Ciò che è meglio per tutti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ciò che è meglio per tutti"

Transcript

1 Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n Copia 1,00 Copia arretrata 2,00 L OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO Unicuique suum POLITICO RELIGIOSO Non praevalebunt Anno CLV n. 154 (46.992) Città del Vaticano venerdì 10 luglio Al suo arrivo in Bolivia il Papa ricorda che dal bene comune nasce la coesione di un popolo Ciò che è meglio per tutti La fede, a differenza delle ideologie, è una luce che non abbaglia y(7ha3j1*qsskkm( +,!"!_!=!"! Le tre ecologie Un accoglienza popolare calorosissima e il ricordo di padre Espinal, missionario gesuita assassinato al tempo dell ultima feroce dittatura, sono le immagini che resteranno delle prime ore in Bolivia di Papa Francesco. Come nei tre giorni trascorsi in Ecuador conclusi nel santuario mariano di El Quinche anche nella luce limpidissima del gelido tramonto a El Alto, poi a La Paz e a Santa Cruz de la Sierra ormai in piena notte, sono state centinaia di migliaia le persone che ai bordi delle strade hanno atteso e accolto con affetto commovente il Pontefice. E proprio nell affollatissimo percorso tra l aeroporto più alto del mondo e la capitale il Papa si è fermato per ricordare e per pregare nel luogo dove nel 1980 fu ritrovato il corpo torturato di Luis Espinal, «un fratello nostro, vittima di interessi che non volevano si lottasse per la libertà della Bolivia» ha detto commosso e, prima di recitare il Padre nostro insieme alla folla, ha aggiunto: «Padre Espinal ha predicato il Vangelo e quel Vangelo ha dato fastidio, e per questo lo hanno eliminato». Poco prima era stato il presidente Evo Morales che ha poi accolto Bergoglio nel palazzo presidenziale di La Paz e all arrivo a Santa Cruz de la Sierra a dare il benvenuto all ospite, in una terra di cui il Pontefice ha subito evocato la singolare bellezza e la varietà culturale. In Bolivia «si è radicato con forza l annuncio del Vangelo, che nel corso degli anni ha illuminato la convivenza, contribuendo allo sviluppo del popolo e sostenendo la cultura» ha detto Papa Francesco, auspicando collaborazione per costruire una società più giusta e solidale. Il tema dell impegno comune per il bene di tutta la società è stato poi al centro dell imp ortante discorso che il Pontefice ha rivolto nella cattedrale di La Paz alle autorità civili, tra le quali siedeva in prima fila il presidente Morales. «Mi permettano di cooperare» ha esordito, delineando poi la necessità di un ecologia integrale perché l ambiente naturale e quello sociale, politico ed economico sono tra loro in stretta relazione. E dunque, un ecologia della madre terra, un ecologia umana e un ecologia sociale, descritte con ampiezza e lucidità nell ultima enciclica, accolta in tutto il mondo con un inusuale interesse, e non solo tra cattolici e credenti. Per la costruzione della società è la libertà l ambito migliore e che garantisce a tutti la possibilità di contribuirvi. E nella società i cristiani vogliono solo servire la luce del Vangelo, ha assicurato Papa Francesco. «La fede è una luce che non abbaglia; le ideologie abbagliano, la fede non abbaglia, la fede è una luce che non acceca, ma che illumina e guida con rispetto la coscienza e la storia di ogni persona e di ogni convivenza umana» ha detto Bergoglio, sottolineando che il cristianesimo ha svolto un ruolo importante nella formazione del popolo boliviano, che la fede non può ridursi all ambito puramente soggettivo e che non è una subcultura. Di nuovo, infine, è risuonata la voce del Pontefice a favore della famiglia, minacciata dovunque da molte realtà inaccettabili ma che resta insostituibile. I problemi sociali che la famiglia risolve in silenzio sono così tanti ha osservato Papa Francesco che non promuoverla è lasciare senza protezione i più deboli. g. m.v. Dal benessere al bene comune, da ciò che «è meglio per me» a ciò che «è meglio per tutti»: è questo il «passaggio» chiave che «dà coesione a un popolo» e gli permette di alzare lo sguardo oltre gli orizzonti individuali e gli interessi di parte. Per dare inizio alla visita in Bolivia, seconda tappa del viaggio in America latina, Papa Francesco ha scelto come interlocutori gli esponenti del mondo politico, culturale e civile del Paese, coloro che «hanno la Ma il Presidente colombiano chiede impegni concreti Tregua di un mese annunciata dalle Farc BO GOTÁ, 9. «Apprezzo il gesto, ma non è sufficiente». Così il presidente colombiano, Juan Manuel Santos, ha salutato oggi il cessate il fuoco unilaterale di un mese annunciato ieri dalla guerriglia delle Farc. La tregua entrerà in vigore il 20 luglio dopo l appello urgente lanciato dai Paesi garanti del processo di pace contro l ondata di violenza nelle ultime settimane. Secondo Santos, tuttavia, sono necessari «impegni concreti per accelerare i risultati nei negoziati e mettere fine il più presto possibile al più vecchio conflitto in America latina», in corso da oltre mezzo secolo. «Entrambe le parti devono Madre e figlio davanti a un edificio crivellato di colpi (Afp) responsabilità di contribuire alla costruzione dell unità e dello sviluppo della società». A loro il Pontefice ha indicato la strada per realizzare un Paese a misura d uomo, non chiuso in se stesso o schiavo