Progetto Exploring Houses N LLP TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ"

Transcript

1 Progetto Exploring Houses N LLP TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto Exploring Houses, di selezionare un numero di possibili competenze del target coinvolto nel progetto da poter diffondere attraverso i tutorial sul sito di progetto. L incrocio dei dati raccolti, insieme alle competenze di ogni partner, permetteranno di inserire dei tutorial utili ai beneficiari del progetto. Qual è lo scopo dell intervista? L intervista si prefigge non solo di diffondere i contenuti e l importanza del progetto Exploring Houses ma anche di coinvolgere i target protagonisti nell ambito del recupero consapevole del patrimonio architettonico locale. L intervista è il principale mezzo del WP 7 Knowledge Base di raccolta dati sulle competenze individuali dei diversi target. I risultati del questionario saranno incrociati e contribuiranno a creare la base formativa dei tutorial. Quali sono i target a cui sottoporre l intervista? Visto lo scopo dell intervista dedicata all incrocio delle varie competenze dei diversi target e la relativa creazione di tutorial on line, sono stati individuati 3 target di riferimento: 1. esperti del settore (ingegneri, architetti, geometri, etc.) 2. studenti nel campo dell edilizia, architettura, ingegneria e beni culturali (sia a livello universitario sia di scuola superiore) 3. artigiani e maestri d arte (esperti nell utilizzo e lavorazione di tecniche e materiali per il recupero di beni architettonici) Perché tre target differenti? Coinvolgere 3 target differenti permette di incrociare saperi e competenze a diversi livelli. Un esempio: un architetto ha le competenze teoriche per valutare che un recupero vada fatto con materiali specifici, però può non avere la competenza pratica che un artigiano o maestro d arte ha nei confronti della materia da plasmare (difficoltà, possibilità, etc.), per questo motivo è interessante uno Sviluppato da Cramars - Pagina 1 di 5

2 scambio di competenze attraverso i tutorial in modo tale che l architetto sia facilitato nella futura pianificazione teorica nei lavori di recupero. Chi dovrebbe essere l intervistatore? L intervistatore ideale è una persona che sa coniugare il lato tecnico della ricerca con l aspetto relazionale e umano. Chi deve essere intervistato? Persone coinvolte nel progetto e che vogliono mettere a disposizione il loro sapere e le loro competenze e ricevere quelle degli altri a livello trasversale. Quante interviste fare? Sarebbe auspicabile fare almeno 2 interviste per ogni target. Verranno quindi rielaborate almeno 42 schede di competenza ciò permetterà di avere un ampio campione da studiare. Come si conduce un intervista? Gli intervistatori, che dovrebbero avere ottime competenze di relazione e comunicazione, dovranno trovare il giusto approccio con il soggetto a cui verrà somministrato il questionario. Prima di tutto è necessario che l intervistatore si presenti e illustri nel dettaglio il progetto e lo scopo dell intervista. Di seguito una traccia utile all intervistatore: Buon giorno, mi chiamo lavoro per..al momento mi sto occupando di sviluppare una ricerca che riguarda le competenze acquisite e in essere nel campo dell architettura e della cultura materiale. La sua collaborazione è importante perché da un contributo fondamentale allo sviluppo del progetto Exploring Houses (finanziato dall Unione Europea attraverso il fondo Multilaterale Grundtvig). Scopo del progetto è quello (per cui chiediamo la sua disponibilità) di coinvolgere attivamente esperti, educatori, studenti, artigiani e appassionati, del mondo dell architettura vernacolare in modo da preservare il patrimonio tradizionale locale e dare il proprio contributo alle basi formative necessarie allo sviluppo delle competenze sotto forma di tutorial. Attività di progetto sono: - Scambio trasversale, attraverso il sito internet di progetto, di competenze ed esperienze nel settore dell edilizia vernacolare - Sensibilizzazione verso l importante discorso della conservazione del patrimonio dell architettura locale - Informazioni relative ai materiali tradizionali e non, utilizzati per la ristrutturazione - Possibili consigli dati da esperti sul campo. - Possibilità di vedere dal vivo o attraverso i tutorial simulazioni di tecniche costruttive specifiche Sviluppato da Cramars - Pagina 2 di 5

