Il modello della mente umana e la teoria dell errore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello della mente umana e la teoria dell errore"

Transcript

1 Il modello della mente umana e la teoria dell errore Michela Tanzini I facilitatori del sistema di gestione del rischio clinico Scuola Infermieri Maggiano Lucca

2 INDICE L errore umano in medicina Il modello della mente umana Definizioni dei tipi di errore Le azioni contrarie alla sicurezza L approccio sistemico La responsabilità

3 MODELLO DELLA MENTE UMANA

4 MODELLO DELLA MENTE UMANA Modello Norman-Shallice Supervisore Processi sequenziali d inferenza Controllo sui feedback Base di conoscenze Confronto di similarità Azzardo in base alla frequenza INPUT Processamento automatico, parallelo e distribuito Memoria di lavoro Feedback Controllo a catena aperta OUTPUT

5 LIVELLI DI PRESTAZIONE Livello di prestazione Knowledge based Continuum dell azione Consapevole Controllo attenzionale Elevato Rules based Medio Skills based Inconsapevole Basso

6 IL MODELLO DI RASMUSSEN Goals Knowledge-based behaviour Symbols Identification Decision of task Planning Rule-based behaviour Signs Recognition Association state/task Stored rules for tasks Skill-based behaviour Feature formation Signs Automated sensori-motor patterns Sensory Input Signal Actions

7 DEFINIZIONE TIPI DI ERRORE

8 ERRORE UMANO IN MEDICINA: DEFINIZIONE Errore umano L errore può essere definito in molti modi. Per i nostri propositi un errore è il fallimento di una o più azioni pianificate per il raggiungimento di uno scopo desiderato. James Reason, 2001

9 ERRORE UMANO IN MEDICINA: TASSONOMIA DEGLI ERRORI Modalità di fallimento Tipo d errore Fallimenti nell esecuzione Slips, lapses Errori Fallimenti nella pianificazione o nel problem solving Rules based mistakes Knowledge based mistakes

10 DEFINIZIONE TIPI D ERRORE Skill based - slip E un azione non in accordo con le intenzioni. La pianificazione è valida ma l esecuzione è carente. Si tratta di errori di azione commessi nella svolgimento di attività routinarie. L automatismo dell azione fallisce quando qualcosa di non previsto interferisce con l azione. Skill based - lapsus E un errore conseguente ad un fallimento della memoria che non si manifesta necessariamente nel comportamento oggettivo e che risulta evidente solo per la persona che lo esperisce

11 ERRORE UMANO IN MEDICINA: TIPI DI ERRORE Stessa forma Etichette dello stesso colore Sostanze diverse

12 ERRORE UMANO IN MEDICINA: TIPI DI ERRORE Calligrafia poco leggibile Farmaci con nome simile Posologia errata

13 ERRORE UMANO IN MEDICINA: TIPI DI ERRORE Rule based mistake Avviene quando è scelta la regola sbagliata a causa di una errata percezione della situazione oppure nel caso di uno sbaglio nell'applicazione di una regola. Knowledge based mistake E conseguente o alla mancanza di conoscenze o alla loro scorretta applicazione. Il risultato negativo dell'azione risiede nelle conoscenze sbagliate che l'hanno determinata. Tale errore è insito nella razionalità limitata o comunque alla difficoltà di dare risposte a problemi che presentano una ampia gamma di possibili scelte.

14 ERRORE UMANO IN MEDICINA: TIPI DI ERRORE Rule based mistake Esempio: terapia sbagliata ma somministrata correttamente a un paziente (regola sbagliata applicata correttamente); terapia giusta ma somministrata in modo inefficace (regola giusta applicata scorrettamente). Knowledge based mistake Esempio: ritenevo di poter fermare l emorragia come ho sempre fatto con successo ma questa volta non ci sono riuscito. Rispetto al tempo disponibile non ho potuto prendere in esame tutte le possibilità. Data la complessità della situazione sono stato costretto a elaborare sul momento delle soluzioni, alcune tra le tante, ma senza successo.

15 ESPERIENZA E PROBABILITA DI ERRORE P (error) Knowledge-based Rule-based Skill-based Level of proficiency Reason, 2002

16 AZIONI CONTRARIE ALLA SICUREZZA

17 Azioni contrarie alla sicurezza Controllo attenzionale Tipo d errore Basso Slips, lapses Azioni Rules based mistakes Medio/Elevato Knowledge based mistakes Violazioni

18 AZIONI CONTRARIE ALLA SICUREZZA Le violazioni sono deviazioni dalle procedure, dalle norme di sicurezza, dagli standard o dalle regole. Si distinguono prevalentemente in Violazioni di routine: prendere scorciatoie ogni qual volta sia possibile Violazioni eccezionali: prendere l unica strada che sembra possibile per far fronte a situazioni eccezionali ed impreviste

19 AZIONI CONTRARIE ALLA SICUREZZA Errore Vs Violazione Gli errori hanno origine primariamente da problemi d informazione (dimenticanze, disattenzioni, conoscenze incomplete, ecc.), mentre le violazioni sono associate prevalentemente a problemi motivazionali (cattivo esempio, scarsa supervisione, disinteresse, ecc.) Gli errori possono essere spiegati esaminando cosa succede nella mente umana,mentre le violazioni occorrono in un contesto sociale regolamentato Gli errori possono trovare rimedio migliorando la qualità della comunicazione. Le violazioni necessitano di rimedi organizzativi e motivazionali.