dei particolarismi, ma impegnato nel «dialogo franco e aperto sui problemi» e capace di «costruire ponti» piuttosto che «alzare muri». Un cammino al quale i cristiani offrono il loro contributo a partire dalla luce della fede, «che ha spiegato Francesco lavorare per raggiungere un cessate il fuoco bilaterale e definitivo», ha aggiunto il presidente colombiano. Il mese scorso, la guerriglia marxista colombiana ha aumentato le sue azioni contro le infrastrutture petrolifere ed energetiche, lasciando diverse città al buio e causando ingenti danni ambientali per l olio versato in fiumi e torrenti. L annuncio del cessate il fuoco è stato accolto con favore dalla missione delle Nazioni Unite in Colombia, secondo cui esso rappresenta un primo passo significativo verso la fine delle ostilità, punto fondamentale per favorire le trattative in corso da ormai due anni. non offusca, ma rischiara e orienta con rispetto la coscienza e la storia di ogni persona e di ogni società umana». Ai temi al centro dell incontro con le autorità civili, svoltosi nella serata di mercoledì 8 luglio, nella cattedrale di La Paz, il Papa aveva fatto cenno anche nel primo discorso pronunciato all aeroporto di El Alto, dove era giunto nel pomeriggio proveniente dall Ecuador. Di fronte al presidente Morales il Pontefice ha riconosciuto i «passi Allo studio riforme da dodici miliardi per un terzo salvataggio L Europa attende il piano greco ATENE, 9. L Europa attende il piano greco: in serata l Esecutivo guidato da Alexis Tsipras presenterà una serie di proposte ai creditori internazionali per ottenere un nuovo piano di aiuti. La Commissione europea ha detto un portavoce è al momento impegnata nella «valutazione delle esigenze finanziarie e della sostenibilità del debito». Una volta che sarà presentata, la proposta verrà valutata da parte delle istituzioni in vista della riunione dell Eurogrupp o, che sarà convocata per sabato. Intanto, il ministero delle Finanze greco ha comunicato che le banche nel paese ellenico resteranno chiuse fino a lunedì prossimo. Questa sera, dunque, Tsipras metterà sul tavolo un piano per dodici miliardi di euro di riforme da completare nei prossimi due anni. Sullo sfondo, resta l esigenza di ristrutturare il debito per la quale spingono sia il Fondo monetario internazionale (Fmi) che la Casa Bianca, in cerca di soluzioni definitive alla crisi ellenica. Nei giorni scorsi il Governo greco ha chiesto formalmente l aiuto dell Esm, il fondo salva Stati permanente dell eurozona, e ha messo in moto le procedure per un terzo salvataggio economico. L Esecutivo di Atene ha avanzato mercoledì la richiesta formale, un prestito triennale il cui ammontare è sconosciuto, ma che da più parti è valutato a cinquanta miliardi. Secondo quanto riporta il quotidiano ellenico «Kathimerini», nel documento che deve arrivare a Bruxelles entro la mezzanotte di oggi ci sarebbero non solo più riforme di quelle pronosticate alla vigilia, ma anche un bilancio dell attuale congiuntura greca: a fronte di una crescita preventivata dello 0,5 per cento quest anno, il pil (prodotto interno lordo) dovrebbe contrarsi del tre per cento a causa delle incertezze e turbolenze degli ultimi tempi. Il piano di Tsipras porrebbe quindi l esigenza di intervenire in modo drastico: le bozze che circolano parlano di misure incisive, mentre si studia la riorganizzazione del sistema bancario, duramente provato. Nel dettaglio, secondo un altro giornale, «Naftemporiki», tra gli interventi previsti vi sarebbe l aumento della tassazione per le aziende dal 26 al 28 per cento, l iva sui beni di lusso dal 10 al 13 per cento (insieme all aliquota del 23 per gli alimenti, i Un anziano nel centro di Atene in attesa di riscuotere la pensione (Reuters) importanti» compiuti dal Paese verso una sempre più ampia partecipazione alla vita economica, sociale e politica. Ma ha anche raccomandato di alimentare lo spirito di collaborazione e di dialogo in vista del progresso integrale della popolazione: progresso che ha sottolineato ha bisogno di valori e di ideali comuni sui quali convergere. PAGINE 4-8 ristoranti, i trasporti e alcuni servizi sanitari). Nel disegno, inoltre, le isole continuerebbero a beneficiare degli sgravi fiscali che per i creditori sarebbero invece da rimuovere. Il quotidiano fa notare che queste misure probabilmente incontrerebbero l opposizione dell ala radicale di Syriza, ma Tsipras ha già incassato il sostegno della stragrande maggioranza dell arco parlamentare. Sul piano politico, scetticismo è stato espresso dal presidente della Banca centrale europea (Bce), Mario Draghi, il quale ha definito ieri la crisi «veramente difficile» da gestire. «Se ci sono proposte realistiche e concrete dalla Grecia ci vorranno anche proposte dei creditori sulla sostenibilità del debito. Altrimenti, continueremo la danza mortale» ha detto il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk. Il ministro dell Economia italiano, Pier Carlo Padoan, ha cercato invece di rassicurare i mercati: «Non siamo nel 2012, l Italia è più forte». NOSTRE INFORMAZIONI Nomina di Vescovo Ausiliare Il Santo Padre ha nominato Ausiliare dell Arcidiocesi di Kuching (Malaysia) il Reverendo Simon Poh Hoon Seng, Cancelliere e Parroco della Cattedrale di San Giuseppe, assegnandogli la sede titolare vescovile di Sfasferia.

2 pagina 2 L OSSERVATORE ROMANO venerdì 10 luglio 2015 Il presidente Putin tra il premier indiano Modi e il presidente cinese Xi Jinping (Ap) MOSCA, 9. Dopo la giornata di ieri, passata tra fitti incontri bilaterali e una cena informale con il padrone di casa Vladimir Putin, i leader del quintetto del Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) entrano oggi nel vivo del summit, ospitato nella città russa di Ufa, nella regione degli Urali ricca di idrocarburi. La discussione affronterà l a p p ro f o n - dimento della cooperazione industriale, tecnologica e finanziaria tra i Paesi membri, con il lancio della nuova Banca per lo sviluppo e del fondo salva-stati dei Brics. La giornata è iniziata con l incontro dei leader dei cinque Paesi e i membri del Consiglio dei Brics, che hanno presentato proposte sul tema degli investimenti; al termine si è aperto il summit nel formato ristretto. Nella colazione di lavoro, come ha spiegato il consigliere diplomatico del Cremlino, Yuri Ushakov, sono state affrontate anche le questioni più urgenti di carattere internazionale: dal conflitto nell est dell Ucraina alla crisi greca, fino alla minaccia del cosiddetto Stato islamico (Is), passando per Iran e Medio oriente. «L Is e le altre organizzazioni terroristiche sono il male assoluto» e contro di loro si deve combattere «senza doppi standard», ha detto oggi il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, il quale ha anticipato che la posizione di Mosca sulla lotta all Is e al terrorismo è condivisa dai partner del Brics e della Organizzazione di Shanghai per la cooperazione (Sco) e sarà contenuta Il cancelliere tedesco a Sarajevo SA R A J E V O, 9. Il cancelliere tedesco, Angela Merkel, è a Sarajevo, capitale della Bosnia ed Erzegovina, a conclusione della sua missione diplomatica nei Balcani. Previsti colloqui su immigrazione e integrazione europea. Sabato, il cancelliere si trasferirà nell est del Paese per prendere parte alle commemorazioni per il ventesimo anniversario del massacro di ottomila uomini e bambini bosniaci, in gran parte musulmani, avvenuto a Srebrenica, a opera delle truppe serbo-bosniache di Ratko Mladić. Alla cerimonia di Srebrenica parteciperanno numerosi leader internazionali, alla presenza di oltre cinquantamila persone. Si prevedono almeno quindici interventi da parte di varie autorità, nel capannone della ex fabbrica di batterie per auto, che era la base dei caschi blu olandesi e oggi fa parte del Memoriale. Il vertice di Ufa esamina le più urgenti questioni internazionali Maggiore cooperazione tra i cinque Paesi del Brics nella dichiarazione finale dei due summit prevista per domani. Negli incontri bilaterali di ieri, in cui il presidente Putin ha visto gli omologhi cinese, Xi Jinping, la brasiliana Dilma Rousseff, il sudafricano Jacob Zuma e il premier indiano Narendra Modi, si è parlato dell armonizzazione tra i due progetti sulla carta rivali dell Unione economica eurasiatica (Uee) e della nuova via della Seta, promossa da Pechino; delle condizioni per attrarre investimenti cinesi in Russia; di energia e di un accordo di libero scambio tra Uee e India; di cooperazione tecnico-militare e dello sviluppo del nucleare in Sud Africa; del potenziamento della cooperazione economico-commerciale con Brasilia. Sulle questioni di carattere economico e finanziario, i leader del Brics hanno esaminato il doppio progetto della nuova Banca per lo sviluppo e il pool di riserve valutarie, importante anche nella strategia russa, presidente di turno del gruppo: il Governo di Mosca vuole dare ai La manovra di bilancio del Governo britannico Meno Stato sociale e riduzione delle tasse LONDRA, 9. Meno tasse, meno stato sociale, più soldi in busta paga. Sono questi, secondo il cancelliere dello Scacchiere britannico, George Osborne, i cardini attorno a cui ruota il bilancio presentato ieri dal responsabile economico del Governo Cameron a Westminster. È il primo bilancio di un Governo monocolore Tory in Gran Bretagna dal 1996, nel quale a un piano di tagli per ben dodici miliardi di sterline alla spesa sociale si affianca un alleggerimento fiscale per la classe media. Ma è anche un bilancio attento a «chi lavora», nelle parole di Osborne, che ha annunciato un inatteso incremento del minino salariale: dalle 6,50 sterline all ora attuali alle 7,20 nel 2016 per arrivare alle 9 sterline dal La manovra rilevano gli analisti accresce l impatto del fisco su alcune categorie privilegiate che da tempo godevano di vantaggi quasi da paradisi offshore, ma riduce ulteriormente le tasse sull impresa dal 20 al 18 per cento. Limita poi a quindici anni il beneficio fiscale accordato finora agli stranieri non domiciliati (i cosiddetti non dom ), ma porta a un milione il limite minimo per pagare le tasse di successione; introduce una corporation tax dell 8 per cento sugli utili delle banche, ma abbatte le tasse sui bilanci degli istituti di credito; alza a sterline l anno il limite per l esenzione fiscale totale, ma sforbicia i benefit per le famiglie (assegni familiari, sgravi sulla casa) da un tetto di sterline a un massimo di A Utoya un memoriale per le vittime OS L O, 9. A quattro anni dalla strage più sanguinosa della storia norvegese, quella del luglio del 2011 nell isola di Utoya a opera di Ander Breivik, è stato inaugurato un memoriale in ricordo delle settantasette vittime. Si tratta di un enorme anello d acciaio, chiamato Lysningen, sospeso tra gli abeti di un bosco, con incisi tutti i nomi delle persone uccise da Breivik mentre sull isola stavano partecipando a un campo estivo dei giovani socialdemocratici. Nel 2012 Breivik è stato condannato a 21 anni di carcere. Brics un carattere più coeso e uno status più solido. Su iniziativa di Mosca, sarà adottata anche la strategia di partenariato economico Brics fino al Stasera i leader del Brics incontreranno quelli della Sco. È la prima volta che le due organizzazioni tengono contemporaneamente i loro summit annuali. Dopo i recenti cali Borse asiatiche in recupero In Lussemburgo riunione dei ministri dell Interno L Europa accelera sul dossier immigrazione BRUXELLES, 9. Si riunisce oggi a Lussemburgo il consiglio dei ministri degli Interni dell Unione europea: il principale dossier sul tavolo dei ministri è quello dell immigrazione, e in particolare quello delle quote di ridistribuzione dei migranti. Fonti Ue invitano a non farsi illusioni: dalla riunione «non ci si attende un accordo sulle cifre», ma di sicuro sarà il luogo dove fare «nuova strada» verso il traguardo. La distanza, secondo altre fonti vicine al dossier, è di profughi. Sulla base delle offerte arrivate dalle cancellerie delle capitali PE C H I N O, 9. Aria di rimbalzo sulle Borse asiatiche, gettate in piena crisi dalla questione greca ancora da risolvere e soprattutto dallo shock dello scoppio della bolla cinese: nei giorni scorsi i listini hanno ceduto un terzo del loro valore dopo una cavalcata che durava da oltre un anno. Oggi la musica sembra cambiata e le principali piazze asiatiche fanno segnare importanti guadagni. In mattinata, la Borsa di Tokyo, ancora scottata dal crollo dei mercati cinesi di ieri, ha chiuso in positivo: dopo aver aperto le contrattazioni segnando un meno 2,05 per cento, è arretrata a cedere fino al 3,2 per cento per poi risalire e chiudere in rialzo dello 0,6 per cento. A Shanghai l indice, dopo una flessione iniziale che ha toccato il meno 3,8 per cento, ha recuperato arrivando a toccare il più 5,76 per cento, il maggior balzo dal Un risultato notevole dovuto soprattutto ai nuovi interventi decisi dalle autorità di Pechino, che tra l a l t ro hanno vietato ai grandi azionisti e agli amministratori delegati delle Migranti al confine tra Serbia e Ungheria (Afp) società quotate di vendere i propri titoli per sei mesi. Una misura riferisce la stampa specializzata accompagnata dall inchiesta aperta dalla polizia cinese su possibili vendite allo scoperto (vietate) dei titoli azionari che avrebbero potuto influire sui crolli dei giorni scorsi. A Hong Kong, che pure aveva aperto con il segno meno, l indice della Borsa ha cambiato completamente direzione ottenendo alla fine un più 3,7 per cento. A fronte della possibilità di una bolla, la Banca centrale cinese ha annunciato che garantirà la liquidità necessaria per stabilizzare i mercati borsistici e per scongiurare rischi sistemici. Tuttavia, secondo gli analisti i timori non sono del tutto finiti: gli scossoni in Borsa mostrano tutta la fragilità dell economia cinese. Si tratta infatti dicono esperti citati dalle agenzie di un mercato immaturo e perciò volatile, che sta diventando grande solo ora e per di più mancano l esperienza e le competenze. europee tanti ne resterebbero ancora per raggiungere i richiedenti asilo ( dai campi profughi e da Italia e Grecia) da ripartire su scala europea, così come previsto dalle conclusioni del vertice del Consiglio di fine giugno. Il Lussemburgo, ora alla presidenza di turno del Consiglio Ue, ce la sta mettendo tutta per mandare avanti il dossier: un gruppo di lavoro sull asilo che si è già riunito varie volte, e due riunioni degli ambasciatori avrebbero già ottenuto impegni per diverse migliaia di reinsediamenti. Via libera definitivo in Italia alla riforma della scuola Silvio Berlusconi condannato per corruzione Sì della Giunta per le autorizzazioni all arresto di Azzollini ROMA, 9. La riforma della scuola è legge. L aula della Camera, in terza lettura, ha dato questa mattina il via libera definitivo al provvedimento del Governo di Matteo Renzi, con 277 sì, 173 no e 4 astenuti. Il 26 giugno il disegno di legge era stato votato in Senato con 159 voti favorevoli e 112 contrari. La seduta è stata sospesa solo una volta, brevemente, a causa delle proteste della Lega Nord. «Questo non è un atto finale, ma l atto iniziale di un nuovo protagonismo della scuola» ha scritto su Twitter, dopo l approvazione, il ministro dell Istruzione, Stefania Giannini. «Abbiamo restituito autonomia ai dirigenti scolastici e messo tre miliardi a regime, il Governo dimostra di ritenere strategico il settore dell i s t ru - zione». La riforma appena varata prevede, tra gli altri provvedimenti, l assunzione in due fasi di docenti e lo stanziamento di 200 milioni da utilizzare dal 2016 per premiare i professori migliori. I presidi potranno ricorrere alla chiamata diretta. Viene inoltre potenziato il meccanismo dell alternanza scuola-lavoro. ROMA, 9. L ex presidente del Consiglio dei ministri italiano, Silvio Berlusconi, è stato condannato ieri in primo grado a tre anni per corruzione dalla prima sezione penale del tribunale di Napoli. Con la stessa accusa è stato condannato l'ex direttore dell «Avanti», Valter Lavitola. Il verdetto è stato emesso dal collegio presieduto dal giudice Serena Corleto. Secondo l accusa, tra il 2006 e il 2008 Berlusconi avrebbe pagato, attraverso Lavitola, circa tre milioni di euro per convincere l ex senatore Sergio De Gregorio, eletto con l Italia dei Valori, a passare al centrodestra per far cadere il Governo di centrosinistra presieduto da Romano Prodi. Per la difesa, quei soldi rientravano nell ambito del finanziamento alle attività politiche. De Gregorio ha patteggiato un anno e otto mesi. Il processo sulla compravendita dei senatori è iniziato l 11 febbraio La prescrizione per il reato contestato all ex capo del Governo scatterà il prossimo 6 novembre. In appello l imputato potrà dunque godere dell estinzione del reato. ROMA, 9. Il senatore Antonio Azzollini del Nuovo Centrodestra si è dimesso ieri dalla carica di presidente della Commissione bilancio del Senato. Il passo indietro, contenuto in una lettera inviata al presidente del Senato, Pietro Grasso, è arrivato poche ore prima del voto della Giunta per le autorizzazioni e le immunità, che ha dato il via libera all arresto ai domiciliari. Azzollini è indagato dalla Procura di Trani nell ambito dell indagine sul crac del polo ospedaliero della Casa della Divina Provvidenza di Bisceglie. Si contesta l asso ciazione a delinquere finalizzata a più reati, fra i quali la corruzione per induzione e il concorso in bancarotta fraudolenta. La misura degli arresti domiciliari non è ancora scattata: non basta infatti il voto della Giunta, deve esprimersi anche il Senato. Se la misura sarà confermata dall Aula, l abbandono di Azzollini influirebbe sui numeri della maggioranza al Senato. «Confido nella ragionevolezza dei miei colleghi» ha detto ieri Azzollini. L OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO Unicuique suum Città del Vaticano o r n e o s s ro m.v a w w w. o s s e r v a t o re ro m a n o.v a POLITICO RELIGIOSO Non praevalebunt GI O VA N N I MARIA VIAN direttore responsabile Giuseppe Fiorentino v i c e d i re t t o re Piero Di Domenicantonio cap oredattore Gaetano Vallini segretario di redazione Servizio vaticano: Servizio internazionale: Servizio culturale: Servizio religioso: Servizio fotografico: telefono , fax w w w. p h o t o.v a Segreteria di redazione telefono , fax s e g re t e r i o s s ro m.v a Tipografia Vaticana Editrice L Osservatore Romano don Sergio Pellini S.D.B. direttore generale Tariffe di abbonamento Vaticano e Italia: semestrale 99; annuale 198 Europa: 410; $ 605 Africa, Asia, America Latina: 450; $ 665 America Nord, Oceania: 500; $ 740 Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): telefono , fax , , d i f f u s i o n o s s ro m.v a Necrologie: telefono , fax Concessionaria di pubblicità Il Sole 24 Ore S.p.A. System Comunicazione Pubblicitaria Ivan Ranza, direttore generale Sede legale Via Monte Rosa 91, Milano telefono /3003, fax s e g re t e r i a d i re z i o n e s y s t e i l s o l e 24 o re. c o m Aziende promotrici della diffusione Intesa San Paolo Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Banca Carige Società Cattolica di Assicurazione Credito Valtellinese

3 venerdì 10 luglio 2015 L OSSERVATORE ROMANO pagina 3 Oltre quattro milioni di siriani hanno abbandonato il Paese Un popolo in fuga Pesanti bombardamenti a Palmira e ad Aleppo Situazione umanitaria catastrofica nello Yemen SANA A, 9. Si aggrava di giorno in giorno la situazione umanitaria nello Yemen dove i civili continuano a sopportare l impatto del conflitto tra i ribelli sciiti huthi e le forze leali al presidente Abd Rabbo Mansour Hadi appoggiate da una coalizione militare guidata dall Arabia Saudita. Secondo le Nazioni Unite tra il 17 giugno e il 3 luglio, almeno 92 civili, tra cui 18 donne e 18 bambini, sono stati uccisi e altri 179 sono rimasti feriti. Queste cifre portano il totale dei civili morti da fine marzo a e quello dei feriti a un totale di I dati sono stati resi noti dal portavoce dell Alto commissario Onu per i diritti umani, Cecile Pouilly. «La situazione è catastrofica in generale» ha rincarato Antoine Grand, capo delegazione nello Yemen del Comitato internazionale della Croce Rossa. «Nel corso delle ultime settimane il nostro team ha potuto documentare violazioni e abusi commessi da tutte le parti in conflitto» ha aggiunto la portavoce dell Alto commissario Onu per i diritti umani citando anche l aumento di attacchi a luoghi di culto. Inoltre, la situazione è aggravata dall accesso umanitario che resta fortemente limitato. Intanto, non sembra compiere passi avanti la tregua a cui sta lavorando l inviato dell Onu, Ismail Ould Cheikh Ahmed. Dopo il viaggio del diplomatico mauritano a Sana a, gli huthi avevano accettato il cessate il fuoco, salvo poi non confermare di volere sostenere l iniziativa. A bloccare è stato anche il Governo del presidente in esilio a Riad, il quale ha chiesto il ritiro delle milizie sciite huthi dalle città del Paese. Nel frattempo, i caccia della coalizione a guida saudita hanno bombardato depositi di armi e munizioni dei ribelli nei dintorni di Sana a provocando forti esplosioni a catena. E almeno trenta soldati della 23ª Brigata meccanizzata sono rimasti uccisi, dopo aver tentato di ammutinarsi e passare con gli huthi. Lo ha riferito una fonte militare, precisando che scontri sono scoppiati con le truppe rimaste leali e che caccia della coalizione sono intervenuti per riportare la situazione sotto controllo. L incidente è avvenuto ad Al Abar vicino al confine con l Arabia Saudita. Boko Haram propone uno scambio ABUJA, 9. Il gruppo fondamentalista islamico Boko Haram ha proposto al Governo nigeriano uno scambio tra le oltre duecento studentesse rapite a Chibok nell aprile del 2014 e alcuni leader dell organizzazione terroristica detenuti nelle carceri del Paese. Lo ha reso noto un attivista di un organizzazione per i diritti umani, precisando che la proposta di Boko Haram è limitata alle studentesse della scuola del nord-est della Nigeria, il cui rapimento di massa provocò una grande reazione internazionale e dette il via alla campagna Bring Back Our Girls. Molte delle giovani rapite sarebbero state costrette a combattere al fianco dei loro sequestratori e molte si sono trasformate anche in autentiche e convinte carnefici, infliggendo punizioni corporali e spingendosi fino a uccidere. Le punizioni vanno dalle fustigazioni delle giovani che non Verso un accordo a Vienna Stretta finale per i negoziati sul nucleare iraniano VIENNA, 9. L Iran ha offerto «soluzioni costruttive» per risolvere gli ultimi punti in sospeso e arrivare a un accordo sul programma nucleare con i Paesi del gruppo cinque più uno. Lo ha annunciato l agenzia iraniana Isna. I negoziati in corso a Vienna sono entrati nel rush finale e un accordo dovrebbe essere raggiunto entro domani. Nella capitale austriaca sono rimasti il segretario di Stato americano, John Kerry, e il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, assieme all alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza comune dell Ue, Federica Mogherini, mentre altri ministri degli Esteri sono rientrati nei loro Paesi e torneranno sono in grado di recitare il Corano al taglio della gola dei rivali catturati. La nuova iniziativa degli estremisti islamici responsabili di una lunga scia di violenza che negli ultimi mesi ha anche oltrepassato i confini nigeriani segue un altra proposta fatta al Governo dell ex presidente, Goodluck Jonathan, per il rilascio di duecentodiciannove ragazze in cambio di sedici miliziani di Boko Haram detenuti. Gli stessi estremisti hanno poi rivendicato gli attentati suicidi di N Djamena, capitale del Ciad, del 15 giugno scorso, che causarono trentotto morti. La rivendicazione, secondo il sito di intelligence Site, sarebbe stata pubblicata su twitter in lingua araba con la firma Stato islamico, provincia dell Africa occidentalè. Negli ultimi sei anni, Boko Haram ha causato, soprattutto in Nigeria, circa quindicimila vittime. DA M A S C O, 9. Il numero di rifugiati causati dal conflitto in Siria e giunti nei Paesi vicini ha superato la soglia dei quattro milioni. Il dato è stato diffuso ieri dall Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). Al ritmo attuale, si prevede che il numero delle persone costrette ad abbandonare le proprie case a causa dei combattimenti potrebbe salire a 4,27 milioni entro la fine del E gli aiuti scarseggiano: l Unhcr ha ricevuto solo il 24 per cento dei 5,5 miliardi dollari richiesti per sostenere le persone costrette a fuggire dalla guerra. «Si tratta della più grande popolazione di rifugiati proveniente da un unico conflitto in questa generazione» ha dichiarato l Alto ommissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Antonio Guterres. «È una popolazione che ha bisogno del sostegno del resto del mondo, ma che invece vive in condizioni terribili e sprofonda nella povertà». Stando agli esperti delle Nazioni Unite, nelle ultime settimane sono aumentati notevolmente i profughi giunti al confine con la Turchia. Tale incremento ha portato il totale dei siriani nei Paesi limitrofi a superare la soglia dei quattro milioni ( ) appena dieci mesi dopo che era stato raggiunto il totale dei tre milioni. Quasi la metà di questi quattro milioni si trovano in Turchia, Paese che ospita oltre 1,8 milioni di rifugiati; circa al tavolo dei negoziati nelle prossime ore. Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha sollecitato ieri la squadra americana a raggiungere un accordo che rispecchi i requisiti messi sul tavolo da Washington. Lo ha fatto, come ha reso noto la Casa Bianca, collegandosi in videoconferenza con Vienna per fare il punto con Kerry e i suoi collaboratori. Dal canto suo, il presidente iraniano, Hassan Rohani, prima di partire ieri per il vertice della Organizzazione di Shanghai per la cooperazione (Sco) in Russia, ha espresso ottimismo sull esito del negoziato, sottolineando che il suo Governo è pronto a rilanciare l economia del Paese dopo la revoca delle sanzioni sono in Iraq, più di in Giordania, in Egitto, quasi 1,2 milioni in Libano e circa in altre parti del Nord Africa. Nel rapporto non è invece incluso il dato delle oltre richieste d asilo presentate da siriani in Europa, né quello di altre migliaia di siriani reinsediatisi altrove. Ai rifugiati fuggiti nei Paesi vicini, si sommano almeno 7,6 milioni di persone sfollate all interno della Siria, molte in circostanze e luoghi difficili da ragg i u n g e re. Nel frattempo, in Siria continua l offensiva contro i miliziani del cosiddetto