3 - Valorizzare il patrimonio di architettura vernacolare soprattutto in aree svantaggiate - Possibilità di creare una rete di esperti partendo dalle peculiarità proprie di un luogo e mettendole in relazione con quelle analoghe di un altro paese. - Valorizzazione turistica dei luoghi che ospitano gli edifici studiati Saranno, una volta effettuate gli incroci di competenze da parte della Cramars, ricontattati dal partner di riferimento per una registrazione o elaborazione dei dati necessari. Perché usare il metodo dell intervista? Riteniamo essere la via più efficace sia per coinvolgere le persone dei diversi target che per avere dei risultati rielaborabili in sede di analisi dettagliata. Tali dati saranno confrontabili fra di loro e con le competenze specialistiche e tecniche dei diversi partner di progetto. Come vengono raccolti i dati? L intervistatore, che dovrà raccogliere direttamente i dati e non lasciare all intervistato l auto compilazione del questionario, ha diverse possibilità di raccolta delle informazioni: - Compilazione del questionario cartaceo (scrivendo direttamente sulla traccia dell intervista) - Compilazione del questionario elettronico (compilando i dati sulla traccia dell intervista tramite computer) - Raccolta tramite registrazione audio (con il consenso degli intervistati) - Raccolta tramite registrazione audio/video (con il consenso degli intervistati) Come comunicare i risultati dell intervista? Le informazioni raccolte attraverso l intervista dovranno essere tradotte in inglese completando la traccia dell intervista in formato elettronico, un file per ogni intervistato con il nome dell intervistato e il partner di appartenenza (e.g. S_Danelon_KB_Cramars). I file compilati dovranno essere inviati in formato Word a via . Come fare l intervista? Istruzioni per l intervistatore A monte scegliere un interlocutore valido relativamente al contesto della ricerca. Prima di tutto presentati, cerca di essere chiaro ed evita di scadere in un interrogatorio scontato e poco accattivante, formula bene le domande e fatti capire, utilizza doti di chiarezza e sintesi, crea un feeling con la persona da intervistare, spiega di che cosa ti occupi e perché sei interessato all argomento che vuoi trattare durante l intervista. Evita di assumere un atteggiamento invadente e arrogante. Fai attenzione che le risposte siano pertinenti alle domande. La curiosità è ben accetta purché sia rispettosa. Sviluppato da Cramars - Pagina 3 di 5

4 E indispensabile in sede d intervista far emergere il pensiero dell intervistato e non quello dell intervistatore. Tieni conto dello scopo dell intervista. Ascolta attentamente le risposte. Aiuta gli intervistati a rispondere alle domande con riferimento alle necessità di progetto, facendo alcuni esempi (è il caso del punto 4.1). Alla fine ricorda all intervistato che sarà ricontattato (se ne da la disponibilità e l autorizzazione) per tradurre in tutorial alcune delle competenze rilevate. Qual è il ruolo dell intervistatore? Tutte le interviste individuali dovranno essere condotte dall intervistatore che ricopre un ruolo importante e fondamentale. Grazie alla sua sensibilità, infatti, sarà possibile raggiungere risultati qualitativi ed efficaci ai fini della ricerca. Sarà compito dell intervistatore presentarsi e presentare il progetto, i suoi contenuti e le finalità. Dovrà parlare in maniera semplice e chiara cercando di mettere a proprio agio l intervistato indipendentemente dal target di appartenenza. Ogni persona è importante e utile al progetto. Che importanza ha la fonte orale? A differenza della fonte scritta e materiale la fonte orale ricopre una particolare importanza perché veicola in se anche l aspetto esperienziale del testimone. L importanza della fonte scritta e orale va al di la della semplice compilazione della scheda è l intreccio del sapere della vita vissuta che da alla ricerca apporti interessanti che derivano dall integrazione delle informazioni, dalla comparazione di punti di vista e di linguaggi diversi, permette di tradurre l immagine in racconto. Essa quindi ci parla con un linguaggio diretto, immediato ed intuitivo. A partire dagli anni ottanta gli storici si sono soffermati più volte sull importanza della fonte orale come testimonianza necessaria per sostenere la ricerca scientifica. L architettura si propone come testimonianza tangibile di un tempo e di un luogo, è una disciplina tecnica ma di forte impatto emotivo che lascia libero sfogo alla creatività. Proprio per questo motivo la fonte orale può essere il miglior mezzo per dare una giusta lettura del fenomeno. RICORDATE!!! L intervista è un ottimo mezzo per disseminare il progetto, coinvolgere i partecipanti e convincere il gruppo target ad utilizzare il sito di progetto per comunicare le loro competenze, caricare i tutorial e i consigli degli esperti e scambiare idee. Perché non utilizzare questo strumento anche per questi scopi? Abbiamo bisogno di numeri e, facendo le interviste, ogni partner può dire che contemporaneamente sta diffondendo il progetto a 6 persone attraverso un intervista diretta. Inoltre - ma per la partnership molto importante abbiamo promesso (vedi WP 7 Knowledge Base) di inserire un corso (tutorial) per ogni studente target per ogni partner e un corso (tutorial) per ogni partner provenienti dalle Sviluppato da Cramars - Pagina 4 di 5

5 specifiche competenze. Ciò significa che ogni partner deve caricare on line un totale di 4 tutorial. Le interviste sono la maniera in cui Cramars potrà incrociare i bisogni con le competenze di ogni persona intervistata per selezionare i tutorial necessari. Sviluppato da Cramars - Pagina 5 di 5

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia Master universitario di I livello Management delle politiche sociali. Focalizzazione: Paesi dell area euromediterranea Anno Accademico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010 WP n.1 Titolo: Analisi dei bisogni e fattibilità Obiettivi: - Collegare le diverse analisi dei bisogni del gruppo target per individuare, definire e condividere le principali criticità registrate nei diversi

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof.

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof. Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO Macroarea: A Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO Docente Collaboratore Prof.ssa SERENA PANTI 2. Finalità: Contribuire alla formazione di cittadini

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

PROGETTI DI COMUNICAZIONE ESTERNA DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTI DI COMUNICAZIONE ESTERNA DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTI DI COMUNICAZIONE ESTERNA DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO RELAZIONE DI TIROCINIO di Lorenzo Murnigotti matricola 035626 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Psicologia a.a. 2005/06

Dettagli

LABORATORIO DISCRITTURA scrivere unprogetto

LABORATORIO DISCRITTURA scrivere unprogetto a.a. 2010 2011 LABORATORIO DISCRITTURA scrivere unprogetto di Sandra Renzi Mi trovavo, un giorno, nello studio di un artista, un pittore per la precisione. Mi incuriosì, ad un tratto la tela bianca di

Dettagli

Pedagogia sperimentale Le tecniche di ricerca qualitativa

Pedagogia sperimentale Le tecniche di ricerca qualitativa Pedagogia sperimentale Le tecniche di ricerca qualitativa Pierpaolo Limone Università degli Studi di Foggia La ricerca qualitativa E un attività situata, che colloca l osservazione nella realtà: si compone

Dettagli

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO YOGA IN CLASSE Scuola Primaria Di Massino Visconti classe seconda Anno scolastico 2011-2012 Responsabili: Maria Pillitteri insegnante di Scuola Primaria Paola Faini insegnante Yoga PRESENTAZIONE

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Lucido 153 Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Le unità Campione e casi Unità di rilevamento e di analisi Le proprietà La definizione operativa Il rapporto di indicazione Validità e attendibilità

Dettagli

LA PIATTAFORMA ON-LINE PER INVIARE PER GESTIRE LE CAMPAGNE DI DIRECT MARKETING.

LA PIATTAFORMA ON-LINE PER INVIARE PER GESTIRE LE CAMPAGNE DI DIRECT MARKETING. LA PIATTAFORMA ON-LINE PER INVIARE PER GESTIRE LE CAMPAGNE DI DIRECT MARKETING. MULTIMEX Multimedia Direct Marketing Siamo in una delle epoche più innovative della storia: CAMBIA IL MODO DI INTERAGIRE,

Dettagli

La qualità nella gestione dei partenariati strategici. Monitoraggio e valutazione dei progetti. Firenze, 26 novembre 2014

La qualità nella gestione dei partenariati strategici. Monitoraggio e valutazione dei progetti. Firenze, 26 novembre 2014 La qualità nella gestione dei partenariati strategici Monitoraggio e valutazione dei progetti Firenze, 26 novembre 2014 Monitoraggio vs. Valutazione Monitoraggio Controllo degli aspetti salienti del progetto

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE COMPETENZE CHIAVE EUROPEA: E considerato essenziale il raggiungimento di un livello di competenza comunicativo riconducibile al livello

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Attestato competenze professionali PERCORSO FORMATIVO. Nome e Cognome

Attestato competenze professionali PERCORSO FORMATIVO. Nome e Cognome AGEFORMA Agenzia Provinciale per l Istruzione e la Formazione professionale, l Orientamento e l Impiego Azienda Speciale della Provincia di Matera Programma di Promozione della Cittadinanza Solidale Legge

Dettagli

Informatica Grafica. Introduzione al corso

Informatica Grafica. Introduzione al corso nformatica Grafica Corso di Laurea in ngegneria Edile Architettura ntroduzione al corso Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, nformatica e Sistemistica (DES) Università degli Studi di Bologna Anno

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Ente Pisano Scuola Edile Via XXIV maggio 8 56123 Pisa Tel. 050 564316 Fax 050 561807 MODULO BASE

Ente Pisano Scuola Edile Via XXIV maggio 8 56123 Pisa Tel. 050 564316 Fax 050 561807 MODULO BASE Ente Pisano Scuola Edile Via XXIV maggio 8 5613 Pisa Tel. 050 56316 Fax 050 561807 Percorso Apprendisti MODULO BASE ORE: 0 DESCRIZIONE CONTENUTI DEI MODULI Orientamento al linguaggio di cantiere N ORE

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli Tutela della salute e sicurezza sul lavoro Ufficio prevenzione e protezione Giunta regionale d Abruzzo 1 I Continenti che si incontrano e non vanno alla deriva Lo sviluppo del capitale umano in tutte le

Dettagli

20 Modi Diversi Per Scrivere un Articolo Una selezione di tipi di articoli per il tuo blog con suggerimenti pratici

20 Modi Diversi Per Scrivere un Articolo Una selezione di tipi di articoli per il tuo blog con suggerimenti pratici Le Guide Pratiche 20 Modi Diversi Per Scrivere un Articolo Una selezione di tipi di articoli per il tuo blog con suggerimenti pratici Giulia Rota Nodari per SOS-Wordpress.it Indice dei contenuti: Premessa...3

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE città, data REPORT INDAGINE Nome ente RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO "XXXX" Strumento n 11: modello report di rilevazione della soddisfazione degli utenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Giugno 2007 Indice Indagine sul consenso sociale dell energia eolica in Italia

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

RELAZIONE FINALE Progetto Didatec corso avanzato a.s.2012-2013. Corsista: Annamaria Angelista classe di Giuseppe Vozza

RELAZIONE FINALE Progetto Didatec corso avanzato a.s.2012-2013. Corsista: Annamaria Angelista classe di Giuseppe Vozza RELAZIONE FINALE Progetto Didatec corso avanzato a.s.2012-2013 La classe 4^ A C.A.T. dell ITS Michelangelo Buonarroti di Caserta è una classe@2.0, che lavora fin dal primo anno di corso con le nuove tecnologie

Dettagli

INDAGINE SULLE COMPETENZE CHIAVE

INDAGINE SULLE COMPETENZE CHIAVE INDAGINE SULLE COMPETENZE CHIAVE INTRODUZIONE Siamo tutti cittadini di una grande Europa. Non è solo un idea, un concetto. Significa vivere, muoversi, lavorare in un contesto, in un mercato ed una società

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Architettura d interni Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE E DELLE MONOENNIO ITALIANO monoennio 1. saper ascoltare interlocutori in contesti diversi 2. saper comunicare oralmente 3. acquisire la tecnica della lettura 4. acquisire la tecnica della scrittura a)

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Ente: ASSOCIAZIONE PROVINCIALE PER I MINORI Indirizzo: via Valentina Zambra 11 - TRENTO Recapito telefonico: 0461829896 Indirizzo e-.mail: associazioneminori@appm.it

Dettagli

Seminario sulle storie orali

Seminario sulle storie orali Seminario sulle storie orali Questa lezione e le risorse di apprendimento ad essa associate possono essere usate per la preparazione di un seminario di tre o quattro ore su come preparare, registrare,

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

EXPO MILANO 2015 BANDO Buone Pratiche di Sviluppo Sostenibile per la Sicurezza Alimentare

EXPO MILANO 2015 BANDO Buone Pratiche di Sviluppo Sostenibile per la Sicurezza Alimentare EXPO MILANO 2015 BANDO Buone Pratiche di Sviluppo Sostenibile per la Sicurezza Alimentare Domanda di candidatura offline Il racconto è uno strumento semplice, immediato ed efficace per condividere esperienze,

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta La comunicazione interpersonale Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta Comunicazione interpersonale Quella che avviene tra due persone o all interno di un gruppo definito. E immediata e prevede la

Dettagli

La qualità nella gestione dei partenariati scolastici Comenius 2012-2014

La qualità nella gestione dei partenariati scolastici Comenius 2012-2014 La qualità nella gestione dei partenariati scolastici Comenius 2012-2014 Ufficio Partenariati Comenius Agenzia LLP, Firenze novembre-dicembre 2012 Valutazione finale Ciclo di vita del progetto VALUTAZIONE

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

Obiettivi La professionalità di un formatore in ambito socio-sanitario può essere definita da tre dimensioni fondamentali:

Obiettivi La professionalità di un formatore in ambito socio-sanitario può essere definita da tre dimensioni fondamentali: Perché preparare alla formazione in ambito socio-sanitario? L introduzione dell obbligo formativo per il personale sanitario con il decreto legislativo n. 229/99 e l accreditamento di strutture di formazione

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

D A. design-puntoacapo / laboratorio creativo architettura, grafica e fotografia

D A. design-puntoacapo / laboratorio creativo architettura, grafica e fotografia D A architettura, grafica e fotografia D A design-puntoacapo / architettura Lo studio di architettura opera per rispondere alle esigenze del vivere contemporaneo, affiancando funzionalità ed appagamento

Dettagli

PLUS. Syllabus rev. 1.04

PLUS. Syllabus rev. 1.04 PLUS Syllabus rev. 1.04 Al fine di facilitare il collegamento tra i Syllabus degli EQDL Start, Plus e quello del EQDL Full, nel testo che segue sotto il numero di codice di ogni sezione, tema e argomento

Dettagli

CORSO PER I RAPPRESENTANTI DI BASE

CORSO PER I RAPPRESENTANTI DI BASE CORSO PER I RAPPRESENTANTI DI BASE Storia, valori ed organizzazione Cisl Trasferire conoscenze e sollecitare riflessioni sulla storia, i valori e l'organizzazione della Cisl: motivare all'impegno sindacale

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

1. INTRODUZIONE. 1 Guy Le Boterf, 2000. Il costrutto di competenza ha, soprattutto nella letteratura psicopedagogia e psicosociologica,

1. INTRODUZIONE. 1 Guy Le Boterf, 2000. Il costrutto di competenza ha, soprattutto nella letteratura psicopedagogia e psicosociologica, GIOVANI E SICUREZZA COMPETENZE TRASVERSALI PER COMPORTAMENTI RESPONSABILI 1. INTRODUZIONE Il concetto di competenza, in particolare se intesa come trasversale, si presta molto bene a essere applicato al

Dettagli

Le competenze psicologiche del consulente finanziario

Le competenze psicologiche del consulente finanziario "Il vapore o il gas non azionano mai nulla finché sono imprigionati. Nessun fiume al mondo viene mai trasformato in luce ed energia finché non è incanalato. Nessuna vita cresce mai finché non è focalizzata,

Dettagli

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ FARENAIT: Fare Rete per Natura 2000 in Italia LIFE+10 INF/IT/000272 Panoramica delle attività di progetto Roma, 28 giugno 2012 Hotel Quirinale Via Nazionale,

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

Fondazione Cogeme Onlus

Fondazione Cogeme Onlus Fondazione Cogeme Onlus DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE - gruppo 3: servirsi delle nuove tecnologie in maniera interattiva SCUOLA SECONDARIA I GRADO ESEMPIO 1 RECUPERO

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

L importanza del meeting planner

L importanza del meeting planner L importanza del meeting planner Per molti manager l ecosostenibilità è un tema strategico, ma sono pochi quelli che si attivano per il calcolo e la relativa compensazione delle emissioni di CO 2 generate

Dettagli

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze Allegato 2 - Borgosatollo ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO VIA ROMA 42 25010 BORGOSATOLLO (BS) TEL. 030/2501557 fax 030/2508868 email : icborgosatollo@provincia.brescia.it Compito di prestazione e

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 Occorre sapere...7 Conoscenze...8

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

Nico Bolla Dispense: 1.5. Disegno pag 1

Nico Bolla Dispense: 1.5. Disegno pag 1 Nico Bolla Dispense: 1.5. Disegno pag 1 1.5. Disegno 1.5.1. Tema figura 00 1.5.2. Variazioni Il disegno è lo strumento primario sia per comunicare il progetto che per idearlo. Il pensiero ha sempre bisogno

Dettagli

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare??

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? A.D.V.P. Activation du Développement Vocationnel et Personnel G. Cappuccio Università di Palermo L A.D.V.P è stato creato nel 1970 da Denis

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa Destinatari: studenti degli istituti superiori del terzo, quarto e quinto anno: protagonisti indiscussi del programma che, grazie al confronto con il Trainer IGS, saranno guidati nella realizzazione e

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

Il questionario. Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia

Il questionario. Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia Il questionario Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia 1 Il questionario Il questionario è uno strumento per la rilevazione delle informazioni attraverso un piano strutturato

Dettagli

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G. Allegato 1 PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.Binotti di Pergola motivazione Il nostro progetto si prefigge la costituzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Indagine sugli Utilizzatori di Servizi di Traduzione in Italia

Indagine sugli Utilizzatori di Servizi di Traduzione in Italia Indagine sugli Utilizzatori di Servizi di Traduzione in Italia Guido Panini Agostini Associati 15-02-10 www.agostiniassociati.it Indice La Metodologia Il Campione La Ricerca Domande Metodologia Metodologia

Dettagli

Piano Operativo di Animazione

Piano Operativo di Animazione ALLEGATO A Direzione Regionale Risorsa Umbria. Federalismo, Risorse Finanziarie Umane e Strumentali Piano Operativo di Animazione POR FESR 2007-2013 - ASSE III Efficienza Energetica e Sviluppo delle Fonti

Dettagli

Parole chiave: ascolto,narrazione,analisi, espressione,creatività, emozioni, sensazioni sonorizzazione.

Parole chiave: ascolto,narrazione,analisi, espressione,creatività, emozioni, sensazioni sonorizzazione. Fiabe sonore ed emozioni verbali, grafiche, motorie e sonore Parole chiave: ascolto,narrazione,analisi, espressione,creatività, emozioni, sensazioni sonorizzazione. Nucleo tematico: la musica racconta

Dettagli

Figura Professionale codice FP173 ART DIRECTOR

Figura Professionale codice FP173 ART DIRECTOR settore Comparto descrizione ATTIVITÀ IMMOBILIARI, NOLEGGIO, INFORMATICA, RICERCA, SERVIZI ALLE IMPRESE ATTIVITÀ DI SERVIZI ALLE IMPRESE Persona che garantisce, in una grande agenzia pubblicitaria, la

Dettagli

I. P. S. S. S. E. DE AMICIS ROMA METODOLOGIE OPERATIVE

I. P. S. S. S. E. DE AMICIS ROMA METODOLOGIE OPERATIVE I. P. S. S. S. E. DE AMICIS ROMA METODOLOGIE OPERATIVE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014 2015 CLASSE PRIMA Ass Docente Rossi Paola INDIRIZZO : SERVIZI SOCIO SANITARI 1 Modulo 1 La figura professionale

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

III Sessione Torino, turismo e cultura. Venaria Reale: L esperienza dei turisti in un caso di visitor management

III Sessione Torino, turismo e cultura. Venaria Reale: L esperienza dei turisti in un caso di visitor management III Sessione Torino, turismo e cultura Venaria Reale: L esperienza dei turisti in un caso di visitor management Emanuela Guasca e Sara Levi Sacerdotti Ricercatrici SiTI Piemonte e Turismo Il turismo: risorsa

Dettagli

obiettivo b) Fornire informazioni chiare e corrette su HIV/AIDS, vie di trasmissione, comportamenti sicuri e a rischio.

obiettivo b) Fornire informazioni chiare e corrette su HIV/AIDS, vie di trasmissione, comportamenti sicuri e a rischio. Progetto HIV/AIDS rivolto agli studenti del primo anno del università di Dschang Premessa L informazione corretta e puntuale sulla diffusione, sulle modalità di contagio e sulle misure per evitare l infezione

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose,

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, IL METODO DELPHI Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, in ogni caso impegnative. L importanza

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

FRANCESE CLASSE PRIMA

FRANCESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende semplici espressioni e frasi di uso quotidiano e identifica il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti, se il messaggio è pronunciato chiaramente

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO "SFIDE"

AVVISO PUBBLICO SFIDE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana AVVISO PUBBLICO "SFIDE" STRUMENTI FORMATIVI PER INNOVARE, DECOLLARE, EMERGERE PROGETTO: RIQUALIFICAZIONE E RIUSO DEL PATRIMONIO EDILIZIO, STORICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA FRANCESE

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA FRANCESE Istituto Comprensivo N.D Apolito Cagnano Varano Anno scolastico 2012 / 2013 1.FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA FRANCESE 1) Comprendere l importanza della lingua straniera come

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO LO SPAZIO MAGICO DELLA RELAZIONE TM Metodo di intervento sulle dinamiche relazionali e sulla prevenzione del disagio nella Scuola dell Infanzia e nella Scuola Primaria PRIMO LIVELLO PROGETTO DI FORMAZIONE

Dettagli

Il trasporto di GPL: tecnologia e cultura della sicurezza in Liquigas. Il programma LiquiCare.

Il trasporto di GPL: tecnologia e cultura della sicurezza in Liquigas. Il programma LiquiCare. Il trasporto di GPL: tecnologia e cultura della sicurezza in Liquigas. Il programma LiquiCare. Agenda Il trasporto di GPL in Liquigas Gli strumenti di controllo e gestione dei viaggi delle autobotti Il

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 1 Programmazione educativo didattica Premessa Il contesto scolastico rappresenta un ambito formativo

Dettagli

IL MANUALE PER L INTERVISTATORE

IL MANUALE PER L INTERVISTATORE TECNICHE DI SOMMINISTRAZIONE DI UN INTERVISTA: TEORIA E APPLICAZIONI Prof. Marcucci Edoardo Dott.sa Eva Valeri, Dott.sa Amanda Stathopoulos Tutor Dott. Matteo Russo IL MANUALE PER L INTERVISTATORE 1. Il

Dettagli