20 AZIONI CONTRARIE ALLA SICUREZZA Controllo attenzionale Tipo d errore Basso Errori S e L Azioni Errori R Medio/Elevato Errori K Violazioni

21 AZIONI CONTRARIE ALLA SICUREZZA Controllo attenzionale Tipo d errore Manifestazione Errori attenzionali Intrusioni, Omissioni, Inversioni Ordinamenti sbagliati,tempi sbagliati Basso Errori S e L Errori della memoria Omissioni di elementi pianificati Confusioni spaziali, Oblio delle intenzioni Azioni Errori R Applicazione erronea di buone regole Applicazione di regole sbagliate Medio/Elevato Errori K Non conoscere o dimenticare alcune informazioni critiche Errore di giudizio o incapacità di utilizzare in maniera ragionevole le informazioni disponibili Violazioni Violazioni eccezionali Violazioni di routine Atti di sabotaggio

22 L APPROCCIO SISTEMICO

23 APPROCCIO SISTEMICO: GLI ASSUNTI Dalla ricerca delle responsabilità individuali al miglioramento organizzativo delle condizioni di sicurezza. Il contesto organizzativo e culturale in cui avviene l errore è più importante di chi l ha commesso Dall analisi dei singoli eventi (chi sbaglia è colpevole) alla identificazione delle criticità latenti nel sistema Dalla concezione tecnico-normativa della sicurezza ad una concezione focalizzata sull apprendimento dall errore

24 ERRORE ATTIVI VS ERRORI LATETNI Errori attivi Sono associati alle prestazioni degli operatori di prima linea, i loro effetti sono immediatamente percepiti e, dunque, facilmente individuabili (slips, mistakes e violazioni). Errori latenti Sono associati ad attività distanti (sia in termini di spazio che di tempo) da luogo dell'incidente, come le attività manageriali, normative e organizzative. Le conseguenze degli errori latenti possono restare silenti nel sistema anche per lungo tempo e diventare evidenti solo quando si combinano con altri fattori in grado di rompere le difese del sistema stesso.

25 MODELLO DEL FORMAGGIO SVIZZERO Alcuni buchi sono dovuti a errori attivi Incidente (Reason, 1990) D i f e s e d e l s i s t e m a Contesto clinico-assistenziale Tecnologia Organizzazione Formazione Rischi Altri sono dovuti a fattori latenti (elementi patogeni residenti)

26 APPROCCIO SISTEMICO MODALITA REATTIVA Analisi dei fattori latenti ORGANIZZAZIONE Fallimenti Latenti Organizzazione del lavoro, Decisioni manageriali CONTESTO Fallimenti Latenti Condizioni che innescano errori e violazioni PERSONE Fallimenti Attivi (atti insicuri) Errori violazioni Barriere Incidente Identificazione delle misure di sicurezza MODALITA PROATTIVA I due approcci sono complementari e si combinano per rispondere alle esigenze di breve, medio e lungo periodo dell organizzazione

27 MODELLI DI STUDIO DELL ERRORE Una bilancia giusta Modello basato Modello sulla basato persona sulla persona Modello basato sulla organizzazione

28 I TRE SECCHI DI REASON Positivo Negativo 3 Modello basato 2 sulla persona 1 Individuo Contesto Compito 0 (Reason, 2005)

29 LA RESPONSABILITA

30 DIFFICOLTA NEL PREVENIRE Prima dell incidente Dopo l incidente - Modificato da Richard I. Cook, MD

31 LE GIUSTE PROPORZIONI Errori = lezioni gratuite! Incidenti Danni Morti

32 IL TEST DI SOSTITUZIONE DI JOHNSTONE Quando succede un incidente 2. Sostituire l individuo coinvolto nell errore con un altro di pari qualifica ed esperienza 3. Rispondere alla seguente domanda: Alla luce di come si sono sviluppati gli eventi e da come sono stati percepiti dai soggetti coinvolti in tempo reale, è pensabile che il sostituto avrebbe fatto scelte e compiuto azioni differenti? Se la risposta è probabilmente no allora non c è traccia di colpa, a meno che non si vogliano nascondere le deficienze del sistema e trovare un capro espiatorio

33 IL TEST DI SOSTITUZIONE DI JOHNSTONE Chiedere ai colleghi Date le circostanze che sussistevano al momento dell incidente, sei proprio sicuro che non avresti commesso la stessa azione insicura o una simile? Se la risposta è probabilmente no, allora l attribuzione di colpa è assolutamente inappropriata

34 A PROPOSITO DI RESPONSABILITA Le azioni sono intenzionali s ì Le conseguenze sono volute s ì n o n o n o Sostanze non autorizzate s ì Condizioni mediche s ì n o s ì Possibile violazione colposa Violazione consapevole di procedure di sicurezza s ì Le procedure erano disponibili, maneggevoli, intelleggibili e corrette? n o n o Violazione indotta dal sistema Passa il test di sostituzione Deficenze nel training, selezione o inesperienza? n o Possibile errore di negligenz a n o s ì Errore indotto dal sistema s ì s ì Passato di azioni insicure? Errore senza colpa, ma training e supporto correttivo n o Errore senza colpa Sabotaggi o Abuso di sostanze senza mitigazione Abuso di sostanze con mitigazione Diminuzione colpevolezza

35 ERRARE È UMANO PERSEVERARE È DIABOLICO!

La nuova visione sull errore umano, gli incidenti e la sicurezza nei sistemi sanitari

La nuova visione sull errore umano, gli incidenti e la sicurezza nei sistemi sanitari La nuova visione sull errore umano, gli incidenti e la sicurezza nei sistemi sanitari Tommaso Bellandi, PhD Eur.Erg. tommaso.bellandi@regione.toscana.it Indice L errore umano in medicina I fondamentali

Dettagli

Dott. Ing. Luca Armisi Consulente in ingegneria clinica OBIETTIVI SOMMARIO La gestione del rischio clinico Teoria degli errori applicata alla sanità Processi di gestione del rischio clinico Il Sistema

Dettagli

CLINICAL RISK MANAGEMENT

CLINICAL RISK MANAGEMENT Ciao a tutti, quello che segue è un semplice riassunto delle slide del bellandi, ve le invio, come l altro materiale, per aiuto allo studio. Per qualcuno potrebbe tornare utile per altri inutile, ma io

Dettagli

L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA

L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA - tassonomia e classificazione degli errori - errori e clima organizzativo Dott. a Patrizia Bevilacqua IPASVI Brescia, Ottobre/Novembre 2010 Quali sono gli attori coinvolti?

Dettagli

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager ASL 10 Firenze francesco.venneri@asf.toscana.it Avviso ai naviganti. Signore e Signori,

Dettagli

La storia. Fattore umano o Ergonomia. Che cosa è l ergonomia. Problemi di comunicazione. Ergonomia tra qualità e sicurezza

La storia. Fattore umano o Ergonomia. Che cosa è l ergonomia. Problemi di comunicazione. Ergonomia tra qualità e sicurezza Master risk management and patient safety La storia L ERGONOMIA in ospedale: storia e sviluppi recenti Riccardo Tartaglia rischio.clinico@regione.toscana.it Verona, 5 Ottobre 2009 Che cosa è l ergonomia

Dettagli

Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale

Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale Root Cause Analysis Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo di identificare la causa vera di un problema, e le azioni

Dettagli

L'APPROCCIO SISTEMICO ALL'ERRORE

L'APPROCCIO SISTEMICO ALL'ERRORE L'APPROCCIO SISTEMICO ALL'ERRORE Obiettivo: analizzare l approccio sistemico alla prevenzione e correzione dell errore. Con quale approccio affrontare il problema del rischio clinico? Il presupposto da

Dettagli

III MODULO: TECNOLOGIE E GESTIONE DELLA TOTAL QUALITY

III MODULO: TECNOLOGIE E GESTIONE DELLA TOTAL QUALITY Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini III MODULO: TECNOLOGIE E GESTIONE DELLA TOTAL QUALITY GIULIANO MATTIONI ROMA, 21 GIUGNO 2011 www.ptvonline.it www.ptvonline.it Personale che opera nel Dipartimento

Dettagli

Relazione. Metodi e strumenti per l identificazione, l analisi e la gestione del rischio

Relazione. Metodi e strumenti per l identificazione, l analisi e la gestione del rischio e-mail serv.infermieristico@ausl6palermo.org La professione infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente Relazione Metodi e strumenti per l identificazione,

Dettagli

ERRORE CLINICO: STUDIO OSSERVAZIONALE SUL PROCESSO DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA. Dr.ssa Tonia Marina ZACHEO

ERRORE CLINICO: STUDIO OSSERVAZIONALE SUL PROCESSO DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA. Dr.ssa Tonia Marina ZACHEO ERRORE CLINICO: STUDIO OSSERVAZIONALE SUL PROCESSO DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA Padova 25 settembre 2008 nessuno può evitare di fare errori, la cosa più grande è imparare da essi. (K. Popper) 1 OBIETTIVI

Dettagli

La gestione del rischio al triage

La gestione del rischio al triage Azienda Sanitaria Matera U.O. Pronto Soccorso e Osservazione Breve Responsabile dott. Carmine Sinno Coordinatore Franco Riccardi La gestione del rischio al triage di Bruna Montemurro Secondo corso di triage

Dettagli

Si ringraziano per i suggerimenti il Direttivo SIQUAS Sezione Lombardia e l AICQ Centro Nord

Si ringraziano per i suggerimenti il Direttivo SIQUAS Sezione Lombardia e l AICQ Centro Nord GLOSSARIO TERMINI UTILI NEI PROCESSI DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Ufficio Qualità A.O. Ospedale Civile di Legnano, Rev. 2 Marzo 2005 Il glossario è stato condiviso in un gruppo di lavoro condotto presso

Dettagli

Risk management: errori e incidenti nell'ambiente sanitario

Risk management: errori e incidenti nell'ambiente sanitario Risk management: errori e incidenti nell'ambiente sanitario Autore e responsabile scientifico: Dr Andrea Vettori, Esperto in management sanitario e clinical governance Sanitanova è accreditato dalla Commissione

Dettagli

RISK MANAGEMENT, gestire il rischio clinico assistenziale in ambito sanitario

RISK MANAGEMENT, gestire il rischio clinico assistenziale in ambito sanitario CORSO DI FORMAZIONE PROGETTO RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT, gestire il rischio clinico assistenziale in ambito sanitario A cura di: D.D.S.I. Annita Caminati D.D.S.I Paola Ceccarelli Contenuti del corso

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI MASSA E CARRARA Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento Carlo Manfredi Sabato 28 novembre

Dettagli

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma DEA sistema ad alto rischio 1 Elevatissimo numero di transazioni (relazionali,

Dettagli

Con rischio clinico si definisce la possibilità che un paziente subisca un danno o disagio involontario, imputabile, alle cure sanitarie, che causa

Con rischio clinico si definisce la possibilità che un paziente subisca un danno o disagio involontario, imputabile, alle cure sanitarie, che causa ??? La Clinical Governance è un sistema attraverso cui le organizzazioni sanitarie (Aziende Sanitarie) si rendono responsabili del continuo miglioramento della qualità dei loro servizi e della salvaguardia

Dettagli

La gestione del rischio clinico

La gestione del rischio clinico La gestione del rischio clinico La Sanità è un affare rischioso Attenzione moderna per un problema antico Il tema della sicurezza, degli errori e degli eventi avversi in sanità ha avuto attenzione nella

Dettagli

Università Cattolica Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia "A. Gemelli"

Università Cattolica Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Università Cattolica Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia "A. Gemelli" Istituto di Igiene In collaborazione con "Villa Maria Cecilia Hospital" di Cotignola (RA) Master Universitario di primo livello

Dettagli

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING SERVIZIO: PRODUZIONE, QUALITA, RISK MANAGEMENT -AOU DI SASSARI- IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING E ormai consapevolezza diffusa che per governare l alta complessità delle Aziende Sanitarie e le attività

Dettagli

Rischio puro: insieme delle possibili minacce che possono det un impatto aziend negativo in seguito a danneggiamento di beni o persone

Rischio puro: insieme delle possibili minacce che possono det un impatto aziend negativo in seguito a danneggiamento di beni o persone Balesatra risk management Definizione joint commission: insieme di attività cliniche e organizzative volte a identificare, valutare, e ridurre il rischio di danno ai pz, staff e visitatori e sull intera

Dettagli

Corso Qualità, Risk Management e Tecniche di audit. Servizio Risk Management e Qualità Direzione Sanitaria Dr. Dario Seghezzi

Corso Qualità, Risk Management e Tecniche di audit. Servizio Risk Management e Qualità Direzione Sanitaria Dr. Dario Seghezzi RISK MANAGEMENT IN OSPEDALE 1 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale 2 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale 3 Struttura aziendale di Risk Management DIREZIONE STRATEGICA

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares

Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares Inf. Eugenio Cortigiano Infermiere Legale e Forense LECCE 17/19 giugno 2010 La vigente legislazione sulla responsabilità

Dettagli

L appropriatezza in Endoscopia Digestiva. Appropriatezza e rischio clinico in endoscopia digestiva

L appropriatezza in Endoscopia Digestiva. Appropriatezza e rischio clinico in endoscopia digestiva L appropriatezza in Endoscopia Digestiva Appropriatezza e rischio clinico in endoscopia digestiva Dott. ITALO STROPPA Responsabile della UnitàOperativa Dipartimentale di Endoscopia Digestiva Operativa

Dettagli

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Intesa Stato Regioni - 20 marzo 2008

Dettagli

Tavola rotonda su: RISCHIO CLINICO E RESPONSABILITA PROFESSIONALE

Tavola rotonda su: RISCHIO CLINICO E RESPONSABILITA PROFESSIONALE 14 giugno 2014 Tavola rotonda su: RISCHIO CLINICO E RESPONSABILITA PROFESSIONALE Maria Lucia Furnari U.O. Gestione Qualità e Rischio Clinico Direzione medica PO Di Cristina. Strategie per diminuire il

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

Portogruaro 12 ottobre 2011 Dott.ssa Marina Foroni

Portogruaro 12 ottobre 2011 Dott.ssa Marina Foroni Portogruaro 12 ottobre 2011 Dott.ssa Marina Foroni 1 Letteralmente GESTIONE DEL RISCHIO 2 Probabilità di accadimento di tutti gli eventi che possono comportare perdite o danni per l Azienda e le persone

Dettagli

La Gestione del Rischio Clinico: un modello sistemico che lega organizzazione e responsabilità individuali

La Gestione del Rischio Clinico: un modello sistemico che lega organizzazione e responsabilità individuali CORSO DI FORMAZIONE Doveri e Responsabilità dei Dirigenti : cosa prevede il D.Lgs. 81/2008 Sala Multimediale ACO S. Filippo Neri 29 marzo 2011 La Gestione del Rischio Clinico: un modello sistemico che

Dettagli

Semantica e tassonomia del risk management:

Semantica e tassonomia del risk management: Il risk management nelle attività del territorio Semantica e tassonomia del risk management: la gestione del rischio nei servizi sanitari di base Dott.ssa Simona Amato 22 maggio 2013 Errare humanum est,

Dettagli

Risk Management Evolution. Milano 15 ottobre 2013

Risk Management Evolution. Milano 15 ottobre 2013 Risk Management Evolution Milano 15 ottobre 2013 Gestione del rischio clinico in un Azienda Ospedaliera Marco Rapellino Tipi di errore Errori attivi Azioni o decisioni pericolose commesse da coloro che

Dettagli

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Problematiche degli Eventi Avversi Silvana Romano Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Particolare attenzione Ambienti Attrezzature Formazione del personale Le Aziende Sanitarie Programmi di

Dettagli

La cultura della sicurezza nell industria di processo

La cultura della sicurezza nell industria di processo La cultura della sicurezza Corsi avanzati Human Factor Root Cause Analysis Progetto Human Factor per l industria l di La valorizzazione della risorse umane come strumento di miglioramento delle prestazioni

Dettagli

Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico. (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia)

Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico. (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia) pubblicazioni Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia) Il presente articolo è tratto dall elaborato

Dettagli

La responsabilizzazione. Definizioni di Governo Clinico. Aspetti che caratterizzano il concetto di Governo Clinico" Definizioni di Governo Clinico

La responsabilizzazione. Definizioni di Governo Clinico. Aspetti che caratterizzano il concetto di Governo Clinico Definizioni di Governo Clinico IL GOVERNO CLINICO Il governo clinico rappresenta uno strumento adatto a creare le condizioni necessarie affinché le organizzazioni sanitarie si rendano responsabili del miglioramento continuo della qualità

Dettagli

gestione degli studi odontoiatrici

gestione degli studi odontoiatrici A.S.L. 3 Torino U.O.A. Medicina Legale Roberto Testi A.S.L. 3 Torino Ls gestione degli studi odontoiatrici Torino 14/11/2005 Contenzioso percezione della salute come diritto assoluto atteggiamento dei

Dettagli

IL Sistema Qualità nei Centri Raccolta Convegno Avis Regione Lazio Roma 19 Settembre 14

IL Sistema Qualità nei Centri Raccolta Convegno Avis Regione Lazio Roma 19 Settembre 14 IL Sistema Qualità nei Centri Raccolta Convegno Avis Regione Lazio Roma 19 Settembre 14 Paolo Aresi - Exem Consulting SA - Svizzera Indice 1. Introduzione 2. Un sistema organizzato secondo i principi della

Dettagli

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI INTRODUZIONE Il problema dell errore di terapia in sanità è un problema reale, tuttavia, la frequenza degli errori legati ai farmaci è, secondo alcuni studiosi, sottostimata in Italia (Ledonne, 2009).

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Alla scuola materna Alcuni bambini iperattivi non riescono

Dettagli

Sicurezza del Volo. Aeroclub dello Stretto Scuola di volo. Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS

Sicurezza del Volo. Aeroclub dello Stretto Scuola di volo. Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Sicurezza del Volo Aeroclub dello Stretto Scuola di volo Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Briefing del 23 febbraio 2013 ore 17.00LMT Speaker: C.Te

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA HARVARD MEDICAL PRACTICE, ATTRAVERSO LA REVISIONE DELLE CARTELLE CLINICHE, HA STIMATO LA PERCENTUALE DI ERRORE NELL ORDINE DEL 3,7% DEI RICOVERI

Dettagli

Dalla mansione all autonomia professionale, un lungo viaggio nel tempo

Dalla mansione all autonomia professionale, un lungo viaggio nel tempo LA SALUTE NON HA PREZZO: NURSING MALPRACTICE, CLINICAL RISK MANAGEMENT ED ETICA DELL ERRORE Atti del corso Dalla mansione all autonomia professionale, un lungo viaggio nel tempo Pio Lattarulo, Infermiere

Dettagli

Nicola Mitolo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università degli Studi di Firenze

Nicola Mitolo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università degli Studi di Firenze Nicola Mitolo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università degli Studi di Firenze Francesco Venneri Clinical Risk Manager Asl 10 Firenze IL BUSINESS CONTINUITY MANAGEMENT IN

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA IO NON SO CHI SEI, NON SO A CHE RAZZA APPARTIENI, NON SO CHI E IL TUO DIO. MA

Dettagli

La produzione di un prodotto software certificato Medical Device. Dalla analisi dei rischi alla validazione

La produzione di un prodotto software certificato Medical Device. Dalla analisi dei rischi alla validazione Ingegneria Clinica e prodotti di Information Technology Vicenza - 5 ottobre 2007 La produzione di un prodotto software certificato Medical Device Dalla analisi dei rischi alla validazione Ing. Massimo

Dettagli

Risk Management e Professione Infermieristica: valutazione, controllo, responsabilità.

Risk Management e Professione Infermieristica: valutazione, controllo, responsabilità. CORSO DI FORMAZIONE Risk Management e Professione Infermieristica: valutazione, controllo, responsabilità. RISK MANAGEMENT IN SANITA il Risk management in sanità rappresenta l insieme di varie azioni complesse

Dettagli

AC-MT 11-14 Test di Valutazione delle Abilità di Calcolo e Problem Solving dagli 11 ai 14 anni

AC-MT 11-14 Test di Valutazione delle Abilità di Calcolo e Problem Solving dagli 11 ai 14 anni AC-MT 11-14 Test di Valutazione delle Abilità di Calcolo e Problem Solving dagli 11 ai 14 anni Cornoldi & Cazzola, 2003 AC-MT Prova di primo livello: Finalizzata ad un primo screening capace di individuare

Dettagli

comune. 3 Maurizio Catino, Miopia Organizzativa. Problemi di razionalità e previsioni nelle organizzazioni, Il Mulino 2009.

comune. 3 Maurizio Catino, Miopia Organizzativa. Problemi di razionalità e previsioni nelle organizzazioni, Il Mulino 2009. Processi in Comune Il risk management e l esperienza del suo utilizzo nei progetti di reingegnerizzazione delle procedure di lavoro nei comuni di Milano, Roma e Napoli 1 Attivare processi di riorganizzazione

Dettagli

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Quadro Normativo Oggi. Sicurezza Trasfusionale Preanalitica Analitica Postanalitica Input Output Outcame Efficienza Efficacia Economicità complessiva

Dettagli

LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS

LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS Le competenze non tecniche sono competenze che usiamo ogni giorno nella vita quotidiana. Comprendono la chiarezza nella comunicazione, il senso pratico

Dettagli

RISK MANAGEMENT GESTIONE DEL RISCHIO

RISK MANAGEMENT GESTIONE DEL RISCHIO RISK MANAGEMENT Vs GESTIONE DEL RISCHIO VELLETRI 11 NOVEMBRE 2008 GESTIONE DEL RISCHIO NEI SISTEMI SANITARI L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA E LA SUA GESTIONE CPS INFERMIERA BIASCIUCCI DONATELLA Il contesto

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

LA PUNTA DELL ICEBERG R I S K M A N A G E M E N T A S L 3 N U O R O

LA PUNTA DELL ICEBERG R I S K M A N A G E M E N T A S L 3 N U O R O LA PUNTA DELL ICEBERG R I S K M A N A G E M E N T A S L 3 N U O R O Avviso ai naviganti. Signore e Signori, benvenuti a bordo del volo 743 della Sicur-Line per Edinburgo. E il vostro capitano che vi parla.

Dettagli

Corso di Medicina Generale L errore in Medicina

Corso di Medicina Generale L errore in Medicina Corso di Medicina Generale L errore in Medicina Eleonora Spaggiari Reggio Emilia, 26 Marzo 2014 La sanità è un affare rischioso Rischio ed errore Rischio clinico Evento avverso Errore La Medicina: non

Dettagli

La Simulazione in situ in Pediatria

La Simulazione in situ in Pediatria La Simulazione in situ in Pediatria Dott. Marco de Luca Responsabile Programma Simulazione DEA Pronto Soccorso A.O.U. Meyer Firenze www.meyer.it/simulazione In quale ambito nasce la simulazione? Eventi

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

L errore in medicina Parte prima

L errore in medicina Parte prima Riccardo De Gobbi, Roberto Fassina Medici di Medicina Generale, docenti nella Scuola di Formazione Specifica in Medicina Generale della Regione Veneto in medicina Parte prima Introduzione Il riconoscimento

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO ARGOMENTI DELLA LEZIONE IL RUOLO GIURIDICO DEL VOLONTARIO NEL SOCCORSO SANITARIO LE CAUSE DI NON PUNIBILITA (LO STATO DI NECESSITA E IL T.S.O.)

Dettagli

L operatore socio sanitario con formazione complementare: autonomia, dipendenza dall infermiere e dall ostetrica/o e responsabilità giuridica

L operatore socio sanitario con formazione complementare: autonomia, dipendenza dall infermiere e dall ostetrica/o e responsabilità giuridica ESERCIZIO PROFESSIONALE L operatore socio sanitario con formazione complementare: autonomia, dipendenza dall infermiere e dall ostetrica/o e responsabilità giuridica Luca Benci* CON LA PUBBLICAZIONE NELLA

Dettagli

La gestione del rischio nelle strutture territoriali nell AUSL di Modena

La gestione del rischio nelle strutture territoriali nell AUSL di Modena La gestione del rischio nelle strutture territoriali nell AUSL di Modena Francesca Novaco Bologna 25 Maggio 2006 L azienda Usl di Modena 47 Comuni in provincia di Modena 2.690 Kmq la superficie della provincia

Dettagli

Risk Management nella sanità con particolare riferimento a casi concreti

Risk Management nella sanità con particolare riferimento a casi concreti Facoltà di GIURISPRUDENZA Master Universitario di I livello in MANAGEMENT E FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Anno Accademico 2008-2009. TITOLO Project Work: Risk Management nella sanità

Dettagli

Dott.ssa Donatella Rizzini Clinical Risk Manager Direttore U.O. Assicurazione Qualità AUSL1 di Massa e Carrara

Dott.ssa Donatella Rizzini Clinical Risk Manager Direttore U.O. Assicurazione Qualità AUSL1 di Massa e Carrara Dott.ssa Donatella Rizzini Clinical Risk Manager Direttore U.O. Assicurazione Qualità AUSL1 di Massa e Carrara Analisi Reattiva: si applica dopo un incidente per analizzare e risolvere gli errori che l

Dettagli

I progetti aziendali e i Piani per la Salute : la qualità fra teoria e pratica.

I progetti aziendali e i Piani per la Salute : la qualità fra teoria e pratica. I progetti aziendali e i Piani per la Salute : la qualità fra teoria e pratica. Se uno degli obiettivi a medio - lungo termine del Servizio Sanitario è il governo clinico, ossia l organizzazione che si

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

Risk management e complessità dei pazienti

Risk management e complessità dei pazienti Adverse Event (AE) Evento avverso Marcello Romano Direttore UO GeriatriaARNAS Garibaldi - Catania Risk management e complessità dei pazienti Lesione o morbosità procurata ai pazienti dai trattamenti medici

Dettagli

Un percorso indivisibile. La partenza :analisi reattiva A N A L I. Alla ricerca degli errori. Cause di errori attivi possibili nella nostra analisi

Un percorso indivisibile. La partenza :analisi reattiva A N A L I. Alla ricerca degli errori. Cause di errori attivi possibili nella nostra analisi l Risk Management in anità rappresenta l insieme delle varie azioni messe in atto per migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie e la sicurezza del paziente Perché sia efficace, deve interessare

Dettagli

PILOTI E STRESS OPERATIVO: QUALI LE CAUSE?

PILOTI E STRESS OPERATIVO: QUALI LE CAUSE? PILOTI E STRESS OPERATIVO: QUALI LE CAUSE? Gestione dello stress raccontato da un Pilota ed un Aviation Coach NOTA: puoi ripubblicare gratis questo ebook sul tuo sito o blog, a patto di non modificare

Dettagli

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Collegio IPASVI di TORINO Torino, 22 novembre 2012 Hanno collaborato alla realizzazione

Dettagli

Chi è l'operatore Socio Sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria?

Chi è l'operatore Socio Sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria? A CURA DEL COORDINAMENTO COLLEGIATO MIGEP Associazione delle Professioni Infermieristiche e Tecniche Chi è l'operatore Socio Sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria? Autonomia Responsabilità

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA Percepire e comprendere noi stessi In psicologia il primo studioso a mostrare interesse nei confronti del sé è stato William James (1890), il quale ha sottolineato la natura molteplice

Dettagli

Nuovi profili sanitari ed il nuovo rischio clinico

Nuovi profili sanitari ed il nuovo rischio clinico Nuovi profili sanitari ed il nuovo rischio clinico - Professore Ordinario di Igiene, Università degli Studi di Pavia. Direttore Scuola di Specializzazione - Igiene e Medicina Preventiva - Direttore Sanitario,

Dettagli

DevOnD. Development On Demand. Coaching

DevOnD. Development On Demand. Coaching DevOnD Development On Demand Coaching Introduzione Cos e' l Individual Coaching? Il termine coach deriva dall inglese coche e allude all idea di trasporto. È una tecnica che facilita la realizzazione di

Dettagli

CREA (Clinical Risk & Error Analysis)

CREA (Clinical Risk & Error Analysis) CREA (Clinical Risk & Error Analysis) CREA, metodo di analisi dei rischi di tipo quantitativo, ha la particolarità di offrire uno spunto per poter utilizzare statistiche di letteratura che possiamo avere

Dettagli

La garza dimenticata Gli errori in medicina

La garza dimenticata Gli errori in medicina La garza dimenticata Gli errori in medicina Sistemi di controllo contro gli errori umani e tecnici Proprio qui sta la principale differenza tra la medicina attuale e l aviazione civile: i sistemi di controllo

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

CAPITOLO 3. Sabina Nuti*

CAPITOLO 3. Sabina Nuti* CAPITOLO 3 FIDUCIA E TRASPARENZA NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Sabina Nuti* Il tema della fiducia dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione ed in particolare del sistema sanitario pubblico,

Dettagli

Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni

Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni 11 settembre 2013 - 2 - Inhalt 1 Contesto 2 Valutare le esigenze in

Dettagli

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi.

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi. LEZIONE 11 IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management Cristiano Habetswallner EVENT RISK MANAGEMENT IL RISCHIO E LA POSSIBILITÀ CHE ACCADA QUALCOSA CHE IMPATTI SUGLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Adherence Counselling

Adherence Counselling Adherence Counselling Tratto dal Progetto di riduzione dell'abbandono terapeutico e incremento dell'aderenza alla HAART negli ospedali del distretto Nord della Thailandiapresentato al XVI Congresso Internazionale

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Esercitazione dott. Davide Massidda D1. Qual è lo scopo delle tecniche di analisi fattoriale applicate ai test psicologici? Qual è la differenza tra

Dettagli

La sicurezza comportamentale

La sicurezza comportamentale La sicurezza comportamentale Ravenna 12 ottobre 2011 Aude Cucurachi 1 SICUREZZA COMPORTAMENTALE Cosa ci dicono i dati infortunistici? Cosa ci dicono le leggi sul comportamento? Cos è il protocollo BBS?

Dettagli

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto Project Management Dott. Andrea F. Abate e-mail: abate@unisa.it Web: http://www.dmi.unisa.it/people/abate Gestione di Progetti Software: Pianificazione delle attività e rappresentazioni grafiche Obiettivi

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

Sede di Reggio Emilia Anno Domini MMXIV

Sede di Reggio Emilia Anno Domini MMXIV L Errore in Medicina Scuola Regionale di Formazione Specifica in Medicina Generale Sede di Reggio Emilia Anno Domini MMXIV Giuseppe Finzi Responsabile Day Hospital Dipartimentale Dipartimento Medico Polispecialistico

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

IL FATTORE UMANO NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI: CONFRONTO METODOLOGICO FRA LE TECNICHE PER L ANALISI DELL AFFIDABILITÀ UMANA

IL FATTORE UMANO NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI: CONFRONTO METODOLOGICO FRA LE TECNICHE PER L ANALISI DELL AFFIDABILITÀ UMANA Prevenzione Oggi Vol. 5, n. 1/2, 67-83 IL FATTORE UMANO NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI: CONFRONTO METODOLOGICO FRA LE TECNICHE PER L ANALISI DELL AFFIDABILITÀ UMANA Marianna Madonna, Giancarlo Martella,

Dettagli

La Business Continuity per la resilienza delle organizzazioni

La Business Continuity per la resilienza delle organizzazioni sicurezza preventiva La Business Continuity per la resilienza delle organizzazioni ANGELA PIETRANTONI BUSINESS CONTINUITY MANAGER (CBCI) 32 LA SALVAGUARDIA DEL BUSINESS DAGLI EVENTI DISASTROSI È UNA NECESSITÀ

Dettagli

Software di supporto alla presa in carico integrata

Software di supporto alla presa in carico integrata Software di supporto alla presa in carico integrata 1 Il CCM in Toscana Il CCM in Toscana Il CCM in Toscana L ambulatorio Pro-Attivo Il CCM in Toscana altre figure coinvolte nella presa in carico integrata

Dettagli

è la sigla della sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Si tratta di un disturbo tra i più diffusi dell età evolutiva.

è la sigla della sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Si tratta di un disturbo tra i più diffusi dell età evolutiva. Il Miur ha emanato una nuova Circolare Prot. n. 4089 del 15 giugno 2010 che informa le scuole sulle caratteristiche dell ADHD e consiglia modalità per affrontare le possibili problematiche che si possono

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

3. SOFTWARE MANAGEMENT

3. SOFTWARE MANAGEMENT 3. SOFTWARE MANAGEMENT Introdurre caratteristiche e problematiche della direzione di progetto software (software management) Discutere la pianificazione di un progetto e la temporizzazione (scheduling)

Dettagli