Stato islamico (Is). Decine di famiglie hanno abbandonato la città siriana di Palmira dopo i pesanti attacchi aerei dell aviazione governativa, che hanno ucciso almeno cinque persone. Secondo attivisti locali, nelle ultime 48 ore, oltre novanta raid sono stati effettuati contro la parte residenziale della città. Pesanti bombardamenti dell esercito siriano sono segnalati anche ad Alepp o. Economia sudsudanese al collasso JUBA, 9. Una guerra civile che va avanti da diciotto mesi ed è costata la vita a migliaia di persone, centomila quelle costrette a lasciare le loro case. Un terzo degli undici milioni di abitanti che necessita di aiuti per sopravvivere e le accuse di stupri e violenze rivolte dall O nu all esercito, che non risparmia nemmeno l uso di bambini soldato. È questo lo scenario in cui il Sud Sudan giunge alla vigilia del quarto anniversario dell indip endenza dal Sudan, raggiunta dopo una battaglia ventennale. Oggi sarà il presidente Salva Kiir a guidare le celebrazioni, a ricordare quel giorno festoso presto dimenticato da un Paese precipitato in miseria e divisioni. È stato proprio Kiir che, a dicembre del 2013, ha accusato il suo ex vice presidente e attuale capo dei ribelli, Riek Machar, di avere tentato un Rifugiati siriani attraversano il confine per dirigersi in Turchia (Ap) Verrà costruito lungo i 160 chilometri di confine con la Libia Muro antijihadista in Tunisia TUNISI, 9. La Tunisia ha deciso di costruire un muro lungo 160 chilometri, con torrette e centri di sorveglianza, al confine con la Libia entro fine anno: lo ha annunciato ieri il primo ministro Habib Essid, pochi giorni dopo la strage di turisti europei nei pressi di Sousse. Secondo il capo di Governo, il muro contribuirà a ridurre il rischio di infiltrazioni di gruppi e commando islamisti da o l t re c o n f i n e. «I gruppi terroristici e criminali hanno in programma altri attentati con il fine di paralizzare l economia del Paese», ha rimarcato Essid al Parlamento, riunito in un udienza straordinaria sulla proclamazione dello stato di emergenza da parte del presidente della Repubblica, Beji Caïd Essebsi, il 4 luglio scorso. Il premier ha spiegato che la Tunisia vive una situazione eccezionale come dimostrano i pericoli e le minacce. «Non avremmo decretato lo stato di emergenza se non fossimo stati in questa situazione» con «piani terroristici volti alla destabilizzazione». Il vallo di Essid verrà costruito dall esercito tunisino e sarà completato entro la fine del 2015: un cronoprogramma serrato che fa capire l urgenza del provvedimento. Il muro si estenderà per 160 chilometri della frontiera a partire dalla costa e avrà delle stazioni di controllo a intervalli regolari. Il primo ministro, in un intervista rilasciata alla Bbc, aveva d altra parte dichiarato che colpo di Stato. La rivalità politica si è ben presto tradotta in scontri sul campo e in una guerra tra etnie: da una parte la tribù dei Dinka, il gruppo più numeroso, al quale appartiene Kiir, e dall altra quella dei Nuer, di cui fa parte Machar, rimosso dall incarico di vice presidente nel luglio del Scontri che però non sembrano mettere a rischio la sopravvivenza del Governo di Kiir, quanto invece potrebbe farlo la disastrosa situazione economica del Paese. Secondo un rapporto citato dal «New York Times», il Governo ha quasi finito i soldi e resta a galla solo stampando valuta a un tasso insostenibile e grazie a un recente prestito di 500 milioni di dollari. Inoltre, negli ultimi mesi i combattimenti si sono intensificati e minacciato la principale fonte di reddito: il petrolio. Seifeddine Rezgui, il giovane autore della carneficina sulla spiaggia di Sousse, si era addestrato in Libia tra le fila di Ansar Al Sharia, sebbene l attacco sia stato rivendicato anche dal cosiddetto Stato islamico (Is). Ma al di là delle rivendicazioni da parte delle organizzazioni terroristiche, resta la costante del caos in Libia, dove il conflitto interno ha favorito il network del terrore, che nel Paese nordafricano ha installato basi e centri di addestramento; non a caso anche gli autori della strage del museo Bardo sembra si fossero preparati sempre in Libia. E il ministero dell Interno tunisino ha poi reso noto ieri che è in corso un indagine per cercare di capire dove possano essere finiti una trentina di giovani della città di Remada scomparsi nel nulla. Il timore è che si siano recati illegalmente in Libia per arruolarsi nelle organizzazioni terroristiche e che un giorno possano rientrare in patria non hanno bisogno del visto per passare la frontiera e colpire nuovamente la fragile Repubblica tunisina. Sanguinosi scontri in Algeria tra arabi e berberi ALGERI, 9. Almeno 22 persone sono morte e oltre cento sono rimaste ferite in Algeria negli scontri che, nelle ultime 72 ore, nella provincia di Ghardaia hanno visto come protagonisti gruppi di giovani che si affrontano con armi bianche e spranghe. Ma, almeno una delle vittime, mostra i segni di proiettili di armi da fuoco. Secondo l agenzia Aps, teatro degli scontri sono stati quartieri della valle di M Zab, soprattutto Berriane e Guerrara. La provincia di Ghardaia è da anni teatro di violenti scontri tra la popolazione di origine araba e quella berbera. Le violenze fra beduini mozabiti e militanti della tribù araba Chaambi residenti nell area di Ghardaia sono costate diversi morti negli ultimi mesi. Il Governo del presidente Abdelaziz Bouteflika ha schierato oltre quattromila militari per riprendere il controllo della situazione. Le ulteriori misure annunciate ieri tuttavia non hanno sortito alcun effetto immediato, alla luce dell escalation di violenze registrata la scorsa notte. Molti gli episodi di violenza urbana: sono segnalati, sempre secondo l Aps, vandalismi e incendi dolosi di abitazioni, negozi, magazzini, autovetture, arredi urbani e persino palmeti. Testimoni riferiscono che le strade sono ormai territorio incontrastato di decine di persone che, a bordo di motociclette e con il volto coperto da caschi o fazzoletti, seminano il terrore. Alcuni cadaveri sono stati scoperti all interno di abitazioni i cui legittimi proprietari o locatari erano stati costretti a fuggire sotto la minaccia di armi da fuoco. Intanto, centinaia di mozabiti (gruppo etnico berbero che abita la regione di Mzab, nel nord del Sahara algerino) hanno manifestato nella giornata di ieri ad Algeri per denunciare l escalation di violenze. I manifestanti in particolare accusano le autorità di non avere fatto nulla per fermare le violenze. Miliziani dell Is schierati alla periferia di Sirte TRIPOLI, 9. I miliziani del cosiddetto Stato islamico (Is) in Libia sono giunti nella periferia della città di Sirte, dopo la definitiva ritirata delle brigate di Misurata dalla città. Testimoni locali riferiscono al quotidiano «Al Wasat» che da ieri notte miliziani jihadisti hanno schierato dei posti di blocco lungo le vie principali di Sirte. Gli uomini del gruppo terrorista hanno fermato tutte le auto in transito, chiedendo le generalità e la tribù di appartenenza. Ieri i miliziani dell Is hanno issato la bandiera nera sul punto più alto della città e sui palazzi del Governo. E, nel frattempo, un autob omba è esplosa ieri sera davanti alla moschea Al Ayeb a Misurata, uccidendo il capo dei servizi segreti militari del Congresso generale nazionale di Tripoli, El Taher Baloush. L Is ha rivendicato l attentato.

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita?

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Lookout News Rocco Bellantone I turchi continuano a bombardare a nord, mentre a Incirlik arrivano i caccia sauditi. La riunione del Gruppo

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Attentato di Parigi. 13 novembre 2015. Documento del corso Relazioni Internazionali

Attentato di Parigi. 13 novembre 2015. Documento del corso Relazioni Internazionali Attentato di Parigi 13 novembre 2015 Documento del corso Relazioni Internazionali Il lavoro della sezione RIM è finalizzato a sostenere la Pace tra i Popoli PEACE NOT WAR I FATTI Gli attentati del 13 novembre

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Discorsi del Presidente della Fondazione Craxi Inaugurazione della Mostra "Tunisiaca" Tunisi, Museo Nazionale del Bardo, 19 gennaio 2004 Stefania Craxi Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Eccellenza,

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

DOMENICA 18 APRILE 2010 - SEMINARIO MEIC ERO STRANIERO E MI AVETE ACCOLTO (MT 25,35)

DOMENICA 18 APRILE 2010 - SEMINARIO MEIC ERO STRANIERO E MI AVETE ACCOLTO (MT 25,35) DOMENICA 18 APRILE 2010 - SEMINARIO MEIC ERO STRANIERO E MI AVETE ACCOLTO (MT 25,35) Prima parte: La figura dello straniero nell Antico Testamento Collocazione geografica Israele terra di Spostamenti.

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini N. 392 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 392 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VOLONTÈ Norme contro il traffico e la vendita degli organi prelevati dai bambini Presentata

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 297 MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 2 La Camera, premesso che: la crisi siriana ha raggiunto

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Vangelo senza confini

Vangelo senza confini Diocesi di Bergamo Centro Missionario Diocesano Ottobre Missionario 2009 Rosario Missionario Vangelo senza confini Nel nome del Padre. Con Maria percorriamo le strade del mondo; come Maria portiamo Gesù;

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Giustizia, Pace e Integrità del creato

Giustizia, Pace e Integrità del creato Giustizia, Pace e Integrità del creato L ufficio di GPIC dei Missionari Comboniani nella Provincia del Nord America (NAP): Cosa fa e quali sono gli obiettivi? Uno dei principali obiettivi è quello di incrementare

Dettagli

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Segreteria di Stato della migrazione SEM Scheda informativa Data: 18.09.2015 Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione 1.1 Situazione in Siria

Dettagli

Accoglimento totale del 03/11/2015 RG n. 2031/2014

Accoglimento totale del 03/11/2015 RG n. 2031/2014 R.G. n. 2031/2014 Accoglimento totale del 03/11/2015 RG n. 2031/2014 TRIBUNALE ORDINARIO DI TRIESTE SEZIONE CIVILE Il Tribunale in composizione monocratica, in persona del giudice dottor Mauro Sonego nel

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

San Giuseppe Calasanzio e gli scolopi

San Giuseppe Calasanzio e gli scolopi San Giuseppe Calasanzio e gli scolopi 450 Anniversario della nascita di San Giuseppe Calasanzio Anno 2007, la famiglia colasanziana è in festa Fondatore San Giuseppe Calasanzio, il fondatore della prima

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 771 IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM 22 settembre 2014 INDICE 2 Introduzione Mare

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ 440 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ E GRAVI LIMITI 6 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La guerra civile siriana Le fasi iniziali del conflitto

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti NUMERI EMERGENZA IN IRAQ Aggiornato al 1 dicembre 2014 1,9 milioni sfollati interni 150mila rifugiati iracheni nei Paesi confinanti +530mila sfollati assistiti con rifugi e aiuti umanitari primari 8mila

Dettagli

Rassegna del 05/10/2015

Rassegna del 05/10/2015 Rassegna del 05/10/2015 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 05/10/2015 Si parla di noi Avvenire 30/09/2015 p. 2 IL PAPA CONFORTA L'IMPEGNO CON L'AFRICA Mario Raffaelli 1 Corriere Del Trentino 01/10/2015

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

Anthony Lake Direttore Generale UNICEF

Anthony Lake Direttore Generale UNICEF 5 ANNI DI GUERRA IN SIRIA NESSUN LUOGO SICURO PER I BAMBINI La crisi in numeri L impatto di 5 ANNI DI GUERRA sui bambini siriani e la loro infanzia 5 ANNI: UN ETÀ CRUCIALE PER UN BAMBINO Per i 3,7 milioni

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

I GENERALI SOTTO ACCUSA

I GENERALI SOTTO ACCUSA Mondo in fiamme Algeria Il conflitto algerino Habib Souaïdia, l ex ufficiale autore del libro La Sale Guerre, torna ad attaccare i vertici militari algerini. Per questa intervista la procura di Algeri

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

00.48-1.23. La questione nordirlandese

00.48-1.23. La questione nordirlandese 00.48-1.23 La questione nordirlandese La questione nordirlandese: Secolo XVI Elisabetta I figlia di Enrico VIII, anglicana, decide di imporre la legge inglese agli irlandesi, quasi come una sorta di missione

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

L EMERGENZA EDUCATIVA

L EMERGENZA EDUCATIVA L EMERGENZA EDUCATIVA Cosa si intende quando si parla della questione emergenza educativa? L Associazione Davide.it invita a riflettere su uno dei problemi più urgenti che riguarda i nostri giovani e la

Dettagli

(1822) (1843) (1889) (1916)

(1822) (1843) (1889) (1916) Una chiamata per tutti La consapevolezza che il Vangelo è un dono da condividere con il mondo intero e che la missione riguarda tutti, nessuno escluso, è all origine delle Pontificie Opere Missionarie

Dettagli

APPELLO PAPA PER RIFUGIATI

APPELLO PAPA PER RIFUGIATI RASSEGNA STAMPA APPELLO PAPA PER RIFUGIATI A cura di Agenzia Comunicatio INTERVISTA A DON FULVIO FERRARI REGISTRATA IL 7/09 ALLE ORE 16.00 CITAZIONE IN DIRETTA IL GIORNO 7/09 07/09/2015-12:41:00 Agenzia:

Dettagli

dicembre 2011 3,00 Identità nascoste. Nel carcere di Paliano si entra con un nome e si esce con un altro.

dicembre 2011 3,00 Identità nascoste. Nel carcere di Paliano si entra con un nome e si esce con un altro. dicembre 2011 3,00 Poste Italiane Spa Spedizione in abbonamento postale D. L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1 comma 1, LO/MI Roserio. 030 Identità nascoste. Nel carcere di Paliano si entra

Dettagli

SYRIZA ED IL CONTROVERSO PROGRAMMA DELLA VITTORIA

SYRIZA ED IL CONTROVERSO PROGRAMMA DELLA VITTORIA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 867 SYRIZA ED IL CONTROVERSO PROGRAMMA 26 gennaio 2015 EXECUTIVE SUMMARY 2 Il trionfo

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA. TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo

NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA. TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo Che sia urgente 1 evangelizzazione ad ogni uomo che è sulla terra,

Dettagli

CONFLITTI nel MONDO (2015)

CONFLITTI nel MONDO (2015) CONFLITTI nel MONDO (2015) I giornali e le televisioni di tutto il mondo parlano ogni giorno del conflitto in corso tra Israele e Palestina. Continui aggiornamenti sul numero di vittime, sulle brevi tregue

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere

Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere Diverse sparatorie a Parigi, almeno tre esplosioni vicino allo stadio: è l inferno in tutta la capitale francese, con decine

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Catholic Fraternity of Charismatic Covenant Communities. Santa Maria in Trastevere, 17 maggio 2013. Eucaristia. Saluto e introduzione

Catholic Fraternity of Charismatic Covenant Communities. Santa Maria in Trastevere, 17 maggio 2013. Eucaristia. Saluto e introduzione Card. Stanisław Ryłko Presidente Pontificio Consiglio per i Laici Città del Vaticano Catholic Fraternity of Charismatic Covenant Communities Santa Maria in Trastevere, 17 maggio 2013 Eucaristia Saluto

Dettagli

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO PREMESSA L Associazione M.G.S. SER.MI.G.O. (Iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato con Decreto n. 22 del 28/02/2007) ha lo scopo

Dettagli

DOCUMENTO DI POSIZIONE

DOCUMENTO DI POSIZIONE Campagna internazionale sugli obiettivi di sviluppo del millennio I POVERI NON POSSONO ASPETTARE DOCUMENTO DI POSIZIONE Se lo Tsunami del 26 dicembre 2004 si fosse abbattuto sulle coste di un paese ricco,

Dettagli

Migranti e profughi. I costi reali dell assistenza sanitaria

Migranti e profughi. I costi reali dell assistenza sanitaria Migranti e profughi. I costi reali dell assistenza sanitaria Nella cronaca quotidiana del fenomeno globale delle migrazioni, ha colpito, pochi giorni fa, la svolta impressa da Angela Merkel alla posizione

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica Sulla crisi della Libia e dei profughi del Nord Africa che sbarcano sulle coste italiane l Europa ha rivelato la sua assenza più clamorosa.

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

cui si vorrebbero confondere le responsabilità di alcuni con il lavoro e il merito di moltissimi.

cui si vorrebbero confondere le responsabilità di alcuni con il lavoro e il merito di moltissimi. Santo Padre, ho il grande privilegio di presentarle gli ospiti che oggi affollano quest aula, venuti da ogni parte d Italia per incontrarla, ascoltarla e ricevere la Sua benedizione. Sono i volontari di

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

)? " Jenkins «Laterza Chiesa

)?  Jenkins «Laterza Chiesa più futuro centro 2025 75%% 2050 20%% «Il cristianesimo si sta diffondendo in modo sorprendente tra i diseredati, mentre si atrofizza tra i ricchi» Il noto sociologo delle religioni si sposta ; nel il

Dettagli

OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015

OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015 OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015 PROMOTORI Jaima Sahrawi (Reggio Emilia), El Ouali (Bologna), Kabara Lagdaf

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni 1) Emergenza rifugiati dalla Libia. Ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni di Matteo Colombo http://www.campusmultimedia.net/2013/03/27/emergenza-rifugiati-dalla-libia-ecco-cosa-non-hafunzionato-in-questi-due-anni/

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

IL NOSTRO FACT-CHECKING SU DUE ANNI DI GOVERNO RENZI «TAVOLO 2: SICUREZZA E IMMIGRAZIONE»

IL NOSTRO FACT-CHECKING SU DUE ANNI DI GOVERNO RENZI «TAVOLO 2: SICUREZZA E IMMIGRAZIONE» a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 1024 IL NOSTRO FACT-CHECKING SU DUE ANNI DI GOVERNO RENZI «TAVOLO 2: SICUREZZA E IMMIGRAZIONE»

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Madre Gerarda. Superiore Generale

Madre Gerarda. Superiore Generale un ricordo affettuoso ed indimenticabile va alla nostra amatissima Fondatrice, Madre Flora Pallotta, che per prima ha saputo accogliere, vivere e trasmettere il carisma che il Signore le ha donato Madre

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli