CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE"

Transcript

1 ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n 0 pag. 1 di 11 DOCUMENTO DESCRITTIVO C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE dr Arcangelo De Stefano Dirigente Medico Laboratorio Analisi dr Paolo Pellegrino Dirigente Medico Direzione Sanitaria ICI Paola Occelli Direzione Sanitaria dr Corrado Bedogni Presidente C.I.O. dr Arcangelo De Stefano Dirigente Medico Laboratorio Analisi Stesura Validazione e Approvazione Emissione

2 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE Scopo del documento descrittivo Scopo dei controlli microbiologici ambientali Ambito di applicazione Sale operatorie (elenco, attività, caratteristiche) Scheda attività e caratteristiche tecniche Sale Operatorie aziendali (2002) Gestione degli impianti VCCC 5 3. RIFERIMENTI Normativi Bibliografici Documenti aziendali correlati 6 4. DEFINIZIONI E TERMINI 7 5. PROCEDURE OPERATIVE Generalità Prelievi Modalità operative comuni per la determinazione della CBT nell aria Determinazione nell aria immessa in sala operatoria Determinazione nell aria del campo operatorio a sala pronta Determinazione della carica batterica sulle superfici Compilazione scheda Analisi dei campioni Comunicazioni 9 ALLEGATI 10 ALLEGATO 1: Scheda rilevazione e registrazione intervento 10 MEDIA 10 ALLEGATO 2: Diagramma di flusso 11 Pagina 2 di 11 CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE revisione n 0

3 1. INTRODUZIONE La sala operatoria rappresenta un ambiente complesso, storicamente considerato ad alto rischio in quanto l intervento chirurgico che vi si compie, espone necessariamente il paziente ad un elevato rischio infettivo. Le particolari attenzioni sono programmate al fine di garantire la sicurezza di pazienti e di operatori. La classificazione delle sale operatorie come reparti ad alto rischio infettivo è tale in quanto in esse si registrano effettivamente elevati valori di incidenza di infezione ospedaliera. La contaminazione batterica all interno del blocco operatorio è prevalentemente imputabile a microrganismi aerodispersi, la cui fonte d importazione primaria è rappresentata dal personale: équipe operatoria e pazienti. Altre fonti secondarie sono rappresentate dalla difettosa immissione d aria dall impianto di VCCC (ventilazione e condizionamento a contaminazione controllata) o dalla contaminazione dello strumentario introdotto. Nell'ambito di una valutazione complessiva delle condizioni ambientali di una sala operatoria si ritiene importante considerare il livello di inquinamento microbiologico, essendo tale parametro strettamente correlato alle procedure di sanificazione e di controllo igienico del blocco operatorio. Per un controllo microbiologico ambientale routinario sono sufficienti rilevazioni quantitative della carica microbica totale. Scopo dei rilevamenti è quello di identificare le sorgenti di infezione e di sottoporre a verifica l'efficacia delle norme comportamentali adottate dal personale ed i protocolli di pulizia attuati nella sala. I prelievi devono quindi interessare tutte le aree circostanti il tavolo operatorio a rischio, nonché le zone di ingresso dell'aria dagli impianti di condizionamento. La qualità dell aria può essere controllata mediante l esposizione nell ambiente di piastre contenenti adatti terreni di coltura agarizzati che consentono di evidenziare, dopo incubazione, i germi legati a particelle sedimentabili. Il controllo batteriologico dell aria è effettuato con il metodo del campionamento attivo. Tale metodo prevede l aspirazione di quantità fisse e predeterminate di aria ed esprime il suo livello di contaminazione microbica con un dato standardizzabile e riproducibile quale il numero di microrganismi per m 3 di aria. Pagina 3 di 11 CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE revisione n 0

4 2. SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE 2.1 Scopo del documento descrittivo Scopo del presente documento è quello di fornire il supporto organizzativo e procedurale necessario per la determinazione microbiologica ambientale delle sale operatorie. Vengono individuate le figure che intervengono nel processo, le modalità d intervento, la sequenza degli eventi, le modalità di registrazione. Si è ritenuto utile iniziare il documento con alcuni riferimenti bibliografici e normativi. In allegato, è riportata la scheda di rilevazione e registrazione degli interventi. 2.2 Scopo dei controlli microbiologici ambientali Il controllo microbiologico ambientale della sala operatoria si pone come principale obbiettivo la programmata sorveglianza (monitoraggio) della qualità dell aria e delle superfici in ambienti ad alto rischio tendente all abbattimento della carica microbica ambientale nel suo insieme, tramite la valutazione e la verifica dei seguenti parametri: corretta applicazione delle norme comportamentali adottate dal personale sanitario, efficacia delle procedure di sanificazione messe in atto, corretto funzionamento dell impianto di VCCC (ventilazione e condizionamento a contaminazione controllata) con particolare riguardo alla filtrazione dell aria. 2.3 Ambito di applicazione Le procedure descritte nel presente documento riguardano: Le sale operatorie operative dell Azienda Ospedaliere Santa Croce e Carle, oggetto dei controlli. Il CIO, per l attuazione delle procedure operative e la verifica della corretta applicazione dei comportamenti. Il laboratorio analisi, per l esecuzione delle analisi dei campioni prelevati. La Direzione sanitaria, per il supporto organizzativo e le comunicazioni ai Reparti. L Ufficio tecnico, per la sostituzione e manutenzione dei filtri. 2.4 Sale operatorie (elenco, attività, caratteristiche) Le sale operatorie aziendali attualmente operative sono 17. L elenco, le attività e le caratteristiche tecniche delle sale operatorie aziendali, riferite all anno 2002, sono riportate nella scheda allegata. Pagina 4 di 11 CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE revisione n 0

