafforzare la consapevolezza dell integrazione europea favorendo gli scambi di esperienze a livello locale. - seminari di formazione che dovranno consentire ai responsabili dei gemellaggi di acquisire le conoscenze e le competenze necessarie per realizzare progetti di gemellaggio con un contenuto europeo di alta qualità, come la teoria e la pratica dei gemellaggi, lo sviluppo dei temi europei nei progetti di gemellaggio, la cooperazione transnazionale tra comuni a livello europeo L evento proposto dovrà comprendere la partecipazione di almeno due paesi ammissibili, uno dei quali membro dell UE. La sovvenzione concessa non potrà superare il 50% dell importo complessivo, fino ad un massimo di Eur Parte A e B del programma Nella selezione dei progetti presentati, sarà data priorità ad incontri che coinvolgono città e municipalità dei paesi candidati, a nuovi accordi di gemellaggio, a progetti che coinvolgono piccole municipalità o municipalità in zone geografiche svantaggiate, ad eventi multilaterali e a progetti che coinvolgono i giovani oppure gruppi svantaggiati. Chiunque voglia presentare una domanda di sovvenzione sia per organizzare gli incontri di gemellaggio, sia le conferenze o i seminari, dovrà rispettare le seguenti scadenze: - il 2 aprile 2004 per le azioni che iniziano tra il 1 agosto e il 30 settembre 2004; - il 1 giugno 2004 per le azioni che iniziano tra il 1 ottobre e il 31 dicembre Il testo integrale del bando o il modulo per la presentazione delle domande possono essere reperite al seguente indirizzo: towntwin/index_it.html Mentre tutti i chiarimenti possono essere avanzati agli indirizzi 3

4 Programma E-content: promozione della società dell informazione - Ultimo bando E giunto al termine il programma europeo E-Content: sulla GUCE C 40 del è stato pubblicato l ultimo invito a presentare proposte. Il programma finanzia iniziative volte ad accrescere la disponibilità, l uso e la distribuzione di contenuti digitali europei. E-Content è stato adottato come parte del piano d azione eeurope 2002, ideato per: - accelerare lo sviluppo della società dell informazione in Europa; - creare un contesto favorevole agli investimenti privati e alla creazione di nuovi posti di lavoro, accrescere la produttività, modernizzare i servizi pubblici e garantire a tutti i cittadini la possibilità di partecipare alla società dell informazione, inclusi i cittadini con esigenze particolari come i disabili. Il presente invito riguarda le seguenti linee d azione: - migliorare l accesso alle informazioni del settore pubblico e svilupparne l utilizzazione; - incrementare la produzione dei contenuti in un contesto multilinguistico e multiculturale. La prima linea d azione ha lo scopo di accrescere l offerta di informazioni incoraggiando l utilizzo transnazionale delle informazioni in possesso del settore pubblico: riunire infrastrutture linguistiche (ad es. lessici, grammatiche, regole per la formazione terminologica, indici intelligenti, ecc..) e fornire un accesso conveniente e un punto di commercializzazione per i fornitori e i distributori di contenuti, e per i fornitori di servizi linguistici e soluzioni di localizzazione. I progetti nell ambito di questa linea d azione devono avere dimensioni considerevoli e dimostrare di poter avere un impatto durevole sul mercato: ciò implica che riuniscano partner pubblici e privati di diversi paesi che lavorino per un integrazione delle rispettive risorse multilingue o di parte di esse, o per lo sviluppo di nuove risorse. La seconda linea d azione si rivolge alla dimensione multilingue della creazione e dell utilizzo dei contenuti in Europa. I progetti utilizzeranno soluzioni tecniche I progetti saranno rivolti a partenariati che raggruppino più partecipanti provenienti da paesi diversi. Affinché un consorzio sia ritenuto idoneo è necessario un minimo di due partner indipendenti, provenienti da due paesi partecipanti. La dotazione finanziaria per il seguente invito ammonta a 1,5 milioni di Eur. Il termine ultimo per la presentazione delle proposte progettuali è il 14 maggio Tutti i documenti utili alla progettazione nell ambito di questo programma possono essere trovate sul sito: Approfondimento Al via il nuovo programma E-contentplus ( ) Sulla GUCE del , è stata pubblicata una proposta della Commissione per l adozione del programma e-contentplus, che andrà a sostituire e-content nel periodo ; l obiettivo generale è di rendere i contenuti digitali in Europa più accessibili, utilizzabili e sfruttabili, facilitando la diffusione dell informazione e delle conoscenze in settori di interesse pubblico a livello dell Unione. Il programma si pone tre obiettivi operativi: - facilitare l accesso ai contenuti digitali europei; - migliorare la qualità facilitando le migliori pratiche relative ai contenuti digitali; - rafforzare la cooperazione e la sensibilizzazione nel settore dei contenuti digitali. Sono coperti settori di pubblico interesse quali le informazioni del settore pubblico, i contenuti didattici, i contenuti scientifici e accademici e i contenuti provenienti da istituzioni culturali. La dotazione finanziaria proposta per l attuazione del programma è di 163 milioni di Eur per un periodo di 4 anni ( ). all avanguardia già esistenti e saranno finalizzati all innovazione commerciale e socioeconomica, non solo a quella tecnologica. E bene precisare che econtent non finanzia i progetti di ricerca, le applicazioni multimediali offline e la digitalizzazione di grandi quantità di materiale cartaceo. I soggetti beneficiari sono: - entità giuridiche con sede negli Stati ammissibili al programma ed in particolare imprese industriali e commerciali, comprese le PMI, le università e gli istituti di istruzione superiore, associazioni ed enti del settore pubblico. Hanno collaborato alla newsletter: - Prof. Carlo Di Marco, docente di diritto pubblico Univ. Bocconi, Milano e diritto dell ambiente Univ. di L Aquila; - Dott. Mauro Vanni, esperto in europrogettazione e tematiche dello sviluppo locale; - Dott.ssa Ida Guetti e Dott.ssa Marcella Di Marco, consulenti sui programmi di finanziamento europei; - Dott. Gianluca Faieta, supervisione informatica; - Stefano Di Lello, progetto grafico. 4

5 [Parliamo di...] Il nuovo Programma europeo E-learning Sostegno all uso delle tecnologie dell informazione e delle comunicazioni (TIC) nei sistemi europei d istruzione e formazione In data , è stata pubblicata sulla GUCE L 345 la decisione istitutiva del nuovo programma E-learning in materia d istruzione e formazione. Il nuovo programma sostituisce l iniziativa comunitaria e-learning ( ). Nelle prossime settimane dovranno quindi essere lanciati i primi bandi per la presentazione delle proposte progettuali: per questo è importante conoscere e-learning fin d ora in modo da iniziare una tempestiva progettazione. Il programma persegue i seguenti obiettivi: 1) rafforzare il dialogo interculturale e la coesione sociale, colmando il divario digitale che separa alcuni soggetti (giovani, donne, anziani) dai vantaggi offerti dalle TIC e da Internet; 2) migliorare il sistema europeo d istruzione attraverso l uso delle tecnologie digitali; 3) sviluppare prodotti e servizi europei di qualità nel campo dell istruzione e favorire lo scambio di nuove prassi; 4) potenziare i vantaggi dell e-learning nei metodi d insegnamento e nei processi di apprendimento, in modo da favorire la formazione continua dei lavoratori, anche nelle PMI e l autonomia degli insegnanti. I campi di attività che saranno coperti dal nuovo programma, sono: 1) Promozione dell alfabetizzazione digitale: in questo ambito saranno sostenute le azioni che utilizzano le TIC nell ambito della formazione scolastica e della formazione permanente; 2) Campus virtuali europei: in questo ambito, verranno sostenuti i progetti volti a creare una dimensione virtuale dell istruzione superiore attraverso l istituzione di campus virtuali che renderà possibile agli istituti universitari europei di collaborare, scambiare buone pratiche, prodotti e servizi realizzando la cosiddetta mobilità virtuale; sotto questa misura potranno essere anche istituiti dei master europei basati sull e-learning, con il contributo di diverse università europee. 3) Gemellaggio elettronico delle scuole in Europa e formazione dei docenti: questa misura consentirà alle scuole europee di creare partenariati, per migliorare i metodi d insegnamento e l apprendimento delle lingue e il dialogo interculturale attraverso l uso delle TIC. 4) Azioni trasversali: tali azioni mireranno a promuovere l utilizzo delle TIC, attraverso la diffusione e il trasferimento di buone prassi stabilite dai programmi e dai progetti realizzati, in particolare stimolando la cooperazione pubblico-privato. Il programma sarà attuato nel corso del periodo che va dal 1 gennaio 2004 al 31 dicembre Il finanziamento complessivo stanziato per l intera durata del programma ammonta a 33 milioni di Eur che verranno così distribuiti tra i diversi campi di azione: 1) Alfabetizzazione digitale: circa il 10% del bilancio totale; 2) Campus virtuali europei: circa il 30% del bilancio totale; 3) Gemellaggio elettronico e formazione degli insegnanti: circa il 45 % del bilancio totale; 4) Azioni trasversali: circa il 7,5% del bilancio totale; 5) Assistenza tecnica e amministrativa: al massimo il 7,5% del bilancio totale. Il contributo comunitario consisterà in un cofinanziamento che oscillerà tra il 50% dei costi ammissibili al 100%. Il testo della decisione, nonché gli atti formali che hanno preceduto la sua adozione possono essere scaricati al sito internet: Questo è anche l indirizzo del portale realizzato nel corso della precedente iniziativa E-learning ( ), sul quale è possibile trovare non solo informazione sul nuovo programma, ma anche vedere tutti i progetti europei di e-learning avviati in passato dai quali trarre spunto sia per i contenuti sia per individuare i vostri possibili partner europei. [Comunicazioni dalla redazione] La newsletter L Europa in linea si pone l obiettivo di rispondere ad esigenze effettive di quanti operano a favore dello sviluppo locale, fornendo un servizio sintetico ma puntuale sulle tendenze europee in materia; per questo, Vi chiediamo di inviarci consigli, suggerimenti, in modo da rendere la newsletter il più possibile aderente alle esigenze di Voi lettori. Inoltre, siamo disponibili a trattare argomenti e programmi di finanziamento europei su Vostra indicazione. Potete inviare consigli, richieste, pareri al seguente indirizzo 5

6 PROSSIME SCADENZE DEI PRINCIPALI PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO EUROPEI Bando e programma Scadenza Pubblicazione sulla GUCE Programma per la parità tra uomini e donne C 72 del Leonardo da Vinci II, Organizzazione di eventi per lo sfruttamento dei risultati innovativi del programma Leonardo Programma Energia intelligente Europa (EIE), bando 2004 [News ed eventi dall Europa] Green Week: il forum annuale europeo per il dibattito ambientale. Bruxelles, 1-4 Giugno 2004 Green Week, organizzata ogni anno dalla DG Ambiente della Commissione Europea, è una delle più importanti manifestazioni sulle tematiche ambientali. La politica ambientale sta assumendo un ruolo sempre più importante nei processi decisionali europei: la Commissione europea vuole perciò dimostrare che i progressi compiuti in questo settore non giovano solo alla natura e alla qualità della vita, ma possono anche stimolare la crescita dell Europa creando nuovi posti di lavoro e sviluppando nuovi mercati per le innovazioni e le tecnologie ambientali. Per maggiori informazioni, visitate il sito: greenweek/index.htm Appuntamento allora a Bruxelles dall 1 al 4 giugno! Uffici Europei a confronto Il 23 aprile, si terrà a Ravenna un seminario dal titolo Uffici Europa e referenti europei negli enti locali: esperienze di organizzazione e di partecipazione a confronto. Organizzato dal Comune di Ravenna in collaborazione con ERVET Emilia-Romagna Valorizzazione Economica del Territorio SpA, l incontro rappresenta un occasione per conoscere l esperienza di Ravenna e di altre realtà che hanno deciso di aprire degli Uffici Europa al fine di organizzare la loro partecipazione al processo di costruzione europea. Per informazioni: Conferenza sulla cooperazione transfrontaliera tra autorità regionali per la società dell informazione. Stoccolma Il 26 e 27 aprile 2004 si svolgerà a Stoccolma una conferenza di due giorni sulla cooperazione transfrontaliera tra autorità regionali per la società dell informazione. La conferenza farà il punto sui progressi della società dell informazione e fisserà gli obiettivi comuni della cooperazione transfrontaliera e interregionale. Nel corso dei due giorni saranno affrontati i seguenti argomenti: sostenibilità nell economia dell informazione e alle tecniche di valutazione e controllo del progresso della conoscenza nelle regioni europee, pianificazione regionale nell economia della zona del mar Baltico. Per ulteriori informazioni contattare: o consultare il sito: Il Bilancio finanziario Ue per il periodo C 70 del Azione 1 e 2 : Azione 3: C 315 del Programma eten, bando C 61 del Programma Pro Invest nei paesi ACP, bando Programma Asia Link, bando Programma Asia Pro Eco, bando Programma Asia Urbs, bando Programma Asia Invest, bando Azioni innovative FSE Approcci innovativi alla gestione del cambiamento Programma di gemellaggio tra città, bando C 313 del C 313 del C 311 del C 309 del C 31 del C 262 del C 283 del Media +, progetti pilota C 69 del Media +, Sviluppo distribuzione e promozione C 74 del Programma di sicurezza alimentare ONG C 30 del La Commissione europea, il , ha adottato una Comunicazione con la quale delinea le priorità politiche e le prospettive finanziarie dell Unione europea per il periodo Entro la metà del 2004 la Commissione presenterà proposte legislative, nonché un piano concreto per la realizzazione degli obiettivi. Nel frattempo, il Consiglio e il Parlamento europeo potranno elaborare risposte alla presente Comunicazione. Le decisioni legislative verranno poi assunte in seguito dalla Commissione allargata. Il testo della decisione può essere scaricata dal sito: 6

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. newsletter N.4 Dicembre 2013 Questo numero è stato realizzato da: Franca Fiacco ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione,

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 Il Background del Programma LLP Dichiarazione di Bologna (1999): costruzione di uno spazio europeo dell istruzione superiore Consiglio di Lisbona (2000):

Dettagli

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili Dott. Marco Orazi Dott. Michele Archetti Dott.ssa Paola Porcellana Dott.ssa Mara Zanatta Dott.ssa Francesca Lodrini Dott. Massimo Colombo Dott.ssa

Dettagli

La linea d azione d. 2 del programma econtent. Associazione Italiana Editori

La linea d azione d. 2 del programma econtent. Associazione Italiana Editori Associazione Italiana Editori Piero Attanasio La linea d azione d 2 del programma econtent Incrementare la produzione dei contenuti in un contesto multilinguistico e multiculturale Napoli, Giornata Informativa

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione From the Lifelong Learnig Programme to Erasmus for All Investing in high quality education and training Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi Pacinotti di Bologna 24 maggio 2013 Il contributo del

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra Punto di Contatto Nazionale Tema 2 Prodotti Alimentari, Agricoltura e Pesca e Biotecnologie 7PQ Tema 5 Energia Programma EURATOM Competitiveness

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione

Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione 2 ERASMUS + Programma dell UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Come nasce? Erasmus+ è il

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 Archivio Antico 21 Gennaio 2014 Erasmus+ (2014-2020): Azioni di supporto alla collaborazione internazionale (Key Action 2); progetti di sostegno alla riforma

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative

Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative Elena Bettini Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il trattato UE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Articolo 149 Contribuire allo sviluppo della qualità dell istruzione

Dettagli

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva Descrizione generale Il Programma Leonardo da Vinci si propone di collegare le politiche alle pratiche nel campo dell istruzione e formazione

Dettagli

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017 EuropeAid/136813/DD/ACT/US Descrizione: La Commissione europea Delegazione USA ha lanciato un bando che ha l obiettivo di promuovere, all interno delle

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

Persone fisiche e giuridiche aventi sede: - negli Stati Membri dell'u.e., - negli Stati associati al programma e il Centro Comune di Ricerca.

Persone fisiche e giuridiche aventi sede: - negli Stati Membri dell'u.e., - negli Stati associati al programma e il Centro Comune di Ricerca. 5FP - 5 Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico OGGETTO Decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 dicembre 1998 relativa al 5 Programma Quadro comunitario di finanziamento a favore

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011 Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Come preparare un buon progetto Idoneità dell applicant e dei parnter Validità della rete di partenariato

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! I programmi comunitari 2014-2020 Modalità Strumenti Programmi UE Gestione diretta a finanziamento diretto 4 Strumenti geografici IPA ENI PI DCI Assistenza

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009 newsletter N 2 - Dicembre 2009 Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno Come ogni anno, nel mese di dicembre, ha luogo a Roma la Cerimonia di Premiazione dei progetti vincitori del Label

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Newsletter. Progettazione sociale. Navigando: Navigando: Siti e link utili sul web Siti e link utili sul web A pagina 7 A pagina 7.

Newsletter. Progettazione sociale. Navigando: Navigando: Siti e link utili sul web Siti e link utili sul web A pagina 7 A pagina 7. NUMERO 1 ANNO 1 MARZO 2007 Newsletter Newsletter Progettazione sociale Progettazione sociale Federazione Federazione Italiana Italiana Comunita Comunita Terapeutiche Terapeutiche SOMMARIO IN QUESTO NUMERO.

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

Newsletter del Network E r

Newsletter del Network E r Newsletter del Network E r Num. 9 Agosto Dicembre 2011 Indice 1. Aggiornamenti dalle CCIAA 2. Aggiornamenti dalle CCIE Italiane all Estero 3. Altre informazioni 4. Piccola rassegna stampa 5. Bibliografia

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

CAPITOLO I: SCOPI E PRINCIPI

CAPITOLO I: SCOPI E PRINCIPI STATUTO RURENER Principi, diritti e doveri dei membri RURENER Disclaimer La responsabilità esclusiva del contenuto di questa pubblicazione è degli autori. Non riflette necessariamente l opinione delle

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi Stati membri dell Unione europea Paesi candidati Dott.ssa Stefania Zanna La ricerca: investire nella società della conoscenza Spesa per ricerca e sviluppo

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Docente responsabile del supporto al lavoro del docente Vincenza Mittica PIANO FORMAZIONE

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

NEWSLETTER "EUREKA" - ANNO 0 n 03 del 11.04.2008

NEWSLETTER EUREKA - ANNO 0 n 03 del 11.04.2008 NEWSLETTER "EUREKA" - ANNO 0 n 03 del 11.04.2008 Nuovi bandi Azione preparatoria MEDIA International L «azione preparatoria MEDIA International» mira a esaminare e testare le attività di cooperazione tra

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Le tipologie di finanziamento UE dal 2014

Le tipologie di finanziamento UE dal 2014 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 2020 Le opportunità di mobilità e cooperazione per l istruzione scolastica e per la mobilità dei giovani Fiorenzuola 07 maggio 2014 Programmi a gestione diretta

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

CREATIVE. Newsletter Numero 04 HANDMADE THINKING. Contenuto:

CREATIVE. Newsletter Numero 04 HANDMADE THINKING. Contenuto: Newsletter Numero 04 Contenuto: È iniziata la fase di divulgazione finale Un frammento del nostro manuale L opinione degli esperti I Partner del Progetto È iniziata la fase di divulgazione finale Siamo

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 512 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 21.11.2011 Categoria Previdenza e lavoro Sottocategoria Agevolazioni

Dettagli

Gestione diretta: I programmi comunitari

Gestione diretta: I programmi comunitari Gestione diretta: I programmi comunitari Modalità Strumenti Gestione diretta Programmi UE a finanziamento diretto IPA ENI 4 Strumenti geografici PI DCI Assistenza esterna EIDHR 3 Strumenti tematici IfS

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Click toeditmaster titlestyle

Click toeditmaster titlestyle LifelongLearningProgramme: opportunità per vivere l Europa Servizio istruzione, università e ricerca Centro risorse per l istruzione e l orientamento Punto di diffusione per il FVG delle rete Euroguidance

Dettagli

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea I finanziamenti europei Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Quali fondi? Chi gestisce i fondi europei? COMMISSIONE; 22% PAESI TERZI E ORG INTERNAZ; 2% STATI

Dettagli

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 03 del 24.03.

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER L'EUROPA IN LINEA - ANNO VII n 03 del 24.03. Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 03 del 24.03.2010 La nostra offerta formativa Una delle maggiori criticità riscontrate

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa Protocollo d intesa La Regione Puglia, di seguito denominata Regione, con sede in Bari, Lungomare Nazario Sauro n. 33, (C.F. 80017210727), qui rappresentata dal Presidente della Giunta regionale, on.le

Dettagli

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR E LA SOCIETA DANTE ALIGHIERI Protocollo d'intesa Tra

Dettagli

GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA

GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA 1. CONTESTO E OBIETTIVI GENERALI DELL INIZIATIVA L inserimento in azienda di giovani ad alta qualificazione appare sempre più come una risorsa strategica per permettere alle

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA?

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA? JESSICA Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE Che cos è JESSICA? JESSICA (Joint European Support for Sustainable Investment

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

Struttura del corso e profilo dei docenti

Struttura del corso e profilo dei docenti Novara 15, 16, 22, 23, 29 maggio 2015 Struttura del corso e profilo dei docenti 1 Gli obiettivi del corso Il si pone l obiettivo di aumentare la capacità professionale a livello territoriale di generare

Dettagli

Tipologie di Azioni attivabili con fondi comunitari

Tipologie di Azioni attivabili con fondi comunitari Tipologie di Azioni attivabili con fondi comunitari Fondi Comunitari Contenuti Tipologia di azioni Programma d'azione integrato per l'apprendimento continuo 2007-2013 Nell ambito di tale programma sono

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Regione Lazio Direzione regionale Formazione, Ricerca e Innovazione, Scuola e Università, Diritto allo studio Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Roma, Giugno 2014 1. Programmazione

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

Programma di apprendimento permanente 2007-2013

Programma di apprendimento permanente 2007-2013 Programma di apprendimento permanente 2007-2013 Invito a presentare candidature in vista della predisposizione di un elenco di esperti per le attività di valutazione nel contesto del Programma di apprendimento

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

FINANZIAMENTI EUROPEI STEP I

FINANZIAMENTI EUROPEI STEP I Seminario FINANZIAMENTI EUROPEI STEP I FONDI EUROPEI E REGIONALI: Cenni, terminologie, accesso, processi e aree di interesse Dott. Nicola Lalli - Arch. M. Barucco Vicenza Sede Ordine OAPPC 16.09.2014 16,30-19,30

Dettagli