5 2.4.1 Scheda attività e caratteristiche tecniche Sale Operatorie aziendali (2002) Attività Sale Operatorie Caratteristiche tecniche REPARTO N Sale Interventi /anno (N ) Utilizzo /anno (ore) Operatori/ Intervento (N medio) Risanamento programmato Ricambi aria/ora (N ) Tipo Flusso Posizione Filtri Assoluti Tipo Filtri Assol. CARDIO CHIRURGIA /8 Quotidiano 20 Terminale H14 CHIRURGIA VASCOLARE /8 Quotidiano 20 Terminale H14 CHIRURGIA GENERALE /8 Martedì e Venerdì 15 NEURO CHIRURGIA /7 Lunedì 20 Lami nare Terminale H14 ORTOPEDIA /7 Giovedì 18 Terminale H14 UROLOGIA /7 Lunedì 15 ORL /7 Mercoledì 15 ODONTO /7 Mercoledì 15 OFTALMO LOGIA /6 Mercoledì 15 GINECO LOGIA /7 Giovedì 15 DEA Lunedì 20 Totali Terminale H Gestione degli impianti VCCC La gestione degli impianti VCCC (sostituzione filtri assoluti e dei filtri rigenerabili) è affidata all Ufficio Tecnico Filtri assoluti: Sostituzione annuale nel mese di Maggio secondo attività programmata con l Ufficio Tecnico Filtri rigenerabili: Sostituzione mensile secondo attività programmata con l Ufficio Tecnico Pagina 5 di 11 CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE revisione n 0

6 3. RIFERIMENTI 3.1 Normativi linee guida ISPESL orientamenti in tema di controllo microbiologico dell ambiente di sala operatoria (Indicazioni della Regione Piemonte) 3.2 Bibliografici Indagine conoscitiva nazionale sulle attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere negli ospedali pubblici italiani Dalla indagine, condotta nel 2000 dall Istituto Superiore di Sanità (Rapporti ISTISAN 01/04/2001), su 428 presidi ospedalieri rispondenti all indagine risulta che: 215 ospedali (50,2%) indicano di effettuare di routine controlli microbiologici ambientali, 154(36%) campionano di routine l aria, 157 (36.7%) campionano di routine le superfici in sala operatoria. La valutazione ambientale delle sale operatorie: esperienza in una azienda ospedaliera marchigiana. E. Martini, R. Bruschi, L. Fontana, S. Savini, MM. D Errico. View & Review, settembre/novembre 1999, Inquinamento ambientale nelle sale operatorie. A. Azara, MD. Masia, I. Maida, G Sotgiu, GL: Giaconi, R Gusinu, View & Review, gennaio 2000, Protezione da agenti biologici in sala operatoria: significato delle caratteristiche microbiologiche e tipologia degli interventi in alcune aziende marchigiane. R. Ricci, R Lombardi Documenti aziendali correlati Linee Guida: Preparazione pre-operatoria Linee Guida: Lavaggio mani Comunicazione della Direzione Sanitaria ai Reparti (11 giugno 2003): - Gestione dei pazienti potenzialmente infetti in Sala Operatoria Comunicazione della Direzione Sanitaria ai Reparti (11 giugno 2003):- Verifiche procedure comportamentali in Sala Operatoria PG "Sanificazione e disinfezione" Istruzione operativa IO SPP : Manipolazione di soluzioni di glutaraldeide: protezione ambientale e personale Istruzione operativa IO DS : Manipolazione di soluzioni di glutaraldeide: protocollo per la detersione e la disinfezione di strumenti endoscopici. Pagina 6 di 11 CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE revisione n 0

7 4. DEFINIZIONI E TERMINI Nel documento sono utilizzate sigle ed acronimi di cui riportiamo l estensione: CIO Comitato Infezioni Ospedaliere ICI Infermiera per il Controllo Infezioni Ospedaliere CBT Conta Batterica Totale CFU Unità Formanti Colonie DEA Dipartimento Emergenza Accettazione ISPESL Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro PCA Plate Counte Agar VCCC Ventilazione e condizionamento a contaminazione controllata 5. PROCEDURE OPERATIVE 5.1 Generalità Il controllo microbiologico in sala operatoria comprende la quantificazione della carica batterica mesofila totale (CBT) nei seguenti siti di indagine: Aria immessa dall impianto VCCC, in ingresso alla sala operatoria (in uscita dai filtri assoluti). Aria ambiente in prossimità del campo operatorio a sala pronta. Superfici ambientali e di lavoro (arredi, pareti, pavimenti ecc.) della sala operatoria. Per ogni seduta analitica, in base alle specifiche esigenze, necessità e possibilità, è programmabile la determinazione in tutti i siti d indagine previsti o solo in parte di essi. I siti d indagine previsti, le modalità di prelievo, la formulazione dei risultati analitici, ed i valori di riferimento sono programmati in conformità con quanto indicato nelle "Linee guida per la definizione degli standard di sicurezza e di igiene ambientale dei reparti operatori pubblicate nel luglio 1999 dall ISPESL. Il personale addetto al prelievo, al trasporto, al trattamento dei campioni, alla lettura dei risultati ed alla compilazione e trasmissione delle schede, è quello identificato come Nucleo di Primo Intervento del Gruppo Operativo CIO composto come formalizzato nel Verbale del Gruppo Operativo CIO del 28 febbraio Prelievi Modalità operative comuni per la determinazione della CBT nell aria L aria è aspirata dal campio attivo sistema Microflow (ditta Aquaria), con testata di aspirazione con 380 fori conici da 1 mm di diametro, ad un flusso di 100 o 120 l/min su piastre Petri di 90 mm di diametro, contenente terreno nutritivo Plate Count Agar (ditta Aquaria) per la ricerca della carica batterica totale mesofila (CBT). Pagina 7 di 11 CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE revisione n 0

8 Prima della seduta analitica (trenta/sessanta minuti prima) è necessario precedere alla sterilizzazione della testata di aspirazione del campio utilizzando un becco Bunsen. Nella seduta analitica, ad ogni cambio della piastra, è sufficiente pulire la superficie interna ed esterna della testata di aspirazione del campio con garza sterile imbevuta di clorexidina. A fine di ogni singolo campionamento la piastra viene rimossa, etichettata con indicazione del tipo di prelievo, registrata nell apposita scheda descrittiva della seduta analitica (Allegato 1) e riposta in appositi contenitori. A fine seduta, le piastre campionate vengono trasportate in laboratorio Determinazione nell aria immessa in sala operatoria In ciascuna sala operatoria deve essere garantito un volume minimo di campionamento di 2000 litri di aria in uscita dai filtri assoluti terminali. Il prelievo deve essere effettuato con campio attivo posto a breve distanza (circa 2 5 centimetri) dalle bocchette d ingresso dell aria dell impianto VCCC Determinazione nell aria del campo operatorio a sala pronta I prelievi sono da effettuare in condizioni di AT-REST (sala vuota, non operativa). il campionamento deve essere effettuato tramite campionatori attivi posti ad una altezza di un metro nelle vicinanze del tavolo operatorio dopo il termine delle operazione di sanificazione della sala e dopo che questa sia rimasta chiusa e vuota per almeno minuti. (Linee guida ISPESL) Determinazione della carica batterica sulle superfici I prelievi per le superfici ambientali sono effettuate utilizzando piastre sterili a contatto Rodac PCA (Plate Count Agar) di 60 mm di diametro (superficie 15 cm 2 ) (ditta Aquaria). Le piastre sulla quali si trova solidificato il terreno nutritivo agarizzato per la determinazione della CBT, vengono poste a contatto con le superfici in esame e premute leggermente. A fine campionamento le piastre vengono riposte in appositi contenitori, etichettate con indicazione del sito di prelievo, registrate nell apposita scheda descrittiva della seduta analitica (Allegato 1) e trasportate in laboratorio. In ciascuna sala operatoria sono state individuate delle superfici campione su cui effettuare i controlli. In particolare: pareti, pavimenti, scialitica, tavolo madre, tavolo servitore, apparecchiature elettromedicali, e altre superfici (arredi, base letto operatorio). I prelievi sulle superfici possono essere effettuati in concomitanza con i prelievi dell aria Compilazione scheda I dati generici riguardanti la seduta (date, ora, sala, condizioni sala, prelevatori, altro) ed i dati tecnici dei singoli prelievi della seduta (ambiente o superficie di prelievo, volume di campionamento, flusso di campionamento, tempo di campionamento, distanze di prelievo, altro) sono da registrare a cura dei prelevatori nell apposita scheda descrittiva della seduta analitica (Allegato 1). Pagina 8 di 11 CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE revisione n 0

9 La documentazione inerente i controlli microbiologici ambientali (schede, verbali, conclusioni, comunicazioni, altro) è archiviata a cura dell ICI nei locali della Direzione Sanitaria e custodita per un periodo non inferiore a cinque anni. 5.3 Analisi dei campioni A fine seduta analitica, le piastre campionate nella seduta analitica vengono trasportate, a cura dei prelevatori, in laboratorio ed incubate a 37 C. Dopo almeno 48 ore di incubazione le piastre vengono lette a cura del personale del Settore Batteriologia. Viene contato il numero delle colonie presenti per ogni piastra ed i risultati vengono espressi in CFU/m 3 (Unità Formanti Colonie per metro cubo d aria) per le determinazione dell aria ed in CFU/cm 2 (Unità Formanti Colonie per centimetro quadrato) per le determinazione delle superfici. Le rilevazioni (numero di colonie per piastra e CFU/Unità di misura, sono registrate nella scheda descrittiva della seduta analitica (Allegato 1). 5.4 Comunicazioni Copia della scheda descrittiva della seduta analitica, comprensiva degli esiti e degli eventuali commenti, viene trasmessa, a cura dei compilatori, alla Direzione Sanitaria. Assieme alla copia della scheda descrittiva, i prelevatori compilano e trasmettono alla Direzione Sanitaria una breve Relazione comprensiva dell interpretazione dei risultati e delle conclusioni. La documentazione inerente i controlli microbiologici ambientali (schede, relazioni, verbali, conclusioni, comunicazioni, altro) è archiviata a cura dell ICI nei locali della Direzione Sanitaria e custodita per un periodo non inferiore a cinque anni. La Direzione Sanitaria provvede a trasmettere al Responsabile, ed ai Referenti CIO dei Reparti interessati, comunicazione riassuntiva con gli esiti e le conclusioni del controllo. Pagina 9 di 11 CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE revisione n 0

10 ALLEGATI ALLEGATO 1: Scheda rilevazione e registrazione intervento SCHEDA RILEVAZIONE E REGISTRAZIONE INTERVENTO SALA OPERATORIA / Data / / Ora (inizio) / N Camp. PUNTO PRELIEVO DISTANZA Campio (cm) CAMPIONAMENTI PORTATA campionatura l/min TEMPO campionato (min) Ora (fine) / VOLUME ESITO ANALISI Campionato ( l ) N CFU CFU/m 3 Valori di riferimento SUPERFICI N CFU CFU/cm 2 Valori di riferimento MEDIA NUMERO TOTALE PRELIEVI EFFETTUATI TIPO DI FLUSSO N BOCCHETTE VCCC POSIZIONE FILTRI ASSOLUTI DATA SOSTITUZIONE FILTRI ASSOLUTI / / DATA SOSTITUZIONE FILTRI RIGENERABILI / / DATA ULTIMO RISANAMENTO / / ORA CHIUSURA SALA / DATI ULTIMO INTERVENTO NOTE PRELEVATORI: Pagina 10 di 11 CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE revisione n 0

11 ALLEGATO 2: Diagramma di flusso PRELIEVO CAMPIONI ARIA IMMESSA CENTRO SALA SUPERFICI ANALISI CAMPIONI SCHEDA COMPILAZIONE RELAZIONE ARCHIVIAZIONE TRASMISSIONE ALLA DIREZIONE SANITARIA COMUNICAZIONE ESITI AI REPARTI Pagina 11 di 11 CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE revisione n 0

PROTOCOLLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

PROTOCOLLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE REV.2 Pag. 1 STATO DELLE MODIFICHE Rev. Data Causale Verifica Approvazione Destinatari 0 15.11. 2006 Prima emissione DSA DSA DIREZIONI DI PRESIDIO 1 Agosto 2011 AGGIORNAMENTO DSA DSA DIREZIONI DI PRESIDIO

Dettagli

PROCEDURA AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI MONALDI COTUGNO - CTO. Titolo. Il Monitoraggio Microbiologico Ambientale

PROCEDURA AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI MONALDI COTUGNO - CTO. Titolo. Il Monitoraggio Microbiologico Ambientale Pagina 1 di 9 PROCEDURA Modalità di trasmissione alle UU.OO. Invio copia cartacea Pubblicazione sul sito aziendale Rev. Data Motivo Revisione Approvazione: CIO 01 Aprile 2011 Recepimento Nuove Linee Guida

Dettagli

Sala operatoria e infezioni Un sistema che previene

Sala operatoria e infezioni Un sistema che previene Tecnologie Ferite Sala operatoria e infezioni Un sistema che previene Si stima che, ogni anno, il Servizio sanitario nazionale spenda cifre considerevoli per la cura delle infezioni post-operatorie: il

Dettagli

IP.DS.22 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA.

IP.DS.22 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA. Pagina 1 di 13 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA. REV. DATA AUTORIZZAZIONI REDATTO VERIFICATO APPROVATO

Dettagli

Medicina Preventiva. La Spezia, 25/11/2003

Medicina Preventiva. La Spezia, 25/11/2003 La Spezia, 25/11/2003 Oggetto: monitoraggio qualità dell aria nelle S.O. con: - monitor analizzatore ad infrarossi con tecnica fotoacustica della Ditta Airnova - stazione microclimatica della Ditta LSI

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio

Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio L infermiere in sala operatoria tra cultura, tecnologia e clima organizzativo Hotel Flaminio- Via Parigi 8 Pesaro 17/18 Aprile 2015 Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio Maria Mattea Gallo

Dettagli

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Le Cullette termiche rappresentano l ambiente entro il quale il neonato a rischio trascorre un periodo

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie. Dott. Oreste Caporale

I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie. Dott. Oreste Caporale I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie Dott. Oreste Caporale Indicano descrivono lo scopo le procedure di un attivit attività, (step( by, ciò step) che che deve i soggetti

Dettagli

Linee guida. REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE SANITA PUBBLICA Mario Valpreda

Linee guida. REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE SANITA PUBBLICA Mario Valpreda Linee guida REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE SANITA PUBBLICA Mario Valpreda GRUPPO DI LAVORO PER LA SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Oggetto: orientamenti in tema di controllo microbiologico

Dettagli

IGIENE E SICUREZZA NELLE SALE OPERATORIE. Aria, superfici, pavimenti, controlli dei processi di sterilizzazione

IGIENE E SICUREZZA NELLE SALE OPERATORIE. Aria, superfici, pavimenti, controlli dei processi di sterilizzazione IGIENE E SICUREZZA NELLE SALE OPERATORIE Aria, superfici, pavimenti, controlli dei processi di sterilizzazione Dott. ssa Maria Luisa Verona CAM - sezione di ecologia Monza, 16 maggio 2013 LE CAUSE DELLA

Dettagli

Approfondimenti su UNI/TR 11408:2011

Approfondimenti su UNI/TR 11408:2011 Percorso N 1 NORME UNI Approfondimenti su UNI/TR 11408:2011 Fulvio Toresani Norme tecniche Sono documenti tecnici preparati da esperti del settore rappresentativi del mercato: Produttori Commercianti Utilizzatori

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI

STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI Indice. Introduzione Scopo Campo di Applicazione Luogo esecuzione delle prove di laboratorio

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

Ospedaliero e sale operatorie

Ospedaliero e sale operatorie Settore Ospedaliero e sale operatorie CONTROLL0 TECNOLOGICO DELLA CONTAMINAZIONE OSPEDALIERO E SALE OPERATORIE Valutazione dei rischi Gli ospedali fanno sempre più notizia. La stampa se ne occupa quotidianamente,

Dettagli

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Allegato n. 6 alla Delib.G.R. n. 47/15 del 29.9.2015 REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Scheda È la struttura dove si esegue il riscontro autoptico, ovvero una serie di procedure volte alla identificazione

Dettagli

RISCHI BIOLOGICI NEGLI AMBIENTI INDOOR

RISCHI BIOLOGICI NEGLI AMBIENTI INDOOR RISCHI BIOLOGICI NEGLI AMBIENTI INDOOR Modalità di trasmissione delle malattie infettive in ambito sportivo Via aerea Contatto diretto Tramite veicoli Tipologie di agenti eziologici Virus Batteri Funghi

Dettagli

QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE. Federica Venanzetti, INAIL Direzione Generale CONVEGNO NAZIONALE SPES 27-28 ottobre 2011

QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE. Federica Venanzetti, INAIL Direzione Generale CONVEGNO NAZIONALE SPES 27-28 ottobre 2011 QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE STRUTTURE DI PRONTO SOCCORSO riduzione qualità prestazioni riduzione soddisfazione sovraffollamento POTENZIALE INCREMENTO TRASMISSIONE INFEZIONI riduzione

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

La caratterizzazione batteriologica di ambienti ospedalieri critici

La caratterizzazione batteriologica di ambienti ospedalieri critici La caratterizzazione batteriologica di ambienti ospedalieri critici Francesca Giacobbi, Maria Antonietta Bucci Sabattini, Leonarda Chetti, Giuseppe Poda ARPA Emilia Romagna Sezione Provinciale di Bologna

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 BLOCCO OPERATORIO - REQUITI STRUTTURALI RPER01.AU.1.1 Le sale operatorie sono di dimensione adeguata alla tipologia e al

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

Bio-Ritmo. Lo scopo di INAIL e ARPAL nel mettere a punto. un algoritmo per valutare il rischio biologico

Bio-Ritmo. Lo scopo di INAIL e ARPAL nel mettere a punto. un algoritmo per valutare il rischio biologico un algoritmo per valutare il rischio biologico Un esempio applicativo del metodo realizzato da INAIL e ARPA Liguria chiarisce le modalità per adattare l algoritmo a tutte le attività lavorative di Daniela

Dettagli

Ruolo e competenze di Arpa e ASL

Ruolo e competenze di Arpa e ASL IL RUOLO DEI SERVIZI DI IGIENE E SANITA PUBBLICA NEL CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI Ruolo e competenze di Arpa e ASL Luciana Ropolo Torino, 21 febbraio 2013 1 La cronistoria Anno 2000: Documento di linee-guida

Dettagli

Requisiti ambientali e controlli di qualità ambientale

Requisiti ambientali e controlli di qualità ambientale Cap 1 Requisiti ambientali e controlli di qualità ambientale Aldo Volpes Centro Andros s.r.l. Unità di Medicina della Riproduzione, Palermo 1 I requisiti minimi, per quanto riguarda la qualità dell aria,

Dettagli

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità FABIO PASINI Consigliere AIISA 1) Sopralluogo e Ispezione Visiva (UTA e condotte) (ex035158) Primo sopralluogo, oppure ispezione

Dettagli

PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA INFEZIONE DA LEGIONELLA IN OSPEDALE

PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA INFEZIONE DA LEGIONELLA IN OSPEDALE PIANO DI SOVEGLIANZA E CONTOLLO DELLA INFEZIONE DA LEGIONELLA IN OSPEDALE (AGGIONAMENTO GIUGNO 2012) ev. 0 del 29.06.2012 Data di applicazione edazione Verifica Approvazione 29.06.2012 Dott. Pietro Olivieri

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO D. Ibba, S. Longo, A. Formisano, M. Monti Cenderello N Crisalli M.P. Fabbri P. Mazzella M. Sansone

Dettagli

SALE OPERATORIE. Roberto Bruschi

SALE OPERATORIE. Roberto Bruschi SALE OPERATORIE Roberto Bruschi UNI EN 13795-1 GIUGNO 2004 Teli chirurgici, camici e tute per blocchi operatori, utilizzati come dispositivi medici, per pazienti, personale clinico e attrezzature Requisiti

Dettagli

Allegato a paragrafo 3

Allegato a paragrafo 3 COMMISSIONE REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE STRUTTURE OPERATORIE (D.A. n. 6289 del 23 Settembre 2005) Allegato a paragrafo 3 I sopralluoghi presso le strutture sanitarie 3.2 Gli

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

CHECK LIST - CHIRURGIA OCULISTICA

CHECK LIST - CHIRURGIA OCULISTICA ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del c/o 1-REQUISITI STRUTTURALI 1.1-Generali 1.1.1 E' garantita una facile accessibilità dall'esterno sia per quanto concerne l'ingresso

Dettagli

NOME ENTE 1 : PRESIDIO (SOLO PER LE STRUTTURE PUBBLICHE): INDIRIZZO DEL PRESIDIO: UNITÀ OPERATIVA 2 : DIRETTORE/RESPONSABILE DELL UO:

NOME ENTE 1 : PRESIDIO (SOLO PER LE STRUTTURE PUBBLICHE): INDIRIZZO DEL PRESIDIO: UNITÀ OPERATIVA 2 : DIRETTORE/RESPONSABILE DELL UO: SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE DELLE STRUTTURE CHE EROGANO PRESTAZIONI CONNESSE CON L ATTIVITÀ OPERATORIA -RIANIMAZIONE TERAPIA INTENSIVA- REQUISITI STRUTTURALI, IMPIANTISTICI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI NOME

Dettagli

54 15-2-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8

54 15-2-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 54 15-2-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 Elementi misurabili di ACC.2 1) L organizzazione dispone di un piano scritto di risposta e spiegamento dei mezzi che comprende l

Dettagli

La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie. Dott. Andreas Kunze

La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie. Dott. Andreas Kunze La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie Dott. Andreas Kunze Staphylococcus aureus Klebsiella pneumoniae Pseudomonas aeruginosa Nuovi antibiotici? Contaminazione

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI STUDIO DENTISTICO MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DI TUTTI GLI STRUMENTI ED ACCESSORI OGNI PAZIENTE E DA CONSIDERARE POTENZIALMENTE

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

IV Corso di Formazione. Società Italiana Banche degli Occhi. Torino, 10 Ottobre 2009. Accademia di Medicina

IV Corso di Formazione. Società Italiana Banche degli Occhi. Torino, 10 Ottobre 2009. Accademia di Medicina IV Corso di Formazione Società Italiana Banche degli Occhi Torino, 10 Ottobre 2009 Accademia di Medicina il controllo microbiologico degli ambienti: tra le banche di tessuti e le GMP farmaceutiche Raffaela

Dettagli

REPORT TECNICO sui sistemi di disinfezione dei circuiti idrici del riunito.

REPORT TECNICO sui sistemi di disinfezione dei circuiti idrici del riunito. REPORT TECNICO sui sistemi di disinfezione dei circuiti idrici del riunito. Parte I. Prove microbiologiche sul campo Scopo: verifiche della qualità igienica dell acqua erogata da un riunito dentale del

Dettagli

Sala operatoria oggi

Sala operatoria oggi Sala operatoria oggi 2 3 1 Campo sterile 1 Lettino operatorio 2 Tavolo servitore 3 Strumentista Il giro dei contenitori per rifiuti speciali in sala operatoria. Entrano dalla zona filtro; transitano dal

Dettagli

Rivista di prove e controlli di efficacia AIRFREE P80 pro HEALTH

Rivista di prove e controlli di efficacia AIRFREE P80 pro HEALTH Rivista di prove e controlli di efficacia AIRFREE P80 pro HEALTH L efficacia del purificatore Airfree (Brevetto Americano N 5874050) dichiarata dal Produttore, in base al test di Technical Micronics Control

Dettagli

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE Incontro con il Dipartimento di Medicina Sperimentale 24 aprile 2008 Settore Prevenzione e Protezione Classificazione

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO LABORATORIO DI CONSERVAZIONE PREVENTIVA RELAZIONE TECNICA Su richiesta

Dettagli

DOSSIER IGIENE AMBIENTALE -HACCP- IGIENE DELLE SUPERFICI. Biolife. Biolife Italiana S.r.l. Pagina 1 di 9

DOSSIER IGIENE AMBIENTALE -HACCP- IGIENE DELLE SUPERFICI. Biolife. Biolife Italiana S.r.l. Pagina 1 di 9 DOSSIER IGIENE AMBIENTALE -HACCP- IGIENE DELLE SUPERFICI Biolife Biolife Italiana S.r.l. Pagina 1 di 9 ALTRI DOSSIER DISPONIBILI DOSSIER SALMONELLA. DOSSIER YERSINIA Coltura, identificazione, e sierologia.

Dettagli

TEST CHIMICI ED AMBIENTALI

TEST CHIMICI ED AMBIENTALI protezione totale TEST CHIMICI ED AMBIENTALI Spett.le DF PRODUZIONI SAS di Capponi Diego & C. Via Lungo Romna, 51 24020 Casnigo (BG) VALUTAZIONE DELL ABBATTIMENTO DELLA LEGIONELLA PNEUMOPHILA INOCULATA

Dettagli

Test di stabilità: applicazione della norma R. BRUSCHI M.C. ZANNI S. SAVINI A. DE NITTIS

Test di stabilità: applicazione della norma R. BRUSCHI M.C. ZANNI S. SAVINI A. DE NITTIS Test di stabilità: applicazione della norma UNI EN ISO 11607 R. BRUSCHI M.C. ZANNI S. SAVINI A. DE NITTIS LO STOCCAGGIO DEI DISPOSITIVI MEDICI IN UN BLOCCO OPERATORIO!!! PROBLEMA SPESSO DIMENTICATO DAI

Dettagli

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO 4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO SEDE: LEGNAGO BOVOLONE ZEVIO NOGARA UNITÀ OPERATIVA/SERVIZIO: DIRETTORE: COORDINATORE INFERMIERISTICO: COGNOME QUALIFICA: INFERMIERE NOME DATA INIZIO

Dettagli

ATTIVITA DI CHIRURGIA GENERALE BLOCCO OPERATORIO

ATTIVITA DI CHIRURGIA GENERALE BLOCCO OPERATORIO Il Blocco Operatorio è dedicato all esecuzione delle procedure chirurgiche e delle attività ad esse funzionalmente connesse. Fanno parte del blocco operatorio: a) locali di preparazione preoperatoria;

Dettagli

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O.

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN 3 maggio 2012 AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. NAPOLI 2012 N. 1 SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE AMBIENTALE NELLE

Dettagli

PROCEDURA Compilazione, tenuta e conservazione, archiviazione del Registro Operatorio

PROCEDURA Compilazione, tenuta e conservazione, archiviazione del Registro Operatorio originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza La presente procedura definisce la modalità della Compilazione, Tenuta, Conservazione e Archiviazione del

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

Linee guida relative alle modalità ed alle metodologie. per la misura dei gas anestetici. nei reparti operatori degli ospedali

Linee guida relative alle modalità ed alle metodologie. per la misura dei gas anestetici. nei reparti operatori degli ospedali Linee guida relative alle modalità ed alle metodologie per la misura dei gas anestetici nei reparti operatori degli ospedali Queste linee guida hanno lo scopo di fornire delle indicazioni semplici e complete

Dettagli

BOZZA INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREPARAZIONE DEGLI INOCULI... 4 3. PREPARAZIONE DELLE UNITA DI PROVA E RACCOLTA... 4

BOZZA INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREPARAZIONE DEGLI INOCULI... 4 3. PREPARAZIONE DELLE UNITA DI PROVA E RACCOLTA... 4 Determinazione dell attività sanificante del sistema SUNOX (Pure Health ) indotta dal TiO 2 su superfici contaminate da Listeria monocytogenes, Staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa. RELAZIONE

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

Ricerca Legionella nei campioni di acqua

Ricerca Legionella nei campioni di acqua 1 1. Scopo e campo di applicazione 2. Diagramma di flusso 3. Riferimenti normativi 4. Descrizione attività 5. Comunicazione dei risultati ed archiviazione 6. Allegati redatto da: R.Galdi verificato da:

Dettagli

I CONTROLLI E LE VERIFICHE. Giancarlo Ettorre Sezione Scienze Radiologiche Dip. Specialità Medico-Chirurgiche Università degli Studi di Catania

I CONTROLLI E LE VERIFICHE. Giancarlo Ettorre Sezione Scienze Radiologiche Dip. Specialità Medico-Chirurgiche Università degli Studi di Catania I CONTROLLI E LE VERIFICHE Giancarlo Ettorre Sezione Scienze Radiologiche Dip. Specialità Medico-Chirurgiche Università degli Studi di Catania 10. I CONTROLLI E LE VERIFICHE Il CRI è un sistema complesso

Dettagli

La valutazione di igienicità degli impianti aeraulici: procedure di campionamento e metodologie di valutazione

La valutazione di igienicità degli impianti aeraulici: procedure di campionamento e metodologie di valutazione La valutazione di igienicità degli impianti aeraulici: procedure di campionamento e metodologie di valutazione Dott. Andrea Casa - Dott. Vincenzo Vargiu Quali sono le procedure e le metodologie di analisi

Dettagli

BioReS: Biodeterioration of cultural heritage: Research & Service montanari.matteo@gmail.com www.bioresart.it

BioReS: Biodeterioration of cultural heritage: Research & Service montanari.matteo@gmail.com www.bioresart.it ANALISI MICROBIOLOGICA AMBIENTALE PRESSO LA BIBLIOTECA E L'ARCHIVIO STORICO DI UN ISTITUTO RELIGIOSO DEL CENTRO ITALIA Oggetto del servizio: Diagnosi della contaminazione microbica superficiale su manufatti

Dettagli

Il monitoraggio microbiologico negli ambienti di lavoro

Il monitoraggio microbiologico negli ambienti di lavoro LINEE GUIDA Il monitoraggio microbiologico negli ambienti di lavoro Campionamento e analisi Revisione n. 0, marzo 2005 Monitoraggio microbiologico negli ambienti di lavoro Campionamento e analisi Rev 0,

Dettagli

PROTOCOLLO RISCHIO LEGIONELLA

PROTOCOLLO RISCHIO LEGIONELLA Azienda Ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione convenzionato con l Università degli Studi di Milano APPALTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO. Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4

LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO. Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4 LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4 IMPORTANZA DELLA COMPONENTE TECNICA DISINFEZIONE DEL MONITOR OGNI SEDUTA DIALITICA

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE lunedì 15 settembre 2014 martedì 16 settembre 2014 mercoledì 17 settembre 2014 giovedì 18 settembre 2014 venerdì 19 settembre 2014 lunedì 22 settembre 2014 martedì 23 settembre 2014 mercoledì 24 settembre

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle Cuneo QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO COORDINATORE INFERMIERISTICO SIG.RA VIGLIONE FRANCA Settembre 2009 Inaugurazione del nuovo Blocco Operatorio ubicato

Dettagli

LA CONTAMINAZIONE AERAULICA E LE COMPETENZE DI LABORATORIO. Dott.ssa Valentina Pellegrino Prattella

LA CONTAMINAZIONE AERAULICA E LE COMPETENZE DI LABORATORIO. Dott.ssa Valentina Pellegrino Prattella LA CONTAMINAZIONE AERAULICA E LE COMPETENZE DI LABORATORIO Dott.ssa Valentina Pellegrino Prattella HACCP H.A.C.C.P. E' UN METODO IL D.LGS.155/97 LO HA IMPOSTO AL SETTORE ALIMENTARE HACCP HAZARD ANALYSIS

Dettagli

ISO 5 una nuova sfida per la riduzione delle infezioni in sala operatoria

ISO 5 una nuova sfida per la riduzione delle infezioni in sala operatoria ISO 5 una nuova sfida per la riduzione delle infezioni in sala operatoria Torino, 23-25 febbraio 2011 Certificazione di Qualità delle Sale Operatorie UNI EN ISO 14644 -ISO 5 La carica batterica presente

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Perché l esigenza delle linee guida: dati statistici In Italia su circa 9.500.000 pazienti ricoverati

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

Gli aspetti tecnico-operativi della manutenzione degli impianti aeraulici. Fabio Pasini Consigliere AIISA

Gli aspetti tecnico-operativi della manutenzione degli impianti aeraulici. Fabio Pasini Consigliere AIISA Gli aspetti tecnico-operativi 0 della manutenzione degli impianti aeraulici Fabio Pasini Consigliere AIISA AIISA (Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici) Perché e da chi viene fondata Perché

Dettagli

Circolare L-10-06 Requisiti per la preparazione di radiofarmaci

Circolare L-10-06 Requisiti per la preparazione di radiofarmaci Pagina 1 / 5 Circolare L-10-06 Requisiti per la preparazione di radiofarmaci 1. Scopo, estensione La presente circolare disciplina i requisiti per la preparazione di prodotti radiofarmacologici finali

Dettagli

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto»

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» Amianto Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» (artt. da 246 a 265). Fermo restando quanto previsto dalla

Dettagli

RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO. A.I.S.O 17 aprile 2015

RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO. A.I.S.O 17 aprile 2015 RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO A.I.S.O 17 aprile 2015 Sterilizzazione : lo stato di fatto Momento fondamentale di prevenzione nel controllo del rischio infettivo Direttiva CEE 42/93 Norme UNI-EN

Dettagli

AMBULATORIO ODONTOIATRICO

AMBULATORIO ODONTOIATRICO Per ambulatorio odontoiatrico si intende la struttura intra od extraospedaliera nella quale sono eseguite prestazioni odontoiatriche. REQUISITI STRUTTURALI SI NO Ogni ambulatorio odontoiatrico dispone,

Dettagli

PROBLEMATICHE IGIENICO AMBIENTALI E RISCHI SANITARI NEGLI AMBIENTI OSPEDALIERI DOTATI DI IMPIANTO AERAULICO

PROBLEMATICHE IGIENICO AMBIENTALI E RISCHI SANITARI NEGLI AMBIENTI OSPEDALIERI DOTATI DI IMPIANTO AERAULICO Università degli Studi di Genova University of Genoa DISSAL Dipartimento di Scienze della Salute Department of Health Sciences Laboratorio di Igiene Ospedaliera ed Ambientale Healthcare and Environmental

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Indirizzo istituzionale PELLEGRINO PAOLO Telefono istituzionale 0171641395 Fax istituzionale 0171641035 E-mail istituzionale Amministrazione

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE MEDICO

STUDIO PROFESSIONALE MEDICO Gli Studi Professionali Medici (SPM) sono strutture nelle quali è esercitata un attività sanitaria in cui il profilo professionale prevale su quello organizzativo. Tale profilo è riscontrabile non solo

Dettagli

Sperimentazione di un nuovo sistema di disinfezione delle Unità di Trattamento Aria. Annalisa Guerrini Firenze Consulente Scientifico

Sperimentazione di un nuovo sistema di disinfezione delle Unità di Trattamento Aria. Annalisa Guerrini Firenze Consulente Scientifico Sperimentazione di un nuovo sistema di disinfezione delle Unità di Trattamento Aria Annalisa Guerrini Firenze Consulente Scientifico Questa sperimentazione si è svolta in una Clinica Privata toscana dove,

Dettagli

ESAME ULTRASTRUTTURALE DI BIOFILM BATTERICO IN RIUNITI ODONTOIATRICI

ESAME ULTRASTRUTTURALE DI BIOFILM BATTERICO IN RIUNITI ODONTOIATRICI XX INCONTRO SCIENTIFICO ANNUALE DEL GRUPPO ITALIANO DI PATOLOGIA ULTRASTRUTTURALE SIAPEC-IAP (GIPU) Udine 5-6 Marzo 2010 ESAME ULTRASTRUTTURALE DI BIOFILM BATTERICO IN RIUNITI ODONTOIATRICI S. Valente

Dettagli

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE ALLEGATO B REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INDICE Requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici

Dettagli

Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010. Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici

Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010. Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010 dr. Ruggero Carminati, dott.ssa Monica Bonenti Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Integrità dei contenitori

Dettagli

Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione degli strumenti e degli accessori endoscopici

Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione degli strumenti e degli accessori endoscopici REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIBO VALENTIA Endoscopia Digestiva Diagnostica e Chirurgica Dr. A.Chirico Dr. V.Grasso Dr. L.Purita Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione

Dettagli

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE INCONTRO 4 CHIACCHERE SUL LAGO UFFICIO IGIENE BARDOLINO (VR) MERCOLEDI 04/03/2015 LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO Il rischio di acquisizione della Legionellosi dipende

Dettagli

Test di valutazione dell efficacia del Sistema Nocospay-Nocolise Su superfici contaminate con ceppi batterici di Stafilococco Aureus

Test di valutazione dell efficacia del Sistema Nocospay-Nocolise Su superfici contaminate con ceppi batterici di Stafilococco Aureus Test di valutazione dell efficacia del Sistema Nocospay-Nocolise Su superfici contaminate con ceppi batterici di Stafilococco Aureus INTRODUZIONE La presente prova ha lo scopo di valutare la funzionalità

Dettagli

1. INDICAZIONI GENERALI

1. INDICAZIONI GENERALI DIRETTIVE INERENTI L ATTIVITA DI VERIFICA DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE - AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI 1. INDICAZIONI

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

COMUNE DI ZAVATTARELLO

COMUNE DI ZAVATTARELLO M COMUNE DI ZAVATTARELLO PROVINCIA DI PAVIA MANUALE DI ESERCIZIO E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE 1 INDICE Premessa e richiami normativi 3 Criteri di potabilità 4 Interventi di manutenzione ordinaria

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli